Asset Models of Exchange Rates di Michele Faggion

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Asset Models of Exchange Rates di Michele Faggion"

Transcript

1 Asset Models of Exchange Rates di Michele Faggion Asset Models Nel breve periodo, sono solo i movimenti di capitale che spiegano la bilancia dei pagamenti e i cambiamenti nei tassi di cambio. I modelli che spiegano i movimenti del tasso di cambio nel breve periodo sono anche chiamati asset models. Un punto di partenza comune per questi modelli è lʼassunzione che il mercato dei tassi di cambio è un mercato efficiente. Un mercato è efficiente quando il prezzo dei beni riflette completamente le informazioni disponibili. Nessun profitto può essere prodotto dal trading sulla base delle informazioni e le nuove informazioni si riflettono nuovi prezzi. Le aspettative circa il valore futuro di un tasso di cambio sono formate utilizzando le informazioni presenti sui valori futuri delle determinanti o dei fondamentali dei tassi di cambio, come la crescita futura di monta e la crescita futura del reddito reale. Due elementi sono coinvolti nel concetto di mercato efficiente : 1) le aspettative razioni sono assunte che significa che gli agenti economici non fanno errori quando fanno previsioni sulla base delle informazioni disponibili o, in altre parole, che essi applicano il modello corretto (gli agenti potrebbero commettere degli errori, ma si assume ciò accada nella media ); 2) ogni differenza fra i rendimenti netti (al netto del rischio intrinseco) su asset diversi è assunta essere annullata rapidamente dallʼarbitraggio, perché la mobilità dei capitali è elevata. In altre parole, i costi di transazione sono trascurabili. Interest Parity Postula un sistema di cambi completamente liberi. Il tasso di cambio, indicato con e e definito come il prezzo di unʼunità di moneta straniera in termini di moneta domestica, è determinato dalla domanda e dallʼofferta. Una caduta del tasso di interesse significa che la moneta straniera diventa più economica. Ciò è lʼequivalente di unʼapprezzamento della moneta corrente (in UK si dice il contrario!). Le banche, inclusa la banca centrale, si assume agiscano come broker (intermediari) nel mercato dei tassi di cambio e non come compratori o venditori di moneta straniera. Gli agenti economici sono indifferenti quanto alle azioni di titoli stranieri o domestici nei loro portafogli, purché garantiscano lo stesso rendimento! Il rendimento sui titoli stranieri è fatto da tassi di interesse straniero più ogni profitto o perdita nei movimenti del tasso di cambio. Sotto lʼipotesi di covered interest parity (CIP) abbiamo che: Unʼunità di moneta domestica investita al tasso di interesse domestico i avrà una crescita dopo un periodo a (1+i) unità. Unʼunità di moneta domestica scambiata nella moneta straniera ad un dato tasso spot e risulta in un ammontare 1/ di moneta straniera, che, se investita ad un tasso di interesse straniero i(f), avrà una crescita dopo un periodo di (1+i)/e unità di moneta straniera. One unit of domestic money exchanged into foreign currency at the spot rate e results in an amount 1/e of foreign currency, which, if invested at the foreign interest rate if, will have grown after one period to (1 + if)/e units of foreign currency. Under CIP, the forward rate F will make this amount equal to (1 + i). It is covered because use of F. Forward coveris not usually available for periods longer than two years (but currency swaps, involving the exchange of specific amounts of two different currencies for a specified period of time between two parties, can be negotiated for much longer periods; these will, however, have higher transaction costs and carry a higher default risk).

2 This becomes: If if is small and this simplifies to: which says that the forward premium is equal to the difference between domestic and foreign interest rates. Dati gli asset domestici e stranieri che sono identici sia per rischio di default che scadenza, differenze dal punto CIP derivano dai costi di transazione (inclusi i costi di informazione). Non sorprendentemente, lʼassunzione del CIP funziona abbastanza bene nei test empirici riguardando i marcati Eurocurrency, dove gli investimenti sono comparabili in tutti gli aspetti eccetto il nome della moneta, il volume del commercio è alta e i costi di transazione e dʼinformazione sono bassi. Per lʼaustralia, Hong-Kong e Singapore, de Brouwer (1999) riferisce che la liberalizzazione dei mercati e i progressi tecnologici hanno portato a differenziali nei rendimenti più vicini al CIP fra il periodo 1985 al Uncovered interest parity (UIP) Sotto questa assunzione, il tasso di cambio straniero più il tasso di cambio atteso eguaglia il tasso di interesse domestico, ovvero: Dato che la condizione CIP funziona generalmente se i mercati finanziari sono ben sviluppati, ne segue che sotto lʼipotesi UIP il tasso di cambio futuro uguaglia il tasso spot atteso futuro, così che; Lʼassunzione UIP dice che ogni differenza fra il tasso di cambio domestico e straniero uguagli la variazione attesa del tasso di cambio straniera. Ciò significa che lʼattuale tasso di cambio sport dipende dal tasso di cambio atteso futuro e dai tassi di interesse domestici e stranieri. Ogni shock in una di queste variabili determina lʼaggiustamento del tasso spot. Due esempi che assumono la condizione di parità nei tassi di interesse domestico e straniero e nel fatto che tasso di cambio non si attende si modifichi: Esempio 1. Gli speculatori improvvisamente si aspettano un futuro rialzo nel tasso di cambio. Essi acquisteranno moneta straniera nellʼaspettativa di poterla vendere ad un prezzo maggiore in futuro. Essi stessi così portano lʼaumento del tasso di cambio che si aspettano: è il caso di una profezia che si aiuta!. Invece di comprare moneta straniera, essi potrebbero anche comprare moneta straniera in un mercato forward dei derivati, con la volontà di venderla nel momento in cui si arrivi ad un profitto.

3 Gli arbitraggisti (le banche) che offrono contratti di forward per i tassi di cambio agli speculatori si coprono la loro posizione comprando moneta straniera sul mercato di cambio corrente, di nuovo facendo rialzare lʼattuare tasso di cambio (per effetto del loro acquisto). Le attività degli speculatori fanno si che sia il tasso di cambio attuale sia quello forward si aggiustino in base al loro tasso di cambio futuro atteso. Esempio 2. Il tasso dʼinteresse domestico (di breve periodo) aumenta, ma il tasso di cambio futuro resta fermo. Al tasso di cambio originale, gli investimenti domestici in titoli domestici promette rendimenti più elevati da investimenti stranieri. Le persone che vogliono investire in titoli domestici anziché in titoli stranieri, vendono moneta straniera e comprano moneta domestica. Il tasso di cambio crolla. Il tasso di cambio futuro atteso non è crollato e si attende ancora che cresca. Gli investimenti stranieri offrono!"#$%$&#'()%*#+! la prospettiva di un guadagno dal crescere di un tasso di interesse, oltre che al rendimento degli interessi. La caduta nel tasso di cambio va avanti fino ad un aumento atteso futuro per cui il tasso di cambio uguaglia il tasso di interesse domestico. "#$%&!,!(!'(%!%)*%+'%$!,-'-&%!%)+(.#/%!&.'%!%0-.12!'(%!,3&4.&$!&.'%5! Sotto la condizione 6%.172%$!2*3'!&.'%2!'(%#!2(3-1$!3#!.8%&./%!%0-.1!'(%!1.//%$!,3&4.&$!&.'%5!! UIP, il tasso di cambio atteso futuro è uguale al forward rate. I tassi spot in "9:!72!'(%&%,3&%!3;%#!'%2'%$!<=!&%/&%227#/!&%.172%$!2*3'!&.'%2!3#!'(%! tal caso dovrebbero uguagliare in media i lagged spot rate. Tale condizione 1.//%$!,3&4.&$!&.'%>! è quindi spesso testata regredendo i tassi spot realizzati sui lagged spot rate : u è lʼerrore!!!!!!"!72!.!&%27$-.15! residuale. Il termine dʼerrore u dovrebbe essere incorrelato e Eu(t) = 0 se il mercato dei tassi di cambio è $!A!B!7,!'(%!,3&%7/#! Sotto lʼipotesi di neutralità del rischio (risk neutrality), la condizione per lʼapproccio monetario, la costante a non dovrebbe differire significativamente da 0, nè il coefficiente b dovrebbe differire da 1. Il forward rate è, in questo caso, un preditore imparziale del futuri tassi spot. Ciò implica che +.2%!.#!"'&(%)*+!,-*+(.$/-!3,!,-'-&%!2*3'!&.'%25! le aspettative di profitti in eccesso dellʼinvestimento in una valuta, piuttosto che in unʼaltra, è Ricerche empiriche +-&&%#+=!&.'(%&!'(.#!.#3'(%&!72!J%&35! non forniscono più supporto per un tasso forward perché un predittore imparziale del futuro tasso spot e cioé per la condizione UIP. II! La divergenza è spesso abbastanza sostanziale, specialmente nel breve periodo. Tuttavia, ci sono evidenze che nel lungo periodo, pluriennali, differenze nei tassi di interesse rispecchiano più o meno i tassi di cambio. Dopo tutto questo fornisce un supporto, se solamente debole, per la condizione di UIP. Possibili spiegazioni del rifiuto ex-post della condizione UIP sono: 1) shock asimmetrici Una spiegazione che è coerente con il modello monetario è che le divergenze ex post dalla condizione UIP sono attribuibili alle leggi, ovvero, gli sviluppi o shock che erano impossibili da prevedere quando le aspettative si erano originariamente formate e che gli agenti economici modificano le loro aspettative. Questi shock potrebbero essere asimmetrici, ovvero, essi non neutralizzarsi fra loro, causando unʼimprevedibile e imprevista autocorrelazione del termine di errore nellʼequazione di cui sopra. In caso del dollaro nella prima metà degli anni ʼ80, due tali shock erano il rimpatrio dei mutui in Latino America da parte delle banche americane sulla scia delle crisi del tasso di cambio e del debito del 1982 e durante la liberalizzazione del mercato finanziario giapponese, i quali hanno preso una marcia in più grazie alla pressione americana che ha condotto verso lʼaccordo USA-Giappone del 1984 e ha aiutato a sostenere i flussi di capitale verso gli Stati Uniti.

4 2) La questione del peso Con aspettative razionali, gli agenti usano un modello corretto e non hanno errori simmetrici. UIP tiene ex ante. La validità ex ante del UIP è compatibile con deviazioni ex post dallʼuip quando un cambiamento nella politica economica del governo e un movimento concomitante nel tasso di cambio (di equilibrio) sono attesi, ma il momento esatto non è conosciuto e il cambiamento fallisce di materializzarsi per un periodo di tempo, o se un cambiamento di politica è stata annunciata, ma richiede tempo per essere implementata. Il fenomeno è conosciuto come peso problem. Questa espressione si riferisce alla situazione in Messico negli anni ʼ70, quando un deprezzamento atteso del peso era il riflesso in tassi di interesse domestici elevati e un cambio con il peso futuro, molto tempo prima del deprezzamento che è avvenuto nellʼagosto del ) Bolle speculative Nel modello monetario dei prezzi flessibili (flexprice), i tassi di cambio sono determinati dai fondamentali, incluse le aspettative circa i valori futuri di questi fondamentali. Ciò è stato discusso da più autori per cui il tasso di cambio potrebbe essere influenzato anche da altre variabili, quando conservando la condizione di efficienza per cui i rendimenti in eccesso in attività estere rispetto al rendimento delle attività domestiche è nullo: il tasso di cambio potrebbe essere determinato da aspettative razionali di capricci, ovvero, le mie aspettative di quali saranno le aspettative degli altri agenti! Queste aspettative potrebbero essere governate da altri fattori rispetto ai fondamentali. Quello che potremmo avere è una bolla razionale. Siamo tornati alla triste visione di Keynes per cui la valutazione del mercato come un gioco di sedie musicali. Una bolla razionale si verifica quando i partecipanti al mercato valutano la possibilità attesa di un continuo rialzo di una moneta, ad esempio il dollaro, contro la probabilità di un crollo. Lʼaumento atteso potrebbe essere completamente sconnesso con alcuni fondamentali. Se questa viene detta razionale, può essere razionale a livello di singolo agente e difficilmente può essere una razionalità collettiva. Nota che le condizioni UIP e CIP mostrano come il tasso di cambio corrente e i futuri tassi attesi sono intercorrelati, sotto alcune assunzioni. Essi non sono sufficienti per spiegare il livello di un tasso di cambio. Nel modello monetario di base di del tasso di cambio, la determinazione UIP è a tal fine combinata con tre altri blocchi portanti: quantity theory (1), PPP (2) e la teoria di Irving Fisherʼs (3) dellʼinflazione correlata ai tassi di interesse. Modello monetario Flexprice base (quantity theory - 1) I prezzi sono assunti "#$%&'!(#&)!$*!+,(*-./0.1&2#/!3('1$2*)!('',4&5!.2!6&!5&.&#4$*&5!6/!.1&! essere determinati dallʼofferta nominale esogena di moneta e della domanda reale di moneta 7&829&*2,':!*24$*(;!42*&/!',<<;/!(*5!(!#&(;!42*&/!5&4(*5!=1$%1!$'!(! che è funzione del PIL (esogeno) e del tasso di interesse: HI!

5 "#$%&'()*+!",-.$!"'$)/0!13332!3$,4)5.(!/&.!6)*7!8./-..*!/&.!5,9.(:%! '*5!/&.!;,$.)+*!3$)%.!6.4.6(<!/&.!5,9.(:%!3$)%.!6.4.6!)(!'((#9.5!/,!.=#'6! La condizione /&.!;,$.)+*!3$)%.!6.4.6!'/!/&.!+,)*+!$'/.!,;!.>%&'*+.<! di "#$%&'()*+!",-.$!"'$)/0!13332!3$,4)5.(!/&.!6)*7!8./-..*!/&.!5,9.(:%! parità dei prezzi PPP (2) fornisce un collegamento fra i livelli dei prezzi domestico e straniero: '*5!/&.!;,$.)+*!3$)%.!6.4.6(<!/&.!5,9.(:%!3$)%.!6.4.6!)(!'((#9.5!/,!.=#'6! il livello di prezzo domestico (lʼinflazione domestica) è assunta essere uguale al livello di /&.!;,$.)+*!3$)%.!6.4.6!'/!/&.!+,)*+!$'/.!,;!.>%&'*+.<! prezzo straniero ad un dato tasso di cambio:,$!,$! dal quale ne segue 9,4.9.*/(!)*!/&.!$'/.!,;!.>%&'*+.!$.B.%/!/&.!5)A.$.*%.!8./-..*! che, dopo aver differenziato rispetto al tempo, questi movimenti nel tasso di cambio reale riflettono 5,9.(:%!'*5!;,$.)+*!)*B':,*<! 9,4.9.*/(!)*!/&.!$'/.!,;!.>%&'*+.!$.B.%/!/&.!5)A.$.*%.!8./-..*! le differenze fra lʼinflazione domestica e straniera: 5,9.(:%!'*5!;,$.)+*!)*B':,*<! -)/&!C!D!/&.!$'/.!,;!)*B':,*E! -)/&!C!D!/&.!$'/.!,;!)*B':,*E! "#$%$!$&'()*+%!,$--!'%!,#(,!,#$!.(,$!*/!$01#(+2$!3%!4$,$.53+$4!67!,#$! La seguente equazione ci dice che il tasso di cambio è determinato dalla domanda ed FG! offerta %,*18!4$5(+4!/*.!(+4!%'99-7!*/!5*+$7!(,!#*5$!(+4!(6.*(4:! FG! stock di moneta domestico e straniero: ";*!%359-$!1(%$%:! Due semplici casi: <3=!"#$!4*5$%)1!5*+$7!%'99-7!3+1.$(%$%!,*!(!#32#$.!-$>$-?!"#3%! a) lʼofferta domestica di moneta aumenta ad un livello più alto. Ciò alimenta immediatamente un livello di prezzi domestico più alto, lasciando le disponibilità liquide reali M/P e così il tasso di interesse domestico immutati. Dato PPP, il tasso di cambio crescerà. b) Il reddito nazionale domestico salta a un livello più elevato. A primo sguardo, sorprendentemente, forse, "##$!%&'()*+!,-*&,-.!#,+&'(!/0'1)!2&!-!3#43(5!.(6(.7!82!95)2!)#432!).#432.:! è ciò che causa una caduta nel tasso di cambio. )0515#)#,4;!1(53-1);!#)!23-2!23#)!+-0)()!-!<-..!#,!23(!5-2(!&<!(=+3-,4(7!! c) Più alti livello di reddito aumentano il volume di moneta domandata, la quale, data lʼofferta nominale id moneta, fa si che il livello dei prezzi scenda (Data Ms, un aumento della domanda 23(!,&'#,-.!'&,(:!)011.:;!'-A()!23(!15#+(!.(6(.!<-..!"B#6(,!#$;!-,! di moneta causata da un reddito più alto deve essere controbilanciata da una caduta nella domanda di moneta determinata #,+5(-)(!#,!23(!?('-,?!<&5!'&,(:!+-0)(?!C:!-!3#43(5!5(-.!#,+&'(!3-)!2&! da altre cause, e nella teoria queste sono il livello dei prezzi che deve scendere). C(!&D)(2!C:!-!<-..!#,!'&,(:!?('-,?!<5&'!)&'(!&23(5!+-0)(;!-,?!#,!23(! DE! d) Una caduta nei prezzi fa cadere 8!<-..!#,!23(!15#+(!.(6(.!'-A()!23(!5-2(!&<!(=+3-,4(!<-..!2&&;!4#6(,!FFF7! anche il tasso di cambio, a parità di prezzi (PPP). e) Il tasso di cambio reale (RER), G3(!%&'("&)*+',-&"%'.&""HIH$;!23-2!#);!23(!,&'#,-.!(=+3-,4(!5-2(!+&55(+2(?! ovvero, il tasso di cambio nominale corretto ai movimenti del livello di prezzi relativi, è costante <&5!5(.-*6(!15#+(J.(6(.!'&6('(,2);!#)!+&,)2-,2!"(6(,!0,#2:$!0,?(5!FFFK! sotto lʼipotesi PPP: " " " " /0/"L!&1 "2 M1"-,?!1"L!&1 "2 ;!)&!23-2!/0/L!N7! O&'#,-.!(=+3-,4(J5-2(!'&6('(,2)!(=-+2.:!&D)(2!?#6(54#,4!15#+(J.(6(.! f) I movimenti del tasso di cambio '&6('(,2)!0,?(5!FFF;!)&!23-2!23(!5(.-*6(!15#+(!&<!-!C0,?.(!&<!?&'()*+! nominale controbilanciano esattamente i movimenti di prezzo divergenti sotto lʼipotesi PPP, 4&&?)!-,?!-!C0,?.(!&<!<&5(#4,!4&&?)!-2!23(!4&#,4!,&'#,-.!5-2(!&<! così che il prezzo relativo di un prodotto domestico e di un prodotto straniero al tasso nominale di cambio non cambia. (=+3-,4(!?&()!,&2!+3-,4(7! "##$%&'()!*$!+,-.!*/0!12340!$5!6!"7!!" Secondo lʼipotesi UIP, il valor di # 8!%090#*:!*/0!0;<0#*0&!%':0!'(!*/0!%2*0! riflette lʼaumento atteso nel tasso di cambio. $5!0;#/2()0=! Abbiamo visto inoltre dallʼipotesi di PPP (vedi sopra), che il cambiamento nel tasso di cambio uguaglia la differenza fra lʼinflazione domestica e straniera (nota che noi usiamo il tempo continuo qui, mentre nella precedente sezione usevamo tempo discreto ). 6($*0!*/2*!F0!4:0!#$(A(4$4:!A?0!/0%0.!F/0%02:!'(!*/0!<%0#0&'()!:0#A$(! F0!4:0&!&':#%0*0!A?08=! I cambiamenti del tasso di cambio atteso futuro uguaglieranno in corrispondenza la differenza fra inflazione attesa domestica e straniera, date le aspettative razionali. &'D0%0(#0!E0*F00(!0;<0#*0&!&$?0:A#!2(&!0;<0#*0&!5$%0')('(9!2A$(.! )'10(!%2A$(23!0;<0#*2A$(:=! %2*0!$5!'(*0%0:*!*/':!'?<3'0:!*/0!'$#3),&$/4"5./6$/0),)#0&,)("5./#3$+.! PN!

6 Con mercati dei capitali perfetti, e di conseguenza, un tasso di interesse atteso uguale, ciò implica la relazione Fisher fra inflazione e tasso di interesse, che dice che il tasso di interesse nominale uguaglia il tasso di interesse reale più il tasso di inflazione attesa. Il tasso di interesse reale è assunto essere esogeno. Ciò può essere pensato essere determinato dallʼefficienza marginale del capitale. I tassi di interesse reali sono quindi uguali fra le diverse nazioni del modello. """#!$%"!&'(!)*+,-./+!*'0&12' (!*'5-.-+5!.&5-+!&.-!'25!*'(-6-'(-'57! PPP, UIP e il 8'9!5:2!2;!5,-<!*<6=*-+!5,-!5,*.(7! rapporto di Fisher fra inflazione e tasso di interesse non sono indipendenti. Nessuna delle >,*+!:*==!?-!*<<-(*&5-=9!&66&.-'5!*;!:-!.-<-<?-.!5,&5!"""!+&9+!5,&5! due implica la terza. Ciò appare immediatamente chiaro se ci ricordiamo che PPP dice che: $%"!+&9+!5,&5! &'(!)*+,-.!5,&5! Nota che ciò può essere mostrato come il tasso di cambio corrente nel modello di tassi di in equilibrio!*+,-./!0'-1!)(23!%)2.!<2'-5&.9!<2(-=!:*5,!.&12'&=!-b6-45&12'+!,*'c-+! o modello monetari con aspettative razionali e collega non solo i valori presenti ma anche i valori '25!2'=9!2'!5,-!6.-+-'5!D&=A-+!?A5!&=+2!2'!5,-!-B6-45-(!D&=A-+!2;!5,-! attesi delle variabili esogene a tutte le date. -B2C-'2A+!D&.*&?=-+!&5!&==!;A5A.-!(&5-+!EF*=+2'!GHIJ#!GHIHK!L2M<&'!&'(! N4,=&C-',&A;!GHJOK!P&'(-.!Q.&&5+!&'(!F225,!GHJOR7! SO! I cambiamenti nelle aspettative sulla politica monetaria futura, sulla crescita reale futura o alcune variabili esogene immediatamente alimentano i movimenti del tasso spot corrente, prima che il cambiamento atteso accada. Ciò dovrebbe essere tenuto in mente che il modello monetario è basato su alcune assunzioni estreme. I prezzi delle commodity potrebbero aggiustarsi molto velocemente ai cambiamenti delle circostanze, ma i prezzi allʼingrosso sono molto meno volatili, mentre i prezzi al consumo sono apparentemente molto fermi. Lʼassunzione per cui il livello dei prezzi si aggiunta immediatamente è, pertanto, troppo distante dalla realtà. PPP è una reale approssimazione per gli sviluppi del prezzo e del tasso di cambio nel lungo periodo. Eʼ solo per periodi di iperinflazione che il modello monetario fornisce una descrizione vicina a ciò che accade realmente. UIP può, quindi, essere combinata con i prezzi che sono fermi nel breve periodo e con deviazioni di breve periodo dal PPP. Dornbuschʼs Stocky-Price Monetary Il modello dinamico del tasso di cambio di Dornbusch (1976) differisce dal modello monetario Flexprice in quanto i prezzi non si aggiustano immediatamente dopo lo shock. La quantity theory si applica solo nel lungo periodo. Di conseguenza, i cambiamenti nellʼofferta di moneta prima esercitano un effetto di liquidità Keynesiana che interessano il tasso di interesse, mentre in equilibrio il modello del tasso di cambio, essi immediatamente alimentano in prezzi più alti o più bassi con il tasso di interesse che rimane costante (o, se noi analizziamo i cambiamenti nel tasso di crescita dellʼofferta di moneta, in un inflazione più alta o più bassa, e in aggiustamenti del tasso di interesse Fisherian). PPP si applica anche nel lungo periodo, ma lʼuip tiene continuamente.

7 Assumi che, partendo da un equilibrio con una totale occupazione in unʼeconomia con una capacità produttiva costante, lʼofferta di moneta di espande. I prezzi si aggiustano velocemente. Lʼofferta reale di moneta M/P quindi cresce per prima, facendo calare il tasso di interesse. Gli investitori inviano il loro denaro allʼestero, non solo per beneficiare dei tassi di interesse esteri più alti, ma anche per anticipare il futuro rialzo del tasso di cambio (che sanno accadrà, grazie alle loro aspettative razionali). A quel livello del nuovo tasso di cambio di equilibrio, essi continuando ad inviare denaro allʼestero, a causa di questo differenziale temporaneo di interessi fra i mercati finanziari stranieri e domestici. Essi si fermeranno solo spingendo verso lʼalto il tasso di cambio in questo modo, al punto dove la caduta attesa del tasso di cambio (al nuovo livello di equilibrio) bilancia solo il differenziale di interesse.!"#$%&'()*'+,-(./01#2(3+4"$356#/+4"738! Data la condizione di uncovered interest parity, la caduta iniziale del tasso di interesse domestico porta a uno sconto "#$%&!'&()$%*%+!#&,%*%-,!./*#,01!,2%!#&#3/4!5/44!)5!,2%!+)6%-3(!#&,%*%-,! del tasso di cambio forward, che dovrebbe corrispondere alla caduta attesa futura del tasso di */,%!4%/+-!,)!/!+#-()'&,!)&!,2%!5)*7/*+!%8(2/&9%!*/,%1!72#(2!-2)'4+! cambio. Comunque, lʼofferta di moneta aumentata implica un livello dei prezzi futuro più alto e, di ()**%-.)&+!7#,2!/&!%8.%(,%+!5','*%!5/44!#&!,2%!*/,%!)5!%8(2/&9%:!;)7%$%*1! conseguenza, una futura crescita nel tasso di cambio.,2%!#&(*%/-%+!6)&%0!-'..40!#6.4#%-!/!2#92%*!5','*%!+)6%-3(!.*#(%!4%$%4! Questi due movimenti /&+1!()&-%<'%&,401!/!5','*%!*#-%!#&!,2%!*/,%!)5!%8(2/&9%:!! sono solo compatibili se il tasso di cambio, prima si muove otre il suo nuovo equilibrio =2%-%!,7)!6)$%6%&,-!/*%!)&40!()6./3>4%!#5!,2%!*/,%!)5!%8(2/&9%!?*-,! di lungo periodo e gradualmente ritorna ad esso lentamente. Questo fenomeno è conosciuto 6)$%-!>%0)&+!#,-!&%7!4)&9,%*6!%<'#4#>*#'6!4%$%4!/&+!9*/+'/440!*%,'*&-!,)! come overshooting. DE! M/P è aumentata e il tasso di interesse domestico è sceso. Ciò risulta in una situazione di domanda di beni più alta. Inoltre, il tasso di cambio è aumentato mentre i prezzi domestici non sono saliti, o solo leggermente. Un deprezzamento reale ha preso piede (il tasso di cambio aumenta) e la domanda di esportazioni netta può essere assunto che crescerà. Tutto questo mette una pressione al rialzo sul livello dei prezzi domestico. Mentre il livello di prezzo cresce, i saldi reali cadono e il tasso di interesse cresce fino a che finalmente i saldi reali e il tasso di interesse sono tornati al loro livello originario, sebbene ad un livello di prezzi più alto. Mentre il tasso di interesse ritorna al suo livello originario, il divario fra il tasso di interesse domestico e straniero e lo sconto sul tasso forward diminuisce, mentre il tasso di cambio muove verso il suo nuovo livello di equilibrio.

8 Nel nuovo equilibrio, i prezzi e il tasso di cambio sono cambiati proporzionalmente allʼofferta di moneta e il tasso di cambio reale è tornato al suo valore iniziale. Durante la transizione da un equilibrio verso un altro, comunque, PPP è violata e il tasso di cambio reale muove prima verso lʼalto e poi verso il basso. Nel modello Dornbusch, la volatilità del tasso di cambio è causato dalle azioni politicomonetarie. I test empirici del modello non sono stati molto riusciti, ma Rogoff dice che il modello cattura gli effetti di almeno più punti di svolta nella politica monetaria, in particolare la politica deflazionistica di Margaret Thatcher in UK del 1979 e la politica deflazionistica americana dellʼinizio degli anni ʼ80. Comunque, il modello di Dornbusch è importante perché si focalizza sullʼinterazione del mercato dei beni caratterizzato da meccanismi di aggiustamento lento e i mercati delle attività con un aggiustamento molto veloce. Si mostra che la volatilità del tasso di cambio, includendo lʼovershooting, potrebbe accadere anche con gli agenti economici che erano perfettamente razionali e ben informati.

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo?

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo Problema aperto Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo

Dettagli

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 5. Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima La legge del prezzo unico La parità del potere di acquisto

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Capitolo 5 Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima La

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Il Modello Mundell-Fleming: IS/LM per unʼeconomia aperta di Michele Faggion

Il Modello Mundell-Fleming: IS/LM per unʼeconomia aperta di Michele Faggion Il Modello Mundell-Fleming: IS/LM per unʼeconomia aperta di Michele Faggion Caratteristiche base del modello MF Modello standard keynesiano IS/LM con salari e prezzi rigidi e sotto-occupazione come normale

Dettagli

Il Modello Mundell-Fleming: IS/LM per unʼeconomia aperta di Michele Faggion

Il Modello Mundell-Fleming: IS/LM per unʼeconomia aperta di Michele Faggion Il Modello Mundell-Fleming: IS/LM per unʼeconomia aperta di Michele Faggion Caratteristiche base del modello MF Modello standard keynesiano IS/LM con salari e prezzi rigidi e sotto-occupazione come normale

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

!"#$%&#%'%()#*+%,)#-*.)/0*1$&&2 1,%"3'4*56#0"'4&*7"/&8*

!#$%&#%'%()#*+%,)#-*.)/0*1$&&2 1,%3'4*56#0'4&*7/&8* !"#$%&#%'%()#*+%,)#-*.)/0*1$&&2 1,%"3'4*56#0"'4&*7"/&8* Modello Mundell-Fleming: IS/LM per lʼeconomia aperta Politica macroeconomica con tassi di cambio fluttuanti 19,,-*:$&&*;%"3'4*(&"'8*/0"/*/0&*#&'/$",*

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Tassi di interesse e di cambio

Tassi di interesse e di cambio Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Tassi di interesse e di cambio Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Riferimento

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA 0 Inflazione e tassi di interesse Tasso di interesse nominale, i non tiene conto dell inflazione Tasso di interesse reale, r invece tiene conto dell inflazione: r

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI Economie aperte o chiuse Un economia chiusa è un economia che non interagisce con altre economie nel mondo. Non ci sono esportazioni, non ci sono

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 29 Mercati finanziari e reali in una economia aperta Prof. Gianmaria Martini Mercati in economia aperta Sino ad ora abbiamo

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

CAPITOLO 5 L economia aperta

CAPITOLO 5 L economia aperta CPITOLO 5 L economia aperta Domande di ripasso 1. Nel testo abbiamo mostrato che è possibile riscrivere l identità contabile del reddito nazionale come: S I In questa forma l identità contabile del reddito

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen

Capitolo 10. Il mercato valutario. La strategia di copertura della Volkswagen EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 10 Il mercato valutario La strategia di copertura della Volkswagen 10-3 La Volkswagen, il più grande produttore europeo di autovetture, ha comunicato una diminuzione

Dettagli

Prezzi vischiosi e domanda aggregata

Prezzi vischiosi e domanda aggregata Prezzi vischiosi e domanda aggregata Ciò che rende differente il lungo periodo dal breve è il comportamento dei prezzi. Nel lungo periodo i prezzi sono flessibili, nel breve sono vischiosi. Il fatto che

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari

Tassi di cambio e mercati valutari Tassi di cambio e mercati valutari Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

"The U.S. Current Account and the Dollar"

The U.S. Current Account and the Dollar "The U.S. Current Account and the Dollar" Olivier Blanchard, Francesco Giavazzi, Filipa Sa discussione da parte di Giorgio Basevi, Napoli, 24 giugno 2005 June 25, 2005 1 Introduzione Dividerò la mia discussione

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Docente: Francesco Palumbo Lezioni: i Venerdì dì18,00-20,00 Ricevimento: Mail: francesco.palumbo@uniroma1.it

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione: Mercato della valuta, Tassi di cambio, UIP e CIP Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Mercato della valuta Il mercato della valuta dipende

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy

L ECONOMIA APERTA CHAPTER 5. The Open Economy L ECONOMIA APERTA 0 COSA IMPAREREMO: La contabilità nazionale in economia aperta Il saldo commerciale e i flussi internazionali di capitale Il tasso di cambio nominale e reale. Importazioniedesportazioni

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 26 I mercati finanziari Prof. Gianmaria Martini Moneta e titoli Nei paesi industrializzati esistono varie tipologie di

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

SAMPLE. PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI AREA MATEMATICO-STATISTICA

SAMPLE. PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI AREA MATEMATICO-STATISTICA SAMPLE PROVA D AMMISSIONE Corso di Laurea EFI Cognome e Nome AREA MATEMATICO-STATISTICA 1. Supponete di fare un test di ipotesi e, sulla base dei risultati, di rifiutare l ipotesi nulla. Che cosa significa?

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione

CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione CAPITOLO 4 La moneta e l inflazione Domande di ripasso 1. La moneta ha tre funzioni: riserva di valore, unità di conto e mezzo di scambio. In quanto riserva di valore, la moneta rappresenta un modo per

Dettagli

LA NUOVA MACROECONOMIA INTERNAZIONALE

LA NUOVA MACROECONOMIA INTERNAZIONALE FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE CATTEDRA DI MACROECONOMIA LA NUOVA MACROECONOMIA INTERNAZIONALE RELATORE Prof. Alessandro Pandimiglio CANDIDATO Alessio Nulli Gennari Matricola

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale

Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Tasso di cambio di equilibrio in un contesto intertemporale Marianna Belloc 1 Approccio NATREX L approccio NATREX, dovuto a Stein (1990, 1999) e basato, come il precedente, su agenti intertemporalmente

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti)

Esame di Politica economica internazionale. (tempo stimato: 30 minuti, valutazione: 10 punti/30 punti) Esame di Politica economica internazionale Parte 1 A scelta tra a) o b) (risposta esatta vale 10 punti): a) Sulla base della bilancia dei pagamenti incompleta della Ecolandia (in miliardi di dollari):

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

ECONOMIA APERTA. Principi e definizioni. Tratteremo 1) e 2). Come esempio considereremo l euro come valuta nazionale e il dollaro come valuta estera

ECONOMIA APERTA. Principi e definizioni. Tratteremo 1) e 2). Come esempio considereremo l euro come valuta nazionale e il dollaro come valuta estera ECONOMIA APERTA Principi e definizioni 1) Apertura dei mercati dei beni 2) Apertura dei mercati finanziari 3) (Apertura del mercato del lavoro) Tratteremo 1) e 2). Come esempio considereremo l euro come

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15

Macroeconomia. Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 Mauro Visaggio Anno accademico 2014-15 CAPITOLO 4 Benchmark classico di breve e medio periodo: equilibrio in assenza di imperfezioni informative e di mercato Mauro Visaggio CAPITOLO 4 1 / 74 Copyright

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta

La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Capitolo 7 La bilancia dei pagamenti e l economia aperta Sulla base del rapporto export - PIL gli USA sono un economia quasi chiusa: Stato Export/Pil % USA 10 GERMANIA 32 G.B. 25 BELGIO 73 LUSSEMBURGO

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei

Dettagli

LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI

LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI LA MACROECONOMIA: CONCETTI INTRODUTTIVI 0 In questo capitolo imparerete Le questioni della macroeconomia Gli strumenti della macroeconomia I concetti dell analisi macroeconomica Le domande della macroeconomia

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale

Economia Aperta. Mario Veneziani. Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale Economia Aperta Mario Veneziani Presentazione per il corso di Politica Economica Internazionale, fino alla fine del par. 2.1 pag. 318 1 Economia aperta, ovvero... Nel mercato dei beni: ruolo dei dazi,

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 3

Economia Monetaria - Slide 3 1 Economia Monetaria - Slide 3 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE.

LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. LE VARIABILI REALI: LA PRODUZIONE, IL TASSO DI INTERESSE REALE. 0 COSA IMPAREREMO: Cosa determina la produzione totale di un economia. (Ripasso sulla remunerazione dei fattori di produzione e la distribuzione

Dettagli