Indice. 1 Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 Introduzione ----------------------------------------------------------------------------------------------- 3"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI ETNOMUSICOLOGIA LEZIONE V LE FUNZIONI DELLA MUSICA PROF. MARIO FRAGNITO

2 Indice 1 Introduzione Funzione di intrattenimento Funzione di supporto delle istituzioni religiose e sociali Funzione della risposta fisica e terapeutica della musica Funzione della rappresentazione sociale Funzione didattica, comunicativa e di socializzazione di 12

3 1 Introduzione La musica riesce ad esprimere in modo sonoro la vita degli uomini infatti le sue funzioni sono molteplici e in genere si sovrappongono. La caratteristica capacità evocativa e immaginativa della musica e il fatto di essere il linguaggio più specifico degli affetti e delle emozioni la rendono lo strumento ideale per amplificare e rendere più profonde le varie esperienze umane. Per meglio comprendere ciò è bene fare una premessa sulle specifiche caratteristiche della musica, volendo semplificare possiamo dire che essa si rappresenta con due modelli chiari e precisi, uno che predilige la continuità del suono e si manifesta nella cantabilità, nel bel canto e in questo caso spinge chi ascolta alla riflessione, alla contemplazione, al distacco dal materiale, alla trascendenza, ai valori spirituali. Un altro modello di rappresentazione della musica è quello che predilige il suono inteso come percussione e quindi evidenzia il ritmo. L uomo tramite quest ultimo esplicita la sua fisicità, l azione del corpo, il movimento nel tempo, la periodicità ed il fluire della vita. Già nel descrivere gli usi sono state evidenziate alcune funzioni della musica ma per chiarezza è opportuno individuare e analizzare brevemente le più evidenti tenendo presente che ogni evento musicale è comunque sempre multifunzionale. 3 di 12

4 2 Funzione di intrattenimento A differenza delle altre culture, la musica in occidente ha assunto una funzione principalmente edonistica e di intrattenimento. Spesso noi occidentali ascoltiamo la musica per intrattenimento, perché capace più di ogni altra attività culturale di liberare il nostro immaginario e quindi le nostre emozioni. La ascoltiamo per sentirci vivi, talvolta per non sentire la nostra solitudine, per sentirci parte di un insieme più ampio, per immedesimarci nel suo fluire in modo da assumere la sua dinamicità ed acquisire una presenza, una vera dimensione nello spazio. Spesso la ascoltiamo per evadere dalla realtà. Ciò è dovuto alle condizioni di vita dell uomo nella società moderna che determinano un senso di solitudine, non ci gratificano e comunque non riescono a dare un senso alla nostra vita. Scegliamo la musica come mezzo di intrattenimento anche grazie alla grande facilità con la quale possiamo ascoltarla, alla sua enorme diffusione e trasportabilità (CD, radio, ecc..) ma così tendiamo ad isolarla da qualsiasi contesto sociale e la esaminiamo come fosse un oggetto autonomo, indipendente, dimenticando la vera funzione primaria per la quale è stata composta. La musica acquisisce sempre più autonomia dal contesto sociale in quanto si è fatta spazio l idea dell autonomia dell arte, dell arte per l arte, dell arte pura. facciamo distinzione tra musica pura e musica applicata e accettiamo che quest ultima ricopra un ruolo subordinato rispetto ad altre attività culturali. Nelle culture primitive o diverse la musica ricopre ruoli essenziali, è parte essenziale ed insostituibile di un evento e quella musica è eseguita solo per quell evento. Non si intonerà un canto di lavoro se si è a riposo, un canto funebre in assenza di un defunto, un canto religioso senza che ci sia un culto in atto, ecc Nella nostra cultura è possibile ascoltare la musica in qualsiasi luogo ed in qualsiasi ora della giornata, a casa, in auto, è sufficiente scendere in strada ed entrare in un bar, in un supermercato e si ascolta musica. Questa grande facilità di ascolto e nel contempo la grande quantità di ascolto unitamente all assenza fisica di chi produce materialmente musica, fa in modo che ne rimaniamo distaccati e generalmente, tranne quando partecipiamo ad un concerto, non ci sentiamo coinvolti dall evento musicale che così assume una funzione di mero intrattenimento. Questo genere di musica diventa sottofondo, ci fa credere che tutto procede per il meglio e ci invoglia ad essere ad essere meno critici, più passivi, più spensierati, più superficiali. In Italia è stato coniato il termine musica leggera per definire tale genere di musica proprio a evidenziare l uso che se ne fa e la funzione che intende assolvere. 4 di 12

5 3 Funzione di supporto delle istituzioni religiose e sociali Altra funzione importante della musica e in pratica comune a tutte le società è quella di supporto delle istituzioni religiose e sociali. La musica ha svolto sempre un ruolo di supporto alle istituzioni religiose grazie alla sua immaterialità e potenza spirituale che le conferiscono un ruolo privilegiato nel rapporto dell uomo con la trascendenza, la musica con la sua impalpabilità riesce più di ogni altra attività umana ad introdurre al mistero. In quasi tutte le religioni essa assume una funzione indispensabile al rito grazie alla sua attitudine a stabilire legami con il verbale di testi spirituali, alla sua capacità di aggregazione durante la preghiera e di glorificazione del divino. La capacità della musica di essere linguaggio di ogni tipo di affetto ed emozioni ha fatto sì che si presta ad ogni attività umana, ed è stata utilizzata oltre che dalle istituzioni religiose anche dalle istituzioni politiche, dunque, è stata resa funzionale anche alla gestione del potere. Lo storico Gorge Mosse ricorda che nella Germania nazista, durante i cerimoniali pubblici del Terzo Reich "si suonavano anche le musiche di Bach, Händel e Beethoven con lo scopo di creare un'atmosfera propizia a sentimenti di venerazione ed era così che essa riusciva a fare un appello formale e pressante al cuore degli uomini". La musica presso le altre culture ha una specifica collocazione rispetto alle istituzioni. Essa serve per supportarle, ci sono musiche specifiche per officiare matrimoni, riti funebri. Ogni fase della vita dell uomo viene sottolineata e valorizzata con la presenza della musica. Funzione espressiva delle emozioni. Alla musica inoltre è sempre stata riconosciuta la capacità di esprimere emozioni, di indurre determinati atteggiamenti, di evocare sentimenti. Ognuno di noi conosce melodie che lo portano immediatamente in un mondo ricco di nostalgia, di solidarietà, di eroismo, in un sfera emotiva intensa. La musica ha la peculiarità di non contenere alcun riferimento immediato alla realtà razionale e nella sua natura resta un linguaggio sfuggente e misterioso, indubbiamente comunicativo, ma tuttavia ci è impossibile chiarirne il come. Il suo potere simbolico ha la capacità di attivare ed elaborare i vasti contenuti dell inconscio e questo la rende più adatta delle parole a raggiungere ed esprimere il nostro stato emozionale. Si può dire che la musica fa emergere i sentimenti e le emozioni in quanto è essa stessa espressione del sentimento e delle emozioni, la musica fa emergere ciò che nel linguaggio verbale rimane allo stato latente in quanto denotato dalla convenzione delle parole usate in strutture ben determinate. Se qualcosa ci incute paura, il nostro primo istinto è quello di gridare e non di dire che paura, comunichiamo ricorrendo ad un linguaggio primordiale, precedente a quello verbale che è fortemente denotativo. Il 5 di 12

6 linguaggio musicale ha questo linguaggio come modello, fortemente istintivo e interiore, questa identità lo rende straordinario nel comunicare i sentimenti e le emozioni. Nello specifico della nostra cultura la musica è il linguaggio dei sentimenti per eccellenza, a partire dal Settecento si è fatto spazio il concetto che assegna alla musica più che ad ogni altra attività culturale la capacità di imitare e di esprimere i sentimenti e le emozioni e affida alla musica un rapporto privilegiato con il nostro mondo emotivo piuttosto che con quello razionale. Basti pensare all utilizzo ed alla sua funzione nel melodramma intesa a supportare e ad amplificare la carica affettiva della parola. 6 di 12

7 4 Funzione della risposta fisica e terapeutica della musica La musica assolve anche una funzione che potremmo definire funzione della risposta fisica. Abbiamo già esposto quelli che sono i principali modelli espressivi della musica, il canto ed il ritmo, di come il canto ci relaziona con il soprannaturale, lo spirituale ed il ritmo ci rappresenta fisicamente suscitando in chi ascolta uno stimolo al movimento. E sufficiente entrare in una discoteca, ascoltare un po di musica e ci ritroviamo a battere il ritmo della musica con movimenti delle mani, dei piedi, della testa, con il corpo in generale. La musica assolve la funzione di stimolazione fisica e di coordinazione dei movimenti, tanto che sempre più spesso viene utilizzata nelle palestre e principalmente nei centri di riabilitazione fisica. Nelle culture diverse La capacità della stimolazione fisica è sfruttata in occasione delle battaglie, la musica con il suo ritmo dà energia ai guerrieri, allontana dalla mente qualsiasi altro pensiero, li carica emotivamente rendendoli più audaci. Abbiamo già analizzato l utilizzo della musica nel lavoro e possiamo affermare che ciò è dovuto anche alla funzione di stimolazione fisica. Questo effetto che potremmo definire energizzante e coadiuvante dei movimenti, è tanto evidente che oggi anche nella nostra cultura viene utilizzata dalla medicina ufficiale in modo particolare nella fisiatria per curare alcune patologie fisiche. Alle funzioni già trattate possiamo aggiungere quella che potremmo definire: Funzione terapeutica della musica. Che la musica abbia un effetto terapeutico ormai è riconosciuto da tutti. E stato ampiamente dimostrato come essa è in grado di agire direttamente sull'organismo modificando positivamente il nostro stato emotivo, fisico e mentale. Questo fenomeno chiamato effetto Mozart ha suscitato molto interesse e polemiche, ha messo in moto grandi interessi economici tanto che oggi esiste un marchio The Mozart Effect, ci sono sostenitori e detrattori ma senza protendere per gli uni o gli altri, possiamo affermare che l azione dei suoni sull essere umano è molto profonda e reale. Uno studio del 1993, fatto dal fisico americano Gordon Shaw e dalla violoncellista e psicologa Frances Rauscher e pubblicato sulla rivista scientifica Nature a questo proposito dell effetto Mozart ha evidenziato che dopo l ascolto di musiche di Mozart il quoziente di intelligenza (QI) aumentava mediamente di nove-dieci punti anche se solo temporaneamente, per dieci/quindici minuti. Dopo questa pubblicazione ci fu una serie di polemiche e di altri studi che tendevano a dimostrare la poco attendibilità e la carenza scientifica 7 di 12

8 del metodo usato da Gordon Shaw e Frances Rauscher ma resta il fatto che ascoltare un certo tipo di musica induce uno stato di benessere psichico che aiuta la concentrazione e l apprendimento. Oggi esiste una disciplina della medicina chiamata musicoterapia che è il risultato di una lunga serie di studi che hanno accertato come la musica sia uno strumento efficace per riacquistare il benessere fisico e mentale e sia valido in modo particolare per curare pazienti con patologie che rientrano nel settore della riabilitazione fisica, l epilessia, la dislessia, il ritardo mentale e il deficit di attenzione dei bambini. Oggi in molti paesi, in Francia, Inghilterra, Austria, Stati Uniti ecc la musica viene ufficialmente riconosciuta come metodo curativo. In realtà l uso della musica a scopi curativi è sempre stato legato alla civiltà dell uomo. Per la maggior parte delle popolazioni primitive la malattia è attribuita all impossessamento del corpo da parte di spiriti maligni e questi vengono scacciati grazie all uso di riti che utilizzano canti accompagnati in genere dal suono di tamburi. Tra coloro che hanno creduto e dimostrato le capacità terapeutiche della musica è da segnalare il medico francese Alfred Tomatis che ha elaborato un metodo di cura che ha preso il suo stesso nome. Tomatis era figlio di un famoso cantante d opera Humbert Tomatis un basso lirico all Opera di Parigi. In una sua ricerca sugli effetti terapeutici del canto mise in rapporto l'udito con le dinamiche del corpo e della mente e giunse alla conclusione che "l'orecchio è un organo primario di consapevolezza e la sua funzione consiste essenzialmente nel procurare una carica di potenziale elettrico al cervello che poi la corteccia cerebrale distribuisce in tutto il corpo. Secondo Tomatis l'udito è il senso per eccellenza. Grazie all'udito l'uomo ha potuto comunicare, ideare, modificare e migliorare il linguaggio ma principalmente Tomatis sostiene che il suono è da considerarsi un alimento del cervello e con i suoi studi è giunto alla conclusione che 1'80% dell'energia di cui necessita il cervello è elaborata nell'orecchio interno. L'orecchio è quindi l'organo straordinario preposto a fornire tale energia al cervello, secondo questa teoria il cervello non produce energia, la cattura tramite l ascolto. Tomatis ha appurato che un eccesso di assenza di suoni può essere pericoloso tanto da poter causare patologie gravi quali la depressione da deprivazione sensoriale e spingere fino al suicidio. Tomatis nei suoi studi ha notato che i suoni ad alta frequenza danno energia al cervello, mentre i suoni a bassa frequenza gli sottraggono energia, lo immiseriscono. L ascolto di una tipologia di suoni quindi produrrebbe l'energia cerebrale che è direttamente collegata all'intelligenza, al suo sviluppo ed al suo manifestarsi. L orecchio quindi diventa uno strumento di guarigione grazie alla musica. Tomatis esaminando il suono dei canti Gregoriani con un oscilloscopio, ha notato che ricadevano entro il raggio dei suoni ricaricanti e che inducevano sia nei cantanti che in chi ascoltava una respirazione simile allo yoga ed uno stato di tranquillità. Il 8 di 12

9 Canto Gregoriano utilizza il sistema modale che per le sue intrinseche proprietà è capace di indurre uno stato di meditazione e di interiorità, inoltre contiene tutte le frequenze della voce umana ed ha un andamento ritmico simile a quello del respiro. Queste caratteristiche ne rendono la linea melodica e il ritmo regolare, fluido, estremamente naturale, capace di indurre uno stato di benessere psico-fisico in chi l ascolta. E stato accertato scientificamente che durante l ascolto la respirazione si calma, il battito cardiaco rallenta, la tensione delle arterie e il tasso sanguigno di acido lattico diminuiscono. La musica sacra, secondo vari studi, calma le onde di fondo della corteccia cerebrale grazie alla ripetizione regolare di certi suoni e chi ascolta questo genere di musica può facilmente raggiungere uno elevato stato di concentrazione e di rilassamento. Tomatis constatò che " I canti Gregoriani sono fonti di energia fantastici, alcuni suoni sono efficaci come due tazze di caffè tanto che lo stesso Tomatis dichiarava che lavorava con questo genere di musica di sottofondo e dormiva solo tre o quattro ore a notte". L'effetto energizzante di musiche contenenti molte frequenze acute, è d aiuto alle persone che hanno subito danni neurologici o problemi fisici. Le musiche di Mozart ed in particolare i concerti per violino che sono assai ricchi di queste frequenze hanno un effetto dinamizzante e liberatorio. L'aumentata ricarica corticale conseguente all'ascolto di tali musiche, si concretizza in un aumento della vitalità, una maggiore facilità nel lavoro con conseguente abbassamento del livello di fatica e un miglioramento generale dell'attenzione, della concentrazione e della memoria. Per Tomatis tutti gli orecchi del mondo sono uguali al momento della nascita, ma l ambiente circostante ne modifica l ascolto rapidamente. Tomatis enunciò tre principi, il primo afferma che la voce esprime solo ciò che l'orecchio può sentire. Il secondo sostiene che se l'ascolto si modifica, immediatamente e inconsciamente si modifica anche la voce. Il terzo dice che si può recuperare l udito di qualcuno (e conseguentemente la sua voce) ripristinando i muscoli dell orecchio medio che possono essere tonificati con l ascolto di una musica che viene accesa e spenta continuamente. Tutti sono capaci di udire, ma ascoltare è un'abilità particolare, è la chiave dell'apprendimento e Tomatis per migliorare l ascolto e quindi l apprendimento utilizza l'orecchio Elettronico, uno strumento in grado di filtrare le frequenze desiderate. 9 di 12

10 5 Funzione della rappresentazione sociale Altra funzione da rilevare è quella della rappresentazione sociale. La musica assume un ruolo considerevole all interno delle comunità, ogni gruppo sociale possiede un repertorio musicale di riferimento e dei sottogeneri appropriati a determinate circostanze e tutto ciò aiuta gli individui a sviluppare un senso di appartenenza ad una determinata cultura, classe sociale, anche ad evidenziare uno specifico desiderio di distinzione all interno della stessa comunità, a segnalare l appartenenza ad una sottocultura, ad esempio a quella giovanile negli anni settanta con la musica rock. La musica concorre sia alla manifestazione della propria individualità che all appartenenza ad una determinata società e cultura. In altre parole riesce a rappresentare l essere umano, la società a cui appartiene e anche la sua nazionalità. Talvolta basta nominare un semplice strumento e individuiamo culture lontane, mettiamo in relazione il mandolino con Napoli, il Sitar con l India, la cornamusa con la Scozia, la balalaika con la Russia e potremmo continuare tanti sono gli esempi. Se ci troviamo all estero e sentiamo qualcuno cantare una melodia italiana, nel nostro caso specifico ad esempio una canzone napoletana, avvertiamo un senso di appartenenza, di identità culturale con la persona che canta e subito, grazie al potere evocativo della musica, riemerge il mondo culturale al quale apparteniamo, ci accorgiamo e prendiamo consapevolezza che quella melodia ci rappresenta culturalmente. La musica inoltre concorre a conservare un contatto e rappresentare la propria cultura di origine, consideriamo ad esempio gli emigranti italiani che approdarono in America agli inizi del novecento, questi conservarono e tramandarono la loro cultura anche attraverso i canti delle loro terre d origine proprio per la capacità di rappresentazione sociale e culturale che ha la musica. Volendo possiamo dilatare al massimo il concetto di rappresentazione legato alla musica e affermare che essa raggiunge un livello di rappresentazione nazionale, per restare in culture più vicine a noi, possiamo considerare la letteratura musicale italiana e confrontarla con quella tedesca. La prima ha prediletto la canzone, l Opera, il solista, il virtuoso. Quella tedesca invece si è identificata principalmente con la musica orchestrale, quella composta non per essere eseguita dal solista virtuoso ma dalla coralità, dal gruppo e ciò a rappresentare ed evidenziare una preferenza rivolta alla collettività operosa piuttosto che all operare del singolo. Nelle così dette culture diverse la musica ha la funzione di rappresentare l uomo e celebrare i passaggi fondamentali della sua vita, la nascita, l età adulta, il matrimonio, ogni passaggio, incluso la morte. 10 di 12

11 6 Funzione didattica, comunicativa e di socializzazione La musica fin dai tempi antichi ha svolto inoltre una funzione didattica, nell antica Grecia Platone definiva la relazione anima-corpo come armonia e riteneva che la musica più di ogni altra disciplina fosse in grado di esplicare una funzione educativa, morale e religiosa sui giovani e sosteneva che un adeguata educazione musicale influenzava positivamente la formazione del carattere. Un analoga considerazione della musica era tenuta anche in Oriente. Nell antica Cina la musica era accreditata come l arte idonea a perfezionare l educazione dei giovani. Già si è detto degli studi del medico Tomatis che individuano nel suono un alimento del cervello e con l ascolto di un determinato tipo di musica si determina un miglioramento generale dell'attenzione, della concentrazione e della memoria con una conseguente facilitazione nell apprendimento. Gli effetti positivi sono notevoli e documentati da numerosi studi. Il Metodo Tomatis è una pedagogia dell'ascolto attivo che viene svolta con un apparecchio specifico, l'orecchio Elettronico, utilizzando come supporto di base un certo numero di brani musicali. Vengono selezionati brani ricchi in frequenze, intensità e ritmo, in modo tale che una volta filtrati possano mantenere le caratteristiche dinamiche necessarie ad un'adeguata stimolazione uditiva. È stato rilavato che l'esercizio musicale sviluppa aree di integrazione specifiche del cervello; quella relativa all udire per interpretare e cioè a distinguere i suoni come fenomeno cognitivo, l'altra relativa al sentire percettivo che si colloca soprattutto nella attivazione delle funzioni emotive. In 400 bambini che hanno seguito un programma di trattamento di sei mesi sono stati rilevati miglioramenti dell'atteggiamento verso la scuola associato ad un aumento delle motivazioni ad imparare nell'87% dei casi, del rendimento scolastico nel 90%, della capacità di leggere e comprendere e del rapporto con i familiari e con i compagni nell'83%, dell'attenzione nell'86%. Dopo sei mesi, nell'83% dei bambini i risultati si dimostrarono stabili o in ulteriore miglioramento. Prima di concludere voglio esporre brevemente almeno altre due funzione della musica che meritano delle riflessioni e cioè la funzione comunicativa e la funzione di socializzazione. Abbiamo visto che la musica rappresenta con i suoni l uomo nella sua globalità, sia come individuo che come individuo nella collettività. Considerando che uno tra i bisogni primari umani è proprio quello di comunicare, si deduce facilmente che l uomo usa la musica per comunicare. Questa 11 di 12

12 funzione è insita nella musica. Tutta la musica assolve una funzione comunicativa, dalla ninna nanna che rappresenta un momento di comunicazione tra madre e figlio quindi tra due soli individui all inno nazionale o europeo che mette in relazione milioni di persone. Inoltre è da sottolineare anche la funzione di socializzazione della musica che comunicando riesce ad accomunare gli uomini che hanno stessi interessi facilitando così la socializzazione. Un esempio per tutti può essere rappresentato dalla partecipazione ad un concerto. Chi non conosce o ricorda il mitico concerto di Woodstock che nel 1973 riuscì a far convergere e coinvolse milioni di giovani. Come abbiamo visto le funzioni della musica sono molteplici, si sovrappongono, sconfinano una nell altra, quelle che abbiamo citato sono certamente tra le più evidenti ma non le sole. Lo studio e la ricerca in tale settore è un campo aperto che meriterebbe di sicuro un approfondimento maggiore. 12 di 12

Metodo Tomatis a 432 hz

Metodo Tomatis a 432 hz Difficoltà di apprendimento e problemi nel linguaggio Le difficoltà di apprendimento sono molteplici e sempre più diffuse, ma soprattutto è in aumento il numero di bambini che ne sono affetti. Queste difficoltà

Dettagli

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 PRESENTAZIONE OBIETTIVI FINALITA Il corso di educazione al suono, al movimento ed all immagine si rivolge principalmente ai bambini delle scuole elementari.

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO. 1 C.D. N. Fornelli. Via Repubblica, Bitonto. Premessa

EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO. 1 C.D. N. Fornelli. Via Repubblica, Bitonto. Premessa EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO 1 C.D. N. Fornelli Via Repubblica, Bitonto Premessa Al momento della nascita, il neonato entra nel mondo con tutti gli organi sensoriali aperti e vigili, pronti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Docente Responsabile: Prof. Marco Carnevale A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 2 ALBINO BERNARDINI SINISCOLA PROGETTO POTENZIAMENTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143 Programmazione annuale per l insegnamento di strumento musicale Corso di Sassofono Disciplina:

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

LABORATORIO di MUSICA

LABORATORIO di MUSICA Pag. 1 di 6 LABORATORIO di MUSICA Anno Scolastico 2015/2016 CLASSI I A e B In-canto: magia dei suoni Scuola Primaria Messina EMISSIONE APPROVAZIONE REVISIONI FIRMA REFERENTE 1 Pag. 2 di 6 PRESENTAZIONE.

Dettagli

PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI

PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI L attività del musicista, con la sua complessità dal punto di vista dell improvvisazione, della composizione e della performance, rappresenta un ottimo esempio di gestione

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione

Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione Obiettivi specifici di apprendimento per lo sviluppo delle competenze della disciplina per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione 1 INFANZIA 3-4 anni INFANZIA 5 anni Discriminare la

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Ascoltare, analizzare e rappresentare fenomeni sonori e linguaggi musicali - Classificare i fenomeni acustici in base ai concetti di silenzio, suono, rumore - Individuare

Dettagli

INFORMAZIONI Prof.ssa Manuela Roggiani accademia.musicale@collegiorotondi.it

INFORMAZIONI Prof.ssa Manuela Roggiani accademia.musicale@collegiorotondi.it CORSI E ATTIVITÀ 2014-2015 INFORMAZIONI Prof.ssa Manuela Roggiani accademia.musicale@collegiorotondi.it ISCRIZIONI modulo on-line sul sito del collegio www.collegiorotondi.it sezione: campus 2 L Accademia

