Asset Models of Exchange Rates di Michele Faggion

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Asset Models of Exchange Rates di Michele Faggion"

Transcript

1 Asset Models of Exchange Rates di Michele Faggion Asset Models Nel breve periodo, sono solo i movimenti di capitale che spiegano la bilancia dei pagamenti e i cambiamenti nei tassi di cambio. I modelli che spiegano i movimenti del tasso di cambio nel breve periodo sono anche chiamati asset models. Un punto di partenza comune per questi modelli è lʼassunzione che il mercato dei tassi di cambio è un mercato efficiente. Un mercato è efficiente quando il prezzo dei beni riflette completamente le informazioni disponibili. Nessun profitto può essere prodotto dal trading sulla base delle informazioni e le nuove informazioni si riflettono nuovi prezzi. Le aspettative circa il valore futuro di un tasso di cambio sono formate utilizzando le informazioni presenti sui valori futuri delle determinanti o dei fondamentali dei tassi di cambio, come la crescita futura di monta e la crescita futura del reddito reale. Due elementi sono coinvolti nel concetto di mercato efficiente : 1) le aspettative razioni sono assunte che significa che gli agenti economici non fanno errori quando fanno previsioni sulla base delle informazioni disponibili o, in altre parole, che essi applicano il modello corretto (gli agenti potrebbero commettere degli errori, ma si assume ciò accada nella media ); 2) ogni differenza fra i rendimenti netti (al netto del rischio intrinseco) su asset diversi è assunta essere annullata rapidamente dallʼarbitraggio, perché la mobilità dei capitali è elevata. In altre parole, i costi di transazione sono trascurabili. Interest Parity Postula un sistema di cambi completamente liberi. Il tasso di cambio, indicato con e e definito come il prezzo di unʼunità di moneta straniera in termini di moneta domestica, è determinato dalla domanda e dallʼofferta. Una caduta del tasso di interesse significa che la moneta straniera diventa più economica. Ciò è lʼequivalente di unʼapprezzamento della moneta corrente (in UK si dice il contrario!). Le banche, inclusa la banca centrale, si assume agiscano come broker (intermediari) nel mercato dei tassi di cambio e non come compratori o venditori di moneta straniera. Gli agenti economici sono indifferenti quanto alle azioni di titoli stranieri o domestici nei loro portafogli, purché garantiscano lo stesso rendimento! Il rendimento sui titoli stranieri è fatto da tassi di interesse straniero più ogni profitto o perdita nei movimenti del tasso di cambio. Sotto lʼipotesi di covered interest parity (CIP) abbiamo che: Unʼunità di moneta domestica investita al tasso di interesse domestico i avrà una crescita dopo un periodo a (1+i) unità. Unʼunità di moneta domestica scambiata nella moneta straniera ad un dato tasso spot e risulta in un ammontare 1/ di moneta straniera, che, se investita ad un tasso di interesse straniero i(f), avrà una crescita dopo un periodo di (1+i)/e unità di moneta straniera. One unit of domestic money exchanged into foreign currency at the spot rate e results in an amount 1/e of foreign currency, which, if invested at the foreign interest rate if, will have grown after one period to (1 + if)/e units of foreign currency. Under CIP, the forward rate F will make this amount equal to (1 + i). It is covered because use of F. Forward coveris not usually available for periods longer than two years (but currency swaps, involving the exchange of specific amounts of two different currencies for a specified period of time between two parties, can be negotiated for much longer periods; these will, however, have higher transaction costs and carry a higher default risk).

2 This becomes: If if is small and this simplifies to: which says that the forward premium is equal to the difference between domestic and foreign interest rates. Dati gli asset domestici e stranieri che sono identici sia per rischio di default che scadenza, differenze dal punto CIP derivano dai costi di transazione (inclusi i costi di informazione). Non sorprendentemente, lʼassunzione del CIP funziona abbastanza bene nei test empirici riguardando i marcati Eurocurrency, dove gli investimenti sono comparabili in tutti gli aspetti eccetto il nome della moneta, il volume del commercio è alta e i costi di transazione e dʼinformazione sono bassi. Per lʼaustralia, Hong-Kong e Singapore, de Brouwer (1999) riferisce che la liberalizzazione dei mercati e i progressi tecnologici hanno portato a differenziali nei rendimenti più vicini al CIP fra il periodo 1985 al Uncovered interest parity (UIP) Sotto questa assunzione, il tasso di cambio straniero più il tasso di cambio atteso eguaglia il tasso di interesse domestico, ovvero: Dato che la condizione CIP funziona generalmente se i mercati finanziari sono ben sviluppati, ne segue che sotto lʼipotesi UIP il tasso di cambio futuro uguaglia il tasso spot atteso futuro, così che; Lʼassunzione UIP dice che ogni differenza fra il tasso di cambio domestico e straniero uguagli la variazione attesa del tasso di cambio straniera. Ciò significa che lʼattuale tasso di cambio sport dipende dal tasso di cambio atteso futuro e dai tassi di interesse domestici e stranieri. Ogni shock in una di queste variabili determina lʼaggiustamento del tasso spot. Due esempi che assumono la condizione di parità nei tassi di interesse domestico e straniero e nel fatto che tasso di cambio non si attende si modifichi: Esempio 1. Gli speculatori improvvisamente si aspettano un futuro rialzo nel tasso di cambio. Essi acquisteranno moneta straniera nellʼaspettativa di poterla vendere ad un prezzo maggiore in futuro. Essi stessi così portano lʼaumento del tasso di cambio che si aspettano: è il caso di una profezia che si aiuta!. Invece di comprare moneta straniera, essi potrebbero anche comprare moneta straniera in un mercato forward dei derivati, con la volontà di venderla nel momento in cui si arrivi ad un profitto.

3 Gli arbitraggisti (le banche) che offrono contratti di forward per i tassi di cambio agli speculatori si coprono la loro posizione comprando moneta straniera sul mercato di cambio corrente, di nuovo facendo rialzare lʼattuare tasso di cambio (per effetto del loro acquisto). Le attività degli speculatori fanno si che sia il tasso di cambio attuale sia quello forward si aggiustino in base al loro tasso di cambio futuro atteso. Esempio 2. Il tasso dʼinteresse domestico (di breve periodo) aumenta, ma il tasso di cambio futuro resta fermo. Al tasso di cambio originale, gli investimenti domestici in titoli domestici promette rendimenti più elevati da investimenti stranieri. Le persone che vogliono investire in titoli domestici anziché in titoli stranieri, vendono moneta straniera e comprano moneta domestica. Il tasso di cambio crolla. Il tasso di cambio futuro atteso non è crollato e si attende ancora che cresca. Gli investimenti stranieri offrono!"#$%$&#'()%*#+! la prospettiva di un guadagno dal crescere di un tasso di interesse, oltre che al rendimento degli interessi. La caduta nel tasso di cambio va avanti fino ad un aumento atteso futuro per cui il tasso di cambio uguaglia il tasso di interesse domestico. "#$%&!,!(!'(%!%)*%+'%$!,-'-&%!%)+(.#/%!&.'%!%0-.12!'(%!,3&4.&$!&.'%5! Sotto la condizione 6%.172%$!2*3'!&.'%2!'(%#!2(3-1$!3#!.8%&./%!%0-.1!'(%!1.//%$!,3&4.&$!&.'%5!! UIP, il tasso di cambio atteso futuro è uguale al forward rate. I tassi spot in "9:!72!'(%&%,3&%!3;%#!'%2'%$!<=!&%/&%227#/!&%.172%$!2*3'!&.'%2!3#!'(%! tal caso dovrebbero uguagliare in media i lagged spot rate. Tale condizione 1.//%$!,3&4.&$!&.'%>! è quindi spesso testata regredendo i tassi spot realizzati sui lagged spot rate : u è lʼerrore!!!!!!"!72!.!&%27$-.15! residuale. Il termine dʼerrore u dovrebbe essere incorrelato e Eu(t) = 0 se il mercato dei tassi di cambio è $!A!B!7,!'(%!,3&%7/#! Sotto lʼipotesi di neutralità del rischio (risk neutrality), la condizione per lʼapproccio monetario, la costante a non dovrebbe differire significativamente da 0, nè il coefficiente b dovrebbe differire da 1. Il forward rate è, in questo caso, un preditore imparziale del futuri tassi spot. Ciò implica che +.2%!.#!"'&(%)*+!,-*+(.$/-!3,!,-'-&%!2*3'!&.'%25! le aspettative di profitti in eccesso dellʼinvestimento in una valuta, piuttosto che in unʼaltra, è Ricerche empiriche +-&&%#+=!&.'(%&!'(.#!.#3'(%&!72!J%&35! non forniscono più supporto per un tasso forward perché un predittore imparziale del futuro tasso spot e cioé per la condizione UIP. II! La divergenza è spesso abbastanza sostanziale, specialmente nel breve periodo. Tuttavia, ci sono evidenze che nel lungo periodo, pluriennali, differenze nei tassi di interesse rispecchiano più o meno i tassi di cambio. Dopo tutto questo fornisce un supporto, se solamente debole, per la condizione di UIP. Possibili spiegazioni del rifiuto ex-post della condizione UIP sono: 1) shock asimmetrici Una spiegazione che è coerente con il modello monetario è che le divergenze ex post dalla condizione UIP sono attribuibili alle leggi, ovvero, gli sviluppi o shock che erano impossibili da prevedere quando le aspettative si erano originariamente formate e che gli agenti economici modificano le loro aspettative. Questi shock potrebbero essere asimmetrici, ovvero, essi non neutralizzarsi fra loro, causando unʼimprevedibile e imprevista autocorrelazione del termine di errore nellʼequazione di cui sopra. In caso del dollaro nella prima metà degli anni ʼ80, due tali shock erano il rimpatrio dei mutui in Latino America da parte delle banche americane sulla scia delle crisi del tasso di cambio e del debito del 1982 e durante la liberalizzazione del mercato finanziario giapponese, i quali hanno preso una marcia in più grazie alla pressione americana che ha condotto verso lʼaccordo USA-Giappone del 1984 e ha aiutato a sostenere i flussi di capitale verso gli Stati Uniti.

4 2) La questione del peso Con aspettative razionali, gli agenti usano un modello corretto e non hanno errori simmetrici. UIP tiene ex ante. La validità ex ante del UIP è compatibile con deviazioni ex post dallʼuip quando un cambiamento nella politica economica del governo e un movimento concomitante nel tasso di cambio (di equilibrio) sono attesi, ma il momento esatto non è conosciuto e il cambiamento fallisce di materializzarsi per un periodo di tempo, o se un cambiamento di politica è stata annunciata, ma richiede tempo per essere implementata. Il fenomeno è conosciuto come peso problem. Questa espressione si riferisce alla situazione in Messico negli anni ʼ70, quando un deprezzamento atteso del peso era il riflesso in tassi di interesse domestici elevati e un cambio con il peso futuro, molto tempo prima del deprezzamento che è avvenuto nellʼagosto del ) Bolle speculative Nel modello monetario dei prezzi flessibili (flexprice), i tassi di cambio sono determinati dai fondamentali, incluse le aspettative circa i valori futuri di questi fondamentali. Ciò è stato discusso da più autori per cui il tasso di cambio potrebbe essere influenzato anche da altre variabili, quando conservando la condizione di efficienza per cui i rendimenti in eccesso in attività estere rispetto al rendimento delle attività domestiche è nullo: il tasso di cambio potrebbe essere determinato da aspettative razionali di capricci, ovvero, le mie aspettative di quali saranno le aspettative degli altri agenti! Queste aspettative potrebbero essere governate da altri fattori rispetto ai fondamentali. Quello che potremmo avere è una bolla razionale. Siamo tornati alla triste visione di Keynes per cui la valutazione del mercato come un gioco di sedie musicali. Una bolla razionale si verifica quando i partecipanti al mercato valutano la possibilità attesa di un continuo rialzo di una moneta, ad esempio il dollaro, contro la probabilità di un crollo. Lʼaumento atteso potrebbe essere completamente sconnesso con alcuni fondamentali. Se questa viene detta razionale, può essere razionale a livello di singolo agente e difficilmente può essere una razionalità collettiva. Nota che le condizioni UIP e CIP mostrano come il tasso di cambio corrente e i futuri tassi attesi sono intercorrelati, sotto alcune assunzioni. Essi non sono sufficienti per spiegare il livello di un tasso di cambio. Nel modello monetario di base di del tasso di cambio, la determinazione UIP è a tal fine combinata con tre altri blocchi portanti: quantity theory (1), PPP (2) e la teoria di Irving Fisherʼs (3) dellʼinflazione correlata ai tassi di interesse. Modello monetario Flexprice base (quantity theory - 1) I prezzi sono assunti "#$%&'!(#&)!$*!+,(*-./0.1&2#/!3('1$2*)!('',4&5!.2!6&!5&.&#4$*&5!6/!.1&! essere determinati dallʼofferta nominale esogena di moneta e della domanda reale di moneta 7&829&*2,':!*24$*(;!42*&/!',<<;/!(*5!(!#&(;!42*&/!5&4(*5!=1$%1!$'!(! che è funzione del PIL (esogeno) e del tasso di interesse: HI!

5 "#$%&'()*+!",-.$!"'$)/0!13332!3$,4)5.(!/&.!6)*7!8./-..*!/&.!5,9.(:%! '*5!/&.!;,$.)+*!3$)%.!6.4.6(<!/&.!5,9.(:%!3$)%.!6.4.6!)(!'((#9.5!/,!.=#'6! La condizione /&.!;,$.)+*!3$)%.!6.4.6!'/!/&.!+,)*+!$'/.!,;!.>%&'*+.<! di "#$%&'()*+!",-.$!"'$)/0!13332!3$,4)5.(!/&.!6)*7!8./-..*!/&.!5,9.(:%! parità dei prezzi PPP (2) fornisce un collegamento fra i livelli dei prezzi domestico e straniero: '*5!/&.!;,$.)+*!3$)%.!6.4.6(<!/&.!5,9.(:%!3$)%.!6.4.6!)(!'((#9.5!/,!.=#'6! il livello di prezzo domestico (lʼinflazione domestica) è assunta essere uguale al livello di /&.!;,$.)+*!3$)%.!6.4.6!'/!/&.!+,)*+!$'/.!,;!.>%&'*+.<! prezzo straniero ad un dato tasso di cambio:,$!,$! dal quale ne segue 9,4.9.*/(!)*!/&.!$'/.!,;!.>%&'*+.!$.B.%/!/&.!5)A.$.*%.!8./-..*! che, dopo aver differenziato rispetto al tempo, questi movimenti nel tasso di cambio reale riflettono 5,9.(:%!'*5!;,$.)+*!)*B':,*<! 9,4.9.*/(!)*!/&.!$'/.!,;!.>%&'*+.!$.B.%/!/&.!5)A.$.*%.!8./-..*! le differenze fra lʼinflazione domestica e straniera: 5,9.(:%!'*5!;,$.)+*!)*B':,*<! -)/&!C!D!/&.!$'/.!,;!)*B':,*E! -)/&!C!D!/&.!$'/.!,;!)*B':,*E! "#$%$!$&'()*+%!,$--!'%!,#(,!,#$!.(,$!*/!$01#(+2$!3%!4$,$.53+$4!67!,#$! La seguente equazione ci dice che il tasso di cambio è determinato dalla domanda ed FG! offerta %,*18!4$5(+4!/*.!(+4!%'99-7!*/!5*+$7!(,!#*5$!(+4!(6.*(4:! FG! stock di moneta domestico e straniero: ";*!%359-$!1(%$%:! Due semplici casi: <3=!"#$!4*5$%)1!5*+$7!%'99-7!3+1.$(%$%!,*!(!#32#$.!-$>$-?!"#3%! a) lʼofferta domestica di moneta aumenta ad un livello più alto. Ciò alimenta immediatamente un livello di prezzi domestico più alto, lasciando le disponibilità liquide reali M/P e così il tasso di interesse domestico immutati. Dato PPP, il tasso di cambio crescerà. b) Il reddito nazionale domestico salta a un livello più elevato. A primo sguardo, sorprendentemente, forse, "##$!%&'()*+!,-*&,-.!#,+&'(!/0'1)!2&!-!3#43(5!.(6(.7!82!95)2!)#432!).#432.:! è ciò che causa una caduta nel tasso di cambio. )0515#)#,4;!1(53-1);!#)!23-2!23#)!+-0)()!-!<-..!#,!23(!5-2(!&<!(=+3-,4(7!! c) Più alti livello di reddito aumentano il volume di moneta domandata, la quale, data lʼofferta nominale id moneta, fa si che il livello dei prezzi scenda (Data Ms, un aumento della domanda 23(!,&'#,-.!'&,(:!)011.:;!'-A()!23(!15#+(!.(6(.!<-..!"B#6(,!#$;!-,! di moneta causata da un reddito più alto deve essere controbilanciata da una caduta nella domanda di moneta determinata #,+5(-)(!#,!23(!?('-,?!<&5!'&,(:!+-0)(?!C:!-!3#43(5!5(-.!#,+&'(!3-)!2&! da altre cause, e nella teoria queste sono il livello dei prezzi che deve scendere). C(!&D)(2!C:!-!<-..!#,!'&,(:!?('-,?!<5&'!)&'(!&23(5!+-0)(;!-,?!#,!23(! DE! d) Una caduta nei prezzi fa cadere 8!<-..!#,!23(!15#+(!.(6(.!'-A()!23(!5-2(!&<!(=+3-,4(!<-..!2&&;!4#6(,!FFF7! anche il tasso di cambio, a parità di prezzi (PPP). e) Il tasso di cambio reale (RER), G3(!%&'("&)*+',-&"%'.&""HIH$;!23-2!#);!23(!,&'#,-.!(=+3-,4(!5-2(!+&55(+2(?! ovvero, il tasso di cambio nominale corretto ai movimenti del livello di prezzi relativi, è costante <&5!5(.-*6(!15#+(J.(6(.!'&6('(,2);!#)!+&,)2-,2!"(6(,!0,#2:$!0,?(5!FFFK! sotto lʼipotesi PPP: " " " " /0/"L!&1 "2 M1"-,?!1"L!&1 "2 ;!)&!23-2!/0/L!N7! O&'#,-.!(=+3-,4(J5-2(!'&6('(,2)!(=-+2.:!&D)(2!?#6(54#,4!15#+(J.(6(.! f) I movimenti del tasso di cambio '&6('(,2)!0,?(5!FFF;!)&!23-2!23(!5(.-*6(!15#+(!&<!-!C0,?.(!&<!?&'()*+! nominale controbilanciano esattamente i movimenti di prezzo divergenti sotto lʼipotesi PPP, 4&&?)!-,?!-!C0,?.(!&<!<&5(#4,!4&&?)!-2!23(!4&#,4!,&'#,-.!5-2(!&<! così che il prezzo relativo di un prodotto domestico e di un prodotto straniero al tasso nominale di cambio non cambia. (=+3-,4(!?&()!,&2!+3-,4(7! "##$%&'()!*$!+,-.!*/0!12340!$5!6!"7!!" Secondo lʼipotesi UIP, il valor di # 8!%090#*:!*/0!0;<0#*0&!%':0!'(!*/0!%2*0! riflette lʼaumento atteso nel tasso di cambio. $5!0;#/2()0=! Abbiamo visto inoltre dallʼipotesi di PPP (vedi sopra), che il cambiamento nel tasso di cambio uguaglia la differenza fra lʼinflazione domestica e straniera (nota che noi usiamo il tempo continuo qui, mentre nella precedente sezione usevamo tempo discreto ). 6($*0!*/2*!F0!4:0!#$(A(4$4:!A?0!/0%0.!F/0%02:!'(!*/0!<%0#0&'()!:0#A$(! F0!4:0&!&':#%0*0!A?08=! I cambiamenti del tasso di cambio atteso futuro uguaglieranno in corrispondenza la differenza fra inflazione attesa domestica e straniera, date le aspettative razionali. &'D0%0(#0!E0*F00(!0;<0#*0&!&$?0:A#!2(&!0;<0#*0&!5$%0')('(9!2A$(.! )'10(!%2A$(23!0;<0#*2A$(:=! %2*0!$5!'(*0%0:*!*/':!'?<3'0:!*/0!'$#3),&$/4"5./6$/0),)#0&,)("5./#3$+.! PN!

6 Con mercati dei capitali perfetti, e di conseguenza, un tasso di interesse atteso uguale, ciò implica la relazione Fisher fra inflazione e tasso di interesse, che dice che il tasso di interesse nominale uguaglia il tasso di interesse reale più il tasso di inflazione attesa. Il tasso di interesse reale è assunto essere esogeno. Ciò può essere pensato essere determinato dallʼefficienza marginale del capitale. I tassi di interesse reali sono quindi uguali fra le diverse nazioni del modello. """#!$%"!&'(!)*+,-./+!*'0&12' (!*'5-.-+5!.&5-+!&.-!'25!*'(-6-'(-'57! PPP, UIP e il 8'9!5:2!2;!5,-<!*<6=*-+!5,-!5,*.(7! rapporto di Fisher fra inflazione e tasso di interesse non sono indipendenti. Nessuna delle >,*+!:*==!?-!*<<-(*&5-=9!&66&.-'5!*;!:-!.-<-<?-.!5,&5!"""!+&9+!5,&5! due implica la terza. Ciò appare immediatamente chiaro se ci ricordiamo che PPP dice che: $%"!+&9+!5,&5! &'(!)*+,-.!5,&5! Nota che ciò può essere mostrato come il tasso di cambio corrente nel modello di tassi di in equilibrio!*+,-./!0'-1!)(23!%)2.!<2'-5&.9!<2(-=!:*5,!.&12'&=!-b6-45&12'+!,*'c-+! o modello monetari con aspettative razionali e collega non solo i valori presenti ma anche i valori '25!2'=9!2'!5,-!6.-+-'5!D&=A-+!?A5!&=+2!2'!5,-!-B6-45-(!D&=A-+!2;!5,-! attesi delle variabili esogene a tutte le date. -B2C-'2A+!D&.*&?=-+!&5!&==!;A5A.-!(&5-+!EF*=+2'!GHIJ#!GHIHK!L2M<&'!&'(! N4,=&C-',&A;!GHJOK!P&'(-.!Q.&&5+!&'(!F225,!GHJOR7! SO! I cambiamenti nelle aspettative sulla politica monetaria futura, sulla crescita reale futura o alcune variabili esogene immediatamente alimentano i movimenti del tasso spot corrente, prima che il cambiamento atteso accada. Ciò dovrebbe essere tenuto in mente che il modello monetario è basato su alcune assunzioni estreme. I prezzi delle commodity potrebbero aggiustarsi molto velocemente ai cambiamenti delle circostanze, ma i prezzi allʼingrosso sono molto meno volatili, mentre i prezzi al consumo sono apparentemente molto fermi. Lʼassunzione per cui il livello dei prezzi si aggiunta immediatamente è, pertanto, troppo distante dalla realtà. PPP è una reale approssimazione per gli sviluppi del prezzo e del tasso di cambio nel lungo periodo. Eʼ solo per periodi di iperinflazione che il modello monetario fornisce una descrizione vicina a ciò che accade realmente. UIP può, quindi, essere combinata con i prezzi che sono fermi nel breve periodo e con deviazioni di breve periodo dal PPP. Dornbuschʼs Stocky-Price Monetary Il modello dinamico del tasso di cambio di Dornbusch (1976) differisce dal modello monetario Flexprice in quanto i prezzi non si aggiustano immediatamente dopo lo shock. La quantity theory si applica solo nel lungo periodo. Di conseguenza, i cambiamenti nellʼofferta di moneta prima esercitano un effetto di liquidità Keynesiana che interessano il tasso di interesse, mentre in equilibrio il modello del tasso di cambio, essi immediatamente alimentano in prezzi più alti o più bassi con il tasso di interesse che rimane costante (o, se noi analizziamo i cambiamenti nel tasso di crescita dellʼofferta di moneta, in un inflazione più alta o più bassa, e in aggiustamenti del tasso di interesse Fisherian). PPP si applica anche nel lungo periodo, ma lʼuip tiene continuamente.

7 Assumi che, partendo da un equilibrio con una totale occupazione in unʼeconomia con una capacità produttiva costante, lʼofferta di moneta di espande. I prezzi si aggiustano velocemente. Lʼofferta reale di moneta M/P quindi cresce per prima, facendo calare il tasso di interesse. Gli investitori inviano il loro denaro allʼestero, non solo per beneficiare dei tassi di interesse esteri più alti, ma anche per anticipare il futuro rialzo del tasso di cambio (che sanno accadrà, grazie alle loro aspettative razionali). A quel livello del nuovo tasso di cambio di equilibrio, essi continuando ad inviare denaro allʼestero, a causa di questo differenziale temporaneo di interessi fra i mercati finanziari stranieri e domestici. Essi si fermeranno solo spingendo verso lʼalto il tasso di cambio in questo modo, al punto dove la caduta attesa del tasso di cambio (al nuovo livello di equilibrio) bilancia solo il differenziale di interesse.!"#$%&'()*'+,-(./01#2(3+4"$356#/+4"738! Data la condizione di uncovered interest parity, la caduta iniziale del tasso di interesse domestico porta a uno sconto "#$%&!'&()$%*%+!#&,%*%-,!./*#,01!,2%!#&#3/4!5/44!)5!,2%!+)6%-3(!#&,%*%-,! del tasso di cambio forward, che dovrebbe corrispondere alla caduta attesa futura del tasso di */,%!4%/+-!,)!/!+#-()'&,!)&!,2%!5)*7/*+!%8(2/&9%!*/,%1!72#(2!-2)'4+! cambio. Comunque, lʼofferta di moneta aumentata implica un livello dei prezzi futuro più alto e, di ()**%-.)&+!7#,2!/&!%8.%(,%+!5','*%!5/44!#&!,2%!*/,%!)5!%8(2/&9%:!;)7%$%*1! conseguenza, una futura crescita nel tasso di cambio.,2%!#&(*%/-%+!6)&%0!-'..40!#6.4#%-!/!2#92%*!5','*%!+)6%-3(!.*#(%!4%$%4! Questi due movimenti /&+1!()&-%<'%&,401!/!5','*%!*#-%!#&!,2%!*/,%!)5!%8(2/&9%:!! sono solo compatibili se il tasso di cambio, prima si muove otre il suo nuovo equilibrio =2%-%!,7)!6)$%6%&,-!/*%!)&40!()6./3>4%!#5!,2%!*/,%!)5!%8(2/&9%!?*-,! di lungo periodo e gradualmente ritorna ad esso lentamente. Questo fenomeno è conosciuto 6)$%-!>%0)&+!#,-!&%7!4)&9,%*6!%<'#4#>*#'6!4%$%4!/&+!9*/+'/440!*%,'*&-!,)! come overshooting. DE! M/P è aumentata e il tasso di interesse domestico è sceso. Ciò risulta in una situazione di domanda di beni più alta. Inoltre, il tasso di cambio è aumentato mentre i prezzi domestici non sono saliti, o solo leggermente. Un deprezzamento reale ha preso piede (il tasso di cambio aumenta) e la domanda di esportazioni netta può essere assunto che crescerà. Tutto questo mette una pressione al rialzo sul livello dei prezzi domestico. Mentre il livello di prezzo cresce, i saldi reali cadono e il tasso di interesse cresce fino a che finalmente i saldi reali e il tasso di interesse sono tornati al loro livello originario, sebbene ad un livello di prezzi più alto. Mentre il tasso di interesse ritorna al suo livello originario, il divario fra il tasso di interesse domestico e straniero e lo sconto sul tasso forward diminuisce, mentre il tasso di cambio muove verso il suo nuovo livello di equilibrio.

8 Nel nuovo equilibrio, i prezzi e il tasso di cambio sono cambiati proporzionalmente allʼofferta di moneta e il tasso di cambio reale è tornato al suo valore iniziale. Durante la transizione da un equilibrio verso un altro, comunque, PPP è violata e il tasso di cambio reale muove prima verso lʼalto e poi verso il basso. Nel modello Dornbusch, la volatilità del tasso di cambio è causato dalle azioni politicomonetarie. I test empirici del modello non sono stati molto riusciti, ma Rogoff dice che il modello cattura gli effetti di almeno più punti di svolta nella politica monetaria, in particolare la politica deflazionistica di Margaret Thatcher in UK del 1979 e la politica deflazionistica americana dellʼinizio degli anni ʼ80. Comunque, il modello di Dornbusch è importante perché si focalizza sullʼinterazione del mercato dei beni caratterizzato da meccanismi di aggiustamento lento e i mercati delle attività con un aggiustamento molto veloce. Si mostra che la volatilità del tasso di cambio, includendo lʼovershooting, potrebbe accadere anche con gli agenti economici che erano perfettamente razionali e ben informati.

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti trarre dall esperienza australiana 1

Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti trarre dall esperienza australiana 1 Guy Debelle +612 9551-8400 debelleg@rba.gov.au Jacob Gyntelberg +852 2878-7145 jacob.gyntelberg@bis.org Michael Plumb +612 9551-8450 plumbm@rba.gov.au Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di

2) una strategia di portafoglio che prevede la selezione di titoli (solitamente in base a una metodologia di pag. 0 1 In un piano di rimborso di un mutuo a tasso fisso, basato su uno schema di ammortamento alla francese: la rata è costante la quota capitale è costante la quota interessi è costante la rata è decrescente

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati

Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus CAPIRE LA FINANZA. I Derivati CAPIRE LA FINANZA I Derivati Indice Introduzione 1. Cosa sono i derivati 1.1 Tipi di strumenti derivati 2. Il mercato dei derivati 2.1 Le dimensioni e i trend internazionali 2.2 I derivati scambiati nei

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD

RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Salvatore Gaziano & Francesco Pilotti I 3 PASSI PER GUADAGNARE AL RIALZO E AL RIBASSO CON FUTURE, ETF E CFD Le basi, le strategie e la psicologia giusta per affrontare con successo il trading online sui

Dettagli

ETFS Commodity Securities Limited

ETFS Commodity Securities Limited ETFS Commodity Securities Limited (Costituita e registrata in Jersey ai sensi della Companies (Jersey) Law 1991 (e successivi emendamenti) con numero di registrazione 90959. Sottoposta alla regolamentazione

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati

La teoria dei vantaggi comparati. La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati La teoria dei vantaggi comparati fu elaborata dall economista inglese David Ricardo (1772-1823) nella sua opera principale: On the Principles of Political Economy and Taxation

Dettagli

Politica economica e finanziaria applicata

Politica economica e finanziaria applicata Politica economica e finanziaria applicata Appunti delle lezioni A cura di Alessio Brunelli AFC 2011/12 1 Punto sulla situazione finanziaria corrente: home page di banca carige e in basso a sinistra c

Dettagli

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATO E L'ECONOMIA (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL LIBERISMO ECONOMICO 1. La legge di Say Il francese Say, sostenendo che è l'offerta a condizionare la Domanda, ritiene

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli