Il nuovo R"golom ento Temotico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo R"golom ento Temotico"

Transcript

1 l nuovo R"golom ento Temotico (srev) Milanofìl 2OO2 Seminario tematico

2 rl nuovo?egolomento temotíco: per ché? { Onoro?e un irnpegno ossunt o nel l98b: convergere sulle definizioni del GREV relotive oi criteri di giudi zio ed ollo distribuzione dei punteggi { Grazie sll'opproccio comune, pronìuovere uno miglior cornprensione del regolomento ternotico in tutti le clossi dello f ilotelio { Âtt g liorore le def inizioni su lo bose dell' esperienzo rnoturoto con il prec edente?egolornento a Beneficio secondorio: cchie mostre one) valutore p ù clossi Milanoñ12002 Seminano terna0co 2

3 l nuovo?egolomento temotico: che coso?,f Ridef inizi one dei criteri =l Titolo e Piono (invece di piano) :l nnovqzione (invece di Originalità) Conoscenze Temotiche (in precedenza incluso in Sviluppo) condi zione (in precedenza insieme a Rarità) { Più preciso def inizione dei criteri di volutozi one e dei relotivi punteggi { Trosp o?enzo dei contenuti: l nessuno modifico significotivo oi concetti di bose fl nessun impotto sul modo di costruire uno portecipozione,/ Pieno continuitò con il possoto: il testo à sirnile ol precedente Milanofil2002 Seminano tematico 3

4 Titolo e Piono { "Tito lo" e Piono perché, sono due componenti 'dello stesso entitò: f l T tolo rqppresento lo sintesi mossimo del piono f Titoli diversi donno luogo o pioni differenti { l piono dowebbe illustrare uno "storio" f sviluppo logico seguendo un "f ilo" conduttore, considerqndo qmsi ente. couse ed effetti, conseguenze, ecc. f coperturo di tutti i principoli asperti del soggetro come definito nel t iolo [l eguilibrio o livello di divisione e suddivisioni in bose ollo loro importonzo temoticq derivonte dol titolo { Lo "Pogino del piono" presento lo strutturo del piono 3 co e Pq esposi tore Pe iuroti pubblico f, ne l,uso d unq linguo ñtp m Milanoñ12002 Semrnano tematco 4

5 che coso significo costruire uno Tstorio"? { Lo storio comincio dol t tolo - es.: La vita degli uccelli dell'australasia - uno sguardo al mondo degli uccelli della regione del Pacifico meridionale secondo linee zoogeografiche ** ** queste parole anticipano il fito conduttore per'i/ piano! tr Mantenendo vivo il rocconto to lo toriq": Assicurore possoggio un morbido do un copitolo ol successivo Gorantire lo contínuità dello = storio oll'interno del copitolo D Trosformondo la lista Dore un corottere dinomico oi tiloli dei sotto-copítoli Milanofil 2002 Seminario temaùco 5

6 Sviluppo { Lo svi luppo si boso su un processo o due vie: :l onolisi dei dettogli temqfici secondo l "f lo" del Piqno f considerondo l'ombiente, le couse e gli eff etli, le ínfluenze, le romif ícozioni, le ref eîenze incrociote, ecc.. tnovondo íl moteriole che illustro questi dettoglí f, sinïesi dei dettogli e del mqteriole in modo do documentore il temo seguendo ll f lo conduttore a selezione dei pezzí in bose ol signif icoto tenotico dei dettogli e non su ' guontitò dei pezzi filotelíci per un certo dettoglío. disponibilità dl pezzi rari senzo olcun ropporto diretto con il temo! disposizione dei p,zzi sullo þgino nello seguenzo che descrive lo storio ol rneglío f lo comprensione dello svíluppo non deve essere dísturboto do esígenze esìetiche { L'onolisi e lo sintesi richiedono un irnpeg no equilibroto Milanoñ12002 Seminano temat co 6

7 nnovozione { L'innovozione voluto lo copocitò dell'espositore di eloborore il terno in rnodo personole f, Nuovi ïemi [l Nuovi modi di sviluppore temi noti ü Nuovi sviluppi di concetti temotici noti f, Nuove tipologie di pezzi o supporto del temo,/ Questo nuovo criterio intende riconosce?e f lo creqtività dell'espositore D lo suo indipendenza doi ri ferimenti esistenti, che sono lo bose per portore ovonti lo ricerco sul tema { L'innovozione è uno corotteristico sio del Piono che dello Sviluppo Milanofil2002 Seminario tematico 7

8 Conos cenza, studio personole e ricerco./ Lo conoscen zo è espresso do f i pezzi scelti per lo part ecipazione f doi relotivi commenti { n uno portecipozione temotico tl lo sviluppo si boso sullo sceito di pezzi temoïicqmente opproprioti qnoli zzoti grazie alle Conoscenze Temotiche l i pezzi temoticomente approprioti sono identificoti e studioti grozie olle Conosc enze Fi loteliche Milanoñ12002 Seminano tematico 8

9 Conoscenze Temotiche { Le Conoscenze Temotiche riguordono lo cono scenza generale del temo { Questo criterio perrnette di volutore lo podrononzo del soggetto do porte dell'espositore f, Scelto corretlo dei pezzi e loro cortelazione in base oi dettogli temotici presenti sui medesimi l mpi ego di pezzi temoticamente opproprioti lo cui relazione con iltemq è il risultqto dello studio personole l Giusti ficazione'femotico perti nente guoloro i pezzi non presentino un ropporto outoesplicotivo con il temo :l Commenti temqtici opproprioti f Ricerco temotico personole,/ Lo volutozione può esse?e inf luenzoto n?aotivornente, tro l'oltro, do f ercori temotici f l'inclusione di pezzi senzo,olcun ropporto con il temq Milanofilã)02 Seminario tematico

10 Conoscenze F ilotelíche { Le Conoscenze Filoteliche riguondono Ü Lq scelto dei pezzi second o-le "regole rlello filotelio" tl L9 pt"tenza e l'impiego eguilibroto dello più vosto gommo possibile d mqteri ole,ìenendo conto dello diversa notura fioteli.oid"i pezzi f Lo pertinenzo dei commenti filotelici (gualoro necessori) J Lo presenzo di studi filotelici chioro irnpostozione i focolizzafi su inrportonti punti temoticí { Questo criterio permette di v< lutore lo podrononzo ddl rnoteriole do porte dell'espositore 'f Lo volutozione è inf luenzdta negotivornente,fro l'oltro, do f errori f ilotelici (es.non corretfo Presentqzion e delle corotteristiche f ilateli che dei pezzi) f inopproprioto selezione dei pezzi usoti in uno studio filqtelico, es. Accumulozíone di pezzi senzo olcuno serío onolísí filotelíco - Studío d moteriole relativo o punti temoticomente ínsignificontí Milanofil2002 Seminario tematico l0

11 Anolisi e sintesi : un p?ocesso interconnesso Queste attivitò portono con un'ipotesi del pion e delle sue sudd visioni dettogliote (sintesi) che viene modif icoto a seguito dei risultoti del onche sullo bose del rnoteriole effeftivornente T: t si ripetono i poss srno o rsggt 7 si qllestisce o l'onolisi, reperito che cosq,,yogliono dire" i punt considerot? in che ordine vonno er render l co n cetto del t to lc pito lo>ecc com'e lq storiq risultonte? es stono dei punti co rcelati? uol'è lo co ertura f ilotelico dei unti ternoti ci? Milanofil 2002 Seminario tematico 11

12 Anolisí e síntesí : lo coperturo filotelico 7: che coso,,roccontorìo" i pezzi selezionoti? 2. dove vonno colloco ndere con cetto del t tolo r ;pitolo>e -1 come f ore loro roccontore lo storio? 4: ci sono discreponze con l'onolisi temoticq? ' i No: i tr nf i temotici sono supportof i dot moteríole 5i: i punti tematici non trovono corrísp ondenza nel moteriole 5í: il moteriole copre prntí non prevístí nell'ipotesí del píono Ni: lo quontità deí pezzi non corrísponde oll'importanza ' si fo uno selezione temotico/fitotelico per ossícura?e: 1. Lo migliore coperturo temotico dei punti e?. (in subordíne) Lo rresenza del moteriole f ílotelico più importonte Quesfo approccio va usato anche in caso di reperimenfo di nlrovi pezzi indipendente dallbnalisi tematica Milanofil 2002 Seminario tematico 12

13 Condizione { Questo c?iterio prende in esome la quolitò dei pezzi, sullo bose dello stondord del rnoteriole esistente.f criterio perrnelte di volutore o copocità dell'espositore di ocguisire moteriole di qualitò { Lo volutozione è inf luenzoto negotivornente dollo selezione di moteriole non idoneo, come: f froncobolli con difetti di produzione che non possono essere clossif icoti come " vorietà " ("s. stompo fuori centro, dentellofuro imperfetto) f modafiche f s che (es. mocchie) e deformqzioni (es. pieghe) dovutq o sconsc cu îo e conservazione inadeguqto,l buste con onnulli poco chiari o pesanti Milanoñl 2002 Seminario tematico 13

14 Rorrà { Questo criterio considero lo rorità dei pezzi in terrnini f qssoluti f d d fficoltà d ocgui sizione e non del mero vqlore di cotologo,f Lo presenzo di f vqrietà comuni, prove t ecc. tr pezzi rqri senzo un legome con il temo non porto olcun beneficio (mo puô for per dere punti nelle conoscenze) Milanoñl 2002 Seminario temat co 14

15 Quesiti filatelici fiscqli { froncobolli f iscoli con volid tò postole, o cornungue usoti postolmente, sono consideroti ol pori del rnoteriole postole { f roncobolli f iscoli per impieghi f iscoli sono rnoter io le f i lote lico uti izzabile pet" un porticolare contributo ollo svi lupp o del terno f in cosi eccezionqli, guolora costituiscono l'unico modo per illusl?a'".e un imdortqnte dettoglio temotico 13 con uno giustificazione opproprioto Milanoñl 2002 Seminario tematico 15

16 Quesiti filotelici ûloteriole preporotorío { Negli ult rni tempi stoto nototo lo comporso sul rnercoto di f bozzetti preporolori dell'ortisto f sa99i forogrofici d'qrchivio '/ Toli documenti roromente mostrono (o sono occornpognoti do) infor mozioni uf ficioli sullo loro noturo e quosi sempre si rif eriscono o processi :l di. preporozion e perconole dell'ortista propedeutici ollo Presentozione del bozzetto oll'outoriiò postole :l di archiviazi one del bo zzetlo per uso omministrotivo. { Doto che guesti pezzi no n riguordono d rettorn ente roduzione del f roncobollo orto benefici porticolori, ezzi onologh i i processi in guestione. Milanofil 2002 Seminarro ternattco t6

17 Quesiti filqtelici rl moteriole limite { Doto che i servizi postali e i reloti vi reqolomenti sono diversi C nei differenti poesi C nel tempo o priori le stesse considerozioni visto, sembrono ossoi sirnili. "ispondono solo in porte epproprioto, es.quelle reloti ve a :l servi zi caratteristici di un poese :l sifuozioni porticolqri al condi zioni occosionoli. oonoti fflatelico - e 5iono.in nu mero DroDo rzionale o 9 rodo d i zla b ó {àã5nä îäliä' þorrec ipaztone. Milanoñ12002 Seminario tematico 17

18 Quesiti filotelicí -folsi { Lo presenza di pezzi folsi o riporoti, non descr tti chiaramenfe come fa/i, \ pug Provocore uno.penolizzazione do porte dello giurio, sullo bose dellarelozione del Teom di Esperti f francobolli ristampati devono essere presentati corne tali D Gli annulli deboli od evanescenti non debbono essere ritoccati; pe-r renderli più chiari inserire una fotocopia, opporlunamente iitoccata, a fianco del pezz.o origrnale sig lioti bio " azione l ll ceftificato, il't originale, deve essere inserito dietro il foglio, all'interno della coþertina protettiva trasparente. f A fianco del testo filatelico rerativo al pezzo dovrebbe essere posta 'abbreviazione "e" Milanoñl 2002 Seminario tematico t8

19 Quesiti filotelici - Emissioni delle poste privote { Lo privoti zzozione delle poste sto portondo oll'emissione di f roncobo lli do porte delle societò privote che gestiscono i servi zi postoli,f Nuove f orrne di?egionalizzozione e di d stribuzione del prodotto honno portoto o: emissioni regionoli J f orme diversi ficate di conf ezionamento del prodotto "f roncobollo " in funzione di uno miglior distribuzione (moxi -foglietti, libretti prepqrati in periferio. scotole, ecc.) f, ecc. { Questi pezzi sono opproprioti in guonto ernessi do ongonizzazioni deb i tornente out orizzate,f Lo loro irnportonzo f ilotelico imitoto dovrebbe cons gliorne un irnp ego selettivo in uno portecipozione ch e compete in uno rnostro nozionole o internazionole llilanofilã)02 Seminario tematico l9

20 Quesíti filatelicí - Lo cotologazíone u.p.1,,.,/ N"g.li ultirni onni si sono registrote emissioni irregolori (cioà non outorizzote) in diversi poesi. { L'U.P.U. ho svolto un'ezione di registrozione e d informaztone d gueste ernissioni e,/ dol ho creoto lo codif ico WNs (WADP Nurnbering Systern W edp = Assoc iazloná Mondio le per lo Svi lupp o dello Fi lote lia) { Oltre 70 omrninistrozioni postoli hon no giò oderito { L'UPU rnettenà o disp osizione, in forrno elettronico: f numero WNS (es. T0O0O1) =l immogine (do sconner) f descri zione { Froncobolli non cotologoti doll'upu sono do consider a?e obusivi. Milanoñl 2002 Seminario tematico 20

21 o nuovo punte99. Piano 15 lnnovazione 5 Sviluppo Condizione 10 Rarità 15 Conoscenze Tematiche 15 Presentazione 5 20 Conoscenze filateliche 15 Milanoñl 2002 Seminario tematico 21

22 CONCLUSONE CHE COSA SERVE? O BUO{ SE{SO O STUDO E RCERCA o MATERTALE ($) O TEMPO E... UNA GRANDE VOGLA D DVERTRS! FP THEMATC COMMSSON 52

23 Maria Madre di Dio, e Madre r ostra G AV',l.veduta aua. llladre.'e, vlelno a pozo clre amava., dl e- cl ^tle.flladeø: flgþllo....tt' "Çe-+ù., {e-l, LL dl c,e--' nonna., e-ec.o tuo La di P etr collezione. si propone di mostrare Maria nella sua duplice veste di Madre' Dio e Madre nostra, quale sempre è sbat,a c< nsiderata dal po lolo cristiano. lo sviluppo del tema la collezione è staba arlicol.ata nelle seguenti parti; \ TA DELLA MADONNA (fogli.t rt ) Dalle [rr< fezie alla Sua gloriosa Âsstrnzione. Sacra scritbura e Tradizione hanno sernpre presentato Maria 'come Madre di Dio e di tubto il genere umano NÍ1t,t,A DEVOZONE E NELLA TR^DZONE POPOL^{E (fogli -' j '' F'este di traclizioni- secolari, umili tabernacoli, statue di origine leggenclaria, immagini miracolose, attestano 1a'fi1ia.l e fiducia ctrn 1a qua-.le si rivolgono alla Madre di Dio i cristj-ani di tutbo il mondo. ( foeli "/ ) Â1la particolare butela della Vgrgirresi s< no in ogni bempo affidat,i'fidnciosi popoli e nazioni di tutti i c< ntinenbi. ì cr^ndr s^ntuart M^rìrANr ( f og'ti' i'!-\ il mondg è çgsbellato d-i Santuari dedicati alla Vergine. Di quesbi a1- cuni lranno assunbo una impgrbanza er:ce?ionale, sia per i1 numero clei pellegrini, sia [)er la che :ispiiano..devoz,.ic ne \i-le O'ERE )E GRAND AÌTTST (foeli.'i o ) t massimi artisti di tutti i berirpi lranno raff-igurat'o la Madonna nelle l.dro opere più famose. \t.tll ' 11RTts popol^re ( f o$t.i '.,' ó ) Ânclre arbisti più umi-li - e spesso i.l loro nome è rimasto ignoto h rr n9 iltes.l corr -l.e lor< o[)ere renclerr: omaggi:o r.1.].a Madre dj- l)i<-r. (i.t totaj-e, cotnl)reso il- f ng.l-i.o tli l)reserlbaz j-<- ne: (f og.t. i') J i )

24 GTJGLELMO MARCON lnvenzlot"t e oyl.o-t^l l l9:l e stato proclamato l'anno dt Gugl telmo 'larcont e dedicato al e celebraztonr del "primo centenario del l'tnvenztone del la radto". 0uesta collezrone, composta di 16 fogli, non vuole es re una storia della radio e t delle teleco aztont. E' s nte a stor ia di l'larconi, C SUO esperimenti, le sue dimostraz ioni, le sue scoperte e, infine, le sue cariche e glr onori che gll furono resi in vita e anche dop0 a sua scomparsa, poichè ìe sue rnvenztonr e le sue scoperte rimasero a indicare nuove vie e nuove mete della scienza al servizto dell'umanità. i L: l Foto con:utografo dl Gugllelmo l,larconl scattata a bordo dell'elettra nel t910, quando fu nomlnato Presidente clell'accademla d'teia.

25 E D ri le u c 000 decennio Pacifico, fantastici blocco di iolombo, di Cortès, dei fratelli Pízarro, di Caboto e di tutti coloro che sognarono di ritagliarsi un dominio in terre ignote - dal Rio Grande a Capo Horn - in nome del proprio re, della propria fede e della propria brama.. Da diari, lettere, resoconti, vividamente balzano vidità di guadagno, le ripugnanze, l'occasionale zelo missionario, lo stato esaltato e quasi allucinatorio in cuivissero ugual i nella storiadell'umanità;e, dietro le loro parole piene difurore o di quelle raze vinte, per cui la conquista sarebbe stato un trauma e ferocia, si awerte a tratti, fievole ma distinto, secolare. ljnexpected conlinent, risen lor barring the courses ol lhe early navigators towards the lndies, abounding in spices, Arnerica wæ r.eguqed, for some decadæ, as an Asian peninsuta, and Cuba was mislaken lor the labled Japan. 1nly when Balbæ nn lhrough the Pæilig 0æan, and Magellan estimated itsextentsion,lhe Euròpeans identilied those tandswith anewworld to ravage,to baptiæ, to colonize.thelanlaslicandbloodstainedtenples ol Mexico, lhe imaginary gotd oiet Dorado and the concrete wealth ol Peru merged into a Cabol and ol all those who This cotlection letts lhe advenlures and the crines, lhe triumphs and the failures dræmt a dominion in unknown lands, in the name ol lheir own king, ol lheir own failh, of lheir own avidity. Fromtheirdiaries,tettersandreportsstandclearlyouttheirprejudices,the.avidityof prolits,lherepugnances,lhe ocasionalmissionaryzæl,lheexcited and nærly enlranced state in which they lived an incomparable experience in the human histlry: and, Mhind their words full ol lury and Íieræness, we can notice al intemls, feebly but distinctly, the lrightened cry ol lhose defeaþd races, who sullered lhe conqæst as a secular tragedy. fogli esposti sheets exhibited L'AMERCA SC0PEBÎA E Pfll PËRtUTA? secoli bui - navigatori scandinavi AMEf/ CA TTSCOVEßEL Al0 fhen L0S1? The dark centuries - The Scandinavian navigators. PRMA!Et[A SCOPEBA. viaggiatori e le loro relazioni - ll contesto storico - Le esplorazioni portoghesi - La -rivoluzione tolemaica' - Alla ricerca delle isole atlantiche. BEF0nE ÍrtF DtSC0VEnl. fhe travellers and their reports - lhe historicalconlext - The Portuguese explorations - The 'Ptolemaic revolulion' - ln search ol the Allantic lslands. CRSTFR0 C00MB0. L'uomo e itmarinaio - Verso l'awentura - preparativi - La nave ammiraglia - La flotta - ll primo viaggio - ll ritorno in Europa - ll secondo viaggio -.ll terzo viaggio - ll quarto viaggio. CHnrSfOPHEn C0LUH! US. The nan and lhe saloir - Towards theadventure - Íhapreparations - The flagship - The lleet - The lirst vlyage - The relurn lo Europe - The sæond v1yage - lhe third voyage -The lourth voyage. la RCERCA OE"PASSAGGf'UERS0 ['AS A. Ricerca del passaggio a S.W. - Ricerca del passaggio a N,W. - portoghesi in Brasile - Gli Spagnoli e le coste. fhe OUESÍ F0ß? SSí0ES" ÍOWAnDS AS[A.' The quest lor South West passage - The quest lor North Wesl passage - fhe Portuguese in Brail - The Spaniards and lhe coasts. ; 'AMERCA. Dedicato a Colombo - prodotti del Nuovo Mondo - Dall'Europa all'america. AnEnßA. Dediæled to Columbus - The producß ol the New Worid - From Europe to America l[ GOilqUFTA. Una presa di coscienza - Hernàn Cortès - Pizano e gli altri 'Conquistadores' - Da'dove provengono gli 'lndiañi'? - Una'donchisciottesca' spedizione - La nascita dello spirito moderno. fne C QUESÍ. Taking up a consciousness - Hernàn Corlès - Pizarro and the olhers'conquistadores' - Where do lhe 'tndians'come lron? - A'quixotic' expedition - Íhe bifth ol the nodern spirit.

26 Restituire al buddismo il suo vero orizzonte storico significa anche rilevare la profonda originalità della sua dottrina, seguirne le trasformazioni, ricordare al distratto Occidente, talvolta attratto e talvolta respinto dal pensiero orientale, la stupefacente espansione nella popolosissimaasia di un insegnamento vivo da venticinque secoli, che ai nostriocchi è pieno di paradossi, enigmatico come il sorriso di alcune statue di Buddha: una religione senza Dio, un pessimismo che raggiunge la serenità totale, una saggezza d'impronta aristocratica penetrata nelle masse, un ateismo alla ricerca dell'assoluto La collezione, nel suo piccolo, vuol restituire, nel loro esatto contesto storico e dottr nale, nozioni ormai diffuse anche nell'odierno Occidente. t SUO TEMPO, ta SUA DOTTRNA. [, DA PREBUDDSTA Periodo vedico Periodo brahmanico L'lndia nel Vl secolo a.c La dottrina del samkhya ll jainismo. '1.6 - fondamenti religiosi. fogli o l),1 rí o post \, l.'l /ì J 20. [A YTA D BUDDHA La giovinezza L'illuminazione La morte La dottrina e le sue quattro verità sante ll nirvana Le comunità. i-! 4 ) x a a o 30. STORA DET BUDDSMO 3.1 -ltreveicoli ll buddismo nell'lndia e nell'asia meridionale ll buddismo nel Tibet e in Mongolia ll buddismo in Cina ll buddismo in Giappone ll buddismo e l'occidente. tota e l-l 1? ;. (.!);,ì) í!') õ þ

27 Oggi ò di moda interessarei d l mondo della natura o, almono a parole, occuparsi di problemi di conservazione delle nogtre rieorse e bellezze naturali. A vedere i risultati pratici, però, ei sarebbe tentati di affermare che il mondo della natu a non intereeea alcuno. Fortunatamente non ò coeí e, nel guo piccolo, cerca di dimostrarlo questa collezione. Eeea ò dedicata a tutti coloro che Bi interesseno di ornitologia, anche eolo per ampliare la propria preparazione culturale. Mi auguro che eerva a risvegliare Degli anirûi "tiepidi" la paeeione per lo studio degli uccelli e la convinzione che eolo conoecendolo a fondo salveremo il mondo degli Aninali, cui noi pure apparteniamo. elli elt û 5 1i lo r.2-2o P, toõ.t õ.õ - õ.4-4o- 4.r o e õ.5 -,ALL'ABCtrAEoPTEnYX AL PASSEno Gli snlnaü dell'aria ventisette orrlini. CTó CUU (XGOBRE PEB VOTAAE Le penne. Le varie forme di volo. Le vista. L'enlgna della nþazlone. COE S TUTBOO G, UCGE,L Cfbo rla ogdi habttat. Ma Btri nel tuffo. Come ei nutmno i r.apaci. Becchi utili e bizzarri. DA,A SCtrUSA DE..'UOVO AL 'AD TO *i:ii*0"'ento ai nidi. :: C,ome venf,ono allevatl i nid,iacei. " VERSo Ut EQU BRo CO t L'UoDlo L'gllevamento. " L'uomo, nemlco o &mmlngtol, ' G[ uccelli come divinitè e stmboli. ' Gli uccelll nell'arte. " grandi nomi dell'ornitologa. 'r totel 'r fogli (lr ) (,.) tt tt ( ( ( ( ( ( ( ( ( ( ( ( ( ospostl tt (f) (i ) " (: " (: " (, "( "( "( "( "(,, tt tt tt ) ) ) ) ) ) ) ) )

28 Piano della collezione - NTRODUZONE E PANO. LE ORGN a- Le prime autoverture h- Le prime compelizioni 2 - TPT D GARE q- "Formula" b- Sport-Prototipi e G.T. c- Rally e Raid d- Salita e- Categorie minori 3. LE AUTO DA COMPETZONE a- "Formula" b- Sport-Prototipi c- Rally 4. PROTAGONST a- Piloti b- Costrullori 5 - CRCUT a- Permanenli b- Temporanei 6. LE STATSTCHE o- Record b- Le curiosità T.NORMEEREGOLAMENT a- La sicurezza b- Trisli eventi E. GL ACCESSOR a- Pneumalici b- Benzine e lubrificanti c- Componenti ausi liari g.esposzonemostre a- Musei b- Filateliche 9 collezione 2 3 L, 4l 1Z 4o z ' z a' L J, 2 L 7 n" fogli esposli t1.lt )9ô,),./ i :. :.-- it.,1 n 4 -t! /. 'i ' ì. ái t JE

29 9.ã, TUTT.ã, VELOCT T.A \ quando l'ou.tomobì)e lû {otto lø ua compo./z o nella atozla;l'uomo ha 4ønPae de Ldetzato naggùngetze,la maz Lna ve-loci-tà ct n ent)-ta da quetto me33o meccan-lco, petz{evlonondolo ctt tan-temen'te in ogni auo ponllcolotze. Ho co L modo dl ceno.rce)ze, bnlvi.do dello ve,locità.,1'inzfancabi)ilà. ddineço coza che, pnìna d,l o.l)ona, nu'l,'lo gll ovevo aaptfo done, Ln zpitti-to d-l zlval)-tà. {tza L co ttzu,tlonl gtzto ollo na ci,ta dl que-.tta øttivì-tà. aponllva dove l'.tomo deve eve/ze,ol,ùte a doll innoå.e, nezi-ttenta e concenitzovlone urli-ti al conagglo nece/t o./zlo pe.z domatze le nuove {onve zpnlglono'te d.ollo mecca Lca. No cono co L le plìt dizpzate compe)-lvlon-l apozllve, che o{-{'zono oppntuni-tà. d.i contitutl mlgut-lonamenll ne)le pteztavloni,nel/a af{idabil)-tà, nei conzuml ed. anche ne.l,la alcutzeh7a, cort.loçtttentemenfe i zaane t i anche u/le au'tomobijl dl nonmo)-e pzoduvlone. Ln nlcenca dd.la pe,,z{evlone eaazpetzafø de,l ünomlo "tn)il ct4næjf)tut' è. pel4o d.efetzninanfe pe'z i) conzegtine t-to d.d.ta vi-ttonio, ffi TOttt.r ttr* Í æßli ñl-re - Lt!, é Orn 193 fr.r,ftc )ì.. llorul,?. t60 lyrt}o.âvc., l otrfl Jiotrçlr (la,lif. '/

30 Piano della collezione Vo ca,z.ic.r. t: -VOCMON: UNA PAROLA DTFFCLE n significato della vocazione cristiana L'itinerario vocazionale 2. LNA VTA: DON4ANDE E RSPOSTE vlea, lzza,ùlsl Chi è 'uomo? Che cosa cerca? 2.2 -Le risposte sbagliate Cercare la propria vocazione 3 - STOR,A D CH HA DETTO S' L'Antico Testamento Maria Gesf Cristo Testimoni del Risorto 4 - CRSTO E' AL CENTRO DELLA NOSTRA VTA Cristo uomo come noi, uomo diverso da noi Gli insegnamenti del Maesto 5 - LA CHESA: NTTA' NELLA DTVERSTA' 5.1-La Chiesa, comunità dei chiamati a fede della Chiesa 5.3 -Laliturgia 5.4 -Lacuità n Vangelo: un messaggio universale Carismi vocazioni, ministeri n Cr^i sfo 6. DRE D S' AL SGNORE Costruire il proprio futuro 6.2 -l-epreghiera F-:ealizzare la propria vocazione

31 8 Ffuo alla cùtquanfesitna stella è una ricostruzione delle vicende storiche e politiche americane, dalla scoperta fino all'acquisizione del cinquantesimo Stato. La collezione - divisa in due parti - traccia lo sviluppo politico, sociale, economico e culturale di una società per certi versi estremamente orþinale e per altri continuamente ancorata alle sue radici europee. Nel descrivere questi temi principali, con materiale filatelico rigorosamente tematico, mi sono awalso degli indirizzi storici più recenti per presentare un quadro delle principalitappe evolutive e delle figure più note del pantheon ameflcano, JgtY a. tlto h u.s.p0stagr Pocah,o".asT lo slemmc Å.gli S+a+i tzlni+i.lo lror,dirro d.llo cinqøanlesima Srella. 8 ü '!' úo ïì,,."r..' 144rJ,-u.w i, -4-,.t 8 aprile 1893t atnr.,^lli ',Fancy Can.el=" raffiguranli sf.lle. P-,^ ur.c- f.li.. coincide.nza, temoticct la busta è affranc.cla.c,r, àu. vqlori rcr{figuranli lo "bor^.o ài Colo^bo, lo scoprif otê ê,^,n volonr raffigurar:d.e Frorl[li"r, l'afiefice, p rinc.i p al e d.l l' i r.d i p.n à.rrza sìaløn ifense, SUDDVSONE DELLA COTLEZONE DALLA SCOPERTA ALLA GUERRA Dt SECESSONE La scoperfa egli insediatnenti - "a uita coloniale - La prcspettiva impetiale - Dalf impeto all'indí1ændenza - tivoluzione anericanâ - Nasce 'Unione Federue - fedetulisti: WashingtoneAdams-rcpubblicani:JeffersoneMadison-Nazionalistnoeseftorialistno-L'imperc,facl<soniano-La dinanica della crcscita - rinascitnento anericano: rcligione, totnanficistno dfonna - l odestino manifesto" - il vecchio Sud: wa h"agedia atnericana - La crisi dell'unione - Guerra di Secessione. DALLA GURRA D SECESSONE ALLA CNQUANTSMA STELLA: La ricostruzione: Nord e Sud - Le nuove fiontierc: i Sud e 'Ovest - a grunde imprcnditoria e lbtganizzazione del lavoto - Emerge lamedca modetna - politica dell'età aurea e a rivolta degli agricoltoti - corso dell'imperc - ptogrcssismo: Roosevelt, Taft, Wilson - Wilson e a Grunde Guen'a - Società e culíuru fra e due guene - Rinascifa e declino del paúito tepubblicano - Franklitt Delano Roosevelt e i "New Dea" - Dall'isolazionismo aa guetra globale - mondo in guerra - l ofafu' Deal" e il 'bontenimento'- Societ à e culturu del dolnguertu - Conflifto e Stasi: gli anni cli Eisenhowet'- Le nuove fiontierc,

32 5.4 - La cæ tå l fcàavtssula i t'! : "Può vincere solo la verità" però la vittoria della verità è 'amore". Questa frase di Sant'Agostino ci fa capire che la fede deve essere messa in pratica con 'atte-egiamento concreto dell'amore verso i fratelli.!..1â SÛLÂ YEi'?CSE TALAÎ.{ E'ÀìiÂnSl" E Follereau) "Avevo fame, e mi avete dato da mangiare, ero malato e mi avete assistito,...": queste parole nel vangelo di Matteo ci insegnano l'arnore cristiano che assiste Cristo stesso in chi soffre. f o &.r nanìa. Jntero goslale E' però anche vero che 'amore del Signore verso i poveri viene reso visibile solo da coloro che mettono in pratica un gesto di sewizio e di carità

33 3J - Gcsù Crlqto L'annuncio ai paetorí.. l, uiìï,:) ï úu is ßcrir t ;i- :þ -*r.sav]cl.i;î l.:,,yê :,: ={,å:: Un angelo appare ad alcuni pastori che vegliano nella notte nei pressi della grotta: "Vi annunzio una grande gioia: oggi viè nato nella città didavide un Salvatore". Un coro di angeli loda Dio con queste parole: "Gloria a Dio nel piir alto dei cieli e pace in tena agli uomini che egli ama"..l pastori sono i primi uomini ai quali è stata annunciata la nascita di Gesù Cristo, e decidono di andare subito a vedere il bambino, glorificando e loda do Dio per il dono della salve-za. De.ntellafr^ra ebc,ná. Åì fc,storo nrancanli

34 a scoprta egli inædianenti lrriforuaprohstrnb Mentre la Spagna costruiva il suo impero, altrove in Europa fioriva un nuovo movimento, la Riforma prþtestante, che avrcbbe esacerbato le rivalità nazionali e, incoraggiandola sfida alla potente Spagna cattolíca, avrcbbe influenzato profondamente il corso dei primi anni della storia americana. h fì,ì -..-!,: r' L'unità del mondo cristiano incominciò ad incrinarsi nel lslt rquando Lutero e Calvino scagliarono a loro protesta contro gli abusi della Chiesa Romana. /2 lzr Cte.rv'z,o,nia 19Þ2, J.P. da 40 pfenylig Jl'r orrivo bollo di "Jsolela - N.À' i1l ît, 0 l1 Questa dottrina fornì i fondamenti della doltrina della Chiesa Riformata Tedesca, dei Presbiteriani e degli Ugonotti in Francia,

35 3.3-Ritieofferte Col periodo imperiole un nuovo cullo s'inserisce nello relig one utficiqle di Romo: il culto delsovrono, di quello che i Lotini chiomorono princeps, primo citlodino di nome, e di folto signore ossolulo dello Stoto. Per uno felice coincidenza, ' annu o navqle e ilfrancobollo riguardano Giulio Cesare. \^"* VÄ* \.,on a' t ) ll culto utficiole per 'imperotore nosce col noscere medesimo dell<r nuovo slrulturq politico, onoridivini erono slolirivollio Cesqre. E quondo il dillolore codde lrofitlo doipugnolideicongiuroli, ilpopolo lo credette ossunto fro gli dei. '''..,'. :J ; J :.':.,:-.--,- - -,. -:, - ú fa o R CVTÀVECCH? r) ö ó. :,'': i. -, (. (\,â t 4t1, r'r ) Mo uno vero trodízione dicullo pubblico verso ilsupremo reggilore dello Sloto ho inizio solo con Auguslo.

36 1 L NDA PREBUDDSTA ll jolnlsmo Questo nozlone può p.esbor^sl od equlvoco. L'ohLmso non è LspLr-obo dollo pletò;obbedlsce unlcomenbe ollo pceoccupozlone per- cosl dlr-e egolstlco dl por^re flne ollo cosbr-lzlone del kor^mo, e dl tenecsl ol r-lpor'o dogll olleltomentl del mondo. Lo non-vlolenzo equlvole cosl ollo Lnozlone. (Ð{TilùlRl0 Df lláfll,ofio ff MÄHTilT G XD r raì -'w. rl F! lt--- - i'rfi. r. õú(. rr!.l.{lt ldar t t:ß a E.C.t -20uT 69 þ&t.4.-d& H"otty Chrbtmoc G, a tûl lond oll Good luú dudng thc Coming Ycor fu,øao ltutsbllúll CE'TE}{ÁRO OE iylahatma GAltÐH E.C.T.- GB 2 DE OUTUBRO DE 1969 R láo-v:nlêxcl.r,, É o l,tfl; lfl5, E A \.i i;::i-ìiìl1i: f i-l i.i[u i-:è:':-:. : 1', l-l :: ii rr! :' ' ':r-i!'t"" t"ii;: - E ' noto che Gondhl r per otbener-e L' LndLpendenzo dell' ndlo dogll ngle sl, ovevo fotto dell'ohlmso Lo nonmo supr-emo dello suo ozlone polltlco. Ec co Ln quol modo egll Lo deflnlsce: a -z z= ig c z MAURTUS W 7. Þ "Lo non-vlolenzo non conslsbe nel nlnunclone o quolslosl Lobbo r-eole contr-o LL mole. Es SO, cosl come Lo Lo conceplsco, è ol contcoclo uno Lotto contno LL mole plù obblvo ed effl coce che non Lo Legge del togllone, Lo cul nobuco rnedeslmo svlluppo Lo per-ver-sltò".

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so

T R I BU N A L E D I T R E V IS O A Z I E N D A LE. Pr e me s so 1 T R I BU N A L E D I T R E V IS O BA N D O P E R L A C E S S IO N E C O M P E TI TI V A D EL C O M P E N D I O A Z I E N D A LE D E L C O N C O R D A T O PR EV E N T I V O F 5 Sr l i n l i q u i da z

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero Competenza/e da sviluppare GIOCO: SCARABEO CON SILLABE OCCORRENTE: MATERIALE ALLEGATO E UN SACCHETTO PER CONTENERE LE SILLABE RITAGLIATE. ISTRUZIONI Saper cogliere/usare i suoni della lingua. Saper leggere

Dettagli

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE Cosa è Digicult Il portale web Il magazine online Il podcast e la newsletter L'agenzia D i gi C U L T è u n a p i a t t a f o r m a c u l t u r al e It alia n a o n li

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE

CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE CURRICOLO DI COMPETENZE DI RELIGIONE Competenze in uscita per la classe prima U.A. : Io con gli altri U.A. :Il mondo, dono di Dio. O.S.A. Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini (Conoscenza) O.S.A. Scoprire

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011

Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 Cresco.. con Gesù!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Percorso di educazione alla religione cattolica Anno 2010/2011 1 Unità di apprendimento: La creazione del mondo Motivazione Aiutare

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

ELISABETTA VENDRAMINI

ELISABETTA VENDRAMINI ORA MEDIA In onore della beata ELISABETTA VENDRAMINI vergine e fondatrice festa liturgica 27 aprile 2 INNO Nel canto celebriamo la vergine fedele che ha dato alla Chiesa una famiglia nuova. Di nobili natali,

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Natale del Signore - 25 dicembre

Natale del Signore - 25 dicembre Natale del Signore - 25 dicembre La Messa della notte sviluppa il tema di Gesù luce e pace vera donata agli uomini ( colletta); viene commentata attraverso una lettura tipologica la nascita di Gesù con

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità)

Misericordiosi))come) il))padre) Esperienza)della)grazia)nell'unità) LetteradiNatale2015dell'AbateGeneraleOCist Misericordiosi))come))il))Padre) Roma,8dicembre2015 Solennitàdell'Immacolata Carissimi Vi scrivo questa lettera di Natale proprio mentre inizia il Giubileo della

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" giovedì 14 febbraio 2002 La domenica con Gesù Tempo di Quaresima Domenica 17 febbraio 2002 Tentazione nel deserto Non di solo pane vivrà l uomo, ma di ogni parola che esce

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

Cari genitori e cari ragazzi, auguri da tutti i catechisti per un Santo Natale.

Cari genitori e cari ragazzi, auguri da tutti i catechisti per un Santo Natale. I PRESEPI DEL MONDO Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù

Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù Accademia Cristiana Jeshua Capaci Via Vittorio Emanuele 117-90040 Capaci Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù Responsabile Dott. Gabriele Materiale coperto da copyright personale della

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli