La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA)"

Transcript

1 PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, Caronno Pertusella (Va) Tel Fax Uffici in MILANO Via Santa Radegonda, 8 MM DUOMO CIRCOLARE SETTIMANALE GIUGNO N.3 informiamo che stiamo predisponendo una piccola raccolta di informazioni in merito all argomento di Basilea 2 di cui si e discusso in sede di convegno di sabato 11 giugno; forniremo un esempio concreto di come sia possibile sfruttare l obbligo di Basilea 2 per una pianificazione fiscale vantaggiosa. Lo Studio rimane comunque a completa disposizione per chiunque volesse avere ulteriori informazioni sull argomento trattato ed analizzare nel singolo caso concreto la propria pianificazione fiscale, oltre che predisporre una analisi degli indici di Basilea 2 o richiedere il Marchio di Certificazione Basilea 2. A breve vi verranno inoltre forniti ulteriori informazioni su riforma del lavoro, legge Biagi e somministrazione del lavoro La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA) INDICE Le principali scadenze - 20 Giugno Lunedì - 25 Giugno Sabato (termine di riferimento) Novità - di posta elettronica certificate - Ici e condono edilizio - Irap e agevolazioni in caso di nuove assunzioni - Tarsu-Tassa rifiuti solidi urbani

2 Notizie utili - Lavoro e previdenza - Collaborazioni occasionali - Domande per gli sgravi sulle assunzioni dei disabili - Imposte e tasse - Base imponibile per i soggetti non residenti - Adempimenti di natura contabile e societaria - Compensi all amministratore e termini di prescrizione - Imprescrittibilità dello status di socio e diritto alla percezione degli utili - Problematiche aziendali - Operazione di leasing d azienda - Siti Web e stabile organizzazione - Soggetti Ires-termini versamento diritti camerali Indici e dati di interesse generale - Prescrizioni delle dichiarazioni dei redditi LE PRINCIPALI SCADENZE 20 GIUGNO LUNEDÌ AGENTI DI CAMBIO, BANCHE, SIM E SOCIETÀ FIDUCIARIE-TASSA SUI CONTRATTI DI BORSA Pagamento, in modo virtuale, delle tasse liquidate sui contratti di trasferimento di titoli e valori posti in essere nel corso del mese precedente. ARTIGIANI E COMMERCIANTI Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte dei contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico tenuti all iscrizione nella gestione Inps artigiani e commercianti, della contribuzione sul reddito eccedente il minimale a titolo di saldo per l anno precedente e di primo acconto per l anno in corso, senza alcuna maggiorazione. AZIENDE DI SPEDIZIONE-AGENZIE MARITTIME-CONTRIBUZIONI Versamento per il tramite del Monte dei Paschi di Siena a favore del fondo di previdenza inerente ai contributi integrativi e associativi determinati in relazione alle retribuzioni corrisposte agli impiegati nel corso del mese precedente. CASAGIT - DENUNCIA E VERSAMENTO CONTRIBUTI I datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze giornalisti e praticanti giornalisti devono procedere ad eseguire il pagamento dei contributi relativi al mese precedente e alla contestuale presentazione della documentazione inerente alla denuncia mensile delle retribuzioni dei dipendenti. CONTRIBUTO AMBIENTALE-DICHIARAZIONI CONAI I produttori, gli importatori e gli utilizzatori di imballaggi, a norma del regolamento Conai, devono, entro la data in esame, procedere alla presentazione della dichiarazione periodica inerente al mese precedente, utilizzando l apposita modulistica, con il dettaglio evidenziante il numero e la data di protocollo delle bolle doganali e a liquidare il contributo ambientale prelevato o dovuto per il mese precedente, utilizzando il modello conforme. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLE PLUSVALENZE

3 Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, dell imposta sostitutiva sulle plusvalenze dovuta in relazione alla dichiarazione dei redditi-modello Unico, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLE PLUSVALENZE CONSEGUITE DOPO IL 1 LUGLIO 1998 Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, dell imposta sostitutiva sulle plusvalenze conseguite a partire dal 1 luglio 1998 dovuta in relazione alla dichiarazione dei redditi-modello Unico, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-PROVENTI SOTTOPOSTI A TASSAZIONE SEPARATA Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, dell acconto d imposta in misura pari al 20% dei redditi e dei proventi sottoposti a tassazione separate non soggetti alla ritenuta alla fonte a titolo di acconto, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-REGIME AGEVOLATO ATTIVITÀ MARGINALI Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico e che si avvalgono del regime agevolato delle attività marginali (regime cosiddetto forfettone ), dell imposta sostitutiva all Irpef dovuta in relazione all adempimento dichiarativo, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-REGIME AGEVOLATO NUOVE ATTIVITÀ Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico e che si avvalgono del regime agevolato delle nuove attività (regime cosiddetto forfettino ), dell imposta sostitutiva all Irpef dovuta in relazione all adempimento dichiarativo, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-SOMME DOVUTE Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi mod. Unico, delle somme dovute per Irpef e/o Irap a titolo di saldo per l anno precedente e di primo acconto per l anno in corso, senza alcuna maggiorazione. DIRITTI ANNUALI CAMERALI Pagamento, da parte dei soggetti iscritti alla Camera di commercio aventi periodo d imposta coincidente con l anno solare, del diritto annuale, senza alcuna maggiorazione. GESTIONE SEPARATA LAVORATORI AUTONOMI Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte dei contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico tenuti all iscrizione nell apposita gestione separata Inps lavoratori autonomi, della contribuzione a titolo di saldo per l anno precedente e di primo acconto per l anno in corso, senza alcuna maggiorazione. IMPOSTA SOSTITUTIVA DELLE IMPOSTE SULLE RISERVE E FONDI IN SOSPENSIONE D IMPOSTA Pagamento, senza alcuna maggiorazione, da parte delle persone fisiche, delle società di persone e dei soggetti equiparati, nonché da parte dei soggetti Ires che hanno deciso di affrancare le riserve e i fondi in sospensione d imposta esistenti nel bilancio o nel rendiconto dell esercizio in corso al 31 dicembre 2004, dell imposta sostituiva dovuta in relazione alla dichiarazione dei redditi mod. Unico, mediante versamento tramite azienda di credito convenzionata, concessionario della riscossione, ufficio postale abilitato o collegamento telematico on line al sito web dell Agenzia delle entrate, utilizzando il modello unificato (F24) ed evidenziando l appropriato codice tributo 1807-Imposta sostitutiva delle imposte sulle riserve e fondi in sospensione d imposta.

4 IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEI BENI ISCRITTI IN BILANCIO Pagamento, da parte dei contribuenti che hanno rivalutato i beni materiali e immateriali, nonché le partecipazioni in società controllate e collegate costituenti immobilizzazioni ai sensi della L. 342/2000 e della L. 350/2003, della seconda quota dell imposta sostituiva dovuta sull operazione di rivalutazione. INPGI-CONTRIBUZIONE GIORNALISTI I datori di lavoro dei giornalisti e dei praticanti giornalisti devono procedere al pagamento dei contributi previdenziali inerenti alle retribuzioni corrisposte nel corso del mese precedente e trasmettere la debita documentazione inerente alla denuncia mensile delle retribuzioni dei dipendenti. IVA-PERIODO D IMPOSTA PRECEDENTE Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, dell Iva inerente al precedente periodo d imposta risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese, per il periodo dal 16 marzo scorso alla data in esame. IVA-PERIODO D IMPOSTA PRECEDENTE-REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE ATTIVITÀ Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico e che si avvalgono del regime agevolato per le nuove attività (regime cosiddetto forfettino ), dell Iva inerente al precedente periodo d imposta risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese, per il periodo dal 16 marzo scorso alla data in esame. IVA-PERIODO D IMPOSTA PRECEDENTE-SOGGETTI IRES Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte dei soggetti Ires con periodo d imposta coincidente con l anno solare tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi mod. Unico e che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura, dell Iva inerente al precedente periodo d imposta risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese per il periodo a partire dal 16 marzo 2005 alla data in esame. MODELLI INTRASTAT Termine ultimo, ai sensi dell art. 1, comma 5, del D.P.R. 7 gennaio 1999, n. 10, per procedere alla presentazione diretta presso gli uffici doganali o tramite raccomandata o invio telematico, da parte degli operatori intracomunitari con obbligo mensile, degli elenchi Intrastat inerenti alle cessioni e/o alle acquisizioni poste in essere nel corso del mese precedente. SOGGETTI IRES-DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-SOMME DOVUTE Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte dei soggetti Ires (ex Irpeg) con periodo d imposta coincidente con l anno solare tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi mod. Unico e che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell esercizio sociale, delle somme dovute per Ires e/o Irap a titolo di saldo per l anno precedente e per Ires e/o Irap a titolo di primo acconto per l anno in corso, senza alcuna maggiorazione. SOSTITUTI D IMPOSTA MINORI Pagamento, da parte dei sostituti d imposta che durante l anno corrispondono soltanto compensi di lavoro autonomo a meno di quattro soggetti-percipienti ed effettuano ritenute alla fonte di entità inferiore a euro 1.032,91, delle ritenute sui redditi di lavoro autonomo, su provvigioni e su indennità di cessazione dei rapporti di agenzia e di collaborazione coordinata e continuativa, corrisposti nel corso del periodo d imposta precedente. STUDI DI SETTORE-ADEGUAMENTO IVA Pagamento, senza alcuna maggiorazione a titolo di interesse corrispettivo, da parte contribuenti interessati agli studi di settore, dell Iva inerente ai maggiori ricavi o compensi rilevati nella dichiarazione dei redditi e dell eventuale maggiorazione del 3% per effetto dell adeguamento spontaneo 25 GIUGNO SABATO (termine di riferimento)

5 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Termine per procedere alla presentazione della richiesta di integrazione salariale relativa alla sospensione o alla riduzione di attività lavorativa la cui prima settimana è scaduta nel corso del mese precedente. ENPAIA - DENUNCIA E VERSAMENTO CONTRIBUTI Le aziende agricole, per gli impiegati, devono procedere alla presentazione della denuncia delle retribuzioni effettive corrisposte nel mese precedente e al contestuale pagamento dei relativi contributi previdenziali. ENPALS-AZIENDE DEL SETTORE DELLO SPETTACOLO-DENUNCIA CONTRIBUTI MENSILE Le aziende-datori di lavoro del settore dello spettacolo devono procedere alla presentazione all Enpals tramite consegna o spedizione diretta della denuncia dei contributi inerenti al mese precedente (somme dovute e versate), utilizzando il mod. 031/R. ENPALS-AZIENDE DEL SETTORE SPORTIVO-DENUNCIA CONTRIBUTI MENSILE Le aziende-datori di lavoro del settore dello sport devono procedere alla presentazione all Enpals tramite consegna o spedizione diretta della denuncia dei contributi inerenti al mese precedente (somme dovute e versate), utilizzando il mod. 031/R-SP. ENPALS-REGOLARIZZAZIONI CONTRIBUTIVE E/O LEGALI Invio, da parte delle aziende interessate, del mod. 031/RC1, riferentesi ai versamenti posti in essere nel corso del mese precedente (tenere presenti, in ogni caso, i termini e le modalità previsti per porre in essere gli ordinari versamenti contributivi). MANODOPERA AGRICOLA-DENUNCIA TRIMESTRALE Termine utile per procedere alla presentazione della dichiarazione trimestrale (modello Dmag) della manodopera agricola per il primo trimestre (gennaio-febbraio-marzo) tramite sistema informatizzato. NOVITÀ DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATE Con il D.P.R. 11 febbraio 2005, n. 68, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 28 aprile 2005, sono state fissate le caratteristiche e le modalità di: - erogazione; e: - utilizzo dei servizi di trasmissione; di documenti tramite il sistema della posta elettronica certificata. Il nuovo sistema-meccanismo di certificazione delle , che necessariamente coinvolge: - il mittente; - il destinatario; e: - gestore del servizio; prevede l emissione di una ricevuta di accettazione e una di consegna del messaggio. In pratica, è stato previsto di attribuire all invio e alla ricezione di documenti informatici tramite posta elettronica, il medesimo valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento. ICI E CONDONO EDILIZIO Gli immobili sottoposti a condono edilizio devono risultare annotati nella dichiarazione Ici, in quanto le modalità procedurali prevedono che la medesima debba essere presentata ogni qualvolta accade un evento (compravendita, nuova costruzione, mutamento di destinazione d uso, evoluzione di un area da agricola a edificabile, ecc.) dal quale discende un mutamento della situazione del patrimonio immobiliare del contribuente rispetto a quella prospettata nell ultima dichiarazione presentata dal contribuente interessato. Ne deriva, di conseguenza, che se una o più unità immobiliari o uno o più fabbricati sono stati oggetto di

6 condono edilizio, le variazioni devono essere dichiarate innanzitutto perché, se la sanatoria determina: - l emersione di un nuovo fabbricato (cioè mai dichiarato in Catasto e per questo mai dichiarato ai fini fiscali); o: - l esistenza di un bene diverso da quello dichiarato in precedenza (per intervenuto mutamento dello stato d uso o per variata conformazione rispetto a quella risultante in Catasto); è necessario segnalare le modifiche che si sono verificate rispetto a quanto è stato precedentemente dichiarato. IRAP E AGEVOLAZIONI IN CASO DI NUOVE ASSUNZIONI Le assunzioni rilevanti, ai fini della deduzione dalla base imponibile Irap, sono quelle che risultano poste in essere in ciascuno dei periodi d imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre La deduzione spettante compete, in ogni caso, per ciascun periodo d imposta a partire da quello di assunzione e fino a quello in corso al 31 dicembre In relazione alle vigenti disposizioni, si pone in evidenza che possono beneficiare della deduzione solamente le nuove assunzioni che risultano attivate nel triennio , tenendo presente che per i lavoratori assunti nei periodi predetti, sarà possibile godere dell agevolazione fino al periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2008, mentre la medesima viene meno nell ipotesi in cui in uno dei periodi successivi al 2004, il numero dei lavoratori impiegati non risulti effettivamente incrementato rispetto all entità esistente nel TARSU-TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI I contribuenti sono tenuti al pagamento, per intero, della tassa rifiuti solidi urbani solo se ha la concreta possibilità di utilizzare il servizio. Al riguardo, infatti, la Corte di Cassazione, con la sentenza 23 marzo 2005, n. 6312, ha affermato che il contribuente è tenuto a corrispondere la tassa, indipendentemente dal fatto che utilizzi il servizio, purché ne abbia la possibilità. In pratica, per il sorgere dell obbligo all adempimento non è sufficiente la mera ubicazione dell immobile nel perimetro in cui è stato istituito il servizio, ma è indispensabile che il soggetto residente sia posto nella condizione di utilizzare il servizio. Infatti, il presupposto del tributo è l occupazione o la detenzione di locali e aree scoperte a qualsiasi uso adibiti. Specificamente, l art. 62 del D.Lgs. 507/1993 dispone che non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati o perché risultino in obiettive condizioni di inutilizzabilità nel corso dell anno, qualora tali circostanze siano indicate nella denuncia originaria o di variazione e/o debitamente riscontrate in base a elementi oggettivi direttamente rilevabili o in relazione a idonea documentazione. Pertanto, si devono considerare sottratti all imposizione solamente i locali e le aree che sono oggettivamente inutilizzabili, e, ovviamente, non quelli lasciati in concreto inutilizzati. Ne deriva, di conseguenza, che l eventuale decisione di un soggetto di non utilizzare l immobile non assume, a livello procedurale, alcuna rilevanza. In materia, si ritiene utile segnalare la sentenza 69/2005 della Commissione tributaria regionale del Lazio, con la quale è stato stabilito che il tributo in argomento non si rende dovuto per i garage adibiti a deposito di mobili. Secondo la Commissione infatti, la tassa non risulta applicabile se la presenza umana è sporadica. Tale posizione, pur in contrasto con recenti pronunce della Corte di Cassazione, che, come si è accennato, affermano il principio secondo cui la tassa è dovuta per la semplice occupazione o detenzione dell immobile, indipendentemente dal fatto che il contribuente non lo utilizzi, costituisce un precedente interpretativo da non trascurare.

7 NOTIZIE UTILI LAVORO & PREVIDENZA COLLABORAZIONI OCCASIONALI Ai sensi dell art. 61, comma 2, del D.Lgs. 276/2003, si devono considerare collaborazioni occasionali quelle che: - hanno una durata non superiore a trenta giorni; e: - compenso non superiore a euro 5.000,00; per ogni committente. Non è necessario, per il rapporto di collaborazione occasionale, individuare un apposito progetto o programma o fase, in quanto si tratta giuridicamente di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, in quanto è indispensabile che l attività venga posta in essere con il coordinamento del committente. Nella prassi corrente, infatti, il rapporto di lavoro occasionale viene anche definito come co.co.co. occasionale, in quanto, se nel corso del rapporto, i limiti temporali e/o reddituali predetti risultano superati, lo stesso può essere ricondotto nell ambito: - del lavoro a progetto; oppure: - ad una prestazione d opera (art del codice civile). Infatti, al riguardo, gli enti previdenziali hanno posto in evidenza che sono soggette a contribuzione le prestazioni occasionali, di durata inferiore a trenta giorni e per un compenso non superiore a 5.000,00 euro, in riferimento al medesimo committente, sempre che sia configurabile un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa di cui all art. 50, comma 1, lettera c-bis, del testo unico delle imposte sui redditi e non ci si trovi in presenza di un rapporto di lavoro autonomo di cui all art del codice civile. In pratica, la fattispecie in argomento non deve essere confusa con le cosiddette prestazioni occasionali di tipo accessorio (di cui agli art. 70 e seguenti del D.Lgs. 276/2003), che sono riservate a particolari categorie di soggetti. DOMANDE PER GLI SGRAVI SULLE ASSUNZIONI DEI DISABILI Entro il prossimo 30 giugno, i datori di lavoro interessati devono necessariamente procedere alla presentazione della richiesta per il riconoscimento della fiscalizzazione dei contributi previdenziali e assistenziali relativi ad ogni lavoratore disabile assunto. L agevolazione, sotto forma di riduzione dei contributi e premi Inps e Inail, può risultare: totale, per un massimo di otto anni, per lavoratori disabili che hanno una riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% o minorazioni ascritte dalla prima alla terza categoria delle tabelle annesse al D.P.R. 915/1978 o per i lavoratori con handicap intellettivo e psichico, indipendentemente dalle percentuali d invalidità, secondo i criteri stabiliti dalle regioni; del 50%, per un massimo di cinque anni, per i lavoratori disabili che hanno una riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67 e il 79% o minorazioni ascritte dalla quarta alla sesta categoria delle tabelle annesse al D.P.R. 915/1978. E opportuno e doveroso puntualizzare che i lavoratori disabili in argomento, devono risultare assunti in relazione ad un apposita convenzione stipulata dal datore di lavoro con il competente servizio per l impiego. IMPOSTE & TASSE BASE IMPONIBILE PER I SOGGETTI NON RESIDENTI Allo scopo di coordinare le disposizioni in materia di determinazione della base imponibile con le deduzioni per oneri di famiglia, il comma 349, lettera a), legge finanziaria per il 2005, ha modificato l art. 3 del testo unico delle imposte sui redditi, procedendo alla trasformazione del beneficio fiscale concesso in relazione alla situazione socio economica del nucleo familiare. Infatti, le vigenti deduzioni, previste anche in relazione alle spese sostenute per l assistenza di persone non autosufficienti, sono stabilite in misura teorica e devono essere determinate nel loro effettivo

8 ammontare sulla base di una formula analoga a quella dettata per l applicazione della no-tax area. Il reddito da assoggettare a tassazione, costituito: - per i soggetti residenti, dal reddito complessivo; e: - per i soggetti non residenti, dal reddito prodotto nel territorio dello Stato; deve essere assunto al netto, oltre che degli oneri deducibili di cui all art. 10 del testo unico delle imposte sui redditi e della deduzione per assicurare la progressività dell imposta di cui all art. 11 del medesimo testo unico, anche delle nuove deduzioni di cui al successivo art. 12. Tuttavia, in relazione ad una interpretazione logico-sistematica, si deve ritenere che le predette deduzioni non modifichino in maniera sostanziale le regole di tassazione previste per i soggetti non residenti: se, difatti, ai sensi dell art. 24 del testo unico delle imposte sui redditi, le detrazioni per oneri di famiglia disciplinate dal previgente art. 13 non erano riconosciute in riduzione dell imposta lorda dovuta dai soggetti non residenti, analogamente le vigenti deduzioni non devono operare in riduzione del reddito da assoggettare a tassazione nel territorio dello Stato. Pertanto, la previsione che esclude per i soggetti non residenti il beneficio delle detrazioni d imposta per carichi di famiglia, deve essere riferita, ai sensi del comma 351 della legge finanziaria citata, alle nuove deduzioni per oneri di famiglia, non essendo stata abrogata. Ne deriva, di conseguenza, che per i soggetti non residenti il reddito da assoggettare a tassazione deve essere assunto al netto: - dei soli oneri deducibili indicati dall art. 24 del testo unico delle imposte sui redditi; e: - della deduzione spettante per assicurare la progressività dell imposizione; ma non anche al netto della deduzione per oneri di famiglia. ADEMPIMENTI DI NATURA CONTABILE E SOCIETARIA COMPENSI ALL AMMINISTRATORE E TERMINI DI PRESCRIZIONE In relazione a quanto stabilito dall art del codice civile, i compensi spettanti ai membri del consiglio di amministrazione e del comitato esecutivo (a seconda del modello di governance adottato): - vengono stabiliti all atto della nomina; - possono essere costituiti, in tutto o in parte, da partecipazione agli utili o dall attribuzione del diritto di sottoscrivere a prezzo predeterminato azioni di futura emissione. Ai fini procedurali, l amministratore di una società di capitali ha diritto al compenso per l attività prestata, salvo che ne sia pattuita la gratuità, e, in mancanza di disposizione al riguardo nell atto costitutivo o nello statuto, lo stesso ha la possibilità di chiederne la determinazione al giudice, se la l assemblea dei soci non provvede in conformità, tenendo in considerazione che, in ogni caso, risulta operativo il termine di prescrizione quinquennale stabilito dall art. 2949, comma 1, del codice civile. IMPRESCRITTIBILITÀ DELLO STATUS DI SOCIO E DIRITTO ALLA PERCEZIONE DEGLI UTILI La costituzione di una società genera il cosiddetto rapporto di durata all interno del quale si concretizzano, nel tempo, una serie di obblighi e di diritti reciproci tra i soci. Detta regola si rende operativa sia nelle società che risultano iscritte nel Registro delle imprese, sia nelle società di fatto, fino a quando sussiste il comportamento concludente da parte dei soci. Lo status di socio, di per sè, non è soggetto ad un termine di prescrizione, in quanto lo stesso rappresenta e costituisce non un diritto a sé stante, ma una qualità giuridica che si pone a base del presupposto per il sorgere di una serie di diritti che derivano dai rapporti sociali. Solo detti diritti, ivi compreso quello della percezione degli utili di esercizio, possono costituire oggetto o base di riferimento per l individuazione di un termine di estinzione per maturata prescrizione, mentre fino a che la società di persone permane, la partecipazione (quota di capitale) inerente al singolo socio può trovare pratica estinzione solo ed esclusivamente per una delle cause espressamente previste dall art, 2284 e seguenti del codice civile, quali: - la morte; - il recesso; - o: l esclusione.

9 PROBLEMATICHE AZIENDALI OPERAZIONE DI LEASING D AZIENDA L Agenzia delle entrate, in una nota del 24 maggio 2005, ha preso in considerazione la disciplina tributaria, ai fini delle imposte dirette e indirette, del leasing d azienda. Con questo contratto, precisa la citata agenzia, un azienda viene acquistata da una società di leasing che poi la concede in locazione finanziaria alla società locatrice. Quest ultima corrisponde dei canoni periodici e alla scadenza del contratto ha la possibilità (e, quindi, non l obbligo) di esercitare il diritto di riscatto acquisendo in proprietà l azienda. Il canone di leasing che viene corrisposto a fronte di un contratto di leasing d azienda si deve necessariamente considerare deducibile, ai fini Ires ed Irap, se, ovviamente, risultano rispettate le seguenti condizioni: a) i beni appartenenti al ramo aziendale ceduto devono rientrare nell ambito dei cosiddetti beni fiscalmente ammortizzabili, come, a titolo meramente indicativo, l avviamento, gli immobili e/o le attrezzature; b) il contratto di leasing deve risultare stipulato per una durata non inferiore: - a otto anni, se nell azienda vi sono beni immobili; o, in loro assenza; - alla metà del periodo di ammortamento del bene, materiale o immateriale, che abbia il coefficiente di ammortamento più basso; tenendo, in ogni caso, in considerazione che se del ramo d azienda fanno parte anche beni non ammortizzabili (ad esempio: terreni), il canone deducibile deve necessariamente essere calcolato in misura proporzionale al rapporto fra il valore dei beni ammortizzabili e quello attribuito all intera azienda. Ai fini delle imposte indirette: - i canoni periodici relativi al leasing, devono essere assoggettati ad Iva con aliquota ordinaria; e: - l eventuale operazione di riscatto, si renderà dovuta l imposta di registro nella misura del 3% sul valore venale in comune commercio (e, quindi, non in relazione al prezzo di riscatto dell azienda). SITI WEB E STABILE ORGANIZZAZIONE In relazione alla definizione di stabile organizzazione introdotta all art. 162 del testo unico delle imposte sui redditi, il sito web non costituisce una stabile organizzazione, in quanto in riferimento ad esso non è riscontrabile il requisito: - della fissità spaziale ; e/o: - della stabilità in un determinato luogo per un periodo di tempo minimo. Il predetto requisito, invece, si deve ritenere presente nell ipotesi di web server, a meno che lo stesso non risulti utilizzato per attività ausiliarie. In particolare, secondo quanto stabilito dal comma 5, art. 162, del testo unico citato, non costituisce stabile organizzazione, in relazione al commercio elettronico, la disponibilità di elaboratori ed inerenti impianti ausiliari utilizzati per la raccolta e la trasmissione di dati e informazioni finalizzati alla vendita di beni e servizi. SOGGETTI IRES-TERMINI VERSAMENTO DIRITTI CAMERALI Il pagamento del diritto annuale camerale deve essere effettuato, in un unica soluzione, mediante versamento tramite: azienda di credito convenzionata; concessionario della riscossione; ufficio postale abilitato; utilizzando il modello unificato (F24) entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi e, quindi, per le imprese persone giuridiche (soggetti Ires):

10 - entro il giorno 20 del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta; con la possibilità, in ogni caso, di eseguire l adempimento: - nei successivi 30 giorni e, quindi, entro il giorno 20 del settimo mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta, con l applicazione della maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo, che deve risultare corrisposto unitamente al diritto con scritturazione in un unico rigo del modello predetto; tenendo presente che i soggetti che in base a disposizioni di legge approvano il bilancio oltre i termini al riguardo previsti, devono versare il diritto annuale: - entro il giorno 20 del mese successivo a quello di approvazione del bilancio; con la possibilità, in ogni caso, di eseguire l adempimento: - nei successivi 30 giorni, con l applicazione della maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo, che deve risultare corrisposto unitamente al diritto con scritturazione in un unico rigo del modello predetto; mentre l eventuale versamento posto in essere dopo la scadenza del termine previsto con la maggiorazione dello 0,40% comporta l applicazione della sanzione amministrativa. In pratica, nell ipotesi in cui una società di capitali chiuda l esercizio in una data diversa dal 31/12, il diritto annuale dovuto alle Camere di commercio deve essere corrisposto rispettando sempre il criterio generale della scadenza del primo acconto delle imposte, ai sensi dell art. 17 del D.P.R. 7 dicembre 2001, come sostituito dal D.L. 15 aprile 2002, n. 63, convertito in L. 15 giugno 2002, n. 112, il pagamento deve risultare posto in essere: per le società che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), il 20 del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta; per le società che in base a disposizione di legge approvano il bilancio oltre il termine di 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), il 20 del mese successivo a quello di approvazione del bilancio; per le società che in base a disposizione di legge approvano il bilancio oltre il termine di 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), nell ipotesi in cui il bilancio non risulta approvato entro il termine stabilito, il 20 del mese successivo a quello di scadenza del termine stesso; mentre: - per le società con esercizio prolungato o che al momento della costituzione risulta adottato un esercizio di durata superiore ai dodici mesi, il diritto camerale dovuto deve essere corrisposto al momento dell iscrizione, e l anno successivo - quando il primo esercizio ancora non risulta terminato - dovranno eseguire il pagamento per la classe minima di fatturato al momento dell esazione ordinaria. Da quanto accennato, si deduce che: 1) se la società di capitali (o il soggetto Ires) approva il bilancio nei termini ordinari, cioè entro i 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), il versamento dei diritti camerali deve risultare posto in essere: - entro il giorno 20 del sesto mese successivo a quello di chiusura dell esercizio o del periodo d imposta, senza alcuna maggiorazione, e, quindi:

11 versamento del diritto se il bilancio della società, approvato camerale entro il entro i 120 giorni (entro quattro mesi), si è chiuso alla fine del mese di 20 giugno 2005 dicembre luglio 2005 gennaio agosto 2005 febbraio settembre 2005 marzo ottobre 2005 aprile novembre 2005 maggio dicembre 2005 giugno gennaio 2006 luglio febbraio 2006 agosto marzo 2006 settembre aprile 2006 ottobre maggio 2006 novembre 2005 N.B.: detto termine deve anche essere rispettato dalle società di capitali e dai soggetti Ires che, in relazione al proprio statuto, non sono tenuti ad approvare il bilancio; oppure, in relazione all art. 17, comma 2, del D.P.R. 345/2001, sussiste la possibilità di effettuare l adempimento entro il trentesimo giorno successivo a quello di scadenza del termine ordinario predetto e, pertanto, il versamento può risultare effettuato: - entro il giorno 20 del settimo mese successivo a quello di chiusura dell esercizio o del periodo d imposta, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi, e, quindi: versamento del diritto camerale entro il se il bilancio della società, approvato entro i 120 giorni (entro quattro mesi), si è chiuso alla fine del mese di 20 luglio 2005 dicembre agosto 2005 gennaio settembre 2005 febbraio ottobre 2005 marzo novembre 2005 aprile dicembre 2005 maggio gennaio 2006 giugno febbraio 2006 luglio marzo 2006 agosto aprile 2006 settembre maggio 2006 ottobre giugno 2006 novembre 2005 N.B.: detto termine può anche essere utilizzato dalle società di capitali e dai soggetti Ires che, in relazione al proprio statuto, non sono tenuti ad approvare il bilancio. 2) se la società di capitali (o il soggetto Ires), in base a disposizione di legge, approva il bilancio oltre il termine di 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), il versamento dei diritti camerali deve risultare

12 posto in essere: - entro il giorno 20 del mese successivo a quello di approvazione del bilancio, senza alcuna maggiorazione, e, quindi: versamento del diritto se il bilancio della società risulta approvato camerale entro il nel corso del mese di 20 giugno 2005 maggio luglio 2005 giugno agosto 2005 luglio settembre 2005 agosto ottobre 2005 settembre novembre 2005 ottobre dicembre 2005 novembre gennaio 2006 dicembre febbraio 2006 gennaio marzo 2006 febbraio aprile 2006 marzo maggio 2006 aprile 2006 oppure, in relazione all art. 17, comma 2, del D.P.R. 345/2001, sussiste la possibilità di effettuare l adempimento entro il trentesimo giorno successivo a quello di scadenza del termine ordinario predetto e, pertanto, il versamento può risultare effettuato: - entro il giorno 20 del secondo mese successivo a quello di approvazione del bilancio, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi, e, quindi: versamento del diritto se il bilancio della società risulta approvato camerale entro il nel corso del mese di 20 luglio 2005 maggio agosto 2005 giugno settembre 2005 luglio ottobre 2005 agosto novembre 2005 settembre dicembre 2005 ottobre gennaio 2006 novembre febbraio 2006 dicembre marzo 2006 gennaio aprile 2006 febbraio maggio 2006 marzo giugno 2006 aprile ) nell ipotesi in cui il bilancio della società di capitali (o del soggetto Ires) che, in base a disposizione di legge, doveva approvare il bilancio oltre il termine di 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), non

13 risulta approvato entro il termine stabilito, il versamento dei diritti camerali deve risultare posto in essere: - entro il giorno 20 del mese successivo a quello entro cui si sarebbe dovuto approvare il bilancio, senza alcuna maggiorazione, e, quindi: versamento del diritto se il bilancio della società doveva essere approvato camerale entro il nel corso del mese di 20 giugno 2005 maggio luglio 2005 giugno agosto 2005 luglio settembre 2005 agosto ottobre 2005 settembre novembre 2005 ottobre dicembre 2005 novembre gennaio 2006 dicembre febbraio 2006 gennaio marzo 2006 febbraio aprile 2006 marzo maggio 2006 aprile 2006 oppure, in relazione all art. 17, comma 2, del D.P.R. 345/2001, sussiste la possibilità di effettuare l adempimento entro il trentesimo giorno successivo a quello di scadenza del termine ordinario predetto e, pertanto, il versamento può risultare effettuato: - entro il giorno 20 del secondo mese successivo a quello in cui doveva essere approvato il bilancio, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi, e, quindi: versamento del diritto se il bilancio della società doveva essere approvato camerale entro il nel corso del mese di 20 luglio 2005 maggio agosto 2005 giugno settembre 2005 luglio ottobre 2005 agosto novembre 2005 settembre dicembre 2005 ottobre gennaio 2006 novembre febbraio 2006 dicembre marzo 2006 gennaio aprile 2006 febbraio maggio 2006 marzo giugno 2006 aprile 2006 N.B.: ai fini operativi, in tutti i casi sussiste la possibilità di procedere all immediata compensazione con eventuali crediti vantati in relazione ad altri versamenti (tributi e/o contributi).

14 INDICI E DATI DI INTERESSE GENERALE PRESCRIZIONI DELLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI In relazione alle dichiarazioni dei redditi presentate dal 1 gennaio 1999, l avviso di accertamento deve essere notificato entro e non oltre il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui risulta presentata la dichiarazione, tenendo presente che: - in caso di omessa presentazione o di presentazione di dichiarazione considerata nulla, il termine predetto si allunga di un anno; - l art. 10 della L. 289/2002 e successive modificazioni e integrazioni (condono fiscale) ha prorogato di due anni i termini ordinari per i contribuenti che non si sono avvalsi delle previste disposizioni. In sintesi: per i contribuenti che non hanno aderito al condono fiscale Redditi Termini di decadenza per l accertamento nell ipotesi di dell anno dichiarazione presentata dichiarazione omessa dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre 2010 per i contribuenti che hanno aderito al condono fiscale Redditi Termini di decadenza per l accertamento nell ipotesi di dell anno dichiarazione presentata dichiarazione omessa dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre 2010

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli