RASSEGNA STAMPA & NEWS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA & NEWS"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA & NEWS Per iscriversi basta inviare una mail con oggetto si rassegna specificando che si acconsente al trattamento dei propri dati personali esclusivamente per le finalità di comunicazione anche istituzionale della presente Rassegna Stampa Se non vuoi più riceverla scrivi in oggetto No rassegna. Segnala eventuali doppi invii, cambi di indirizzo. In relazione al D.Lgs 196/2003 riguardante la "Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali". La informiamo che questa Rassegna Stampa comunale, inviata in CCN (copia nascosta), non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale viene inviata ogni giorno gratuitamente con lo scopo di informare i cittadini su tutto ciò che riguarda il loro comune ed il territorio. Il titolare del trattamento è il Sindaco del comune di Spinea, Silvano Checchin; la responsabile è la dott.ssa Barbara Da Pieve. Al titolare e alla responsabile del trattamento Lei potrà rivolgersi per verificare i dati che la riguardano e farli eventualmente aggiornare, rettificare ed integrare o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento, se trattati in violazione di legge (art. 7 del Codice). Desideriamo informarla che il trattamento dei suoi dati personali relativi alla mailinglist sarà effettuato conformemente alle disposizioni di legge, tutelando la sua riservatezza e i suoi diritti di cui all art. 7 e 13 del D.lgs 196/2003. La presente rassegna stampa è curata da Alfano Rossella e Carusi Pasquale Alessandro. SOMMARIO DAI QUOTIDIANI: CRONACA IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. 12 IL PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. XI INFORTUNI, GLI IRREGOLARI PIÙ A RISCHIO IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. XV «CORSA CONTRO IL TEMPO PER IL GIUDICE DI PACE» IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. XVIII RUBANO RAME DAI LAMPIONI DUE FRATELLI COLTI IN FLAGRANTE IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. XXVII "SPINEA SOGNA", QUEL FESTIVAL DAL SAPORE POPOLARE

2 LA NUOVA SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. 6 «DOBBIAMO REAGIRE» RUSPE GIÀ ALL OPERA E LA VOGLIA DI RIALZARSI LA NUOVA SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. 13 È PARTITA LA GRANDE MACCHINA SOLIDALE LA NUOVA SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. 28 BLACK OUT NOTTURNO A SPINEA DISAGI PER MOLTE AZIENDE IL GAZZETTINO DOMENICA 12 LUGLIO PAG. IX TURISMO IN CRISI, AL LIDO UN CALO DEL 10 PER CENTO IL GAZZETTINO DOMENICA 12 LUGLIO PAG. XXI REINTEGRATO IL DIRIGENTE LICENZIATO IL GAZZETTINO DOMENICA 12 LUGLIO PAG. XXV SANTA CECILIA IN BILICO IL GAZZETTINO DOMENICA 12 LUGLIO PAG. XXVIII MISS VENICE BEACH, A CAORLE VINCE REBECCA BONINI IL GAZZETTINO LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. VII UN POSTER PER RICORDARE COVATTA «AMANTE DELLA VITA» IL GAZZETTINO LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. X VOLONTARI, ESTATE AL LAVORO PER LA PULIZIA NEI PARCHI IL GAZZETTINO LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. XX IN 1200, ANCHE DALL EMILIA, PER VIVERE UN ESPERIENZA UNICA IL GAZZETTINO LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. 24 POST DURO SU FEDERICA MA RICCIONE SI DISSOCIA

3 LA NUOVA LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. 4 LE RICHIESTE DEI SINDACI AL PREMIER RENZI LA NUOVA LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. 12 L INTERVENTO: CITTÀ METROPOLITANA, TUTTO QUELLO CHE I CITTADINI NON SANNO LA NUOVA LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. 31 ALTRI TRE ACQUISTI PER LO SPINEA SONO MORO, TARGHETTA E ZANON DAL COMUNE: CONVOCAZIONE 3^ COMMISSIONE CONVOCAZIONE 1^ COMMISSIONE SPINEA SOGNA : SABATO PARTE LA GRANDE KERMESSE METEO FARMACIA

4 DAI QUOTIDIANI: CRONACA IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. 12 IL PIANO PER L ESODO ESTIVO 2015 IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. XI INFORTUNI, GLI IRREGOLARI PIÙ A RISCHIO La sicurezza al centro dell appuntamento promosso da Cgil Cisl e UilForse una distrazione o un piede in fallo. E l'operaio, dopo un volo di metri, si schianta a terra procurandosi fratture e lesioni gravi alla spina dorsale. L'infortunato però, così come alcuni tra i colleghi scesi di corsa per soccorrerlo, è un lavoratore irregolare. Inutili i tentativi di caricarlo su un'automobile e di dissimulare l'accaduto: il ferito è troppo grave e all'ospedale è impossibile nascondere il

5 contesto dell'infortunio. A raccontare il fattaccio (avvenuto meno di un mese fa nel veneziano) è Flavio Valentini, direttore dello Spisal dell'asl 13, ospite della 9. assemblea sulla sicurezza nei luoghi di lavoro organizzata da Cgil, Cisl e Uil al Quid Hotel di Mestre. «Mentre gli infortuni modesti tendono a scomparire - spiega Valentini -, resta il problema di quelli gravi, che sono sempre più evidenti e spesso proprio a danno degli irregolari». È l argomento centrale scelto dai sindacati per l'assemblea di quest'anno, cui hanno partecipato i rappresentanti degli imprenditori e il prefetto Domenico Cuttaia. «Gli incidenti sul lavoro sono quasi dimezzati in dieci anni, ma non dobbiamo mollare - commenta Paolo Pozzobon, segretario Cisl -. Bisogna tenere alta l'attenzione sulla prevenzione da incidenti e malattie professionali». I dati Inail sono incoraggianti: dal 2010 al 2014 le denunce di infortunio nel Veneto sono scese da a ( in provincia di Venezia). Nello stesso periodo sono diminuite anche quelle con esito mortale (da 145 a 94). In provincia di Venezia quelli mortali sono calati del 46% tra il 2013 e il 2014, passando da 26 a 14. Dati che però vanno letti anche tenendo conto della diminuzione degli occupati nei settori più critici. E ora i sindacati, dopo i risultati ottenuti nelle grandi aziende, puntano a rendere quello della sicurezza un tema capillare: «Vogliamo arrivare alle piccole imprese artigiane che rappresentano buona parte del tessuto produttivo locale - spiega Silvana Fanelli, segretaria Cgil - oltre ad affrontare il problema delle malattie professionali che sono in aumento». È proprio questa la nota dolente dei dati dell'inail: in Veneto sono aumentate dai casi del 2010 ai 2894 del «Oltre l'80% dei casi, in provincia, riguarda problemi muscolo-scheletrici e di postura - spiega Severino Ros della Uil -. Ma possono riguardare anche la vista, l'udito o i problemi polmonari per le polveri o aria condizionata non pulita». IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. XV «CORSA CONTRO IL TEMPO PER IL GIUDICE DI PACE» Anche il presidente della Camera degli Avvocati della Riviera del Brenta e del Miranese, Stefano Marrone, chiede che venga riaperto l'ufficio del Giudice di pace di Dolo. «La Camera degli Avvocati chiede che il Comune avvii la procedura per un servizio essenziale com'è il Giudice di pace, presidio di legalità per tutta la Riviera del Brenta, di cui siamo privi. Come Camera degli Avvocati ho già sentito il presidente del Tribunale che ci ha garantito che farà quanto in suo potere per cercare di portare l'ufficio a Dolo». Come noto il ministero ha

6 concesso la possibilità di chiedere la riapertura delle sedi già esistenti previa formulazione di una richiesta da inviare entro il 30 luglio, e il sindaco di Dolo Alberto Polo ha già annunciato che produrrà l'istanza. «Il punto - osserva Marrone - è che si tratta di una riapertura e, quindi, vi sarà la necessità di istruire prima il personale che sarà individuato, diluendo gli eventuali tempi necessari alla riapertura. Proprio il punto legato al personale è quello più importante perché nella richiesta dovranno essere rispettati dei criteri, nel caso specifico la norma prevede che dev'essere assicurato esclusivamente personale messo a disposizione dagli enti richiedenti, e quindi i costi ricadono sui Comuni. La Conferenza dei sindaci ha espresso parere favorevole al ripristino, ora serve uno sforzo di tutti i comuni per trovare il modo di garantire la copertura delle spese». Non tutti i sindaci rivieraschi, però, sembrano disposti a metter mano al bilancio. «La sede è Dolo ma l'ufficio fa un servizio per tutto il territorio dei 10 comuni ed interessa 150mila abitanti. Recarsi a Dolo comporta riduzione di tempi e di costi rispetto alla sede di Venezia. Se non s'intuisce l'importanza di conservare dei servizi nel territorio, ed il Giudice di pace potrebbe essere uno degli ultimi, la Riviera del Brenta finirà per diventare la periferia della Città metropolitana». IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. XVIII RUBANO RAME DAI LAMPIONI DUE FRATELLI COLTI IN FLAGRANTE Sono cresciuti assieme, bazzicavano uno accanto all'altro per i parchi di Spinea e in coppia si sono fatti pure arrestare. Due fratelli di Spinea, noti da tempo alle forze dell'ordine, sono stati braccati mercoledì sera da una pattuglia della stazione locale dei carabinieri mentre rubavano il rame dai cavi elettrici dei lampioni pubblici. È successo nel cantiere accanto a via Capitanio, proprio nei pressi della bretella che non è ancora stata aperta e per questo motivo provoca da mesi le proteste e le polemiche degli spinetensi. I due fratelli agivano in tutta tranquillità dopo le 22, sapevano perfettamente dove mettere le mani e già pregustavano un bottino da alcune migliaia di euro. Quei lampioni molto probabilmente sarebbero stati i primi di una lunga serie da sventrare durante la notte. Erano pronti a tagliare tutto e lasciare l'intera strada al buio, pur di raccattare più rame possibile da rivendere in un florido mercato illegale. Negli ultimi tempi le forze dell'ordine hanno pizzicato più volte i ladri di rame nel Miranese soprattutto nei cantieri, svariati episodi ci sono stati perfino nei cimiteri e poche settimane fa Veritas ha lanciato un appello chiedendo maggiori controlli anche negli ecocentri. Gli ultimi predoni colti

7 con le mani del sacco erano tutti originari dell'est Europa, in questo caso invece i due fratelli sono italianissimi: a Spinea frequentavano diversi locali e negli ultimi tempi hanno fatto sbottare più di qualcuno perché dormivano e bivaccavano al parco giochi di via Baseggio. Erano sostanzialmente due sbandati, per loro quel rame rubato era il modo di provare a mantenersi. I carabinieri di Spinea li hanno colti entrambi in flagranza durante un normale controllo con la pattuglia in servizio notturno: la coppia ha provato a svignarsela ma non ha potuto negare l'evidenza. L'arresto è stato convalidato giovedì al Tribunale di Venezia, un fratello è stato condotto in carcere mentre per l'altro è stata richiesta la misura cautelare dell'obbligo di firma. IL GAZZETTINO SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. XXVII "SPINEA SOGNA", QUEL FESTIVAL DAL SAPORE POPOLARE Riscoprire vecchi luoghi e anticipare scenari futuri della città. È il doppio obiettivo della rassegna "Spinea Sogna" che anche quest'anno l'associazione Echidna propone mescolando musica e arte dei giocolieri. Sarà come sempre un festival popolare, ma quest'anno la rassegna si estende abbracciando nuovi quartieri. "Spinea Sogna", che negli ultimi anni si è consacrata come uno dei principali eventi dell'estate del Miranese, scatterà sabato 18 luglio e animerà diversi luoghi della città con spettacoli per grandi e bambini fino al sabato successivo, 25 luglio. Il programma completo, organizzato in collaborazione con Comune, Fondazione Riviera-Miranese, Coop e molte altre attività commerciali, è stato presentato ieri dal presidente Renzo Niero nella sala-caminetto della biblioteca di Spinea. Si parte appunto sabato 18 - al Parco di Villa Simion - con "Varietà Prestige", con Francesca Zoccarato che proporrà un omaggio al glamour femminile degli anni Venti. La stessa sera i musicisti Enz Percus e Davide Swarup suoneranno lo strumento svizzero Handpan. Lunedì 20, all'arena del Villaggio dei Fiori, ecco "A ruota libera", uno spettacolo comico acrobatico; mentre la sera successiva Piazza Marconi si animerà con un altro spettacolo di acrobati di strada: "R4 fuga dalla libertà" di Nani Rossi con Michele Fois, Elena Fresch e Matteo Mazzei. La stessa sera festa anche in Piazza Fermi con lo spettacolo "Quetzalcoatl", un mix di fuochi e percussioni messicane. Giovedì 23 luglio, in Piazza Municipio, "La guerra granda delle donne", spettacolo della Compagnia Naturalis Labor. Venerdì 24, al locale "La Barchessa", teatro di strada con lo show "L'ora del the" proposto da Le Lapille. Sempre il 24, al Tacco 11, è in programma il

8 concerto dei Les Manouches Bohemiens con violini, chitarre e contrabbassi. Si chiude sabato 25, all'oratorio S. Maria Assunta, con lo spettacolo teatrale "Aysha" di Aida Talliente, racconto dedicato ad una ex ragazza soldato. LA NUOVA SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. 6 «DOBBIAMO REAGIRE» RUSPE GIÀ ALL OPERA E LA VOGLIA DI RIALZARSI «Il vento mi ha scaraventato in alto, ho fatto un volo di dieci metri. Ho pensato di morire, poi sono piombato a terra, risucchiato dal vortice e mi sono trovato su un letto d ospedale. Ora sono qui con le gambe fasciate e le braccia ustionate». Seduto davanti alle rovine di casa, il signor Artusi trattiene le lacrime. La sua azienda florovivaistica è sparita, il camion distrutto sotto le macerie delle serre, la casa porta i segni della devastazione. Porte divelte, muri crollati e pareti sporche di sangue. Come dopo una sparatoria o un terremoto. Via Fratelli Bandiera è una stradina di Dolo bombardata dal «Tornado EF4»: sembra Beirut o Tripoli dopo i raid. E stata cancellata dal vortice della tromba d aria. Quarantotto ore dopo il passaggio della «nube della morte», la Riviera e il Veneto rialzano la testa, superano il dolore e non si fanno prendere dalla disperazione. Non è epopea della retorica, ma voglia di reagire, di ribellarsi a un destino che si sta accanendo su un «topos» unico al mondo: Venezia e il suo giardino, la Riviera del Brenta. Perché se l effetto serra alza il livello del mare e minaccia la laguna e le sue isole, il tornado da sole africano di mercoledì si è abbattuto sulle ville venete seminate lungo il Naviglio voluto dai Dogi per salvare la Serenissima proprio dall incubo alluvioni portato dai fiumi. Un «topos» aristocratico, nei nomi delle famiglie patrizie trasferite in terraferma quattro-cinque secoli fa, quando il leone di San Marco dominava i mari e regnava fino a Bergamo. Le splendide «regge» del Palladio hanno plasmato uno stile architettonico unico al mondo, che i turisti ammirano con le gite in Burchiello. La villa e la barchessa con il parco, trasformate in hotel e ristoranti, resort affrescati, autentici gioielli d arte. Il Naviglio è un museo en plen air e anche ieri il battello ha solcato il Brenta ma davanti a Cà Tron c erano cumuli di detriti e calcinacci, Villa Fini cancellata. E la furia della tromba d aria non ha risparmiato nemmeno la casa dov è nato Cesare Musatti, il padre della psicanalisi, cui è stata dedicata una località: casa Musatti si affaccia sulla strada della riviera e nello stesso cortile c era Villa Fini. Tutto si lega. Ecco perché quel «Com era e dov era» invocato ieri da Luca Zaia diventa il banco di prova di una classe politica chiamata a salvare l estetica del paesaggio, il

9 business del bello di cui l Italia non ha rivali al mondo, con il Veneto in testa alla classifica a duellare con la Toscana. Da queste case di artigiani escono i maestri del terrazzo veneziano e le grandi firme delle calzature della Riviera, esportate in tutto il mondo, e adorate da Michelle Obama. Lavoro e fashion sono un binomio indivisibile. «Peggio del terremoto», ripete Gianluigi Naletto, il vicesindaco di Dolo, mentre fa il giro di via Fratelli Bandiera con l assessore alla Casa e il tecnico del suo comune che distribuisce porta-a-porta i moduli per presentare le richieste di risarcimento. Dolo ha il record dei danni, le famiglie sfollate sono più di cento, duecento le case rase al suolo, con aziende che rischiano di subire colpi pesantissimi come il torronificio Scaldaferro: lavora con il latte, lo zucchero e le mandorle ma la corrente elettrica è saltata e c è da sperare che il black out finisca oggi, appena la Protezione civile darà il via libera all Enel. «Ci vorranno anni per ricostruire 500 ettari rasi al suolo dalla furia del vento a 300 km l ora», spiega Naletto, «il tornado ha seminato lacrime e dolore e spezzato i sogni di 500 famiglie che hanno perso la casa, le loro aziende, i vigneti e i campi di mais. Qui, a Mira e a Pianiga viviamo lo stesso dramma dei terremotati dell Aquila e dell Emilia Romagna. Il Comune di Dolo ha sistemato famiglie negli alberghi, per le prime notti pagheremo noi le spese, poi aspettiamo che la Regione e il Governo ci diano una mano con i fondi ad hoc». Quando la natura diventa matrigna con la sua furia selvaggia, in Veneto si pensa a rialzare la testa con un mix tra la solidarietà e il fai-da te. Ci sono anche gli «angeli delle macerie» come i ragazzi di Spinea che ieri, alle 2 del pomeriggio sotto il sole a 30 gradi, si sono messi a spalare i calcinacci con il badile. Matteo Biasin, Alberto Miglioranza e Alessandro non cercano complimenti. Dicono in coro: «Siamo qui perché un nostro amico è rimasto senza casa, se fosse capitato a noi saremmo distrutti dal dolore, bisogna aiutarsi. Ce la faremo a ripartire». Passa una camionetta dei carabinieri, ronda antisciacallo, e l ultimo racconto di un sopravvissuto al tornado arriva da Massimo Gottardo. «Sono disperato. Faccio l artigiano, poso pavimenti, il capannone non esiste più. La casa si è piegata. Guardate le porte divelte, il muro distrutto, le scale spezzate. I danni? mila euro, ma è tutta la strada che va ricostruita. Non so come faremo. Io chiedo solo di poter riprendere a lavorare. Datemi quattro mura, un capannone, un tetto dove riaprire». La supplica del lavoro è una preghiera diffusa in questa terra che ha plasmato un capitalismo di massa, mix di botteghe artigiane e alberghi, abituata a dare ospitalità con i suoi musei e le feste. I patrizi veneziani, che hanno creato il giardino della Riviera per vincere il «caigo» d estate che soffoca Venezia, non potevano certo prevedere che il clima rischiasse di impazzire avvelenato dai gas di scarico del petrolio. L effetto serra presenta il suo terribile conto.

10 LA NUOVA SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. 13 È PARTITA LA GRANDE MACCHINA SOLIDALE La grande macchina della solidarietà si è messa in moto, spontaneamente, senza ordini e con tanta voglia di fare. «Una generosità spontanea e straordinaria che lascia a bocca aperta e conferma come il Veneto sia terra generosa», spiega il vicesindaco di Dolo Gianluigi Naletto. Dalle catene della grande distribuzione ai piccoli alimentari che mettono a disposizione viveri; dalle banche che aprono linee di credito per finanziare la ricostruzione a tasso agevolato con 100 milioni a disposizione passando per locali e festival che devolvono parte dei loro incassi. E poi le centinaia di mani volenterose, pronte a sporcarsi per aiutare nella ricostruzione: in primo piano studenti, scout, giovani del Rivolta assieme a gruppi di amici che si sono mossi da soli, artigiani di tutte le nazionalità, migranti e rifugiati. Cento milioni dalle banche. La Banca del Veneziano ha offerto 5 milioni. Intesa San Paolo -Carive ha stanziato un plafond da 10 milioni. Veneto Banca ha attivato due linee di credito per 10 milioni di euro. Ieri pomeriggio a Dolo la firma di una intesa per 50 milioni di euro dalla Banca di credito cooperativo del Veneziano. Quindici milioni stanziati da Antonveneta Mps e altri 10 milioni messi a disposizione da FriulAdria. Unicredit che collabora con il Comune di Mira per la raccolta fondi mette a disposizione anche un pacchetto di aiuti creditizi tra cui la sospensione per 12 mesi delle rate sui mutui ipotecari accesi, ed un pacchetto attivabile da famiglie e imprese, di finanziamenti agevolati e sostegno alle aziende agricole. Grande distribuzione e aziende. Da oggi, sabato, parte la raccolta fondi dei supermercati Alì, Alìper e delle Profumerie Unix. Con 100 punti della Carta Fedeltà ogni cliente Alì, Alìper o Unix, può aiutare chi è stato colpito dalla calamità naturale, donando un euro. Il Gruppo Alì raddoppierà la donazione portandola a 2 euro. «In questo momento di difficoltà per molti cittadini dei Comuni di Pianiga, Dolo e Mira», dice il presidente Francesco Canella, «abbiamo deciso di scendere in campo coinvolgendo in questa "maratona solidale" tutti i nostri clienti e dipendenti. Un piccolo gesto che risponde ad una grande urgenza di ripristinare la normalità». Altre catene hanno già da giorni messo a disposizione viveri per le popolazioni colpite e i volontari. «Arrivano acqua e panini senza manco chiederlo», spiegano da Dolo. Anche aziende private offrono aiuto: è il caso della ITQ Project di Spresiano (Treviso) che mette a disposizione due mezzi, uno con gru, e tre operai per la messa in sicurezza di immobili e aree dove sono presenti rifiuti pericolosi come l amianto. Ordini professionali e Asl. L Ordine degli Psicologi del Veneto ha messo a disposizione professionisti per il sostegno psicologico così come hanno fatto l Asl 13 e la 16 di Padova. L Ordine degli architetti assicura l aiuto gratuito di professionisti e geometri per la

11 stima dei danni. Anche lo studio Castaldi Cibola &Associati di Camponogara offre consulenza tecnica gratuita alle famiglie alle prese con i gravi danni ai loro immobili. Droni per Confcommercio. L uso di droni per sopralluoghi aerei per la stima dei danni è tra i servizi di Garanzia Fidi di Confcommercio Veneto. Aiuti dagli altri Comuni. Il Comune di Venezia, spiega il sindaco Luigi Brugnaro che ieri pomeriggio ha visitato i Comuni colpiti dal tornado, ha messo a disposizione agenti della polizia locale. Due squadre (più tre della Protezione civile) stanno dando supporto ai Comandi di Dolo, Mira e Pianiga e avranno anche compiti di vigilanza anti scaiallaggi. Il sindaco ha messo anche a disposizione ingegneri per le verifiche statiche. Il consiglio comunale, nella prossima seduta, raccoglierà fondi: i 36 consiglieri sono invitati dalla presidente Damiano a donare il loro gettone di presenza. Una raccolta fondi è stata avviata anche dal sindaco di Treviso, Giovanni Manildo e lo stesso hanno fatto i sindaci di San Donà e San Stino, Andrea Cereser e Matteo Cappelletto. Solidarietà attiva. Raccolte di fondi per i tre Comuni colpiti dal tornado sono organizzate da tanti: associazion, comitati, privati oltre che da singoli. Il Summer Festival di Mirano ha deciso di devolvere l intero incasso della serata musicale di lunedì sera e ha organizzato punti raccolta fondi nell area della festa. La discoteca di Jesolo Il Muretto, spiega Tito Pinton, organizza una raccolta fondi per la serata Black Heroes di mercoledì 15 luglio. Il tributarista di Noale, Alberto De Franceschi ha lanciato una massiccia campagna di video e post sui social network per invitare i cittadini a donare per aiutare le popolazioni dei tre Comuni così duramente colpiti, utilizzando i conti messi a disposizione dalle tre amministrazioni comunali. «Offro le mie ferie». La restauratrice con esperienza trentennale MonicaVial di Selvazzano (Padova), si mette a disposizione: «Contattatemi via mail per sopralluoghi alle parti storiche, spero così di poter dare al meglio il mio aiuto con professionalità e competenza. Sono a disposizione per sopralluoghi e ho praticamente tutto il mese di agosto libero, per dare una mano», ci racconta. La sua mail è: LA NUOVA SABATO 11 LUGLIO 2015 PAG. 28 BLACK OUT NOTTURNO A SPINEA DISAGI PER MOLTE AZIENDE Black-out notturno in una vasta zona tra via Costituzione e le sue laterali, comprese via Zigaraga e Rossignago. Disagi soprattutto per le aziende, in particolare quelle che lavorano a ciclo continuo o hanno macchinari in tensione. «Si è trattato di un guasto accidentale a una

12 linea di media tensione», fa sapere Enel, «insorto alle 1.54 della notte e subito individuato dal centro operativo di Mestre che, attraverso le manovre di telecomando, ha smistato i carichi rialimentando in 60 minuti oltre il 75% della clientela ad eccezione di otto clienti della cabina stazione Maerne, tra i quali la stazione ferroviaria». I disagi non sono mancati, ma Enel ha provveduto in fretta a tamponare l emergenza, inviando sul posto uomini e mezzi. Le ultime utenze sono state rialimentate alle 8.46 di ieri, dopo che una squadra di tecnici ha installato un generatore elettrico, provvedendo nel frattempo alla riparazione del guasto. Uno sforzo riconosciuto anche dalle aziende di via Costituzione. «Hanno provveduto subito», fa sapere Marco Di Nicola di Sale e Pepe, «nonostante fossero già impegnati in Riviera per il tornado e ci hanno evitato un bel po di guai». IL GAZZETTINO DOMENICA 12 LUGLIO PAG. IX TURISMO IN CRISI, AL LIDO UN CALO DEL 10 PER CENTO L'immediato annullamento della delibera approvata lo scorso maggio dal commissario che stabilisce che gli introiti derivanti dall'aumento delle tariffe Actv finiscano tutti nelle casse di Cà Farsetti. È questo il senso della diffida inviata venerdì scorso dal sindaco Roberta Nesto al collega Luigi Brugnaro. Dopo aver studiato la delibera e aver chiesto un incontro con il sindaco lagunare, Cavallino-Treporti ha deciso di passare all'attacco. Se anche in questa occasione non ci sarà risposta, dal Comune litoraneo partirà un ricorso contro la stessa delibera, come tra l'altro chiesto dai gruppi di opposizione. «Ho incaricato gli uffici ad effettuare un'analisi subito dopo il mio insediamento - spiega il sindaco Roberta Nesto - dopo un'attenta verifica, visto che non si tratta di una questione facile dal punto di vista giuridico, ed essendo convinta che è inaccettabile dal punto di vista sostanziale questa situazione che penalizza i nostri cittadini, ho mandato una diffida al Comune di Venezia per chiedere l'immediato annullamento del provvedimento. Se continuerà a non esserci risposta, come accaduto per la richiesta di appuntamento già inviata (tanto più che stiamo predisponendo il mandato all'avvocato) procederemo con il ricorso al Tar contro la delibera del commissario, visto la fondatezza giuridica delle nostre lamentele». «Siamo soddisfatti di questa decisione - commenta il capogruppo della lista "Cavallino-Treporti", Angelo Zanella - lo spirito del nostro ordine del giorno, che ora ci auguriamo venga approvato, era proprio quello di presentare un ricorso al Tar: difficilmente Venezia eliminerà da solo questa delibera». Sulla stessa linea

13 anche l'ex sindaco Claudio Orazio, capogruppo di «Idea Comune»: «L'attuale amministrazione dimostri di essere dalla parte dei cittadini non solo a parole, cosa sempre facile a farsi, ma nei fatti - dice - impugnare la delibera veneziana è un atto di giustizia per i cittadini di Cavallino- Treporti, ricordo che nella nostra amministrazione ci siamo attivati per rendere meno gravoso l'aumento ai cittadini». IL GAZZETTINO DOMENICA 12 LUGLIO PAG. XXI REINTEGRATO IL DIRIGENTE LICENZIATO Fu un licenziamento illegittimo quello dell allora direttore amministrativo della Ulss di Mirano, Roberto Grossele. Lo ha stabilito la sezione lavoro del Tribunale di Venezia, la quale ha ordinato il reintegro del dirigente e ha condannato la Ulss 13 a versargli 12 mensilità a titolo di risarcimento del danno provocatogli. La sentenza è stata emessa dal giudice Paola Ferretti a conclusione di una causa avviata dal legale del dirigente, l avvocato Leonello Azzarini. Grossele è già rientrato in servizio, anche se con un altro incarico. Il provvedimento di licenziamento notificato all allora direttore amministrativo risale al febbraio del 2014, a conclusione di un procedimento disciplinare avviato per l accertata incompatibilità tra il ruolo di dirigente della Ulss e quelli di socio e amministratore di due società private, nonché di liquidatore di una cooperativa. La prima contestazione era stata mossa a Grossele nel 2011: ne era seguito un carteggio, con risposte e chiarimenti da parte del dipendente pubblico, il quale successivamente aveva avviato le procedure per rinunciare agli incarichi ritenuti dall amministrazione non compatibili. Della procedura disciplinare, però, non si sa più nulla fino al 2014, quando all Ulss si fa vedere la Guardia di Finanza per chiede informazioni in merito alla vicenda: a questo punto scatta il licenziamento. Il Tribunale ha ritenuto che i tre anni trascorsi tra l apertura del procedimento disciplinare e l avvenuto licenziamento siano troppi e che, nel frattempo, sia decaduta l azione disciplinare. L Ulss poteva decidere ben prima, scrive il giudice: non avendolo fatto, il provvedimento adottato nel 2014 è nullo. Ovviamente la decisione del Tribunale potrà essere impugnata in Corte d Appello, ma nel frattempo Roberto Grossele è tornato al lavoro.

14 IL GAZZETTINO DOMENICA 12 LUGLIO PAG. XXV SANTA CECILIA IN BILICO Chi garantirà le risorse alla Fondazione musicale Santa Cecilia ora che uno dei soci, la Provincia, è definitivamente scomparsa? È questa la domanda che impensierisce in questi giorni la nuova amministrazione comunale, impegnata in diversi incontri con i sindaci del Veneto Orientale sulla nuova Città metropolitana di Venezia e sulla formazione delle liste per l'elezione dei componenti del Consiglio metropolitano, che dovranno essere presentate entro il 20 luglio. «Il bilancio di quest'anno della Fondazione musicale - spiega l'assessore alla Cultura Ketty Fogliani, già membro del consiglio di amministrazione dell'ente - si chiude a pareggio. Il commissario della Provincia di Venezia ha infatti garantito le risorse che annualmente venivano destinate alla Fondazione». Le attività, tra cui l'estate Musicale, sono quindi garantite, ma il problema è legato al prossimo bilancio «Il Comune, socio al 50 per cento - aggiunge l'assessore -, è pronto a garantire le risorse proprie ma è impensabile che possa da solo potare avanti le attività di una Fondazione che gestisce una scuola e propone nel territorio moltissime iniziative culturali». Nelle competenze della nuova Città metropolitana la cultura non è infatti compresa, per cui dovrebbe essere la Regione Veneto a farsi carico dell importantissima realtà portogruarese. «Come amministrazione - conclude Fogliani - siamo impegnati a garantire la continuità delle attività della Fondazione, un'istituzione che ha oltre 170 anni, un patrimonio della nostra città che non possiamo permetterci di perdere». Nell'incertezza della situazione istituzionale, sia la precedente giunta provinciale che quella comunale avevano approvato, alla fine del loro mandato, dei provvedimenti in difesa della Fondazione. Compito della nuova amministrazione comunale sarà anche quello di decidere sulle modalità di gestione del teatro Russolo, fino al 31 dicembre affidata alla Fondazione Santa Cecilia. IL GAZZETTINO DOMENICA 12 LUGLIO PAG. XXVIII MISS VENICE BEACH, A CAORLE VINCE REBECCA BONINI Miss Venice Beach" stupisce con le dodici bellezze in versione sexy streghe in passerella a Caorle. Piazza Matteotti ha ospitato la seconda tappa del concorso di bellezza - di cui "Il Gazzettino" è media partner - caratterizzata dal tema Malefica nella terza prova in cui

15 l avvenenza delle concorrenti è valuta con l abilità degli acconciatori. La vittoria è andata a una veneziana doc come Rebecca Bonini, 17 anni premiata da Stefano Scrignoli, direttore del centro vacanze Prà delle Torri. La giovane è stata accolta dagli applausi nell uscita in cui la gara è entrata nel vivo, pettinata del salone Maliza di Torre di Mosto. Secondo posto Miss H2O per Valentina Favaretto, 19enne che ha salutato il pubblico in cinese. Il terzo posto è stato assegnato, dopo uno spareggio, ad Alice Radavoiu 17enne di origine rumena di Sacile, premiata da Marco Catto, presidente del Consorzio di Promozione Turistica della località balneare. A contenderle il titolo la seducente Elena Baldan, 18enne di Dolo, studentessa di architettura, appassionata di danza classica che ha concluso la sua presentazione con una spaccata sulle note del minuetto. Ma in passerella hanno colpito anche Erika Brugnerotto di Caorle, che si è presentata in spagnolo; Chiara Sabbadin di Spinea, accolta da un applauso per il successo alla maturità e Tiziana Obici, universitaria di Padova che ha improvvisato un sirtaki con passi di danza contemporanea. Tutte hanno sfilato con le collezioni estive dei costumi Voisola, gioielli Mimay, occhiali Athinà e borse Bagghy. Un super lavoro dietro le quinte per Katia Cosmo e Giorgia Muzzio, aiutanti della presentatrice Elisa Bagordo che sul palco si è avvalsa della collaborazione di Rachele Turco, una delle fasciate della precedente edizione. Che ha definito il concorso come «un esperienza che mette insieme moda e turismo, tra gli eventi a cui ha partecipato la fiera del turismo di Monaco». Miss Venice torna venerdì 17 in piazza Libertà a Cavallino; metre la selezione di Caorle sarà trasmessa sabato 18, alle 22, su Ada Channell, canale 85 del digitale. IL GAZZETTINO LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. VII UN POSTER PER RICORDARE COVATTA «AMANTE DELLA VITA» Per l'ultimo saluto sono arrivati gli amici d'infanzia e i vecchi compagni di scuola miranesi, ma anche molti alpinisti, i compagni di running e soprattutto i colleghi mestrini e veneziani della Regione Veneto. Era stracolmo, il Duomo di Mirano, per il funerale di Alessandro Covatta, l'architetto del Genio Civile morto sabato scorso a 49 anni dopo essere piombato nel vuoto durante un'escursione sul monte Paterno: era con una comitiva di 17 persone, tra cui il cognato e il nipote. Ha perso la vita precipitando a pochi chilometri dal rifugio Locatelli di Sesto (Bolzano) e la notizia si è diffusa in un baleno sia a Mirano, dove è nato e cresciuto in via Rossini, sia a Mestre dove viveva da anni in via Mattei con la moglie Alessandra. Gli amici

16 hanno affisso sul sagrato un grande poster con 30 foto: immagini che ritraggono tutte le sue passioni, dai viaggi all'estero alle gite in montagna, dallo sport praticato al tifo per la Juventus. Sotto quel poster pieno di ricordi, una grande bandiera con il simbolo di San Marco. «Era una persona in salita, su ogni fronte era più avanti - ha detto monsignor Lino Regazzo nella sua toccante omelia -. Trasmetteva gioia di vivere, non si poteva non volergli bene, era una persona da cercare e da ammirare. Simbolicamente era più alto del monte che andava a scalare, splendeva anche nel lavoro per la competenza e per le amicizie. Alessandro rimane sul monte: non è caduto ma vi si è issato - ha proseguito don Lino, affiancato per l'occasione anche da don Egidio Baldassa -. Aveva ideali meravigliosi, era il classico figlio che tutte le mamme vorrebbero avere». Il suo corpo è stato cremato a Spinea, durante il rito funebre è stata promossa una raccolta-fondi per l'ail, associazione a favore della ricerca sulla leucemia. IL GAZZETTINO LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. X VOLONTARI, ESTATE AL LAVORO PER LA PULIZIA NEI PARCHI Non temono l'afa i volontari di "Mi prendo cura" che per tutto luglio e agosto saranno all'opera nei parchi di Spinea. In particolare si dedicheranno a tre gazebo: quello del parco delle Stagioni al Graspo d'uva, con attività di copertura e manutenzione, del parco di villa Simion, con attività di dipintura, e al parco di via de Curtis. Il bar del parco Nuove Gemme, invece, è aperto in via provvisoria da un paio di settimane, mentre continuano i lavori di pulizia e sistemazione. L'appalto partirà ufficialmente il 31 luglio ma la cooperativa, per il momento, sta già garantendo un servizio ridotto pomeridiano dal lunedì al venerdì e a tempo pieno il sabato e la domenica. Anche il Comune ha un fitto programma di interventi sulle aree verdi cittadine. Sono già iniziati i tagli programmati dell'erba in tutta Spinea e gli interventi di manutenzione delle panchine rotte di piazza Cortina e di piazza Rosselli. «I bisogni sono molti e le risorse sono scarse - spiega il consigliere delegato a parchi e giardini Paolo Barbiero - ma grazie alla collaborazione di tutti e con un po di pazienza riusciremo a ottenere i risultati. Rispetto al 2014, Spinea avrà un parco dedicato alle "utenze deboli", anziani e bambini piccoli, vicino alla casa di riposo e un parco di via Giussani più curato per i residenti. Il parco di villa Simion, poi, nella sua nuova veste è perfetto per trovare refrigerio in queste giornate caldissime». E sono in tanti a utilizzare il servizio segnalazioni on line che consente al Comune di programmare gli interventi più urgenti. «Ogni cittadino può contribuire a rendere più bella

17 ed ordinata la nostra città, tenendo pulito il proprio terreno privato e tagliando le siepi - conclude Barbiero -. Se poi si ha del tempo libero, è anche possibile aderire al progetto di Mi prendo cura». IL GAZZETTINO LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. XX IN 1200, ANCHE DALL EMILIA, PER VIVERE UN ESPERIENZA UNICA C'è chi è arrivato in pullman da Ferrara e Reggio Emilia e chi ha preso il bus a Mestre in piena notte. C'è l'intera famiglia che ha dormito in hotel e ci sono quelli che hanno parcheggiato al Tronchetto, a Santa Marta o prima del Ponte della Libertà. Sono arrivati in ogni modo, a piedi o in vaporetto, ma sono arrivati puntuali: alle 5.30 erano in alle Zattere, pronti a correre e a farsi fotografare. Erano in perché le iscrizioni erano a numero chiuso, altrimenti sarebbero stati anche di più. «Uniti per la Riviera del Brenta» è il grande striscione che cattura subito l'attenzione: l'inferno del tornado è negli occhi di tutti e più di qualcuno confida che, finita la corsa, sarà proprio a Dolo, Mira e Pianiga per dare manforte agli amici in difficoltà. Nella grande macchia rosa si mescolano atleti professionisti e donne che hanno deciso di farsi una sana camminata, coppie con i bastoncini da Nordic Walking e bambini esaltatissimi assieme al papà. Hanno pagato 15 euro per avere maglietta, medaglia, adesivo e rinfresco, alla fine l'adrenalina lascia spazio alla soddisfazione. «Tanto orgoglio e tanto divertimento - racconta Davide Franceschetti, un volontario arrivato il giorno prima da Modena -. Ho visto gente da Roma, Torino, Asti, La Spezia, Bologna, perfino turisti australiani e brasiliani, oltre ai tantissimi veneziani. Tutti carichi e sorridenti. Questo è lo spirito della Run 5.30». Silvia Chiaro, 26 anni, arrivava da Mirano: ha corso con la musica a palla, ma alle 6.04 era già sul bordo del canale a gustarsi la sua fetta di melone: «Ho partecipato ad altre corse a Firenze e Roma, ma Venezia ha una marcia in più. Correre tra le calli seguendo il serpentone rosa mentre il buio lascia spazio alle timide luci dell'alba non ha pari. L'atmosfera ha pienamente compensato la fatica di ogni ponte. Da rifare per chi c'era, da non perdere per chi ne ha solo sentito parlare». Luca Lacchin di Spinea è estasiato: «Atmosfera magica che solo questa città può regalare. Lavoro a Venezia, ma con questa veste non l'avevo mai vista». Il mestrino Giovanni applaude gli organizzatori: «Ci hanno assistito e rifocillato». Il serpentone rosa si divide, disperdendosi tra le calli. Sono le 6.30 e Venezia intanto si è svegliata.

18 IL GAZZETTINO LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. 24 POST DURO SU FEDERICA MA RICCIONE SI DISSOCIA Il direttore della Polisportiva comunale di Riccione su Facebook critica pesantemente Federica Pellegrini che si lamenta via Twitter perché - in vista dei mondiali di Kazan - si deve allenare a Verona in una vasca con l'acqua a 30 gradi e chiede aiuto (appello subito raccolto), l'amministrazione comunale della città romagnola prende le distanze e si scusa con un post sul social network, la campionessa ringrazia il Comune con un altro tweet. La polemica corre e si sviluppa on line nella città romagnola. Ora il sindaco Renata Tosi ha chiesto una relazione al presidente della Polisportiva, Giuseppe Solfrini, e vuole incontrare il direttore Stefano Maestri, autore di questo post: «La Pellegrini che si sente svenire perché è costretta a nuotare con l'acqua a 29 gradi... Se vai a lavorare in una cucina di albergo o ristorante ti prepari meglio per Kazan...». Maestri (che aveva rincarato la dose creando il simil-hashtag #semplicementef... dilegno#) ha tentato poi di smorzare - «Mi scuso, non era mia intenzione sollevare una polemica. È stata un'indignazione del momento, poi mi è passata e mi dispiace molto» - ma la frittata, amplificata anche sui media, era fatta. È intervenuto anche il presidente del comitato regionale Fin, Pietro Speziali: «Sono frasi che ledono la dignità e l'onore della nostra Federazione», mentre il fan club dell'azzurra ha chiesto provvedimenti alla Federnuoto. Il Comune ha preso le distanze e su Fb ha rinnovato «l'amicizia e la stima della Città di Riccione a Federica Pellegrini e non può che dissociarsi da quanto apparso sulla stampa locale. Sarà sempre un onore per noi ospitare Federica e qui sarà sempre la benvenuta». Lei ha apprezzato: «Mi fa piacere leggere queste parole... grazie». «Io non chiedo teste - dichiara ieri Renata Tosi al Corriere Romagna - ma chiedo il giusto conto della gestione tramite la spesa dei soldi pubblici, che comprende anche il comportamento delle persone. Il signor Maestri non è un mio dipendente, ma il Comune ha un contratto con la Polisportiva a cui dà 250mila euro all'anno: per questo vigiliamo a 360 gradi. Con questa infelicissima e inadeguata dichiarazione si danneggia anche l'immagine della città». La campionessa azzurra giorni fa aveva raccontato su Twitter la "disavventura". «Dopo essere quasi svenuta per l'acqua troppo calda (30 gradi) durante l'allenamento - aveva scritto Federica Pellegrini - chiedo ufficialmente aiuto alla Federnuoto e al Comune di Verona per raffreddarla e non pregiudicare la mia preparazione e quella degli altri atleti in vista dei mondiali di Kazan». «Mi dà fastidio essere definita una

19 privilegiata dopo tutto quello che ho fatto per l'italia», aveva poi scritto su Twitter Federica dopo che la sua "denuncia" era stata accolta con un'ondata di critiche da alcuni suoi follower. «Sì lo ammetto, sono economicamente benestante ma questo perché me lo sono conquistato macinando chilometri da quando avevo 14 anni (voi cosa facevate a 14 anni, pensateci...). Vengo da una famiglia che non è mai stata benestante, anzi. È per questo che tutte queste parole mi offendono, perché io so da dove vengo e so quanto ho faticato per essere dove sono». LA NUOVA LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. 4 LE RICHIESTE DEI SINDACI AL PREMIER RENZI «La scena è cambiata molto, l organizzazione ha funzionato per cui il paesaggio è diverso rispetto a come si presentava mercoledì sera e giovedì mattina. Rimane comunque un paesaggio di grande dolore». Lo dice Alberto Polo, sindaco di Dolo, pochi giorni dopo il tremendo tornado che ha devastato intere aree dei territori comunali di Dolo, Pianiga e Mira. «Stiamo lavorando in continuazione», racconta, «lo sportello per l assistenza è stato aperto anche domenica grazie alla disponibilità del personale del comune di Dolo e di molti consiglieri e assessori. Ieri mattina sono state consegnate le 132 ordinanze di inagibilità degli edifici danneggiati dalla tromba d aria. Finora abbiamo sistemato 65 cittadini sfollati negli alberghi e abbiamo ancora 190 posti a disposizione». C è soddisfazione per l interessamento del Governo e per l impegno del premier Matteo Renzi di decretare lo stato di calamità naturale. «Bene che il governo sia interessato e che verrà decretato lo stato di calamità naturale ad inizio settimana», commenta Polo, «noi chiederemo fondi, agevolazioni procedimentali, lo sblocco dell avanzo di amministrazione e la gestione diretta da parte dei comuni interessati delle risorse». Domani alle 10 si svolgerà una conferenza dei sindaci straordinaria della Riviera del Brenta e del Miranese, voluta fortemente da Alberto Polo, cui parteciperà il governatore Luca Zaia e il sottosegretario Pierpaolo Baretta. «Sono d accordo con il presidente Renzi», spiega Polo, «di aggiornarlo telefonicamente dopo l incontro di domani. Mi ha chiesto di tenerlo costantemente informato». Questo potrebbe rappresentare un segnale dell arrivo, entro la fine della prossima settimana del premier o di un rappresentante del governo in Riviera del Brenta. Ieri purtroppo è riemerso ancora una volta il problema dei curiosi che vengono a visitare e fotografare le macerie provocate dalla tromba

20 d aria. «Ieri mattina è stata un ondata», dice Polo, «e siamo stati costretti a chiudere per alcuni momenti il traffico in Brentana con la collaborazione delle forze dell ordine, della protezione civile e dell associazione carabinieri visto l elevato flusso di persone e per disincentivare la gente a passare. La gente invece di andare in spiaggia ha pensato di venire a fare una gita fuori porta nei luoghi distrutti dalla tromba d aria». Anche il sindaco di Pianiga, Massimo Calzavara è fiducioso. «Mi aspetto che in pochissimo tempo arrivino i tre milioni destinati dalla Regione per le immediate necessità dell emergenza siano elargiti. Abbiamo subito cercato di dare risposte alle esigenze della popolazione, cercando di ristabilire i servizi di luce, acqua e gas nei punti in cui erano interrotti. Ci aspettiamo poi un aiuto sul lungo termine da parte delle istituzioni a partire dai fondi che saranno stanziati con il decreto enti locali a brevissimo dal Governo». Matteo Renzi ha telefonato anche a lui l altra sera. «Il premier», spiega Calzavara, «mi ha assicurato che per i tre comuni di Mira, Pianiga e Dolo ci sarà una deroga al patto di stabilità e questo sarebbe già un bel segnale per le nostre popolazioni». Intanto però a Pianiga le due unità di crisi piazzate a Cazzago e in municipio, raccolgono per tutto il giorno anche di domenica le richieste di aiuto da parte della popolazione. «In questo momento», spiega il primo cittadino di Pianiga, «nonostante abbiamo oltre 300 edifici danneggiati, siamo riusciti a non far restare senza casa nessuno. Nessuno dorme in strutture pubbliche. Molti sono rientrati nelle case e tanti sono da amici. Per i problemi di prima necessità sono sempre a disposizione decine di volontari della Protezione Civile e tanti giovani del paese coordinati dai vigili del fuoco». Il sindaco poi annuncia passaggi importanti per i prossimi giorni. «Domani alle 20 in piazza IV Novembre a Cazzago si terrà una assemblea pubblica per discutere con tutti i danneggiati e gli sfollati», spiega Calzavara, «le misure da prendere e quelle che sono già attive. Alla mattina alle 9 terrò la giunta comunale nella sala riunioni del centro civico di Cazzago prima cioè della riunione dei sindaci dell Asl 13 che si terrà straordinariamente a Dolo e quella successiva dei sindaci della Riviera coordinata dal sindaco di Campolongo Alessandro Campalto. Ci aspettiamo una richiesta da parte di tutti i primi cittadini a Regione e Governo». A Mira infine sono rimaste danneggiate 73 abitazioni per danni che potrebbero arrivare a 10 milioni di euro.

21 LA NUOVA LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. 12 L INTERVENTO: CITTÀ METROPOLITANA, TUTTO QUELLO CHE I CITTADINI NON SANNO In prossimità della nascita della Città metropolitana di Venezia, chiedo ospitalità per esprimere qualche opinione sul nuovo Ente. Alcuni dati, infatti, piaccia o no, dovrebbero essere certi. 1) L articolo 22 del testo unico 267/2000 (rimesso in vigore dalla corte costituzionale, dopo che il governo Monti l aveva abrogato) precisa che l Area metropolitana è costituita dal territorio del comune capoluogo e da quello dei comuni contermini strettamente integrati per le attività economiche, sociali, culturali, territoriali. Quindi il nuovo Ente dovrebbe governare un territorio già omogeneo e già integrato. E così a Venezia? La estensione e le caratteristiche dell attuale provincia hanno questi elementi? 2) La Città metropolitana non è il Comune di Venezia che diventa più grande, ma è formata da 44 comuni (compresa Venezia) della provincia e, quindi, anche il comune di Venezia sarà sottoposto ai poteri del nuovo ente. Lo sa la nuova amministrazione comunale che molte competenze in materia urbanistica, economica, mobilità e viabilità, servizi pubblici passeranno dal Comune al Consiglio metropolitano? 3) Lo sanno i sostenitori dell elezione diretta del sindaco di essere degli illusi (in buona o cattiva fede), perché per realizzare il loro obiettivo è pregiudiziale creare nuovi comuni all interno dell attuale comune di Venezia, confermarli con referendum e soprattutto di una legge statale? 4) Si sa che dove restano le province (il resto del Veneto) le funzioni, in questi territori, passeranno ai comuni che decideranno quali competenze tenersi e quali gestire in forma associata, mentre, nel caso della Città metropolitana, molte nuove funzioni saranno attribuite direttamente al nuovo ente che potrà, bontà sua, delegarne in parte ai Comuni? È chiaro, cioè, che nel primo caso la titolarità dei poteri sarà dei Comuni, mentre, nel secondo caso, diventeranno una specie di quartieri, di municipi, di circoscrizioni? 5) È chiaro che la Città metropolitana ha motivazioni, senso solo se unifica, concentra, accentra molte funzioni per meglio governare un territorio già omogeneo, mentre è sicuramente dannosa in caso contrario? È illogico tentare di mitigare, con lo Statuto, il concentramento di funzioni, perché si toglierebbe il motivo di esistere al nuovo ente e sarebbe, allora, più onesto non costituirlo. 6) Nei vari comuni si fanno, fra gli assessori, gran litigate per i referati. Ma si sa che molte competenze saranno presto tolte ai comuni e date alla Città metropolitana? 7) Si sa che nel Veneto esiste la Legge regionale n. 36/1993 che già individua, con legge, l area e le competenze del nuovo ente? In pratica vi potrebbero essere vantaggi per i costi, per i servizi, nell unificare in un unica gestione molte attività, creando una

22 forma consortile anche obbligatoria, ma per fare questo non serve creare un ente mastodontico, ma basterebbe un Unione, una Spa, un Agenzia, senza creare un ente in sostanziale concorrenza con la Regione e deresposabilizzare i comuni. Per fortuna che la stessa legge Delrio e il testo già votato per la modifica della Costituzione prevedono la possibilità e la procedura per modificare quanto già previsto: la situazione, cioè, non è irreversibile. Ma questo è un discorso per il futuro, oggi basterebbe guardare in faccia la realtà e rendersi conto di quanto sta avverandosi. Meglio tardi che mai. Grazie per l ospitalità. Luciano Falcier, ex assessore regionale Enti locali LA NUOVA LUNEDÌ 13 LUGLIO 2015 PAG. 31 ALTRI TRE ACQUISTI PER LO SPINEA SONO MORO, TARGHETTA E ZANON Tra colpi di mercato e voci che ancora si rincorrono, continuano i trasferimenti per le nostre formazioni calcistiche dilettantistiche. Come l addio di Federico Lorenzatti al Real Martellago di Eccellenza per trasferirsi a Casier. In Promozione il Portogruaro, dopo essere ripartito dal nuovo mister Pino Rauso, può contare sugli innesti di Thomas Maggiò dal Real Martellago e Matteo Pivetta dal Città di Musile. Lo Spinea, che conquista la categoria con il titolo del Mestre, dopo gli innesti degli argentini Eduardo Lermee e Nico Lopez, assesta altri tre colpi in entrata con Leonardo Targhetta dalla Robeganese, Marco Zanon dal Noale e Mattia Moro, classe 1997, dall Union Pro Mogliano. Sicuri rinforzi per il Favaro con gli arrivi di Filippo Montanari, Thomas Ballarin e Jouan El Amber. Il Laguna di Venezia, divenuto Pro Venezia, sceso dall Eccellenza nell ultima stagione, si rinnova alla ricerca della pronta risalita con il neo allenatore Stefano Vio. In Prima categoria il neo promosso Marcon di mister Pesce, dopo aver dominato in Seconda nell ultimo campionato, si rafforza con i nuovi arrivati Lorenzo Patron, Jacopo Zaffalon, Riccardo Bellato, Manuel Tosatto, Raffaele Battocchio, Marco Zuin, Gabriel Ongaro, Diaw Mamadou, Nicola Tozzato, Thomas Pettenò, Alvise Zerlottin e Alberto Fuin. In Seconda categoria, che potrebbe essere orfana del Marghera Calcio, entrato nell orbita del Torino, che pare aver scelto di seguire la strada del puro settore giovanile almeno per la prossima stagione, il neo retrocesso Goc sembra avere tutte le intenzioni di risalire velocemente la china, alla guida del confermato mister Mauro Marano e del nuovo direttore sportivo Luca Novello, i quali puntano su forze nuove come la punta Felice D Antonio dall Altobello Aleardi, Marco Mazzuccato dallo Zianigo e Nayl Ayas dal Marghera. Il

23 neopromosso Campalto San Benedetto, invece, assegna all attaccante Francesco Zennaro dal Massanzago le sue speranze di permanenza in categoria. Mentre il Lupia Maggiore Bojon si affida all esperto allenatore Efrem Volpato. La Terza categoria veneziana, oltre al retrocesso Altobello Aleardi Barche, potrà contare anche su altri due nuovi sodalizi sportivi: il Burano e il Città di Mirano molto attivi sul mercato. Il primo, che avrà come allenatore Damiano Allegretto, dovrebbe aver richiamato tra le sue fila molti giocatori lagunari come Simone Bullo, Maurizio Bullo, Francesco Dei Rossi, Mattia Quintavalle e Luca Dei Rossi dal Città di Venezia e Tommaso Naia, Roberto Memo, Pierpaolo Trevisan e Christian Gianolla dal Treporti. Il secondo ha individuato in Omar Level la guida della formazione, ex allenatore dello Zianigo, coadiuvato dal ds Massimiliano Celeghin dal Loreggia.

24 DAL COMUNE: CONVOCAZIONE 3^ COMMISSIONE La 3^ Commissione Consigliare è convocata il giorno giovedì 16 luglio 2015 alle ore in prima convocazione e, se necessario, in seconda convocazione alle ore 18:30 con il seguente ordine del giorno: 1. Proposta di Delibera di Consiglio Comunale del Settore Servizi Scolastici, Attività Culturali e Tempo Libero: Modifica al Regolamento comunale per l utilizzo degli impianti; 2. Varie ed eventuali. CONVOCAZIONE 1^ COMMISSIONE La 1^ Commissione Consigliare è convocata il giorno martedì 21 luglio 2015 alle ore in prima convocazione e, se necessario, alle ore in seconda convocazione con il seguente ordine del giorno: 1. Riequilibrio del bilancio di previsione ; 2. Riconoscimento di debiti fuori bilancio; 3. Varie ed eventuali

25 SPINEA SOGNA : SABATO PARTE LA GRANDE KERMESSE Spinea Sogna è pronta a stupirvi. Torna la grande kermesse teatrale di grande spessore e originalità, come sempre itinerante in diversi luoghi della tua città per valorizzare il nostro patrimonio artistico- culturale. Tanti spettacoli ti aspettano dal 18 al 25 luglio per animare e infiammare la tua città: dall Arena del Villagio dei Fiori alle Piazze del Centro fino al Municipio. Ad aprire le danze di questa emozionante kermesse sarà lo spettacolo Varietà Prestige che animerà il Parco di Villa Simion sabato 18 luglio alle ore In questo primo appuntamento potrai ammirare Teatro in Trambusto di Francesca Zoccarato. Vieni a scoprire il teatro di figura che si incontra con il mondo del varietà: ti aspettano musicisti, cantanti, ballerine, sciantose e scimmie. Lasciati affascinare dal gusto retrò di lustrini e grammofoni grazie ad uno spettacolare marionettista, che ti farà inoltre rivivere gli anni Venti con i suoi miti e riti. Tra pianoforti giocattolo e marionette, rivive la musica leggendaria di Edith Piaf, Boris Vian, Cole Porter e del Trio Lescano. A seguire Enz Percus e Davide Swarup allieteranno la serata con l Handpan, uno strumento dalla dolce melodia che ricorda le gocce d acqua che cadono in mare. Enz è uno dei pochi artisti al mondo a suonare tre strumenti e

26 Davide porta questi suoni in giro per il mondo. Non perderti questo incantevole viaggio tra marionette e melodie che ti lasceranno senza fiato. Come in un sogno. L evento è organizzato dall Assessorato alla Cultura, nell ambito del progetto La Piazza Lunga 1 Kilometro, in partnership con la Fondazione di Comunità Riviera del Brenta Miranese, il contributo di Cop Adriatica ed il patrocinio di Emergency. L ideazione e la cura del progetto sono di ECHIDNA/ paesaggio culturale. Il programma SPINEASOGNA fa parte del progetto culturale A>UTOPIE 2015 della Regione Veneto in Accordo di Programma con 14 Comuni tra Riviera del Brenta e Miranese (Campagna Lupia, Campolongo Maggiore, Dolo, Fiesso D Artico, Fossò, Martellago, Mirano, Noale, Pianiga, Salzano, Santa Maria di Sala, Scorzè, Spinea, Stra).

27 METEO OGGI DOMANI FARMACIE

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini

Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Estate Ragazzi Estate Bambini Carta dei servizi Servizio Attività del Tempo Libero 1 REALIZZATA A CURA DI: Servizio Attività del Tempo Libero Comune di Bolzano Michela Voltani Elena Bettini Anita Migl COORDINAMENTO PROGETTO Cristina

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus

ESTRATTO ORARIO. Validità sino al 15.06.2011. Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus ESTRATTO ORARIO Validità sino al 15.06.2011 Rete urbana Mestre: nuova linea tranviaria e modifiche ai servizi bus E tu cosa stai aspettando? Con il nuovo tram avrai corse più frequenti e veloci e un maggior

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO

MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Pagina 1 di 5 Giovedì, 8 Maggio 2008 Notizie Web Politica NOTIZIE Cronaca Economia Esteri Politica Scienze e Tech Spettacoli Sport Top New MORTI BIANCHE/ SENATORI PD, NUOVO GOVERNO PROSEGUA LAVORO Presentata

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CITTÀ POLITICA CRONACA SINDACATI SPETTACOLO SPORT ECONOMIA. Viabilità provinciale, aggiudicati i lavori finanziati con i Fondi FAS

CITTÀ POLITICA CRONACA SINDACATI SPETTACOLO SPORT ECONOMIA. Viabilità provinciale, aggiudicati i lavori finanziati con i Fondi FAS Pagina 1 di 5 Home 0881.568734 redazione@teleradioerre.it CITTÀ POLITICA CRONACA SINDACATI SPETTACOLO SPORT ECONOMIA SANITÀ CULTURA Invia query BREAKING NEWS un corso educativo per la vignetta razzista

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli