ALBALONGA. Gli abitanti di quelle zone venivano chiamati Albanoí e Arbanitai.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALBALONGA. Gli abitanti di quelle zone venivano chiamati Albanoí e Arbanitai."

Transcript

1 ALBALONGA ΙΠΣ ΡΙΨ:<<Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull'uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e richiuse la carne al suo posto. Il Signore Dio formò con la costola, che aveva tolta all'uomo, una donna e la condusse all'uomo» (Genesi 2,21-22) Molto tempo prima della nascita di Roma, il nome dell intera penisola italiana era Albalonga. Il toponimo Albalonga significava Longa Arbia cioè Longa Arabia. Fu coniato dagli scrittori Romani per riferirsi alla Lunga Arabia italiana. Lo stivale fu equiparato ad una Lunga Arabia, perché le popolazioni italiche che lo abitavano condividevano con le popolazioni arabe la stessa origine etnica e culturale, ma soprattutto perché era, all epoca, la proiezione dell Egitto Luminoso o Numinoso (Alba). Erano le stesse popolazioni che avevano colonizzato la Jugoslavia fino a Lubiana e, più ad oriente, l Ucraina fino a Mosca. Si trattava di una grande aggregazione di popolazioni definite arabe non tanto per la comune origine etnica quanto per il fatto dell arbën o arbër (Old Albanian), cioè dell ara ben (pen), dove veniva praticato il ben che arde (ben/ar, ben/al o ben/el). Gli arabi dei Balcani erano chiamati arbëreshë, arberesche o arabesche, cioè arabi dell Est. Arberesco significa originario dell albero genetico della Grande Arabia (arbor, arboris), per tale intendendosi il Nord Africa e il Medioriente, nonché discendente dell Arbor di Abramo 1. Nella lingua greca erano detti Ἀλβανοί, Albanesi 2, cacciatori di albi, cioè di bianchi, per il ben ben. Dal punto di vista etnico gli arberesche o albanesi non erano semplicemente arabi bensì una commistione, una macedonia, di rom, arabi, greci allo stesso modo degli arabi stanziati in Bessarabia (Besarabya). Il passaggio da albi in arbi si ha per rotacismo di l in r ed è un accorgimento linguistico che nasconde il concetto di arabo cacciatore dell albo, cioè del bianco (f-air). Molti secoli prima della nascita di Roma gli Arabi potevano essere identificati con i Brutii, abitanti del Brutium, cioè dell Italia meridionale. 1 Il termine latino arbor (albero) significa Rab Oro, ma possiede una molteplicità di significati crittati che rinviano alla tratta schiavistica dei bianchi verso l Africa e la Cina. Per individuarli occorre procedere dall endiadi arbor-albor. Tra i principali si ha harbor e harbour, sinonimo di albereto di Piramidi e Obelischi (vedi arbëreshë, arabe). Con l aggiunta della T iniziale si ha Tabor, cioè Mons Tabor e con l ulteriore aggiunta della M si ha Mons Tambor, uno dei nomi della Piramide e del suo Tamburo Drum, cioè τύμπανον δρόμος Nomi affini con TM erano Templum e Temblor, Timpanum, Tom, Tumulus 2 Nel II secolo a.c., Polibio nelle sue Storie menziona una tribù di nome Arbon nella zone centrali dell'odierna Albania. Gli abitanti di quelle zone venivano chiamati Albanoí e Arbanitai. 1

2 Brutii nella forma Abrutii significa a bey root, cioè genti discendenti dalla radice di Beyruth, mentre nella forma Aprutii (Aprutini) significa apri et capri del πῦρ. Un altro etnonimo equipollente è Pretutii, popolo delle predae, delle pretiae e del pretium dei Britanni. Come testimonia l espressione avverbiale latina ex abrupto, transitato significativamente nella lingua inglese nella forma abrupt, le popolazioni del Bey erano stigmatizzate, sotto il profilo etnoantropologico, con gli epiteti ira et rabia, allo stesso modo delle popolazioni stanziate in Iran, Iraq ed Arabia. Abrupto deriva dalla preposizione ex e dal participio passato del verbo rumpo, rumpis, rupsi, ruptum, rumpere, assimilabile etimologicamente al verbo rapio, rapis, rapii, raprtum, rapere, in inglese to rape. Gli arabi nella mitologia greca erano considerati Arpìe, gente immonda per essere stati al servizio dell Ara Pia o dell Arabia, cioè dell Egitto, sede del Faraone Rab, The Rapist. I Russi definiscono gli arabi rupìe, con ciò accomunandoli agli indù. Stesso significato crittato di Arabia avevano i toponimi Lucania, Locride (Luceride), Licia, Cilicia etc.. Essi testimoniavano la presenza di insediamenti di popolazioni nordiche tra le popolazioni aduse alle varie forme di olocausto. Allo stesso modo i toponimi creati sulla base del termine Gallo si riferivano alle popolazioni galliche ma erano nati dal termine gaol o equivalente al greco καλός cioè K ALO e K-ALI (ὠραῖος, εὐπρεπής). In Italia le varie sottoetnìe italiche portavano nomi che rivelavano le loro remote e comuni origini arabe: i Samnites o Sanniti erano Sunniti, i Sabini, Sabelli o Sabei erano Sabrei di Sabra, i Brutii o Marsi erano Beruti o Beriti. L Italia Albalonga 3 poteva essere considerata la Longa Manus dell Arabia sull Europa ed il suo Arbiter Absolutus. La penisola fu così chiamata perché doveva essere la Fucina 4 o il grembo della lunga gestazione per veder nascere nuovamente il Sole e l antico splendore della Piramidi d Oro. 3 Il toponimi dove compare il nome Alba indicano zone più o meno estese dove venivano sacrificati i bianchi. L Abruzzo interno morsicano era una zona Alba Fucens, come desumibile dal toponimo ad hoc coniato dai Romani, acerrimi nemici dei Marsi. Era una fucina dove si martellavano, cioè si martirizzavano, i prigionieri galli. L Abruzzo ed il vicino Lazio, in epoca pre-romana, erano zone Anio (Aniene), dove affluivano grandi quantitativi di agni destinati al macello. Anche la Toscana era una zona Anio o Arno (ἀρνός) e, più in generale, l intera Albalonga (Arabia o Albania Longa). Più in generale si può dire che le varie regioni europee dove si rinvengono toponimi che implicano il concetto di bianco e di luce erano zone dove sorgevano altari sacrificali (luci). 2

3 I Romani definirono il sistema della martirizzazione di matrice isiaca Theatrum Marcelli, cioè atrus et atrox mars macellum della θεά (TH A). Era l Ade dislocato in Europa e, per quanto riguarda l Italia, la regione abruzzese era Teate o Tsade, cioè l Ade per il lamb-aid (lambda), schiavo del TH Ramnis (sp. amo dal verbo latino amo, amas, amavi, amatum, amare e dal greco ἀμνός). L Abruzzo era Interamnia cioè inter amnes ἀμνῶν provenienti da Alba con un importante ara per i sacrifici ubicata sull Altopiano delle Rocche (Aquila). I Romani, fieri nemici degli africani, degli arabi e dei mercanti ebrei, fecero dell Abruzzo, dopo la conquista della Giudea e delle Numidia africana, una delle zone di concentramento degli amnigeni e degli amnici (amici), cioè delle popolazioni che si erano riconosciute nel οταμός egizio. Nella lingua osco-umbro-sabina ὁ ἀμνός era la habina o sabina, cioè la vittima destinata allo stupro e quindi allo shave bean. Il bean, cioè il ῥήν, sottoposto allo shave era, al tempo stesso, il pene della vittima con i relativi ῥημός, cioè con le due gonadi, sui quali si infieriva con il pen o punta (presso gli antichi Egizi il ben era la πέντε αλφα o punta elettrica passover che causava il κηρός pasquale). I Romani crittografarono le gònadi in ova (voce transitata nello spagnolo oveja) e il penis in panis o cibus (transitato nello spagnolo chivo e nel traslato italiano schifo). La Festa Punica o Poenorum era coram populo ed era da panico (πάμπαν, παντάπασι, σύμπασι, senso pànico o panpsichismo). Lo shave era la σχίσις (σχίζω, σχίζα e σχάζω), per lo sclavus, così definito per la clavis (κλείς) dello X ἰός (clavus). X ἰός S M IO ten o zen SATOR Il 4 del quadrato è τέσσαρες MAM-YO Chain di Kaino Cadena di Caina/Caino Rueda del Gallo Pavo per Galo e Galina (Galli o Polloi) Il MasXios (masculus) era la maison o mansio per il mansus, cioè per il man-sus o mansus, il recinto sacro con l altare (οἰκία) dove il macellarius (lanio o lanius) eseguiva il καινειν sul καινός ayn in chain e in chin, cioè inchinato. Mansus è: - il participio passato del verbo mando, mandis, mandi, mansum, mandĕre. - il participio passato del verbo mănĕo, mănes, mansi, mansum, mănēre. Il boia dopo aver seviziato l ano (Ίλιον) della vittima, con il filetto della lama tagliava il THP (τρεῖς o τρία) della Τροία incatenata o legata, tetragona nel τετρακτύς (τέσσαρες o τέτταρες, ἀκτή e ἀκτίς), poi il gozzo, bevendone il sangue (sp. gozo), poi gli arti e l addome (exta), poi il craneus (σχίζειν del φρήν): era la potatura. Sulle vittime di sesso femminile il pene veniva praticato sulla vagina e sulle ovaie (ωα, ova). Appena il carnefice o aguzzino aveva eseguito l eviratio e mostrava alla platea i genitali della vittima, ostensio, si alzava l ovatio, il plausus o la clamatio. In Egitto l esecuzione era invece praticata con la corrente elettromagnetica e per questo era una tetra-agonìa, teta o zeta agonìa (vedi verbo τρέω). L Egitto era: - la Tessaglia, l area della tessitura; - la Tela di Aracne (ἀράχνη), cioè l Ara HXN. - latela di Penelope (Πηνελόπεια) o del Peloponneso (Πελοπόννησος), cioè di Pelope (Πέλοψ), dove rimanevano irretiti i pesci (Ke)opes: erano gli schiavi K-Oropes o K-Europes (Orops). Lo schiavo bianco era chiamato in greco ὄψ, ὀπός (plurale ὄπες), in latino ops, opis (plurale opes), termine da cui derivò piscis, piscis (plurale pisces): da ὄψ è derivato il latino lupus (sp. lobo), pseudonimo del Lu Purk del lubere e labere. Nella crittografia anglosassone il nome Ίλιον ed il suo sinonimo Τροία significano: - <<I lyon, You lie (Julus, Jutland)>> - <<Yo leòn, Tu roja (Troia, Troade, Troia in Ade)>> Lo spagnolo Julio corrisponde al latino Iulus, nome che nella crittografia romana significava I(talicus) (n)ullus, analogamente all altro nome Tullus, che significava tollo hostiles, cioè i popoli dei sacrifici dell Ostia bianca. 3

4 Come noto, erano presenti anche genti Greche, genti Sardo-Turche (Sardu/Urdu/Turcu) e genti Siro-Fenicie. I Messapici o Iapigi stanziati nelle Puglie erano di origine picena o peucetia, così come i Piceni stanziatisi in Abruzzo e nelle Marche con propaggini settentrionali fino a Piacenza. Erano considerati popolo del Messia, in quanto in tempi remoti, durante l Impero Egizio, erano stati missi dominici, inviati del Signore, per la raccolta della Massa Cerealis (La Messe, The Mess o The Mass). Un altro nome dell Italia era Vitelia 5, cioè Terra delle Vittime di Elio e Terra della Vittoria di Elio 6. Tuttavia Vitelia era non solo l Italia ma l intera Europa, somigliante per la sua forma geografica ad una donna reclinata in avanti, in procinto di essere concupita dal Toro anatolico-africano. L Europa era la Vitula (Vitella) e la Turchia con il fallo gigante africano sottostante il Taurus (Toro), come può essere desunto dal mito di Pasifae e Minotauro. Per gli ebrei europei il Toro turco era sinonimo non di semplice monta bensì della terrificante Tora, Mukka o Makka. I Romani, al pari dei Greci, non appartenevano alle etnie italiche e, contrariamente a quanto si potrebbe supporre in base al loro nome, non erano nemmeno discendenti dei Medi Romani, popolazione indiana che dall Industan, l antica Romania, per sfuggire alla dominazione cinese, da loro subita durante il periodo delle Piramidi d Oro (Xian), era emigrata in India Media, coincidente con i territori di Iraq, Siria, Asia Minore e, più a nord, con la Romania. Il nome Medio è una derivazione di Metis, sinonimo di Medinas, uno dei nomi della Piramide Energetica. 4 Il Lago del Fucino e la regione del Fucino presero il nome da Fucina, l officina di Vulcano o Efesto (Ἥφαιστος). Vulcano, il Dio della Luce e del Fuoco, era il Signore di Ἡλίου πόλις o Αιγυπτος, dove si svolse per millenni la E- Festa Puerorum Solarium o Ε-ορτή παιδῶν (τό ὈΡΩ ζῷον). Ἥφαιστος o Ἇφαιστος era Ο παῖς di Vulcanus, Volcanus o Volkanus. Παῖς significava Πατήρ Ἶσις: gli inglesi ne trassero i verbi to pay e to ray (in base alla regola crittografica Pi Ro), mentre vulcanus in vv canis. Un altro nome abruzzese dell Egitto era Corfinium, anagramma di: - Cor Fucinum, cioè Cuore della Fucina; - Fines Cordis, cioè Confini del Cuore o Africa Borders. Il Cuore, ἡ Kαρδία è l Africa, chiamata anche Xώρα. Efesto in greco Ἥφαιστος era il Dio della Luce φῶς, φωτός e del Fasto. Il Fasto delle Feste era simboleggiato nell arte dai Festoni. 5 Il vocabolo spagnolo per vitella, ternera, deriva da Terranera, nome italianizzato di Egitto T[er]re, Terno, Eterno, dove la ternera terna subiva il Talio (il J taglio). Nella crittografia anglosassone I significa Ilio o Elio ed HI era il saluto estremo verso H liopol I, come pure HEI o HEY. L avverbio HERE significava dall Eire o Aire (ἀήρ) verso la Terra di Era/Eros (THR o TH ρ). 6 Dalla radice VIT deriva anche l etnonimo INUIT, remota testimonianza di Elio Invitto fino alla Finlandia. Nelle regioni nordiche la radice VIT/VITH/VIZ era associata al concetto della malvagità, come desumibile dai vocaboli wit, witch, wick. 4

5 La Piramide era così chiamata perché era la ME-Dinamo, cioè la Dinamo Elettro-Magnetica necessaria al Mη o Mα, cioè fondamentale per la praticare la Mecca o Makka 7, cioè l esecuzione meccanica. I Medi, quindi, potrebbero essere definiti, con una circonlocuzione, popolo del Me Dinamo India o Me Dinamo Induo. Dato che il toponimo India significava In Duo, cioè In (nel territorio Chin o Kin), Duas Piramides, è plausibile ritenere che i Medi erano stati vittime della Mecca o Macca gestita dai meccanici cinesi. I Medi furono chiamati anche Curdi per il fatto che provenivano dalla terra a forma di piccolo Cuore, vale a dire l India, ed erano stati sottomessi dagli Urdu cinesi, impadronitisi del Curdu o Cor indiano. I Cinesi furono per un periodo gli Urali degli Indiani in Industan, cioè i loro pecurali ed ultori 8, ma lo furono anche delle popolazioni Urdu, in quanto sia gli uni che gli altri erano appartenuti a Ur Due o Induo, vale a dire alle Piramidi Cinesi (Chin o Kin Duo). Gli Indiani erano un popolo di incineratori (la pira indiana), probabilmente perché, dopo essersi affrancati, erano ancora memori del periodo in cui erano stati vittime della Zombizzazione Cinese 9. I Palestinesi, invece, era un popolo italiano, che aveva fondato alcuni insediamenti nella penisola: Napoli era stata Nablus palestinese prima di divenire la Nea-Polis greca. Erano detti anche prenestini o palestrini in quanto braccavano come cani (cananei) gli ebrei. Erano convinti che gli ebrei dovessero tornare al Nestos, cioè al loro Nido. Praeneste significava in italico <<pra-ite nesto>>, cioè tornatevene al Nido. Quindi prae-nestos significava tornare alla situazione prae-nestos ossia al periodo in cui gli ebrei erano nel Nido delle Aquile (ingl. Nest, lat. Onus, da cui Munus ed Honos). Il Nestos e la Paleos Trina sono le antiche Piramidi Egizie dove rimasero schiavi per millenni gli ebrei. 7 Dalla congiunzione greca μὴ è derivato necare, ma prima ancora νικάω, l inglese need (μὴ Dio), neck (μὴ κάρα), care (abbreviazione di μὴ κάρα o né care), cioè decapitazione od evirazione. 8 In dialetto italico il pecurale è il pastore padrone del peculium, cioè del gregge di pecore: pecorum grex (pecus, pecoris). Ma nel linguaggio biblico il pastore o pecoraio è il padrone del grex hebraeus (peculium), del quale dispone per i sacrifici cruenti. La parola latina pecus era sinonimo di οἶνος (oinos), sangue, di specus (speculus), spacu (spago per l incaprettamento) e pacu (spago o corda per l incaprettamento e lo spacco) ed era altresì un crittogramma che significava pesus (in spagnolo pes, peso), cioè riduzione a colla di pesce (jellyfish) e reificazione: in codice PHS. 9 I Cinesi erano così chiamati dai popoli a loro assoggettati perché si comportavano come cani, κυνόι, alla stessa maniera degli Egizi, perché erano in possesso dell energia cinetica o cinesi, perché praticavano le arti magiche capaci di far risorgere i defunti (vedi Bardo Todol e Nirvana nella religione buddista). Il fenomeno è definito modernamente zombismo. La parola zombie si rinviene nei nomi geografici africani Zambia, Zimbabwe, Gambia e Gabon. La gamba o zampa è l allegorìa fallica del defunto che si solleva, cioè cambia stato, passando dalla morte apparente alla vita, cioè alla postura eretta. 5

6 Palestina, come deducibile dall attuale toponimo di Preneste, cioè Palestrina, significava anche piccola palestra o piccolo gymnasium, cioè zona ristretta per l addestramento militare romano. Ma il gymnasium era originariamente il luogo dove ci si esercitava alla [G]umma, era cioè la città di Goma o Gomorra coincidente con l antico Egitto 10. In altre parole era l Ara o Area della Guma (Gumara). In epoca egizia avere in mente il concetto di gymnasio o quello di liceo era la stessa cosa 11. Nel liceo la comunità appartenente a Ru[m]ma, cioè a ROME egizia, era vittima della UMMA. La umma consisteva nell uccisione mediante i raggi gumma, cioè gamma, o mediante la RU[M]MA cioè la reuma (corrente elettrica). 10 Guma e goma, in italiano gomma, significava soprattutto cuma o coma, nonché cima e culmen (columen e columna). Presso i nordici era cimru o cimbru, dulmen o dolmen al posto di culmen (columna): i menhir erano i men neri o negri cioè gli homines nigri cui piaceva fare il N-eros (l amore rosso e nero cioè la carbonizzazione). 11 Liceo deriva dal verbo liceo, lices, licui, licitum licere, verbo che ha lo stesso etimo dei termini latini lac, lactis (spagnolo leche), lux, lucis e del verbo latino lucere. Tutti derivano dalla radice leu- o lu- e reu, ru, da cui reo. Nella lingua latina liceo ha ormai assunto il significato passato poi nella lingua italiana, vale a dire è lecito, è consentito. Tuttavia in alcuni contesti crittografici licet viene ancora usato in riferimento al lac/licitum. In un senatusconsultus neroniano si trovano le frasi <<non licet esse Christianos>> e <<collegium illicitum>>. Il loro significato crittato, al di là del significato manifesto delle norme, è che i Cristiani sono a favore della licitazione o saponificazione, cioè dell esecuzione in-licitum. La procedura del licitum può essere definita anche procedura della luteizzazione: i barili ermetici erano riempiti con un liquido detto nitron, contenente cloro, collegati alla corrente elettrica e portati ad una temperatura non letale. La vittima si consumava per lungo tempo nel contenitore ermetico, successivamente si aumentava il voltaggio della corrente elettrica fino a bruciare la vittima, il cui corpo si liquefaceva nella sostanza divenuta acida per effetto dell elettricità. Il liquame prodotto era chiamato limo, tabe o anche luteum (gli elementi etimologici sono sal, saltus, salt (ingl.) - cloro, clarus, calor salir (sp.), luteum, lutum, lutulentus, solveo, solutus, yellowish, jewish, glutin, jelly). Ad ogni tornata di luteizzazione seguiva il luctus, che non era un lutto funebre, bensì una vera e propria festa, il Lusso o il Luxor, che i Romani commemoravano nei Lustralia I I I: essa consisteva cioè nella fertilizzazione delle terre egizie con il luteum, chiamato anche funus o fenus (da limo sono nata le parole latine limes, -itis e limen, liminis, terra limitanea del Nilo). Terminata la macerazione, i barili ermetici venivano aperti e si procedeva alle esequie. Le esequie erano l ex-equum o ex-quba (cuba), cioè l estubazione delle reliquie e la loro aspersione sui campi. Il fumus/sumo/humo/humor, cioè il prodotto del fumo, cosparso avrebbe prodotto i futuri frutti (fenus, fenora). In un passo delle Epistulae (I, 17, 36) di Orazio si legge: <<Non licet omnibus adire Corinthum>>, in un altro si legge <<Non cuiuis homini contingit adire Corinthum>>, frase diventata un aforisma. La decifrazione della prima è non licet (inlicet cioè in-licitum) omnibus (omnes-boves) adire (A-Dira/Hades) Corinthum (Cori/Kora In dù). La decifrazione della seconda è incivilis homo contigit oppure civis homo non contigit adire χώρα o χώρα Indù. 6

7 Il sinonimo di ginnasio, palestra, deriva dal fatto che le vittime diventavano pale, cioè pallide, per effetto delle radiazioni e della somministrazione di corrente elettrica a basso voltaggio nei barili ermetici, dove venivano fatte macerare ed infine liquefare. Era la cosiddetta Tabe o Tebe o la cosiddetta Lue, parola derivante dal verbo greco λύω 12. La parola umma era non solo un abbreviazione di Ruma o Rymam (Rumam), ma anche di Suma, Sumna (Sunna) e Sumer. Da Rymam, cioè da Rimam, nacque il titolo ieratico islamico Imam 13, una delle figure di spicco o, forse, la più importante, della persecuzione degli Aryman. Aryman era l uomo destinato all ara o altare sacrificale, e nel momento in cui veniva evirato e trasformato in eunuco/donna diventava ary-mam, cioè Mamma degli Afro-Egizi (mama, mumie, moma). Il linceo, oltre ad essere il luogo del liqueo, era altresì il luogo del linciaggio di Umma. In questo luogo del deliquio delinque o derelinque chi riesce a sottrarsi alla Umma. Il Re dell Energia Gamma (Gumma) era il Ra IS, cioè il Re dei Rays di Iside. La Piramide è σος e Iside è lo stesso Faraone 14. Egli, il Faraone, è semplicemente o G, cioè God. Il termine Raʾīs, scritto anche Raïs, Rais, Raìs, Raiss, Raìss o Reis, si ritrova nella lingua araba moderna. Rais deriva dal greco ῥίζα, cioè radice o rizoma. In realtà il termine greco è un crittogramma che si decifra come si spiega di seguito. Considerando la lettera ῥ come una P maiuscola si ha: PIZA trasponendo al greco PIZA si ha A prendendo la lettera (pi) come una sillaba composta da si ha e se si aggiunge la N si ha 12 I sacerdoti addetti ai culti misterici erano in grado di resuscitare alcune vittime sottoposte al trattamento leukos o ànemos ma decedute prima del successivo stadio limo. Per il loro pallore, ma anche perché zombies parlanti, venivano dette Palladi di Athen o di Athon (vedi Pallante Evandro). 13 I MAM significa man evirato cioè senza I e quindi mamma, oppure I5 Y equivalente a IS(ide). 14 I Campani la chiamavano Cuma, gli antichi spagnoli Cumbre, gli antichi sassoni Teuton, gli antichi abruzzesi Columen Ele (Columella o Colonnella). I 7

8 GIZAN che letta al contrario dà NAZI G, dove la lettera G è l iniziale di Geese o Goat o Gath o Goto (Goto significa G 8 cioè pastora, legamento, per Goat). prendendo poi le lettere di A come III si ha III ZA sigla che contiene in sé gli elementi del Tempio-Piramide o del Tempio Greco (Grex): - la cremagliera o ghiera III della ruota energetica - l at-trezzo peot, cioè il generatore di energia 15 r III Il capo della PIZA ( ) era la Sibilla PIZIA o Sibilla di APOLLO 16, cioè il Faraone gestore dell A-POLO o A-polarizzatore (Ἄπλουν), un congegno tecnologico stupefacente che consentiva agli antichi Egizi di avere a disposizione un Calamity Tool o Machine di portata planetaria (Cam e Camiti). 15 Attrezzo deriva da A Tre ZA o A Tre SA, sigla che significa - treccia. La lettera alfa è detta anche gambero (gamba-rossa, cry-fish, pray-won, cane-cero) o scorpione (alacran, escorpion, σκορπίος, s-corpse, s-corpus), da cui sgorbio, scarabocchio. Atrez si può scrivere come TRE Z ed è la Piramide che produce energia AZA o ASA. Ma l attrezzo era anche lo spiedo, stiletto o fioretto per trafiggere sadicamente le vittime prigioniere: esse sono PHS (res) o PES (pisces). L etimo di attrezzo si può far risalire all avverbio spagnolo atras, derivante dal latino ad trans, il cui significato originario risiede nell idea di movimento da dietro in avanti, di trans-passare. Trans deriva da inter/intra più εἰς, cioè ἐντός O εἰς, dentro fuori, in tres es tres, in-traho es-traho. Dalla preposizione trans derivano i verbi: - traho (trans ago), tiro o porto oltre - transfigo (trans figo), trafiggo - to trespass (trans passo), trapasso - attraggo (ad traho cioè ad trans ago), tiro dietro, verso di me ed oltre di me - tractare (trans acto o trans ago), transigo o vado oltre. L attrezzo PEOT nell antico Egitto è la QUBA elettrificata, cioè l OTRE dove viene calato il PES. Il PES è il pessimo pesce, cioè l ebreo del quale gli Egizi sono ebbri. L O-TRE è la O ripetuta tre volte, cioè la stesso cilindro QUBA, il tunnel sotterraneo e la simbolizzazione elementare dell onda elettromagnetica 16 Apollo Pythio come Signore di Delphi e dei suoi Adelfi era un Dio oracolare, profetico e giudice circa l Oracolo Delfino. La sua vittima preferita era la Πυθία, cioè la ἀήρ καὶ ἔαρ resa Ptah (putius et putia, puto y puta). Il Faraone Cinese, ὁ κύων, prediligeva la medesima vittima bianca, chiamata Putra o Budda. 8

9 La PIZA era propriamente la Ruota Energetica con la sua Radice (ῥίζα) ovvero il suo Albero- Pignone nella Piramide Le Piramide era verosimilmente un Quadripolo Tesla (τεσσαρες o τετταρες), che i Romani chiamavano Janus Bifrons o Janus Quadrifons. Nel Nuovo Testamento l insieme Piramidi e rete di obelischi è definito Vigna del Signore, il Faraone è paragonato ad un Vignaiolo, non solo perché l attivazione della Vigna e dei Filari di Vite (Filadelfia) poteva produrre vino, cioè sangue, ma anche perché il suo funzionamento era spiegato dall allegoria degli acini dei grappoli d uva. Gli acini del grappolo erano gli ioni (ionizzatore). 9

10 Y r s semen acini o pietre σπόρος πτύω PTA Pater o Petra PTR sex FIGA IMAM o IMAN vertex teta con amen teta con Imen teta con Omen turbo vortex S πῦρ spira volatus voluta O O O O O O O O Q F I pipe seed stone PIP PIP RIY d D Delta funzione d'onda fertile con barriga Z Zed Zen penta rei 5 tettares 4 treis 3 G duo 2 F eis, mia, en 1 I Gamma En. La Teta o Tit era in grado di provocare movimenti tettonici e di generare fasci di energia Lampo (lambda). Nell Odissea di Omero il mostro di potenza è paragonato ad un gigante con un solo occhio ed è chiamato Polifemo (Πολύφαμος Κύκλωψ o Θεοκριτου Κυκλωψ). 10

11 Il gigante scagliava enormi massi provocando maremoti e terremoti: il suo nome era Polifemo, in primo luogo perché poteva parlare in tutte le direzioni, in secondo luogo perché in Egitto erano presenti (Na)Babbi o (Na)Batei di tutte le nazionalità, parlanti lingue disparate (cinesi, maya, urdu etc.). Un altro nome del gigante era Torre di Babele, nome dovuto al fatto che vi giungevano enormi masse di schiavi babies ed al fatto che era capace di scagliare pietre, in realtà disruptive waves, fino alla Gran Bretagna o Ele (Ele è l energia lambda ). L Egitto era una Babilonia e molti erano i verbum, i λόγος e las palabras, cioè le parabole di terra, enormi dischi o piatti sul suolo capaci di produrre l energia divina E O 17. Una rappresentazione plastica ancora esistente della pizza è la Mole di Adriano o Castel Sant Angelo in Roma e, prima di essa, era stato il Mausoleo di Augusto. La parola pizza in italiano contiene in sé il significato di forma geometrica piana e rotonda o piana e rettangolare, così come le parole spiazzo e piazza, che rimandano ad un idea di superficie piana ed aperta. Derivano dalle radici pas- e paz-, da cui i vocaboli inglesi path e pattern e quelli italiani sprazzo, spazzo, spacco, spatola, patente, patta, paterno. Pater in particolare significa che passa, path, la mat-eria: pa.+ ma. mara o maria, rama o ramo. In codice la Piramide tecnologica era la PIZA (ῥίζα o al qizah o Λάρισα) o anche: LA PIZ LA PIX LA PAX LA PAZ Capitale della Bolivia RAPAX RAPAZ Da A- (Piza-Giza) attraverso una serie di passaggi crittografici si ottiene RIAD Capitale della Arabia Saudita RIZA 17 Erano piatti o dischi energetici di varie dimensioni, dalla più piccola alla più grande. Erano platones et edones, τάλατα καὶ ηδονές. Per usare i nomi dei filosofi greci idealisti la parabola di terra poteva essere Plato, Πλάτων oppure Plotino, Πλωτίνος. Lo scultore greco Mirone lo allegorizzò nella figura del Discobolo: l Atleta di Atlante sta per lanciare un disco capace di colpire ad enorme distanza (pseudonimo Talete, Θάλητος=τάλατα καὶ ηδονές). Lo pseudonimo Mirone lascia presumere che l energia sparata dal disco nella scultura il disco stesso colpirà in maniera precisa, seguendo la mira balistica mirone - presa sulla base di calcoli geodetici. I nomi dei due famosi filosofi greci, teorizzatori del principio delle emanazioni (Enneadi) e degli eoni (ioni), rimandano anche all impiego del plutonio presso gli Egizi chimici o alchemici. 11

12 PIZA (greco da leggersi RIZA come rizoma) PIAZ RYAD (la y al posto della iota, può leggersi anche alla francese RUAD) ma anche DARYS (da leggersi DARIUS) Come appena detto PIZZA è sinonimo di PIAZZA PLANITIES, PIANETA o PIANEZA (è il Pianeta su carta geografica piana) PIANO PLACE PALACE PALATIUM PA-LATUS RA-LATUS ALATUS Il Ra-Alatus è il dardo-freccia 18 o flecha, è il flash (laser) che frigge la flesh Il Palatium o P-alatum o P-Ala-Aton è GIZA o, meglio, Giza è il Lucus Palatii o Lucis Palatium. Da P-alatum, omettendo la lettera a tra la lettera pi e la lettera elle, si ricava: PALATO πλάτος PLATINO πλάτων PLOTINO è il palazzo dove si viene fatti a pezzi e divorati i piatti (platos) erano i dischi energetici delle Piramidi (latino lanx, lancis) era l oro usato per la copertura delle Piramidi il nome del filosofo Greco che allude ad Atlantide il nome del filosofo Greco seguace del primo che parla di ioni ed eoni 18 Freccia deriva dal latino frango (fractus, fractio). Il raggio freccia in latino è iaculum, sagitta, telum. Oltre ad essere il raggio che brucia il iaculum è la lama con cui si recide la giugulare durante la giaculatoria ed il telum è la veste bianca di lino del carnefice. La sagitta è la saetta ed è lo stesso E-gitto Solare (E o H), che gitta saette (tuoni e fulmini, truenos e relampagos, thunder e lightenings): S(olaris) Aegyptus o ( λoς) Αἴγυπτος. In greco è il raggio-freccia è βέλος cioè Beam di Elios e solare è ἡλιώτης, da cui Niloti. Il era la fonte dell o del mare di onde o di salt Era al tempo stesso Il Sole e La Sala: i Salii dell antica Roma erano i sacerdoti epigoni dei sacerdoti Eliopolitani e delle Sale o Camere della Morte. In latino La Fonte era detta Tullius (fonte, acqua zampillante) e in indoeuropeo Tuelos. Da tuelos deriva tuorlo, metafora del Sole, paragonato al tuorlo di un uovo che emana luce bianca, la chiara dell uovo. 12

13 Il P Alato ALATO o Pa Latium dinosauro dinamo S aurum D LI LUO εἰς πίνω espina espio IVI LIO VTVT VIT Q P8 PEOT VIII I I I EQUBA κρέας, -ατος, τὸ KS ρέα BEA BEAN REAN RENE BEAM REHEN ARENA 13

14 HORATII e CURATII Gli Oratii erano nemici dei Curiatii, i primi erano Dorii o, per essere più precisi, reduci della devoratio (oratio e devotio a Ra), i secondi erano Latini. I Curiatii o Quirites erano uno dei popoli della cura. I Dorii erano stati i curati, i Latini, insieme ad altri popoli, erano stati i loro curatores per Troia d Egitto. La capitale del popolo Latino era Cori, toponimo che significa Cuore, derivante dal latino Cor (cordis) e dal greco Kαρδία, nome dell Africa durante il millenario Impero egizio. Gli inglesi lo chiamavano The Heart o The Earth, gli italiani Teate o Teram (TH ARTH, THATHR), i latini Reate (TH ἔαρ o TH AREA), i musulmani Teran o Tyran (TH RA n E). Dopo il crollo dell Impero solare Orazi, Curiazi, Latini, gli altri popoli italici, i criptoebrei ed i cristiani, diffusi anche al di fuori della penisola italiana, rimasero per secoli in competizione per la questione della sua rifondazione. Nel dipinto Il giuramento degli Orazi del pittore Jacques-Louis David, realizzato nel 1784 e conservato al Musée du Louvre di Parigi, il concetto è espresso nei tre militari romani che prestano giuramento di fronte al Centurione, formando con le loro braccia tese e le spade una Piramide. 14

15 La sagoma della Piramide egizia è delineata dalle braccia tese dei tre militari, dalle braccia del centurione e dalle spade, mentre le sue pietre dal muro a sinistra del dipinto. I tre commilitoni o camerati del Fascio Romano corrispondono alle tre donne a destra del dipinto. Quello al centro è di etnia nordica, così come la donna che gli sta di fronte, anche se non è di pura razza ariana. Quello in fondo è di etnia araba e corrisponde alla donna inclinata sul bambino, vestita secondo la foggia musulmana. Quello in primo piano è italiano e si specchia nella donna italiana. Il centurione è greco, ma non nel solo senso di ellenico, bensì anche nel senso di pastore del Grex. Tutti i personaggi del quadro sono disposti su di una carta geografica invisibile che rappresenta l Europa, dalla Spagna, alla Gran Bretagna, ai Balcani, con l Africa e le Piramidi sottostanti. Essi rappresentano le conquiste successive dell Europa e della Gran Bretagna a partire dall età delle Piramidi egizie. Il bambino con i capelli biondi che, nella carta geografica crittata, va immaginato sopra i capitelli delle due colonne retrostanti, rappresenta l Eire o Aria dispersa nel Globo (G.B.o J.B.) e la donna con la tunica nera le popolazioni musulmane che, dopo aver conquistato l Isola, l avevano precipitata nel tunnel egizio. Tra i musulmani conquistatori vi erano anche gli italiani, come lascia intendere la spada romana tra le due sciabole arabe, che, oltre a rappresentare Roma, rappresenta anche l Italia pre-romana. Il bambino con i capelli biondi è al tempo stesso la donna con i capelli biondi e il militare con l elmo dorato: rappresenta non solo la Gran Bretagna ma più in generale le popolazioni galliche. Egli, divenuto militare, forma un fascio con gli altri Orazi ed insieme giurano di capovolgere l Italia, come può dedursi dal suo sguardo rivolto verso la mano del centurione, che slancia verso la colonna a forma di Italia capovolta. La mano del centurione dice che l Italia in quel momento è Cinque o Penta-alfa, cioè è nelle mani dei Phrentani di Alif (Frentani, Piceni, Aprutii, Apuli etc.). Per Orazi devono intendersi non solo i Dorii veri e propri ma anche quelli che, pur avendo origini doriche, avevano perso le loro caratteristiche razziali. Costoro erano criptoebrei, da non confondersi con i criptoebrei israeliani, appartenenti o alla razza romena o alla razza araba. I primi erano i discendenti degli ebreizzati o vampirizzati, i secondi erano stati loro mercanti. Il traffico degli Orazi verso le Piramidi è descritto nella carta geografica crittata. 15

16 Eire G B Ger Pom Glo Bo Le tre donne a destra coincidono con l Illiria, mentre il Centurione coincide con l Italia. I tre militari coincidono con la Spagna e il punto dove le loro mani tese quasi toccano le mani del Centurione è il Golfo di Biscaglia o Guascogna (le tre mani distese, le tre lame, le sei gambe dei militari, le tre gambe del Centurione rappresentano le Piramidi egizie). La zona è messa in evidenza dal pittore perché l endiadi biscaglia e guascogna significa che il serpente basco(ne) si avvinghia con forza (vis o viz) alla caina (cayna) e la vasca a Bisceglie cioè al Serpente o al Pesce Scaglie del Nilo. Il Centurione con la mano aperta indica verso la Gran Bretagna, che da quella posizione deve essere immaginata nella mattonella bianca di destra, dove era Giza. Le cinque dita della mano aperta stanno a significare che la civiltà delle Piramidi governava i cinque continenti Potrebbero voler dire anche che a parte le Piramidi bosniache, alle spalle del Centurione-Italia, in direzione delle mani tese dei militari potrebbero esservi altre Piramidi, dello stesso periodo, appartenenti al Pentalfa Sirio cioè in definitiva al Serpente (5= S). Un ulteriore indizio in tal senso è la mezza piramide che si intravvede sul capitello della colonna a destra. Bisogna immaginare di far cadere l intersezione su Chioggia (VE) e proseguire lungo la direttrice di Gorizia. Che il punto di incrocio sia Chioggia è suggerito dall etimo del toponimo della città veneta, chioccia, corrispondente nel dipinto alla donna araba curvata a mò di chioccia sul pulcino biondo. 16

17 Le mattonelle bianche simboleggiano gli schiavi bianchi mentre il marrone del pavimento a spina di pesce simboleggia gli africani ed i meticci 20 : la mattonella è una metafora della piastra o piastrella, impiastro o pasticcio di carne, e del mattone, grande mattanza 21. I sandali dei militari rappresentano le navi veloci che collegavano Gibilterra a Tangeri, a Tunisi, a Tripoli e ad Alessandria, ma i sandali del Centurione rappresentano al tempo stesso la Sicilia e il Salento, mentre il piede caprino della donna bionda rappresenta la Grecia e il raccapriccio per le esecuzioni egizie. La lancia dice che si trattava di navi veloci (lanchas), ma a parte ciò, dice che a Giza si usava l energia elettromagnetica e lo stiletto elettrico. Il bambino, che rappresenta l Eire, Aire, Aria o l Europa bianca, è nelle mani della donna araba e vede sé stesso con la testa calva, disteso e cadavere sulla Tavola del Cuore Questa è la tavola Surf/Serf (Sufi) cioè la tavola della Serpe a sonagli per navigare il Servo del Globo. Nella cartina geografica nascosta è il ponte di Istanbul sui Dardanelli con il bambino-globo che discende verso l Anatolia, ma trasponendo il piccolo cuore sul grande cuore il bambino-globo, ora tra le mani del Centurione, potrà scivolare non solo a destra ma anche sinistra, verso Tangeri. Le mattonelle bianche agli angoli della rete rappresentano altrettante Zone Piramidi, a partire dalla più nota, quella di Gaza, da immaginarsi sulla mattonella in basso a destra. La mattonella in basso a sinistra rappresenta le Piramidi d oltreoceano, precisamente le Piramidi di Cuba, recentemente scoperte sul fondale marino nordovest dell isola, mentre la mattonella più in alto rappresenta un complesso piramidale da localizzarsi, probabilmente, negli Stati Uniti 22. La quarta mattonella angolare coperta dalla donna nera rappresenta le Piramidi di Visoko. 20 La spina di pesce o spiga di grano è il simbolo dell onda elettromagnetica sui bianchi ariani. Essa è rappresentata anche dalla mano della donna araba o arbereshe o albana, che, osservando bene, risulta essere la tela di un ragno, cioè il famigerato lo spider o spiedo elettrico. 21 Matanzas mattanza - è il nome di una città di Cuba, nome che, come visto altrove, equivale ad Egitto o, per meglio dire, ad Incubo Egizio. La cuba è la kaba o casba araba, è la baku azera (bakery), è la cob o il job dello schiavo bianco ariano, è la tuba, barrel o tonnel elettromagnetica dove quello veniva inserito per essere ucciso lentamente. Egli era la cyba o chiva (cría hembra de la cabra, abaka) da sacrificare per un sentimento di assoluta superiorità razziale africana. Era Santiago de Cuba, il santo bianco da condurre in cuba e uccidere con l ago, cioè con lo spillone o stiletto, elettrico o meno che esso fosse (santerìa, vodoo, cumbia, macumba). Il medesimo sentimento di superiorità razziale provavano gli arabi ma soprattutto i cinesi, paragonati dalle vittime a cani feroci e spietati:perros. Cinese è sinonimo di cinico e di nippon, nel senso reso palese dal verbo inglese to nip. I cinesi peruani essi erano chiamati perros. La vittima era chiva nella macellazione rituale musulmana, durante la quale il chivo, l agnello, veniva evirato, divenendo così chiva prima di morire, ma nell esecuzione in cuba era chivo, agnello od abbacchio in un altro senso, perché, in questo caso, veniva trasformato in baco de seta (abaka, baka, baku), cioè orrenda larva nel bòzzolo, che successivamente veniva evacuato: baku vacuus. 22 Il gioco dei piedi e dei calzari indica comunque l esistenza di altri altari minori, come per esempio quelli dello Yucatàn. 17

18 Le altre due mattonelle, invisibili sotto le colonne, rappresentano, quella di sinistra le Piramidi d oltreoceano americane, quella di destra le probabili Piramidi ucraine. I capitelli sono le stesse piastrelle, che il susseguirsi degli archi portano ad ovest e ad est. Il capitello di destra è una nave (zeppa di schiavi), peace of cheese for the chinese o di pedazo de formaje por el Maya. La particolarità del quadro risiede nella sua animazione. Una prima animazione vede il Centurione del popolo di mercante di Maria riceve il bambino-globo e lo lascia scivolare sulle braccia dei militari, cioè verso la Spagna e Gibilterra, oppure lo prende e lo depone sotto la donna-chioccia araba. Una seconda animazione vede il Centurione mettere nella colonna-tubo di sinistra il bambinoglobo, da dove cala fino alla Lusitania e quindi in Marocco, oppure nella colonna-tubo di destra, da dove scivola sotto la chioccia araba della Bosnia e sotto la gonna tenda-berbera per proseguire la sua corsa fino a Giza. Da Gibilterra la lancia del militare indica che esisteva una rotta schiavistica verso i Carabi. Le due colonne significano che le Piramidi americane e le Piramidi egizie erano Pilastri, cioè fondamentali nel sistema schiavistico. Gli archi a tutto tondo rappresentano le onde marine percorse dalla nave posta sul capitello della colonna di destra. Le onde simboleggiano anche i Portici di Salomone, cioè l energia elettromagnetica prodotta dal popolo delle Piramidi che le vittime definivano porch cioè pork nel senso di P-Orchi o -Orchi (vedi Isole Orcadi). Lo stesso concetto si estrapola dalla parola Globo. Infatti se al posto della G si mette la J, si ottiene J lobo, cioè J più le orecchie del Lupo M Le due sciabole e la spada al centro sono l allegoria di un grande pesce famelico, un orca, uno squalo. Era il Tiburòn delle Piramidi che divorava voracemente gli schiavi condotti in Egitto. Lo spagnolo tiburòn deriva da Tibur, che a sua volta deriva da Tebe o Te Pesc, il luogo in cui con la Tensione il Pescatore friggeva il Pesce (che durante l arrostimento e prima della carbonizzazione rimaneva con la bocca spalancata e a lingua di fuori). L itticoltura era praticata anche in Cina, come lasciano intendere le indicazioni crittate fornite dalla figura della donna dai capelli biondi. 18

19 Essa rappresenta la Turchia fino al grembo, il Mar Caspio con la blusa e Alma Ata (Almaty) con la testa. Da lì sopra vede l India sottostante, coincidente con il lenzuolo rosso della sedia, da ruotare però fino alla panca per farlo coincidere con la forma geografica del paese indù. Stessa rotazione va immaginata per la testa della donna vicina, in modo tale che i suoi occhi cadano sulla Cina. Il muro retrostante rappresenta le Piramidi Cinesi. Le due donne, che sono le stesse vittime, sembrano svenire per l orrore della visione. Lo svenimento, in spagnolo desmayo, è dovuto alla crudeltà dell esecuzione capitale COR, praticata durante l era delle Piramidi dai Maya Cinegri (cinesi, cinesi-peruani e africani). Essa è descritta nel dipinto. Il bambino gallo deve essere immaginato vittima sacrificale al centro dell agone, il militare gallo, con l elmo dorato al posto del bambino, suo figlio, nella posizione di osservatore. Al termine del rito il bambino gladiolus risulta evirato, decorato e decapitato per l uso del gladius. La plausibile dinamica del quadro suggerisce che, dopo il bambino, muore il militare, reso donna per evirazione, e quindi la madre del bambino, previamente seviziata alla vagina. 19

20 La vagina coincide nel dipinto con lo stesso Cor trafitto dalle lame. La madre veniva successivamente appesa all ingiù, come desumibile dal movimento rotatorio che viene impresso alle forme dalla donna araba incurvata L esecuzione era detta anche Maria, perchè l aria, la famiglia ariana, durante l uccisione, era sottoposta a sevizie con l impiego di onde elettromagnetiche (rappresentate nel dipinto dalle gambe dei militari e del Centurione) 23. Il rito era officiato dal Triangolo Massonico Egizio o Maya o Sion, che in epoca romana fu trasposto, mutatis mutandis, nel triangolo Rex Sacrificulus et Duo Consules (Mono S, Duo S, Tre IS e Tria/Troia). 23 Maria rappresenta il popolo Ira[n] o Rab[ia] in Ireland o E-Ire-Land. È nell atto di ghermire l ἀήρ καλός. Questi è la preda brètone o pritana, depredata e destinata al pres, praeses, preside, prete, Petrus o Pater di Petra, il Prieto Obscuro che la interpreterà. Nell antica Roma l interpretatio del sacerdos con i suoi iurisperiti (pontifex et consules) significava intra aperire aprum, cioè hiatus, patefactio, non l ape bensì il caprum o caffero (qui ferèbat ad Africam, cioè al K-afren per la fertilizzazione). Da prìtano, in greco πρυτανήιον, deriva puritano, parola di origine inglese, che può essere resa in italiano come pura tana, anche se la sua etimologia va ricondotta a πῦρ Tau Ayn. I iurisperiti o iurisconsulti (i consules del ius) erano per i Romani i religiosi periti nell arte del perire. Discendevano dagli ierofanti ed utilizzavano il πῦρ (perito ha lo stesso etimo di peritoneo, termine medico che deriva da πῦρ Ἀθῆναι, πῦρ Athen o πῦρ Athon cioè ). I Romani consideravano sé stessi: - ἄ-πυρος, immuni dal πῦρ, rispetto agli schiavi destinati al πῦρ della Casba o Kaba: puri, P-urati o B-urati in Buraq (è l equivalente di barrack e deriva da bara). - ἀ-πειρος, immuni dal πείρω o περάω, rispetto agli schiavi destinati al φόρος (foro, faro, pharaoh o piercing ): fori o flores (dal verbo flo, flas, flavi, flatum, flāre, corrispondente ai verbi inglesi to flow e to flare). Da πῦρ derivano il termine italiano sbirro e quello spagnolo perro: il Perro, cioè il Faraone, era il ύων, il Canis Sinae ed era a capo della civiltà delle Piramidi, che abbracciava America, Europa, Africa ed Asia. Fu chiamato anche Serpente e sbirri o perros i suoi procuratores. Dopo il crollo dell Impero egizio, durante l egemonia etrusca-greco-romana nel Mediterraneo, essi continuarono ad operare e vennero chiamati judaei, proceres, patricii, quaestores etc., ma il quaestor, come pure le altre figure istituzionali della Res Publica Romanorum, furono concepite per essere di contrasto alla questua di schiavi. Il giudeo era l uomo della Iunctio Aedes o Iunius (juseph, jussuf o joseph) e durante l Impero egizio era stato l uomo della Iunctio Ades (I uno a ). 20

21 Il sarcofago rosso, sotto la donna vestita di bianco, rappresenta invece l esecuzione alchemica nella Cuba o Kaba. Gli antichissimi popoli Maya o Maja erano i popoli accomunati dal mactare, principalmente in MAX o XAM (spagnolo cama): nella lingua inglese il termine May, equivalente a Faraone, è addirittura diventato il verbo to may, might, l aggettivo mighty o major. La parola latina cor, che significa cuore, era usata nel linguaggio crittato come sinonimo di ρειν, vale a dire come abbreviazione di corrente elettromagnetica. Il contrario di Cor è Roc, sigla con cui ci si riferiva alla Roca, cioè alla Piramide ad energia solare. s r Y X vulva GENOS GUNH G eno M G une a L a a ICQUS tettares 4 L naso Duo Zeus o Troia Zeus o Deus Mono S Pato/pathos ziqqurat mastaba altar ara LT (co)art (co)ars eno=oinos=vinum pente ex 6 eptà 7 octo 8 ennea 9 deca o zen X Croce patente o per il patere Cella d'ape per il mel-ior Presso i Romani, come d altronde presso tutti i popoli dell antichità, l esecuzione Cor consisteva nel sacrificare le vittime, prigionieri stranieri o anche criminali, in maniera cruenta con il taglio del petto e l estrazione del cuore. Nel dipinto lo spazio tra i militari ed il Centurione rappresenta il Cuore che viene spaccato dal gladio romano. Il Cuore, in questo caso, è quello delle popolazioni musulmane (arabi e negri), come si desume dalle due sciabole laterali: esse rappresentano il Cuore del popolo della χώρα, aperto dal gladio romano, oramai incuneatosi in Africa. Da gladio deriva la parola gladiatore. 21

22 Gladiatori, nel significato deteriore e poco noto della parola, erano stati i popoli musulmani, primo tra tutti il popolo egizio, i quali avevano utilizzato il gladius elettromagnetico per lo sterminio di massa dei Galli. In inglese l espressione I am glad 24 è una reminiscenza del periodo dello schiavismo musulmano, quando il Gallo era destinato al gladio ed era costretto ad essere grato, cioè ratto sulla graticola di San Lorenzo (Sanctus Laurentius era il Santo Sacrificatore ad Oro o ad Oriente). Plinio Il Giovane parla allegoricamente dell odiosità del gladius nel Liber XXI della Naturalis Historia descrivendo il gladiolus, il fiore purpureo, scarlatto o carminio, metafora del bambino insanguinato: << gladiolus comitatus hyacintho. novissima rosa, eademque prima deficit excepta sativa; e ceteris hyacinthus maxime durat et viola alba et oenanthe, sed haec ita, si devolsa crebris prohibeatur in semen ire. nascitur locis tepidis; odor idem ei, qui germinantibus uvis, atque inde nomen>>. L esecuzione Cor avveniva coram populo, cioè di fronte ai cittadini riuniti in un luogo pubblico, di solito in un anfiteatro (nel mondo musulmano è ricordato nella cerimonia della Mecca). I Romani la chiamavano coram populo, perché odiavano le popolazioni del Cor egizio ed islamico, come desumibile anche dal contrario di coram, che è maroc e maros, cioè Marocco e Mar Rosso. Tuttavia, a partire dal momento in cui il dominio di Roma si estese fino al Nordeuropa ed alla Gran Bretagna, i Romani spesso imitarono lo schiavismo del Cor islamico sulle popolazioni gallicogermaniche Nella crittografia anglosassone I am glad significa: - Italian jam german lads (to lade) - May(a) God o May(a) Dog (Almighty) - Italica Maria genus romanum ladronum - Iam gravis ladro - Iam genus lardum (iam generator lardi) Tuttavia l espressione equivale, in primo luogo, al latino amen, la parola di ringraziamento che dovevano pronunciare gli schiavi vittime di Amon (spagnolo jamon, arabo amman) prima di essere uccise. Amon era A Monos o A DE monos (Il Demonio). Gli Ammoniti erano i popoli che lavoravano per Ammon (The Jammon o Il Grande Gamma). Dal greco μόνος derivano i verbi latini moneo e admoneo, minacciare di morte con il μόνος, cioè la corrente elettromagnetica (energia gamma) con o senza stiletto elettromagnetico Gli anglosassoni, chiamavano sé stessi anglosaxon people, perché il plebs o popolum di πολλοὶ deportati ai Sassi ad Angolo, cioè alle Piramidi, dove li attendevano gli assassini dell Ank. Definivano il loro popolo μάρτυρος, cioè vittima del martirio o martellamento dell uro (The Jammon) turanico, cioè del tour o ègira. In greco μάρτυρος significa testimone, ma, al di là del significato letterale della parola, il suo significato criptato era quello di martire del demonio sui testicoli ( μόνος ). Da tale circostanza nacque il concetto arcaico di testimone giudiziario, colui che doveva dire la verità sui fatti sotto pena di evirazione con sevizie (se dici il falso testerai il testimonio). 25 Occorre precisare che l Europa gallo-germanica dell epoca era già stata popolata da popolazioni mediterranee ed arabe, affluite a Nord nel corso dei lunghi secoli della pastorizia greca. 22

23 Numerosi anfiteatri furono realizzati in ogni parte dell Impero sia per lo svolgimento dei ludii gladiatori sia per l esecuzione coram populo di prigionieri, schiavi e criminali comuni. Agli albori di Roma si occupavano delle esecuzioni, sotto forma di sacrifici alle divinità, i collegia sacerdotum, a capo dei quali era il Pontifex Maximus. Venivano sacrificati, oltre agli schiavi dei popoli ostili a Roma, anche cristiani ed ebrei, i primi perché appartenenti al popolo della cresta gallica, i secondi perché mercanti di schiavi galli, al pari dei Romani Daciae, cioè dei Romeni, Curdi ed Indiani. Questi ultimi appartenevano al popolo mercante del dac mihi traho Dragoni 26. Nel quadro è possibile individuare una serie di date e numeri. Il pittore sembra voler dire che nell 800 a.c. (le 5 dita più le tre else più la C di Centum) l Italia era spaccata in due, sotto c erano i Greci (ELLAS), da Roma in su gli Etruschi provenienti dall Asia Minore. Da Troia a Roma Spesso a capo dei popoli nordici vi erano criptoebrei e criptoarabi, che riuscivano astutamente a piegare ai loro riposti interessi le popolazioni galliche. Per esempio i Druidi, di origine musulmana, costituivano una potente casta sacerdotale presso i Celti 26 Il Drago erano le Piramidi viste come creste di un enorme drago: la Dacia era la Piramide d Asia (Assia). I Daci si erano insediati nella Betica spagnola, nella Romania, nell Illirico, in Turchia, soprattutto nel Curdistan, in Oman, in Palestina, in Italia e in altre zone dell Europa. La loro atavica madrepatria era Madras cioè l India. Nei punti chiave in cui si erano stanziati potevano dedicarsi al commercio schiavistico che tormentò per lunghi secoli l Europa bianca. La Betica era così chiamata per essere un punto di passaggio verso lo Shin Bet, cioè la Casa (bet o bàita) del Chino (κύων, κυνός, ὁ). Corrispondeva all attuale España, toponimo che significa expansio dell Islam. I Romani contrastarono efficacemente l expansio islamica conquistando l intera Spagna ed estendendo il dominio di Roma sul Nordafrica ed il Medioriente 23

24 Magna Grecia Gli Etruschi erano chiamati Lucumones, Luceres o Lucani perché davano la caccia ai Galli Boi per sacrificarli a Sirio, ma identici agli Etruschi erano i Greci, come desumibile dal Centurione medesimo, che ha l aspetto di un greco, vestito di rosso e con la mano destra che evidenzia il numero 5. Il numero 5 è situato a metà della gamba del 7 capovolto e insieme al numero 3 (le tre else e le tre mani) dà la data 753 a.c. il dies natalis di Roma. Il Centurione, prima ancora che etrusco e greco, è un negro egizio, primo perché è il capo delle Piramidi, secondo perché i suoi capelli sono quelli di un vecchio negro. D altronde la caccia ai Dan era cominciata ben prima del periodo pre-romano, nell età delle Piramidi, quando il Mediterraneo e l Europa erano sotto il dominio di L o EL (mano aperta: E ed L). Sommando si ottiene il numero 15, numero che sommato ai due zeri di Centum dà Il dies natalis della ρώμη d Egitto 27, la Potenza planetaria, definita dai Romani Sol Invictus (anche nel senso di Sol in Vitto), sarebbe il a.c., mentre quello della piccola ρώμη d Italia, Romula, risalirebbe al 1500 a.c.. Il numero 15 equivale, dal punto di vista grafico, alle lettere IS. IS è EL, cioè il Dominus della ELE o Ellade, il nemico belluino della οινή o κοινή d Europa. La donna ovina, [b]ovina, [s]ouina o [su]avis, l orina d Europa, era Elena, Ἑλένη, utilizzata come aes, aeris, cioè come danaro, nelle alienazioni. Alienazione nel senso di compravendita deriva da alius e alienus. Il Gallus diventava di alius cioè galienus; alius era in greco ἄλλος, colui che per uccidere lentamente e crudelmente utilizzava l ἁλς, ἁλός delle onde elettromagnetiche. Il αλός era venduto ad Aeneus o ννεάς, Enea o Enne-Ade, il compratore del prezioso Aes, che non era volgare bronzo, bensì Aire dell Eire. 27 Dies Natalis significa Dies NAZ, sigla che racchiude in sé la svastica Nazi, data dalla congiunzione della N e della Zeta, e la Piramide, rappresentata dalla A (alfa, aleph o alif). Il termine latino dies, giorno, ha lo stesso etimo dell inglese to die e to dye: era la luce in grado di uccidere o di bruciare, su piccola o su larga scala (devastatio, deriva da, vastus e svastica). 24

25 Nella crittografia anglosassone The Alloy era il gestore multietnico del Gallo-Way che conduceva alla Fonderia delle Piramidi. La Romula italiana delle origini era impropriamente chiamata piccola Roma d Egitto, perché gli Etruschi (come d altra parte gli Ateniesi in Grecia), avevano ereditato dagli Egizi solo una piccola parte della ρώμη vera e propria, cioè la polvere pirica ed i lanciafiamme, armi che consentirono loro da un lato di terrorizzare e sbaragliare i Bruti italici, dall altro di respingere le scorrerie dei Galli. In realtà già nel tempo della fondazione di Roma il Pontifex Maximus ed i suoi sodales conoscevano il know-how necessario per rifondare la Potenza Solare Egizia. Nel 753 a.c. la ρώμη etrusca passò nelle mani dei Romani. Gli Etruschi erano Troiani come deducibile dalla data 753 a.c. Infatti, mutando l ordine dei tre numeri, si ottengono le date 735, 573, 537, 375, 357, la cui somma dà Il numero 3330 può essere reso come Tres Anus, da cui è derivato, passando per Tre Ano, Traianus e Troianus. Potrebbe essere la data dell insediamento in Italia degli Etruschi o Teucri dall Asia Minore, periodo in cui la nazione turca si espanse nell Europa Ukraina o Teukr Ayn. Tres Anus significa Ter Agnus e Terra dell Agnus, cioè Europa, terra delle prede per il Lupo. Il Tres Anus è lo schema trinitario egizio. Le 5 dita più le 3 else danno la data del 530 o 503 a.c., periodo in cui Roma si disfece degli Etruschi. La data del 357 a.c. è relativa al periodo delle lotte plebee che culminarono nella conquista del consul plebeus. La mano aperta del Centurione è slanciata verso England, Ank Land o Enki Land 28. Le tre mani dei legionari formano, al tempo stesso, la lettera E di England e la sagoma geografica della Gran Bretagna ma rivolta a destra, cioè verso Est: la Estensio o Estonia dei Galli. Il particolare sta a significare che i popoli mediterranei, tra i quali Greci e d Etruschi, erano l opposto dei Galli e li odiavano visceralmente. 28 Enki era un Dio della mitologia sumera ed era lo stesso Faraone protettore di Eridu o Eridania o ἤρα dei Δαναοί (la fertile Terra dei Danesi o Danaidi). Enki il signore di Abzu (Abruzzo) era chiamato E-abzu, cioè colui che abbrucia l Eire: to bush[fire] o to brush. 25

26 Occorre immaginare che il Centurione consegni le tre lame ai legionari e che questi ruotino verso destra sovrapponendosi al Centurione, dopodichè si deve immaginare che le tre braccia, coincidenti ora con le tre lame, ruotino come le lancette di un orologio, in senso orario, così come suggerisce la donna araba incurvata, la cui sagoma va immaginata sulle creste degli elmi scuri dei due legionari esterni nei quali si immedesima. Le donne arabe-legionari che, in virtù della rotazione, assorbono in sé stesse anche il Centurione, si trovano a sinistra del cuore grande e del cuore piccolo. Quello grande è individuabile tra legionari e centurione, quello piccolo è sotto la tavola, tra la donna araba e la gonna della donna bionda. L orologio segreto, invece, è stato collocato dal pittore sulla punta della lancia del legionario di sinistra. L insieme donne arabe-legionari-centurione rappresentano gli arabi che catturavano il guerriero gallo e la sua famiglia dapprima per i Faraoni, in seguito per i popoli dell Islam e della Grecia e l Italia pre-romana (etrusca-lìgure, volsco-umbro-sannita, àpula, sarda e siceliota). Per effetto del giro le tre lame lancette indicheranno il bambino gallo a ore cinque, come confermato ed evidenziato dall orologio posto all estremità della lancia: occorre notare che le lancette sono state dipinte in modo tale da simboleggiare la fòlgore. La lancetta svasata e tricuspidata rappresenta il pescecane (orca o tiburòn) e la spada nel mezzo il gladio sul gladiolo. L orologio serve al pittore per spiegare che il traffico schiavistico, sin dai tempi delle Piramidi egizie, si sviluppava in Europa secondo un andamento geografico circolare (E-gira) e secondo determinate tempistiche, ma, a parte ciò, la disposizione delle tre lame, con la spata romana che 26

27 apre le sciabole, vuol significare che l Impero di Roma si era aperto il varco su tutti i territori rivieraschi del bacino del Mediterraneo. La lancia è la lancetta di un orologio immaginario che va collocato sull Altopiano delle Rocche ed è altresì la lanx cioè la velox navis romana che da Gerusalemme trasferì Yoshua ed i suoi fidati amici a Roma, perché venissero consegnati nelle mani degli ebrei. Nel Vangelo la lanx che lascia le coste palestinesi è mascherata nell episodio di Longino, il legionario che trafigge Cristo al costato. Il costato è la costa di Acri e la lancia è la nave veloce romana che trasporta Yoshua tràditus da Akko verso la [R]okka 29 o Sull Altopiano delle Rocche il costato sono le costole dell Uomo che si delinea sul territorio con le braccia e le gambe divaricate, corrisponde cioè al sito dove è ubicata Rocca di Mezzo. 29 Rocca di Mezzo è la Gerusalemme Celeste o Gerusalemme del Cielo o di Celano, cioè dove cèlano Gesù di Nazareth. Celano è così chiamato per riflesso del Regno dei Cieli cioè Roma. I Cieli, in realtà, sono i Celleni cioè gli antichi sozzi ebrei della Rupe Tarpea o d Arpìa o d Arabia, mercanti di schiavi (Arpìa così come Arabia significa rupìa o rapina rabbiosa). Vedi la toponomastica di Aielli, Cellino Attanasio e, soprattutto, Celleno, provincia di Viterbo. Celleno equivale a Cileno. 27

28 Per questo motivo la lanx, cioè la lancetta dell Orologio, rappresentata da Rovere deve essere rivolta verso Rocca di Mezzo. A Rocca di Mezzo, coincidente con il costato dell Uomo-Altopiano, dovrebbe essere accostato, cioè addormentato nel sepolcro, Yoshua di Nazareth. La lancetta di Rovere rivolta verso la Costa Pescarese, antica Ostia Eterna, deve essere immaginata rivolta anche verso la Costa Romana, Ostia Antica, in modo tale che si formi una croce latina capovolta nell Altopiano-Aquila. La croce latina deve essere capovolta, perché nel rito criptoebreo e massonico con l Altopiano nella posizione corretta e il Baphomet nella posizione capovolta Israele vince su Yoshua (su tutti i popoli nemici degli ebrei che vengono rovesciato). Il Baphomet capovolto significa nel gergo criptoebraico: - abbasso i nemici di Israele, abbassa cioè ammassa ed ammazza i nemici di Israele - abajo los enemigos de Israel, abaja los enemigos de Israel - below Israel foes, cioè blow Israel phobias, blow Israel enemies, blow the W. Abbasso il Baphomet, cioè Maria, significa che bisogna capovolgere, rovesciare Maria ed il suo innumerevole popolo. Maria capovolta è W, Double W, Doble Uve o Diablo sconfitto 30. L Altopiano in una ipotetica posizione geografica capovolta, con il Baphomet nella posizione corretta, significherebbe che vincono i nemici degli ebrei (Maria). L inverosimiglianza dell ipotesi ha nell ebraismo magico-religioso ed escatologico di Israele il valore di promessa di vendetta e vittoria definitiva del popolo ebreo. 30 Il rito del capovolgimento del Baphomet fa parte delle cospirazioni rivoluzionarie della giudeo-massoneria. 28

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Classificazione delle lingue

Classificazione delle lingue Classificazione delle lingue è necessario un criterio un criterio potrebbe essere il numero dei parlanti; secondo una organizzazione che si chiama Linguasphere, le lingue più parlate del mondo sono le

Dettagli

ALLEGATO 1 testo di partenza. La situazione migratoria in Italia

ALLEGATO 1 testo di partenza. La situazione migratoria in Italia ALLEGATO 1 testo di partenza La situazione migratoria in Italia Il fenomeno migratorio in Italia ha ormai raggiunto proporzioni ragguardevoli: secondo le anticipazioni del Dossier Caritas 2005 le presenze

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 Premessa Titolo del presente lavoro è L antico Egitto. Gli Egizi e la Religione. Questo testo semplificato vuole essere un aiuto

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA

l metodo della ricerca storica 2 a classificazione delle fonti e la Storiografia 5 ORIGINI ED EVOLUZIONE: IL PIANETA TERRA E LA SPECIE UMANA ßIndice del volume AVVIO ALLO STUDIO DELLA STORIA I L l metodo della ricerca storica 2 1 Differenza tra Storia e Preistoria 2 2 Cronologia e periodizzazione 4 a classificazione delle fonti e la Storiografia

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA

ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA Conoscere il mondo (ed. Principato) Le civiltà dei fiumi (ed. De Agostini) L Italia, il mio paese (ed. ATLAS) Avventure e conquiste nei secoli (ed. Confalonieri)

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO

a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO LA CIVILTÀ EGIZIA LUOGO SOCIETÀ TEMPO ASPETTI DI VITA QUOTIDIANA CLICCA SULL OVALE CHE PREFERISCI RELIGIONE ECONOMIA

Dettagli

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza

Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A. Giardina- B. Gregari, Il mosaico e gli specchi, Editori Laterza Istituto di Istruzione Cittadella T.L.Caro a.s. 2007/2008 PROGRAMMA di STORIA classe I A Docente: prof. Maurizio Tessaro Il programma svolto ha seguito la scansione del testo in adozione: B. Corradi -A.

Dettagli

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE

LA CLASSE II B AL MUSEO GIARDINO DI ARCHIMEDE stituto Comprensivo Galileo Galilei di Pieve a Nievole LA CLASSE B AL MUSEO GARDNO D ARCHMEDE Firenze - 8 Marzo 2013 by Paolo Sturlini Fonti utilizzate: wikipedia, fotografie Alla scoperta del Giardino

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

Colle Branconio. L Aquila

Colle Branconio. L Aquila Colle Branconio Collebrincioni ed Aragno sono due frazioni del Comune di L Aquila. Collebrincioni è il toponimo crittato di Colle Branconio, cioè dell Altopiano delle Rocche che, visto dall alto, somiglia

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

INDICE DEI TEMI. Domanda

INDICE DEI TEMI. Domanda INDICE DEI TEMI Domanda La chiave per comprendere il linguaggio dell Apocalisse 1 «Colui che è, che era e che viene» 2 «Il testimone fedele» e «il primogenito dei morti» 2 «Le sette chiese d Asia» 3 Perché

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano.

A Ovest, il Canale di Suez, il Mar Rosso e il Golfo di Aden; A Est, le montagne sugli orli degli altipiani iranico e afgano. IL MEDIO ORIENTE Medio Oriente è una denominazione convenzionale, di origine francese, che viene data all Asia occidentale, a quella parte compresa tra l Africa e l India. I suoi confini sono: A Nord il

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli

UN ALFABETO MISTERIOSO

UN ALFABETO MISTERIOSO UN ALFABETO MISTERIOSO Oggi in classe i bambini hanno trovato una strana iscrizione sulla lavagna: Mattia, il più studioso, riconosce subito i simboli della scrittura utilizzata nell antico Egitto: il

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" giovedì 14 febbraio 2002 La domenica con Gesù Tempo di Quaresima Domenica 17 febbraio 2002 Tentazione nel deserto Non di solo pane vivrà l uomo, ma di ogni parola che esce

Dettagli

GIOCHI SENZA SQUADRE

GIOCHI SENZA SQUADRE GIOCHI SENZA SQUADRE Età: 5-8 anni Questi giochi (50) sono proposti nel seguente modo: si ritaglia la descrizione del gioco, si piega il pezzo di carta e s inseriscono tutti i 50 foglietti in un sacchetto.

Dettagli

1. Il mondo della religione

1. Il mondo della religione Attività di potenziamento e recupero 1. Il mondo della religione ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Il mondo della religione (attività e verifiche) 1 Dopo aver studiato attentamente le diverse religioni, con un

Dettagli

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE Parrocchia Maria Ss. Assunta - LIBRO DELL APOCALISSE L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE (cc 4-11) 1 Schema di Ap. 1-16 1 16 1. Prologo (cap. 1): Introduzione: intento: rivelazione contenuto:

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente

Indice_del volume. capitolo 1_La preistoria. capitolo 2_Imperi e culture del Vicino Oriente Indice_del volume capitolo 1_La preistoria 1_Prima della storia 2 2_Problemi di sopravvivenza e capacità di adattamento 2 Le Parole della Storia_Uomo 3 3_«Uomini» 5 4_La diffusione della specie umana 6

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso...

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso... Storico delle modifiche 1.1 aggiunta questa pagina di copertina Leggende di Andor La vendetta del negromante I episodio Trasformazioni inquietanti Versione 1.1 Questa leggenda richiede la versione base

Dettagli

Relatività INTRODUZIONE

Relatività INTRODUZIONE Relatività INTRODUZIONE Un po di ordine Einstein, nel 1905, dopo aver inviato alcuni articoli alla rivista scientifica «Annalen der physik» diventa subito famoso, uno dei quali riguardava la relatività

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Regole del gioco SENET

Regole del gioco SENET Regole del gioco SENET Senet è un gioco per due giocatori. Ogni giocatore cerca di sconfiggere l altro finendo il percorso con tutti i suoi pezzi come indicato nel disegno. Ogni giocatore ha 5 pezzi bianchi

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO N 1

UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 UNITA DI APPRENDIMENTO N 1 SITOGRAIA: http://it.wikipedia.org/ GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAIA SAPERSI ORIENTARE L uomo ha sempre avuto necessità di spostarsi alla ricerca di cibo o di terre più ospitali

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

il commento al vangelo della domenica

il commento al vangelo della domenica il commento al vangelo della domenica CHI DI VOI E SENZA PECCATO, GETTI PER PRIMO LA PRIETRA CONTRO DI LEI commento al vangelo della quinta domenica di quaresima (13 marzo 2016) di p. Alberto Maggi: Gv

Dettagli

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete.

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete. All Aquila, nuovo leone come i due ormai al Getty A Porta Barete, una statua calcarea simile ad altre rinvenute nella zona. Le sculture a Malibu e l'"atleta" di Fano. Il leone funeriario in pietra calcarea

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

IMMAGINI E NOTE PER LA FEDE 22 FEBBRAIO 2015 - I DOMENICA DI QUARESIMA GESÙ TENTATO NEL DESERTO

IMMAGINI E NOTE PER LA FEDE 22 FEBBRAIO 2015 - I DOMENICA DI QUARESIMA GESÙ TENTATO NEL DESERTO 22 FEBBRAIO 2015 - I DOMENICA DI QUARESIMA GESÙ TENTATO NEL DESERTO Antifonario di S. Maria del Monte (182 recto), 1280 circa, Museo Baroffio e del Santuario Gesù non è nel deserto, ma siede su una montagnola

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

MEDITERRANEO - INCONTRI CON VISITE GUIDATE, IN COLLABORAZIONE CON IL MULINO

MEDITERRANEO - INCONTRI CON VISITE GUIDATE, IN COLLABORAZIONE CON IL MULINO La costa egea nei pressi del monte Pelio , 2 Piazza San Domenico, 40124 Bologna - Tel. 051 233 716 - L incontro sulle coste della penisola italica di popoli della più differente origine. Il sorgere fin

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA

UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA UN PO DI ENIGMISTICA MANZONIANA REBUS N. 1 (5, 2, 5) Cosa si disse in paese quando Renzo e Lucia si ritrovarono?! NZO REBUS N. 2 (5, 5) A quale personaggio attribuiresti le parole di questo rebus? B A

Dettagli

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda

Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Creazione del cielo per Dalì di Barbara Idda Chissà se, a Port Lligat, Dalì guarda ancora il mare, ora che il tempo ha nascosto il suo enigma, ora che né Gala né Ana Maria potranno mai più vedere il mare

Dettagli

: basta chiedere alle banche quanti

: basta chiedere alle banche quanti .d. Mettete in ordine le frasi disordinate presenti all interno del testo. L italiano si fa a scuola Negli ultimi trent anni, l Italia è divenuto un paese di immigrazione. Nell ultimo decennio, poi, essa

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

La donna come capro espiatorio

La donna come capro espiatorio La donna come capro espiatorio. La società medievale era una società maschilista. Gli uomini avevano paura delle donne, le quali erano guardate con sospetto. Secondo loro detenevano il segreto della vita

Dettagli

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani

Alle radici della questione balcanica. 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani Alle radici della questione balcanica 1. L impero ottomano e i mutamenti di lungo periodo 2. La conquista ottomana nei Balcani L impero ottomano L impero turco ottomano raggiunge la sua massima espansione

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Il Vangelo secondo Giovanni

Il Vangelo secondo Giovanni Corso biblico diocesano 1994 Il Vangelo secondo Giovanni Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio La festa della Dedicazione (10,22-42) Alla festa delle Capanne fa seguito la festa della Dedicazione

Dettagli

Unità IX Il corpo. Contenuti - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi. Attività AREA ANTROPOLOGICA

Unità IX Il corpo. Contenuti - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi. Attività AREA ANTROPOLOGICA Unità IX Contenuti Il corpo - Parti del corpo - Sentimenti - Sensi Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. L Orsoroberto introduce L Orsoroberto si tocca il naso e chiede ai bambini di fare lo stesso. Poi si tocca

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

Storia dello Zafferano

Storia dello Zafferano Riso e zafferano Riso Zafferano Origine: India Orientale Arriva in Europa: grazie alla conquista dell Asia da parte di Alessandro Magno All'inizio viene utilizzato: a scopo terapeutico Trionfa definitivamente

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura

Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno. della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Una fiaba scritta dagli alunni della classe 2 E a Tempo pieno della scuola Umberto I - I Circolo - Santeramo (Bari) Insegnanti: Giovanni Plantamura Rosaria Campanale Si ringrazia per la collaborazione

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza

Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio. 6 - La storia della conoscenza Museo della pergamena, del libro e del documento d archivio 6 - La storia della conoscenza La misura del tempo Quando gli uomini hanno voluto misurare il tempo, in tutte le epoche e in tutte le parti del

Dettagli