Lezioni del 7 e 9 novembre. Antropologia interpretativa/traduzione di culture

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezioni del 7 e 9 novembre. Antropologia interpretativa/traduzione di culture"

Transcript

1 Lezioni del 7 e 9 novembre. Antropologia interpretativa/traduzione di culture RIEPILOGO. - L ANTROPOLOGIA INTERPRETATIVA DI CLIFFORD GEERTZ: IL CONTESTO STORICO-CULTURALE - LA FONDAZIONE PALEOANTROPOLOGICA DELLA DIFFERENZA - LA CULTURA COME TESTO - COINCIDENZA DI ANTROPOLOGIA ED ETNOGRAFIA - CONCETTI VICINI E CONCETTI LONTANI DALL ESPERIENZA - LA SCRITTURA ETNOGRAFICA - TRADUZIONE DI CULTURE: IL MULTICULTURALISMO 1. Contesto. A partire dalla fine degli anni sessanta si afferma negli Stati Uniti una corrente antropologica che si concentra sul problema della possibilità della conoscibilità dei singoli fenomeni culturali e della loro traduzione. Il suo maggior esponente Clifford Geertz (n. nel 1926), allievo di Clyde Kluckhohn e Talcot Parson, a Harvard, impegnato in numerose ricerche tra le società islamiche - in Indonesia e in Marocco - elabora, in un testo del 1973, The Interpretation of Cultures, una critica radicale del lavoro etnografico. I riferimenti sono: - l impostazione particolaristica sviluppatasi in america agli inizi del 900 con Franz Boas - la filosofia ermeneutica di Gadamer e Ricoeur, e il modello interpretativo in scienze umane. 2. Autori e opere. CLIFFORD GEERTZ (1926) Interpretazione di culture, 1973 Antropologia interpretativa, 1983 Opere e vite L antropologo come autore, 1988 Oltre i fatti. Due paesi, quattro decenni, un antropologo, 1995 Mondo globale, mondi locali, Geertz parla di fondazione paleoantropologica della differenza: La cultura interviene ben prima che l evoluzione biologica abbia condotto l uomo ad essere quello che è. L uomo è quello che è in quanto la sua evoluzione biologica ha ospitato in sé l evoluzione culturale. Evoluzione biologica ed evoluzione culturale si sono influenzate a vicenda. L aver interiorizzato il concetto di cultura nell evoluzione biologica comporta alcune conseguenze: cultura è indispensabile/condivisa/variabile/precaria e mutevole - la cultura e come un testo che l antropologo si sforza di leggere sopra le spalle di quelli a cui appartiene di diritto Pensare la cultura come un testo, significa mettere in primo piano il problema del significato. Il punto di vista del nativo - Se volete capire che cosa è una scienza, non dovete considerare anzitutto le sue teorie e le sue scoperte (e comunque non quello che ne dicono i suoi apologeti): dovete guardare cosa fanno coloro che la praticano. Nell antropologia, o per lo meno nell antropologia sociale,

2 coloro che la praticano fanno dell etnografia. La ricerca antropologica deve essere ricerca di dati concreti in luoghi concreti (un rituale funebre a Giava, il combattimento dei galli a Bali). - Lo scopo è quello di scoprire i significati che gli attori sociali conferiscono alle loro azioni. per fare questo -per vedere le cose dal punto di vista del nativo - è necessario un continuo gioco di rimandi,attentamente controllato, tra concetti lontani dall esperienza e concetti vicini all esperienza, cioè tra le idee dei nativi e le idee occidentali. Lettura a pag del manuale di storia dell antropologia - L antropologia interpretativa problematizza il momento della scrittura etnografica. Geertz è perfettamente cosciente della distinzione che esiste tra la cultura (vissuta) e il testo (scritto), e ritiene che questo problema debba essere affrontato come problema di qualità della scrittura etnografica. 3. Bilanci. L antropologia interpretativa, considerando l altro come un testo, gli riconosce una lingua e un significato proprio e al tempo stesso riconosce all antropologo una possibilità di comprensione, basata sull elaborazione di particolari tecniche di lettura. Tuttavia, sembra dimenticare il problema della difficoltà della traduzione e il fatto che non sempre le culture si possono leggere come un testo. Gli è stato rimproverato anche un certo appiattimento etnografico, un arenarsi nei particolari, che può sfociare in una specie di delirio interpretativo, che non consente all antropologo di uscire dalla trappola dei significati che lui stesso ha contribuito a creare. L antropologia interpretativa ha avuto vasto seguito negli anni settanta: il movimento verso il significato scrisse Geertz, si è dimostrato una vera rivoluzione. Sulla scia di Geertz si collocano l antropologia dialogica e la corrente critica postmodernista e decostruzionista.

