UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI DIRITTO PRIVATO E CRITICA DEL DIRITTO DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE GIURIDICHE E INTERNAZIONALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIRITTO TESI DI LAUREA LA MEDIAZIONE E IL DIRITTO DEL MEDIATORE ALLA PROVVIGIONE RELATORE: CH.MO PROF. ARIANNA FUSARO LAUREANDO: MARCO PIANEGONDA MATRICOLA N ANNO ACCADEMICO

2 INDICE-SOMMARIO Parte Prima LA FATTISPECIE CAPITOLO PRIMO LA DISCIPLINA DELLA MEDIAZIONE 1. Il quadro normativo di riferimento Mediatore professionale ed occasionale La legge 3 febbraio 1989, n I requisiti soggettivi per lo svolgimento dell'attività di mediazione I requisiti soggettivi positivi I requisiti soggettivi negativi Il c.d. dovere d'imparzialità del mediatore Le recenti novità relative all'iscrizione al ruolo...18 CAPITOLO SECONDO NATURA GIURIDICA DELLA MEDIAZIONE 1. Gli orientamenti dottrinali Natura contrattuale della mediazione Natura anegoziale della mediazione...25 CAPITOLO TERZO IL RAPPORTO GIURIDICO: GLI OBBLIGHI DEL MEDIATORE E DELLE PARTI 1. Il dovere di attivarsi Il dovere di informazione....31

3 3. Il dovere di accertare l'autenticità delle sottoscrizioni L'omessa comunicazione del nome di un contraente Gli obblighi del mediatore professionale Il dovere di correttezza delle parti dell'affare nei confronti del mediatore...40 Parte Seconda GLI EFFETTI CAPITOLO QUARTO LA PROVVIGIONE 1. La conclusione dell'affare Il nesso tra l'attività del mediatore e la conclusione dell'affare Determinazione dell'entità della provvigione, luogo e tempo del pagamento Frode al mediatore Prescrizione del diritto alla provvigione...62 Parte Terza LA MEDIAZIONE E GLI ALTRI CONTRATTI STRUMENTALI ALLA CIRCOLAZIONE DEI BENI E AL COLLOCAMENTO DEI SERVIZI CAPITOLO QUINTO FIGURE AFFINI ALLA MEDIAZIONE 1. Mediazione e figure affini: un confronto Il mandato Il contratto di agenzia Il nuncius...70

4 CAPITOLO SESTO TIPOLOGIE DI MEDIAZIONE 1. Il procacciatore d'affari Le agenzie immobiliari L'agente di cambio Le SIM Il broker assicurativo...78 Bibliografia...82

5 Parte Prima LA FATTISPECIE.. Capitolo Primo LA DISCIPLINA DELLA MEDIAZIONE 1.1 Il quadro normativo di riferimento La disciplina della mediazione è contenuta in parte nel codice civile (artt ) ed in parte in una serie di leggi speciali emanate nel corso del tempo, pertanto si presenta piuttosto complessa. Nel codice civile le norme sulla mediazione sono collocate all'interno del Libro IV (Delle obbligazioni) e precisamente nel Titolo III, contenente le disposizioni relative ai singoli contratti. Tuttavia, diversamente da quanto avviene normalmente per i singoli contratti, il legislatore non fornisce una qualificazione esplicita della mediazione come contratto, ma si limita a descrivere la figura del "mediatore": per questo, se da un lato si può affermare che la mediazione è un contratto nominato o tipico, dall'altro occorre rilevare che di tale contratto manca la definizione legislativa 1. In base all'art c.c., "è mediatore colui che mette in relazione due o più parti per la conclusione di un affare, senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza". Negli articoli del Capo XI (Della mediazione) il codice delinea i caratteri negoziali dell'istituto e lo schema delle attività che caratterizzano l'opera del mediatore, demandando alle leggi speciali la disciplina della mediazione professionale ed anche il compito di vietare alcune forme di mediazione 2. È probabile che l'assenza di una nozione di mediazione sia dovuta al fatto che in occasione della redazione del codice civile si sia proceduto ad una mera trasposizione della materia commerciale. Invero, il codice di commercio del 1882 si occupava della figura del mediatore, non già del contratto di mediazione; le norme di riferimento (artt ) erano contenute nel Capo II (intitolato, appunto, "Dei mediatori") del Libro I, che comprendeva le disposizioni generali. Con la disposizione di apertura, l'art. 26, si affermava: "la professione di mediatore è libera. Tuttavia 1 Peraltro, tra i singoli contratti la mediazione non è l'unico istituto al quale il legislatore non dà una definizione: con riguardo alla fideiussione, ad esempio, l'art c.c. fornisce la nozione di fideiussore e non quella di contratto di fideiussione. 2 Ad esempio, l'art. 11 della L. 29 aprile 1949, n. 264 vieta la mediazione anche gratuita per la formazione del rapporto di lavoro, in quanto riservata in via esclusiva agli uffici di collocamento; la L. 23 ottobre 1960, n ribadisce tale divieto al fine di reprimere l'interposizione nel lavoro subordinato; l'art. 2 della L. 2 aprile 1958, n. 339 vieta la mediazione per il lavoro domestico. 1

6 gli uffici pubblici per i quali si richiede un'autorizzazione speciale sono riservati ai mediatori inscritti in un ruolo formato e conservato dalla Camera di Commercio". Si può osservare che il legislatore del '42, riprendendo testualmente il contenuto del presente articolo, sembra aver considerato l'attività di mediazione tendenzialmente libera; infatti, ad eccezione dei casi per i quali è richiesta l'iscrizione al ruolo, chiunque potrebbe svolgere l'attività di mediatore in piena autonomia. 1.2 Mediatore professionale ed occasionale Questione particolarmente rilevante è la distinzione tra mediatore professionale e mediatore occasionale. Si è visto che il legislatore ha concentrato la sua attenzione sulla figura del mediatore e sulle attività da lui svolte, anziché dare una definizione dell'istituto; inoltre, che l'art c.c. (vera e propria norma di chiusura del sistema) rinvia espressamente alle leggi speciali sulle mediazioni professionali. Ora, questi due elementi fanno emergere un altro carattere importante della disciplina, ossia che per la sua impostazione il codice civile presenta la mediazione come un fatto prevalentemente occasionale, dal momento che il mediatore non deve agire necessariamente in modo abituale. In dottrina si definisce "mediatore professionale l'agente che svolge come attività principale e stabile la mediazione in affari, mentre è mediatore occasionale il soggetto che esplica questa attività senza tali caratteri" 3. Il carattere di occasionalità dell'attività mediatoria sarà oggetto di discussione alla luce delle leggi speciali succedutesi negli anni. Si consideri, innanzitutto, la L. 21 marzo 1958, n. 253 (Disciplina della professione del mediatore), che se da un lato innovava radicalmente la disciplina della mediazione professionale, dall'altro non escludeva la possibilità di svolgere l'attività di intermediazione in modo non professionale, semplicemente rispettando le disposizioni del codice civile. Infatti, si legge nell'art. 1, "le norme dettate dalla presente legge si applicano ai mediatori professionali di cui al Capo XI del Titolo III del Libro IV del Codice Civile", ma con alcune eccezioni: risultano escluse dalla disposizione le categorie degli agenti di cambio e quella dei mediatori pubblici e marittimi, "[ ] per le quali continueranno ad avere applicazione le disposizioni attualmente in vigore". L'art. 2 della legge in esame, inoltre, pur subordinando l'esercizio professionale della mediazione all'iscrizione in appositi ruoli, previsti dall'art. 21 della legge 20 marzo 1913, n. 272, lasciava intendere che per l'esercizio non professionale dell'attività non era richiesta 3 VISALLI N., La mediazione. Padova: CEDAM

7 l'iscrizione in alcun ruolo 4. Il corrispondente art. 2 del D.P.R. 6 novembre 1960, n. 1926, relativo al regolamento per l'attuazione della legge, stabiliva poi che i ruoli erano distinti in ruolo speciale e ruolo ordinario: nel primo erano iscritti i mediatori intenzionati ad esercitare anche gli uffici pubblici per i quali era richiesta un'autorizzazione particolare (secondo quanto disposto dall'art. 27 della legge n. 272/1913), nel secondo erano iscritti tutti gli altri esercenti la professione di mediatore. Ancora, tale D.P.R. disponeva, all'art. 28, che "l'esercizio della mediazione nelle borse merci, nelle sale di contrattazione, nei mercati, nelle fiere ed in altri luoghi circoscritti di compravendita è riservato ai soli mediatori iscritti nei ruoli camerali". Dal testo della disposizione si evince che, per i luoghi diversi da quelli indicati, era certamente contemplata l'ipotesi di un mediatore occasionale. Infine, un'ulteriore conferma dell'ammissibilità del mediatore occasionale si ricava dal D.P.R. 29 dicembre 1968, n (avente ad oggetto norme per l'iscrizione dei cittadini degli Stati membri della CEE), il quale consente a tali cittadini di esercitare liberamente in Italia l'attività non professionale di mediatore, previa comunicazione alla Camera di Commercio dell'operazione che si intende far concludere. La distinzione tra mediatore professionale ed occasionale fin qui esaminata assume importanza rilevante per stabilire se sia o meno possibile qualificare il mediatore come imprenditore. Il ragionamento prende le mosse dalla definizione presente nell'art c.c., che considera imprenditore "chi esercita professionalmente una attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi". Appare pacifico che la qualifica di imprenditore non possa essere attribuita al mediatore occasionale, mancando in questo caso gli elementi della professionalità e dell'organizzazione richiesti dalla disposizione; per quanto riguarda i mediatori professionali, invece, la questione appare più controversa. L'attività di mediazione va intesa di regola come un'attività ausiliaria di comuni imprese commerciali, ai sensi dell'art. 2195, n. 5 ed è quindi idonea ad attribuire a chi la esercita non già la semplice qualifica di imprenditore, bensì la veste di imprenditore commerciale 5. Tuttavia, non è chiaro in dottrina se la qualità di imprenditore sia posseduta da ogni mediatore professionale, indipendentemente dalle sue dimensioni. Alcuni sostengono che il mediatore professionale sia sempre imprenditore commerciale, grande o piccolo a seconda dei casi: in 4 Art. 2, L. 21 marzo 1958, n. 253: "Per l'esercizio professionale della mediazione è richiesta l'iscrizione nei ruoli previsti dall'art. 21 della legge 20 marzo 1913, n. 272, e dalle norme sull'ordinamento delle Camere di commercio, industria e agricoltura, secondo le modalità indicate in detta legge. Il titolo di studio prescritto dall'art. 23 della stessa legge è necessario soltanto per i mediatori che intendano esercitare gli uffici pubblici per i quali si richiede un'autorizzazione speciale, ai sensi del successivo art. 27. Essi sono iscritti in un ruolo speciale. Agli iscritti nei ruoli medesimi compete la qualifica di agenti di affari in mediazione." 5 STOLFI M., Della mediazione, in Comm. c.c. Scialoja-Branca, artt , Bologna-Roma, 2 ed., 1966, p

8 particolare, taluno autore appoggia questa tesi in base al rilievo che non esiste una nozione di lavoratore autonomo (professionale) distinta da quella del piccolo imprenditore 6. Tuttavia, secondo l'opinione più accreditata non è possibile giungere ad una conclusione così radicale. Si evidenzia che la mediazione rappresenta un'attività economica finalizzata allo scambio di beni o servizi, il cui esercizio in forma organizzata non può non dar luogo alla figura dell'imprenditore o, quanto meno, del piccolo imprenditore, se l'attività sia svolta con il lavoro proprio o dei componenti la famiglia (art c.c.). Sulla base di questa premessa concettuale, l'esercizio in modo professionale dell'attività non sarebbe sufficiente per considerare imprenditore in senso tecnico il piccolo mediatore, in quanto questi svolgerebbe un'attività esclusivamente personale, mettendo in relazione le controparti attraverso la sua conoscenza del mercato 7. Aderendo a questa opinione, c'è chi sostiene che non basta essere mediatore professionale per essere qualificati come imprenditore, soprattutto se l'opera esclusivamente personale del soggetto rende irrilevante l'organizzazione mediante la quale si estrinseca l'esercizio della sua attività economica 8. In qualsiasi attività produttiva vi è un'organizzazione di fattori produttivi (art c.c.), ma si potrà acquistare la qualità di imprenditore solo se tale organizzazione assume una rilevanza apprezzabile nell'esercizio dell'attività di chi la pone in essere 9. Queste considerazioni sono comunque in linea con l'orientamento giurisprudenziale, secondo cui il mediatore professionale deve considerarsi imprenditore commerciale in quanto esercita in modo abituale e sistematico un'attività economica organizzata autonomamente e con l'assunzione dei relativi rischi di gestione 10. L'indagine fin qui svolta, diretta a stabilire se il mediatore professionale sia o meno imprenditore, porta con sé notevoli risvolti pratici, poiché in caso di risposta affermativa il mediatore sarebbe soggetto ad una serie di obbligazioni proprie dell'imprenditore commerciale, come l'obbligo di effettuare l'iscrizione al registro delle imprese (art c.c.) e di tenere le scritture contabili secondo le modalità di cui all'art c.c. (in base all'ultimo comma, questa norma non si applica al mediatore professionale piccolo imprenditore). Egli potrebbe, inoltre, incorrere nella dichiarazione di fallimento e beneficiare delle procedure del concordato preventivo e di amministrazione controllata, secondo quanto previsto dall'art c.c. (allo stesso modo, i piccoli imprenditori non sono soggetti alle procedure concorsuali). Riassumendo, sulla base dell'impostazione della legge n. 253/1958 e del D.P.R. 6 BIGIAVI W., si veda VISALLI N., cit., p STOLFI M., cit., p. 12 s.; IANNELLI D., Mediatori (Ordinamento professionale), in Novissimo Dig. It., Appendice, Torino, 1983, vol. IV, p. 1218, nota 1. 8 VISALLI N., cit., p FERRARA Jr F., si veda VISALLI N., cit., p Cfr. Cass. 9 marzo 1984, n. 1637, in Giur. it., 1985, I, 1, p (nota). 4

9 relativo al regolamento per la sua esecuzione, si distinguevano tre categorie: mediatori occasionali, mediatori professionali e agenti di affari in mediazione. Mentre ai primi non era richiesta l'iscrizione ad alcun ruolo, i secondi erano iscritti nel ruolo ordinario e gli ultimi nel ruolo speciale. Gli agenti di affari in mediazione erano i soli abilitati al compimento delle operazioni di cui all'art. 27 della L. 20 marzo 1913, n. 272, che elencava gli uffici pubblici riservati dall'art. 21 ai mediatori inscritti nel ruolo, distinguendoli tra quelli riservati agli agenti di cambio e quelli riservati ai mediatori in merci. Tuttavia, facendo seguito all'emanazione di alcune importanti leggi di settore, qualche anno più tardi una nuova legge speciale è intervenuta ad innovare profondamente la disciplina vigente, allo scopo di fare chiarezza ed evitare un esercizio incontrollato dell'attività mediatoria 11. Ci riferiamo alla L. 3 febbraio 1989, n. 39, intitolata "Modifiche e integrazioni alla legge 21 marzo 1958, n. 253, concernente la disciplina della professione di mediatore", che sarà approfondita di seguito. Come risulta testualmente dalla Relazione parlamentare al disegno di legge, tale legge viene emanata nel proclamato intento di fornire "al pubblico degli utenti" la garanzia "della qualificazione professionale e dell'idoneità morale" di tutti coloro che intendano esercitare l'attività di mediazione 12. Le ragioni dell'introduzione di un controllo pubblicistico sull'esercizio dell'attività mediatoria sarebbero legate all'importanza sempre maggiore che tale attività stava assumendo nella mutata società; un'attenta disciplina legislativa si rendeva necessaria per eliminare il più possibile il diffuso abusivismo e riservarne l'esercizio ad operatori dotati dei requisiti di idoneità professionale e morale. La Relazione continua affermando che l'esigenza della qualificazione professionale e dell'idoneità morale di coloro che, esercitando un'attività di natura economico-commerciale, entrano in contatto con altri operatori e con il pubblico degli utenti o consumatori, è pienamente conforme ai principi della Costituzione. Con l'introduzione di questa legge si abbandona la vecchia impostazione del codice, incentrata sulla predominanza delle attività rispetto ai soggetti, per valorizzare lo status professionale del mediatore: quella mediatoria diviene un'attività "protetta" e riservata a coloro che, dotati dei requisiti necessari, risultano iscritti all'apposito albo. 11 L. 29 maggio 1967, n. 402 (riguardante la mediazione nelle Borse valori); L. 12 marzo 1968, n. 478 (ordinamento della professione di mediatore marittimo); L. 28 novembre 1984, n. 792 (sul tema dell'attività di mediatore di assicurazione o di riassicurazione). 12 Si veda TROISI B., La mediazione. Milano: Giuffrè. 9. 5

10 1.3 La legge 3 febbraio 1989, n. 39 La disciplina introdotta dalla L. 3 febbraio 1989, n. 39 e relativo regolamento di esecuzione, approvato con D.M. 21 dicembre 1990, n. 452 interviene su due fronti: da un lato sostituisce integralmente, abrogandola, la precedente disciplina contenuta nella legge speciale n. 253/1958, dall'altro innova sensibilmente la disciplina dettata dal codice civile 13. Coordinando la legge n. 39/1989 con gli articoli del codice civile, infatti, ne deriva che la definizione di mediatore di cui all'art dev'essere integrata nel suo contenuto, nel senso che viene considerato mediatore solo chi risulta iscritto nell'apposito ruolo, istituito presso le Camere di commercio. Pertanto, chiunque potrà esercitare l'attività di mediazione a condizione che gli vengano riconosciuti i requisiti richiesti dalla legge speciale mediante l'iscrizione al ruolo. Tale iscrizione, dunque, costituisce un provvedimento di ammissione che conferisce uno status ed ha la funzione di immettere singoli soggetti, previo accertamento di determinati requisiti, nella categoria giuridica cui quello status è proprio, con conseguente attribuzione dei diritti e degli obblighi che ne derivano per effetto di un atto unilaterale della pubblica amministrazione 14. Avendo il carattere di accertamento costitutivo di uno status professionale, l'iscrizione abilita il soggetto a compiere tutta l'attività connessa a tale status fintantoché non venga rimossa. Nel commento alla legge, taluno autore affermava che essa ha creato per gli operatori ammessi ad esercitare la mediazione una specie di status personale, cosicché tale legislazione speciale regola solamente l'attività di mediazione svolta da chi appartiene a quel particolare status, risultante dai ruoli speciali degli albi professionali 15. Dai requisiti che la legge impone si ricava che il mediatore, oltre a mettere in relazione le parti, offre alle stesse anche un'assistenza professionale; per questo al mediatore è richiesta una specifica diligenza improntata a certa formazione professionale. Si analizzerà ora il contenuto della legge n. 39/1989, a cominciare dall'art. 1, che si limita a riprodurre testualmente l'art. 1 della legge n. 253/1958; tuttavia, alcune differenze rispetto all'articolo della legge abrogata sono introdotte dal regolamento di esecuzione, che con l'art. 2 amplia le categorie di mediatori cui non si deve applicare la nuova normativa. Se prima non erano sottoposti alle disposizioni della legge n. 253/1958 i mediatori marittimi, i mediatori pubblici e gli agenti di cambio, alle categorie già escluse la legge aggiunge gli esercenti 13 Art. 10, legge n. 39/1989: "Sono abrogate la legge 21 marzo 1958, n. 253, e le norme del relativo regolamento approvato con decreto del Presidente della Repubblica 6 novembre 1960, n. 1926, incompatibili con la presente legge". 14 VISALLI N., cit., p. 10 s. 15 TRABUCCHI A., Istituzioni di Diritto Civile. 40 ed.. Padova: CEDAM. 831 s. 6

11 attività di intermediazione nei servizi turistici e gli esercenti attività nei servizi assicurativi 16. Dal principio secondo cui l'attività di mediazione è un'attività riservata agli iscritti in apposito ruolo discende che, essendo tale iscrizione effettuata a titolo personale, l'iscritto non può delegare le funzioni relative all'esercizio della mediazione ad altro soggetto che non sia, a sua volta, iscritto nel ruolo (art. 3, comma 1). Allo stesso modo, dovranno essere iscritti nel ruolo anche "tutti coloro che esercitano, a qualsiasi titolo, le attività disciplinate dalla presente legge per conto di imprese organizzate, anche in forma societaria, per l'esercizio dell'attività di mediazione" (art. 3, comma 5). A questo punto, è già possibile trarre una prima importante conclusione, ossia che questa legge segna il definitivo tramonto della libertà di esercizio dell'attività mediatoria, che era stato previsto espressamente dall'art. 26 del codice del commercio del 1882 e, successivamente, dall'art. 21 della legge n. 272/1913. Non solo. La legge in esame porta con sé un'altra importante novità: la tipizzazione della mediazione unilaterale. L'art. 2, secondo comma, e l'art. 3, primo e secondo comma, del regolamento di attuazione, prevedono che il ruolo sia distinto in tre sezioni, una per gli agenti immobiliari, una per gli agenti merceologici ed una per gli agenti muniti di mandato a titolo oneroso. Proprio in relazione a quest'ultima sezione sorgono alcuni problemi di ordine applicativo, poiché non è chiaro a quali soggetti abbia inteso rivolgersi il legislatore con la locuzione "mandato a titolo oneroso". Una parte della dottrina sostiene che tale formula non stia ad indicare la presenza di un rapporto di mandato che si affianca a quello di mediazione, ma si riferisca piuttosto a quei mediatori che ricevono l'incarico da un solo soggetto 17. Testualmente, escluso che "anche il termine "mandato", al pari del termine "agente", possa essere inteso in senso tecnico [ ], non rimane allora che leggere l'espressione "agente munito di mandato a titolo oneroso" come equivalente dell'espressione "soggetto incaricato di svolgere un'attività a titolo oneroso " 18. Sono così superate tutte le controversie dottrinali sulla riconducibilità della mediazione unilaterale nello schema dell'art c.c. e sulla sua stessa ammissibilità nel nostro ordinamento, avendole il legislatore conferito tipicità L'articolo prosegue prevedendo che alle categorie escluse continuano ad applicarsi, rispettivamente, la legge 12 marzo 1968, n. 478 e successive modificazioni; la legge 30 marzo 1913, n. 272 e successive modificazioni e integrazioni; la legge 29 maggio 1967, n. 402 e successive modificazioni; l'art. 9 della legge 17 maggio 1983, n. 217 e le successive leggi regionali; la legge 28 novembre 1984, n. 792, nonché le relative disposizioni regolamentari di esecuzione e di attuazione. Le esclusioni si riferiscono, infatti, ad intermediari che hanno già uno specifico statuto professionale e che, pertanto, ne rimangono assoggettati. 17 LUMINOSO A., 1993, si veda TROISI B., cit., p. 10: "[ ] qualora dovesse ritenersi che il legislatore [ ] intende riferirsi agli intermediari che hanno ricevuto un incarico da uno degli interessati, se ne dovrebbe trarre l'ulteriore corollario che la nuova legge ha senz'altro reso legittima la c.d. mediazione unilaterale [ ]". 18 ZACCARIA A., La mediazione, in Antologia, 1992, vol. 1, CEDAM, Padova, p VISALLI N., cit., p

12 L'art. 2 si chiude con la previsione del quarto comma, che tocca il tema della professionalità rendendo di fatto inammissibile la figura del mediatore occasionale. Infatti, l'iscrizione al ruolo "deve essere richiesta anche se l'attività viene esercitata in modo occasionale o discontinuo, da coloro che svolgono, su mandato a titolo oneroso, attività per la conclusione di affari relativi ad immobili od aziende". Dal momento che la legge si riferisce ad una attività di mediazione, ci si potrebbe chiedere se sia ancora ammesso il singolo atto di mediazione; tuttavia, tale ipotesi è respinta dalla disposizione, attraverso la previsione esplicita sul "carattere occasionale o discontinuo" della prestazione. L'ampliamento della nozione codicistica di mediatore operato dalla nuova legge può essere visto, secondo lo stesso Visalli, anche sotto un altro profilo, nel senso di non limitare l'attività mediatoria alla semplice messa in relazione delle parti. Se si considera l'attività mediatoria caratterizzata dalla messa in relazione delle parti finalizzata alla conclusione dell'affare, allora il primo comma dell'art. 3 della nuova legge sembra riferirsi ad un'attività diversa da quella mediatoria, laddove prescrive che l'iscrizione al ruolo abilita a svolgere anche "ogni attività complementare o necessaria per la conclusione dell'affare". L'art. 5, al primo comma, ribadisce questa abilitazione a porre in essere un'attività differente, riferendosi a "l'espletamento delle pratiche necessarie ed opportune per la gestione o conclusione dell'affare". Infine, dispone l'art. 14 del regolamento di attuazione, "la licenza di cui all'art. 115 del testo unico di pubblica sicurezza, approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, è richiesta per gli agenti e le imprese comunque organizzate che alla mediazione e alle attività complementari o necessarie per la conclusione dell'affare affiancano l'esercizio di altre attività individuate dall'art. 205, comma 2, del regio decreto 6 maggio 1940, n. 635". Questo articolo, distinguendo l'attività di mediazione dalle altre attività svolte contemporaneamente, parifica le attività complementari o necessarie per concludere l'affare alla stessa attività mediatoria. A proposito dell'art. 2 si noti, inoltre, che la legge, dopo aver previsto la suddivisione del ruolo in tre sezioni, considera possibili ulteriori distinzioni "in relazione a specifiche attività di mediazione", da stabilirsi con il regolamento attuativo. In effetti, con il regolamento ci si avvarrà della facoltà concessa dalla legge introducendo nel ruolo una quarta sezione, denominata "agenti in servizi vari" e composta dagli agenti la cui attività è volta alla conclusione di affari relativi al settore dei servizi, nonché da tutti gli altri agenti che non trovano collocazione in una delle sezioni precedenti. L'analisi della nuova legge speciale ci conduce ad esaminare il profilo maggiormente innovativo rispetto alla disciplina codicistica, riguardante le conseguenze che la legge ricollega alla mancata iscrizione dei mediatori al 8

13 ruolo. Tuttavia, prima ancora appare utile analizzare nel dettaglio i requisiti soggettivi, positivi e negativi, richiesti al mediatore per esercitare l'attività. 1.4 I requisiti soggettivi per lo svolgimento dell'attività di mediazione I requisiti soggettivi, ossia quelli legati alle caratteristiche del soggetto che intende svolgere l'attività, si distinguono in positivi e negativi. Quando si parla di requisiti positivi si fa riferimento in modo particolare all'iscrizione al ruolo degli agenti di affari in mediazione, previsto dalla legge speciale n. 39/1989 appena illustrata (art. 2, comma 4; art. 6, comma 1; art. 8). I requisiti negativi, invece, riguardano un duplice profilo: da un lato i legami esistenti tra il mediatore e le parti contraenti, dall'altro l'incompatibilità della professione del mediatore con una serie di altre attività. Il primo aspetto, relativo ai rapporti che intercorrono tra il mediatore e le parti, è contenuto nell'art c.c., secondo periodo, dove si specifica che il mediatore "[non deve] essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, di dipendenza o di rappresentanza". Il secondo aspetto, invece, si ritrova nell'art. 5, comma 3, della legge n. 39/1989, con il quale si afferma che "l'esercizio dell'attività di mediazione è incompatibile: a) con qualunque impiego pubblico o privato, fatta eccezione per l'impiego presso imprese o società aventi per oggetto l'esercizio dell'attività di mediazione; b) con l'iscrizione in altri albi, ordini, ruoli o registri esimili; c) con l'esercizio in proprio del commercio relativo alla specie di mediazione che si intende esercitare" I requisiti soggettivi positivi Ragioniamo, innanzitutto, sul requisito soggettivo positivo dell'iscrizione al ruolo degli agenti di affari in mediazione. Come si è già detto in precedenza, tale iscrizione è divenuta obbligatoria per chiunque voglia svolgere l'attività di mediatore, anche se in modo occasionale, allo scopo di favorire un esercizio più controllato della professione e fornire ai terzi un'adeguata garanzia professionale 20. Per queste ragioni, con la legge n. 39/1989 il legislatore assume un atteggiamento molto severo nei confronti di coloro che non risultano iscritti al ruolo, ricollegando alla mancata 20 Si veda FLAMMIA P., Attività di mediazione e mancata iscrizione all'albo, in Giur. merito, 2001, n p. 906 ss. 9

14 iscrizione conseguenze di natura non soltanto amministrativa e penale (art. 8) ma anche di natura civile, queste ultime previste negli artt. 6, comma 1 e 8, comma 1. Tale severità si giustifica principalmente con la volontà del legislatore di combattere la piaga dell'abusivismo, soprattutto ad opera di persone moralmente e professionalmente inidonee. La disposizione è altresì caratterizzata da una grande chiarezza, voluta dal legislatore per evitare che sorgano dubbi sull'applicazione della norma, come è successo in precedenza con altre leggi speciali istitutive di ruoli, registri o albi professionali. Nel primo comma dell'art. 6 si impedisce al mediatore non iscritto (professionale o occasionale che sia) di rivendicare il proprio diritto alla provvigione 21. Taluno autore sostiene che la maggior parte degli interpreti considera la norma dell'art. 6 sostanzialmente equivalente a quella dell'art c.c., comma 1 22 : si tratta di una disposizione che prevede la nullità del contratto di mediazione (stipulato col non iscritto) per incapacità giuridica dell'intermediario o per contrarietà a norma imperativa (o il mancato perfezionamento della fattispecie della mediazione non negoziale per mancanza di un suo elemento costitutivo) 23. La rigidità del legislatore nei confronti dei mediatori non iscritti si percepisce ancor più chiaramente dal testo dell'art. 8, nel quale si è voluto togliere loro ogni forma di tutela. Il primo comma, oltre a prevedere una sanzione amministrativa che si traduce nel pagamento di una somma di denaro, obbliga il mediatore a restituire alle parti contraenti le provvigioni percepite, privandolo della soluti retentio qualora abbia ricevuto il compenso. La maggior parte dei primi commentatori della legge ritiene che l'azione di ripetizione dell'indebito accordata al cliente sia la naturale conseguenza della nullità della mediazione; non è chiaro, invece, se il mediatore abusivo possa agire, a sua volta, contro il cliente per la ripetizione dell'indebito (che in quel caso consiste nella prestazione di facere svolta) o con l'azione di ingiustificato arricchimento. Ancora, non è chiaro se il diniego della soluti retentio si configuri solo nei casi di esercizio abusivo di una "attività di mediazione" (come si esprime l'art. 8) oppure anche nel caso di 21 Peraltro, l'art. 6 integra la disciplina codicistica anche con riguardo alla determinazione della provvigione in mancanza di patto, di tariffe professionali o di usi (art. 2755). Al secondo comma, stabilisce le modalità di misurazione e ripartizione della provvigione tra le parti, che sono devolute alla competenza delle giunte camerali. TOMARCHIO V., Obbligo di iscrizione nei ruoli anche per il mediatore atipico, in Giur. It., 2007, vol. II, fasc. 10, p. 2192, in nota a Cass. 5 settembre 2006, n , osserva che l'iscrizione all'albo è necessaria anche per il mediatore unilaterale. 22 Art c.c., 1 comma: "Quando l'esercizio di un'attività professionale è condizionata all'iscrizione in un albo o elenco, la prestazione eseguita da chi non è iscritto non gli dà azione per il pagamento della retribuzione". 23 LUMINOSO A., 1993, si veda TROISI B., cit., p. 51: "[ ] poiché l'iscrizione nel ruolo è richiesta per il mediatore, in caso di mediazione c.d. soggettivamente indiretta non rileverà la mancata iscrizione del terzo che segnala l'affare al mediatore (iscritto), e in caso di submediazione la mancata iscrizione del submediatore non priverà il mediatore del diritto alla provvigione". A questo proposito si veda VARELLI C., La c.d. submediazione e la c.d. mediazione indiretta, in Giur. completa della Corte Suprema di Cassazione Sez. Civ., 1954, serie II, vol. XXXIII, 5 bimestre, p. 136 s. 10

15 compimento di singoli "atti isolati"; l'autore propende per l'estensione della disposizione anche a questo secondo caso, per evitare il crearsi di lacune nella normativa. Infine, si noti che a coloro che ricadono per tre volte nelle sanzioni di cui al comma 1 (ipotesi di recidiva) saranno applicate (art. 8, comma 2) le pene previste dall'art. 348 del codice penale (Abusivo esercizio di una professione), oltre alla pubblicazione della sentenza di condanna. Come si è visto, i due articoli appena esaminati si occupano delle conseguenze della mancata iscrizione al ruolo degli agenti di affari in mediazione, che la legge n. 39/1989 eleva a requisito soggettivo positivo. L'art. 2 della legge e gli artt. 4 e 5 del regolamento di attuazione n. 452/1990 si occupano, invece, di fissare i requisiti strettamente personali che sono necessari per ottenere detta iscrizione al ruolo, distinguendoli tra requisiti di carattere professionale e requisiti di carattere morale e personale. I primi, contenuti nelle lettere d) ed e) del terzo comma dell'art. 2, consistono nel conseguimento del diploma di scuola secondaria di secondo grado di indirizzo commerciale o della laurea in materie commerciali o giuridiche, ovvero nel superamento di un esame diretto a valutare l'attitudine e la capacità professionale del candidato, in relazione al settore di mediazione prescelto. I secondi, contenuti nelle lettere a), b), c), riguardano gli aspetti della cittadinanza e della residenza, nonché il godimento di diritti civili. Si analizzeranno di seguito tali requisiti di carattere morale e personale 24. Si consideri dapprima la lettera a), che ai fini dell'ottenimento dell'iscrizione richiede agli interessati di "essere cittadini italiani o cittadini di uno degli Stati membri della Comunità economica europea, ovvero stranieri residenti nel territorio della Repubblica italiana e avere raggiunto la maggiore età". Riguardo al requisito della maggiore età sorge il dubbio circa la possibilità che l'attività sia svolta dal minore emancipato. In base all'art. 397 c.c. (Emancipato autorizzato all'esercizio di un'impresa commerciale), che abilita l'emancipato all'esercizio di un'impresa commerciale dietro l'autorizzazione del tribunale, sentito il curatore e previo parere del giudice tutelare, il dubbio sembra potersi risolvere nel senso che il minore emancipato, se dotato di tutti gli altri requisiti dettati dalla legge speciale, può sia continuare sia iniziare un'impresa di mediazione. In secondo luogo, per quanto riguarda il requisito della residenza, la norma non si esprime in modo chiaro, poiché non sembra coordinare in maniera soddisfacente i requisiti della cittadinanza e quello della residenza. Infatti, la lettera a) si rivolge ai cittadini italiani, ai cittadini residenti in uno degli Stati membri dell'unione Europea ed agli stranieri residenti nella Repubblica italiana. Sembrerebbe pertanto che il requisito della residenza nel territorio dello Stato sia previsto solo con riguardo ai cittadini italiani e agli stranieri extra-comunitari. 24 DI CHIO G., voce Mediazione e mediatori, in Dig. Disc. Priv., Sez. Comm., Torino, 1993, vol. XIX, p. 402 s. 11

16 D'altra parte, però, la successiva lettera c), nell'elevare a requisito essenziale anche l'iscrizione alla Camera di commercio nel cui ruolo il mediatore intende iscriversi, si rivolge tanto ai cittadini italiani ed extra-comunitari, quanto a quelli comunitari. Se in passato il Ministero dell'industria era intervenuto precisando che l'obbligo di residenza vale per tutti i cittadini (italiani e stranieri) che si trovino sul territorio italiano non per diporto o temporaneo soggiorno, tale soluzione sembra tuttavia contrastare con i principi di libertà di stabilimento, di espressione e di iniziativa imprenditoriale in qualsiasi Stato comunitario. Una risposta definitiva è stata data dal D.M. n. 452/1990: in base all'art. 5, i cittadini CEE possono mantenere la residenza nel Paese di origine essendo sufficiente, al fine dell'iscrizione ai ruoli, la semplice elezione di un domicilio in Italia. Infine, il compito di provvedere alle iscrizioni nel ruolo e alla tenuta dello stesso è assegnato alla Commissione centrale presso il Ministero dell'industria, commercio e artigianato. Ad essa spettano funzioni di controllo, consultive e decisionali: in particolare, essa dovrà esaminare i ricorsi degli agenti di affari in mediazione e definire le materie e le modalità dell'esame di cui sopra (artt. 4 e 7 legge n. 39/1989, artt. 6 e 9 D.M. 452/1990). Alla luce di quanto detto si comprende l'importanza fondamentale che il legislatore ha voluto attribuire all'iscrizione nel ruolo, che si configura pertanto come un adempimento imprescindibile per l'esercizio dell'attività I requisiti soggettivi negativi Per quanto concerne i requisiti negativi, l'art c.c., secondo comma, richiede l'inesistenza di "rapporti di dipendenza, di collaborazione o di rappresentanza" tra il mediatore e le parti dell'affare. Nel caso del rapporto di rappresentanza, la ragione dell'inammissibilità è chiara e si basa su considerazioni di ordine logico. Per definizione il rappresentante è legittimato a concludere direttamente un affare in nome e nell'interesse del rappresentato, producendo effetti che ricadono direttamente nella sua sfera giuridica. In questo senso, manifestando la sua volontà nel nome e per conto di terzi, il rappresentante svolge un'attività a carattere prettamente giuridico, mentre il mediatore svolge un'attività di carattere materiale, che mira ad avvicinare le pretese delle parti fino a giungere alla conclusione del contratto. Appare evidente che il soggetto, trovandosi nella duplice veste di mediatore e di rappresentante, non potrà segnalare a sé stesso l'affare o persuadere sé stesso a concluderlo: in questo modo, infatti, il soggetto si trasformerebbe in mediatore di sé stesso 25. Una conclusione identica vale anche se non si crea 25 TROISI B., cit., p. 54; MINASI M., voce Mediazione (dir. priv.), in Enc. del dir., Giuffrè, Milano, 1976, vol. XXVI, p. 40; CATAUDELLA A., voce Mediazione, in Enc. Giur. Trecc., Roma, 1990, vol. XIX, p. 4; 12

17 un conflitto di interessi tra rappresentante e rappresentato per la predeterminazione del contenuto del contratto da parte del rappresentato 26. La rappresentanza implica lo svolgimento di un'attività giuridica estranea all'opera di intermediazione, ciò trovando conferma nell'osservazione che l'incompatibilità in oggetto viene meno solo nel momento in cui l'affare sia concluso e il rapporto di mediazione si sia estinto 27. Solo in quel momento, colui che ha favorito la conclusione dell'affare "potrà essere incaricato da una delle parti di rappresentarla negli atti relativi all'esecuzione del contratto concluso con il suo intervento" (art c.c.). Si ammette, invece, il cumulo nello stesso soggetto delle due qualità di nuncius e di mediatore 28. Infatti, il nuncius si limita a riportare una dichiarazione per conto di un altro soggetto e questo non contrasta con la natura giuridica della mediazione; anzi, tale attività di riferire le reciproche richieste è funzionale al raggiungimento dell'accordo e rappresenta pertanto una funzione tipica dell'attività mediatoria. Molto più discussa, almeno fino all'introduzione della nuova normativa, era invece l'incompatibilità tra la mediazione ed i vincoli di dipendenza e di collaborazione con una delle parti dell'affare. Esistono due tesi diverse sul fondamento di tale incompatibilità: una si basa sul concetto di indipendenza, l'altra sul concetto di imparzialità. Secondo il primo orientamento, l'incompatibilità troverebbe la sua ragion d'essere nell'esigenza di assicurare l'indipendenza del mediatore 29 ; a questo proposito, occorre fare alcune considerazioni sul significato del termine "indipendenza". Come rileva taluno autore, infatti, se la dipendenza è intesa come una situazione di subordinazione alle altrui direttive, ne deriva che tale indipendenza verrà meno solo se l'intermediario sia tenuto a svolgere la sua attività mediatoria per un rapporto di lavoro subordinato che lo leghi ad una delle parti 30. Tuttavia, sulla base di questa considerazione non è possibile spiegare l'esclusione anche dei rapporti definiti "di collaborazione", in quanto tali rapporti, per definizione, non comportano alcuna subordinazione. A tale riguardo, si giungerà a conclusioni differenti a seconda che si adotti un'interpretazione estensiva o restrittiva dell'espressione "rapporti di collaborazione". Nel caso di interpretazione estensiva, ad essa sarebbero ricondotti tutti i rapporti nei quali un soggetto sia tenuto ad una determinata prestazione nei confronti di un altro. Laddove l'attività CARRARO L., La mediazione. 2 ed. agg.. Padova: CEDAM. 37; AZZOLINA U., La mediazione, in Tratt. Vassalli, Torino, 1957, vol. VIII, tomo 2, fasc. 2, p Cfr. Cass. 25 febbraio 1987, n. 1995, in Foro it., Rep., 1987, voce Mediazione, n VISALLI N., cit., p MINASI M., cit., p. 40; TROISI B., cit., p. 54; VISALLI N., cit., p. 33 s.. In giurisprudenza, Cass. 16 dicembre 1971, n. 3668, in Foro it. mass., 1971, Cass. 24 luglio 1961, n. 1781, in Mass. giur. lav., 1961, p. 410; Cass. 7 luglio 1980, n. 4340, in Giust. civ., 1981, I, p. 111; 30 CATAUDELLA A., cit., p. 4. In merito all'attività di mediazione svolta dall'amministratore sociale si veda MUSATTI A., Avvocati e avvocatura. Mediazione dell'amministratore di società, in Foro it., 1950, vol. LXXIII, parte I, p ss. 13

18 di mediazione fosse dovuta in attuazione di un preesistente rapporto giuridico sarebbe esclusa l'esistenza della mediazione, poiché la stessa attività non si potrebbe configurare al tempo stesso come rapporto di mediazione e come un altro rapporto diversamente disciplinato. D'altra parte, l'interpretazione restrittiva della formula "rapporti di collaborazione" è considerata dallo stesso autore una soluzione inaccettabile, per almeno due ragioni. Da un lato, sarebbe estremamente complicato per l'interprete individuare la linea di confine tra i rapporti che vanno considerati di collaborazione e quelli che non sarebbe possibile ricondurre a tale categoria. Dall'altro, anche nel caso in cui si riuscisse ad operare questa distinzione, si dovrebbe considerare mediazione l'attività svolta in attuazione di rapporti giuridici non rientranti tra quelli di collaborazione, il che non è ammissibile perché significherebbe incorrere nel problema prospettato sopra, ossia quello di inquadrare al tempo stesso l'attività in due rapporti distinti. La ratio sembra essere, per l'autore, quella di escludere la mediazione solo nelle ipotesi in cui l'attività mediatoria sia dovuta in esecuzione di obblighi propri del rapporto di dipendenza o di collaborazione 31. Deve sussistere, cioè, un rigoroso nesso di causa ed effetto fra tali rapporti, obiettivamente considerati, e la messa in relazione delle parti. In altre parole, in mancanza di tale nesso, l'attività non sarà dovuta e l'intermediario potrà senza problemi vestire il ruolo di mediatore pur essendo legato ad una parte da rapporti di dipendenza o collaborazione 32. Peraltro, se il legislatore avesse voluto esprimersi in maniera più ampia, includendo anche il caso in cui il mediatore sia dipendente o collaboratore di una delle parti, si sarebbe espresso diversamente, usando la locuzione "senza essere dipendente o collaboratore di una di esse " 33. Ma un'interpretazione in termini assoluti dell'art c.c. non è imposta dalla disposizione, in quanto il collegamento tra l'attività di messa in relazione ed il rapporto di dipendenza o collaborazione può essere realizzato, senza violare il senso della disposizione, attribuendo all'inciso "senza essere legato" il significato pressoché equivalente di "senza che la sua attività dipenda dal legame". Cogliendo il profilo dinamico di tali rapporti, ciò che è incompatibile con la mediazione è la struttura obiettiva dei medesimi, non già la qualità di collaboratore o di dipendente dell'intermediario, il quale esercitando le attività inerenti a tali rapporti contribuisce a formare il consenso delle parti, ossia a realizzare uno degli elementi cardine dell'attività mediatoria In questo senso, Cass. 14 marzo 1984, n. 1750, in Foro it. Rep., 1984, voce Mediazione, n. 5, considera la mediazione incompatibile per difetto di indipendenza solo quando sussiste un rapporto "che rende riferibile al dominus l'attività dell'intermediario". In dottrina, TROISI B., cit., p. 55, conviene nell'affermare che l'incompatibilità di cui all'art c.c. non vada intesa in senso assoluto. 32 In questo senso CATAUDELLA A., cit., p. 4; VISALLI N., cit., p VISALLI N., cit., p CATAUDELLA A., op. loc. citt. 14

19 Riassumendo, lo scopo perseguito dal legislatore è quello di evitare che l'intermediario sia gravato da un obbligo giuridico nello svolgimento della sua attività, poiché in quel caso sarebbe tenuto alla messa in relazione delle parti non come fine ultimo, bensì come adempimento di un obbligo derivante da un altro rapporto. Tuttavia, questo ragionamento è stato notevolmente ridimensionato dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, che introduce delle limitazioni e restringe notevolmente il quadro di questa riflessione. Infatti, l'art. 5, comma 3, stabilisce che l'esercizio dell'attività di mediazione è incompatibile con qualunque impiego pubblico o privato, con l'iscrizione ad albi, ordini, ruoli o registri simili, nonché con l'esercizio in proprio del commercio relativo alla specie di mediazione che si intende esercitare. L'ampiezza del divieto è giustificata dall'esigenza di professionalità da parte del mediatore, che si è voluta garantire agli utenti attraverso l'istituzione di un ruolo per i mediatori. Alla luce di questa disposizione non servirà più distinguere né se l'attività diversa è svolta in favore di terzi o di una delle parti intermediate, né se l'attività mediatoria costituisca o meno esecuzione di obblighi assunti nei confronti di una delle parti. Pertanto, tutte le osservazioni fatte in precedenza rimarranno valide in misura molto limitata, dal momento che, pur non abrogando l'art c.c., la nuova normativa restringe decisamente l'ambito di applicazione della disposizione, limitandola a casi rari. Infatti, la sola eccezione è contenuta nella lettera a), dove si stabilisce che gli unici impieghi compatibili con la mediazione sono quelli svolti presso imprese o società aventi per oggetto l'esercizio di attività di mediazione. In questo caso l'intermediario sarà legittimato a svolgere l'attività mediatoria, a condizione che lo faccia nell'interesse del suo datore di lavoro, per un affare che non rientra nell'ambito del servizio da lui prestato. 1.5 Il c.d. dovere d'imparzialità del mediatore La seconda tesi sul tema dell'incompatibilità tra l'attività mediatoria e i rapporti di dipendenza e di collaborazione si spiega con l'esigenza di "imparzialità" del mediatore 35. Si sostiene che, pur mancando un'esplicita disposizione normativa, il carattere dell'imparzialità emerge chiaramente dall'interpretazione sistematica del testo dell'art c.c., che afferma in modo chiaro che tra l'intermediario e le parti dell'affare non deve sussistere alcun legame CARRARO L., cit., p. 68 ss.; STOLFI M., cit., p. 5. Per la giurisprudenza più recente in tal senso: Cass. 7 luglio 1980, n. 4340, in Giust. civ. mass., 1980, fasc. 7; Cass. 13 gennaio 1982, n. 186, in Giur. It., 1983, I, 1, 820; Cass. 23 febbraio 1982, n. 1121, in Giust. civ. mass., 1982, fasc. 2; Cass. 28 febbraio 1986, n. 1294, in Arch. civ., MINASI M., cit., p

20 Tuttavia, secondo l'orientamento opposto, il fatto che il soggetto intermediario sia legato ad una delle parti dai rapporti indicati nella disposizione civilistica non comporta necessariamente che il suo operato sia parziale, a maggior ragione se l'attività che svolge non è collegata a tale rapporto 37. Se il legislatore avesse effettivamente voluto far discendere una presunzione iuris et de iure di mancanza di imparzialità del mediatore sulla base di tali rapporti, non si spiegherebbe il silenzio con riguardo ad altre ipotesi nelle quali il rischio di imparzialità sarebbe molto più grande, come il caso di rapporti di parentela o di coniugio fra il mediatore ed una delle parti. Se si decide di appoggiare la tesi basata sull'imparzialità del mediatore occorre procedere con ordine, perché in dottrina e in giurisprudenza il requisito dell'imparzialità si delinea in diversi modi. A volte si configura come un elemento essenziale della mediazione, altre come un obbligo a carico del mediatore nello svolgimento della sua attività, altre ancora come un onere da sopportare per maturare il diritto alla provvigione. Per quanto concerne la prima di queste tre visioni, sostenuta dalla costante giurisprudenza e da una parte della dottrina, dai lavori preparatori del codice civile (relazione ministeriale n. 724) emerge che il mediatore non può operare nell'interesse di una sola delle parti, per evitare di attenuare o escludere la sua imparzialità, che si configura come l'elemento caratteristico dell'obbligo del mediatore 38. Tuttavia, pur ammettendo che in questi casi il legislatore neghi all'intermediario la qualifica di mediatore perché non sarebbe garantita la sua imparzialità, non sembra peraltro che si possa arrivare a considerare detta imparzialità un elemento essenziale della mediazione 39. Ora, l'imparzialità non attiene alla situazione obiettiva di un soggetto rispetto ad altri, bensì al modo in cui tale soggetto esercita la sua attività. Essendo legato allo svolgimento dell'attività, quindi al momento esecutivo della fattispecie mediatoria, il carattere di imparzialità si potrà configurare piuttosto come un obbligo discendente dal 37 CATAUDELLA A., cit., p. 4; VISALLI N., cit., p. 34 s. 38 In favore di questa tesi AZZOLINA U., cit., p. 248 e, in giurisprudenza, Cass. 13 gennaio 1982, cit.; App. Milano, 19 gennaio 1982, in Arch. civ., 1982, II, 745; Cass. 28 febbraio 1986, cit.; Cass. 25 febbraio 1987, n. 1995, cit.. In senso contrario STOLFI M., cit., p. 5; LENZI G., Sulle differenze fra mediazione e figure affini e sul dovere di imparzialità del mediatore, in Giur. it., 1983, parte I, p. 822, il quale osserva che "in nessun modo le affermazioni della relazione ministeriale possono integrare il testo di legge [poiché], com'è noto, i lavori preparatori possono fornire elementi per l'interpretazione delle norme, ma non possono creare norme inesistenti, e nemmeno giustificare deduzioni esegetiche alle quali possono contrapporsene altre più valide, fondate sui testi di legge". 39 In questo senso la dottrina più diffusa: tra gli altri CATAUDELLA A., cit., p. 4; MINERVINI G., Agente occasionale o mediatore parziale?, in Giurisprudenza Completa della Corte Suprema di Cassazione Sez. Civili, 1951, serie II, vol. XXX, 1 quadrimestre, p. 91, secondo il quale "se [ ] si ammetta la possibilità di un incarico di mediazione ex una parte, per la disciplina di tale ipotesi andranno disapplicate [le norme] la cui ratio riposi unicamente sulla duplicità degli incarichi conferiti dal mediatore: fra cui in primis l'art comma I. e in generale il principio dell'obbligatoria imparzialità del mediatore, che su tale duplicità essenzialmente si fondano". Per la giurisprudenza: Cass. 20 aprile 1959, in Foro it., Rep. 1959, voce Mediazione, n ; Cass. 24 luglio 1961 e Cass. 26 ottobre 1961, in Foro it., Rep. 1961, voce cit., n. 9 e

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

RUOLO DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Formazione e tenuta

RUOLO DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Formazione e tenuta RUOLO DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO Formazione e tenuta Claudio Venturi ALBI E RUOLI - Ruolo degli agenti di commercio Scheda n. 3 Settembre 2006 Pag. 1/42 RIFERIMENTI NORMATIVI Codice Civile:

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Oggetto: Parere legale sulla legittimità dell affidamento esterno di collaudi di opere pubbliche a dipendenti della Pubblica Amministrazione. A v v. V I T T O R I N O C A G N O N I PATROCINANTE IN CASSAZIONE A v v. S A N D R A B O N F E A v v. A L E S S A N D R O C A G N O N I A v v. E M I L I A N O C A G N O N I A v v. F E D E R I C O C A G

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CASI ministro di qualunque culto giornalista professionista mediatore

CASI ministro di qualunque culto giornalista professionista mediatore CASI I. FATTISPECIE SOGGETTIVE Per orientare gli Ordini Locali nella valutazione dei singoli casi si ricordano e fanno proprie le seguenti definizioni: 1. Per ministro di qualunque culto, il diritto canonico

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli