news Mentre questo numero di Aretaeus News, dedicato a Paolo Centro Lucio Bini Newsletter STELLE CADENTI ANDREA DOTTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "news Mentre questo numero di Aretaeus News, dedicato a Paolo Centro Lucio Bini Newsletter STELLE CADENTI ANDREA DOTTI"

Transcript

1 ARETÆUS news Centro Lucio Bini Newsletter Settembre 2007 Anno III, Numero 3 STELLE CADENTI La mattina del 10 agosto se n'è andato il Professor Paolo Pancheri, colpito da un infarto. Abbiamo pensato di dedicare a lui questo numero della rivista perché molti dei colleghi del Centro Bini lo hanno conosciuto e stimato, gli sono stati amici e hanno voluto condividere le loro memorie. Con Paolo Pancheri scompare un personaggio altamente rappresentativo della Psichiatria Italiana, si potrebbe dire, senza tema di smentita, che egli abbia contribuito a scriverne, in modo significativo, una pagina estremamente importante della sua storia recente. Gli anni della sua formazione erano gli anni nei quali la psichiatria italiana non aveva ancora una propria identità e veniva per questo definita "ancella" o "complemento" delle scienze neurologiche, anche se aveva comunque davanti a sé alcune potenziali linee di sviluppo, già intraprese in altri paesi del mondo occidentale. In quel periodo, conclusasi la parentesi importante del periodo dominato dalla figura di Ugo Cerletti, nel nostro paese in modo più accentuato rispetto al resto del mondo, si imposero le contraddizioni esplose sulla scia della contestazione al modello di assistenza manicomiale. Queste, a partire dai primi anni '60, condussero a una devastante deflagrazione dell'identità della psichiatria, che nei casi più estremi addirittura giunse a perdere la sua connotazione di disciplina clinica al servizio della cura dei pazienti. In questo clima storico Paolo Pancheri muoveva i suoi primi passi come psichiatra. Convinto fautore dell'importanza di aprire i manicomi, di diffondere l'assistenza sul territorio e di dare la priorità agli interventi di prevenzione, tutti capisaldi teorici alla base del modello d'assistenza proposto con la legge 180, già da allora egli era tuttavia nel contempo assertore altrettanto convinto della necessità di mantenere un rigore metodologico inoppugnabile nel metodo clinico, nella definizione dei fenomeni e nella quantificazione dell'efficacia degli interventi. Chi ha avuto il privilegio di leggere la sua tesi di specializzazione, in cui egli affrontò con rara accuratezza il tema dell'inquadramento nosologico delle "bouffées deliranti", ha avuto modo di osservare come, anche alla luce delle conoscenze di oggi, quei suoi primi scritti costituiscano un modello di riferimento per il rigore metodologico dell'analisi fenomenica, per il linguaggio scientifico asciutto, essenziale e conciso e per la lucidità nell'approfondimento dei contenuti esplorati. Già da allora, in quel periodo travagliato di passaggio, di non identità, si iniziava a delineare l'originalità del suo pensiero e la grande statura del personaggio che più avanti tanti colleghi avrebbero apprezzato e stimato. La sua grande intelligenza e profonda cultura, unitamente ad un'intolleranza per ogni forma di massificazione delle idee gli permisero, sullo slancio del suo pensiero progressista e liberale, di apprezzare in modo entusiasta quanto di nuovo la legge 180 portava con sé in termini di rispetto per il malato inteso come "persona umana", rifiutando tuttavia la possibilità che nel furore iconoclasta di quel periodo si rinunciasse al rigore metodologico, che egli invece ha insegnato a generazioni di psichiatri, e che dovrebbe sempre rimanere il pilastro fondante di ogni intervento clinico. Come tutti i veri ricercatori egli si avvicinava al paziente e al lavoro clinico come serbatoio di esperienza e materiale utilizzabile per la cura degli altri pazienti. Da questo stato d'animo nasce la stesura del primo Manuale di Psichiatria, concepito e immerso nella clinica, che porge una descrizione immediata quanto profonda della materia e degli strumenti disponibili, frutto di uno spirito di osservazione e di un'acuzie interpretativa non comuni. Per chi, giovane medico, entra oggi nel mondo della Psichiatria, ANDREA DOTTI Mentre questo numero di Aretaeus News, dedicato a Paolo Pancheri, va in stampa, ci giunge la tristissima notizia che un altro caro amico e collega, un altro di noi, Andrea Dotti è mancato. Ci sentiamo turbati. Era un uomo di grande gentilezza, con un suo humor spontaneo e intelligente. Aveva avuto molto dalla vita; intelligenza, spirito, classe, bontà d'animo, successo e soprattuto era un gran signore. Forse per questo non conosceva l'invidia nemmeno nell'ambito accademico dove nasce facilmente. Come psichiatra era bravissimo ed era forse l'unico che conosceva e usava ugualmente bene la psichiatria biologica e le sue cure farmacologiche e la psicoterapia. Gli volevamo tutti bene. Ci mancherà molto. Athanasios Koukopoulos ANCHE IN QUESTO NUMERO: l articolo (pagina 6) libri (pagina 7) appuntamenti (pagina 8) Copyright Centro Lucio Bini