3 4. Traduzione di culture/multiculturalismo. A. MULTICULTURALISMO : -DATO DI FATTO: PRESENZA DI INDIVIDUI APPARTENENTI A CULTURE DIVERSE NELLO STESSO AMBITO SOCIALE - DATO INTELLETTUALE: RIFLESSIONE TEORICO-CRITICA SULLE CONDIZIONI DI POSSIBILITÀ E SULLE MODALITÀ PRATICHE DI QUESTA CONVIVENZA -DATO POLITICO: DECISIONI POLITICO-ISTITUZIONALI IN MATERIA CULTURALE I TRE DATI INTERAGISCONO IN VARIO MODO DETERMINANDO UNA SITUAZIONE COMPLESSA. B. IL MULTICULTURALISMO COME PROBLEMA: - NEGAZIONE DEL VALORE DELLE DIFFERENZE: NON SONO UN VALORE (PIANO ASSIOLOGICO) - NEGAZIONE DELLA POSSIBILITÀ DI CONOSCERLE: NON POSSO CONOSCERLE NÉ COMUNICARE REALMENTE CON ESSE (PIANO EPISTEMOLOGICO) PROSPETTIVA ETNOCENTRICO/RAZZISTA/XENOFOBA (1) RELATIVISMO CULTURALE ESTREMO (2) DIFESA DELLA PROPRIA IDENTITA Vs OMOLOGAZIONE (3)

4 (1) "Perché vogliamo farlo questo discorso su ciò che tu chiami Contrasto-fra-le-Due-Culture? Bè, se vuoi proprio saperlo, a me dà fastidio perfino parlare di due culture: metterle sullo stesso piano come se fossero due realtà parallele, di uguale peso e di uguale misura. [...] E poi dietro la nostra civiltà c'è il Rinascimento. C'è Leonardo da Vinci, c'è Michelangelo, c'è Raffaello, c'è la musica di Bach e di Mozart e di Beethoven. Su su fino a Rossini e Donizetti e Verdi and Company. Quella musica senza la quale noi non sappiamo vivere e che nella loro cultura o supposta cultura è proibita. Guai se fischi una canzonetta o mugoli il coro del Nabucco. E infine c'è la Scienza, perdio. Una scienza che ha capito parecchie malattie e le cura. Io sono ancora viva, per ora, grazie alla nostra scienza: non quella di Maometto. Una scienza che ha inventato macchine meravigliose. Il treno, l'automobile, l'aereo, le astronavi con cui siamo andati sulla Luna e su Marte e presto andremo chissàddove. Una scienza che ha cambiato la faccia di questo pianeta con l'elettricità, la radio, il telefono, la televisione, [...] Ed ora ecco la fatale domanda: dietro all'altra cultura che c'è? Boh! Cerca cerca, io non ci trovo che Maometto col suo Corano e Averroè coi suoi meriti di studioso." [A Firenze si trovano] gli altri arrogantissimi ospiti della città: gli albanesi, i sudanesi, i bengalesi, i tunisini, gli algerini, i pakistani, i nigeriani che con tanto fervore contribuiscono al commercio della droga e della prostituzione a quanto pare non proibito dal Corano. Eh, sì: sono tutti dov'erano prima che il mio poliziotto togliesse la tenda. Dentro il piazzale degli Uffizi, ai piedi della Torre di Giotto. Dinanzi alla Loggia dell'orcagna, intorno alle Logge del Porcellino. Di faccia alla Biblioteca Nazionale, all'entrata dei musei. Sul Ponte Vecchio dove ogni tanto si pigliano a coltellate o a revolverate. Sui Lungarni dove hanno preteso e ottenuto che il Municipio li finanziasse (Sissignori, li finanziasse). Sul sagrato della Chiesa di San Lorenzo dove si ubriacano col vino e la birra e i liquori, razza di ipocriti, e dove dicono oscenità alle donne." "Guai se un Vigile Urbano gli si avvicina, azzarda: "Signor figlio di Allah, Eccellenza, le dispiacerebbe spostarsi un capellino e lasciar passare la gente?". Se lo mangiano vivo. Lo aggrediscono col coltello. Come minimo, gli insultano la mamma e la progenie. "Razzista, razzista!". E la gente sopporta, rassegnata." Oriana Fallaci, La rabbia e l orgoglio, Il Corriere della sera, 29 settembre 2001

5 (2) Quanta ipocrisia sull infibulazione Non era mai accaduto, almeno in Italia, che su un tema come l'infibulazione si scatenasse una bagarre di così grandi dimensioni. Per anni denunce di qualche giornale o campagne di programmi radiofonici, come "Zapping", hanno incontrato reazioni tiepide, se non di indifferenza, nei media, nei partiti, nelle istituzioni, nella stessa opinione pubblica. In fondo, si diceva, quelle 50 mila donne infibulate, che vivono nel nostro paese, e quei 6000 interventi sulle bambine, eseguite da mammane e praticone, sembrava non interessasse nessuno. «Del resto, quelle donne -diceva qualche femminista -sono un mondo a parte e bisogna rispettare le loro culture». Il Resto del Carlino, 31/01/2004

6 (3) Il testo della Costituzione europea - PREAMBOLO ISPIRANDOSI alle eredità culturali, religiose e umanistiche dell'europa, da cui si sono sviluppati i valori universali dei diritti inviolabili e inalienabili della persona, della libertà, della democrazia, dell'uguaglianza, e dello Stato di diritto; CONVINTI che l'europa, ormai riunificata dopo esperienze dolorose, intende avanzare sulla via della civiltà, del progresso e della prosperità per il bene di tutti i suoi abitanti, compresi i più deboli e bisognosi; che vuole restare un continente aperto alla cultura, al sapere e al progresso sociale; che desidera approfondire il carattere democratico e trasparente della vita pubblica e operare a favore della pace, della giustizia e della solidarietà nel mondo; PERSUASI che i popoli d'europa, pur restando fieri della loro identità e della loro storia nazionale, sono decisi a superare le antiche divisioni e, uniti in modo sempre più stretto, a forgiare il loro comune destino; CERTI che, "Unita nella diversità", l'europa offre ai suoi popoli le migliori possibilità di proseguire, nel rispetto dei diritti di ciascuno e nella consapevolezza delle loro responsabilità nei confronti delle generazioni future e della Terra, la grande avventura che fa di essa uno spazio privilegiato della speranza umana; RISOLUTI a proseguire l'opera compiuta nel quadro dei trattati che istituiscono le Comunità europee e del trattato sull'unione europea, assicurando la continuità dell'acquis comunitario; RICONOSCENTI ai membri della Convenzione europea di aver elaborato il progetto della presente Costituzione a nome dei cittadini e degli Stati d'europa,(segue elenco dei firmatari)

7 C. MULTICULTURALISMO COME RICCHEZZA: - AFFERMAZIONE DEL VALORE DELLE DIFFERENZE: SONO UN VALORE IN SE (PIANO ASSIOLOGICO) - AFFERMAZIONE DELLA MIA POSSIBILITÀ DI CONOSCERLE: POSSO CONOSCERLE E TROVARE UN MODO DI COMUNICARE CON ESSE (PIANO EPISTEMOLOGICO) TUTELA DELLA DIFFERENZA (4) CREOLIZZAZIONE (5) VALORIZZAZIONE/ENFATIZZAZIONE DELLA DIFFERENZA (6)

8 (4) Museo delle feste e delle tradizioni campane Quello che rende questo museo particolarmente interessante è il fatto che la regione Campania ha conservato un patrimonio festivo molto ricco e molto vario, come risulta anche osservando i nostri reperti, cioè gli oggetti qui esposti. Conservare la documentazione sulle feste vuol dire anche conservare e tutelare gli oggetti che in queste vengono usati, oggetti che servono ad esprimere devozione, come sono gli ex voto, i costumi rituali. Un elemento che va messo in evidenza nell'inaugurare un museo come questo è che parlare di tradizioni popolari, tutelarne il ricordo, conservarne e difenderne le testimonianze materiali, non è solo qualcosa che risponde a una curiosità momentanea. Significa difendere un patrimonio locale che sempre più diventa una memoria per il territorio e in quanto memoria costituisce pure una risorsa. (15 Luglio 2005 )

9 (5) Azienda sanitaria di Firenze- Centro di medicina tradizionale cinese Dal 6 ottobre 1995, è nato il centro di medicina tradizionale cinese dell Azienda Sanitaria di Firenze, rivolto a adulti e bambini italiani e stranieri con particolare attenzione alla popolazione cinese.fior di Prugna rappresenta, a livello europeo, un esempio unico nel suo genere per le caratteristiche seguenti: opera in maniera interdisciplinare, utilizza tutte le tecniche della medicina cinese in maniera integrata con le procedure terapeutiche della medicina occidentale. Questa scelta nasce dalla volontà di dare una risposta nel pubblico a chi saltuariamente o costantemente si fa curare da questa medicina ma anche per fornire una occasione alla popolazione cinese di potersi curare secondo la loro tradizione valorizzando le diverse identità, favorendo i rapporti di reciprocità e permettendo il confronto, lo scambio e l'integrazione di modelli culturali diversi anche sulle tematiche della salute. La possibilità di curare la popolazione cinese è facilitata anche dalla presenza di una mediatrice culturale di madrelingua cinese. Un altro ambizioso obiettivo è quello di utilizzare la medicina cinese come avamposto di sperimentazione e di creolizzazione di diverse medicine: il personale sanitario ha infatti effettuato un "normale" percorso formativo in medicina occidentale ed ha poi conseguito diplomi ed esperienze in medicina cinese, considerando le due culture sanitarie non alternative e competitive, ma strumenti complementari e integrati per la diagnosi e la terapia.

10 (6) La Spezia - Alla supplente di italiano, era sembrato un bel gesto, il trionfo della correttezza politica. Togliere il crocifisso dall'aula, per non turbare la sensibilità di uno studente musulmano di 14 anni La piccola guerra del crocifisso è cominciata lunedì mattina in una scuola media di Melara, alla periferia di La Spezia. In una classe prima è arrivato un ragazzo rom, da poco in città con la famiglia. I servizi sociali del Comune si erano accorti che non andava a scuola ed erano riusciti a convincere i genitori a fargliela frequentare. In classe lo studente ha trovato 29 compagni e una giovane supplente annuale di lettere. Questa, seguendo le indicazioni della scuola, ha subito avviato quella che viene definita «attività di accoglienza». Al ragazzino rom è stato chiesto di par lare di sé. Quando è emerso che era musulmano, la professoressa si è messa a parlare di tolleranza. Poi, pensando di dare un esempio di convivenza, ha tolto il crocifisso appeso sopra la cattedra. I compagni di classe appena tornati a casa hanno raccontato il fatto ai genitori, che hanno cominciato a telefonare alla scuola protestando. Il corriere della sera, 31 ottobre 2001

11 - NON È UN VALORE E/O NON POSSO CONOSCERLA + È UN VALORE E/O POSSO CONOSCERLA ETNOCENTRISMO/RAZZISMO/XENOFOBIA ENFATIZZAZIONE DEL VALORE DELLA DIFFERENZA COME RICCHEZZA RAZZISMO DEBIOLOGIZZATO O DIFFERENZIALISTA TUTELA DELLE MINORANZE DIFESA DELL IDENTITÀ CULTURALE CONTRO LE FORZE GLOBALIZZANTI CREOLIZZAZIONE

12 D. ENTRAMBE LE PROSPETTIVE DI APPROCCIO ALLA MULTICULTURA, SIA DI SEGNO NEGATIVO, DI RIFIUTO, SIA DI SEGNO POSITIVO, DI VALORIZZAZIONE, NON SONO SODDISFANCENTI. ENTRAMBE NON FANNO ALTRO CHE REIFICARE LA CULTURA, CIOÈ TRASFORMARLA IN OGGETTO, CONGELARLA. NE ESAGERANO L IMPORTANZA E IN QUESTO MODO FINISCONO PER CREARE DELLE DIFFERENZE NEL MOMENTO IN CUI LE SOTTOLINEANO. IL PROBLEMA È CAPIRE FINO A CHE PUNTO E UTILE SOTTOLINEARE/ENFATIZZARE IL RUOLO DELLA CULTURA NELLE INTERAZIONI E NEI CONFITTI.

13 D.1. FINZIONE DELL OMOGENEITÀ CULTURALE. LE DIFFERENZE CULTURALI OPERANO NELLE SOCIETÀ E NON SOLAMENTE TRA LE SOCIETÀ: ESISTE UNA DISTRIBUZIONE SOCIALE DEI SIGNIFICATI: C È MULTICULTURA IN OGNI CULTURA PRIMA DEL MULTICULTURALISMO C È MULTICULTURALISMO IN OGNUNO DI NOI: LE IDENTITÀ DELLA MAGGIORANZA DELLE PERSONE SONO PLASMATE DA PIÙ DI UNA SINGOLA CULTURA. NON SONO SOLO LE SOCIETÀ, MA ANCHE LE PERSONE AD ESSERE MULTICULTURALI.

14 D. 2.IL MULTICULTURALISMO CONGELA LE CULTURE. FAVORISCE L IDEA CHE ESISTANO CULTURE STABILI NEL TEMPO E CHE LE PERSONE CHE VI APPARTENGONO ABBIANO UNA IDENTITÀ CONGELATA, SEMPRE UGUALE A SE STESSA. Abbiamo la tendenza a considerare lo straniero presente nel nostro paese come la stessa persona che era prima di partire, nel suo paese.. Bene, non è così. L atto stesso del migrare, l entrare in contatto con un mondo nuovo, al quale è giocoforza adattarsi, modifica la persona, trasforma il modo con cui essa vede se stessa, in una parola la sua identità (Marco Mazzetti, 2003)

15 D. 3. IL MULTICULTURALISMO NASCONDE LA VERA NATURA DEI CONFLITTI: I CONFLITTI CULTURALI - IL COSIDDETTO SCONTRO DI CIVILTÀ - SPESSO SONO CONFLITTI DI VARIO GENERE MASCHERATI. NELLA SECONDA METÀ DEL IN RELAZIONE AD UNA SERIE DI TRASFORMAZIONI DELLA POLITICA E NELL ECONOMIA MONDIALE - SI È ASSISTITO AD UN LENTO SPOSTAMENTO DELLE RIVENDICAZIONI - QUINDI DEL DIBATTITO - DALLA DIFFERENZA DI CLASSE SOCIALE (LA LOTTA DI CLASSE) ALLE RIVENDICAZIONI IDENTITARIE (DIFFERENZA CULTURALE). MA LO SCOPO RESTA LO STESSO: L ACCESSO ALLE RISORSE MATERIALI E SIMBOLICHE.

16 E. MA ALLORA SE: OGNI CULTURA È GIÀ IN SÉ ETEROGENEA A INCONTRARSI SONO UOMINI CON UNA IDENTITÀ MOBILE (DISIDENTITA ) E NON CULTURE LE RIVENDICAZIONI CULTURALI NASCONDONO SOTTO FALSO NOME ALTRE RIVENDICAZIONI, ALLORA, LA CULTURA NON ESISTE? NO, ESISTE. MA PERCHÉ NON DIVENTI UN CONCETTO INUTILE E DEPISTANTE BISOGNA: 1. CAPIRE QUAL È LA REALE RADICE DEI CONFLITTI. CONTESTUALIZZARE. 2. NON CONFONDERE UNA REALTÀ IN EVOLUZIONE CON UNO SCHEMA CONCETTUALE CHE LA DESCRIVE.

17 Bibliografia essenziale Geertz, C., Interpretazione di culture, Il Mulino, Bologna, 1983 Geertz, C., Antropologia interpretativa, Il Mulino,Bologna, 1988 Ghiozzi, Le teorie della razza nell età moderna, Loesher, Torino, 1986 Ugo Fabietti, Identità etnica. Storia e critica di un concetto equivoco, Carocci, Roma, 1994 Alesando del Lago, Lo straniero, il nemico, Costa e Nolan, 1985 Taguieff, La forza del pregiudizio. Saggio sul razzismo e sull antirazzismo, Il Mulino, Bologna 1994 Claude Lévi- Strass, Razza e storia. Razza e cultura, Torino, Einaudi, 2002 Ernesto De Martino, La fine del mondo, Einaudi, Torino, 2002 Walzer Taylor, Multiculturalismo. La politica del riconoscimento, Anabasi, Milano, 1993 James Clifford, I frutti puri impazziscono, Bollati Boringhieri, Torino, 1993 Fabietti Ugo, Il traffico della culture in Fabietti, Matera, Malighetti, Dal tribale al globale, Milano, Bruno Mondadori, 2002 Francesca Gobbo, Pedagogia interculturale. Il progetto educativo nelle società complesse, Carocci, Roma, 2000 Ulf Hannerz, La complessità culturale, Il Mulino, Bologna, 1998 Marc Augé, Un etnologo nel metrò, Eleuthera, Milano, 1992 Marco Aime, Eccessi di culture, Enaudi, Torino, 2003 Marco Mazzetti, Dialogo transculturale. Manuale per operatori sanitari e altre professioni di aiuto, Carocci, Roma, 2003 Michael Wieviorka, La differenza culturale. Una prospettiva sociologica, Laterza, Roma, 2002 Riferimenti ai testi in programma. Ugo Fabietti, Storia dell antropologia, cap.22 e relative letture

BIBLIOGRAFIA. BARBIERI G., CANIGIANI F., CASSI L., Geografia e ambiente. I. grandi problemi del mondo attuale, Utet Libreria, Torino 1991.

BIBLIOGRAFIA. BARBIERI G., CANIGIANI F., CASSI L., Geografia e ambiente. I. grandi problemi del mondo attuale, Utet Libreria, Torino 1991. Scuola e culture. Materiali di antropologia della mediazione scolastica Fabrizio Magnani, Immagine dell'altro e strategie identitarie nei libri di testo per le scuole elementari Tesi di laurea Università

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

Etnocentrismo e relativismo culturale. Lezione

Etnocentrismo e relativismo culturale. Lezione Etnocentrismo e relativismo culturale Lezione ETNOCENTRISMO ETNOCENTRISMO È IL TERMINE TECNICO CHE DESIGNA UNA CONCEZIONE PER LA QUALE IL PROPRIO GRUPPO (IN-GROUP) È CONSIDERATO IL CENTRO DI OGNI COSA,

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Delibera N. del Settembre 2012 del Collegio dei Docenti Pagg. N.13

Delibera N. del Settembre 2012 del Collegio dei Docenti Pagg. N.13 Scuola paritaria dell Infanzia e Primaria Parificata Caterina Troiani Via Sbarre Centrali, 71 89133 Reggio Calabria Tel/Fax: 0965 57496 e-mail: istsuore_caterinatroiani@tin.it Anno scolastico 2012/2013

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

Storie di migranti a fumetti.

Storie di migranti a fumetti. Storie di migranti a fumetti. Il fumetto nelle scuole come strumento di sensibilizzazione e informazione per la diffusione dei contributi positivi dell immigrazione Settembre 2005 UN FUMETTO ALLA SCOPERTA

Dettagli

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene.

Abbiamo cercato di costruire una rete significativa di riferimenti con il mondo al quale la nostra scuola appartiene. Tracce d opera Esserci insieme Scuola d Infanzia comunale Marc Chagall di Via Cecchi, 2 in collaborazione con la Redazione del Centro Multimediale di Documentazione Pedagogica della Città di Torino Introduzione

Dettagli

Programmazione Asse storico sociale STORIA

Programmazione Asse storico sociale STORIA Programmazione Asse storico sociale STORIA Competenze specifiche da raggiungere Al termine del percorso quinquennale di istruzione tecnica lo studente deve essere in grado di: 1. collocare le scoperte

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA Il Cammino Della Musica a cura di Andrea Zuin www.ilcamminodellamusica.it Mentre camminavo per l America Latina in cerca di musica (vedi la pagina web), ho conosciuto

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

La mediazione interlinguistica ed interculturale nel contesto sanitario

La mediazione interlinguistica ed interculturale nel contesto sanitario DOTTORATO DI RICERCA IN ANTROPOLOGIA E STORIA DEL MONDO MODERNO E CONTEMPORANEO XIX CICLO Sede Amministrativa Università degli Studi di MODENA e REGGIO EMILIA TESI PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE

Dettagli

PEDAGOGIA SPERIMENTALE

PEDAGOGIA SPERIMENTALE INSEGNAMENTO DI PEDAGOGIA SPERIMENTALE LEZIONE VII LA RICERCA-AZIONE PROF. LUCIANO GALLIANI Indice 1 La definizione della ricerca-azione e le sette caratteristiche distintive individuate da J.P. Pourtois...3

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

Diritti umani e giornalismo partecipativo

Diritti umani e giornalismo partecipativo Corso Diritti Umani e Giornalismo Partecipativo Diritti umani e giornalismo partecipativo La comunicazione umanitaria Corso specialistico rivolto agli studenti del triennio a cura di Il corso si propone

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1

MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO LIVELLO A1 ANNO ACCADEMICO 2013-2014 COGNOME NOME MATRICOLA SCUOLA NAZIONALITA 14 LUGLIO 2014 - TEST D ITALIANO TEMPO MASSIMO PER LA CONSEGNA DELLA PROVA: 90 MINUTI 1.Inserisci gli articoli determinativi corretti.

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

VESTIRE GLI ITALIANI

VESTIRE GLI ITALIANI CANTIERI DI STORIA VI La storia contemporanea in Italia oggi: ricerche e tendenze Forlì 22-24 settembre 2011 www.sissco.it VESTIRE GLI ITALIANI Coordinatrice Emanuela Scarpellini, Università degli Studi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. FRANCESCO SAVERIO NITTI di NAPOLI

PROTOCOLLO D INTESA. tra ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. FRANCESCO SAVERIO NITTI di NAPOLI Prot. 5594/D1l PROTOCOLLO D INTESA tra ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE di NAPOLI e L ASSEMPLEA PARLAMENTARE DEL MEDITERRANEO con sede a MALTA 1 PROTOCOLLO D INTESA tra ISTITUTO DI ISTRUZIONE

Dettagli

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3)

TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO A2 (Elementare 3) 1. Completa il testo con gli articoli e le desinenze dei nomi e degli aggettivi. Le tendenze alimentari italiane. Quali sono le mode alimentari

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola.

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola. INTERCULTURA accoglienza, inclusione, educazione e didattica interculturale Corsi di formazione per dirigenti scolastici, insegnanti, personale non docente e operatori sociali che collaborano con le scuole

Dettagli

La vita quotidiana. Le Schede:

La vita quotidiana. Le Schede: Civiltà La vita Italia quotidiana Le Schede: 1 La scuola italiana 2 A scuola con gli immigrati 3 Il giovane volontario 4 Il giovane consumatore 5 Il giovane lettore 6 I giovani innamorati 7 I ragazzi e

Dettagli

a cura di Luisa Cortelli

a cura di Luisa Cortelli a cura di Luisa Cortelli La nostra società (e anche la scuola) si è trovata ad affrontare e gestire il fenomeno dell immigrazione che ha interessato i Paesi del nord Europa negli anni 70. Si è constatato

Dettagli

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010

CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 CENTRI RICREATIVI ESTIVI COMUNALI CALDOGNO 2010 PROGETTO EDUCATIVO PREMESSA I centri estivi, che proponiamo e realizziamo, oltre a prevedere l aspetto ludico ricreativo, vogliono essere anche un occasione

Dettagli

Meeting 1000 giovani per la pace PaceLavoroFuturo

Meeting 1000 giovani per la pace PaceLavoroFuturo 150 anniversario dell Unità d Italia * 50 anniversario della Marcia per la pace Perugia-Assisi * 2010-2011 Anno Internazionale dei Giovani * 2011 Anno Europeo del Volontariato * nell ambito dell insegnamento

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica.

Il nostro Ludobus sostiene e promuove i Progetti Nati per Leggere e Nati per la Musica. CHI SIAMO Melarancia è una cooperativa sociale di tipo A nata nel 1991 che opera nella provincia di Pordenone. E composta da un gruppo di tecnici dell educazione che si occupa di servizi all infanzia:

Dettagli

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012

1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 1. Corso istituzionale di Formazione politica 2012 Descrizione del progetto L Istituto di Formazione Politica Pedro Arrupe Centro Studi Sociali è per tradizione e per vocazione impegnato nella promozione

Dettagli

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA

IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA IL CONTRASTO AL CRIMINE ORGANIZZATO ATTRAVERSO LA UTILIZZAZIONE DEI MASS MEDIA *********** 1. Premessa sulla sociologia dei media. Si dice comunemente che viviamo in una società della informazione. Una

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno di Anna Lindh Foundation www.euromedalex.org Acting

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!!

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!! UNANUOVACARTAD'IDENTITÀPERLARAI CONCORSONAZIONALERIVOLTOAGLISTUDENTI DELLESCUOLEMEDIEEDELLEUNIVERSITA INCOLLABORAZIONECON MINISTERODELL'ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀERICERCA CONILPATROCINODI EUROPEANBROADCASTINGUNION(EBU)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA Anno scolastico 2014-2015 Seconda classe FINALITA' GENERALI 1) Forte legame con la storia 2) Sviluppare la capacità di comprendere le relazioni che intercorrono tra le caratteristiche

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

LaRepubblica.it 24/09/2010

LaRepubblica.it 24/09/2010 LaRepubblica.it 24/09/2010 La scuola che vorrei Vizi e virtù delle nostre classi L indagine di Milano- Bicocca con la fondazione Intercultura ha prodotto tre tabelle basate sui risultati della ricerca

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

Aspetti pastorali de a tossicodipendenza

Aspetti pastorali de a tossicodipendenza Aspetti pastorali de a tossicodipendenza Si pubblica, per documentazione, la Nota preparata congiuntamente dalla Consulta Nazionale per la Pastorale della Sanità e della Consulta Ecclesiale delle Opere

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. riconoscimento di una struttura privata da parte di istituzioni pubbliche

Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. riconoscimento di una struttura privata da parte di istituzioni pubbliche Unità 4 Mediazione In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti che riguardano la figura del mediatore linguistico-culturale parole relative all'ambito della mediazione culturale l uso di alcune

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

La critica: rivista di letteratura, storia e filosofia diretta da Benedetto Croce. Napoli, Direzione della "Critica", 1903-1944

La critica: rivista di letteratura, storia e filosofia diretta da Benedetto Croce. Napoli, Direzione della Critica, 1903-1944 BENEDETTO CROCE E I SUOI CONTEMPORANEI Percorso bibliografico nelle collezioni della Biblioteca del Senato I testi sono elencati in ordine cronologico crescente La critica: rivista di letteratura, storia

Dettagli

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo.

Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione del mondo. Mirko Bradley Geocultura e geopolitica del Mediterraneo. Il Mare Nostrum nell'epoca dell'americanizzazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Scienze per la pace 35

Scienze per la pace 35 Scienze per la pace 35 La collana Scienze per la pace raccoglie testi e ricerche elaborati nell ambito dell attività del Centro interdisciplinare Scienze per la pace dell Università di Pisa. L inserimento

Dettagli

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.)

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) Chi siamo? È questa la tua scuola? La nostra scuola c è dal 1870. Prima come Istituto Magistrale, poi

Dettagli

Rassegna stampa - IFOA

Rassegna stampa - IFOA Rassegna stampa - IFOA Rassegna dal 01/06/2014 al 30/06/2014 INDICE IFOA 28/06/2014 QN - Il Resto del Carlino - Reggio Emilia CENTRO MALAGUZZI Laboratori stile Reggio Children per allievi Ifoa 28/06/2014

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn)

Liceo Russell. Investire in cultura conviene. Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Liceo Russell. Investire in cultura conviene Liceo Bertrand Russell Via IV Novembre 35 Cles (Tn) Il profilo e l identità culturale del liceo contemporaneo rispondono alle esigenze di un presente sempre

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Il matrimonio è mio e lo gestisco io"

Il matrimonio è mio e lo gestisco io Il matrimonio è mio e lo gestisco io" Il matrimonio è mio e lo gestisco io IL NOSTRO TEAM Il Team" di questo progetto è costituito da una sola ragazza, cittadina italiana ma di origini latino americane.

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione

Carta dei. Valori PREMESSA. La Carta dei Valori rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione PREMESSA La rappresenta la sintesi dei principi e dei valori su cui si fonda l associazione Bhalobasa. Nel perseguire questo nucleo di valori, la Carta individua le responsabilità e ispira i comportamenti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica

Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda. Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Scuole dell'infanzia Istituto Comprensivo Romeo Fusari Castiglione d'adda Progettazione educativo- didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2013-2014 Premessa Insegnare religione cattolica nella

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione

Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione Carta dei valori della cittadinanza e dell'integrazione Edizione plurilingue a cura di Studio immigrazione sas Distribuita da ImmigrazioneOggi/videoweb in maggio 2007 1 PRESENTAZIONE La Carta dei valori

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

29 EDIZIONE 15-18 OTTOBRE 2015

29 EDIZIONE 15-18 OTTOBRE 2015 BOZZA a 29 EDIZIONE 15-18 OTTOBRE 2015 Napoli Piazza del Plebiscito e altri luoghi della città FUTURO REMOTO 2015 UN VIAGGIO TRA SCIENZA E FANTASCIENZA UN APPUNTAMENTO IMPERDIBILE Futuro Remoto è la prima

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

La discriminazione di genere

La discriminazione di genere La discriminazione di genere INSEGNANTE: GRAZIELLA FAVA SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO PINOCCHIO MONTESICURO ANCONA Classe: II B N. ALUNNI: 25 SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO PINOCCHIO Disciplina: Italiano TITOLO:

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli