UNA SOCIETÀ MULTIETNICA NELLA BASILICATA MEDIEVALE E MODERNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA SOCIETÀ MULTIETNICA NELLA BASILICATA MEDIEVALE E MODERNA"

Transcript

1 UNA SOCIETÀ MULTIETNICA NELLA BASILICATA MEDIEVALE E MODERNA Non solo storie di emigrati e di emigrazione. La Basilicata di età medievale e moderna si caratterizza, al contrario, come terra di forti movimenti immigratori, di varietà e di consistenza tali da potersi a giusto titolo parlare di una vera e propria società multietnica, nel senso più attuale e moderno del termine. Forestieri d altre nazioni estere o italiane, costituitisi in comunità ben organizzate, si susseguono nell abitare il suolo lucano, con i loro costumi e i loro usi giuridici, in un rapporto di convivenza con la popolazione locale a volte sereno e addirittura cordiale, altre volte conflittuale e litigioso. L incontro di culture differenti esercita sui costumi e sulla mentalità della gente lucana un influenza estremamente persistente, riscontrabile anche a distanza di secoli. POPOLI E USI GIURIDICI Sono motivi politici a condurre da noi prima i romani, poi i longobardi e i bizantini, i normanni e gli svevi. Tutto ciò implica la sovrapposizione e la sopravvivenza di diritti diversi fra la popolazione, con notevoli conseguenze soprattutto nell ambito della vasta sfera del diritto privato e familiare. Le donne viventi secondo il diritto longobardo o franco, ad esempio, continuano per secoli ad essere soggette alla tutela perpetua, il mundio, in base al quale per qualsiasi loro atto giuridico esse dovranno ottenere l autorizzazione di un uomo, il mundualdo. Le donne che invece vivono secondo il diritto romano continuano ad agire senza bisogno di mundualdo né d altra specie di tutore. Riflessi di tale situazione si riscontrano ancora in documenti del XVI secolo: il 6 dicembre del 1546, ad esempio, a Saponara 1, vendendo al magnifico Giovanni Parisano di Moliterno la quarta parte di un mulino e un piano di battinderio, Donna Altabella Petitti dichiara di vivere jure franco e per questo agisce col consenso del proprio coniuge e mundualdo 2. Il 16 febbraio del 1570, a Tito, Ippolita de Cava dichiara di vivere jure longobardo 3. Vent anni dopo, nel 1592, donna Lucia Impunto di Senise dichiara invece di vivere jure romano 4. Tracce dei vari diritti si riscontrano in numerosissimi atti privati. Il 17 dicembre del 1562 a Marsicovetere viene redatto l inventario dei beni degli eredi del defunto Francesco Fiatarone, al fine di restituire alla vedova risposata non solo la dote ma anche la quarta, assegno maritale di tradizione longobarda, secondo cui alla moglie superstite spetta un tanto (all origine forse, un quarto delle sostanze del marito defunto), quale lucro di sopravvivenza 5. Di tradizione normanno-franca è invece l adurno, assegno maritale destinato agli oggetti formanti l ornamento della sposa e della casa, che l onorabile Marco Nicolai di Morigerati promette nel 1571 all onesta donna Caterina Loisii di Pisticci, sua futura sposa 6. Nel testamento di Natalia de Traficante di Baragiano, redatto a Bella il 3 febbraio 1575, si fa riferimento, ancora, ad una legge romana, la Falcidia, la quale garantisce agli eredi almeno un quarto dell eredità 7. Esempi di tale genere se ne trovano a centinaia nei protocolli notarili di epoca moderna conservati negli Archivi di Stato della regione. GRECO-ALBANESI Sono probabilmente motivi di autodifesa, ma anche, allo stesso tempo, il di Valeria Verrastro 199

2 Fig. 1 - Venosa, 19 agosto Vendita di un poderetto fatta da Nifo, abate del monastero di San Nicola di Morbano, a Faraone e a Santoro, rispettivamente fratello e figlio del defunto Pietro de Faraone. (ASPZ, Pergamene del Capitolo cattedrale di Venosa, n. 22) desiderio di trovare luoghi adatti alla preghiera e all eremitaggio, a condurre in Basilicata, nella seconda metà del X secolo, un gran numero di monaci greci provenienti dalla Sicilia e dalla Calabria meridionale. La Basilicata, del resto, riconquistata alla fine del sec. IX all impero bizantino, conta già una considerevole popolazione greca; inoltre, istituito il tema di Lucania e costituito il catepanato, nel 968 il patriarca di Costantinopoli concede all arcivescovo di Otranto il potere di consacrare i vescovi di Acerenza, Matera, Tricarico e Tursi, costituendo così una nuova provincia ecclesiastica greca. I monaci fuggono dunque dalla Sicilia, dove la situazione dei cristiani è diventata molto più precaria in seguito alle lotte intestine tra i diversi gruppi di musulmani che hanno occupato l isola. Ma emigrano anche perché mossi da un intimo desiderio di luoghi che permettano loro l isolamento dal mondo e una più facile applicazione dei comandamenti del Signore 8. La Basilicata si riempie di moltissimi insediamenti monastici, la maggior parte dei quali molto piccoli, soprattutto nella zona occidentale del Pollino e nel Lagonegrese, lungo il medio corso del Sinni, nelle valli dell Agri, del Basento e del Bradano e, a nord, nella regione del Vulture. La loro influenza sulla popolazione è duplice. Dal punto di vista economico e sociale, essi avviano una vasta opera di bonifica, favorendo l insediamento rurale; insegnano ai contadini la pratica della rotazione delle colture, la concimazione delle terre con il debbio, la tecnica dell innesto degli alberi fruttiferi e della costruzione delle case 9. Dal punto di vista strettamente spirituale, è notevole l impressione lasciata nella popolazione da figure carismatiche di santi monaci, come san Saba, san Vitale da Catronuovo e san Luca abate di Armento 10, con la coralità della loro vita religiosa, fortemente orientata verso l esterno, con la loro predicazione persuasiva ed immediata, attraverso la quale riescono ad aver ragione di molte pratiche superstiziose. La gran parte di questi monasteri, però, ha vita piuttosto breve e non riesce a sopravvivere alla forte latinizzazione operata dai Normanni. Fra le poche comunità ancora attestate alla fine del XIV secolo, vi è quella di S. Nicola di Morbano di Venosa. Alcune pergamene provenienti dall archivio di questo monastero sono conservate nel fondo membranaceo del Capitolo della cattedrale di Venosa, ora depositate nell Archivio di Stato di Potenza. Particolarmente emblematica la pergamena n. 22, contenente un atto del 19 agosto 1256, attraverso il quale Nifo, l abate del monastero, insieme al priore Taddeo, vendono un poderetto comprendente l area occupata da un mulino a ruota appartenente al predetto monastero e ubicato in rivulo balneare. Elemento interessante del documento sono le sottoscrizioni in greco dei monaci, tra cui quella dell abate Nifo, «per grazia di Dio igumèno del monastero di S. Nicola di Morbano 11». (Fig. 1) Immigrazioni di popolazioni greco-albanesi si verificano anche nei secoli successivi. In una prima ondata arrivano verso la fine del XV secolo, in seguito alla caduta dell Epiro nelle mani dei musulmani. Un secondo consistente flusso migratorio si verifica nel secolo seguente, in seguito alla caduta della città di Corone, avvenuta nel In Basilicata gli esuli trovano accoglienza in vari centri come Barile, Ginestra, Melfi, Rionero, Maschito, S. Costantino Albanese e S. Paolo Albanese. Nel 1647, ancora, a Barile e a Maschito giungono nuclei provenienti da Maina e dalla Lacconia, mentre nel 1774 un altro gruppo di albanesi si trasferisce dall Abruzzo a Brindisi di Montagna 12. La convivenza di queste popolazioni con le comunità locali è piuttosto conflittuale. Gli albanesi, in particolare, dimostrano una particolare tenacia nel difendere e mantenere la propria identità e riescono a non far morire la liturgia della chiesa bizantina. I patriarchi di Costantinopoli e gli arcivescovi di Ocrida, infatti, hanno esteso nella prima metà del Cinquecento la loro giurisdizione sopra le colonie greche ed albanesi d Italia, e il papa Paolo III dispone che i greci possano liberamente professare il loro rito tra i latini senza essere molestati. Numerosi sono i contratti matrimoniali tra greci e albanesi conservati nei protocolli dei notai di quel periodo. Il 19 dicembre 1557 a Melfi, ad esempio, Domitro Sgoro, greco, promette di prendere in moglie Chyranna Constantinopoli «secondo lo uso et consuetudine de li grieci et loro natione» 13 : l atto riporta in calce le sottoscrizioni dei testimoni, anch essi greci. (Fig. 2) Riflettendo il diverso 200

3 orientamento emerso dal Concilio di Trento, nel 1564 Pio IV sopprime la giurisdizione concessa ai prelati greci profughi e, pur lasciando la libertà di professare il rito orientale, dà ai vescovi e ai sacerdoti latini la facoltà di cercare con tutti i mezzi di farlo scomparire. Obiettivo che riesce a raggiungere nel 1632 il vescovo di Melfi e Rapolla, mons. Diodato Scaglia, relativamente ai casali di Rionero e di Ginestra. Il diverso rito liturgico, del resto, come si apprende dalle denunce dello Scaglia, si accompagna a particolari usi e consuetudini. Durante la celebrazione del matrimonio, ad esempio, gli albanesi fanno ricorso a canti e a danze e vivaci festini, accompagnati da spari e baldorie, si succedono per l intera giornata lungo le vie del paese 14. Bisogna ricordare, tra l altro, che i greco-albanesi ammettono il divorzio quoad vinculum. Essi usano inoltre rendere omaggio alla luna nuova con cantilene e saluti vari. Nei riti funebri, depongono sui cadaveri vino, legumi, frutta, erbe o capelli narrando lamentosamente la vita del defunto, intrecciano le mani dopo la sepoltura, fanno abluzioni e distribuiscono in chiesa pane, vino e dolciumi. Essi negano la sepoltura ecclesiastica alle donne morte durante o dopo il parto e, comunque, prima di ricevere la benedizione, e ai morti ammazzati. Le puerpere non ricevono alcun sacramento neppure nei casi di estrema necessità, prima dei quaranta giorni ritenuti necessari per la purificazione. Trascorsi quest ultimi, esse vanno in chiesa a ringraziare Dio della prole ricevuta, ma solo dopo aver cambiato le calzature, e infine escono dalla chiesa retrocedendo, senza cioè dare le spalle all altare. Tra le feste celebrate dagli albanesi, vi è quella, molto famosa, detta dell Arciporco, consistente in una sorta di passeggiata chiassosa, con musica e danza, per le vie del paese dopo un banchetto, con imitazioni di animali 15. Ma se da una parte gli albanesi sono fermi nella volontà di non perdere nulla delle loro tradizioni, anche se talora in aperto contrasto con la cultura delle popolazioni ospitanti, è anche vero che altrettanta fermezza dimostrano le comunità locali nel negare loro pieni diritti. Il giurisperito venosino Roberto Maranta, ad esempio, sostiene la tesi che i grecoalbanesi, in base al diritto e alle consuetudini locali, non possono dirsi pleno iure dei cittadini, ma al più dei residenti. Fatto che spinge i coronei di Melfi a trasferirsi nel 1597 a Barile. Non ben visti dalla popolazione, in molti casi gli albanesi vengono considerati uomini bellicosi e Fig. 2 - Melfi, 19 dicembre Capitoli matrimoniali tra Domitro Sgoro e Chyranna Costantinopoli, entrambi greci viventi in Melfi. ( di Melfi, notaio Giovanni Vincenzo Pinto, vol. 19, cc. 53v-54v) amanti delle armi. Ma i documenti dimostrano facilmente che non è sempre così: il 22 novembre del 1556 viene stipulato a Melfi un contratto di matrimonio tra Nicolaus de Radace di Venosa, scavonus, e la vedova Stana de Pettico di Melfi, anch essa scavona. In questo contratto Nicolaus, in un tempo in cui gli accordi matrimoniali sono soppesati dalla consistenza delle doti, promette di prendere per moglie Stana solo per amore caritativo, senza dote, accettando persino di tenere con sé la figlia di lei Diamante 16. Altro che tutti ladroni e gente senza scrupoli! Notizie sull attività degli albanesi si ritrovano non solo nei protocolli dei notai ma anche, in modo piuttosto insolito, in fonti cartografiche. Come nella platea dei beni del Capitolo della cattedrale di Venosa redatta nel 1785 dagli agrimensori Giuseppe Pinto e Vito Montesano, dove inaspettate notizie vengono fornite grazie al sistema adoperato per l identificazione dei collegamenti viari, descritti non solo come tracciati congiungenti due luoghi, ma anche come percorsi funzionali, a volte estremamente specializzati rispetto a traffici e scambi. Nella platea troviamo, tra l altro, una «via che fanno gli Albanesi per andare a macinare al mulino della Trinità», una altra via che «fanno gli Albanesi dal mulino della Trinità per ripartirsi al loro paese», un altra via ancora «che facevano gli Albanesi quando venivano dal mulino della Torre all ora, che macinava»

4 ARMENI Secondo vari studiosi, gli armeni sarebbero arrivati in Italia al seguito di Niceforo Foca, il grande artefice della riconquista bizantina delle province meridionali. Oltre alle notizie più o meno certe riguardanti gli insediamenti armeni di Bari, Taranto e Napoli, diversi indizi farebbero pensare alla presenza di analoghi insediamenti in terra lucana. A Matera, ad esempio, la chiesa ipogea di Santa Maria de Armeniis potrebbe essere stata scavata da elementi di questo gruppo etnico 18. La loro presenza parrebbe attestata anche a Forenza, dove ancora oggi esistono i ruderi dell antica chiesa medioevale di Santa Maria degli Armeni, probabilmente risalente all XI secolo. Secondo Cosimo Damiano Fonseca, essi potrebbero essere arrivati a Forenza attraverso percorsi provenienti da Bari o da Matera, dove appunto già esistevano comunità armene. La chiesa di Forenza, inoltre, come testimoniano alcune antiche pergamene di recente edite, sarebbe stata originariamente una «chiesa privata», governata da un certo giudice Demetrio, alla stessa stregua della chiesa di San Giorgio fatta erigere a Bari tra la fine del X e l inizio dell XI secolo dal chierico armeno Mosese 19. Poco si sa di questa minoranza etnica: pare, tra l altro, che gli armeni non credessero nelle tre persone della Ss. Trinità e che si facessero il segno della croce con un dito solo 20. SARACENI È facile ricollegare la presenza in Basilicata di popolazioni musulmane alle feroci incursioni operate da questi infedeli sulle sue coste e nell entroterra. Ne sono una testimonianza le numerose torri costiere disseminate lungo le coste e le spiagge lucane 21. Le vicende documentate storicamente, del resto, non danno luogo a dubbi. Nell 872 i saraceni attaccano e saccheggiano Grumento in Val d Agri, nel 907 Abriola e Pietrapertosa cadono nelle loro mani, nel 994 assediano e saccheggiano Matera. Negli anni il catepano d Italia riesce a cacciarli da Pietrapertosa, ma nell anno seguente essi tornano alla carica tentando invano di prendere Montescaglioso. Nel 1565, quando ormai da due anni è cominciata la lunga campagna per la costruzione delle torri costiere nel Regno di Napoli, un gruppo di musulmani fa incursione nel feudo di San Basilio di Pisticci, all epoca dipendente dalla certosa di Padula: anche alcuni monaci vengono coinvolti nello scontro e forse deportati insieme ad altri contadini in Nordafrica. La località conserva ancora oggi il toponimo di Scannaturco. Al 1568 risale il decreto regio che istituisce un corpo di cavallari addetti alla sorveglianza lungo la costa jonica tra le torri site nei comuni di Rocca Imperiale, Bollita (l attuale Nova Siri), Tursi, Montalbano, Pisticci e Bernalda. Il 25 luglio del 1677 si verifica un ulteriore incursione barbaresca lungo il litorale ionico lucano e la cattura di contadini di Bernalda, Pisticci, Montalbano e Rocca Imperiale. Il feudatario di Pisticci paga un forte riscatto, ma i prigionieri vengono deportati in Nord- Africa. Alcuni riusciranno a fuggire e a ritornare in patria, ma di altri si perderanno completamente le tracce 22. Se però è vero, come emerge dai dati storici, che il rapporto con la popolazione locale è prevalentemente di violenza aggressiva, è anche vero che i lunghi episodi di insediamento in centri come Tursi, Tricarico e Pietrapertosa implicano necessariamente anche rapporti di coesistenza. Ancora oscure, in verità, sono le vicende di alcuni ribàt, impianti fortificati di confine destinati alla concentrazione di milizie impegnate in azioni belliche, che si trasformano successivamente in rabàtane, cioè in quartieri residenziali islamici 23. Circa la diffusione di insediamenti saraceni, la toponomastica ci offre alcune indicazioni molto chiare, come ad esempio quelle di Castelsaraceno e Pescopagano, ma mancano a tuttoggi studi sistematici. Anche nella onomastica sacra troviamo tracce molto interessanti ma ancora non spiegate, come ad esempio il titolo dato alla Madonna dei Saraceni o del Monte Saraceno a Calvello. Non da ultima, va presa in considerazione la diffusione di cognomi come Saraceno (a Potenza e Atella) o Saracino (a Matera, Pisticci, Potenza, Cancellara). Non poche le indicazioni provenienti dal mondo dell arte e dell architettura. Un certo interesse islamizzante parrebbero rivelare gli impianti urbanistici di Venosa e degli stessi Sassi di Matera, mentre Tricarico e Tursi conservano la denominazione di rabàtane nei rioni già abitati da colonie saracene. Tricarico, inoltre, conserva ancora oggi una porta saracena affiancata da una torre cilindrica. Non rari sarebbero inoltre i segni di una larga influenza dell arte musulmana, più chiari nella pratica decorativa che nell esperienza strutturale dell architettura. Influenze musulmane si avvertirebbero ad esempio, come scrive la studiosa Emilia Zinzi, «nell adozione non rara dell arco acuto islamico; in un elaborazione misurata e parca del tema della tarsia, fornita dalla disponibilità dei materiali vulcanici del Vulture; nella presenza in portali e cornici, di forme tipiche del lessico ornamentale dell Islam (dente di sega, raggere di bozze, motivi a zig-zag, fasce di losanghe in pietra lavica ed arenaria), con episodi di persistenza rilevabili sino all età sveva.» 24 Tracce di questi episodi figurativi si ritroverebbero in alcune chiese, come in quella diruta di S. Angelo al Raparo, nell abbazia della Ss. Trinità di Venosa, nella chiesa di S. Maria di Pierno, a S. Maria del Casale di Pisticci, nella chiesa di S. Maria di Anglona. EBREI Uno dei più notevoli centri giudaici, nella nostra regione, è stato quello di Venosa, riccamente documentato da tre complessi catacombali nei quali è 202

5 stato rinvenuto materiale assai interessante, tra cui decine di epigrafi in greco, latino ed ebraico. Nella cittadina di Orazio gli ebrei arrivano a costituire, nel IV secolo d.c., una buona metà della popolazione: si tratta di una comunità ben organizzata, con i suoi arcisinagoghi, presbiteri, rabbini, molti componenti della quale partecipano al governo della città. I rapporti fra gli ebrei di Venosa e la terra d Israele sono intensi: la comunità è spesso visitata da inviati della madre patria detti apostuli, il più delle volte emissari delle comunità di Giudea o della Galilea in cerca di sussidi. Una testimonianza dell alto livello spirituale raggiunto dalla comunità ebraica venosina nei secoli VIII-IX è costituita dall attività del poeta Silano, autore di numerosi componimenti liturgici. Il rinvenimento di un epitaffio dedicato a un Anastasio proselito rivela inoltre che gli ebrei di Venosa, non disdegnando il proselitismo, fanno nuovi adepti tra i superstiti pagani della città. I loro rapporti con la popolazione cristiana sono verosimilmente pacifici, come sembra dimostrare la contiguità dei sepolcreti appartenenti alle due comunità: ebrei e cristiani non avrebbero accettato che i loro morti dormissero in tombe separate da un sottile diaframma di roccia se si fossero sentiti reciprocamente ostili. Fra tardo antico e alto medioevo sono documentate comunità di ebrei anche in altri centri della Basilicata, come a Potenza, a Grumento, a Matera e, forse, anche a Lavello. Fig. 3 - L appezzamento il Giudego in territorio di Venosa, disegnato nella platea dei territori della Ss. Trinità nel Dopo il IX secolo nulla più si sa di questi insediamenti, probabilmente decimati dalle scorrerie musulmane e dalle violenze antigiudaiche esplose durante la crociata del Il disgusto per questi eccidi provoca la conversione al giudaismo di un prete normanno di Oppido Lucano, Giovanni di Dreux, che una volta convertito si chiamerà Odadyah. Molto versato nella musica sacra, forse appresa nell abbazia benedettina della Ss. Trinità di Venosa, egli diviene autore di apprezzate melodie sinagogali 25. In epoca normanna sembra che la maggior parte degli ebrei lucani si sia concentrata a Melfi, dove il viaggiatore giudeo Beniamino de Tudela trova, tra il 1159 ed il 1167, una comunità di ben 200 persone. La comunità cessa di esistere nel 1294, allorquando ben settanta famiglie sono indotte dalle pressioni angioine ad abbracciare il cristianesimo. Una ripresa della presenza ebraica si verifica in Basilicata con gli ultimi angioini, e, soprattutto, durante il governo degli aragonesi. Uno dei centri giudaici più importante è quello di Tricarico, le cui vicende ci sono note grazie all abbondante documentazione conservata presso l Archivio di Stato di Napoli, riguardante per lo più contese di natura economica. Una delle liti sostenute dagli ebrei di Tricarico è quella scoppiata nel 1494 col vescovo Cicinelli, il quale si oppone all ampliamento della loro sinagoga. Gli ebrei fanno ricorso alla Camera della Sommaria che dà loro ragione. Le attività principali svolte dagli ebrei sono costituite dal commercio, dal prestito di denaro, dall artigianato e dall esercizio della medicina. La caduta del Regno in mano alla Spagna, agli inizi del XVI secolo, segna il principio della fine per le comunità ebraiche lucane che, in seguito alla prima prammatica di espulsione del 1510, cominciano a cercare contrade più ospitali. La loro partenza si rivela un fatto negativo soprattutto per i ceti più umili della popolazione, costretti a rivolgersi agli strozzini cristiani, assai più avidi ed esigenti. Così, in molti casi, gli ebrei vengono richiamati: a Venosa, ad esempio, nel 1535 l università stipula dei patti con Sabato di Daniele per l apertura di un banco di prestito. Ma si tratta di un ritorno di breve durata: è del 1541 il bando che impone improrogabilmente a tutti gli ebrei di uscire dal Regno 26. Dell antica presenza nel territorio lucano di comunità ebraiche rimangono i segni nella toponomastica di molti centri. Stanno a provarlo, tra l altro, diversi documenti cartografici, come alcune platee settecentesche contenenti le mappe dei territori del baliaggio della Ss. Trinità di Venosa, nelle quali viene segnalato un piccolo appezzamento di un tomolo e mezzo chiamato il Giudego 27. (Fig. 3) Facendo un salto di secoli arriviamo all epoca contemporanea. Nel corso del ventennio fascista, le autorità locali, dando seguito alle istruzioni ministeriali, prendono informazioni circa la presenza di elementi ebraici nella regione. Il Corriere della Sera del 18 agosto 1938, in un riquadro riportante i dati relativi ai nuclei di ebrei in Italia, segnala per la Basilicata il numero più basso rispetto alle altre regioni: soltanto due individui. In un telegramma del 26 settembre dello stesso anno al Ministero dell Interno il prefetto di Potenza comunica che la «situazione razzistica non dà luogo particolari rilievi questa Provincia, ove ad 203

6 eccezione soltanto di alcuni elementi di razza ebraica già censiti et segnalati at codesto Ministero con lettera 1015/1 del 31 agosto scorso, non esistono altri elementi di razza non italiana come cinesi, mongoli orientali, negri, armeni, ecc. Per quanto riguarda problema ebraico et situazione ebrei nelle cariche pubbliche, comunicasi che nessun ebreo ricopre cariche di carattere politico amministrativo sindacale aut esplica attività commerciali et industriali at termini telegramma Gabinetto codesto Ministero n del 17 agosto scorso. Ebrei censiti sono di modeste condizioni economiche et uno solo di essi svolge attività industriale di carattere familiare di irrilevante importanza economica.» 28 Così ingloriosamente si chiude la storia degli ebrei in Basilicata. ITALIANI D ALTRE NAZIO- NI In questa sommaria panoramica sulla presenza in Basilicata di vari gruppi etnici, non si può non fare un cenno alla presenza di ben nutrite comunità di forestieri provenienti da diversi Stati italiani, che raggiungono i centri lucani più interni e si assimilano alla popolazione locale. Nella maggior parte dei casi, come nel resto del Regno, si tratta di mercanti che vi si stabiliscono per svolgere i loro affari ottenendo soluzioni vantaggiose grazie all esenzione dai tributi locali e alla concessione di privilegi che assicurano loro la possibilità di buoni guadagni. La loro presenza è del resto vantaggiosa per la stessa popolazione locale alla quale essi procurano manifatture che, come ha rilevato Giuseppe Coniglio, «sarebbe stato antieconomico produrre nel paese, ove la richiesta interna soltanto poteva essere soddisfatta e quindi il maggior costo per spese d impianto, ammortamento di capitale, trasporto di materie prime, non avrebbe potuto essere compensato da una forte vendita.» 29 Sin dal XIV secolo è documentata a Melfi la presenza, come scrisse nel 1729 Angelo Antonio della Monica, di «sì ricchi negozianti che fino dalle più remote parti dell Epiro e dell Italia, ed in particolarmente da Bergamo, Brescia e Pistoia vi si eran annidati per esercitarvi le lor copiose mercanzie.» Di particolare rilievo anche la colonia di fiorentini, la cui maggiore attività è costituita dal commercio della lana che esportano verso la loro città. Di questa numerosa comunità rimane testimonianza nel testamento del nobile Francesco Eustasio de Portinarii, rogato a Melfi l 11 settembre 1373 e pubblicato da Raffaele Ciasca 30. Un altra interessante prova del gran numero di forestieri che in questo periodo popolano la cittadina lucana è costituita da una delle pergamene di Melfi attualmente conservate nell Archivio Segreto Vaticano. Si tratta di un atto del 16 maggio 1358, mediante il quale un certo Busone di Fabriano promette di costruire un ospedale per tutti i poveri e gli infermi «undecumque venientium extra et prope civitatem Melfie»: l affluire di numerosi forestieri nella città rende evidentemente indispensabile la costruzione di un secondo ospedale, alternativo a quello già esistente nella città, verosimilmente destinato ai soli poveri di Melfi 31. La presenza di numerosi forestieri a Melfi continua anche nei secoli seguenti. Ancora nel Cinquecento sono attivi i toscani, ma anche i lombardi, specialmente bergamaschi che si occupano di spezie, tessuti, ferramenta, prodotti agricoli. La loro principale attività rimane comunque quella legata alla lana grezza, che viene inviata presso le tessiture settentrionali. Famiglie come i Donadoni, i de Grigis, i de Sio, si stabiliscono a Melfi proprio sulla scia di questa attività 32. Altri forestieri, invece, si stabiliscono a Melfi con il preciso intento di occuparsi di masserie. Esponenti di questa comunità sono personaggi consueti nei protocolli notarili di epoca moderna. Molti sono ad esempio i matrimoni misti fra melfitani e bergamaschi, così come anche i matrimoni fra soli bergamaschi. Il 16 luglio del 1586, ad esempio, il «magnificus Joannes de Laurencio de Adobado de lo status Bergamj», agente per conto dell «honeste iuvenis Margarite de Adobado eius filie», promette in sposa Margherita al «magnificus Donatus de Grigis de status Bergamj». I due bergamaschi si appellano agli usi matrimoniali della città di origine: essi infatti «declarano et voleno che tutti detti capitoli siano et se intendano secondo l usanza bergamascha». Anche la dote, assai cospicua, è promessa nella moneta corrente a Bergamo, gli scudi. I sottoscrittori del documento, infine, sono tutti bergamaschi 33. La presenza in diverse aree della regione di toponimi o di dedicazioni di chiese facenti riferimento ai Lombardi potrebbe costituire una spia dell insediamento di altre comunità. A Tricarico, ad esempio, è presente l antica chiesa di S. Maria dei Lombardi, ove è stata attiva una omonima confraternita 34. La mancanza di studi specifici sull argomento non consente però di trarre conclusioni affrettate al riguardo. Anche in altre zone della Basilicata è documentata, nel XVI secolo, la presenza di toscani, soprattutto pisani e fiorentini, prevalentemente dediti alla commercializzazione del grano, come Joanne Marini e Simone Spini, agenti del mercante fiorentino Tommaso Cambio 35. A Tricarico la presenza di questi forestieri implica una particolare normativa fiscale da parte dell università la quale statuisce che «tutti li forastieri, che abbitano in Tricarico e sono numerati nell altre terre, deveno pagare la buonatenenza, se tengono beni in Tricarico, e se non avranno altro che la persona, sono obligati pagare la loro industria, e deveno pagare la fida, e si deveno monire li gabelloti, che non li facisino pagare gabelle, acciò l università non venghi poi a pagare il loro foco e saria megliore.» 36 L immigrazione di italiani d altre nazioni rimane essenzialmente legata agli 204

7 interessi commerciali. Forse in questo quadro si possono spiegare i vari tentativi falliti, nei primi decenni del XVI secolo, da parte delle autorità di governo, di ripopolare tramite gruppi di forestieri casali da tempo deserti: ciò, sia allo scopo di dare un impulso alla ripresa demografica all indomani del forte decremento del secolo XV, bensì anche al fine di stabilire un più composito assetto colturale e produttivo in alcune aree della regione. Il 28 febbraio 1519, ad esempio, Raimondo de Cardona, maestro giustiziere del Regno di Sicilia, vice re, capitano e luogotenente generale, concede al commendatario dell abbazia di S. Martino di Venosa, un tempo monastero bizantino passato poi all ordine di S. Benedetto, la facoltà di riedificare il casale volgarmente detto di Morbano e di farvi costruire case ed abitazioni dove possano liberamente abitare forestieri lombardi o di altra na- zione non numerati nei cedolari della regia Camera della Sommaria né soliti assolvere ad altri oneri fiscali. Egli concede inoltre ai predetti abitanti del casale per i futuri dieci anni l esenzione da ogni imposizione fiscale ordinaria o straordinaria compresa quella del sale 37 (Fig. 4). Il riferimento alle popolazioni della Lombardia non è casuale, considerato che questa regione si configura storicamente come una delle aree a più alto tasso di emigrazione 38. In questo caso, però, il tentativo dell abate commendatario di S. Martino di ripopolare Morbano non ha alcun seguito 39. Note Abbreviazioni archivistiche e bibliografiche: ASPZ=Archivio di Stato di Potenza ASMT=Archivio di Stato di Matera PERRONE CAPANO COM- PAGNA=Testi lucani del Quattro e Cinquecento, a cura di Anna Maria Perrone Capano Compagna, Napoli, Liguori, Così si chiamava all epoca l attuale Grumento Nova; 2 ASPZ, Pergamene della chiesa collegiata di S. Antonino martire di Grumento Nova, n. 11; 3 di Potenza, I versamento, Notaio Antonio Cappellani, vol. 70, cc. 40r-42r; 4 di Lagonegro, I versamento, Notaio Giuseppe De Federiciis, vol. 95, c. 87. Cfr. anche PERRONE CAPANO COMPAGNA, pp , ; 5 di Potenza, I versamento, Notaio Massenzio Carmisano, vol. 69, cc. 7r-10v: cfr. PERRONE CAPANO COM- PAGNA, pp ; 6 ASMT, Archivi Notarili, vol. 46, cc. 7r-8v: cfr. PERRONE CAPANO COMPAGNA, pp. Fig. 4 - Napoli, 28 febbraio Raimondo de Cardona concede al commendatario di S. Martino di Venosa la facoltà di riedificare il casale di Morbano e di farlo abitare da forestieri lombardi o di altra nazione. (ASPZ, Pergamene del Capitolo cattedrale di Venosa, n. 40) ; 7 di Melfi, I versamento, Notaio Orazio Matone, vol. 89, cc. 2r-3v: cfr. PERRONE CAPANO COMPAGNA, pp ; 8 Cfr. Monasticon Italiae, vol. III: Puglia e Basilicata, a cura di Giovanni Lunardi-Hubert Houben-Giovanni Spinelli, Cesena, Badia di Santa Maria del Monte, 1986, pp ; 9 Cfr. Nicola Cilento, Luoghi di culto, iconografia e forme della religiosità popolare nella società lucana fra medioevo e età moderna, in Società e religione in Basilicata nell età moderna, Atti del convegno di Potenza-Matera (25-28 settembre 1975), Roma, D Elia, 1977, vol. I, pp ; 10 Cfr. Augusta Acconcia Longo, Santi monaci italogreci alle origini del monastero di S. Elia di Carbone, in Il monastero di S. Elia di Carbone e il suo territorio dal Medioevo all Età Moderna, Atti del convegno internazionale di studio (Potenza-Carbone, giugno 1992), a cura di Cosimo Damiano Fonseca e Antonio Lerra, Galatina, Congedo, 1996, pp ; 11 ASPZ, Pergamene del Capitolo della cattedrale di Venosa, n. 22; 12 Cfr. Pietro De Leo, Le immigrazioni dal tardo medioevo all età moderna, in Minoranze etniche in Calabria e in Basilicata, a cura di Pietro De Leo, Cava dei Tirreni, Di Mauro, 1988, pp ; Giuseppe Maria Viscardi, Chiesa ed etnie nella Basilicata moderna: albanesi e zingari tra tolleranza e riforma religiosa (secoli XVI-XVIII), in «Ricerche di storia sociale e religiosa», 51, gennaio-giugno 1997, pp ; 13 di Melfi, I versamento, 205

8 Notaio Giovanni Vincenzo Pinto, vol. 19, cc. 53 v - 54 v.; 14 Cfr. Anna Lisa Sannino Cuomo, Il matrimonio in Basilicata prima e dopo il Concilio di Trento, in Il Concilio di Trento nella vita spirituale e culturale del Mezzogiorno tra XVI e XVII secolo, Atti del Convegno di Maratea (19-21 giugno 1986), a cura di Gabriele De Rosa e Antonio Cestaro, Venosa, Osanna, 1988, vol. II, pp ; 15 Cfr. Giuseppe Maria Viscardi, Magia, stregoneria e superstizioni nei sinodi lucani del Seicento, in «Ricerche di storia sociale e religiosa», 27, gennaio-giugno 1985, pp ; 16 di Melfi, I versamento, Notaio Antonello de Cassandra, vol. 54, cc. 153r - 154v.; 17 ASPZ, Atti depositati dalla Curia vescovile di Melfi, Venosa e Rapolla, vol. 2: Platea del Capitolo della cattedrale di Venosa, pp , 28, 31: cfr. Gregorio Angelini - Luigi Di Vito - Antonietta Groia, Venosa: saggio per una carta storica del territorio comunale, in «Storia della città», 49, gennaio-marzo 1989, p. 104; 18 Cfr. Cosimo Damiano Fonseca, Particolarismo istituzionale e organizzazione ecclesiastica del mezzogiorno medioevale, Galatina, Congedo, 1987, pp ; 19 Cfr. ID., Presentazione, in Teresa Colamarco, Le carte della chiesa di S. Maria degli Armeni in Forenza ( ), Napoli, Istituto internazionale di studi federiciani - ESI, 1995, p. V.; 20 Cfr. ID., Particolarismo istituzionale... cit., pp ; 21 Cfr. Il sistema difensivo in Basilicata. Le torri costiere, a cura di Luigi Bubbico, Francesco Caputo, Annunziata Tataranno, Potenza, Ministero per i beni culturali e ambientali, Soprintendenza per i beni ambientali e architettonici della Basilicata, 1995; 22 Cfr. Luigi Bubbico-Francesco Caputo, Cristiani e Musulmani nel Mediterraneo. Breve repertorio cronologico, in Il sistema difensivo in Basilicata... cit., pp ; 23 Cfr. Emilia Zinzi, Presenze e memorie della cultura figurativa islamica in Calabria e in Basilicata, in Minoranze etniche... cit., p. 252; 24 Ibid., p. 261; 25 Sulla figura di Obadyah cfr. Antiche civiltà lucane. Atti del convegno di studi di archeologia, storia dell arte e del folklore (Oppido Lucano 5-8 aprile 1970), a cura di Pietro Borraro, Galatina, Congedo, 1975, pp ; 26 Cfr. Cesare Colafemmina, Gli Ebrei in Basilicata, in «Bollettino storico della Basilicata», 7, 1991, pp. 9-32; ID., Gli Ebrei in Calabria e in Basilicata, in Minoranze etniche... cit., pp ; ID., Basilicata, in L Ebraismo dell Italia Meridionale Peninsulare dalle origini al Società, Economia, Cultura, Atti del Convegno internazionale di studio organizzato dall Università degli Studi della Basilicata in occasione del Decennale della sua istituzione (Potenza-Venosa, settembre 1992), a cura di Cosimo Damiano Fonseca, Michele Luzzati, Giuliano Tamani, Cesare Colafemmina, Galatina, Congedo, 1996, pp ; 27 ASPZ, Raccolta cartografica di agrimensori venosini (XVIII- XIX secolo), vol. 1: Mappe dei territori del Baliaggio della Ss. Trinità di Venosa, 1743, c. 1; Corporazioni religiose, vol. 200: Cabreus confectus sumptibus excellentissimi domini Francisci Josephi Marie Cicinelli baiuli baiulatus Sanctissime Trinitatis civitatis Venusii, 1774, p. 135; 28 ASPZ, Prefettura, Gabinetto, II vers., I elenco, b.2; 29 Cfr. Giuseppe Coniglio, Il Regno di Napoli al tempo di Carlo V, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1951, pp ; 30 Cfr. Raffaele Ciasca, Per la storia dei rapporti tra Firenze e la regione del Vulture nel sec. XIV, Firenze, Olschki, 1929; Eugenio Ciasca, Terre comuni e usi civici nel territorio di Melfi ( ), Roma, Stabilimento Aristide Staderini, 1958, pp ; 31 ID., pp ; Angelo Mercati, Le pergamene di Melfi all Archivio Segreto Vaticano, in Miscellanea Giovanni Mercati, vol. V, Storia ecclesiastica - Diritto, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, MCMXLVI, pp ; 32 Cfr. Enzo Navazio, I Doria, la Chiesa e l Universitas, in «Area», 5, 1989, p.10; 33 di Melfi, I versamento, Notaio Antonello De Cassandra, vol. 75, cc. 123v - 124v.; 34 Cfr. Carmela Biscaglia, Il patrimonio archivistico di Tricarico, in «Rassegna storica lucana», 11, giugno 1990, p. 97; 35 Cfr. ID., L archivio privato dei Putignani e degli Armento di Tricarico. Secc. XVI-XIX, Venosa, Osanna, 1994, pp ; ID., I Corsuto da Tricarico (secc. XIV-XVI), in «Rassegna storica lucana», 23, giugno 1996, p. 51; Jole Mazzoleni, Regesto della cancelleria aragonese di Napoli, Napoli, Archivio di Stato di Napoli, 1951, p. 5; 36 Cfr. ID., L archivio privato... cit., p. 20, nota 92; 37 ASPZ, Pergamene del Capitolo della cattedrale di Venosa, n. 40: cfr. Rocco Briscese, Le pergamene della Cattedrale di Venosa, in «Archivio storico per la Calabria e la Lucania», 10, 1940, fasc.4, pp ; Valeria Verrastro (a cura di), Materiali per un codice diplomatico della Basilicata. Venosa, Saponara, Armento, Potenza, Archivio di Stato di Potenza - Ermes, 1991, pp ; 38 Cfr. Giovanni Pizzorusso - Matteo Sanfilippo, Rassegna storiografica sui fenomeni migratori a lungo raggio in Italia dal basso Medioevo al secondo dopoguerra, in «Bollettino di demografia storica», 13, 1990, pp. 20 sgg.; 39 Cfr. Gregorio Angelini - Luigi Di Vito - Antonietta Groia, Venosa: saggio per una carta storica... cit., pp

L adozione internazionale in Basilicata

L adozione internazionale in Basilicata 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme L adozione internazionale in Basilicata 995000 I dati del Gruppo del Volontariato Solidarietà 000 8 9 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO

LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO LE TRASFORMAZIONI DELL ETA MEDIEVALE A PARTIRE DALL XI SECOLO A partire dall XI secolo si introducono rilevanti novità nella SOCIETA MEDIEVALE Tali trasformazionie novità provocheranno, in un lungo periodo

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Oggetto: servizio di raccolta e smaltimento delle carcasse animali. Le APA di Potenza e di Matera comunicano di aver stipulato un

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata

Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata Arrivo Nome istanza Società Kmq Comuni Fase 1 01/09/2005 ANZI Eni 117,4 Abriola, Anzi, Brindisi Montagna, Calvello, Pignola, Potenza,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii Avviso Pubblico Bando per la concessione di agevolazioni per la progettazione e realizzazione di interventi per il contenimento dei consumi energetici degli edifici pubblici e degli impianti di illuminazione

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

La chiesa primitiva e l Impero Romano

La chiesa primitiva e l Impero Romano La chiesa primitiva e l Impero Romano L Impero Romano La situazione dell Impero L Impero romano e l Ellenismo 323 a.c.-1 sec. d.c. Il Giudaismo tradizionale e quello ellenizzato. Impero Romano: circa 50

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

APPROVAZIONE IPOTESI DI ACCORDO NUOVO CCNL

APPROVAZIONE IPOTESI DI ACCORDO NUOVO CCNL SALA DEL PRINCIPE DI PIEMONTE POTENZA GIOVEDI 28 MAGGIO 2015 ore 15.00 BANCA APULIA SPA: ACERENZA AVIGLIANO MURO LUCANO PIGNOLA LE FILIALI DI POTENZA CITTA VIETRI DI POTENZA BANCA CARIME SPA: GENZANO DI

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

C IT T À di T U R S I. Provincia di Matera AVVISO PUBBLICO

C IT T À di T U R S I. Provincia di Matera AVVISO PUBBLICO C IT T À di T U R S I Provincia di Matera Tursi, 07 Settembre 2015 AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE PER LA SELEZIONE DI OPERE D ARTE FINALIZZATE ALLA DIVULGAZIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

C. R. Pastè, I due Boniforti Oldoni. Una nota dell Aprati spesso dimenticata, p. 38.

C. R. Pastè, I due Boniforti Oldoni. Una nota dell Aprati spesso dimenticata, p. 38. Archivio della Società Vercellese di Storia e d Arte. Spoglio degli articoli sul medioevo (a cura dell Associazione Piemonte Medievale. Paesaggi Arte Storia ) Anno 1 (1909), 1 C. R. Pastè, Rito eusebiano,

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella

Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore. Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella Alessandro Ciandella Liturgia e prassi in Santa Maria del Fiore Proprietà letteraria riservata. 2015 Alessandro Ciandella 2015 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione

Dettagli

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA

UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA UN ESEMPIO DI TURISMO RELIGIOSO: LA VIA FRANCIGENA Nei tempi antichi i pellegrini partivano per i pellegrinaggi con una lettera del parroco o del vescovo che attestava la loro intenzione di compiere un

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO

DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO UFFICIO COMMISSARIO GESTIONE INTEGRATA RIFIUTI REGIONE BASILICATA DATI DI PRODUZIONE R.S.U. E RACCOLTA DIFFERENZIATA IN BASILICATA NELL'ANNO 2013- RAPPORTO SINTETICO EX AATO Premessa La presente analisi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

CANTINANDO WINE & ART BARILE 35000 20.000,00 20.000,00 VINANDUM BARILE 32000 10.000,00

CANTINANDO WINE & ART BARILE 35000 20.000,00 20.000,00 VINANDUM BARILE 32000 10.000,00 ALLEGATO 2 - Iniziative che, pur non rappresentando uno specifico bene culturale intangibile e unanimemente riconoscibile, si configurano comunque come provviste di una dimensione almeno latamente culturale,

Dettagli

SEDI COMUNALI UIL BASILICATA DI POTENZA E MATERA

SEDI COMUNALI UIL BASILICATA DI POTENZA E MATERA SEDI COMUNALI UIL BASILICATA DI POTENZA E MATERA UIL Acerenza Via dei Gracchi, 14 85011 Acerenza PZ E-mail: studiolombardi@email.it Lombardi Luca Cell. 338.6207510 UIL Armento Via Vittorio Emanuele 85010

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Corso di Laurea triennale in Scienze dei Beni culturali. a.a. 2014/2015

Corso di Laurea triennale in Scienze dei Beni culturali. a.a. 2014/2015 Corso di Laurea triennale in Scienze dei Beni culturali a.a. 2014/2015 Storia medievale SSD M-STO/01 Docente Caterina Lavarra CFU 9 Anno di riferimento primo o terzo Secondo semestre *** F INALITÀ DEL

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

STORIA DELLA CALABRIA GRECA Con particolare riguardo all odierna isola ellenofona

STORIA DELLA CALABRIA GRECA Con particolare riguardo all odierna isola ellenofona STORIA DELLA CALABRIA GRECA Con particolare riguardo all odierna isola ellenofona di Filippo Violi Kaleidon C 2009 PREMESSA 13 Capitolo Primo 15 SOMMARIO: 1. Cronologia dei principali eventi storici; 2.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione

Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione Cittadinanza sociale, la persona torna al centro dell attenzione Con la legge sulla Rete regionale integrata dei servizi di cittadinanza sociale si punta ad un maggiore coordinamento degli interventi di

Dettagli

Il battesimo dei bambini

Il battesimo dei bambini A11 511 Francesco Arduini Il battesimo dei bambini Un ipotesi sulle origini Presentazione di Lothar Vogel Prefazione di Edgar G. Foster Postfazione di Carlo Siracusa Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O.

Settembre Dom 6 XXIII T.O. Dom 13 XXIV T.O. Dom 20 XXV T.O. Dom 27 XXVI T.O. 2015/2016 Settembre 2015 Mar 1 10ª Giornata per la custodia del creato (sola sensibilizzazione) Incontro di preghiera a Porto Cesareo Mer 2 Gio 3 Ven 4 Pellegrinaggio diocesano al Santuario Madonna de

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Matrimonio e Divorzio

Matrimonio e Divorzio Matrimonio e Divorzio Dio creò l uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina (Genesi 1 :27). È evidente dal testo citato che Dio considera l uomo e la donna legati l uno all

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA

PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA TESTO ADOTTATO: Il mosaico e gli specchi Vol.3 Dal Feudalesimo alla Guerra dei Trenta anni Casa Editrice: Laterza- Autori: A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto PROGRAMMA ANALITICO

Dettagli

CARTE MAZZONI. Anni 1450-1811. Buste 2

CARTE MAZZONI. Anni 1450-1811. Buste 2 CARTE MAZZONI Anni 1450-1811 Buste 2 71 Nota introduttiva Durante il periodo della direzione di Alessandro Luzio, il periodo immediatamente precedente e quello successivo, pervennero in dono all Archivio

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

Referenze autori. Beni Ambientali e Architettonici della Basilicata, Matera

Referenze autori. Beni Ambientali e Architettonici della Basilicata, Matera Referenze autori BIANCO Rita laurea in Lettere Moderne, studiosa di storia dell arte meridionale BOCHICCHIO Michele Antonio prefetto degli Studi dell Istituto Teologico del Seminario di Basilicata, docente

Dettagli

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII

Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300. 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Epoca 1. La civiltà comunale sino al 1300 1.1 Società e cultura nel secolo XIII Progressiva affermazione dei volgari in Italia nel XIII secolo atti notarili in volgare o parzialmente in volgare statuti

Dettagli

REGIONE BASILICATA ELENCO BENI IMMOBILI

REGIONE BASILICATA ELENCO BENI IMMOBILI FABBRICATI ED AREE ANNESSE PROV. POTENZA (+) Anno Lavello - Azienda di Gaudiano - ha. 44.60.14 (1981) 201.472,22 201.472,22 109.429,65 4.029,44 113.459,09 88.013,13 Potenza - Centro Formazione Professionale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S.

SANTA. LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. SANTA LUISA DE MARILLAC Patrona degli A.S. BIOGRAFIA Luisa nacque il 12 agosto 1591 a Parigi, da Luigi de Marillac, Signore di Ferrières, imparentato con la migliore nobiltà di Francia e da madre ignota,

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 CLASSE: I SEZIONE: A e B MATERIA: Storia e Geografia SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 2 moduli di storia nr. 2 moduli di geografia

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI 7 GIUGNO 2015 BASILICA CATTEDRALE CASSANO ALLO IONIO Dove vuoi che andiamo a preparare la cena di Pasqua? Andate in città! Dove vuoi che andiamo a preparare perché tu

Dettagli

DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35)

DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35) DOMENICA 18 APRILE 2010 - SEMINARIO MEIC ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO (MT 25,35) Prima parte: La figura dello straniero nell Antico Testamento Collocazione geografica Israele terra di Spostamenti.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata

Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata Michele Langella Oliviero Carafa fu condoero e finanziatore della Crociata 2012 vesuvioweb Oliviero Carafa e la Crociata Qualche cenno alla storia della vita del personaggio, coinvolto in una importante

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONI

ALLEGATO A DEFINIZIONI ALLEGATO A DEFINIZIONI a) Start up: l operazione ed il periodo durante il quale si avvia un iniziativa imprenditoriale, caratterizzata da processi organizzativi ancora in corso e investimenti fissi da

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito.

Sommario. Introduzione... 2. Capitolo III... Errore. Il segnalibro non è definito. Sommario Introduzione... 2 Capitolo I... Errore. Il segnalibro non è La storia del monastero... Errore. Il segnalibro non è 1.1 Le origini... Errore. Il segnalibro non è 1.2 I primi documenti in cui è

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale 1 - SCUOLA POLO LICEO SCIENTIFICO GENZANO DI LUCANIA DISTRETTO SCOLASTICO N.1 LAVELLO 1. I.C. - Tolve 2. I.C. - Acerenza 3. I.C. Palazzo 4. D.D.1 Venosa 5. D.D.2 Venosa 6. S.M.S. De Luca - Venosa 7. I.C.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Mese di Settembre 2015. Area C** veterinario reperibile Potenza Venosa Lagonegro Villa d Agri

Mese di Settembre 2015. Area C** veterinario reperibile Potenza Venosa Lagonegro Villa d Agri Dipartimento di Prevenzione Sanità e Benessere Animale DIREZIONE telefax 0972. 39382 Prot. n. 20150111680 Data, 31.08.2015 SERVIZIO VETERINARIO CALENDARIO DI PRONTA DISPONIBILITA Mese di 2015 giorno 01

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento

Bibliografia. Piccola bibliografia di riferimento Bibliografia Piccola bibliografia di riferimento COSTA padre Eugenio CELEBRARE CANTANDO Manuale pratico per l animatore musicale nella liturgia Edizioni San Paolo (1994) Cinisello Balsamo (Milano) Chi

Dettagli

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi

PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Piazza Duomo Chiusi. -Cattedrale di S. Secondiano Piazza Duomo Chiusi PERCORSO CRISTIANO (3 ore circa) -Museo della Cattedrale Ingresso: 2,00, 1,50 per gruppi 1,00 scuole Partendo da Piazza Baldini, già, è possibile visitare il Museo della Cattedrale, inaugurato nel 1984,

Dettagli

Indice. Parte I. Profili sistematici

Indice. Parte I. Profili sistematici Indice Presentazione alla prima edizione [XV] Presentazione alla terza edizione [XVII] Capitolo 1 Elementi introduttivi di Giuseppe Casuscelli Parte I Profili sistematici 1. Il diritto ecclesiastico italiano:

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

La nostra piccola storia

La nostra piccola storia Il culto alla Beata Vergine Addolorata La nostra piccola storia Comunità Santissima Trinità Comerio, Gavirate, Groppello, Oltrona e Voltorre Il cristianesimo era arrivato a Milano prima del 200 e nella

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

RELAZIONE NUMERO VERDE 2013

RELAZIONE NUMERO VERDE 2013 RELAZIONE NUMERO VERDE 2013 L Associazione Acmid donna Onlus dirigendo il progetto MAI PIU SOLA che ha compiuto 6 anni di attività intensa per l assistenza di donne vittime di tutti i tipi di violenza,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Maria e Giuseppe SHALOM

Maria e Giuseppe SHALOM I santi sposi Maria e Giuseppe riflessioni e preghiere I santi sposi Maria e Giuseppe riflessioni e preghiere SHALOM Testi: padre Tarcisio Stramare o.s.j. Testi della novena: diacono Bruno Podestà Editrice

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Attivo, come Giovanni Todisco di Abriola, nella prima metà del 500, Simone da

Attivo, come Giovanni Todisco di Abriola, nella prima metà del 500, Simone da a cura di Rossella Villani Simone da Firenze Attivo, come Giovanni Todisco di Abriola, nella prima metà del 500, Simone da Firenze irrompe nel panorama artistico della Basilicata con la sua formazione

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

L INVENZIONE DELLA STAMPA

L INVENZIONE DELLA STAMPA L INVENZIONE DELLA STAMPA L invenzione della stampa è una rivoluzione (= cambiamento molto grande) perché la stampa fa riprodurre velocemente uno stesso testo in un grande numero di copie. La stampa riduce

Dettagli

APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS

APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS APPARTENENZA AD UNA CHIESA SUI IURIS Introduzione. La questione dell appartenenza di un fedele ad una Chiesa sui iuris, per la Chiesa cattolica, era e continua ad essere un tema importante (sia dal punto

Dettagli

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO 1. Museo Archeologico di Lentini (Frammento di coppa a figure nere con quadriga proveniente Dalla Stipe votiva di Metapiccola); 2. Museo Archeologico

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM

DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM DOTT.SSA MARGHERITA CASSIA CURRICULUM Ricercatrice Confermata per il Settore Scientifico-Disciplinare L-Ant/03 Storia Romana presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche (DISUM) dell Università degli

Dettagli