2 paolo pancheri (dalla pagina precedente) IN RICORDO DI PAOLO PANCHERI 16 giugno agosto 2007 La psichiatria italiana ha perso una grande figura. "È stata una figura di straordinario valore - ha affermato il preside della facoltà di Medicina di Roma - uno studioso di rilevanza internazionale nel mondo della psichiatria. Pancheri ha dato un contributo importante, essendo stato tra i primi in Italia a coniugare la psichiatria classica con la psichiatria di approccio biologico". Nacque a Milano nel Dal 1983 è stato Professore Ordinario di Psichiatria presso l'università degli Studi di Roma "La Sapienza". Autore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche su argomenti di Psicometria, Psicologia clinica, Psicopatologia, Psicofarmacologia, Psiconeuro-endocrinologia. Inoltre, curatore di numerosi volumi sugli stessi argomenti, fra cui spicca il Trattato di Medicina Psicosomatica (Uses Editore). Insieme al Professor Cassano è stato coordinatore delle tre edizioni del "Trattato Italiano di Psichiatria" (Masson Editore). È stato Presidente della Fondazione Italiana per lo studio della Schizofrenia (FIS) e della Società Italiana di Psicopatologia (SOPSI), direttore della Rivista di Psichiatria (Pensiero Scientifico Editore) e del Giornale Italiano di Psicopatologia. l'identità ippocratica di questa disciplina e l'importanza del rigore metodologico nell'approccio clinico potrebbero essere elementi ovvi, evidenti e scontati. Ma per chi come noi si laureava negli anni '80, la psichiatra era in realtà una sorta di Babele di linguaggi, scarsamente comunicanti. Noi collaboratori stretti di Paolo Pancheri avevamo in quell'epoca la sensazione di essere dei fortunati, dei privilegiati, cui era concesso di muoversi in una piccola oasi. Esigeva infatti da noi che ogni cosa detta o ogni idea espressa fossero sostenute da un solido "razionale". In quel periodo identificavamo l'approccio di Paolo Pancheri alla clinica con quella domanda "dov'è il razionale?", domanda che ci poneva sempre quando esponevamo un'idea o proponevamo un modello, relativamente all'analisi di un caso clinico, o alla terapia prescritta a un paziente. Oggi siamo convinti che la componente più importante dell'eredità che ci ha lasciato, profondamente radicata nel nostro approccio clinico, sia proprio rappresentata da questa tendenza a interrogarci sempre sul "razionale" delle cose. Fine precipuo di tutta la mole del suo lavoro è stata sempre la cura dei pazienti e negli anni la clinica è sempre stata al centro del suo operare. Con non meno dedizione e passione egli ha sempre curato la didattica, si avvicinava all'insegnamento universitario quasi con solennità. Trasmetteva l'amore per la materia ogni anno, ad ogni lezione, quasi come lo riscoprisse dentro di sé. Ciò che catturava sempre tutti coloro che hanno avuto modo di ascoltare le sue lectures, ciò che faceva sì che nella sala si adagiasse un attento silenzio era il rigore metodologico con il quale egli affrontava qualsiasi argomento. La trattazione si snodava passo passo, con una coerenza generalmente inattaccabile, guidata dal principio organizzatore, scheletro portante da lui individuato, che colpiva per l'originalità e perché foriero di una gemmazione di riflessioni. Nel tempo diapositive sempre più raffinate sono divenute un pregevole supporto alla costruzione teorica. Anche in questo riceveva un grande aiuto dalla sua incredibile creatività, con cui selezionava una pletora di immagini simboliche, che inframmezzava con sapienza tra quelle tecniche. Anche in questo infaticabile, curava con perizia certosina la selezione di questo materiale, una ricerca costante di strumenti che facilitassero la comunicazione, l'individuazione ma anche la verifica dell'ipotesi e quindi la conferma. Vere maratone di scienza per noi collaboratori. Sempre alla ricerca di strumenti comunicativi che favorissero e migliorassero la comprensione intuitiva e non solo, ha introdotto l'utilizzazione delle pellicole cinematografiche come supporto didattico. Pioniere in Italia, anche a questa metodica si dedicava in prima persona, la sua passione per il cinema guidava la scelta dei film e la creatività, la preparazione dei montaggi. Subito dopo il Manuale di Psichiatria dette alle stampe il suo primo lavoro importante, "Stress, emozioni e malattie", lavoro originalissimo e ancora molto attuale, in cui introdusse per la prima volta il metodo scientifico nella psicosomatica italiana. Le idee divulgate in questo primo lavoro vennero presto estese e approfondite nel fortunatissimo "Manuale di Psicosomatica", ampia opera di taglio clinico in due volumi, che rappresenta ancora oggi dopo oltre vent'anni un punto di riferimento in questo settore della trattatistica medica. Mai pago, sempre pieno di entusiasmo, costantemente si poneva nuovi orizzonti da esplorare e nuove mete da raggiungere. Fu così che investì tutte le sue energie in un grande progetto, ancora più impegnativo, che rappresentava nello stesso tempo il tentativo di realizzare il punto di riferimento clinico-scientifico per lo psichiatra italiano, ma che aveva anche nel contempo l'ambizione di favorire la rinascita di questa disciplina, catalizzandone la riorganizzazione dopo lo tsumani delle contestazioni anti-psichiatriche degli anni '60 e '70 e coagulandola intorno ad un'identità in linea con gli standard nord-americani. Con queste grandi idee in mente, dal 1990 fino al 2

3 momento della sua scomparsa è stato l'anima e la forza trainante del comitato dei nove editor del Trattato Italiano di Psichiatria. Si tratta di opera in tre volumi, frutto degli sforzi di oltre 180 autori, coordinati in modo mirabile dal suo grande carisma e dalla sua carica di entusiasmo. È del 1992 l'uscita della prima edizione, seguita poi nel 1999 dalla seconda, completamente rinnovata. Successivamente, sempre per la serie del Trattato Italiano di Psichiatria, fu attivata una collana di opere monotematiche, che consentissero un più rapido aggiornamento, per la quale nel febbraio 2008 è prevista la pubblicazione del volume da lui coordinato sulla schizofrenia. Al di là del pregio scientifico di queste opere, riteniamo che il grande merito di Paolo Pancheri sia stato soprattutto questo, cioè quello di aver traghettato l'identità della Psichiatria, una volta accettato e metabolizzato il messaggio innovativo della legge 180, verso la sua forma attuale, in cui umanesimo e tecnologia coesistono in un approccio clinico, che viene di volta in volta calibrato su ogni singolo caso clinico, visto prima come persona e poi inquadrato nell'ambito di una diagnosi psichiatrica. Il suo interesse per la psicopatologia dimensionale, nasceva appunto da questo desiderio di superare la rigidità spersonalizzante che caratterizza l'inquadramento categoriale, per ottenere invece una definizione più particolareggiata di ogni presentazione fenomenica. Questi sforzi, per dare vita ad un nuovo modello di identità dello psichiatra italiano, necessitavano anche di una adeguata cornice, un luogo di incontro nel cui ambito organizzare meeting annuali, spazi per il confronto delle idee, per lo scambio delle opinioni e delle esperienze cliniche. Con la fondazione della Società Italiana di Psicopatologia (SOPSI), da lui pensata e voluta insieme agli Editor del Trattato Italiano di Psichiatria, egli ha voluto appunto creare questo contenitore, in cui fosse possibile lo scambio delle idee, al di fuori dei pregiudizi e delle rigidità di pensiero che spesso caratterizzano il mondo accademico. Con il Congresso Nazionale Annuale della SOPSI previsto nel febbraio 2008, Paolo Pancheri ne avrebbe celebrato la sua dodicesima edizione. Con la sua scomparsa tanto prematura quanto improvvisa, lascia un vuoto incolmabile dietro di sé. Noi che abbiamo avuto il privilegio di essere suoi allievi, ma anche coloro che lo hanno conosciuto a formazione ormai ultimata, lo ringraziamo per aver favorito la riorganizzazione dell'identità della psichiatria italiana dalla frammentazione da cui era uscita al termine del periodo della contestazione anti-manicomiale. Senza di lui la psichiatria italiana di oggi non sarebbe come siamo abituati a conoscerla. Per noi che siamo cresciuti con lui, che lo abbiamo avuto come maestro, il desiderio più grande è che ci resti dentro un po' di quella paolo pancheri (dalla pagina precedente) sua grande forza, quella che tutti colpiva e tutti ammiravano e che gli ha permesso di portare avanti progetti così ambiziosi, ma che non scalfivano quella sua grande carica di umanità, quella con cui riusciva a far sentire sempre a proprio agio tutti i pazienti con cui entrava in contatto. Roberto Delle Chiaie e Maria Caredda SPDC DAI Salute Mentale Azienda Clinica Policlinico Umberto I Sapienza Università di Roma Vorrei ricordare qui Paolo negli anni di gioventù, gli anni '60 e '70, gli anni della specializzazione, della Belvedere Montello, del Centro di Via Crescenzio 4. Da quando non c'è più, penso a lui solo in quegli anni; forse perchè eravamo giovani ma sopratutto perchè ci legava una grande amicizia e un profondo affetto. Paolo era molto allegro, pieno di vita e di interessi. La sua intelligenza era brillante e acuta e spesso si esprimeva con ironia, cosa che lo ha caratterizzato per tutta la vita. Ma in quegli anni la sua ironia era allegra e senza quelle sfumature di scetticismo e di amarezza che ha avuto nei decenni successivi. Nel 1968, credo, venne a lavorare nella nostra clinica, la Belvedere Montello. Erano belle le nostre serate d'estate nel giardino. Parlavamo di tutto. Aveva una grande intelligenza clinica. Le cartelle della clinica sono piene della sua scrittura chiara con ogni tanto uno svolazzo espansivo, come il suo temperamento. E sono piene della sua intelligenza. Ora quelle cartelle mi sono preziosi ricordi e le conserveremo per sempre. La sera e fino a notte profonda su quel tavolo della Direzione scriveva il suo Manuale di Psichiatria, primo passo verso la cattedra, come, circa alla stessa età, aveva fatto Kraepelin. Nel 1970 Paolo, Andrea Dotti, Alberto Gaston, Nicola Lalli e io aprimmo il Centro di Via Crescenzio 4. Poco dopo si aggiunsero Antonio Bernabei, Benedetto Caliari, Paolo Girardi, Vittorio Guidano, anche lui ora una grande assenza, Gianni Liotti, Daniela Reginaldi e Leonardo Tondo. Nel 1976 Paolo si trasferì a Via Tacito e anche Dotti, Gaston e Lalli, seguendo le loro attività universitarie, lasciarono quello studio. Ma l'amicizia con Paolo non è mai diminuita anche se ci vedevamo molto meno. Varie volte mi sono venuti a dire che Paolo diceva che ero stato io il suo maestro. Non so se lo diceva perchè ne era convinto o se esagerasse solo per affetto. Proprio per questo affetto che ci ha sempre legato anche queste parole ora mi commuovono e sento profondamente la sua assenza. Athanasios Koukopoulos "La ricerca è prima di tutto ordine": Paolo Pancheri, amico brusco nei modi quanto sollecito nell'attenzione, significa nella mia memoria "il metodo". Di lavorare, di far ricerca, di raccontare. Sarebbe riduttivo ed errato dire che non c'è più: tante abitudini, talvolta anche riassunte in motto, sono diventate anche mie. Dopo poco più di due lustri di gomito a gomito anche nei contenuti, ci siamo ritrovati a percorrere rami diversi di quel delta che - nelle scienze 3

4 paolo pancheri (dalla pagina precedente) comportamentali - fa sfociare il fiume del desiderio di sapere nel mare di una provvisoria conoscenza. E per oltre trent'anni, nelle occasioni sempre più accidentali di incontro, potevamo parlarci e ascoltarci usando la lingua comune della sperimentazione, la sua lingua. Nessun limite apriori alle curiosità, anche ardite purché non gratuite; rigore intransigente nella definizione di obiettivi e metodi; sincera disponibilità ad accogliere qualsiasi risultato, anche indesiderato. Credo fosse qualcosa di più, di più personale, che non un habitus da ricercatore: gli stessi atteggiamenti hanno sempre informato i suoi rapporti con i collaboratori, con gli studenti specializzandi, con i colleghi di lavoro, e qualche volta anche irridenti serate conviviali. Fortemente attratto e stimolato dalla cultura psicologica e psichiatrica made in USA, tornava dai suoi frequentissimi viaggi oltre oceano con sempre nuovi progetti. Già, tornava con progetti e non con acquisizioni, perché si innamorava delle cose non chiarite, dei risultati non generalizzati, dei dati che non lo convincevano pienamente. E giù ricerche per saziare questo appetito di scoperta. Ma poi era curioso anche delle "scoperte" tue, che ti lasciava inseguire in totale autonomia, purché rispettassi il "metodo". Paolo "l'americano" che si divertiva a provocare con gesti surreali e scampoli di look texano da film americani di cassetta, o che vagheggiava di introdurre nel suo reparto esercitazioni antiincendio quali ammende del ritardo nella raccolta di dati. Ma Paolo "san Tommaso" che non credeva a nulla senza prove, e ci abituava a non credere a nulla senza prove, e si scopriva che cercar le prove a volte può essere un piacere in sé. Quante volte disegnare una ricerca è stato più emozionante della sua attuazione. E così, intorno e vicino a lui, era un continuo interrogarsi reciprocamente, mettere in discussione quasi tutto, sfidarsi a trovar punti deboli: con lui, ma anche senza. Un gruppo anarchico nei contenuti e con regole ferme nel metodo. Con Paolo "possessivo": o si stava dentro o si stava fuori, nessun "turista"; senza rancore. Le telefonate e gli sms che mi ripetevano che si era fermato il suo cuore, mi stavano dicendo che se avevo qualcosa di suo era tutto quello che ne restava. Mi sono guardato dentro: resta tantissimo. Ne ho le prove. E il metodo per leggerle. Roberto Mosticoni Psicologo Era il 1972 e frequentavo quello che allora era l'istituto di Psichiatria, "la Neuro", come studente volontario di psicologia, e gli psichiatri, già professori o didatti capogruppo mi sembravano idoli da emulare e da distruggere al tempo stesso, forte di quella ingenua e passionaria forza dei vent'anni e del vento della psichiatria democratica, che allora aleggiava violento fra gli studenti e non solo. E Paolo Pancheri, ammirato e stimato da papà Reda (così chiamavamo tra di noi, affettuosamente, il Professor Gian Carlo Reda allora direttore dell'istituto) era uno di quelli, da ammirare e temere, da emulare e combattere, con le sue doti al comando già evidenti unite ai suoi tratti e atteggiamenti spiritosi e originali che ricordavano la beat generation. Così il mio primo ricordo di Pancheri risale a quel periodo. All'anno della fondazione della rivista di Bio-Feedback e Terapia del Comportamento, da lui appena costituita e diretta, alla quale il mio maestro Vittorio Guidano, mi chiedeva, in accordo con Paolo Pancheri, di collaborare. Ero lusingata e preoccupata, obnubilata dalle passioni politiche e combattuta tra quelle per la scienza e la ricerca, incerta, non sapevo cosa scegliere. Decisi di dire di no, con l'ingenuità dei vent'anni! Ciò nonostante da quel momento Paolo Pancheri fu per me l'amico e il collega - ci siamo sempre dati del tu che si occupava di behaviour therapy in modo scientifico (il Bio-Feedback, i test e tutto il laboratorio di psicovalutazione), portando i metodi e le procedure americane più all'avanguardia, nel nostro Istituto ancora troppo italiano, ma anche il nemico psicofarmacologo, espressione di quella psichiatria biologica che non condividevo e contrastavo nelle prime fasi della mia formazione psicoterapeutica. Eppure fumava la pipa, una pipa con su stampata la bandiera americana, indossava giubbotti di pelle alla Easy Rider (ancora oggi a volte ne portava uno), scherzava mimando Peter Sellers, era trasgressivo ed anticonformista, cosa fare? Sicuramente volevo osservarlo e ascoltarlo attentamente, non certo per cogliere le contraddizioni della psichiatria biologica, ma per imparare comunque da lui la precisione metodologica e scientifica, l'esperienza clinica, l'acume del ricercatore e l'ironia della sua intelligenza. Voci più autorevoli della mia e di chi ha lavorato con Paolo a più stretto e quotidiano contatto, potrebbero dire quella che è stata per quarant'anni la sua carriera e la sua presenza prestigiosa nella psichiatria. A me rimangono in mente le occasioni più private degli ultimi anni. Alcuni momenti di colloquio e scambio di opinioni, come le riunioni della I Scuola di Specializzazione in Psichiatria da lui diretta (nella quale, per sua esplicita volontà e richiesta, ho avuto ed ho ancora l'onore di insegnare Psicoterapia Cognitiva, dopo Vittorio Guidano), oppure i convegni internazionali, come quelli della Società italiana di psicopatologia di cui era presidente, tutti gli anni a Roma. In ognuna di quelle occasioni Paolo ha mostrato un'apertura mentale ed un'attualità scientifica in cui coglieva nessi e intravvedeva legami tra la psichiatria biologica e la psicoterapia colta e scientifica, criticando molte delle angustie riduttive della psichiatria di cui lui stesso faceva parte. Era interessato alle promesse di integrazione che attualmente giungono dai settori più avanzati della ricerca scientifica e delle evidenze sperimentali di ambito biologico, neurobiologico, affettivo e neurologico, che superano la 4

5 obsoleta e riduttiva separazione e diatriba fra psiche e soma, salendo così su un treno che molti suoi colleghi stentano a prendere. Con lui se ne va un grande psichiatra che sapeva pensare, senza di lui finisce un'era della psichiatria universitaria romana alla quale ho avuto la fortuna e l'onore di partecipare. Adele De Pascale Professore Aggregato di Psicologia Clinica Dipartimento Di Scienze Psichiatriche e Medicina Psicologica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Polo Pontino Sapienza Università di Roma Paolo Pancheri's passing saddened both me and Kareen. He certainly was one of the most scholarly, broad and certainly the most colorful Italian psychiatrist. Unlike most psychiatrists, he was a great deal of fun. His yearly conferences in Rome really brought everybody together in a jovial and very comfortable atmosphere. I hope they will continue in his spirit as a memorial tribute to him. Italian psychiatry has lost a man who was on the national and European stage for several decades to represent the cause of a broader and more humanistic and intellectually stimulating psychiatry. Hagop S. Akiskal Sono sempre i peggiori che non se ne vanno. Qualcuno ha detto che se vai in Cina un giorno scrivi un libro, se stai una settimana scrivi un articolo e se stai un mese non scrivi niente. Per Paolo Pancheri ho lavorato vent'anni, quindi immaginate cosa ne posso sapere di lui: niente, appunto, come la maggior parte di voi. So solo che l'ambulatorio che ha impostato funziona bene, diversamente da quelli impostati da altri, so che ha fornito ad almeno una generazione di psichiatri un metodo che consente a professionisti di varia estrazione di fare un minimo di lavoro serio con il paziente. Il resto sono tutte chiacchiere. Come persona generatrice di idee, Pancheri era molto sopra la media, ma diversamente dalla maggior parte della plebe accademica, aveva anche la capacità di mettere le sue idee alla prova e anche la manualità necessaria per fare le cose completamente da solo. Si interessava poco di politicanteria; questo da molti di cui sopra può essere considerato uno svantaggio. Certo è che per trascurare la politicanteria ha dovuto trascurare del tutto la politica e alla fine ha lasciato un degno discepolo, ma forse una scuola non immediatamente apparente. Speriamo che qualcosa di simile a una scuola romana di psichiatria emerga in futuro; se succederà, il suo zampino in un modo o nell'altro ci sarà stato. Giorgio D. Kotzalidis I miei ricordi sono emersi la sera di agosto in cui mi chiamò Adele De Pascale per dirmi di voler scrivere qualcosa su di lui e di dedicargli un numero della newsletter. Non sapevo della sua morte e lei fu dispiaciuta di avermi comunicato la notizia; meglio averla avuta da lei che da altri. Tornai a tavola e gli dedicai un mio brindisi paolo pancheri (dalla pagina precedente) segreto. Non lo vedevo da molti anni, ma stimolato dalla voglia di scrivere su di lui, sono subito emersi vecchi ricordi. Lo rivedo vestito con giubbotto e pantaloni jeans, scarpe da ginnastica che arriva a bordo di un'auto sportiva azzurra. Non so come fossi arrivato nella sua Sezione di Psicologia Clinica che lui dirigeva presso l'istituto di Psichiatria di Roma, visto che il mio interesse per la psichiatria era iniziato con i seminari di psicanalisi. Deve essere stato un caso. Lui mi accolse sorridendo con una grande stretta di mano. L'ambiente, grazie a Paolo, era sicuramente quello più stimolante e divertente di tutto l'istituto. Mi insegnò nei tre o quattro anni che lavorammo insieme a somministrare test psicologici e a pensare alla ricerca psicologica in termini quantitativi. In altre parole a trasformare le esperienze e i comportamenti individuali in dati. Mi insegnò che esisteva la statistica. Lo detestai per questo e gliene sono stato molto grato negli anni. Un grande salto e un'esperienza stimolante, una di quelle che mandano avanti, se non la scienza, almeno la conoscenza. Fu naturale preparare la tesi di laurea con lui e, sulla scia dei suoi interessi, mi mise a lavorare a un progetto di elaborazione computerizzata del test di Rorschach. Parlare di computer negli anni '70 era scienza spaziale. Quello dell'università di Roma era unico per tutti gli utenti e collocato in un grande stanzone. La sua capacità era infinitamente inferiore a quella del portatile da cui scrivo ora. I computer funzionavano con schede perforate che dovevano passare attraverso il cervellone e quando tutto andava bene era motivo di una certa soddisfazione. Non ricordo quante volte feci passare il nostro programma con centinaia di schede, ma alla fine arrivai alla laurea. Se siamo in ogni momento della nostra vita il risultato di tutti i momenti precedenti, lavorare con Pancheri ha poi messo in moto un ingranaggio che, attraverso altre conoscenze iniziate attorno a lui, sono arrivato al mio momento attuale, nel bene e nel male, più bene che male. Negli ultimi tempi mi aveva ripetutamente invitato a presentare simposi al congresso della Società Italiana di Psicopatologia che lui tradizionalmente organizzava a Roma. In quelle occasioni, forse ci siamo incontrati e salutati di sfuggita. Avrei voluto fermarlo, ringraziarlo, chiedergli cosa pensasse di me e del mio lavoro, ma poi non l'ho mai fatto ed è un peccato che possiamo avere bei pensieri sugli altri e finisce che loro non lo sapranno mai. Leonardo Tondo È meglio morire in piedi che vivere in ginocchio. -Dolores Ibarruri 5

6 l articolo appunti sul suicidio fra passato e presente Nessuno sa chi sia stato il primo uomo, o la prima donna a togliersi la vita. Attraverso i miti, gli scritti, le leggi e la religione si ricostruisce l'evoluzione dell'atteggiamento delle società nei confronti del suicidio. Si è passati dal ritenerlo un gesto accettato e degno di ammirazione, a volte addirittura sacro, al trattarlo come uno tra i più gravi peccati mortali e come un crimine. Indubbiamente, lo scarso interesse per la vita in generale indirizzava le convinzioni della popolazione e di conseguenza i miti. Nella mitologia nordica antica, Wotan accoglie nel Walhalla soltanto coloro che sono morti violentemente: i guerrieri e i suicidi. Lui stesso, morto suicida, viene anche chiamato il Signore degli Impiccati dalla tradizione dell'havannah. Presso i Maya Ixtab, la "Signora della Corda" era la Dea dei suicidi e questi andavano in paradiso proprio in quanto erano considerati alla stregua di uomini sacri. Molte culture, quella degli eschimesi, degli antichi scandinavi, dei samoani e degli indiani Crow, ammettevano e incoraggiavano il suicido altruistico da parte dei membri vecchi e malati della comunità. Nell'Antico Egitto veniva concesso di suicidarsi al colpevole di alto rango che così poteva fuggire una morte ignominiosa. Vi è, inoltre, il primo celebre suicidio effettuato da una donna: nel 30 a.c. Cleopatra si toglie la vita per sottrarsi alla prigionia di Ottaviano. Pieno di passione l'altro celebre suicidio leggendario di donna dell'antichità, quello di Didone descritto da Virgilio (I sec a.c.). Nell'Antica Grecia vi sono state molteplici visioni del suicidio. Si può affermare che ogni scuola filosofica avesse la sua propria idea a riguardo. Gli Stoici e gli Epicurei credevano fortemente nel diritto dell'individuo di scegliere come e quando morire; altri erano meno disposti ad accettare l'idea. Ad Atene e Tebe il suicidio non costituiva violazione della legge, ma a chi si uccideva erano negati i riti funebri e la mano che aveva compiuto l'atto veniva amputata. Aristotele riteneva che il suicidio, oltre ad essere un gesto contro la legge, era anche un atto di codardia. Un'opinione analoga era di Pitagora. Tutte le dissertazioni sul suicidio erano improntate sull'equilibrio e la sobrietà: il togliersi la vita era scelta personale, anche se grave, ma in nessun modo tale gesto doveva essere un'offesa agli dei. L'impulso stesso alla morte doveva, inoltre, essere nobile e glorioso, tanto che a Mileto il Senato si oppose a un'epidemia di suicidi di fanciulle e adolescenti perché ritenuti immotivati. Per contro a Massilia, se un cittadino riusciva a giustificare la sua scelta di morte gli veniva dato modo di eseguirla a spese dello stato. In tal modo si comincia ad analizzare il problema del suicidio da una diversa prospettiva: non più la condanna o l'accettazione dell'atto in sé, bensì l'analisi e la valutazioni della ragioni che spingono al gesto suicidarlo. Se vogliamo è la prima analisi sulle cause del problema. Il diritto romano proibiva in modo esplicito il suicidio, se non conseguenza di disturbo mentale e, nel tardo Impero, negava addirittura il passaggio ai legittimi eredi dei possedimenti e delle proprietà dei suicidi. Nonostante ciò, il suicidio era da molti considerato un atto eroico ed espressione massima di dignità, di libertà e di virilità. Seneca afferma: "Come sceglierei la nave sulla quale viaggiare e la casa in cui abitare, farò lo stesso con la morte quando vorrò uscire dalla vita La legge eterna non ha fatto niente di meglio di questo: ci ha dato un solo modo per entrare nella vita, ma molte possibilità di uscirne" (Lettere a Lucilio, Lib VIII, Lettera 70). Nella Bibbia si narrano alcuni episodi di suicidio. Nell'Antico Testamento sono cinque (Abimelech Gdc 9, 50-57, Sansone Gdc 16, 22-31, Saul 1 Sam 31, 1-13, Achitofel 2 Sam 17,23, Zimri 1 Re 16, 15-18, Razis 2 Mac 14, 37-46). Mentre l'unico suicidio riportato nel nuovo testamento è quello, peraltro dubbio, di Giuda Iscariota (Mt 27, 3-5, At 1, 15-20). Non si leggono mai parole di condanna. Potremmo anzi dire che i suicidi sono descritti o come gesti eroici che meritano rispetto, o come gesti ridicoli di personaggi grotteschi o, infine, come espiazione massima per una colpa commessa. Tanto più che l'evento fondatore del cristianesimo è il sacrificio volontario (leggi suicidio altruistico) di Gesù Cristo. Sull'esempio di Cristo sono numerosi i martiri dei primi secoli della cristianità, tanto che i Padri della Chiesa cominciarono ad interrogarsi sulla questione. Sant'Attanasio, pur condannando il principio per cui i cristiani si toglievano la vita, non riesce a biasimarli al pensiero dell'esempio dato da Cristo. San Gregorio di Nissa esprime apprezzamenti per la morte volontaria del martire Teodoro. San Gerolamo non risolve la contraddizione: egli condanna i cristiani che si tolgono la vita e loda le fanciulle vedove pagane che si danno la morte invece di risposarsi. San Clemente d'alessandria è pressoché il solo a condannare senza ambiguità il suicidio dei cristiani: "coloro che si uccidono hanno una visione falsa del martirio e oltraggiano la volontà divina". Come molto spesso accade, la lotta contro alcune correnti eretiche ha condotto a un indurimento delle posizioni dottrinali e disciplinari. Nel 348, il concilio di Cartagine condanna la ricerca della morte volontaria, come reazione contro il Donatismo, che esaltava tale pratica. Nel 381, il Vescovo di Alessandria, Timoteo, decide che non ci sarà più pietà per i suicidi. L'indurimento dottrinale è ancora più netto con Sant'Agostino ( ). Nel De Civitate Dei annuncia la rigorosa dottrina che diverrà, da quel momento, la posizione ufficiale della Chiesa: "Chi uccide se stesso, uccide un uomo". Un'interessante curiosità: Sant'Agostino era detto il "martello dei donatisti". Diventato vescovo di Ippona (oggi in Algeria) nel 395, si impegnò, infatti, a combattere contro i donatisti per parecchi decenni. Agostino fu il trionfatore della disputa di Cartagine del 411 (un dibattito tra cattolici e donatisti) e domandò pubblicamente che il potere dello stato venisse usato contro i donatisti. Death of Socrates (Jacques-Louis D Nel VI e nel VII secolo la chiesa codificò la propria posizione scomunicando chi si dava la morte e negandogli i riti funebri. La condanna cristiana del suicidio ha, ovviamente, avuto una grande influenza per molti secoli. Dante ( ) condanna i suicidi senza esitazione, seppur con grande umanità, relegandoli nel XIII girone dell'inferno con le sembianze di alberi secchi grondanti sangue. Le cronache riportano, in verità, pochi casi di suicidio per tutto il Medio Evo. In più di Mille anni non si conosce neanche un suicidio celebre. In parte ha sicuramente influito la condanna della Chiesa, in un periodo in cui questa deteneva un enorme potere. Ma la vita stessa dell'aristocrazia guerriera dell'epoca (tornei, guerre) presentava delle condotte sostitutive al suicidio che sono state interpretate come "suicidi indiretti". I contadini e gli artigiani si suicidavano per fuggire la miseria e la sofferenza; i cavalieri e il clero si uccidevano per sfuggire alle umiliazioni. Profanare i cadaveri dei suicidi era prassi comune. La Chiesa, attraverso la condanna del suicidio e la minaccia della dannazione eterna, aveva trovato un metodo assai efficace per controllare la vita degli uomini. Non è un caso che il termine stesso di suicidio sia stato usato per la prima volta soltanto nel 1737 da l'abate Desfontaines, scrivendo uno degli articoli per la Grande Enciclopédie. Solo molto lentamente l'atteggiamento di condanna contro il suicidio andò attenuandosi, se non nella Chiesa, almeno nella società 6

L autocura dell ansia e della depressione

L autocura dell ansia e della depressione L autocura dell ansia e della depressione Il particolare tipo di documentazione necessaria alla stesura del libro è basato sulla lettura di molti articoli e testi pubblicati su riviste, giornali di settore

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA C è una giovane speranza dell Università di Catania, Lucia Gionfriddo. C era, anzi. Perché un male incurabile l ha trascinata via in una manciata di giorni. Pensa. Era un

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro

A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro A Maria Grazia e Alberto, veri ispiratori di questo libro Luigi Casa Monica Vincenzi Finalmente Beatrice Un viaggio nella Divina Commedia Prefazione di Alberto Bermolen e Maria Grazia Dal Porto Introduzione

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Gustavo Rol Il mistero

Gustavo Rol Il mistero Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) E stato uno studio personale che ho affrontato sia nel corso di apprendistato che a casa. Mi piacerebbe che altri

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Benessere e Salute LA DEPRESSIONE

Benessere e Salute LA DEPRESSIONE Benessere e Salute (Dr.ssa Donatella Steck 1 ) LA DEPRESSIONE Depressione è la condizione patologica cui va incontro nel corso della vita tra il 7 e il 15% delle persone. Può insorgere anche senza un evento

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo E con profonda commozione e viva partecipazione che scriviamo della scomparsa di Daniel Stern, psicoanalista americano

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Quella baldanza tutt altro che ingenua

Quella baldanza tutt altro che ingenua Quella baldanza tutt altro che ingenua Quest anno, per cause di forza maggiore, ho dovuto lasciare la Lidl di Campi Bisenzio e mi sono ritrovato a fare il capo equipe, diciamo in compartecipazione, alla

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

Indice. I. Dal cervello alla mente

Indice. I. Dal cervello alla mente Indice Prefazione... xi I. Dal cervello alla mente Dal cervello alla mente... 3 La frenologia... 7 La nascita della neuropsicologia... 9 Conseguenze comportamentali delle lesioni cerebrali...19 Un cervello,

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale

Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Premessa Ti do i miei occhi laboratorio di educazione sentimentale Partendo dall esperienza dello scorso anno che ha visto impegnate n.8 classi di scuola secondaria di I e di II grado (di Milano e delle

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch

La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch La psicoterapia della Gestalt, come anche l approccio fenomenologico/esistenziale, mette al centro dell attenzione l esperienza che l essere

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli