VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM VISTO DI CONFORMITA"

Transcript

1 Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi P a g i n a 1 Aggiornamento 30 giugno 2014 VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

2 P a g i n a 2 Il visto di conformità, disciplinato dall articolo 35, comma 1 lettera a) del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e dall articolo 21 del decreto del Ministero delle Finanze n. 164 del 31 maggio 1999, può essere rilasciato esclusivamente dai soggetti indicati nelle lettere a) e b), del terzo comma dell articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998 n. 322, ovvero: 1. gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti, dei ragionieri e dei periti commerciali e dei consulenti del lavoro; 2. i soggetti iscritti alla data del 30 settembre 1993 nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle C.C.I.A.A. per la sub-categoria tributi, in possesso del diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di ragioneria. Per poter rilasciare il visto di conformità, tali soggetti devono soddisfare due requisiti: il primo, stabilito dal comma 3 dell articolo 35 del d.lgs. 241/1997, stabilisce che tali soggetti siano preventivamente abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni tramite l utilizzo del canale telematico Entratel per poter rilasciare il visto di conformità; il secondo stabilisce l iscrizione, a cura della direzione regionale dell Agenzia delle Entrate competente in relazione al domicilio fiscale, in un apposito elenco dedicato ai professionisti abilitati all apposizione del visto di conformità. L art. 21 del d.m. 164/1999 subordina l iscrizione nel suddetto elenco alla presentazione di una preventiva comunicazione alla direzione regionale dell Agenzia delle Entrate territorialmente competente in ragione del domicilio fiscale del richiedente. Tale comunicazione deve essere presentata da tutti i professionisti che intendano rilasciare: il visto di conformità di cui alla lettera a), commi 1 e 2, dell art. 35 del d.lgs. 241/1997;

3 P a g i n a 3 il visto di conformità di cui all art. 10 del d.l. 78/2009, previsto per i contribuenti che intendono utilizzare in compensazione crediti IVA per importi eccedenti i euro annui; il visto di conformità introdotto dall art. 1, comma 574, della Legge 27 dicembre 2013, n A decorrere dal periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2013, l art. 1, comma 574, della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, prescrive anche ai contribuenti che, ai sensi dell art. 17 del d.lgs. 241/1997, utilizzano in compensazione i crediti di seguito indicati, per importi superiori a euro annui, l obbligo di richiedere l apposizione del visto di conformità di cui all art. 35 comma 1, lett. a), del d.lgs. 241/1997, relativamente alle singole dichiarazioni dalle quali emerge il credito. L obbligo di richiedere l apposizione del visto di conformità è previsto per i crediti: relativi alle imposte sui redditi; relativi alle addizionali alle imposte sui redditi; relativi alle ritenute alla fonte indicate nell art. 3 del d.p.r. 602/1973; relativi alle imposte sostitutive delle imposte sul reddito; relativi all imposta regionale sulle attività produttive. La circolare 10/E del 14 maggio 2014 ha chiarito che il limite di euro superato il quale scatta l obbligo del visto di conformità è riferito alle singole tipologie di crediti emergenti dalla dichiarazione. In seguito alla verifica della sussistenza dei requisiti indicati, il professionista abilitato 1 viene iscritto nell elenco informatizzato dei soggetti legittimati al rilascio del visto di conformità dalla data di presentazione della richiesta 2. 1 L abilitazione richiesta è quella indicata nell art. 3, comma 3, del d.p.r. 322/1998, cioè l abilitazione Alla trasmissione telematica delle dichiarazioni tramite l utilizzo del canale telematico Entratel. 2 Cfr. Punto della circolare 21/E del 4 maggio 2009 e punto 3 della circolare 57/E del 23 dicembre 2009.

4 P a g i n a 4 Il presente vademecum tratta le seguenti fattispecie: 1. adempimenti a cura dei professionisti in caso di prima richiesta di inserimento nell elenco informatizzato; 2. caratteristiche della polizza assicurativa; 3. adempimenti a cura dei professionisti in caso di rinnovo; 4. domande frequenti.

5 P a g i n a 5 1. RICHIESTA DI ISCRIZIONE NELL ELENCO INFORMATIZZATO DEI SOGGETTI LEGITTIMATI AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITÀ Per ottenere l iscrizione nell elenco informatizzato, i professionisti devono effettuare un apposita comunicazione 3 indirizzata alla direzione regionale dell Agenzia delle Entrate competente in relazione al proprio domicilio fiscale. Tale comunicazione deve contenere obbligatoriamente le seguenti informazioni: 1. la richiesta di iscrizione nell elenco informatizzato dei soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità sulle dichiarazioni fiscali 4 ; 2. i dati anagrafici, i requisiti professionali, il numero di codice fiscale e la partita IVA; 3. il domicilio e gli altri luoghi ove viene esercitata l attività professionale; 4. l impegno a comunicare eventuali variazioni dei dati, degli elementi e degli altri atti indicati entro 30 giorni dalla data in cui si verificano 5. a. (eventuale) la denominazione e i dati anagrafici dell associazione professionale nell ambito della quale il professionista esercita l attività di assistenza fiscale 6 ; b. (eventuale) la denominazione o ragione sociale e i dati anagrafici dei soci e dei componenti del consiglio di amministrazione e, ove previsto, del collegio sindacale delle società di servizi delle quali il professionista intende avvalersi per lo svolgimento dell attività di assistenza fiscale, con l indicazione delle specifiche attività da affidare alle stesse 7. 3 Cfr. articolo 21 del decreto 164/ Vedi fac-simile come da Allegato 1. 5 Cfr. articolo 21, comma 3, del decreto 164/ Vedi fac-simile come da Allegato 3. 7 Vedi fac-simile come da Allegato 3.

6 P a g i n a 6 Devono essere obbligatoriamente allegati 8 alla richiesta di iscrizione 9 : 1. la polizza assicurativa 10 da prodursi integralmente, comprensiva di tutte le clausole contrattuali, in originale o in copia fotostatica; 2. la dichiarazione, resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000, relativa al possesso dell abilitazione rilasciata dall Agenzia delle Entrate alla trasmissione telematica delle dichiarazioni; 3. la dichiarazione, resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000, relativa all insussistenza di provvedimenti di sospensione dell ordine di appartenenza; 4. la dichiarazione, resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000, relativa alla sussistenza dei seguenti requisiti 11 : a. di NON aver riportato condanne, anche non definitive, o sentenze emesse ai sensi dell art. 444 c.p.p. per reati finanziari 12 ; b. di NON aver procedimenti penali pendenti nella fase del giudizio per reati finanziari; c. di NON aver commesso violazioni gravi e ripetute, per loro natura ed entità, alle disposizioni in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto; d. di NON trovarsi in una delle condizioni penalmente rilevanti che escludono la possibilità di candidarsi alle elezioni regionali, provinciali, comunali In caso di trasmissione tramite PEC gli allegati dovranno essere in formato pdf NON modificabile. 9 Cfr. articolo 21, comma 2, del decreto 164/ Cfr. articolo 22 del decreto 164/ Cfr. articolo 8 del decreto 164/ Cfr. risoluzione n. 73/E del 13 luglio Cfr. art. 15, comma 1, legge 19 marzo 1990 n. 55, come sostituito dall articolo 1 della legge 18 gennaio 1992 n. 16.

7 P a g i n a 7 I professionisti aventi domicilio fiscale nella Regione del Veneto devono inviare la richiesta, comprensiva degli allegati, a mezzo posta elettronica certificata (PEC) all indirizzo oppure, in alternativa, a mezzo raccomandata A.R. all indirizzo AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Via Giuseppe De Marchi n Marghera-Venezia (VE) Nella richiesta di abilitazione si raccomanda l indicazione dei numeri di telefono e di fax e dell indirizzo di posta elettronica, necessari per eventuali richieste e/o comunicazioni. Per agevolare l attività istruttoria da parte di questa direzione regionale, si chiede di apporre all esterno della busta raccomandata o nell oggetto della , la dicitura VDC richiesta abilitazione. Qualora più professionisti appartenenti ad uno stesso studio associato intendano effettuare l iscrizione nell elenco degli abilitati al rilascio del visto di conformità si precisa che deve essere inviata una richiesta di iscrizione per ciascun professionista evitando invii cumulativi. Nel caso in cui la documentazione trasmessa risulti carente o incompleta, l ufficio richiede le necessarie integrazioni al professionista, il quale sarà tenuto ad adempiere entro un termine massimo di 30 giorni. In tale ipotesi il successivo perfezionamento dell iscrizione avviene, comunque, dalla data di presentazione della richiesta. Nel caso in cui, invece, il professionista non provveda all integrazione della documentazione nei termini prescritti, la richiesta si considera automaticamente decaduta e, nell eventualità si desiderasse procedere con l iscrizione, il professionista dovrà inviare una nuova richiesta comprensiva dei necessari allegati.

8 P a g i n a 8 Terminata l attività istruttoria la Direzione Regionale del Veneto informa il professionista, tramite , dell avvenuta iscrizione nell elenco informatizzato dei soggetti legittimati all apposizione del visto di conformità. 1.1 PARTICOLARI MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI ASSISTENZA FISCALE 14 Si evidenzia che è il singolo professionista ad essere iscritto nell elenco e, di conseguenza, abilitato al rilascio del visto di conformità. Nel caso in cui il professionista (titolare o meno di partita IVA) eserciti l attività di assistenza fiscale nell ambito di una associazione professionale 15 di cui almeno la metà degli associati sia costituita dai soggetti indicati all art. 3, comma 3, lettere a) e b) del d.p.r. 322/1998, nella predetta comunicazione devono essere indicati, oltre ai dati del singolo professionista, anche quelli dell associazione alla quale partecipa e dei professionisti associati. Ne consegue che ogni altro professionista appartenente all associazione che non sia personalmente iscritto nell elenco degli abilitati non è autorizzato ad apporre il visto di conformità. Conseguentemente non saranno prese in considerazione le domande di iscrizione all elenco informatizzato dei soggetti abilitati ad apporre il visto di conformità presentate a nome di studi o associazioni professionali. Qualora il professionista in possesso di partita IVA si avvalga di una società di servizi per la trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali, la dichiarazione di cui al precedente punto 2 16 può essere sostituita con la dichiarazione di effettuare la trasmissione telematica tramite una società di servizi di cui lo stesso professionista possiede la maggioranza assoluta del capitale sociale. In tal caso, nella domanda di iscrizione devono essere indicati 14 Cfr. circolare 57/E del 23 dicembre Cfr. art. 5, comma 3, lett. c) del T.U.I.R. 16 Resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000, relativa al possesso dell abilitazione rilasciata dall Agenzia delle Entrate alla trasmissione telematica delle dichiarazioni.

9 P a g i n a 9 tutti i dati della società di servizi unitamente alla titolarità delle quote di partecipazione nella stessa 17. In caso di due o più soci, tenuto conto che nessuno di essi potrebbe possedere la maggioranza assoluta, la norma prevede la possibilità che la stessa società di servizi sia posseduta da più professionisti abilitati all apposizione del visto di conformità 18. Nel caso in cui il professionista senza partita IVA svolga l attività di assistenza fiscale nell ambito di un associazione professionale, può comunque avvalersi di una società di servizi per la trasmissione telematica delle dichiarazioni, sempreché il capitale sociale della stessa sia posseduto a maggioranza assoluta da uno o più professionisti. In tal caso, nella domanda di iscrizione devono essere indicati tutti i dati della società di servizi unitamente alla titolarità delle quote partecipazione nella stessa 19. La trasmissione telematica delle dichiarazioni deve essere effettuata esclusivamente dal singolo professionista che ha apposto il visto di conformità, dall associazione cui lo stesso appartiene ovvero dalla società di servizi posseduta a maggioranza ma non può essere effettuata da altro professionista, ancorché appartenente alla stessa associazione professionale, diverso da quello che ha apposto il visto sulle dichiarazioni 20. Infine, si fa presente che l avvenuta presentazione all ufficio territoriale dell Agenzia delle Entrate della domanda ai fini dell abilitazione alla trasmissione telematica delle dichiarazioni 21 (tramite il servizio Entratel ) non esime dall obbligo della richiesta di ottenere l inserimento nell elenco informatizzato dei soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità 22. Come già indicato, l abilitazione alla trasmissione telematica delle dichiarazioni 17 Vedi fac-simile come da Allegato Cfr. circolare 12/E del 12 marzo Vedi fac-simile come da Allegato Cfr. circolare 21/E del 4 maggio 2009 punto Cfr. art. 3 comma 3, d.p.r. 322 del Cfr. art. 21 decreto 164 del 1999.

10 P a g i n a 10 costituisce uno dei requisiti necessari per poter ottenere l inserimento nell elenco informatizzato dei soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità. 2. GARANZIA Al fine di garantire il completo risarcimento dell eventuale danno arrecato ai contribuenti, l articolo 22 del decreto 164/1999 prevede la stipula di una polizza assicurativa della responsabilità civile, da parte dei professionisti che richiedono l iscrizione nell elenco informatizzato. Tale polizza assicurativa deve avere le seguenti caratteristiche 23 : a) la copertura assicurativa deve riferirsi alla prestazione dell assistenza fiscale mediante apposizione del visto di conformità sulle dichiarazioni fiscali, senza alcuna limitazione della garanzia ad un solo specifico modello di dichiarazione in quanto i soggetti iscritti nell elenco sono legittimati ad apporre il visto, ove previsto, su tutte le dichiarazioni fiscali; b) il massimale della polizza deve essere adeguato al numero di contribuenti assistiti, nonché al numero dei visti di conformità, delle asseverazioni e delle certificazioni tributarie rilasciate; in ogni caso il massimale garantito non deve essere inferiore ad Euro ,80; c) la copertura assicurativa non deve contenere franchigie o scoperti in quanto non garantiscono la totale copertura degli eventuali danni subiti dal contribuente; salvo il caso in cui la società assicuratrice si impegni espressamente a risarcire il terzo danneggiato, riservandosi la facoltà di rivalersi successivamente sull assicurato per l importo rientrante in franchigia; d) la polizza assicurativa deve prevedere, per gli errori commessi nel periodo di validità della stessa, il totale risarcimento del danno denunciato nei 23 Cfr. circolare 57/E del 2009 punto 4.

11 P a g i n a 11 cinque anni successivi alla scadenza del contratto assicurativo, indipendentemente dalla causa che ha determinato la cessazione del rapporto assicurativo 24. La circolare 57/E del 2009 precisa ulteriormente che, qualora il professionista svolga l attività nell ambito di uno studio associato, egli può anche utilizzare, quale garanzia, la polizza assicurativa contro i rischi professionali stipulata dal medesimo studio, purché la stessa abbia le seguenti caratteristiche: previsione di un autonoma copertura assicurativa per l attività di assistenza fiscale, di importo non inferiore ad Euro ,80; garanzia dell attività prestata da ogni singolo professionista (del quale vanno specificati i dati nella polizza) adeguata ai visti di conformità rilasciati e comunque di importo non inferiore ad Euro ,80 per ogni professionista che presta attività di assistenza fiscale; rispetto delle condizioni citate alle lettere a), b), c) e d). Qualora il professionista sia già in possesso di idonea copertura assicurativa per i rischi professionali, potrà utilizzare tale polizza solo nel caso sia prevista un autonoma copertura assicurativa, con un massimale adeguato e comunque non inferiore ad Euro ,80, ad esclusiva garanzia del risarcimento dei danni eventualmente provocati nell esercizio dell attività di assistenza fiscale. Con riferimento alla possibilità per il professionista di utilizzare una polizza assicurativa stipulata da una società di servizi, si ricorda che tale eventualità è ammessa unicamente nel caso in cui nel contratto di assicurazione risulti come contraente la società di servizi e come soggetto assicurato il professionista nella sua attività di apposizione del visto di conformità: solo in tal caso viene garantito il completo risarcimento dell eventuale danno arrecato. 24 Si afferma che la polizza non deve contenere la clausola c.d. claim made la quale non garantisce le richieste di risarcimento avanzate dopo la scadenza del contratto, anche se gli errori contestati sono avvenuti nel periodo in cui il professionista risultava correttamente assicurato.

12 P a g i n a 12 Infine, sempre in tema di garanzie, il comma 2 dell art. 22 del decreto 164/1999 pone un obbligo a carico delle imprese di assicurazione laddove prevede che queste diano immediata 25 comunicazione all Agenzia delle Entrate 26 di ogni circostanza che comporti il venir meno della garanzia assicurativa. Allo stesso obbligo è tenuto ad adempiere anche il professionista RINNOVO La circolare 21/E del 4 maggio 2009 precisa che i professionisti già iscritti nell elenco informatizzato e quindi abilitati all apposizione del visto di conformità sono esentati dalla presentazione di una nuova domanda 28. Difatti, nel caso in cui il professionista abilitato intenda mantenere l iscrizione nell elenco informatizzato, deve provvedere tempestivamente 29 a comunicare alla direzione regionale competente ogni variazione dei dati già comunicati e a far pervenire il rinnovo della polizza assicurativa o l attestato della quietanza di pagamento nel caso di premio rateale. Nell ipotesi in cui la polizza abbia scadenza annuale il professionista provvede ad inoltrare alla direzione regionale competente la nuova polizza integrale con la relativa quietanza di pagamento secondo le modalità già descritte. Altresì viene richiesto al professionista di attestare, ai sensi degli artt. 46 e 47 del d.p.r. 445/2000, la permanenza dei requisiti comunicati in precedenza 30. Il rinnovo dell iscrizione si perfeziona solo con l invio dell attestato di quietanza ovvero della polizza assicurativa integrale, mentre è del tutto 25 Entro trenta giorni dalla data in cui si verifica l evento, ai sensi del comma 3 dell art. 21 del decreto 164/ Competente in relazione al domicilio fiscale del professionista assicurato. 27 Laddove è previsto che il professionista comunichi alla direzione regionale competente ogni variazione dei dati precedentemente comunicati, entro trenta giorni dalla data in cui si verifica. 28 Redatta secondo le prescrizioni dell art. 21 del decreto 164 del Anche in questo caso si ritiene, ai sensi del comma 3 dell art. 21 del decreto 164/1999, quindi entro trenta giorni dalla data in cui si verifica l evento. 30 Di cui all articolo 21 del decreto 164/1999 e richiamati alle pagg. 2, 3 e 4 del presente vademecum.

13 P a g i n a 13 irrilevante la trasmissione della copia del bonifico effettuato a favore dell assicurazione. Le modalità previste per la comunicazione del rinnovo sono le stesse previste per l invio della domanda di iscrizione nell elenco informatizzato; in tal caso si chiede di apporre, all esterno della busta raccomandata o nell oggetto della e- mail, la seguente indicazione VDC rinnovo. In caso di perfezionamento del rinnovo, non viene spedita alcuna comunicazione al professionista. 3.1 MANCANZA O DISCONTINUITÀ DELLA COPERTURA ASSICURATIVA I professionisti che non inviano il rinnovo della polizza vengono invitati a provvedervi entro il termine di trenta giorni, con l avvertimento che, in mancanza di regolarizzazione, non possono apporre il visto di conformità e vengono cancellati dall elenco per rinuncia all iscrizione. Tale cancellazione non ha carattere sanzionatorio e quindi non genera le conseguenze connesse alla cancellazione per gravi violazioni, come la comunicazione all ordine di appartenenza o la revoca dell abilitazione alla trasmissione telematica. Il professionista deve sempre garantire la continuità della copertura assicurativa, pertanto avrà cura di verificare che la data di validità del rinnovo o la stipula del nuovo contratto assicurativo coincida con il giorno di scadenza del contratto precedente. Nel caso in cui il professionista abilitato al rilascio del visto di conformità non abbia provveduto al rinnovo della polizza assicurativa, deve comunicare il mancato rinnovo entro i 30 giorni successivi alla scadenza della polizza. Tale situazione comporta la cancellazione dall elenco dei soggetti abilitati al rilascio del visto.

14 P a g i n a DOMANDE FREQUENTI (FAQ) D: È possibile consultare l elenco dei soggetti che possono rilasciare il visto di conformità? R: No, non è possibile consultare tale elenco né da parte dei professionisti iscritti né da parte dei contribuenti che richiedono l apposizione del visto di conformità in quanto la normativa non ne prevede espressamente la pubblicazione. D: Mi sono dimenticato di comunicare il rinnovo della polizza assicurativa. Sono stato cancellato dall elenco? R: No. Prima di effettuare la cancellazione dall elenco il professionista riceve un avviso tramite PEC o tramite raccomandata A.R. in cui viene intimato l invio del rinnovo della polizza entro trenta giorni, pena la cancellazione dall elenco dei legittimati all apposizione del visto di conformità. D: Sono iscritto al visto per l IVA, posso rilasciare il visto anche sulle altre dichiarazioni fiscali? R: Si, il professionista iscritto nell elenco dei legittimati all apposizione del visto di conformità può rilasciare il visto su tutte le dichiarazioni fiscali. D: Non sono iscritto nell elenco dei legittimati all apposizione del visto di conformità. Posso trasmettere telematicamente le dichiarazioni vistate da altri professionisti legittimati? R: No, la trasmissione telematica deve essere eseguita direttamente dal professionista che ha apposto il visto di conformità ovvero dalla società di servizi della quale lo stesso professionista si avvale.

15 P a g i n a 15 D: Come avviene materialmente l apposizione del visto di conformità in dichiarazione? R: Il rilascio del visto di conformità avviene tramite l indicazione del codice fiscale del professionista e l apposizione della firma dello stesso professionista nelle apposite caselle contenute nel frontespizio della dichiarazione. D: Come faccio a sapere quando scade l iscrizione nell elenco dei soggetti legittimati all apposizione del visto di conformità? R: In assenza di variazioni intervenute rispetto ai dati comunicati all atto dell iscrizione, il rinnovo coincide con la scadenza della copertura assicurativa. Il professionista deve inviare l attestato di quietanza per il rinnovo della polizza ovvero la nuova polizza assicurativa comprensiva dell attestato di quietanza entro trenta giorni dalla scadenza della copertura assicurativa. D: Viene accettata la quietanza del bonifico fatto a favore dell assicurazione come quietanza per il rinnovo? R: No. Affinché la procedura di rinnovo dell iscrizione si perfezioni è necessaria la trasmissione della quietanza di rinnovo della polizza assicurativa ovvero della nuova polizza integrale comprensiva della quietanza. D: Può un professionista regolarmente iscritto nell elenco dei soggetti abilitati all apposizione del visto di conformità vistare la propria dichiarazione dei redditi? R: Le disposizioni vigenti non pongono alcuna preclusione a tale fattispecie e, pertanto, il professionista regolarmente iscritto può vistare anche la propria dichiarazione.

16 P a g i n a 16 D: Ho inviato la richiesta di iscrizione nell elenco dei soggetti legittimati all apposizione del visto di conformità ma non ho ancora ricevuto la conferma di avvenuta iscrizione. Posso rilasciare il visto di conformità sulle dichiarazioni? R: Si, considerato che l iscrizione nell elenco avviene dalla data della richiesta, successivamente all inoltro della richiesta di cui all art. 21 del d.m. 164/1999 il professionista può rilasciare il visto di conformità anche in assenza di un riscontro da parte della direzione regionale. I professionisti che necessitano di maggiori informazioni e chiarimenti possono inviare richieste e quesiti all indirizzo (si chiede di indicare anche un recapito telefonico al fine di essere ricontattati). A titolo esemplificativo al presente vademecum si allegano i seguenti fac-simile: ALLEGATO 1: richiesta ai sensi dell art. 21 del decreto 31 maggio 1999, n. 164; ALLEGATO 2: autocertificazione ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445; ALLEGATO 3: richiesta ai sensi dell art. 21 del decreto 31 maggio 1999, n. 164 nel caso in cui il professionista si avvale di una società di servizi. Il presente documento è stato redatto in base alla normativa ed alla prassi vigente al 30 giugno 2014.

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità di cui all articolo

Dettagli

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale della Toscana Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi ISTRUZIONI E ADEMPIMENTI A CARICO DEI PROFESSIONISTI PER LA RICHIESTA DELL ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE Antonino Gentile Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 39/93.

IL DIRETTORE REGIONALE Antonino Gentile Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell art. 3, comma 2, D.Lgs. n. 39/93. VIA E MAIL Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione tributi Bologna, 16 novembre 2009 Agli Ordini Dei Commercialisti e degli Esperti contabili dell Emilia Romagna

Dettagli

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità.

OGGETTO: autorizzazione al rilascio del visto di conformità. 1 Direzione Regionale del Piemonte Settore Servizi e Consulenza Torino, 5 novembre 2009 Ufficio Gestione Tributi All Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili All Ordine dei Consulenti

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA. Dott. Enrico Zanetti

L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA. Dott. Enrico Zanetti L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ ALLA DICHIARAZIONE IVA Dott. Enrico Zanetti DL ANTICRISI 78/2009 INTERVENTI DELL ART. 10 DEL DL 78/2010 Incremento delle compensazioni dei crediti fiscali 1. LA COMPENSAZIONE

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO Circolare informativa per la clientela n. 28/2014 del 16 ottobre 2014 VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO In questa Circolare 1. Comunicazione 2. Chi può apporre il

Dettagli

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza

Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza Direzione Regionale dell Umbria Ufficio Servizi e consulenza ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA DI INIZIALE ABILITAZIONE - E DI MANTENIMENTO - AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITÀ NORMATIVA DI RIFERIMENTO La disciplina

Dettagli

VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE

VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE QUADERNO A cura di Fabio Napoli e Davide Sapienza VISTO DI CONFORMITA IMPOSTE DIRETTE OTTOBRE 2014 1 PREMESSA L art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n.

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST»

VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST» VISTO di CONFORMITÀ: «CHECK LIST» IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Check list per l abilitazione al rilascio del visto di conformità; 2. Fac simile comunicazione a D.R.E. da parte del professionista; 3. Fac simile

Dettagli

NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA. Dott. Alessandro COTTO

NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA. Dott. Alessandro COTTO NUOVI VINCOLI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Dott. Alessandro COTTO DL ANTICRISI 78/2009 INTERVENTI DELL ART. 10 DEL DL 78/2010 Incremento delle compensazioni dei crediti fiscali 1. LA COMPENSAZIONE

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti 2 SOMMARIO Cos è il visto di conformità?.. 5 Chi è legittimato a rilasciare il visto di conformità?.......... 5 Un professionista senza partita

Dettagli

Circolare n. 5. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Condizioni oggettive per il rilascio del visto... 2. 3 Soggetti abilitati al rilascio del visto...

Circolare n. 5. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Condizioni oggettive per il rilascio del visto... 2. 3 Soggetti abilitati al rilascio del visto... Circolare n. 5 Guida al visto di conformità (art. 10 D.L. 1.7.2009, n. 78) Indice 1 Premessa... 2 2 Condizioni oggettive per il rilascio del visto... 2 3 Soggetti abilitati al rilascio del visto... 3 4

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Visto di conformità

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti. Visto di conformità Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 06 17.02.2014 Visto di conformità La Legge di Stabilità 2014 estende il visto di conformità alle compensazioni orizzontali

Dettagli

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP

T & P Circolare Informativa 9/2014 Legge di Stabilità: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES IRAP CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 9/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: COMPENSAZIONE CREDITI IRPEF, IRES E IRAP SOPRA LA SOGLIA DEI 15 MILA EURO; OBBLIGO DI VISTO DI CONFORMITA (Rif. Normativo: Art.1 comma 574 della

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri Visto l articolo 1, comma 337, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, che prevede per l anno finanziario 2006, a titolo sperimentale, la destinazione in base alla

Dettagli

CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA

CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA CREDITI FISCALI E VISTO DI CONFORMITA (a cura di Renzo Radicioni, Antonella Finazzi, Eleonora Borzani, Carlo Sergi, Giancarlo Modolo e Corrado Sanvito) L art. 1, comma 574 della Legge 27 dicembre 2013

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA

NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE DI ROMA NOVITA IN TEMA DI IVA E DI CRITERI DI TERRITORIALITA Roma, 11 febbraio 2010 Le nuove regole

Dettagli

MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012

MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012 MODELLO DA UTILIZZARE PER L ISCRIZIONE AL 5 PER MILLE 2012 ELENCO DEGLI ENTI DEL VOLONTARIATO [ART. 1, COMMA1, LETTERA A)] ED ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE [ART. 1, COMMA 1, LETTERA

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127

Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127 Regolamento per l iscrizione nel Registro dei CERTIFICATORI ENERGETICI Art. 2 del DD 21 settembre 2009 n. 127 Art. 1 Il Certificatore Energetico (CE) è il tecnico, esperto in materia di energetica edilizia,

Dettagli

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO)

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) BANDO PER LA SELEZIONE DI N. 12 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE, denominato Insieme per fare, DA REALIZZARE NEL COMUNE DI

Dettagli

DISCIPLINARE DI QUALIFICAZIONE delle Imprese in grado di svolgere servizi di pulizia degli edifici ed aree aziendali

DISCIPLINARE DI QUALIFICAZIONE delle Imprese in grado di svolgere servizi di pulizia degli edifici ed aree aziendali DISCIPLINARE DI QUALIFICAZIONE delle Imprese in grado di svolgere servizi di pulizia degli edifici ed aree aziendali 1) Oggetto del Sistema di qualificazione Il presente atto regola, ai sensi del D.Lgs..

Dettagli

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi

LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi LE COMPENSAZIONI FISCALI DEL 2014: IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' PER IL 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale La Legge di Stabilità 2014 ha previsto l'obbligo del visto di conformità

Dettagli

VISTO DI CONFORMITA'

VISTO DI CONFORMITA' VISTO DI CONFORMITA' IL RILASCIO DA PARTE DEI PROFESSIONISTI I venerdì con l'agenzia delle Entrate: pillole di fiscalità Roma, 13 aprile 2012 I soggetti abilitati 2 I professionisti che possono rilasciare

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista DAMIA ADRIANI 1/10 OGGETTO VISTO DI CONFORMITÀ O SOTTOSCRIZIONE DELL ORGA DI CONTROLLO SULLA DICHIARAZIONE IVA ANNUALE PER LA COMPENSAZIONE DI CREDITI IVA PER IMPORTI SUPERIORI A 15.000,00 EURO ANNUI RIFERIMENTI

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 A.S.P. CITTA DI SIENA. Via Campansi n.

Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 A.S.P. CITTA DI SIENA. Via Campansi n. Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 Scadenza presentazione domande: ore 12,00 del 09/01/2012 A.S.P. CITTA DI SIENA Via Campansi n. 18 - SIENA AVVISO

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO H) BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 530 giovani, da avviare al servizio civile

Dettagli

OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n.

OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27 dicembre 2013 n. CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 25 settembre 2014 OGGETTO: Visto di conformità per l utilizzo dei crediti superiori a 15.000 euro - Art. 1, comma 574, della legge 27

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

-------------------------

------------------------- Direzione Centrale Gestione Tributi ------------------------- Settore Servizi ai Contribuenti Ufficio Rapporti con i CAF e altri intermediari Prot n. 3/4/117874/03 Roma, Alle Direzioni Regionali e, per

Dettagli

DISCIPLINARE DI QUALIFICAZIONE delle Imprese in grado di svolgere servizi di pulizia degli edifici ed aree aziendali

DISCIPLINARE DI QUALIFICAZIONE delle Imprese in grado di svolgere servizi di pulizia degli edifici ed aree aziendali DISCIPLINARE DI QUALIFICAZIONE delle Imprese in grado di svolgere servizi di pulizia degli edifici ed aree aziendali 1) Oggetto del Sistema di qualificazione Il presente atto regola, ai sensi del D.Lgs..

Dettagli

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA (di cui al Capo II del decreto dirigenziale 31 luglio 1998, utilizzabile dai soggetti di cui ai all art. 3, commi 2, 2-bis e 3 del decreto del Presidente

Dettagli

Circolare N.148 del 24 Ottobre 2012

Circolare N.148 del 24 Ottobre 2012 Circolare N.148 del 24 Ottobre 2012 Responsabilità negli appalti. Ammessa l autocertificazione dell avvenuto adempimento degli obblighi fiscali Responsabilità negli appalti: ammessa l autocertificazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato CIRCOLARE N. 16/E Roma, 19 aprile 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato 2 INDICE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D. LGS. 163/2006

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2015 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2015

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO E) BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 2034 giovani da avviare al servizio

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE

DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE DICHIARAZIONE REDDITI 2000 LE SCADENZE Anche quest anno è stata prevista una proroga generalizzata per la presentazione, ed i relativi versamenti, delle dichiarazioni dei redditi. Come annunciato, ormai,

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 23/15 contenente disposizioni inerenti alle modalità di verifica dell avveramento delle

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti:

NOTIZIE UTILI. Le associazioni sportive dilettantistiche per essere ammesse al beneficio devono possedere i seguenti requisiti: n.19 03/04/2015 NOTIZIE UTILI 5 per mille 5 PER MILLE PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Tutto pronto per l'avvio della campagna relativa al 5 per mille 2015. L'Agenzia delle Entrate ha infatti

Dettagli

Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi - Novità del DLgs. 5.8.2015 n. 127

Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi - Novità del DLgs. 5.8.2015 n. 127 Circolare 23 del 28 settembre 2015 Fatturazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi - Novità del DLgs. 5.8.2015 n. 127 INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime opzionale per la trasmissione

Dettagli

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012 A.FO.PROF.. Associazione Formazione Professionisti degli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino, Ascoli Piceno e Fermo Corso di aggiornamento professionale Verso

Dettagli

Parma, 08/06/2011 Ai Consulenti del Lavoro di Parma Ai Praticanti Consulenti del Lavoro

Parma, 08/06/2011 Ai Consulenti del Lavoro di Parma Ai Praticanti Consulenti del Lavoro Parma, 08/06/2011 Ai Consulenti del Lavoro di Parma Ai Praticanti Consulenti del Lavoro Prot. n. 238 di Parma Oggetto: Circolare n. 20_2011. A) Convegno a Parma il 22/06/2011 sul tema Il lavoro domestico.

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 27 marzo 2010 OGGETTO: Modello 730/2010 - Redditi 2009 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP.

CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP. CITTA DI CERIGNOLA PROVINCIA DI FOGGIA Piazza della Repubblica, 1 tel. 0085410266/214 fax 0885410290 SERVIZIO SPORTELLO UNICO AA.PP. BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 20 AUTORIZZAZIONI

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. n. 2012/95598 Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Procedura selettiva, ai sensi degli artt. 9 e 11 della Legge 12 marzo 1999, n. 68, per l assunzione a tempo indeterminato

Dettagli

OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175

OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 febbraio 2015 OGGETTO: Visto di conformità - Modifiche apportate dal decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175 2 INDICE 1. ADEMPIMENTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori

Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori Criteri e Regole per l istituzione e la gestione dell Elenco Fornitori 1. Premessa L Istituto per il Credito Sportivo (di seguito anche Istituto o ICS ) intende istituire e disciplinare un Elenco di operatori

Dettagli

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO

ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI. Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO ASSET CAMERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEI FORNITORI Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ DELL ELENCO Ai sensi dell art. 125 comma 12 del D. Lgs. n. 163 del 2006 e s.m.i., avente ad oggetto il Codice

Dettagli

OGGETTO: 5 per mille per enti del volontariato e Asd

OGGETTO: 5 per mille per enti del volontariato e Asd Informativa per la clientela di studio del 08.04.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: 5 per mille per enti del volontariato e Asd Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo

Dettagli

Il SEGRETARIO GENERALE

Il SEGRETARIO GENERALE Bologna, 1 Marzo 2013 Prot. n. 35/13 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO AVENTE AD OGGETTO LA DEFINIZIONE DI UNA PROPOSTA DI LINEE GUIDA PER L ADEGUAMENTO ALLE REGOLE DI CONTABILITA

Dettagli

Gestione deleghe Stampa CUD Comunicazioni telematiche con INPS Cassetto previdenziale ARTCOM

Gestione deleghe Stampa CUD Comunicazioni telematiche con INPS Cassetto previdenziale ARTCOM Gestione deleghe Stampa CUD Comunicazioni telematiche con INPS Cassetto previdenziale ARTCOM Elena MARTINA Direzione Metropolitana Torino Agenzia Torino Sanpaolo Potenziamento dei servizi telematici INPS

Dettagli

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER FORNITURE DI GAS NATURALE NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 Premessa: Brescia Trasporti S.p.A. intende istituire un proprio sistema di qualificazione al fine di selezionare operatori

Dettagli

Comune di Palagianello Provincia di Taranto

Comune di Palagianello Provincia di Taranto Comune di Palagianello Provincia di Taranto REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI (I.C.I.) RELATIVAMENTE ALLE AREE EDIFICABILI ai sensi dell articolo 13 della legge

Dettagli

MIUR.AOODRPI.REGISTRO UFFICIALE(U).0010224.16-11-2015

MIUR.AOODRPI.REGISTRO UFFICIALE(U).0010224.16-11-2015 MIUR.AOODRPI.REGISTRO UFFICIALE(U).0010224.16-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Torino, 16 novembre 2015 AVVISO INDAGINE DI MERCATO PER SELEZIONARE IL RESPONSABILE DEL

Dettagli

SHORT LIST NAPOLI SERVIZI SPA

SHORT LIST NAPOLI SERVIZI SPA SHORT LIST NAPOLI SERVIZI SPA NAPOLI SERVIZI SPA FORMAZIONE DI SHORT LIST DI ESPERTI PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE ESTERNA Art. 1 - Finalità Si rende noto che la Napoli Servizi SpA intende

Dettagli

5 per mille per enti del volontariato e Asd

5 per mille per enti del volontariato e Asd Periodico informativo n. 56/2015 5 per mille per enti del volontariato e Asd Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla che l articolo 1, comma 154, della legge 23 dicembre

Dettagli

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA OPERAZIONE RICHIESTA E DATI IDENTIFICATIVI DEL RICHIEDENTE

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA OPERAZIONE RICHIESTA E DATI IDENTIFICATIVI DEL RICHIEDENTE genzia ntrate SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL - MODULO DI RICHIESTA Istruzioni per la compilazione A COSA SERVE QUESTO MODULO CHI LO UTILIZZA COME SI COMPILA Con questo modulo Lei può chiedere all Agenzia

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA IX

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA IX PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA IX Direzione Infrastrutture Territoriali e Datore di Lavoro Ufficio Area Metropolitana, Infrastrutture,Trasporti e Servizi di distribuzione BANDO PER L AMMISSIONE ALL ESAME

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/3 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 marzo 2011 OGGETTO: Modello 730/2011 - Redditi 2010 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO

Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Prot. n. 2011/11181/Giochi/ADI Ministero dell economia e delle finanze IL DIRETTORE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO Visto il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931,

Dettagli

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.

Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna. Associazione Artigiani e P.M.I. del Biellese Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121 - Fax: 015 351426 - C. F.: 81067160028 Internet: www.biella.cna.it - email: mailbox@biella.cna.it Certificato

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. _/15 contenente disposizioni inerenti alle modalità di verifica dell avveramento delle

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PARTNERS OLIVIERO PERNI LUCA DORENTI OF COUNSEL GIOVANNI INTRIGLIOLO BARBARA BONSIGNORI INTERNATIONAL PARTNERS LUCA SOLDATI LINDA MULLER MAURO BRAMBILLA MARCO GUBLER MASSIMO SOMMARUGA Milano, 2 marzo 2010

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

MODELLO PER SOCIETÀ/BANCHE PER IL RILASCIO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO DELL IVA

MODELLO PER SOCIETÀ/BANCHE PER IL RILASCIO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO DELL IVA MODELLO PER SOCIETÀ/BANCHE PER IL RILASCIO DI POLIZZA FIDEIUSSORIA O FIDEIUSSIONE BANCARIA PER IL RIMBORSO DELL IVA Finalità Utilizzo Compilazione e consegna Tipo di garanzia Il presente modello deve essere

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0185690.28-12-2012-U CONVENZIONE SULLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DA PARTE DEGLI INTERMEDIARI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 3, DEL D.P.R. N. 322 DEL 1998 DEL SERVIZIO DI PAGAMENTO CON MODALITA TELEMATICHE, IN NOME E PER CONTO DEL

Dettagli

Novità in materia di Rimborsi IVA

Novità in materia di Rimborsi IVA Circolare 4 del 2 febbraio 2015 Novità in materia di Rimborsi IVA INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 3 Rimborsi di importo fino a 15.000,00 euro...3 4 Rimborsi di importo superiore a 15.000,00

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti Sommario D Cos è il visto di conformità?... 4 D Cosa comporta, invece, l asseverazione e la certificazione tributaria?... 5 D- Chi è legittimato

Dettagli

Memorandum ad uso dei professionisti

Memorandum ad uso dei professionisti IL VISTO DI CONFORMITÀ Memorandum ad uso dei professionisti Sommario D Cos è il visto di conformità?... 4 D Cosa comporta, invece, l asseverazione e la certificazione tributaria?... 5 D- Chi è legittimato

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/13193 Approvazione del modello per la richiesta di accesso alla procedura di collaborazione volontaria per l emersione ed il rientro di capitali detenuti all estero e per l emersione nazionale.

Dettagli

Studio Luciano Lancellotti

Studio Luciano Lancellotti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi 2 per mille ai partiti politici: istruzioni per l uso Gentile cliente con la presente intendiamo rinformarla che l'articolo

Dettagli

REGOLAMENTO ELENCO OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI

REGOLAMENTO ELENCO OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI REGOLAMENTO ELENCO OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI PREMESSE Art. 1 ISCRIZIONE. Art. 2 - MODALITA. Art. 3 CASI DI NON ACCETTAZIONE. Art. 4 CASI DI SOSPENSIONE DELL ISCRIZIONE. Art. 5 CANCELLAZIONE

Dettagli

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa

Roma, 23-09-2015. Messaggio n. 5864. 1. Premessa Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 23-09-2015 Messaggio n. 5864 OGGETTO: Controlli sulle Dichiarazioni sostitutive uniche trasmesse

Dettagli

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali

Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 2 09 GENNAIO 2016 Le regole di compensazione orizzontale dei crediti fiscali Copyright 2016

Dettagli

N. 6 23.01. LA GIUNTA COMUNALE

N. 6 23.01. LA GIUNTA COMUNALE N. 6 del 23.01.2006 OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZI DI ASSISTENZA ESPLETAMENTO PRATICHE E RELATIVE CERTIFICAZIONI PER L OTTENIMENTO DI PROVVIDENZE ASSISTENZIALI. LA GIUNTA COMUNALE VISTO il D. Lgs. 31 marzo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO

AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER L AMMISSIONE AL TIROCINIO POST LAUREAM RISERVATO AI LAUREATI IN PSICOLOGIA

Dettagli

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click»

Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» Posta elettronica certificata: per le raccomandate rivoluzione in un «click» di Salvatore Mattia (*) Per professionisti e imprese arriva finalmente la svolta nella gestione di fatture e raccomandate: entra

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

pec: aid@postacert.difesa.it DIREZIONE GENERALE

pec: aid@postacert.difesa.it DIREZIONE GENERALE AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE D INTERESSE FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI CONSULENZA FISCALE, TRIBUTARIA, AMMINISTRATIVA E CONTABILE. Premessa Si rende noto che intende

Dettagli

1 AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

1 AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Allegato n. 1 AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale S. Carlo di Potenza Ospedale S. Francesco di Paola di Pescopagano Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-613705 /612545 fax 0971-612667

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA Informative e news per la clientela di studio Oggetto: IL 5 PER MILLE ENTRA A REGIME È partita lo scorso 26 marzo la procedura che enti e associazioni devono seguire per richiedere ai contribuenti la destinazione

Dettagli