I QUADERNI DI VECI E BOCIA 140 ANNI DELLE TRUPPE ALPINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I QUADERNI DI VECI E BOCIA 140 ANNI DELLE TRUPPE ALPINE"

Transcript

1 Associazione Nazionale Alpini Sezione di Milano a cura della Redazione di Veci e Bocia periodico della Sezione di Milano dell ANA Settembre

2 Dal anni di arduo dovere Per prepararci al 140 di costituzione delle Truppe Alpine abbiamo pubblicato nel numero 2 del 2012 di Veci e Bocia un inserto speciale tutto dedicato all importante ricorrenza. In quell inserto abbiamo proposto alcuni testi che ben descrivono noi Alpini, la nostra ragione di esistere, il nostro modo di essere e i nostri valori. Abbiamo ricordato l importante figura di Papà Perrucchetti, raccontando alcune curiosità su posti molto lontani del nostro pianeta nei quali gli Alpini hanno compiuto il proprio dovere e ricordando i tempi drammatici della guerra di ieri con una testimonianza storica dal fronte albanese del 1940, e quella di oggi con la lettera di Matteo Miotto. La storia, la letteratura e la cultura degli Alpini riempiono intere librerie e non si poteva di certo riuscire a trattare tutti gli aspetti che caratterizzano noi Alpini in poche pagine. Abbiamo così cercato di raccogliere l essenziale per dar modo di capire meglio l attualità degli Alpini e dei nostri valori in questi 140 anni di arduo dovere. Da quel lavoro è venuta l idea di questa pubblicazione in modo da poter dare ai nostri Soci e ai nostri quadri (Consiglieri, Capigruppo e Responsabili delle tante realtà operative dell ANA) uno strumento agile e pratico che può essere facilmente stampato e utilizzato nelle tante attività divulgative per far meglio conoscere gli Alpini e la grande famiglia verde dell Associazione Nazionale Alpini. Speriamo di esserci riusciti e buona lettura. Gianni Papa Sezione ANA di Milano Direttore responsabile di Veci e Bocia Settembre

3 INDICE 1. INTRODUZIONE GLI ALPINI NELLA STORIA D ITALIA ) Legati alla storia nazionale ) Il reclutamento territoriale ) Figli della montagna IL NOSTRO SIMBOLO: IL CAPPELLO COS È L ALPINITÀ I NOSTRI VALORI OGGI L INVENTORE DEGLI ALPINI ) Ritratto di Giuseppe Domenico Perrucchetti ) Il monumento a Perrucchetti GLI ALPINI NEL MONDO ) Gli Alpini in Cina contro i boxer ) e sui ghiacci del Polo Nord ALPINI IERI E OGGI ) Il diario nella valigia azzurra ) Alpini di ieri e Alpini di oggi E RICORDIAMO I NOSTRI MULI ) Il mulo Idro ANNI DI STORIA DAI FRANCOBOLLI DEDICATI AGLI ALPINI In prima pagina vedete il logo ideato da Riccardo Talleri che ha accompagnato i numeri di Veci e Bocia del 2012 per i 140 anni di costituzione delle Truppe Alpine. Settembre

4 1. INTRODUZIONE Riassumere tutti questi anni è compito certamente difficile: sono stati anni tutti densi di pagine di storia scritta con il sangue degli Alpini. Quante migliaia di uomini, di giovani, hanno indossato il Cappello Alpino in guerra e in pace! E anche oggi, tutte le volte che può incontrare i propri commilitoni, l Alpino ne è felice perché può mostrare il proprio Cappello Alpino. Siamo nati undici anni dopo l unità d Italia e da subito abbiamo ispirato simpatia e ammirazione per il modo semplice, ma concreto, di affrontare ogni situazione, anche le più difficili. Pensiamo per un attimo a come gli Alpini nella Prima Guerra mondiale si siano adattati per affrontare l impari lotta con la natura, abbarbicati sulle creste e sulle pareti. Pensiamo ai nostri Alpini che sul Don costruirono vere e proprie cittadelle sotterranee per resistere al freddo inverno russo. In ogni dove gli Alpini hanno onorato la propria divisa e la propria bandiera. Il più delle volte malvestito, con le fasce gambiere o con gli scarponcelli di vacchetta, l Alpino non si è mai tirato indietro dal giuramento prestato e dal proprio dovere di soldato d Italia. Anche quando le avverse fortune politico-militari o gli errori dei comandi facevano presagire immani disastri di vite umane, l uomo Alpino è stato sempre pronto a dare il suo contributo e a trovare la forza di ripartire ricominciando l opera di ricostruzione morale e materiale con cocciutaggine e determinazione. Il valore del singolo lo abbiamo visto su tutti i fronti: dalla nascita del Corpo nel 1872 ai nostri giorni in Afghanistan. Per questo l Italia deve molto agli Alpini: sempre i primi sul fronte della solidarietà, dell Amor di Patria, del rispetto delle leggi e delle istituzioni. Sempre rispettosi per essere rispettati. Dalla originaria idea di Papà Perrucchetti sarebbe poi scaturita questa nostra Associazione Nazionale Alpini. Forse Perrucchetti non si immaginava che, dopo centoquaranta anni, i suoi Alpini sarebbero stati vivi e vegeti come non mai. Sempre pronti a rinnovarsi e a mettersi in gioco nei momenti di cambiamento delle condizioni politico-militari. Dopo la sospensione della leva obbligatoria ultima grande palestra educativa noi Alpini abbiamo continuato a operare nel solco della tradizione che si adatta alle novità, ma che mai farà venir meno il contributo delle proprie Sezioni e dei propri Gruppi nel fare, nell aiutare, nell anticipare il futuro. Basta ricordare come nacque la nostra Protezione Civile dopo la ricostruzione del Friuli e lo sviluppo che la stessa ha avuto fino ai giorni nostri: i nostri interventi non si contano più e tutti ci cercano perché conoscono la nostra serietà. Dopo 140 anni possiamo quindi ancora dire che anche Papà Perrucchetti a cui va il nostro grazie postumo - ha di che essere orgoglioso della sua creatura, potendo da lassù verificare, insieme a tutti i nostri Caduti eroi, quanto ancora possono e devono fare gli Alpini in armi e gli Alpini in congedo, oggi più che mai uniti nell affermare la difesa del Corpo degli Alpini con il celebre motto: Di qui non si passa. Luigi Boffi Presidente della Sezione di Milano dell Associazione Nazionale Alpini Settembre

5 2. GLI ALPINI NELLA STORIA D ITALIA Vi siete mai chiesti quale sia la ragion d essere degli Alpini? O quali siano le motivazioni che stanno alla base del carattere originale degli Alpini e che motivano la nostra compattezza e il nostro voler stare insieme? Sapete dare sempre una risposta corretta a queste domande che talvolta ci vengono poste da esterni all Associazione? Nel bel testo che qui riportiamo, lo scrittore e storico Gianni Oliva ha ben individuato e descritto le ragioni storiche e sociali che permettono di comprendere come mai in Italia questo corpo dell Esercito abbia avuto sin dal suo esordio un carattere unico, peculiare e inconfondibile, che ha costituito la base di una solida tradizione e di una vera e propria cultura. Il testo che riportiamo comprende le prime parti del lavoro Gli Alpini nella storia d Italia che è stato pubblicato a puntate sul nostro mensile L Alpino. 2.1) Legati alla storia nazionale Sono indissolubilmente legati alla storia nazionale, nati dopo che l Italia era fatta ma in tempo per fare gli italiani. Quando gli alpini nascono, nel 1872, l Italia è già fatta. Undici anni prima, il 17 marzo 1861, è stata proclamata l unità; due anni prima, il 20 settembre 1870, è stata conquistata Roma. Eppure non si riesce a pensare alla storia d Italia senza pensare agli alpini: anche se non hanno partecipato direttamente alle guerre di indipendenza, anche se non hanno attraversato di corsa la breccia di Porta Pia, gli alpini sono indissolubilmente legati alla storia nazionale, di cui rappresentano parte integrante e costitutiva. Che cosa, dunque, hanno fatto gli alpini per penetrare tanto profondamente nell immaginario collettivo e per permeare così a fondo la memoria nazionale? La risposta non è difficile: se sono nati quando l Italia era ormai fatta, gli alpini sono però nati in tempo per fare gli Italiani. È celebre la frase con cui Massimo D Azeglio fotografava il primo problema che la classe dirigente del nuovo stato si trovava di fronte: Fatta l Italia, bisogna fare gli italiani. Era il ritratto di un Paese che proveniva da storie diverse, che parlava lingue diverse, che aveva economie diverse, un Paese che era diventato stato prima di diventare nazione. Ecco, gli alpini hanno dato un contributo importante in questa direzione: sono stati uno degli strumenti attraverso cui è stata veicolata l idea di Italia. Per capire come e perché questo è avvenuto bisogna ripercorre la storia del Corpo a partire dalla sua costituzione. All origine di tutto vi è l intuizione di un brillante ufficiale di Stato Maggiore, il capitano di fanteria Giuseppe Domenico Perrucchetti, che sulla Rivista Militare del maggio 1872 scrive un saggio intitolato Considerazioni su la difesa di alcuni valichi alpini e proposta di un ordinamento militare territoriale della zona alpina. Perrucchetti è un esponente di quella classe dirigente nazionale che negli anni del Risorgimento guarda a Torino come guida della nazione: lombardo, originario di Cassano d Adda (e come tale cittadino austriaco), egli nel 1859 lascia ventenne la Lombardia e si arruola volontario nelle truppe del regno di Sardegna: nel 1861 diventa sottotenente di fanteria, nel 1866 partecipa alla terza guerra di indipendenza e ottiene la promozione a capitano. Pur non essendo cresciuto in montagna, Perrucchetti coglie bene le esigenze poste dai nuovi confini nazionali, che corrono in gran parte sul crinale alpino. In caso di attacco nemico, la mobilitazione prevede che le truppe si concentrino nei depositi di pianura, si inquadrino nei diversi reggimenti e poi vengano mandate verso i passi alpini per fermare l aggressione: la complessità della mobilitazione è però tale che, con un attacco di sorpresa ben congegnato, i nemici possono arrivare all imbocco della pianura prima che il Regio Esercito abbia il tempo materiale di inquadrarsi e di raggiungere i passi. Settembre

6 Dunque, scrive il Perrucchetti, occorre disporre di truppe specializzate nella difesa alpina, abitualmente dislocate nelle alte valli di collegamento, pronte a contrastare il nemico respingendolo o, quanto meno, rallentandone l azione. Stabilito il principio della difesa in quota, si tratta però di individuare i soldati più idonei. La montagna della seconda metà dell Ottocento non è un paesaggio abituale come oggi, percorso da strade comode e disseminato di centri turistici: all opposto, è una montagna severa, in parte ancora inviolata, coperta da ghiacciai, attraversata solo da sentieri o da mulattiere. Mandare in quell ambiente giovani cresciuti in pianura sarebbe militarmente fallimentare: in quota servono soldati abituati a muoversi sui terreni accidentati, a resistere alle temperature rigide, ad arrampicarsi su pendii impervi. Di qui la proposta di Perrucchetti (che oggi sembra logica e banale, ma che al tempo risultò rivoluzionaria): affidare la difesa alpina a soldati nati e cresciuti in montagna, pratici dei luoghi sin dalla giovinezza, e sicuramente motivati nel caso in cui dovessero difendere da un aggressione nemica i propri cari e i propri beni. Il ministro della guerra in carica, il generale Cesare Ricotti Magnani, legge con interesse il saggio del Perrucchetti. Egli è un piemontese appassionato di montagna (nel 1864, insieme a Quintino Sella, ha fondato il Club Alpino Italiano), sa che i nuovi confini richiedono un aggiornamento del modello di difesa e sa che in materia militare le decisioni devono essere tempestive. Senza frapporre indugi, il ministro inserisce la costituzione di 15 nuove compagnie distrettuali permanenti (per un totale di duemila uomini) negli allegati del Regio Decreto n del 15 ottobre 1872, che prevede l aumento dei Distretti Militari: una proposta avanzata in primavera trova così realizzazione già nell autunno successivo. I nuovi reparti vengono chiamati compagnie alpine ed hanno due padri fondatori : un politico efficiente come il generale Ricotti, uno studioso intuitivo come il capitano Perrucchetti. 2.2) Il reclutamento territoriale Reclutamento territoriale, una splendida eccezione. Per fare l alpino bisogna essere montanari. L indicazione di Perrucchetti era chiara e condivisa da tutti: non si potevano mandare sulle Alpi giovani cresciuti in città o in pianura, disabituati all altitudine, al clima e al terreno. Questo significava però introdurre un principio rivoluzionario nell ordinamento militare italiano, perché si faceva un eccezione al principio del reclutamento nazionale e si ricorreva al reclutamento territoriale. Per capire la portata di questa innovazione, bisogna tener conto che nell Ottocento gli eserciti non servivano soltanto per fare la guerra: servivano anche (e forse ancor più) per mantenere l ordine pubblico. In caso di manifestazioni di piazza, occupazione di latifondi, proteste popolari non c erano carabinieri o poliziotti in numero sufficiente per intervenire a ripristinare l ordine: bisognava ricorrere ai reparti del Regio Esercito. La prima grande emergenza dell Italia unita, il cosiddetto brigantaggio meridionale, aveva infatti visto la mobilitazione dell esercito, con i reggimenti di bersaglieri e di fanteria impegnati nella repressione. Da questa esigenza operativa era derivata la decisione degli Stati Maggiori di ricorrere al reclutamento nazionale. Come sarebbe stato possibile chiedere ad una giovane recluta siciliana di intervenire contro i braccianti di Catania o di Palermo che occupavano le grandi proprietà lasciate incolte? O chiedere ad una giovane recluta ligure di reprimere gli scioperi dei lavoratori portuali genovesi? Anziché usare manganello o fucile, ognuno di loro avrebbe solidarizzato con i manifestanti, perché appartenevano al suo stesso mondo, alla sua stessa cultura, alla sua stessa comunità. I reggimenti vennero così formati con coscritti che provenivano da due regioni diverse e prestavano servizio in una terza regione. Se pensiamo alle condizioni del tempo, ai tassi di analfabetismo, all uso pressoché esclusivo dei dialetti, alle differenze tra un territorio e l altro, è facile comprendere come un soldato piemontese o veneto di stanza in Puglia non avesse nessun rapporto con la popolazione civile, così come un calabrese non aveva nessun rapporto quando veniva mandato in servizio in Toscana o nelle Marche. Questa impermeabilità alle influenze esterne, rendeva possibile Settembre

7 l impiego dei reparti in ordine pubblico: non avendo nessuna relazione fuori della caserma, spesso non riuscendo neppure a comprendere il linguaggio, il coscritto aveva la sensazione di reprimere degli estranei, non dei cittadini della sua stessa gente. La proposta di reclutamento territoriale per le truppe alpine faceva venire meno questo principio. Che cosa sarebbe accaduto se fosse stato necessario chiedere ad una compagnia di alpini del Cuneese di intervenire con le armi per riportare l ordine in Val Varaita o in Val Maira? Come sarebbe stato possibile fidarsi di coscritti nati e cresciuti nelle stesse vallate in cui prestavano servizio? La risposta degli Stati Maggiori fu tempestiva e perspicace. Gli abitanti delle Alpi questo fu il ragionamento non pongono problemi di ordine pubblico: si tratta di una popolazione socialmente tranquilla, fedelmente monarchica, cattolica, conservatrice, basata sulla piccola proprietà terriera, priva di contrasti di classe; una popolazione che non ha mai dato problemi e verso la quale non sarà mai necessario impiegare la forza. Dunque, si possono ben creare reparti reclutati nelle stesse vallate dove operano, prendere i giovani montanari e vestirli con la divisa da alpino: tanto, non dovranno mai alzare il fucile contro i propri compaesani! Da questa scelta strategica sono derivate conseguenze che nel 1872 nessuno (né il ministro Ricotti, né il capitano Perrucchetti) aveva immaginato. Il reclutamento territoriale ha infatti garantito l originalità delle Truppe alpine, ha determinato una solidarietà tra soldati e popolazione che nessun altro Corpo ha conosciuto, ha inciso sui rapporti tra soldati e ufficiali all interno dei reparti, ha dato compattezza alle compagnie: in altre parole, ha garantito agli Alpini, sin dai loro esordi, un anima e un tratto peculiari ed inconfondibili. 2.3) Figli della montagna Figli della montagna e delle vallate alpine. Le conseguenze del reclutamento territoriale sono numerosissime e spaziano dai legami interni ai reparti, al rapporto tra alpini e popolazione civile, alla relazione tra istituzione militare e territorio. In primo luogo, i reparti: quando un coscritto viene arruolato in una compagnia alpina, in caserma non trova dei commilitoni ma dei compaesani. Molti di loro li conosce già, li ha incontrati da bambino a scuola, li ha rivisti nella piazza del paese, la domenica dopo la Messa, al ballo a palchetto; altri li incontra ora per la prima volta, ma sono ragazzi che parlano il suo stesso dialetto, conoscono gli stessi campanili e gli stessi orizzonti, sono cresciuti nella stessa vallata. Questa comunanza di tradizioni e di cultura stabilisce fra gli alpini un legame molto più forte rispetto ad altri Corpi: è un legame tra uomini prima che tra soldati, un vincolo preesistente alla vita militare. La compattezza delle compagnie alpine, riconosciuta e sottolineata da tutti gli esperti militari, nasce da qui, da una solidarietà istintiva tra figli delle stesse montagne e delle stesse vallate. L esempio più evidente e drammatico è la ritirata di Russia dell inverno 1942/43: le Divisioni di alpini hanno migliaia di vittime (come i fanti, come le armate ungherese e romena) ma sono le sole che conservano l unità dei reparti e a Nikolajewka giungono con compagnie e plotoni decimati, eppure ancora uniti. La ragione è insieme semplice e profonda: nel compagno che cade a terra stremato dalla fame e dal freddo, l alpino non vede un commilitone conosciuto qualche mese prima in caserma, ma un compaesano con cui è cresciuto, uno di cui conosce i genitori, le sorelle, la casa. Aiutarlo a rimettersi in piedi, mantenersi stretti l un l altro, incoraggiarsi pensando a quando ariverem a baita, è un modo per difendere la propria comunità e, insieme, la propria identità. In secondo luogo, il reclutamento territoriale incide sul rapporto con la popolazione civile. Per gli abitanti delle vallate gli alpini non sono soldati, giovani in divisa che parlano dialetti incomprensibili e vivono chiusi nei recinti delle piazze d armi: gli alpini sono i bocia, i figli della comunità, i coscritti partiti ancora ragazzi per la leva e destinati a tornare già adulti. E la caserma non è percepita come un luogo lontano e straniero, ma come l edificio dove ieri hanno indossato la divisa i nonni, poi i padri, oggi i figli, domani i nipoti e i pronipoti; un luogo Settembre

8 dove molti, dopo il congedo, torneranno come volontari, chi per una manutenzione elettrica, chi per un lavoro di carpenteria, chi per un intervento idraulico. In questo modo, il periodo del servizio di leva alpina diventa una proiezione della vita civile, una delle esperienze che scandiscono l esistenza della comunità: e la caserma è un patrimonio del territorio, come il municipio, la scuola, l ufficio postale. In terzo luogo, l immagine del Corpo. L alpino si caratterizza da subito come un montanaro, che nell attività militare propone le stesse virtù e le stesse attitudini della gente di montagna: la pazienza, la tenacia, la rassegnazione, la resistenza, la pacatezza. Come scriverà nel 1920 Piero Jahier in Con me e con gli alpini, il soldato alpino è prima di tutto un uomo della montagna: Perché gli alpini curano tanto le robe, mentre spreca il soldato cittadino? Perché il montanaro che deve creare ogni cosa ha rispetto alla cosa creata: sa che è fatica creare: e dunque conserva la cosa creata, la spende lentamente, la ripara, l ama. Perché gli alpini sono tanto disciplinati? Perché loro padrone è la montagna che è autorità assoluta. Dall alto viene, indiscutibile, il tuo bene e il tuo male. Perché gli alpini combattono così bene? Perché credono alla forza del montanaro e il loro lavoro è un combattimento con la natura. Perché sono così rassegnati? Perché considerano i mali della società come i mali della natura: sono mali eterni e imprevedibili i mali della natura, e nulla vale la ribellione. Tu non ti ribellerai perché le rupi cancellano in un attimo il campetto tentato. Tu non distruggerai perché la valanga distrugge. A te tocca riparare e conservare. Tu non offenderai perché l ingiustizia ha offeso. A te tocca patire e riparare. Gianni Oliva L Alpino Paolo Caccia Dominioni vedeva così l evoluzione delle nostre divise Settembre

9 3. IL NOSTRO SIMBOLO: IL CAPPELLO Dopo aver descritto la ragion d essere e le caratteristiche degli Alpini, proseguiamo il percorso introduttivo al 140 della fondazione delle Truppe Alpine passando a parlare del simbolo principale di noi Alpini: il nostro cappello. Crediamo che non ci sia miglior testo sul cappello alpino di questo, scritto da Giulio Bedeschi in Centomila gavette di ghiaccio. =o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o Erano soldati al pari di ogni altro, gli alpini della Julia ; solamente, come tutti gli Alpini, portavano uno strano cappello di feltro a larga tesa, all indietro sollevata e in avanti ricadente, ornato di una penna nera appiccicata a punta in su sul lato sinistro del cocuzzolo. Nelle intenzioni allusive di chi la prescrisse, la penna doveva essere d aquila; ma in effetto gli alpini, ignari d ogni complicazione e spregiatori di ogni retorica, collocavano sopra l ala penne di corvo, di gallina, di tacchino e di qualunque altro pennuto in cui il buon Dio li facesse imbattere lungo le vie della guerra, nere o d altro colore purché fossero penne lunghe e diritte e stessero ad indicare da lontano che s avanzava un alpino. In pratica la penna sul cappello resisteva rigida e lustra per poco tempo, ben presto si riduceva a un mozzicone malconcio; e qui cominciavano tutti i guai degli alpini che facevano la guerra: perché, a osservarli da vicino, si capiva subito che in pace e in guerra gli alpini potevano distaccarsi da tutto meno che dal loro cappello per sbilenco e stravolto che fosse; anzi! È un tutt uno con l uomo, il cappello; tanto che finite le guerre e deposto il grigioverde, il cappello resta al posto d onore nelle baite alpestri come nelle case di città, distaccato dal chiodo o levato dal cassetto con mano gelosa nelle circostanze speciali, ad esempio per ritrovarsi tra alpini o per imporlo con ben mascherata commozione sul capo del figlioletto o addirittura dell ultimo nipote, per vedere quanto gli manca da crescere e se sarà un bell alpino; bello poi, a questo punto, significa somigliante al padre o al nonno, che è il padrone del cappello. C è una ragione, naturalmente, per tutto ciò; ce ne sono molte. La prima è che dal momento in cui il magazziniere lo sbatte in testa al bocia giunto dalla sua valle alla caserma, il cappello fa la vita dell alpino; sembra una cosa da niente, a dirlo, ma mettetevi in coda a un mulo e andate in giro a fare la guerra, e poi saprete. Vi succede allora di vedere che col sole, sia anche quello del centro d Africa, l alpino non conosce caschi di sughero o altri arnesi del genere, ma tiene in testa il suo bravo cappello di feltro bollente, rivoltandolo tutt al più all indietro affinché l ala ripari la nuca, e l ampia tesa dinnanzi agli occhi non dia l impressione di soffocare; e con la pioggia serve da ombrello e da grondaia; con la neve, da tetto unico e solo per l alpino che va sui monti. Posto in bilico tra naso e fronte quando l alpino è sdraiato a dormire al sole e all aria ed ha per letto le pietre o il fango, con la piccola striscia d ombra che fa schermo sugli occhi è quanto resta dei ricordi di casa, è il cubicolo minimo che protegge soltanto le pupille, ma col raccolto tepore fa chiudere le palpebre sul sogno del morbido letto lontano, della stanza riparata e delle imposte serrate a far più fondo il sonno. E se l alpino ha sete, una sapiente manata sul cocuzzolo ne fa una coppa, buona per attingere acqua quando c è ressa attorno al pozzo o si balza un istante fuori dai ranghi, durante le marce, verso il vicino ruscello; eccellente perfino a raccogliere, dicano quel che vogliono il capitano e il medico, la pasta asciutta e addirittura la minestra in brodo non si scandalizzi nessuno, succede, succede! - nei casi in cui l ultima latta finisce i suoi servigi sotto una raffica di mitraglia. È tanto amico e compagno il cappello, che gli si farebbe un torto a sostituirlo con l elmetto, in trincea; nessuno dice che il feltro ripari dalle pallottole più che l acciaio, siamo d accordo, ma è proprio bello averlo in testa a quattro salti dai nemici, ci si sente più alpini, e pare che il fischio rabbioso debba passare sempre due dita più in là, per non bucarlo; è così che Settembre

10 dall altra parte il nemico vede spuntare dalla trincea quel cappello curioso e quella penna mal ridotta che, a vederla riaffiorare sempre da capo per quanto si spari e si tempesti, sembra che venga a fare il solletico sotto il mento, e viene voglia di scaraventarle addosso l inferno e farla finita una buona volta, ma fa anche pensare: accidenti, non mollano proprio mai, questi maledetti alpini! È tutto così, insomma; di cappelli e di uomini ne esistono centomila tipi a questo mondo, ma di alpini e di cappelli come il loro ce n è una specie sola, che nasce e resta unica intorno ai monti d Italia. Ci vuole pazienza, bisogna prenderli come sono, come il buon Dio li ha voluti, l uno e l altro; e se a volte sembra che tutti e due si diano un po troppe arie per via di quella penna, bisogna concludere che non è vero, prova ne sia che spesso quel cappello lo si fa usare perfino da paniere per metterci dentro le sei uova o magari le patate ancora sporche di terra, come se fosse la sporta della serva; bisogna pensare che tante volte sta a galla su un mucchio di bende e non calza più perché la testa del padrone, sotto, s è mezza sfasciata per fare il suo dovere. Bisogna anche sapere che quel cappello, a guardarlo, dice giovinezza per tutto il tempo della vita, e a calarselo di nuovo un po di traverso tra i due orecchi col vecchio gesto spavaldo, gli anni calano che è un piacere; e alla fine, quando non è proprio più il caso di piantarlo sulla testa, vuol dire che l alpino ormai è morto, poveretto; e quasi sempre, mandriano o ministro che sia, se lo fa ancora mettere sopra la cassa e sta a dire che chi c è dentro era, in fondo, un buon uomo, allegro, in gamba, con un fegato sano e un cuore così; sta a dire che morto il padrone vorrebbe andargli dietro ma invece resta in famiglia, per ricordo; e che ormai, se non riesce neppure lui a ridestare l alpino disteso, non esiste più neppure un filo di speranza, fino alla fanfara del giudizio universale non lo risveglia e lo scuote più nessuno: c è un alpino di meno sulla terra. A non voler contare il figlio che, polpacciuto e tracagnotto, brontolone e testardo com è, vien su tal quale il suo padre buonanima; e già al passo si vede che sta crescendo giorno per giorno penna nera senza fallo. Come ai loro tempi erano suo padre e suo nonno, e tutti i maschi di casa, in fin dei conti; tutti alpini spaccati, figli della montagna dura e selvosa che dà la vita e la toglie a suo piacimento, o la regala al piano per germinarne altra; inesauribile, essa che è pietra e vento, impasta quindi i suoi uomini di durezza e di sogno. Nascono e crescono così dal suo grembo, come gli abeti, le penne nere ; che per la loro terra e l intero mondo sono poi gli alpini; gli alpini d Italia. Giulio Bedeschi Ago, filo, colla... e l ala del cappello regge ancora, a dispetto del feltro ormai disfatto! Settembre

11 4. COS È L ALPINITÀ In questa piccola rassegna di testi preparatori al 140 delle Truppe Alpine parliamo di un tema a noi molto caro: l alpinità. È una parola che troviamo spesso nella nostra stampa e sulla quale crediamo che ci siano troppe interpretazioni soggettive. Ma cos è allora l alpinità? La risposta la possiamo trovare in questo bel testo che Vitaliano Peduzzi scrisse sul numero 2 del 1992 di Veci e Bocia come commiato dai lettori del giornale e nel quale egli ci descrive bene il senso di quella parola introdotta proprio da lui nel vocabolario degli Alpini. =o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o In questo anno 1992 ho la fortuna di festeggiare i sessanta anni di iscrizione all ANA, oltre che i 62 di penna. Il che implica evidentemente che la mia età è così avanzata da suggerire imperiosamente di cedere spazio e soprattutto lavoro a forze fresche. Mi sembra una motivazione, questa, così valida da dispensare dal cercarne altre. Lascio quindi la direzione di Veci e Bocia, dopo parecchi anni di servizio (è un servizio verso la nostra Associazione, non una vanità personale) e nell occasione desidero esprimere un affettuoso ringraziamento a quanti hanno lealmente e proficuamente collaborato in questi anni nella redazione del nostro giornale: in prima fila Romano Brunello e con lui Gabriele Rognoni, Iginio Basso, Daniele Pellizzoni, Gigi Bressan. In una lunghissima vita, è normale imparare. E chi ha imparato, credo abbia il dovere di coscienza di mettere a disposizione degli altri la sua esperienza. Eccovi qualche considerazione: viviamo in tempi burrascosi sotto molti aspetti. Ma non facciamo la solita lagna: ogni generazione ha avuto i suoi aspetti burrascosi, in modo relativo ai tempi. Proprio l esperienza mi ha insegnato che - burrasca o bonaccia - ci sono dei valori che contano più di tutto, più dell utilità, più della convenienza, più del successo momentaneo: sono la lealtà, la fedeltà nell amicizia, il rispetto della legge morale e del dovere, lo spirito di servizio. Virtù che non abbiamo certo in esclusiva noi alpini, ma che per noi costituiscono l alpinità, che non è un modo di avere fatto la naja, ma è una virtù, un atteggiamento dell animo. È una virtù che aiuta anche ad accettare e superare dispiaceri e amarezze, che inevitabilmente ci sono. Come ci sono i rospi: e quella virtù insegna a sputarli, invece di mandarli giù. Sono indigeribili. Ad ognuno di noi è capitato almeno una volta di pensare che fosse conveniente essere o fare il furbo mettendo a tacere lealtà, amicizia, morale. Ebbene, nei tempi lunghi quella furberia ti ritorna come un cibo indigesto, ti infastidisce nella memoria. In nessun altro settore della mia vita pur così intensa, ho dedicato entusiasmo e tenacia, mente e cuore, come li ho dedicati all essere alpino, al vivere in alpinità totale le mie vicende umane e nessun settore mi ha gratificato in modo così personale e intimo; anche al di là dei fatti. Nella vita di un uomo - soggetto a tanti e tanti interventi esterni - è di primaria importanza sapersi giudicare e quindi comportarsi in modo da poter essere soddisfatti di sé, anche nei dettagli, anche nelle cose umili e semplici, anche e forse soprattutto in quelle cose (pensieri e comportamenti) che soltanto il protagonista conosce. L alpinità è la pratica di tutti i giorni: come tutte le cose essenziali, è semplice. Ma va rispettata e vissuta tutta, proprio perché è un valore autonomo, che ricompensa con il solo fatto di viverla. Non sono parole, cari amici alpini: riflettete un poco e vedrete che tutti Voi avete vissuto e vivete questo stato d animo, che in fin dei conti è quello che ci consente, in linea di principio, di trovarci bene fra di noi. Non perché siamo diversi dagli altri, ma perché una certa nostra positiva uguaglianza di fondo, uguaglianza fra di noi, ci fa star bene insieme. Nel salutarvi prendendo commiato, sento di dovervi offrire questa testimonianza. Vitaliano Peduzzi Settembre

12 5. I NOSTRI VALORI OGGI Spesso parliamo dei nostri valori: vi riproponiamo un testo del nostro direttore che li aveva elencati e descritti in un editoriale pubblicato su Veci e Bocia nel =o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o Uno degli aspetti che più caratterizza noi Alpini è il forte senso di appartenenza all Associazione e al proprio Gruppo. Ci troviamo bene tra noi perché pur nelle nostre tante singolarità sentiamo di avere qualcosa di comune. In un mondo dominato dalla diffidenza a noi viene facile stare insieme, lavorare, cantare e i nostri raduni e le adunate sono per tutti un esempio di pacifica convivenza Noi siamo uniti perché abbiamo dei valori comuni: amiamo la nostra terra e la nostra gente, cantiamo senza pudori l inno nazionale e abbiamo il senso del dovere che per noi è l impegno morale a dare in ogni occasione il nostro ordinato e generoso contributo senza tirarci indietro. Per noi sono importanti l amicizia, l onestà, la serietà e la lealtà nel mantenere la parola data. Siamo coraggiosi e diamo solidarietà perché andando per le nostre montagne abbiamo imparato che per arrivare in vetta non si deve avere paura, bisogna essere generosi di se stessi e solidali con i compagni di cordata. Noi riconosciamo che l avere fatto il servizio militare ci ha formati e aiutato a diventare buoni cittadini, e che il patrimonio di esperienza dei nostri anziani è un capitale da cui abbiamo ogni giorno qualcosa da imparare. Noi ci sentiamo galantuomini perché abbiamo la dignità che viene dalla coscienza di avere sempre compiuto con serenità il nostro dovere, e perché abbiamo anche la forza e la determinazione per perseguire i nostri ideali rispettando le regole del gioco della società civile. Questa che sembra una descrizione a forti tinte romantiche di un modello umano ottocentesco è invece quanto noi oggi veramente proviamo. È l orgoglio dell appartenenza alla nostra stupenda Associazione: grande e magnifica famiglia, solido pilastro morale della società italiana. Gianni Papa Settembre

13 6. L INVENTORE DEGLI ALPINI 6.1) Ritratto di Giuseppe Domenico Perrucchetti Nel 1989 gli Alpini del Gruppo di Cassano d Adda fecero pubblicare un volume per far conoscere la vita e l attività di questo brillante ufficiale di Stato Maggiore, loro concittadino: l autore del volume è Gino Ascani, già Capogruppo di Cassano d Adda e vero stimatore del Generale Perrucchetti. A questa pubblicazione Vi rimandiamo per avere tutte le notizie storiche e più dettagliate su colui che fu definito generale di armi e di scienza e ritenuto l ideatore delle Truppe Alpine. Il testo dell articolo è tratto dal sito del Gruppo, =o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o Giuseppe Domenico Perrucchetti, nacque a Cassano d Adda il 13 luglio 1839 da famiglia benestante cassanese. I genitori avrebbero voluto farne un architetto, ma non fu così: il padre, Giuseppe, ( ) era uno stimato ingegnere e, tre le varie opere, aveva realizzato la ricostruzione del ponte di Cassano sull Adda. La madre Margherita Manzoni ( ) era cugina del poeta Alessandro Manzoni. Egli aveva due fratelli Carlo ( ) ed Emanuele ( ) che parteciparono a tutte le lotte del Risorgimento, combattendo come ufficiali di Stato Maggiore anche agli ordini di Garibaldi. Il giovane Giuseppe frequentò il ginnasio nel collegio di Cassano d Adda, collegio che gli fu da scuola anche di acceso amor patrio (basti ricordare che nel 1848, la prima bandiera Tricolore che sventolò a Cassano, mentre gli Austriaci erano ancora a Milano, fu quella issata dai convittori del collegio-ginnasio sul campanile della Chiesa di Sant Antonio). Nel 1857 Perrucchetti conseguì la maturità liceale all Imperial Regio Collegio Sant Alessandro di Bergamo e successivamente si iscrisse alla facoltà di ingegneria all Università di Pavia. Nel 1859, a vent anni, abbandonò la vita tranquilla dello studio e scappò dalla Lombardia, allora sotto il dominio austriaco, e si rifugiò nel Piemonte dei Savoia. Arruolatosi volontario combatté nel 1859 nelle truppe del Regno di Sardegna nella Seconda guerra d Indipendenza. Nel 1861 divenne sottotenente presso la Regia Militare Accademia di Ivrea prestando servizio al XXIV Reggimento di Fanteria e nel 1866 si guadagnò la medaglia d argento al Valor Militare alla Battaglia di Custoza e la promozione al grado di Capitano. Durante la Battaglia incontrò molti cassanesi: Branca, Berva, Villa, Cernuschi e Carlo Bazzi padre di Giulio uno dei futuri cofondatori dell ANA. Successivamente passò alla Scuola di guerra di Torino dove rimase fino al In questi anni, sfruttando la sua competenza in lavori di topografia, cominciò le sue continue, segrete e pericolose escursioni oltre confine allo scopo di studiare il terreno, gli usi ed i costumi di quelle popolazioni con noi confinanti: tutte le cognizioni che egli acquisì risulteranno poi molto utili durante la Prima Guerra Mondiale. Nel 1871, col grado di Capitano dello Stato Maggiore pubblicò il volume Tirolo nel quale riportò alcune considerazioni sull ordinamento territoriale della Zona Alpina vaticinando la costituzione di Compagnie Alpine autonome ed autosufficienti, capaci di difendere ognuna la propria vallata. Il Generale Cesare Francesco Ricotti Magnani, allora Ministro della Guerra, si appassionò alle teorie di Perrucchetti e gli fece sviluppare il progetto, in unione ai Generali Parola e Mariola dello Stato Maggiore ed il 15 ottobre 1872 fu promulgato il Decreto Reale che istituiva le Compagnie Distrettuali Alpine. Nacquero così, non senza polemiche, i primi reparti alpini. Diventato uno stimato ufficiale presso i Reali, fu nominato maestro - governatore dei principi reali ed il 27 maggio 1884 divenne precettore di Emanuele Filiberto di Savoia, Duca d Aosta. Settembre

14 Nel 1877 fu promosso al grado di Maggiore, nel 1890 a quello di Colonnello. Nel 1895 diventò Generale di Brigata e nel 1900 Tenente Generale. Il 13 luglio 1904, con suo enorme disappunto, fu posto in posizione ausiliaria (congedo) per raggiunti limiti di età. Il 17 marzo 1912 per motu proprio il Re lo nominò Senatore del Regno. Fu insignito di diverse onorificenze: da Cavaliere a Grand Ufficiale della Corona d Italia e da Cavaliere a Grand Ufficiale dell Ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro. Rifiutò sempre le varie proposte di onorificenze straniere. È interessante e curioso notare che Perrucchetti non fu mai Alpino, cioè non mise mai il cappello con la penna e che il Corpo degli Alpini, istituito per difendere il confine montuoso delle Alpi, ebbe invece il suo battesimo del fuoco in terra africana, nella Battaglia di Dogali (1887) presso il presidio militare italiano di Saati nella 1 campagna d Africa orientale (Eritrea - Etiopia). Il Generale Perrucchetti divise gli ultimi anni della sua vita fra la casa di Cassano d Adda (Casa Somalia) e la piccola villa che aveva acquistato a Cuorgné, per essere vicino a Torino dove insegnava alla Scuola di guerra. Egli non temeva la morte, ma non l aspettava: si spense improvvisamente il 5 ottobre 1916 all età di 77 anni nella sua casa di Cuorgné: fu colpito da aneurisma. L Italia perdeva, in quel momento, uno dei suoi figli migliori. Le esequie ebbero luogo a Cassano d Adda, dove tutt ora riposa, l 8 ottobre; gli recò l estremo saluto, oltre ai più alti gradi dell Esercito, anche una Compagnia di Alpini costituita da rappresentanti dei reparti combattenti al fronte giunti a Cassano per il rito funebre. Giuseppe Domenico Perrucchetti Settembre

15 6.2) Il monumento a Perrucchetti Voluto dall Associazione Nazionale Alpini, progettato ed eseguito dallo scultore alpino Prof. Timo Bortolotti, il monumento risponde perfettamente agli intendimenti che l hanno suggerito. Infatti nella sua creazione, l artista ha inteso esaltare una delle opere che maggiormente hanno messo in evidenza l ingegno, la fede patriottica e lo spirito divinatore del Gen. G. D. Perrucchetti: l ideazione, cioè, delle Milizie Alpine Italiane, per la formazione delle quali il Gen. Perrucchetti dedicò la parte migliore del suo grande intelletto e del suo fiero temperamento di Soldato Italiano. E lo scopo è stato pienamente raggiunto. Nel sessantesimo annuale della fondazione degli Alpini e nel quattordicesimo della Vittoria, il monumento costituisce infatti la più degna esaltazione tanto dell Apostolo come delle gloriose Milizie Alpine il cui valore ha nell ultima guerra raggiunto i più alti vertici dell ardimento e del sacrificio. Oggi, ben possono gli Alpini custodire fieramente la memoria di Giuseppe Perrucchetti, e Cassano d Adda ospitare orgogliosa il ricordo marmoreo del suo nobile Figlio! Sulla parte frontale del masso cubico, ove è incastonato il busto in bronzo del Gen. Perrucchetti, è incisa la seguente dedica: A GIUSEPPE DOMENICO PERRUCCHETTI GENERALE DI ARMI E DI SCIENZA CHE NEL SOLCO DELLA ROMANA TRADIZIONE IDEO LE MILIZIE ALPINE L ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI 10 REGGIMENTO NEL LX ANNUALE DELLA FONDAZIONE DEL CORPO 2 ottobre 1932 L inaugurazione del Monumento avvenne il 2 ottobre 1932, con la partecipazione di tanti Alpini, dei Comandanti di tutti i Reggimenti e la viva partecipazione della popolazione cassanese che cominciava a nutrire grandi sentimenti di amore per i suoi Alpini. CARATTERISTICHE: Il complesso monumentale consiste in tre gradini (rappresentanti i 3 Reggimenti d Artiglieria da Montagna), sormontati da un pianerottolo sul quale posano nove colonne (quanti erano cioè i Reggimenti Alpini) cilindriche, alte un metro e del peso di circa 10 quintali l una; un masso, squadrato appena, di 8 metri cubi e del peso di 240 quintali, si eleva dall alto delle colonne e si richiama al X Reggimento Alpini, che raccoglie nei suoi ranghi quanti hanno militato, in guerra e in pace, nelle quadrate milizie Alpine. Nel lato principale del blocco è raffigurata, in un riuscitissimo busto, la figura del Gen. G. D. Perrucchetti, e nelle parti laterali è scolpito lo stemma dell ANA; a tergo, figurano, in rilievo, i fregi del Reggimento Alpini e di Artiglieria da Montagna. Complessivamente il monumento è di m. 7 di lato alla base, per altrettanti d altezza, e pesa oltre 600 quintali. (Tratto dal numero unico Verdi Fiamme di Fede e di Gloria stampato in occasione dell inaugurazione del Monumento) Settembre

16 7. GLI ALPINI NEL MONDO Erano nati per difendere le nostre vallate, ma gli Alpini già dal loro battesimo del fuoco (avvenuto in Etiopia nel 1896 con la battaglia di Adua) sono stati impegnati un po dovunque nel mondo. Attualmente operano in Afghanistan, pochi anni fa furono in Libano e in Mozambico: ma lo sapete che furono mandati anche in Cina? 7.1) Gli Alpini in Cina contro i boxer L imbarco per la Cina, a Napoli Nel 1900 gli Alpini vennero mandati a far la guerra in Cina. Non sono mai andati né in futuro andranno forse mai a combattere in posti così lontani dalla patria. Quella volta le penne nere vennero mobilitate per sedare la rivolta dei boxer. Non sono molti gli italiani a sapere di cosa si tratta. In Cina un agguerrito e fanatico gruppo di nazionalisti (chiamato dagli europei boxer e dai cinesi I-hoch uan, I pugni patriottici ) contrastava le mire espansionistiche di carattere politico-economico dei bianchi. In particolare, si volevano togliere alcune vantaggiose concessioni ferroviarie e minerarie a ditte britanniche, francesi, tedesche, russe e statunitensi. I boxer si proponevano di scacciare dal loro paese tutti gli stranieri e di distruggere i cristiani, considerati come venduti agli stranieri. La rivolta ebbe il suo epicentro a Pechino e culminò, il 21 giugno 1900, con l assedio delle legazioni diplomatiche e della cattedrale cattolica, con lo sterminio di centinaia di cristiani, con l uccisione dell ambasciatore tedesco e del cancelliere della legazione giapponese. Le cosiddette Grandi Potenze, minacciate nei loro interessi, decisero allora di ristabilire l ordine e si accordarono per inviare un corpo di spedizione alleato al comando del maresciallo tedesco Waldersee. All iniziativa aderì anche l Italia. Lo decretò con megalomane Settembre

17 disinvoltura re Umberto I, dopo aver ascoltato il parere positivo del Consiglio dei ministri, presieduto da Giuseppe Saracco. Le truppe italiane dirette in Cina partirono da Napoli, a bordo di tre piroscafi, il 19 luglio Complessivamente vennero imbarcati duemila uomini, un centinaio dei quali portavano la penna nera sul cappello. Si trattava, per l esattezza, di artiglieri alpini (114 uomini di truppa e 4 ufficiali) provenienti dal reggimento artiglieria da montagna di Torino, dalla 3a brigata artiglieria da fortezza e dal 12 reggimento artiglieria di Capua. Della spedizione, al comando di un battaglione di fanteria, fece parte anche il tenente colonnello degli alpini Tomaso Salsa. Il corpo di spedizione italiano, comandato dal colonnello Vincenzo Garioni, giunse il 29 agosto nella rada di Taku, alla foce del fiume Pei-ho, nel mar Giallo. Durante il viaggio, soldati e ufficiali appresero con sbigottimento del regicidio di Monza. Il sovrano che aveva loro ordinato di partire era morto e sedeva sul trono suo figlio, il giovane Vittorio Emanuele III. Appena sbarcati, i reparti vennero avviati per ferrovia a Tien-Tsin per alcune operazioni di polizia. Ai primi di novembre gli artiglieri alpini, con il grosso della nostra spedizione, raggiunsero Pechino e rimasero qui di guarnigione e di presidio fino al maggio del (da Alpini storia e leggenda ) 7.2) e sui ghiacci del Polo Nord La pattuglia di sciatori del capitano Sora, al seguito della spedizione polare del gen. Nobile, nei dintorni della base a Baia del Re, oltre l 80 parallelo L avventura degli Alpini a 81 gradi di latitudine nord sui ghiacci dell Artico gode di una maggiore notorietà rispetto alla spedizione in Cina. Grazie al generoso contributo degli Alpini bergamaschi, il Museo Nazionale Storico degli Alpini ha recentemente pubblicato un volumetto con la Relazione sull impiego del Drappello Alpini della spedizione Polare Italiana che il capitano Gennaro Sora inviò al suo ritorno all Ispettore delle Truppe Alpine, il generale Ottavio Zoppi, grande Alpino ed eroe nella 1 a Guerra Mondiale. Tutto iniziò nel 1928, quando il generale Umberto Nobile si apprestava a partire con una spedizione da lui ideata e organizzata per sorvolare in dirigibile il Polo Nord. Settembre

18 Fu il giornalista Cesco Tomaselli, valoroso ufficiale degli alpini, a proporre che fosse mobilitato un gruppo di penne nere per eventuali operazioni di soccorso in caso di un forzato atterraggio del dirigibile Italia sui ghiacci, come purtroppo avvenne. La pattuglia di alpini del 4, 5 e 6 Reggimento, comandata dal capitano Gennaro Sora del Btg. Edolo, tutti montanari assuefatti ai ghiacci, alle nevi e alle basse temperature, raggiunse la Baia del Re dopo quaranta giorni di navigazione con la nave Città di Milano, partecipò alla costruzione della base dei voli e percorse poi centinaia di chilometri sui ghiacci del Polo Nord alla ricerca dei superstiti del dirigibile Italia. Più volte gli alpini si spinsero sul pack che si spezzava e andava alla deriva, annullando ogni volta i progressi di un giorno di cammino. Come è noto, i naufraghi del dirigibile Italia vennero poi salvati dal rompighiaccio russo Krassin, ma quella impresa degli Alpini al polo Nord è diventata memorabile e leggendaria. Una bella descrizione di questa impresa, a cura di Tullio Vidulich, è pubblicata nel sito internet dell Associazione Nazionale Alpini Settembre

19 8. ALPINI IERI E OGGI 8.1) Il diario nella valigia azzurra Nei 140 anni di vita delle Truppe alpine sono stati innumerevoli i sacrifici compiuti dagli Alpini per adempiere il proprio dovere. E sono state tante le testimonianze che sono state pubblicate nella ricchissima letteratura alpina. Tra queste Gianni Longo propone alla nostra attenzione la lettera scritta da un Alpino al fronte greco-albanese. =o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o=o Il diario nella valigia azzurra è il titolo di un libro stampato in tiratura limitata, non disponibile nelle librerie. L autore, Paolo Bergamaschi, ne ha concepito l idea quando sua zia Carla gli ha consegnato una valigia azzurra dicendogli: Qui dentro troverai tutto quello che rimane di mio fratello. La valigia conteneva una raccolta di lettere di Raniero Nebbia, di famiglia milanese, scritte durante la seconda guerra mondiale. Paolo, più che autore e curatore del libro, è un mio amico. Lui non è un alpino, ma è orgogliosissimo di questo zio che non ha conosciuto ma del quale ha spesso sentito parlare in famiglia. Quando ha ricevuto quella valigia azzurra contenente tutte le lettere che lo zio Raniero aveva scritto, la curiosità da un lato e il mito dello zio dall altro lo hanno indotto a digitalizzare tutte le lettere, ordinandole per data in modo di dare un senso logico alla vicenda. Si è così appassionato e ha pensato di raccogliere il tutto in un libro che non è mai entrato in libreria e forse mai ci entrerà. Le prime lettere sono state scritte dal fronte albanese, dove Raniero Nebbia venne gravemente ferito militando come sottotenente nella 51ma Compagnia del Battaglione Edolo del 5 Reggimento Alpini. Le altre sono state scritte dal fronte russo sul quale giunse volontario con il grado di tenente della 264 a Compagnia del Battaglione Val Cismon del 9 Reggimento Alpini. Perse la vita in combattimento a 24 anni ed è stato insignito con Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Nelle sue lettere c è il resoconto della quotidianità, della realtà vissuta senza limiti imposti o pretese romanzesche. Mi hanno colpito in particolare le ultime lettere dal fronte sul Don, quelle prima del Natale 1943, quando nulla faceva presagire l imminente offensiva russa. Presento una di queste lettere scritte dall Albania e mi auguro che presto questo libro Il diario nella valigia azzurra possa essere reperibile in libreria, contribuendo cosi a collocare altri tasselli mancanti in quell immenso mosaico di umanità che è stata l epopea alpina. Gianni Longo Fronte albanese, 14 dicembre 1940 Arriva la mattina. Facciamo colazione piuttosto abbondantemente, cosa strana. Viene la luce e pare che non ci si debba muovere, in ogni modo le armi sono pronte e le facciamo sgelare vicino al fuoco. E infatti improvvisamente arriva l ordine di prendere posizione. Ci incamminiamo verso il dosso che è sopra di noi. Il mio plotone è composto di dieci uomini. Mentre arriviamo sulla linea già cominciano le prime fucilate dei greci. Poi entrano in azione le mitragliatrici. Una grandine di proiettili si scatena su di noi. Ci buttiamo per terra magari, sulla neve e cerchiamo con le nostre armi di controbattere il fuoco. I Greci suonano la loro diabolica tromba e urlano come dannati. Le nostre armi non funzionano. Io aiuto il tiratore vicino a me a riempire i caricatori e a disinceppare l arma. Poi finiscono le cartucce. Spariamo col fucile. A un tratto sento un rumore metallico alla mia sinistra, mi volto e vedo che il capitano Castellanelli si è beccato una pallottola in testa che gli ha bucato l elmetto e che è morto. Pace a lui. Dopo pochi minuti sento un altro rumore metallico alla mia destra, mi volto e vedo che anche l alpino Colombo si è beccato una pallottola nella testa come Castellanelli. Lui non muore Settembre

20 subito, comincia ad urlare e dimenarsi carponi sulla neve, ma poi casca. Il terzo componente del mio gruppo è fermo da un pezzo e non so cosa gli sia successo. Io prendo il mio sacco e in quattro salti sono da Mangialaio che era dietro a me di cinque o sei metri. Lo trovo già ferito ad un braccio ma sembra che non si possa muovere. Gli dico quello che succede sulla linea e lui mi dice di andare al comando Battaglione per dire che non c è nulla da fare. Io raccomando l anima a Dio e parto. Non faccio nemmeno dieci passi che mi sento come un pugno violentissimo alla schiena. Ci siamo, dico e continuo a camminare. Ma l affanno che avevo prima e quello venuto dopo per la ferita mi costringono a sedermi per terra. Mi siedo e per la seconda volta raccomando l anima a Dio, stavolta però convinto di dover partire per l altro mondo. Mi vien voglia di scrivere qualcosa ma non riesco a prendere nemmeno la matita. Le mani non funzionano più. E allora aspetto un altro poco poi mi domando se vale la pena di crepare così come un fesso senza nemmeno tentare di tirarmi un po indietro. Le palle fischiavano intorno a me che era una bellezza. Mi alzo o quasi e faccio altri tre o quattro passi indietro. Ma vedo che non c è nulla da fare e mi fermo di nuovo. Ma ecco che verso di me vedo venire due alpini: è la salvezza, ameno per il momento. Mi afferrano sotto le ascelle e mi tirano su e cominciamo, barcollando, la via del ritorno. La neve è alta un fregaccio e io non ne posso più. Dopo lungo penare arriviamo al posto di medicazione. Mi frizionano subito le mani e così quelle sono a posto. Poi mi stracciano tutto addosso, giubba, camicia, maglia e mi medicano la ferita che è trasfossa. La pallottola mi ha passato l emitorace destro da parte a parte. Poi mi mettono su una barella improvvisata con un telo tenda e due bastoni e via. Quattro alpini mi portano giù per la valle, in mezzo alla neve. Qualche pallottola fischietta ancora attorno, ma la linea è ormai lontana. Troppo lungo sarebbe raccontare le peripezie della prima tappa, posso solo dire che è stata una cosa bestiale. Sono arrivato alla quinta sezione sanità che non ne potevo più. Era già buio. Io non potevo quasi più respirare. Lì volevano imbarcarmi subito per l altra sezione ma mi sono rifiutato e mi hanno lasciato in pace per qualche ora. C era un sacco di feriti e congelati e un casino fenomenale. Però a mezzanotte mi hanno fatto sgomberare. Su una barella vera stavolta. Dopo altre tre o quattro ore di cammino per strade che non esistevano sono arrivato ad un altra sezione sanità. Saranno state le quattro di mattina del 15/12. Naturalmente nessuno dei medici mi guardava. Dopo qualche ora mi hanno imbarcato di nuovo con altri quattro portatori che erano mezzi sfessati e la sera sono arrivato alla 32ª sezione sanità. Lì ho passato la notte. Mi ricordo che c era un tempo orribile, un vento che pareva volesse tirare giù la casa con tutti i suoi occupanti. Lì ho potuto riposare un po e mangiare un pezzettino di galletta con un boccone di cioccolata. La mattina dopo via di nuovo, sempre in barella, con quattro portatori e quattro di riserva per il cambio, per fortuna. Stavolta la meta era un ospedaletto da campo. Ci arriviamo verso sera. Vedo la strada, un autoambulanza, un po di civiltà. Mi sembra di rinascere. Sto un paio d ore dentro all ospedaletto e poi mi tirano fuori e mi caricano in un autoambulanza. Partenza. È già buio e fuori non si vede nulla. La strada è tutta una buca e non vi dico che divertimento. Una scossa più forte delle altre mi dice che siamo arrivati. È l ospedaletto da campo 622. Credo di essere arrivato alla fine dei miei patimenti. La mia barella è presa e portata dentro alla tenda n 3, per ufficiali che è piena per metà. Mi spogliano, mi puliscono, mi levano tutta quella roba sporca che avevo addosso e mi mettono a letto. Finalmente. Il giorno dopo mi medicano, mi danno da mangiare eccetera. Comincia una nuova vita di pace e tranquillità. Posso finalmente scrivere a casa, lavarmi, pettinarmi, mettere a posto un po le mie cose. Raniero Nebbia Settembre

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi

LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Storia, Cultura, Curiosità LA RADIOLOGIA AL FRONTE a cura di Massimo Zambianchi Servizio di Radiologia Fondazione Salvatore Maugeri, Lumezzane (BS) Con la scoperta dei raggi X e con il loro utilizzo in

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio La virtù del risparmio è cosa da adulti, ma fin da bambini occorre prenderne l abitudine e capirne il valore. Perché gli uomini risparmiano? Per

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN

GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN GLI ASCARI ERITREI E LA BATTAGLIA DI CHEREN Ho ricevuto queste foto da Angelo Granara che a sua volta le ha avute da suo nipote Enrico e quest ultimo dall Ambasciata Italiana in Eritrea. Senza indugi le

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA

Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Mario Teglio LA MIA VITA CON LE LEGGI RAZZIALI DEL1938 CONSEGUENZE DELLA LEGGE SULLA MIA FAMIGLIA Siamo nel 1938 e la mia famiglia, composta da 5 persone (i miei genitori e noi tre figli), viveva come

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI

PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III II QUADRIMESTRE DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI DIREZIONE DIDATTICA STATALE A. D ANDRADE PAVONE CANAVESE SCUOLA PRIMARIA STATALE DI PROVE DI VERIFICA DI ITALIANO CLASSE III ANNO SCOLASTICO II QUADRIMESTRE ALUNNO/A PROVE DI VERIFICA PERIODO: SECONDO

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Tutta un altra storia

Tutta un altra storia Elisabetta Maùti Tutta un altra storia Come spiegare ai bambini la diversità Illustrazioni di Salvatore Crisà Indice Introduzione 9 Il principe con due piedi destri (Cos è normale?) 13 E tu da dove vieni?

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli