Ivan Rainini L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA LA CULTURA DELL ANTICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ivan Rainini L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA LA CULTURA DELL ANTICO"

Transcript

1 Ivan Rainini L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA LA CULTURA DELL ANTICO

2

3 Ivan Rainini L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA LA CULTURA DELL ANTICO

4

5 A mia madre, per i suoi sorrisi e i suoi silenzi.

6 Supervisione generale Renzo Borroni Coordinamento Elisa Mori Progetto grafico Mirta Cuccurugnani Memphiscom Referenze fotografiche Renato Gatta: p. 8, 13, 30, 52, 69, 111, 127, 132, 146, 148, 153, 156, 179, 187. Franco Mosconi: p. 77, 163, 180. Tavole grafiche Nome Cognome Stampa Biemmegraf, Macerata In copertina Suspendisse porttitor lacinia odio. (foto Renato Gatta) Carima Arte srl Tutti i diritti riservati

7 Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Duis consequat vehicula velit. Nulla eleifend velit ac neque nonummy ultrices. Ut sodales erat eu nunc cursus vestibulum. Fusce mauris sapien, rhoncus non, euismod in, tincidunt eu, justo. Morbi felis. Aliquam diam ipsum, nonummy eu, accumsan ut, semper ut, est. Suspendisse tristique ultrices est. Maecenas eleifend. Vestibulum in dui vel purus volutpat lacinia. Aenean aliquam tincidunt wisi. Nulla sapien. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Suspendisse eget urna. Sed accumsan orci nec erat. Duis placerat dapibus pede. Curabitur orci nulla, accumsan at, semper in, pharetra sit amet, dolor. In eu est. Aenean erat augue, lacinia nec, facilisis congue, dictum vel, orci. Suspendisse dapibus tincidunt odio. Franco Gazzani Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata Suspendisse porttitor lacinia odio. Aliquam rutrum, wisi eu cursus eleifend, sapien ante adipiscing nunc, at cursus wisi mauris a libero. In quis orci. Duis porttitor, dolor vitae luctus commodo, justo massa pretium lacus, sit amet lacinia lorem nulla non leo. Nam vestibulum wisi eget orci. Sed tincidunt bibendum sapien. Aliquam eget ligula. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos hymenaeos. Mauris sed turpis nec lacus fringilla varius. Aliquam elit tortor, vestibulum in, aliquam in, mattis eu, quam. Fusce felis risus, congue vitae, congue sed, tempor nec, pede. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos hymenaeos. Integer eu quam. In sed elit non nunc pretium consequat. Maecenas sed mi. Integer convallis, massa quis aliquet imperdiet, metus ante nonummy tellus, non dignissim est arcu facilisis tellus. Suspendisse est ligula, cursus eu, molestie in, sagittis eget, metus. Nunc commodo congue lectus. Pellentesque ac velit eu odio lacinia porta. Fusce scelerisque. Morbi tincidunt. Nulla facilisi. Curabitur erat tellus, scelerisque non, bibendum sit amet, placerat id, diam. Integer diam. Curabitur luctus risus sed sapien. In faucibus diam. Sed ultricies augue et magna.

8 Il complesso dell Abbadia di Fiastra da Nord-Ovest.

9 Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Duis consequat vehicula velit. Nulla eleifend velit ac neque nonummy ultrices. Ut sodales erat eu nunc cursus vestibulum. Fusce mauris sapien, rhoncus non, euismod in, tincidunt eu, justo. Morbi felis. Aliquam diam ipsum, nonummy eu, accumsan ut, semper ut, est. Suspendisse tristique ultrices est. Maecenas eleifend. Vestibulum in dui vel purus volutpat lacinia. Aenean aliquam tincidunt wisi. Nulla sapien. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Suspendisse eget urna. Sed accumsan orci nec erat. Duis placerat dapibus pede. Curabitur orci nulla, accumsan at, semper in, pharetra sit amet, dolor. In eu est. Aenean erat augue, lacinia nec, facilisis congue, dictum vel, orci. Suspendisse dapibus tincidunt odio. Roberto Massi Gentiloni Silverj Vice Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata Suspendisse porttitor lacinia odio. Aliquam rutrum, wisi eu cursus eleifend, sapien ante adipiscing nunc, at cursus wisi mauris a libero. In quis orci. Duis porttitor, dolor vitae luctus commodo, justo massa pretium lacus, sit amet lacinia lorem nulla non leo. Nam vestibulum wisi eget orci. Sed tincidunt bibendum sapien. Aliquam eget ligula. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos hymenaeos. Mauris sed turpis nec lacus fringilla varius. Aliquam elit tortor, vestibulum in, aliquam in, mattis eu, quam. Fusce felis risus, congue vitae, congue sed, tempor nec, pede. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos hymenaeos. Integer eu quam. In sed elit non nunc pretium consequat. Maecenas sed mi. Integer convallis, massa quis aliquet imperdiet, metus ante nonummy tellus, non dignissim est arcu facilisis tellus. Suspendisse est ligula, cursus eu, molestie in, sagittis eget, metus. Nunc commodo congue lectus. Pellentesque ac velit eu odio lacinia porta. Fusce scelerisque. Morbi tincidunt. Nulla facilisi. Curabitur erat tellus, scelerisque non, bibendum sit amet, placerat id, diam. Integer diam. Curabitur luctus risus sed sapien. In faucibus diam. Sed ultricies augue et magna.

10 10 Prefazione Giuliano De Marinis Soprintendente per i Beni Archeologici delle Marche Presentare in modo serio e degno un lavoro come quello di Ivan Rainini, che ha per oggetto i riutilizzi post-classici di materiali antichi nell Abbazia di Fiastra, non è cosa facile, a meno di non voler scrivere poche righe gratulatorie di carattere ufficiale e generico, ma affrontando invece il tema della ricerca. Quello dello studio dei riutilizzi di reperti statuari e architettonici classici, infatti, è stato ed è un tema affrontato e trattato in modo approfondito fin dalla nascita dell archeologia moderna (o almeno della sua storia), sia a livello di singoli monumenti, che di intere città. Omettendo, in questa sede, la sterminata bibliografia in merito, è un dato di fatto che, comunque, qualsiasi ulteriore trattazione sull argomento, soprattutto da parte di un non specialista come chi scrive, rischierebbe di ripetere solo una serie di considerazioni consolidate e scontate a proposito dell utilità di tali studi. Vorrei perciò, invece, affrontare qui un aspetto forse finora meno indagato nell ambito del tema in esame, ossia quello di quando, e come, sia nato il riutilizzo cosciente dell antico, il che, in parte, si lega all origine del concetto di reperto archeologico, in un senso modernamente inteso, ossia di manufatto, mobile o immobile, avente interesse storico in quanto pertinente ad epoche precedenti. Per la pre-protostoria, non sapremo mai se e quanto i nostri progenitori, rinvenendo oggetti più antichi di loro, li abbiano riconosciuti come tali, fatto - riteniamo - assai difficile, anche per la sostanziale somiglianza, per millenni, dei manufatti stessi. A partire da una certa epoca in poi, invece, alcuni significativi fenomeni si presentano con pregnante evidenza: nel Vicino Oriente, ad esempio, nel II millennio a.c., re e faraoni restauravano, modificavano ed arricchivano monumenti religiosi e civili anche di molti secoli prima, anticipando quell ideologia di pietas che, nel mondo romano, renderà addirittura più meritoria la restitutio che non l edificazione ex novo, ma con la malizia, talora, di apporvi il loro cartiglio attribuendo in tal modo a se stessi l intera opera. In modo meno vistoso, anche in Occidente, nell Eneolitico e nell Età del Bronzo, si ampliano e ristrutturano grandi complessi megalitici riutilizzando in certi casi (nel senso moderno del termine) alcuni loro componenti. Statue-stele dell Età del Bronzo, a loro volta, vengono reimpiegate talora come lastre di copertura per sepolture più recenti, anche se non si riesce a comprendere, se non di rado, se esista e quale sia il nesso ideologico che presieda a tale reimpiego. Sempre rimanendo in Occidente, e riferendosi ad oggetti mobili, è testimoniata in Etruria, in corredi funerari arcaici, la montatura come pendenti, in monili anche preziosi, di punte di freccia ad alette in selce di età preistorica: anche in questo caso, non sapremo mai se esse fossero riconosciute come tali, o se, come ancora nel Rinascimento, esse fossero reputate (al pari dei denti di squalo fossili) punte di fulmini, ma è, comunque, evidente il valore di raro amuleto che veniva ad esse attribuito. Riconoscimenti più certi appaiono invece, sempre tra VI e V secolo a.c., sia nel mondo italico che in Grecia. Nel cosiddetto heroon di Enea a Lavinio sono ricollocate in un cenotafio monumentale porzioni di armi e di altri oggetti di età tardo-villanoviana, riferiti quindi chiunque fosse in realtà il personaggio ad un antico eroe. Nell Attica del V secolo, addirittura, operazioni del genere, che prendono il carattere di veri e propri scavi archeologici, assumono una connotazione politica: vedi il caso di Cimone che cerca, e, a suo dire, trova a Sciro la tomba di Teseo, rivendicando così l appartenenza ad Atene dell isola. Sempre nel V secolo si effettuava la purificazione dell isola di Delo (procedendo ad una vera e propria pulizia etnica post mortem) con la dislocazione delle sepolture degli indigeni, che vengono riconosciute da quelle degli Ateniesi proprio tramite il rito funebre ed i corredi. Andando avanti nel tempo, divengono ormai prassi comune, nel mondo romano, riutilizzi di vario tipo, persino di divinità, sottratte fisicamente dai loro luoghi d origine, nella forma delle stesse statue di culto, e trasferite con tutti gli onori a Roma, ove entravano a pieno titolo nel pantheon ufficiale della città; per non parlare poi delle centinaia o migliaia di opere d arte, in prevalenza sculture in bronzo, ma anche arredi di prestigio, od addirittura interi edifici

11 templari (vedi quello di Apollo Sosiano), trasportati dalla Magna Grecia e dalla Grecia (come già prima dalle città etrusche) a Roma per abbellire luoghi pubblici e privati. I reimpieghi divengono poi pratica comune entro Roma stessa, soprattutto nel tardo Impero: pensiamo ad esempio all Arco di Costantino, ormai riconosciuto come grandioso pastiche di componenti vecchi e nuovi. Ma è proprio da questa epoca in poi (ci riferiamo sempre all Italia e all Occidente, per la pars Orientalis dell Impero è un altra storia) che il concetto e la pratica del riutilizzo si biforcano: se, infatti, proseguono da un lato quelli nobili (si vedano i tanti edifici trasformati in chiese cristiane), da quando Costantin l aquila volse verso Costantinopoli, il progressivo spopolarsi dei centri urbani, e di Roma stessa, genera dall altro un riutilizzo povero, meramente utilitaristico, che porta allo spoglio dei monumenti antichi come cave di materiali edili, alla trasformazione in calce dei marmi di qualsiasi natura, alla frantumazione e fusione di bronzi di tutti i tipi, anche sculture prestigiose, per farne oggetti d uso comune. È triste dirlo, ma il mancato arrivo fino a noi di tante opere d arte del mondo classico non fu dovuto, come fino ad una certa epoca veniva affermato, alla furia iconoclasta del cristianesimo primitivo, bensì dalla fame di materiali che affliggeva l ultima età romana e l alto Medioevo. Un tenue filo di rispetto per l antico, seppur confuso forse in un aura favolistica, perdurava però anche in quei tempi, se i re merovingi si fregiavano come trono di una vecchia sella curule romana in avorio, forse antica preda di guerra; né possiamo dimenticare l equus Costantini (il nostro Marco Aurelio), reso intoccabile dal Vaticano sin dal più alto Medioevo come immagine del primo imperatore cristiano. Ma, si sa, i cicli della storia si susseguono comunque, e, dall età carolingia ed ottoniana, e poi nel Medioevo, rinasce il reimpiego, anche estetico dell antico. E qui concludiamo questa lunga digressione, perché si entra nell argomento del presente volume. Vogliamo solo aggiungere che, sempre nei periodi citati, ed anche dopo nel Rinascimento ed oltre, il duplice filone del riutilizzo utilitaristico e di quello nobile continuano a coesistere, fondendosi talora addirittura insieme: pensiamo, come esempio estremo, alle ingenti trasformazioni edilizie di Roma tra Quattro e Cinquecento, ad opera di Papi illustri ed illuminati, che comportarono le ultime delocalizzazioni o distruzioni di monumenti antichi anche imponenti ancora superstiti ( quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini ); ma questa è la stessa epoca che vede il rinascere (così diciamo, non a caso) del culto per l antico, che è uno dei padri della moderna archeologia. Sperando che questo modesto contributo possa far meglio comprendere ed apprezzare la complessità dei temi affrontati dallo studio del Professor Rainini, auguriamo ad esso l interessamento che merita da parte degli studiosi. 11

12 12 Tabula gratulatoria La pubblicazione del presente volume è stata realizzata grazie al finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata. La mia più profonda riconoscenza va, pertanto, all intero Consiglio di Amministrazione di questa importante Istituzione culturale, in particolare al Dott. Renzo Borroni, per la sensibilità con cui ha saputo cogliere contenuti e finalità della presente ricerca, all On. Roberto Massi Gentiloni Silverj il quale ha seguito con costante interesse, generosità e sincera partecipazione il lungo e faticoso percorso di studio e documentazione giunto oggi, dopo circa un decennio, a felice conclusione, e alla Dott.ssa Elisa Mori. Mi è grato, inoltre, ricordare la Dott.ssa Mirta Cuccurugnani per il contributo professionale fornito alla realizzazione editoriale del volume. Prodigo di ogni forma di aiuto nel corso del lavoro sul campo è stato, poi, l intero personale della Fondazione Giustiniani Bandini - Abbadia di Fiastra - nelle figure, soprattutto, dei Sigg. Enrico Compagnucci e Francesco Riccucci il cui interessamento è stato determinante nel risolvere i mille problemi che le complesse operazioni di documentazione grafico-planimetrica hanno spesso comportato.. Un pensiero affettuoso va, inoltre, all intera Comunità Cistercense dell Abbadia di Fiastra che ha sempre pazientemente accettato i ripetuti disagi provocati dalla invadente e non infrequente presenza di attrezzature e persone all interno degli spazi consacrati. Fra tutti voglio ricordare Padre Giovanni Frigerio e Padre Benedetto Maria Tosolini, disponibili in ogni istante a fornire preziose informazioni relative alle storiche vicende dell Abbazia e ad incoraggiare il mio lavoro, sovente faticoso e solitario, con una parola o con un semplice sorriso. Colgo qui l occasione per ringraziare il Dott. Giuliano De Marinis, Soprintendente ai Beni Archeologici delle Marche, per l attenzione dedicata in questi anni alle diverse fasi di svolgimento dei miei studi, suggellata dalla bella prefazione da lui dedicata al presente volume, e per il suo interessamento, condiviso assieme al Dott. Paolo Quiri, rivolto alla pubblicazione dei risultati da me raggiunti. Un ultimo ringraziamento, infine, è indirizzato ai miei studenti Mascherini Elisa, Neri Stefania e Saitto Gianluca che hanno in parte contribuito alla realizzazione di alcuni rilievi grafici dell edificio ecclesiale.

13 Chiesa abbaziale: le prime campate d ingresso.

14

15 15 Capitolo I L ABBAZIA DI CHIARAVALLE DI FIASTRA NEL QUADRO DELLA VIABILITÀ ANTICA DEL TERRITORIO DI URBS SALVIA L analisi delle problematiche relative alla viabilità di epoca romana della regione picena e, nello specifico, del comprensorio appartenente all antica Urbs Salvia, all interno del quale la fondazione cenobitica cistercense erediterà, in età medievale, ciò che restava del complesso tessuto di comunicazioni sopravvissuto per secoli, richiede una riflessione preliminare riguardo alla politica perseguita da Roma nelle progressive operazioni di pianificazione territoriale. Innanzi tutto va considerata una preesistenza di tracciati già ben ramificati che, fin dal periodo protostorico, sfruttavano le numerose vallate fluviali di collegamento tra gli scali adriatici e le aree centro-italiche e che vennero consolidati, perfezionati ed estesi dai curatores viarum preposti alla organizzazione degli interventi infrastrutturali. Certamente, la fase di maggior incremento di tale attività va fatta coincidere con i momenti salienti di riassetto dell entroterra sud-piceno, cioè con le deduzioni coloniali di età medio e tardo-repubblicana che, nel nostro caso, corrispondono alla fondazione di Potentia nel 184 a.c., alla foce del Flosis, e di Pollentia/Urbs Salvia in una data imprecisata dell avanzato II sec. a.c. 1 (tav. I). E senz altro tav. I a quest epoca che risale il programma di potenziamento dei percorsi lungo i principali bacini fluviali che, specie nel caso del Potenza, del Chienti e, in misura minore, del Fiastra garantivano gli sbocchi verso l Umbria e, quindi, i contatti con Roma. Tuttavia, proprio da questo periodo, quello delle bisettrici di fondo valle non costituisce l unico e il più importante sistema stradale su cui si imperniano le comunicazioni regionali, e la prova ci è fornita da una serie di recenti acquisizioni archeologiche ed epigrafiche che testimoniano la sicura esistenza di due importantissime diramazioni della Salaria : una litoranea, la Salaria Picena, e l altra interna, la Salaria Gallica, che percorrevano da Sud a Nord l intera regione. La seconda, in particolare, rappresenta un arteria vitale per l ager urbisalviensis, tanto da identificarsi addirittura con il cardo maximus del centro urbano, e ad essa è opportuno, quindi, dedicare un analisi più dettagliata in grado di suggerirci una plausibile ricostruzione del suo primitivo itinerario. tav. I - Carta geografica delle Marche con indicazione dei bacini fluviali e la distribuzione delle colonie e dei municipi di epoca romana (da LUNI 2004).

16 16 Ivan Rainini l abbazia di chiaravalle di fiastra. la cultura dell antico de suo fecit), sappiamo che essa transitava attraverso tutta la regione medioadriatica a partire da Forum Sempronii (Fossombrone). Da qui, infatti, proseguiva verso Sud toccando i centri di Suasa (Castelleone di Suasa), Ostra (Ostra Vetere, loc. Muracce ), Aesis (Jesi) e, lasciato l ager gallicus, si inoltrava poi nel Picenum attraversando Ricina (Villa Potenza di Macerata), Urbs Salvia (Urbisaglia), Falerio (Piane di Falerone) fino a raggiungere Asculum (Ascoli) (tav. II). Il tracciato dimostra con chiarezza la funzione di cerniera svolta dall arteria di M.Ottavio fra le vallate del Metaurus, Suasanus (Cesano), Sena (Misa), Aesis (Esino), Misco (Musone), Flosis (Potenza), Flusor (Chienti), Flussorius (Fiastra), Tinna (Tenna), Asis (Aso), Truentus (Tronto) che costituiscono l intera maglia fluviale della regione e i cui percorsi di fondovalle rappresentano altrettante diramazioni di questo essenziale asse transcollinare tanto verso l interno, quanto in direzione della viabilità costiera 3. L itinerario, parzialmente indifig. 1 - Cippo di Marco Ottavio (lapis Aesinensis). Jesi, Museo Archeologico (da Luni 2004). fig. 2 - Milliario dell imperatore Costanzo II. S. Ginesio, Cripta della chiesa di S.Maria delle Macchie. fig. 2a - Milliario dell imperatore Costanzo II. Particolare dell iscrizione. fig. 1 fig. 2 fig. 2a Si tratta di un antico percorso intervallivo che, disponendosi in senso meridiano, collegava una fitta rete di insediamenti distribuiti lungo le vallate subparallele intermedie disposte a pettine, che defluiscono da Ovest verso Est perpendicolarmente alla linea di costa, fra quella del Metaurus (Metauro) a Nord e del Truentus (Tronto) a Sud e, passando da una transfluenza all altra univa, pertanto, i tratti conclusivi della Flaminia e della Salaria. Parallelo ad esso, l asse viario costiero, partendo invece da Fanum Fortunae (Fano) e quindi dalla foce del Metauro, raggiungeva Castrum Truentinum (Martinsicuro, località Case Feriozzi ) posto alla foce del Tronto. Sulla scorta di un fondamentale testo epigrafico inciso su un cippo databile fra la tarda età repubblicana e il primo periodo augusteo e rinvenuto alla Chiusa di Chiaravalle presso Aesis (Jesi) 2 (fig. 1), nel quale viene onorato M.Octavius Asiaticus per aver realizzato questa importante opera viaria munendola anche di ponti (pontes cato anche dalla Tabula Peutingeriana (segm. V, 2) (tav. III) per quanto concerne il tratto che univa Urbs Salvia a Ricina, sul quale ci soffermeremo più in dettaglio tra breve, e in uso almeno dall età triumvirale 4 conobbe quasi certamente un utilizzo assai prolungato nel tempo, senza dubbio per buona parte dell età tardo-antica, a conferma dell importanza strategica da esso rivestita nel contesto stradale dell ager gallicus e del Picenum e, più in generale, nell ambito della viabilità antica delle regioni medioadriatiche 5. Sono soprattutto i documenti epigrafici a fornirci, ancora una volta, prove sufficientemente certe della continuata vitalità di questo percorso, a cominciare dal noto milliario di Macchie di S. Ginesio (Macerata) (fig. 2) reimpiegato nella cripta pre-romanica dell antica abbazia benedettina di S. Maria delle Macchie, presso l altare, come colonna portante delle volte presbiteriali interne 6. La acclamazione dell imperatore Costanzo II (fig. 2a) quale defensor pacis ac conservator imperii Romani da

17 capitolo I l abbazia di chiaravalle di fiastra nel quadro della viabilità antica del territorio di urbs salvia 17 parte di Flavius Pisidius Romulus, primo Consularis Flaminiae et Piceni, ci riporta con ogni probabilità, assieme al testo di altre dediche del tutto simili trascritte sui coevi milliari di Pisaurum, Fanum Fortunae e Falerio 7, agli anni , cioè all epoca dell iter percorso dall imperatore proveniente da Mediolanum e diretto verso Roma che egli decise di visitare, come ci conferma Ammiano Marcellino (XVI, 10, 1), nella primavera del 357. La sequenza in serie dei quattro milliari costanziani (Pesaro, Fano, S. Ginesio, Falerone) suggerisce il probabile tragitto seguito dal corteo imperiale che, percorsa la Via Aemilia e poi la Via Flaminia fino a Fanum Fortunae, si immetteva sulla litoranea dalla quale si staccava all altezza di Ancona in direzione di Auximum (Osimo) e Ricina (Villa Potenza di Macerata) percorrendo il tratto finale del diverticolo prolaquense-septempedano della Flaminia 8 ; da qui proseguiva lungo la Salaria Gallica verso Urbs Salvia, Falerio 9 e Asculum per poi risalire il fondo valle truentino in direzione di Roma 10. Una seconda importante serie di reperti epigrafici, che si spingono fino agli anni che di poco precedono l istituzione dei due distinti distretti amministrativi della Flaminia et Picenum annonarium e del Picenum suburbicarium, rispettivamente a Nord e a Sud del fiume Esino, testimonia una percorribilità di questa arteria protrattasi fino alle soglie del V secolo. Si tratta, anche in questo caso, di quattro milliari: il primo proveniente dal tracciato compreso tra Forum Sempronii e Suasa, presso Cartoceto, e attualmente murato nell Abbadia di Lastreto 11, si colloca negli anni , epoca insieme, fornisce, dunque, concreti argomenti per fissare un termine se non di utilizzo, almeno di riconoscimento ufficiale di un itinerario ritenuto ancora adatto ad esibire, lungo le sue tappe, cippi propagandistici dell auctoritas imperiale, indicatori di un intenso traffico ordinario, militare e commerciale che continuava ad interessare il suo lungo tragitto. A questo proposito, come verrà approfondito nel corso della analisi dei tangibili segni di frequentazione di età tardo-antica e alto medievale sopravvissuti nella nostra regione, la vitalità della Salaria Gallica, e indirettamente delle principali diramazioni di collegamento con i centri delle aree limitrofe, supererà di gran lunga i limiti cronologici individuati dalle iscrizioni, conservantav. II che coincide con quella indicata tanto dal secondo, ancora da Falerone, e dal terzo, venuto alla luce nelle vicinanze di Loro Piceno 12 e dedicato all imperatore Magno Massimo quando (a. 387) ebbe assieme al figlio Flavio Vittore il controllo della praefectura d Italia, quanto dal quarto, scoperto di recente presso la Porta Sud di Urbs Salvia 13. Il primo cippo, dunque, fa riferimento al tratto iniziale della Salaria Gallica, ubicato in prossimità del suo innesto nella Flaminia; gli altri tre si situano, invece, lungo il suo tronco meridionale diretto a Falerio inserendosi, così, nella successione sia topografica, sia cronologica dei quattro milliari di Costanzo II, antecedenti di pochi decenni 14. La documentazione epigrafica, nel suo tav. II - Mappa della viabilità di epoca romana del territorio marchigiano (da LUNI 2004).

18

19 Il complesso abbaziale da Nord.

20 20 Ivan Rainini l abbazia di chiaravalle di fiastra. la cultura dell antico tav. III - Tabula Peutingeriana (segm. V, 2-3). fig. 3 - Colonia Crocetti. tificabile presumibilmente con Pian di Pieca 16, è oggi in grado di restituire un quadro topografico abbastanza completo e attendibile grazie ad una serie di indizi archeologici e di studi relativi ad alcuni settori del territorio. Provenendo da Ricina, la strada attraversava il Chienti ad ponte lapideum, come risulta da una carta fiastrense del Marzo del 1163 e dai documenti del Codice 1030 dell Archivio Diplomatico di Fermo 17 riferibili agli anni 1140 e Tale denominazione va riferita evidentemente ad un ponte in pietra di epoca romana ancora in parte visibile fino al 1955 ma oggi di controversa identificazione 18 (tav. IV). Da qui, risalito per breve tratto il fondovalle lungo la Rota Francia (toponimo locale che indica una fascia selvosa e incolta), raggiungeva il Molino Bandini (secoli XII-XIII) e successivamente una casa colonica, attualmente di proprietà Crocetti, da ritenersi la probabile sede del primititav. III do un suo ruolo attivo fino alle soglie del Medioevo anche se attraverso alterne vicende e, comunque, con un grado di funzionalità ben lontano da quello che per secoli l aveva resa una delle arterie primarie nell ambito del tessuto stradale interno del territorio piceno 15. A questo punto, chiariti, dunque, nelle linee generali il suo sviluppo e le connessioni all interno del sistema viario regionale, si rende necessario circoscrivere l area di indagine e cercare di ricostruire più nel dettaglio, fin dove è possibile, il suo percorso nel tratto per noi più interessante, ossia quello compreso fra il Chienti e il Fiastra che coinvolge l abbazia chiaravallese e la zona della sua espansione. L analisi, partendo dalla sintetica annotazione contenuta nella Tabula Peutingeriana dove è riportata una distanza di XII miglia tra Ricina e Urbe Salvia e altrettanto fra la colonia romana ed una imprecisata località più a Sud idenvo insediamento monastico della zona antecedente la fondazione chiaravallese 19 (fig. 3). Proseguendo in diagonale in direzione dell area coincidente con uno degli insediamenti rurali del suburbio urbisalviense (loc. Colli Vasari ) 20 in cui sarebbero sorti più tardi il castello di Collalto e, presumibilmente, la chiesa di S.Maria sotto Collalto, e più avanti verso Casa Castelletta, allusiva chiaramente ad un antica opera di fortificazione e di osservazione, proprio nel punto in cui si esce dalla valle del Chienti per entrare in quella del Fiastra, la strada, intersecando la collinare proveniente dalla contrada Brancorsina e diretta verso Colbuccaro, giungeva in località Ara Vecchia. Si tratta di un toponimo significativo citato da diverse carte fiastrensi 21 dalle quali si ricava, tra l altro, l esistenza di due massacci, termine locale usato per indicare ruderi romani, entrambi posti ai margini della strada di cui uno sicuramente

21 capitolo I l abbazia di chiaravalle di fiastra nel quadro della viabilità antica del territorio di urbs salvia 21 sostanziale coerenza di orientamento negli elementi del paesaggio attraverso allineamenti disposti secondo moduli tanto di 20, quanto di 16 actus che rivelano la sovrapposizione di due catasti successivi, con reticoli risalenti rispettivamente all età triumvirale e alla riassegnazione agraria di età augustea. Se la Salaria Gallica costituisce senza dubbio l asse centrale nell ambito delle comunicazioni locali e interregionali dell ampio comprensorio pertinente all antica colonia romana, esiste però una fitta maglia di percorsi minori che hanno comunque giocato un ruolo importante nella storia degli insediamenti avvicendatisi nel tempo e che hanno mantenuto fino al Medioevo un grado sufficiente di funzionalità del quale anche la comunità fiastrense si è sicuramente servita. E il caso della cosiddetta Via di Valcortese che costituiva il percorso di fondovalle del Fiastra fino alla costa, configufig. 3 identificato con un mausoleo del tipo a torre oggi parzialmente visibile sulla sommità Nord della contrada Colli Vasari, e il secondo situato probabilmente più a Est 22. Superata l Ara Vetula, il percorso proseguiva con denominazione di Strada del Massaccio per la presenza di un altro imponente rudere romano conservato nei pressi della Colonia Bandini 23, quindi, attraversato il torrente Entogge si innestava, con andamento rettilineo, poco prima del bivio per Urbisaglia nella ex SS 78 che da questo punto ricalca esattamente il tracciato della Salaria Gallica. Per quanto riguarda la Strata Massaccii, è di grande interesse una carta fiastrense del nella quale è riportata la controversia sorta fra l abate Ruggero del monastero chiaravallese e Gualtiero di Abbracciamonte, feudatario di Urbisaglia, riguardo alla sistematica spoliazione delle rovine dell antica città romana da parte dei monaci cistercensi, impegnati nella realizzazione del loro grandioso complesso abbaziale, in una zona di sua proprietà compresa infra limite et Flastram et Lentogiam, et iacet infra rivum Spiscie et stratam que vadit per sumitatem Colline Brance Ursine. Costoro, infatti, dopo aver ottenuto la concessione da parte del padre di Gualtiero di poter asportare antichi reperti da reimpiegare nel nuovo cantiere edilizio ubi non fuerit seminatum, salvis muris antiquis civitatis supra terram constructis, furono accusati dall erede di prelevare indiscriminatamente materiale da costruzione all interno dei propri confini. La contesa venne risolta dai giudici attraverso una precisa clausola che, limitando l iniziale compromesso, concedeva ai monaci e ai loro successori di cavar pietre solo fino a quando ecclesia ex toto fuerit perfecta. Il passo risulta significativo dal momento che testimonia con chiarezza come la pratica della demolizione e del riuso di materiale antico fosse rivolta, prima ancora che ai ruderi appartenenti al centro di Urbs Salvia, soprattutto ai monumenti funerari extra moenia e a quanto poteva essere eventualmente sopravvissuto dei numerosi insediamenti rurali suburbani disseminati nella zona lungo il tratto della Salaria Gallica diretta verso Ricina e più prossimi al luogo in cui stava sorgendo il complesso abbaziale. Del resto, tenendo conto della considerevole estensione dell ager urbisalviensis, è proprio il settore a Nord della città dove più evidenti si manifestano i segni di antropizzazione antica, tanto sul piano delle testimonianze archeologiche, quanto dal punto di vista dell organizzazione centuriale del territorio 25. Assistiamo, infatti, ad una

Manuale di stile che coordina l immagine dell Agenzia LLP

Manuale di stile che coordina l immagine dell Agenzia LLP Manuale di stile che coordina l immagine dell Agenzia LLP Manuale di stile che coordina l immagine dell Agenzia LLP Elisabetta Mughini: Responsabile Ufficio Comunicazione Agenzia Scuola Lorenzo Guasti:

Dettagli

Brand Identity / Web Design / Prodotti editoriali / Sistemi informativi / Stampa /

Brand Identity / Web Design / Prodotti editoriali / Sistemi informativi / Stampa / Brand Identity / Web Design / Prodotti editoriali / Sistemi informativi / Stampa / Brand Identity Naming, logo, logotipo, immagine coordinata salt4skin DB DB DB cosmetics SpaWear beauty via Cavour, 8 (vicino

Dettagli

PSR 2007-2013. Brand Manual

PSR 2007-2013. Brand Manual Indice 2 Note 3 Logo - Slogan 6 Logo - Slogan compatto 7 Logo + Sito web 8 Font 9 Codici cromatici 10 Utilizzi non consentiti 11 Applicazioni su tinte piatte 12 Applicazioni su fondi non uniformi 13 Applicazioni

Dettagli

Gorizia/ Nova Gorica/ Miren/ Trieste/ 3-7 giugno 2015 IN\VISIBLE CITIES / URBAN MULTIMEDIA FESTIVAL OPEN CALL / VIDEO-MAPPING.

Gorizia/ Nova Gorica/ Miren/ Trieste/ 3-7 giugno 2015 IN\VISIBLE CITIES / URBAN MULTIMEDIA FESTIVAL OPEN CALL / VIDEO-MAPPING. IN\VISIBLE CITIES / URBAN MULTIMEDIA FESTIVAL OPEN CALL / VIDEO-MAPPING Il seguente bando è rivolto a singoli artisti, gruppi, collettivi, studi di produzione intendono realizzare uno spettacolo di video-mapping

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE Comunicazione e identità cittadina L immagine Comunale. L IDENTITA VISIVA Il manuale di identità visiva

INDICE. INTRODUZIONE Comunicazione e identità cittadina L immagine Comunale. L IDENTITA VISIVA Il manuale di identità visiva INDICE INTRODUZIONE Comunicazione e identità cittadina L immagine Comunale L IDENTITA VISIVA Il manuale di identità visiva LOGO Gli elementi dell identità visiva Dallo Stemma al Logo Lo stemma Il logotipo

Dettagli

PROGETTOOSTELLIZEROWASTE. per:

PROGETTOOSTELLIZEROWASTE. per: PROGETTOOSTELLIZEROWASTE L i n e e G u i d a t e c n i c o - c o m u n i c a t i v e per: PROGETTOOSTELLIZEROWASTE AZIONI PER OSTELLO ZERO WASTE In queste Linee Guida troverete un elenco di 20 azioni di

Dettagli

MANUALE DI GUIDELINES REGIONE LOMBARDIA

MANUALE DI GUIDELINES REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDELINES REGIONE LOMBARDIA - REALIZZAZIONE NUOVO MARCHIO TRIDIMENSIONALE - APPLICAZIONE E COSTRUZIONE DEL NUOVO FORMAT - immagine coordinata 2 INDICE IL NUOVO MARCHIO pg. 3 ELEMENTI DI BASE

Dettagli

Oggetto dell'attestato. Servizi energetici presenti Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione

Oggetto dell'attestato. Servizi energetici presenti Climatizzazione invernale Ventilazione meccanica Illuminazione DATI GENERALI Destinazione d'uso Residenziale Non residenziale Classificazione D.P.R. 412/93: E.1(1) esclusi collegi, case di pena, conventi e caserme Dati identificativi Oggetto dell'attestato Intero

Dettagli

Progetto autoscuole a marchio ACI. Manuale di coordinamento dell immagine

Progetto autoscuole a marchio ACI. Manuale di coordinamento dell immagine Progetto autoscuole a marchio ACI Manuale di coordinamento dell immagine Index. 1 1.1 1.2 1.3 2 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 elementi base dell identità aziendale marchio e logotipo caratteri tipografici marchio

Dettagli

Principali tipi di detersivi presenti sul mercato al momento:

Principali tipi di detersivi presenti sul mercato al momento: I detersivi sono stati introdotti in commercio in Germania, nel 1917. II sapone è una sostanza pulente inefficace, se c o n f r o n t a t a a i c o m p o s t i c h i m i c i e s i n t e t i c i c o n o

Dettagli

PROGETTO DI CORPORATE IDENTITY PER LA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI

PROGETTO DI CORPORATE IDENTITY PER LA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PROGETTO DI CORPORATE IDENTITY PER LA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI GRUPPO DI LAVORO: PROF. CIRACIFI / CSC PROF. PISCITELLI / DICDEA DOTT.SSA CASERTA / CONTRATTISTA DOTT.SSA MERGENNI / CEDA

Dettagli

BRERA DESIGN DISTRICT FORMAT DI ADESIONE. FUORISALONE DESIGN WEEK 14-19 Aprile 2015 PACCHETTI DI COMUNICAZIONE. In collaborazione con:

BRERA DESIGN DISTRICT FORMAT DI ADESIONE. FUORISALONE DESIGN WEEK 14-19 Aprile 2015 PACCHETTI DI COMUNICAZIONE. In collaborazione con: BRERA DESIGN DISTRICT FUORISALONE DESIGN WEEK 14-19 Aprile 2015 FORMAT DI ADESIONE PACCHETTI DI COMUNICAZIONE In collaborazione con: BRERA DESIGN DISTRICT È IL PIÙ IMPORTANTE DISTRETTO DI PROMOZIONE DEL

Dettagli

BANNER TOP. Dimensione 140x60 BANNER

BANNER TOP. Dimensione 140x60 BANNER BANNER BANNER TOP Il banner è situato in alto, al di sotto dell'header. La categoria TOP prevede 6 posizioni allineate orizzontalmente per l'intera larghezza della pagina. Offre un'immediata visualizzazione

Dettagli

Manuale d uso del marchio

Manuale d uso del marchio Manuale d uso del marchio INDICE introduzione il brand costruzione proporzioni colori versioni dimensioni typeface immagine coordinata applicazioni pubblicità posizionamento richiesta d uso contatto 3

Dettagli

Come scrivere (correttamente) una tesina per l Esame di Stato sotto il profilo tipografico

Come scrivere (correttamente) una tesina per l Esame di Stato sotto il profilo tipografico Come scrivere (correttamente) una tesina per l Esame di Stato sotto il profilo tipografico Mauro Sacchetto 1 Premessa In via preliminare, sottolineiamo che non è affatto necessario presentare una tesina

Dettagli

Progettare pagine html. Studium Generale, a.a. 2013-2014, II semestre

Progettare pagine html. Studium Generale, a.a. 2013-2014, II semestre Progettare pagine html Studium Generale, a.a. 2013-2014, II semestre Quanto deve essere grande la nostra pagina? http://www.newfangled.com/optimal_site_width DIMENSIONE PAGINA Secondo le statistiche

Dettagli

Wór k. Meeting Room Light

Wór k. Meeting Room Light Meeting Room Light Meeting Room Light Meeting Room Light è la soluzione ideale per gestire e preparare al meglio lo svolgimento delle riunioni aziendali Meeting Room Light Grazie alla facile interfaccia

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Edificio di classe: C

Edificio di classe: C ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Edifici Residenziali 1. INFORMAZIONI GENERALI Codice Certificato Validità 10 anni Riferimenti catastali Comune di: Palermo Cod. catast.: 0912891 Fg.: 215 Part.: 31 Sub:

Dettagli

L area allestimenti si sviluppa in quattro macro settori: ALLESTIMENTI GRANDI EVENTI ALLESTIMENTI FIERISTICI

L area allestimenti si sviluppa in quattro macro settori: ALLESTIMENTI GRANDI EVENTI ALLESTIMENTI FIERISTICI ALLESTIMENTI Nel campo degli allestimenti, Sinergie Group è garanzia di design esclusivo ed innovazione per clienti che desiderano soluzioni non convenzionali e dalla forte personalità. Dotati di uno staff

Dettagli

Da ora le copie come le originali

Da ora le copie come le originali 2011 LISTINO CHIAVI AUTO TRANSPONDER 2011 CENTRO DISTRIBUZIONE CHIAVI Da ora le copie come le originali NON PIU LA CLASSICA COPIA.. DA OGGI L ORIGINALE!! Il miglioramento continuo è uno dei principali

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value

VALUE SMART. Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value dsdas Manuale operativo d utilizzo del marchio Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value Linee guida per l uso dell identità visiva del marchio Smart Value 1 Realizzazione Altravia

Dettagli

F Le Marche Meridionali del Piceno

F Le Marche Meridionali del Piceno F Le Marche Meridionali del Piceno Il territorio delle Marche Meridionali del Piceno è delimitato ad est dalla linea di costa adriatica, ad ovest dalle catene montuose (appenniniche) dei monti della Laga

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

manuale di identità visiva asl salerno

manuale di identità visiva asl salerno manuale di identità visiva asl salerno dicembre 2014 realizzato dal gruppo di lavoro aziendale Ivana Cirillo - coordinatore Laura Abagnara Vittoria Cosentino Tommaso Manzi Presentazione del Direttore Generale

Dettagli

Italiano. Gruppo PPE Servizio Stampa e Comunicazione. Carta grafica

Italiano. Gruppo PPE Servizio Stampa e Comunicazione. Carta grafica Italiano Gruppo PPE Servizio Stampa e Comunicazione Carta grafica Versione: 01/10/2012 Perché una guida grafica? Nel maggio 2011 il Gruppo PPE ha deciso di riunire la produzione di tutte le sue pubblicazioni

Dettagli

Realizzato da Rachele Bellini, Francesca Madeddu, Luca Savoja. c o - h o u s i n g. Manuale di Immagine Coordinata

Realizzato da Rachele Bellini, Francesca Madeddu, Luca Savoja. c o - h o u s i n g. Manuale di Immagine Coordinata Realizzato da Rachele Bellini, Francesca Madeddu, Luca Savoja c o - h o u s i n g Manuale di Immagine Coordinata Tavola 0/2 Indice Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Capitolo 4 Capitolo 5 Indice Introduzione

Dettagli

Urbanistica etrusca. Urbanistica etrusca

Urbanistica etrusca. Urbanistica etrusca Urbanistica etrusca Cittàdi Misa (presso attuale Marzabotto BO) e di Spina (presso Comacchio) Misa Misa Urbanistica etrusca Cittàdi Misa (presso attuale Marzabotto BO) e di Spina (presso Comacchio) Misasedime

Dettagli

GRAPHIC DESIGN EDITORIAL DESIGN BRAND & CORPORATE IDENTITY ADVERTISING PACKAGING WEB DESIGN INFORMATION GRAPHIC COPYWRITING

GRAPHIC DESIGN EDITORIAL DESIGN BRAND & CORPORATE IDENTITY ADVERTISING PACKAGING WEB DESIGN INFORMATION GRAPHIC COPYWRITING GRAPHIC DESIGN EDITORIAL DESIGN P O R T F O L I O BRAND & CORPORATE IDENTITY ADVERTISING PACKAGING WEB DESIGN INFORMATION GRAPHIC COPYWRITING Cliente: Sixty Spa brand Killah e Sixty / Il lavoro comprende

Dettagli

L A TEX nella pubblica amministrazione. La web application FA CI LE per la produzione automatica di comunicazioni interne del Comune di Napoli

L A TEX nella pubblica amministrazione. La web application FA CI LE per la produzione automatica di comunicazioni interne del Comune di Napoli L A TEX nella pubblica amministrazione. La web application FA CI LE per la produzione automatica di comunicazioni interne del Comune di Napoli Agostino De Marco, Paolo Eugenio Cresci Sommario In questo

Dettagli

Relazione Annuale Integrata 2014

Relazione Annuale Integrata 2014 Relazione Annuale Integrata 2014 generali.com 183º anno Relazione Annuale Integrata 2014 In copertina: alcuni dei giovani che partecipano a Leave Your Mark, iniziativa rivolta a tutti i dipendenti nel

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

AGRONOMI FORESTALI MATERA. Lorem Ipsum Dolor. [Insert Date]

AGRONOMI FORESTALI MATERA. Lorem Ipsum Dolor. [Insert Date] Rivista tecnico divulgativa dell Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Matera AGRONOMI FORESTALI MATERA Lorem Ipsum Dolor APRILE GIUGNO 2014 [Insert Date] NUMERO VIII, ANNO III Duis Sed Sapien LA

Dettagli

Esperienza ed eccellenza nel servizio per rendere piacevole ed esclusiva la pausa caffè con i vostri clienti. Tante soluzioni, allestite con cura in spazi dedicati, per rispondere alle vostre esigenze:

Dettagli

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010:

Cercando i riusi 01. www.archeologiametodologie.com. Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: Cercando i riusi 01 Nelle immagini seguenti, gli esempi trovati dagli studenti del corso 2009-2010: 2010: Nicoletta Balistreri SAN SALVATORE A SIRMIONE (BS) UN CIPPO REIMPIEGATO COME BLOCCO NELLA FONDAZIONE

Dettagli

Ascensori e montascale

Ascensori e montascale Ascensori e montascale Specializzata nel superamento delle barriere architettoniche, Spim è un punto di riferimento nel campo degli ascensori, dei miniascensori, dei montascale sia fissi che trasferibili,

Dettagli

Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso

Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso Logo Gruppi del cuore Istruzioni per l uso Le istruzioni per l uso del logo dei gruppi del cuore contengono informazioni e spiegazioni per utilizzarlo in pratica. Definiscono le proporzioni tra immagine

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA

LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA LE ACQUE A BOLOGNA CARTIGLI LUNGO GLI ANTICHI PERCORSI D ACQUA DI BOLOGNA 2 1_Grada / su Cancello Grada In seguito ad accordi con alcuni privati, nel 1208 il Comune di Bologna fece costruire una nuova

Dettagli

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero

Indice del volume. L impero greco-romano PARTE V III. Cesare e Augusto: la nascita del principato. Il consolidamento e l apogeo dell impero PARTE V L impero greco-romano Cap. 12 Cesare e Augusto: la nascita del principato 1. Il primo triumvirato 4 La disfatta dimenticata: Carre 6 2. La seconda guerra civile e la dittatura di Cesare 7 3. La

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica LE VILLE SUBURBANE IN ETA ROMANA Dalla tarda età repubblicana le ampie aree verdi che si affacciavano lungo le vie consolari, al di fuori dell antica

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà.

Storia. Sa strutturare un quadro di civiltà. DI Organizzazione delle informazioni. 1. Confrontare i quadri storici delle civiltà studiate. 2. Usare cronologie e carte storicogeografiche per rappresentare le conoscenze studiate. 1.1 Individuare la

Dettagli

Saggio di scavo nell area settentrionale delle Terme di Diocleziano a Roma

Saggio di scavo nell area settentrionale delle Terme di Diocleziano a Roma The Journal of Fasti Online (ISSN 1828-3179) Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica GLI ACQUEDOTTI NELL ANTICA ROMA Come si può leggere nell introduzione del trattato sugli acquedotti di Frontino, il noto curator aquarum (magistrato preposto

Dettagli

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.:

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

[IL MIO PRIMO SITO WEB] Come realizzare un sito web partendo da zero senza nessuna conoscenza di base.

[IL MIO PRIMO SITO WEB] Come realizzare un sito web partendo da zero senza nessuna conoscenza di base. IL MIO PRIMO SITO WEB INDICE INTRODUZIONE Pag. 2 STRUTTURA DI UN SITO WEB E TAGS Pag. 3 I CSS Pag. 5 INIZIO LAVORI Pag. 7 LE ALTRE PAGINE Pag.15 LISTA PRINCIPALI TAGS HTML Pag. 18 [IL MIO PRIMO SITO WEB]

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TERRACCIANO, FRANCESCO Indirizzo 91, via S. Maria Maggiore, 67030, Pacentro, Italia Telefono 0864/41353 cellulare 3406346337 Fax E-mail

Dettagli

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il --

Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- IT Cognome : - Nome : - Istituto scolastico : - Ho visitato le catacombe il -- Realizzato da Catacombe di San Sebastiano tutti i diritti riservati www.catacombe.org - twitter @catacombsrome Seguimi alla

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

LA PAROLA E LA COSA SONO MODERNE

LA PAROLA E LA COSA SONO MODERNE LA PAROLA E LA COSA SONO MODERNE E. E. VIOLLET-LE-DUC, 1863 L ARTE DEL RESTAURARE E RECENTE E NON POTEVA RITROVARE I SUOI METODI SE NON IN UNA SOCIETA LA QUALE, MANCANDO QUALSIVOGLIA STILE NELLE ARTI DEL

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

BRERA DESIGN DISTRICT FORMAT DI ADESIONE APPLICATION FORMAT. Fuorisalone 2014. 8/13 Aprile/April

BRERA DESIGN DISTRICT FORMAT DI ADESIONE APPLICATION FORMAT. Fuorisalone 2014. 8/13 Aprile/April www.breradesigndistrict.it IL QUARTIERE DIVENTA DISTRETTO THE NEIGHBORHOOD BECOMES DISTRICT BRERA DESIGN DISTRICT Brera è un quartiere storico di Milano che da secoli fornisce un fondamentale contributo

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CICLO DEI RIFIUTI, BONIFICHE AMBIENTALI E RISCHIO INDUSTRIALE N. 125/CRB DEL 02/10/2014 Oggetto: DGR 782 del 30/06/2014. DGR 1026 del 15/09/2014. Premiazione Concorso

Dettagli

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi

BOLOGNA. Forma Urbis. conventi e borghi BOLOGNA Forma Urbis 3 conventi e borghi 1088 data convenzionale di fondazione dello Studio Bolognese Alma Mater Studiorum La presenza dello Studio richiama studenti dall Italia e da ogni parte d Europa

Dettagli

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria

Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria Marzabotto: storia di una città percorso per le classi quinte della scuola primaria I resti dell insediamento etrusco di Marzabotto giacciono sepolti sulla terrazza di Pian di Misano, protesa nella valle

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari La città Dalla polis greca alla città ecosostenibile 1 LA POLIS GRECA Dall VIII al IV secolo a.c. In epoca classica la città greca era caratterizzata dalla suddivisione alto/basso: la parte alta corrispondeva

Dettagli

Anguillara Sabazia (Roma) - località Campo la Noce. Una fattoria nell ager Veientanus

Anguillara Sabazia (Roma) - località Campo la Noce. Una fattoria nell ager Veientanus The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

I musei si muovono insieme

I musei si muovono insieme I musei si muovono insieme Progetti didattici del Sistema museale Archeologico Provincia di Varese Anno scolastico 2013-2014 2014 Angera - Sesto Calende - Arsago Seprio - Castelseprio seprio SIMARCH 2014:

Dettagli

S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori:

S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori: S.S. Cosmo Guastella - A.S. 2013/2014 Plesso Don Carlo Lauri Classe II N Docenti accompagnatori: Prof.ssa Claudia Castello e Prof.ssa Giustina Colline USCITA DIDATTICA: UNA GIORNATA TRA ARTE E CONVIVENZA

Dettagli

LA GROTTA DI SAN MICHELE DI MINERVINO MURGE: VALORIZZAZIONE DI UN SITO NATURALE, RELIGIOSO E ARCHEOLOGICO

LA GROTTA DI SAN MICHELE DI MINERVINO MURGE: VALORIZZAZIONE DI UN SITO NATURALE, RELIGIOSO E ARCHEOLOGICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI LAUREA in LINGUE E CULTURE PER IL TURISMO TESI DI LAUREA IN LINGUA E TRADUZIONE FRANCESE LA GROTTA DI SAN MICHELE

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

Il nuovo entrato nella gamma Bosch: Sistemi sterzanti per automobili e veicoli commerciali

Il nuovo entrato nella gamma Bosch: Sistemi sterzanti per automobili e veicoli commerciali Il nuovo entrato nella gamma Bosch: Sistemi sterzanti per automobili e veicoli commerciali Sempre sicuro sulla carreggiata con i sistemi ed i componenti sterzanti Bosch Maggiori aree Sterzo Sterzo Sterzo

Dettagli

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile Obiettivi Introdurre il concetto di carta come rappresentazione dello spazio che ci circonda; Familiarizzare con le caratteristiche costitutive

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

Villa della Cupa. Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra. Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com

Villa della Cupa. Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra. Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com Villa della Cupa Loc. La Cupa Colle di Nocera Umbra Prof. Francesco Rambotti Email: info@villadellacupa.com RELAZIONE STORICO-DESCRITTIVA Villa della Cupa, nel comune di Nocera Umbra, è il toponimo di

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE CHIOGGIA (VE) DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: FRANCESCA FUIANO CLASSE: II D Scienze Applicate PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CONTENUTI STORIA Introduzione:

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

HTML CSS guida unica. htmlcss.it

HTML CSS guida unica. htmlcss.it HTML CSS guida unica htmlcss.it Accesso al web. 00.01 Dispositivi Il modo in cui tutti noi navighiamo il web è in costante evoluzione: console giochi, web TV, computer desktop, netbook, ma soprattutto

Dettagli

LE RADICI AL PLURALE DI INTESA SANPAOLO

LE RADICI AL PLURALE DI INTESA SANPAOLO Archivio Storico Intesa Sanpaolo Via Morone 3-20121 Milano archivio.storico@intesasanpaolo.com Direzione Francesca Pino Coordinamento Paola Chiapponi Barbara Costa Ricerca e testi Alessandro Mignone Ricerca

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

www.group.intesasanpaolo.com

www.group.intesasanpaolo.com Archivio Storico Intesa Sanpaolo Via Manzoni 10-20121 Milano archivio.storico@intesasanpaolo.com Direzione Francesca Pino Coordinamento Paola Chiapponi Barbara Costa Ricerca e testi Alessandro Mignone

Dettagli

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente

Livia SORDINI. La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente La villa di Livia Drusilla a Prima Porta, nell Agro Veiente CULTURA Introduzione A Prima Porta, località distante pochi chilometri dalla Scuola, a pochi passi dalla piazza Saxa Rubra, su Via della Villa

Dettagli

La Ciclabile Adriatica

La Ciclabile Adriatica a Porto S.Giorgio un percorso ad ostacoli o un opportunità per il territorio? AP 10/2015 L associazione FIAB Ascoli Piceno ha realizzato questo dossier per sollecitare le istituzioni (Regione Marche, Provincia

Dettagli

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI

Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI Municipio Roma X Parco Regionale dell Appia Antica I MODI DI COSTRUIRE DEGLI ANTICHI ROMANI La visione diretta delle innumerevoli testimonianze archeologiche che popolano i nostri territori, unita alla

Dettagli

LE TORRI CAMPANARIE CORSO DI FORMAZIONE. in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini

LE TORRI CAMPANARIE CORSO DI FORMAZIONE. in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini 0 V CORSO DI FORMAZIONE LE TORRI CAMPANARIE in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini TORINO DALL'ANTICHITÀ AL MEDIOEVO: UNA PROSPETTIVA ARCHEOLOGICA Prof.ssa Gisella Cantino Wataghin 1 Due

Dettagli