Lo sport nella storia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo sport nella storia"

Transcript

1 1 Lo sport nella storia L antichità Si può dire che l attività fisica sia nata con l uomo; tra i popoli primitivi, infatti, forza e resistenza erano indispensabili per poter affrontare le difficoltà della vita: cacciare, difendersi dai nemici, costruirsi dei ripari. L uomo scoprì molto presto che la ripetitività di certi esercizi consentiva di eseguirli con maggiore facilità e sicurezza. Al movimento venne così ad affiancarsi l allenamento; con la lotta tra uomini, per il predominio all interno della tribù o fra tribù rivali, si delinea la terza caratteristica fondamentale dello sport: la competizione. Queste primitive attività erano quindi destinate ad assicurare la sopravvivenza o a procurarsi dei vantaggi materiali. Esse non tardarono però ad assumere un vero carattere agonistico e sportivo, specie in occasione di riti e cerimonie religiose. Tra le attività fisico-sportive dalle origini più antiche si trovano: corsa, lanci (pietre, bastoni, giavellotti), salti, nuoto, attività nautiche (canoe, piroghe), corse a cavallo, pugilato, scherma, tiro con l arco. Le incisioni rupestri più vecchie, raffiguranti attività sportive, risalgono addirittura a 9000 anni avanti Cristo. Nei paesi nordici esistono testimonianze della pratica dello sci, in forma primitiva, fin da epoche antichissime. Tra i popoli orientali (cinesi, giapponesi, indiani) si diffusero con le prime civiltà attività ginniche e acrobatiche. In Giappone e in Corea si svilupparono le arti marziali, cioè quelle forme di lotta corpo a corpo e di combattimenti regolamentati che si sono tramandate fino ai giorni nostri (judo, karate ecc.). Nelle regioni indiane prese forma l hockey su prato. I popoli indocinesi e polinesiani, la cui vita dipendeva dal mare, coltivarono in modo particolare le attività natatorie e nautiche. Mosaico raffigurante un combattimento fra gladiatori romani. Raffigurazione rupestre in cui si alternano scene di caccia a scene di giochi. Vaso greco sul quale è rappresentata una scena di corsa. Nell antico Egitto erano molto diffusi il nuoto, l atletica, la lotta, il pugilato e la ginnastica; agli egiziani si deve, tra l altro, l invenzione dell attrezzo ginnico chiamato cavallo.

2 2 Le civiltà assiro-babilonese e persiana svilupparono il tiro con l arco contro bersaglio fisso e un gioco praticato da cavalieri, che colpivano una palla con delle mazze: tramandato fino ai giorni nostri, questo sport costituisce l odierno gioco del polo. I Cretesi praticavano competizioni atletiche, di lotta, di pugilato; vi sono anche tracce di esercitazioni ginnastiche collettive, a dimostrazione dell esistenza di apposite scuole. Attività simili venivano svolte anche dagli Etruschi; caratteristica di questa civiltà è la comparsa dei primi veri impianti sportivi, destinati a spettacoli pubblici: gli anfiteatri. I pugili; affresco dall isola di Thera. Anfiteatro di Pompei. I Greci dettero sempre grandissima importanza alle attività fisiche e sportive, al punto di porre come riferimento per l inizio della loro storia la data dei primi Giochi Olimpici (776 a.c.). Nell Iliade di Omero sono citati numerosi sport: pugilato, lotta, corsa a piedi, corsa con le bighe, combattimento con l asta, lancio del disco, lancio del giavellotto, tiro con l arco. Per i Greci lo sport assume per la prima volta caratteristiche simili a quelle odierne: grandi onori ai vincitori, spettacoli pubblici di notevole importanza, allenamenti intensi degli atleti, spirito agonistico. Gli Spartani vedevano nell attività fisica un ottima preparazione all attività guerresca per i loro giovani (maschi e femmine). Ad Atene sorsero i ginnasi, complessi di edifici dedicati allo sport comprendenti palestre e locali per gli allenamenti. Nei luoghi dove si svolgevano gli incontri sportivi più importanti vennero costruiti degli stadi, costituiti da un campo piano per le gare e da gradinate per il pubblico disposte intorno a esso. Nei ginnasi cittadini i giovani trovavano vari attrezzi ginnici, come la fune e la sbarra. Anche le ragazze ateniesi praticavano esercizi fisici, per migliorare la grazia e l armonia del loro corpo: esse non partecipavano tuttavia alle gare, bensì a manifestazioni di ginnastica artistica e ritmica. Nacquero anche i primi sport multipli, cioè costituiti da più gare diverse da fare in serie, che al giorno d oggi conoscono un notevole successo e molte nuove varianti. Lo sport multiplo dell antica Grecia era il pentathlon (cinque gare), formato da competizioni di corsa, lancio del disco, lancio del giavellotto, lotta e salto in lungo.

3 3 Le Olimpiadi antiche Le origini dei Giochi olimpici si perdono nei tempi più remoti, quando la manifestazione aveva probabilmente le caratteristiche di festa religiosa o di rito funebre. Successivamente si svolsero in onore del dio Zeus (Giove) nella città greca di Olimpia, da cui presero il nome. A partire dal 776 a.c., ritenuto tradizionalmente l anno di inizio dei Giochi, si cominciò ad annotare il nome e la città di origine di ogni atleta vittorioso. Il conto del tempo fu da allora basato sulle Olimpiadi, che si disputarono regolarmente ogni quattro anni, nel mese di agosto. Dapprima i Giochi ebbero solo un carattere locale, ma con il passare del tempo la cerchia dei partecipanti crebbe sempre di più, fino a coinvolgere tutto il mondo ellenico. Giochi simili si svolsero anche in altre città greche, come Delfi, Corinto e Nemea; nessuna di queste manifestazioni riuscì però a eguagliare la fama e l importanza delle Olimpiadi. Questo successo fu facilitato anche dalla tregua per le guerre, proclamata qualche settimana prima dell inizio delle gare a tutela degli ospiti; la natura sacra di Olimpia garantiva l assoluta inviolabilità della pace durante i Giochi. Nelle prime edizioni si disputò una sola gara, quella della corsa dello stadio (lo stadio era un unità di misura pari a circa 191 m), che veniva praticata su una pista in terra battuta. Quando poi si iniziarono a costruire edifici destinati alla pratica sportiva, per la dimensione maggiore si scelse quella che consentiva di correre in linea la gara di corsa veloce, quella sullo stadio, e stadio si chiamò anche tutta la costruzione, compresi gli spalti per gli spettatori. Con il passare degli anni, alla corsa si aggiunsero altre discipline, che si possono così suddividere: atletica leggera (corse veloci e di resistenza, corsa con le armi, pentathlon); sport di combattimento (pugilato, lotta e pancrazio, uno scontro senza esclusione di colpi, in cui erano vietati solo i morsi; sport ippici (gare a cavallo o con i carri). Completavano il programma alcune discipline riservate ai ragazzi e una gara musicale. Circa un mese prima dell inizio dei Giochi gli atleti dovevano presentarsi ai giudici, presso la città di Elide; per essere ammessi dovevano dichiarare le proprie generalità e la località di origine. Potevano iscriversi solo i cittadini greci, mentre erano esclusi gli schiavi e le donne, ammesse come spettatrici, ma solo se non erano ancora sposate. Per quattro settimane i concorrenti dovevano allenarsi sotto il controllo dei giudici, per dimostrare le proprie condizioni fisiche e la possibilità di ben figurare in gara. Terminati i preparativi, il corteo di atleti, allenatori, giudici e accompagnatori si trasferiva a piedi a Olimpia, dove si svolgeva la cerimonia di apertura con sacrifici a Zeus, giuramento olimpico e accensione del fuoco sacro. Alle gare accedevano solo gli atleti migliori, selezionati nella fase preparatoria, che si affrontavano in eliminatorie, semifinali e finali; i confronti erano sempre a eliminazione diretta e non venivano stilate classifiche. Contava solo la vittoria: arrivare secondo era una sconfitta, in quanto non si teneva conto del valore della prestazione sotto forma di tempi o punteggi. Nel pentathlon, la gara composta di cinque esercizi (lancio del disco e del giavellotto, salto in lungo, corsa dello stadio e lotta), valeva il principio della triplice vittoria: era cioè dichiarato vincitore l atleta che si trovava in testa in tre delle cinque discipline. Gli atleti gareggiavano nudi e usavano cospargersi il corpo di olio prima della prestazione. Le competizioni erano accesissime, tra le urla di incitamento di allenatori e tifosi. Se qualche atleta infrangeva il regolamento, veniva punito dai giudici con frustate o in casi estremi con la squalifica. I vincitori venivano premiati l ultimo giorno, durante una solenne cerimonia, con una corona di fronde tagliate dall ulivo sacro a Zeus; lauti banchetti e festeggiamenti concludevano la manifestazione. Grandi onori e ricompense attendevano poi gli atleti vittoriosi, al ritorno in patria; una vittoria olimpica era infatti motivo di grande vanto per ogni città greca, che vedeva così accresciuto il proprio prestigio in tutto il mondo ellenico. Per il primo secolo e mezzo i Giochi furono dominati dagli atleti di Sparta. Gli abitanti di questa città ricevevano un duro addestramento militare fin dalla prima infanzia e, in occasione delle gare, questo continuo allenamento li aiutava a prevalere anche in campo sportivo. Con il passare dei secoli, altre città greche divenute economicamente e politicamente dominanti cercarono di affermarsi nello sport.

4 4 Finanziati dallo Stato, atleti della Grecia e delle principali colonie elleniche si prepararono per prevalere nelle varie discipline atletiche, perfezionando la tecnica e l allenamento specifico per ogni sport. Si passò così da un affermazione del valore fisico globale, ottenuto con una preparazione militare, a quella della abilità tecnica e di particolari doti atletiche, raggiunte tramite uno specifico allenamento. La storia delle Olimpiadi dell antichità termina nel 393 d.c., dopo oltre 1100 anni, con la proibizione dei Giochi, ritenuti pagani dall imperatore romano Teodosio. L introduzione delle gare nei Giochi olimpici Olimpiade Anno Sport 1 a 776 a.c. stadio (191 m) 14 a 724 a.c. corsa doppia (2 stadi = 382 m) 15 a 720 a.c. corsa lunga (circa 4000 m) 18 a 708 a.c. lotta; pentathlon (5 sport) 23 a 688 a.c. pugilato 25 a 680 a.c. corsa di quadrighe 33 a 648 a.c. corsa a cavallo; pancrazio 37 a 632 a.c. stadio e lotta per ragazzi 41 a 616 a.c. pugilato per ragazzi 65 a 520 a.c. corsa in armi 93 a 408 a.c. corsa di bighe 96 a 396 a.c. gara di araldi e trombettieri I Romani Nell antica Roma la preparazione fisica dei giovani era tenuta in grande considerazione, soprattutto come preparazione all attività militare. I legionari romani erano infatti noti per la capacità di marciare a tappe sostenute, portando con sé non solo l armamento ma anche tutto il necessario per predisporre accampamenti e sostenere le truppe. Dopo aver marciato, ogni soldato doveva svolgere un altra particolare attività, ad esempio taglialegna, falegname, fabbro, cuoco, addetto agli animali: tutto ciò richiedeva necessariamente un fisico forte e ben allenato. Sempre in prospettiva bellica, le attività sportive più praticate erano quelle di combattimento o comunque utili in guerra: lotta, pugilato, lancio del giavellotto, corse con i cavalli o con i carri. Dalla tradizione greca dei ginnasi derivarono le palestre, edifici porticati con cortile interno dedicati alla pratica di esercizi fisici; solitamente a fianco di questi edifici si trovavano delle terme con funzioni di bagni pubblici, in cui i frequentatori delle palestre potevano lavarsi e rinfrescarsi. Ispirandosi all architettura dei teatri greci di forma emisferica, i Romani crearono un nuovo tipo di edificio, l anfiteatro (teatro doppio), in cui la struttura Rilievo attico arcaico che raffigura due lottatori nel momento di massima tensione.

5 5 curva è completa e di forma ovale. Per queste costruzioni si sfruttarono inizialmente avvallamenti di terreno, sulle cui sponde trovavano posto gli spettatori; con il progredire della tecnica furono poi edificate costruzioni in muratura su più livelli, con scalinate. Il più antico e meglio conservato anfiteatro romano è quello di Pompei, la cui forma ricorda moltissimo un piccolo stadio odierno. In epoca imperiale gli anfiteatri divennero imponenti ed ebbero la funzione di offrire grandi spettacoli al popolo in onore dell imperatore. Il circo Massimo, il più grande stadio dell antica Roma, era lungo circa 800 metri e largo circa 120 e poteva contenere in epoca imperiale spettatori. Vi si svolgevano corse di cavalli, gare di corsa e combattimenti di animali. La spina, un asse centrale attorno a cui si snodava la pista, era decorata e munita di sette delfini di bronzo usati per contare i giri percorsi dai cavalieri. Il Colosseo, l altro immenso circo di Roma antica, fu inaugurato dall imperatore Tito con 100 giorni consecutivi di giochi ancora prima di essere del tutto completato. Poteva ospitare circa spettatori e fu inizialmente adibito alle naumachie, specie di battaglie navali per cui si rendeva necessario l allagamento dell arena tramite canali sotterranei. In seguito l edificio divenne celebre per i combattimenti dei gladiatori, prigionieri di guerra o schiavi addestrati al combattimento in apposite scuole e destinati a duelli mortali nell arena. Altri spettacoli erano i combattimenti con animali e le cacce, per le quali veniva allestita una scenografia di tipo naturale. Palestra di Pompei. Il Medioevo La decadenza e la fine dell Impero Romano d Occidente, le invasioni barbariche e la diffusione del cristianesimo segnarono la fine delle attività fisiche e sportive, così come erano state concepite e praticate nel mondo antico. La fine del dominio di Roma comportò la disgregazione di tutta la struttura organizzativa alla base delle attività di palestra e circensi. Non esistendo più un esercito organizzato, venne meno anche l esigenza di una preparazione fisica a scopo militare. La rovina economica non consentì alla popolazione di occuparsi d altro che delle necessità primarie di sussistenza. L avvento dei barbari determinò anche una prevalenza delle tradizioni e della cultura di questi sulle popolazioni dominate. Il cristianesimo, che predicava la prevalenza dello spirito sul corpo, si diffuse largamente dal 350 d.c. e contribuì alla visione delle attività sportive come uno dei riti tipici del paganesimo e come tali da evitare e condannare. Non che il popolo non praticasse più alcuna forma di pratica fisica a scopo ricreativo, ma venne a mancare l organizzazione e il riconoscimento pubblico. Da attività ufficiale degna di grande considerazione, l attività fisica e sportiva divenne un passatempo paesano, disprezzato se non proprio proibito. Nonostante le scarse notizie sull epoca, alcune testimonianze narrano di incontri di lotta, di giochi di piazza, di attività acrobatiche, di salto in lungo e in alto e di lanci, come quello della pietra praticato ancora oggi nel Sud della Spagna. Nel Medioevo le piazze dei borghi e dei comuni divennero sempre più luoghi d incontro per saltimbanchi

6 6 e giocolieri. Le arti che dimostravano forza e coraggio erano quelle praticate con le armi d epoca: il tiro con l arco, con la balestra e con l archibugio. Uno dei divertimenti preferiti dei nobili era organizzare grandi battute di caccia con i cani oppure con il falcone. La rinascita della pratica sportiva ufficiale si ebbe con l avvento della cavalleria medievale. I cavalieri erano personaggi di estrazione nobile, o comunque di elevata classe sociale, che si sottoponevano a lunga preparazione fisica e culturale per potersi fregiare del titolo di cavaliere, attraverso gli stadi intermedi di paggio e scudiero (colui che portava le armi al cavaliere). Le protezioni del cavallo e del cavaliere divennero sempre più pesanti e costose, cosa che limitò ancor più la selezione degli aspiranti alle classi più abbienti. Nell allenamento il futuro cavaliere apprendeva la tecnica del cavalcare, ma si addestrava anche nell uso delle armi, nella corsa, nel salto e nel nuoto. I cavalieri mostravano il proprio valore non solo in battaglia ma anche nel torneo, che era lo sport più spettacolare del Medioevo. Le giostre e i tornei erano grandi feste; la folla si radunava su una spianata davanti al castello per assistere alle gare, tra squilli di trombe e sventolio di bandiere. Le dame lanciavano fazzoletti ai favoriti e alla fine i concorrenti partecipavano a un banchetto. Le giostre, nate come manifestazioni sportive, all inizio non avevano regole precise, ma con il passare del tempo divennero un occasione per esercitarsi nell arte del combattimento. Un tipo di torneo praticato in Italia, di cui ancora oggi si svolgono manifestazioni storiche, era la Quintana. Attività sportive di strada e giochi del popolo facevano da corollario alle giostre dei cavalieri. In pratica nel Medioevo si creò una netta divisione tra sport dei nobili e attività ludiche e ricreative della massa popolare. Scena di torneo tratta dal codice di Manesse, fine del XIII secolo - inizi XIV (Heidelberg, Biblioteca dell Università). Caccia con la balestra, facsimile di Tacuinum Sanitatis di Vienna (Torino, Biblioteca Nazionale). Il Rinascimento La riscoperta della cultura classica portò anche alla rivalutazione dello sport come attività non solo spettacolare, ma anche di grande rilevanza formativa ed educativa. L Umanesimo, con l attenzione focalizzata sull essere umano, tornò a considerare l importanza anche dell aspetto fisico oltre a quello culturale e spirituale. Nacquero le prime scuole per la preparazione fisica e si stamparono i primi testi sull argomento. Risalgono all epoca anche i primi trattati di igiene, in cui si insegnava il portamento, la cura del corpo, l attenzione all alimentazione, la pratica di massaggi. Siamo agli albori dello sport inteso come mezzo per migliorare la salute. A Mantova, sotto la dinastia dei Gonzaga, venne fondata una scuola in cui si insegnava anche l attività fisica all aperto. Lo sport tornò così a diffondersi in molte città e a svilupparsi con la nascita di nuovi giochi.

7 7 Molto praticato era ad esempio il calcio fiorentino, torneo cittadino di gioco con la palla tra squadre dei vari quartieri. Le gare erano molto combattute e piuttosto violente, con scommesse sui vincitori e frequenti risse. In diverse altre città italiane nacquero gare tradizionali, molte delle quali vengono riproposte ancor oggi in manifestazioni rievocative: il Palio di Siena e di Asti (corse equestri), la Festa del mare di Venezia (gara di barche a remi), la Corsa del Fiore di Verona (gara di corsa a piedi). Nel Seicento e nel Settecento si ebbe nuovamente un periodo di regresso delle attività sportive, a causa delle continue guerre che devastarono l Europa, provocando povertà e insicurezza nella popolazione. Le grandi manifestazioni di piazza scomparvero e furono soppiantate da attività più semplici, praticabili anche in luoghi chiusi e più sicuri. Fiorirono soprattutto la danza e la scherma. La prima vide nascere vere e proprie scuole di ballo, con funzione di intrattenimento e di esibizione soprattutto per l alta società; i balli erano arricchiti da una sfarzosa coreografia di vestiti e costumi e accompagnati dalla musica. La scherma si sviluppò per necessità di difesa personale, differenziandosi in varie specialità secondo l arma usata: fioretto, spada, sciabola. Anche per la scherma sorsero apposite scuole, tra cui in Italia divennero famose soprattutto quelle di Torino e di Napoli. Per i nobili dell epoca l abilità nella scherma divenne un vero e proprio simbolo di stato sociale, simile in un certo senso a quello che era stata la cavalleria nel Medioevo. Sia la danza sia la scherma erano sport limitati a nobili e ricchi. Il popolo comune praticava i soliti semplici giochi di piazza, tra cui ebbero un notevole sviluppo le attività di intrattenimento dei saltimbanchi: giochi d abilità, acrobazie, recite. L Ottocento e il Novecento Fra la fine del Settecento e l inizio dell Ottocento, sotto l influenza della cultura illuminista, la dimensione corporale, fisica, dell individuo acquistò, grazie all applicazione di una metodologia di studio scientifica, un ruolo fondamentale. L uomo sviluppò così una nuova visione di se stesso e della realtà che lo circondava e, grazie allo sviluppo del sapere scientifico, medico e biologico, il corpo umano assunse un ruolo primario anche in ambito culturale, economico e politico. Tale nuova dimensione si rivelò anche attraverso le nuove e crescenti attenzioni di tipo medico e igienico che si concentrarono intorno alla fisicità dell individuo. Nel corso del XIX secolo tale consapevolezza si rafforzò: l idea dell efficienza e della funzionalità del corpo, concetto che il razionalismo illuminista aveva posto in grande rilievo, si diffuse nella società del tempo, giungendo a incidere direttamente anche sull organizzazione del lavoro e sui rapporti fra le classi sociali. Tale processo di trasformazione incominciò a influenzare anche molti altri settori della società. Nei processi educativi, ad esempio, il corpo assunse una nuova dignità, affiancando il tradizionale insegnamento del sapere e della morale, che aveva avuto fino a quel momento un ruolo predominante. L attività fisica dell individuo, dapprima relegata semplicisticamente al momento della ricreazione, in cui il gioco costituiva solo Alberto Braglia in una prova di abilità agli anelli e con l alloro dei vincitori dei Giochi olimpici. Braglia, medaglia d oro ai Giochi olimpici di Londra del 1908 e Anversa del 1920, ottenne tronfi in tutto il mondo ed è stato considerato uno dei ginnasti più completi di tutti i tempi.

8 8 un innocuo ristoro, divenne un nuovo obiettivo riconosciuto degno della necessità di un educazione. Nacque da queste premesse la certezza che anche l educazione del corpo contribuiva a formare il carattere dei giovani. Attraverso l educazione del corpo si sarebbe ottenuta così la capacità di resistere agli sforzi e di collaborare con i compagni nelle attività di gruppo e di squadra, addestrando l individuo al rispetto delle regole costituite. Sebbene tali argomenti siano divenuti nei decenni successivi temi predominanti perfino di movimenti politici e ideologici, si deve sottolineare come tale visione costituisca fondamentalmente un educazione dell individuo alla socializzazione, intesa come educazione ad agire per un fine comune. Dopo la trasformazione educativa, fu quella del lavoro a influenzare maggiormente lo sviluppo e l affermarsi dell attività sportiva. Nell Inghilterra del XIX secolo, socialmente e industrialmente evoluta, il tempo e la tipologia di vita delle persone furono profondamente modificati dal forte sviluppo del lavoro industriale di massa. La masse rurali e popolari si inurbarono in modo massiccio, creando le prime vere metropoli moderne: gli orari vennero così scanditi dai ritmi lavorativi della produzione. Nacque un nuovo tempo per gli individui, un tempo che prima, nelle società agricole tradizionali, non esisteva: il tempo libero. Alla fine dell Ottocento e nei primi anni del Novecento, grandi masse di lavoratori venivano a trovarsi libere dal lavoro nello stesso momento, concentrate nei quartieri popolari sorti intorno alle industrie: da ciò nacque l esigenza di un loro intrattenimento ludico e sportivo. Fu ancora l Inghilterra il Paese in cui meglio si affermò la già ricordata pedagogia, secondo la quale l educazione dell atto motorio era fondamentale. I college inglesi, istituti scolastici per le classi medio-alte, divennero lo spazio privilegiato per la completa affermazione di questa nuova dimensione educativa. Nei vari istituti si procedette a regolamentare la maggior parte delle antiche attività ludiche, sia quelle tradizionali delle classi alte, sia quelle popolari, tipiche delle sagre e delle feste di paese, gettando le basi per gli sport moderni. Il pugilato, il nuoto, il canottaggio, le gare equestri, che derivano dalle diverse tradizioni popolari, furono così regolamentati sulla base del nuovo valore socialmente accettabile del fair play (gioco corretto) e del concetto che fossero necessarie identiche condizioni di gara per tutti, in modo da rendere possibile il confronto tra gli atleti; in questo è evidente l influenza del pensiero scientifico del tempo, che proprio nella possibilità di confrontare tra loro gli esperimenti aveva il suo cardine. La partenza del miglio in un incontro di fine Ottocento tra i college di Oxford e Cambridge.

9 9 Nacquero, inoltre, i giochi di squadra, come il calcio e il rugby, mentre nei lanci, i salti, le corse, si stabilirono con precisione le misure, le distanze, i pesi, le tecniche di esecuzione. Questa standardizzazione delle attività ludiche permise la diffusione delle attività sportive in vari ambienti, anche esterni ai college. Nella nascente società industriale, i momenti ricreativi in cui si svolgevano giochi e divertimenti ottennero così un loro spazio sociale ben stabilito il tempo libero appunto che permise allo sport di distinguersi dai momenti di festa tradizionali, spesso religiosi, e di assumere una forma autonoma di esecuzione e fruizione, anche attraverso l istituzione di tornei e campionati. Infatti, man mano che si affermava la pratica di sport e giochi codificati in regole condivise, lo sport assumeva una propria dignità, dando luogo a momenti in cui le classi sociali alte e popolari che fino a quel momento avevano avuto distinti momenti ludici con propri giochi ben definiti iniziarono a confrontarsi tra loro, soprattutto nella pratica di sport di squadra con la palla, determinando un momento di uguaglianza, con un effetto di blanda democratizzazione nella società europea del tempo. Questa tendenza si sarebbe concretizzata con l istituzione delle prime Olimpiadi dell era moderna (1896), dove tutto quello che si era fino a quel momento spontaneamente formato avrebbe trovato una sua collocazione, la modalità di esecuzione dei diversi sport sarebbe diventata universale grazie alla regolamentazione olimpica. Ebbe inizio così la burocratizzazione dello sport, attraverso la formazione di federazioni sportive aventi lo scopo di organizzarlo e governarlo; con il motto non importa vincere, l importante è partecipare, si sarebbe rafforzata invece la spinta alla socializzazione e all uguaglianza. Nacque così lo sport moderno. La storia dello sport in Italia La vicenda dell attività sportiva in Italia appare più irregolare rispetto agli altri Stati europei. Il ritardo nello sviluppo industriale e sociale rispetto ad altre Nazioni europee ha influenzato anche la diffusione dell attività sportiva nel nostro Paese. Nel 1844, a Torino, il conte Ernesto Ricardi di Netro fondò la Società di ginnastica, la prima palestra italiana, sul modello dei precetti di Rodolfo Obermann, un docente svizzero chiamato a Torino fin dal 1833, per insegnare la ginnastica nella Scuola militare d artiglieria. Nel 1869 fu fondata la Federazione ginnastica italiana e nel 1880, diciannove anni dopo, le società ginnastiche erano 87, mentre altre federazioni presero a organizzarsi. Nel 1885 fu fondata la Federazione ciclistica italiana e, nel 1898, la Federazione italiana gioco calcio. Nella seconda metà dell Ottocento, alcune leggi regolamentarono l insegnamento dell educazione fisica Reale Società ginnastica di Torino (Magenta).

10 10 nelle scuole. Nel 1859 fu deliberata la legge Casati, che stabiliva l obbligo dell insegnamento della ginnastica militare negli istituti di istruzione secondaria; successivamente, nel 1878, su iniziativa del ministro De Sanctis, presso la Reale Società ginnastica di Torino fu istituito il primo corso magistrale a carattere ufficiale. Nello stesso anno, si sancì il superiore valore educativo dell insegnamento dell educazione fisica rispetto all insegnamento della disciplina militare. Nel 1884, a Roma, sotto la vigilanza del ministero della Pubblica Istruzione, fu aperta la prima vera Scuola di ginnastica. Nel 1902, alla creazione di una Commissione internazionale permanente per l Educazione fisica fece seguito in Italia la costituzione di una Commissione nazionale, che espresse un parere fortemente negativo sulla situazione dell Educazione fisica nel Paese. I docenti ricevevano retribuzioni modeste, le ore d insegnamento erano poche e le strutture quasi totalmente assenti. Nel 1909 fu così approvata la legge Daneo, che stabilì l aumento delle ore di lezione, l ampliamento dei programmi e la preparazione dei docenti, basata anche su princìpi di anatomia e fisiologia. Dopo la Prima guerra mondiale, con la legge Gentile del 1923, si ebbe un forte ripensamento nei confronti dell insegnamento dell attività sportiva nelle scuole: l Educazione fisica venne scorporata dai programmi dell istruzione secondaria (anche se rimase nel programma per le scuole elementari e per gli istituti magistrali), per essere realizzata in autonomia presso le società ginnastiche e sportive designate a questo scopo dall Ente nazionale per l educazione fisica (ENEF) che, sotto il controllo del ministero della Pubblica Istruzione, fu anche autorizzato alla preparazione del proprio personale docente. Nel 1927, l insegnamento dell Educazione fisica passò dall ENEF all Opera nazionale balilla (ONB), per l insegnamento ai ragazzi dai sei ai diciassette anni, mentre nel 1937 la responsabilità passò alla Gioventù italiana del littorio (GIL). La caduta del fascismo, nel 1943, e la fine della Seconda guerra mondiale sancirono la scomparsa della GIL. Nel secondo dopoguerra furono approvati i nuovi programmi e l Educazione fisica ritornò a essere amministrata dal ministero della Pubblica Istruzione. Infine, nel 1958, fu approvata la legge 88, che stabilì i punti cardine dell ordinamento, operanti ancora oggi, anche se riformati a più riprese negli ultimi anni. Esercizi ginnici di Piccole italiane in epoca fascista.

11 11 Roma, stadio del nuoto del Foro italico. Gli sport nella tradizione popolare Molte sono le civiltà del passato che hanno attribuito a giochi e sport tradizionali una notevole importanza dal punto di vista culturale. Alcune di queste attività ludiche di antica origine, dalle quali spesso sono nati gli sport moderni e che sovente si sono conservate e tramandate in precise aree geografiche, sono tuttora praticate con orgoglio e passione, poiché identificano una peculiare tradizione locale. Tra queste attività ricordiamo le seguenti: I giochi di lancio, che consistono nel lancio di un oggetto, sasso o bastone, il più distante possibile. È possibile far risalire questi giochi a una delle primarie abilità dell uomo cacciatore e guerriero, abilità trasformatasi successivamente in gioco e attività sportiva collettiva. Ancora oggi, in Europa si ritrovano varie tradizioni: in Svizzera, il lancio del bastone, simile al lancio del giavellotto e il lancio della pietra, che ricorda il lancio del peso; il lancio del tronco, praticato in Scozia, il varpa svedese, nel quale si lancia un pesante disco di pietra. Lottatori di yagli. I giochi di lotta, giochi violenti, solitamente non sanguinosi se non per incidenti involontari, derivano principalmente da attività addestrative di tipo bellico. In Turchia si pratica lo yagli, nome che indica il grasso con cui i lottatori sono soliti ungersi per rendere più difficile la presa dell avversario; in Svizzera la schwingen, dove i lottatori indossano particolari calzoncini di cuoio; in Giappone il sumo e numerose altre arti marziali, alcune delle quali, come il karate e il judo, sono diventati sport olimpici.

12 12 I giochi di mira, derivanti anch essi da abilità addestrate inizialmente per la caccia e la guerra. A differenza dei giochi di lancio, in questi giochi la distanza è una variabile meno valutata, inoltre si fa sempre uso di un attrezzo. Esistono diverse tradizioni in tutta l Europa: in Italia, a Gubbio, ad esempio, esiste il tiro con la balestra, evoluzione dell arco, quest ultimo divenuto sport olimpico. Numerose sono, inoltre, le località dove, in occasione di feste e sagre paesane, vengono organizzate giostre in cui, lanciati a cavallo, bisogna colpire bersagli fissi o mobili. In Austria e Germania, sono invece diffuse gare in cui si usano armi da fuoco antiche, come gli archibugi. Sull evoluzione di tali armi si sono sviluppati gli sport di tiro olimpici, suddivisi nelle diverse specialità con la pistola e la carabina. I giochi di acrobazia, che contengono elementi acrobatici ricorrenti in varie attività tradizionali, in alcuni balli folkoristici, ad esempio nei balli dei cosacchi, in alcune arti marziali e nei giochi di lotta orientali. Anche nella tradizione medievale italiana, nelle feste patronali e in quelle dei nobili, non sono mai mancati i saltimbanchi, dai quali discende la tradizione del circo, ancora viva ai giorni nostri, tradizione cui è sicuramente debitrice la ginnastica, nelle sue varie discipline. L acrobazia come sfida al raggiungimento del limite, prova di coraggio, esercita un forte fascino per l uomo che riesce ancora oggi a produrre nuovi giochi. È nota, ad esempio, la prova di coraggio dei giovani maschi delle isole Vanuatu, nell oceano Pacifico che, arrampicandosi su un altissima struttura di legno, si legano la caviglie con corde di liane intrecciate per lanciarsi nel vuoto. Simili tradizioni hanno certamente influenzato il bungee jumping, in cui, in modo del tutto simile, ci si getta nel vuoto da un viadotto o da una piattaforma sospesa assicurati a un robusto cavo elastico tramite un imbracatura. Particolari, infine, sono le esibizioni di acrobazia collettiva come quelle delle piramidi umane in Catalogna o la prova di coraggio della corsa dei tori di Pamplona in Spagna. I giochi di corsa non sono solo semplici prove di velocità o resistenza. Nella tradizione, infatti, si ritrovano anche prove in cui si devono portare pesi, da so-

13 13 li o in squadra. In Giappone esistono numerose feste in cui si portano in gruppo costruzioni di legno; in Italia si può ricordare la Corsa dei ceri di Gubbio, dove si spostano, lungo massacranti salite, altissime costruzioni, dette macchine, alla cui sommità è posta la statua di un santo. Infine, nelle sagre paesane, si ritrova spesso la corsa con i sacchi, una tipica gara di velocità in cui la normale deambulazione è impedita. Esistono, inoltre, corse sui più vari animali; quelle sui cavalli rappresentano le antenate della moderna ippica. Corse tradizionali sono il Palio di Siena e di Asti, che si svolgono su piazze adattate per la corsa dei cavalli o il Palio di Alba, nel quale a correre sono gli asini. Esistono infine corse su carri o slitte trainate dai cani. Il Palio di Siena. I giochi con palle, bocce e birilli si ritrovano in tutti i Paesi del mondo, poiché la palla è un oggetto usato nei giochi fin dalla più remota antichità. La palla può essere di varie dimensioni e materiali diversi; può essere usata colpendola o lanciandola ed è sempre stata protagonista di assoluto rilievo nel gioco dell uomo. La maggior parte degli sport con la palla ha quasi sempre un antenato diretto o un gioco ispiratore da cui deriva. Il calcio è uno dei giochi più diffusi e ha una storia molto antica. Alcuni sport tradizionali hanno saputo uscire dal ristretto ambito delle sagre di paese e patronali: è il caso del pallone elastico, molto diffuso nelle Langhe piemontesi e che si ritrova anche in Spagna, con la denominazione di pelota.

14 14 Con palle più pesanti, dalla scarsa capacità di rimbalzo, si praticano il gioco delle bocce, che può essere considerato anche un gioco di mira, il twirling, in cui si lanciano dischi di pietra su superfici gelate e il tiro ai birilli, da cui è derivato il bowling. Lo sport moderno Tutte queste tradizioni costituiscono la base dello sport moderno, che ormai ha più di un secolo di vita e ha saputo superare eventi tragici come la Prima e la Seconda guerra mondiale, sviluppandosi e diffondendosi in tutto il mondo. L attività sportiva, da momento sociale che caratterizzava il tempo libero, è diventata sempre più un momento di aggregazione, a prescindere da una sua reale pratica, attraverso la partecipazione degli individui agli eventi sportivi in qualità di spettatori. Non solo lo sport è riuscito a occupare spazi sempre più significativi nella società, fino a diventare un fattore economico importantissimo, ma viene usato anche come mezzo di comunicazione politica globale. A questo proposito si può ricordare il boicottaggio effettuato da alcuni Paesi durante le passate edizioni delle Olimpiadi, per accusare o prendere posizione nei confronti di altri Paesi in modo incruento, ma evidente. Oppure ancora la coloritura politica di molte frange estreme del tifo calcistico, che nell ex Iugoslavia hanno costituito addirittura il nucleo originario di alcune milizie paramilitari che hanno agito nel Kosovo. Recentemente, anche sull onda ecologista e salutista degli ultimi anni, alla diffusione dello sport inteso tradizionalmente come Alle Olimpiadi di Città del Messico del 1968, il primo e il terzo posto nella gara dei 200 m furono vinti da Tommie Smith e John Carlos, due atleti di colore che gareggiavano per gli Stati Uniti. I due, sull onda del movimento di protesta contro la segregazione dei neri negli Usa, misero in atto una protesta non-violenta durante la cerimonia di premiazione, chinando la testa e alzando i pugni guantati di nero durante l esecuzione dell inno nazionale statunitense. Smith raccontò in seguito ai giornalisti che il suo pugno destro alzato rappresentava il potere nero, mentre il pugno sinistro di Carlos rappresentava l unità dei neri d America. La sciarpa nera avvolta intorno al collo di Smith simboleggiava l orgoglio nero, e i calzini neri (senza scarpe) rappresentavano la povertà dei neri nell America razzista. A causa di questa protesta i due atleti vennero sospesi dalla loro squadra nazionale, e banditi dal villaggio olimpico. Essi ricevettero anche minacce di morte rivolte a loro e alle loro famiglie. Tuttavia, il gesto ebbe amplissima risonanza, e costituì una pietra miliare nella storia del movimento per i diritti civili dei neri d America. agonismo tra atleti, si è aggiunta l attività sportiva come pratica salutare di mantenimento del benessere e della funzionalità fisica. Lo sport ora è praticato anche come attività ricreativa non agonistica, con il fine, anch esso sociale, di migliorare le condizioni fisiche generali degli individui.

15 15 A livello internazionale, il massimo ente sportivo è sicuramente il Comitato olimpico internazionale (CIO), che organizza le Olimpiadi estive e invernali. Esistono poi le varie federazioni internazionali, che radunano le federazioni nazionali dei singoli sport e organizzano i diversi campionati mondiali o continentali; infine le federazioni nazionali si occupano della diffusione, della regolamentazione e della pratica dello sport agonistico e amatoriale nei singoli Paesi. Fiaccola accesa sulle Olimpiadi I XXVII Giochi olimpici dell era moderna, svoltisi a Sydney in Australia nel 2000, sono stati aperti e conclusi da due grandiose cerimonie, entrambe permeate dallo spirito di riconciliazione tra gli aborigeni, antichi abitanti di quel continente, e la maggioranza bianca di origine anglosassone, discendente dai primi coloni europei, sbarcati sul territorio austrialiano 200 anni fa. Proprio la concordia e la comunione tra i popoli rappresentano gli ideali fondamentali su cui si basa il movimento olimpico, insieme con la sfida sportiva fra atleti, sfida leale e basata sulle medesime condizioni di partenza. Nel corso delle ultime edizioni, pressioni economiche e politiche, ma anche numerosi episodi di doping, hanno spesso avuto il sopravvento sui valori sportivi. Tuttavia, non possiamo certo dimenticare che l Olimpiade, da molti ritenuta il maggiore evento sportivo mondiale, non potrebbe certo realizzarsi senza il contributo economico di sponsorizzazioni, vendita di diritti televisivi e pubblicità. Basti pensare che, in media, per ogni atleta in gara sono stati necessari, per far riferimento a Sydney, altre otto persone tra accompagnatori (dirigenti, allenatori, preparatori atletici ecc.), sorveglianti, giornalisti, volontari addetti a controlli e assistenza, oltre alla spesa di circa euro per alloggi e infrastrutture. Si tratta dunque di conciliare le esigenze economiche dello sport praticato ad alti livelli con gli ideali che si richiamano ai Giochi olimpici dell antichità. Ancora oggi, i Giochi olimpici iniziano con l accensione della fiaccola, portata dai tedofori con una staffetta che prende avvio dal luogo dove si sono conclusi i giochi precedenti per giungere a quello dove si svolgerà l edizione successiva. Questo è un tributo alle antiche Olimpiadi che si disputarono dal 776 a.c. al 393 d.c., in Grecia, a Olimpia, città dedicata a Zeus. Dovettero trascorrere più di millecinquecento anni prima che venissero ripristinate. Nel 1894, Pierre de Coubertin, un giovane barone francese appassionato di sport, fondò il Comitato internazionale olimpico (CIO); due anni dopo, nel 1896, si disputarono ad Atene i primi Giochi olimpici dell era moderna. A partire da quell anno, i Giochi olimpici furono organizzati regolarmente con cadenza quadriennale, con solo tre interruzioni a causa delle due guerre mondiali, nel 1916, 1940 e Le Olimpiadi sono state un elemento fondamentale per lo sviluppo e l evoluzione sportiva mondiale. Lo stimolo costante del CIO ha portato alla realizzazione di nuove tecniche e materiali, nel tentativo di stabilire sempre nuovi record. Nel secondo dopoguerra, le Olimpiadi hanno inoltre rappresentato per molti Paesi, in modo particolare per quelli in via di sviluppo, l occasione per affermarsi e salire alla ribalta mondiale. Le Olimpiadi sono uno degli eventi più importanti e seguiti al mondo, costituiscono ancora un momento di solidarietà fra gli individui e di unione fra i popoli, anche di Paesi che normalmente sono divisi e in attrito tra loro.

16 16 Storia delle Olimpiadi moderne (da notare il progressivo miglioramento di tempi e misure) Olimpiadi moderne anno luogo avvenimenti storici Risultati dei vincitori 100 m salto in alto salto in lungo maratona nuoto 100 s.l. m f m f m f m f m f I Atene dopo un viaggio di 1300 km, 12 s 1,81 m 6,35 m 2 h 58 min 1 min 22,2 s 1896 (Grecia) quasi tutti a piedi, l italiano Airoldi è accusato di professionismo e non ammesso ai giochi II Parigi è l Olimpiade in onore del creatore 11 s 1,90 m 7,18 m 2 h 59 min 2 min 25,2 s 1900 (Francia) delle Olimpiadi moderne: Pierre 200 m s.l. de Coubertin III Saint-Louis il vincitore della maratona è squalificato 11 s 1,80 m 7,34 m 3 h 28 min 1 min 2,8 s 1904 (USA) perché ha approfittato 100 y di un passaggio in auto IV Londra l italiano Dorando Petri vince la 10,8 s 1,90 m 7,48 m 2 h 55 min 1 min 5,6 s 1908 (Inghilterra) maratona, ma viene squalificato perché negli ultimi metri è sorretto dai giudici V Stoccolma nel nuoto vengono ammesse le 10,8 s 1,93 m 7,15 m 2 h 32 min 1 min 3,4 s 1 min 13,6 s 1912 (Svezia) donne VI Berlino non disputata 1916 (Germania) I guerra mondiale VII Anversa per la prima volta una donna 10,8 s 1,93 m 7,15 m 2 h 32 min 1 min 1,4 s 1 min 24,1 s 1920 (Belgio) italiana partecipa alle Olimpiadi nel tennis VIII Parigi l interprete del film di Tarzan, 10,6 s 1,98 m 7,44 m 2 h 41 min 59 s 1 min 12,4 s 1924 (Francia) John Weissmuller, vince i 100 m e i 200 m nuoto s.l. IX Amsterdam partecipano anche le donne nell atletica 10,8 s 12,2 s 1,94 m 1,59 m 7,73 m 2 h 32 min 58,6 s 1 min 11 s 1928 (Olanda) X Los Angeles Luigi Beccali (Italia) vince la medaglia 10,3 s 11,9 s 1,97 m 1,65 m 7,64 m 2 h 31 min 58,2 s 1 min 6,8 s 1932 (USA) d oro nei 1500 m XI Berlino Ondina Valla è la 1 a italiana a 10,3 s 11,5 s 2,03 m 1,60 m 8,06 m 2 h 29 min 57,6 s 1 min 5,9 s 1936 (Germania) vincere una medaglia d oro negli 80 m ostacoli. Il nero Jesse Owens vince 4 medaglie d oro, ma Hitler rifiuta di assistere alla premiazione XII Tokyo non disputata per lo scoppio della 1940 (Giappone) II guerra mondiale XIII Londra non disputata per la II guerra 1944 (Inghilterra) mondiale XIV Londra rinascita dello sport olimpico 10,3 s 11,9 s 1,98 m 1,68 m 7,82 m 5,69 m 2 h 34 min 57,3 s 1 min 6,3 s 1948 (Inghilterra) dopo gli orrori della guerra XV Helsinki per la prima volta partecipano i 10,4 s 11,5 s 2,04 m 1,67 m 7,57 m 6,24 m 2 h 23 min 57,4 s 1 min 6,8 s 1952 (Finlandia) sovietici. Il cecoslovacco Zatopek vince i 5000 m, i m e la maratona XVI Melbourne crisi URSS - Ungheria: carri armati 10,5 s 11,5 s 2,12 m 1,76 m 7,83 m 6,35 m 2 h 25 min 55,4 s 1 min 1,2 s 1956 (Australia) a Budapest; crisi di Suez; minacce sull Olimpiade

17 17 Storia delle Olimpiadi moderne (da notare il progressivo miglioramento di tempi e misure) Olimpiadi moderne anno luogo avvenimenti storici Risultati dei vincitori 100 m salto in alto salto in lungo maratona nuoto 100 s.l. m f m f m f m f m f XVII Roma riprese in diretta TV per tutto il 10,2 s 11 s 2,16 m 1,85 m 8,12 m 6,36 m 2 h 16 min 55,2 m 1 min 1,2 s 1960 (Italia) mondo; record di medaglie d oro per l Italia (13) XVIII Tokyo grandi innovazioni tecnologiche; 10 s 11,4 s 2,18 m 1,90 m 8,07 m 6,76 m 2 h 12 min 53,4 s 59,5 s 1964 (Giappone) 93 Paesi partecipanti, immagini TV via satellite; dominio USA e URSS XIX Città del contestazioni studentesche contro 9,95 s 11,8 s 2,24 m 1,82 m 8,90 m 6,82 m 2 h 20 min 52,2 s 1 min 1968 Messico (Messico) il governo messicano; protesta degli atleti neri americani contro il razzismo; nasce lo stile Fosbury nel salto in alto (dorsale) XX Monaco attentato terroristico palestinese 10,14 s 11,7 s 2,23 m 1,92 m 8,24 m 6,78 m 2 h 12 min 51,22 s 58,59 s 1972 (Germania) al villaggio olimpico degli israeliani: 9 atleti uccisi; nel nuoto Mark Spitz (USA) vince 7 medaglie d oro XXI Montreal i Paesi africani abbandonano 10,6 s 11,8 s 2,25 m 1,93 m 8,35 m 6,72 m 2 h 09 min 49,99 s 55,65 s 1976 (Canada) l Olimpiade per protesta contro la Nuova Zelanda che ha rapporti sportivi con il Sudafrica XXII Mosca atleti USA assenti per protesta 10,25 s 11,6 s 2,36 m 1,97 m 8,54 m 7,06 m 2 h 11 min 50,40 s 54,79 s 1980 (Russia) contro l invasione sovietica in Afghanistan; molti Paesi concordi con USA XXIII Los Angeles no dei sovietici per le scarse 9,99 s 10,97 s 2,35 m 2,02 m 8,54 m 6,96 m 2 h 09 min 2 h 24 min 49,80 s 55,92 s 1984 (USA) misure di sicurezza; i Paesi concordi con l URSS dicono no all Olimpiade XXIV Seul USA e URSS presenti; solo Cuba 9,92 s 10,54 s 2,38 m 2,03 m 8,72 m 7,40 m 2 h 10 min 2 h 25 min 48,63 s 54,93 s 1988 (Corea) boicotta Ben Johnson vincitore dei 100 m in 9,79 s viene squalificato per doping (anabolizzanti) XXV Barcellona fine del dilettantismo olimpico; 9,96 s 10,82 s 2,34 m 2,02 m 8,67 m 7,14 m 2 h 13 min 2 h 32 min 49,02 s 54,64 s 1992 (Spagna) le medaglie dei vincitori sono interamente d oro XXVI Atlanta centenario dei Giochi moderni: gli 9,48 s 10,94 s 2,39 m 2,05 m 8,50 m 7,12 m 2 h 12 min 2 h 26 min 48,74 s 54,50 s 1996 (USA) sponsor non permettono che i giochi si disputino ad Atene; tutte le gare sono aperte ai professionisti XXVII Sidney per le Olimpiadi del Terzo Millennio, 9,87 s 10,75 s 2,35 m 2,01 m 8,55 m 6,99 m 2 h 10 min 2 h 23 min 48,30 s 53,83 s 2000 (Australia) l Australia batte la concorren- za di Pechino XVIII Atene sconfitta nella candidatura per i 9,85 s 10,93 s 2,36 m 2,06 m 8,59 m 7,07 m 2 h 10 min 2 h 26 min 48,17 s 53,84 s 2004 (Grecia) giochi del centenario, Atene ospita per la seconda volta le Olimpiadi XIX Pechino il popolo tibetano protesta contro 9,69 s 10,78 s 2,36 m 2,05 m 8,34 m 7,04 m 2 h 06 min 2 h 26 min 47,21 s 53,12 s 2008 (Cina) il governo cinese; nel nuoto Michael Phelps (USA) batte il record di Spitz (Monaco 72) e vince 8 medaglie d oro XX Londra 2012 (Gran Bretagna)

18 18 Torino 2006: XX Giochi olimpici invernali Dal 10 al 26 febbraio 2006 l Italia ospiterà la XX edizione dei Giochi olimpici invernali, nota come Torino 2006 in quanto tutte le località di gara nonché le varie strutture di supporto saranno situate nel capoluogo piemontese e nelle vicine montagne. Dopo Salt Lake City, al centro dei giochi invernali ci sarà di nuovo una grande città, anziché una nota località sciistica come era avvenuto nelle precedenti edizioni. Pur essendo una metropoli industriale, Torino ha da sempre una vocazione montana, essendo situata allo sbocco delle vicine valli alpine: qui sono nati lo sci e l alpinismo, è stato fondato il Club alpino italiano, sono sorte le più note riviste di montagna. Nel 1896 lo sciatore e industriale Adolf Kind fu il primo a portare un paio di sci a Torino dalla Svizzera, raccogliendo poi intorno a sé un gruppo di entusiasti pionieri che furono i fondatori del primo sci club italiano, lo Ski club torino (1901). Nel 1912 sorse nei pressi di Sauze d Oulx, una delle sedi di gara di Torino 2006, la prima capanna alpina costruita come rifugio per sciatori. Le Alpi del Piemonte e della Valle d Aosta iniziarono a essere percorse anche dalle prime escursioni scialpinistiche, che si spinsero a quote sempre più alte. In questi luoghi nel 1915 su iniziativa dello storico Ski club vennero istituiti i Corsi sciatori per le truppe alpine, a cui ebbe modo di partecipare all epoca del secondo conflitto mondiale anche lo scrittore Mario Rigoni Stern (l autore de Il sergente nella neve). Alla fine degli anni Trenta sul Colle di Sestrière, un passo a 2000 metri circondato da montagne dove esistevano solo un piccolo albergo e una casa cantoniera, fu realizzata una grande stazione invernale su iniziativa della famiglia Agnelli, prendendo a modello i centri svizzeri, austriaci e bavaresi ammirati da Edoardo Agnelli, appassionato sciatore. In questa epoca vennero costruite le prime funivie, all avanguardia per il tempo, e le due famose torri-albergo con rampe elicoidali interne che caratterizzano il panorama del Sestrière. Con il passare degli anni si trasformò da stazione d élite rivale di Saint Moritz a centro per lo sci di massa, contribuendo ad allargare la pratica di questo sport a fasce sempre più ampie della popolazione e ospitando alcune delle più importanti manifestazioni sportive sciistiche nazionali. Le sue nevi sono state percorse dai nomi più leggendari dello sci italiano: Zeno Colò, Gustav Thoeni, Piero Gros, Alberto Tomba, Deborah Compagnoni. Il sistema olimpico Torino 2006 è un esempio della complessità dei moderni giochi olimpici, che attirano molteplici interessi sportivi, economici, culturali e sociali. L organizzazione sportiva è affidata al TOROC (Torino Organising Commettee), mentre l Agenzia Torino 2006 si occupa di costruire, riadattare e gestire le strutture necessarie. Verranno costruiti tre Villaggi Olimpici per ospitare i circa 2500 atleti e accompagnatori attesi, oltre a cinque Villaggi Media per giornalisti e operatori della comunicazione. La rete viaria della città e dintorni sarà aggiornata e alcune aree e strutture dismesse saranno recuperate, come i vecchi mercati generali e il Lingotto, storica fabbrica d automobili della FIAT, al cui interno verranno creati un modernissimo centro stampa internazionale e un centro multimediale. L aspetto culturale è sottolineato dal calendario di eventi programmati nell ambito dell iniziativa Torino Città delle Alpi : mostre d arte, rassegne cinematografiche, concerti. Sul territorio interessato dai Giochi saranno inoltre sviluppati, in accordo con gli Enti locali, programmi ambientali di accompagnamento dell evento olimpico, con l obiettivo di promuovere lo sviluppo sostenibile delle aree anche dopo la manifestazione sportiva. I Giochi olimpici moderni sono anche un banco di prova delle ultime scoperte tecnologiche: nela fabbricazione degli sci per discesa e slalom, dopo l innovazione delle forme sciancrate, si sta sperimentando l uso di fibre di ceramica straordinariamente resistenti e adattabili alle vibrazioni. Nel campo dell abbigliamento, i nuovi tessuti polimerici delle tute a fronte di una minore resistenza all attrito mantengono i necessari standard di sicurezza. Nello sci di fondo si stanno già usando attrezzi a base allargata e struttura interna a nido d ape, per garantire insieme flessibilità, leggerezza e resistenza.

19 19 Anche negli scarponcini per lo sci da fondo e per il pattinaggio si stanno utilizzando piastre di carbonio per migliorare il trasferimento veloce dell energia e assicurare completa contenzione al piede. Una delle più note industrie locali possiede un Centro di ricerche aerodinamiche con una galleria del vento in scala naturale, nata per le ricerche nel settore automobilistico e poi utilizzata anche per affinare l aerodinamicità dell insieme atleta-attrezzo nelle discipline di velocità. In questa struttura una grande elica spinge a oltre 100 km/h una corrente d aria verso il mezzo o l atleta, mentre sensori computerizzati registrano i flussi del fluido e le forze in gioco. I Giochi paraolimpici invernali Dal 10 al 19 marzo 2006 si svolgeranno nelle località olimpiche i giochi paralleli per atleti disabili. Il marchio della paraolimpiade richiama una figura umana e le tre gocce simbolizzano il corpo, la mente e lo spirito. Verde, azzurro e rosso, i colori scelti per il logo, richiamano il colore sportivo nazionale italiano (azzurro), la natura (verde) e la passione (rosso) che immancabilmente sprigionano questi atleti. Gli sport praticati saranno: biathlon, hockey con slittino, sci di fondo, sci alpino, curling su carrozzina. Le gare Le cerimonie di apertura e chiusura saranno ospitate a Torino nello Stadio delle Alpi. Le gare si svolgeranno in sette diversi Comuni del torinese, con altri due Comuni sedi di allenamenti, e dureranno 17 giorni. Complessivamente saranno in palio 78 medaglie in 15 diversi sport: biathlon, bob, combinata nordica, curling, freestile, hockey su ghiaccio, pattinaggio artistico, pattinaggio di velocità, salto, sci alpino, sci di fondo, short-track, skeleton, slittino, snowboard. Sciatore nella galleria del vento.

20 20 Interesse per lo sport Le attività sportive in genere rappresentano ormai una parte importante della vita della società contemporanea, sia per le risorse economiche che coinvolgono, sia per l interesse che suscitano nel pubblico. Lo testimonia il grande spazio dedicato a tali attività su qualsiasi moderno mezzo di comunicazione: tutti i quotidiani dedicano numerose pagine allo sport, nelle emittenti televisive pubbliche e private non mancano trasmissioni sportive, su Internet proliferano siti dedicati interamente allo sport e alle varie discipline in cui esso si suddivide. Lo sport ha dunque un ruolo socialmente rilevante e si è sviluppato nel corso dei secoli in modo complesso, diventando un elemento di attrazione per svariate attività umane, che di volta in volta vi hanno colto motivi di interesse scientifico, sociale, economico e politico. La scienza, in particolare, si è sempre molto interessata all attività sportiva, poiché essa offre l opportunità di studiare il comportamento dell uomo in situazioni limite. E proprio per permettere all essere umano di migliorare le sue prestazioni in tali situazioni, diverse discipline, come la fisiologia, la dietetica, la traumatologia, la psicologia, la scienza dei materiali, l ergonomia hanno dedicato grande attenzione allo sport. Anche l industria della comunicazione e dello spettacolo trova nello sport un ottimo prodotto, poiché esso attira con facilità l attenzione del grande pubblico, favorendo così il contatto e i consumi. Non ultima, anche la politica si è interessata allo sport, come mezzo per azioni di stampo diplomatico o, più semplicemente, per sviluppare e attirare il consenso. La diffusione degli ideali sportivi di lealtà, preparazione fisica, ricerca costante del miglioramento rappresentano sicuramente un elemento positivo per la società; tuttavia occorre sottolineare come lo sport sia anche veicolo di elementi negativi: si pensi, ad esempio, al tifo esasperato, soprattutto nel calcio, che talvolta ha manifestazioni violente, spesso volgari e provocatorie, con fenomeni di grande aggressività nei confronti dell avversario, che diventa così esclusivamente un nemico da sconfiggere, da eliminare. Da tali comportamenti scaturiscono forti tensioni che spesso recano grave turbativa all ordine pubblico, sfociando a volte in veri e propri atti criminali. Un altro elemento fortemente negativo è il doping, usato come mezzo per vincere a ogni costo, così da raggiungere con maggiore facilità, ma disonestamente, tutti i benefici sociali che vengono elargiti al vincitore: stima, notorietà e, in alcuni sport, ricchezza.

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia 1 ognome... Nome... lasse... ata... LE OLIMPII OLIMPII NTIHE 1. Le Olimpiadi dell antichità si disputarono per: circa 100 anni circa 1000 anni circa 500 anni circa 10 000 anni 2. Nelle Olimpiadi dell antichità

Dettagli

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco

La corsa. La città di Olimpia. Olimpia. Le Olimpiadi nel mondo Greco. Il pugilato. La corsa dei carri. Il giavellotto Il salto Il disco La città di Olimpia La corsa La lotta La corsa dei carri Olimpia Le Olimpiadi nel mondo Greco Il pugilato Il giavellotto Il salto Il disco Le origini dei Giochi sono circondate da miti e leggende, ma la

Dettagli

Lo sport nell'antica Roma

Lo sport nell'antica Roma Lo sport nell'antica Roma A Roma gli spettacoli sportivi più praticati erano le corse dei cavalli,che si tenevano al Circo Massimo,che sorgeva nell avvallamento tra il colle Palatino e l Aventino. Si diceva

Dettagli

Compeed Golden Gala 2012 Progetto Formativo A lezione di Atletica. Stadio Olimpico - Roma, 31.05.2012

Compeed Golden Gala 2012 Progetto Formativo A lezione di Atletica. Stadio Olimpico - Roma, 31.05.2012 Compeed Golden Gala 2012 Progetto Formativo A lezione di Atletica Stadio Olimpico - Roma, 31.05.2012 Il Compeed Golden Gala : Verso Londra 2012 Atletica: la disciplina sportiva per eccellenza, regina delle

Dettagli

TIRO CON L ARCO. Un po di storia

TIRO CON L ARCO. Un po di storia TIRO CON L ARCO Un po di storia Le prime tracce evidenti dell uso dell arco e delle frecce risalgono all uomo preistorico di venticinquemila anni fa. Questo tipo di arma resta importantissimo nel corso

Dettagli

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Liceo Scientifico N. Copernico Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Perché candidarsi? Il liceo Copernico vanta un' ottima tradizione sportiva con eccellenti risultati raggiunti negli anni dalle rappresentative

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010

Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010 Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010 Numerose sono state le competizioni, per le varie discipline e per numerose classi. Mi limito qui ad uno scorcio che ho ritenuto di osservare con maggior interesse

Dettagli

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Alimentazione e benessere Il proliferare di informazioni scorrette dal punto di vista alimentare

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Dieci regole d oro per una scrittura più chiara

Dieci regole d oro per una scrittura più chiara Dieci regole d oro per una scrittura più chiara 1. Mantieni corte le frasi; 2. Preferisci il semplice al complesso; 3. Preferisci le parole familiari, più conosciute; 4. Evita le parole inutili; 5. Metti

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA

1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA 1 CIRCOLO DIDATTICO DI ISCHIA PROGETTO GIOCO SPORT FINALITA Il Progetto Gioco-Sport intende rendere evidente e far comprendere il valore altamente educativo delle attività sportive, individuali e collettive

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio VIII Ambito territoriale per la provincia di Torino Ufficio Educazione Fisica e Sportiva di

Dettagli

Disabilità, Scuola e Sport

Disabilità, Scuola e Sport MIUR FIDAL Perché e Come fare Atletica Leggera a Scuola Corso di formazione e aggiornamento di Atletica Leggera per gli insegnanti di educazione fisica delle scuole secondarie di 1 e 2 Disabilità, Scuola

Dettagli

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014

PROGETTO LUDICO - DIDATTICO OLYMPIC VILLAGE 2014 Olympic Village, un percorso ludico-didattico che ha come tema l origine dei Giochi Olimpici e la Magna Grecia. Il progetto propone un viaggio indietro nel tempo di migliaia di anni alla scoperta della

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo

Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo Carpi Il laboratorio linguistico proposto è di avviamento allo studio per alunni stranieri delle classi 4 e 5 della Scuola Primaria. Il progetto presentato

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Il Tchoukball: la storia in breve

Il Tchoukball: la storia in breve FEDERAZIONE TCHOUKBALL ITALIA Via Varese, 172 21047 Saronno (Varese) Tel. 0238595552 Fax 029625552 Email tchoukballitalia@yahoo.it www.tchoukball.it Il Tchoukball: la storia in breve www.tchoukball.it

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di

Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di La popolazione Perché partire dalla popolazione? La crescita economica deriva dall energia. E per molti secoli l uomo è rimasto la macchina principale in grado di trasformare il cibo in lavoro. Data l

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

Storia e filosofia del Body-building

Storia e filosofia del Body-building Storia e filosofia del Body-building Stefano Campitelli STORIA E FILOSOFIA DEL BODY-BUILDING Questo libro è dedicato a mia moglie Emilia, mia sostenitrice nelle gare agonistiche e compagna di vita. Storia

Dettagli

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9

2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8. 4.Conclusione... 9 1.Introduzione... 2.Cos è il nuoto sincronizzato...4-3. Penalità... 7-8 4.Conclusione... 9 Elisa Boffi 2009/2010 Opzione Storia 2 1) Introduzione In questo lavoro parlerò del mio sport, il nuoto sincronizzato.

Dettagli

regolamento giochi medievalia 2015 Palio delle Botte Palo della Cuccagna Corsa nel sacco Palio della Botte Junior Lancio degli anelli Junior

regolamento giochi medievalia 2015 Palio delle Botte Palo della Cuccagna Corsa nel sacco Palio della Botte Junior Lancio degli anelli Junior regolamento giochi medievalia 2015 I giochi sono articolati in tre giorni, 04/05/06 settembre 2015, devono essere svolti solo ed esclusivamente da persone residenti a Faicchio oppure stabilitesi a Faicchio.

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

[Gli Sport - Pentathlon moderno]

[Gli Sport - Pentathlon moderno] Pentathlon moderno Le origini Nelle Olimpiadi antiche il pentathlon comprendeva due lanci (disco e giavellotto), una corsa, un salto in lungo e una prova di lotta. L idea di riproporre una gara su cinque

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

La Scuola in Movimento

La Scuola in Movimento La Scuola in Movimento ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G.B. VACCARINI CATANIA In collaborazione con C.O.N.I. C.U.S. CATANIA Comitato Provinciale di Catania & Federazioni Sportive Nazionali Università di

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Record, numeri e fatti insoliti tratti da QlikView Global Games App

Record, numeri e fatti insoliti tratti da QlikView Global Games App Record, numeri e fatti insoliti tratti da QlikView Global Games App Atleti che hanno vinto medaglie rappresentando 2 12 diverse nazioni 2297 Le medaglie vinte finora dagli Stati Uniti, dominatori assoluti

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

Ogni gara del Palio avrà il seguente punteggio:

Ogni gara del Palio avrà il seguente punteggio: Palio delle Contrade Ceresaresi Regolamento e appuntamenti - edizione 2015 Lo scopo del Palio è quello di unire tutti gli abitanti dei Borghi in un clima di festa nell ambito della rievocazione storica.

Dettagli

ALKEOS Associazione per Fini Sociali ONLUS Alkeos_onlus@yahoo.it

ALKEOS Associazione per Fini Sociali ONLUS Alkeos_onlus@yahoo.it Razionale del progetto Si tratta del primo appuntamento di portata internazionale di una lunga serie di eventi che si apre con il 2005, in sintonia con l importante progetto realizzato dall Associazione

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma

Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma Via Orrea, 23 00123 Roma Tel. 063037022 - fax o630436063 Staffetta 4 x 100 misti tutti in gara per la Cittadinanza, Costituzione, Salute e Sicurezza! L importante non

Dettagli

XX Giochi Olimpici Invernali. I numeri di Torino 2006. Torino 2006. La certificazione ambientale del Comitato Olimpico Torino 2006

XX Giochi Olimpici Invernali. I numeri di Torino 2006. Torino 2006. La certificazione ambientale del Comitato Olimpico Torino 2006 ambientale del Comitato Olimpico Torino 2006 Roberto Saini Ciro De Battisti Milano, 4 maggio 2004 1 XX Giochi Olimpici Invernali IX Giochi Paralimpici Invernali Torino 2006 Il, fondazione di diritto privato

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE. di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria

PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE. di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria L'Archivio Storico Tito Belati di Perugia presta la propria opera di documentazione

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Inserire il codice Meccanografico della Scuola e salvare il "file con nome" riportando

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI

Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI progetto ATTIVITA SPORTIVE per il triennio 2013-2016 POF anno scolastico 2014/2015 DENOMINAZIONE PROGETTO: CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata

COORDINAMENTO PER MATERIE MAGGIO 2014. AREA DISCIPLINARE Materia Educazione fisica/scienze motorie COORDINATORE Borsato Donata Istituto Tecnico Industriale Statale C. Zuccante Venezia-Mestre VERBALE RIUNIONE COORDINAMENTO PER MATERIA DOCUMENTO DEL SGQ MOD P05.14 Rev. N. 0 Data 06/06/2005 Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

CORSI. Area Salute e Benessere Area Corsi in Piscina Area Cultura e Tempo Libero. ottobre - dicembre 2010. A.SE.P. spa Azienda Servizi Pubblici

CORSI. Area Salute e Benessere Area Corsi in Piscina Area Cultura e Tempo Libero. ottobre - dicembre 2010. A.SE.P. spa Azienda Servizi Pubblici Comune di Porto Mantovano A.SE.P. spa Azienda Servizi Pubblici CORSI ottobre - dicembre 2010 Area Salute e Benessere Area Corsi in Piscina Area Cultura e Tempo Libero Comune di Porto Mantovano Provincia

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Piano Marketing 2013-2016

Piano Marketing 2013-2016 Piano Marketing 2013-2016 L Unione Italiana Tiro a Segno ha una duplice anima. E Federazione sportiva nazionale, riconosciuta dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) con l obiettivo di promuovere

Dettagli

Canoa. Scienze Motorie A.A. 2012 Corso teorico-pratico. Dott. Ramazza Michele Cell. 328 3059668 info@micheleramazza.com. Dott.

Canoa. Scienze Motorie A.A. 2012 Corso teorico-pratico. Dott. Ramazza Michele Cell. 328 3059668 info@micheleramazza.com. Dott. Canoa Scienze Motorie A.A. 2012 Corso teorico-pratico Dott. Ramazza Michele Cell. 328 3059668 info@micheleramazza.com Dott.rsa Casini Giulia Programma di oggi - presentazione del corso - storia della canoa

Dettagli

CLASSICO SCIENZE UMANE LINGUISTICO SCIENTIFICO

CLASSICO SCIENZE UMANE LINGUISTICO SCIENTIFICO Licei Camerino SCIENTIFICO sezione ad indirizzo SPORTIVO CLASSICO SCIENZE UMANE LINGUISTICO SCIENTIFICO Istituto di Istruzione Superiore Costanza Varano CAMERINO Il Regolamento del Liceo Sportivo Il Regolamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

ATLETICA LEGGERA. Un po di storia

ATLETICA LEGGERA. Un po di storia ATLETICA LEGGERA Un po di storia L atletica leggera è nata insieme all uomo, il quale, per muoversi, per procurarsi il cibo e per ogni necessità era costretto a correre, a saltare, a lanciare un sasso,

Dettagli

I cinesi, i cinesi, i cinesi

I cinesi, i cinesi, i cinesi I cinesi, i cinesi, i cinesi Si fa un gran parlare dei cinesi. Stanno invadendo tutto, dicono. Naturalmente da un punto di vista economico. Si sono adeguati al mercato globale, hanno accettato le regole

Dettagli

Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl

Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Sport ed Economia: analisi della situazione e dati Treviso, 22 giugno 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl 1 Premessa Il fenomeno sportivo nelle sue diverse sfaccettature ha

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013

NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013 NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013 ESORDIENTI M/F (6-11 anni) NORME GENERALI Gli Esordienti sono suddivisi in tre fasce d età secondo il seguente schema: Esordienti C 6-7 anni (nati negli anni 2007-2006)

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO PROGETTO RELATIVO AI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Nell ambito dell organizzazione dei giochi sportivi studenteschi,

Dettagli

Le donne e il diritto di voto

Le donne e il diritto di voto Le donne e il diritto di voto «La donna nasce libera e ha gli stessi diritti dell uomo. L esercizio dei diritti naturali della donna non ha altri limiti se non la perpetua tirannia che le oppone l uomo.

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

- 34 GIRO CICLISTICO D ITALIA UNDER 26-18/19 GIUGNO 2004 - AMICHEVOLE DI BASKET NAZIONALI ITALIA-GRECIA 4 GIUGNO 2005

- 34 GIRO CICLISTICO D ITALIA UNDER 26-18/19 GIUGNO 2004 - AMICHEVOLE DI BASKET NAZIONALI ITALIA-GRECIA 4 GIUGNO 2005 IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI E PALESTRE SCOLASTICHE Gli Impianti Sportivi pubblici presenti nella nostra città sono 21 di cui n.6 palestre scolastiche e n. 15 impianti comunali. Gli impianti vanno da 9 medi

Dettagli

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica

Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Regolamento Scuola di Cavalleria Storica Parlare oggi, di Cavalli e Cavalieri nella storia e sopratutto parlare di Cavalieri Medioevali, ci rievoca nei nostri pensieri immagini stereotipati d uomini senza

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private,

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME

GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME 1 Gioca l atletica, vinci insieme Premessa Tempi e fasi di realizzazione Obiettivi generali Obiettivi prioritari Centri di avviamento all Atletica Collaborazioni e soggetti

Dettagli

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10156 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10156 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno. Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10156 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.it STATUTO del Centro Sportivo Scolastico E istituito all

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI 1) Ogni gioco popolare inserito nel programma del Palio delle Borgate contribuisce alla classifica generale come evento singolo. TIRO ALLA FUNE 2) La gara inizia quando

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 Le categorie Free sono le categorie in cui sono suddivisi gli atleti che non hanno raggiunto lo score e gli eventuali

Dettagli

Santi medievali in guerra.

Santi medievali in guerra. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche Corso di Laurea in Storia dell Arte Santi medievali in guerra. Giovanna, Giorgio e Francesco

Dettagli

REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA

REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA REGOLAMENTO MINIVOLLEY TOUR PROVINCIALE MANTOVA CI IMPEGNAMO PER Orientare l attività a tutela dei diritti del bambino atleta. Attraverso le sue esperienze e le opportunità che gli verranno offerte potrà

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

piscina - palazzetto

piscina - palazzetto Programma 2015-2016 piscina - palazzetto scuola nuoto propaganda scuola calcio Scuola tennis Scuola Twirling tiro con l arco kudo daido juko calcetto pallavolo Si trova in via della Pace 1 a Varallo Pombia,

Dettagli

Milano, 8 aprile 2015

Milano, 8 aprile 2015 SABATO 27 GIUGNO 2015 - ARENA CIVICA DI MILANO GIOCHI SENZA BARRIERE, ENERGIA PER LA VITA UN GRANDE EVENTO FUORI EXPO NATO DALLA SPLENDIDA ESPERIENZA DI BEBE VIO OTTO SQUADRE SI SFIDANO NELLO SPIRITO PARALIMPICO

Dettagli

LA NAZIONALE DEL COMMENTO OLIMPICO DI SKY

LA NAZIONALE DEL COMMENTO OLIMPICO DI SKY LA NAZIONALE DEL COMMENTO OLIMPICO DI SKY Fiona May 2 medaglie olimpiche 3 partecipazioni Primatista italiana di origine britannica di salto in lungo. E stata due volte campionessa mondiale della specialità,

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO PROMOZIONE SPONSOR 2014 Scuola Ciclismo DESTRO NOI, VOI. STESSA STRADA, STESSO SUCCESSO Pubblicità o sponsorizzazioni? Ti stai chiedendo cosa dovresti guadagnarci

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE

INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE LE ORIGINI, LA STORIA, L EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEL COMPARTO DELLE DEMOLIZIONI IN ITALIA E NEL MONDO LE ORIGINI DELLA DEMOLIZIONE La filosofia

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

EGIDIO DANSERO ANNA SEGRE 1 I XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI «TORINO 2006» BREVIARIO MINIMO

EGIDIO DANSERO ANNA SEGRE 1 I XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI «TORINO 2006» BREVIARIO MINIMO EGIDIO DANSERO ANNA SEGRE 1 I XX GIOCHI OLIMPICI INVERNALI «TORINO 2006» BREVIARIO MINIMO La pista olimpica verso il 2006. Presentiamo qui di seguito una sintetica scheda sulle olimpiadi invernali di Torino

Dettagli