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA DELL INFANZIA. Contenuti PER LA SCUOLA DELL INFANZIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 IL SE E L ALTRO - Gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie

Dettagli

PROGETTO MUSICOTERAPICO. Introduzione

PROGETTO MUSICOTERAPICO. Introduzione "LUNA ONLUS DI VALGUARNERA " VIA S. ELENA N 28 94019 VALGUARNERA ( EN) TEL. 0935/958100, cell.3288466487 C.F. 91037450862 E-MAIL - lunaonlus@alice.it PREMESSA Proseguimento attività di anni precedenti

Dettagli

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause Dal sito : A tutta scuola http://www.atuttascuola.it GLI AUDIOLESI Quando si parla di deficit uditivo è opportuno specificare la differenza tra i soggetti sordi e quelli sordomuti. Infatti, nel caso di

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Musica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : L alunno esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI

1.A. PROMUOVERE L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DISABILI.1.A.3. OBIETTIVI GENERALI PER UNA SCUOLA MIGLIORE PIANO EDUCATIVO ZONALE 2015/2016 REFERENTE PEZ - CAROSI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI - CAI LUCIA FUNZIONE STRUMENTALE INTEGRAZIONE ALUNNI STRANIERII -

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI

LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI LABORATORIO DI ANIMAZIONE TEATRALE TEATRO DEI GENITORI Anno scolastico 2013/2014 PREMESSA Negli ultimi anni il rapporto scuola-famiglie è notevolmente mutato. I genitori sentendosi, a giusta ragione, parte

Dettagli

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica

Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Emile Durkheim La prima ricerca sociologica Il suicidio (1898) di Émile Durkheim (1858-1917) Esamina delle statistiche senza fare ricerche dirette Prima classificazione: psicologica 1. Maniacale allucinazioni

Dettagli

Guida. dello. Studente

Guida. dello. Studente Guida dello Studente L ACCADEMIA Centro Studi Musicali L Associazione culturale Accademia C.S.M. ha come finalità l insegnamento delle discipline musicali e la diffusione della cultura musicale mediante

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) Ascoltare in modo consapevole eventi sonori e brani musicali. Produrre e rappresentare eventi sonori con la voce, il corpo, strumenti musicali e tecnologici. Individuare

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE MUSICA Scuola primaria CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO Usa la voce, il proprio corpo e oggetti vari,a partire da stimoli musicali, motori, ambientali

Dettagli

Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore

Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013-2014 Scuola Primaria B.Lugli Calcinelli Classe 1^ - sez. B - 27 ore Disciplina/e Musica scienze motorie N di alunni 23, di cui 14 maschi

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino

PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino PROGETTO EDUCATIVO CENTRI ESTIVI 2013 Centro estivo nido d infanzia La lumaca sull amaca, Settimana di equitazione Soggiorno marino 1 #%&$'()))**+, * CONCETTI DI RIFERIMENTO La proposta dei centri estivi

Dettagli

FARE MUSICA A SCUOLA.. STARE INSIEME ATTRAVERSO LA MUSICA

FARE MUSICA A SCUOLA.. STARE INSIEME ATTRAVERSO LA MUSICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREDAPPIO FARE MUSICA A SCUOLA.. STARE INSIEME ATTRAVERSO LA MUSICA OVVERO IL RUOLO DELL EDUCAZIONE MUSICALE NEL CURRICOLO VERTICALE COME MOMENTI DI FORMAZIONE QUALIFICANTE PER

Dettagli

FIABE, FAVOLE E FANTASIA

FIABE, FAVOLE E FANTASIA SCUOLA DELL INFANZIA SACRO CUORE DI NOVARA LABORATORIO DI STORIE FIABE, FAVOLE E FANTASIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONE COCCINELLE (BAMBINI DI 4 ANNI) INSEGNANTE: BRUGNONE MARIA Il progetto laboratoriale

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Programmazione annuale Violoncello

Programmazione annuale Violoncello I.C. Boville Ernica Corso ad indirizzo musicale a.s. 2015/2016 Programmazione annuale Violoncello Docente: Gabriele Bassi CLASSE: II A CLASSE: II B CLASSE: II C 1. Analisi della situazione di partenza

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 Dal progetto ESPRESSIONE, MOVIMENTO, SUONO... SUONO... UN GUAIO PER GLI UCCELLINI LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA MUSICALITA NELLA SCUOLA PER L INFANZIA E NELLA SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO METODO WILLEMS A.S.

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA MUSICALITA NELLA SCUOLA PER L INFANZIA E NELLA SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO METODO WILLEMS A.S. PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA MUSICALITA NELLA SCUOLA PER L INFANZIA E NELLA SCUOLA PRIMARIA LABORATORIO METODO WILLEMS A.S. 2009-2010 Premessa: L Associazione Culturale Musicale Da Capo coordina l attività

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE Le Costellazioni Familiari e Sistemiche sono un metodo d'aiuto che permette di portare alla luce quelle dinamiche inconsce, spesso complesse, che stanno alla base dei

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

UNO SGUARDO..OLTRE ASCOLTARE, COME GENESI FONDAMENTALE DELL APPROCCIO CON L UNIVERSO SONORO.

UNO SGUARDO..OLTRE ASCOLTARE, COME GENESI FONDAMENTALE DELL APPROCCIO CON L UNIVERSO SONORO. Il progetto Uno sguardo oltre si pone in continuità con il percorso didattico avviato lo scorso anno scolastico e affina i seguenti campi dell esperienza musicale: ASCOLTARE, COME GENESI FONDAMENTALE DELL

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Seconde NUMERO UDA UDA N.1 TITOLO In equilibrio tra arte, musica e movimento PERIODO ORIENTATIVO DI

Dettagli

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico.

TEMPI Il progetto, scandito in Unità didattiche di apprendimento, accompagnerà i bambini nel loro percorso didattico per tutto l anno scolastico. 1 PREMESSA Ancora oggi, come ieri, i bambini hanno voglia di ascoltare fiabe e storie. Desiderano ascoltare storie che arrivano al cuore e alla mente e hanno voglia di mettere le ali e volare dentro a

Dettagli

CARTA della promozione della

CARTA della promozione della Il Forum è un'iniziativa del DSS e del DECS per migliorare la qualità della vita nella scuola CARTA della promozione della in Ticino c/o Centro didattico cantonale Viale Stefano Franscini 32 6500 Bellinzona

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY BIOFEEDBACK E NEUROFEEDBACK TRAINING Il biofeedback consiste nella retroazione di un processo fisiologico, rilevato su una persona, che normalmente si svolge fuori

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA MUSICA CLASSE PRIMA 1 Ascoltare e discriminare i suoni e i rumori della realtà ambientale dal vivo o registrati. 2 Attribuire significati a segnali sonori

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docenti Plessi SBRANA-LAMBRUSCHINI-TENUTA Classe III Disciplina MUSICA Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica

LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica Pag. 1 di 5 LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica Scuola Primaria Messina "La musica è una rivelazione più profonda di ogni saggezza L. van Beethoven EMISSIONE APPROVAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA DELLA CLASSE PRIMA Percepisce il paesaggio sonoro in cui vive Usa la voce nelle più svariate forme di espressione

Dettagli

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza

DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza NASCITA PSICOLOGICA E ASPETTI RELAZIONALI NEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO DISTRURBI DELL APPRENDIMENTO: prevalenza Le stime della prevalenza dei Disturbi Specifici dell Apprendimento variano dal 2 al 10%

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte. Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumentali musicali, imparando

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il laboratorio teatrale è un occasione di scambio e confronto reciproco in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO ISTITUTO COMPRENSIVO S. FARINA - SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO CLASSE SECONDA - COMPETENZE SPECIFICHE DA ACQUISIRE L insegnamento del Sassofono, attraverso una programmata integrazione con

Dettagli

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori

CORSO DI MUSICA PER TUTTI di Cristiano Rotatori Corso di orientamento musicale diviso in lezioni semplici ed essenziali. L obiettivo è di assolvere alla funzione didattica utilizzando i parametri teorico-musicali essenziali in modo propedeutico ma anche

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

Curricolo verticale di Musica scuola primaria

Curricolo verticale di Musica scuola primaria Curricolo verticale di Musica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (1) L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo,

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli