Diventare e i verbos de cambio. Carla Prestigiacomo Università di Palermo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diventare e i verbos de cambio. Carla Prestigiacomo Università di Palermo"

Transcript

1 Diventare e i verbos de cambio Carla Prestigiacomo Università di Palermo Gran parte degli studenti italofoni intraprendono lo studio dello spagnolo sicuramente mossi dalla falsa credenza che la lingua di Cervantes presenti un numero minore di difficoltà rispetto a quelle che si possono riscontrare nell apprendimento di altre lingue. In effetti, sebbene si possa affermare che il processo d acquisizione sia relativamente facile, per lo meno fino al conseguimento di una competenza corrispondente ad un livello A2+/B1 1, la realtà è ben diversa da quanto possa sembrare in un primo momento. A parte le evidenti analogie tra i due sistemi linguistici, infatti, l apprendente si imbatte in numerose e insospettabili divergenze, in una serie di fenomeni che rendono più difficoltoso del previsto il raggiungimento di un livello di competenza superiore. Se ci si limita ad una lingua standard, senza perdersi nell universo della pragmatica e della varietà dei registri e tralasciando le implicazioni culturali dei fenomeni linguistici, è sufficiente ricordare tra i problemi più frequenti l estesissimo numero di falsos amigos, il diverso uso delle preposizioni, dei tempi e dei modi verbali, o le costruzioni perifrastiche a cui frequentemente ricorre lo spagnolo. Tutti aspetti che, sebbene non rappresentino un ostacolo insormontabile, rendono sicuramente più ardua l acquisizione di una competenza linguistica reale. In concreto, una delle difficoltà maggiori con cui si scontrano gli studenti italofoni 2 è costituita senz altro dalla totale disomogeneità che le 1 Common European Framework of Reference for Languages: Learning, Teaching, Assessment (Strasbourg, Council of Europe, 2001). La versione spagnola è consultabile sul sito del Centro Virtual Cervantes: /obref/marco. 2 La mia attività di docente di Lingua e traduzione spagnola mi ha dato l opportunità di monitorare durante un triennio un gruppo di studenti con una competenza di partenza disomogenea. Su circa 130 frequentanti il primo anno, un buon 30% si attestava infatti su un A2+, mentre il resto non aveva avuto nessun contatto con lo spagnolo. Alla conclusione dei primi due corsi, solo un 50% è stato ammesso al terzo anno e, sebbene circa la metà fosse in possesso di una

2 Carla Prestigiacomo due lingue presentano nell espressione del concetto di cambio di stato, quale che sia l ambito di riferimento della trasformazione e il soggetto che l ha subita o, diversamente, provocata. Infatti, se l italiano, come molte altre lingue, ricorre fondamentalmente al verbo diventare (o divenire 3 ), o in casi determinati alla forma pronominale trasformarsi, lo spagnolo si avvale di un ventaglio di soluzioni 4, che, come si vedrà, dipendono da un sistema di parametri piuttosto complesso. Si tratta, indubbiamente, di un problema simile a quello determinato dalla mancanza di una corrispondenza biunivoca tra i verbi hacer e fare, autentico comodín dell italiano, che costituisce un fenomeno di difficile collocazione, in bilico tra l ambito sintattico e quello più specificamente lessicale e semantico. certificazione linguistica B2, ho notato la persistenza di alcuni errori tipici di una fase inferiore di interlingua. Tra questi, assumeva un rilievo fondamentale l uso improprio delle espressioni riguardanti un cambio di stato che, in alcuni elementi, aveva assunto ormai le caratteristiche di un errore fossilizzato. Ho potuto notare infatti il ricorso frequente e ingiustificato alla perifrasi Llegar a ser, l oscillazione aggettivo/sostantivo con Ponerse, la presenza/assenza della preposizione en con Volverse e Convertirse, nonostante le ripetute correzioni e revisioni che hanno caratterizzato il triennio. È d obbligo chiedersi, quindi, come mai sussista una percentuale così alta d errore e, di conseguenza, cosa fare per facilitare un corretto apprendimento dei Verbos de cambio. È evidente che non si tratta di un operazione facile. Se in molti casi, infatti, la causa primaria della fossilizzazione dell errore è da ricercare nei fenomeni di interferenza della lingua italiana, e un analisi contrastiva può rivelarsi utile per evitare l acquisizione di cattive abitudini, nel caso dei verbi in oggetto, la questione si fa molto più complessa. 3 In realtà, i due verbi non sono perfettamente intercambiabili. Devoto e Oli (1971) evidenziano il carattere graduale dell evolversi di un essere vivente, modo o situazione indicato da divenire, in contrapposizione a diventare che Indica il divenire visto nel suo momento conclusivo. Tale contrasto sembra scomparire in lavori più recenti quali Zingarelli (1994) e De Mauro (2000): Diventare: ( ) seguito da complemento predicativo, passare, spec. progressivamente, da una condizione a un altra: d. bello, brutto, simpatico, vecchio; d. direttore, presidente; l acqua è diventata ghiaccio; d. rosso per la vergogna; anche ass.: guarda come sei diventato! ( ), Divenire: ( ): passare, spec. progressivamente, da una condizione a un altra: d. adulto, d. responsabile. ( ). 4 Come sottolinea Bermejo Calleja (1994:47) En español, la idea de cambio se expresa: - Con los verbos denominados de cambio o devenir. Mediante perífrasis. Mediante verbos derivados de adjetivos y sustantivos. 475

3 Diventare e verbos de cambio Se consideriamo, infatti, che una differenza sintattica implica anche una variazione di significato, ci rendiamo conto che per insegnare un uso corretto e cosciente dei cosiddetti Verbos de cambio, non possiamo limitarci ad una semplice esposizione di tipo normativo-tradizionale, dovendo invece valutare tutte quelle componenti che entrano in gioco nell acquisizione di una lingua straniera. In sintesi, indicare un cammino per superare o, per lo meno in un primo momento, raggirare l ostacolo, è l obiettivo che ogni docente di lingua spagnola si deve imporre, elaborando sia una serie di materiali teorici e pratici, sia un sistema di correzione efficiente che si incentrino sui bisogni specifici degli apprendenti. I fattori da tenere in considerazione sono diversi. Oltre a chiedersi in quale punto del sillabo bisogna inserire l argomento, è necessario valutare l opportunità di presentare un quadro analitico esaustivo o di rimandare una riflessione più approfondita e cosciente ad un momento in cui gli studenti siano più avvezzi ad un analisi di tipo metalinguistico. Stabilire, quindi, se risulta più operativo un metodo tradizionale, normativo, oppure un impostazione di taglio comunicativo. È ovvio che non ci troviamo di fronte ad una soluzione unica, visto che bisogna tenere presente in ogni momento l ambito in cui viene svolta l attività didattica, le finalità specifiche di ogni corso e, soprattutto, se l obiettivo primario è formare linguisti o creare un usuario realmente competente nei termini stabiliti dal Consiglio d Europa. I vocabolari monolingui sia spagnoli che italiani- e bilingui, alle voci diventare (e divenire) e dei corrispondenti Verbos de cambio, non si sono rivelati uno strumento utile al docente e all apprendente, anzi, data la totale insufficienza e ambiguità delle definizioni e degli esempi 5, spesso possono essere anche causa d errore. 5 A questo proposito è sufficiente ricordare parte della definizione di Diventare di Carbonell (1984): intr. Volverse, hacerse // mudar, convertirse. Ciò che colpisce, oltre all insufficienza della definizione (non vengono presi in considerazione tutti i verbos de cambio), è soprattutto l inadeguatezza e ambiguità degli esempi: di stucco, quedarse pasmado // grasso, engordar // magro, enflaquecer // medico, hacerse médico. La voce Divenire, poi, presenta altre sorprese: intr. Devenir // pazzo, volverse loco // ricco, hacerse rico // verde, ponerse verde. Nemmeno il più recente Tam (1999) sembra porre maggiore attenzione sull argomento: Divenire: ( ) Volverse, llegar a ser, hacerse, devenir. Divenire anziano: volverse anciano. ; Diventare: 1 ponerse. Diventare bianco: 476

4 Carla Prestigiacomo Tra le grammatiche descrittive spagnole esaminate, è solo quella curata da Bosque e Demonte 6 (1999) a dedicare alcune pagine all argomento, nell ambito dell analisi dei Verbos pseudo-copulativos: Al igual que en otras lenguas, existe en español un conjunto de verbos cuyo contenido semántico es esencialmente aspectual, y que denotan cambio de estado o, a veces, de posición. Nos referimos a formas como, ponerse, volverse, quedarse, hacerse, y similares, cuyo complemento predicativo especifica precisamente el cambio de estado o posición en cuestión. (Bosque, Demonte, 1999: 2511). Caratteristica comune è, quindi, l espressione di un cambio di stato, ma el estado resultante no es de la misma naturaleza en todos los casos. Así, ponerse implica un cambio de estado generalmente transitorio, mientras que volverse y tornarse implican un cambio que se concibe como indefinito o más o menos permanente (Bosque, Demonte, 1999: 2512), chiarimento, quindi, come dimostra la presenza dell avverbio generalmente o il ruolo che svolge il soggetto nella percezione del cambio (que se concibe ), che si rivela di poca utilità per un apprendente di Spagnolo/LS. L argomento viene, ovviamente, approfondito dalle grammatiche 7 destinate a studenti stranieri, anche in quei casi in cui non siano state espressamente concepite per apprendenti italiani. Lo stesso si può affermare per i manuali di Spagnolo/LS. L analisi di questi testi ha rivelato tuttavia che, anche in presenza di dichiarate intenzioni comunicative degli autori, i Verbos de cambio vengono presentati in modo analitico e tradizionale, secondo uno schema più o meno elaborato 8 e, all interno del sillabo, non ponerse pálido / diventare grasso: ponerse gordo 2 volverse. Diventare ricco: volverse rico 3 convertirse (en), transformarse, mudar. Il vino è diventato aceto: el vino se ha convertido en vinagre 4 llegar a ser, convertirse, volverse. È diventato un avvocato famoso: ha llegado a ser un abogado famoso. 6 In particolare, si veda Demonte, Masullo (1999, vol. 2: ). Il concetto di cambio de estado non viene invece trattato né da Gili Gaya (1961), né nella grammatica funzionale di Alarcos Llorach (1994). Nemmeno le grammatiche descrittive italiane accennano all argomento (Renzi, 1995 e Serianni, 1988). 7 Non tutti gli autori dedicano spazio all argomento. È il caso di González Hermoso, et al. (1999). 8 La trattazione è più approfondita da Moreno (soprattutto 1983 e 2001) e Fernández, et al. (1999). 477

5 Diventare e verbos de cambio vengono mai trattati prima di un livello B1+ 9. In nessuno dei testi esaminati, infatti, l argomento è trattato tenendo in considerazione componenti pragmatiche o semplicemente comunicative. In nessun testo, inoltre, si tiene conto del fatto che questi verbi, con il loro complemento predicativo, formano una unidad semántica o predicado complejo (Bosque, Demonte, 1999: 2511), idea fondamentale per abituare il discente ad un uso di verbi derivati da aggettivi o sostantivi sin dai primi livelli del percorso di apprendimento. In linea di massima, e in modo più o meno esplicito, i materiali esaminati tengono conto dei seguenti parametri: 1- Aspetto sintattico: ossia il contesto linguistico, il loro uso con sostantivi, aggettivi, avverbi o complementi preposizionali. 2- La natura del soggetto, in quanto da esso può dipendere l origine del processo che provoca il cambio e, di conseguenza, la volontarietà o involontarietà dello stesso. 3- Le caratteristiche del cambio, ovvero se ci troviamo di fronte a stati più o meno essenziali e più o meno transitori, se il cambio riguarda l aspetto fisico, psicologico, lo stato d animo, l ambito professionale, l ideologia, la religione, se è di natura positiva, negativa e un lungo eccetera. Per quanto riguarda le espressioni inserite nel gruppo Verbos de cambio, si è riscontrata una sostanziale uniformità, sebbene il numero possa variare se si è tenuto conto o meno dei verbi dejar, acabar e terminar o della perifrasi llegar a estar. Risulta evidente, quindi, che non è facile offrire una visione completa e, soprattutto, efficace ai fini dell apprendimento. In questa sede saranno trattati solo quattro verbi, tralasciando deliberatamente alcune espressioni, che non trovano una corrispondenza immediata con diventare, e i verbi transformarse e convertirse en, che in linea di massima non presentano eccessivi problemi, così come la perifrasi llegar a ser, sebbene a volte sia usata in modo indiscriminato dagli apprendenti, a causa della tendenza, tristemente diffusa, non solo a ricorrere 9 Fernández, et al. (1999) inseriscono il capitolo dedicato ai Verbos de Cambio al termine della sezione dedicata al Grupo verbal, e, in concreto, a conclusione di tutto il percorso d apprendimento. Gli esercizi corrispondenti, invece, sono situati ai livelli Intermedio e Superior. 478

6 Carla Prestigiacomo istintivamente alla traduzione, ma anche a soffermarsi sulla prima definizione proposta dai vocabolari. Oltre ai parametri già ricordati, si terranno in considerazione anche altri elementi, come, per esempio, la relazione con i verbi copulativi ser e estar, il ruolo che può assumere il soggetto o un altro agente nell origine del cambio e, in alcuni casi, l atteggiamento dell enunciatore alla constatazione del cambio. HACERSE 10 Dal punto di vista sintattico, può essere seguito sia da un aggettivo che dal sostantivo, preceduto o no, dall articolo indeterminativo. Assimilabile a un processo del tipo pasar a ser, hacerse può riferirsi quindi a cambiamenti sostanziali e definitivi che riguardano l essere, la professione, l ideologia, la religione, la nazionalità. Sembra giocare un ruolo determinante la volontarietà del soggetto, sebbene non bisogna tralasciare nemmeno i casi in cui hacerse può riferirsi ad un processo spontaneo e naturale o a situazioni in cui manca la componente di volontarietà nel soggetto che subisce il cambio, come in Le tocó la lotería y se hizo rico.. La volontarietà è, invece, evidente nei seguenti esempi: Cansado de las decepciones amorosas, decidió hacerse cura. A pesar de sus padres, se hizo músico. Un processo spontaneo, invece, traspare dalla frase: Juan se ha hecho mayor. Quest ultimo esempio, suggerisce un ulteriore considerazione. Se operiamo una trasformazione sintattica, inserendo un complemento preposizionale o inserendo un nuovo soggetto, la focalizzazione si sposta dalla mancanza di volontarietà, alla causa della trasformazione: Con la experiencia se ha hecho mayor oppure La experiencia lo ha hecho mayor. 10 In questa occasione non mi soffermo sulla struttura hacerse + art. determinativo + sostantivo, perché non assimilabile al concetto di Cambio de estado, ma al significato del verbo fingirse. 479

7 Diventare e verbos de cambio Non dobbiamo nemmeno dimenticare di sottolineare come la presunta neutralità del verbo si perde con el uso del artículo che añade un matiz ponderativo que la expresión sin artículo no tiene (Matte Bon, 1992:55). Affermare Se ha hecho mayor non coincide pragmaticamente con Te has hecho todo un hombre 11. VOLVERSE Si tratta, sicuramente, di uno dei verbi più ostici per un apprendente di Spagnolo/LS. Come si sa, sintatticamente si costruisce con un aggettivo e, molto più raramente, con un sostantivo, come nella frase Este futbolista se ha vuelto un personaje muy popular o nell espressione Se ha vuelto hombre, degna di essere analizzata a parte. In particolare, i sintagmi nominali di volverse possono essere introdotti dall articolo indeterminativo, in quanto designan tipos, es decir, conjuntos de propiedades caracterizadoras y permanentes (Bosque, Demonte, 1999: 2512). Con volverse, l origine del cambio non sembra determinata dal soggetto e, di norma, ci troviamo di fronte ad un processo rapido con effetti duraturi e fondamentalmente negativi 12. Inoltre, in determinate situazioni, può focalizzare l atteggiamento dell enunciatore che, esplicitando o no la causa, non si limita a fare una considerazione, ma esprime una sorta di giudizio di valore. L enunciatore può coincidere o no con il soggetto che ha subito il cambio: Me estoy volviendo cada día más desconfiada. Esta tía te volverá loco. PONERSE Di caratteristiche simili a volverse, e per questo spesso causa d errore, è seguito da aggettivi, soprattutto relativi agli stati d animo, 11 L espressione Estás hecho un asco, infine, meriterebbe una lunga riflessione, ma date le condizioni imposte dalle circostanze, mi devo limitare a mettere in dubbio la coincidenza totale di hacerse con il concetto di pasar a ser. 12 Naturalmente, anche in questo caso, non è possibile parlare di regole universali. È sufficiente ricordare, infatti, tra le tante possibili, le espressioni volverse tolerante o volverse comprensivo: Con la edad se ha vuelto más tolerante; Desde que se ha quedado viudo se ha vuelto más comprensivo. 480

8 Carla Prestigiacomo all aspetto o allo stato di salute. A differenza di volverse, però, non sembra implicare un giudizio di valore da parte dell enunciatore, anche se l espressione No te pongas así autorizza a supporre una perdita di neutralità, dato che le implicazioni semantiche dell avverbio sono riconducibili direttamente all esperienza diretta del parlante. Ponerse si può considerare simile all espressione estar + aggettivo, nel caso in cui ci riferiamo a caratteristiche che il soggetto acquisisce in modo transitorio: Se ha puesto muy bobo en la discusión. Me pongo mala cada vez que coge la moto Al entrar el maestro, los alumnos se pusieron firmes Después de la gripe no he vuelto a ponerme bueno Cada vez que lo veo, me pongo colorada Quest ultimo esempio, riconducibile alla struttura ponerse + aggettivo di colore, suggerisce un ulteriore tratto distintivo rispetto a volverse. Ponerse, infatti, seguito da determinati colori, si allontana dal significato indicato dal colore stesso, sebbene, in alcuni casi, è possibile trovare un nesso con l origine dell espressione: Tu actitud me pone negro En la cena de ayer me puse morado La crítica le ha puesto verde. QUEDARSE Seguito da un participio, da un aggettivo, da un complemento preposizionale o dall espressione hecho + sostantivo o hecho + (un/una) + sostantivo esprime il risultato di una trasformazione causata da un agente esterno, sia esplicito che implicito 13, come nei seguenti esempi: 13 Una delle differenze tra quedar e quedarse è costituita, infatti, dalla prossimità con la costruzione passiva della struttura quedar + participio, che puede tomar un complemento agentivo o un adverbio orientado al agente ( ). (Bosque, Demonte, 1999: 2512). Tuttavia, le strutture passive non implicano che el resultado obtenido se mantiene por un certo período, ( ); compárese El libro quedó guardado con El libro fue guardado. (ibidem) 481

9 Diventare e verbos de cambio Me he quedado frío Me quedé sin palabras Al oír la noticia se quedó hecho polvo La camisa se ha quedado hecha un guiñapo Il soggetto può essere sia animato che inanimato 14 e il suo significato, tralasciando l idea del processo che soggiace al cambio, si può considerare quasi equivalente alla struttura estar + aggettivo. Dal punto di vista semantico, tuttavia, è possibile rilevare un altra affinità. Sostituendo la forma pronominale di quedarse con la struttura soggetto + dejar + oggetto diretto, si ottengono frasi semanticamente simili, anche se con dejar, mediante la trasformazione del sintagma preposizionale in soggetto, la focalizzazione si sposta dall effetto all agente che ha provocato il cambio: Con el accidente se quedó cojo - El accidente lo dejó cojo Con esta luz me quedo ciego Esta luz me deja ciego. Per finire, una breve riflessione su frasi del tipo: La casa te he quedado preciosa. Quedó mal al irse sin despedirse. In entrambi gli esempi non si può parlare di un cambio di stato reale e, di conseguenza, non è possibile considerare questa accezione, come molte di quelle esaminate fino ad ora, equivalente all italiano diventare. Alla luce di quanto detto, nonostante l esiguità dei casi esaminati, risulta evidente che la materia Verbos que indican un cambio de estado non si esaurisce nelle definizioni delle grammatiche descrittive e, ancora meno, in uno dei tanti schemi proposti dai manuali di Spagnolo/LS. Pur ritenendo 14 Su questo punto non tutti gli autori coincidono. In concreto, Bosque, Demonte (1999: ) sottolineano: Quedarse puede implicar que hay un ente con volición que controla o mantiene el estado expresado (...), mientras que el segundo (quedar) no lo implica (...). De ahí que quedarse sea incompatible con sujetos inanimados y con la construcción pasiva adjetiva, que tiene ya un agente sobreentendido. Nessuno può dubitare, tuttavia, della legittimità di un espressione come La llave se ha quedado atascada en la cerradura. 482

10 Carla Prestigiacomo indispensabile una riflessione sistematica sull argomento, un approccio di questo genere risulta poco efficace nelle prime fasi del processo di apprendimento. Occorre quindi lavorare in un altra direzione. Se il docente non opera all interno di un corso dichiaratamente destinato a futuri traduttori, bisogna sottolineare, in primo luogo, l assenza di una corrispondenza biunivoca tra diventare e i verbos de cambio, e far sì che l apprendente non ricorra istintivamente alla traduzione, affinché sviluppi le strategie a lui più consone, mediante attività mirate allo sviluppo della competenza lessicale. Vista l altissima frequenza d uso del verbo diventare in italiano e, simmetricamente, delle strutture equivalenti in spagnolo, infine, non possiamo attendere un livello B1 per introdurre l argomento, perché, sebbene compito del docente sia stimolare gli studenti ad acquisire sì automatismi linguistici, ma anche un atteggiamento riflessivo, dobbiamo essere in grado di evitare che lo studente, come accade quando entra in contatto con una lingua straniera, formuli ipotesi che gli permettano di trovare analogie con le lingue che conosce, sviluppando strategie di apprendimento personali che troppo spesso lo spingono a un confronto continuo ed arbitrario con la lingua materna. 483

11 Diventare e verbos de cambio Bibliografia AA. VV. (1999), Clave, Diccionario del suo del español actual, Madrid, SM. AA. VV. (1987), El Vox Mayor, Diccionario general ilustrado de la lengua española, Roma, Zanichelli/Biblograf. ALARCOS LLORACH, EMILIO (1999), Gramática de la Lengua Española, R.A.E., Madrid, Espasa. ALCINA FRANCH, JUAN, BLECUA, JOSÉ MANUEL (1975), Gramática Española, Barcelona, Ariel. AMBRUZZI, LUCIO (1973), Nuovo Dizionario spagnolo-italiano e italianospagnolo, 2 volumi, Paravia, Torino. BERMEJO CALLEJA, FELISA (1994), «Verbos de cambio o devenir en español», in Montesa Pedró Salvador e Garrido Moraga, Antonio ed., Español para extranjeros: Didáctica e investigación, Actas del II Congreso Nacional de ASELE, Málaga, Asele, 1994, BOSQUE, IGNACIO, DEMONTE, VIOLETA, ed. (1999), Gramática descriptiva de la lengua española, 3 volumi, Madrid, Espasa Calpe. CARBONELL, SEBASTIANO (1981), Dizionario fraseologico completo, Milano, Hoepli. DE MAURO, TULLIO (2000), Il dizionario della lingua Italiana, Milano, Paravia. DEVOTO, GIACOMO, GIAN CARLO OLI (1971), Dizionario della lingua italiana, Firenze, Le Monnier. FERNÁNDEZ, JESÚS, ET AL. (1999), Curso intensivo de español, Madrid, SGEL. GILI Y GAYA, SAMUEL (1961), Curso Superior de Sintaxis Española, Spes, Barcelona. GONZÁLEZ HERMOSO, ALFREDO, ET AL. (1999), Gramática de español lengua extranjera, Madrid, Edelsa. LÓPEZ VALVERDE, MARÍA DOLORES (2002), «La fosilización de algunos errores de alumnos de lengua materna italiana», in Frecuencia ELE, n. 19, Edinumen, LLOVERA MAJEM, CAMILO (1975), Gramática italiana del siglo XX, Barcelona, Bosch. Marco común de referencia para las lenguas: aprendizaje, enseñanza, evaluación, 484

12 Carla Prestigiacomo MATTE BON, FRANCISCO (1992), Gramática comunicativa del español, Tomo II, De la idea a la lengua, Madrid, Edelsa. MOLINER, MARÍA (1984), Diccionario de uso del español, Madrid, Gredos. MORENO GARCÍA, CONCHA (1983), Curso Superior de Español, Salamanca, Publicaciones del Colegio de España. MORENO GARCÍA, CONCHA (2001), Temas de gramática, Nivel Superior, Madrid, SGEL. MORENO GARCÍA, CONCHA, ET AL. (2003), Avance, Nivel básico-intermedio, Madrid, SGEL. PORROCHE BALLESTEROS, MARGARITA (1988), Ser, estar y verbos de cambio, Madrid, Arco/Libros. REAL ACADEMIA DE LA LENGUA ESPAÑOLA (1995), Diccionario de la Lengua Española, Edición electrónica, Madrid, Espasa Calpe. RENZI, LORENZO (1995), Grande grammatica italiana di consultazione, 3 volumi, Bologna, Il Mulino. SALVI, GIAMPAOLO, VANELLI, LAURA (2004), Nuova grammatica italiana, Bologna, Il Mulino. SERIANNI, LUCA (1988), Grammatica italiana, Torino, UTET. TAM, LAURA (1997), Dizionario Spagnolo-Italiano. Diccionario Italiano- Español, Volume unico, Milano, Hoepli. ZINGARELLI, NICOLA (1994), Vocabolario della lingua italiana, Roma, Zanichelli. 485

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215

Terra Iberica. Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica A10 215 Terra Iberica Collana diretta da Patrizia Botta Sezione I, Didattica 9 A10 215 Collana Terra Iberica diretta da Patrizia BOTTA Comitato di redazione Elisabetta VACCARO (Capo Redattore) e Carla BUONOMI

Dettagli

L-11/LINGUE E CULTURE MODERNE

L-11/LINGUE E CULTURE MODERNE Corso di Laurea L-11/LINGUE E CULTURE MODERNE A.A. 2011-2012 Docente e-mail S.S.D. e denominazione disciplina Tipologia insegnamento Annualità Periodo di svolgimento C.F.U. Nr. ore in aula Nr.ore di studio

Dettagli

PROGRAMMA D AULA E D ESAME. LINGUA: SPAGNOLO (prima lingua, primo anno) codice 6029, Percorso 1 Coordinatore: Prof. Maria del Mar GILARRANZ LAPEÑA

PROGRAMMA D AULA E D ESAME. LINGUA: SPAGNOLO (prima lingua, primo anno) codice 6029, Percorso 1 Coordinatore: Prof. Maria del Mar GILARRANZ LAPEÑA PROGRAMMA D AULA E D ESAME LINGUA: SPAGNOLO (prima lingua, primo anno) codice 6029, Percorso 1 Coordinatore: Prof. Maria del Mar GILARRANZ LAPEÑA Introduzione pag. 2 Programma del corso pag. 2 Testi adottati

Dettagli

GUIDA DOCENTE Fase sperimentale ECTS FACULTAD DE LETRAS UCLM Anno Accademico 2009-2010

GUIDA DOCENTE Fase sperimentale ECTS FACULTAD DE LETRAS UCLM Anno Accademico 2009-2010 GUIDA DOCENTE Fase sperimentale ECTS FACULTAD DE LETRAS UCLM Anno Accademico 2009-2010 I DATI DELLA DISCIPLINA Materia: e letteratura italiana IV Codice: 65030 Tipologia: Facoltativa (Libre elección) Corso:

Dettagli

Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche per l interculturalità e la media education Classe di laurea LM-85 Scienze Pedagogiche

Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche per l interculturalità e la media education Classe di laurea LM-85 Scienze Pedagogiche Nome insegnamento: Lingua Spagnola per Studi interculturali e per i Media/Lengua Española para Estudios interculturales y Comunicación Tipo di valutazione: Voto in trentesimi Calendario delle attività

Dettagli

Lo studente sarà capace di: Generali:

Lo studente sarà capace di: Generali: FACULTAD DE LETRAS GUIDA DIDATTICA DELL INSEGNAMENTO FACOLTÀ DI LETTERE 1. DATI GENERALI DEL CORSO NOME: Italiano II CODICE: TIPOLOGIA (indicare con una X la modalità corrispondente): Attività formativa

Dettagli

1. GRAMMATICA. Ente/Agenzia di Formazione (Indirizzo, Telefono, Fax, E.Mail, Sito Web, Referente del Seminario / Corso).

1. GRAMMATICA. Ente/Agenzia di Formazione (Indirizzo, Telefono, Fax, E.Mail, Sito Web, Referente del Seminario / Corso). Ente/Agenzia di Formazione (Indirizzo, Telefono, Fax, E.Mail, Sito Web, Referente del Seminario / Corso). ATON SRL Via Spagna, 50 87036 Rende (CS) tel. e fax 0984/447095 e-mail info@atonweb.it sito web

Dettagli

Grammatica italiana 2

Grammatica italiana 2 FACULTADE DE FILOLOXÍA DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA E ITALIANA Grammatica italiana 2 Chiara Artenio GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO 2015/2016 FACULTADE DE FILOLOXÍA. DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA

Dettagli

UNIVERSITA PER STRANIERI Dante Alighieri

UNIVERSITA PER STRANIERI Dante Alighieri CORSO DI LAUREA: ANNO ACCADEMICO: 2011/2012 MATERIA: LINGUA E LETTERATURE HISPANOAMERICANE DOCENTE: Prof.ssa Clara Elizabeth Báez OPERATORI PLURIDISCIPLINARI E INTERCULTURALI D AREA MEDIT. SETTORE SCIENTIFICO:

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P1 Ordinamento Corsi di Laurea Triennale BIEMF (didattica in inglese) Didattica 2 anno, corso annuale

Dettagli

I materiali di lavoro

I materiali di lavoro L apprendimento dell italiano L2 I materiali di lavoro Tiziana Chiappelli Un cenno sulla glottodidattica Glottodidattica : la scienza e la tecnica dell insegnamento delle lingue Segnalazione bibliografica

Dettagli

FAQ LINGUA SPAGNOLA B (Laurea Triennale) Gruppi A-F e G-O (Prof.ssa Ana Pano) Gruppo P-Z (Prof.ssa Leopoldina Landeros)

FAQ LINGUA SPAGNOLA B (Laurea Triennale) Gruppi A-F e G-O (Prof.ssa Ana Pano) Gruppo P-Z (Prof.ssa Leopoldina Landeros) FAQ LINGUA SPAGNOLA B (Laurea Triennale) Gruppi A-F e G-O (Prof.ssa Ana Pano) Gruppo P-Z (Prof.ssa Leopoldina Landeros) URL programma: http://www.facli.unibo.it/lingue/didattica/insegnamenti/dettaglio.htm?annoaccademico=2008&id

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ALESSANDRO DA IMOLA PIANO DI LAVORO. Bartolini Michela MATERIA: SPAGNOLO CLASSE: 3 SEZIONE: G. a.s.

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ALESSANDRO DA IMOLA PIANO DI LAVORO. Bartolini Michela MATERIA: SPAGNOLO CLASSE: 3 SEZIONE: G. a.s. ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ALESSANDRO DA IMOLA CON LICEI LINGUISTICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO E DELLE SCIENZE SOCIALI DISTRETTO SCOLASTICO 33 IMOLA Via Manfredi 1/A 40026 Imola (BO) Tel. 0542 23606 PIANO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I. PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013. Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I. PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013. Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ALDO MORO BUCCINASCO I PROGRAMMAZIONE LINGUA SPAGNOLA a. s. 2012/2013 Professori: Francesco Paolo Faggiano Silvia Ragusa CLASSI PRIME METODO Il metodo utilizzato sarà di tipo nozionale-funzionale

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE a.s. 2015/2016 ARESTI VALERIA SPAGNOLO. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE a.s. 2015/2016 ARESTI VALERIA SPAGNOLO. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via Don Minzoni, 244 S.Anna - 55100 LUCCA 0583/584388-0583/581457 mail: luic84600n@istruzione.it pec: luic84600n@pec.istruzione.it sito web: www.lucca3.gov.it PROGETTAZIONE

Dettagli

GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO

GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO FACULTADE DE FILOLOXÍA DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA E ITALIANA Lingua Italiana 2 Benedict Buono - Ana María Domínguez Ferro GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO 2015/2016 1 FACULTADE DE FILOLOXÍA. DEPARTAMENTO

Dettagli

Programma recupero di lingua spagnola

Programma recupero di lingua spagnola ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE - CUORGNÈ Indirizzo Turistico Anno scolastico 2014/2015 Classe 1 A Disciplina: LINGUA E CIVILTÀ SPAGNOLA Docente: Prof.ssa Marcelina C. Alderete Libro di testo:

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

Fondazione Sanguanini Rivarolo MN Programma corso di Spagnolo 1 livello 2012-2013 Docente: Nair Maconi Durata del corso: 30 ore costo: 130 PERIODO/ORE

Fondazione Sanguanini Rivarolo MN Programma corso di Spagnolo 1 livello 2012-2013 Docente: Nair Maconi Durata del corso: 30 ore costo: 130 PERIODO/ORE Fondazione Sanguanini Rivarolo MN Programma corso di Spagnolo 1 livello 2012-2013 Docente: Nair Maconi Durata del corso: 30 ore costo: 130 CONTENUTI SPECIFICI UNITA DIDATTICHE E/O MODULI E/O ED EVENTUALI

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Tiziana Celetta MATERIA Lingua e Civilta spagnola CLASSE I^ Sezione I A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI SPAGNOLO SVOLTO

DOCENTE: Prof.ssa Tiziana Celetta MATERIA Lingua e Civilta spagnola CLASSE I^ Sezione I A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI SPAGNOLO SVOLTO DOCENTE: Prof.ssa Tiziana Celetta MATERIA Lingua e Civilta spagnola CLASSE I^ Sezione I A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI SPAGNOLO SVOLTO Dal testo Adelante integrato dalla grammatica Sin Duda Unidad 0 - Oiga,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA FORMATIVA CAPITALIZZABILE LINGUA SPAGNOLA (SECONDA LINGUA) PRIMO BIENNIO

UNITÀ DIDATTICA FORMATIVA CAPITALIZZABILE LINGUA SPAGNOLA (SECONDA LINGUA) PRIMO BIENNIO - 1 -Progetto 274006 Realizzazione di percorsi innovativi per riqualificazione dell offerta didattica attraverso l integrazione tra diversi sistemi di istruzione, formazione tecnica, professionale, universitaria

Dettagli

GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO

GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO FACULTADE DE FILOLOXÍA DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA E ITALIANA Lingua Italiana 7 María Montes López GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO 2015/2016 FACULTADE DE FILOLOXÍA. DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1

Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30125 Lingua Italiana Prima Lingua, Primo esame Modulo P1 Ordinamento Corsi di Laurea Triennale BIEMF Didattica 1 anno, corso annuale P1 ; (monte ore 96).

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Departamento de Italiano

Departamento de Italiano Departamento de Italiano Bibliografía recomendada BIBLIOGRAFÍA RECOMENDADA MÉTODOS (no incluidos entre los libros de texto de los cursos; todos tienen material audio y ejerciciario) Corrado Conforti -

Dettagli

Lingua Spagnola (seconda lingua)

Lingua Spagnola (seconda lingua) Programma d aula e d esame Lingua Spagnola (seconda lingua) Codice 30235, Percorso 1 Coordinatore: Prof. María del Mar GILARRANZ LAPEÑA Introduzione pag. 2 Programma del corso pag. 2 Testi adottati e consigliati

Dettagli

Manuel Carrera Diaz. Grammatica spagnola. Editori Laterza

Manuel Carrera Diaz. Grammatica spagnola. Editori Laterza Manuel Carrera Diaz Grammatica spagnola Editori Laterza Indice del volume Premessa Trascrizioni fonematiche e fonetiche VII ix /. La lingua spagnola. Il sistema fonetico-fonologico (I) 1. Lo spagnolo:

Dettagli

I Corsi prevedono i seguenti contenuti:

I Corsi prevedono i seguenti contenuti: Ente/Agenzia di Formazione (Indirizzo, Telefono, Fax, E.Mail, Sito Web, Referente del Seminario / Corso). ATON SRL Via Spagna, 50 87036 Rende (CS) tel. e fax 0984/447095 e-mail info@atonweb.it sito web

Dettagli

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado:

LINGUA SPAGNOLA. Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado: LINGUA SPAGNOLA Le indicazioni nazionali per il curricolo del primo grado di istruzione hanno individuato nuovi traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO DOCENTE: SILVIA ZANICHELLI CLASSE: 1^ B MATERIA DI INSEGNAMENTO: LINGUA E CIVILTA STRANIERA INGLESE NUMERO ORE

Dettagli

Presentazione della classe

Presentazione della classe Presentazione della classe La classe I A del Liceo Scientifico è composta da 19 alunni (7 maschi e 12 femmine). Un ragazzo ha iniziato a frequentare a fine ottobre. Si rileva la presenza di un allievo

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Le linee programmatiche del Dipartimento, sulla base della tassonomia specificata nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere (1996)

Dettagli

Corsi di lingua inglese - Inglese CORSI INDIVIDUALI

Corsi di lingua inglese - Inglese CORSI INDIVIDUALI CORSI INDIVIDUALI L'Istituto propone corsi totalmente personalizzati in base alle diverse capacità di apprendimento e al differente livello di partenza di ognuno. Siamo noi a seguire il vostro ritmo di

Dettagli

Centro de Lengua Española info@centrodelenguaespanola.it lenguaesp@hotmail.com

Centro de Lengua Española info@centrodelenguaespanola.it lenguaesp@hotmail.com Centro de Lengua Española info@centrodelenguaespanola.it lenguaesp@hotmail.com Milano, septiembre 2007 Al Dirigente Scolastico Al Collegio Docenti Chi siamo El Centro de Lengua Española opera a Milano

Dettagli

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità

Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Listening. Learning. Leading. Per aiutare gli studenti a scoprire le loro possibilità Comprendere i punteggi del test TOEFL Junior Per scoprire il proprio potenziale. Per estendere le proprie opportunità.

Dettagli

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco

Per informazioni: contattare l agente Licosa di zona. Oppure: banchedati@licosa.com. il Sansoni Francese. il Sabatini Coletti. il Sansoni Tedesco il Sabatini Coletti versione professionale 190.000 lemmi e accezioni 39.300 locuzioni 1580 polirematiche 45.400 sinonimi 83.000 etimologie e date della prima attestazione Divisione in sillabe e pronuncia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. Prof. ssa: Emma Ferrabò. Testo in adozione. Testo in adozione

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. Prof. ssa: Emma Ferrabò. Testo in adozione. Testo in adozione PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento (1) : LINGUE COMUNITARIE SECONDA LINGUA STRANIERA - SPAGNOLO Coordinatore (1) : Novak Giuliana Classe: 3E 3D Indirizzo Tecnico

Dettagli

Valore, uso e funzione delle preposizioni: un confronto tra italiano e spagnolo. Daniela Tomaselli Università di Palermo

Valore, uso e funzione delle preposizioni: un confronto tra italiano e spagnolo. Daniela Tomaselli Università di Palermo Valore, uso e funzione delle preposizioni: un confronto tra italiano e spagnolo Daniela Tomaselli Università di Palermo A Mario Di Pinto Le preposizioni sono un elemento fondamentale della lingua per la

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

ITALO CALVINO fax: 0257500163 PIANO DI LAVORO. Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115. via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI

ITALO CALVINO fax: 0257500163 PIANO DI LAVORO. Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115. via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3

Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3 a.a. 2013 2014 Programma d aula e d esame Codice 30131 Lingua Italiana Prima Lingua, Secondo esame Modulo P3 Ordinamento Triennale/Quinquennio in Giurisprudenza Corsi di Laurea CLEAM, CLEF, CLEACC, CLES,

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 1I Materia: Spagnolo Insegnante: Prof. Ilario Neri Testo utilizzato: - Santos Qué me cuentas de nuevo?, vol.1, ;

Dettagli

Insegnare italiano L2: la sintassi

Insegnare italiano L2: la sintassi L apprendimento dell italiano L2 Insegnare italiano L2: la sintassi Cecilia Andorno Una domanda preliminare, anzi due Che cosa bisogna insegnare? ovvero: 1. Che cosa c è da imparare? 2. Che cosa sa (già)

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Antonella Grasso matricola 42910 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

Normativa di riferimento. Contesto attuale

Normativa di riferimento. Contesto attuale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SILVANO FEDI Via Panconi, 39-51100 - PISTOIA (ITALIA) Tel. +39 0573 37211 FAX.+39 0573 372121 Web: www.itisfedi.pt.it E-Mail :mailto:posta@itisfedi.pt.it Progetto di

Dettagli

CLASSI I SERVIZI COMMERCIALI E DELLA PUBBLICITA, TECNICO TURISTICO DOCENTI: ASEGLIO, BREWER, DELLACA, MANTELLI, PRADOTTO.

CLASSI I SERVIZI COMMERCIALI E DELLA PUBBLICITA, TECNICO TURISTICO DOCENTI: ASEGLIO, BREWER, DELLACA, MANTELLI, PRADOTTO. MATERIA INGLESE CLASSI I SERVIZI COMMERCIALI E DELLA PUBBLICITA, TECNICO TURISTICO DOCENTI: ASEGLIO, BREWER, DELLACA, MANTELLI, PRADOTTO. CODICE N 1 DENOMINAZIONE Grammatica della frase e del testo Funzioni

Dettagli

PROGETTO META. RIFLESSIONE SULLE LINGUE ITALIANO E TEDESCO a confronto

PROGETTO META. RIFLESSIONE SULLE LINGUE ITALIANO E TEDESCO a confronto PROGETTO META RIFLESSIONE SULLE LINGUE ITALIANO E TEDESCO a confronto Destinatari: Classe 1^ C liceo tecnico Docenti prof. Seveso (italiano) prof. Panza (tedesco) prof. Nodari (econ. aziendale) R. Panza

Dettagli

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA

IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA IL DOCENTE DI CONVERSAZIONE IN LINGUA STRANIERA Il ruolo del docente di conversazione in lingua straniera non è quello di dare modelli fonologicamente o formalmente corretti in lingua, ma è quello di contribuire

Dettagli

FACULTADE DE FILOLOXÍA DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA E ITALIANA. Lingua Italiana 6. María Teresa Sanmarco Bande

FACULTADE DE FILOLOXÍA DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA E ITALIANA. Lingua Italiana 6. María Teresa Sanmarco Bande FACULTADE DE FILOLOXÍA DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA E ITALIANA Lingua Italiana 6 María Teresa Sanmarco Bande GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO 2015/2016 FACULTADE DE FILOLOXÍA. DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

Istituto Comprensivo Stefano D Arrigo Venetico anno scolastico 2010-2011. Una sperimentazione didattica per il consolidamento delle competenze

Istituto Comprensivo Stefano D Arrigo Venetico anno scolastico 2010-2011. Una sperimentazione didattica per il consolidamento delle competenze Istituto Comprensivo Stefano D Arrigo Venetico anno scolastico 2010-2011 Una sperimentazione didattica per il consolidamento delle competenze In data 02.09.2010 il Collegio dei Docenti ha deliberato,

Dettagli

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù

Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù Bollettino Itals Formatori allo specchio. A colloquio con Gaia Chiuchiù di Francesca Tammaccaro Gaia Chiuchiù si è laureata in linguistica applicata con una tesi sperimentale. È attualmente responsabile

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 DOCENTE:SECCHI GIOIA CLASSE 1 G.TUR (terza lingua) PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO

LINGUA E CIVILTA' SPAGNOLA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 DOCENTE:SECCHI GIOIA CLASSE 1 G.TUR (terza lingua) PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO CLASSE 1 G.TUR (terza lingua) Testi in adozione La maggiorparte del lavoro è stato organizzato utilizzando il testo in adozione in questa classe: Polettini, Pérez Navarro, Adelante, volume A, Zanichelli.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 15 SCUOLA MEDIA ZAPPA. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA SPAGNOLA CLASSI SECONDE A.S. 2013/14 DOCENTE: ARCANGELA DANIELA PERTA

ISTITUTO COMPRENSIVO 15 SCUOLA MEDIA ZAPPA. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA SPAGNOLA CLASSI SECONDE A.S. 2013/14 DOCENTE: ARCANGELA DANIELA PERTA ISTITUTO COMPRENSIVO 15 SCUOLA MEDIA ZAPPA. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LINGUA SPAGNOLA CLASSI SECONDE A.S. 2013/14 DOCENTE: ARCANGELA DANIELA PERTA OBIETTIVI DELL'INSEGNAMENTO DELLA LINGUA STRANIERA NEL

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

Beatriz Prior Fernández

Beatriz Prior Fernández INFORMAZIONI PERSONALI Beatriz Prior Fernández beatriz.prior@uniroma1.it Data di nascita 30/05/1975 Nazionalità spagnola POSIZIONE RICOPERTA Lettrice di Spagnolo ESPERIENZA PROFESSIONALE ottobre 2010 ottobre

Dettagli

Programmazione didattica di Lingua Spagnola. Anno scolastico 2012/2013. Classe 1 F

Programmazione didattica di Lingua Spagnola. Anno scolastico 2012/2013. Classe 1 F Programmazione didattica di Lingua Spagnola Anno scolastico 2012/2013 Classe 1 F Docente: Prof.ssa Fanfarillo Brunella Situazione di partenza della classe La classe 1 F è composta da 24 alunni (14 maschi

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

Le lingue dei segni: luoghi comuni

Le lingue dei segni: luoghi comuni Le lingue dei segni: luoghi comuni La modalità visivo-gestuale non può sostituire in modo completo quella acustico-vocale (le lingue parlate e quelle segnate sviluppano le stesse aree cerebrali) La lingua

Dettagli

Spagnolo seconda lingua (3 ore settimanali) anno scolastico 2014/15 SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CON SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA SEZIONE E

Spagnolo seconda lingua (3 ore settimanali) anno scolastico 2014/15 SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CON SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA SEZIONE E Contenuti minimi classi prime Spagnolo seconda lingua (3 ore settimanali) AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CON SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: Materia: Insegnante: Testo utilizzato: 1F Spagnolo Prof. Ssa Veronica Moretti - Santos Qué me, vol.1, DeAgostini;

Dettagli

I.I.S. SEVERI-CORRENTI

I.I.S. SEVERI-CORRENTI I.I.S. SEVERI-CORRENTI Indirizzo Liceo Scientifico Via Alcuino, 4 Milano Anno scolastico 2014/ 2015 CLASSE 2^ SEZIONE D PROGRAMMA DI LATINO Testi in adozione: Grammatica: N. Flocchini, P. Guidotti Bacci,

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010)

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010) LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010) ANALISI DI ALCUNI PUNTI SALIENTI: Testo delle linee guida E comunque preliminarmente opportuno osservare che la Legge 170/2010

Dettagli

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali

Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Facoltà di Interpretariato, traduzione e studi linguistici e studi culturali Laurea triennale in Interpretariato e comunicazione Regolamento dei Laboratori di lingua professionalizzanti e caratterizzanti

Dettagli

Grammatica italiana 1

Grammatica italiana 1 FACULTADE DE FILOLOXÍA DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA E ITALIANA Grammatica italiana 1 Chiara Artenio GUÍA DOCENTE E MATERIAL DIDÁCTICO 2015/2016 FACULTADE DE FILOLOXÍA. DEPARTAMENTO DE FILOLOXÍA FRANCESA

Dettagli

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE

AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE AREA TEMATICA SVILUPPO COMPETENZE DI BASE LINGUE STRANIERE Lingua italiana per stranieri (base/intermedio/avanzato) 1 Lingua Inglese (livello intermedio) 2 Lingua Inglese (apprendimento/mantenimento/avanzamento)

Dettagli

CORSI DI MUSICA PER ADULTI E RAGAZZI CORSI DI LINGUE SERALI PER ADULTI

CORSI DI MUSICA PER ADULTI E RAGAZZI CORSI DI LINGUE SERALI PER ADULTI Via Cairoli 25 Contatti: 0382/815020 biblioteca@comune.gropellocairoli.pv.it ANNO 2011-2012 CORSI DI MUSICA PER ADULTI E RAGAZZI CORSI DI LINGUE SERALI PER ADULTI LE ISCRIZIONI AI CORSI DI MUSICA E DI

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

FAQ. Ricevimento di Ana Pano: venerdì dalle 10.30 alle 12 in studio 76 Dipartimento LLSM o su appuntamento per e-mail (ana.pano@unibo.

FAQ. Ricevimento di Ana Pano: venerdì dalle 10.30 alle 12 in studio 76 Dipartimento LLSM o su appuntamento per e-mail (ana.pano@unibo. Ultimo aggiornamento 06/10/2008 FAQ Domande e risposte utili per orientarsi sul corso LINGUA E LINGUISTICA SPAGNOLA 1 Gruppo A-F (Prof.ssa Ana Pano) Gruppi G-O e P-Z (Prof.ssa Leopoldina Landeros) URL

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof.ssa ANTONELLA PERESSINI A.S. 2015/2016 CLASSE 1 ALL MATERIA: LINGUA LATINA

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof.ssa ANTONELLA PERESSINI A.S. 2015/2016 CLASSE 1 ALL MATERIA: LINGUA LATINA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof.ssa ANTONELLA PERESSINI A.S. 2015/2016 CLASSE 1 ALL MATERIA: LINGUA LATINA Modulo n. 1 INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LATINO Collocazione temporale: settembre e ottobre riconoscere

Dettagli

SPAGNOLO (seconda lingua) Classi I AFM I Turistico. SPAGNOLO (terza lingua) Classi III Turistico III RIM. Unità di Apprendimento

SPAGNOLO (seconda lingua) Classi I AFM I Turistico. SPAGNOLO (terza lingua) Classi III Turistico III RIM. Unità di Apprendimento SPAGNOLO (seconda lingua) Classi I AFM I Turistico SPAGNOLO (terza lingua) Classi III Turistico III RIM Unità di Apprendimento 1 UdA n. 1 Titolo: Hola! Utilizzare una lingua straniera per i principali

Dettagli

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA

4, 5 ANNO DELLA SCUOLA PRIMARIA ASCOLTO E PARLATO Intervenire nel dialogo e nella conversazione in modo pertinente. Interagire nello scambio comunicativo formulando domande e risposte adeguate al contesto. Esprimere il proprio punto

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

COMPETENZE DI LIVELLO A2

COMPETENZE DI LIVELLO A2 OBIETTIVI DIDATTICI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA 1)familiarizzazione con la lingua e graduale sviluppo delle 4 abilità (comprensione e produzione nella lingua orale e scritta) 2) acquisizione di livelli

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

Docente a tempo indeterminato - lingua spagnola (classe di concorso A445-A446)

Docente a tempo indeterminato - lingua spagnola (classe di concorso A445-A446) INFORMAZIONI PERSONALI Emanuela Bonanni ----------------- -------------- ---------------- bonanni.emanuela@iccave.it Data di nascita 31/05/1977 Nazionalità ITALIANA POSIZIONE RICOPERTA Docente a tempo

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

DELE 2014 nel Leonardo da Vinci Certificazione di lingua spagnola

DELE 2014 nel Leonardo da Vinci Certificazione di lingua spagnola DELE 2014 nel Leonardo da Vinci Certificazione di lingua spagnola Il DELE (Diploma de Español como Lengua Extranjera) è il titolo ufficiale che attesta il grado di competenza e dominio della lingua spagnola.

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S

ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S ISTITUTO TECNICO STATALE MARCONI CAGLIARI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DISCIPLINA: LINGUA INGLESE CLASSE: I S DOCENTE: PROF.SSA CARLA COCCO OBIETTIVI EDUCATIVI E FORMATIVI

Dettagli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli

Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only Connect 1 New Directions Zanichelli ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE III SEZ C. INDIRIZZO LL PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. MUSSONI ROSSANA INGLESE Spiazzi Tavella PERFORMER FCE TUTOR Zanichelli Spiazzi Tavella Only

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009/2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009/2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Docente: Francesca Livraghi Materia: Lingua e civiltà spagnola Classe: I B 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi

Dettagli

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 Presentazione della classe: La classe formata da 21 alunni presenta una preparazione non omogenea e un livello di preparazione

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

L ITALIANO TRA NOTE E COLORI. L italiano per studenti stranieri neo-arrivati in Italia Fondazione Telecom-Miur.

L ITALIANO TRA NOTE E COLORI. L italiano per studenti stranieri neo-arrivati in Italia Fondazione Telecom-Miur. L ITALIANO TRA NOTE E COLORI L italiano per studenti stranieri neo-arrivati in Italia Fondazione Telecom-Miur. Obiettivi del Progetto Facilitare l apprendimento della lingua italiana a studenti stranieri

Dettagli

CARÁCTER (señalar con una X la modalidad correspondiente): Asignatura de Formación Básica (FB) X Asignatura obligatoria (OB) Asignatura optativa (OP)

CARÁCTER (señalar con una X la modalidad correspondiente): Asignatura de Formación Básica (FB) X Asignatura obligatoria (OB) Asignatura optativa (OP) 1. DATOS GENERALES DE LA ASIGNATURA ASIGNATURA: Tercera Lengua Extranjera I/ Lengua italiana CÓDIGO: CARÁCTER (señalar con una X la modalidad correspondiente): Asignatura de Formación Básica (FB) X Asignatura

Dettagli

Bibliografia (minimamente) ragionata

Bibliografia (minimamente) ragionata Bibliografia (minimamente) ragionata Giuseppe Faso Bibliografia (minimamente) ragionata -1- Esiste oggi una vera summa delle studi di linguistica acquisizionale sull italiano L2, che sintetizza le ricerche

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE DI TIPO INTERUNIVERSITARIO MODELLO A

PROGETTO NAZIONALE DI TIPO INTERUNIVERSITARIO MODELLO A DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA E PER LA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE RICHIESTA DI COFINANZIAMENTO (DM n. del ) PROGETTO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE BIENNIO Si prevede per il biennio il raggiungimento del livello B1

CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE BIENNIO Si prevede per il biennio il raggiungimento del livello B1 CURRICOLO VERTICALE LINGUA INGLESE BIENNIO Si prevede per il biennio il raggiungimento del livello B1 Competenza conoscitiva: - Conoscere e utilizzare lessico e strutture grammaticali per esprimersi nei

Dettagli

D. Mertelj / Scripta Manent 6(1-2) 39-43 39

D. Mertelj / Scripta Manent 6(1-2) 39-43 39 D. Mertelj / Scripta Manent 6(1-2) 39-43 39 Darja Mertelj Terminologia professionale in italiano - Strokovna terminologija v italijanskem jeziku Gradivo za 1. in/ali 2. letnik višješolskega programa Gostinstvo

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI Insegnamento di Lingua e Traduzione Lingua Francese SSD L-LIN/04 9 CFU - A.A. 2014-2015 Docente: prof. Carlo MIRABELLI

Dettagli