Diventare e i verbos de cambio. Carla Prestigiacomo Università di Palermo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diventare e i verbos de cambio. Carla Prestigiacomo Università di Palermo"

Transcript

1 Diventare e i verbos de cambio Carla Prestigiacomo Università di Palermo Gran parte degli studenti italofoni intraprendono lo studio dello spagnolo sicuramente mossi dalla falsa credenza che la lingua di Cervantes presenti un numero minore di difficoltà rispetto a quelle che si possono riscontrare nell apprendimento di altre lingue. In effetti, sebbene si possa affermare che il processo d acquisizione sia relativamente facile, per lo meno fino al conseguimento di una competenza corrispondente ad un livello A2+/B1 1, la realtà è ben diversa da quanto possa sembrare in un primo momento. A parte le evidenti analogie tra i due sistemi linguistici, infatti, l apprendente si imbatte in numerose e insospettabili divergenze, in una serie di fenomeni che rendono più difficoltoso del previsto il raggiungimento di un livello di competenza superiore. Se ci si limita ad una lingua standard, senza perdersi nell universo della pragmatica e della varietà dei registri e tralasciando le implicazioni culturali dei fenomeni linguistici, è sufficiente ricordare tra i problemi più frequenti l estesissimo numero di falsos amigos, il diverso uso delle preposizioni, dei tempi e dei modi verbali, o le costruzioni perifrastiche a cui frequentemente ricorre lo spagnolo. Tutti aspetti che, sebbene non rappresentino un ostacolo insormontabile, rendono sicuramente più ardua l acquisizione di una competenza linguistica reale. In concreto, una delle difficoltà maggiori con cui si scontrano gli studenti italofoni 2 è costituita senz altro dalla totale disomogeneità che le 1 Common European Framework of Reference for Languages: Learning, Teaching, Assessment (Strasbourg, Council of Europe, 2001). La versione spagnola è consultabile sul sito del Centro Virtual Cervantes: /obref/marco. 2 La mia attività di docente di Lingua e traduzione spagnola mi ha dato l opportunità di monitorare durante un triennio un gruppo di studenti con una competenza di partenza disomogenea. Su circa 130 frequentanti il primo anno, un buon 30% si attestava infatti su un A2+, mentre il resto non aveva avuto nessun contatto con lo spagnolo. Alla conclusione dei primi due corsi, solo un 50% è stato ammesso al terzo anno e, sebbene circa la metà fosse in possesso di una

2 Carla Prestigiacomo due lingue presentano nell espressione del concetto di cambio di stato, quale che sia l ambito di riferimento della trasformazione e il soggetto che l ha subita o, diversamente, provocata. Infatti, se l italiano, come molte altre lingue, ricorre fondamentalmente al verbo diventare (o divenire 3 ), o in casi determinati alla forma pronominale trasformarsi, lo spagnolo si avvale di un ventaglio di soluzioni 4, che, come si vedrà, dipendono da un sistema di parametri piuttosto complesso. Si tratta, indubbiamente, di un problema simile a quello determinato dalla mancanza di una corrispondenza biunivoca tra i verbi hacer e fare, autentico comodín dell italiano, che costituisce un fenomeno di difficile collocazione, in bilico tra l ambito sintattico e quello più specificamente lessicale e semantico. certificazione linguistica B2, ho notato la persistenza di alcuni errori tipici di una fase inferiore di interlingua. Tra questi, assumeva un rilievo fondamentale l uso improprio delle espressioni riguardanti un cambio di stato che, in alcuni elementi, aveva assunto ormai le caratteristiche di un errore fossilizzato. Ho potuto notare infatti il ricorso frequente e ingiustificato alla perifrasi Llegar a ser, l oscillazione aggettivo/sostantivo con Ponerse, la presenza/assenza della preposizione en con Volverse e Convertirse, nonostante le ripetute correzioni e revisioni che hanno caratterizzato il triennio. È d obbligo chiedersi, quindi, come mai sussista una percentuale così alta d errore e, di conseguenza, cosa fare per facilitare un corretto apprendimento dei Verbos de cambio. È evidente che non si tratta di un operazione facile. Se in molti casi, infatti, la causa primaria della fossilizzazione dell errore è da ricercare nei fenomeni di interferenza della lingua italiana, e un analisi contrastiva può rivelarsi utile per evitare l acquisizione di cattive abitudini, nel caso dei verbi in oggetto, la questione si fa molto più complessa. 3 In realtà, i due verbi non sono perfettamente intercambiabili. Devoto e Oli (1971) evidenziano il carattere graduale dell evolversi di un essere vivente, modo o situazione indicato da divenire, in contrapposizione a diventare che Indica il divenire visto nel suo momento conclusivo. Tale contrasto sembra scomparire in lavori più recenti quali Zingarelli (1994) e De Mauro (2000): Diventare: ( ) seguito da complemento predicativo, passare, spec. progressivamente, da una condizione a un altra: d. bello, brutto, simpatico, vecchio; d. direttore, presidente; l acqua è diventata ghiaccio; d. rosso per la vergogna; anche ass.: guarda come sei diventato! ( ), Divenire: ( ): passare, spec. progressivamente, da una condizione a un altra: d. adulto, d. responsabile. ( ). 4 Come sottolinea Bermejo Calleja (1994:47) En español, la idea de cambio se expresa: - Con los verbos denominados de cambio o devenir. Mediante perífrasis. Mediante verbos derivados de adjetivos y sustantivos. 475

3 Diventare e verbos de cambio Se consideriamo, infatti, che una differenza sintattica implica anche una variazione di significato, ci rendiamo conto che per insegnare un uso corretto e cosciente dei cosiddetti Verbos de cambio, non possiamo limitarci ad una semplice esposizione di tipo normativo-tradizionale, dovendo invece valutare tutte quelle componenti che entrano in gioco nell acquisizione di una lingua straniera. In sintesi, indicare un cammino per superare o, per lo meno in un primo momento, raggirare l ostacolo, è l obiettivo che ogni docente di lingua spagnola si deve imporre, elaborando sia una serie di materiali teorici e pratici, sia un sistema di correzione efficiente che si incentrino sui bisogni specifici degli apprendenti. I fattori da tenere in considerazione sono diversi. Oltre a chiedersi in quale punto del sillabo bisogna inserire l argomento, è necessario valutare l opportunità di presentare un quadro analitico esaustivo o di rimandare una riflessione più approfondita e cosciente ad un momento in cui gli studenti siano più avvezzi ad un analisi di tipo metalinguistico. Stabilire, quindi, se risulta più operativo un metodo tradizionale, normativo, oppure un impostazione di taglio comunicativo. È ovvio che non ci troviamo di fronte ad una soluzione unica, visto che bisogna tenere presente in ogni momento l ambito in cui viene svolta l attività didattica, le finalità specifiche di ogni corso e, soprattutto, se l obiettivo primario è formare linguisti o creare un usuario realmente competente nei termini stabiliti dal Consiglio d Europa. I vocabolari monolingui sia spagnoli che italiani- e bilingui, alle voci diventare (e divenire) e dei corrispondenti Verbos de cambio, non si sono rivelati uno strumento utile al docente e all apprendente, anzi, data la totale insufficienza e ambiguità delle definizioni e degli esempi 5, spesso possono essere anche causa d errore. 5 A questo proposito è sufficiente ricordare parte della definizione di Diventare di Carbonell (1984): intr. Volverse, hacerse // mudar, convertirse. Ciò che colpisce, oltre all insufficienza della definizione (non vengono presi in considerazione tutti i verbos de cambio), è soprattutto l inadeguatezza e ambiguità degli esempi: di stucco, quedarse pasmado // grasso, engordar // magro, enflaquecer // medico, hacerse médico. La voce Divenire, poi, presenta altre sorprese: intr. Devenir // pazzo, volverse loco // ricco, hacerse rico // verde, ponerse verde. Nemmeno il più recente Tam (1999) sembra porre maggiore attenzione sull argomento: Divenire: ( ) Volverse, llegar a ser, hacerse, devenir. Divenire anziano: volverse anciano. ; Diventare: 1 ponerse. Diventare bianco: 476

4 Carla Prestigiacomo Tra le grammatiche descrittive spagnole esaminate, è solo quella curata da Bosque e Demonte 6 (1999) a dedicare alcune pagine all argomento, nell ambito dell analisi dei Verbos pseudo-copulativos: Al igual que en otras lenguas, existe en español un conjunto de verbos cuyo contenido semántico es esencialmente aspectual, y que denotan cambio de estado o, a veces, de posición. Nos referimos a formas como, ponerse, volverse, quedarse, hacerse, y similares, cuyo complemento predicativo especifica precisamente el cambio de estado o posición en cuestión. (Bosque, Demonte, 1999: 2511). Caratteristica comune è, quindi, l espressione di un cambio di stato, ma el estado resultante no es de la misma naturaleza en todos los casos. Así, ponerse implica un cambio de estado generalmente transitorio, mientras que volverse y tornarse implican un cambio que se concibe como indefinito o más o menos permanente (Bosque, Demonte, 1999: 2512), chiarimento, quindi, come dimostra la presenza dell avverbio generalmente o il ruolo che svolge il soggetto nella percezione del cambio (que se concibe ), che si rivela di poca utilità per un apprendente di Spagnolo/LS. L argomento viene, ovviamente, approfondito dalle grammatiche 7 destinate a studenti stranieri, anche in quei casi in cui non siano state espressamente concepite per apprendenti italiani. Lo stesso si può affermare per i manuali di Spagnolo/LS. L analisi di questi testi ha rivelato tuttavia che, anche in presenza di dichiarate intenzioni comunicative degli autori, i Verbos de cambio vengono presentati in modo analitico e tradizionale, secondo uno schema più o meno elaborato 8 e, all interno del sillabo, non ponerse pálido / diventare grasso: ponerse gordo 2 volverse. Diventare ricco: volverse rico 3 convertirse (en), transformarse, mudar. Il vino è diventato aceto: el vino se ha convertido en vinagre 4 llegar a ser, convertirse, volverse. È diventato un avvocato famoso: ha llegado a ser un abogado famoso. 6 In particolare, si veda Demonte, Masullo (1999, vol. 2: ). Il concetto di cambio de estado non viene invece trattato né da Gili Gaya (1961), né nella grammatica funzionale di Alarcos Llorach (1994). Nemmeno le grammatiche descrittive italiane accennano all argomento (Renzi, 1995 e Serianni, 1988). 7 Non tutti gli autori dedicano spazio all argomento. È il caso di González Hermoso, et al. (1999). 8 La trattazione è più approfondita da Moreno (soprattutto 1983 e 2001) e Fernández, et al. (1999). 477

5 Diventare e verbos de cambio vengono mai trattati prima di un livello B1+ 9. In nessuno dei testi esaminati, infatti, l argomento è trattato tenendo in considerazione componenti pragmatiche o semplicemente comunicative. In nessun testo, inoltre, si tiene conto del fatto che questi verbi, con il loro complemento predicativo, formano una unidad semántica o predicado complejo (Bosque, Demonte, 1999: 2511), idea fondamentale per abituare il discente ad un uso di verbi derivati da aggettivi o sostantivi sin dai primi livelli del percorso di apprendimento. In linea di massima, e in modo più o meno esplicito, i materiali esaminati tengono conto dei seguenti parametri: 1- Aspetto sintattico: ossia il contesto linguistico, il loro uso con sostantivi, aggettivi, avverbi o complementi preposizionali. 2- La natura del soggetto, in quanto da esso può dipendere l origine del processo che provoca il cambio e, di conseguenza, la volontarietà o involontarietà dello stesso. 3- Le caratteristiche del cambio, ovvero se ci troviamo di fronte a stati più o meno essenziali e più o meno transitori, se il cambio riguarda l aspetto fisico, psicologico, lo stato d animo, l ambito professionale, l ideologia, la religione, se è di natura positiva, negativa e un lungo eccetera. Per quanto riguarda le espressioni inserite nel gruppo Verbos de cambio, si è riscontrata una sostanziale uniformità, sebbene il numero possa variare se si è tenuto conto o meno dei verbi dejar, acabar e terminar o della perifrasi llegar a estar. Risulta evidente, quindi, che non è facile offrire una visione completa e, soprattutto, efficace ai fini dell apprendimento. In questa sede saranno trattati solo quattro verbi, tralasciando deliberatamente alcune espressioni, che non trovano una corrispondenza immediata con diventare, e i verbi transformarse e convertirse en, che in linea di massima non presentano eccessivi problemi, così come la perifrasi llegar a ser, sebbene a volte sia usata in modo indiscriminato dagli apprendenti, a causa della tendenza, tristemente diffusa, non solo a ricorrere 9 Fernández, et al. (1999) inseriscono il capitolo dedicato ai Verbos de Cambio al termine della sezione dedicata al Grupo verbal, e, in concreto, a conclusione di tutto il percorso d apprendimento. Gli esercizi corrispondenti, invece, sono situati ai livelli Intermedio e Superior. 478

6 Carla Prestigiacomo istintivamente alla traduzione, ma anche a soffermarsi sulla prima definizione proposta dai vocabolari. Oltre ai parametri già ricordati, si terranno in considerazione anche altri elementi, come, per esempio, la relazione con i verbi copulativi ser e estar, il ruolo che può assumere il soggetto o un altro agente nell origine del cambio e, in alcuni casi, l atteggiamento dell enunciatore alla constatazione del cambio. HACERSE 10 Dal punto di vista sintattico, può essere seguito sia da un aggettivo che dal sostantivo, preceduto o no, dall articolo indeterminativo. Assimilabile a un processo del tipo pasar a ser, hacerse può riferirsi quindi a cambiamenti sostanziali e definitivi che riguardano l essere, la professione, l ideologia, la religione, la nazionalità. Sembra giocare un ruolo determinante la volontarietà del soggetto, sebbene non bisogna tralasciare nemmeno i casi in cui hacerse può riferirsi ad un processo spontaneo e naturale o a situazioni in cui manca la componente di volontarietà nel soggetto che subisce il cambio, come in Le tocó la lotería y se hizo rico.. La volontarietà è, invece, evidente nei seguenti esempi: Cansado de las decepciones amorosas, decidió hacerse cura. A pesar de sus padres, se hizo músico. Un processo spontaneo, invece, traspare dalla frase: Juan se ha hecho mayor. Quest ultimo esempio, suggerisce un ulteriore considerazione. Se operiamo una trasformazione sintattica, inserendo un complemento preposizionale o inserendo un nuovo soggetto, la focalizzazione si sposta dalla mancanza di volontarietà, alla causa della trasformazione: Con la experiencia se ha hecho mayor oppure La experiencia lo ha hecho mayor. 10 In questa occasione non mi soffermo sulla struttura hacerse + art. determinativo + sostantivo, perché non assimilabile al concetto di Cambio de estado, ma al significato del verbo fingirse. 479

7 Diventare e verbos de cambio Non dobbiamo nemmeno dimenticare di sottolineare come la presunta neutralità del verbo si perde con el uso del artículo che añade un matiz ponderativo que la expresión sin artículo no tiene (Matte Bon, 1992:55). Affermare Se ha hecho mayor non coincide pragmaticamente con Te has hecho todo un hombre 11. VOLVERSE Si tratta, sicuramente, di uno dei verbi più ostici per un apprendente di Spagnolo/LS. Come si sa, sintatticamente si costruisce con un aggettivo e, molto più raramente, con un sostantivo, come nella frase Este futbolista se ha vuelto un personaje muy popular o nell espressione Se ha vuelto hombre, degna di essere analizzata a parte. In particolare, i sintagmi nominali di volverse possono essere introdotti dall articolo indeterminativo, in quanto designan tipos, es decir, conjuntos de propiedades caracterizadoras y permanentes (Bosque, Demonte, 1999: 2512). Con volverse, l origine del cambio non sembra determinata dal soggetto e, di norma, ci troviamo di fronte ad un processo rapido con effetti duraturi e fondamentalmente negativi 12. Inoltre, in determinate situazioni, può focalizzare l atteggiamento dell enunciatore che, esplicitando o no la causa, non si limita a fare una considerazione, ma esprime una sorta di giudizio di valore. L enunciatore può coincidere o no con il soggetto che ha subito il cambio: Me estoy volviendo cada día más desconfiada. Esta tía te volverá loco. PONERSE Di caratteristiche simili a volverse, e per questo spesso causa d errore, è seguito da aggettivi, soprattutto relativi agli stati d animo, 11 L espressione Estás hecho un asco, infine, meriterebbe una lunga riflessione, ma date le condizioni imposte dalle circostanze, mi devo limitare a mettere in dubbio la coincidenza totale di hacerse con il concetto di pasar a ser. 12 Naturalmente, anche in questo caso, non è possibile parlare di regole universali. È sufficiente ricordare, infatti, tra le tante possibili, le espressioni volverse tolerante o volverse comprensivo: Con la edad se ha vuelto más tolerante; Desde que se ha quedado viudo se ha vuelto más comprensivo. 480

8 Carla Prestigiacomo all aspetto o allo stato di salute. A differenza di volverse, però, non sembra implicare un giudizio di valore da parte dell enunciatore, anche se l espressione No te pongas así autorizza a supporre una perdita di neutralità, dato che le implicazioni semantiche dell avverbio sono riconducibili direttamente all esperienza diretta del parlante. Ponerse si può considerare simile all espressione estar + aggettivo, nel caso in cui ci riferiamo a caratteristiche che il soggetto acquisisce in modo transitorio: Se ha puesto muy bobo en la discusión. Me pongo mala cada vez que coge la moto Al entrar el maestro, los alumnos se pusieron firmes Después de la gripe no he vuelto a ponerme bueno Cada vez que lo veo, me pongo colorada Quest ultimo esempio, riconducibile alla struttura ponerse + aggettivo di colore, suggerisce un ulteriore tratto distintivo rispetto a volverse. Ponerse, infatti, seguito da determinati colori, si allontana dal significato indicato dal colore stesso, sebbene, in alcuni casi, è possibile trovare un nesso con l origine dell espressione: Tu actitud me pone negro En la cena de ayer me puse morado La crítica le ha puesto verde. QUEDARSE Seguito da un participio, da un aggettivo, da un complemento preposizionale o dall espressione hecho + sostantivo o hecho + (un/una) + sostantivo esprime il risultato di una trasformazione causata da un agente esterno, sia esplicito che implicito 13, come nei seguenti esempi: 13 Una delle differenze tra quedar e quedarse è costituita, infatti, dalla prossimità con la costruzione passiva della struttura quedar + participio, che puede tomar un complemento agentivo o un adverbio orientado al agente ( ). (Bosque, Demonte, 1999: 2512). Tuttavia, le strutture passive non implicano che el resultado obtenido se mantiene por un certo período, ( ); compárese El libro quedó guardado con El libro fue guardado. (ibidem) 481

9 Diventare e verbos de cambio Me he quedado frío Me quedé sin palabras Al oír la noticia se quedó hecho polvo La camisa se ha quedado hecha un guiñapo Il soggetto può essere sia animato che inanimato 14 e il suo significato, tralasciando l idea del processo che soggiace al cambio, si può considerare quasi equivalente alla struttura estar + aggettivo. Dal punto di vista semantico, tuttavia, è possibile rilevare un altra affinità. Sostituendo la forma pronominale di quedarse con la struttura soggetto + dejar + oggetto diretto, si ottengono frasi semanticamente simili, anche se con dejar, mediante la trasformazione del sintagma preposizionale in soggetto, la focalizzazione si sposta dall effetto all agente che ha provocato il cambio: Con el accidente se quedó cojo - El accidente lo dejó cojo Con esta luz me quedo ciego Esta luz me deja ciego. Per finire, una breve riflessione su frasi del tipo: La casa te he quedado preciosa. Quedó mal al irse sin despedirse. In entrambi gli esempi non si può parlare di un cambio di stato reale e, di conseguenza, non è possibile considerare questa accezione, come molte di quelle esaminate fino ad ora, equivalente all italiano diventare. Alla luce di quanto detto, nonostante l esiguità dei casi esaminati, risulta evidente che la materia Verbos que indican un cambio de estado non si esaurisce nelle definizioni delle grammatiche descrittive e, ancora meno, in uno dei tanti schemi proposti dai manuali di Spagnolo/LS. Pur ritenendo 14 Su questo punto non tutti gli autori coincidono. In concreto, Bosque, Demonte (1999: ) sottolineano: Quedarse puede implicar que hay un ente con volición que controla o mantiene el estado expresado (...), mientras que el segundo (quedar) no lo implica (...). De ahí que quedarse sea incompatible con sujetos inanimados y con la construcción pasiva adjetiva, que tiene ya un agente sobreentendido. Nessuno può dubitare, tuttavia, della legittimità di un espressione come La llave se ha quedado atascada en la cerradura. 482

10 Carla Prestigiacomo indispensabile una riflessione sistematica sull argomento, un approccio di questo genere risulta poco efficace nelle prime fasi del processo di apprendimento. Occorre quindi lavorare in un altra direzione. Se il docente non opera all interno di un corso dichiaratamente destinato a futuri traduttori, bisogna sottolineare, in primo luogo, l assenza di una corrispondenza biunivoca tra diventare e i verbos de cambio, e far sì che l apprendente non ricorra istintivamente alla traduzione, affinché sviluppi le strategie a lui più consone, mediante attività mirate allo sviluppo della competenza lessicale. Vista l altissima frequenza d uso del verbo diventare in italiano e, simmetricamente, delle strutture equivalenti in spagnolo, infine, non possiamo attendere un livello B1 per introdurre l argomento, perché, sebbene compito del docente sia stimolare gli studenti ad acquisire sì automatismi linguistici, ma anche un atteggiamento riflessivo, dobbiamo essere in grado di evitare che lo studente, come accade quando entra in contatto con una lingua straniera, formuli ipotesi che gli permettano di trovare analogie con le lingue che conosce, sviluppando strategie di apprendimento personali che troppo spesso lo spingono a un confronto continuo ed arbitrario con la lingua materna. 483

11 Diventare e verbos de cambio Bibliografia AA. VV. (1999), Clave, Diccionario del suo del español actual, Madrid, SM. AA. VV. (1987), El Vox Mayor, Diccionario general ilustrado de la lengua española, Roma, Zanichelli/Biblograf. ALARCOS LLORACH, EMILIO (1999), Gramática de la Lengua Española, R.A.E., Madrid, Espasa. ALCINA FRANCH, JUAN, BLECUA, JOSÉ MANUEL (1975), Gramática Española, Barcelona, Ariel. AMBRUZZI, LUCIO (1973), Nuovo Dizionario spagnolo-italiano e italianospagnolo, 2 volumi, Paravia, Torino. BERMEJO CALLEJA, FELISA (1994), «Verbos de cambio o devenir en español», in Montesa Pedró Salvador e Garrido Moraga, Antonio ed., Español para extranjeros: Didáctica e investigación, Actas del II Congreso Nacional de ASELE, Málaga, Asele, 1994, BOSQUE, IGNACIO, DEMONTE, VIOLETA, ed. (1999), Gramática descriptiva de la lengua española, 3 volumi, Madrid, Espasa Calpe. CARBONELL, SEBASTIANO (1981), Dizionario fraseologico completo, Milano, Hoepli. DE MAURO, TULLIO (2000), Il dizionario della lingua Italiana, Milano, Paravia. DEVOTO, GIACOMO, GIAN CARLO OLI (1971), Dizionario della lingua italiana, Firenze, Le Monnier. FERNÁNDEZ, JESÚS, ET AL. (1999), Curso intensivo de español, Madrid, SGEL. GILI Y GAYA, SAMUEL (1961), Curso Superior de Sintaxis Española, Spes, Barcelona. GONZÁLEZ HERMOSO, ALFREDO, ET AL. (1999), Gramática de español lengua extranjera, Madrid, Edelsa. LÓPEZ VALVERDE, MARÍA DOLORES (2002), «La fosilización de algunos errores de alumnos de lengua materna italiana», in Frecuencia ELE, n. 19, Edinumen, LLOVERA MAJEM, CAMILO (1975), Gramática italiana del siglo XX, Barcelona, Bosch. Marco común de referencia para las lenguas: aprendizaje, enseñanza, evaluación, 484

12 Carla Prestigiacomo MATTE BON, FRANCISCO (1992), Gramática comunicativa del español, Tomo II, De la idea a la lengua, Madrid, Edelsa. MOLINER, MARÍA (1984), Diccionario de uso del español, Madrid, Gredos. MORENO GARCÍA, CONCHA (1983), Curso Superior de Español, Salamanca, Publicaciones del Colegio de España. MORENO GARCÍA, CONCHA (2001), Temas de gramática, Nivel Superior, Madrid, SGEL. MORENO GARCÍA, CONCHA, ET AL. (2003), Avance, Nivel básico-intermedio, Madrid, SGEL. PORROCHE BALLESTEROS, MARGARITA (1988), Ser, estar y verbos de cambio, Madrid, Arco/Libros. REAL ACADEMIA DE LA LENGUA ESPAÑOLA (1995), Diccionario de la Lengua Española, Edición electrónica, Madrid, Espasa Calpe. RENZI, LORENZO (1995), Grande grammatica italiana di consultazione, 3 volumi, Bologna, Il Mulino. SALVI, GIAMPAOLO, VANELLI, LAURA (2004), Nuova grammatica italiana, Bologna, Il Mulino. SERIANNI, LUCA (1988), Grammatica italiana, Torino, UTET. TAM, LAURA (1997), Dizionario Spagnolo-Italiano. Diccionario Italiano- Español, Volume unico, Milano, Hoepli. ZINGARELLI, NICOLA (1994), Vocabolario della lingua italiana, Roma, Zanichelli. 485

L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza

L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza Quaderns d Italià 3, 1998 91-96 L uso del «di» e del «che» nei comparativi di diseguaglianza Ursula Bedogni Abstract The great variety in the usage of the comparatives in Italian often causes problems

Dettagli

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO

Ser / Estar. In spagnolo esistono due forme per tradurre essere, sono ser ed estar che vanno usate a seconda del contesto. PRETÉRITO PERFECTO Ser / Estar In spagnolo esistono due forme per tradurre ese, sono ed che vanno usate a seconda del contesto. Ser infinitivo: participio: sido gerundio: siendo PRESENTE IMPERFECTO PERFECTO INDEFINIDO FUTURO

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LINGUAGGIO ANALISI GRAMMATICALE E ANALISI LOGICA Analisi grammaticale: procedimento che ha la funzione di associare ad ogni parola presente all'interno di una frase la propria

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue

I livelli di competenza dell allievo straniero: il contributo del Quadro comune europeo di riferimento delle lingue Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA:

PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: PRIMO INCONTRO INTRODUZIONE ALLA GLOTTODIDATTICA: La glottodidattica è una scienza teorico pratica che ha come scopo la risoluzione dei problemi di insegnamento/apprendimento di una seconda lingua. (da

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca

Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca Si può salvare l analisi logica? di M. G. Lo Duca [contributo già pubblicato in La crusca per voi, n. 33, Ottobre 2006, pp. 4-8] Si è tenuto nei mesi di marzo/aprile del 2006 un corso di aggiornamento

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5]

Lessico e registro [SLIDE 3] [SLIDE 4] [SLIDE 5] Lessico e registro Lezione tenuta il 25 maggio 2015 nel polo Linceo di Calabria, l Università per Stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria, nell ambito del progetto Per una nuova didattica dell italiano.

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta)

- transitivi Gianni ha colpito Pietro Ha mangiato (la pasta) Teoria tematica Ogni predicato ha una sua struttura argomentale, richiede cioè un certo numero di argomenti che indicano i partecipanti minimalmente coinvolti nell attività/stato espressi dal verbo stesso.

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

A proposito dell origine della declinazione del pronome clitico di terza persona in italiano

A proposito dell origine della declinazione del pronome clitico di terza persona in italiano A proposito dell origine della declinazione del pronome clitico di terza persona in italiano Giorgio Cadorini Università Carlo IV di Praga Sommario L articolo cerca di ricostruire

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks

Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Indessicalità / Indexicality William F. Hanks Il termine indessicalità indica l onnipresente dipendenza dal contesto degli enunciati di qualunque lingua naturale, e comprende fenomeni diversissimi come

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

La formazione della costruzione impersonale in italiano

La formazione della costruzione impersonale in italiano La formazione della costruzione impersonale in italiano Giampaolo Salvi gps@ludens.elte.hu Università Eötvös Loránd, Budapest (Ungheria) RIASSUNTO: In italiano moderno possiamo identificare due diverse

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Modelli teorici sull apprendimento di una L2

Modelli teorici sull apprendimento di una L2 Modelli teorici sull apprendimento di una L2 (D00013) Mauro Pichiassi Università per Stranieri di Perugia Pisa, 2009 ISBN: 978-88-6725-016-5 Ultima revisione 24 Settembre 2012 Presentazione del modulo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE

Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE Q UADRO DI RIFERIMENTO DELLA PROVA DI ITALIANO L A PROVA DI ITALIANO NELL OBBLIGO DI ISTRUZIONE V ersione aggiornata il 02.04.2013 1 Indice Premessa I PARTE: PRESUPPOSTI TEORICI E OBIETTIVI DELLE PROVE

Dettagli

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f.

La funzione è continua nel suo dominio perchè y = f(x) è composizione di funzioni continue. Il punto x = 0 è un punto isolato per D f. FUNZIONI CONTINUE - ALCUNI ESERCIZI SVOLTI SIMONE ALGHISI 1. Continuità di una funzione Dati un insieme D R, una funzione f : D R e x 0 R, si è detto che f è continua in x 0 se sono soddisfatte le seguenti

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli