LICEO SCIENTIFICO STATALE G. BRUNO MESTRE VENEZIA RELAZIONE FINALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO STATALE G. BRUNO MESTRE VENEZIA RELAZIONE FINALE"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. BRUNO MESTRE VENEZIA RELAZIONE FINALE Docente: Martina BISON Anno sc. 2011/12 Materia: religione cattolica Ore settimanali: 1 CLASSE I B La classe, che ha frequentato il corso di religione cattolica, è formata da 17 studenti che si avvalgono dell IRC ai quali si é aggiunto, durante l anno scolastico, 1 alunno no IRC. La classe si è presentata fin dai primi momenti molto disponibile, attenta, riflessiva ed impegnata ed ha manifestato interesse e criticità. Tutti gli alunni hanno partecipato, pur in modo differenziato, attivamente al percorso educativo. Particolare interesse hanno riscosso i temi biblici e la figura di S. Agostino d Ippona. OBIETTIVI ACQUISITI Lo studente: a) conosce e sa rilevare il contributo della tradizione ebraico-cristiana allo sviluppo della civiltà umana nel corso dei secoli, confrontandolo con le problematiche attuali. b) conosce e sa riflettere sulla dimensione religiosa della vita a partire dalla conoscenza della Bibbia, della persona di Gesù, dei primi testimoni della fede cristiana, cogliendo la natura del linguaggio religioso e specificamente del linguaggio cristiano. c) sa confrontarsi con i valori affermati dalla Bibbia e testimoniati dalla comunità cristiana nei secoli. d) approfondisce la conoscenza della persona e del messaggio di salvezza di Gesù Cristo, come documentato nella Bibbia e in altre fonti storiche. CONTENUTI: Gli obiettivi proposti hanno preso corpo nelle lezioni (unità di apprendimento) in tal ordine: a) la Bibbia, documento fondamentale per la tradizione religiosa ebraico-cristiana: Antico e Nuovo Testamento. b) contesto storico geografico politico e culturale del periodo in cui visse Gesù e dei primi secoli cristiani. c) chiavi di lettura dei simboli della fede e dell arte paleocristiana. METODI E STRUMENTI Vari i metodi impiegati. A) Lezione frontale, per il raggiungimento di un più alto livello di conoscenza. B) Contemporanea intersezione della lezione con: - approfondimenti provenienti da: documenti ufficiali della Chiesa, scritti dei Padri Apostolici, Sacre Scritture; - mezzi multimediali audiovisivi (dvd tematici quali: Ruth, Abramo, Gesù di Nazareth, Agostino; vhs quale: S. Pietro) C) Domande, riflessioni, piccoli dibattiti volutamente condotti su alcuni punti chiave degli argomenti proposti al fine di ampliare negli studenti la capacità d individuare la ricchezza del messaggio evangelico. VALUTAZIONE La valutazione è riferita all interesse col quale lo studente ha seguito l IRC e ai risultati formativi conseguiti. Circa la metodologia, ci si è serviti soprattutto dell osservazione diretta durante la lezione e del controllo verbale. I livelli valutati sono stati i seguenti: a) livello di linguaggio: apprendimento/riespressione; b) livello di atteggiamento (verificare se gli alunni dimostrano attenzione, chiedono ulteriori spiegazioni oppure dimostrano noia, stanchezza); c) livello di criticità (analizzare se 1

2 gli alunni sono in grado di fare ragionamenti sul problema in modo serio, motivato, critico, non in forma puramente emotiva e generica). PROGRAMMA SVOLTO: LA BIBBIA, documento fondamentale per la tradizione religiosa ebraico-cristiana. 1) Lettura guidata di alcune pagine bibliche tratte dal Libro di Ruth. Valori emergenti dal Libro di Ruth: lealtà, solidarietà, aiuto, fedeltà, amore, coraggio, fiducia, abbandono. Lettura: la forza del dono ad oltranza da Avvenire maggio Compendio alla Dottrina Sociale della Chiesa n 147. Dibattito. DVD La storia di Ruth. 2) Libro della Genesi. Abramo. Gn 17,4. Gn 22,18. Vangeli: Mt 1,1 e Lc 16, DVD Abramo. ROMA ANTICA: riti funebri, strade e vie di comunicazione, consuetudo traianea, Lettera di Plinio il giovane a Traiano, persecuzioni (motivi politici, religiosi, culturali), martiri Scilitani. Editto di Galerio. Editto di Costantino. Dal libro di testo di Giussani: un martire dei nostri giorni Uganda Africa. I SIMBOLI DELLA FEDE. Antico Testamento (esempio: altare, roveto ardente, ) e Nuovo Testamento (esempio: la barca, le chiavi, ). NATALE E PASQUA EBRAICA E CRISTIANA. Jus gladii e privilegio pasquale. DVD Gesù di Nazareth di F. Zeffirelli. TERMINI: sacramentum. BATTESIMO dei primi secoli cristiani. Età apostolica, post-apostolica. MESSA. Agape Fraterna. Celebrazione eucaristica. PADRI DELLA CHIESA. PATROLOGIA E PATRISTICA. San Girolamo. Lettera agli Smirnesi e la gerarchia della Chiesa. Gregorio di Nazianzio. SANT AGOSTINO D IPPONA Vita ed opere. La madre S. Monica: il sogno. Confessioni (brani tratti dal libro IX, I, III, IV). DVD Agostino. Firma della docente Firma degli studenti: 1) 2) 2

3 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. BRUNO MESTRE VENEZIA RELAZIONE FINALE Docente: Martina BISON Anno sc. 2011/12 Materia: religione cattolica Ore settimanali: 1 CLASSE I G La classe, che ha frequentato il corso di religione cattolica, è formata da 17 studenti che si avvalgono dell IRC ai quali si sono aggiunti, durante l anno scolastico, 3 alunni no IRC. La classe si è presentata fin dai primi momenti molto disponibile, attenta, riflessiva ed impegnata. Ha manifestato interesse e criticità. Tutti gli alunni hanno partecipato, pur in modo diversificato, attivamente al percorso educativo. Particolare interesse hanno riscosso i temi biblici e la figura di S. Agostino d Ippona. OBIETTIVI ACQUISITI Lo studente: a) conosce e sa rilevare il contributo della tradizione ebraico-cristiana allo sviluppo della civiltà umana nel corso dei secoli, confrontandolo con le problematiche attuali. b) conosce e sa riflettere sulla dimensione religiosa della vita a partire dalla conoscenza della Bibbia, della persona di Gesù, dei primi testimoni della fede cristiana, cogliendo la natura del linguaggio religioso e specificamente del linguaggio cristiano. c) sa confrontarsi con i valori affermati dalla Bibbia e testimoniati dalla comunità cristiana nei secoli. d) approfondisce la conoscenza della persona e del messaggio di salvezza di Gesù Cristo, come documentato nella Bibbia e in altre fonti storiche. CONTENUTI: Gli obiettivi proposti hanno preso corpo nelle lezioni (unità di apprendimento) in tal ordine: a) la Bibbia, documento fondamentale per la tradizione religiosa ebraico-cristiana: Antico e Nuovo Testamento. b) contesto storico geografico politico e culturale del periodo in cui visse Gesù e dei primi secoli cristiani. c) chiavi di lettura dei simboli della fede e dell arte paleocristiana. METODI E STRUMENTI Vari i metodi impiegati. A) Lezione frontale, per il raggiungimento di un più alto livello di conoscenza. B) Contemporanea intersezione della lezione con: - approfondimenti provenienti da: documenti ufficiali della Chiesa, scritti dei Padri Apostolici, Sacre Scritture; - mezzi multimediali audiovisivi (dvd tematici quali: Ruth, Abramo, Gesù di Nazareth, Agostino; vhs quale: S. Pietro) C) Domande, riflessioni, piccoli dibattiti volutamente condotti su alcuni punti chiave degli argomenti proposti al fine di ampliare negli studenti la capacità d individuare la ricchezza del messaggio evangelico. VALUTAZIONE La valutazione è riferita all interesse col quale lo studente ha seguito l IRC e ai risultati formativi conseguiti. Circa la metodologia, ci si è serviti soprattutto dell osservazione diretta durante la lezione e del controllo verbale. I livelli valutati sono stati i seguenti: a) livello di linguaggio: apprendimento/riespressione; b) livello di atteggiamento (verificare se gli alunni dimostrano attenzione, chiedono ulteriori spiegazioni oppure dimostrano noia, stanchezza); c) livello di criticità (analizzare se 1

4 gli alunni sono in grado di fare ragionamenti sul problema in modo serio, motivato, critico, non in forma puramente emotiva e generica). PROGRAMMA SVOLTO: LA BIBBIA, documento fondamentale per la tradizione religiosa ebraico-cristiana. 1) Lettura guidata di alcune pagine bibliche tratte dal Libro di Ruth. Valori emergenti dal Libro di Ruth: lealtà, solidarietà, aiuto, fedeltà, amore, coraggio, fiducia, abbandono. Lettura: la forza del dono ad oltranza da Avvenire maggio Compendio alla Dottrina Sociale della Chiesa n 147. Dibattito. DVD La storia di Ruth. 2) Libro della Genesi. Abramo. Gn 17,4. Gn 22,18. Vangeli: Mt 1,1 e Lc 16, DVD Abramo. ROMA ANTICA: riti funebri, strade e vie di comunicazione, Consuetudo Traianea, Lettera di Plinio il giovane a Traiano, persecuzioni (motivi politici, religiosi, culturali), martiri Scilitani. Editto di Galerio. Editto di Costantino. Dal libro di testo di Giussani: un martire dei nostri giorni Uganda Africa. I SIMBOLI DELLA FEDE. Antico Testamento (esempio: altare, roveto ardente, ) e Nuovo Testamento (esempio: la barca, le chiavi, ). NATALE E PASQUA EBRAICA E CRISTIANA. Jus gladii e privilegio pasquale. DVD Gesù di Nazareth di F. Zeffirelli. TERMINI: sacramentum. BATTESIMO dei primi secoli cristiani. Età apostolica, post-apostolica. MESSA. Agape Fraterna. Celebrazione eucaristica. PADRI DELLA CHIESA. PATROLOGIA E PATRISTICA. San Girolamo. Lettera agli Smirnesi e la gerarchia della Chiesa. Gregorio di Nazianzio. SANT AGOSTINO D IPPONA Vita ed opere. S. Monica: il sogno. Confessioni (brani tratti dal libro IX, I, III, IV). DVD Agostino. Firma della docente Firma degli studenti: 1) 2) 2

5 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. BRUNO MESTRE VENEZIA RELAZIONE FINALE Docente: Martina BISON Anno sc. 2011/12 Materia: religione cattolica Ore settimanali: 1 CLASSE II B La classe, che ha frequentato il corso di religione cattolica, è formata da 23 studenti che si avvalgono dell IRC. Uno studente ha seguito le lezioni solo a partire dal 26 gennaio c.a. La classe è molto vivace. Per una parte degli studenti la partecipazione alle lezioni è stata piuttosto dispersiva. OBIETTIVI ACQUISITI Lo studente: a) conosce e sa rilevare il contributo della tradizione ebraico-cristiana allo sviluppo della civiltà umana nel corso dei secoli, confrontandolo con le problematiche attuali. b) conosce e sa riflettere sulla dimensione religiosa della vita a partire dalla conoscenza della Bibbia, della persona di Gesù, dei primi testimoni della fede cristiana, cogliendo la natura del linguaggio religioso e specificamente del linguaggio cristiano. c) sa confrontarsi con i valori affermati dai testimoni della fede. d) approfondisce la conoscenza della persona e del messaggio di salvezza di Gesù Cristo. CONTENUTI: Gli obiettivi proposti hanno preso corpo nelle lezioni (unità di apprendimento) in tal ordine: a) la Bibbia ed altri documenti fondamentali per la tradizione religiosa cristiana. b) contesto storico geografico politico e culturale del periodo in cui visse Gesù e dei primi secoli cristiani. c) S. Agostino d Ippona: vita ed opere. c) Introduzione al Medioevo cristiano: testimoni della fede (es: S. Francesco) ed Ordini. d) Riforma della Chiesa Cattolica: riforma dall alto, riforma dal basso. e) Definizione di Bene Comune in Dottrina sociale della Chiesa. METODI E STRUMENTI Vari i metodi impiegati. A) Lezione frontale, per il raggiungimento di un più alto livello di conoscenza. B) Contemporanea intersezione della lezione con: - approfondimenti provenienti da: documenti ufficiali della Chiesa, scritti dei Padri Apostolici, Sacre Scritture; - mezzi multimediali audiovisivi (dvd tematici quali: Gesù di Nazareth, S. Agostino, S. Francesco). C) Piccole riflessioni volutamente condotte su alcuni punti chiave degli argomenti proposti al fine di ampliare negli studenti la capacità d individuare la ricchezza del messaggio evangelico. VERIFICA E VALUTAZIONE La valutazione è riferita all interesse mediante il quale lo studente ha seguito l IRC ed i risultati formativi conseguiti. Circa la metodologia ci si è serviti della osservazione diretta durante le lezioni e della valutazione dell opportunità degli interventi. I livelli valutati sono i seguenti: a) livello di linguaggio; b) livello di atteggiamento; c) livello di criticità e coinvolgimento. La griglia usata, con i relativi indicatori, è quella del POF. 1

6 PROGRAMMA SVOLTO: I UdA - La Bibbia, documento fondamentale per la tradizione religiosa ebraico-cristiana. - Il libro di Ruth: introduzione storica e tematica del libro. - i valori emergenti dal testo biblico confrontati con tematiche attuali proposte in due articoli tratti da Avvenire su la forza del dono ad oltranza ed in DSC n Dvd: La storia di Ruth. II UdA Natale e Pasqua ebraica e cristiana. Jus gladii e privilegio pasquale. Dvd: Gesù di Nazareth di F. Zeffirelli. III UdA - Dottrina Sociale della Chiesa: il bene comune, principio di sussidiarietà, pr. di solidarietà, realizzazione di un mondo equo e solidale, proprietà privata, tutela dell ambiente, pace e giustizia, il valore della famiglia. - Il Microcredito: Yunus, premio Nobel; promozione dello sviluppo economico e sociale dal basso. IV UdA - La Basilica della Madonna della Salute di Venezia: il voto, la storia, l architettura. V UdA - Il Monachesimo Orientale ed Occidentale. - Eremiti e Cenobiti. - S. Gregorio Magno. - S. Benedetto da Norcia. Dvd: Uomini di Dio e Dvd: Storia della Chiesa Cattolica. VI UdA - (Fotocopia) Nel Medioevo un ideale vissuto di unità. - Diffusione dei Monasteri in Europa nell Epoca Medievale (fotocopia). - Cantico di Frate sole e Tu mi cammini a fianco in Mia giovinezza di Ada Negri. Dvd: Francesco di L. Cavani. VII UdA Cenni: Riforma della Chiesa cattolica: riforma dall alto, riforma dal basso. Cenni: Santa Caterina da Siena: Dialogo della Divina Provvidenza cap. 15. Dvd: Storia della Chiesa Cattolica. VIII UdA Sant Agostino d Ippona. Vita ed opere (Confessioni, De Trinitate, De civitate, De libero arbitrio, De Vera Religione). S. Monica (madre). Confessioni (brani tratti dal libro IX, I, III, IV). La divina chiamata dettato. - Regina caeli di Papa Benedetto XVI del ove riferimento a S. Agostino. Dvd: Agostino. Data Firma della docente Firma degli studenti: 1) 2) 2

7 LICEO SCIENTIFICO STATALE G. BRUNO MESTRE VENEZIA RELAZIONE FINALE Docente: Martina BISON Anno sc. 2011/12 Materia: religione cattolica Ore settimanali: 1 CLASSE II G La classe, che ha frequentato il corso di religione cattolica, è formata da 15 studenti che si avvalgono dell IRC ai quali si é aggiunto, durante l anno scolastico, 1 alunno no IRC. La maggior parte dei componenti della classe si è presentata fin dai primi momenti molto disponibile, attenta, riflessiva. Tutti gli alunni hanno partecipato attivamente, pur in modo differenziato, al percorso educativo. Due lezioni non sono state svolte per: assemblea studenti ed effettuazione prove invalsi. OBIETTIVI ACQUISITI Lo studente: a) conosce e sa rilevare il contributo della tradizione ebraico-cristiana allo sviluppo della civiltà umana nel corso dei secoli, confrontandolo con le problematiche attuali. b) conosce e sa riflettere sulla dimensione religiosa della vita a partire dalla conoscenza della Bibbia, della persona di Gesù, dei primi testimoni della fede cristiana, cogliendo la natura del linguaggio religioso e specificamente del linguaggio cristiano. c) sa confrontarsi con i valori affermati dalla Bibbia e testimoniati dalla comunità cristiana nei secoli. d) approfondisce la conoscenza della persona e del messaggio di salvezza di Gesù Cristo, come documentato nella Bibbia e in altre fonti storiche. CONTENUTI: Gli obiettivi proposti hanno preso corpo nelle lezioni (unità di apprendimento) in tal ordine: a) la Bibbia ed altri documenti fondamentali per la tradizione religiosa cristiana. b) contesto storico geografico politico e culturale del periodo in cui visse Gesù e dei primi secoli cristiani. Le persecuzioni. c) chiavi di lettura dei simboli della fede e dell arte paleocristiana. d) I Padri della Chiesa. e) Introduzione al Medioevo cristiano. f) Definizione di Bene Comune. METODI E STRUMENTI Vari i metodi impiegati. A) Lezione frontale, per il raggiungimento di un più alto livello di conoscenza. B) Contemporanea intersezione della lezione con: - approfondimenti provenienti da: documenti ufficiali della Chiesa, scritti dei Padri Apostolici, Sacre Scritture; - mezzi multimediali audiovisivi (dvd tematici quali: Gesù di Nazareth, S. Agostino, S. Francesco). C) Piccole riflessioni volutamente condotte su alcuni punti chiave degli argomenti proposti al fine di ampliare negli studenti la capacità d individuare la ricchezza del messaggio evangelico. VERIFICA E VALUTAZIONE La valutazione è riferita all interesse mediante il quale lo studente ha seguito l IRC ed i risultati formativi conseguiti. Circa la metodologia ci si è serviti della osservazione diretta durante le lezioni e della valutazione dell opportunità degli interventi. I livelli valutati sono i seguenti: a) livello di linguaggio; b) livello di atteggiamento; c) livello di criticità e coinvolgimento. La griglia usata, con i relativi indicatori, è quella del POF. 1

8 PROGRAMMA SVOLTO: I UdA - La Bibbia, documento fondamentale per la tradizione religiosa ebraico-cristiana. - Terminologia cristiana (es: agape, martire, carisma, apologetica, ). - Simbologia dei primi cristiani (es: pesce, colomba, buon pastore, agnello, ). - Martiri cristiani Scilitani (Numidia). - Fonti per conoscere le persecuzioni: passiones, lettere, verbali dei processi. - i Lapsi e l Apologetica. - Definizioni: Concilio, dogma, eresia.editto di Sardica, di Milano, Chiesa. - Basilica cristiana. Le strade romane. Riti funebri romani. - Consuetudo Traianea. - Lettera di Plinio il giovane a Traiano. Lettera a Diogneto - Sacramentum. Sacramenti cristiani. Battesimo e Messa. - Padre della Chiesa. Cenni a S. Girolamo ed S. Ambrogio Dvd: Storia della Chiesa cattolica. II UdA NATALE E PASQUA EBRAICA E CRISTIANA. Jus gladii e privilegio pasquale. Dvd: Gesù di Nazareth di F. Zeffirelli. III UdA L organizzazione delle Chiese (Metropolita e Patriarchi). La Basilica cristiana Eresie dei primi secoli cristiani (adozionismo, docetismo, nestorianesimo, monofisismo, pelagianesimo). IV UdA SANT AGOSTINO D IPPONA. Vita ed opere (Confessioni, De Trinitate, De civitate, De libero arbitrio, De vera religione). S. Monica: il sogno. Confessioni (brani tratti dal libro IX, I, III, IV). La divina chiamata dettato. Dvd: Agostino. V UdA (su richiesta di alcune studentesse) La Chiesa d Oriente e d Occidente Scisma d Oriente. Questione dottrinale del Filioque. Mutamento della formula del Credo niceno-costantinopolitano. VI UdA Introduzione al Medioevo cristiano. I monasteri in Europa nel Medioevo. Dvd: Uomini di Dio. VII UdA San Francesco d Assisi.San Domenico, S. Chiara d Assisi. Missionari in Russia e Cina. Dvd: Storia della Chiesa Cattolica e Dvd: Francesco di L. Cavani. Firma della docente Firma degli studenti: 1) 2) 2

9 RELAZIONE FINALE Materia: religione cattolica Anno scolastico Docente Martina BISON Ore settimanali: 1 Gita: Praglia (Pd) monastero Benedettino e S. Daniele Classe III B La classe 3 B, che ha frequentato il corso di religione cattolica, si compone di 14 studenti (1 studente si è ritirato durante l anno scolastico). Trattasi di una buona classe che ha seguito le lezioni mostrando molta attenzione ed alcuni studenti un buon coinvolgimento per gli argomenti trattati. Durante lo svolgimento delle lezioni si sono registrati alcuni interventi critici ed attinenti le tematiche proposte. Alla gita presso il Monastero di Praglia (Padova) ha partecipato tutta la classe dimostrando molta attenzione e comportandosi molto educatamente. PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA I UdA Antico e nuovo Testamento. Nello specifico: il libro di Ruth. Periodo storico a.c. Temi: emigrazione, sentimenti religiosi umani, politeismo e monoteismo, valori (fedeltà, lealtà, solidarietà, amore), determinazione di Ruth; Dio che agisce attraverso la gente comune. Rt 4, Confronto-dialogo in classe. Brano tratto da Avvenire maggio 2011 centro trapianti di Padova amore ad oltranza. Proiezione dvd La storia di Ruth. II UdA Cenni: Vangelo di Luca. Natale e Pasqua ebraica. Approfondimento su: jus gladii e privilegio pasquale. Pasqua: Es 12, Dvd: Gesù di Nazareth di F. Zeffirelli. III UdA Dottrina sociale della Chiesa Pontificio Consiglio Della Giustizia e Della Pace. Il Bene comune (n. 164 del Compendio). Principi. Quadro internazionale. Dvd: Dottrina Sociale Della Chiesa un magistero di speranza per i giovani servizio nazionale per la pastorale per i giovani IV UdA - Monachesimo orientale. S. Antonio abate. Eremiti e Cenobiti. Monachesimo occidentale. Regula Magisteri. Cesario d Arles. - Discesa dei Longobardi nella Penisola italica.. Vita Barbati ep. Beneventani. Historia Longobardorum II 9-28 (Paolo Diacono). Giovanni D. (Cronaca Veneziana) p Epistole di S. Gregorio Magno. Agostino presso gli Angli. 1

10 - I Franchi - I Longobardi. - I Bizantini. Dvd: Uomini di Dio di Xavier 2010 Francia su tragedia dei monaci di Thibirine. V UdA In vista della gita a Praglia (Padova) presso il Monastero benedettino maschile e di S. Daniele femminile: - Abbazia di Praglia: fondazione, direzione del monaco benedettino Isalberto De Tadi, congregazione, soppressione, ricostruzione nelle forme rinascimentali, Duomo, campanile, interni, chiostri. Assegnate ricerche delle vite dei Santi raffigurate su affreschi interni all Abbazia. - (Fotocopia) Nel Medioevo un ideale vissuto d unità di G. Falco. - Vita di San Benedetto da Norcia. - Condizioni politiche della Penisola Italica nel XII secolo. - Pontefici: Innocenzo III, Anacleto II, Eugenio III, Adriano IV, Vittore III, Alessandro III. - San Bernardo di Chiaravalle.. Normanni. Lotario III, Federico Barbarossa ed Enrico VI. Concordato di Venezia. Concilio Lateranense III. VI UdA - Riforma della Chiesa Cattolica: a) riforma dall alto (Concili) e b) riforma dal basso o riforma mistica (Santa Caterina da Siena). Concilio di Vienne (Fr). Santa Caterina da Siena.. Periodo Avignonese del Papa. Bonifacio VIII. Filippo IV Il Bello. Clemente V. - Decretum Gratiani. - Alessandro V e Martino V - Decreti: 1) Haec Sancta 1415; 2) Frequens Osservanza. - L Ordine dei francescani: convenutali e spirituali. - Dvd: Francesco di Liliana Cavani. VII UdA - Riforma Protestante. Martin Lutero. Anatemi lanciati dal Pontefice. Dottrina conciliarista. - Pensiero di Lutero. Sola gratia, sola fide, sola scriptura. - Bibbia delle 42 linee. - La Chiesa Luterana. VIII Altri Riformatori: - Ulrich Zwingli ( ). - Giovanni Calvino ( ). - Gli Anabattisti. La Pace di Augusta. - Anglicanesimo. Enrico VIII Tudor Atto di Supremazia. Distacco da Roma. - Thomas More (Cancelliere del Re) si rifiuta di riconoscere il matrimonio del Re Enrico VIII con Anna Bolena. Processo e condanna a morte. - Dvd: Un uomo per tutte le stagioni (sulla vita di Thomos More) della Columbia Classics Vincitore di 6 premi oscar. OBIETTIVI SPECIFICI ACQUISITI - Conoscere e valutare l interesse da sempre dimostrato dalla Chiesa per le tematiche: Fede, società, rispetto dei diritti civili e politici. - Individuare le tematiche d interesse sociale della Chiesa (bene comune). - Individuare il rispetto per Tutto l uomo contenuto nel messaggio evangelico fatto proprio dalla Chiesa dei tempi passati (S. Benedetto, S: Caterina, S. Francesco) e recenti. 2

11 - Individuare le motivazioni che hanno portato alla divisione delle Chiese. - Individuare nella vita terrena di un esemplare cristiano cattolico, di notevole integrità morale, (Thomas More) e nella Chiesa del suo tempo, l applicazione decisa e fruttuosa del Messaggio Evangelico cristiano proclamato dalla Chiesa. CONTENUTI Gli obiettivi proposti hanno preso corpo nelle seguenti unità di apprendimento. I) Valori contenuti nella Bibbia. II) Vangelo di Luca il Natale e la Pasqua ebraica. III) Dottrina Sociale della Chiesa (Compendio). IV) Monachesimo orientale ed occidentale. Ordine dei Benedettini. V) Monachesimo italico e locale: Praglia (Padova). VI) Riforma della Chiesa cattolica. Riforma dal basso: figure esemplari di Santi quali: S: Benedetto, S. Caterina, S: Francesco. VII) Riforma Protestante: M. Lutero. VIII) Altri Riformatori (Lutero, Zwingli, Calvino), Anabattisti ed Anglicani. La figura integerrima dell inglese Thomas More. METODI E STRUMENTI Vari i metodi didattici. - La lezione frontale. - Analisi puntuale di alcuni brani o discorsi (distribuite fotocopie). - Riflessione su precisi aspetti religiosi, storici e politici. - Proiezioni multimediali (dvd). VERIFICA E VALUTAZIONE La valutazione è riferita all interesse mediante il quale lo studente ha seguito l IRC ed i risultati formativi conseguiti. Circa la metodologia ci si è serviti della osservazione diretta durante le lezioni e della valutazione dell opportunità degli interventi. I livelli valutati sono i seguenti: a) livello di coinvolgimento; b) livello di attenzione ed atteggiamento; c) livello di criticità. La griglia usata, con i relativi indicatori, è quella del POF. Firma docente Firma studenti: 1) 2) 3

12 RELAZIONE FINALE Materia: religione cattolica Anno scolastico Docente Martina BISON Ore settimanali: 1 Gita: Trieste (Chiese Ortodosse e di S. Giusto) Classe IV B La classe 4 B, che ha frequentato il corso di religione cattolica, si compone di 14 studenti. Trattasi di una buona classe che ha seguito le lezioni mostrando molta attenzione ed alcuni studenti un notevole coinvolgimento per gli argomenti trattati. Durante lo svolgimento delle lezioni si sono registrati anche interventi critici ed attinenti le tematiche proposte. Alcune lezioni (4) non si sono potute svolgere essendo gli alunni assenti per motivi di: elezione dei rappresentanti, occupazione della scuola, uscita al Teatro Toniolo di Mestre, concerto presso il Centro Candiani. PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA I UdA Fides et ratio lettera enciclica circa i rapporti tra fede e religione (Giovanni Paolo II). Cenni tratti da L Europa nella crisi delle culture discorso del Card. J. Ratzinger tenuto il I aprile 2005 a Subiaco. Cenni tratti da Benedetto XVI 2008 sui tempi moderni e le nuove dimensioni del sapere; scienze storiche ed umanistiche: frammentazione dei saperi. Proiezione dvd A Beautiful Mind. II UdA Cenni: Vangelo di Luca. Natale e Pasqua ebraica. Approfondimento su: jus gladii e privilegio pasquale. Gruppi religiosi e politici al tempo di Gesù di Nazareth: Farisei, Sadducei, Scribi, Sacerdoti, Esseni, Zeoliti, Erodiani, Samaritani, Proseliti. Cibi ebraici legati alla Pasqua: Es 12, Dvd: Gesù di Nazareth di F. Zeffirelli. III UdA Dottrina sociale della Chiesa Pontificio Consiglio Della Giustizia e Della Pace. Il Bene comune (n. 164 del Compendio). Principio di sussidiarietà (nn ). Principio di solidarietà (nn ). Dvd: Dottrina Sociale Della Chiesa un magistero di speranza per i giovani servizio nazionale per la pastorale per i giovani IV UdA In vista della gita a Trieste presso le chiese ortodosse di S. Spiridione, S. Nicola dei Greci e di S. Giusto: Chiesa d Oriente e d Occidente. Questione dottrinale del Filioque. Ortodossia (gr: orthodoxìa). Questioni storiche, dottrinali e diplomatiche 1204 Sacco di Costantinopoli. Crociate. Patriarcato latino nella città di Costantinopoli 1

13 1400 invasione Turca conquista di Costantinopoli. Separazione delle due chiese: Chiesa Cattolica Latina (Romana), Chiesa Ortodossa di Rito Bizantino (Greca, Slava, Romana). Concili e Sinodi su Trinità. V UdA Il Concilio di Trento ( ) e la Riforma nella figura di San Filippo Neri ( ) nato a Firenze e vissuto a Roma; educatore dei giovani mediante la tenerezza e l ironia. Nascita della Congregazione dell Oratorio, così come proclamata da Papa Gregorio XIII. Confraternita. Amicizia con Sant Ignazio e C. Borromeo. Proclamato Santo nel Dvd: Preferisco il Paradiso di G. Campiotti (San Paolo, Lux Vide). OBIETTIVI SPECIFICI ACQUISITI - Conoscere e valutare l interesse da sempre dimostrato dalla Chiesa per le tematiche: Fede, Ragione, rispetto dei diritti civili e politici. - Individuare le tematiche d interesse sociale della Chiesa (bene comune). - Individuare il rispetto per Tutto l uomo contenuto nel messaggio evangelico fatto proprio dalla Chiesa dei tempi passati e d oggi. - Individuare nella vita terrena di un Santo e nella Chiesa del suo tempo l applicazione serena e fruttuosa del Messaggio Evangelico cristiano. CONTENUTI Gli obiettivi proposti hanno preso corpo nelle seguenti unità di apprendimento. A) Fede e ragione. L Europa nella crisi delle culture. Frammentazione dei saperi. B) Vangelo di Luca il Natale e la Pasqua ebraica. C) Dottrina Sociale della Chiesa. D) Le chiese d Oriente e d Occidente. E) L educazione dei giovani. METODI E STRUMENTI Vari i metodi didattici. - La lezione frontale. - Analisi puntuale di alcuni brani di Lettera Enciclica o discorsi (distribuite fotocopie). - Interventi. - Proiezioni multimediali (dvd). VERIFICA E VALUTAZIONE La valutazione è riferita all interesse mediante il quale lo studente ha seguito l IRC ed i risultati formativi conseguiti. Circa la metodologia ci si è serviti della osservazione diretta durante le lezioni e della valutazione dell opportunità degli interventi. I livelli valutati sono i seguenti: a) livello di linguaggio; b) livello di atteggiamento; c) livello di criticità e coinvolgimento. La griglia usata, con i relativi indicatori, è quella del POF. Firma docente Firma studenti: 1) 2) 2

14 RELAZIONE FINALE Materia: religione cattolica Anno scolastico Docente Martina BISON Ore settimanali: 1 Classe V B La classe 5 B, che ha frequentato il corso di religione cattolica, si compone di 13 studenti. Trattasi di una ottima classe che ha partecipato alle lezioni mostrando interesse per gli argomenti trattati. Durante lo svolgimento delle lezioni si sono registrati anche alcuni apprezzabili interventi di studenti opportunamente critici. PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA I UdA Fides et ratio lettera enciclica circa i rapporti tra fede e religione (Giovanni Paoli II). Cenni tratti da L Europa nella crisi delle culture discorso del Card. J. Ratzinger tenuto il I aprile 2005 a Subiaco. Cenni del Discorso del Santo Padre Benedetto XVI nella visita al Parlamento federale tedesco del 22 settembre Proiezione dvd A Beautiful Mind. II UdA Gesù di Nazareth di F. Zeffirelli. Vangelo di Luca. Natale e Pasqua ebraica. Grotte di Qumram: Frammento 7Q5, veridicità e storicità del Vangelo di San Marco 6, III UdA Dottrina sociale della Chiesa Pontificio Consiglio Della Giustizia e Della Pace. Il Bene comune. Principio di sussidiarietà. Principio di solidarietà. Dvd: dottrina sociale della Chiesa un magistero di speranza per i giovani servizio nazionale per la pastorale per i giovani IV UdA Il valore della famiglia In Dottrina sociale della Chiesa In Mulieris Dignitatem lettera apostolica. In Familiaris consortio esortazione apostolica. V UdA L amore coniugale. In Concilio Vaticano II. In Gaudium et spes. Proiezione del Dvd La bottega dell orefice tratto dal dramma scritto da Karol Wojtyla. OBIETTIVI SPECIFICI ACQUISITI - Conoscere e valutare l interesse da sempre dimostrato dalla Chiesa per le tematiche: 1

15 Fede, Ragione, Rispetto dei diritti civili e politici, Famiglia, Relazioni interpersonali e familiari. - Conoscere documenti ufficiali della Santa Sede. - Individuare le tematiche d interesse sociale della Chiesa. - Individuare il rispetto per Tutto l uomo contenuto nel messaggio evangelico fatto proprio dalla Chiesa dei tempi passati e d oggi. CONTENUTI Gli obiettivi proposti hanno preso corpo nelle seguenti unità di apprendimento. A) Fede e ragione. L Europa nella crisi delle culture. B) Vangelo di Luca ed il Natale. C) Dottrina Sociale della Chiesa D) La famiglia. E) L amore coniugale. METODI E STRUMENTI Vari i metodi didattici. - La lezione frontale. - Analisi puntuale di alcuni Documenti Pontifici o brani di discorsi (distribuite fotocopie). - Interventi dialogati. - Proiezioni multimediali. VERIFICA E VALUTAZIONE La valutazione è riferita all interesse mediante il quale lo studente ha seguito l IRC ed i risultati formativi conseguiti. Circa la metodologia ci si è serviti della osservazione diretta durante le lezioni e della valutazione dell opportunità degli interventi. I livelli valutati sono i seguenti: a) livello di linguaggio; b) livello di atteggiamento; c) livello di criticità. La griglia usata, con i relativi indicatori, è quella del POF. Firma docente Firma studenti: 1) 2) 2

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Programma di religione. anno scolastico 2013/2014 classe 1C

Programma di religione. anno scolastico 2013/2014 classe 1C anno scolastico 2013/2014 classe 1C L insegnamento della religione a scuola L adolescenza Doti e limiti dell adolescente Le domande fondamentali dell uomo Il senso religioso I desideri dei giovani L uomo

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/2015 SCUOLA: Liceo Linguistico Manzoni DOCENTE: S. Palma MATERIA: Religione Classe: Terza Sezione: D FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Anno Scolastico 2013/14. Materia: RELIGIONE I.R.C. Docente: Arcangelo Caselli classe 1^A

Anno Scolastico 2013/14. Materia: RELIGIONE I.R.C. Docente: Arcangelo Caselli classe 1^A Anno Scolastico 2013/14 Materia: RELIGIONE I.R.C. Docente: Arcangelo Caselli classe 1^A Situazione della classe relativamente alla disciplina Situazione educativa Attenzione Buona Interesse Buono Partecipazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S.

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014/2015 Finalità e obiettivi generali del dipartimento per classi: L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE. APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA D INFANZIA E PER IL

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria)

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria) Premessa L I.R.C. si inserisce nel progetto educativo-didattico della scuola come disciplina cha valorizza l aspetto storico-culturale della religione cattolica e non come una catechesi, pertanto rientra

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI TSC: L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distinge la specificità di salvezza del Cristianesimo; identifica

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto 24 - Via D Avarna 9/11 00151 Roma - C.F. 97714020589 Tel. /

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C.S. VITTORINO DA FELTRE 62 Circolo didattico NAPOLI PIANO DI LAVORO ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Le Insegnanti Sasso Silvana Colucci Anna ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PREMESSA Una scuola ideale, che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una

Dettagli

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo

Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Croce Coperta e Dozza Programmazione annuale IRC a.s. 2015-2016 Insegnante: Davide Russo Classi 1A, 1B; 2A, 2B; 3A, 3B; 4A, 4B; 5A, 5B Croce Coperta

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Curricolo di Religione

Curricolo di Religione Istituto Comprensivo n. 4 di v. Guicciardini, 8 - Imola - Curricolo di Religione Scuola Primaria CLASSE 1 Scoprire nell ambiente i Osservazioni della natura. segni che richiamano ai cristiani e a tanti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. Diaz CURRICOLO VERTICALE INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO L insegnamento della Religione Cattolica si colloca nel

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli

I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare

I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare SUSSIDIO DIDATTICO I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare Anno Scolastico 2010-2011 INDICE 3 Obiettivi

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SEZIONE A COMPETENZA EUROPEA : Competenza sociale e civica ; Imparare

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria

Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria Scuola Primaria classe prima Ist. Comprensivo Varallo Curricolo di religione cattolica per la scuola Primaria Competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti di apprendimento Metodologie Modalità ed elementi

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: NATALE, NASCE LA LUCE DEL MONDO. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe Seconda Disciplina/Macroarea/Camp o d esperienza BIAGIONI MARIA GRAZIA SANTI PAOLA G.GIUSTI DON MILANI Sezione RELIGIONE CATTOLICA Tavola di sintesi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE A.S.2014-2015 CLASSI: 1-2-3-4-5 e DISCIPLINA: Religione Cattolica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE A.S.2014-2015 CLASSI: 1-2-3-4-5 e DISCIPLINA: Religione Cattolica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE A.S.2014-2015 CLASSI: 1-2-3-4-5 e DISCIPLINA: Religione Cattolica La seguente programmazione didattica annuale è stata disposta sulla base della proposta CEI (Conferenza

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

Progettazione didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2015-2016 Istituto Comprensivo Statale Cologna Veneta

Progettazione didattica di Religione Cattolica Anno scolastico 2015-2016 Istituto Comprensivo Statale Cologna Veneta CLASSE PRIMA MOTIVO CONDUTTORE ANNUALE (RIFLESSIONE EDUCATIVA):L ESPERIENZA DI SÉ, DELLA VITA ATTORNO A SÉ E CON GLI ALTRI APRE ALLA SCOPERTA DEL MONDO CON ATTEGGIAMENTI DI ACCOGLIENZA, STUPORE E GIOIA.

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s 2014/2015 classe 3 DISCIPLINA : Religione Cattolica Obiettivi formativi Obiettivi specifici Attività Metodi Verifiche Riflessione guidata. Dio e l uomo operative.. 1. Comprendere

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli