IMPIANTO TERMICO 1. APPARTAMENTO APPARTAMENTO APPARTAMENTO APPARTAMENTO 2.3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTO TERMICO 1. APPARTAMENTO 1.1 2. APPARTAMENTO 2.1 3. APPARTAMENTO 2.2 4. APPARTAMENTO 2.3"

Transcript

1

2 LAVORI DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DEGLI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VICOLO OBERDAN DA DESTINARE ALLA LOCAZIONE PRIMARIA A CANONE CONCERTATO (Legge 431/1998) IMPIANTO TERMICO 1. DATI GENERALI DI PROGETTO L impianto termico sarà realizzato ai sensi della legge sul risparmio energetico, l ultima legge n 192 del 2005 e successive modifiche ed integrazioni. L impianto è di tipo autonomo per ogni unità immobiliare, dimensionato e progettato in funzione della richiesta di energia termica per ogni singola unità abitativa di seguito meglio elencate: 1. APPARTAMENTO APPARTAMENTO APPARTAMENTO APPARTAMENTO 2.3 L impianto autonomo di ogni unità abitativa sarà costituito da riscaldamento tradizionale a corpi radianti a parete, del tipo in acciaio (il numero è variabile in funzione della potenzialità di ogni singolo impianto). Il generatore tradizionale per il riscaldamento e la produzione di acqua sanitaria, sarà del tipo murale a tiraggio forzato, con alimentazione a gas metano. L impianto di ogni singolo appartamento, completamente autonomo e indipendente, consisterà in una linea dorsale di uscita dalla caldaia, un collettore di distribuzione a parete tipo modul e una rete di distribuzione a pavimento per l allaccio dei singoli gruppi radianti da posizionare a parete. Tutto l impianto sarà realizzato interamente sottotraccia, con la sola esclusione della linea di adduzione del gas metano che sarà di tipo esterno fino al punto di fornitura alla caldaia e al rubinetto della cucina, munito di valvola di intercettazione all ingresso di ogni singola unità immobiliare. Per quanto riguarda le verifiche di cui alla vigente normativa in materia di rendimento energetico nell edilizia (D.L. 192/2005 e D.L. 311/2006) si fa riferimento alle relazioni di calcolo di ogni singolo appartamento con le relative verifiche. Il progetto in questione, trattando il restauro e risanamento conservativo di edifici esistenti, prevede l istallazione da nuovo dell intero impianto di riscaldamento di ogni singola nuova unità immobiliare, e pertanto ai sensi dell art. 3, comma 2, lettera c), numero 2, le verifiche di cui alle specifiche relazioni di calcolo allegate al progetto, sono limitate al calcolo del solo rendimento globale medio stagionale dell impianto termico, che deve risultare minore del valore limite riportato al punto 5 dell allegato C del D.L. 192/2005. Il calcolo termico è stato effettuato sulla scorta delle dispersioni aumentando i risultati di un fattore pari al 30% per tenere conto dell intermittenza di funzionamento. 1

3 LAVORI DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DEGLI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VICOLO OBERDAN DA DESTINARE ALLA LOCAZIONE PRIMARIA A CANONE CONCERTATO (Legge 431/1998) Di seguito si riportano i risultati termici ottenuti: Appartamento 1.1 RIEPILOGO DISPERSIONI Locale Volume Imp. Zona Vent. T. Ric. Trasm. Magg. Marg. VA Ventil. Recup. Totale m³ ( C) (n/h) (W) (W) (W) (W) (W) (W) (W) Cucina 25,4 A A 20,0 0, Soggiorno 52,0 A A 20,0 0, Camera singola 26,8 A A 20,0 0, Camera matrimonial 38,5 A A 20,0 0, Bagno 12,9 A A 20,0 0, Disimpegno 4,3 A A 20,0 0, Totali 159, Appartamento 2.1 RIEPILOGO DISPERSIONI Locale Volume Imp. Zona Vent. T. Ric. Trasm. Magg. Marg. VA Ventil. Recup. Totale m³ ( C) (n/h) (W) (W) (W) (W) (W) (W) (W) Cucina/Soggiorno 66,4 A A 20,0 0, bagno 15,3 A A 20,0 0, camera singola 27,4 A A 20,0 0, camera matrimoniale 42,2 A A 20,0 0, disimpegno 15,7 A A 20,0 0, Totali 167, Appartamento 2.2 RIEPILOGO DISPERSIONI Locale Volume Imp. Zona Vent. T. Ric. Trasm. Magg. Marg. VA Ventil. Recup. Totale m³ ( C) (n/h) (W) (W) (W) (W) (W) (W) (W) Cucicna/Soggiorno 64,1 A A 20,0 0, camera 39,3 A A 20,0 0, bagno 14,5 A A 20,0 0, disimpegno 5,4 A A 20,0 0, ripostiglio 3,6 A A 20,0 0, Totali 126,

4 LAVORI DI RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO DEGLI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VICOLO OBERDAN DA DESTINARE ALLA LOCAZIONE PRIMARIA A CANONE CONCERTATO (Legge 431/1998) Appartamento 2.3 RIEPILOGO DISPERSIONI Locale Volume Imp. Zona Vent. T. Ric. Trasm. Magg. Marg. VA Ventil. Recup. Totale m³ ( C) (n/h) (W) (W) (W) (W) (W) (W) (W) Soggiorno 31,4 A A 20,0 0, cucina 28,5 A A 20,0 0, bagno 11,3 A A 20,0 0, ripostiglio 5,5 A A 20,0 0, camera 35,0 A A 20,0 0, Totali 111,

5 Appartamento 1.1 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI Comune di: Montemarciano Provincia: ANCONA Progetto per la realizzazione di: Restauro e risanamento conservativo Sito in: Vicolo Oberdan Concessione edilizia n.: OPERA PUBBLICA ESTREMI APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO Classificazione dell'edificio in base alla categoria di cui all'articolo 3 del regolamento E.1(1) Residenza con carattere continuativo. Abitazioni civili e rurali,collegi,... Numero delle unità abitative: 1 Committente: Comune di Montemarciano Progettista degli impianti termici e dell'isolamento termico dell'edificio: Ing. Luciano Bolli Direttore degli impianti termici e dell'isolamento termico dell'edificio: Ing. Luciano Bolli [X] L'edificio (o il complesso di edifici) rientra tra quelli di proprietà pubblica o adibiti ad uso pubblico ai fini dell'articolo 5. comma 15, del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412 (utilizzo delle fonti rinnovabili di energia) e dell'allegato I, comma 14 del decreto legislativo. L intervento in questione ricade al comma 2 dell articolo 3, lettara c), numero 2, del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e pertanto, ai sensi del punto 3 dell allegato I al decreto legislativo 311 del 29 dicembre 2006, si procede al calcolo del rendimento medio stagionale dell impianto termico e che lo stesso risulti superiore al valore limite riportato al punto 5 dell allegato C al suddetto decreto. 2. FATTORI TIPOLOGICI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) [X] Piante di ciascun piano degli edifici con orientamento e indicazione d'uso prevalente dei singoli locali. [ ] Prospetti e sezioni degli edifici con evidenziazione di eventuali sistemi di protezione solare. [ ] Elaborati grafici relativi ad eventuali sistemi solari passivi specificatamente progettati per favorire lo sfruttamento degli apporti solari. 3. PARAMETRI CLIMATICI DELLA LOCALITA' Gradi giorno (della zona d'insediamento, determinati in base al regolamento) (GG) : 1826 Temperatura minima di progetto (dell'aria esterna secondo norma UNI 5364 e successivi aggiornamenti) ( C) : -2,00

6 4. DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) E DELLE RELATIVE STRUTTURE Impianto termico : A Impianto termico Volume delle parti di edificio abitabili o agibili al lordo delle strutture che li delimitano (V) (m³) : 267,00 Superficie esterna che delimita il volume (S) (m²) : 57,65 Rapporto S/V (1/m) : 0,22 Superficie utile dell'edificio (m²) : 60,41 Valore di progetto della temperatura interna ( C) : 20,00 Valore di progetto dell'umidità relativa interna (%) : 65,00 5. DATI RELATIVI ALL'IMPIANTO TERMICO 5.1 Impianti termici a) impianto logia: AUTONOMO Sistemi di generazione: CALDAIA TRADIZIONALE Sistemi di termoregolazione: CRONOTERMOSTATO AMBIENTALE Sistemi di contabilizzazione dell'energia termica: NESSUNO Sistemi di distribuzione del vettore termico: DISTRIBUZIONE CON TUBAZIONE IN RAME TIPO MODUL Sistemi di ventilazione forzata: ASPIRATORE NEL BAGNO SENZA FINESTRA Sistemi di accumulo termico: ASSENTE Sistemi di produzione e di distribuzione dell'acqua calda sanitaria: PRODUZIONE ISTANTANEA b) Specifiche dei generatori di energia Fluido termovettore: ACQUA Valore nominale della potenza termica utile kw 23,70 Rendimento termico utile (o di combustione per generatori ad aria calda) al 100% Pn Valore di progetto % Valore minimo prescritto dal regolamento % (se necessario) Rendimento termico utile al 30% Pn Valore di progetto % Valore minimo prescritto dal regolamento % ( se necessario)

7 Combustibile utilizzato: GAS METANO c) Specifiche relative ai sistemi di regolazione dell'impianto termico di conduzione prevista ( ) continua con attenuazione notturna (X) intermittente Regolatori climatici delle singole zone o unità immobiliari Numero di apparecchi: 1 sintetica delle funzioni: IMPOSTAZIONE GIORNALIERA ORARIA E SETTIMANALE Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: 2 d) Dispositivi per la contabilizzazione del calore nelle singole unità immobiliari (solo per impianti centralizzati) Numero di apparecchi: 0 e) Terminali di erogazione dell'energia termica Numero di apparecchi: 5 : ACCIAIO Potenza termica nominale: 2126 Watt f) Condotti di evacuazione dei prodotti della combustione e caratteristiche principali: LE CANNE FUMARIE SONO ESISTENTI E RISPONDENTI ALLA VIGENTE NORMATIVA g) Sistemi di trattamento dell'acqua (tipo di trattamento) NESSUNO h) Specifiche dell'isolamento termico della rete di distribuzione ISOLANTE IN POLIETILENE ESTRUSO, lambda= 0,035, spessore da norma vigente i) Specifiche della/e pompa/e di circolazione VEDERE SCHEDACALDAIA j) Impianti solari termici ASSENTI k) Schemi funzionali dell'impianto termico VEDERE TAVOLA GRAFICA N Impianti fotovoltaici ASSENTI 5.3 Altri impianti ASSENTI

8 6. PRINCIPALI RISULTATI DEI CALCOLI Impianto termico : A Impianto termico a) Involucro edilizio e ricambi d'aria Caratteristiche termiche, igrometriche e di massa superficiale dei componenti opachi dell'involucro edilizio Confronto con i valori limite riportati all'allegato C del decreto legislativo Vedi allegati alla presente relazione Caratteristiche termiche dei componenti finestrati dell'involucro edilizio Confronto con i valori limite riportati all'allegato C del decreto legislativo Classe di permeabilità all'aria dei serramenti esterni Vedi allegati alla presente relazione Valutazione dell'efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate: PRESENTA DISPERSIONI ESTERNE Attenuazione dei ponti termici: E STATA VALUTATA UNA PERCENTUALE DI MAGGIORAZIONE DEL 10% Trasmittanza termica (U) degli elementi divisori tra alloggi o unità immobiliari confinanti: VEDERE TABELLE ALLEGATE Confronto con il valore limite riportato al comma 10 dell'allegato I al decreto legislativo: NON OBBLIGATORIO Verifica termoigrometrica (Vedi allegati alla presente relazione) Numeri di ricambi d'aria (media nelle 24 ore): 0,30 Vol/h Portata d'aria di ricambio (G) solo nei casi di ventilazione meccanica controllata (m³/h): 2,5 Vol/h b) Valore dei rendimenti medi stagionali di progetto comune di montemarciano Rendimento di produzione (%) 96,35 Rendimento di regolazione (%) 92,00 Rendimento di distribuzione (%) 96,00 Rendimento di emissione (%) 94,00 Per acqua calda sanitaria: Rendimento di accumulo (%) 100,00 Rendimento di distribuzione (%) 94,00 Rendimento di erogazione (%) 95,00 Rendimento globale (%) 81,69 Rendimento globale limite (%) 79,12 c) Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale Metodo di calcolo utilizzato: UNI EN ISO UNI / UNI Valore di progetto (kwh/m²anno) 91,07 Confronto con il valore limite riportato all'allegato C del decreto legislativo (kwh/m²anno) 32,88 Fabbisogno di combustibile (kg o Nm³) 329 Fabbisogno di energia elettrica da rete (kwhe) 103 Fabbisogno di energia elettrica da produzione locale (kwhe) 0

9 d) Indice di prestazione energetica normalizzato per la climatizzazione invernale Valore di progetto (kj/m³gg) 39,15 e) Indice di prestazione energetica per la produzione di acqua calda sanitaria Fabbisogno di combustibile (kg o Nm³) 144 Fabbisogno di energia elettrica da rete (kwhe) 103 Fabbisogno di energia elettrica da produzione locale (kwhe) 0 f) Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria ASSENTI g) Impianti fotovoltaici ASSENTI 7. ELEMENTI SPECIFICI CHE MOTIVANO EVENTUALI DEROGHE A NORME FISSATE DALLA NORMATIVA VIGENTE NON SONO PRESENTI IMP. TERMICI SOLARI E FOTOVOLTAICI PERCHE ASSENTE IL DOCUMENTO ATTUATIVO AL D.LGS 311/06 E IMPOSSIBILE L ISTALLAZIONE. 8. VALUTAZIONI SPECIFICHE PER L'UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA RIFERIMENTO NORMATIVA VIGENTE 9. DOCUMENTAZIONE ALLEGATA (elenco indicativo) N. 11 ELABORATI GRAFICI ALLEGATI AL PORGETTO ESECUTIVO

10 CARATTERISTICHE TERMICHE DEL COMPONENTE FINESTRATO : FIN01 : FINESTRA 0.9x1.55 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato Serramento Ag Af + Ap Lg Kg Kf + Kp Kl Kw Singolo 0,94 0,45 7,04 3,0120 2,2000 0,0400 2,9520 Conduttanza superficiale interna W/m²K : 7,690 Conduttanza superficiale esterna W/m²K : 25,000 Resistenza termica totale m²k/w : 0,339 Trasmittanza totale W/m²K : 2,952 LEGENDA Ag Area del vetro Af Area del telaio Ap Area del pannello Lg Lunghezza della superficie vetrata Kg Trasmittanza termica dell'elemento vetrato W/m²K Kf Trasmittanza termica del telaio W/m²K Kp Trasmittanza termica del pannello W/m²K Kl Trasmittanza lineica (nulla in caso di singolo vetro) W/m²K Kw Trasmittanza termica totale del serramento W/m²K VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : FIN01 : FINESTRA 0.9x1.55 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Media delle temp. est. minime annuali C : 9 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Fattore di temperatura, frsi : 0,616 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,438 La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max <= frsi) Verifica: positiva

11 CARATTERISTICHE TERMICHE DEL COMPONENTE FINESTRATO : FIN05 : FINESTRA 0,9x1,20 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato Serramento Ag Af + Ap Lg Kg Kf + Kp Kl Kw Singolo 0,71 0,37 5,64 3,0120 2,1180 0,0400 2,9140 Conduttanza superficiale interna W/m²K : 7,690 Conduttanza superficiale esterna W/m²K : 25,000 Resistenza termica totale m²k/w : 0,343 Trasmittanza totale W/m²K : 2,914 LEGENDA Ag Area del vetro Af Area del telaio Ap Area del pannello Lg Lunghezza della superficie vetrata Kg Trasmittanza termica dell'elemento vetrato W/m²K Kf Trasmittanza termica del telaio W/m²K Kp Trasmittanza termica del pannello W/m²K Kl Trasmittanza lineica (nulla in caso di singolo vetro) W/m²K Kw Trasmittanza termica totale del serramento W/m²K VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : FIN05 : FINESTRA 0,9x1,20 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Media delle temp. est. minime annuali C : 0 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Fattore di temperatura, frsi : 0,621 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,636 La struttura è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max > frsi) Verifica: negativa

12 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : MUR01 : MURO ESTERNO 60 : VE Verticale verso l'esterno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, MUR04 Muratura in mattoni (interno) 0, ,432 0, ,00 24,00 1, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0,014 Resistenza superficiale interna 0,130 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,640 Resistenza termica totale m²k/w : 1,587 Trasmittanza termica totale W/m²K : 0,6300 Capacità termica areica kj/m² K : 61,010 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 800 / 720 / 400 ESTERNO INTERNO 1 2 3

13 : MUR01 : MURO ESTERNO 60 : VE Verticale verso l'esterno VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : 20 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Umidità relativa massima accettabile % : 65 PROPRIETA' DEI MATERIALI Materiale Spessore R Rv(µ) Sp.eq.(sd) m m²k/w m Resistenza superficiale estern 0,04 Intonaco di cemento 0,02 0, ,76 Muratura in mattoni (interno) 0,6 1, ,80 Intonaco di cemento 0,02 0, ,76 Resistenza superficiale intern 0,25 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Mese critico : NOVEMBRE Fattore di temperatura, frsi : 0,854 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,968 La struttura è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max > frsi) Verifica: negativa VERIFICA CONDENSAZIONE INTERSTIZIALE UNI EN ISO Non si verifica condensazione in nessuna interfaccia per nessun mese. La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. Verifica: positiva

14 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : PORT02 : PORTA IN LEGNO (est) : PORTA ESTERNA IN LEGNO : VE Verticale verso l'esterno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, LEG01 Abete (flusso perp. fibre) 0, ,120 2, ,30 0,90 0,500 Resistenza superficiale interna 0,130 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,060 Resistenza termica totale m²k/w : 0,670 Trasmittanza termica totale W/m²K : 1,4930 Capacità termica areica kj/m² K : 0,000 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 27 / 27 / 14 ESTERNO INTERNO 1

15 VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : PORT02 : PORTA IN LEGNO (est) : PORTA ESTERNA IN LEGNO : VE Verticale verso l'esterno CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Umidità relativa massima accettabile % : 70 PROPRIETA' DEI MATERIALI Materiale Spessore R Rv(µ) Sp.eq.(sd) m m²k/w m Resistenza superficiale estern 0,04 Abete (flusso perp. fibre) 0,06 0, ,50 Resistenza superficiale intern 0,25 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Mese critico : GENNAIO Fattore di temperatura, frsi : 0,684 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,845 La struttura è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max > frsi) Verifica: negativa

16 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : SOL01 : SOLAIO INTERNO A PAVIMENTO : PI Pavimento verso un locale interno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, SOL02 Soletta in laterizio 0, ,700 3, ,00 24,00 0, CLS091 CLS in genere (int. o est.) 0, ,830 20, ,90 2,90 0, SOT01 Sottofondo sabbia-cemento 0, ,400 15, ,50 8,50 0, PAV07 Piastrelle di gres 0, ,980 98, ,00 24,00 0,010 Resistenza superficiale interna 0,170 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,360 Resistenza termica totale m²k/w : 0,762 Trasmittanza termica totale W/m²K : 1,3110 Capacità termica areica kj/m² K : 215,590 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 597 / 557 / 325 INTERNO ESTERNO 1

17 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : SOL02 : SOLAIO INTERNO A SOFFITTO : PI Pavimento verso un locale interno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, SOL02 Soletta in laterizio 0, ,700 3, ,00 24,00 0, CLS091 CLS in genere (int. o est.) 0, ,830 20, ,90 2,90 0, SOT01 Sottofondo sabbia-cemento 0, ,400 15, ,50 8,50 0, PAV07 Piastrelle di gres 0, ,980 98, ,00 24,00 0,010 Resistenza superficiale interna 0,170 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,360 Resistenza termica totale m²k/w : 0,762 Trasmittanza termica totale W/m²K : 1,3110 Capacità termica areica kj/m² K : 215,590 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 597 / 557 / 325 INTERNO ESTERNO 1

18 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : SOL03 : SOLAIO SOTTOTETTO : SE Solaio verso l'esterno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, SOL02 Soletta in laterizio 0, ,700 3, ,00 24,00 0, CLS091 CLS in genere (int. o est.) 0, ,830 20, ,90 2,90 0, MSR10 Perlite espansa in granuli 0, ,066 0, ,50 62,50 1,515 Resistenza superficiale interna 0,100 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,360 Resistenza termica totale m²k/w : 2,003 Trasmittanza termica totale W/m²K : 0,4990 Capacità termica areica kj/m² K : 6,884 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 408 / 368 / 136 ESTERNO INTERNO

19 VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : SOL03 : SOLAIO SOTTOTETTO : SE Solaio verso l'esterno CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Umidità relativa massima accettabile % : 70 PROPRIETA' DEI MATERIALI Materiale Spessore R Rv(µ) Sp.eq.(sd) m m²k/w m Resistenza superficiale estern 0,04 Intonaco di cemento 0,02 0, ,76 Soletta in laterizio 0,2 0, ,60 CLS in genere (int. o est.) 0,04 0, ,96 Perlite espansa in granuli 0,1 1, ,30 Resistenza superficiale intern 0,25 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Mese critico : GENNAIO Fattore di temperatura, frsi : 0,884 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,845 La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max <= frsi) Verifica: positiva VERIFICA CONDENSAZIONE INTERSTIZIALE UNI EN ISO La condensazione avviene in una o più interfacce ma, per ogni interfaccia coinvolta, si prevede che tutta l'acqua condensata evapori nei mesi estivi. Massima quantità di condensazione che si verifica in ogni interfaccia (Gennaio): Interfaccia 3 (CLS091 - MSR10 ) : 0,55883 kg/m² Verifica: positiva

20 VERIFICA TRASMITTANZA TERMICA DELLE STRUTTURE (D.L. 311 del 26/12/2006) Tutti i valori sono espressi in W/m²K - valori limite dall'1 gennaio 2008 Allegato C2 - Trasmittanza termica delle strutture verticali opache Valore limite della trasmittanza termica U delle strutture verticali opache. 0,400 MUR01 - MURO ESTERNO 60 VE 0,630 No Allegato C3 - Trasmittanza termica delle strutture orizzontali opache. Coperture Valore limite della trasmit. termica U delle strut. orizz. opache. Coperture 0,350 SOL03 - SOLAIO SOTTOTETTO SE 0,499 No Allegato C3 - Trasmittanza termica delle strutture orizzontali opache. Pavimenti Valore limite della trasmit. termica U delle strut. orizz. opache. Pavimenti 0,410 SOL02 - SOLAIO INTERNO A SOFFITTO PI 1,311 No SOL01 - SOLAIO INTERNO A PAVIMENTO PI 1,311 No Allegato I9 - Trasmittanza termica delle strutture verticali opache tra alloggi confinanti. Valore limite della trasmittanza U delle strutture verticali tra alloggi confinanti 0,800 SOL02 - SOLAIO INTERNO A SOFFITTO PI 1,311 No SOL01 - SOLAIO INTERNO A PAVIMENTO PI 1,311 No Allegato C4 - Trasmittanza termica delle chiusure trasparenti Valore limite della trasm. termica U delle chiusure trasparenti comprensive di infissi. 2,800 FIN01 - FINESTRA 0.9x1.55 CF 2,952 No FIN05 - FINESTRA 0,9x1,20 CF 2,914 No Valore limite della trasmittanza termica U dei vetri. 2,100 FIN01 - FINESTRA 0.9x1.55 CF 3,012 No FIN05 - FINESTRA 0,9x1,20 CF 3,012 No Verifica trasmittanza termica: negativa

21 VERIFICA MASSA SUPERFICIALE DELLE STRUTTURE (D.L. 311 del 26/12/2006 Allegato I - c.9, lett. b) Zona termica: D Mese di massima insolazione: Luglio Valore medio mensile dell'irradianza sul piano orizzontale (W/m²): 300,82 Tutti i valori sono espressi in kg/m² Valore minimo di massa superficiale delle strutture esterne opache. 230 MUR01 - MURO ESTERNO 60 VE 720 Sì SOL03 - SOLAIO SOTTOTETTO SE 368 Sì PORT02 - PORTA IN LEGNO (est) VE 27 No Verifica Massa Superficiale: negativa

22 NORMATIVE DI RIFERIMENTO UNI 7357: Calcolo del fabbisogno termico per il riscaldamento di edifici UNI 10344: Riscaldamento degli edifici. Calcolo del fabbisogno di energia. UNI EN ISO 13370: Riscaldamento e raffrescamento degli edifici. Scambi di energia termica tra terreno ed edificio. Metodo di calcolo. UNI 10349: Riscaldamento e raffrescamento degli edifici. Dati Climatici. UNI 10379: Riscaldamento degli edifici. Fabbisogno energetico convenzionale normalizzato. Metodo di calcolo e verifica. UNI 10348: Riscaldamento degli edifici. Rendimenti dei sistemi di riscaldamento. Metodo di calcolo. UNI EN ISO 13788: Temperatura superficiale interna per evitare l'umidità superficiale critica e condensazione interstiziale. Metodo di calcolo. UNI EN ISO : Prestazione termica di finestre, porte e chiusure. Calcolo della trasmittanza termica. Metodo semplificato. UNI EN ISO 14683: Ponti termici in edilizia. Coefficiente di trasmissione termica lineica. Metodi semplificati e valori di riferimento. UNI EN 832: Prestazione termica degli edifici. Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento. Edifici residenziali. UNI EN ISO 13789:2001 Prestazione termica degli edifici - Coefficiente di perdita di calore per trasmissione - Metodo di calcolo CTI - Sottocomitato n.6 - Riscaldamento e ventilazione - Giugno Raccomandazione per l'utilizzo della norma UNI ai fini del calcolo del fabbisogno di energia primaria e del rendimento degli impianti di riscaldamento e/o di produzione acqua calda per usi igienico - sanitari. UNI/TS Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendiemnti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria

23 10. DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA Il sottoscritto, iscritto a (indicare albo, ordine o collegio professionale di appartenenza, nonché provincia, numero dell'iscrizione) essendo a conoscenza delle sanzioni previste dall'articolo 15, commi 1 e 2, del decreto legislativo di attuazione della direttiva 2002/91/CE dichiara sotto la propria personale responsabilità che: a) il progetto relativo alle opere di cui sopra è rispondente alle prescrizioni contenute del decreto attuativo della direttiva 2002/91/CE; b) i dati e le informazioni contenuti nella relazione tecnica sono conformi a quanto contenuto o desumibile dagli elaborati progettuali. Data Firma

24 Appartamento 2.1 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI Comune di: Montemarciano Provincia: ANCONA Progetto per la realizzazione di: Restauro e risanamento conservativo Sito in: Vicolo Oberdan Concessione edilizia n.: OPERA PUBBLICA ESTREMI APPROVAZIONE PROGETTO ESECUTIVO Classificazione dell'edificio in base alla categoria di cui all'articolo 3 del regolamento E.1(1) Residenza con carattere continuativo. Abitazioni civili e rurali,collegi,... Numero delle unità abitative: 1 Committente: Comune di Montemarciano Progettista degli impianti termici e dell'isolamento termico dell'edificio: Ing. Luciano Bolli Direttore degli impianti termici e dell'isolamento termico dell'edificio: Ing. Luciano Bolli [X] L'edificio (o il complesso di edifici) rientra tra quelli di proprietà pubblica o adibiti ad uso pubblico ai fini dell'articolo 5. comma 15, del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412 (utilizzo delle fonti rinnovabili di energia) e dell'allegato I, comma 14 del decreto legislativo. L intervento in questione ricade al comma 2 dell articolo 3, lettara c), numero 2, del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e pertanto, ai sensi del punto 3 dell allegato I al decreto legislativo 311 del 29 dicembre 2006, si procede al calcolo del rendimento medio stagionale dell impianto termico e che lo stesso risulti superiore al valore limite riportato al punto 5 dell allegato C al suddetto decreto. 2. FATTORI TIPOLOGICI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) [X] Piante di ciascun piano degli edifici con orientamento e indicazione d'uso prevalente dei singoli locali. [ ] Prospetti e sezioni degli edifici con evidenziazione di eventuali sistemi di protezione solare. [ ] Elaborati grafici relativi ad eventuali sistemi solari passivi specificatamente progettati per favorire lo sfruttamento degli apporti solari. 3. PARAMETRI CLIMATICI DELLA LOCALITA' Gradi giorno (della zona d'insediamento, determinati in base al regolamento) (GG) : 1826 Temperatura minima di progetto (dell'aria esterna secondo norma UNI 5364 e successivi aggiornamenti) ( C) : -2,00

25 4. DATI TECNICI E COSTRUTTIVI DELL'EDIFICIO (O DEL COMPLESSO DI EDIFICI) E DELLE RELATIVE STRUTTURE Impianto termico : A Impianto termico Volume delle parti di edificio abitabili o agibili al lordo delle strutture che li delimitano (V) (m³) : 267,00 Superficie esterna che delimita il volume (S) (m²) : 57,65 Rapporto S/V (1/m) : 0,22 Superficie utile dell'edificio (m²) : 60,41 Valore di progetto della temperatura interna ( C) : 20,00 Valore di progetto dell'umidità relativa interna (%) : 65,00 5. DATI RELATIVI ALL'IMPIANTO TERMICO 5.1 Impianti termici a) impianto logia: AUTONOMO Sistemi di generazione: CALDAIA TRADIZIONALE Sistemi di termoregolazione: CRONOTERMOSTATO AMBIENTALE Sistemi di contabilizzazione dell'energia termica: NESSUNO Sistemi di distribuzione del vettore termico: DISTRIBUZIONE CON TUBAZIONE IN RAME TIPO MODUL Sistemi di ventilazione forzata: ASSENTE Sistemi di accumulo termico: ASSENTE Sistemi di produzione e di distribuzione dell'acqua calda sanitaria: PRODUZIONE ISTANTANEA b) Specifiche dei generatori di energia Fluido termovettore: ACQUA Valore nominale della potenza termica utile kw 23,70 Rendimento termico utile (o di combustione per generatori ad aria calda) al 100% Pn Valore di progetto % Valore minimo prescritto dal regolamento % (se necessario) Rendimento termico utile al 30% Pn Valore di progetto % Valore minimo prescritto dal regolamento % ( se necessario)

26 Combustibile utilizzato: GAS METANO c) Specifiche relative ai sistemi di regolazione dell'impianto termico di conduzione prevista ( ) continua con attenuazione notturna (X) intermittente Regolatori climatici delle singole zone o unità immobiliari Numero di apparecchi: 1 sintetica delle funzioni: IMPOSTAZIONE GIORNALIERA ORARIA E SETTIMANALE Numero dei livelli di programmazione della temperatura nelle 24 ore: 2 d) Dispositivi per la contabilizzazione del calore nelle singole unità immobiliari (solo per impianti centralizzati) Numero di apparecchi: 0 e) Terminali di erogazione dell'energia termica Numero di apparecchi: 7 : ACCIAIO Potenza termica nominale: 5575 Watt f) Condotti di evacuazione dei prodotti della combustione e caratteristiche principali: LE CANNE FUMARIE SONO ESISTENTI E RISPONDENTI ALLA VIGENTE NORMATIVA g) Sistemi di trattamento dell'acqua (tipo di trattamento) NESSUNO h) Specifiche dell'isolamento termico della rete di distribuzione ISOLANTE IN POLIETILENE ESTRUSO, lambda= 0,035, spessore da norma vigente i) Specifiche della/e pompa/e di circolazione VEDERE SCHEDACALDAIA j) Impianti solari termici ASSENTI k) Schemi funzionali dell'impianto termico VEDERE TAVOLA GRAFICA N Impianti fotovoltaici ASSENTI 5.3 Altri impianti ASSENTI

27 6. PRINCIPALI RISULTATI DEI CALCOLI Impianto termico : A Impianto termico a) Involucro edilizio e ricambi d'aria Caratteristiche termiche, igrometriche e di massa superficiale dei componenti opachi dell'involucro edilizio Confronto con i valori limite riportati all'allegato C del decreto legislativo Vedi allegati alla presente relazione Caratteristiche termiche dei componenti finestrati dell'involucro edilizio Confronto con i valori limite riportati all'allegato C del decreto legislativo Classe di permeabilità all'aria dei serramenti esterni Vedi allegati alla presente relazione Valutazione dell'efficacia dei sistemi schermanti delle superfici vetrate: PRESENTA DISPERSIONI ESTERNE Attenuazione dei ponti termici: E STATA VALUTATA UNA PERCENTUALE DI MAGGIORAZIONE DEL 10% Trasmittanza termica (U) degli elementi divisori tra alloggi o unità immobiliari confinanti: VEDERE TABELLE ALLEGATE Confronto con il valore limite riportato al comma 10 dell'allegato I al decreto legislativo: NON OBBLIGATORIO Verifica termoigrometrica (Vedi allegati alla presente relazione) Numeri di ricambi d'aria (media nelle 24 ore): 0,30 Vol/h Portata d'aria di ricambio (G) solo nei casi di ventilazione meccanica controllata (m³/h): 2,5 Vol/h b) Valore dei rendimenti medi stagionali di progetto comune di montemarciano Rendimento di produzione (%) 96,35 Rendimento di regolazione (%) 92,00 Rendimento di distribuzione (%) 96,00 Rendimento di emissione (%) 94,00 Per acqua calda sanitaria: Rendimento di accumulo (%) 100,00 Rendimento di distribuzione (%) 94,00 Rendimento di erogazione (%) 95,00 Rendimento globale (%) 81,69 Rendimento globale limite (%) 79,12 c) Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale Metodo di calcolo utilizzato: UNI EN ISO UNI / UNI Valore di progetto (kwh/m²anno) 91,07 Confronto con il valore limite riportato all'allegato C del decreto legislativo (kwh/m²anno) 32,88 Fabbisogno di combustibile (kg o Nm³) 329 Fabbisogno di energia elettrica da rete (kwhe) 103 Fabbisogno di energia elettrica da produzione locale (kwhe) 0

28 d) Indice di prestazione energetica normalizzato per la climatizzazione invernale Valore di progetto (kj/m³gg) 39,15 e) Indice di prestazione energetica per la produzione di acqua calda sanitaria Fabbisogno di combustibile (kg o Nm³) 144 Fabbisogno di energia elettrica da rete (kwhe) 103 Fabbisogno di energia elettrica da produzione locale (kwhe) 0 f) Impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria ASSENTI g) Impianti fotovoltaici ASSENTI 7. ELEMENTI SPECIFICI CHE MOTIVANO EVENTUALI DEROGHE A NORME FISSATE DALLA NORMATIVA VIGENTE NON SONO PRESENTI IMP. TERMICI SOLARI E FOTOVOLTAICI PERCHE ASSENTE IL DOCUMENTO ATTUATIVO AL D.LGS 311/06 E IMPOSSIBILE L ISTALLAZIONE. 8. VALUTAZIONI SPECIFICHE PER L'UTILIZZO DI FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA RIFERIMENTO NORMATIVA VIGENTE 9. DOCUMENTAZIONE ALLEGATA (elenco indicativo) N. 11 ELABORATI GRAFICI ALLEGATI AL PORGETTO ESECUTIVO

29 Comune di montemarciano CARATTERISTICHE TERMICHE DEL COMPONENTE FINESTRATO : FIN01 : FINESTRA 0.9x1.55 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato Serramento Ag Af + Ap Lg Kg Kf + Kp Kl Kw Singolo 0,94 0,45 7,04 3,0120 2,2000 0,0400 2,9520 Conduttanza superficiale interna W/m²K : 7,690 Conduttanza superficiale esterna W/m²K : 25,000 Resistenza termica totale m²k/w : 0,339 Trasmittanza totale W/m²K : 2,952 LEGENDA Ag Area del vetro Af Area del telaio Ap Area del pannello Lg Lunghezza della superficie vetrata Kg Trasmittanza termica dell'elemento vetrato W/m²K Kf Trasmittanza termica del telaio W/m²K Kp Trasmittanza termica del pannello W/m²K Kl Trasmittanza lineica (nulla in caso di singolo vetro) W/m²K Kw Trasmittanza termica totale del serramento W/m²K VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : FIN01 : FINESTRA 0.9x1.55 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Media delle temp. est. minime annuali C : 9 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Fattore di temperatura, frsi : 0,616 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,438 La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max <= frsi) Verifica: positiva

30 CARATTERISTICHE TERMICHE DEL COMPONENTE FINESTRATO : FIN02 : FINESTRA 1.05X2.00 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato Serramento Ag Af + Ap Lg Kg Kf + Kp Kl Kw Singolo 1,52 0,58 9,14 3,0120 2,2000 0,0400 2,9620 Conduttanza superficiale interna W/m²K : 7,690 Conduttanza superficiale esterna W/m²K : 25,000 Resistenza termica totale m²k/w : 0,338 Trasmittanza totale W/m²K : 2,962 LEGENDA Ag Area del vetro Af Area del telaio Ap Area del pannello Lg Lunghezza della superficie vetrata Kg Trasmittanza termica dell'elemento vetrato W/m²K Kf Trasmittanza termica del telaio W/m²K Kp Trasmittanza termica del pannello W/m²K Kl Trasmittanza lineica (nulla in caso di singolo vetro) W/m²K Kw Trasmittanza termica totale del serramento W/m²K VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : FIN02 : FINESTRA 1.05X2.00 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Media delle temp. est. minime annuali C : 9 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Fattore di temperatura, frsi : 0,615 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,438 La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max <= frsi) Verifica: positiva

31 CARATTERISTICHE TERMICHE DEL COMPONENTE FINESTRATO : FIN05 : FINESTRA 0,9x1,20 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato Serramento Ag Af + Ap Lg Kg Kf + Kp Kl Kw Singolo 0,71 0,37 5,64 3,0120 2,1180 0,0400 2,9140 Conduttanza superficiale interna W/m²K : 7,690 Conduttanza superficiale esterna W/m²K : 25,000 Resistenza termica totale m²k/w : 0,343 Trasmittanza totale W/m²K : 2,914 LEGENDA Ag Area del vetro Af Area del telaio Ap Area del pannello Lg Lunghezza della superficie vetrata Kg Trasmittanza termica dell'elemento vetrato W/m²K Kf Trasmittanza termica del telaio W/m²K Kp Trasmittanza termica del pannello W/m²K Kl Trasmittanza lineica (nulla in caso di singolo vetro) W/m²K Kw Trasmittanza termica totale del serramento W/m²K VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : FIN05 : FINESTRA 0,9x1,20 : FINESTRA ESTERNA CON VETROCAMERA : CF Componente finestrato CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Media delle temp. est. minime annuali C : 0 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Fattore di temperatura, frsi : 0,621 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,636 La struttura è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max > frsi) Verifica: negativa

32 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : MUR01 : MURO ESTERNO 60 : VE Verticale verso l'esterno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, MUR04 Muratura in mattoni (interno) 0, ,432 0, ,00 24,00 1, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0,014 Resistenza superficiale interna 0,130 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,640 Resistenza termica totale m²k/w : 1,587 Trasmittanza termica totale W/m²K : 0,6300 Capacità termica areica kj/m² K : 61,010 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 800 / 720 / 400 ESTERNO INTERNO 1 2 3

33 : MUR01 : MURO ESTERNO 60 : VE Verticale verso l'esterno VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : 20 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Umidità relativa massima accettabile % : 65 PROPRIETA' DEI MATERIALI Materiale Spessore R Rv(µ) Sp.eq.(sd) m m²k/w m Resistenza superficiale estern 0,04 Intonaco di cemento 0,02 0, ,76 Muratura in mattoni (interno) 0,6 1, ,80 Intonaco di cemento 0,02 0, ,76 Resistenza superficiale intern 0,25 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Mese critico : NOVEMBRE Fattore di temperatura, frsi : 0,854 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,968 La struttura è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max > frsi) Verifica: negativa VERIFICA CONDENSAZIONE INTERSTIZIALE UNI EN ISO Non si verifica condensazione in nessuna interfaccia per nessun mese. La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. Verifica: positiva

34 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : PORT02 : PORTA IN LEGNO (est) : PORTA ESTERNA IN LEGNO : VE Verticale verso l'esterno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, LEG01 Abete (flusso perp. fibre) 0, ,120 2, ,30 0,90 0,500 Resistenza superficiale interna 0,130 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,060 Resistenza termica totale m²k/w : 0,670 Trasmittanza termica totale W/m²K : 1,4930 Capacità termica areica kj/m² K : 0,000 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 27 / 27 / 14 ESTERNO INTERNO 1

35 VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : PORT02 : PORTA IN LEGNO (est) : PORTA ESTERNA IN LEGNO : VE Verticale verso l'esterno CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Umidità relativa massima accettabile % : 70 PROPRIETA' DEI MATERIALI Materiale Spessore R Rv(µ) Sp.eq.(sd) m m²k/w m Resistenza superficiale estern 0,04 Abete (flusso perp. fibre) 0,06 0, ,50 Resistenza superficiale intern 0,25 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Mese critico : GENNAIO Fattore di temperatura, frsi : 0,684 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,845 La struttura è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max > frsi) Verifica: negativa

36 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : SOL01 : SOLAIO INTERNO A PAVIMENTO : PI Pavimento verso un locale interno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, SOL02 Soletta in laterizio 0, ,700 3, ,00 24,00 0, CLS091 CLS in genere (int. o est.) 0, ,830 20, ,90 2,90 0, SOT01 Sottofondo sabbia-cemento 0, ,400 15, ,50 8,50 0, PAV07 Piastrelle di gres 0, ,980 98, ,00 24,00 0,010 Resistenza superficiale interna 0,170 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,360 Resistenza termica totale m²k/w : 0,762 Trasmittanza termica totale W/m²K : 1,3110 Capacità termica areica kj/m² K : 215,590 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 597 / 557 / 325 INTERNO ESTERNO 1

37 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : SOL02 : SOLAIO INTERNO A SOFFITTO : PI Pavimento verso un locale interno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, SOL02 Soletta in laterizio 0, ,700 3, ,00 24,00 0, CLS091 CLS in genere (int. o est.) 0, ,830 20, ,90 2,90 0, SOT01 Sottofondo sabbia-cemento 0, ,400 15, ,50 8,50 0, PAV07 Piastrelle di gres 0, ,980 98, ,00 24,00 0,010 Resistenza superficiale interna 0,170 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,360 Resistenza termica totale m²k/w : 0,762 Trasmittanza termica totale W/m²K : 1,3110 Capacità termica areica kj/m² K : 215,590 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 597 / 557 / 325 INTERNO ESTERNO 1

38 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : SOL03 : SOLAIO SOTTOTETTO : SE Solaio verso l'esterno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, SOL02 Soletta in laterizio 0, ,700 3, ,00 24,00 0, CLS091 CLS in genere (int. o est.) 0, ,830 20, ,90 2,90 0, MSR10 Perlite espansa in granuli 0, ,066 0, ,50 62,50 1,515 Resistenza superficiale interna 0,100 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,360 Resistenza termica totale m²k/w : 2,003 Trasmittanza termica totale W/m²K : 0,4990 Capacità termica areica kj/m² K : 6,884 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 408 / 368 / 136 ESTERNO INTERNO

39 VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : SOL03 : SOLAIO SOTTOTETTO : SE Solaio verso l'esterno CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : UNI13788 NA.1.2 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Umidità relativa massima accettabile % : 70 PROPRIETA' DEI MATERIALI Materiale Spessore R Rv(µ) Sp.eq.(sd) m m²k/w m Resistenza superficiale estern 0,04 Intonaco di cemento 0,02 0, ,76 Soletta in laterizio 0,2 0, ,60 CLS in genere (int. o est.) 0,04 0, ,96 Perlite espansa in granuli 0,1 1, ,30 Resistenza superficiale intern 0,25 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Mese critico : GENNAIO Fattore di temperatura, frsi : 0,884 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,845 La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max <= frsi) Verifica: positiva VERIFICA CONDENSAZIONE INTERSTIZIALE UNI EN ISO La condensazione avviene in una o più interfacce ma, per ogni interfaccia coinvolta, si prevede che tutta l'acqua condensata evapori nei mesi estivi. Massima quantità di condensazione che si verifica in ogni interfaccia (Gennaio): Interfaccia 3 (CLS091 - MSR10 ) : 0,55883 kg/m² Verifica: positiva

40 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DELLA STRUTTURA EDILIZIA : SOL04 : SOLAIO INTERNO A PAVIMENTO : PE Pavimento verso l'esterno Caratteristiche degli strati (dall'esterno verso l'interno): s λ C ρ δa δu R m W/mK W/m²K kg/m³ kg/s m Pa kg/s m Pa m²k/w Ambiente esterno Resistenza superficiale esterna 0, INT09 Intonaco di cemento 0, ,400 70, ,00 12,00 0, SOL02 Soletta in laterizio 0, ,700 3, ,00 24,00 0, CLS091 CLS in genere (int. o est.) 0, ,830 20, ,90 2,90 0, SOT01 Sottofondo sabbia-cemento 0, ,400 15, ,50 8,50 0, PAV07 Piastrelle di gres 0, ,980 98, ,00 24,00 0,010 Resistenza superficiale interna 0,170 Ambiente interno Totali struttura: Spessore totale m : 0,360 Resistenza termica totale m²k/w : 0,632 Trasmittanza termica totale W/m²K : 1,5810 Capacità termica areica kj/m² K : 431,190 Massa totale / superficiale / frontale kg/m² : 597 / 557 / 325 INTERNO ESTERNO 1

41 VERIFICA IGROMETRICA UNI EN ISO : SOL04 : SOLAIO INTERNO A PAVIMENTO : PE Pavimento verso l'esterno CONDIZIONI AL CONTORNO Temperatura esterna : Media mensile (UNI 10349) Umidità relativa esterna : Media mensile (UNI 10349) Temperatura interna C : 20 Classe di umidità : 3 - Alloggi con basso indice di affollamento Umidità relativa massima accettabile % : 65 PROPRIETA' DEI MATERIALI Materiale Spessore R Rv(µ) Sp.eq.(sd) m m²k/w m Resistenza superficiale estern 0,04 Intonaco di cemento 0,02 0, ,76 Soletta in laterizio 0,2 0, ,60 CLS in genere (int. o est.) 0,04 0, ,96 Sottofondo sabbia-cemento 0,09 0, ,98 Piastrelle di gres 0,01 0, ,10 Resistenza superficiale intern 0,25 VERIFICA CONDENSAZIONE SUPERFICIALE UNI EN ISO Mese critico : NOVEMBRE Fattore di temperatura, frsi : 0,649 Fattore di temperatura massimo, frsi max : 0,968 La struttura è soggetta a fenomeni di condensa superficiale. (frsi max > frsi) Verifica: negativa VERIFICA CONDENSAZIONE INTERSTIZIALE UNI EN ISO Non si verifica condensazione in nessuna interfaccia per nessun mese. La struttura non è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale. Verifica: positiva

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA

RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

Progetto per la realizzazione di: VILLETTA UNIFAMIGLIARE CON TIPOLOGIA A SCHIERA

Progetto per la realizzazione di: VILLETTA UNIFAMIGLIARE CON TIPOLOGIA A SCHIERA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Come prevista dall allegato 4 della delibera di Assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna n.156/2008, atto di indirizzo e

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. INFORMAZIONI GENERALI

RELAZIONE TECNICA 1. INFORMAZIONI GENERALI RELAZIONE TECNICA OPERE RELATIVE A RISTRUTTURAZIONE TOTALE/PARZIALE O MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELL'INVOLUCRO EDILIZIO DI EDIFICIO ESISTENTE CON SUPERFICIE UTILE FINO A 1000 m 2 (art.3 comma 2, lett.c,

Dettagli

Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici

Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici Relazione Tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico degli edifici 1. Informazioni Generali art. 28 Legge n. 10 del 09/01/91 D.Lgs. 29 dicembre

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 22 dicembre 2008, n. 8/8745 ALLEGATO B COMMITTENTE : Amministrazione comunale di Rogeno EDIFICIO : Scuola Secondaria INDIRIZZO : Rogeno,Via vecchia Casletto

Dettagli

Progettista degli impianti termici e dell'isolamento termico dell'edificio: Groli dott. ing. Gianfranco

Progettista degli impianti termici e dell'isolamento termico dell'edificio: Groli dott. ing. Gianfranco RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI 1. INFORMAZIONI GENERALI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008 n. 8/8745 Allegato B - Relazione tecnica di cui all'articolo

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale Emilia Romagna n.1362 del 20/09/10- ALLEGATO 4

Deliberazione della Giunta Regionale Emilia Romagna n.1362 del 20/09/10- ALLEGATO 4 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 09.01.91 N. 10 ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Deliberazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Comune di MILANO. Provincia di MILANO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico

RELAZIONE TECNICA. Comune di MILANO. Provincia di MILANO. Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Comune di MILANO Provincia di MILANO RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo 29 dicembre

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 Pag. 1/14 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : MIBAC EDIFICIO : Museo Archeologico Regionale Baglio Anselmi

Dettagli

Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA

Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA Progetto per la realizzazione di: BILIOTECA DI CASTELLAMMARE DI STABIA RELAZIONE TECNICA COME DISPOSTO DALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN

Dettagli

PROGETTO DI NUOVA COSTRUZIONE

PROGETTO DI NUOVA COSTRUZIONE PROGETTO DI NUOVA COSTRUZIONE REALIZZAZIONE DI N.2 FABBRICATI PER COMPLESSIVI N.50 ALLOGGI DI TIPO POPOLARE AL QUARTIERE PARADISO PIANO DI ZONA 167/1962 DEL. C.C. N 14/2002 PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA

Dettagli

COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ASTI PROVINCIA DI ASTI RELAZIONE TECNICA ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI (art. 28 della Legge 9 gennaio 1991, n. 10,

Dettagli

San Paolo di Jesi (AN) Realizzazione di un edificio Microsoftware Michele Verdini. Comune: Descrizione: Committente: Progettista impianti termici:

San Paolo di Jesi (AN) Realizzazione di un edificio Microsoftware Michele Verdini. Comune: Descrizione: Committente: Progettista impianti termici: RELAZIONE TECNICA In conformità all'art.28 della legge 09 gennaio 1991 n 10 Applicazione del Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n. 192 come modificato dal Decreto Legislativo 29 dicembre 2006 n. 311 Comune:

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA ISOLAMENTO TERMICO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027 PROGETTO

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto di Riscaldamento ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto di Riscaldamento ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI

ALLEGATO 2 1. INFORMAZIONI GENERALI ALLEGATO 2 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA In conformitä all'art.28 della legge 09 gennaio 1991 nå10

RELAZIONE TECNICA In conformitä all'art.28 della legge 09 gennaio 1991 nå10 RELAZIONE TECNICA In conformitä all'art.8 della legge 09 gennaio 1991 nå10 D.G.R. VIII/8745 del Dicembre 008 - ALLEGATO B Comune: Descrizione: Committente: Progettista impianti termici: Bregnano (CO) LEGGE

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 4 agosto 2009, n. 46-11968. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. DGR 4 agosto 2009, n. 46-11968. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 4 agosto 2009, n. 46-11968 D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E COMMITTENTE : Comune di Bioglio EDIFICIO : Immobile Alloggi E.R.P.S. INDIRIZZO

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Relazione Tecnica (RT)

Relazione Tecnica (RT) Committente: Edificio: Relazione Tecnica (RT) LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 DGR 31 ottobre 2007, n. 8/5773 - ALLEGATO B Studio Tintori Indirizzo: Via Firenze, 3 Comune: Villa monofamiliare a destinazione

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N

RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N ALLEGATO 3 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI

Dettagli

Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET ABSTRACT

Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET ABSTRACT Applicazione DLgs 311/06 Strumenti di calcolo: DOCET arch. Consuelo Nava A cura di R. Astorino ABSTRACT NORMATIVE TECNICHE DI RIFERIMENTO D.Lgs 19 agosto 2005, n 192 Attuazione della direttiva 2002/91CE

Dettagli

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero

Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici ad energia quasi zero ALLEGATO 1 RELAZIONE TECNICA DI CUI AL COMMA 1 DELL ARTICOLO 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Comune di Nichelino RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO ASILO NIDO PUCCINI - RELAZIONE TECNICA -

Comune di Nichelino RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO ASILO NIDO PUCCINI - RELAZIONE TECNICA - Comune di Nichelino RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO ASILO NIDO PUCCINI - RELAZIONE TECNICA - RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO E SOSTENIBILITA AMBIENTALE D.Lgs.

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DGR 31 ottobre 2007, n. 8/5773 - ALLEGATO B

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10. RELAZIONE TECNICA DGR 31 ottobre 2007, n. 8/5773 - ALLEGATO B LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA DGR 31 ottobre 2007, n. 8/5773 - ALLEGATO B COMMITTENTE : ALER LECCO - AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI LECCO EDIFICIO : Fabbricato residenziale

Dettagli

Allegato C RELAZIONE TECNICA

Allegato C RELAZIONE TECNICA Allegato C RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA DI CUI AL PUNTO 4.8 DELL ALLEGATO 1 DEL DECRETO ATTUATIVO DELLA DGR 3868 DEL 17.7.2015 Nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti di primo livello, edifici

Dettagli

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E

APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E APE: L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. ASPETTI NORMATIVI E TECNICI PUNTO ENERGIA L Attestato di Prestazione Energetica alla luce del Decreto Legge 63/2013. Esempi di calcolo. Prof. Ing. Dimitrios

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO Immobile Alloggi E.R.P.S. INDIRIZZO Via Cerruti BIOGLIO ( BI ) COMMITTENTE INDIRIZZO Comune di Bioglio Via Cerruti

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI.

CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI. CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI.. PROVINCIA DI. Informazioni generali Comune di: xxx Tipologia dell edificio: xxx Sito in: xxx Concessione edilizia n. xxxx del xxxx Classificazione dell edificio: xxxx

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N.

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N. COMUNE DI BARDONECCHIA INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N. 1 INTERVENTO INDIPENDENTE DA ALTRI

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI MILANO PROVINCIA DI MILANO

CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI MILANO PROVINCIA DI MILANO CERTIFICAZIONE ENERGETICA COMUNE DI MILANO PROVINCIA DI MILANO Informazioni generali Comune di: Milano Provincia di Milano Anno di costruzione: 1935 Destinazione d uso dell edificio: E.1(1) Residenziale

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 26 giugno 2015. Schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell applicazione delle prescrizioni e dei requisiti minimi di prestazione energetica

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034

AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 AGENZIA REGIONALE PER LA CASA E L'ABITARE ARCA SUD SALENTO Via Trinchese 61/D Galleria 73100 LECCE tel. 0832 446111 fax 0832 315034 PROGETTO ESECUTIVO PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI FABBRICATI SITI

Dettagli

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing.

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Francesco Cocco DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI PER UN EDIFICIO RESIDENZIALE A PATIO

Dettagli

DECRETA. Art. 1 (Ambito di intervento e finalità) Art. 2 (Relazioni tecniche di progetto)

DECRETA. Art. 1 (Ambito di intervento e finalità) Art. 2 (Relazioni tecniche di progetto) Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e con il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione Vista la direttiva 2010/31/UE

Dettagli

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER Impianti di Climatizzazione e Condizionamento a.a. 2011-12 - Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti 1 CALCOLO DEI CARICHI TERMICI E DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER ALCUNI CASI DI STUDIO Il

Dettagli

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N.

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N. COMUNE DI BARDONECCHIA INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA FINALIZZATA AL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMMOBILE COMUNALE DENOMINATO PALAZZETTO DELLO SPORT LOTTO N. 1 INTERVENTO INDIPENDENTE DA ALTRI

Dettagli

avvio della procedura di scelta del contraente ELABORATI AMMINISTRATIVI E TECNICI

avvio della procedura di scelta del contraente ELABORATI AMMINISTRATIVI E TECNICI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO OPERE CIVILI Progetto : Fase : Categoria : Titolo: RICERCA DI UN PARTNER PRIVATO PER LA REALIZZAZIONE DI UN INTERVENTO FINALIZZATO

Dettagli

Impianti tecnici nell edilizia storica

Impianti tecnici nell edilizia storica Impianti tecnici nell edilizia storica Docente: Prof. Francesca Cappelletti Collaboratore: Arch. Chiara Tambani 1 Programma 1) INVOLUCRO EDILIZIO: caratterizzazione termica e verifiche Resistenza termica

Dettagli

Opere relative a manutenzione ordinaria o straordinaria di edifici esistenti nei casi previsti dal p.to 1.3.1 lettere e), f) - Dgr n 46-11968

Opere relative a manutenzione ordinaria o straordinaria di edifici esistenti nei casi previsti dal p.to 1.3.1 lettere e), f) - Dgr n 46-11968 RIFACIMENTO COPERTURA SCUOLA ELEMENTARE GRAMSCI - VIA CACCIATORI / NICHELINO (TO) - SITUAZIONE PRE RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 8 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 99, N. 0, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

Decreto del Ministero dello sviluppo economico 26 giugno 2015

Decreto del Ministero dello sviluppo economico 26 giugno 2015 Decreto del Ministero dello sviluppo economico 26 giugno 2015 Schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell'applicazione delle prescrizioni e dei

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Ubicazione dell edificio: Anno di costruzione: Proprietà dell edificio: Destinazione d uso: Quartiere La Madonnina - via Pisino - 73024 MAGLIE (LECCE) Edificio via

Dettagli

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI V 1.0

METODO DI CALCOLO SEMPLIFICATO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA GLOBALE EPgl DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI V 1.0 docente: Ph.D. Domenico Tripodi Corso di Laurea in Edilizia Corso di Certificazione Energetica e Sostenibilità Edilizia a.a. 2011/2012 collaboratore: Ing. Nunziata Italiano Esercitazione METODO DI CALCOLO

Dettagli

ALLEGATO A. Tecnologie di utilizzo delle fonti rinnovabili, ove presenti. (23) Tipologia di sistemi per l utilizzazione delle fonti rinnovabili:..

ALLEGATO A. Tecnologie di utilizzo delle fonti rinnovabili, ove presenti. (23) Tipologia di sistemi per l utilizzazione delle fonti rinnovabili:.. ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA (dati riferiti alla situazione successiva agli interventi) Dati generali (1) Ubicazione dell edificio:. (2) Anno di costruzione:.. (3) Proprietà dell edificio:..

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 26 giugno 2015 Schemi e modalita' di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell'applicazione delle prescrizioni e dei requisiti

Dettagli

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico FIERA NUOVA BERGAMO Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico D.Lgs n.

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

Comportamento dinamico dell involucro opaco

Comportamento dinamico dell involucro opaco Comportamento dinamico dell involucro opaco Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari E-mail: pietro.stefanizzi@poliba.it Bari, 3 ottobre 2014 CONDUTTIVITA TERMICA? UNI 10351:1994 Materiale solido

Dettagli

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO

CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO Clara PISTONI - Giovanna CARIA IMPIANTO DATI GENERLI CENED + : ANALISI DI UN CASO STUDIO INFORMAZIONI INTRODUTTIVE 2 COMUNE CERMENATE

Dettagli

EDIFICIO DI CLASSE A

EDIFICIO DI CLASSE A Pratica n: 489/11 LOTTO 3 Cliente: Bodo Costruzioni Srl, Via Bagnoli, 31/A 35010 Vigonza (PD) ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (dati riferiti alla situazione successiva agli interventi) Ai sensi

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica La certificazione energetica A cura di Dott. Ing. Neri Manuela Software CENED per la regione Lombardia http://www.cened.it/software Indice della presentazione Certificazione energetica: cos è e perché?

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 Descrizione della struttura: PARETE PERIMETRALE ESTERNA Codice: M1 Trasmittanza

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59

Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Guida pratica alle verifiche del D.P.R. 2.4.2009, n. 59 Edilclima ha predisposto un prospetto informativo delle principali prescrizioni previste dal D.P.R. n. 59 del 2.4.2009, al fine di semplificare e

Dettagli

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica)

Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Mini corso in fiera BESTClass 2.1 (software per la certificazione energetica) Per i partecipanti in omaggio 1 SACERT SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER CERTIFICATORI COSA È SACERT R SACERT (Sistema per l'accreditamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A

RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A Premessa La sottoscritta Elena Ameri, nata a Genova il 12/10/1984, residente in Genova via Sestri 25 int 3, iscritta all ordine degli

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA I.T.I.S A. PACINOTTI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Per un mondo migliore! Bianco Francesco Musarò Matteo Cantore Gianluca Portulano Giuseppe Attestato di Certificazione Energetica (Gruppo2) Il presente Attestato

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: M1 - NORMATIVA EUROPEA E NAZIONALE Introduzione Problema economico/problema politico/problema ambientale NORMATIVA COMUNITARIA - DIRETTIVA 2002/91/CE Punti cardine/attestato

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o

C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o C a s o s t u d i o p e r l a p p l i c a z i o n e d e l l i n c e n t i v o d i c u i a l D. M. 2 8 / 1 2 / 1 2 C o n t o T e r m i c o Roma 18 giugno 2013 Decreto Conto Termico. Regole applicative e

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 26 giugno 2015. Schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai Þ ni dell applicazione delle prescrizioni e dei requisiti minimi di prestazione energetica

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Zona uffici - Stabilimento Gobbi-Frattini località Pigna, Desenzano del

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI Scheda: MR1 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI Codice Struttura: Descrizione Struttura: MR.01 Muratura perimetrale composta da blocco in laterizio da 12 cm, strato d'aria di

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Numero di protocollo COMUNE DI ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Allegato A del D.M. 19/02/2007 (come modificato dal D.M. 26/10/2007) da redigere ai sensi dell art. 11, comma 1-bis del D.Lgs. 19/08/2005,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OPERE RELATIVE AD EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE O A RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI D.M. 13.12.93 - ALLEGATO A

RELAZIONE TECNICA OPERE RELATIVE AD EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE O A RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI D.M. 13.12.93 - ALLEGATO A RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO DEGLI EDIFICI

Dettagli

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014

Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 «Condominio, nuove sfide per una gestione professionale dell immobile» Il Protocollo CasaClima e CasaClima R Certificazione di Qualità Arch. Olivia Carone Milano, Casa dell Energia, 27 novembre 2014 Il

Dettagli

Edificio di classe: G

Edificio di classe: G ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI (1) Codice certificato 001 Validità 01/11/2019 Riferimenti catastali Foglio: 000 Particella: 000 Subalterno: 000 edificio

Dettagli

Protocollo volontario di certificazione energetica. Documento 3 Esempio applicativo

Protocollo volontario di certificazione energetica. Documento 3 Esempio applicativo Protocollo volontario di certificazione energetica Documento 3 Esempio applicativo PROGETTO PROMOSSO E FINANZIATO DA: Provincia di Sondrio Camera di Commercio di Sondrio Confartigianato Imprese Sondrio

Dettagli

Complesso residenziale, Trondheim

Complesso residenziale, Trondheim Complesso residenziale, Trondheim Fig. 3.54 Sezione verticale. Immagini tratte da: Hegger, Fuchs, Stark, Zeumer, Energy Manual Sustainable Architecture, Institut fur internazionale Architektur-Dokumentation

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A DIVERSA PRESTAZIONE ENERGETICA Dicembre 2007 1/4 PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 4. DGR 26 settembre 2011, n. 1366 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

ALLEGATO 4. DGR 26 settembre 2011, n. 1366 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 ALLEGATO 4 DGR 26 settembre 2011, n. 1366 RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 COMMITTENTE : Pocaterra Fabio EDIFICIO : Ristrutturazione di una porzione di fabbricato

Dettagli

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia

Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Risparmio e Certificazione Energetica per la Regione Lombardia Legge Regionale della Lombardia D.G.R. 5018 "Disposizioni inerenti all'efficienza energetica in edilizia Metodo di calcolo e Normative Finalità

Dettagli

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015

IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 IL PROGETTO E LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA A PARTIRE DAL 1 OTTOBRE 2015 I principali contenuti del Decreto Requisiti Minimi e la nuova Relazione Tecnica Guglielmina Mutani DENERG - Politecnico di Torino

Dettagli

Termofisica dell involucro edilizio

Termofisica dell involucro edilizio Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 Termofisica dell involucro edilizio Problematiche termoigrometriche dell elemento di involucro edilizio opaco prof. ing. Anna Magrini, Università

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di TOLENTINO. Provincia di MACERATA RELAZIONE TECNICA

Comune di TOLENTINO. Provincia di MACERATA RELAZIONE TECNICA Comune di TOLENTINO Provincia di MACERATA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Decreto Legislativo 19 agosto 2005 n.192 Decreto Legislativo

Dettagli

Isolamento termoriflettente per la coibentazione termica Ing. Francesco Cosentino

Isolamento termoriflettente per la coibentazione termica Ing. Francesco Cosentino Unedificiocon con unità abitative in classe energetica A: l esperienza di Montemarciano (AN) Unedificiocon con unità abitative in classe energetica A: l esperienza di Montemarciano (AN) Indice argomenti:

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli