La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA)"

Transcript

1 PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, Caronno Pertusella (Va) Tel Fax Uffici in MILANO Via Santa Radegonda, 8 MM DUOMO CIRCOLARE SETTIMANALE GIUGNO N.3 informiamo che stiamo predisponendo una piccola raccolta di informazioni in merito all argomento di Basilea 2 di cui si e discusso in sede di convegno di sabato 11 giugno; forniremo un esempio concreto di come sia possibile sfruttare l obbligo di Basilea 2 per una pianificazione fiscale vantaggiosa. Lo Studio rimane comunque a completa disposizione per chiunque volesse avere ulteriori informazioni sull argomento trattato ed analizzare nel singolo caso concreto la propria pianificazione fiscale, oltre che predisporre una analisi degli indici di Basilea 2 o richiedere il Marchio di Certificazione Basilea 2. A breve vi verranno inoltre forniti ulteriori informazioni su riforma del lavoro, legge Biagi e somministrazione del lavoro La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA) INDICE Le principali scadenze - 20 Giugno Lunedì - 25 Giugno Sabato (termine di riferimento) Novità - di posta elettronica certificate - Ici e condono edilizio - Irap e agevolazioni in caso di nuove assunzioni - Tarsu-Tassa rifiuti solidi urbani

2 Notizie utili - Lavoro e previdenza - Collaborazioni occasionali - Domande per gli sgravi sulle assunzioni dei disabili - Imposte e tasse - Base imponibile per i soggetti non residenti - Adempimenti di natura contabile e societaria - Compensi all amministratore e termini di prescrizione - Imprescrittibilità dello status di socio e diritto alla percezione degli utili - Problematiche aziendali - Operazione di leasing d azienda - Siti Web e stabile organizzazione - Soggetti Ires-termini versamento diritti camerali Indici e dati di interesse generale - Prescrizioni delle dichiarazioni dei redditi LE PRINCIPALI SCADENZE 20 GIUGNO LUNEDÌ AGENTI DI CAMBIO, BANCHE, SIM E SOCIETÀ FIDUCIARIE-TASSA SUI CONTRATTI DI BORSA Pagamento, in modo virtuale, delle tasse liquidate sui contratti di trasferimento di titoli e valori posti in essere nel corso del mese precedente. ARTIGIANI E COMMERCIANTI Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte dei contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico tenuti all iscrizione nella gestione Inps artigiani e commercianti, della contribuzione sul reddito eccedente il minimale a titolo di saldo per l anno precedente e di primo acconto per l anno in corso, senza alcuna maggiorazione. AZIENDE DI SPEDIZIONE-AGENZIE MARITTIME-CONTRIBUZIONI Versamento per il tramite del Monte dei Paschi di Siena a favore del fondo di previdenza inerente ai contributi integrativi e associativi determinati in relazione alle retribuzioni corrisposte agli impiegati nel corso del mese precedente. CASAGIT - DENUNCIA E VERSAMENTO CONTRIBUTI I datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze giornalisti e praticanti giornalisti devono procedere ad eseguire il pagamento dei contributi relativi al mese precedente e alla contestuale presentazione della documentazione inerente alla denuncia mensile delle retribuzioni dei dipendenti. CONTRIBUTO AMBIENTALE-DICHIARAZIONI CONAI I produttori, gli importatori e gli utilizzatori di imballaggi, a norma del regolamento Conai, devono, entro la data in esame, procedere alla presentazione della dichiarazione periodica inerente al mese precedente, utilizzando l apposita modulistica, con il dettaglio evidenziante il numero e la data di protocollo delle bolle doganali e a liquidare il contributo ambientale prelevato o dovuto per il mese precedente, utilizzando il modello conforme. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLE PLUSVALENZE

3 Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, dell imposta sostitutiva sulle plusvalenze dovuta in relazione alla dichiarazione dei redditi-modello Unico, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLE PLUSVALENZE CONSEGUITE DOPO IL 1 LUGLIO 1998 Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, dell imposta sostitutiva sulle plusvalenze conseguite a partire dal 1 luglio 1998 dovuta in relazione alla dichiarazione dei redditi-modello Unico, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-PROVENTI SOTTOPOSTI A TASSAZIONE SEPARATA Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, dell acconto d imposta in misura pari al 20% dei redditi e dei proventi sottoposti a tassazione separate non soggetti alla ritenuta alla fonte a titolo di acconto, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-REGIME AGEVOLATO ATTIVITÀ MARGINALI Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico e che si avvalgono del regime agevolato delle attività marginali (regime cosiddetto forfettone ), dell imposta sostitutiva all Irpef dovuta in relazione all adempimento dichiarativo, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-REGIME AGEVOLATO NUOVE ATTIVITÀ Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico e che si avvalgono del regime agevolato delle nuove attività (regime cosiddetto forfettino ), dell imposta sostitutiva all Irpef dovuta in relazione all adempimento dichiarativo, senza alcuna maggiorazione. DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-SOMME DOVUTE Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi mod. Unico, delle somme dovute per Irpef e/o Irap a titolo di saldo per l anno precedente e di primo acconto per l anno in corso, senza alcuna maggiorazione. DIRITTI ANNUALI CAMERALI Pagamento, da parte dei soggetti iscritti alla Camera di commercio aventi periodo d imposta coincidente con l anno solare, del diritto annuale, senza alcuna maggiorazione. GESTIONE SEPARATA LAVORATORI AUTONOMI Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte dei contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico tenuti all iscrizione nell apposita gestione separata Inps lavoratori autonomi, della contribuzione a titolo di saldo per l anno precedente e di primo acconto per l anno in corso, senza alcuna maggiorazione. IMPOSTA SOSTITUTIVA DELLE IMPOSTE SULLE RISERVE E FONDI IN SOSPENSIONE D IMPOSTA Pagamento, senza alcuna maggiorazione, da parte delle persone fisiche, delle società di persone e dei soggetti equiparati, nonché da parte dei soggetti Ires che hanno deciso di affrancare le riserve e i fondi in sospensione d imposta esistenti nel bilancio o nel rendiconto dell esercizio in corso al 31 dicembre 2004, dell imposta sostituiva dovuta in relazione alla dichiarazione dei redditi mod. Unico, mediante versamento tramite azienda di credito convenzionata, concessionario della riscossione, ufficio postale abilitato o collegamento telematico on line al sito web dell Agenzia delle entrate, utilizzando il modello unificato (F24) ed evidenziando l appropriato codice tributo 1807-Imposta sostitutiva delle imposte sulle riserve e fondi in sospensione d imposta.

4 IMPOSTA SOSTITUTIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEI BENI ISCRITTI IN BILANCIO Pagamento, da parte dei contribuenti che hanno rivalutato i beni materiali e immateriali, nonché le partecipazioni in società controllate e collegate costituenti immobilizzazioni ai sensi della L. 342/2000 e della L. 350/2003, della seconda quota dell imposta sostituiva dovuta sull operazione di rivalutazione. INPGI-CONTRIBUZIONE GIORNALISTI I datori di lavoro dei giornalisti e dei praticanti giornalisti devono procedere al pagamento dei contributi previdenziali inerenti alle retribuzioni corrisposte nel corso del mese precedente e trasmettere la debita documentazione inerente alla denuncia mensile delle retribuzioni dei dipendenti. IVA-PERIODO D IMPOSTA PRECEDENTE Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche, delle società semplici, delle società di persone e soggetti equiparati, dell Iva inerente al precedente periodo d imposta risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese, per il periodo dal 16 marzo scorso alla data in esame. IVA-PERIODO D IMPOSTA PRECEDENTE-REGIME AGEVOLATO PER LE NUOVE ATTIVITÀ Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte delle persone fisiche che presentano la dichiarazione dei redditi mod. Unico e che si avvalgono del regime agevolato per le nuove attività (regime cosiddetto forfettino ), dell Iva inerente al precedente periodo d imposta risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese, per il periodo dal 16 marzo scorso alla data in esame. IVA-PERIODO D IMPOSTA PRECEDENTE-SOGGETTI IRES Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte dei soggetti Ires con periodo d imposta coincidente con l anno solare tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi mod. Unico e che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura, dell Iva inerente al precedente periodo d imposta risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese per il periodo a partire dal 16 marzo 2005 alla data in esame. MODELLI INTRASTAT Termine ultimo, ai sensi dell art. 1, comma 5, del D.P.R. 7 gennaio 1999, n. 10, per procedere alla presentazione diretta presso gli uffici doganali o tramite raccomandata o invio telematico, da parte degli operatori intracomunitari con obbligo mensile, degli elenchi Intrastat inerenti alle cessioni e/o alle acquisizioni poste in essere nel corso del mese precedente. SOGGETTI IRES-DICHIARAZIONE DEI REDDITI-MODELLO UNICO-SOMME DOVUTE Pagamento in unica soluzione o della prima rata, da parte dei soggetti Ires (ex Irpeg) con periodo d imposta coincidente con l anno solare tenuti alla presentazione della dichiarazione dei redditi mod. Unico e che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell esercizio sociale, delle somme dovute per Ires e/o Irap a titolo di saldo per l anno precedente e per Ires e/o Irap a titolo di primo acconto per l anno in corso, senza alcuna maggiorazione. SOSTITUTI D IMPOSTA MINORI Pagamento, da parte dei sostituti d imposta che durante l anno corrispondono soltanto compensi di lavoro autonomo a meno di quattro soggetti-percipienti ed effettuano ritenute alla fonte di entità inferiore a euro 1.032,91, delle ritenute sui redditi di lavoro autonomo, su provvigioni e su indennità di cessazione dei rapporti di agenzia e di collaborazione coordinata e continuativa, corrisposti nel corso del periodo d imposta precedente. STUDI DI SETTORE-ADEGUAMENTO IVA Pagamento, senza alcuna maggiorazione a titolo di interesse corrispettivo, da parte contribuenti interessati agli studi di settore, dell Iva inerente ai maggiori ricavi o compensi rilevati nella dichiarazione dei redditi e dell eventuale maggiorazione del 3% per effetto dell adeguamento spontaneo 25 GIUGNO SABATO (termine di riferimento)

5 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Termine per procedere alla presentazione della richiesta di integrazione salariale relativa alla sospensione o alla riduzione di attività lavorativa la cui prima settimana è scaduta nel corso del mese precedente. ENPAIA - DENUNCIA E VERSAMENTO CONTRIBUTI Le aziende agricole, per gli impiegati, devono procedere alla presentazione della denuncia delle retribuzioni effettive corrisposte nel mese precedente e al contestuale pagamento dei relativi contributi previdenziali. ENPALS-AZIENDE DEL SETTORE DELLO SPETTACOLO-DENUNCIA CONTRIBUTI MENSILE Le aziende-datori di lavoro del settore dello spettacolo devono procedere alla presentazione all Enpals tramite consegna o spedizione diretta della denuncia dei contributi inerenti al mese precedente (somme dovute e versate), utilizzando il mod. 031/R. ENPALS-AZIENDE DEL SETTORE SPORTIVO-DENUNCIA CONTRIBUTI MENSILE Le aziende-datori di lavoro del settore dello sport devono procedere alla presentazione all Enpals tramite consegna o spedizione diretta della denuncia dei contributi inerenti al mese precedente (somme dovute e versate), utilizzando il mod. 031/R-SP. ENPALS-REGOLARIZZAZIONI CONTRIBUTIVE E/O LEGALI Invio, da parte delle aziende interessate, del mod. 031/RC1, riferentesi ai versamenti posti in essere nel corso del mese precedente (tenere presenti, in ogni caso, i termini e le modalità previsti per porre in essere gli ordinari versamenti contributivi). MANODOPERA AGRICOLA-DENUNCIA TRIMESTRALE Termine utile per procedere alla presentazione della dichiarazione trimestrale (modello Dmag) della manodopera agricola per il primo trimestre (gennaio-febbraio-marzo) tramite sistema informatizzato. NOVITÀ DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATE Con il D.P.R. 11 febbraio 2005, n. 68, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 97 del 28 aprile 2005, sono state fissate le caratteristiche e le modalità di: - erogazione; e: - utilizzo dei servizi di trasmissione; di documenti tramite il sistema della posta elettronica certificata. Il nuovo sistema-meccanismo di certificazione delle , che necessariamente coinvolge: - il mittente; - il destinatario; e: - gestore del servizio; prevede l emissione di una ricevuta di accettazione e una di consegna del messaggio. In pratica, è stato previsto di attribuire all invio e alla ricezione di documenti informatici tramite posta elettronica, il medesimo valore legale di una raccomandata con avviso di ricevimento. ICI E CONDONO EDILIZIO Gli immobili sottoposti a condono edilizio devono risultare annotati nella dichiarazione Ici, in quanto le modalità procedurali prevedono che la medesima debba essere presentata ogni qualvolta accade un evento (compravendita, nuova costruzione, mutamento di destinazione d uso, evoluzione di un area da agricola a edificabile, ecc.) dal quale discende un mutamento della situazione del patrimonio immobiliare del contribuente rispetto a quella prospettata nell ultima dichiarazione presentata dal contribuente interessato. Ne deriva, di conseguenza, che se una o più unità immobiliari o uno o più fabbricati sono stati oggetto di

6 condono edilizio, le variazioni devono essere dichiarate innanzitutto perché, se la sanatoria determina: - l emersione di un nuovo fabbricato (cioè mai dichiarato in Catasto e per questo mai dichiarato ai fini fiscali); o: - l esistenza di un bene diverso da quello dichiarato in precedenza (per intervenuto mutamento dello stato d uso o per variata conformazione rispetto a quella risultante in Catasto); è necessario segnalare le modifiche che si sono verificate rispetto a quanto è stato precedentemente dichiarato. IRAP E AGEVOLAZIONI IN CASO DI NUOVE ASSUNZIONI Le assunzioni rilevanti, ai fini della deduzione dalla base imponibile Irap, sono quelle che risultano poste in essere in ciascuno dei periodi d imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre La deduzione spettante compete, in ogni caso, per ciascun periodo d imposta a partire da quello di assunzione e fino a quello in corso al 31 dicembre In relazione alle vigenti disposizioni, si pone in evidenza che possono beneficiare della deduzione solamente le nuove assunzioni che risultano attivate nel triennio , tenendo presente che per i lavoratori assunti nei periodi predetti, sarà possibile godere dell agevolazione fino al periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2008, mentre la medesima viene meno nell ipotesi in cui in uno dei periodi successivi al 2004, il numero dei lavoratori impiegati non risulti effettivamente incrementato rispetto all entità esistente nel TARSU-TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI I contribuenti sono tenuti al pagamento, per intero, della tassa rifiuti solidi urbani solo se ha la concreta possibilità di utilizzare il servizio. Al riguardo, infatti, la Corte di Cassazione, con la sentenza 23 marzo 2005, n. 6312, ha affermato che il contribuente è tenuto a corrispondere la tassa, indipendentemente dal fatto che utilizzi il servizio, purché ne abbia la possibilità. In pratica, per il sorgere dell obbligo all adempimento non è sufficiente la mera ubicazione dell immobile nel perimetro in cui è stato istituito il servizio, ma è indispensabile che il soggetto residente sia posto nella condizione di utilizzare il servizio. Infatti, il presupposto del tributo è l occupazione o la detenzione di locali e aree scoperte a qualsiasi uso adibiti. Specificamente, l art. 62 del D.Lgs. 507/1993 dispone che non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti o per la loro natura o per il particolare uso cui sono stabilmente destinati o perché risultino in obiettive condizioni di inutilizzabilità nel corso dell anno, qualora tali circostanze siano indicate nella denuncia originaria o di variazione e/o debitamente riscontrate in base a elementi oggettivi direttamente rilevabili o in relazione a idonea documentazione. Pertanto, si devono considerare sottratti all imposizione solamente i locali e le aree che sono oggettivamente inutilizzabili, e, ovviamente, non quelli lasciati in concreto inutilizzati. Ne deriva, di conseguenza, che l eventuale decisione di un soggetto di non utilizzare l immobile non assume, a livello procedurale, alcuna rilevanza. In materia, si ritiene utile segnalare la sentenza 69/2005 della Commissione tributaria regionale del Lazio, con la quale è stato stabilito che il tributo in argomento non si rende dovuto per i garage adibiti a deposito di mobili. Secondo la Commissione infatti, la tassa non risulta applicabile se la presenza umana è sporadica. Tale posizione, pur in contrasto con recenti pronunce della Corte di Cassazione, che, come si è accennato, affermano il principio secondo cui la tassa è dovuta per la semplice occupazione o detenzione dell immobile, indipendentemente dal fatto che il contribuente non lo utilizzi, costituisce un precedente interpretativo da non trascurare.

7 NOTIZIE UTILI LAVORO & PREVIDENZA COLLABORAZIONI OCCASIONALI Ai sensi dell art. 61, comma 2, del D.Lgs. 276/2003, si devono considerare collaborazioni occasionali quelle che: - hanno una durata non superiore a trenta giorni; e: - compenso non superiore a euro 5.000,00; per ogni committente. Non è necessario, per il rapporto di collaborazione occasionale, individuare un apposito progetto o programma o fase, in quanto si tratta giuridicamente di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, in quanto è indispensabile che l attività venga posta in essere con il coordinamento del committente. Nella prassi corrente, infatti, il rapporto di lavoro occasionale viene anche definito come co.co.co. occasionale, in quanto, se nel corso del rapporto, i limiti temporali e/o reddituali predetti risultano superati, lo stesso può essere ricondotto nell ambito: - del lavoro a progetto; oppure: - ad una prestazione d opera (art del codice civile). Infatti, al riguardo, gli enti previdenziali hanno posto in evidenza che sono soggette a contribuzione le prestazioni occasionali, di durata inferiore a trenta giorni e per un compenso non superiore a 5.000,00 euro, in riferimento al medesimo committente, sempre che sia configurabile un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa di cui all art. 50, comma 1, lettera c-bis, del testo unico delle imposte sui redditi e non ci si trovi in presenza di un rapporto di lavoro autonomo di cui all art del codice civile. In pratica, la fattispecie in argomento non deve essere confusa con le cosiddette prestazioni occasionali di tipo accessorio (di cui agli art. 70 e seguenti del D.Lgs. 276/2003), che sono riservate a particolari categorie di soggetti. DOMANDE PER GLI SGRAVI SULLE ASSUNZIONI DEI DISABILI Entro il prossimo 30 giugno, i datori di lavoro interessati devono necessariamente procedere alla presentazione della richiesta per il riconoscimento della fiscalizzazione dei contributi previdenziali e assistenziali relativi ad ogni lavoratore disabile assunto. L agevolazione, sotto forma di riduzione dei contributi e premi Inps e Inail, può risultare: totale, per un massimo di otto anni, per lavoratori disabili che hanno una riduzione della capacità lavorativa superiore al 79% o minorazioni ascritte dalla prima alla terza categoria delle tabelle annesse al D.P.R. 915/1978 o per i lavoratori con handicap intellettivo e psichico, indipendentemente dalle percentuali d invalidità, secondo i criteri stabiliti dalle regioni; del 50%, per un massimo di cinque anni, per i lavoratori disabili che hanno una riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67 e il 79% o minorazioni ascritte dalla quarta alla sesta categoria delle tabelle annesse al D.P.R. 915/1978. E opportuno e doveroso puntualizzare che i lavoratori disabili in argomento, devono risultare assunti in relazione ad un apposita convenzione stipulata dal datore di lavoro con il competente servizio per l impiego. IMPOSTE & TASSE BASE IMPONIBILE PER I SOGGETTI NON RESIDENTI Allo scopo di coordinare le disposizioni in materia di determinazione della base imponibile con le deduzioni per oneri di famiglia, il comma 349, lettera a), legge finanziaria per il 2005, ha modificato l art. 3 del testo unico delle imposte sui redditi, procedendo alla trasformazione del beneficio fiscale concesso in relazione alla situazione socio economica del nucleo familiare. Infatti, le vigenti deduzioni, previste anche in relazione alle spese sostenute per l assistenza di persone non autosufficienti, sono stabilite in misura teorica e devono essere determinate nel loro effettivo

8 ammontare sulla base di una formula analoga a quella dettata per l applicazione della no-tax area. Il reddito da assoggettare a tassazione, costituito: - per i soggetti residenti, dal reddito complessivo; e: - per i soggetti non residenti, dal reddito prodotto nel territorio dello Stato; deve essere assunto al netto, oltre che degli oneri deducibili di cui all art. 10 del testo unico delle imposte sui redditi e della deduzione per assicurare la progressività dell imposta di cui all art. 11 del medesimo testo unico, anche delle nuove deduzioni di cui al successivo art. 12. Tuttavia, in relazione ad una interpretazione logico-sistematica, si deve ritenere che le predette deduzioni non modifichino in maniera sostanziale le regole di tassazione previste per i soggetti non residenti: se, difatti, ai sensi dell art. 24 del testo unico delle imposte sui redditi, le detrazioni per oneri di famiglia disciplinate dal previgente art. 13 non erano riconosciute in riduzione dell imposta lorda dovuta dai soggetti non residenti, analogamente le vigenti deduzioni non devono operare in riduzione del reddito da assoggettare a tassazione nel territorio dello Stato. Pertanto, la previsione che esclude per i soggetti non residenti il beneficio delle detrazioni d imposta per carichi di famiglia, deve essere riferita, ai sensi del comma 351 della legge finanziaria citata, alle nuove deduzioni per oneri di famiglia, non essendo stata abrogata. Ne deriva, di conseguenza, che per i soggetti non residenti il reddito da assoggettare a tassazione deve essere assunto al netto: - dei soli oneri deducibili indicati dall art. 24 del testo unico delle imposte sui redditi; e: - della deduzione spettante per assicurare la progressività dell imposizione; ma non anche al netto della deduzione per oneri di famiglia. ADEMPIMENTI DI NATURA CONTABILE E SOCIETARIA COMPENSI ALL AMMINISTRATORE E TERMINI DI PRESCRIZIONE In relazione a quanto stabilito dall art del codice civile, i compensi spettanti ai membri del consiglio di amministrazione e del comitato esecutivo (a seconda del modello di governance adottato): - vengono stabiliti all atto della nomina; - possono essere costituiti, in tutto o in parte, da partecipazione agli utili o dall attribuzione del diritto di sottoscrivere a prezzo predeterminato azioni di futura emissione. Ai fini procedurali, l amministratore di una società di capitali ha diritto al compenso per l attività prestata, salvo che ne sia pattuita la gratuità, e, in mancanza di disposizione al riguardo nell atto costitutivo o nello statuto, lo stesso ha la possibilità di chiederne la determinazione al giudice, se la l assemblea dei soci non provvede in conformità, tenendo in considerazione che, in ogni caso, risulta operativo il termine di prescrizione quinquennale stabilito dall art. 2949, comma 1, del codice civile. IMPRESCRITTIBILITÀ DELLO STATUS DI SOCIO E DIRITTO ALLA PERCEZIONE DEGLI UTILI La costituzione di una società genera il cosiddetto rapporto di durata all interno del quale si concretizzano, nel tempo, una serie di obblighi e di diritti reciproci tra i soci. Detta regola si rende operativa sia nelle società che risultano iscritte nel Registro delle imprese, sia nelle società di fatto, fino a quando sussiste il comportamento concludente da parte dei soci. Lo status di socio, di per sè, non è soggetto ad un termine di prescrizione, in quanto lo stesso rappresenta e costituisce non un diritto a sé stante, ma una qualità giuridica che si pone a base del presupposto per il sorgere di una serie di diritti che derivano dai rapporti sociali. Solo detti diritti, ivi compreso quello della percezione degli utili di esercizio, possono costituire oggetto o base di riferimento per l individuazione di un termine di estinzione per maturata prescrizione, mentre fino a che la società di persone permane, la partecipazione (quota di capitale) inerente al singolo socio può trovare pratica estinzione solo ed esclusivamente per una delle cause espressamente previste dall art, 2284 e seguenti del codice civile, quali: - la morte; - il recesso; - o: l esclusione.

9 PROBLEMATICHE AZIENDALI OPERAZIONE DI LEASING D AZIENDA L Agenzia delle entrate, in una nota del 24 maggio 2005, ha preso in considerazione la disciplina tributaria, ai fini delle imposte dirette e indirette, del leasing d azienda. Con questo contratto, precisa la citata agenzia, un azienda viene acquistata da una società di leasing che poi la concede in locazione finanziaria alla società locatrice. Quest ultima corrisponde dei canoni periodici e alla scadenza del contratto ha la possibilità (e, quindi, non l obbligo) di esercitare il diritto di riscatto acquisendo in proprietà l azienda. Il canone di leasing che viene corrisposto a fronte di un contratto di leasing d azienda si deve necessariamente considerare deducibile, ai fini Ires ed Irap, se, ovviamente, risultano rispettate le seguenti condizioni: a) i beni appartenenti al ramo aziendale ceduto devono rientrare nell ambito dei cosiddetti beni fiscalmente ammortizzabili, come, a titolo meramente indicativo, l avviamento, gli immobili e/o le attrezzature; b) il contratto di leasing deve risultare stipulato per una durata non inferiore: - a otto anni, se nell azienda vi sono beni immobili; o, in loro assenza; - alla metà del periodo di ammortamento del bene, materiale o immateriale, che abbia il coefficiente di ammortamento più basso; tenendo, in ogni caso, in considerazione che se del ramo d azienda fanno parte anche beni non ammortizzabili (ad esempio: terreni), il canone deducibile deve necessariamente essere calcolato in misura proporzionale al rapporto fra il valore dei beni ammortizzabili e quello attribuito all intera azienda. Ai fini delle imposte indirette: - i canoni periodici relativi al leasing, devono essere assoggettati ad Iva con aliquota ordinaria; e: - l eventuale operazione di riscatto, si renderà dovuta l imposta di registro nella misura del 3% sul valore venale in comune commercio (e, quindi, non in relazione al prezzo di riscatto dell azienda). SITI WEB E STABILE ORGANIZZAZIONE In relazione alla definizione di stabile organizzazione introdotta all art. 162 del testo unico delle imposte sui redditi, il sito web non costituisce una stabile organizzazione, in quanto in riferimento ad esso non è riscontrabile il requisito: - della fissità spaziale ; e/o: - della stabilità in un determinato luogo per un periodo di tempo minimo. Il predetto requisito, invece, si deve ritenere presente nell ipotesi di web server, a meno che lo stesso non risulti utilizzato per attività ausiliarie. In particolare, secondo quanto stabilito dal comma 5, art. 162, del testo unico citato, non costituisce stabile organizzazione, in relazione al commercio elettronico, la disponibilità di elaboratori ed inerenti impianti ausiliari utilizzati per la raccolta e la trasmissione di dati e informazioni finalizzati alla vendita di beni e servizi. SOGGETTI IRES-TERMINI VERSAMENTO DIRITTI CAMERALI Il pagamento del diritto annuale camerale deve essere effettuato, in un unica soluzione, mediante versamento tramite: azienda di credito convenzionata; concessionario della riscossione; ufficio postale abilitato; utilizzando il modello unificato (F24) entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi e, quindi, per le imprese persone giuridiche (soggetti Ires):

10 - entro il giorno 20 del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta; con la possibilità, in ogni caso, di eseguire l adempimento: - nei successivi 30 giorni e, quindi, entro il giorno 20 del settimo mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta, con l applicazione della maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo, che deve risultare corrisposto unitamente al diritto con scritturazione in un unico rigo del modello predetto; tenendo presente che i soggetti che in base a disposizioni di legge approvano il bilancio oltre i termini al riguardo previsti, devono versare il diritto annuale: - entro il giorno 20 del mese successivo a quello di approvazione del bilancio; con la possibilità, in ogni caso, di eseguire l adempimento: - nei successivi 30 giorni, con l applicazione della maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo, che deve risultare corrisposto unitamente al diritto con scritturazione in un unico rigo del modello predetto; mentre l eventuale versamento posto in essere dopo la scadenza del termine previsto con la maggiorazione dello 0,40% comporta l applicazione della sanzione amministrativa. In pratica, nell ipotesi in cui una società di capitali chiuda l esercizio in una data diversa dal 31/12, il diritto annuale dovuto alle Camere di commercio deve essere corrisposto rispettando sempre il criterio generale della scadenza del primo acconto delle imposte, ai sensi dell art. 17 del D.P.R. 7 dicembre 2001, come sostituito dal D.L. 15 aprile 2002, n. 63, convertito in L. 15 giugno 2002, n. 112, il pagamento deve risultare posto in essere: per le società che approvano il bilancio entro 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), il 20 del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta; per le società che in base a disposizione di legge approvano il bilancio oltre il termine di 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), il 20 del mese successivo a quello di approvazione del bilancio; per le società che in base a disposizione di legge approvano il bilancio oltre il termine di 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), nell ipotesi in cui il bilancio non risulta approvato entro il termine stabilito, il 20 del mese successivo a quello di scadenza del termine stesso; mentre: - per le società con esercizio prolungato o che al momento della costituzione risulta adottato un esercizio di durata superiore ai dodici mesi, il diritto camerale dovuto deve essere corrisposto al momento dell iscrizione, e l anno successivo - quando il primo esercizio ancora non risulta terminato - dovranno eseguire il pagamento per la classe minima di fatturato al momento dell esazione ordinaria. Da quanto accennato, si deduce che: 1) se la società di capitali (o il soggetto Ires) approva il bilancio nei termini ordinari, cioè entro i 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), il versamento dei diritti camerali deve risultare posto in essere: - entro il giorno 20 del sesto mese successivo a quello di chiusura dell esercizio o del periodo d imposta, senza alcuna maggiorazione, e, quindi:

11 versamento del diritto se il bilancio della società, approvato camerale entro il entro i 120 giorni (entro quattro mesi), si è chiuso alla fine del mese di 20 giugno 2005 dicembre luglio 2005 gennaio agosto 2005 febbraio settembre 2005 marzo ottobre 2005 aprile novembre 2005 maggio dicembre 2005 giugno gennaio 2006 luglio febbraio 2006 agosto marzo 2006 settembre aprile 2006 ottobre maggio 2006 novembre 2005 N.B.: detto termine deve anche essere rispettato dalle società di capitali e dai soggetti Ires che, in relazione al proprio statuto, non sono tenuti ad approvare il bilancio; oppure, in relazione all art. 17, comma 2, del D.P.R. 345/2001, sussiste la possibilità di effettuare l adempimento entro il trentesimo giorno successivo a quello di scadenza del termine ordinario predetto e, pertanto, il versamento può risultare effettuato: - entro il giorno 20 del settimo mese successivo a quello di chiusura dell esercizio o del periodo d imposta, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi, e, quindi: versamento del diritto camerale entro il se il bilancio della società, approvato entro i 120 giorni (entro quattro mesi), si è chiuso alla fine del mese di 20 luglio 2005 dicembre agosto 2005 gennaio settembre 2005 febbraio ottobre 2005 marzo novembre 2005 aprile dicembre 2005 maggio gennaio 2006 giugno febbraio 2006 luglio marzo 2006 agosto aprile 2006 settembre maggio 2006 ottobre giugno 2006 novembre 2005 N.B.: detto termine può anche essere utilizzato dalle società di capitali e dai soggetti Ires che, in relazione al proprio statuto, non sono tenuti ad approvare il bilancio. 2) se la società di capitali (o il soggetto Ires), in base a disposizione di legge, approva il bilancio oltre il termine di 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), il versamento dei diritti camerali deve risultare

12 posto in essere: - entro il giorno 20 del mese successivo a quello di approvazione del bilancio, senza alcuna maggiorazione, e, quindi: versamento del diritto se il bilancio della società risulta approvato camerale entro il nel corso del mese di 20 giugno 2005 maggio luglio 2005 giugno agosto 2005 luglio settembre 2005 agosto ottobre 2005 settembre novembre 2005 ottobre dicembre 2005 novembre gennaio 2006 dicembre febbraio 2006 gennaio marzo 2006 febbraio aprile 2006 marzo maggio 2006 aprile 2006 oppure, in relazione all art. 17, comma 2, del D.P.R. 345/2001, sussiste la possibilità di effettuare l adempimento entro il trentesimo giorno successivo a quello di scadenza del termine ordinario predetto e, pertanto, il versamento può risultare effettuato: - entro il giorno 20 del secondo mese successivo a quello di approvazione del bilancio, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi, e, quindi: versamento del diritto se il bilancio della società risulta approvato camerale entro il nel corso del mese di 20 luglio 2005 maggio agosto 2005 giugno settembre 2005 luglio ottobre 2005 agosto novembre 2005 settembre dicembre 2005 ottobre gennaio 2006 novembre febbraio 2006 dicembre marzo 2006 gennaio aprile 2006 febbraio maggio 2006 marzo giugno 2006 aprile ) nell ipotesi in cui il bilancio della società di capitali (o del soggetto Ires) che, in base a disposizione di legge, doveva approvare il bilancio oltre il termine di 120 giorni dalla chiusura dell esercizio (o, per l art. 17 del D.P.R. 435/2001, oltre il termine di quattro mesi dalla chiusura dell esercizio), non

13 risulta approvato entro il termine stabilito, il versamento dei diritti camerali deve risultare posto in essere: - entro il giorno 20 del mese successivo a quello entro cui si sarebbe dovuto approvare il bilancio, senza alcuna maggiorazione, e, quindi: versamento del diritto se il bilancio della società doveva essere approvato camerale entro il nel corso del mese di 20 giugno 2005 maggio luglio 2005 giugno agosto 2005 luglio settembre 2005 agosto ottobre 2005 settembre novembre 2005 ottobre dicembre 2005 novembre gennaio 2006 dicembre febbraio 2006 gennaio marzo 2006 febbraio aprile 2006 marzo maggio 2006 aprile 2006 oppure, in relazione all art. 17, comma 2, del D.P.R. 345/2001, sussiste la possibilità di effettuare l adempimento entro il trentesimo giorno successivo a quello di scadenza del termine ordinario predetto e, pertanto, il versamento può risultare effettuato: - entro il giorno 20 del secondo mese successivo a quello in cui doveva essere approvato il bilancio, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interessi, e, quindi: versamento del diritto se il bilancio della società doveva essere approvato camerale entro il nel corso del mese di 20 luglio 2005 maggio agosto 2005 giugno settembre 2005 luglio ottobre 2005 agosto novembre 2005 settembre dicembre 2005 ottobre gennaio 2006 novembre febbraio 2006 dicembre marzo 2006 gennaio aprile 2006 febbraio maggio 2006 marzo giugno 2006 aprile 2006 N.B.: ai fini operativi, in tutti i casi sussiste la possibilità di procedere all immediata compensazione con eventuali crediti vantati in relazione ad altri versamenti (tributi e/o contributi).

14 INDICI E DATI DI INTERESSE GENERALE PRESCRIZIONI DELLE DICHIARAZIONI DEI REDDITI In relazione alle dichiarazioni dei redditi presentate dal 1 gennaio 1999, l avviso di accertamento deve essere notificato entro e non oltre il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui risulta presentata la dichiarazione, tenendo presente che: - in caso di omessa presentazione o di presentazione di dichiarazione considerata nulla, il termine predetto si allunga di un anno; - l art. 10 della L. 289/2002 e successive modificazioni e integrazioni (condono fiscale) ha prorogato di due anni i termini ordinari per i contribuenti che non si sono avvalsi delle previste disposizioni. In sintesi: per i contribuenti che non hanno aderito al condono fiscale Redditi Termini di decadenza per l accertamento nell ipotesi di dell anno dichiarazione presentata dichiarazione omessa dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre 2010 per i contribuenti che hanno aderito al condono fiscale Redditi Termini di decadenza per l accertamento nell ipotesi di dell anno dichiarazione presentata dichiarazione omessa dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre 2010

SCADENZARIO MESE DI AGOSTO 2012

SCADENZARIO MESE DI AGOSTO 2012 SCADENZARIO MESE DI AGOSTO 2012 01/08/2012 Contenzioso Dal 1 agosto 2012 (e fino al 15 settembre 2012) inizia il periodo di sospensione feriale dei termini processuali per le giurisdizioni ordinarie, amministrative

Dettagli

Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ

Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ Scadenzario fiscale FEBBRAIO 2009 Scadenza Tributo/Contributo Soggetti Descrizione 5 GIOVEDÌ 6 VENERDÌ IMPOSTE DIRETTE E Soggetti con partita e cessioni intra-ue relative all anno precedente > 40.000,00

Dettagli

SCADENZE FISCALI di Giugno

SCADENZE FISCALI di Giugno SCADENZE FISCALI di Giugno Martedì 16 Giugno IVA MENSILE Ultimo giorno utile per versare l eventuale imposta a debito relativa al mese di maggio (contribuenti mensili). Il codice tributo da utilizzare

Dettagli

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20 Scadenze fiscali Principali adempimenti di carattere fiscale e previdenziale per i Professionisti e le Società in genere in scadenza nel periodo compreso dal 1 gennaio al 31 febbraio 2013. a cura dello

Dettagli

SCADENZE Novembre 2008

SCADENZE Novembre 2008 SCADENZE Novembre 2008 Avvertenza - Gli adempimenti in generale (compresi quelli aventi di natura fiscale e previdenziale, nonché quelli che comportano versamenti) che risultano scadenti in giorno festivo,

Dettagli

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Modena, 12 2014 SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Si segnala ai Signori clienti che tutti gli adempimenti sono stati inseriti, prudenzialmente, con le loro scadenze naturali, nonostante

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 AGOSTO AL 15 SETTEMBRE 2015

PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 AGOSTO AL 15 SETTEMBRE 2015 Principali scadenze PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 AGOSTO AL 15 SETTEMBRE 2015 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 16 al 15 settembre 2015, con il commento dei termini di prossima scadenza.

Dettagli

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro.

Contributi alle imprese - Termine di presentazione della domanda on line per fruire degli incentivi Inail per la sicurezza sul lavoro. Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di marzo 2012. Cordialmente. Lo Studio ADEMPIMENTI MESE DI MARZO 2012 Giovedì 1 marzo DOCUMENTI FISCALI Archiviazione informatica - Termine di

Dettagli

Le scadenze di Agosto 2015

Le scadenze di Agosto 2015 Le scadenze di Agosto 15 Scadenza Tributo/Contributo Soggetto obbligato Adempimento IRPEF e relative addizionali, IRAP e imposte sostitutive Cedolare secca sulle locazioni Imposta sostitutiva del 10% Imposta

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2011

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2011 Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 NOVEMBRE AL 15 DICEMBRE 2011 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 al 15 dicembre 2011, con il commento

Dettagli

SCADENZE NOVEMBRE 2014

SCADENZE NOVEMBRE 2014 SCADENZE NOVEMBRE 2014 LUNEDì 17 NOVEMBRE RAVVEDIMENTO OPEROSO BREVE Scade il termine per regolarizzare gli adempimenti (omessi, tardivi o insufficienti versamenti di imposte o ritenute) non effettuati

Dettagli

SCADENZARIO GENNAIO 2011

SCADENZARIO GENNAIO 2011 SCADENZARIO GENNAIO 2011 1 Sabato SETTORE ACCISE: avvio sistema telematico per la generazione del Documento Amministrativo di Accompagnamento dei prodotti spediti in sospensione di accisa (ex DAA) RIFIUTI

Dettagli

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006).

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006). PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2013 AL 15 AGOSTO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 agosto 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala che

Dettagli

Sostituti di imposta che prestano assistenza fiscale diretta, CAF e intermediari abilitati

Sostituti di imposta che prestano assistenza fiscale diretta, CAF e intermediari abilitati Scadenza Tributo/Contribu to Soggetti Descrizione 10 GIOVEDI IRPEF Sostituti di imposta Termine per la trasmissione in via telematica all Amministrazione Finanziaria tramite intermediario abilitato della

Dettagli

SCADENZE FISCALI di Luglio

SCADENZE FISCALI di Luglio SCADENZE FISCALI di Lunedì 6 UNICO 2009 Chi applica gli studi di settore (per esempio, professionisti, imprese, ecc.), entro oggi può pagare le imposte di Unico 2009 (saldi 2008 e acconti per il 2009)

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N.protocollo: 04/200 gennaio 200 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 5 GENNAIO AL 5 FEBBRAIO 200 SCADENZE PARTICOLARI 4 5 Riduzione della misura dell interesse legale Aggiornato al ribasso con un decreto

Dettagli

Scadenziario Febbraio 2015

Scadenziario Febbraio 2015 Studio Creanza & Partners Creanza rag. Flavio D Onofrio rag. Loredana Stramazzo dott.ssa Caterina Scadenziario Febbraio 2015 1 Domenica Soggetti con partita Termine iniziale per la presentazione telematica

Dettagli

Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di gennaio 2010. Cordialmente. Lo Studio

Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di gennaio 2010. Cordialmente. Lo Studio www..com posta@.com Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di gennaio 2010. Cordialmente. Lo Studio associati dottori commercialisti pierpaolo baldinato gabriele pantaleoni collaboratori

Dettagli

INTERMEDIARI TENUTARI

INTERMEDIARI TENUTARI PRINCIPALI SCADENZE FISCALI E PREVIDENZIALI del QUARTO TRIMESTRE 2014 OTTOBRE VENERDI 10 OTTOBRE iva, redditi: NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE Per i contribuenti soggetti ai regimi fiscali agevolati per le

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL MESE DI NOVEMBRE

CIRCOLARE INFORMATIVA DEL MESE DI NOVEMBRE Bologna, 16 Novembre 2015 A TUTTI I CLIENTI LORO INDIRIZZI Circolare n 11/2015 CIRCOLARE INFORMATIVA DEL MESE DI NOVEMBRE NOTIZIARIO MENSILE... 2 1. In arrivo PEC che allertano su violazioni legate alla

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

Confederazione Italiana Agricoltori del Veneto

Confederazione Italiana Agricoltori del Veneto Confederazione Italiana Agricoltori del Veneto AGRIPROGETTO SRL Ufficio fiscale REDDITI-IVA-PAGHE Marghera 11 giugno 2012 Oggetto: PROROGA SCADENZE Il 6 giugno 2012 è stato pubblicato in G.U. il Dpcm che

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5 - MAGGIO 2014

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5 - MAGGIO 2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5 - MAGGIO 2014 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di maggio. Versamenti Iva mensili Scade il 16 maggio il termine di versamento

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

Circolare informativa

Circolare informativa Circolare informativa Ultime novità fiscali Studi di settore e malattia del contribuente Agevolazione prima casa - abitazione di lusso determinazione superficie Agevolazione prima casa - mancato trasferimento

Dettagli

Studio Aldrovandi. Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013

Studio Aldrovandi. Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2013 AL 15 MARZO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 marzo 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala

Dettagli

Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di agosto 2010. Cordialmente. Lo Studio

Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di agosto 2010. Cordialmente. Lo Studio www..com posta@.com Sperando di farle cosa gradita, Le inviamo lo scadenzario di agosto 2010. Cordialmente. Lo Studio associati dottori commercialisti pierpaolo baldinato gabriele pantaleoni collaboratori

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 33 2013/2014 DEL 29 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 2 2014 dell Ufficio

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 20 Gennaio 2014 OGGETTO : Legge 27.12.2013 nr. 147 Legge di stabilità 2014 pubblicata sulla G.U. nr. 302 del 27.12.2013 S.O. n.87. È stata approvata la

Dettagli

SCADENZE FEBBRAIO 2015

SCADENZE FEBBRAIO 2015 SCADENZE FEBBRAIO 2015 MARTEDì 10 FEBBRAIO IMU TERRENI Scade il termine per il versamento dell IMU sui terreni; l imposta è calcolata in base alle aliquote standard (7,6 per mille) tranne quando i Comuni

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI STUDIO BAROZZI Ragionieri Commercialisti Bruno Barozzi Revere(MN) Ragioniere Commercialista Piazza Grazioli, 16 Consulente tecnico del Giudice Tel. 0386/46062 Revisore Contabile Fax: 0386/846095 info@studiobarozzi.it

Dettagli

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it Dott. Claudio Belcastro Dott. Emanuela Candido Rag. Maria Teresa Cimarosa Dott. Franco Chiudino Rag. Sandra Macrì Dott. Cristina Pelle Rag. Caterina Piccolo Dott. Sergio Policheni Rag. Santina Sansotta

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI e PREVIDENZIALI del SECONDO TRIMESTRE 2010

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI e PREVIDENZIALI del SECONDO TRIMESTRE 2010 PRINCIPALI SCADENZE FISCALI e PREVIDENZIALI del SECONDO TRIMESTRE 2010 10 aprile sabato aprile 2010, redditi NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE Per i contribuenti soggetti ai regimi fiscali agevolati per le nuove

Dettagli

Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015

Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015 Circolare Mensile Fiscale SETTEMBRE 2015 INDICE Le news del mese In evidenza o La remissione in bonis Scadenzario Le news del mese Detrazione 50% - Obbligo di richiesta del codice fiscale del condominio

Dettagli

Rag. VITO MAURIZIO CULICCHIA - Commercialista - Revisore dei Conti

Rag. VITO MAURIZIO CULICCHIA - Commercialista - Revisore dei Conti Occhio alle scadenze Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 FEBBRAIO 2014 AL 15 MARZO 2014 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2014 al 15 2014, con il commento

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER FISCALE FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI NUOVO ISEE DPCM 5.12.2013, N. 150 MEDIE DI SETTORE E IMPRESA SITUATA IN PERIFERIA CESSIONE IMMOBILE SOTTOCOSTO

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA)

La presente Circolare è tratta da: COLLEGIO RAGIONIERI BUSTO ARSIZIO (VA) PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

Venerdì 9 ottobre. Domenica 11 ottobre

Venerdì 9 ottobre. Domenica 11 ottobre Personale Entro oggi effettuare il versamento all Inpdap delle quote dovute per il mese precedente per l ammortamento delle sovvenzioni in conto concessione del quinto delle retribuzioni, cumulativamente

Dettagli

LA LIBERA PROFESSIONE

LA LIBERA PROFESSIONE LA LIBERA PROFESSIONE PRINCIPI DELLE RILEVAZIONI CONTABILI La determinazione del reddito di professionisti ed artisti avviene in modo analitico. Nel regime analitico il reddito è costituito dalla differenza

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

Circolare Mensile Fiscale MAGGIO 2014

Circolare Mensile Fiscale MAGGIO 2014 Circolare Mensile Fiscale MAGGIO 2014 INDICE Le news del mese Approfondimenti Dal 1 luglio 2014 meno convenienti dividendi e capital gain derivanti da partecipazioni non qualificate Doppio limite sul bonus

Dettagli

Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2011.

Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2011. INFORMAT N. 156 29 GIUGNO 2011 Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2011. LUGLIO Le scadenze dei versamenti riferite al mod. UNICO 2011 sono riportate alla luce della proroga

Dettagli

In allegato si riporta Spazio aziende n. 12 del mese di dicembre 2008.

In allegato si riporta Spazio aziende n. 12 del mese di dicembre 2008. Commercialisti Associati Cimarrol llii Zorrzi i F.. Verronesi i Pellegrri inii Zorrzi i N.. 25124 Brescia 38100 Trento 38089 Darzo 5, Via Aldo Moro 8, Via Oss Mazzurana 1/b, Zona Artigianale Tel. 030 2208600

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2015.

Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2015. INFORMAT N. 190 30 GIUGNO 2015 Si riportano di seguito le principali scadenze del TERZO TRIMESTRE 2015. LUGLIO Le scadenze dei versamenti derivanti dal mod. UNICO 2015 sono riportate alla luce della proroga

Dettagli

2. AMMORTAMENTO TERRENI PERTINENZIALI

2. AMMORTAMENTO TERRENI PERTINENZIALI Bologna, 12 settembre 2006 Circolare n.3/2006 Oggetto : D.L. 4 luglio 2006 n.223 convertito nella L. 4 agosto 2006 n. 248 Con decreto legge n.223 del 4 luglio 2006, convertito nella legge n.248 del 4 agosto

Dettagli

INFORMATIVA N. 09 Osimo, 16/09/2013

INFORMATIVA N. 09 Osimo, 16/09/2013 INFORMATIVA N. 09 Osimo, 16/09/2013 SPAZIO AZIENDE Spazio aziende è destinato alla clientela dello Studio e contiene, con un linguaggio semplice ma sintetico, una sintesi delle ultime novità fiscali, alcuni

Dettagli

CONSEGNA CERTIFICAZIONE UNICA

CONSEGNA CERTIFICAZIONE UNICA SCADENZE MARZO 2015 LUNEDì 2 MARZO CONSEGNA CERTIFICAZIONE UNICA - Ultimo giorno utile per la consegna al lavoratore da parte del datore di lavoro o dell ente pensionistico della nuova Certificazione Unica

Dettagli

OTTOBRE INFORMATIVA N. 243 30 SETTEMBRE 2014 IVA CORRISPETTIVI GRANDE DISTRIBUZIONE

OTTOBRE INFORMATIVA N. 243 30 SETTEMBRE 2014 IVA CORRISPETTIVI GRANDE DISTRIBUZIONE INFORMAT N. 243 30 SETTEMBRE 2014 Si riportano di seguito le principali scadenze del QUARTO TRIMESTRE 2014. Si rammenta che a decorrere dell 1.10.2014 è operativo l obbligo di utilizzo dei servizi telematici

Dettagli

STUDIO COMUCCI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Rag. Ambra Comucci e Rag. Alberto Comucci

STUDIO COMUCCI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Rag. Ambra Comucci e Rag. Alberto Comucci Asola Bergamo, 03/05/2014 16 maggio 2014 Circolare n. 5-Tel/2014 AI SIGNORI CLIENTI Loro indirizzo Circolare Telematica Mensile dello Studio Si trasmette di seguito la Circolare Telematica Mensile n. 5

Dettagli

Scadenzario 1467. Principali scadenze del mese di novembre 2008. a cura di Massimo Negro. Tributo / contributo. Scadenza. 3 Lunedì

Scadenzario 1467. Principali scadenze del mese di novembre 2008. a cura di Massimo Negro. Tributo / contributo. Scadenza. 3 Lunedì rio 1467 Principali scadenze del mese di novembre 2008 a cura di Massimo Negro 3 Lunedì Prelievo erariale unico (PREU) Concessionari titolari dei nulla osta per gli apparecchi da divertimento di cui all

Dettagli

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n.

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n. S.U.S.O. Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO CIRCOLARE n. 1/2014 La presente per informare i signori Associati sulle

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

NEWSLETTER N. 1 DEL 14 GENNAIO 2013

NEWSLETTER N. 1 DEL 14 GENNAIO 2013 NEWSLETTER N. 1 DEL 14 GENNAIO 2013 Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi 1. BREVI DELLA SETTIMANA Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali di questa settimana. Sono stati pubblicati nei Supplementi

Dettagli

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CS 09/2014. Con la presente ci pregiamo comunicarvi le principali scadenze fiscali del mese di Settembre 2014.

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CS 09/2014. Con la presente ci pregiamo comunicarvi le principali scadenze fiscali del mese di Settembre 2014. Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CS 09/2014 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Settembre 2013 SPAZIO AZIENDE ULTIME NOVITÀ FISCALI

Settembre 2013 SPAZIO AZIENDE ULTIME NOVITÀ FISCALI studio cartello Il Consulente Fiscale Settembre 2013 SPAZIO AZIENDE ULTIME NOVITÀ FISCALI Studi di settore e malattia del contribuente Sentenza CTR Umbria n. 33/2013 Agevolazione prima casa abitazione

Dettagli

SCADENZARIO DEL MESE DI GENNAIO 2010

SCADENZARIO DEL MESE DI GENNAIO 2010 Sabrina Causio Vincenzo Consiglio Antonello Fagotti Giuseppe Fornari Annalisa Monelletta Sandro Paiano Filippo Maria Pantini Flavia Ricci Massimiliano Tessenda Luca Vannucci * Francesca Ferroni Consuelo

Dettagli

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2014 AL 15 MAGGIO 2014

Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2014 AL 15 MAGGIO 2014 CIRCOLARE Aprile 2014 Oggetto: PRINCIPALI SCADENZE DAL 16 APRILE 2014 AL 15 MAGGIO 2014 Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle ultime novità. Si segnala ai Signori

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 4 APRILE 2014 I N D I C E IVA... 3 Compensazione Iva trimestrale... 3 Minori controlli per i rimborsi Iva alle imprese in regola con il fisco... 3 REDDITI...

Dettagli

OGGETTO: Le principali scadenze Fiscali di Luglio 2013

OGGETTO: Le principali scadenze Fiscali di Luglio 2013 Informativa per la clientela di studio Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le principali scadenze Fiscali di Luglio 2013 Gentile Cliente, è nostra cura metterla al corrente, con il presente documento

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

UNICO 2015 PERSONE FISICHE: NOVITÀ

UNICO 2015 PERSONE FISICHE: NOVITÀ Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 12/2015 del 23 aprile 2015 UNICO 2015 PERSONE FISICHE: NOVITÀ In questa

Dettagli

SCADENZARIO LUGIO - AGOSTO - SETTEMBRE 2015 LUGLIO

SCADENZARIO LUGIO - AGOSTO - SETTEMBRE 2015 LUGLIO INFORMAT N. 190 30 GIUGNO 2015 INFORMAT N. 005 07 GENNAIO 2013 SCADENZARIO LUGIO - AGOSTO - SETTEMBRE 2015 Si riportano di seguito le principali scadenze del PRIMO TRIMESTRE 2013. Si riportano di seguito

Dettagli

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI FOCUS 1 AGOSTO 2014 IN BREVE Proroga invio modello 770 e ravvedimento operoso del versamento delle ritenute Differimento al 20 agosto dei versamenti e degli adempimenti

Dettagli

CIRCOLARE DEL 14 MARZO 2011. Ai gentili Clienti Loro sedi IL MILLEPROROGHE È LEGGE SINTESI DEI CONTENUTI

CIRCOLARE DEL 14 MARZO 2011. Ai gentili Clienti Loro sedi IL MILLEPROROGHE È LEGGE SINTESI DEI CONTENUTI CIRCOLARE DEL 14 MARZO 2011 Ai gentili Clienti Loro sedi IL MILLEPROROGHE È LEGGE SINTESI DEI CONTENUTI Il c.d. Decreto Milleproroghe - D.L. n.225 del 29 dicembre 2010 - è stato convertito con la legge

Dettagli

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI e PREVIDENZIALI del QUARTO TRIMESTRE 2010

PRINCIPALI SCADENZE FISCALI e PREVIDENZIALI del QUARTO TRIMESTRE 2010 PRINCIPALI SCADENZE FISCALI e PREVIDENZIALI del QUARTO TRIMESTRE 2010 10 ottobre domenica ottobre 2010, redditi NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE Per i contribuenti soggetti ai regimi fiscali agevolati per le

Dettagli

Gennaio 2008 Anno IV N. 1

Gennaio 2008 Anno IV N. 1 Fisco Pratico magazine 1 Sintesi Srl 38100 Trento Via alto Adige 170 Tel. 0461-968.900 - Fax 0461-968.989 Codice Fiscale, Partita Iva e Numero iscrizione al Registro Imprese di Trento: 00 616 500 229 info@sintesiservizi.com

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Circolare n 5/2005 A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI

Circolare n 5/2005 A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare n 5/2005 A TUTTI I SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Milano, 8 Aprile 2005 SOMMARIO OCCHIO ALLE SCADENZE DI APRILE 2005!...2 VERSAMENTI IVA MENSILE...2 VERSAMENTO DELLE RITENUTE E DEI CONTRIBUTI INPS...2

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

RECENTI NOVITÀ FISCALI

RECENTI NOVITÀ FISCALI Egregi CLIENTI - Loro SEDI Treviso, 8 aprile 2013. Aliquota manutenzione impianti di riscaldamento Risoluzione Agenzia Entrate 4.3.2013, n. 15/E Amministratore di condominio Sentenza Corte Cassazione 5.3.2013,

Dettagli

Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2014

Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2014 STUDIO INTERPROFESSIONALE 20121 Milano, Via Pozzone 1 21047 Saronno (VA), Vicolo del Caldo 30 * 6902 Lugano Paradiso - CH, V. San Salvatore 10 P.O. Box 461 Tel. 02.967.043.82 - Fax 02.967.026.50 www.interprofessionale.net

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

Credito IVA: rimborsi e compensazione

Credito IVA: rimborsi e compensazione Sandra Migliaccio Agenzia delle Entrate - DR Piemonte, Ufficio Fiscalità Generale Credito IVA: rimborsi e compensazione 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del credito IVA annuale

Dettagli

ADEMPIMENTI. Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti

ADEMPIMENTI. Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti CIRCOLARE MENSILE GIUGNO 2012 LAVORO - NOVITA DEL MESE NEWS DI GIUGNO ADEMPIMENTI Casse Edili e Rilascio DURC: i Requisiti Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con nota n.8367 del 2 maggio,

Dettagli

INFORMATIVA N. 2/2013

INFORMATIVA N. 2/2013 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.2.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2013 LEGGE

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 29 aprile 2015 E-MAIL: segreteria2@studiocastelli.com CIRCOLARE N 2/2015 SOMMARIO: 1) Scadenze importanti (pag. 1) 2) Dichiarazioni fiscali per l anno 2015

Dettagli

DICEMBRE 2003 ENTRO IL CHI CHE COSA COME CODICE TRIBUTO O CAUSALE CONTRIBUTO

DICEMBRE 2003 ENTRO IL CHI CHE COSA COME CODICE TRIBUTO O CAUSALE CONTRIBUTO 1 Lunedì Contribuenti che hanno aderito al condono tombale ed hanno optato per il versamento rateale (Definizione automatica per gli anni pregressi - Art. 9 della L. 289/02) Versamento della 1^ rata dell'eccedenza

Dettagli

- DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE

- DIRITTO DEL LAVORO E LEGISLAZIONE SOCIALE ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO ANNO 2005 LA TUTELA FISICA ED ECONOMICA DELLA MATERNITÀ NEL RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO. IL CANDIDATO DOPO

Dettagli

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011)

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) DL 98/2011 CONVERTITO NELLA LEGGE 111/2011 MANOVRA DI LUGLIO REGIMI FISCALI AGEVOLATI NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) Il nuovo regime dei contribuenti

Dettagli

SCADENZARIO OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 OTTOBRE

SCADENZARIO OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 OTTOBRE INFORMAT N. 271 01 OTTOBRE 2015 INFORMAT N. 005 07 GENNAIO 2013 SCADENZARIO OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 Si riportano di seguito le principali scadenze del PRIMO TRIMESTRE 2013. Si riportano di seguito

Dettagli

Dati generali: Documento di identità valido del dichiarante. Tessera per l assistenza sanitaria attestante eventuali patologie che danno diritto all

Dati generali: Documento di identità valido del dichiarante. Tessera per l assistenza sanitaria attestante eventuali patologie che danno diritto all Dati generali: Documento di identità valido del dichiarante. Tessera per l assistenza sanitaria attestante eventuali patologie che danno diritto all esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria

Dettagli

chiarimento e cogliamo l occasione per porgere distinti saluti.

chiarimento e cogliamo l occasione per porgere distinti saluti. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 06/07/2015 Oggetto: Adempimenti e scadenze del mese di luglio 2015. La presente per informarvi in merito a: Adempimenti e scadenze. Certi di garantire un sempre

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE MESE DI GENNAIO 2015

SCADENZIARIO FISCALE MESE DI GENNAIO 2015 SCADENZIARIO FISCALE MESE DI GENNAIO 2015 15 Giovedì Soggetti Iva Emissione e registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare e risultanti da documento di trasporto

Dettagli

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF

Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF (materiale gentilmente concesso dalla Prof.ssa Alessandra Casarico) Corso di Economia Pubblica Lezione 2 - IRPEF Prof. Paolo Buonanno paolo.buonanno@unibg.it Schema dell IRPEF T=t(Y-d)-f Reddito complessivo

Dettagli

ENTRO IL CHI CHE COSA COME. Consegna al dipendente o pensionato de modello 730 e del prospetto di liquidazione mod. 730/3

ENTRO IL CHI CHE COSA COME. Consegna al dipendente o pensionato de modello 730 e del prospetto di liquidazione mod. 730/3 15 Martedì Datori di lavoro o Enti pensionistici Consegna al dipendente o pensionato de modello 730 e del prospetto di liquidazione mod. 730/3 Consegna diretta al dipendente o pensionato Contribuenti che

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

Circolare n. 11/2014: Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2014

Circolare n. 11/2014: Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2014 PERNI & DORENTI PARTNERS AVV. OLIVIERO PERNI DOTT. LUCA DORENTI OF COUNSEL AVV. ROBERTO GRUTTADAURIA DOTT. MARCO GASPARI DOTT.SSA BARBARA BONSIGNORI AVV. VALERIA PAGANI DOTT. PIETRO COLUZZI DOTT. LUCA

Dettagli

Associazione Commercialisti Salerno SALERNO 07/02/2014 LE NOVITÀ DELLA LEGGE DISTABILITÀ. Relatore: Dott. Riccardo PATIMO

Associazione Commercialisti Salerno SALERNO 07/02/2014 LE NOVITÀ DELLA LEGGE DISTABILITÀ. Relatore: Dott. Riccardo PATIMO Associazione Commercialisti Salerno SALERNO 07/02/2014 LE NOVITÀ DELLA LEGGE DISTABILITÀ Relatore: Dott. Riccardo PATIMO IL POTENZIAMENTO DELL ACE 2 POTENZIAMENTO DELL ACE (ex art. 1, D.L. 201/2011) (L.

Dettagli

Roma 19 gennaio 2011 prot. n. 11.942. Spett.le

Roma 19 gennaio 2011 prot. n. 11.942. Spett.le Roma 19 gennaio 2011 prot. n. 11.942 Spett.le LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE A LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE B LEGA PRO LEGA NAZIONALE DILETTANTI UFFICIO AMMINISTRAZIONE F.I.G.C. LORO SEDI Si

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N.45 del 25 Marzo 20 Lo scadenziario di Aprile 20 Ai gentili clienti Loro sedi Gentile cliente, con la presente desideriamo fornirle uno scadenziario dei principali adempimenti

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 33/2014 del 15/5/2014 ARGOMENTO: PROROGA VERSAMENTI DI UNICO 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli