Gli Amministratori di società e il rapporto di lavoro. Dr. Temistocle Bussino Funzionario Ispettivo Inps*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli Amministratori di società e il rapporto di lavoro. Dr. Temistocle Bussino Funzionario Ispettivo Inps*"

Transcript

1 Gli Amministratori di società e il rapporto di lavoro Dr. Temistocle Bussino Funzionario Ispettivo Inps* Componente Centro Studi Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro Docente Sda - Università Bocconi * Il presente contributo è a titolo personale e non impegna la Pubblica Amministrazione

2 La Contribuzione Autonomi Artigiani

3 Titolare artigiano il titolare artigiano partecipa al lavoro con carattere di professionalità e di prevalenza rispetto ad altre eventuali occupazioni la partecipazione al lavoro deve essere anche manuale, ossia direttamente produttiva del bene o del servizio, distinta dalla semplice direzione o amministrazione, che devono risultare marginali rispetto alla partecipazione manuale

4 Coadiuvante artigiano i coadiuvanti, rispetto al titolare, possono essere età minima 15 anni compiuti anche il coadiuvante deve partecipare al lavoro con carattere di professionalità e di prevalenza rispetto ad altre eventuali occupazioni coniuge fratello/sorella ascendente figlio ed equiparati nipote in linea diretta tutti i parenti entro 3 grado tutti gli affini entro 2 grado Corte Costituzionale Sentenze 485/92 e 170/9

5 Grado di parentela dei familiari Padre figlio Nonno nipote Bisavolo pronipote Trisavolo abnipote Fratelli - Zio nipote Primi cugini Prozio pronipote Secondi cugini Cugino nipote del cugino Primo grado Secondo grado Terzo grado Quarto grado Secondo grado Terzo grado Quarto grado Quarto grado Quinto grado Sesto grado Affinità Genero nuora Cognato Primo grado Secondo grado

6 Impresa artigiana - definizione impresa esercitata da imprenditore artigiano con lo scopo prevalente della produzione di beni, anche semilavorati, o di servizi. legge quadro artigianato L n art. 3 forma Impresa individuale Società, anche cooperativa Snc. Anche S.r.l. S.a.s. vincolo Limite al numero addetti

7 Impresa artigiana Limiti dimensionali art. 4 legge 443/ circolare n. 166 del 1996 Tipo di imprese Tetto ordinario occupati Operai e impiegati Di cui Apprendisti Tetto massimo occupati Operai e impiegati Di cui Apprendisti Totale Lavoro non in serie Lavoro in serie

8 Artigiani Ditte individuali Per le ditte individuali, non si richiedono per il titolare ulteriori requisiti. Soci di S.n.c. La maggioranza dei soci, ovvero uno nel caso di due soci, deve svolgere in prevalenza lavoro personale, anche manuale,nel processo produttivo.

9 Dal 5/6/1997 (l. 133/97) è obbligatoria l iscrizione di tutti i soci accomandatari in possesso dei requisiti soggettivi. Essi devono rappresentare la maggioranza del capitale, e non essere soci di S.r.l. unipersonale o accomandatari di altra S.a.s. Artigiani Soci di S.a.s Il socio accomandante che presti attività lavorativa non è iscrivibile in proprio, mancando il requisito della responsabilità; può eventualmente essere assicurato come familiare coadiuvante o come dipendente, ricorrendone i presupposti. (messaggio Inps n del 15 marzo 1993).

10 Soci di S.r.l. uninominali Dal 5/6/1997 (l. 133/97) è obbligatoria l iscrizione del socio unico di S.r.l. che abbia i requisiti soggettivi di iscrivibilità. Tale socio deve rivestire anche la qualifica di amministratore e non deve essere socio unico di altra S.r.l. né accomandatario di S.a.s. Artigiani

11 Soci di S.r.l. con più soci Dal 5/3/2001 (l. 57/2001) è ammessa l iscrizione delle società con pluralità di soci quando la maggioranza degli stessi svolga personalmente l attività e detenga la maggioranza del capitale sociale e negli organi deliberanti. L iscrizione (con domanda alla Commissione provinciale per l artigianato) è facoltativa e la qualifica viene attribuita a seguito di esplicita domanda. Artigiani

12 Esempi di partecipazione al processo produttivo del socio lavoratore - la trasformazione e l'utilizzo di materie prime e semilavorati - l'approvvigionamento, l'acquisizione di commesse - la direzione commerciale - i rapporti con il mercato - le attività di commercializzazione - la conduzione di macchinari, impianti e sistemi, -le analisi di fattibilità, la progettazione, l'ideazione.

13 La Contribuzione Autonomi Commercianti

14 Impresa commerciale - definizione impresa esercitata professionalmente da imprenditore con lo scopo prevalente della intermediazione nella circolazione di beni art.2195 C.c. Legge , n. 426 commercio all ingrosso: acquisto di merci in nome e per conto proprio per la rivendita ad altri commercianti o utilizzatori professionali commercio al minuto: acquisto di merci in nome e per conto proprio per la rivendita, in sede fissa o con altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale somministrazione di alimenti o bevande: somministrazione al pubblico, in sede fissa o con altre forme di distribuzione, di alimenti o bevande

15 Nuovi requisiti per la titolarità. l obbligo dell iscrizione nella gestione as sicura tiva degli esercenti attività commerciali di cui alla legge 22 luglio 1966, n. 613, e successive modifiche ed integrazioni, sussiste per i soggetti che siano in poss esso dei seguenti requisiti: Legge n. 662 art. 1 - c. 203 titolari o gestori in proprio di impre se che, a pre scindere dal numero dei dipendenti, siano organizzate e/o dirette prevalentemente con il il l avoro proprio e dei componenti la famiglia, ivi compresi i parenti e gli affini entro il il terzo grado, ovvero siano familia ri coadiutori preposti al punto vendita abbiano piena responsabilità dell impre sa ed assumano tutti gli oneri ed i rischi relativi alla gestione. Tale requisito non è richiesto per i familia ri coadiutori preposti al punto di vendita nonché per i soci di società a responsabilità limitata partecipino personal mente al lavoro azie ndale con carattere di abitualità e prevalenza siano i n possesso, ove previsto da leggi o regolamenti, di licenze o autorizzazio ni e/o sian o iscritti in albi, registri o ruoli

16 Coadiutore commerciante i coadiutori, rispetto al titolare, possono essere età minima 15 anni compiuti coniuge fratello/sorella ascendente figlio ed equiparati nipote in linea diretta anche il coadiutore deve partecipare al lavoro con carattere di professionalità e di prevalenza rispetto ad altre eventuali occupazioni tutti i parenti entro il 3 grado tutti gli affini entro il 2 grado Corte Costituzionale Sentenze 485/92 e 170/94 tutti gli affini entro 3 grado da L. 662/96 art. 1, c. 206

17 Requisiti Oggettivi Commercianti L attività deve essere esercitata in forma di impresa; - deve essere organizzata e/o diretta prevalentemente con il lavoro proprio del titolare e dei familiari, a prescindere dal numero di dipendenti. - deve essere svolta nel rispetto delle norme che la regolamentano ( possesso di licenze, autorizzazioni, iscrizioni in albi, registri o ruoli ).

18 Requisiti Soggettivi Il titolare deve partecipare al lavoro aziendale personalmente e abitualmente; deve avere la piena responsabilità dell impresa, con assunzione degli oneri e rischi della gestione (requisito non richiesto per i familiari preposti e per i soci di srl). Commercianti L attività deve essere prevalente rispetto ad altre attività lavorative esercitate contemporaneamente; la prevalenza si valuta principalmente con riferimento al tempo dedicato personalmente a ciascuna attività

19 Commercianti Ditte individuali Per le ditte individuali, non si richiedono per il titolare ulteriori requisiti. Soci di S.n.c. Sono iscrivibili i soci che svolgono l attività, indipendentemente dal loro numero.

20 Commercianti Soci di S.a.s E obbligatoria l iscrizione di tutti i soci accomandatari in possesso dei requisiti soggettivi. Il socio accomandante che presti attività lavorativa non è iscrivibile in proprio, mancando il requisito della responsabilità; può eventualmente essere assicurato come familiare coadiuvante o come dipendente, ricorrendone i presupposti.

21 Soci di S.r.l. Commercianti E iscrivibile il socio che, indipendentemente dalla qualifica di amministratore, eserciti in modo personale, continuativo e prevalente l attività oggetto sociale, anche solo per quanto attiene alla parte organizzativa e gestionale. L Amministratore che non svolge l attività è iscritto alla Gestione separata come Collaboratore coordinato e continuativo qualora percepisca un compenso come amministratore. Se svolge l attività ha l obbligo della doppia iscrizione.

22 I Preposti Commercianti Nel caso in cui il titolare dell azienda non eserciti personalmente l attività con i caratteri della continuità e prevalenza, può nominare un familiare preposto al punto di vendita, che è assoggettato in proprio all assicurazione IVS. (circ. 171/ )

23 Svolgimento di varie attività autonome Coloro che esercitano contemporaneamente anche in un unica impresa varie attività autonome assoggettabili a diverse forme di assicurazione obbligatoria Ivs, devono iscriversi alla gestione per la quale dedicano personalmente la loro opera professionale in misura prevalente. Spetta all Inps decidere sull iscrizione del titolare nella apposita gestione in base ad una valutazione complessiva della attività dell imprenditore che stabilisca quale sia quella prevalente.

24 I SOCI AMMINISTRATORI La legge 662/1996, all articolo 1, comma 218, a proposito della iscrizione alla gestione previdenziale corrispondente alla attività svolta in maniera prevalente, afferma un principio : qualora vengano esercitate contemporaneamente (anche in un unica impresa)varie attività autonome assoggettabili a diverse forme di assicurazione obbligatoria Ivs i soggetti interessati sono iscritti nell assicurazione prevista per l attività alla quale gli stessi dedicano personalmente la loro opera professionale in maniera prevalente.

25 Sulla posizione dei soci di Srl che svolgono anche attività di collaborazione coordinata e continuativa il messaggio n del14 gennaio 1999 ha ritenuto opportuno fornire altre precisazioni. Secondo l Istituto non è condivisibile la tesi dell illegittimità, in base alla legge n.662, della contemporanea iscrizione di un medesimo soggetto alla gestione commercianti e a quella relativa al contributo della Gestione separata

26 L obbligo contributivo nei confronti della gestione separata -in qualità di collaboratore coordinato e continuativo o eventualmente in di professionista, puo coesistere con l iscrizione ad altre gestioni, sia dei lavoratori dipendenti che dei lavoratori autonomi, in quanto la legge non subordina tale iscrizione al requisito che l attività di collaborazione sia prevalente rispetto ad un'altra. Al contrario, la prevalenza e l abitualità dell attività viene imposta dalla legge per le iscrizioni alle gestioni degli artigiani, degli esercenti attività commercianti e dei coltivatori diretti, per cui in caso di doppia attività se il lavoro prevalente fosse quello di collaborazione, non potrebbe configurarsi l obbligo di iscrizione in una delle tre predette gestioni dei lavoratori autonomi.

27 In base a questi principi, dunque, ed applicandoli ai casi riguardanti i soci di Srl che sono legati a società per svolgere anche delle collaborazioni risulta che: il soggetto deve essere iscritto solo alla gestione separata se l attività specificamente commerciale non sia abituale e prevalente; il soggetto deve essere iscritto contestualmente alla gestione dei commercianti e alla Gestione separata se l attività commerciale abbia i caratteri della abitualità e prevalenza. Ovviamente il contributo dell una e dell altra gestione verrà applicato sulle relative quote di reddito.

28 Corte di Appello di Milano - 21/ , n. 68 Il socio amministratore di una S.r.l., che presti abitualmente attività commerciale nell ambito dell impresa, è tenuto all iscrizione alla gestione assicurativa dei commercianti, a nulla rilevando la simultanea iscrizione alla gestione separata ex L. 335/1995 per l attività di amministratore, che è obbligatoriamente dovuta e sottratta al giudizio di prevalenza di cui all art. 1 co. 208 L. 662/1996.

29 Tribunale di Verona 11.4/ , n. 154/03 Corte d Appello di Milano - 4/ , n. 693 Corte di Appello di Brescia 18.9/ , n. 262/03 Tribunale di Milano 6/ , n. 3411/02 Corte d Appello di Milano / n. 821 Corte d Appello di Milano / n. 821 Corte d Appello di Milano / n. 631 Tribunale di Milano - n. 117 /2002

30 Tribunale di Ravenna nn. 178 e 179 del 29 giugno 2004 Non vi è, infatti, incompatibilità tra le due iscrizioni posto che le stesse si riferiscono ad attività differenti essendo l una rivolta, almeno per ciò che riguarda gli a amministratori,ad una attività di gestione e di impulso correlata all esecuzione del contratto di società, ed essendo invece l altra rivolta alla concreta realizzazione dello scopo sociale ed al suo raggiungimento operativo.

31 L attività di amministratore è concettualmente distinta da quella di semplice attività lavorativa, inerendo la prima ( attività di amministrazione) ad una relazione di immedesimazione organica ( e comportando così una partecipazione ad una attività di gestione, oltre che l espletamento di una attività di impulso e di rappresentanza rivolta sia all esecuzione del contratto sociale sia al funzionamento dell organismo sociale) ed essendo invece la seconda ( semplice attività lavorativa) rivolta alla concreta realizzazione dello scopo sociale ed al suo raggiungimento operativo.

32 Una sporadica ingerenza nell attività di lavoro o uno sconfinamento dell attività amministrativa che non sia tale da integrare i predetti caratteri di abitualità di prevalenza non obbliga l iscrizione alla gestione speciale art/com.

33

34

35 Elenco attività commerciali Le attività che consentono l iscrizione alla Gestione commercianti sono: attività commerciali in senso proprio (legge 160/75 circ. Inps 29/84) attività turistiche (legge 217/83 circ. Inps 106/88) attività ausiliare del commercio (legge 217/83 circ. Inps 104/87) attività del terziario (legge 662/96 circ. Inps 25/97) attività di promozione finanziaria (legge 662/96 circ. Inps 17/97 e 39/97) attività di produttori assicurativi di 3 e 4 gruppo (legge 326/03 circ. Inps 12/04) attività di affittacamere (circ. Inps 110/95) attività stagionali (circ. Inps 147/07) agenti di spettacolo (circ. Inps 171/03) gestione immobili (circ. Inps 171/03) coadiutori di farmacia (circ. Inps 70/04) ostetriche (circ. Inps 272/90) preposti (circ. 171/03)

36 Soggetti esclusi soci delle società per azioni soci non lavoratori delle Srl soggetti che hanno delegato a terzi la conduzione dell impresa, conservando solo la titolarità della autorizzazione comunale soci accomandanti delle Sas; ; gli stessi possono essere assicurati come dipendenti o come coadiutori, in presenza dei requisiti prescritti (msg.. Inps del ) associati in partecipazione, in quanto non hanno la piena responsabilità dell azienda (circ. Inps 29/84) agenti di cambio mandatari di prodotti ittici Farmacisti (circ. Inps 249/81) ad eccezione dei coadiuvanti (circ. c. Inps 70/04) grossisti di prodotti ortofrutticoli non iscritti all albo di categoria c e al Registro imprese

37 I soci liquidatori di società in liquidazione. L'iscrizione alla Gestione commercio continuerà a permanere valida sia per i soci liquidatori e sia per gli altri soci che continuano a svolgere l'attività sociale rimanendo inalterato il principio dell'attività svolta con carattere dell'abitualità e della prevalenza, fino alla conclusione di tutte le operazioni di liquidazioni culminanti con la totale cessazione delle attività sociali e la cancellazione definitiva dal registro delle imprese (INPS circ. n. 12/2008).

38 Familiari preposti al punto vendita (Circolare n. 171/2003) a seguito dell entrata in vigore del Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, di riforma della disciplina del commercio, tutte le disposizioni concernenti il registro degli esercenti il commercio, ivi comprese le disposizioni relative all elenco speciale dei preposti, sono state abrogate, fatta eccezione per le attività di somministrazione di alimenti e bevande. L abrogazione delle disposizioni che disciplinavano l elenco speciale in argomento non ha fatto venir meno la figura del preposto al punto vendita, che continua ad essere, pertanto, soggetto all obbligo di iscrizione alla Gestione dei commercianti, qualora trattasi di familiare del titolare e debba escludersi la sussistenza di un rapporto di lavoro dipendente.

39 Società semplici che gestiscono immobili. (Circolare n. 171/2003) Qualora l attività esercitata travalichi i limiti del mero godimento degli immobili e si configuri quale più ampia attività ( ad esempio, prestazione di servizi a terzi ), organizzata in forma di impresa, deve ritenersi che il reddito prodotto sia da qualificare quale reddito d impresa, ex art.51, comma 2, lettera a) del TUIR e che i soggetti che l attività stessa svolgono, con i requisiti di legge, siano tenuti all iscrizione nella Gestione previdenziale dei commercianti.

40 Similmente si è in presenza di reddito di impresa e di attività commerciale, ai sensi dell art del codice civile, qualora l attività immobiliare comprenda, oltre alla gestione di immobili, anche attività di compravendita e/o di costruzione. In ogni caso bisogna tener presente che la costituzione di una società per la gestione di immobili può considerarsi, per se stessa, manifestazione della volontà dei soci di individuare un programma comune delle attività, in vista di un risultato ulteriore rispetto a quello derivante dal mero godimento del bene.

41 Agenti di spettacolo(circolare n. 171/2003) La figura dell agente di spettacolo si caratterizza dallo svolgimento di attività di rappresentanza, tutela ed assistenza e consulenza degli artisti, tramite stipulazione di clausole contrattuali, nella ricerca e selezione delle occasioni di lavoro nell interesse dell artista rappresentato. Si tratta di una nuova figura di agente, non ancora compiutamente disciplinata, priva di albo o ruolo, per la quale risulta, comunque, richiesta la licenza di cui all art. 115 del TULPS. Ai fini della tutela previdenziale di detta categoria si ritiene che gli agenti di spettacolo devono essere iscritti nella Gestione previdenziale dei commercianti, 1. sia ai sensi della legge, n. 160/1975, che comprende, tra i soggetti obbligati, i mediatori, i propagandisti ed i procacciatori d affari, 2. sia per effetto delle modifiche introdotte, in materia, dalla legge n. 662/1996 citata, considerato che detta attività di agente di spettacolo deve essere inquadrata nel settore terziario di cui al punto d), comma 1, dell art. 49 della legge n. 88/1989.

42 I produttori assicurativi (Circolare n. 12/2004) A decorrere dal l gennaio 2004 ai fini della tutela previdenziale questi soggetti sono iscritti all'assicurazione obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti degli esercenti attività commerciali. I produttori di assicurazione di terzo e quarto gruppo sono soggetti che operano nell ambito delle agenzie di assicurazione a supporto dell azione degli agenti e sub agenti di assicurazione, sulla base di una lettera di incarico dell agente principale. I produttori di terzo gruppo hanno l obbligo di lavorare esclusivamente per l agenzia dalla quale hanno ricevuto la lettera di incarico, per i rami dalla stessa esercitati e di acquisire un determinato minimo di produzione; i produttori del quarto gruppo sono produttori liberi di piazza o di zona senza l obbligo di lavorare esclusivamente per la stessa agenzia e non sono tenuti ad un determinato minimo di produzione.

43 Farmacisti circ. n. 12/2008 Sono esclusi dall'iscrizione alla Gestione commercio, i farmacisti abilitati all'esercizio della professione ed iscritti al relativo albo e all'enpaf, titolari dell'attività di distribuzione dei farmaci da banco, ovvero dei farmaci non soggetti all'obbligo di prescrizione medica ex art. 5, D.L. n. 223/2006. Gli stessi soggetti sono esclusi anche dall'iscrizione alla Gestione separata. Qualora, invece, il farmacista svolga attività in qualità di lavoratore dipendente, sarà soggetto all'obbligo di iscrizione al Fondo pensioni lavoratori dipendenti dell'inps

44 Familiari coadiutori dei farmacisti (Circolare n. 70/2004) Nelle farmacie che vendono anche prodotti diversi dai medicinali viene esercitata un attività commerciale alla quale si applica il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 (riforma del commercio), per espressa previsione contenuta nell art. 4; da detta attività conseguono redditi d impresa; tali redditi, inoltre, sono di norma attribuiti ai singoli coadiutori in qualità di partecipanti ad imprese familiari regolarmente e formalmente costituite, con conseguente, necessaria sussistenza del carattere dell abitualità e prevalenza dell attività esercitata.

45 In presenza di tutti i presupposti richiesti dalla legge per l obbligo assicurativo dei coadiutori familiari non può essere d ostacolo al riconoscimento del diritto all assicurazione dei lavoratori interessati la sola mancanza, in capo al farmacista titolare d impresa, dell obbligo di iscrizione alla Gestione dei commercianti, a causa del contemporaneo esercizio di attività professionale con iscrizione all Albo dei farmacisti e conseguente obbligo assicurativo nei confronti dell ENPAF. In altri termini deve ritenersi che la collaborazione prestata con carattere di abitualità e prevalenza nell ambito di un impresa familiare - che svolge, nel rispetto delle disposizioni vigenti, attività commerciale - debba necessariamente avere la sua tutela previdenziale, anche in assenza di una formale preposizione all attività da parte del titolare dell impresa, considerato che ogni diversa interpretazione sarebbe in contrasto con i principi generali dell ordinamento giuridico.

46 Conseguentemente, sempre che non sia configurabile un rapporto di lavoro dipendente, il farmacista deve essere iscritto alla Gestione quale titolare non attivo ed i familiari che collaborino all attività dell impresa con carattere di abitualità e prevalenza, come coadiutori, secondo le procedure in atto per i preposti all attività commerciale.

47 GESTORI DI STABILIMENTI BALNEARI (circ. n. 187/2003). In caso di stabilimenti consistenti in appositi edifici, dotati di strutture idonee ad accogliere e intrattenere la clientela, nei quali vengono svolte, con carattere di prevalenza, attività commerciali quali servizi di ristoro e somministrazione di alimenti e bevande, gestione e cessione in godimento temporaneo di cabine ed attrezzature varie, animazione, intrattenimento, custodia valori, sorveglianza bambini, offerta di ulteriori servizi commerciali (edicole, tabaccheria, ecc.), i gestori degli stessi devono essere inquadrati nel settore terziario. Nelle ipotesi nelle quali, viceversa, l'attività risulti consistere prevalentemente nella prestazione di servizi di assistenza, di sorveglianza, di salvataggio, di sistemazione, pulizia e riassetto della spiaggia e delle attrezzature, risultando lo svolgimento di eventuali servizi commerciali soltanto strumentale e accessorio, deve ritenersi legittimo l'inquadramento nel settore dell'artigianato

48 Guide turistiche In base all'art. 29, L. n. 160/1975, hanno l'obbligo di iscrizione alla Gestione assicurativa degli esercenti attività commerciali purché l'attività sia svolta con carattere di abitualità e prevalenza ed abbiano conseguito il titolo abilitante all'esercizio. Tuttavia, pur nel rispetto di tale disposizione, occorre distinguere se l'attività di guida turistica venga svolta in forma imprenditoriale ovvero con le caratteristiche dell'attività professionale, poiché, nel primo caso il titolare dovrà essere iscritto alla Gestione assicurativa commercianti, mentre nel secondo caso alla Gestione separata di cui all'art. 2, c. 26, L. n. 335/1995 (INPS circ. n. 12/2008).

49 INDENNIZZO PER LA CESSAZIONE DELL'ATTIVITÀ E prevista l'erogazione di un indennizzo in caso di cessazione definitiva dell'attività commerciale a favore dei soggetti che esercitano, in qualità di titolari o coadiutori, attività commerciale al minuto in sede fissa, anche abbinata ad attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, ovvero che esercitano attività commerciale su aree pubbliche (art. 1 D.Lgs. 207/1996). Tale beneficio, riconosciuto inizialmente in caso di cessazioni dell'attività avvenute entro il (co. 272, art. 1, L. 311/2004), è stato ripristinato ed esteso a coloro che maturano i requisiti previsti dal D.Lgs. 207/1996 nel periodo (art. 19-ter, L. 2/2009; INPS, circ. 50/2009). L'indennizzo viene erogato agli aventi diritto fino al momento della decorrenza del trattamento pensionistico di vecchiaia (co. 4, art. 19- ter, L. 2/2009).

50 Prestazioni accessorie e Riforma del diritto societario Oggi, a fronte della riforma societaria che ha espressamente mantenuto le prestazioni accessorie per la sola S.p.a. (art c.c.) mentre per la S.r.l. è stata riconosciuta ai soci la nuova facoltà di conferire prestazioni d opera o di servizi al capitale sociale (art c.c.) assistite da una fideiussione bancaria o da una polizza assicurativa, risulta evidente che l ipotesi di mantenere il contratto di prestazioni accessorie per qualificare e regolare l attività lavorativa del socio viene a perdere il proprio originario fondamento.

51 Per converso occorre tener presente che i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa sono stati integralmente modificati dalla Riforma del Mercato del lavoro ( Biagi ) secondo criteri che riconducono il rapporto ad un programma o progetto, secondo una durata determinata o determinabile In sostanza, l attività lavorativa svolta professionalmente dai soci (artigiani e commercianti) non può più costituire oggetto di un contratto specifico di prestazioni accessorie, in quanto tale separato dal contratto sociale, ma rientra direttamente nell oggetto del conferimento sociale e costituisce direttamente parte del contratto sociale (di cui all atto costitutivo).

52

53 REDDITO IMPONIBILE Per quanto concerne l'individuazione del reddito imponibile su cui calcolare i contributi, deve essere considerato non soltanto il reddito dell'attività che ha dato titolo all'iscrizione alla gestione autonoma degli artigiani o degli esercenti attività commerciali, ma il totale dei redditi di impresa al netto di perdite verificatesi nei periodi di imposta precedenti detratte dal reddito dell'anno, prodotti nel Per quanto riguarda i soci di società a responsabilità limitata, siano esse artigiane che commerciali, il reddito imponibile è costituito dalla parte del reddito di impresa della SRL corrispondente alla quota di partecipazione agli utili (INPS, circ , n. 79).

54

55 La Comunicazione Unica per l'avvio d'impresa L'art. 9 del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, convertito con modificazioni dalla Legge 2 aprile 2007, n. 40, ha introdotto una procedura semplificata per l'avvio dell'attività d'impresa. La norma prevede una comunicazione unica per tutti gli adempimenti connessi alla nascita dell'impresa. Le imprese o i loro intermediari devono assolvere, infatti, a diversi obblighi che riguardano l'agenzia delle Entrate, l'inail, l'inps e le Camere di commercio.

56 Legge n. 40 del 2 Aprile 2007 art. 9 Per via telematica Vale per R.I, Inps, Inail e A.E. Ricevuta C.U. dal R.I., il R.I. inoltra agli altri Enti

57 Gli adempimenti con la ComUnica Internet Trasmissione comunicazioni via PEC

58 Cosa fa il R.I. quando riceve la comunicazione? Oltre a dare notizia alle Amministrazioni competenti della comunicazione unica, rilascia contestualmente una ricevuta che consente di iniziare subito l attività imprenditoriale

59 Ricevuta di Accettazione ComUnica a disposizione dell Impresa TITOLO per avviare l attività

60 La comunicazione è flessibile, si adatta alle esigenze dell impresa Iscrizione Registro Imprese INPS Assunzione dipendenti Richiesta Codice Fiscale / IVA INAIL Copertura assicurativa Inizio Attività Registro Imprese

61 Comunicazione unica Nel nuovo modello di comunicazione il titolare e/o il socio deve compilare la sezione previdenziale relativa alla propria posizione e dichiarare lo svolgimento dell'attività nell'impresa in forma abituale e prevalente ovvero indicare la ricorrenza delle ipotesi che non comportano l'iscrizione alla gestione previdenziale. Parimenti deve dichiarare i propri coadiutori (parenti e affini entro il terzo grado) che svolgono l'attività lavorativa con i previsti requisiti di legge (INPS mess. n. 4226/2008).

62 L'art. 9, comma 9, del D.L. n. 7/2007 prevede, altresì, un periodo transitorio di sei mesi, sempre decorrente dal 1º ottobre 2009, durante il quale le imprese ed i loro intermediari hanno la facoltà di effettuare gli adempimenti con le modalità preesistenti. Pertanto, sino al 31 marzo 2010, per gli artigiani e i commercianti, continuano ad essere valide, ai fini dell'iscrizione agli enti previdenziali e del pagamento dei contributi dovuti agli stessi, le domande di iscrizione e annotazione nel registro delle imprese e nel REA (Repertorio economico amministrativo), come anche quelle di variazione e di cancellazione dell'impresa, presentate alle Camere di commercio ai sensi dell'art. 44, commi 8, 8-bis e 8-ter, del D.L. n. 269/2003.

63 Maxisanzione per lavoro nero Il Ministero del lavoro non ritiene imputabile al lavoratore autonomo, titolare di impresa individuale o socio di una società di persone o di capitali, regolarmente iscritta nel registro delle imprese, il fatto di non risultare assicurato all'inps, gestione artigiani e commercianti, per carenze organizzative della Camera di commercio o dell'istituto previdenziale. Pertanto, in tale ipotesi, non è applicabile la maxisanzione per lavoro nero, e, più in generale, alcuna sanzione amministrativa (ML nota n. 6690/2009).

64 Lavoro gratuito e lavoro oneroso Premessa Il lavoro tra familiari si presume a titolo gratuito Il lavoro subordinato tra estranei si presume a titolo oneroso Importanza di qualificare l esatta natura del lavoro se a titolo gratuito o oneroso Il lavoro gratuito utilizzato in luogo del rapporto subordinato è una forma di lavoro sommerso Il rapporto subordinato utilizzato in luogo della prestazione tra familiari è un illecito fiscale, per il risparmio fiscale non dovuto e un illecito previdenziale perché dà luogo a prestazioni sociali indebite ( es. maternità) e fa maturare un illegittimo diritto alla pensione

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI

COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI PREMESSA I contributi previdenziali da lavoro autonomo derivano dallo svolgimento dell attività di impresa

Dettagli

L'ASSICURAZIONE INPS PER GLI ARTIGIANI

L'ASSICURAZIONE INPS PER GLI ARTIGIANI L'ASSICURAZIONE INPS PER GLI ARTIGIANI L'assicurazione, nata nel 1956 contro la malattia, dal 1959 è obbligatoria anche per la pensione. Dalla stessa data è stata quindi istituita, presso l'inps, la gestione

Dettagli

IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA

IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA Il rapporto di lavoro Le implicazioni contributive Rapporto di lavoro Il socio prestatore d opera Il socio lavoratore Il socio amministratore della società Le collaborazioni

Dettagli

I contributi IVS 2013 di artigiani e commercianti

I contributi IVS 2013 di artigiani e commercianti Numero 35/2013 Pagina 1 di 9 I contributi IVS 2013 di artigiani e commercianti Numero : 35/2013 Gruppo : PREVIDENZA Oggetto : CONTRIBUTI 2013 ARTIGIANI E COMMERCIANTI Norme e prassi : CIRCOLARE INPS N.

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

IMPRESA FAMILIARE COMPONENTI DELL IMPRESA FAMILIARE

IMPRESA FAMILIARE COMPONENTI DELL IMPRESA FAMILIARE IMPRESA FAMILIARE L'impresa familiare è un istituto giuridico di recente creazione nell'ordinamento italiano, disciplinato dall'art. 230 bis del codice civile. Esso regola i rapporti che nascono in una

Dettagli

Tribunale di Milano - 8.11.2011 n. 5333 - D.ssa CUOMO - E.F. (Avv. Stucchi) INPS-SCCI S.p.a. (Avv. Guerra)

Tribunale di Milano - 8.11.2011 n. 5333 - D.ssa CUOMO - E.F. (Avv. Stucchi) INPS-SCCI S.p.a. (Avv. Guerra) Contributi - Socio s.r.l. - Obbligo doppia contribuzione - Procura generale institoria - Non eludibilità obblighi contributivi - Non esclusione della iscrizione nella gestione speciale commercianti. Tribunale

Dettagli

Circolare N. 27 del 19 Febbraio 2015

Circolare N. 27 del 19 Febbraio 2015 Circolare N. 27 del 19 Febbraio 2015 Definiti i contributi IVS 2015 di artigiani e commercianti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la circ. 4.2.2015 n. 26, l'inps ha comunicato

Dettagli

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 *

Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * Circolare n. 1/2010 del 3 marzo 2010 * SOCIO AMMINISTRATORE DI S.R.L. COMMERCIALE: GESTIONE COMMERCIANTI O GESTIONE SEPARATA? NO DELLA CORTE DI CASSAZIONE ALLA DUPLICE CONTRIBUZIONE INPS Con la sentenza

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Gestione Commercio Inps: disciplina e adempimenti contributivi

Il punto di pratica professionale. Gestione Commercio Inps: disciplina e adempimenti contributivi Il punto di pratica professionale Gestione Commercio Inps: disciplina e adempimenti contributivi a cura di Silvana Bertolazzi Esperta in materia previdenziale Artigiani, commercianti, coltivatori diretti

Dettagli

Soci, familiari coadiuvanti,amministr atori. Bastia Umbra, 27 Gennaio 2012 Dott. Roberto Vinciarelli

Soci, familiari coadiuvanti,amministr atori. Bastia Umbra, 27 Gennaio 2012 Dott. Roberto Vinciarelli Soci, familiari coadiuvanti,amministr atori Bastia Umbra, 27 Gennaio 2012 Dott. Roberto Vinciarelli -La Legge 443/85 e la Gestione speciale artigiani. Di - Roberto Vinciarelli Imprenditore artigiano-art

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 04/02/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 04/02/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 04/02/2015 Circolare n. 26 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

GESTIONE SEPARATA ENPAPI FAQ RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI DEI COMMITTENTI

GESTIONE SEPARATA ENPAPI FAQ RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI DEI COMMITTENTI GESTIONE SEPARATA ENPAPI FAQ RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI DEI COMMITTENTI Qual è l ambito di applicazione della nuova normativa previdenziale? A decorrere dal 1 gennaio 2012 sono iscritti alla Gestione

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/02/2015

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/02/2015 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/02/2015 Circolare n. 29 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014

Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014 Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014 Gestione separata, artigiani e commercianti. Le aliquote da applicare per il 2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione delle

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 03/02/2012

Direzione Centrale Entrate. Roma, 03/02/2012 Direzione Centrale Entrate Roma, 03/02/2012 Circolare n. 14 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti

Dettagli

Direzione Centrale Entrate

Direzione Centrale Entrate Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 18/05/2010 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti.

Nel rimanere a Vostra disposizione per eventuali chiarimenti, porgiamo i più distinti saluti. DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 28 febbraio 2013 Oggetto: Circolare n. 5/2013 del 28 febbraio

Dettagli

OGGETTO: Articolo 72 della legge 28 dicembre 2001, n. 448. Indennizzo per la cessazione definitiva dell attività commerciale.

OGGETTO: Articolo 72 della legge 28 dicembre 2001, n. 448. Indennizzo per la cessazione definitiva dell attività commerciale. DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI Roma, 21 gennaio 2002 Circolare n. 20 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Circolare 8 febbraio 2013, n.24 ed esercenti attività commerciali: contribuzione per l'anno 2013. Assicurazioni sociali - contributi

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 29/01/2016

Direzione Centrale Entrate. Roma, 29/01/2016 Direzione Centrale Entrate Roma, 29/01/2016 Circolare n. 15 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Previdenza (Gestione Dipendenti Pubblici) Coordinamento Generale Medico Legale Roma, 03/10/2013 Circolare n. 140 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

1. MISURA DEI CONTRIBUTI DOVUTI PER L ANNO 2005. 1.1 - Contribuzione I.V.S. sul minimale di reddito

1. MISURA DEI CONTRIBUTI DOVUTI PER L ANNO 2005. 1.1 - Contribuzione I.V.S. sul minimale di reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 25 Febbraio 2005 Circolare n. 36 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa.

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa. MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici; attivita dell impresa AVVERTENZE GENERALI Soggetti

Dettagli

Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio

Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio Ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio SOPPRESSIONE RUOLO - RECEPIMENTO DIRETTIVA SERVIZI Il decreto legislativo 26.03.2010 n. 59 (recepimento della "direttiva servizi" CE 123/06) ha soppresso

Dettagli

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa.

Ufficio competente alla ricezione del modulo E quello della sede legale dell impresa. MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici AVVERTENZE GENERALI Soggetti utilizzatori del

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA PAGHE N. 1 / 2013 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: PARTITE IVA FITTIZIE - INDICAZIONI MINISTERIALI Riferimenti Legislativi: Art. 69-bis D.Lgs. n. 276/2003, D.M. 20 dicembre 2012; Circolare

Dettagli

L attività lavorativa svolta nella società.

L attività lavorativa svolta nella società. L attività lavorativa svolta nella società. Lavoro prestato a favore delle società commerciali Si esaminerà di seguito entro quali limiti si rende compatibile la prestazione di attività lavorativa nell

Dettagli

Definizione della tipologia contrattuale

Definizione della tipologia contrattuale LE COLLABORAZIONI AUTONOME CON PARTITA IVA novità della riforma Fornero con particolare riguardo ai riflessi sull attività degli organi di vigilanza del Ministero del Lavoro a cura di Umberto Ranucci,

Dettagli

A/ ESTREMI DELLA DOMANDA/DENUNCIA

A/ ESTREMI DELLA DOMANDA/DENUNCIA MODULO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E., ed altri soggetti giuridici; attivita dell impresa AVVERTENZE GENERALI Soggetti

Dettagli

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi

News. Unione Artigiani Ciociari Frosinone. Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi News Unione Artigiani Ciociari Frosinone Agli associati e agli studi di consulenza del lavoro Loro sedi OGGETTO: violazioni in materia di apprendistato. Circolare Ministero del Lavoro. Con la circolare

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E ASSICURATIVI DA PARTE DELL IMPRENDITORE ARTIGIANO

GLI ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E ASSICURATIVI DA PARTE DELL IMPRENDITORE ARTIGIANO GLI ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E ASSICURATIVI DA PARTE DELL IMPRENDITORE ARTIGIANO di Claudio Venturi Sommario: 1. L iscrizione ai fini previdenziali (INPS). 1.1. Norme di carattere generale. 1.2. Le novità

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011. Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011. Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011 Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che

Dettagli

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it

80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Centro Studi Cafasso 80122 Napoli Viale A. Gramsci, 15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 1/2006 Napoli, 7 aprile 2006 A tutte le Aziende assistite Loro

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

Allegato alla denuncia di: Iscrizione Modificazione (1) Registro delle Imprese Albo imprese artigiane

Allegato alla denuncia di: Iscrizione Modificazione (1) Registro delle Imprese Albo imprese artigiane Denuncia inizio attività di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (L. 25/1/1994 n. 82; D.M. 7/7/1997 n. 274; DPR 14/12/1999 n.558) Allegato alla denuncia di: Iscrizione

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 93 19.05.2015 INPS-INARCASSA: iscrizione e obbligo contributivo Individuate le attività che sono attratte alla professione di

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato Cisq Cert n. 99.212 del 28.10.2009 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VERONA

UNI EN ISO 9001:2008 Certificato Cisq Cert n. 99.212 del 28.10.2009 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VERONA N. prot.: 17400/22.2 Uff. Registro delle Imprese Sigla: Rif: Data 22.06.2010 Spett.li ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO A tutti gli iscritti Loro

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi PARERE TECNICO GIURIDICO SUL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICAZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA AD UNA COOPERATIVA DI LAVORO E VALENZA DEI LIMITI DIMENSIONALI DOPO L EMANAZIONE DELLA LEGGE 14 FEBBRAIO 2003, N. 30

Dettagli

Regolamento Sanimpresa

Regolamento Sanimpresa Regolamento Sanimpresa Art.1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina il funzionamento della Cassa di Assistenza Sanitaria Integrativa (SANIMPRESA) costituita in favore dei dipendenti

Dettagli

Indennità di disoccupazione agricola

Indennità di disoccupazione agricola G.A.I.A. Project Consulting snc http://gaiaprojectconsulting.it Indennità di disoccupazione agricola Il 31 marzo 2016 è l ultimo giorno utile per i lavoratori del comparto agricolo per presentare la domanda

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi L I.N.P.S. DIPENDENTI

Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi L I.N.P.S. DIPENDENTI Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi A cura di Rag. Macrì Patrizia L I.N.P.S. DIPENDENTI PREMESSA L iscrizione presso l I.n.p.s. (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) si rende obbligatoria

Dettagli

LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014. A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto

LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014. A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto LAVORO ACCESSORIO Incontro Centro Studi 14/10/2014 A cura di Luca Furfaroe Monica Fogliatto Lavoro ACCESSORIO Le prestazioni di lavoro accessorio sono attività lavorative svolte senza l instaurazione di

Dettagli

L obbligo contributivo dei maestri di sci CASELLE DI SOMMACAMPAGNA (VR), 24 NOVEMBRE 2012

L obbligo contributivo dei maestri di sci CASELLE DI SOMMACAMPAGNA (VR), 24 NOVEMBRE 2012 L obbligo contributivo dei maestri di sci CASELLE DI SOMMACAMPAGNA (VR), 24 NOVEMBRE 2012 Legge 3 giugno 1975, n. 160, art. 29 Esercenti attività commerciali. L'art.1 della legge 27 novembre 1960, n. 1397,

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE

VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI FATTISPECIE DI INCOMPATIBILITA CON L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI COMMERCIALISTA E DI ESPERTO CONTABILE a cura del Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it COME FARE PER.. ITER BUROCRATICO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it . AVVIARE UN ATTIVITA ARTIGIANALE GUIDA PRATICA La normativa che definisce le caratteristiche

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E.

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. Avvertenze Generali Si raccomanda di indicare nell apposito spazio, in alto

Dettagli

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E.

MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. MODELLO S5 Inizio, modifica, cessazione di attività nella sede legale di società, ente pubblico economico, consorzio, G.E.I.E. Avvertenze Generali Si raccomanda di indicare nell apposito spazio, in alto

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

LE FORME SOCIETARIE 1

LE FORME SOCIETARIE 1 LE FORME SOCIETARIE 1 DITTA INDIVIDUALE. LA DITTA INDIVIDUALE È UNA DELLE FORME PIÙ SEMPLICI PER AVVIARE UN'ATTIVITÀ IN PROPRIO. SI DISTINGUE DALLA LIBERA PROFESSIONE PERCHÉ L'OGGETTO DEL LAVORO NON DERIVA

Dettagli

Aspetti fiscali del trust

Aspetti fiscali del trust Aspetti fiscali del trust CONCETTO GENERALE L ART. 1 CO. 74 DELLA L. N. 296/2006 HA INSERITO IL TRUST TRA GLI ENTI COMMERCIALI E NON COMMERCIALI NELL AMBITO DEI SOGGETTI CHE SCONTANO L IRES DI CUI ALL

Dettagli

SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015

SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015 Studio di Consulenza del Lavoro Paola dott.ssa Biondi Via Madonna della Neve 1 42026 Canossa RE SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015 LE ULTIME NOVITÀ Stabilità 2016: prime anticipazioni DDL di Stabilità 2016 del

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI Coltivatori diretti e Iap (Imprenditori agricoli professionali) pagano i contributi previdenziali in base alla fascia di reddito agrario in cui è inquadrata l

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

PARTITE IVA FITTIZIE

PARTITE IVA FITTIZIE PARTITE IVA FITTIZIE ART. 1 C. 26, L. 92/2012 IN G.U. N. 136 DEL 3 LUGLIO 2012 DALLA RIFORMA DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA FITTIZIE Con la pubblicazione in GU (n. 153 del 03/07/2012) della

Dettagli

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Riferimenti normativi - Raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, n. 2003/361/CE, relativa

Dettagli

OGGETTO : Tutela previdenziale dei giornalisti dipendenti di amministrazioni pubbliche.

OGGETTO : Tutela previdenziale dei giornalisti dipendenti di amministrazioni pubbliche. Roma, 9 febbraio 2004 istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Circolare n. 9 E p.c. AI DIRIGENTI GENERALI CENTRALI E COMPARTIMENTALI

Dettagli

RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE

RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONTRATTO A PROGETTO, PARTITE IVA DOPO LA RIFORMA FORNERO RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE avv. Antonella Lo Sinno 12 Marzo 2013 Ordine dei Commercialisti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88 /E

RISOLUZIONE N. 88 /E RISOLUZIONE N. 88 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 ottobre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Fatturazione e regime fiscale dei compensi da versare ai medici, dipendenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015

RISOLUZIONE N. 26/E. Roma, 6 marzo 2015 RISOLUZIONE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica applicabilità delle agevolazioni in materia di piccola proprietà contadina alle pertinenze dei terreni

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Convegno Fondazione Giuseppe Pera Lucca, 26 giugno 2015 Associato di diritto del lavoro Università di Pisa IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Il campo di applicazione del nuovo diritto

Dettagli

IL LAVORO AUTONOMO DEI CITTADINI EXTRACOMUNITARI IN ITALIA. GLI ADEMPIMENTI DI COMPETENZA DELLA CAMERA DI COMMERCIO

IL LAVORO AUTONOMO DEI CITTADINI EXTRACOMUNITARI IN ITALIA. GLI ADEMPIMENTI DI COMPETENZA DELLA CAMERA DI COMMERCIO IL LAVORO AUTONOMO DEI CITTADINI EXTRACOMUNITARI IN ITALIA. GLI ADEMPIMENTI DI COMPETENZA DELLA CAMERA DI COMMERCIO di Claudio Venturi Sommario: - 1. Normativa di riferimento. 2. Condizioni richieste per

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Roma, 31/03/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 61

Roma, 31/03/2011. e, per conoscenza, Circolare n. 61 Roma, 31/03/2011 Circolare n. 61 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore generale Medico legale

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI

Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LAVORO ACCESSORIO: REGOLE APPLICATIVE E ADEMPIMENTI CONTABILI La Manovra d estate 2008 (D.L. n.112/08, convertito in L. n.133/08) ha disciplinato la regolamentazione

Dettagli

Premessa. Direzione centrale delle Entrate contributive

Premessa. Direzione centrale delle Entrate contributive Direzione centrale delle Entrate contributive Roma, 30 Aprile 2008 Circolare n. 55 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande. Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008

Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande. Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 Prestazioni alberghiere e di somministrazione di alimenti e bevande Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 Circolare dell Agenzia delle Entrate n.53/e del 5 settembre 2008 OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Sezione seconda - Determinazione del contributo Determinazione del contributo DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO Per determinare il contributo dovuto per un determinato periodo d imposta l INPS deve fornire

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Gestione separata, artigiani ed esercenti attività commerciali: contribuzione per l anno 2012

Gestione separata, artigiani ed esercenti attività commerciali: contribuzione per l anno 2012 CIRCOLARE A.F. N. 20 del 10 Febbraio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata, artigiani ed esercenti attività commerciali: contribuzione per l anno 2012 Gentile cliente con la presente intendiamo

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI FRUIBILITÀ DELL AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA 1 1 NUOVO REGIME AGEVOLATO PER GLI AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della L. 23.12.2014 n. 190

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

Il libro unico del lavoro

Il libro unico del lavoro Il libro unico del lavoro Circolare n 01/2009 Gli articoli 39 e 40 della legge n. 133 del 6 agosto 2008 hanno introdotto un radicale cambiamento nella tenuta e nella gestione dei libri obbligatori di lavoro.

Dettagli