FARMACI Le nuove vaccinazioni - Il Sole 24 Ore del 07/09/2009, di Gian Vincenzo Zucconi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FARMACI Le nuove vaccinazioni - Il Sole 24 Ore del 07/09/2009, di Gian Vincenzo Zucconi"

Transcript

1 Page 1 of 9 FARMACI Le nuove vaccinazioni - Il Sole 24 Ore del 07/09/2009, di Gian Vincenzo Zucconi INFLUENZA A/H1N1 «Ma sul vaccino dobbiamo attendere i test» - Gente del 07/09/2009, di SILVIO GARATTINI Fazio: arrivati i primi 500 mila vaccini - La Stampa del 07/09/2009, di BIANCA SABATINI Virus, arrivate 500 mila dosi di vaccino Fazio: ora manca il nulla osta dell'europa - Il Messaggero del 07/09/2009, di VALENTINA ARCOVIO Quali sono le terapie possibili contro la nuova influenza? - Il Messaggero del 07/09/2009 Il virus dell'influenza A è mutato ed è più pericoloso? - Il Messaggero del 07/09/2009 «Così ho battuto il virus dell'influenza A» - Il Giornale del 07/09/2009, di Simona Calvi "Donne in gravidanza subito il vaccino per l'influenza A" - La Repubblica del 07/09/2009 «Basta allarmismo sull'influenza A È come la stagionale» - Corriere della Sera del 06/09/2009, di Margherita De Bac "Dottore,mi dica se sono infetto" - La Stampa del 06/09/2009 Morto di suina è sepolto come un appestato - La Stampa del 06/09/2009 Le nuove vaccinazioni Il Sole 24 Ore del 07/09/2009, articolo di Gian Vincenzo Zucconi MEDIA PLANET SALUTE DEL BAMBINO p. 3 Poche misure di medicina preventiva possono essere comparate alle vaccinazioni in termini di efficacia, rapporto costo-beneficio e impatto sulla salute pubblica. L'attuazione su larga scala delle vaccinazioni può consentire non solo il controllo delle malattie bersaglio, ma anche la loro eliminazione o addirittura reradicazione dell'infezione a livello mondiale. Le vaccinazioni, pur differendo nelle modalità e nei tempi di somministrazione, offrono una protezione completa e persistente. La maggior parte delle vaccinazioni è praticata nei bambini, con l'obiettivo di proteggerli dalle gravi malattie infettive tipiche dell'infanzia. È bene ricordare, però, che i vaccini non riguardano solo la fascia d'età pediatrica e che possono essere somministrati con successo a qualsiasi età. Le caratteristiche principali di un vaccino efficace sono la sicurezza, la facilità di somministrazione, ma soprattutto la capacità di fornire una protezione efficace. Accanto alle vaccinazioni offerte da tempo alla popolazione, recentemente si sono resi disponibili in commercio nuovi vaccini la cui efficacia e sicurezza è supportata da studi clinici che hanno coinvolto vastissime coorti di soggetti.. Uno dei più recenti vaccini introdotti in commercio è quello contro il Rotavirus. L'infezione da Rotavirus rappresenta la causa più frequente di gastroenterite nei bambini in tutto il mondo è colpisce principalmente sotto i due anni di età. Grazie all'assistenza sanitaria capillare disponibile nei paesi industrializzati, la mortalità per l'infezione da Rotavirus è trascurabile mentre purtroppo, rimane molto elevata nei paesi in via di sviluppo. Tuttavia, oltre al disagio causato alle famiglie, Rotavirus rappresenta una delle principali cause di ospedalizzazione nei paesi sviluppati e quindi si associa a enormi costi sanitari nonché "psicologici" se pensiamo all'ansia generata nella gestione di un'infezione acquisita in una così tenera età. I due vaccini orali contro rotavirus attualmente in commercio vengono somministrati a partire dal secondo mese di vita, proprio per proteggere i bambini più piccoli nei quali l'infezione ha un decorso più severo. L'esperienza di vaccinazione universale contro Rotavirus maturata in altri paesi, in particolare in America (USA ed America Latina) fornisce già segnali molto positivi con una riduzione notevole della patologia in pochissimi anni. Un altro vaccino recentemente commercializzato è il vaccino quadrivalente contro morbillo- parotite-rosolia e varicella che ha come principale vantaggio quello di favorire l'adesione alla vaccinazione contro la varicella poiché combinato al vaccino morbillo-parotiterosolia già offertola più anni nei centri di vaccinazione. Pertanto, questo nuovo vaccino si affianca a quelli già disponibili: il vaccino trivalente morbilloparotite- rosolia, per il quale è in atto una campagna mondiale per l'eliminazione del morbillo e della rosolia congenita, ed il vaccino monovalente contro la varicella, di introduzione più

2 Page 2 of 9 recente nelle strategie di vaccinazione. Infatti, la varicella, seppur considerata benigna, è una malattia che presenta delle complicanze nel 3-5% dei casi. Il decorso può essere grave in tutte le fasce di età ma lo è particolarmente negli adulti (per esempio gravi complicanze in gravidanza), perciò una ridotta circolazione del virus attraverso la vaccinazione dei bambini può indirettamente proteggere gli adulti che non hanno mai avuto la malattia. Negli ultimi tempi si è sentito parlare spesso di infezioni provocate dal Papillomavirus (HPV). Questo virus si trasmette per via sessuale ed è responsabile di molte patologie del tratto genitale, quali il cancro del collo dell'utero, il cancro della vulva e della vagina, i condilomi (verruche) genitali. Il cancro della vulva e della vagina, meno diffusi di quello cervicale, sono malattie devastanti per la qualità di vita delle donne, che spesso richiedono interventi mutilanti e per le quali non esiste un programma di screening organizzato che ne consenta la diagnosi precoce. I condilomi genitali sono una patologia non tumorale, che colpisce sia donne che uomini in giovane età e che spesso incide pesantemente sulla vita di relazione di chi ne è colpito. Esistono molti tipi di Papillomavirus, distinti tramite un numerq; tra questi i principali responsabili delle patologie sopra menzionate sono i tipi 6,11, 16e18. I due vaccini antipapillomavirus attualmente in commercio, uno bivalente e uno quadrivalente, proteggono entrambi dai tipi di Papillomavirus 16 e 18 responsabili di circa il 70% dei casi di tumore del collo dell'utero. Il vaccino quadrivalente è indicato anche nella prevenzione delle lesioni precancerose della vulva e della vagina e dei condilomi genitali causati nel 90% dei casi dai tipi 6 ed 11 di Papillomavirus. L'epoca ideale per la somministrazione del vaccino HPV è l'inizio della pubertà, quando la probabilità di aver contratto l'infezione naturale è quasi nulla. In Italia, tutte le regioni offrono gratuitamente la vaccinazione contro il papillomavirus per le ragazze dodicenni. Molte regioni prevedono la somministrazione gratuita anche ad altre fasce di età o comunque l'accesso alla vaccinazione a prezzo agevolato fino ai 26 anni. I vaccini sono infatti indicati per la somministrazione fino ai 26 anni. Prof Gian Vincenzo Zucconi Direttore Clinica Pediatrica Direttore Dipartimento Matemo-lnfantile Università di Milano- AO Luigi Sacco «Ma sul vaccino dobbiamo attendere i test» Gente del 07/09/2009, articolo di SILVIO GARATTINI N SETTEMBRE 2009 p. 26 «Soltanto quando verrà ultimata questa fase potremo sapere quale sarà la dose da somministrare», dice lo scienziato Silvio Garattini Si fa un gran parlare dell'impiego in tempi brevi del vaccino in grado di proteggere dal virus H1N1 che quest'anno è in preparazione accanto alla vaccinazione influenzale stagionale. Questo vaccino punta a neutralizzare il virus dell'influenza suina che si è propagato a partire dal Messico e ha invaso molti Paesi generando una pandemia. Questo virus non è del tutto nuovo perché una infezione era già avvenuta negli Stati Uniti e in altri Paesi nel La prima considerazione da fare è questa: il vaccino non è ancora stato testato, cioè non ha ancora compiuto tutte le fasi dei test necessari per ottenere l'approvazione da parte dell'autorità europea, l'emea. E si tratta di una circostanza davvero importante perché soltanto quando verrà ultimata la fase dei test si potrà sapere qual è la dose da somministrare e l'effettivo numero delle somministrazioni da effettuare. Resta II fatto che il vaccino non sarà disponibile per tutti e perciò devono essere stabilite delle priorità e per questo il Governo ha indicato che debbano essere vaccinati per primi gli operatori sanitari, perché, se si ammalassero contemporaneamente, verrebbero a mancare le cure non tanto per gli "influenzati", quanto per gli ammalati di malattie gravi che necessitano di esami diagnostici e interventi chirurgici da realizzare con rapidità. Analogamente, verranno vaccinati altri operatori che assicurano servizi fondamentali. Il fatto che non vi siano vaccini per tutti non deve preoccupare, perché i dati disponibili indicano che l'influenza H1N1 è benigna e quindi potrebbe essere curata con i soliti tarmaci antifebbrili e con qualche giorno di riposo. Fra l'altro, poiché il virus H1N1 si diffonde molto rapidamente, è possibile che, quando alla fine dell'anno sarà disponibile il vaccino, sia già passato il picco dell'influenza. È importante che non si diffonda invece la caccia al vaccino e che si seguano le disposizioni che verranno date dall'autorità sanitaria, perché, almeno per ora, questa influenza sembra essere meno grave di quella stagionale. Infine, per evitare inutili timori o prevenzioni di tipo psicologico è bene chiarire qual è il vero ruolo dei vaccini: sono fra i farmaci più efficaci perché bastano poche dosi per ottenere effetti che durano a lungo nel tempo. Hanno un effetto preventivo e quindi in generale non servono per curare. Si basano sull'impiego di virus, come nel caso dell'influenza, che vengono coltivati su uova o su cellule per utilizzarne poi alcune proteine che, iniettate nell'organismo, sono in grado di indurre immunizzazione senza manifestare effetti patologici. L'immunizzazione si attua attraverso la produzione di anticorpi da parte dei soggetti trattati. Gli anticorpi sono delle particolari proteine che hanno la capacità di legarsi a proteine complementari del virus, impedendone l'entrata nelle cellule e quindi bloccandone la crescita. È ciò che accade ogni anno quando, arrivando il virus dell'influenza, se ne previene la diffusione soprattutto nei soggetti a rischio. Sono a rischio pazienti affetti da malattie croniche debilitanti quali malattie polmonari, cardiache, renali o metaboliche come il diabete. In questi soggetti la somministrazione del vaccino antinfluenzale, impedendo la diffusione del virus, evita l'aggravamento della patologia. Il vaccino antinfluenzale è utilizzato anche nei soggetti anziani, perché

3 Page 3 of 9 l'età avanzata potrebbe essere un fattore negativo quanto alla severità dell'influenza. Va detto che il vaccino antinfluenzale, che si utilizza tutti gli anni e che si può definire "stagionale", non è efficace in tutti coloro che vengono trattati. Comunque, anche se si viene infettati, la precedente esposizione al vaccino riduce i sintomi: tosse, raffreddore, disturbi intestinali. Fazio: arrivati i primi 500 mila vaccini La Stampa del 07/09/2009, articolo di BIANCA SABATINI ed. NAZIONALE p. 16 ROMA Influenza A, la marcia alla vaccinazione di massa è ufficialmente cominciata. «Una prima fornitura di 500 mila dosi di vaccino è già arrivata», ha detto il viceministro della Salute Ferruccio Fazio. Secondo il responsabile della sanità, che ha parla con il settimanale Gente, «si tratta di vaccini quarantenati, cioè che non possono essere utilizzati prima dell'autorizzazione dell'emea, l'agenzia europea del farmaco. Non appena l'emea darà le autorizzazioni necessarie, inizieremo la campagna di vaccinazioni per 8,6 milioni di italiani». Sull'inizio della vaccinazione Fazio ha spiegato che «c'è stato garantito che i vaccini ci saranno consegnati entro il 15 novembre, anche se probabilmente potremmo averli già dal 15 ottobre». A questo punto, sottolinea il viceministro «le mamme italiane potranno mandare tranquillamente i loro figli a scuola. E'stato organizzato un sistema di monitoraggio per limitare al massimo i rischi». Quanto alla vaccinazione dei più piccoli, Fazio chiarisce che «non esiste una valutazione completa per i ragazzi sotto i 18 anni e per le donne in stato di gravidanza. Abbiamo chiesto come comportarci al Consiglio superiore di sanità dove siedono i massimi esperti italiani. A febbraio, comunque, quando saranno completati i test vaccineremo anche i più giovani». E proprio sulle vaccinazioni ai giovani si è aperto un nuovo fronte di dibattito. Ne ha parlato ieri il premio Nobel per la Medicina, Luc Montagnier: secondo il Nobel «con l'arrivo dell'inverno la nuova influenza diventerà più pericolosa» e le misure finora adottate per evitare il contagio «non saranno più sufficienti». Per Montagnier anche bambini e anziani, esclusi dalla prima ondata di vaccinazioni per i gruppi di rischio, dovrebbero invece prendere il vaccino. Gli ha fatto eco il virolo Fabrizio Pregliasco: «È giusto e opportuno vaccinare i giovani contro l'influenza, contro quella normale e in particolare contro quella da AH1N1. Sono proprio i giovani, a non avere il sistema immunitario pronto a difendersi dall'attacco di un nuovo virus». Ma per l'esperto italiano la ragione è anche quella di evitare che proprio loro, che frequentano le scuole e che hanno una vita sociale intensa, diventino gli «untori, una bomba biologica». Il 40% dei casi di influenza, ricorda Pregliasco, avviene proprio nella fascia «Non hanno ancora sviluppato una carriera immunitaria rispetto alle precedenti influenza, in particolare quella del 1977 che aveva una variante simile è questa. Intanto tre casi sospetti di influenza A sono stati riscontrati tra i passeggeri sbarcati dalla nave da crociera Costa Concordia a Savona. I primi test rapidi già fatti a bordo della nave sono stati negativi, tuttavia sono scattate le procedure da parte dell'autorità marittima anche per sei loro accompagnatori. Nessuno di loro è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari in ospedale e insieme ai tre passeggeri sottoposti al test sono già potuti tornare a casa. Virus, arrivate 500 mila dosi di vaccino Fazio: ora manca il nulla osta dell'europa Il Messaggero del 07/09/2009, articolo di VALENTINA ARCOVIO ed. Nazionale p. 13 Grave una disabile a Cesena, ma nella sua comunità sono tutti guariti LA CAMPAGNA DI VACCINAZIONE Prevista la vaccinazione di 8,6 milioni di italiani ROMA - Il vaccino contro il virus della nuova influenza è arrivato in Italia. La prima fornitura è di 500 mila dosi che però non possono essere ancora utilizzate prima di un formale via libera. «Si tratta di vaccini quarantenati, cioè che non possono essere utilizzati prima dell'autorizzazione dell'emea, l'agenzia europea del farmaco - spiega il viceministro della Salute Ferruccio Fazio - Infatti, finché non verrà dimostrata la loro totale sicurezza i vaccini non potranno essere somministrati. Non appena l'emea darà le autorizzazioni necessarie inizieremo la campagna di vaccinazioni per 8,6 milioni di italiani». Nel frattempo però il ministero della Salute sta cercando di raccimolarne il più possibile. «C'è stato garantito che i vaccini ci saranno consegnati entro il 15 novembre - dice Fazio anche se prob a b i l m e n t e potremmo averli già dal 15 ottobre». Sul fronte della prevenzione negli istituti scolastici Fazio ribadisce che al momento non c'è la necessità di prendere misure drastiche, come quella della chiusura generalizzata delle scuole. «Le mamme italiane - dice - potranno mandare tranquillamente i loro figli a scuola. E' stato organizzato un sistema di monitoraggio per limitare al massimo i rischi». Quanto alla vaccinazione dei più piccoli, Fazio chiarisce che «non esiste una valutazione completa per i ragazzi sotto i

4 Page 4 of 9 18 anni e per le donne in stato di gravidanza». «Abbiamo chiesto - continua il viceministro - come comportarci al Consiglio superiore di sanità dove siedono i massimi esperti italiani. A febbraio, comunque, quando saranno completati i test vaccineremo anche i più giovani». Ed è proprio su questo punto che è intervenuto il premio Nobel per la medicina, Luc Montagnier. «Sono proprio i giovani a non avere - dice lo scienziato - il sistema immunitario pronto a difendersi dall'attacco di un nuovo virus». Montagnier sottolinea poi che, se esiste la probabilità che il virus muti in «una forma ancora più perniciosa», la responsabilità sarebbe «nelle mani di chi non applica la prevenzione, ma soprattutto di chi non si vaccinerà, in particolar modo i giovani». D'accordo con questa lettura è anche Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università statale di Milano, secondo cui bisogna evitare che i giovani diventino gli «untori, una vera e propria bomba biologica». Ma aldilà di ogni polemica, la realtà dei fatti è che la prima vittima della nuova influenza in Italia è un 51enne, Gaetano D., già molto malato prima del contagio. Una persona adulta, quindi, affetta da diverse patologie debilitanti. Ed è per lo stesso motivo che ora una disabile di 50 anni, contagiata dal virus dell'influenza A, si trova ricoverata in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Bufalini di Cesena. La paziente è infatti affetta da una patologia del sistema immunitario, una malattia che ha reso più critiche le sue condizioni di salute. La donna era ospite di una comunità residenziale per disabili adulti in cui nei giorni scorsi si sono registrati alcuni casi di nuova influenza. «Ma sono tutti guariti», precisa il responsabile dell'igiene Pubblica di Cesena, Luigi Salizzato, spiegando che per le cure è intervenuto il medico di famiglia e i malati si sono ristabiliti dopo alcuni giorni trascorsi a letto. «Attorno all'influenza A - aggiunge Salizzato - si sta creando un panico ingiustificato, che porta a eccessi come quelli di Napoli, caso in cui la persona morta non ha potuto neppure avere un funerale normale. Ma le morti per l'influenza classica sono molte di più». ITALIA SONO I CASI DI INFLUENZA A IN ITALIA SECONDO I DATI DIFFUSI DAI CENTRI EUROPEI PER IL CONTROLLO DELLE MALATTIE EURO 800 MILIONI DOVREBBERO ESSERE SPESI DALL'ITALIA PER I VACCINI. PER IL PRESIDENTE DI FARMINDUSTRIA ALLA FINE SI SPENDERA' LA META' MONDO SONO I CASI DI CONTAGIO DELL'INFLUENZA A NEL MONDO. I MORTI SONO STATI FINORA IL DATO E' DELL'AGOSTO SCORSO Come si cura un malato a casa Influenza A, i consigli del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) di Atlanta, Stati Uniti PER EVITARE LA DIFFUSIONE DEL VIRUS... - tenere il più possibile in isolamento il malato - ricordargli di portare sempre la mano alla bocca prima di starnutire o tossire - far lavare spesso le mani ai famigliari - se a contatto con gli altri, far indossare sempre al malato una mascherina - stanza separata - porta della camera sempre chiusa - bagno separato DOVE TENERE LA PERSONA MALATA - nessuna visita, meglio le telefonate - chi accudisce il malato deve indossare la mascherina - usare asciugamani separati - arieggiare bene i locali di uso comune (sala e cucina) COME PROTEGGERE CHI VIVE IN CASA CON IL MALATO LA PULIZIA DELLA CASA - gettare i fazzoletti usati dal malato e lavarsi bene le mani - tenere le superfici, soprattutto dei giocattoli e in bagno, sempre pulite - lavare sempre con il detersivo i piatti prima che vengano usati da altri componenti della famiglia - lavare in lavatrice le lenzuola e gli asciugamani evitando di toccarle troppo prima di lavarle Foto: La disinfezione dell'asl nell abitazione del 51enne morto a Secondigliano Quali sono le terapie possibili contro la nuova influenza? Il Messaggero del 07/09/2009 ed. Nazionale p. 13

5 Page 5 of 9 Sono solo due le molecole che sono in grado di attenuare la replicazione del virus influenzale e quindi di accorciare la durata dell'infezione. Si tratta dell'oseltamivir e del zanamivir, due molecole commercializzate con nomi differenti in Italia. Sono farmaci che possono essere acquistati dietro prescrizione del medico e che sono disponibili in diversi formati: pillole, gocce o spray. Questi antivirali hanno però importanti effetti collaterali per cui è bene prenderli solo sotto controllo medico. Inoltre dai dati rilevati sul campo pare che il virus pandemico H1N1 abbia ormai acquisito una discreta resistenza a questi farmaci. Il virus dell'influenza A è mutato ed è più pericoloso? Il Messaggero del 07/09/2009 ed. Nazionale p. 13 No per il momento non si è registrato nessun tipo di mutazione genetica del virus. In centinaia di campioni prelevati in tutto il mondo gli esperti dell'organizzazione Mondiale della Sanità gli esperti hanno analizzato migliaia di campioni provenienti da tutto il mondo e non hanno rilevato nessun cambiamento della struttura genetica del virus. Sembra poi da escludere che questo virus possa ricombinarsi con quello dell'influenza stagionale e dar vita ad un nuovo ceppo ancora più aggressivo. Al momento tutte le ricerche hanno escluso questa possibilità. «Così ho battuto il virus dell'influenza A» Il Giornale del 07/09/2009, articolo di Simona Calvi ed. Nazionale p. 17 Quando il ragazzo di 24 anni è arrivato da Parma era in condizioni disperate: insufficienza renale e polmoni fermi «Solo grazie ad una tecnica usata nel nostro ospedale siamo riusciti a sconfiggere l'infezione. Ma non è ancora finita» L'ATTESA «Era lucido, gli ho detto "ti devo addormentare"». Sono passate due settimane Giuseppe Foti "È stato il Tamiflu l'antidoto più efficace Guarigione La certezza l'avremo solo la settimana prossima DEBOLEZZA Al momento non ci preoccupa l'h1n1, ma le condizioni cliniche «Ora dovremo intubarti. Poi ti addormenteremo perché i tuoi polmoni non riescono a funzionare come dovrebbero». Era lucido, cosciente e queste sono state le ultime parole che ha sentito. Pronunciate con fiducia e calma da chi è abituato ad affrontare le situazioni peggiori. E la sua, quella di F. F., il 24enne di Parma ricoverato all'ospedale San Gerardo di Monza a causa dell'influenza da virus H1N1, era questo: un caso gravissimo. Il primo in Italia di attacco virulento da parte del morbo. Quel sonno dura da due settimane. Lui nulla sa e neppure immagina di essere diventato un caso nazionale. Semplicemente lotta per la vita. Sabato sono arrivati i risultati dei test inviati all'istituto virologico di Milano. Un primo esame aveva dato esito negativo. Niente più virus. Gli ultimi hanno rilevato ancora delle tracce minime. Ma potrebbe non trattarsi di un ritorno. Su questa possibilità conta Giuseppe Foti, responsabile dell'unità operativa del reparto di Terapia intensiva del San Gerardo. Lui è uno dei medici che lo hanno assistito fin dai primi istanti. Dottor Foti, qual è la situazione a oggi? «Il secondo test ha dato un risultato che non va però considerato sicuro al 100%. In questo campione è stata rinvenuta una quantità bassissima che fa pensare si possa trattare del "cadavere" del virus stesso. La sensazione clinica ci fa pensare a quest'ipotesi anche se la certezza l'avremo la prossima settimana. Comunque quello che stiamo vedendo non è più il risultato dell'infezione virale». Significa che l'influenza è stata debellata o almeno quasi debellata? «La battaglia non è più contro l'h1n1 e di questo sono abbastanza convinto. Sono le condizioni cliniche del paziente, l'insufficienza renale, parzialmente risolta, e quella polmonare che è ancora forte. Fa quasi ridere dirlo, ma l'influenza l'abbiamo combattuta con il Tamiflu che ha dimostrato di funzionare benissimo». Con quello che sta succedendo sembra paradossale... «Non lo è. Noi riconosciamo un'infezione e la curiamo con un antimicrobico o un antivirale. Ma se questa è una condizione necessaria, non è però sufficiente. Spesso dobbiamo ricorrere a tecniche aggressive. In questo caso siamo stati molto aggressivi. Abbiamo utilizzato tutte le nostre armi. E il gioco, se così si può dire, è proprio questo. L'organismo viene liberato dal virus, ma ha bisogno di recuperare dai danni generati da cure molto invasive. La terapia antibiotica sembra stia funzionando». Qual è l'aspetto più preoccupante? «Le montagne russe. I pazienti di questo tipo migliorano e peggiorano, ma è normale. Nei cittadini, invece, queste notizie possono creare confusione e paure ingiustificate. Bisogna pensare a una partita di calcio: si attacca, si pareggia, magari si incassa un gol, ma alla fine si vince la partita». Una partita che avete temuto di perdere? «Ricordo quando siamo stati chiamati dai colleghi di Parma. Avevano fatto tutto il possibile, avevano lavorato in modo eccellente e aggiungo che non meritavano di essere messi sotto pressione come è accaduto in questi giorni. La situazione era gravissima. Ci hanno contattato perché sanno che utilizziamo la tecnica dell'extracorporea e dal 2004 riusciamo anche a trasportarla in altri ospedali. Quando siamo arrivati abbiamo tentato prima con l'ossido nitrico, ma non ha funzionato. A quel punto abbiamo attivato la circolazione artificiale». Parliamo di Ecmo giusto? «Senza questa tecnica il

6 Page 6 of 9 ragazzo sarebbe morto di lì a poco, probabilmente entro le 24 ore. I polmoni erano fermi, un rene non funzionava, la pressione era bassissima. Si stava sfasciando, in gergo medico un'insufficienza multiorgano. Non appena abbiamo attivato il macchinario, la situazione è migliorata. In questo caso non bastavano le tecniche convenzionali». Una macchina salvavita... «Una tecnica innovativa e importante. Come medico sono cresciuto a pane ed Ecmo anche se in realtà non è ancora diffusa per una questione di know how. È una modalità di intervento delicata che prevede il prelievo di sangue attraverso una vena dell'inguine, la sua ossigenazione e poi il ritorno nell'organismo del paziente». Quando avete capito che si trattava di H1N1? «Due giorni dopo. A Parma avevano fatto esami a tappeto, alcuni erano ancora in corso. Dopo averlo stabilizzato, abbiamo consultato lo pneumologo e a quel punto tra le ipotesi è emersa anche quella dell'influenza suina. Confermata poi dai test». Qual è stato il momento peggiore? «L'intubamento, a Parma. Avevamo solo la tranquillità di stare facendo tutto il possibile». "Donne in gravidanza subito il vaccino per l'influenza A" La Repubblica del 07/09/2009 ed. Torino p. 02 LE DONNE in gravidanza devono avere la priorità per quanta riguarda il vaccino per l'influenza A. Lo dice il ginecologo e medico radicale Silvio Viale che aggiunge: «Non vorrei che il silenzio del ministero sul rapporto tra la nuova influenza e la gravidanza, magari dietro il falso alibi di non creare panico, finisca per gettare nell'angoscia decine di migliaia di donne che partoriranno nei prossimi mesi, quelli del picco di H1N1». «Le donne in gravidanza - aggiunge Viale - devono avere la priorità per il vaccino per poter potenzialmente proteggere anche i neonati». «Il ministero - continua Viale - deve dire se è in grado di fornire il vaccino alle donne in gravidanza»" «Basta allarmismo sull'influenza A È come la stagionale» Corriere della Sera del 06/09/2009, articolo di Margherita De Bac ed. NAZIONALE p. 19 Richiamo di Garattini. Disinfettante nei metrò IL COMMENTO di Mario Pappagallo nelle Idee&Opinioni ROMA - «Niente di diverso rispetto all'influenza stagionale, tanta enfasi è ingiustificata», polemizza Silvio Garattini nel commentare quanto è accaduto a Napoli, dopo la morte di un uomo al Cotugno. Prima vittima «indiretta» della pandemia. L'uomo era infatti gravemente ammalato (insufficienza renale, cardiomiopatia dilatativa, problemi psichiatrici) e avrebbe rischiato la vita con qualsiasi altro virus. Eppure nel capoluogo partenopeo si sono avute reazioni irragionevoli. «Trovo ingiustificata la corsa all'acquisto di antibiotici, che non sono efficaci contro i virus e servono unicamente quando compaiono infezioni batteriche. Non c'è motivo di allarmarsi. In Italia l'a H1N1 ha colpito poche persone», dice il farmacologo. Questa settimana il ministero del Welfare approverà la campagna di informazione, con spot, cartellonistica e opuscoli, coordinata dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Paolo Bonaiuti. Altri Paesi sono già partiti. Da noi l'ondata pandemica sta avanzando con lentezza, il numero di casi e di morti è inferiore ad altre realtà europee (uno su 5 mila casi segnalati) e non c'era ragione di anticipare troppo la diffusione di messaggi che si sarebbero persi e che rischiavano di dover essere aggiornati in base all'evoluzione della malattia. Nei prossimi giorni la riapertura delle scuole costituirà il primo vero banco di prova. Da questo momento c'è da attendersi un aumento di infezioni perché l'aggregazione favorisce la trasmissione del virus specie tra i più piccoli. I pediatri però raccomandano ai genitori di non lasciarsi condizionare da timori infondati: «Lasciate tornare i vostri ragazzi in aula», consiglia l'infettivologo Salvatore Catania. E dà qualche suggerimento sulla preparazione dello zainetto dove non dovrebbero mancare fazzoletti di carta e salviettine disinfettanti. Sì alla vaccinazione, non appena il farmaco sarà disponibile. Se il calendario verrà rispettato la fascia di popolazione tra 2 e 27 anni verrà protetta a partire da gennaio ma non è escluso un anticipo. Tutto dipende dalla consegna delle dosi, si spera già a fine settembre. Scadenza che permetterebbe di cominciare a vaccinare malati cronici (adulti e bambini) e personale dei servizi essenziali già a metà ottobre. Scatta questa settimana il piano di sorveglianza nei pronto soccorso, un altro dato per monitorare il cammino dell'epidemia. Mercoledì l'unità di crisi coordinata dal viceministro al Welfare Ferruccio Fazio prenderà nuove decisioni. A Milano, intanto, scatta l'«operazione mani pulite» contro la nuova influenza A. «Ci stiamo attivando per verificare la fattibilità» di un progetto che prevede «l'installazione in luoghi pubblici, mezzanini della metropolitana e scuole, di dispenser per la disinfezione delle mani, principale veicolo di diffusione delle malattie aeree, come il virus H1N1». Lo ha annunciato l'assessore alla Salute del Comune, Giampaolo

7 Page 7 of 9 Landi di Chiavenna, dopo la riunione della task force anti-pandemia a Palazzo Marino. RIPRODUZIONE RISERVATA "Dottore,mi dica se sono infetto" La Stampa del 06/09/2009 ed. NAZIONALE p. 9 NAPOLI Viaggio tra le paure degli italiani in coda al pronto soccorso "Sono stato all'estero, voglio imedicinali contro il virus" Dario è un omone di 32 anni. Quando esce dal varco dell'accettazione la fidanzata gli lancia le braccia al collo. Malcela un certo imbarazzo, complice anche la mascherina verde che stona con la maglietta blu che indossa. Due giorni in isolamento per sentirsi dire che lui non ha contratto il virus H1N1. «Una liberazione. - spiega - Non è bello restare in isolamento per due giorni a contemplare un soffitto bianco». Il piazzale davanti all'ospedale Cotugno di Napoli è battuto da un vento fresco che rompe l'afa e che contribuisce a rendere gli animi più sereni. «Avevo la febbre a 39 - spiega Dario - ed ero tornato da un viaggio in Croazia. Sono andato prima all'ospedale San Paolo (nel quartiere Fuorigrotta ndr) e lì mi hanno detto di venire al Cotugno». Qui, nella zona ospedaliera del capoluogo partenopeo, Dario era ricoverato da giovedì. Ieri mattina i medici lo hanno dimesso. «E' stato davvero avvilente, senza parlare poi della paura. Per fortuna è finito tutto. Adesso torno a casa per riposare un po'». Dall'inizio della diffusione del virus H1N1 l'azienda ospedaliera napoletana ha predisposto un'area dedicata del pronto soccorso, a cui si accede rigorosamente indossando la mascherina di protezione. Alla palazzina si accede percorrendo un viale alberato lungo duecento metri. Somiglia molto ad un edificio gotico, con quel misto di grigio e rosso sbiadito e gli angoli a vista. Nel piazzale antistante si radunano amici e parenti di chi, all'interno, viene sottoposto agli accertamenti di rito. Una padre è alla ricerca disperata di una sigaretta. E' qui dalle 11 e attende che i medici sciolgano la riserva sulle condizioni di salute del figlio. Trova assistenza da una signora che gli porge la sigaretta con un sorriso. L'uomo aspira la prima boccata e si calma. «Paura? Sicuramente sì, penso che la situazione si normalizzerà quando si apriranno le scuole. Solo allora la paura passerà a tutti». Intanto arriva il figlio, mascherina d'ordinanza, reduce da un viaggio in Spagna. «Sono stato ad Ibiza - spiega il giovane di 23 anni - e sono tornato lo scorso 23 agosto. Da allora ho iniziato ad accusare febbre alta e crisi respiratorie». Si è deciso così a salire questa specie di collina della speranza e a sottoporsi al tampone. «Erano due i medici, con mascherina e guanti. Mi hanno prima chiesto come mi sentivo, poi mi hanno ascoltato le spalle e visto la gola. Infine il tampone: al naso e alla gola». Un po' guascone dice di non avere paura della malattia. Ma forse è un modo per esorcizzarla. «Voglio solo sapere che malattia ho, così per curarmi bene. La suina? Non ho paura». Sono le 16.30, un infermiere chiama padre e figlio: dopo mezz'ora escono con un sorriso a metà. «Un medico ha quasi escluso il contagio - spiega il padre - ma solo lunedì conosceremo i risultati del tampone. Intanto dovrà sottoporsi ad una terapia medicinale». E a 10 giorni di isolamento, così come è scritto sul referto. Gioia, paura e speranza si mischiano in un questo piazzale dove il profumo degli alberi è inebriante. Una donna varca l'accesso mostrando a tutti un foglio. Viene da Salerno e ha accompagnato il figlio che stava male. «Bronchite» si legge sul quel pezzo di carta, insieme ad una lunga lista di farmaci. Nelle stanze dietro a questa palazzina di mattoni restano quattro i ricoverati «ufficialmente» affetti da influenza A, accertata dai test - in condizioni non preoccupanti come ripetono i medici - ma il bollettino, il numero dei pazienti varia di ora in ora. «E' una situazione estremamente "fluida" - spiega il direttore sanitario dell'ospedale napoletano, Cosimo Maiorino - per un paziente che viene momentaneamente ricoverato, magari ne vengono dimessi due. Non ha senso fare questi calcoli». Un giovane alto e biondo esce quasi urlando con il pugno alzato. Tutti lo guardano e sorridono. Due donne gli aprono le braccia: sono la madre e la zia. Ha 23 anni, professione modello, è ricoverato da cinque giorni e non ne può più. «Aveva la febbre alta e ci hanno detto di venire qui», spiega la zia. La madre è un trionfo di gioia: «Guardate quanto è bello, per fortuna non gli è successo nulla». Solo il tempo di una piccola critica al sistema antipandemia: «Solo al Cotugno fanno il tampone, è assurdo. Dovrebbero attrezzare altri ospedali per questo tipo di accertamenti». In attesa dell'autorizzazione ministeriale per effettuare i test anche al Monaldi e al Secondo Policlinico, l'ospedale Cotugno è l'unico ospedale della Campania dove è possibile recarsi: «Qui - dicono i sanitari - affluiranno tantissime persone preoccupate anche solo per un banale raffreddore, perciò è necessario che un primo screening venga fatto dai medici di base e dai Pronto soccorso degli altri ospedali». Morto di suina è sepolto come un appestato La Stampa del 06/09/2009 ed. NAZIONALE p. 8 Napoli, al funerale solo la madre e due parenti I portantini arrivano con le mascherine sul viso

8 Page 8 of 9 NAPOLI Nella chiesa di Sant'Antonio da Padova a Napoli ci sono poche persone e una bara al centro della navata. Si celebra il funerale di Gaetano, il «paziente zero», il primo caduto italiano, vittima di un quadro clinico grave reso disperato dal virus H1N1. In chiesa c'è la mamma Antonietta, la zia e la cugina. Sono in fondo al tempio, timorose e chiuse nel loro dolore composto. Don Giuseppe officia la messa e benedice la salma in clima surreale. Niente manifesti, nessun fiore. A dare man forte soltanto un paio di fedeli che si recano sempre in chiesa per le preghiere del mattino. Dieci minuti prima cinque portantini dell'impresa funebre avevano portato la bara ai piedi dell'altare su un carrello, indossando delle mascherine. Stazza imponente Antonietta non si avvicina mai al feretro: è silenziosa e pare distratta. Forse pensa che adesso campare con la sua sola pensione minima si fa davvero dura, anche se orgogliosamente ha sempre rifiutato qualsiasi aiuto. Suo figlio nel quartiere era conosciuto come Gaetanone per via della stazza fisica imponente. Capelli biondi, occhi azzurri e un pantalone di tela tirato sempre fin sopra all'ombelico, passeggiava sotto casa a Secondigliano facendo la spola tra gli esercizi commerciali della zona. Lui, che da vivo, a causa della sua oligofrenia, una patologia mentale, era considerato un tipo molto strano, da morto ha provocato lo spostamento di mezz'ora di un matrimonio per evitare un imbarazzante incontro tra due riti completamente opposti. «Non m'aspettavo di fare questo funerale stamattina - dice don Giuseppe Nicodemo - credevo che Gaetano e la madre frequentassero un'altra chiesa. Non li conoscevo, in quarant'anni non ho mai visto una cosa del genere. È un fatto molto triste vedere poca gente che ti è vicina nella preghiera e che rende l'ultimo saluto a un fratello che è andato via. Questo deve far riflettere tutti». L'alibi Ma forse non è stata la paura del contagio a far disertare la chiesa. Alcuni abitanti del quartiere, infatti, erano convinti che i funerali si fossero già celebrati. Altri, invece, ignoravano il luogo dove il rito funebre sarebbe stato celebrato. Perché a Secondigliano la paura sembra che stia passando. Gli stessi vicini di casa di Gaetano si sono tranquillizzati dopo che la loro richiesta perentoria di disinfettare il monolocale nel quale viveva l'uomo, insieme con la madre, è stata esaudita. Un clima tranquillo sia per il presidente dell'ordine dei medici, Gabriele Peperoni, sia per il presidente di Federfarma Napoli, Michele Di Iorio. «Non c'è affatto un clima di psicosi in città, le farmacie non sono state prese d'assalto - commenta Di Iorio - c'è solo qualcuno che arriva con la prescrizione del Tamiflu o che acquista prodotti per l'igiene, disinfettanti, ma parliamo di un minimo aumento, neanche del dieci per cento». Negli studi medici sono soprattutto gli anziani a chiedere informazioni. «Vogliono sapere quando è possibile vaccinarsi, come è possibile prevenire - spiega Peperoni - molti chiedono la prescrizione di prodotti antivirali ma, al momento, non si registra un clima da psicosi». Allarme scuola La preoccupazione serpeggia invece tra le madri che, con l'avvio dell'anno scolastico, temono un contagio per i figli. Il pediatra Alfredo Ponticelli, assessore comunale allo Sport, traccia il quadro della situazione: «Se prima, quando i bimbi avevano la febbre, si aspettava qualche giorno prima di farli visitare, ora le mamme ce li portano subito perché hanno paura che si tratti della nuova influenza. Ci chiedono che si può fare per evitarla, se ci sono medicinali. Un aumento di telefonate e di visite negli ultimi giorni c'è stato». \ [FIRMA]PAOLO POLETTI GINEVRA «Il virus pandemico continua a essere predominante rispetto ai virus dell'influenza stagionale circolanti, sia nell'emisfero Sud sia in quello Nord». Per l'organizzazione mondiale della sanità (Oms) il virus della suina non è mutato. «Tutti i campioni di H1N1 analizzati - scrive l'oms nel suo bollettino - si sono rivelati simili al campione di riferimento. Dunque non si è ancora verificata la temuta mutazione in un patogeno più virulento». In questo contesto la notizia secondo cui una piccola compagnia farmaceutica cinese avrebbe pronto un vaccino contro la suina desta «grande preoccupazione a livello mondiale», afferma Walter Pasini, direttore del Centro Global Health. Pasini sottolinea che «è altamente improbabile che tale azienda possa aver superato per tempistica i colossi multinazionali del farmaco che hanno investito miliardi di dollari in tecnologia». E avverte: «È possibile che la piccola azienda cinese non abbia rispettato appieno i protocolli di sicurezza del vaccino. È possibile quindi che il vaccino possa provocare effetti collaterali, anche seri, a breve distanza». Intanto continua a salire il bilancio dei decessi legati all'influenza A/H1N1. Alla data di ieri «sono almeno 2837», sostiene il bollettino dell'oms il cui direttore generale è la cinese Margaret Chan. Seicento casi in più rispetto a dieci giorni fa. Quelli accertati sono in tutto il mondo, in Europa. Il continente americano resta la zona più colpita, con casi di cui 2234 mortali. Ma i dati sembrano sottostimati, visto che ai Paesi non è più richiesto di testare ogni singolo caso d'influenza. Secondo gli esperti il picco dell'epidemia è già stato superato in diverse regioni dell'emisfero meridionale (Cile, Argentina, Australia e Nuova Zelanda). Ma un'attività sostenuta del virus si registra ancora in Sud Africa e nelle aree occidentali del continente australiano. In Giappone l'influenza è in crescita. In Europa

9 Page 9 of 9 la situazione è variegata: benché sia registrata un'attività piuttosto bassa del virus pandemico, in alcuni Paesi risulta più elevata, come in Austria. I decessi europei sono finora 120.

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza

Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others. www.euro.who.int/influenza Influenza A(H1N1) How to protect yourself and others www.euro.who.int/influenza INFLUENZA A(H1N1) COSA E QUESTA NUOVA INFLUENZA 1. Cosa è l Influenza A(H1N1)? L influenza A(H1N1) è un nuovo virus influenzale

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K

Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K V O L U M E 8, N U M E R O 8 Bollettino sanitario D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G I E N E M E N T A L E D E L L A C I T T À D I N E W Y O R K D I P A R T I M E N T O D I S A N I T A E I G

Dettagli

Influenza suina: l influenza A (H1N1)

Influenza suina: l influenza A (H1N1) . Influenza suina: l influenza A (H1N1) Il virus: lui chi è Ad aprile si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale di tipo A (H1N1), precedentemente identificato

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

FAQ Influenza stagionale

FAQ Influenza stagionale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 17.09.2013 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere

L influenza pandemica: tutto ciò che dovete sapere Sigla editoriale Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Editore: Ufficio federale della sanità pubblica Data di pubblicazione: settembre 2009 L opuscolo è pubblicato anche nelle seguenti lingue: Tedesco

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1

GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 I.T.I. OMAR GESTIONE SCOLASTICA DEL VIRUS INFLUENZALE A/H1N1 Procedure igienico sanitarie OTTOBRE 2009 REVISIONE 01 SOMMARIO La sindrome influenzale da virus A/H1N1 3 Misure di prevenzione 3 Come lavare

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna

Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna Stagione Influenzale 2014-2015 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna Descrizione dell epidemia. La stagione influenzale appena trascorsa si è dimostrata di particolare intensità sia per

Dettagli

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE

Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Prevenire i tumori del collo uterino INFORMAZIONI PER TUTTE LE DONNE Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 Una grande sfida... 03 02 DOMANDE E RISPOSTE... 05 Quale è la causa del tumore del collo

Dettagli

La TBC (tubercolosi) è una malattia infettiva generalmente a carico dei polmoni, anche se può colpire qualsiasi parte del corpo.

La TBC (tubercolosi) è una malattia infettiva generalmente a carico dei polmoni, anche se può colpire qualsiasi parte del corpo. Tuberculosis Italian Page 1 La tubercolosi TBC - malattia, cura e prevenzione Immunizzazione Il modo più sicuro di proteggere la vostra salute Page 2 LA TUBERCOLOSI La TBC (tubercolosi) è una malattia

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ESPOSITIVO IN CORSO DI PANDEMIA INFLUENZALE

RACCOMANDAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ESPOSITIVO IN CORSO DI PANDEMIA INFLUENZALE RACCOMANDAZIONI PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ESPOSITIVO IN CORSO DI PANDEMIA INFLUENZALE Introduzione Ad aprile del 2009, si sono registrati in Messico casi di infezione nell uomo da nuovo virus influenzale

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Antibiotici, usali con cautela Campagna di comunicazione per un uso corretto degli antibiotici L Italia tra i Paesi UE ad più alto consumo,

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411

RASSEGNA STAMPA: NUTRIZIONE E BENESSERE A cura di www.integratorinutrizionali.it - infoline: 347 3712411 NUTRIZIONE CELLULARE: QUELLO CHE IL TUO MEDICO DEVE SAPERE Parla il Dr. David B. Katzin, M.D., Ph.D. specialista in Scienza della Nutrizione, Fisiologia, Cardiovascolare e Medicina interna (...) Io sono

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

NAPOLI - Via Toledo, 156 - Tel. 081 5510703 - Fax 081 5519297 - www.federfarmanapoli.it. La nuova influenza A(H1N1) Informazioni per il cittadino

NAPOLI - Via Toledo, 156 - Tel. 081 5510703 - Fax 081 5519297 - www.federfarmanapoli.it. La nuova influenza A(H1N1) Informazioni per il cittadino Associazione Sindacale dei Titolari di Farmacia della Provincia di Napoli NAPOLI - Via Toledo, 156 - Tel. 081 5510703 - Fax 081 5519297 - www.federfarmanapoli.it La nuova influenza A(H1N1) Informazioni

Dettagli

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV 4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV conosci 1/2 Ho 21 anni, sono una ragazza carina Con l ultimo ragazzo è durata tre mesi e, ahimè, ci sono stati rapporti non protetti...ora

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi LA COMUNICAZIONE SULLA VACCINAZIONE CHIAREZZA E CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI DI SANITÀ PUBBLICA SUL VACCINO CONTRO

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015

Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015 Rapporto sull andamento epidemiologico dell influenza nella Regione Veneto, stagione 2014-2015 STRUTTURE COMPETENTI REDAZIONE A CURA DI Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria Settore Promozione e

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita

Bollettino Epidemiologico n. 98. e-mail: sep@aslbenevento1.it. Rosolia: perché rischiare? Campagna di Eliminazione della Rosolia Congenita Dipartimento di Prevenzione E&P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 98 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - 0824 308286-9 Fax 0824-308302 e-mail: sep@aslbenevento1.it Rosolia: perché rischiare?

Dettagli

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 : vaccini Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 03/2011 34-38 Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 A cura della Commissione Vaccini della SIAIP

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE CHE COSA SONO Sono malattie che vengono trasmesse da una persona all'altra prevalentemente per contatto sessuale. Vengono anche

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho

Progetto dell UNICEF Svizzera. «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Progetto dell UNICEF Svizzera «Il mio quarto bimbo è sopravvissuto: è venuto al mondo senza HIV» Marafelie Khechane, Lesotho Quasi ogni minuto nasce un bebè sieropositivo. Senza un oppo la metà di loro

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza rara di una infezione comune Il

Dettagli

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it. Prevenzione: la nostra buona. abitudine

Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it. Prevenzione: la nostra buona. abitudine Call Center 840.000.006 www.sanita.regione.lombardia.it Prevenzione: la nostra buona abitudine Carcinoma della cervice uterina: attacchiamolo da più fronti Il carcinoma della cervice uterina: una conseguenza

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it RASSEGNA STAMPA A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Rubrica Primo Piano 41 Il Messaggero - Cronaca di Roma 11/06/2015 "MI HANNO

Dettagli

Per qualunque ed ulteriore informazione si faccia riferimento al proprio Medico.

Per qualunque ed ulteriore informazione si faccia riferimento al proprio Medico. F.A.R.O. S.R.L. Formazione - Antinfortunistica - Ricerche - Orientamenti Via Lavoratori Autobianchi, 1 20033 Desio (Mi) C.F. e P. IVA 02502170968 C.C.I.A.A. n. 1482084 Telefono (0362) 306216 fax (0362)

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7 Tiratura 01/2015: 68.758 Diffusione 01/2015: 50.722 Lettori III 2014: 376.000 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Alessandro Cassinis 13-APR-2015 da pag. 7 13-04-2015

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La speranza, una grande speranza, era che il declino

La speranza, una grande speranza, era che il declino Epatite Cronica B, malattia sommersa Intervista a Mario Rizzetto L Epatite Cronica B può causare cicatrici e sovvertimento nella struttura epatica, portando a cirrosi e tumore epatico La speranza, una

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Il tuo Pediatra Il tuo Pediatra Gentili Genitori, abbiamo realizzato questa guida Il tuo Pediatra per presentare in modo semplice e comprensibile l

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

gratuita per alcune categorie:

gratuita per alcune categorie: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Vaccinazione antinfluenzale stagionale 2010-2011 l ASL organizza LA CAMPAGNA ANTINFLUENZALE in collaborazione con i Medici di Medicina Generale con inizio il giorno 2

Dettagli

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study

Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Studio svizzero della coorte HIV Swiss HIV Cohort Study Dal 1988 lo Studio svizzero della coorte HIV è al servizio di persone affette da HIV/AIDS e in questo periodo ha accompagnato più di 18 500 persone.

Dettagli

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14 Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228 Dir. Resp.: Roberto Napoletano 25-OTT-2014 da pag. 14 Stabilità. Boschi: "Il taglio al fondo per i malati di Sla può essere rivisto in Parlamento" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=24002

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai:

Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai: a comprendere testi orali e scritti sulla sanità a parlare della tua salute parole relative alla corpo umano e alla salute a usare il passato prossimo

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI

01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI ASCA 01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI (ASCA) - Roma, 1 lug - Le associazioni dei pazienti di Aids e oncologici ''richiamano Governo e AIFA a vigilare affinche'

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE. RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE RELENZA 5 mg/dose polvere per inalazione in contenitore monodose zanamivir Legga attentamente tutto questo foglio prima di iniziare ad usare questo

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono:

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono: salute al maschile, L IMPEGNO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI PER gli uomini Nel 2015 la Fondazione Umberto Veronesi s impegna in un progetto specificatamente dedicato alla salute maschile per rispondere

Dettagli

Comprendere il processo del decesso

Comprendere il processo del decesso Governo dell'australia occidentale Ministero della Salute WA Cancer and Palliative Care Network (Rete sulla cura del cancro e le cure palliative dell'australia occidentale) Comprendere il processo del

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

Rassegna Stampa. Comunicato stampa LA SIFO: AFFIDARE AL FARMACISTA I CONTROLLI DELLE TERAPIE COSI' SI POSSONO RIDURRE GLI ERRORI IN REPARTO

Rassegna Stampa. Comunicato stampa LA SIFO: AFFIDARE AL FARMACISTA I CONTROLLI DELLE TERAPIE COSI' SI POSSONO RIDURRE GLI ERRORI IN REPARTO Rassegna Stampa Comunicato stampa LA SIFO: AFFIDARE AL FARMACISTA I CONTROLLI DELLE TERAPIE COSI' SI POSSONO RIDURRE GLI ERRORI IN REPARTO Intermedia s.r.l. per la comunicazione integrata Via Malta, 12/B

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

ADA-SCID: le storie dei bambini salvati all HSR-TIGET con la terapia genica

ADA-SCID: le storie dei bambini salvati all HSR-TIGET con la terapia genica Conferenza stampa Telethon alla Rai Roma, 10 dicembre 2008 ADA-SCID: le storie dei bambini salvati all HSR-TIGET con la terapia genica Sono passati più di 8 anni da quando la prima bambina palestinese

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

L'INFLUENZA AVIARIA: ISTRUZIONI PER L'USO

L'INFLUENZA AVIARIA: ISTRUZIONI PER L'USO L'INFLUENZA AVIARIA: ISTRUZIONI PER L'USO A cura di: Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Redazione e progetto editoriale: Intermedia per la Comunicazione

Dettagli

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE

SITUAZIONE MATERIALI DA DISINFETTARE PROCEDURE Il 5 luglio scorso l Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato contenuta in tutto il mondo l epidemia di SARS. Ciononostante occorre mantenere alta la vigilanza globale. A questo proposito

Dettagli

Oggetto: Proposte Fimmg Lazio per fronteggiare la Pandemia Influenzale.

Oggetto: Proposte Fimmg Lazio per fronteggiare la Pandemia Influenzale. Il Segretario Generale Regionale del Lazio Roma,31.8.09 Pagina 1 di 6 Prot. PLB 839/09 Alla cortese attenzione del Commissario Ad acta per la Sanità Della Regione Lazio Presidente Piero Marrazzo Via Cristoforo

Dettagli

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=20640 Pagina 1 di 2 28/03/2014 quotidianosanità.it Venerdì 28 MARZO 2014

Dettagli

14-09-2014 50/51 1 / 5

14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 1 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 2 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 3 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 4 / 5 Quotidiano 14-09-2014 50/51 5 / 5 QUOTIDIANO AIOM: estendiamo i divieti

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

La cura dei denti. Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili

La cura dei denti. Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili La cura dei denti Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili Anna Maria Fratangelo, insegnante di scuola primaria C. è una bambina di otto

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego Il vaccino a virus vivi ed attenuati (ceppo OKA) è stato messo a punto da Takahashi e coll. ed attualmente i vaccini disponibili commercialmente

Dettagli

che la Giunta Regionale della Campania ha approvato, con delibera n.1203 del 3/07/2009, il piano pandemico

che la Giunta Regionale della Campania ha approvato, con delibera n.1203 del 3/07/2009, il piano pandemico A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 1457 del 11 settembre 2009 Linee di indirizzo per le attività cliniche dell'influenza da virus A/H1N1 PREMESSO che negli ultimi anni il rischio di una

Dettagli

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25 Domande e risposte su Donazioni e Trapianti Si è svolta lo scorso giovedì 15 marzo presso la Casa del Volontariato la prima di una serie di serate dedicate all informazione sul tema delle Donazioni e Trapianti

Dettagli

SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE. www.donaresangue.it

SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE. www.donaresangue.it SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE www.donaresangue.it DONARE SANGUE È CONDIVIDERE DIVENTA PROTAGONISTA! Chi l ha già fatto te lo può confermare: è un momento intenso e sincero, una piccola

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Epatite C: l assalto dei nuovi farmaci

Epatite C: l assalto dei nuovi farmaci 1 di 5 Stampa Stampa senza immagine Chiudi IL CONGRESSO Epatite C: l assalto dei nuovi farmaci Molto più efficaci delle precedenti terapia, ma dai costi ancora proibitivi LONDRA - Nel mondo, ogni anno,

Dettagli