Diario della Comunità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diario della Comunità"

Transcript

1 37

2 Serate in allegria Dal 1 al 10 agosto a Selino Alto Se passate nel mese di luglio dalle parti del campo sportivo di Selino Alto, troverete diverse forze umane indiffarate a correre a destra e a sinistra... Sono i volontari delle Serate in allegria, che da tanti anni allietano l estate nella nostra piccola comunità. Possiamo dirlo con grande orgoglio: siamo piccoli... ma ci piace fare le cose in grande! E crediamo che nessuno si offenda se ci permettiamo di dire che a Selino Alto si viene alla festa d estate perché si mangia bene e ci si diverte! D altra parte questi dieci giorni rappresentano un momento veramente forte nell esperienza della nostra comunità, visto che vengono coinvolte diverse decine di persone, dai bambini, ai ragazzi, ai giovani e agli adulti, che si distinguono per il loro impegno e la loro fedeltà. La festa è un esperienza sempre molto faticosa, ma ricca di grandi soddisfazioni, non solo dal punto di vista economico (siamo orgogliosi di aver messo da parte circa euro, equamente divisi a metà tra la Polisportiva e l oratorio...). Ma credo di poter dire che forse la cosa più bella di questi giorni è quella di poter respirare veramente un clima familiare, dove tutti si sentono a proprio agio, a casa propria, e sono felici di stare insieme. Dobbiamo dire un grazie speciale a quanti ogni anno ci credono in maniera particolare e diversi mesi prima cominciano a caricarsi sulle spalle la grande fatica dell organizzazione: se non ci fossero queste persone la nostra festa non partirebbe mai, e correremmo il rischio di perderci per strada. Mi piace sottolineare uno dei momenti veramente speciali della festa: la messa celebrata al campo sportivo l ultima domenica, quando vengono invitate in maniera speciale le persone anziane della comunità. Con questa iniziativa che ripetiamo ogni anno vogliamo dire la nostra riconoscenza simbolica a quanti hanno fatto la storia del nostro piccolo paese. Se siamo qui oggi a fare festa è anche grazie a loro, che prima di noi hanno messo grande impegno e grandi energie nella loro vita. Un altra cosa, di cui andiamo particolarmente fieri, è il fatto che nella nostra festa ci sono tanti ragazzi e tanti giovani a lavorare. A loro è giustamente affidata soprattutto la parte della gestione del bar, della pizzeria e dell intrattenimento serale (senza che lo sappiano... diciamo grazie agli amici di Corna che certe sere vedono la loro pazienza messa un po alla prova!). I ragazzi e i giovani sono il futuro della comunità: noi crediamo in loro e li invitiamo a darsi sempre da fare, per un paese che sia sempre più bello! Diamo appuntamento all edizione 2015: per vivere altre Serate in allegria! GLD 38

3 Memorial Daniele Valceschini Appuntamento fisso del luglio berbennese, il torneo Memorial Daniele Valceschini anche quest anno ha dato vita a una bella giornata di sport, amicizia e divertimento coinvolgendo persone di tutte le età e nazionalità. Al timone della manifestazione, giunta alla sedicesima edizione, è il Gruppo amici Valceschini che, oltre a curare l organizzazione dell evento sportivo, si è occupato della pulizia del vecchio campetto comunale andato in disuso, rendendolo così praticabile anche per tutti i ragazzi del paese. Il torneo a 10 squadre, svoltosi in data 27 luglio, ha visto fronteggiarsi varie formazioni di valli Imagna e Brembana e si è concluso nel tardo pomeriggio con la premiazione dei Culanda (primi classificati), seguiti a ruota dai Simone Team e dai Gna u en gaiofa, entrambe berbennesi doc. Il premio miglior giocatore è stato vinto da Simone Locatelli, mentre lo zibret de ghisa è andato a Paolo Salvi. Per l occasione, il gruppo Amici Valceschini ha allestito un area ristoro dove sia giocatori sia spettatori hanno potuto rifocillarsi con primi piatti, cotechini alla piastra e un buon calice di vino, mentre per i più piccoli erano disponibili scivoli e altalene del parco adiacente il campetto. Grazie all assistenza del meteo, il torneo si è potuto svolgere regolarmente, favorendo la partecipazione del pubblico berbennese. Il gruppo Amici Valceschini ringrazia calorosamente tutti coloro che, intervenendo, hanno contribuito a mantenere vivo il ricordo di Daniele. Paolo Pesenti 39

4 Ferragosto in compagnia La festa della comunità a Blello Quest anno non abbiamo avuto un estate particolarmente calda e soleggiata, ma questo non ha impedito la buona riuscita di una festa sempre apprezzata e partecipata come quella di Blello. Organizzata dal 9 agosto fino a Ferragosto, ogni giorno ha offerto buon cibo casalingo, tombolate con ricchi premi, musica, momenti di preghiera e piacevoli incontri. Sono stati invitati per rallegrare le serate in compagnia alcuni gruppi come Ester, gli Svalutation (che si esibiscono in diversi paesi della Valle Imagna) e i Samadur, un piccolo gruppo folkloristico che con strumenti tradizionali bergamaschi come baghèt (piccola cornamusa), siglòt (flauto in legno) e tarlèk (nacchere bergamasche) eseguono ballate tipiche della nostra provincia riscoprendo anche antichi brani locali. Lunedì 11 è stata organizzata la cena con il gruppo di preti amici di Blello, cioè i parroci che son rimasti legati al paese e alla chiesetta dedicata all Annunciazione di Maria. In particolare, erano presenti don Roberto Belotti, don Mario Amigoni, don Alessandro Angioletti, don Massimo Epis e don Luca Gattoni. Il giorno di Ferragosto don Roberto Belotti ha avuto il piacere di celebrare la Santa Messa e poi c è stata la processione con la statua della Madonna portata in spalla dai volontari. Maura Locatelli 40

5 41

6 Durante i giorni del Ferragosto si è svolta anche la Festa della Polisportiva presso la tensostruttura comunale. In anteprima esclusiva abbiamo le foto (segrete) di due addetti specializzati... oltre alla foto di gruppo delle tante persone che hanno dato una mano per la festa. Grazie a tutti! 42

7 Sole, mare... pioggia e vento! I campiscuola a Torrette di Fano Quest anno noi adolescenti abbiamo trascorso insieme una settimana di vacanza che ha avuto come meta Torrette di Fano, comune delle Marche in provincia di Pesaro. Arrivati alla casa dove abbiamo alloggiato, il brutto tempo sembrava non darci molte speranze, ma fortunatamente nei giorni successivi c è stato un bel sole e ha fatto caldo. La nostra struttura era situata a due passi dalla spiaggia; potevamo usufruire di un campo da calcio, uno di pallavolo e uno di bocce. Al mattino la sveglia suonava verso le 8/8.30: ci preparavamo per la colazione e dopo aver mangiato ognuno aveva il proprio lavoro da svolgere. Infatti quest anno, a differenza dello scorso, la casa era completamente a nostra disposizione e perciò ci siamo organizzati per pulire i servizi, le stanze, la cucina, apparecchiare e sparecchiare. Perciò eravamo divisi in squadre, ciascuna delle quali si occupava di un compito. Non solo ci siamo divertiti, ma abbiamo anche imparato a lavorare insieme, constatando come non sia sempre facile; tuttavia è stato subito evidente a tutti che dando ognuno il proprio contributo non solo si fa tutto più velocemente, ma si riesce a vivere in un clima tranquillo e di serenità. Ovviamente non sono mancati i momenti di gioco che hanno riempito gran parte delle nostre giornate. Con l aiuto di Diego e Patrizia abbiamo organizzato diversi tornei, come quello di ballo oppure di ping-pong; ad ogni vincitore venivano dati un certo numero di punti chiamati frago che, alla fine della vacanza, hanno decretato il vincitore (Federico Mazzoleni, di Selino Alto, naturalmente!). Molte ragazze si sono anche immedesimate nel ruolo di frago-sitter, da loro così definito, ovvero si sono divertite a far giocare la piccola Elisa. Per chi invece non voleva partecipare ai tornei c era comunque l opzione della spiaggia: il mare era molto limpido e pulito e, forse anche per questo motivo, numerose meduse si sono divertite a darci la caccia! Alla sera, dopo cena, una volta sistemata la cucina, si andava tutti insieme a fare una passeggiata e gustare un gelato. Anche in queste occasioni ci siamo buttati in diverse attrazioni: siamo andati con i risciò, con i go-kart (abbiamo scoperto nuovi talenti pronti per la formula 1!) e nella sala giochi del paese. Insomma, non c è stato un solo momento di questa vacanza trascorso con le mani in mano: eravamo sempre intenti a fare qualcosa e forse è stato proprio questo che ha reso questa nostra vacanza così divertente e coinvolgente! Ci sono stati momenti di riflessione in cui si sono affrontati vari argomenti. Lo spunto dal quale siamo partiti è stato il film Quasi Amici che ci ha portati a pensare a diverse questioni, quali l aiuto verso il prossimo e l importanza dell amicizia; sono state organizzate anche attività dalle quali sono emerse tematiche come la vita in famiglia. È stata una vacanza ricca di esperienze, e ci ha dato molto, non solo in termini di svago, ma anche dal punto di vista della convivenza e della gestione di uno spazio comune. 43

8 In uno dei due giorni in cui ha piovuto siamo andati a visitare le Grotte di Frasassi. I ragazzi del Campo Scuola E il tempo vola... Ringraziamo don Luca che si è prodigato per farci vivere una vacanza così piena di emozioni e divertimento. Un grazie particolare a Diego e Patrizia che hanno condiviso con noi qualche giorno di mare, rendendo ancora più speciale il nostro tempo con loro presenza. Infine un ringraziamento anche alle nostre cuoche che con la loro ottima cucina ci hanno viziato per bene! Laura Vacanze bagnate vacanze fortunate?! Quest anno, noi ragazzi di V elementare, I e II media siamo andati in vacanza con il Don a fine agosto. Don Luca ha scelto proprio bene il posto: una grande casa sul mare con il campo da beach volley, di bocce e tanto spazio per giocare a calcio. Il tema conduttore del campo scuola è stato I viaggi di Gulliver: per questo un pomeriggio abbiamo visto questo film. Le vacanze con il Don sono sempre divertenti, gli animatori ci fanno fare delle attività divertenti e, anche quelle meno divertenti, fatte con loro sono sempre belle. Purtroppo abbiamo avuto una grande sfortuna: ha piovuto gli ultimi due giorni! Non un piccolo temporale ma una tempesta forza 7 che ci ha impedito di uscire all esterno per fare attività menomale che c erano le cuoche Maria, Egidia e Gianna ad allietarci con dei pranzetti proprio buoni e con il dolce sempre presente. Sono carica come un mulo quando esco di casa e mi dirigo verso la piazza di Berbenno. Anche se sembra che nemmeno un raggio di sole ci voglia degnare della sua presenza, niente può rovinare il mio buonumore. È la mia prima volta come animatrice e sono talmente entusiasta che potrei benissimo improvvisare un balletto nel mezzo della strada. Una volta trovati i miei compagni di avventura, Lucrezia, Nicola e Simone, e dopo aver rassicurato i genitori dei trentatré ragazzi che vanno dalla quinta elementare alla seconda media, con cui passeremo sei giorni a Torrette di Fano, la nostra epica impresa può avere inizio. Sei ore. Sei ore ci separano dal tanto agognato mare, ma tra giochi, selfies, cartoni della Disney e accampamenti abusivi negli autogrill, riusciamo a raggiungere sani e salvi Torrette di Fano, dove ci aspettano Don Luca, le cuoche e gli adolescenti pronti a ritornare alla nostra cara madrepatria. Don Luca ci accoglie alla casa Arcobaleno e, una volta spiegate le regole della permanenza e sistemati i bagagli nelle nostre future camere, siamo liberi di tuffarci in acqua. E il tempo vola. Vola tra nuotate, tornei di bocce, ping pong e beach volley. Passa tra scherzi, risate e mille sorrisi. E la vita è bella e spensierata, perché non importa se fuori dalla tua finestra puoi trovare un granchio morto, né se ti tocca inseguire in giro per casa qualche lavativo che non ha voglia di lavare i piatti, né importa delle previsioni del tempo che annunciano pioggia per i prossimi giorni. Le uniche cose che contano davvero sono gli occhi vivi e allegri dei ragazzi che pian piano impariamo a conoscere, sono le risate che l imitazione di una lumaca a dir poco particolare possono suscitare, sono i divertenti sketch in cui i ragazzi si destreggiano con entusiasmo. Ma il campo non è solo gioco, oltre ai momenti di preghiera ben articolati attorno al tema de I viaggi di Gulliver, affrontato anche nel CRE di luglio, nel corso di ogni giornata proponiamo ai ragazzi diverse attività di riflessione e confronto. Ci concentria- 44

9 45

10 mo sul valore del tempo, l importanza della pace e della vera intelligenza. Rimaniamo piacevolmente sorpresi della capacità dei ragazzi di dire la loro opinione esprimendo spesso delle considerazioni profonde e ben meditate. E i primi giorni passano svelti portando via con sé tutto quel luminoso sole che ci aveva accolto, sguinzagliando invece una tempesta dopo l altra che ci impediscono di portare avanti la classica vacanza al mare. Noi animatori, assieme a don Luca, però, decisi a non farci guastare le feste da uno stupido temporale, non ci perdiamo d animo, ma organizziamo delle attività che possano rimpiazzare le giornate sulla spiaggia, ancora più motivati di prima. È così che il lunedì, dopo uno degli ottimi e appetitosi pranzi cucinato dalle nostre meravigliose cuoche Egidia, Maria e Giovanna, partiamo in direzione di Frasassi con l obiettivo di visitare le omonime grotte, famose in tutta Europa per la loro grandezza. Quando, una volta entrati, ci ritroviamo d fronte alla maestosa Sala del Duomo, anche i più scettici nei confronti della visita, non possono fare altro che spalancare la bocca di fronte allo spettacolo che ci si prospetta. Dopo un tour guidato, ritorniamo alla Casa Arcobaleno e proseguiamo la serata tra diversi giochi che vanno avanti anche il giorno seguente. La serata di martedì, l ultima del camposcuola, la dedichiamo, invece, alla messa durante la quale ognuno di noi ringrazia il Signore per tutto quello che questa vacanza ci ha regalato di buono e per i legami che abbiamo saputo instaurare in questi giorni. Dopo esserci scatenati a passo di danza ed esserci concessi un ultimo sfizio alla gelateria del paese, andiamo a letto con un pizzico di malinconia per la vacanza che sta per concludersi, ma con la voglia di godere della reciproca compagnia l indomani. Mercoledì mattina ci diamo a delle pazze pulizie di commiato e ci dirigiamo al pullman che ci riporta a Berbenno. Quando, dopo esserci salutati e augurati una buona fine estate, arrivo a casa, ho la consapevolezza di aver imparato tanto dai ragazzi: sanno trasmettere una voglia di vivere contagiosa e, nonostante tutti i loro difetti e i loro comportamenti scalmanati, hanno saputo ricordarci anche nei momenti difficili perché facciamo gli animatori. Sono loro che ci spingono a dare il meglio di noi stessi. Potrei parlare ancora per ore dei sei giorni passati a Torrette di Fano, potrei parlarvi a lungo di ogni singolo ragazzo, potrei parlarvi di cacce al tesoro, di sfide a bocce all ultimo sangue Potrei raccontarvi di rocce a forma di cammello e di bacon, di squali appostati nei supermercati, di piantagioni di zucchine e di tiramisù... Ma questa, amici, è un altra storia. Benedetta 46

11 Mezzoldo 2014: corso formazione educatori Non mi fu imposto di completare l opera, ma io non potevo sottrarmene Dal 27 agosto al 2 settembre, a Mezzoldo, in località Madonna delle Nevi si è tenuto, un corso di formazione per educatori. Questo corso è una proposta dei membri dell UPEE (Ufficio per la Pastorale dell Età Evolutiva), che ogni anno invitano i giovani di tutti gli oratori di Bergamo a prendere parte a un esperienza indimenticabile. Si tratta di una settimana ricca di scoperte, amicizia e spiritualità. Lo scopo di questo corso è quello di formare animatori, anzi educatori, che possano prestare servizio al meglio nei propri oratori e non solo. La giornata si articolava in momenti di riflessione in gruppi, momenti di spiritualità e infine dei momenti più tecnici dove venivano fornite delle dritte teoriche di tipo pedagogico. Non sono poi assolutamente mancate le occasioni per fare nuove conoscenze e amicizie con gli altri settanta ragazzi che, come noi, hanno nel cuore il desiderio di poter fare qualcosa di più per gli altri. Gli animatori dell UPEE sono stati per noi un grandissimo esempio, un modello concreto e vicino a cui aspirare: Ama, educa, anima, prenditi cura di chi ti sta accanto. la proposta di Mezzoldo solo a causa di idee sbagliate o pregiudizi, come si prega troppo o mi toglie una settimana d estate Peccato. Rifiutare è stato l errore più grande che potessero fare. Ritrovarmi circondata da una settantina di ragazzi pieni di dubbi, di pensieri, di passioni e di sogni mi ha entusiasmata. Forse all inizio l agitazione e il non sapere prevalevano sulla gioia e lo stupore, ma, giorno per giorno, tutti insieme, abbiamo superato ogni paura diventando un tutt uno. Ogni istante di libertà si traformava in canto, in partite a pallavolo, in chiacchierate e condi- Federica: «Sorprendente ed emozionante sono gli aggettivi con cui descriverei Mezzoldo Le giornate trascorse insieme agli animatori degli altri oratori sono un continuo di sensazioni positive che fanno vivere una settimana davvero speciale. Attività per migliorare la nostra capacità di animare e riflettere su noi stessi, spiritualità per creare un dialogo con Dio, giochi e balli per divertirsi insieme a nuovi amici, momenti di serietà e riflessione che ci hanno aiutato a fare un passo avanti per l animazione dei nostri oratori». Michela: «Sette giorni. Sono stati solo sette giorni, eppure quello che mi sono portata a casa vale per la vita. Chissà quanti ragazzi avranno rifiutato 47

12 visione, in sorrisi e risate. Ogni momento di silenzio diventava occasione per cercare delle risposte. Cercare delle risposte, sì, perché ogni ragazzo aveva e ha mille domande a cui rispondere, mille perché. Non posso dire di aver trovato tutte le risposte, non posso dire ad altri: «Vai che capisci tutto della vita!». No, non posso proprio dirlo. Ma sono sicura che questa esperienza un po mi ha cambiata. Non solo per quanto riguarda la mia preparazione come educatrice o animatrice, ma anche come ragazza, studentessa e adolescente. Mi ha aiutata a crescere mano nella mano con Dio». Insomma, speriamo che queste nostre testimonianze possano essere uno stimolo per tanti ragazzi. Possiamo garantirvi che sarà un esperienza irripetibile, da non perdere. Un vero e proprio abbraccio di grandi persone che dà affetto, accoglienza e crescita. Nulla è un obbligo, ma vuole essere un occasione per imparare ad aprirsi spontaneamente e gratuitamente al prossimo. «Non mi fu imposto di completare l opera, ma io non potevo sottrarmene». Giulia Colombo Gli Ori d Imagna Sei ragazzi di Selino Alto premiati per il loro impegno scolastico Mercoledì 3 settembre presso l Istituto comprensivo Giacomo Quarenghi di Sant Omobono Terme si è svolta una celebrazione particolare: gli studenti di terza media che hanno raggiunto una valutazione di 9/10 e 10/10 all esame di Stato sono stati invitati per una premiazione ufficiale. Alla premiazione erano presenti l ex preside Maurizio Prezzati, il nuovo preside nominato per il prossimo anno scolastico Giancarlo D Onghia e tutti i docenti delle varie sezioni, oltre che ovviamente i ragazzi con genitori e parenti. Nel discorso di apertura alla cerimonia, il professor Prezzati ha sottolineato la relazione che lega i docenti ai propri studenti, relazione che va al di là del semplice rapporto scolastico, ma che è fatta di stima, di fiducia e di affetto da ambo le parti; inoltre ha evidenziato che, nonostante spesso le apparenze possano ingannare, l obiettivo principale dei docenti è quello di veder realizzare le ambizioni dei propri studenti, di vederli appagati del percorso che stanno sostenendo. Ha invitato i ragazzi a confrontarsi solo con 48

13 se stessi durante il percorso che li attenderà dal prossimo anno, perché ognuno di loro percorrerà una via diversa dagli altri e le scelte che dovranno fare saranno differenti per ognuno di essi. L eccellenza non è solo un numero posto su un foglio di carta: dietro quel numero ci sono l impegno e la costanza dei ragazzi e il supporto costante dei loro genitori, principale modello e guida per i ragazzi di quest età. Nonostante l immensa gioia per aver ottenuto questo grande risultato, questo non deve essere considerato come un punto d arrivo, bensì come il trampolino di lancio per la nuova avventura che li aspetta, ricordandosi di avere lo stesso impegno e la stessa costanza che li ha portati a concludere una parte del loro percorso. L invito che più volte è stato ripetuto ai ragazzi è quello di ripartire da 0 con la stessa grinta e la stessa energia che li ha accompagnati fino a oggi. È comunque con grande soddisfazione che i docenti hanno dato ai ragazzi l appellativo di Ori d Imagna, sottolineando come il loro impegno sia un orgoglio e un vanto per la nostra valle, al pari di atleti che, dopo numerose fatiche e rinunce, riescono a portare il colore della propria patria sul gradino più alto del podio. Complimenti ai ragazzi di Selino Alto che hanno conquistato questo titolo: Samantha, Chiara, Gloria, Sara, Rudy e Giacomo; ragazzi che hanno saputo conciliare l impegno scolastico anche con gli impegni della comunità. Li si può incontrare a Messa e vederli partecipare attivamente in veste di chierichetti e lettori, o li si può vedere in oratorio il venerdì sera insieme a tutti gli altri coetanei. Infatti il catechismo era l unica occasione che avevano per rincontrarsi e per confrontarsi con i vecchi compagni delle elementari, dato che alle medie erano stati divisi nelle diverse sezioni; portavano le loro esperienze e le mettevano a confronto per inserire il loro percorso di crescita scolastica all interno del loro percorso di crescita cristiana. E ora che prenderanno strade così diverse, frequentando i licei e le scuole della bergamasca, incontrando persone che hanno seguito percorsi differenti e a volte contrari a quello che è stato insegnato loro dai genitori e dalla comunità, compito di tutti noi è quello di continuare a creare uno spazio adatto a loro e che possa farli crescere al meglio. Valentina Baitelli 49

14 Il gruppo Amici degli anziani si racconta... Le giornate vissute insieme in occasione della Festa (domenica 15 giugno) e della Gita dell Anziano (sabato 5 luglio) sono decisamente trascorse all insegna dello stare bene insieme e della giusta dose di allegria e armonia. Sono stati due momenti importanti per il nostro vivere quotidiano perché c è stata l opportunità di evadere magari dalla monotonia, di stare in compagnia e di vedere anche cose belle e panorami diversi. Ne è stato l esempio la passeggiata in quel di Campione d Italia: uno scorcio di territorio italiano all interno della Svizzera, dove un ottima accoglienza e ospitalità hanno reso decisamente bella la nostra permanenza. Un opportunità per scoprire e ammirare anche un Santuario mariano dal nome curioso: Madonna dei Ghirli, che in dialetto locale significa rondini, che con il loro migrare hanno da sempre simboleggiato i vari e continui spostamenti dei campionesi che dal 700 popolano quell area sulle rive del lago di Lugano. La gita è stata quindi sia un pellegrinaggio, seppur limitato, sia un occasione di scoprire un angolo d Italia mai da noi visitato. La festa, anche se poco partecipata dai giovani anziani, ha ulteriormente sottolineato la voglia di trascorrere insieme qualche ora di serenità e di allegria; la santa Messa, il buon pranzo (cucina impeccabile) e ritmi musicali hanno animato la giornata. Una lode particolare va agli anziani fedelissimi che da anni apprezzano questo appuntamento e un fervido invito va invece a tutti quei giovani anziani che, timorosi di fare brutta figura, non vogliono inserirsi nel gruppo, un gruppo che grazie ai nuovi ingressi diventerebbe certamente più animato, più numeroso e più motivato nell intraprendere iniziative utili a tutta la nostra comunità. Quindi che questo sia uno stimolo per tutti quanti a raccogliere l invito che il gruppo Amici degli anziani rivolge sempre con tanto amore e affetto. Un cordiale saluto e a presto! Gruppo Amici degli anziani di Berbenno 50

15 Il fascino delle Dolomiti Diario della Comunità Gita sociale AVIS/AIDO - 19 e 20 luglio 2014 Le Dolomiti hanno un richiamo e un fascino particolare per gli amici e associati dei gruppi AVIS/ AIDO di Berbenno. Questa è la spiegazione per cui un folto numero di partecipanti ha condiviso la gita annuale sociale, che viene appunto organizzata per vivere un fine settimana all insegna della buona compagnia e della bella montagna con tutte le sue attrazioni e bellezze naturali. Effettivamente è stato così anche quest anno: un successo, soprattutto per aver visto cose nuove e paesaggi indimenticabili. Un misto di camminate, passeggiate e buona cucina sono al centro dell eccellente riuscita di questa sempre ambita avventura estiva. Quest anno, poi, con il timore continuo del tempo incerto, l aver potuto comunque ammirare panorami in quota delle Dolomiti del gruppo Sella (alta Val Badia), così come l aver vissuto un incantevole atmosfera idilliaca del lago di Braies (vicino a Brunico) e aver gustato nel rientro la brezza calda e turistica del lago di Garda a Bardolino (Vr), ha reso felici l organizzazione e i partecipanti a questo appuntamento annuale. Si auspica che tutto ciò possa ripetersi, grazie alla sempre buona compagnia e all armonia che all interno di essa è costantemente animata da questo interesse al mondo associativo delle nostre sezioni AVIS/AIDO, che utilizzano anche queste opportunità per promuovere e rendere concreto il loro impegno all interno della nostra comunità. Cordiali saluti e promuovete i valori della cultura del dono! 51

16 Memorial Daina Giovanni Mario (1944/2009) Il memorial Daina Giovanni Mario, la gara annuale di bocce organizzata dagli Amici Bocce Berbenno, è giunto alla sesta edizione. Quest anno i promotori hanno lavorato sodo nel ripristinare il terreno di gioco. Inoltre il presidente onorario Giovanni Guerini da anni si sta battendo per avere la struttura del campo coperta, visto che quest anno ci sono state molte giornate piovose e questo ha scoraggiato gli appassionati di bocce nel frequentare il terreno di gioco. Tuttavia gli organizzatori non hanno mollato e hanno voluto dare spazio anche ai ragazzi delle scuole elementari e medie inferiori berbennesi, organizzando un torneo di bocce a eliminazione diretta per la categoria Junior (con sedici coppie iscritte). Il pubblico è stato quello delle grandi occasioni, capace di incitamenti e applausi! Alla fine ha avuto la meglio, conquistando il prestigioso trofeo, la coppia formata da Filippo Salvi e Youssef Benyoucef. Altrettanto meritato è stato il secondo posto conquistato dalla coppia Raffaello Salvi e Thomas Gritti. Le rimanenti coppie sono state premiate con medaglie ricordo. Alla sesta edizione si sono iscritti ventiquattro bocciofili. Il torneo è proseguito con colpi di bocce, battendosi sino all ultimo respiro, punto su punto, fino all arrivo in finale di tre giocatori. Alla fine ha prevalso con merito il veterano e il pluricampione berbennese Oscar Locatelli di Seriola, che ha vinto il trofeo offerto dalla Pro Loco Berbenno come Campione Berbennese È bene ricordare che su sei edizioni Oscar ne ha vinte ben cinque (lasciandone una a Tarcisio Locatelli di Seriola lo scorso anno). Il secondo posto è stato conquistato dall inossidabile Giuseppe Borella di Selino Alto e il terzo posto dal coriaceo Giacinto Calandrelli di Seriola. Alle premiazioni è intervenuto il presidente onorario Giovanni Guerini ricordando il nostro amico Daina, classe 1944 che ci lasciò improvvisamente nel 2009 quando era andato in Sud Africa a trovare sua sorella. Il destino volle così e noi lo ricordiamo nella sua semplicità, con il suo sorriso e sempre pronto a dare una mano a chi ne aveva bisogno. Nel sociale e negli enti sportivi berbennesi si prodigava per il bene del paese. Era stato eletto presidente del Gruppo Alpini di Berbenno negli anni 80. Era un appassionato di ciclismo ed era soprannominato il Pantani di Berbenno e sfidò se stesso nella mitica stracittadina Cà Passero-Cat! Con caparbietà e volontà Giovanni Mario riuscì nell impresa, immortalato nei mitici e storici video dei registi di Teleportosai. Oltretutto era un valido giocatore di scopone scientifico con ottimi risultati. Ma la ciliegina sulla torta era il gioco delle bocce: il suo sport preferito! Aveva giocato in serie A, vincendo anche un prestigioso titolo nazionale e per questo si continuerà a organizzare il torneo di bocce in sua memoria. Con piacere alle premiazioni è intervenuta la vedova, la signora Marisa, che ha ringraziato gli organizzatori e soprattutto parlato dell importanza del ricordo per tenere viva la fiamma di una tradizione da mantenere nel tempo. A Michele e Loredana con la nipote di Giovanni Mario, Eliana, è stato consegnato una targa ricordo per poi premiare uno a uno i vincitori. Gli Amici Bocce Berbenno ringraziano Silvia Salvi, presidente della Pro Loco Berbenno, per aver elargito i premi in medaglie, coppe e trofei. Gian Maria Salvi 52

17 Berbén Hollywood Diario della Comunità Sö e Zó de Berbèn: Edizione 2014 Stendete i tappeti rossi di velluto, gente di Berbenno! Al Sö e Zó de Berbèn, la camminata per le principali contrade del paese che da alcuni anni è organizzata dalla Commissione Biblioteca, quest anno si è respirata un aria carica di... celebrità! Eh, sì, perché il Sö e Zó de Berbèn di quest anno è stato all insegna del cinema e di film celebri, tutti interpretati e rivisitati dai membri delle contrade che domenica 14 settembre di questo 2014 pazzerello si sono messe in gioco. E quindi gente: zaino in spalla, scarpe comode e... ciak! Si marcia sulla Walk of Fame di Berbenno! Oggi per voi il racconto di chi ha vissuto molto da vicino alcuni dei momenti salienti di questa giornata. Contrada Muschì Totò, Peppino e la Malafemmina Avventure napoletane a Berbenno! cosa ne dice?», lui con ironia mi ha risposto: «Eh speriamo che le torte siano buone!». Nei giorni seguenti c è stato un gran lavorio e, grazie alla generosa collaborazione di tutti, siamo riusciti, con nostro stesso stupore, a imbastire qualcosa di indubbiamente artigianale e senza pretese ma piacevole. Sì, si può dire: c è stato il miracolo! Ma la cosa più bella che tutti ci portiamo a casa, è il clima divertente in cui ci siamo incontrati tra un bicchiere di vino e una risata, ospitati nelle case de La Barca e di Muschì, conoscendo meglio aspetti e talenti reconditi di quei vicini di contrada che sempre salutiamo e che in realtà, a volte, poco conosciamo. Dopo le fatiche di questi dieci giorni di fuoco, Il tutto si è concluso domenica sera con una ricca tavolata dall Agnese, a base di abbondanti risate e tutto quel ben di Dio che, quei tre napoletani, si sono portati nella valigia di cartone fino a Milano. Chiara Fumagalli La sera del 3 settembre mi presento alla riunione per preparare la rappresentazione: eravamo in quattro e di chiaro c erano solo la scelta del film, un omaggio al cinema italiano, e il dove, a casa della signora Agnese. Dei bergamaschi che fanno Toto quantomeno strano! Cominciamo a definire un copione e la scelta di recitare dal vivo, scelta ambiziosa per chi non è attore né di mestiere né per diletto. Serpeggia un po di preoccupazione Mancano solo dieci giorni! Ma sì che ce la faremo. I giorni successivi il gruppo si è rimpolpato e via a provare e riprovare, cercare i costumi, i materiali, le scenografia, le musiche, gli effetti sonori e gli effetti speciali. E infine, ma non meno importante, serve anche chi pensa a deliziare i palati! Quando, al termine delle prime disastrose prove con microfoni e musiche, ho chiesto al nostro illustre narratore: «Allora, signor Giorgio, 53

18 Contrada Ca Baffeno Cà Baffeno torna a giocare agli indiani Contrada Piazzasco La Città del Vaticano presenta: Sister Act Quando si prepara una manifestazione c è sempre un po di preoccupazione sia per l organizzazione che per la buona riuscita dello spettacolo. Fortunatamente, visto anche come era stato negli anni precedenti, sapevo che a Piazzasco la gente partecipa volentieri, ma mai avrei detto che un entusiasmo simile ci avrebbe unito così. Ho avuto aiutanti fantastici e disponibili che hanno collaborato in ogni modo: chi a montare e smontare palchi, chi a cucire quantità industriali di vestiti, chi a colorare la scenografia e chi a curare tutto l aspetto tecnico insomma, devo ammetterlo: siamo una grande squadra! Visto la gran quantità di gente ho cercato di riproporre le scene di un film, Sister Act, a cui avrei potuto far partecipare tutti: piccoli, giovani e anziani. E proprio quest ultimi hanno maggiormente espresso il loro entusiasmo senza vergogna tutti hanno dato il meglio di sé! È stata un esperienza divertente e, indipendentemente dal risultato finale, è stata bellissima tutta la fase della preparazione. Ritrovarsi la sera tutti insieme a provare e riprovare (e ancora e ancora ) è stato magari faticoso ed impegnativo ma, ve lo assicuro è stato anche un modo speciale per stare insieme e fare tante risate! E la soddisfazione più grande è stata sentirsi dire alla fine dello spettacolo: «Nooo, è finito tutto Che peccato Mi divertivo così tanto Dai, Elena, l anno prossimo cosa facciamo?». E quindi, arrivederci all anno prossimo! Elena Todeschini Mentre tutte le contrade si sono impegnate per riprodurre qualche celebre scena di film, Cà Baffeno va controcorrente e decide di tornare a giocare agli indiani, coinvolgendo dai bambini più piccoli di 3 anni (Lucia e Nicolò) ai più grandi (fino agli 83 anni, con il nostro Toro Seduto, Cesare). Prima di cominciare a giocare i bambini più intraprendenti, Italo, Norberto, Germano, Cesare, Emiliano e Luca (mi scuso se ho omesso qualcuno), hanno rispolverato tutte quelle pratiche che utilizzavano da bambini per riuscire a costruire, con materiale improvvisato o rubato dalla legnaia del nonno o del papà, archi, frecce, lance, una carovana... Ma hanno fatto del loro meglio con le tende: finché si è trattato di costruirle con materiale di recupero tutto è andato bene, ma quando si sono imbattuti in una tenda già prefabbricata, sono stati guai! Hanno passato una mattinata intera a girare, montare, smontare, hanno chiesto a ogni passante di dire la sua, ma la tenda non stava in piedi. Alla fine il saggio Norberto, stava leggendo casualmente un libro sulla storia degli indiani, una raffigurazione svelò l arcano! Dario, che è la mente, si era impegnato a stendere una sceneggiatura intitolata La Tortura, in cui il villaggio rappresentato era un accampamento della tribù Sioux del grande capo Toro Seduto, dove da poco era terminata una cerimonia rituale con il calumet della pace. Improvvisamente notavano una carovana di passaggio varcare il confine dell accampamento, gli indiani impauriti dai movimenti forestieri, li attaccavano e catturano Billy the Kid e due donne bianche. Il povero cowboy era condannato al totem della tortura, ma, a seguito di una serie di eventi, riusciva a mettersi in salvo. Quindi facendo il punto della situazione, avevamo: un villaggio, una sceneggiatura, degli attori. Ma la voglia di giocare e divertirsi prevaleva e le prove si trasformavano o in una gara di tiro a segno con archi e frecce (con tanto di discussione finale tra Norberto, Italo e Germano su chi avesse colpito o meno il centro), oppure in qualche fantastica battaglia. Insomma, ci siamo ridotti ad un paio di prove la domenica mattina prima dell arrivo degli spettatori! Magari potevamo preparaci meglio per l occasione ma sicuramente abbiamo avuto tempo da condividere con i nostri vicini e vivere la nostra contrada; molti potrebbero pensare che è stato 54

19 tempo sprecato, ma in realtà noi abbiamo, riso, giocato, costruito... insomma, ci siamo divertiti con altre persone. Spesso i bambini giocano a essere adulti, per una volta i matti di Cà Baffeno hanno giocato a fare i bambini; non sappiamo se il nostro spettacolo è piaciuto (anche se pare di sì), ma sicuramente noi ci siamo divertiti un mondo. E pronti a giocare ancora, vi aspettiamo l anno prossimo. Massimo Rocchetti Contrada Cà Previtali Titanic Per non andare a fondo! «Quest anno facciamo uno spettacolo sul film Titanic, vieni a darci una mano?». Con una frase del genere è cominciata la mia avventura con il Sö e Zó de Berbèn 2014! L anno prima era stato faticoso organizzare tutto per lo spettacolo e si trattava di qualcosa di molto più semplice... ma come rimettere in piedi uno dei colossal più colossali della storia del cinema? Non ero presente quando hanno scelto il film da replicare e probabilmente non l avrei mai scelto (troppo melenso, troppo lungo, troppa acqua... insomma, troppo!), ma ho preso atto della cosa e l ho raccolta come una sfida e come una buona occasione per trasformare in qualcosa di divertente e un po folle un classico del cinema troppo romantico! Ahah! Ci siamo messi al lavoro mesi e mesi prima (pensando inizialmente di andare in scena a giugno), ma il tempo è stato tutto necessario! Abbiamo cominciato con la stesura del copione e l assegnazione delle parti (che ha visto cambi continui fino a pochi giorni prima dello spettacolo, con mia somma dose di esaurimento nervoso, lo ammetto), per poi iniziare le prove. Fino a poco tempo prima dello spettacolo (complici anche le assenze dovute alle vacanze di tanti dei partecipanti e a impegni di lavoro) le prove continuavano a essere preoccupanti, viste dal mio punto di vista... ma, proprio quando cominciavo a rassegnarmi al fatto che non stavo lavorando con una compagnia di attori ma con gente che cercava di fare del suo meglio, ecco che hanno saputo sorprendermi proprio il giorno dello spettacolo! No, non sono stati perfetti, ma sono stati bravi! Hanno fatto divertire e si sono divertiti: questo è il più grande successo che potessi aspettarmi da questa sgangherata compagnia. Vorrei ringraziarli uno per uno, ma nel timore di dimenticare qualcuno sarò più generica. Voglio ringraziare chi ha scritto con me il copione, chi si è prestato a recitare (consapevole che sono una regista piuttosto puntigliosa ed esigente), chi si è occupato di montare il palco e preparare le scenografie, chi ha prestato assistenza alla distribuzione dei pasti, chi ha fornito attrezzature audio e costumi... insomma, tutti, assolutamente tutti. Lo so che ogni tanto mi hanno fatta disperare e spesso mi sono lamentata con loro, però sono una bella squadra e, anche solo per avermi sopportata, si meritano un grande applauso. Lo spettacolo che abbiamo messo in scena ha saputo essere (almeno spero!) una divertente e ironica parodia di Titanic con finale decisamente a sorpresa! Romina Tamerici 55

20 Contrada Piazza Full Monty Squattrinati Berbennesi... organizzati! «Ghé la crisi dà ché!». Eh già, neanche qui a Berbenno, che trent anni prima era il fiorente centro delle tornerie di legno della Valle Imagna, riusciamo a sfuggire da questa situazione... O meglio: maledizione. E come si può fare, con il mutuo da pagare, i soldi da dare alla ex moglie, l officina che chiude e un bebè in arrivo se il lavoro non c è? La contrada della Piazza ha deciso di rispondere a questi quesiti con un film degli anni Novanta, vincitore di un Premio Oscar: Full Monty. Alcuni di voi lo ricorderanno per le avventure di sei uomini inglesi disoccupati che decidono di fare soldi e risolvere i loro problemi preparandosi ad uno spettacolo di streap tease con tanto di servizio completo (cioè slip vietati). Ma se non l avete mai visto, ecco che il gruppo della Piazza si è cimentato in 40 minuti di spettacolo su modello del celebre lungometraggio. Sei uomini (Paolo, Gianmario, Vincenzo, Emanuele, Sandro e Ruggero), prima lavoratori di tornerie e negozi di Berbenno e ora, stanchi a causa dell assenza di lavoro che sta schiacciando il portafoglio e con un futuro sempre più incerto, per rimediare alle loro lacune finanziarie si mettono in gioco organizzando uno spogliarello, tra risate, difficoltà, corna pesantissime (e, a quanto sembra, carissime) e impiegate maliziose... Il risultato? Un successo sbalorditivo! Dietro le quinte di tutto questo ambaradan, tra risate, sudate, corse per cambiare gli abiti tra una scena e l altra e balli che sono riusciti a trasformare dei pezzi di legno in delle star del burlesque versione macho man (paragone molto azzardato: spero i protagonisti non me ne vogliano male!), sono stati due mesi di preparazione intensi ma belli e divertenti: penso proprio che non riusciremo a dimenticare questa esperienza tanto facilmente, specialmente gli ultimi giorni con la tensione che è salita a dismisura! E l ultimo giorno, quello dell esibizione dal vivo? È stata una vera soddisfazione vedere il pubblico ridere e applaudire, ma tanti di noi non si sono ancora resi conto che quei 40 minuti di spettacolo, per noi, tra attori, comparse e aiutanti, sono volati! Il nostro intento è stato far ridere il pubblico per una volta soltanto e questo obiettivo è riuscito in pieno... In questi tempi difficili, farsi una risata è importante! E così siamo di nuovo carichi per preparare lo spettacolo dell anno prossimo, specialmente dopo questo successo, che alla fine ci ha unito un po tutti quasi come se fossimo una grande e pazza famiglia! Chissà cosa avrà in mente il nostro buon regista Sergio per il Sö e Zó de Berbèn del 2015! Boh, mistero! Luana Nava Dalla parte dello spettatore... Domenica 14 settembre 2014 per le vie del paese di Berbenno si è svolta la terza edizione del Sö e Zó de Berbèn, una lunga camminata non competitiva per mulattiere, scorciatoie, strade poco conosciute che uniscono le varie contrade del paese. La particolarità di questa manifestazione è che in ogni tappa raggiunta dai partecipanti gli abitanti di quella zona mettono in scena una rappresentazione inerente al tema della camminata. Quest anno l argomento è stato Hollywood. 56

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli