La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda. Dott. Ing. Mauro CAPPELLO"

Transcript

1 La Qualificazione energetica degli edifici. Parte Seconda Dott. Ing. Mauro CAPPELLO 1

2 Unità didattica: 4 La trasmittanza termica 2

3 La trasmittanza termica: introduzione La prestazione termica dei materiali, ovvero la loro maggiore o minore attitudine a favorire gli scambi di calore, viene stimata dalla grandezza fisica denominata conducibilità termica, spesso rappresentata dalla lettera greca λ (lambda). Sono materiali isolanti termicamente, quelli caratterizzati da un basso valore di λ e che pertanto forniscono maggiori ostacoli al passaggio del calore, mentre sono conduttori quelli aventi valore di λ più elevato e che, contrariamente ai precedenti favoriscono il transito dell energia termica. 3

4 La trasmittanza termica: introduzione - 2 MATERIALI Isolanti termici Valori modesti di λ (lambda). Conduttori termici Valori elevati di λ (lambda). 4

5 La trasmittanza termica: introduzione - 3 La definizione dei valori di λ caratteristici di ciascun materiale avviene attraverso l esecuzione di prove sperimentali effettuate su campioni di dimensioni standard, pertanto se consideriamo una parete omogenea a facce piane e parallele, di area pari ad 1 mq e spessore pari ad s, avremo che il calore scambiato tra le facce, indicato con la lettera greca Φ, nell unità di tempo è direttamente proporzionale alla differenza di temperatura delle due facce T, alla conducibilità termica λ ed inversamente proporzionale allo spessore della parete s, ovvero: Φ = T λ s 5

6 La trasmittanza termica: introduzione - 4 È esperienza comune il fatto che a parità di condizioni e di materiali, il flusso di calore che attraversa un materiale diminuisce all aumentare dello spessore. Ciò significa che aumentando lo spessore di un materiale si aumenta anche il valore della sua resistenza termica. 1^ REGOLA FONDAMENTALE Aumentando lo spessore di un materiale si ottiene un aumento della sua resistenza termica, pertanto il calore troverà maggiori difficoltà ad attraversarlo 6

7 La trasmittanza termica: introduzione - 5 Un altra circostanza da analizzare è la seguente: a parità di spessore, il flusso di calore che attraversa il materiale varia da sostanza a sostanza, ovvero dipende proprio dalle caratteristiche dei singoli materiali 2^ REGOLA FONDAMENTALE A parità di spessore, il flusso di calore in transito, dipende direttamente dalle caratteristiche del materiale. Ne consegue che utilizzando come barriera al calore materiali diversi aventi lo stesso spessore avremo diverse quantità di calore in transito 7

8 La trasmittanza termica: introduzione - 6 Le precedenti considerazioni trovano una rappresentazione matematica in una semplice formula: U = λ s È la lettera greca lambda e rappresenta la conducibilità termica dei materiali. Il suo valore varia da materiale a materiale. Rappresenta il valore dello spessore del materiale attraversato dal calore La lettera U rappresenta la trasmittanza termica di un materiale e definisce la quantità di calore che passa attraverso un materiale avente spessore s e conducibilità termica λ 8

9 La trasmittanza termica: introduzione - 7 Come già detto la resistenza del materiale aumenta all aumentare dello spessore, inoltre abbiamo anche detto che i materiali Isolanti termicamente sono caratterizzati da bassi valori di λ. Ne consegue che la resistenza termica aumenta man mano che i valori di lambda diminuiscono!!!! Anche queste considerazioni possono trovare una formulazione di tipo analitico: R = s λ Come si vede, aumentando lo spessore, a parità di λ, aumenta il valore della resistenza termica R Mantenendo costante lo spessore s, la resistenza termica aumenta man mano che diminuisce λ, ovvero utilizzando materiali isolanti (λ basso) 9

10 La trasmittanza termica: introduzione - 8 La trasmittanza U e la resistenza R, termiche, sono legate da una relazione di tipo inverso, ovvero: U = 1 R 10

11 La trasmittanza termica: elementi di un involucro edilizio Superfici opache: Sono le superfici dei muri, delle coperture, dei solai. Superfici trasparenti: Sono le superfici che coincidono con gli infissi 11

12 La trasmittanza termica: calcolo per una parete multistrato - 1 Il calcolo della trasmittanza termica di una parete multistrato è molto semplice e costituisce la base di tutte le operazioni di qualificazione/certificazione energetica. Inoltre come si vedrà, sia il D.Lgs 19/02/07 sia il D.Lgs.311/2006 chiedono spesso al tecnico di verificare che i valori di trasmittanza siano inferiori a quelli tabulati nel decreto stesso! 12

13 La trasmittanza termica: calcolo per una parete multistrato - 2 Considerando una parete costituita da 1,2 n strati di diversi materiali, ognuno di spessore s 1, s 2,.s n, la conducibilità termica di ognuno è pari a λ 1, λ 2, λ n il valore della trasmittanza termica complessiva della parete sarà: U = 1 h i + s s s n + λ 1 λ 2 I coefficienti h i ed h e, come anche i valori di λ, sono forniti dalle norme. 1 λ n 1 h e 13

14 La trasmittanza termica: calcolo per una parete multistrato - 3 Facciamo l esempio di una parete multistrato formata da: Intonaco interno spessore 0,02 m Pietra arenaria spessore 0,40 m Intonaco esterno spessore 0,02 m Calcoliamone la trasmittanza termica! 14

15 La trasmittanza termica: calcolo per una parete multistrato - 4 Per effettuare il calcolo dobbiamo conoscere gli spessori dei vari materiali componenti la parete, ma anche i valori delle singole conducibilità termiche. I valori della conducibilità termica da utilizzare per le murature sono reperibili nella norma UNI EN ISO Murature e solai Valori della resistenza termica e metodo di calcolo, possono anche essere reperiti presso il fornitore dei materiali. Negli edifici esistenti la misura della trasmittanza/ resistenza termica può essere fatta con opportuna strumentazione (termoflussimetri). 15

16 La trasmittanza termica: calcolo per una parete multistrato - 5 Per l esempio in oggetto, i dati in nostro possesso sono: Intonaco interno s 1 =0,02 m λ 1 = 0,70 W/mK Parete in pietra s 2 =0,40 m λ 2 = 1,75 W/mK Intonaco esterno s 3 =0,02 m λ 3 = 0,70 W/mK I valori h i =8 W/m 2 K ed h e =20W/m 2 K segnaliamo che essi sono fissati a priori secondo certe caratteristiche. 1 0,40 1,75 W m U = = 2, ,02 0, , K 16

17 I ponti termici: introduzione Con il termine ponti termici si intende indicare particolari discontinuità, dovute a materiali aventi diverse caratteristiche termiche, oppure a brusche variazioni geometriche della struttura. Tali discontinuità costituiscono di fatto vie preferenziali per il passaggio del calore, determinando così forti dispersioni. La figura a lato riporta l esempio di uno spigolo. Lo spigolo è proprio una delle tipologie di ponte termico esistenti, esse sono tutte riportate nella norma UNI EN ISO Ponti termici in edilizia Coefficiente di trasmissione termica lineica Metodi semplificati e valori di riferimento 17

18 I ponti termici: tipologie Le varie tipologie di ponti termici sono descritte nella citata norma UNI, da cui è tratta la figura rappresentata. Notare che costituiscono ponti termici tutte le giunture (tra pareti Cn; parete-soffitto Rm, le finestre Wn, ecc) 18

19 I ponti termici: abaco numerico 19

20 I ponti termici: abaco numerico - 2 Come si vedrà nella successiva unità didattica relativa al bilancio energetico degli edifici, uno dei parametri da calcolare sono le dispersioni di calore. I ponti termici come già detto costituiscono vere e proprie vie preferenziali al flusso di calore in uscita, ovvero sono una delle cause di dispersione di calore. Per determinare la quantità di calore che ogni tipo di ponte termico disperde, possiamo ricorrere alla norma UNI oppure possiamo utilizzare alcuni abachi gratuitamente disponibili in rete. 20

21 La correzione dei ponti termici La normativa energetica prevede la verifica della trasmittanza degli elementi edilizi, a ponte termico corretto. Un ponte termico lo si definisce corretto, quando attraverso una serie di interventi mirati, si riesce ad ottenere l annullamento delle relative dispersioni. Tali interventi, per essere veramente efficaci, debbono necessariamente essere posti in opera in sede di costruzione 21

22 La correzione dei ponti termici

23 La correzione dei ponti termici

24 Bilancio energetico di un edificio: introduzione La parola bilancio viene frequentemente associata ad argomenti di natura economica. Con tale termine si intende confrontare il volume delle entrate e delle uscite, verificando a saldo, la situazione finale delle aziende. Anche per qualificare da un punto di vista energetico un edificio è necessario operare un bilancio, soltanto che le grandezze da confrontare non sono somme di denaro, bensì flussi di energia!!! Vedremo, preseguendo in questa unità didattica, che esistono flussi di energia che entrano nell edificio e flussi di energia che invece ne escono. 24

25 Bilancio energetico di un edificio: i flussi di energia Il bilancio di energia comprende i seguenti termini: Dispersione termica per trasmissione e ventilazione dall ambiente riscaldato verso l ambiente esterno; Scambio termico per ventilazione e trasmissione tra zone adiacenti; Apporti termici interni Apporti solari; Perdite per generazione, distribuzione, emissione e regolazione dell impianto di riscaldamento. 25

26 Bilancio energetico di un edificio: Metodo di calcolo Per ciascun periodo di calcolo (mese o stagione di riscaldamento) è necessario: 1) Calcolare la temperatura termica interna corretta; 2) Calcolare la dispersione termica Q L ; 3) Calcolare gli apporti termici interni Q i ; 4) Calcolare gli apporti solari Q S ; 5) Calcolare il fattore di utilizzazione degli apporti termici, definito dalla lettera greca η (eta); 6) Calcolare il fabbisogno termico Q h per tutti i periodi di calcolo; 7) Calcolare il fabbisogno termico Q h annuale; 8) Calcolare il fabbisogno di energia per riscaldamento 26

27 Bilancio energetico di un edificio: Temperatura interna corretta La nozione di temperatura interna corretta si applica quando il riscaldamento avviene con modalità diverse durante il periodo di funzionamento, per esempio intensità normale di giorno, intensità ridotta di notte. Il calcolo viene condotto suddividendo il periodo di funzionamento in sottoperiodi, caratterizzati da intensità normale alternata ad intensità ridotta, come rappresentato nella figura a seguire tratta dalla norma UNI Ogni periodo di calcolo viene caratterizzato tramite i seguenti parametri: Durata; Numero di volte in cui ricorre tale tipo di periodo; Modo di intermittenza; ecc 27

28 Bilancio energetico di un edificio: La definizione di temperatura interna corretta è recata dal punto 6.1 della norma citata La temperatura interna corretta è la temperatura interna costante che darebbe luogo alla stessa dispersione termica ottenuta con il riscaldamento intermittente durante lo stesso periodo 28

29 Bilancio energetico di un edificio: Calcolo delle dispersioni La dispersione termica avviene sia attraverso gli elementi dell involucro edilizio sia ad opera della ventilazione (introducendo masse di aria dall esterno dentro l ambiente riscaldato, l ambiente stesso si raffredda, da qui la dispersione termica). Il calcolo della dispersione termica deve quindi tenere conto dei due fenomeni: Q = H ( θ θ ) t L i e Nella formula si indica con θ i la temperatura interna (fissata normalmente al valore di 20 C) con θ e la temperatura esterna. Il parametro H rappresenta il coefficiente di dispersione termica ed infine t è proprio il periodo di calcolo 29

30 Bilancio energetico di un edificio: Calcolo delle dispersioni Il parametro H, come detto tiene conto dei fenomeni di dispersione per ventilazione e dispersione per trasmissione, pertanto: H = H + H v t Ne consegue che prima di applicare la formula: QL = H ( θi θe) t È necessario determinare il valore dei due coefficienti H v ed H t. 30

31 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H v - Dispersioni per ventilazione La determinazione del coefficiente Hv avviene tramite l espressione: H = c V v ρ a a V rappresenta la portata d aria espressa in m 3 /s oppure in m 3 /h ρac a capacità termica dell aria per unità di volume Se la portata è espressa in m 3 /s J/(m 3 K) ρ a c a Se la portata è espressa in m 3 /h 0,34 Wh/(m 3 K) 31

32 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H v - Dispersioni per ventilazione Considerazioni in merito alla salubrità degli ambienti consigliano di favorire comunque una certa ventilazione minima, anche per contrastare il fenomeno dell insorgenza delle muffe, in tal caso, ovvero in assenza di ventilazione si possono considerare i seguenti valori: o V min = 0, 5 V h Per edifici residenziali, dove V rappresenta il volume ventilato 32

33 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H v - Dispersioni per ventilazione Esempio: Si determini la portata minima prevista per un edificio di civile abitazione, avente superficie netta di 90 m 2 ed una altezza interna di 3 m. Si tratta di edificio residenziale senza impianto di ventilazione, dunque si applica la formula: V V o min = 0, 5 h Determiniamo la volumetria dell ambiente V=90 m 2 x 3 m = 270 m 3 Applicando la formula si ottiene: = 0,5 270 = h m h V o 3 min

34 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H v - Dispersioni per ventilazione Esempio: Dato un edificio uso uffici privo di impianto di ventilazione si determini la portata minima prevista dalla norma, sapendo che all interno di esso lavorano 63 persone. m h V o 3 min = 15 Basta semplicemente moltiplicare il dato della formula per il numero delle persone, otteniamo così: o V min = 15 x 63 = 945 m 3 /h 34

35 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H v - Dispersioni per ventilazione Finalmente, applicando la formula seguente, possiamo determinare il coefficiente Hv per poi determinare le perdite per ventilazione H = c V v ρ a I es.) 0,34 Wh/(m 3 K) x 135 m 3 /h = H v = 45,9 W/K II es) 0,34 Wh/(m 3 K) x 945 m 3 /h = H v = 321,3 W/K Nel primo caso calcoliamo la dispersione per ventilazione Q V, la quale è espressa in J quindi dovremo moltiplicare i W per i secondi nella formula a pag. 48 (i secondi in un ora sono 86400) a 35

36 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H v - Dispersioni per ventilazione Per determinare il valore della dispersione per ventilazione del primo esempio applichiamo la: Q = H ( θ θ ) t L i e Per convenzione si fissa la temperatura interna pari a 20 C mentre quella esterna deve essere rilevata per la singola località, ipotizziamo una temperatura esterna di 5 C. Per il parametro t della formula, calcoliamo il numero delle ore presenti in un mese (periodo scelto per il calcolo) 36

37 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H t - Dispersioni per trasmissione Occorre adesso determinare il termine H t della equazione a pag. 48, per fare ciò si deve fare riferimento alla norma UNI Il fenomeno della trasmissione del calore in un edificio riscaldato avviene in tre direzioni diverse: 1) tra ambiente riscaldato interno ed esterno; 2) tra ambiente riscaldato interno e terreno; 3) tra ambiente riscaldato interno e locali interni non riscaldati Ecco perché il coefficiente Ht sarà composto da tre termini ovvero: H t = H + H + int est int terreno H int scald int nonscald 37

38 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H t - Dispersioni per trasmissione Il primo termine stima il flusso di calore attraverso una parete che divide ambiente interno dall esterno (p.es. una parete perimetrale) il secondo stima il flusso di calore disperso attraverso solai o pareti a contatto con il terreno,infine l ultimo tra ambienti scaldati e quelli non scaldati (p.es vano scale, garage, magazzini, depositi, ecc) 38

39 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H t - Dispersioni per trasmissione La trasmissione tra ambiente interno ed esterno avviene attraverso la superficie delle mura perimetrali e quella degli infissi (finestre porte). Per determinare tale flusso occorre prima determinare il coefficiente H int-est la cui espressione è: H = AU + I Ψ + i i k k int est i k j j A i : area in mq della superficie dell elemento considerato (parete, porta, finestra) U i : trasmittanza termica dell elemento considerato Ψ i : trasmittanza termica del ponte termico lineare di lunghezza I k χ: trasmittanza termica ponte termico puntuale χ 39

40 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H t - Dispersioni per trasmissione Esempio Consideriamo il caso di una facciata avente superficie netta (esclusa la superficie delle finestre) di 80 mq, caratterizzata da un valore di trasmittanza pari a 0,34 W/m 2 K. Vi sono 6 finestre aventi superficie pari a 1,8 m 2 ciascuna e caratterizzate da trasmittanza pari a 2,5 W/m 2 K ognuna. È presente un ponte termico lineare avente Ψ = 0,8 (vedi pag. 39 quadro F2) per una lunghezza di 53 m. Calcolare il valore del coefficiente H t 40

41 Bilancio energetico di un edificio: Coefficiente H t - Dispersioni per trasmissione Muratura: AU= 80 m 2 x 0,34 W/m 2 K = 27,20 W/K Finestre: AU= 6 x(1,8 m 2 ) x 2,5 W/m 2 K = 27 W/K Ponti termici: ΨI= 0,8 W/mK x 53 m = 42,40 W/K Ne consegue: H t = 27, , ,40 = 96,60 W/K 41

42 Bilancio energetico di un edificio: Apporti gratuiti persone/azione solare Oltre alle dispersioni termiche nel bilancio energetico si debbono considerare anche gli apporti gratuiti, ovvero le quantità di energia che sono fornite all edificio senza impianti di riscaldamento. Tali apporti sono dovuti: Alla presenza delle persone; All azione del sole sull edificio. Molte abitazioni, in virtù di una buona esposizione, ricevono importanti quantità di calore dal sole, esse permettono di mantenere la temperatura interna abbastanza costante intorno ai 20 C, tali edifici vengono spesso definiti PASSIVI!! 42

43 Bilancio energetico di un edificio: Apporti gratuiti interni La norma UNI propone una complessa formula per il calcolo degli apporti interni, tuttavia esiste una raccomandazione del Comitato Termotecnico Italiano (CTI) che reca alcuni valori di riferimento: Quando non si hanno dati a disposizione è possibile applicare il parametro di 5 W/m 2 43

44 Bilancio energetico di un edificio: Apporti gratuiti azione solare La stima dell energia apportata dall azione solare viene svolta partendo dalla conoscenza dell irradianza solare indicata con la lettera I. Per determinare in modo veloce e semplice l irradianza solare, l ENEA ha istituito l Atlante Italiano della radiazione solare che può essere consultato all indirizzo: Nel suddetto sito il calcolo è svolto in modo automatico inserendo come input solamente i dati relativi al posizionamento geografico della località, ovvero latitudine e longitudine. 44

45 Bilancio energetico di un edificio: Apporti gratuiti azione solare La relazione da utilizzare per la stima dell apporto solare è dettata sempre dalla norma UNI 13790: Q SI [ I A ( F F F ) ] = g S S S C F 45

46 Per i valori da utilizzare nella formula si deve ricorrere alla norma

47 A titolo di esempio, si riportano, tabellati in funzione del mese e dell orientamento, i valori della radiazione solare determinati per il Comune di Santa Marinella 47

48 La determinazione del valore di energia apportata dalla radiazione solare non reca particolari difficoltà, basta moltiplicare la superficie del singolo elemento edilizio per la radiazione pertinente l orientamento, quindi applicare, se necessario, i fattori correttivi previsti dalla norma UNI

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40

Introduzione 7. 1. Nozioni di base 9. 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23. 2. Conseguenze dei ponti termici 31. 2.5 Formazione di muffa 40 INDICE indice Introduzione 7 1. Nozioni di base 9 1.1 Fisica del ponte termico 14 1.2 Attenuazione dei ponti termici 23 2. Conseguenze dei ponti termici 31 2.1 Inefficienza energetica 31 2.2 Effetti igienico-sanitari

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

Efficienza energetica degli edifici: strategie operative

Efficienza energetica degli edifici: strategie operative Attività di di FORMAZIONE tecnici comunali Efficienza energetica degli edifici: strategie operative Arch. Arianna Palano Dipartimento BEST, Politecnico di Milano 1. TECNICHE PER LA VAUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

IMPIANTI di RISCALDAMENTO

IMPIANTI di RISCALDAMENTO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Di Vittorio Docente: GILBERTO GENOVESE IMPIANTI di RISCALDAMENTO Carico termico invernale Anno Scolastico 2008-2009 CORSO: Impianti CONTENUTI: Sistema clima impianto - edificio

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica La certificazione energetica A cura di Dott. Ing. Neri Manuela Software CENED per la regione Lombardia http://www.cened.it/software Indice della presentazione Certificazione energetica: cos è e perché?

Dettagli

Complesso residenziale, Trondheim

Complesso residenziale, Trondheim Complesso residenziale, Trondheim Fig. 3.54 Sezione verticale. Immagini tratte da: Hegger, Fuchs, Stark, Zeumer, Energy Manual Sustainable Architecture, Institut fur internazionale Architektur-Dokumentation

Dettagli

Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore

Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore I PONTI TERMICI Costituiscono una discontinuità geometrica o di materiale dell involucro edilizio Rappresentano una «via preferenziale» di trasmissione del calore Il loro contributo sulla quota di energia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A

RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A RELAZIONE TECNICA Valutazione dei consumi condominio via Ausonia 12A Premessa La sottoscritta Elena Ameri, nata a Genova il 12/10/1984, residente in Genova via Sestri 25 int 3, iscritta all ordine degli

Dettagli

Corso di Energetica degli Edifici

Corso di Energetica degli Edifici Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

SPECIALE ponte termico

SPECIALE ponte termico Speciale-Ponte Termico - Edizione 1 - Revisione 0 del 23 aprile 2015 SPECIALE ponte termico Calcolo ponte termico: metodi ed esempi di analisi agli elementi finiti - finestra - solaio - balcone NOTA AGGIORNAMENTI

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO

L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO L ANALISI DEI PONTI TERMICI NEL PROGETTO DELL ISOLAMENTO TERMICO prof. ing. Vincenzo Corrado Dipartimento Energia, Politecnico di Torino vincenzo.corrado@polito.it Introduzione al concetto di ponte termico

Dettagli

Apporti termici. Corso di Energetica degli Edifici. Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Apporti termici. Corso di Energetica degli Edifici. Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

Tipologie di intervento

Tipologie di intervento CORSO DI LAUREA INGEGNERIA EDILE- ARCHITETTURA La certificazione energetica degli edifici IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Tipologie di intervento TIPOLOGIA 1 Edifici di nuova costruzione; Ristrutturazione

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici. VERIFICA DEL C d VERIFICA DEL C d 1 1) Determinazione del Coefficiente di dispersione volumico Cd [W/m 3 K] Rif. normativo: UNI 10379 - App. E UNI 7357 Calcolo del Coefficiente di dispersione volumico Cd con: Φtr, p Cd

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 STRUTTURE TRASPARENTI Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 1 NORMATIVA TECNICA NAZIONALE UNI EN 410:2000. Vetro per edilizia - Determinazione delle caratteristiche luminose e solari delle vetrate. UNI

Dettagli

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER

DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER Impianti di Climatizzazione e Condizionamento a.a. 2011-12 - Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti 1 CALCOLO DEI CARICHI TERMICI E DELLA TRASMITTANZA TERMICA PER ALCUNI CASI DI STUDIO Il

Dettagli

Nuova versione TERMO_CE 9.05

Nuova versione TERMO_CE 9.05 Nuova versione TERMO_CE 9.05 Principali migliorie rispetto alla versione precedente Fabbisogno di energia termica per climatizzazione invernale ed estiva Queste in sintesi le principali variazioni rispetto

Dettagli

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing.

Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura. Corso di Fisica Tecnica. Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Università degli studi di Roma Tre Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Docenti: arch. Francesco Bianchi ing. Francesco Cocco DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI PER UN EDIFICIO RESIDENZIALE A PATIO

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE TERZA 1 Definizione del Fabbisogno Energetico Normalizzato FEN In base al par. 4 della UNI 10379, si definisce fabbisogno energetico normalizzato FEN la quantità di energia

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO

DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO LE NOSTRE CASE E L AMBIENTE CHE CI CIRCONDA DIVIDIAMO LE NOSTRE CASE DALL AMBIENTE CHE LE CIRCONDA INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RISCALDAMENTO INSTALLIAMO DEGLI IMPIANTI PER IL RAFFRESCAMENTO E LA

Dettagli

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552

La Finestra sul PVC PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 La Finestra sul PVC La Finestra sul PVC n. 80 del 08/10/2014 PUBBLICATE LE NUOVE VERSIONI DELLA UNI/TS 11300-1 E -2 E UNI/TR 11552 Il 2 ottobre sono state pubblicate da UNI le nuove versioni della UNI/TS

Dettagli

Il calcolo della potenza di riscaldamento. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro, 2206 30123 Venezia

Il calcolo della potenza di riscaldamento. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro, 2206 30123 Venezia Il calcolo della potenza di riscaldamento P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro, 2206 30123 Venezia UNI EN 12831 Dati climatici Per questo metodo di calcolo, si utilizzano i seguenti dati climatici:

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it

L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it L IMPORTANZA DEL COLLAUDO ENERGETICO DEGLI EDIFICI Ing. Davide Lanzoni www.saige.it L emanazione delle recenti normative per il risparmio energetico, che prevedono per gli edifici il possesso di un certificato

Dettagli

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL

ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL CORSO PER CERTIFICATORE ENERGETICO IN REGIONE LOMBARDIA ESEMPI DI CALCOLO MANUALE DEL FABBISOGNO DI INVOLUCRO SECONDO D.G.R. VIII/5018 DEL 26/06/2007 E DECRETO 15833 DEL 13/12/2007 Gabriele Masera Nota:

Dettagli

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo

DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo DLGS 192 Interventi per il controllo del surriscaldamento estivo 1-Efficaci elementi di schermatura delle superfici vetrate ( esterni o interni) 2-Ottimizzare la ventilazione naturale 3-Eventuale ventilazione

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici

ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici ALLEGATO 1 ALLEGATO TECNICO al regolamento per la certificazione dei consumi di energia negli edifici COMUNE DI PERANO (CH) CERTIFICAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA NEGLI EDIFICI RELAZIONE TECNICO INDICE

Dettagli

Misura del valore U Trasmittanza termica

Misura del valore U Trasmittanza termica Zeichen Committing setzen für to die the Zukunft future Misura del valore U Trasmittanza termica Cosa è il coefficiente di trasferimento del calore (valore U)? Il coefficiente di trasferimento del calore,

Dettagli

Relazione del 30 aprile 2008. Analisi teorica delle prestazioni energetiche del pannello riflettente per termosifoni Thermoradiant

Relazione del 30 aprile 2008. Analisi teorica delle prestazioni energetiche del pannello riflettente per termosifoni Thermoradiant Relazione del 30 aprile 2008 Analisi teorica delle prestazioni energetiche del pannello riflettente per termosifoni Thermoradiant Committente: SAME s.r.l. Via Ferriera n. 68 06089 Torgiano Perugia Supervisione

Dettagli

Impianti tecnici nell edilizia storica

Impianti tecnici nell edilizia storica Impianti tecnici nell edilizia storica Docente: Prof. Francesca Cappelletti Collaboratore: Arch. Chiara Tambani 1 Programma 1) INVOLUCRO EDILIZIO: caratterizzazione termica e verifiche Resistenza termica

Dettagli

- aumento delle dispersioni termiche (ciò è più accentuato con il maggiore isolamento delle pareti dell edificio)

- aumento delle dispersioni termiche (ciò è più accentuato con il maggiore isolamento delle pareti dell edificio) I Ponti Termici E possibile definire il ponte termico come quella configurazione strutturale o geometrica che produce una deviazione del flusso termico dalla condizione di flusso monodimensionale tra le

Dettagli

Isolamento termico di pareti con intercapedine insufflata direttamente con perle sfuse espanse di EPS.

Isolamento termico di pareti con intercapedine insufflata direttamente con perle sfuse espanse di EPS. Isolamento termico di pareti con intercapedine insufflata direttamente con perle sfuse espanse di EPS. no dei metodi di riqualificazione energetica ad oggi più conveniente e facilmente adattabile per una

Dettagli

Bilancio energetico dell'edificio Termini inclusi

Bilancio energetico dell'edificio Termini inclusi UNIVERSITÀ IUAV DI VENEZIA CLAMARCH indirizzo Conservazione Laboratorio integrato 2 Modulo di impianti tecnici nell edilizia storica Anno Accademico 2010-2011 Il bilancio energetico dell edificio Francesca

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO:

PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: PROGRAMMA DETTAGLIATO DEL CORSO: M1 - NORMATIVA EUROPEA E NAZIONALE Introduzione Problema economico/problema politico/problema ambientale NORMATIVA COMUNITARIA - DIRETTIVA 2002/91/CE Punti cardine/attestato

Dettagli

2.3 Due cardini del progetto integrato: la forma dell edificio e la qualità dell involucro.

2.3 Due cardini del progetto integrato: la forma dell edificio e la qualità dell involucro. 2.3 Due cardini del progetto integrato: la forma dell edificio e la qualità dell involucro. 2.3.1 La forma. Il rapporto S/V. Lo scambio energetico tra l ambiente esterno e quello interno avviene attraverso

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 2 Ing. Antonio Mazzon Descrizione sintetica procedura di calcolo - edifici nuovi Calcolo degli scambi termici per

Dettagli

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300

Certificazione energetica: procedure e. dalla UNI TS 11300 CONVEGNO Requisiti di rendimento energetico e procedure di certificazione energetica degli edifici, la progettazione edilizia verso la riduzione dell utilizzo di energia fossile Certificazione energetica:

Dettagli

Conducibilità Termica [W/mK]

Conducibilità Termica [W/mK] ANALISI DEL RISPARMIO ENERGETICO E DEI BENEFICI DERIVANTI DALL UTILIZZO DI FACCIATE VENTILATE Questo lavoro nasce dall intento di dare una risposta il più attendibile possibile e attinente alle condizioni

Dettagli

simulatore di ponti termici e condensazione

simulatore di ponti termici e condensazione simulatore di ponti termici e condensazione Cos è Mold Simulator MOLD SIMULATOR è un software di modellazione agli elementi finiti (fem) di ultima generazione. Consente di calcolare e visualizzare con

Dettagli

Guida rapida all uso di Termo

Guida rapida all uso di Termo Guida rapida all uso di Termo 1 Introduzione Namirial Termo 3 è l evoluzione di Namirial Termo 2.7 per la certificazione energetica degli edifici residenziali e non residenziali. Si presenta nella nuova

Dettagli

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno LA TRASMITTANZA TERMICA DI STRUTTURE OPACHE La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

Risparmio energetico degli edifici:

Risparmio energetico degli edifici: Risparmio energetico degli edifici: FOCUS SULLA NORMATIVA REGIONALE Relatore: Arch. SIMONA ALAURIA Certificatore Energetico per la Regione Liguria Studio Tecnico Amatori Sanremo (IM) 1. Concetto di risparmio

Dettagli

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento

Perdite stimate di energia causate da inadeguato isolamento Isolamenti, termo cappotto e case di legno L isolamento dell involucro Isolare in maniera ottimale un edificio consente un risparmio dei consumi di energia dal 40 fino ed oltre il 70%. Investire nel miglioramento

Dettagli

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522 RAPPORTO DI CALCOLO Analisi FEM VALUTAZIONE NUMERICA DEL CONTRIBUTO ALLA RESISTENZA LIMINARE DI PARETE OPACA VERTICALE ED ORIZZONTALE DI VERNICE TERMORIFLETTENTE A BASSA EMISSIVITA (UNI EN ISO 6946:2008)

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

MODULO 3 FONDAMENTI SUGLI SCAMBI TERMICI ATTRAVERSO L INVOLUCRO EDILIZIO

MODULO 3 FONDAMENTI SUGLI SCAMBI TERMICI ATTRAVERSO L INVOLUCRO EDILIZIO CORSO DI FORMAZIONE PER CERTIFICATORE ENERGETICO DELLA REGIONE LIGURIA Docenti: Prof. Ing Paolo CAVALLETTI Prof. Ing. Luca A. TAGLIAFICO MODULO 3 FONDAMENTI SUGLI SCAMBI TERMICI ATTRAVERSO L INVOLUCRO

Dettagli

PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE. di: Enrico De Angelis, Andrea Giovanni Mainini dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO

PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE. di: Enrico De Angelis, Andrea Giovanni Mainini dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO PONTI TERMICI DISPERDIMENTI E TECNOLOGIE di: dipartimento BEST - POLITECNICO DI MILANO Cosa sono i ponti termici 2 Il concetto di ponte termico si introduce per due motivi: QUALITATIVO: per indicare le

Dettagli

I PONTI TERMICI. Corso di laurea Ingegneria Edile-Architettura

I PONTI TERMICI. Corso di laurea Ingegneria Edile-Architettura I PONTI TERMICI Corso di laurea Ingegneria Edile-Architettura Andamento della temperatura ( ) ( ) = + = = i e i i pi k i i i i e i i k T T K T T l T T K T T α λ α 1 1 1 Il flusso termico ed il ponte termico

Dettagli

CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI

CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI CONCETTI DI TERMICA NEGLI EDIFICI QUADRO NORMATIVO L.373/1976 Introduce il primo concetto di prestazione energetica, in particolare riferimento alla coibentazione degli impianti di produzione di energia.

Dettagli

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai Carichi termici in regime invernale ed estivo Prof.Arch.Gianfranco Cellai Generalità Mantenere condizioni ambiente interne confortevoli significa controllare i carichi termici perturbatori generati nell

Dettagli

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3)

Appendice A DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA. (Allegato 1, Capitolo 3) Appendice A (Allegato 1, Capitolo 3) DESCRIZIONE DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO E PARAMETRI DI VERIFICA SOMMARIO 1 PARAMETRI DELL EDIFICIO DI RIFERIMENTO... 2 1.1 Parametri relativi al fabbricato... 2 1.2

Dettagli

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3

2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 INDICE GENERALE: 1. Introduzione pag. 3 2. Inquadramento Legislativo e Normativo pag. 3 3. Stratigrafia del divisorio di copertura e caratteristiche tecniche dei prodotti pag. 5 4. Calcolo della trasmittanza

Dettagli

Termofisica dell involucro edilizio

Termofisica dell involucro edilizio Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 Termofisica dell involucro edilizio Problematiche termoigrometriche dell elemento di involucro edilizio opaco prof. ing. Anna Magrini, Università

Dettagli

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1

Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 ENERGY MANAGER Modelli di calcolo per la certificazione energetica degli edifici parte 1 Ing. Antonio Mazzon Esempio: EDIFICIO RESIDENZIALE Edificio di tipo residenziale (2 pian1: categoria E1 del DPR

Dettagli

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013

Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/06/2013 Audit energetico. La villetta bifamiliare. 24/6/213 Figura 1. Prospetto est (sinistra) e vista sud-ovest (destra). Figura 2. Pianta piano terra (sinistra) e piano primo (destra): indicate con tratteggio

Dettagli

LE COPERTURE VENTILATE

LE COPERTURE VENTILATE ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008 2008 Prof. Luca Venturi LE COPERTURE VENTILATE PREMESSA La copertura si configura come un sistema edilizio complesso, finalizzato a fornire determinate

Dettagli

I Ponti Termici e la Termografia

I Ponti Termici e la Termografia Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria I Ponti Termici e la Termografia Docente Prof. Marco Dell Isola Anno Accademico 2013-2014 } } Ponti Termici } Flusso monodimensionale

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO 1 La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO SITUAZIONE NORMATIVA E LEGISLATIVA DETERMINAZIONE DELLA TRASMITTANZA

Dettagli

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti

Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti Certificazione Energetica Regione Lombardia Gli indicatori di prestazione energetica degli edifici e l efficienza energetica degli impianti DISPOSIZIONI REGIONE LOMBARDIA 2 2. DEFINIZIONI 1/3 DISPOSIZIONI

Dettagli

Fabbisogno di energia termica dell edificio

Fabbisogno di energia termica dell edificio Corso di Energetica degli Edifici Docenti: Prof. Ing. Marco Dell Isola Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino Ing. Fernanda Fuoco Facoltà di Ingegneria Università degli studi di Cassino

Dettagli

CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO

CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO CORSO PER ENERGY MANAGER DEL SETTORE ALBERGHIERO PRESTAZIONI ENERGETICHE DEI COMPONENTI DELL INVOLUCRO 1 ARGOMENTI DEL MODULO 1. RISPETTO DELLE TRASMITTANZE MINIME PREVISTE DALLA NORMATIVA VIGENTE 2. TRASMISSIONE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLA PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI TRE EDIFICI SPERIMENTALI AD USO RESIDENZIALE A DIVERSA PRESTAZIONE ENERGETICA Dicembre 2007 1/4 PROPOSTA DI PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO

COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO COMPORTAMENTO DINAMICO DELL INVOLUCRO OPACO Prof. Ing. Pietro Stefanizzi Politecnico di Bari Dipartimento di Architettura ed Urbanistica Sezione Fisica Tecnica Via Orabona 4-7025 Bari p.stefanizzi@poliba.it

Dettagli

CASACLIMA FVG RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE

CASACLIMA FVG RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE in partnership con CASACLIMA FVG 3 RIEPILOGO DIRETTIVA TECNICA E USO DEL SOFTWARE PREMESSA Il protocollo CasaClima è un sistema di certificazione di qualità degli edifici ad alta prestazione energetica.

Dettagli

EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO VERSO IL 2020 Il roadshow per l efficienza energetica. Torino, 28 novembre 2014 www.edifici2020.it

EDIFICI A ENERGIA QUAZI ZERO VERSO IL 2020 Il roadshow per l efficienza energetica. Torino, 28 novembre 2014 www.edifici2020.it IL CONCETTO DI NZEB: ASPETTI NORMATIVI E I LIMITI DI CONSUMO ENERGETICO IN AREA MEDITERRANEA Prof.Ing. Costanzo Di Perna Torino, 28 novembre 2014 www.edifici2020.it NZEB Edificio ad altissima prestazione

Dettagli

Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO

Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO Le normative sul risparmio energetico prevedono, tra l altro, che gli elementi di tamponamento esterni degli edifici siano dotati di prefissate caratteristiche di isolamento

Dettagli

PONTI TERMICI IN EDILIZIA

PONTI TERMICI IN EDILIZIA COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA ASSOCIAZIONE DEI GEOMETRI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Seminario RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA OGGI: aspetti legislativi, tecnici

Dettagli

Il Contributo Della Schermatura Solare Al Risparmio Energetico Degli Edifici

Il Contributo Della Schermatura Solare Al Risparmio Energetico Degli Edifici Il Contributo Della Schermatura Solare Al Risparmio Energetico Degli Edifici arch. Vice Presidente ASSITES 1 Agenda ASSITES EDILIZIA ED ENERGIA: CONSUMI, QUALITÀ E NORMATIVE SCHERMATURE SOLARI UN CONTRIBUTO

Dettagli

Progettazione e ottimizzazione dell involucro edilizio 24/04/2013. Componenti dell involucro edilizio

Progettazione e ottimizzazione dell involucro edilizio 24/04/2013. Componenti dell involucro edilizio Componenti dell involucro edilizio Progettazione e ottimizzazione dell involucro edilizio Relatore Dott. Ing. Costantino Carlo Mastino mastino@fisicatecnica-unica.it http://www.fisicatecnica-unica.it Pareti

Dettagli

APPUNTI DI FISICA TECNICA

APPUNTI DI FISICA TECNICA APPUNTI DI FISICA TECNICA le guide pratiche del Master CasaClima 2 a edizione riveduta 1 collana diretta da Cristina Benedetti sponsorizzato da: collana diretta da: docente del modulo: a cura degli studenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS

RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Committente: Callegaro Group Adria Sede Legale: Tel. 0426/42603 Fax. 0426/21491 Oggetto: RELAZIONE TECNICA DI VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DI MONOBLOCCO ISOLANTE IN EPS Versione: 1.1 Revisione:

Dettagli

Evoluzione della normativa sul contenimento dei consumi energetici per il riscaldamento degli edifici

Evoluzione della normativa sul contenimento dei consumi energetici per il riscaldamento degli edifici Evoluzione della normativa sul contenimento dei consumi energetici per il riscaldamento degli edifici DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM Premessa Gli usi civili sono responsabili in Italia

Dettagli

Cantiere Galassi-Varmo

Cantiere Galassi-Varmo Cantiere Galassi-Varmo Riccardo Berti 27 ottobre 2014 1 1 Norme tecniche di riferimento UNI 10351 Materiali da costruzione. Conduttività termica e permeabilità al vapore; UNI 10355 Murature e solai. calcolo;

Dettagli

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB)

VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) 5 VERSO EDIFICI A ENERGIA quasi ZERO (NZEB) I nuovi decreti sull efficienza energetica degli edifici L entrata in vigore del D.Lgs 192 nell ottobre 2005 ha portato alla ribalta anche nel nostro Paese il

Dettagli

Le misure in opera della trasmittanza termica di componenti opachi

Le misure in opera della trasmittanza termica di componenti opachi AIP UI : Efficienza energetica negli edifici & proprietà termiche dei materiali Le misure in opera della trasmittanza termica di componenti opachi Gian Luca Morini & Stefania Falcioni Alma Mater Studiorum

Dettagli

MISURAZIONI DI ISOLAMENTO TERMICO INVERNALE SU MURATURA PRIMA E DOPO INTERVENTO DI ISOLAMENTO TERMICO CON SISTEMA GREENFIBER

MISURAZIONI DI ISOLAMENTO TERMICO INVERNALE SU MURATURA PRIMA E DOPO INTERVENTO DI ISOLAMENTO TERMICO CON SISTEMA GREENFIBER MISURAZIONI DI ISOLAMENTO TERMICO INVERNALE SU MURATURA PRIMA E DOPO INTERVENTO DI ISOLAMENTO TERMICO CON SISTEMA GREENFIBER Data: 08/02/2011 Committente: Bonded di Marchesini Enrico Via Cà Mugara, 4 36011

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

ESERCITAZIONE. Corso per certificatori energetici degli edifici. ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE. Ing. Sonia Subazzoli 1/40

ESERCITAZIONE. Corso per certificatori energetici degli edifici. ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE. Ing. Sonia Subazzoli 1/40 Corso per certificatori energetici degli edifici ing. Sonia Subazzoli ESERCITAZIONE Ing. Sonia Subazzoli 1/40 SOMMARIO DELLA LEZIONE 1. RIPASSO DEL BILANCIO ENERGETICO; ESEMPI DI CALCOLO DI TRASMITTANZA,

Dettagli

Vernici isolanti per risparmio energetico?

Vernici isolanti per risparmio energetico? DOCUMENTO DI CHIARIMENTO 10 febbraio 2016 Vernici isolanti per risparmio energetico? ANIT,, pubblica periodicamente documenti di approfondimento o chiarimento sulla normativa di efficienza energetica e

Dettagli

L incidenza prestazionale del serramento. serramento. Le proprietàtermiche termiche del. Per. Ind. Roberto Ponzini. Milano 30 novembre 2011

L incidenza prestazionale del serramento. serramento. Le proprietàtermiche termiche del. Per. Ind. Roberto Ponzini. Milano 30 novembre 2011 L incidenza prestazionale del serramento Le proprietàtermiche termiche del serramento Per. Ind. Roberto Ponzini Milano 30 novembre 2011 Fabbisogno termico e involucro edilizio Dispersioni Calore di Ventilazione

Dettagli

arch. Caterina Gargari

arch. Caterina Gargari arch. Caterina Gargari Dip. TAeD Tecnologie dell Architettura e Design DIRETTIVA 2010/31/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 19 maggio 2010 sulla prestazione energetica nell edilizia Art. 25

Dettagli

CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DI UN PANNELLO IN EPS CON GRAFITE CLASSE DI RIFERIMENTO 100/150

CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DI UN PANNELLO IN EPS CON GRAFITE CLASSE DI RIFERIMENTO 100/150 CALCOLO DELLA TRASMITTANZA DI UN PANNELLO IN EPS CON GRAFITE CLASSE DI RIFERIMENTO 100/150 V2.0 del 10-05-2011 1 Riferimenti normativi Il calcolo della trasmittanza è eseguito in conformità della EN ISO

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA I.T.I.S A. PACINOTTI CERTIFICAZIONE ENERGETICA Per un mondo migliore! Bianco Francesco Musarò Matteo Cantore Gianluca Portulano Giuseppe Attestato di Certificazione Energetica (Gruppo2) Il presente Attestato

Dettagli

14. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE

14. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE 4. LA TRASMISSIONE GLOBALE DEL CALORE Quando la trasmissione del calore coinvolge tutte e tre le modalità finora viste si parla di 'trasmissione globale' del calore. Si tratterà in particolare nel seguito

Dettagli

Valutazione energetica dei fabbricati

Valutazione energetica dei fabbricati Valutazione energetica dei fabbricati Calcolo della trasmittanza U Quanti sono i consumi energetici L innalzamento degli standard abitativi richiesti ha per conseguenza l aumento della richiesta energetica

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Industriale Caratteristiche termiche delle strutture edilizie Calcolo del fabbisogno energetico degli edifici Prof. Simone Secchi Calcolo della trasmittanza termica Metodo di calcolo riportato nella norma UNI EN ISO

Dettagli

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373

Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 CORSO DI FORMAZIONE PER CERTIFICATORE ENERGETICO DELLA REGIONE LIGURIA Presentazione Software CELESTE Aggiornato alla versione del 28.07.09 n 373 Docente: Prof. Ing Paolo CAVALLETTI 1/41 Software di Diagnosi

Dettagli

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO IPOTESI DI MASSIMA DELLA DISTRIBUZIONE INTERNA Dall analisi delle esigenze degli

Dettagli

prof. ing. Livio Mazzarella Confronto tra software

prof. ing. Livio Mazzarella Confronto tra software prof. ing. Livio Mazzarella Politecnico di Milano - AiCARR Confronto tra software AICARR e il software per determinazione della prestazione energetica degli edifici Come l associazione affronta il problema

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

RISCALDARE e RISPARMIARE. calcolo del fabbisogno termico degli edifici

RISCALDARE e RISPARMIARE. calcolo del fabbisogno termico degli edifici RISCALDARE e RISPARMIARE calcolo del fabbisogno termico degli edifici RISCALDARE e RISPARMIARE CALCOLO APPROSSIMATIVO DEL FABBISOGNO TERMICO IN FUNZIONE DELLA TIPOLOGIA EDILIZIA DELLA ZONA CLIMATICA DELLE

Dettagli

Fabbisogno di energia termica in regime invernale

Fabbisogno di energia termica in regime invernale Corso di IMPIANTI TECNICI Fabbisogno di energia termica in regime invernale Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il DPR 412/93 suddivide il territorio

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 tenuta all aria arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 tenuta all aria arch. m.sc. andrea zanchetta tenuta all aria Principi generali la casa non respira! un edificio efficiente deve essere estremamente ermetico e garantire una perfetta tenuta all aria dell involucro. fabbisogno di calore per riscaldamento

Dettagli

CORSO BASE modulo 1 4 h

CORSO BASE modulo 1 4 h ALLEGATO I - CB 1/5 CORSO BASE modulo 1 4 h Introduzione Protezione climatica ed ambientale Effetto serra naturale e di derivazione antropogena Emissioni con effetti sul clima Effetti sui cambiamenti climatici

Dettagli