Ivan Rainini L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA LA CULTURA DELL ANTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ivan Rainini L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA LA CULTURA DELL ANTICO"

Transcript

1 Ivan Rainini L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA LA CULTURA DELL ANTICO

2

3 Ivan Rainini L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA LA CULTURA DELL ANTICO

4

5 A mia madre, per i suoi sorrisi e i suoi silenzi.

6 Supervisione generale Renzo Borroni Coordinamento Elisa Mori Progetto grafico Mirta Cuccurugnani Memphiscom Referenze fotografiche Renato Gatta: p. 8, 13, 30, 52, 69, 111, 127, 132, 146, 148, 153, 156, 179, 187. Franco Mosconi: p. 77, 163, 180. Tavole grafiche Nome Cognome Stampa Biemmegraf, Macerata In copertina Suspendisse porttitor lacinia odio. (foto Renato Gatta) Carima Arte srl Tutti i diritti riservati

7 Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Duis consequat vehicula velit. Nulla eleifend velit ac neque nonummy ultrices. Ut sodales erat eu nunc cursus vestibulum. Fusce mauris sapien, rhoncus non, euismod in, tincidunt eu, justo. Morbi felis. Aliquam diam ipsum, nonummy eu, accumsan ut, semper ut, est. Suspendisse tristique ultrices est. Maecenas eleifend. Vestibulum in dui vel purus volutpat lacinia. Aenean aliquam tincidunt wisi. Nulla sapien. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Suspendisse eget urna. Sed accumsan orci nec erat. Duis placerat dapibus pede. Curabitur orci nulla, accumsan at, semper in, pharetra sit amet, dolor. In eu est. Aenean erat augue, lacinia nec, facilisis congue, dictum vel, orci. Suspendisse dapibus tincidunt odio. Franco Gazzani Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata Suspendisse porttitor lacinia odio. Aliquam rutrum, wisi eu cursus eleifend, sapien ante adipiscing nunc, at cursus wisi mauris a libero. In quis orci. Duis porttitor, dolor vitae luctus commodo, justo massa pretium lacus, sit amet lacinia lorem nulla non leo. Nam vestibulum wisi eget orci. Sed tincidunt bibendum sapien. Aliquam eget ligula. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos hymenaeos. Mauris sed turpis nec lacus fringilla varius. Aliquam elit tortor, vestibulum in, aliquam in, mattis eu, quam. Fusce felis risus, congue vitae, congue sed, tempor nec, pede. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos hymenaeos. Integer eu quam. In sed elit non nunc pretium consequat. Maecenas sed mi. Integer convallis, massa quis aliquet imperdiet, metus ante nonummy tellus, non dignissim est arcu facilisis tellus. Suspendisse est ligula, cursus eu, molestie in, sagittis eget, metus. Nunc commodo congue lectus. Pellentesque ac velit eu odio lacinia porta. Fusce scelerisque. Morbi tincidunt. Nulla facilisi. Curabitur erat tellus, scelerisque non, bibendum sit amet, placerat id, diam. Integer diam. Curabitur luctus risus sed sapien. In faucibus diam. Sed ultricies augue et magna.

8 Il complesso dell Abbadia di Fiastra da Nord-Ovest.

9 Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Duis consequat vehicula velit. Nulla eleifend velit ac neque nonummy ultrices. Ut sodales erat eu nunc cursus vestibulum. Fusce mauris sapien, rhoncus non, euismod in, tincidunt eu, justo. Morbi felis. Aliquam diam ipsum, nonummy eu, accumsan ut, semper ut, est. Suspendisse tristique ultrices est. Maecenas eleifend. Vestibulum in dui vel purus volutpat lacinia. Aenean aliquam tincidunt wisi. Nulla sapien. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Suspendisse eget urna. Sed accumsan orci nec erat. Duis placerat dapibus pede. Curabitur orci nulla, accumsan at, semper in, pharetra sit amet, dolor. In eu est. Aenean erat augue, lacinia nec, facilisis congue, dictum vel, orci. Suspendisse dapibus tincidunt odio. Roberto Massi Gentiloni Silverj Vice Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata Suspendisse porttitor lacinia odio. Aliquam rutrum, wisi eu cursus eleifend, sapien ante adipiscing nunc, at cursus wisi mauris a libero. In quis orci. Duis porttitor, dolor vitae luctus commodo, justo massa pretium lacus, sit amet lacinia lorem nulla non leo. Nam vestibulum wisi eget orci. Sed tincidunt bibendum sapien. Aliquam eget ligula. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos hymenaeos. Mauris sed turpis nec lacus fringilla varius. Aliquam elit tortor, vestibulum in, aliquam in, mattis eu, quam. Fusce felis risus, congue vitae, congue sed, tempor nec, pede. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos hymenaeos. Integer eu quam. In sed elit non nunc pretium consequat. Maecenas sed mi. Integer convallis, massa quis aliquet imperdiet, metus ante nonummy tellus, non dignissim est arcu facilisis tellus. Suspendisse est ligula, cursus eu, molestie in, sagittis eget, metus. Nunc commodo congue lectus. Pellentesque ac velit eu odio lacinia porta. Fusce scelerisque. Morbi tincidunt. Nulla facilisi. Curabitur erat tellus, scelerisque non, bibendum sit amet, placerat id, diam. Integer diam. Curabitur luctus risus sed sapien. In faucibus diam. Sed ultricies augue et magna.

10 10 Prefazione Giuliano De Marinis Soprintendente per i Beni Archeologici delle Marche Presentare in modo serio e degno un lavoro come quello di Ivan Rainini, che ha per oggetto i riutilizzi post-classici di materiali antichi nell Abbazia di Fiastra, non è cosa facile, a meno di non voler scrivere poche righe gratulatorie di carattere ufficiale e generico, ma affrontando invece il tema della ricerca. Quello dello studio dei riutilizzi di reperti statuari e architettonici classici, infatti, è stato ed è un tema affrontato e trattato in modo approfondito fin dalla nascita dell archeologia moderna (o almeno della sua storia), sia a livello di singoli monumenti, che di intere città. Omettendo, in questa sede, la sterminata bibliografia in merito, è un dato di fatto che, comunque, qualsiasi ulteriore trattazione sull argomento, soprattutto da parte di un non specialista come chi scrive, rischierebbe di ripetere solo una serie di considerazioni consolidate e scontate a proposito dell utilità di tali studi. Vorrei perciò, invece, affrontare qui un aspetto forse finora meno indagato nell ambito del tema in esame, ossia quello di quando, e come, sia nato il riutilizzo cosciente dell antico, il che, in parte, si lega all origine del concetto di reperto archeologico, in un senso modernamente inteso, ossia di manufatto, mobile o immobile, avente interesse storico in quanto pertinente ad epoche precedenti. Per la pre-protostoria, non sapremo mai se e quanto i nostri progenitori, rinvenendo oggetti più antichi di loro, li abbiano riconosciuti come tali, fatto - riteniamo - assai difficile, anche per la sostanziale somiglianza, per millenni, dei manufatti stessi. A partire da una certa epoca in poi, invece, alcuni significativi fenomeni si presentano con pregnante evidenza: nel Vicino Oriente, ad esempio, nel II millennio a.c., re e faraoni restauravano, modificavano ed arricchivano monumenti religiosi e civili anche di molti secoli prima, anticipando quell ideologia di pietas che, nel mondo romano, renderà addirittura più meritoria la restitutio che non l edificazione ex novo, ma con la malizia, talora, di apporvi il loro cartiglio attribuendo in tal modo a se stessi l intera opera. In modo meno vistoso, anche in Occidente, nell Eneolitico e nell Età del Bronzo, si ampliano e ristrutturano grandi complessi megalitici riutilizzando in certi casi (nel senso moderno del termine) alcuni loro componenti. Statue-stele dell Età del Bronzo, a loro volta, vengono reimpiegate talora come lastre di copertura per sepolture più recenti, anche se non si riesce a comprendere, se non di rado, se esista e quale sia il nesso ideologico che presieda a tale reimpiego. Sempre rimanendo in Occidente, e riferendosi ad oggetti mobili, è testimoniata in Etruria, in corredi funerari arcaici, la montatura come pendenti, in monili anche preziosi, di punte di freccia ad alette in selce di età preistorica: anche in questo caso, non sapremo mai se esse fossero riconosciute come tali, o se, come ancora nel Rinascimento, esse fossero reputate (al pari dei denti di squalo fossili) punte di fulmini, ma è, comunque, evidente il valore di raro amuleto che veniva ad esse attribuito. Riconoscimenti più certi appaiono invece, sempre tra VI e V secolo a.c., sia nel mondo italico che in Grecia. Nel cosiddetto heroon di Enea a Lavinio sono ricollocate in un cenotafio monumentale porzioni di armi e di altri oggetti di età tardo-villanoviana, riferiti quindi chiunque fosse in realtà il personaggio ad un antico eroe. Nell Attica del V secolo, addirittura, operazioni del genere, che prendono il carattere di veri e propri scavi archeologici, assumono una connotazione politica: vedi il caso di Cimone che cerca, e, a suo dire, trova a Sciro la tomba di Teseo, rivendicando così l appartenenza ad Atene dell isola. Sempre nel V secolo si effettuava la purificazione dell isola di Delo (procedendo ad una vera e propria pulizia etnica post mortem) con la dislocazione delle sepolture degli indigeni, che vengono riconosciute da quelle degli Ateniesi proprio tramite il rito funebre ed i corredi. Andando avanti nel tempo, divengono ormai prassi comune, nel mondo romano, riutilizzi di vario tipo, persino di divinità, sottratte fisicamente dai loro luoghi d origine, nella forma delle stesse statue di culto, e trasferite con tutti gli onori a Roma, ove entravano a pieno titolo nel pantheon ufficiale della città; per non parlare poi delle centinaia o migliaia di opere d arte, in prevalenza sculture in bronzo, ma anche arredi di prestigio, od addirittura interi edifici

11 templari (vedi quello di Apollo Sosiano), trasportati dalla Magna Grecia e dalla Grecia (come già prima dalle città etrusche) a Roma per abbellire luoghi pubblici e privati. I reimpieghi divengono poi pratica comune entro Roma stessa, soprattutto nel tardo Impero: pensiamo ad esempio all Arco di Costantino, ormai riconosciuto come grandioso pastiche di componenti vecchi e nuovi. Ma è proprio da questa epoca in poi (ci riferiamo sempre all Italia e all Occidente, per la pars Orientalis dell Impero è un altra storia) che il concetto e la pratica del riutilizzo si biforcano: se, infatti, proseguono da un lato quelli nobili (si vedano i tanti edifici trasformati in chiese cristiane), da quando Costantin l aquila volse verso Costantinopoli, il progressivo spopolarsi dei centri urbani, e di Roma stessa, genera dall altro un riutilizzo povero, meramente utilitaristico, che porta allo spoglio dei monumenti antichi come cave di materiali edili, alla trasformazione in calce dei marmi di qualsiasi natura, alla frantumazione e fusione di bronzi di tutti i tipi, anche sculture prestigiose, per farne oggetti d uso comune. È triste dirlo, ma il mancato arrivo fino a noi di tante opere d arte del mondo classico non fu dovuto, come fino ad una certa epoca veniva affermato, alla furia iconoclasta del cristianesimo primitivo, bensì dalla fame di materiali che affliggeva l ultima età romana e l alto Medioevo. Un tenue filo di rispetto per l antico, seppur confuso forse in un aura favolistica, perdurava però anche in quei tempi, se i re merovingi si fregiavano come trono di una vecchia sella curule romana in avorio, forse antica preda di guerra; né possiamo dimenticare l equus Costantini (il nostro Marco Aurelio), reso intoccabile dal Vaticano sin dal più alto Medioevo come immagine del primo imperatore cristiano. Ma, si sa, i cicli della storia si susseguono comunque, e, dall età carolingia ed ottoniana, e poi nel Medioevo, rinasce il reimpiego, anche estetico dell antico. E qui concludiamo questa lunga digressione, perché si entra nell argomento del presente volume. Vogliamo solo aggiungere che, sempre nei periodi citati, ed anche dopo nel Rinascimento ed oltre, il duplice filone del riutilizzo utilitaristico e di quello nobile continuano a coesistere, fondendosi talora addirittura insieme: pensiamo, come esempio estremo, alle ingenti trasformazioni edilizie di Roma tra Quattro e Cinquecento, ad opera di Papi illustri ed illuminati, che comportarono le ultime delocalizzazioni o distruzioni di monumenti antichi anche imponenti ancora superstiti ( quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini ); ma questa è la stessa epoca che vede il rinascere (così diciamo, non a caso) del culto per l antico, che è uno dei padri della moderna archeologia. Sperando che questo modesto contributo possa far meglio comprendere ed apprezzare la complessità dei temi affrontati dallo studio del Professor Rainini, auguriamo ad esso l interessamento che merita da parte degli studiosi. 11

12 12 Tabula gratulatoria La pubblicazione del presente volume è stata realizzata grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata. La mia più profonda riconoscenza va, pertanto, all intero Consiglio di Amministrazione di questa importante Istituzione culturale, in particolare al Dott. Renzo Borroni, per la sensibilità con cui ha saputo cogliere contenuti e finalità della presente ricerca, all On. Roberto Massi Gentiloni Silverj il quale ha seguito con costante interesse, generosità e sincera partecipazione il lungo e faticoso percorso di studio e documentazione giunto oggi, dopo circa un decennio, a felice conclusione, e alla Dott.ssa Elisa Mori. Mi è grato, inoltre, ricordare la Dott.ssa Mirta Cuccurugnani per il contributo professionale fornito alla realizzazione editoriale del volume. Prodigo di ogni forma di aiuto nel corso del lavoro sul campo è stato, poi, l intero personale della Fondazione Giustiniani Bandini - Abbadia di Fiastra - nelle figure, soprattutto, dei Sigg. Enrico Compagnucci e Francesco Riccucci il cui interessamento è stato determinante nel risolvere i mille problemi che le complesse operazioni di documentazione grafico-planimetrica hanno spesso comportato.. Un pensiero affettuoso va, inoltre, all intera Comunità Cistercense dell Abbadia di Fiastra che ha sempre pazientemente accettato i ripetuti disagi provocati dalla invadente e non infrequente presenza di attrezzature e persone all interno degli spazi consacrati. Fra tutti voglio ricordare Padre Giovanni Frigerio e Padre Benedetto Maria Tosolini, disponibili in ogni istante a fornire preziose informazioni relative alle storiche vicende dell Abbazia e ad incoraggiare il mio lavoro, sovente faticoso e solitario, con una parola o con un semplice sorriso. Colgo qui l occasione per ringraziare il Dott. Giuliano De Marinis, Soprintendente ai Beni Archeologici delle Marche, per l attenzione dedicata in questi anni alle diverse fasi di svolgimento dei miei studi, suggellata dalla bella prefazione da lui dedicata al presente volume, e per il suo interessamento, condiviso assieme al Dott. Paolo Quiri, rivolto alla pubblicazione dei risultati da me raggiunti. Un ultimo ringraziamento, infine, è indirizzato ai miei studenti Mascherini Elisa, Neri Stefania e Saitto Gianluca che hanno in parte contribuito alla realizzazione di alcuni rilievi grafici dell edificio ecclesiale.

13 Chiesa abbaziale: le prime campate d ingresso.

14

15 15 Capitolo I L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA NEL QUADRO DELLA VIABILITÀ ANTICA DEL TERRITORIO DI URBS SALVIA L analisi delle problematiche relative alla viabilità di epoca romana della regione picena e, nello specifico, del comprensorio appartenente all antica Urbs Salvia, all interno del quale la fondazione cenobitica cistercense erediterà, in età medievale, ciò che restava del complesso tessuto di comunicazioni sopravvissuto per secoli, richiede una riflessione preliminare riguardo alla politica perseguita da Roma nelle progressive operazioni di pianificazione territoriale. Innanzi tutto va considerata una preesistenza di tracciati già ben ramificati che, fin dal periodo protostorico, sfruttavano le numerose vallate fluviali di collegamento tra gli scali adriatici e le aree centro-italiche e che vennero consolidati, perfezionati ed estesi dai curatores viarum preposti alla organizzazione degli interventi infrastrutturali. Certamente, la fase di maggior incremento di tale attività va fatta coincidere con i momenti salienti di riassetto dell entroterra sud-piceno, cioè con le deduzioni coloniali di età medio e tardo-repubblicana che, nel nostro caso, corrispondono alla fondazione di Potentia nel 184 a.c., alla foce del Flosis, e di Pollentia/Urbs Salvia in una data imprecisata dell avanzato II sec. a.c. 1 (tav. I). E senz altro tav. I a quest epoca che risale il programma di potenziamento dei percorsi lungo i principali bacini fluviali che, specie nel caso del Potenza, del Chienti e, in misura minore, del Fiastra garantivano gli sbocchi verso l Umbria e, quindi, i contatti con Roma. Tuttavia, proprio da questo periodo, quello delle bisettrici di fondo valle non costituisce l unico e il più importante sistema stradale su cui si imperniano le comunicazioni regionali, e la prova ci è fornita da una serie di recenti acquisizioni archeologiche ed epigrafiche che testimoniano la sicura esistenza di due importantissime diramazioni della Salaria : una litoranea, la Salaria Picena, e l altra interna, la Salaria Gallica, che percorrevano da Sud a Nord l intera regione. La seconda, in particolare, rappresenta un arteria vitale per l ager urbisalviensis, tanto da identificarsi addirittura con il cardo maximus del centro urbano, e ad essa è opportuno, quindi, dedicare un analisi più dettagliata in grado di suggerirci una plausibile ricostruzione del suo primitivo itinerario. tav. I - Carta geografica delle Marche con indicazione dei bacini fluviali e la distribuzione delle colonie e dei municipi di epoca romana (da LUNI 2004).

16 16 Ivan Rainini l abbazia di chiaravalle di fiastra. la cultura dell antico de suo fecit), sappiamo che essa transitava attraverso tutta la regione medioadriatica a partire da Forum Sempronii (Fossombrone). Da qui, infatti, proseguiva verso Sud toccando i centri di Suasa (Castelleone di Suasa), Ostra (Ostra Vetere, loc. Muracce ), Aesis (Jesi) e, lasciato l ager gallicus, si inoltrava poi nel Picenum attraversando Ricina (Villa Potenza di Macerata), Urbs Salvia (Urbisaglia), Falerio (Piane di Falerone) fino a raggiungere Asculum (Ascoli) (tav. II). Il tracciato dimostra con chiarezza la funzione di cerniera svolta dall arteria di M.Ottavio fra le vallate del Metaurus, Suasanus (Cesano), Sena (Misa), Aesis (Esino), Misco (Musone), Flosis (Potenza), Flusor (Chienti), Flussorius (Fiastra), Tinna (Tenna), Asis (Aso), Truentus (Tronto) che costituiscono l intera maglia fluviale della regione e i cui percorsi di fondovalle rappresentano altrettante diramazioni di questo essenziale asse transcollinare tanto verso l interno, quanto in direzione della viabilità costiera 3. L itinerario, parzialmente indifig. 1 - Cippo di Marco Ottavio (lapis Aesinensis). Jesi, Museo Archeologico (da Luni 2004). fig. 2 - Milliario dell imperatore Costanzo II. S. Ginesio, Cripta della chiesa di S.Maria delle Macchie. fig. 2a - Milliario dell imperatore Costanzo II. Particolare dell iscrizione. fig. 1 fig. 2 fig. 2a Si tratta di un antico percorso intervallivo che, disponendosi in senso meridiano, collegava una fitta rete di insediamenti distribuiti lungo le vallate subparallele intermedie disposte a pettine, che defluiscono da Ovest verso Est perpendicolarmente alla linea di costa, fra quella del Metaurus (Metauro) a Nord e del Truentus (Tronto) a Sud e, passando da una transfluenza all altra univa, pertanto, i tratti conclusivi della Flaminia e della Salaria. Parallelo ad esso, l asse viario costiero, partendo invece da Fanum Fortunae (Fano) e quindi dalla foce del Metauro, raggiungeva Castrum Truentinum (Martinsicuro, località Case Feriozzi ) posto alla foce del Tronto. Sulla scorta di un fondamentale testo epigrafico inciso su un cippo databile fra la tarda età repubblicana e il primo periodo augusteo e rinvenuto alla Chiusa di Chiaravalle presso Aesis (Jesi) 2 (fig. 1), nel quale viene onorato M.Octavius Asiaticus per aver realizzato questa importante opera viaria munendola anche di ponti (pontes cato anche dalla Tabula Peutingeriana (segm. V, 2) (tav. III) per quanto concerne il tratto che univa Urbs Salvia a Ricina, sul quale ci soffermeremo più in dettaglio tra breve, e in uso almeno dall età triumvirale 4 conobbe quasi certamente un utilizzo assai prolungato nel tempo, senza dubbio per buona parte dell età tardo-antica, a conferma dell importanza strategica da esso rivestita nel contesto stradale dell ager gallicus e del Picenum e, più in generale, nell ambito della viabilità antica delle regioni medioadriatiche 5. Sono soprattutto i documenti epigrafici a fornirci, ancora una volta, prove sufficientemente certe della continuata vitalità di questo percorso, a cominciare dal noto milliario di Macchie di S. Ginesio (Macerata) (fig. 2) reimpiegato nella cripta pre-romanica dell antica abbazia benedettina di S. Maria delle Macchie, presso l altare, come colonna portante delle volte presbiteriali interne 6. La acclamazione dell imperatore Costanzo II (fig. 2a) quale defensor pacis ac conservator imperii Romani da

17 capitolo I l abbazia di chiaravalle di fiastra nel quadro della viabilità antica del territorio di urbs salvia 17 parte di Flavius Pisidius Romulus, primo Consularis Flaminiae et Piceni, ci riporta con ogni probabilità, assieme al testo di altre dediche del tutto simili trascritte sui coevi milliari di Pisaurum, Fanum Fortunae e Falerio 7, agli anni , cioè all epoca dell iter percorso dall imperatore proveniente da Mediolanum e diretto verso Roma che egli decise di visitare, come ci conferma Ammiano Marcellino (XVI, 10, 1), nella primavera del 357. La sequenza in serie dei quattro milliari costanziani (Pesaro, Fano, S. Ginesio, Falerone) suggerisce il probabile tragitto seguito dal corteo imperiale che, percorsa la Via Aemilia e poi la Via Flaminia fino a Fanum Fortunae, si immetteva sulla litoranea dalla quale si staccava all altezza di Ancona in direzione di Auximum (Osimo) e Ricina (Villa Potenza di Macerata) percorrendo il tratto finale del diverticolo prolaquense-septempedano della Flaminia 8 ; da qui proseguiva lungo la Salaria Gallica verso Urbs Salvia, Falerio 9 e Asculum per poi risalire il fondo valle truentino in direzione di Roma 10. Una seconda importante serie di reperti epigrafici, che si spingono fino agli anni che di poco precedono l istituzione dei due distinti distretti amministrativi della Flaminia et Picenum annonarium e del Picenum suburbicarium, rispettivamente a Nord e a Sud del fiume Esino, testimonia una percorribilità di questa arteria protrattasi fino alle soglie del V secolo. Si tratta, anche in questo caso, di quattro milliari: il primo proveniente dal tracciato compreso tra Forum Sempronii e Suasa, presso Cartoceto, e attualmente murato nell Abbadia di Lastreto 11, si colloca negli anni , epoca insieme, fornisce, dunque, concreti argomenti per fissare un termine se non di utilizzo, almeno di riconoscimento ufficiale di un itinerario ritenuto ancora adatto ad esibire, lungo le sue tappe, cippi propagandistici dell auctoritas imperiale, indicatori di un intenso traffico ordinario, militare e commerciale che continuava ad interessare il suo lungo tragitto. A questo proposito, come verrà approfondito nel corso della analisi dei tangibili segni di frequentazione di età tardo-antica e alto medievale sopravvissuti nella nostra regione, la vitalità della Salaria Gallica, e indirettamente delle principali diramazioni di collegamento con i centri delle aree limitrofe, supererà di gran lunga i limiti cronologici individuati dalle iscrizioni, conservantav. II che coincide con quella indicata tanto dal secondo, ancora da Falerone, e dal terzo, venuto alla luce nelle vicinanze di Loro Piceno 12 e dedicato all imperatore Magno Massimo quando (a. 387) ebbe assieme al figlio Flavio Vittore il controllo della praefectura d Italia, quanto dal quarto, scoperto di recente presso la Porta Sud di Urbs Salvia 13. Il primo cippo, dunque, fa riferimento al tratto iniziale della Salaria Gallica, ubicato in prossimità del suo innesto nella Flaminia; gli altri tre si situano, invece, lungo il suo tronco meridionale diretto a Falerio inserendosi, così, nella successione sia topografica, sia cronologica dei quattro milliari di Costanzo II, antecedenti di pochi decenni 14. La documentazione epigrafica, nel suo tav. II - Mappa della viabilità di epoca romana del territorio marchigiano (da LUNI 2004).

18

19 Il complesso abbaziale da Nord.

20 20 Ivan Rainini l abbazia di chiaravalle di fiastra. la cultura dell antico tav. III - Tabula Peutingeriana (segm. V, 2-3). fig. 3 - Colonia Crocetti. tificabile presumibilmente con Pian di Pieca 16, è oggi in grado di restituire un quadro topografico abbastanza completo e attendibile grazie ad una serie di indizi archeologici e di studi relativi ad alcuni settori del territorio. Provenendo da Ricina, la strada attraversava il Chienti ad ponte lapideum, come risulta da una carta fiastrense del Marzo del 1163 e dai documenti del Codice 1030 dell Archivio Diplomatico di Fermo 17 riferibili agli anni 1140 e Tale denominazione va riferita evidentemente ad un ponte in pietra di epoca romana ancora in parte visibile fino al 1955 ma oggi di controversa identificazione 18 (tav. IV). Da qui, risalito per breve tratto il fondovalle lungo la Rota Francia (toponimo locale che indica una fascia selvosa e incolta), raggiungeva il Molino Bandini (secoli XII-XIII) e successivamente una casa colonica, attualmente di proprietà Crocetti, da ritenersi la probabile sede del primititav. III do un suo ruolo attivo fino alle soglie del Medioevo anche se attraverso alterne vicende e, comunque, con un grado di funzionalità ben lontano da quello che per secoli l aveva resa una delle arterie primarie nell ambito del tessuto stradale interno del territorio piceno 15. A questo punto, chiariti, dunque, nelle linee generali il suo sviluppo e le connessioni all interno del sistema viario regionale, si rende necessario circoscrivere l area di indagine e cercare di ricostruire più nel dettaglio, fin dove è possibile, il suo percorso nel tratto per noi più interessante, ossia quello compreso fra il Chienti e il Fiastra che coinvolge l abbazia chiaravallese e la zona della sua espansione. L analisi, partendo dalla sintetica annotazione contenuta nella Tabula Peutingeriana dove è riportata una distanza di XII miglia tra Ricina e Urbe Salvia e altrettanto fra la colonia romana ed una imprecisata località più a Sud idenvo insediamento monastico della zona antecedente la fondazione chiaravallese 19 (fig. 3). Proseguendo in diagonale in direzione dell area coincidente con uno degli insediamenti rurali del suburbio urbisalviense (loc. Colli Vasari ) 20 in cui sarebbero sorti più tardi il castello di Collalto e, presumibilmente, la chiesa di S.Maria sotto Collalto, e più avanti verso Casa Castelletta, allusiva chiaramente ad un antica opera di fortificazione e di osservazione, proprio nel punto in cui si esce dalla valle del Chienti per entrare in quella del Fiastra, la strada, intersecando la collinare proveniente dalla contrada Brancorsina e diretta verso Colbuccaro, giungeva in località Ara Vecchia. Si tratta di un toponimo significativo citato da diverse carte fiastrensi 21 dalle quali si ricava, tra l altro, l esistenza di due massacci, termine locale usato per indicare ruderi romani, entrambi posti ai margini della strada di cui uno sicuramente

21 capitolo I l abbazia di chiaravalle di fiastra nel quadro della viabilità antica del territorio di urbs salvia 21 sostanziale coerenza di orientamento negli elementi del paesaggio attraverso allineamenti disposti secondo moduli tanto di 20, quanto di 16 actus che rivelano la sovrapposizione di due catasti successivi, con reticoli risalenti rispettivamente all età triumvirale e alla riassegnazione agraria di età augustea. Se la Salaria Gallica costituisce senza dubbio l asse centrale nell ambito delle comunicazioni locali e interregionali dell ampio comprensorio pertinente all antica colonia romana, esiste però una fitta maglia di percorsi minori che hanno comunque giocato un ruolo importante nella storia degli insediamenti avvicendatisi nel tempo e che hanno mantenuto fino al Medioevo un grado sufficiente di funzionalità del quale anche la comunità fiastrense si è sicuramente servita. E il caso della cosiddetta Via di Valcortese che costituiva il percorso di fondovalle del Fiastra fino alla costa, configufig. 3 identificato con un mausoleo del tipo a torre oggi parzialmente visibile sulla sommità Nord della contrada Colli Vasari, e il secondo situato probabilmente più a Est 22. Superata l Ara Vetula, il percorso proseguiva con denominazione di Strada del Massaccio per la presenza di un altro imponente rudere romano conservato nei pressi della Colonia Bandini 23, quindi, attraversato il torrente Entogge si innestava, con andamento rettilineo, poco prima del bivio per Urbisaglia nella ex SS 78 che da questo punto ricalca esattamente il tracciato della Salaria Gallica. Per quanto riguarda la Strata Massaccii, è di grande interesse una carta fiastrense del nella quale è riportata la controversia sorta fra l abate Ruggero del monastero chiaravallese e Gualtiero di Abbracciamonte, feudatario di Urbisaglia, riguardo alla sistematica spoliazione delle rovine dell antica città romana da parte dei monaci cistercensi, impegnati nella realizzazione del loro grandioso complesso abbaziale, in una zona di sua proprietà compresa infra limite et Flastram et Lentogiam, et iacet infra rivum Spiscie et stratam que vadit per sumitatem Colline Brance Ursine. Costoro, infatti, dopo aver ottenuto la concessione da parte del padre di Gualtiero di poter asportare antichi reperti da reimpiegare nel nuovo cantiere edilizio ubi non fuerit seminatum, salvis muris antiquis civitatis supra terram constructis, furono accusati dall erede di prelevare indiscriminatamente materiale da costruzione all interno dei propri confini. La contesa venne risolta dai giudici attraverso una precisa clausola che, limitando l iniziale compromesso, concedeva ai monaci e ai loro successori di cavar pietre solo fino a quando ecclesia ex toto fuerit perfecta. Il passo risulta significativo dal momento che testimonia con chiarezza come la pratica della demolizione e del riuso di materiale antico fosse rivolta, prima ancora che ai ruderi appartenenti al centro di Urbs Salvia, soprattutto ai monumenti funerari extra moenia e a quanto poteva essere eventualmente sopravvissuto dei numerosi insediamenti rurali suburbani disseminati nella zona lungo il tratto della Salaria Gallica diretta verso Ricina e più prossimi al luogo in cui stava sorgendo il complesso abbaziale. Del resto, tenendo conto della considerevole estensione dell ager urbisalviensis, è proprio il settore a Nord della città dove più evidenti si manifestano i segni di antropizzazione antica, tanto sul piano delle testimonianze archeologiche, quanto dal punto di vista dell organizzazione centuriale del territorio 25. Assistiamo, infatti, ad una

Come scrivere (correttamente) una tesina per l Esame di Stato sotto il profilo tipografico

Come scrivere (correttamente) una tesina per l Esame di Stato sotto il profilo tipografico Come scrivere (correttamente) una tesina per l Esame di Stato sotto il profilo tipografico Mauro Sacchetto 1 Premessa In via preliminare, sottolineiamo che non è affatto necessario presentare una tesina

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Lo spreco alimentare: cause, impatti e proposte

Lo spreco alimentare: cause, impatti e proposte Lo spreco alimentare: cause, impatti e proposte LA VISIONE DEL BARILLA CENTER FOR FOOD & NUTRITION Il Il Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN) è un centro di di analisi e proposte dall approccio multidisciplinare

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Territorio. Cultura. il Modello. il Modello. il Marketing. le referenze. le referenze. Sistema Territorio e Passaparola. del.

Territorio. Cultura. il Modello. il Modello. il Marketing. le referenze. le referenze. Sistema Territorio e Passaparola. del. marketing, comunicazione 1979-2004 25 ANNI DI COMUNICAZIONE PUbbLICA il Marketing Territorio del PAR TECIPAZIONE INNOV AZIONE S VILUPPO DEL TERRITORIO Sistema Territorio e Passaparola Il territorio è un

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con

La mancanza di un approccio formale, fondato su un assunzione analitica dei dati all interno di un sistema organizzato in termini logici, insieme con 5. CONCLUSIONI. Lo studio proposto in questo lavoro ha analizzato le profonde ragioni delle varie tradizioni di ricerca che hanno caratterizzato l analisi degli assetti territoriali a partire dall età

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali

IlMinistro per i Beni e le Attività Culturali VISTO l articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 26 novembre

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

6) I LUOGHI DEL SACRO

6) I LUOGHI DEL SACRO 6) I LUOGHI DEL SACRO Gli edifici di culto spesso hanno orientato l organizzazione territoriale in maniera incisiva e hanno avuto ruolo distintivo nell identità locale: nelle varie epoche hanno creato

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011

Piano di Ambito ALLEGATO 3. Revisione. Triennio 2009-2011 Piano di Ambito Revisione Triennio 2009-2011 ALLEGATO 3 CANONI DI CONCESSIONE per: - concessioni ex ANAS - concessioni ANAS-Ferrovie - concessioni derivazioni idriche - concessioni ai fini idraulici REPORT

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Rapporto sull Immigrazione 2014

Rapporto sull Immigrazione 2014 Rapporto sull Immigrazione 2014 Presentazione dei dati principali dell Osservatorio sull Immigrazione, Gruppo di Lavoro presso la Prefettura di Macerata anno 2013 Sergio Pollutri Istat ERM sede per le

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23

GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 GARA CICLISTICA per ELITE e UNDER 23 domenica 7 Ottobre 2012 - ore 9.45 GORLE - BERGAMO ARRIVEDERCI alla 42a Settimana Ciclistica Bergamasca dal 2 al 7 settembre 2013 REGOLAMENTO SPECIALE DI CORSA SU STRADA

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C

colori istituzionali PANTONE 185 C PANTONE 295 C PANTONE 185 C 2 Questo manuale presenta gli elementi del sistema di identità visiva di 50&PiùEnasco. Il presente documento è destinato agli utilizzatori al fine di riprodurre correttamente il simbolo di 50&PiùEnasco,

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Come si fa una ricerca scolastica

Come si fa una ricerca scolastica Come si fa una ricerca scolastica nell'epoca di Internet Per prima cosa......occorre individuare con chiarezza l'argomento della ricerca Poi......dobbiamo cercare il materiale Libri (Enciclopedie o altri)

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Analisi dei prodotti turistici locali, anche connessi alle produzioni ed al made in italy

Analisi dei prodotti turistici locali, anche connessi alle produzioni ed al made in italy Analisi dei prodotti turistici locali, anche connessi alle produzioni ed al made in italy Dicembre 2011 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vocazioni di prodotto sui territori: un quadro di sintesi...

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015

Provincia di Siena ANNO 2015 DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE SUCCESSIVAMENTE AL GIORNO 20/04/2015 AREA TECNICA Responsabile dell Area: Dott. Urbanista Luigi Pucci ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA COSTO DI COSTRUZIONE DA APPLICARE ALLE RICHIESTE DI PERMESSO DI COSTRUIRE, SCIA E CILA DEPOSITATE

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta

Elenco Ditte. : (A1) : MILANO - NAPOLI Tratto : Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 : [I1AA] FIRENZE (FI) Ditta N. ORDINE 1 Commessa 110110-19 (A1) MILANO - NAPOLI Tratto Barberino di Mugello - Incisa Valdarno Lotto 7 Ditta BONCOMPAGNI Giuseppe n. a Citerna il 07.01.1952 propr. per 1/2;BONCOMPAGNI Luigi n. a Citerna

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000

A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Scheda n. 7 AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE A 2 A / SCHEDA DI ANALISI UNITA URBANISTICA PAESISTICA A tipologia unità insediativa Superficie territoriale stimata mq. 123.000 Residenziale a blocco Superficie

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Cos è Le voci dall Africa? Le voci dall Africa I tappa Marocco

Cos è Le voci dall Africa? Le voci dall Africa I tappa Marocco Cos è Le voci dall Africa? Le voci dall Africa è un programma internazionale di viaggio, studio e tirocinio promosso dallo IUAV e dall ENA di Rabat e aperto ai corsi di studio in architettura di questi

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli