[Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "[Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore"

Transcript

1 [Numero 26 - Articolo 4. Maggio 2008] Buprenorfina: Nuovi trucchi con una vecchia molecola per la gestione del dolore Titolo originale: "Buprenorphine. New Tricks With an Old Molecule for Pain Management" Rivista e Riferimenti di pubblicazione: Clin J Pain volume 24, numero 2, Febbraio 2008 Recensione a cura di: Alberto Andrani Indirizzo dell'articolo: Visita Parole chiave: Buprenorfina, Tossicodipendenza, Dolore nel Tossicodipendente Introduzione La buprenorfina sottolinguale (S/L) ha un ruolo ben definito nel trattamento della dipendenza da oppioidi, ma riconquista popolarità come analgesico principale. La buprenorfina S/L, come il metadone, può essere usata per due principali indicazioni: per il trattamento della dipendenza da oppioidi e per il trattamento del dolore, ma per le sue caratteristiche, pone un interessante sfida al medico prescrittore. Per un appropriata prescrizione di questo farmaco devono essere conosciute le sue caratteristiche farmacocinetiche e farmcodinamiche, e deve essere osservata un appropriata valutazione e selezione dei pazienti al fine di ottimizzarne l impiego nel trattamento del dolore e nel trattamento della dipendenza da oppioidi o nella condizione di comorbidità di entrambi. La presenza di dolore nei pazienti tossicomani non è comune, ma i sanitari devono sapere che il dolore può presentarsi con modalità differenti e può essere trattato in modi differenti. Questo articolo esamina le diverse modalità di presentazione del dolore e fornisce delle indicazioni utili per il trattamento con buprenorfina S/L, associata o meno a naloxone (Suboxone o Subutex), dei pazienti con dolore, che sono, a causa della loro dipendenza, in terapia con agonisti degli oppioidi Farmacologia della Buprenorfina La buprenorfina è un oppioide semisintetico altamente liopofilo che deriva da un alcaloide della morfina: la tebaina. E un agonista parziale dei recettori µ e antagonista dei recettori ĸ. Gli effetti del legame col recettore µ si traducono in analgesia centrale, depressione respiratoria e miosi; il legame antagonista col recettore ĸ è associato a parziale analgesia spinale, disforia ed effetti simpaticomimetici. La buprenorfina, essendo un parziale agonista del recettore µ, può avere un ampio profilo di sicurezza comparato con gli oppioidi agonisti completi del recettore µ, specialmente riguardo la depressione respiratoria. Inoltre la lenta dissociazione della buprenorfina dai recettori µ e ĸ può determinare minori sintomi di astinenza rispetto agli agonisti totali dei recettori µ, come la morfina, l eroina e il metadone, alla sospensione della terapia. La buprenorfina possiede una così elevata affinità per i recettori µ da determinare un effetto blocco, rispetto agli altri oppioidi, che tipicamente persiste per più di 24 ore in monosomministrazione giornaliera o persino più a lungo se opportunamente dosata, per il trattamento della dipendenza da oppioidi. L efficacia analgesica è raggiunta con una relativamente bassa occupazione recettoriale del 5-10%. La riduzione dell effetto antalgico non sembra legato alla concentrazione plasmatica del farmaco, poiché il distacco dal sito recettoriale non è direttamente proporzionale alla concentrazione plasmatica. La buprenorfina è almeno volte più potente della morfina, con un effetto analgesico evidenziabile in un intervallo da 0.1 a 10 mg. Nell esperienza clinica degli Autori, la buprenorfina, come il metadone, è frazionata in tre o quattro volte al giorno nel trattamento del dolore. Questo frazionamento della dose di buprenorfina S/L, però, non è documentato nella letteratura. L alta affinità della buprenorfina per il sito recettoriale, può interferire con l efficacia degli altri oppioidi, agonisti completi dei µ recettori; infatti la buprenorfina, come gli altri agonisti parziali, è controindicata nei pazienti oppioido-dipendenti perché potrebbe causare severe crisi di astinenza; inoltre la sua efficacia presenta un effetto tetto e ad alte dosi inizia a comportarsi come un antagonista. L alta affinità recettoriale e l effetto tetto, però, conferiscono un più alto profilo di sicurezza clinica e un più basso livello di dipendenza fisica e spesso minori sintomi di astinenza alla sospensione, dopo somministrazioni protratte, rispetto al metadone. La biodisponibilità della buprenorfina è bassa a causa dell ampio metabolismo che subisce al primo passaggio epatico. La somministrazione per via sottolinguale permette di bypassare il primo passaggio epatico e aumentare così la

2 propria biodispobilità. La buprenorfina è ben assorbita per via sottolinguale con il 60-70% della biodisponibilità della dose endovenosa. Il farmaco è ampiamente distribuito con un picco di concentrazione plasmatica approssimativamente di 90 minuti e un emivita di 4-5 ore. La buprenorfina è lipofila e i livelli raggiunti nel tessuto cerebrale superano di gran lunga quelli sierici. Essa si lega altamente alle proteine del plasma ed è inattivata per via enzimatica mediante deacilazione e coniugazione. E principalmente metabolizzata a metabolici coniugati e inattivi, ma la nor-buprenorfina, un prodotto della N-deacilazione enzimatica, ha effetti depressivi sul respiro, maggiori della molecola di origine. I prodotti contenenti buprenorfina come il Suboxone e Subutex sono i soli attualmente approvati per il trattamento della dipendenza da oppioidi dal Drug Addiction Treatment Act del 2000 ( DATA 2000 ). Il DATA permette, in caso di dipendenza, il trattamento oppioide sia con buprenorfina da sola che associata al naloxone. Il prodotto di combinazione Suboxone è disponibile in compresse da 2 e 8 mg di buprenorfina associate rispettivamente a 0,5 e 2 mg di naloxone, mentre il Subutex contiene solo buprenorfina. Il naloxone è scarsamente assorbito per via sub linguale ma determina crisi di astinenza se somministrato per via parenterale a un tossicodipendente da oppioidi riducendo in questo modo il rischio di uso fraudolento, per via parenterale, del farmaco. Dolore La modalità di trattamento del dolore in un paziente che usa buprenorfina S/L per una dipendenza da oppioidi, richiede un approccio individualizzato che dipende a sua volta dal tipo di dolore di cui il paziente è affetto. Il dolore in questo caso può essere classificato come segue: 1. Dolore acuto prevedibile 2. Dolore acuto imprevisto 3. Dolore acuto sopraggiunto in corso di dolore cronico 4. Dolore cronico I dati della letteratura suggeriscono che per trattare un paziente in terapia con oppioidi agonisti con buprenorfina S/L, si deve sospendere la buprenorfina S/L per poi riprenderla se il dolore si risolve. Ciò può non essere necessario in alcuni casi, come si può notare dai seguenti casi clinici. In certe circostanze si può evitare di far cadere un paziente in crisi di astinenza, alla sospensione degli oppioidi agonisti completi, per passare alla buprenorfina. In tutti i casi studiati era stato stabilito un piano di trattamento coerente con l Universal Precautions della Medicina del dolore (Tabella 1). I pazienti venivano esaminati, tramite l esame delle urine, sia per gli oppioidi naturali che per gli oppioidi semisintetici, mediante il test immunoassay che in caso positivo veniva confermato dal test con gas-cromatografia/spectrometria di massa. I 10 principi delle Precauzioni Universali 1. Diagnosi con eventuale D. differenziale 2. Valutazione psicologica con il rischio di dipendenza 3. Consenso Informale ( verbale e scritto/firmato ) 4. Accordo al trattamento ( verbale e scritto/firmato ) 5. Valutazione pre/post-intervento del dolore e della funzionalità 6. Giudizio appropriato sulla terapia con oppioidi ± farmaci aggiuntivi 7. Revisione del punteggio del dolore e del livello di funzionalità 8. Stima regolare delle Quattro A della medicina del dolore: Analgesia, Attività, reazioni Avverse, comportamenti Aberranti 9. Revisione periodica del dolore e delle comorbidità, compresi i disturbi da dipendenza

3 10. Documentazione Tabella 1 Dolore acuto prevedibile Le procedure dolorose così come la chirurgia di elezione possono essere programmate. Questo offre sia al paziente sia al medico l opportunità di pianificare e ottimizzare la gestione di questo tipo di dolore. Il dolore di tipo moderato o severo che si può associare a queste procedure può essere controllato dalla buprenorfina nel paziente non NPO ( nihil per os ). In molti casi il dolore può essere controllato titolando la buprenorfina S/L in 3 o 4 dosi frazionate nella giornata. Se è necessario un farmaco per il dolore episodico ( breakthrough ), si può considerarne l uso di uno molto efficace come il fentanyl transmucosale in pasticche o il fentanyl in compresse buccali o l idromorfone. La meperidina è sconsigliata a causa dei suoi effetti antistaminici e anticolinergici e per la possibilità di accumulo dei suoi metabolici tossici ( normeperidina ). La Società Americana del Dolore ne ha sconsigliato l uso nel dolore cronico. Peraltro, l alta affinità per i recettori µ della buprenorfina che determina un cosiddetto effetto blocco sugli stessi, sconsiglia l uso della meperidina in pazienti in trattamento con la buprenorfina S/L. E importante notare che sebbene l aggiunta di un oppioide µ agonista parziale ad un paziente in trattamento con oppioidi µ agonisti completi, possa indurre una severa crisi di astinenza, l inverso non è possibile. Benché la risposta analgesica può essere decisa, si possono sempre aggiungere gli oppioidi agonisti completi ai pazienti in trattamento con buprenorfina, senza paura di scatenare una crisi di astinenza. Tuttavia particolare attenzione deve essere posta durante la titolazione a causa dell imprevedibile sensibilità dei recettori µ. Caso clinico K.C. è una giovane di 24 anni con una lista di problemi che comprendono dipendenza dal Percocet (associazione tra Ossicodone e Acetominofene ) con ansia e depressione. La paziente ha una storia di prescrizioni fraudolente di oppioidi. Fu messa in trattamento e stabilizzata con 16 mg di Subutex insieme ad un appropriato trattamento delle malattie concomitanti. Dopo 6 anni, in seguito ad un incidente, riportò la rottura del tendine tibiale posteriore che richiese un intervento chirurgico di riparazione. Alla paziente, subito l intervento, fu applicata una pompa di fentanyl controllata dalla stessa paziente. La dose di Subutex fu incrementata a 8 mg per tre volte al dì. Alla dimissione fu prescritto alla paziente Idromorfone da 2 a 4 mg al dì per un periodo di 6 settimane. Poco dopo tornò al precedente dosaggio di 16 mg di Subutex. La ricerca degli oppioidi nelle urine, effettuata in tempi diversi, risultò positiva e negativa coerentemente con l assunzione dei farmaci prescritti. Anche il conteggio delle pillole ai vari controlli risultò rispettato. Il paziente continua con successo il programma di recupero. Dolore acuto imprevisto Diversamente dal dolore prevedibile, quando si può preparare il paziente, alcuni pazienti presentano dolore imprevisto come accade in seguito a traumi o altre emergenze chirurgiche. Il paziente può presentare dolore da moderato a severo che può essere adeguatamente trattato frazionando le dosi del farmaco di mantenimento. La titolazione sino a 8 mg 3 o 4 volte al dì può adeguatamente controllare il dolore acuto. In questi casi il dolore breakthrough può essere controllato mediante la pasticca di fentanyl transmucoso o le compresse di fentanyl buccale o di idromorfone. Se il paziente è NPO ( nihil per os ), allora la buprenorfina può non essere un farmaco di scelta come analgesico. Sebbene sia ragionevole pensare che la buprenorfina S/L possa essere usata in questa situazione, tuttavia l assorbimento del farmaco può essere imprevedibile. La biodisponibilità della buprenorfina S/L è approssimativamente del 55%, con ampia variabilità individuale.

4 Caso clinico B.R. un uomo di 42 anni con una storia di 25 anni di dipendenza da molteplici sostanze con una particolare predilezione per l ossicodone a rilascio controllato. Egli era trattato e stabilizzato con Suboxone 2/0,5 mg, due tavolette una volta al dì. In seguito ad un incidente di lavoro subì ina profonda lacerazione al polso. Egli fu curato ambulatorialmente e fu aumentato il Suboxone da 2/0,5 mg sino a 4 volte al dì per una settimana. Il paziente continua con successo il programma di recupero con ricerca degli oppioidi nelle urine negativa. Dolore acuto sopraggiunto in corso di dolore cronico Nel caso di assunzione di buprenorfina in dosi frazionate per il controllo del dolore cronico, moderato/severo, si può aggiungere, in caso di dolore acuto sopraggiunto, un oppioide ad immediato rilascio, con alta potenza e affinità recettoriale come il fentanyl transmucoso o il fentanyl in compresse buccali o l idromorfone. Caso Clinico S.T. è una donna di 59 anni con una storia di fibromialgia, malattia degenerativa delle articolazioni da osteoartrite e neuropatia periferica di etiologia sconosciuta. Nega qualsiasi precedente di abuso o dipendenza da farmaci. Ma la ricerca nelle urine era positiva per idrocodone, idromorfone e barbiturici. Alcuni dei farmaci erano ottenuti tramite internet ed altri tramite doctor shopping. Fu stabilita una diagnosi principale di dipendenza e una secondaria di dolore cronico. La paziente fu messa in trattamento e stabilizzata con ½ compressa di suboxone 8/2 mg per quattro volte al dì. Sei mesi dopo la paziente subì la fusione delle vertebre cervicali da C3 a C6. Alla paziente, subito l intervento, fu applicata una pompa di fentanyl controllata dalla stessa paziente. La dose di Subutex non fu cambiate. Alla dimissione fu prescritto alla paziente Idromorfone da 2 a 4 mg al dì per un periodo di 4 settimane. La ricerca degli oppioidi nelle urine, effettuata in tempi diversi, risultò positiva e negativa coerentemente con l assunzione dei farmaci prescritti. Anche il conteggio delle pillole ai vari controlli risultò rispettato. La paziente continua con successo il proprio programma di recupero. Dolore cronico I pazienti in terapia con buprenorfina S/L, nella maggior parte dei casi, assumono l intera dose in un unica volta al giorno. Nel dolore cronico il paziente in trattamento con buprenorfina S/L può suddividere l intera dose in tre o quattro assunzioni al giorno per poi titolare il farmaco sino a raggiungere l efficacia voluta. Questa è l opinione degli autori, secondo i quali la durata d azione analgesica della buprenorfina nel dolore cronico è di circa 6-8 ore. In realtà non ci sono dati, nella letteratura scientifica, sulla durata d azione della buprenorfina S/L. Un unica dose giornaliera, in alcuni pazienti, può fornire sollievo dal dolore per più di 24 ore, specialmente in quelli con sindrome d astinenza da oppioidi a breve durata d azione e a rilascio immediato. Come agonista parziale, possiede una dose tetto che varia da 6 a 8 mg tre o quattro volte al dì per una dose massima totale di 32 mg al dì. Se questa dose non è in grado di ridurre il dolore, si può ricorrere alla rotazione con un agonista completo per i recettori µ. Caso clinico W.C. è una donna di 55 anni con dipendenza da diverse sostanze e in particolare dalla morfina solfato Contin che la paziente mastica. La paziente giustificava l utilizzo dei farmaci con il bisogno di alleviare il dolore conseguente alle 8 operazioni subite alle spalle. Fu trattata e stabilizzata con 1 cpr di Suboxone 2/0.5 mg quattro volte al di. Questo trattamento aveva eliminato il craving per l uso illecito di farmaci e aveva ridotto il suo dolore di spalle. Il punteggio del dolore passò da 6 a 1 o 2. La paziente continua con successo il programma di recupero con ricerca degli oppioidi nelle urine negativa. Conclusioni degli autori Con una appropriata conoscenza delle caratteristiche farmacocinetiche e farmacodinamiche della Buprenorfina sublinguale, i sanitari possono usare questo farmaco per il trattamento del dolore, della dipendenza da oppioidi e per il trattamento dei pazienti con la presenza

5 concomitante di dolore e dipendenza. Questo articolo può essere lo spunto per studi prospettici di lunga durata sul trattamento con buprenorfina S/L dei pazienti che sono in terapia con oppioidi agonisti. Sino a che questi studi non saranno disponibili, il trattamento del dolore sarà basata sull arte e sulla scienza con la prima che gioca un ruolo importante. Rilevanza per la medicina generale Per le sue caratteristiche farmacologiche, descritte in modo approfondito nell articolo, la buprenorfina sublinguale trova scarso uso, nel setting della medicina generale, come analgesico. Tuttavia è possibile il riscontro di pazienti in trattamento con buprenorfina per la loro malattia di dipendenza da oppiacei, che richiedano un adeguato trattamento per l insorgenza concomitante di sindromi dolorose; in questo caso la conoscenza del complesso meccanismo d azione e delle interferenze di questo farmaco, diviene importante per il medico di famiglia pur se la gestione di questi pazienti rimane comunque di pertinenza specialistica. Commento del revisore La buprenorfina è in commercio nel nostro paese in compresse sublinguali al dosaggio di 0.2 mg con l indicazione per dolore moderato/severo (Temgesic) e in compresse sublinguali al dosaggio di 2 e 8 mg con l indicazione per il trattamento della dipendenza da oppiacei (Subutex), disponibile, quest ultimo, solo in ospedale. L articolo, con i casi clinici presentati, pur evidenziando i brillanti risultati ottenuti nel controllo del dolore nei pazienti con dipendenza da oppiacei, conferma la consapevolezza che l uso di questo farmaco richieda una conoscenza e un esperienza della sua gestione che esulano dalle competenze del medico di medicina generale Progettoasco.it

ALLEGATO I. Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio

ALLEGATO I. Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio ALLEGATO I Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Conclusioni scientifiche - Sindrome da astinenza: Con Effentora/Actiq si

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR IDROMORFONE

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR IDROMORFONE RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI CLORIDRATO ATC N02AA03 (JURNISTA ) Presentata da Componente Commissione Prontuario Terapeutico Regionale In data: novembre 2007 Per le seguenti motivazioni (sintesi):

Dettagli

LA TERAPIA DEL DOLORE. Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento

LA TERAPIA DEL DOLORE. Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento LA TERAPIA DEL DOLORE Dott. Angelo Campagna U.O ONCOLOGIA Ospedale Fatebenefratelli Benevento DEFINIZIONE DI DOLORE "Un'esperienza sensitiva ed emotiva spiacevole, associata ad un effettivo o potenziale

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

TERAPIA DEL DOLORE ASPETTI TECNOLOGICI E NORMATIVI

TERAPIA DEL DOLORE ASPETTI TECNOLOGICI E NORMATIVI TERAPIA DEL DOLORE ASPETTI TECNOLOGICI E NORMATIVI Le raccomandazioni dell OMS (1996), per il trattamento del dolore, si basano su : - uso di formulazioni farmaceutiche ad azione prolungata; - mantenimento

Dettagli

SINDROME D ASTINENZA

SINDROME D ASTINENZA SINDROME D ASTINENZA Dipende dalla quantità di sostanza assunta e dalla velocità di eliminazione dall organismo. Nel caso del metadone i sintomi sono gli stessi, ma l insorgenza della sindrome è più lenta,

Dettagli

Gestione del Dolore Incidente

Gestione del Dolore Incidente Gestione del Dolore Incidente 1 D.E.I. Dolore Episodico Intenso ( breakthrough pain ) Sinonimi: Dolore intercorrente Dolore transitorio Dolore episodico Definizioni : Episodi dolorosi che emergono, in

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: IL DOLORE INUTILE Relatore: dott.ssa Roberta Perin inf. Rita Moretta Servizio Cure Palliative Ulss 2 Feltre Data : 21 maggio 2014 Sede: Aula Piccolotto

Dettagli

del dolore cronico Furio Zucco

del dolore cronico Furio Zucco Basi del trattamento del dolore cronico Furio Zucco Dolore: meccanismi recettoriali e siti d azione Sistema limbico Talamo Corteccia somatosensoriale Sistema mediale Formazione reticolare Sistema laterale

Dettagli

Evita il metabolismo epatico di primo passaggio. Evita picchi dei 2 principali metaboliti per la gradualità del raggiungimento dello stady state

Evita il metabolismo epatico di primo passaggio. Evita picchi dei 2 principali metaboliti per la gradualità del raggiungimento dello stady state MORFINA SOTTOCUTANEA Evita l ampia variabilità interindividuale Evita il metabolismo epatico di primo passaggio Evita picchi dei 2 principali metaboliti per la gradualità del raggiungimento dello stady

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE

STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE STRATEGIE DI TRATTAMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE Luca Luciani TOLLERANZA Fenomeno a causa del quale un consumatore di sostanze stupefacenti deve assumere dosi sempre maggiori per ottenere l effetto desiderato

Dettagli

è il termine tecnico con cui si designa un farmaco che attenua o elimina il dolore con gli analgesici si cura il sintomo ma non la causa del dolore

è il termine tecnico con cui si designa un farmaco che attenua o elimina il dolore con gli analgesici si cura il sintomo ma non la causa del dolore Analgesico è il termine tecnico con cui si designa un farmaco che attenua o elimina il dolore con gli analgesici si cura il sintomo ma non la causa del dolore Analgesico ideale EFFICACE LUNGA DURATA D

Dettagli

La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia. www.fisiokinesiterapia.biz

La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia. www.fisiokinesiterapia.biz La terapia del dolore nel paziente affetto da neoplasia www.fisiokinesiterapia.biz EPIDEMIOLOGIA L organizzazione Mondiale della Sanità ritiene che almeno 4 milioni di persone soffrano di dolore da malattia

Dettagli

Formazione cure palliative. Carpi 14/12/2013. Caso clinico

Formazione cure palliative. Carpi 14/12/2013. Caso clinico Formazione cure palliative Carpi 14/12/2013 Caso clinico Antonio ha 55 anni,è sposato ed ha 2 figli di 18 e 14 anni. E impiegato. Due anni fa è stato operato di resezione del colon ascendente per carcinoma.

Dettagli

EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE. G.Ricci. Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014

EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE. G.Ricci. Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014 EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE G.Ricci Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014 ...mugghia come bue, salta come cerbio, morde come lupo, abbaia come cane, rugghia come leone,

Dettagli

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei

Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Peptidi oppioidi e Analgesici oppiacei Farmacologia Speciale ß-Endorfina. Gangli della base. Ipofisi. Corteccia. N. arcuato ipotalamo. Amigdala. midollo allungato Encefaline Dinorfine ampia distribuzione

Dettagli

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Cristiano Chiamulera Professore Associato di Farmacologia Sezione di Farmacologia Dipartimento

Dettagli

Anestesia per il controllo del dolore: come usare gli oppioidi e non solo.. Dott. Maurizio Nocerino med.vet.

Anestesia per il controllo del dolore: come usare gli oppioidi e non solo.. Dott. Maurizio Nocerino med.vet. Anestesia per il controllo del dolore: come usare gli oppioidi e non solo.. Dott. Maurizio Nocerino med.vet. ANALGESICO IDEALE Elevata efficacia analgesica su tutte le componenti del dolore Rapido inizio

Dettagli

La Terapia del dolore

La Terapia del dolore La Terapia del dolore Corso di Introduzione alle Cure Palliative-1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Dott. Lorenzo Pasquariello Resp. SSD Terapia del Dolore Azienda USL Valle d Aosta Dolore oncologico Dolore

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI TOSSICODIPENDENZE Identificare e classificare i diversi tipi di DROGHE e SOSTANZE che provocano TOSSICODIPENDENZA Cosa significa DIPENDENZA,

Dettagli

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO II CONGRESSO NAZIONALE AIIAO L infermiere in Oncologia tra management e pratica clinica: quale futuro? Napoli 24-25 maggio 2013 VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO N. Galtarossa D. Grosso L.

Dettagli

Il Dolore Oncologico. Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca

Il Dolore Oncologico. Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca Il Dolore Oncologico Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca Il dolore neoplastico Il dolore neoplastico è una sorta di dolore globale con più componenti. fisiche, psichiche e affettive Il dolore è principalmente

Dettagli

Eleggibilità e randomizzazione

Eleggibilità e randomizzazione 1 Criteri di inclusione Diagnosi istologica o citologica di tumore solido in fase avanzata locale e/o metastatica... 2. Dolore medio giornaliero 4 misurato con NRS e riferito alle ultime 24 ore, attribuibile

Dettagli

Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA

Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA Controllo del dolore postoperatorio attraverso tecniche PCA e PNCA Questa pagina vuole essere un informativa circa il sollievo dal dolore postoperatorio per il vostro bambino attraverso l utilizzo di un

Dettagli

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti)

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti) 56 13. Alcol etilico - Proprietà farmacologiche, effetti collaterali, usi clinici. - Farmacocinetica. - Intossicazione acuta e cronica e loro trattamento. - Dipendenza e sindrome da astinenza, loro trattamento.

Dettagli

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Martedì Salute GAM 3 dicembre 2013 Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Dott. Antonio Bruno Chirurgia i Vertebrale Clinica Cellini, Torino Resp. Dott J. Demangos OSTEOPOROSI Disordine scheletrico

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE

IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE APPROCCIO AL DOLORE CRONICO BENIGNO IL DOLORE CRONICO IN MEDICINA GENERALE Luciano Bertolusso MMG - ASL CN2 Alba - Bra CHE COS E IL DOLORE (IASP) una sgradevole esperienza sensoriale ed emotiva associata

Dettagli

Quali farmaci per il trattamento del

Quali farmaci per il trattamento del Quali farmaci per il trattamento del BreakThrough h Cancer Pi Pain 1 BreakThrough Cancer Pain Non può essere trattato modificando la terapia di base Non è legato alla mancata risposta agli oppioidi Non

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro

La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli. Fabrizio Cavalloro La gestione del dolore nel paziente con mieloma: fra farmaci e consigli Fabrizio Cavalloro CHE COSA E IL DOLORE E CHE FUNZIONE HA? IL DOLORE Il dolore è una esperienza spiacevole, sensoriale ed emozionale,

Dettagli

IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely"

IMPACT PROACTIVE 2014 choosing wisely IMPACT PROACTIVE 2014 "choosing wisely" Istituzioni e Associazioni dei pazienti: doveri delle istituzioni e diritti del Cittadino, in linea con la Legge 38/2010 Rossana Monciino S.C. Farmaceutica Territoriale

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

OPPIACEI: TRATTAMENTI MIRATI ALLA DISINTOSSICAZIONE

OPPIACEI: TRATTAMENTI MIRATI ALLA DISINTOSSICAZIONE OPPIACEI: TRATTAMENTI MIRATI ALLA DISINTOSSICAZIONE [12] METADONE A DOSI SCALARI PER LA DISINTOSSICAZIONE DA OPPIACEI Amato L, Davoli M, Ferri M, Ali R. Data della prima pubblicazione CLIB 1, 2002; Ultimo

Dettagli

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo

Allegato III. Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Allegato III Modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto e del Foglio Illustrativo Nota: Queste modifiche agli specifici paragrafi del Riassunto delle Caratteristiche

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

IL FENTANIL CITRATO TRANSMUCOSALE NEL DOLORE EPISODICO INTENSO

IL FENTANIL CITRATO TRANSMUCOSALE NEL DOLORE EPISODICO INTENSO IL FENTANIL CITRATO TRANSMUCOSALE NEL DOLORE EPISODICO INTENSO Di Antonino Annetta Nel dolore oncologico si evidenziano due forme distinte: il dolore di base, definito anche cronico o persistente (background

Dettagli

TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO

TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO SITUAZIONE ALGICA MAGGIORE PERIDURALE CONTINUA Analgesia OPPURE PERINERVOSO CONTINUO + AD ORARI FISSI OPPURE ENDOVENOSO CONTINUO * + AD ORARI FISSI * in mancanza di

Dettagli

INTRODUZIONE AL CORSO DI FORME FARMACEUTICHE

INTRODUZIONE AL CORSO DI FORME FARMACEUTICHE INTRODUZIONE AL CORSO DI FORME FARMACEUTICHE Un farmaco (principio attivo PA, sostanza farmacologicamente attiva API, medicamento semplice, soatanza medicinale) è una sostanza che possiede attività terapeutica,

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

Trattamento farmacologico del dolore episodico intenso in radioterapia

Trattamento farmacologico del dolore episodico intenso in radioterapia Trattamento farmacologico del dolore episodico intenso in radioterapia Dott. Fabio Ferrarese U.O.C. Radioterapia Oncologica OC Treviso Direttore: dott. Alessandro Gava Il dolore proviene da 4 siti fondamentali:

Dettagli

Impiego di medicinali ad azione stupefacente o psicotropa in medicina veterinaria

Impiego di medicinali ad azione stupefacente o psicotropa in medicina veterinaria Impiego di medicinali ad azione stupefacente o psicotropa in medicina veterinaria Dr.ssa L. Cortese Dipartimento di Scienze Cliniche Veterinarie - Sezione Clinica Medica E-mail: lcortese@unina.it NORMATIVA

Dettagli

Dipendenza da sostanze. a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara)

Dipendenza da sostanze. a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara) Dipendenza da sostanze a cura di G Forza (Ser.T Padova) e M Morari (Università di Ferrara) Classi di sostanze 1. Alcol 2. Allucinogeni 3. Amfetamine 4. Caffeina 5. Cannabis 6. Cocaina 7. Fenciclidina 8.

Dettagli

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale.

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale. In preanestesia Disturbi d ansia Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia BDZ: uso clinico Come miorilassanti ad azione centrale Due considerazioni relative alla farmacocinetica 1. Quando

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO

LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA LINEE GUIDA PER IL TRATTAMENTO DEL DOLORE ONCOLOGICO OTTOBRE 2008 1 INTRODUZIONE Definizione di dolore: Una sgradevole esperienza sensoriale ed emotiva, associata ad un

Dettagli

Ai medici chirurghi e veterinari

Ai medici chirurghi e veterinari MODALITA DI DISTRIBUZIONE E USO DEL NUOVO RICETTARIO NELLE PATOLOGIE NEOPLASTICHE O DEGENERATIVE Riceviamo e pubblichiamo la nota inviata dal Servizio Farmaceutico Territoriale dell Azienda USL di Modena

Dettagli

TRATTAMENTO DEL DOLORE CRONICO ONCOLOGICO. Raffaele Angelo Madaio

TRATTAMENTO DEL DOLORE CRONICO ONCOLOGICO. Raffaele Angelo Madaio TRATTAMENTO DEL DOLORE CRONICO ONCOLOGICO Raffaele Angelo Madaio In Europa il 56% dei pazienti oncologici soffre almeno mensilmente di dolore moderato-severo. Il 6 % dei pazienti lamenta dolore da più

Dettagli

ASI DELL AZIONE DI UN FARMACO

ASI DELL AZIONE DI UN FARMACO ASI DELL AZIONE DI UN FARMACO Fase farmaceutica: caratterizzata dalla disponibilità farmaceutica, cioè dalla capacità della forma farmaceutica (capsule, compresse, supposte, soluzioni, aerosoli ) a cedere

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.04.2003 (Gazzetta Ufficiale 28 maggio 2003, n. 122) Modifiche ed integrazioni al decreto del Ministro della sanità del 24 maggio 2001, concernente "Approvazione

Dettagli

Richiedente Nome di fantasia Dosaggio Forma farmaceutica Via di somministrazione. 40 mg tablet uso orale. 40 mg tablet uso orale

Richiedente Nome di fantasia Dosaggio Forma farmaceutica Via di somministrazione. 40 mg tablet uso orale. 40 mg tablet uso orale Allegato I Elenco dei nomi, delle forme farmaceutiche, dei dosaggi di prodotti medicinali, delle vie di somministrazione, dei titolari dell autorizzazione all immissione in commercio negli Stati membri

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

I neurotrasmettitori

I neurotrasmettitori I neurotrasmettitori Classificazione dei farmaci in base agli effetti sulla trasmissione sinaptica AGONISTI: farmaci che facilitano gli effetti postsinaptici di un certo neurotrasmettitore ANTAGONISTI:

Dettagli

fd impraticabile o controindicata. Le formulazioni intranasali sono da considerarsi equivalenti.

fd impraticabile o controindicata. Le formulazioni intranasali sono da considerarsi equivalenti. REPORT HTA REGIONALE Decisioni CTR Data riunione: 16 novembre 2011 Decisione: INSERITO CON NOTA LIMITATIVA Nota ufficiale: la formulazione intranasale è da limitarsi ai casi in cui la via transmucosale

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

DETERMINAZIONE N. V&A n. 602 del 23 aprile 2012

DETERMINAZIONE N. V&A n. 602 del 23 aprile 2012 16 18-5-2012 ALLEGATO2 DETERMINAZIONEN.V&An.602del23aprile2012 ALCOOLSAPONATO RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1 DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Alcoolsaponatosoluzionecutanea 2 COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

VALUTAZIONE DIAGNOSTICA

VALUTAZIONE DIAGNOSTICA Università degli Studi di Catania Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Tossicologia Medica VALUTAZIONE DIAGNOSTICA Dott.ssa Loredana Galante PROCEDURE DIAGNOSTICHE (T.U. 309/90

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA GESTIONE DEL DOLORE CON FARMACI OPPIOIDI NEL PAZIENTE CON NEOPLASIA RICOVERATO PRESSO LA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA GESTIONE DEL DOLORE CON FARMACI OPPIOIDI NEL PAZIENTE CON NEOPLASIA RICOVERATO PRESSO LA PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA GESTIONE DEL DOLORE CON FARMACI OPPIOIDI NEL PAZIENTE CON NEOPLASIA RICOVERATO PRESSO LA SAN MATTEO PDTA 18 Gestione del dolore nel paziente con Rev

Dettagli

Titolare dell autorizzazione all immissione in commercio Sanofi-Synthelabo S.A. Avenue de la Métrologie 5 1130 Bruxelles Belgium.

Titolare dell autorizzazione all immissione in commercio Sanofi-Synthelabo S.A. Avenue de la Métrologie 5 1130 Bruxelles Belgium. ALLEGATO I ELENCO DEI NOMI DEI MEDICINALI, DELLA FORMA FARMACEUTICA, DEI DOSAGGI, DELLA VIA DI SOMMINISTRAZIONE, DEI TITOLARI DELL AUTORIZZAZIONE ALL IMMISSIONE IN COMMERCIO NEGLI STATI MEMBRI 1 Stato

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

[Numero 29 - Articolo 4. Settembre 2008] Efficacia degli oppiodi nel dolore cronico

[Numero 29 - Articolo 4. Settembre 2008] Efficacia degli oppiodi nel dolore cronico Stampa questa pagina Copyright Chiudi [Numero 29 - Articolo 4. Settembre 2008] Efficacia degli oppiodi nel dolore cronico Titolo originale: "Efficacy of Opioids for Chronic Pain" Rivista e Riferimenti

Dettagli

Una legge tutela il diritto dei cittadini

Una legge tutela il diritto dei cittadini Una legge tutela il diritto dei cittadini A non soffrire di dolore inutile A ricevere le migliori cure per il dolore Legge N. 38 del 15/03/2010 Legge N.38 del 15/03/2010 Articolo 7 (Obbligo di riportare

Dettagli

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI Organizzatore: J&B S.R.L. Unipersonale Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com

Dettagli

10ª Assemblea Scientifica Nazionale AIMEF

10ª Assemblea Scientifica Nazionale AIMEF 10ª Assemblea Scientifica Nazionale AIMEF Carla Marzo Torino 18-20 febbraio 2011 Carla Marzo Torino 18-20 febbraio 2011 Diffusione del dolore cronico Dolore oncologico=7% del dolore cronico Europa il 19%

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Analgesici narcotici ANALGESICI NARCOTICI Totale: 67 ANALGESICI NARCOTICI 65 105 135 158 191 208 236 247 259 288 347 376

Dettagli

Allegato A PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE ( PTDA ) DEL PAZIENTE CON DOLORE ONCOLOGICO

Allegato A PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE ( PTDA ) DEL PAZIENTE CON DOLORE ONCOLOGICO Allegato A PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE ( PTDA ) DEL PAZIENTE CON DOLORE ONCOLOGICO Premessa Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) nel complesso delle sue fasi di definizione,

Dettagli

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Tenendo conto della valutazione del Comitato per

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE

LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Pesaro, 14 ottobre 2005 LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELLE DIPENDENZE Marco Saettoni Università di Pisa Dipartimento di Psichiatria, FNB Scuola di Psicoterapia Cognitiva Grosseto PROGRAMMA Premesse generali:

Dettagli

Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Messina Servizi informativi telematici

Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Messina Servizi informativi telematici Direzione Generale della Valutazione dei Medicinali e della Farmacovigilanza Circolare n. 800.UCS/AG1/3622 del 26 Giugno 2001 Legge 8 Febbraio 2001, n.12. Norme per agevolare l'impiego dei farmaci analgesici

Dettagli

Ambiente. Farmacogenetica

Ambiente. Farmacogenetica Cos è Neurofarmagen? Ambiente La risposta individuale dei pazienti al trattamento farmacologico è molto variabile, potendosi ottenere dal totale miglioramento dei sintomi in alcuni, alla totale assenza

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci

Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci Domenico Motola, PhD Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Unità di Farmacologia Università di Bologna le interazioni

Dettagli

LA PRESCRIZIONE dei FARMACI ANALGESICI OPPIACEI nella TERAPIA DEL DOLORE

LA PRESCRIZIONE dei FARMACI ANALGESICI OPPIACEI nella TERAPIA DEL DOLORE Az. Osp. G.Brotzu S.C. Farmacia e Gestione del Farmaco LA PRESCRIZIONE dei FARMACI ANALGESICI OPPIACEI nella TERAPIA DEL DOLORE Ombretta Summo 1 OBIETTIVO RIPERCORRERE LE PRINCIPALI TAPPE NORMATIVE ATTRAVERSO

Dettagli

Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee

Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee Il dolore nel trattamento delle lesioni cutanee Pavia 18 giugno 2008 Docente Dott. Dario Paladino inf. esperto in wound care Vice-Presidente AISLeC Che cosa è il dolore? 1 Dolore Il dolore è una sgradevole

Dettagli

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171)

Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Ministero della Salute Decreto ministeriale 04.07.2002 (Gazzetta Ufficiale 23 luglio 2002, n. 171) Modifica degli stampati di specialità medicinali contenenti buprenorfina cloridrato indicata nella terapia

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

ABUSO DI SOSTANZE PSICOATTIVE, TRATTAMENTO E SICUREZZA STRADALE. IL RUOLO DEL MEDICO DEL SER.T.

ABUSO DI SOSTANZE PSICOATTIVE, TRATTAMENTO E SICUREZZA STRADALE. IL RUOLO DEL MEDICO DEL SER.T. Giornate Vittoriesi di Medicina Legale Pieve di Soligo 20 e 21 novembre 2003 ABUSO DI SOSTANZE PSICOATTIVE, TRATTAMENTO E SICUREZZA STRADALE. IL RUOLO DEL MEDICO DEL SER.T. Marco Capuani Dipartimento per

Dettagli

Università degli studi di Bologna

Università degli studi di Bologna Università degli studi di Bologna Master in tossicologia forense Giugno 2013 Franco Cantagalli USI ALTERNATIVI DELLE BENZODIAZEPINE Lormetazepam in gocce 1 Analisi chimica benzodiazepina composto insaturo

Dettagli

Morfina e dipendenza dagli oppioidi

Morfina e dipendenza dagli oppioidi Morfina e dipendenza dagli oppioidi . Infarto, edema polmonare, Diminuita sensibilità alla Co2 CTZ Stimolazione parasimpatica. Motilità vie biliari Inibizione NA, Ach Solo ad alte dosi Potenziamento della

Dettagli

MORFINA ORALE E ALTRI OPPIOIDI NEL DOLORE ONCOLOGICO Terapie consolidate negli adulti e novità

MORFINA ORALE E ALTRI OPPIOIDI NEL DOLORE ONCOLOGICO Terapie consolidate negli adulti e novità Aggiornamento del Pacchetto Informativo sui Farmaci n.9 (Ottobre 2004) MORFINA ORALE E ALTRI OPPIOIDI NEL DOLORE ONCOLOGICO Terapie consolidate negli adulti e novità Il dolore oncologico rappresenta un

Dettagli

IL DOCUMENTO AMAP SUL BUON USO DEGLI OPPIOIDI

IL DOCUMENTO AMAP SUL BUON USO DEGLI OPPIOIDI D. Beltrutti, V. Menardo, R. Lippolis e Coll. - AMAP IL DOCUMENTO AMAP SUL BUON USO DEGLI OPPIOIDI D. Beltrutti, V. Menardo, R. Lippolis, L. Pasquariello, A. Burato, P. Ghio, R. Bellini, L. Parigi, M.

Dettagli

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi Ossi duri... si diventa Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi CHE COS E L OSTEOPOROSI? L osteoporosi è una malattia dell apparato scheletrico che comporta una bassa densità minerale, un deterioramento

Dettagli

Farmacocinetica e droghe

Farmacocinetica e droghe Farmacocinetica e droghe R. Urso Dipartimento di Farmacologia Giorgio Segre Università di Siena Centro Studi sulle Dipendenze Patologiche Farmacovigilanza Toscana (Area Vasta Sud Est) 1 Indice 1 Farmacocinetica

Dettagli

PRINCIPI GENERALI. La tossicodipendenza è una malattia curabile.

PRINCIPI GENERALI. La tossicodipendenza è una malattia curabile. 1 PRINCIPI GENERALI INTRODUZIONE... 1 PRINCIPI GENERALI... 2 IL TRATTAMENTO... 2 STADI dell INTERVENTO... 3 SCHEMA GENERALE dei farmaci utilizzati nelle varie dipendenze... 4 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...

Dettagli

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO Seminario Stili di vita e idoneità al lavoro:uso di farmaci psicotropi Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Associazione Parmense dei Medici del Lavoro FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU

Dettagli

Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO

Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO Indice SEZIONE I DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DEL DOLORE CRONICO 1. Il problema del dolore cronico... 3 Introduzione al dolore cronico e persistente... 3 Prevalenza del dolore cronico... 4 Costi associati

Dettagli

OSPEDALE SENZA DOLORE

OSPEDALE SENZA DOLORE OSPEDALE SENZA PROTOCOLLO TERAPIA ANTALGICA PRONTO SOCCORSO Direttore: Dott.ssa Maria Serena Verzuri Imposta la terapia antalgica: medico di reparto Gestione terapia antalgica: medico di reparto Collaboratori:

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1/52

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1/52 ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1/52 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Suboxone 2 mg/0,5 mg compresse sublinguali 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni compressa contiene

Dettagli

Modello mono-compartimentale

Modello mono-compartimentale Modello mono-compartimentale Cinetica di invasione (cinetica di I ordine): [1] C ( t) D V D (1 e C (t) = concentrazione plasmatica al tempo t D=dose assorbibile K V D =volume di distribuzione all equilibrio

Dettagli

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica II Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Processo di riconoscimento fra farmaco e recettore TIPI DI

Dettagli

Il dolore 06/04/2014. Dr. M. Bernardo Hospice Cure Palliative Bolzano. CODICE DEONTOLOGICO DEL MEDICO Art. 3

Il dolore 06/04/2014. Dr. M. Bernardo Hospice Cure Palliative Bolzano. CODICE DEONTOLOGICO DEL MEDICO Art. 3 Il dolore Dr. M. Bernardo Hospice Cure Palliative Bolzano CODICE DEONTOLOGICO DEL MEDICO Art. 3 Dovere del medico è la tutela della vita, della salute fisica e psichica dell Uomo e il sollievo della sofferenza

Dettagli

LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA

LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA LE NUOVE FRONTIERE DELL ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA DAL TRATTAMENTO PERSONALIZZATO ALLA QUALITA DELLA VITA LO STATO DELL ARTE DELLA TERAPIA DEL DOLORE IN ONCOLOGIA CERVICO-CEFALICA U.O.A. Anestesia, Rianimazione

Dettagli

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza

Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Aspetti operativi della sorveglianza sanitaria su tossicodipendenza Dott. Giuseppe Giubbarelli Medico del lavoro UO Medicina del lavoro Ospedale di Sassuolo Cosa sono le droghe Sostanze : Psicoattive :(agiscono

Dettagli