Suppl. n al n.1/2009 di Incontri Con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Suppl. n al n.1/2009 di Incontri Con"

Transcript

1 A 300 anni dall unità Abbiamo appena celebrato i 150 anni dell unità d Italia, dove si è guardato al passato per ricordare quello che hanno fatto i nostri antenati. Non pago di questa commemorazione qualcuno si è messo ad ipotizzare che cosa celebreranno dello stesso evento i nostri eredi quando fra altri centocinquant anni ricorderanno i trecento anni dell unità d Italia. Forse a Roma, a Torino, a Firenze e in qualche altra città qualcuno ricorderà l evento di quella che fu l Italia, che probabilmente sarà inserita nella Federazione degli Stati uniti mondiali. In qualche scuola, durante l ora di storia, si vedranno magari dei documentari tridimensionali di questi eventi. Delle associazioni forse organizzeranno qualche conferenza. Sono naturalmente delle semplici proiezioni o forse desideri dell animo umano. È bello infatti pensare che il passato rimanga nel cuore e nelle menti dei posteri che verranno ed essi ricordino che un po del loro presente è frutto delle generazioni che li hanno preceduti. Un presente-futuro, si spera fraterno e solidale, che ha avuto inizio nel passato. Buon compleanno Italia. Antonio Denanni Indialogo.it Periodico Suppl. n al n.1/2009 di Incontri Con La storia delle fedi è legata anche alla sacralità delle montagne. Tutte le culture hanno ritrovato nello svettare della montagna una immagine della tensione verso l oltre e l altro rispetto al limite terrestre e tutte le religioni vi hanno letto un segno del divino. Lunghi elenchi di monti sacri, le cui vette sono segnate da santuari, appartengono a tutte le tradizioni religiose. Nella mitologia indù il dio Shiva abita le montagne in compagnia della sua sposa, la dea Parvati, nome che letteralmente significa «la montanara», e si celebra il monte Meru come «una trave di legno che funge da puntello perché il cielo non cada sulla terra». Della civiltà greca è noto il significato dell Olimpo o del monte Parnaso. Gli Ittiti consideravano i monti come la sede del dio della tempesta. In Giappone i monti sono considerati residenze dei kami, le divinità: da lassù fanno scorrere l acqua per le coltivazioni. Gli spiriti degli antenati, purificati dai riti funebri, salgono sui monti ove sono divinizzati. Le ascensioni ai monti sacri, come il Fuji-yama, sono vere e proprie processioni mistiche, ricche di rituali purificatori. Per i maestri taoisti cinesi è, invece, il monte K un-lun la sede paradisiaca dell immortalità: lassù il Signore Celeste, Chan Tao-ling, aveva scoperto due spade vittoriose contro gli spiriti del male e da lì era asceso al cielo di cultura religiosa realizzato in collaborazione con l Ufficio Irc/smi-sms e la Comm. per l Ecumenismo e il dialogo della Diocesi di Pinerolo, Via Vescovado 1, Pinerolo. Dir. responsabile: Antonio Denanni Anno 2, n.3, Maggio/Giugno 2011 I sacri monti e i complessi devozionali La fede, nello svettare delle montagne Tutte le culture hanno da sempre ritrovato nelle cime dei monti una tensione verso l oltre su un drago dai cinque colori, dopo aver bevuto l elisir dell immortalità. Per gli arabi è la catena montuosa Qâf, fatta di smeraldo, in cima alla quale si scopre l infinita distesa dei cieli divini. In quella montagna vive in perfetta solitudine fin dall origine del mondo l uccello mitico Simurgh, fonte di sapienza e di felicità perché a lui è concesso di vedere Segue a pag.2 On line per gli altri Portale dell Associazione Culturale don G. Giacomini di Pallanza, che organizza incontri culturali-religiosi nei fine settimana. Il sito One Body One Spirit è una vera e propria piazza virtuale dove le diverse espressioni del mondo cristiano possono incontrarsi e lavorare insieme. Banca dati di libera consultazione sponsorizzata dall Istituto Superiore di Scienze Religiose e Teologico di Assisi e dalla Conferenza Episcopale Italiana Il 22 aprile si è celebrata la Giornata Mondiale della Terra (Earth Day). Si tratta del 41 compleanno da quando, nel 1970, il senatore americano Gaylord Nelson ha istituito il Giorno della Terra per promuovere una giornata di educazione e sensibilizzazione sui temi dell ambiente e della natura. L iniziativa si è allargata nel 1990 al di fuori dai confini statunitensi, quando il coinvolgimento di ben 141 Stati ha conferito al Giorno della Terra una dimensione internazionale. Oggi sono circa 200 i Paesi coordinati dall Earth Day Network, che ogni anno il 22 Aprile mobilita organizzazioni in tutto il mondo per promuovere iniziative a sostegno della protezione e della sostenibilità ambientale cui partecipano quasi mezzo miliardo di persone. Nato come movimento universitario, nel tempo, l Earth Day è divenuto un avvenimento educativo ed informativo. I gruppi ecologisti lo utilizzano quale occasione per valutare le problematiche del pianeta: l inquinamento di aria, acqua e suolo, la distruzione degli ecosistemi, le migliaia di piante e specie animali che scompaiono, e l esaurimento delle risorse non rinnovabili. L Earth Day, il giorno della Terra, da più di quarant anni si basa saldamente su questo principio: tutti, a prescindere dalla razza, dal sesso, da quanto guadagnino o dal luogo in cui vivono, hanno il diritto ad un ambiente sano e sostenibile. L edizione del 2011 è stata organizzata attorno alle Billion Acts of Green (Un Miliardo di azioni verdi). Cioè ad impegni di singoli cittadini, associazioni, Enti e Governi, aziende che puntano a migliorare la vita in In questo numero Gli abati di S.Maria /1 pag. 2 Atei, credenti e speranza pag. 3 Chiesa di pietra e di carne pag. 4 SS. Trinità, ovvero... pag. 6 Non solo profitto pag. 7 Il cibo dell ultimo minuto pag. 8 I mediatori intergenerazionali pag.10 Sono 40 anni che si pensa alla salute della terra Giornata Mondiale della Terra (Earth Day) «Tutti, a prescindere dalla razza, dal sesso, da quanto guadagnino, hanno diritto ad un ambiente sano e sostenibile» maniera sostenibile. Possono essere registrati sia i singoli gesti che le grandi iniziative che puntano alla sostenibilità e alla riduzione misurabile delle emissioni di CO2. L obiettivo dell EDN è di far registrare un miliardo di azioni prima del Summit della Terra che si terrà dal 14 al 16 maggio 2012 a Rio de Janeiro in Brasile. Ad oggi sono oltre 80 milioni le azioni registrate sul sito ufficiale dell EDN per questa che è la più grande campagna di servizio ambientale nel mondo. Per informazioni e per aderire: Supplemento d anima Mukhtar Mai Mukhtar Mai è una attivista pakistana per i diritti umani. Nata in una contea rurale del distretto di Muzaffargarh più o meno nel 1972 (ma lei stessa non è del tutto certa del suo anno di nascita), nel 2002 è stata violentata da quattro uomini del clan Mastoi come vendetta di una presunta relazione tra il fratello minore di lei, Shakoor, e una donna appartenente al clan Mastoi, che avrebbe gettato disonore su tutto il clan. Successivamente è stato scoperto che l accusa a Shakoor era stata formulata per coprire la violenza subita dal ragazzo stesso da parte di uomini Mastoi. Nonostante fosse svelata la verità di questa duplice violenza, molti si attendevano che Mukhtar, come accade generalmente in Pakistan dopo uno stupro, si suicidasse per la vergogna. Ma lei, appoggiata dalla madre e da 200 abitanti del suo paese, ha iniziato una battaglia legale contro i suoi violentatori, sostenuta dalle organizzazioni per i diritti umani. Segue a pag.2

2 Pag. 2 Indialogo.it Maggio 2011 Terzo canto del Servo Il Signore Dio mi ha dato una lingua da discepolo, perché io sappia indirizzare una parola allo sfiduciato. ( ) Il Signore Dio mi ha aperto l orecchio e io non ho opposto resistenza, non mi sono tirato indietro. Ho presentato il mio dorso ai flagellatori, le mie guance a coloro che mi strappavano la barba; non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi. Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto svergognato, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare confuso. È vicino chi mi rende giustizia: chi oserà venire a contesa con me? Affrontiamoci. Chi mi accusa? Si avvicini a me. Ecco, il Signore Dio mi assiste: chi mi dichiarerà colpevole? (Is. 50,4-9) Si tratta del famoso terzo canto del Servo di Jahvé, testo sul quale siamo spesso sollecitati a riflettere, soprattutto nel periodo che precede immediatamente la Pasqua. Per una triste coincidenza quest anno, pochi giorni prima dell inizio della Settimana Santa, le prime pagine dei giornali ci hanno i n f o r m a t o sull ennesimo atto di violenza, che ha condotto al martirio un servo della pace: un volontario italiano attivo in Palestina. Si tratta dell ultima vittima di una lunga lista. Spontaneamente, sentendo leggere quel testo nella Domenica delle Palme, la mente è andata a quanti (di ogni o di nessuna fede) hanno il coraggio di mettere la propria esistenza a servizio di altre persone, costi quel che costi. Mi è sembrato di cogliere con immediatezza l attualizzazione delle parole di Isaia e mi è anche tornata alla mente una suggestiva interpretazione del celebre passo del discorso della montagna: se uno ti dà uno schiaffo sulla guancia destra, tu porgigli anche l altra (Mt. 5,39) proposta da mons. Tonino Bello che pressappoco insegnava così: «le tue minacce, le tue percosse su entrambe le guance non mi fanno paura e non mi fermeranno nel ricercare la giustizia». Anche da queste righe dunque un caloroso ringraziamento a tutti i testimoni della giustizia e ai servi dell amore. Carlo Gonella Pennellate bibliche Terzo canto del Servo Segue da pag.1 (La rivista Glamour la nomina donna dell anno). Tre uomini sono stati imprigionati per sodomia, subita da Shakoor, ma cinque dei sei uomini accusati da Mukhtar, in un primo tempo condannati a morte, sono stati liberati nel 2005 e poi assolti qualche settimana fa. Con gli dollari ottenuti come indennizzo Mukhtar ha costruito due scuole e un Centro per rifugiati nel suo villaggio, che fino a quel momento ne era totalmente privo. Adesso combatte giornalmente per i diritti delle trecento ragazze nelle due Pagine di storia religiosa del Pinerolese Gli abati dell abbazia di Santa Maria - 1 L Abbazia di Santa Maria nel borgo Verano di Pinerolo venne retta dalle sue origini (1064) al 1434 da 29 abati claustrali, cioè eletti dal monaci che vivevano nel monastero e, secondo la Bolla di Gregorio VII del 1073, per la regolarità della elezione, dovevano essere presenti due altri abati e poi l eletto riceveva l investitura papale. Di molti di essi la storia dice poco. Di altri, invece, sono ricordati gli avvenimenti sociali e politici di quel periodo. Dalmazzo regge l Abbazia dal 1123 al 1144 come sesto abate. Il papa Callisto II dal Laterano con sua Bolla gli conferma l indipendenza dai vescovi e la giurisdizione su Pinerolo, su parte di Frossasco, su Reietto, sulla Val Lemina, su Miradolo, Porte, Turina, Malanaggio, Villaretto, Pinasca, Perosa, la Val San Martino, l alta Val Pragelato, Legnasco, Famolasco, Buriasco, Piossasco, Rivalta, l isola ligure di Gallinara e Porto Maurizio. Si chiude con questo Abate il periodo delle donazioni di terre che fanno della Abbazia una di quelle più estese come territorio del Piemonte. Gerardo II ( ) è il quindicesimo Abate. Il papa Gregorio IX, indignato per l omaggio reso da questo Abate all imperatore Federico II, lo scomunica, privandolo della dignità abbaziale. I monaci eleggono nuovo abate Albuino, il sedicesimo ( ), il quale cede i diritti abbaziali sopra Pinerolo al conte Amedeo IV di Savoia e chiede al popolo di ubbidirgli. In cambio, Amedeo, con il consenso del fratello Tommaso, suo erede, dà al Monastero la facoltà di far legna nei boschi di Miradolo, il transito dei bovini ed il pascolo senza pedaggio, per tutta la contea. L ostilità dei pinerolesi e degli stessi monaci per questo scambio e l intervento della Santa Sede che disapprovò l intesa, costrinse l abate, accusato anche di pessimi costumi, a fuggire a Cumiana. Pinerolo giura nel 1246 fedeltà a Tommaso II di Fiandra che diviene anche padrone della Val Chisone. Al Monastero resta solo più la giurisdizione temporale su Abbadia, San Pietro Val Lemina e la Val San Martino. Balangero dei Bersatori ( ) è il diciannovesimo abate claustrale. Era prevosto della Collegiata dei Santi Donato e Maurizio sin dal Egli proveniva da una illustre e antica famiglia investita di vari feudi nel pinerolese che darà due vescovi alla diocesi di Aosta di cui il primo, Nicolò ( ), ebbe anche il ruolo di ambasciatore La fede, nello svettare... da p.1 il mistero dei cieli divini. In Medio Oriente sono le ziqqurrat, i famosi templi a gradoni della Mesopotamia, che riproducono in forma architettonica la simbologia di un monte sacro, sul cui vertice si ergeva il santuariettoresidenza delle divinità. A questa simbologia si ispira il sogno di Giacobbe narrato dalla Genesi: «Una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo. Ed ecco, gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa» (28, 12). Su questo schema di collegamento tra cielo e terra (ascesi spirituale) è stata vissuta la spiritualità di molti monaci del deserto. Il monastero più noto è quello di Santa Caterina nel Sinai, uno dei monti biblici fondamentali. Così pure l esperienza mistica proposta da san Giovanni della Croce ( ) ha come riferimento simbolo il monte Carmelo. I monti biblici più noti a cui si fa riferimento per la spiritualità dei sacri monti sono: l Ararat su cui posa l arca di Noè, il Moria del sacrificio scuole, che secondo il costume locale dovrebbero essere quasi tutte già sposate e conseguentemente aver abbandonato gli studi. Mukhtar stessa ha imparato a leggere e scrivere solo dopo la costruzione delle scuole, avendo cominciato a lavorare nei campi sin da giovanissima. presso la corte d Inghilterra. L abate viene ricordato per aver portato l acqua del Lemina e del Rio Merdarello sino al Borgo Piano per irrigare i terreni coltivati fuori delle mura, ma anche per usi igienici e di aver incrementato la vita agricola sul territorio con l abbattimento di molte aree coperte da foreste e rese abitabili. Nel 1294 egli fa innalzare le forche presso il ponte vecchio di San Martino de Fulgeriis sul Chisone dove termina il suo territorio. Questo provoca la reazione dei viandanti provenienti dalla Val Perosa. Il governatore di quella comunità organizza una spedizione per abbattere le forche. L abate chiede aiuto a Pinerolo da dove accorrono numerosi armati per fronteggiare gli uomini del governatore di Perosa schierandosi sul ponte. Aurelio Bernardi di Isacco, il Sinai dell esodo, il Nebo della morte di Mosè, il Carmelo di Elia, il Sion del tempio gerosolimitano, il monte delle Tentazioni di Cristo e quello delle Beatitudini, il monte della Trasfigurazione e il Golgota-Calvario, sino al monte degli Ulivi che nell ascensione di Gesù congiunge terra e cielo. In epoca più recente, a partire dalla fine del XV secolo, in ambito europeo cristiano e nel nuovo mondo si sono sviluppati in contesti montani dei luoghi di pellegrinaggio con cappelle o santuari,che hanno portato alla definizione di Sacro Monte. Questi edifici sono collocati in genere su di una altura elevata, in un ambiente naturale, in una posizione appartata rispetto al centro urbano e vi si giunge prevalentemente mediante un pellegrinaggio. Non di rado il percorso richiama la Via Dolorosa, il cammino che da Gerusalemme conduce al Calvario percorso dal Cristo caricato della Croce. Sul tema dei Sacri Monti si è tenuto nell autunno del 2004 un convegno internazionale a Torino. A.D. Cfr. I sacri monti italiani nel Patrimonio mondiale dell Unesco Dal 1979 ad oggi sono 36 i siti della nostra penisola iscritti nella Lista del Patrimonio mondiale dell Umanità. L elenco comprende città d arte e paesaggi incantevoli. Nel luglio 2003 l Unesco ha inserito anche i Sacri Monti di Belmonte, Crea, Domodossola, Ghiffa, Oropa, Orta, Ossuccio, Varallo e Varese.

3 Pag. 3 Cultura Maggio 2011 Il teologo della speranza e della croce Jürgen Moltmann Atei e credenti uniti dalla speranza «Non esiste una chiara linea di confine fra credenti e non credenti... La fede è universale» Teologo della speranza e della croce, Jürgen Moltmann chiede ai cristiani di «riversarsi» nel mondo dei non credenti per annunciare quel Dio «che sta con i senza Dio». Il pensatore protestante saluta come «urgente e necessaria» l apertura di un confronto fra laici e cristiani su Dio. La sua riflessione si è incentrata sulla speranza. Come essa può interagire nello scambio tra credenti e non credenti? «Non esiste una chiara linea di confine fra credenti e non credenti, come fra cristiani e musulmani. La fede è universale come l incredulità. In ogni credente si trova l incredulità ed in ogni ateo la fede. In ciascun essere umano si svolge un dialogo fra fede e incredulità: Signore, io credo, ma tu aiutami nella mia incredulità, grida il padre del giovane malato nel Vangelo di Marco. Nessuno è soddisfatto della propria incredulità. La speranza è più ampia perché legata all amore per la vita. Speriamo finché respiriamo e, se dubitiamo e diventiamo tristi, la speranza persa ci tormenta. Dove viene distrutta la speranza nella vita inizia la violenza e la morte». Cosa offre «in più» la fede cristiana? «Il cristianesimo costituisce la religione della speranza : chi spera in Dio ha sempre aperti nuovi orizzonti. La fede è fiduciosa speranza: il futuro non è estrinseco al cristianesimo, bensì l elemento della sua fede, la nota su cui si accordano le sue canzoni, i colori con cui sono dipinti i suoi quadri. Una speranza viva risveglia ogni nostro senso per il nuovo giorno e ci riempie di un meraviglioso amore per la vita, poiché sappiamo che siamo attesi e, quando moriremo, ci attende la festa della vita eterna. La speranza abbraccia credenti e atei perché Dio spera in noi, ci accoglie e non abbandona nessuno». Lei ha scritto molto sulla Croce, che sembra non interessare più l Europa. Il Crocifisso può tornare ad essere eloquente? «La questione di Dio e del dolore è il punto di partenza del moderno ateismo europeo. Muore un bambino, migliaia di persone vengono uccise, innocenti cadono per mano terroristica. E dov è Dio? All antico interrogativo della teodicea non vi è risposta: se Dio è buono e onnipotente, perché la sofferenza? Se Dio vuole il bene ma non impedisce il dolore, non è buono. La giustificazione migliore di Dio, dice chi lo denigra, è di non esistere. Ma l ateismo è una risposta? Se Dio non esiste, perché la sofferenza sulla terra? Non ci serve un Dio da accusare? Questa discussione mi è sempre parsa teorica». Come affrontare tale scandalo? «Per chi è tormentato dal dolore non si tratta di avere una risposta a un perché: egli cerca un aiuto e una speranza per uscire dal dolore. Quando ero in pericolo di vita non mi sono chiesto perché mi trovassi in quella situazione: ho domandato aiuto urlando. Una divinità buona ed onnipotente non può aiutarci. Al centro del cristianesimo si trova la passione di Dio sulla croce di Cristo. In ciò si palesa una passione per la vita colma di compassione per le devastazioni della vita. Solo il Dio sofferente può aiutare scrisse Bonhoeffer in cella guardando il Dio crocifisso. Nel Cristo moribondo il dolore di Dio ha trovato la sua espressione umana: Dio soffre le nostre pene. Cristo viene per cercare ciò che è perduto e lui stesso si dà per perso per trovare i persi. Chi si avvicina a Cristo prende parte al dolore di Dio e percepisce la sua desolazione. È successo a Giovanni Paolo II e a Madre Teresa». Lorenzo Fazzini, Avvenire, Lo scrittore Erri De Luca e il matematico Roberto Natalini La scienza e tutta la vita è ricca d infinito «Nel fluire degli avvenimenti bisogna fare i conti con infiniti tipi di infinito» La s c i e n - za e la vita ci parlano dell infinito come certezza e come speranza. Il matematico Roberto Natalini testimonia che buona parte della scienza moderna si fonda non solo sull idea ma sull uso dell infinito. Lo scrittore Erri De Luca chiama in causa il concetto opposto, quello di finito, e afferma che neanche in carcere, dove stai spalle al muro e faccia alle sbarre, devi darti per finito. Recentemente, di fronte a un assemblea di detenuti, ha detto: «Nessuno consideri la prigione come una fine in cui finire». Insomma ci si accorge che non solo la conoscenza scientifica ma la stessa vita è potenzialmente ricca di infinito: in tutte le condizioni, anche in quelle che appaiono disperate, è possibile un nuovo inizio. Ma «come lettore di scrittura sacra rileva De Luca posso dire che l infinito è caratteristica esclusiva della divinità». [...] La scienza incontra l infinito in varie occasioni. Basta una moltiplicazione appena più complessa di quelle che si fanno a scuola, e i cosiddetti numeri naturali non bastano più. Per non parlare della teoria della relatività e della fisica quantistica, osserva Natalini, che è dirigente di ricerca presso l Istituto per le applicazioni del calcolo del Cnr. E non esiste soltanto un tipo di infinito: «Bisogna fare i conti con infiniti tipi di infinito». C è una circostanza straordinaria in cui si afferra l infinito. Quando avvertiamo il tempo, il fluire degli avvenimenti e noi stessi, «precipitiamo dentro di noi in momenti di infinita intensità. Segue una sorta di infinita concentrazione che ci fa presumere di poter avere una percezione infinita e un anima immortale». E qui Natalini ricorda il film Miracolo a Milano, quando l indovino ripete a ogni barbone:«lei non finisce qui. No, no. Chissà dove finirà lei. Diventerà una grande persona. Lei non finisce qui». Ma nella vita c è una speranza di infinito? Nel caso di chi ha fede, risponde De Luca, «è come un tentativo di sporgersi oltre, di guardare un po più lontano». Nella fotografia, si chiama messa a fuoco all infinito. «L idea di infinito spunta quando guardiamo l orizzonte. Che cosa c è, dopo? Il credente lo sa. Il non credente si ferma lì». De Luca segue l evoluzione di un ragazzo che era entrato in carcere da mafioso, poi ha studiato e ora è diventato ingegnere informatico. «Ma solo un esigua minoranza si riscatta. Per gli altri, il tempo della pena resta un carico da buttare a fine percorso». E invece non bisogna rassegnarsi a «dare il tempo per perduto». La salvezza è alla portata di tutti: dipende dalla capacità della persona, dalla spinta che parte da dentro; sta nelle nostre fibre». [...] Luigi Dell Aglio, Avvenire, Ritagli In volo da Joannesburg di Anonimo su numerosi blog La scena che segue si è svolta sul volo della compagnia British Airways tra Johannesburg e Londra. Una donna bianca, di circa 50 anni, prende posto in classe economica di fianco a un nero. Visibilmente turbata, chiama la hostess. «Qual è il suo problema signora?» chiede la hostess. «Ma non lo vede?» risponde la signora. «Mi avete messo a fianco di un nero. Non sopporto di rimanere accanto a questa persona. Assegnatemi un altro posto». «Per favore, si calmi - dice la hostess - perché tutti i posti sono occupati. Vado a vedere se ce n è uno disponibile». L hostess si allontana e ritorna alcuni minuti più tardi: «Signora, è come pensavo, nella classe economica non c è nessun altro posto libero. Ho parlato col comandante e mi ha confermato che non c è nessun posto neanche in classe executive. Ci è rimasto libero soltanto un posto in prima classe». E, prima che la donna possa fare il ben che minimo commento, la hostess continua: «Nella nostra compagnia è del tutto insolito permettere ad una persona con biglietto in classe economica di sedersi in prima classe. Ma, viste le circostanze, il comandante trova che sarebbe scandaloso obbligare qualcuno a sedersi a fianco di una persona sgradevole». E rivolgendosi al nero l hostess prosegue: «Dunque, signore, prenda il suo bagaglio a mano, perchè una poltrona in prima classe la attende». E tutti i passeggeri vicini che, allibiti, avevano assistito alla scena, si alzano e applaudono.

4 Pag. 4 Progetto culturale Maggio 2011 La Parrocchia/ 5 - di Don Primo Mazzolari La chiesa di pietra e la chiesa di carne Dal cap. 5 del libretto di Don Primo Mazzolari LA PARROCCHIA Capitolo V Anche la chiesa di pietra è a servizio dei poveri. Una chiesa troppo bella non può essere una parrocchiale. Infatti le chiese troppo belle sono più musei che parrocchie; e i sacerdoti sono guardati come ministri del culto, i quali predicano bene, ma non sono il nostro prete. Parrocchia e parroco sono due fatti di amicizia e di intimità, più che di grazia, o di cultura, o di bellezza. Solo l amicizia riposa, dà confidenza e stabilisce l uguaglianza. Il problema dell apostolato parrocchiale non consiste unicamente nel costruire la domus Dei, ma nel renderla domus plebis. Moltissime cose si possono regalare, non la chiesa - parlo della chiesa di pietra - se vogliamo ch essa conservi il suo naturale titolo di plebana come si chiamavano le chiese dei primi tempi: un titolo di nobiltà vera, anche se la parola plebana è l inverso di nobile. Ma che cosa non ha redento e nobilitato la Chiesa attraverso i secoli, quando non si è fatta aiutare da coloro che detengono o il denaro o il potere o la fama? Farsi regalare una chiesa da coloro che credono nella sua utilità solo in funzione conservatrice e reazionaria è almeno molto pericoloso. Passando davanti a una chiesa in costruzione nella periferia di una grande città, un capocellula diceva ai suoi compagni : Ecco un cavallo di Troia!. Non è bello lasciarsi impressionare da certe insinuazioni, ma siccome nell animo di molta gente c è già l indisposizione verso un creduto connubio tra il padrone e il prete bisogna tenerne conto. E un altro diceva: Adoperano i nostri soldi ed essi ci fanno bella figura!. Ci sarebbe qui il problema, grosso e delicato, del denaro in chiesa, problema che non si risolve con la gratuità dei servizi di culto resi ai poveri. Se io dico a un mio parrocchiano: Tu non puoi pagare, e le esequie saranno di carità, invece di andargli incontro lo umilio due volte, perché non può dare e perché avrà il rito di carità. Il povero vuole l uguaglianza: vuole che i suoi morti abbiano le stesse accoglienze rituali dei ricchi e i suoi figlioli, nel giorno delle nozze, uguale festa dei figli del padrone. Il povero chiede che almeno nella casa del Padre non ci siano differenze o accettazioni di persone. Vi ho parlato di belle chiese, di chiese troppo belle, che a fatica si impiegano al servizio. Non crediate che mi piacciano le cose brutte: ho solo paura che il povero ci stia in soggezione e avverta il distacco e il di più. Quando il divario tra la casa del Povero e la casa dei poveri è troppo, non è che il povero si metta in soggezione, ma può essere preso da un dubbio; Mi dicono che Gesù è il Povero: guarda che bella casa possiede!. Un ragionamento sbagliato, lo so bene: ma che importa un ragionamento sbagliato, se la gente lo fa e ci crede? Quando la periferia parigina non aveva che baracche per chiese, la gente che viveva in baracche consimili riusciva a dire: Questo è il compagno che va bene. E andavano a trovarlo. Più tardi, quando son diventate di pietra come quelle della zona borghese, i poveri hanno voltato le spalle al compagno Cristo che stava diventando borghese pure lui. L amore più grande, prima di dare la vita, accetta la sorte di colui che ama. Quando vado a far visita ai carcerati m accorgo che voglio loro bene fino a un certo punto. E la prova è questa: io esco e loro restano dentro. Il Signore non ci ha fatto né ricchi né felici, ma facendosi uomo è rimasto con noi. E non soltanto l Incarnazione, ma anche l Eucaristia, se non la intendiamo così, perde assai del suo significato divino. In molte parrocchie sorgono oratori e cinema parrocchiali meravigliosi. Una parrocchia di 1500 anime vi ha speso circa sessanta milioni. Il vescovo l ha benedetto e se ne è compiaciuto al pari della stampa; la povera gente un po meno. Niente di più utile della salvezza del fanciullo. Però, in quella parrocchia, vivono in media un centinaio di disoccupati, e almeno una trentina di giovani oltre i venticinque anni che non si possono sposare per ché non hanno casa, e le case sono quel che sono. Primo Mazzolari, La parrocchia,. EDB (5, continua) Che cosa ci guadagniamo a pensare? George Bernard Shaw scriveva La gente normalmente pensa una volta all anno. Io mi sono fatto una reputazione internazionale pensando una o due volte alla settimana. Occupati come siamo a venderci bene e vendere meglio, corriamo il rischio di non pensare neppure una volta ali anno. Mi risulta che in giro vi siano infiniti corsi per dimagrire (!), per imparare a parlare (per dire cosa?), per ap-prendere tecniche di comunicazione efficace (che cos è la comunicazione?), ma non ho mai letto da qualche parte l esistenza di un corso per imparare a pensare. E così, a forza di vivere fuori da se stessi, evitando le nostre parti più intime, puntando sempre di più a co-struirsi un falso Sé da esibire, siamo sempre più esposti al panico, alla insicurezza, in balia degli eventi e degli altri. Per capire la gravita della situazione basti pensare che negli ultimi trent anni i disturbi d ansia sono au-mentati del 429 per cento, cioè si sono quadruplicati! Pensare non è solo teorizzare, disquisire ecc. Pensare è una operazione che coinvolge la nostra emotività, la nostra affettività, cioè la nostra mente nel suo significato più ampio. [ ] Che cosa ci guadagniamo a pensare? Intanto ci guadagniamo che siamo noi a suonare la musica e non diventiamo dei burattini nelle mani di altri che ci vogliono comprare con i loro fuochi d artificio. Inoltre, passando nel nostro interno, guadagniamo la capacità di contenere, di imparare a lasciar depositare in noi ciò che viviamo, senza per forza cercare subito un rimedio per espellere il dolore e il dubbio. Questo ci rende più forti, più maturi e ci consente di non smarrirci di fronte agli eventi che la vita personale e sociale ci presenta. Michele Cerato, Associazione Rafael I nuovi preti La spiritualità del prete diocesano di Giuseppe Grampa Soprattutto, l esistenza di un uomo spirituale obbedisce al comando di amare come Cristo: cioè di essere per gli altri, come Lui, realizzando una dedizione e una donazione, che si fa prossimità, condivisione, cura dell altro. In questi elementi fondamentali possiamo individuare la vocazione e la spiritualità del presbitero diocesano. Se volessimo esprimerla in una formula riassuntiva potremmo dire che la spiritualità del presbitero diocesano consiste nella dedizione stabile ad una Chiesa particolare, come specificazione di valore nella direzione della carità pastorale verso la chiesa. Per essa il presbitero viene donato a una Chiesa locale: si pone cioè al servizio del disegno di Dio relativo all evento della Chiesa locale, di cui impara a studiarne la storia, a leggerne il volto, a raccoglierne l eredità spirituale attraverso la trama dei rapporti con tutti i membri della comunità. E come dire che la vocazione propria del presbitero è vivere la carità, la dedizione di sé, dentro una Chiesa locale, in comunione con il Vescovo, con segni e gesti di condivisione, di corresponsabilità, di un comune prendersi a carico i fedeli. L orientamento o lo specifico della carità presbiterale è dunque questo amore: Un amore dovuto anche a chi non vi ha altro titolo, fuorché la dimora in un dato territorio, fuorché il trovarsi in un dato posto nella società ecclesiastica, affidato alla cura del pastore. E un amore che indica un appartenenza, che non si può declinare Un amore che deve avere sempre disponibile una riserva di eroismo e di dedizione: a tale tremendo amore ci siamo votati; è questo che ci qualifica. Venir meno non si può (G.B. Montini, Discorsi dell Arcivescovo di Milano, Milano, 1963). La spiritualità del prete si specifica dunque come carità pastorale, come profonda e singolare partecipazione alla missione di servizio di Cristo, nel dedicarsi alla propria Chiesa.[...] Oggetto pertanto di questo amore è la diocesi, meglio, la Chiesa di Dio che è in questo determinato punto dello spazio, dove si costruisce organizzandosi in un modo particolare, attorno ad un vescovo determinato; e presenta caratteristiche possibilità ed esigenze, conserva molteplici tradizioni umane e cristiane, dà vita a diversi organismi ed istituzioni. Tutta codesta complessa realtà nella generalità dei suoi aspetti e dei compiti a cui può chiamare verrà abbracciata ed amata e fatta termine di una donazione che si vuole senza divisioni, ad imitazione di quella del vescovo: ciò si esprime accettando l incardinazione e impegnandosi al celibato (G. Moioli, Scritti sul prete, Glossa, Milano 1990) Giuseppe Grampa, vescovo di Lugano Centro Formazione Professionale Sede di Pinerolo Via Regis, 34 - Pinerolo tel

5 Pag. 5 Focus Maggio 2011 W Schmid: La felicità piena comprende anche... Le persone aspirano alla felicità e da alcuni anni a questa parte più appassionatamente che mai. E fin qui ci siamo, ma il problema è: la definizione di felicità non è uguale per tutti, come invece molti credono. Il più delle volte intendiamo stare bene, essere in salute, sentirsi a proprio agio, divertirsi, fare esperienze gradevoli, godere dei piaceri della vita, avere successo, in poche parole: sperimentare tutto ciò che si considera positivo. [...] E allora dove sta il problema? Questo tipo di felicità rende avidi. Non bastano pochi attimi, tutta la vita deve essere positiva - il benessere a tutti i costi. [...] La moderna concezione del mondo e dell uomo parte dal presupposto che tutto possa essere positivo; tuttavia, esistono anche cose negative che non scompaiono, indipendentemente da quanti interventi di chirurgia estetica si facciano, da quali farmaci si inventino T. Auriemma: Resistere... Contro la falsa bellezza Affinché la chirurgia estetica possa attecchire, è necessario non solo avere coscienza del proprio corpo, ma anche percepirlo come imperfetto, difettoso, brutto. Tommaso Auriemma, autore di Contro la falsa bellezza. Filosofia della chirurgia estetica (Melangolo 2010) parla di mutilazione: essa «è la condizione fondamentale affinché l intervento chirurgico venga invocato. Dobbiamo sentirci mancanti, storpi. Prima di seminare un certo gusto, la cultura della chirurgia estetica semina disgusto». Una percezione serena e corretta del proprio corpo non spinge a modificarlo, quindi è necessario che il soggetto venga indotto a sentirsi brutto, imperfetto. Entra in gioco allora prepotentemente la valenza culturale della chirurgia estetica, la cui necessità è invocata per creare orrore, disagio, in modo che l individuo e da quali misure politiche si adottino. Ricercare la felicità solo in quanto c è di positivo equivale ad un restringimento della prospettiva che nulla ha a che vedere con la vita vera. Per felicità dovremmo intendere anche altro; una riflessione filosofica potrebbe offrirci qualche spunto. Presto impariamo che la vita presenta anche altri lati, non sempre lieti, se non altro perchè prima o poi ci si esaurisce... L uomo moderno non sa amministrare questi «tempi morti», questi momenti di stasi ; ha difficoltà nell affrontare periodi tristi, grigi, banali, peggio ancora se accompagnati dal dolore. Per fortuna esiste anche un altro tipo di felicità! La felicità nella pienezza comprende sempre anche il rovescio della medaglia, cio che è spiacevole, doloroso e negativo e con cui bisogna fare i conti. Ha meno pretese della felicità del benessere, poichè non è sempre e solo in attesa di qualcosa di positivo; dipende unicamente dall atteggiamento non stia più bene con se stesso: «Bisogna che si crei un disagio, bisogna sottrarre agli individui ogni amore di sé». Bisogna che le persone siano indotte a provare vergogna per il proprio corpo. Normale, infatti, non è un corpo con le sue caratteristiche originali e le sue eventuali smagliature, bensì il corpo perfetto, quello modellato dall intervento chirurgico. Vale la pena sottolineare il rovesciamento del concetto di normalità, mentre molto resta ancora da indagare sul bombardamento culturale che lo produce. Ecco allora che tanti ragazzi e ragazze, senza dimenticare anche persone meno giovani, si sentono straniere nel proprio corpo: non lo accettano più, non lo amano più, non ci stanno più dentro. Devono cambiarlo, perché tutto il loro malessere si annida lì. Una volta creato il bisogno, si offre anche la soluzione: che dapprima si assume e poi si apprende nei confronti della vita, riflettendo sulle sue peculiarità, su tutti i suoi aspetti e la sua impoderabilità. Non sono forse proprio la polarità, la contrapposizione e la contradditorietà quelle che vediamo in tutte le cose ed esperienze? Riesco ad accettare la polarità della vita, se non in tutte le sue forme almeno nella sua struttura di base? Riesco a condividere tutto quello che mi succede? Come convivo con quello che c è di negativo in me e nella mia esistenza? La vita in tutta la sua polarità appare comunque bella e apprezzabile? Allora comprendo di essere inserito in un contesto più ampio in cui trovano spazio sia l uno sia l altro. Con un senso di gratitudine e una gioia possibile solo se non ci si limita a voler cogliere unicamente gli aspetti positivi della vita. Questa felicità altra a poco a che fare con il denaro, piuttosto con lo spirito. W. Schmid, L altra felicita; LaStampa, ti vergogni di come sei? Puoi cambiarti a tuo piacimento! E il corpo che non siamo, infatti, a essere esaltato. Una parte rilevante nella costruzione dei meccanismi psicologici e sociali che precedono il ricorso alla chirurgia della bellezza è interpretata dai divi, innalzati a modello, raggiungibile e imitabile a patto che si intervenga I divi, i vip, si pongono come modelli in un doppio senso: indicano una bellezza da raggiungere e sono la dimostrazione, in quanto ne sono essi stessi fruitori, che essa è raggiungibile, grazie ai miracoli della nuova chirurgia. Del divo i giornali di gossip si affannano a raccontare non solo le avventure amorose, ma anche ogni ritocco. Il gioco è smascherato: prima si provoca la vergogna di sé, poi si incoraggia a superarla ricorrendo alla chirurgia della bellezza. P. Perazzolo, Il nostro tempo, Amos Oz: I fanatici all origine del conflitto di civiltà Il vero conflitto di civiltà non è quello ipotizzato nel celebre saggio di Samuel Huntington. Non è fra Est e Ovest e anzi non ha punti cardinali. Per Amos Oz è il conflitto «tra i fanatici e tutti gli altri». È un tema che gli sta molto cuore. Sul fanatismo ha scritto un saggio, Contro il fanatismo, edito da Feltrinelli qualche anno fa. L impressione è che tutta la sua opera, penso in particolare a un romanzo come La scatola nera, si interroghi su questo aspetto inquietante dell esistenza umana. «È vero. Ne parlo nei romanzi, ne ho parlato nell autobiografia. Del resto è il problema del secolo. Il fanatico è un cattivo genio che si annida in ciascuno di noi, comincia nella famiglia e si allarga alla società. Lo si riconosce dal fatto che vuol cambiare le persone a ogni costo. Direi che questo atteggiamento esiste dovunque e anzi si sta sempre più imponendo». Lei non lo collega in via privilegiata alla religione, come viene spontaneo pensare? «Non è solo un problema di religioni. Pensi al terrorismo degli Anni Settanta in Italia. Era mosso da un ideologia, che non è esattamente un religione. Ma si può andare anche oltre: io ad esempio continuo a essere un militante pacifista, ma ci sono certi pacifisti in Israele che, se potessero, mi ucciderebbero volentieri. O ancora: secondo lei non è fanatismo quello di certi animalisti vegetariani, per non parlare della criminalizzazione dei fumatori? Il problema è che il fanatico è sempre altruista, agisce su una scena pubblica, è molto interessato a te perché vuole cambiarti, renderti migliore. E allora dico: attenti a quelli che dedicano la loro vita a cercare di cambiarti». [...] Considera la tolleranza l opposto del fanatismo? «Sì, insieme all immaginazione, alla curiosità, e a tanti altri atteggiamenti positivi nei confronti del mondo e degli altri». È però un concetto moderno, almeno nella forma in cui la intendiamo. Nasce con l Illuminismo. Il fanatismo è ben più antico, forse eterno. «Anche la tolleranza è antica. Pensi alla democrazia greca. O al Talmud, dove la gente è esplicitamente invitata a discutere e confrontarsi. Credo che in ognuno di noi ci sia un genio della tolleranza, proprio come c è quello del fanatismo». [...] Anche l amore però è ambivalente. «Il fanatico dice di amarti, fa tutto per te, arriva a ucciderti perché pensa al tuo benessere e alla tua anima. Dobbiamo renderci conto che la lotta contro il fanatismo è oggi la più importante. Ci vorrebbero dei dipartimenti di fanatismo comparato nelle maggiori università» Mario Baudino, La Stampa, Decaloghi moderni I comandamenti dell amicizia a cura di Denis Sonet Denis Sonet, educatore giovanile, ha raccolto alcune affermazioni di celebri autori sull amicizia, per costruire un decalogo. 1. Stimerai l amicizia come la più preziosa delle perle «Nessun rimedio ha più valore, nessuno è più efficace di un amico presso il quale troviamo conforto nelle giornate cattive e insieme al quale condividiamo la gioia nei momenti di felicità» (A. Rievaulx). 2. Amerai tutti i tuoi amici senza gelosie «I veri amici non permettono alla gelosia e allo spirito di competizione di degradare o alterare il loro rapporto; l amicizia non è esclusiva né possessiva». È dunque importante amare prima se stessi: «Non ci si può innamorare di nessuno, se prima di tutto non si è amici di se stessi» (E. Strachen). 3. Aprirai generosamente la tua amicizia ad altri cuori «Se il cuore si apre agli altri, si allarga e si riempie di gioia: questo è il bellissimo segreto della vita interiore». «L amicizia richiusa in se stessa finisce per stancare e deludere; ad essere sempre e solo in due, si finisce per intristirsi e annoiarsi». 4. Manterrai l amicizia con il dialogo «L amicizia ha bisogno della comunicazione tra amici. Altrimenti non può nascere né vivere». Gli uomini hanno bisogno di parlare e di essere ascoltati: «La loro anima colma di preoccupazioni, di noia o di gioie aspira ad esprimersi. Le parole permettono una comunicazione reciproca» (F. di Sales). 5. Ai tuoi amici confiderai le tue pene e le tue gioie in tutta semplicità «Un amico è qualcuno che sa tutto di voi e, ciononostante, vi ama» (la Bibbia). «Una delle grandi felicità della vita è l amicizia, e una delle felicità dell amicizia è aver qualcuno a cui confidare un segreto» (A. Manzoni). 6. Ai tuoi amici ti mostrerai come sei Quale conforto è provare una completa fiducia in qualcuno, poter dire le cose come vengono, senza dover pesare le parole, poter stare in silenzio se lo desideriamo. Sì, il segno della vera amicizia è il fatto che il silenzio non pesa. 7. Fornirai loro un valido sostegno nelle difficoltà «La vera amicizia nasce nel momento in cui decido di essere amico, e non solo di averne uno». «Amico è colui che è al vostro fianco nei momenti difficili». «Quando un amico è in difficoltà, non annoiatelo chiedendogli cosa potete fare per lui; pensate a quello che sarebbe opportuno fare e fatelo» (E. Howe). 8. Ai tuoi amici perdonerai i loro difetti senza esitazioni «Nell amicizia non si va lontano, se non si sa perdonare». «Per farsi un amico, bisogna chiudere un occhio. Per conservarlo, bisogna chiuderli tutte e due!» (N. Douglas). 9. Cercherai di rendere migliori i tuoi amici Ci sono amicizie fatte di complicità che non fanno che alimentare la mediocrità. La vera amicizia è un amicizia di emulazione. «Amare qualcuno, diceva Dostoiewski, significa vederlo come Dio voleva che fosse». 10. Con i tuoi amici costruirai appassionatamente un mondo migliore L amicizia non cambia soltanto due cuori, ma cambia tutti i rapporti con gli altri e può cambiare il mondo, se è posta al servizio di un grande progetto. D. Sonet, Scoprire l amore, SEI

6 Pag. 6 Documenti Maggio 2011 Un commento sulla SS.TRINITÀ, convivialità delle differenze SS. Trinità, ovvero la democrazia allo stato puro «Il Dio dei cristiani aiuta a capire la relazionalità. E oggi anche la scienza parla di relazionalità» So benissimo che parlare oggi della SS. Trinità non è facile, per due motivi: anzitutto perché ci hanno forse nauseato secoli e secoli di discussioni puramente teologiche, con intrecci anche fortemente filosofici, ma senza incidere minimamente sulla realtà esistenziale di un popolo a cui di Dio interessava solo una cosa: che almeno fosse la Consolazione e per alcuni il Giudice supremo. E c è un secondo motivo: oggi si preferisce parlare di Dio in generale, per evitare di cadere in contrapposizioni religiose che non aiutano certo un dialogo ecumenico. Anche se, siamo sinceri, si può finire in un qualunquismo che porta ad un appiattimento anche nel campo sociale. Lo sappiamo: l essere umano ha bisogno di sentirsi parte dell infinito, e di sognare oltre la banalità di un presente che ci riduce ad una specie di larve. Cristo ci ha parlato del Padre e dello Spirito Santo, e lo ha fatto a modo suo. Senza usare una terminologia per addetti ai lavori. Se leggendo i Vangeli ci troviamo di fronte a discorsi un po complessi, non penso che Gesù abbia parlato così alle folle e tanto meno ai discepoli, anch essi duri di comprendonio. Si nota la mano della Chiesa primitiva. C è già il tentativo di fare teologia. Una cosa risulta chiara: Dio non è solo un nome generico, ma ha un volto, un volto che naturalmente ha bisogno del nostro linguaggio umano per esprimersi. E il rischio è duplice: avvicinarci troppo a Dio estraniandoci dal nostro mondo reale, o avvicinare troppo Dio al nostro mondo banale. Vorrei fare ora qualche considerazione personale. Una prima cosa da dire è questa. L essere umano sente il bisogno d infinito. Anche il più distratto. Anche il più rozzo. Anche il meno sensibile. In quanto essere umano ha sete d infinito. Ha sete, perché l infinito è presente, ma è come se non ci fosse. Chiamatelo come volete, ma l infinito è l essere divino che fa parte del nostro essere umano. Non esiste alcun ateismo, in questo senso. Si può essere atei, si deve esserlo nel senso di rifiutare un Dio che ha spento in noi l infinito e il suo desiderio. La religione favorisce l ateismo, quando ci offre e ci impone un Dio scontato e banale. In questo senso gli atei sono i più disposti ad accogliere l infinito che c è nell essere umano. E in questo senso i credenti sono coloro che uccidono l infinito che è in noi. C è un altra osservazione. Il Dio che ci ha rivelato Gesù Cristo ci può aiutare a capire meglio questo mondo. In fondo, diciamolo, un Dio anonimo, senza volto fa comodo a tutti. Non dice nulla. È un alibi al nostro sfrenato egoismo. Ma se Dio ha un volto, per modo di dire, allora i nostri rapporti con lui cambiano, e cambiano i nostri rapporti con la realtà. Dunque, il Dio dei cristiani aiuta a capire la relazionalità, e noi sappiamo che anche la scienza, oggi soprattutto, parla di relazionalità. Non ci interessa al momento capire come possano nell unico Dio convivere tre persone e tre relazioni. I teologi hanno tentato, oggi forse un po meno, di capirne qualcosa, usando anche una terminologia presa dalla filosofia. Non saprei a vantaggio di chi, non senz altro del popolo cristiano. Una cosa però dovrebbe farci piacere: sapere che anche Dio è relazione. Interessante, intrigante parlare di democrazia divina allo stato puro. Già la parola monoteismo andrebbe riletta e superata. Tiriamo almeno una conseguenza più concreta. Don Tonino Bello, pensando proprio alla Trinità, parlava spesso di convivialità delle differenze. Le differenze convivono, vivono insieme, stanno bene insieme, rimanendo però differenze. Qui sta il punto. Noi parliamo di comunità, di unitarietà, di armonia, e pensiamo che tutto debba livellarsi. Confondiamo la convivenza con l omologazione. Perché ci sia una società ideale, occorre che le differenze di ciascuno rimangano. Un dipinto è bello quando c è una armonica contrapposizione di colori. I colori non si devono confondere. Pensate al gioco delle luci. Non dobbiamo, perciò, avere paura della diversità di usi e costumi, delle culture, delle religioni, ecc. Qui sta il bello. Anche sulla parola integrazione, stiamo attenti. Integrazione non significa omologazione e neppure una specie di compromesso (tiriamoci indietro in qualcosa per andare d accordo), casomai nella esplicazione migliore di ciò che ciascuno è, senza tuttavia cadere in una contrapposizione per partito preso o ideologica. La comunità ideale è quella che esprime le migliori energie di ciascuno. Sto dicendo belle parole, ma poi nella realtà di tutti i giorni non facciamo che screditarle. Il mondo politico da una parte, e quello religioso dall altra, non fanno che omologare oppure dividere. Ecco poi il razzismo, il fondamentalismo, l integralismo, l emarginazione. Secondo me siamo ancora ben lontani dalla convivialità delle differenze di cui parlava don Tonino Bello. Ognuno si crede un mondo a sé. Noi abbiamo paura dell altro. E ci creano ad arte la paura dell altro. Viviamo di paure delle differenze. Certo, il problema sta nella Ormai non ci si presta nemmeno più attenzione, ma nei mezzi di informazione si è ritornati alla «antica e preconciliare identificazione fra chiesa italiana e Conferenza episcopale», anzi sovente addirittura tra cattolici e presidenza della Cei. E questo non dipende in primo luogo da una sbrigativa semplificazione da parte dei mass media, ma da un progressivo dilatarsi della forbice tra la sovraesposizione dei vertici ecclesiastici e l afasia dell opinione pubblica nella chiesa. È l immagine che la chiesa dà di se stessa che in un certo senso autorizza l osservatore esterno a identificarla con le figure più rappresentative del suo episcopato. Non si tratta quindi di un deplorevole malcostume giornalistico, quanto piuttosto di un serio campanello d allarme sullo stato di salute della chiesa italiana e sul suo impatto nella società civile. L impressione più diffusa all esterno, ma soprattutto all interno della chiesa, è quella sinteticamente evidenziata dal titolo di un breve saggio a due voci: convivialità. Sappiamo che il cammino è lungo e faticoso. Ma non risolveremo certo le tensioni creando ulteriori tensioni o paure. Bisogna credere nella convivialità delle differenze: qui sta il futuro dell umanità globale. Eppure per noi credenti la cosa dovrebbe essere più facile, per modo di dire. Crediamo nella Trinità, ovvero in un Dio uno e trino. Ma penso che a noi sia indifferente che Dio sia uno e trino. A noi interessa fare di Dio, vago e anonimo, una bandiera per i nostri egoismi politici o religiosi. E qui sta l errore madornale che rallenta il corso della Storia. Don Giorgio Capitani, 29 maggio 2010 L immagine che dà di sè la Chiesa Sempre più appiattita sulle figure dell episcopato Manca il respiro (Ancora, pp. 144, 13,00). Gli autori - Saverio Xeres, presbitero e docente di storia della chiesa presso la facoltà Teologica dell Italia settentrionale, e Giorgio Campanini, laico e già professore di Storia delle dottrine politiche, oltre che di teologia del laicato - danno voce a un disagio sempre più diffuso tra i cattolici italiani, alla sofferenza di tanti credenti che amano e hanno a cuore la propria chiesa e la vorrebbero in costante riforma per presentarsi al suo Signore «senza macchia né ruga» (Ef 5,27). [...] L immagine che emerge da questo doppio, appassionato sguardo non è delle più incoraggianti: sempre più fedeli assistono scoraggiati e impotenti a un progressivo depotenziamento dei documenti conciliari, specie di quelli portatori di un nuovo soffio vitale nella chiesa. Sembra quasi che le decisioni collegiali assunte dai padri conciliari - che, non si dimentichi, costituiscono la più alta espressione del magistero ecclesiale - siano equiparati ai molteplici pronunciamenti di singole conferenze episcopali e di uffici nazionali che finiscono per esprimere una sempre più accentuata autoreferenzialità della chiesa. Enzo Bianchi, La Stampa

7 Pag. 7 Orizzonti aperti Maggio 2011 Al cuore della fede - 10 Secondo la Caritas in veritate di Benedetto XVI L amore nella verità «L amore nella verità caritas in veritate è una grande sfida per la Chiesa in un mondo in progressiva e pervasiva globalizzazione. Il rischio del nostro tempo è che all interdipendenza di fatto tra gli uomini e i popoli non corrisponda l interazione etica delle coscienze e delle intelligenze, dalla quale possa emergere come risultato uno sviluppo veramente umano. Solo con la carità, illuminata dalla luce della ragione e della fede, è possibile conseguire obiettivi di sviluppo dotati di una valenza più umana e umanizzante. La condivisione dei beni e delle risorse, da cui proviene l autentico sviluppo, non è assicurata dal solo progresso tecnico e da mere relazioni di convenienza, ma dal potenziale di amore che vince il male con il bene (cfr Nella Valle della Durance, poco oltre Embrun, si sale a sinistra verso l Abbazia di Boscodon, edificata nello scenario delle Alpi a 1150 m. d altitudine. La sua origine risale al 1130, quando Guillaume de Montmirail donò un vasto appezzamento boschivo ( bosc, richiama il legno; don, da dunum, i luoghi alti) a chierici e laici che volessero servire Dio seguendo la regola basiliana o benedettina. Nel 1142 con Rm 12,21) e apre alla reciprocità delle coscienze e delle libertà. La Chiesa non ha soluzioni tecniche da offrire e non pretende «minimamente d intromettersi nella politica degli Stati». Ha però una missione di verità da compiere, in ogni tempo ed evenienza, per una società a misura dell uomo, della sua dignità, della sua vocazione. Senza verità si cade in una visione empiristica e scettica della vita, incapace di elevarsi sulla prassi, perché non interessata a cogliere i valori talora nemmeno i significati con cui giudicarla e orientarla. La fedeltà all uomo esige la fedeltà alla verità che, sola, è garanzia di libertà (cfr Gv 8,32) e della possibilità di uno sviluppo umano integrale». Benedetto XVI, Caritas in Veritate, 9 Turismo, estetica e spiritualità l abate Guigo di Revello la comunità monastica s inserisce nella linea benedettina riformata dell Ordine di Chalais, nell Isère, che verrà soppresso nel 1303, provocando l affiliazione di Boscodon alla Sacra di S. Michele. Saccheggiata dai protestanti del Lesdiguières nel 1579 e da Vittorio Amedeo II di Savoia, in guerra con la Francia, nel 1692, confiscata nel 1769 dall ultimo arcivescovo di Embrun per sfruttarne intensivamente le risorse forestali, nazionalizzata e venduta a Poesie Sempre in attesa di Pasqualino Ricossa Addio verdi colli ognor festanti e liete vigne d uve fragranti. Addio semplice felice fanciullezza. Mi sembra sempre di arrivare, e mi scopro sempre in attesa. La notte attende il mattino, il mattino attende la sera. Il seme lo stupore del germinare l incanto il volo dell uccellino. È splendore lo schiudersi fragrante della rosa, anche se pungono le spine. Ora, al declinar della vita, sommo l ansie delle mie attese: ancora mi è duopo aspettare. Rose e spine; cadono i petali come gli anni e i giorni miei. Lunghe attese ed ancora attese. Qualcosa c è oltre la vita che alimenta questo aspettare. Non ha più senso la parola FINE. Pasqualino Ricossa L abbazia di Boscodon, in Francia privati nel 1791, l abbazia comincia a rinascere nel 1972, quando l Associazione degli Amici di Boscodon compra ciò che resta della chiesa e del monastero e ne inizia il restauro e la ricostruzione nello spirito e nei modi dei monaci medioevali. La sete d interiorità si traduce nella nudità essenziale delle linee architettoniche, che esprime, senza ricorso ad immagini dipinte, l armonia della natura, interna ed esterna all uomo, come riflesso della bellezza divina. Nella costruzione si compongono forme geometriche che facilmente assumono valenze simboliche: il cerchio richiama la dimensione divina, il triangolo la Trinità, il quadrato la terra. L ambiente è accogliente perché letteralmente a misura d uomo: non sistema decimale, ma pollice, palmo, piede, cubito. La chiesa è volta al sole nascente, segno di Cristo che illumina il cammino degli uomini. Le proporzioni rimandano al tempio di Gerusalemme (Ez 40 s) e alla dimora di Dio con gli uomini. Artefice del restauro e della ricostruzione è Fr. Isidore, che tuttora guida le visite all abbazia facendo scoprire, attraverso criteri e tecniche costruttive, un umanità e una spiritualità che la frammentazione del nostro tempo difficilmente percepisce, una visione del mondo dove l universo visibile è simbolo dell invisibile: Le perfezioni invisibili [di Dio] possono essere contemplate con l intelletto nelle opere da lui compiute (Rom 1,20); e al centro si trova Gesù Cristo, cui tutto è sottomesso (Ef 1,22) ed in cui tutto sussiste (Col 1,17). Franco Betteto NOTE DI LETTURA Non solo per profitto di Andrea Balbo Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino 2011, 14 euro. Questo libro non tratta (direttamente) di argomenti religiosi, ma è un volume che tutte le persone che hanno a cuore le domande sul senso dell esistere e del vivere da uomini e donne consapevoli nella società dovrebbero leggere, senza lasciarsi fuorviare da un linguaggio fin troppo politically correct. M.C. Nussbaum è docente di Law and Ethics a Chicago, è studiosa del pensiero greco e dell educazione e ha da anni approfondito le indagini sulle radici umanistiche della società moderna e non solo di quella occidentale (nel volume tratta infatti ampiamente dell India). Il suo agile libretto è un invito a fare attenzione: la società contemporanea, con il suo appello al profitto puro e semplice, con il suo invito a valutare ciò che si insegna soltanto dal punto di vista dell utilità, corre il rischio molto grave di minare in profondità le capacità di discernimento e di spirito critico dei suoi membri, limitando l accesso al pensiero e consegnando, di fatto, le chiavi delle scelte fondamentali a piccole minoranze. Se questo processo si realizzasse, si arriverebbe di fatto alla fine delle democrazie e alla loro negazione sostanziale. La questione non è nuova, naturalmente, ma, invece di essere giocata sul terreno della contrapposizione tra cultura umanistica e scientifica, prende di petto il problema del senso delle scelte, della capacità di formare criticamente le nuove generazioni, dell accesso al pensiero e alla parola, del vivere in modo responsabile. La partita del futuro non è quindi banalmente legata ai modelli educativi, ma più profondamente connessa con una scelta profonda delle nostre civiltà, che sono di fronte al dilemma di avere cittadini capaci di influire ragionevolmente sul mondo che li circonda o sudditi privi di volontà. La Nussbaum è chiara: un autentica partecipazione si ha soltanto introducendo germi di umanesimo nella formazione o conservando quelli che ci sono; in questo contesto anche la dimensione cristiana acquisterebbe un ruolo fondamentale, per la sua intima connotazione umanistica: ma questa è una considerazione di chi scrive, non dell autrice. Andrea Balbo

8 Pag. 8 Cronaca bianca Maggio 2011 America latina Cose dell altro mondo Suor Angelina a Cicero Dantas «Siamo ogni volta interpellate a essere presenza di Dio che ama, che accoglie e che integra». E il ruolo delle suore di S.Giuseppe in Brasile, a Cicero Dantas, dove venti scuoline e doposcuola garantiscono ai bambini delle periferie e dei villaggi più poveri un educazione (e un pasto) di qualità. A raccontare questo mondo di solidarietà è suor Angelina, 69 anni, in Brasile da ventiquattro: «Ho sempre desiderato andare in missione», racconta ( ) «Ho lasciato mia madre morente quando ho preso il volo per la prima volta. - confida con le lacrime agli occhi - Era felice di vedermi partire perché sapeva che stavo realizzando un sogno». Che cosa significa vivere e portare la fede in un pezzo di Sud del mondo? «Significa trascorrere le giornate per strada, a contatto con le madri abbandonate dai mariti, affamate, con i bambini piccolissimi in braccio e i piccoli già grandi fuori casa a cercarsi da mangiare». E ancora: «Fare catechismo nelle case delle famiglie dilaniate, per rendersi conto con i propri occhi dove dormono i bambini che incontriamo quotidianamente nelle scuotine e ai doposcuola». In Brasile, educazione è davvero una forma di sostentamento. In ogni scuolina di Cicero Dantas (venti in tutto, suddivise nelle otto periferie) tre suore accolgono in due stanze, una cucina e un bagno i bimbi dai 3 ai 6 anni al mattino. A loro vengono serviti colazione e pranzo. Dalle 14 c è il doposcuola, rivolto invece ai ragazzini che frequentano le elementari. Prima di andare a casa anche per loro c è un pasto caldo, probabilmente l unico di tutta la giornata. Questo fragile sistema-aiuti si regge sulle offerte che arrivano dall Italia, Pinerolo in particolare con la comunità di S. Domenico e la parrocchia di S. Donato. «Quotidianamente mi trovo a spendere più di quanto ho in tasca. - racconta suor Angelina - Di fronte alle questioni di salute e di fronte alla fame non si può restare indifferenti. Le mamme e i bambini sono sacri». L adozione a distanza è lo strumento più utile, «perché ci permette di garantire al bimbo adottato un posto a scuola». Dopo tanti anni di vita dall altra parte del mondo, dov è che ci si sente a casa? «Casa mia è a Cicero Dantas. In Italia ho la mia famiglia e gli affetti, ma ormai tutta la mia vita è nelle scuoline, circondata dai bambini». Una vita fatta di difficoltà, anche se suor Angelina non è tipa da scoraggiarsi facilmente. «I momenti più critici, semmai, ti spronano ad andare avanti, a trovare nuove soluzioni». Suor Angelina, suora di San Giuseppe, da Notizie, Esperienze, Proposte, dicembre 2010, Parrocchia di S.Donato Un invenzione di Andrea Segrè, dell Università di Bologna Il cibo salvato all ultimo minuto Da spreco a dono. La parabola del cibo nell esperienza del Last Minute Market L ultimo minuto evoca nel mondo del calcio l estrema possibilità di ribaltare un risultato. Il gol segnato all ultimo minuto è il più spettacolare, che libera le emozioni più forti, proprio per un azione risolutiva oramai insperata. Il Last Minute Market, il cibo salvato all ultimo minuto, è un invenzione di Andrea Segrè, preside della facoltà di Agraria dell università di Bologna, che si basa su un idea molto semplice: prelevare l invenduto dei supermercati e donarlo a chi ha bisogno; cibo, insomma, ancora commestibile ma non commerciabile, che viene distribuito a enti caritativi. La data di scadenza troppo vicina, una confezione difettosa, un cellophane bucato, una pesca ammaccata: sono mille i motivi per cui finiscono nel cassonetto dell immondizia centinaia di migliaia di alimenti. Si calcolano 240 mila tonnellate l anno di prodotti alimentari non avariati e, calcolando tutte le eccedenze, si arriva a 6 milioni di tonnellate di beni scartati che potrebbero sfamare ogni anno 3 milioni di persone in Africa. E le famiglie non sono da meno nella classifica degli sprechi. In un anno ogni italiano getta nella pattumiera 27 chili di cibo: il 15 per cento del pane e della pasta acquistati, il 18 per cento della carne e il 12 per cento di frutta e verdura. Eppure, capì Segrè, lo spreco può essere messo in fuorigioco. Come? Trasformandolo in risorsa. Osservando, per motivi di studio insieme ai suoi studenti, tutte le fasi di lavorazione in un ipermercato, capì che era conveniente per tutti fermare il prodotto prima che diventasse un rifiuto. Così le imprese risparmiano in tasse e in costi di smaltimento. L ambiente si tutela da ulteriore immondizia. Innumerevoli enti non profit ricevono cibo risparmiando sui costi delle mense e investendo più risorse in beni e servizi. «I prodotti invenduti spiega Segrè sono un fallimento del mercato. Noi ne ribaltiamo la logica trasformandoli in dono». Oggi Last Minute Market ha attivato 42 progetti in una decina di regioni italiane e ha ampliato il suo campo d azione non solo al cibo, ma anche ai farmaci, ai libri, alle sementi, ai frutti non raccolti nei campi e destinati a marcire. Per bilanciare le eccedenze del mercato «serve un patto sottolinea Segrè che coinvolga imprese, istituzioni, mercati e consumatori». Città Nuova n.13/14, 2010 Marco Robella e Venusia Govetto La terza via dell Europa «Trent anni fa viaggiare nel mondo da europeo significava sentirsi chiedere: Com è l Europa? Cosa accade laggiù?. Ora questo interesse è scemato... il resto del pianeta non si aspetta più cose importanti dall Europa». [ ] Di qui una reazione istintiva dell Europa - politica ma anche sociale - verso un ritrarsi in sé stessa, mirata a salvare il salvabile : il nostro modus vivendi, la nostra cultura, i nostri valori, le nostre prerogative. «Un illusione», ammonisce Bauman, «le soluzioni locali a problemi globali - ovvero cercare di mantenere un sistema stabile, democratico e sicuro all interno di un mondo instabile e insicuro sono pura illusione». È per questo che l Europa deve intraprendere un altro percorso. E può farlo - dice Bauman -offrendo al mondo qualcosa di unico, che nessun altro può proporre. Non la potenza militare («quella Usa è inarrivabile»), non lo sviluppo economico («India, Cina e altri Paesi emergenti presto ci sorpasseranno»), non l innovazione scientifica («ormai diffusa in modo omogeneo in molte aree del mondo»). Bensì «la capacità di vivere con gli altri senza pretendere che gli altri cessino di essere sé stessi». In altri termini sfuggendo all alternativa secca che Lévi-Strauss aveva notato essere la regola per l umanità nella gestione del rapporto con il diverso: mangiarlo (annullarlo assorbendolo) o vomitarlo (annullarlo distruggendolo). Ora c è una terza via, quella europea: accettare la diversità culturale, linguistica e sociale, convivendoci. da un intervista di Z. Bauman Una coppia con la passione per l Africa Venusia, originaria di Sorrento e Marco di Montemagno, in provincia di Asti, si conoscono e si sposano in Senegal dove lavorano come volontari per l organizzazione non governativa Cisv di Torino. Venusia è la coordinatrice di un progetto del Cisv per il miglioramento della sicurezza alimentare nella Valle del fiume Senegal. Il progetto si prefigge di appoggiare le organizzazioni contadine, di elaborare metodi di lavoro e di raccogliere finanziamenti per migliorare un sistema di mutuo soccorso tra contadini. Si concordano le attività, si controllano sul terreno, si risolvono problemi per migliorare il lavoro. Sia Venusia che Marco sono abituati a spostamenti continui su strade sterrate tra le due città in cui lavorano: Saint Louis e Longa., Le due città hanno un potenziale turistico non sfruttato. Marco è responsabile del progetto di turismo solidale che organizza soggiorni in famiglia o in campement, strutture turistiche semplici e funzionali. Dalla regione del Louga proviene la maggior parte dei senegalesi in Italia. Sono quasi gli immigrati che, col loro lavoro, sostengono le proprie famiglie in Senegal nei periodi di siccità. Per arginare il dramma dell emigrazione e aumentare il reddito di alcune famiglie, il progetto di turismo solidale, coordinato da Marco, è un valido strumento. Nel 2009 a Venusia e Marco è stato assegnato il Premio internazionale del volontariato da parte della Focsiv. Al momento più di mille volontari che appartengono ai 65 organismi associati Focsiv sono sparsi in 50 paesi, impegnati in 66 progetti di sviluppo che spaziano dal settore sanitario, a quello agricolo e alla formazione alla difesa dei diritti umani. Simona Bruera Finestra per il Medio Oriente Perché vado in Turchia Le lettere di Don Andrea Santoro 24 - In giro per la Turchia Carissimi, abbiamo ancora gli occhi e il cuore pieni di quanto abbiamo visto in un giro da tempo programmato nell est della Turchia (il profondo sud di una volta in Italia). L intento era di capire meglio la realtà particolare che viviamo da Urfa fino ai confini con l Iran, l Iraq, la Siria e l ex Unione Sovietica. Vi faremo una cronaca dettagliata e ragionata nel prossimo numero. Per ora mi limito ad alcune semplici osservazioni. 1) Anzitutto ci siamo convinti ancora di più della varietà di questa terra chiamata Turchia. Una diversità di natura, di arte, di culture, di popoli. Una diversità che fa la sua ricchezza e il suo interesse ma anche la sua complessità e in certi casi la sua problematicità. 2) Dal punto di vista naturalistico abbiamo visto delle bellezze che ci hanno incantato. Valli, gole, pianure, colline, montagne ancora innevate, laghi, praterie, fiumi, piante e fiori di ogni tipo. Un vero regalo di Dio, un impronta della creazione, una goccia della sua bellezza. Chi non ha visto questa parte della Turchia non può dire di aver visto la Turchia. 3) Dal punto di vista artistico abbiamo visto splendidi monasteri e chiese disseminate ovunque. Vi si legge la fede, l amore e il genio spirituale delle numerosissime comunità cristiane che una volta le abitavano. Molte di queste chiese sono ridotte in rovina, altre difficilmente accessibili se non a prezzo di ricerche pazienti e di tragitti a piedi. La presenza e lo splendore di queste chiese contrasta con l assenza e l oblio dei cristiani che fino ai primi decenni di questo secolo vi abitavano numerosissimi. Nella popolazione attuale abbiamo trovato un ricordo pieno di simpatia, di stima e anche di nostalgia dei tempi della loro presenza: un segno di una convivenza riuscita e ancora possibile. Ci siamo convinti ancora di più che la diversità, se accettata e amata è ricchezza e stimolo reciproco, fonte di scambio e di collaborazione. La diversità se vissuta nel rispetto è vita, altrimenti genera estraneità, isolamento, insofferenza o odio. 4) Ci ha colpito l intensa atmosfera spirituale, riflessa nella sua architettura e nella sua decorazione, di una moschea di Malatya. L invito alla preghiera saliva al cuore appena entrati. Era come un piccolo cielo in terra. 5) Abbiamo attraversato città e villaggi abitati pressoché totalmente da curdi. Sempre abbiamo trovato affabilità e accoglienza. Abbiamo visto la loro laboriosità, il calore delle loro famiglie, la semplicità della loro fede, l amore alla terra che abitano, l anelito a condizioni di vita migliori per i loro figli, la loro cultura, la loro storia.

9 Pag. 9 Religione&Scuola Maggio 2011 CINEFORUM Film per la catechesi e l irc Abemus Papam Regia di Nanni Moretti (2011) Nessuno vuole fare il Papa. Il coro, mormorato a mezza bocca, che si leva dalla Cappella Sistina mentre il conclave sta per eleggere il nuovo pontefice, è piuttosto chiaro. Non io, Signore, pensano (sperano) i cardinali, uno ad uno. Ma ad uno di loro deve per forza toccare. Il prescelto al termine di svariate sedute che somigliano ad un esame di maturità (c è anche chi sbircia) è il cardinal Melville, nome da regista di noir e da scrittore. Il francese batte sul filo di lana il cardinale favorito (un italiano), un sudamericano e anche un africano. L Habemus Papam che annuncia la presenza del nuovo papa, anticipa di poco l urlo furioso che il successore di Pietro fa al mondo intero: Melville non vuole essere lì, ha paura, chiede aiuto. Il meccanismo perfetto si inceppa e, una volta accertata la buona salute fisica del Santo Padre, alle alte sfere vaticane non resta altro che affidare con scetticismo il papa in pectore ad uno psicanalista, il più bravo in circolazione. Il medico si trova subito le mani legate. Non può chiedere al papa dei suoi sogni, dei suoi desideri, del suo rapporto con le donne ed è oltretutto costretto ad effettuare le sue sedute davanti a tutti i porporati. Chiede e ottiene che a curarlo sia una professionista ignara dell identità di Melville. Dopo la prima seduta, l uomo, al culmine della disperazione, fugge lasciando il portavoce a sbrigarsela da solo. L opera rifugge la rappresentazione scandalosa della crisi del pontefice, rinunciando ad un dissacrante ritratto del clero in favore del racconto dello smarrimento di una persona che mai avrebbe pensato a se stesso come ad un malato. Il problema sembra essere la fede, ma forse l inghippo si trova da un altra parte. Perché in questa partita tra due fedi a loro modo assolute, una più razionale, la psicoanalisi, l altra di segno opposto, completamente asservita all idea di Dio, Melville non trova rimedi né su una sponda, né sull altra. Lo guardiamo vagare, uomo tra gli uomini, mentre si perde per le strade di Roma, rinfrancato solo dall affetto vero che riesce a conquistare dagli sconosciuti, segno forse che qualcosa non si è completamente infranto. In un film in cui sono ben visibili le due anime, quella più umoristica, legata alla vita in Vaticano dello psicoanalista, e la drammatica crisi umana di Melville, manca quella fusione che armonizzi le diverse parti della storia. Walter Gambarotto Dal giornale degli studenti del Liceo Porporato di Pinerolo Se c era un Dio da discutere Adesso, non c è più. Sei troppo ingenuo da credere, che un Dio, sei tu Dio, non sarà aritmetica, ne parapsicologia. Non sta nei falsi tuoi simboli, nella pornografia! Ti giochi Dio al totocalcio, lo vendi per una dose, lo butti via in una frase, lo cercherai in farmacia Pensi Lui vada a petrolio, Il cielo in una frase Se ognuno pensasse a cambiare se stesso, tutto il mondo cambierebbe. (Bayazid ) imbroglio Missioni di pace e zafferano Un iniziativa dei militari italiani per sostituire le coltivazioni di oppio Potrebbe essere Dio di la fede, non è un E, non c è Dio sulla luna, ma in questa terra che trema! Se mai, non sarà Dio, sarà ricostruire Se mai, lo ritroverai, in un pensiero, in un desiderio, nel tuo delirio, nel tuo cielo Dio!!! Potrebbe essere Dio E anch io, con te cercherei, nella paura una strada sicura, Renato Zero Ebbene sì, infatti la coltivazione di questa spezia è una delle principali risorse degli abitanti dei paesi in guerra. Parlando con il Tenente Colonnello Laurenti, sono venuta a conoscenza di questa importante missione: attualmente molti soldati italiani sono impegnati in missioni di pace in Afghanistan e dall Italia è partita l idea di donare ai villaggi dello stato dei bulbi di zafferano, appunto, in modo che i contadini possano trarre un guadagno, sebbene questo sia molto inferiore all effettivo ottenuto dalla vendita nei nostri paesi, adeguato per la loro sopravvivenza. Questa operazione anche se può sembrare irrilevante, a differenze delle grandi missioni proposte dagli americani che però risultano inutili, è spesso soggetta ad alti rischi, come mi spiega il tenente, infatti i carichi sono sovente soggetti un altra promessa, magari la stessa: Dio! Riporta Dio, dove nascerai, la dove morirai Riporta Dio nella fabbrica, nei sogni più avari che fai Ti giochi Dio al totocalcio, lo vendi per una dose, lo butti via in una frase, lo cercherai in farmacia E Dio non è un manifesto, la morte senza un pretesto La noia o un altro veleno, la bocca di un altro squalo Se mai, un Dio, non ce l hai, io ti presenterò il mio Dove abita, io non saprei Magari in un cuore, in un atto d amore, nel tuo immenso io, c è Dio!! Potrebbe essere Dio E tu, al posto suo, mi tradiresti? Mi uccideresti? Mi lasceresti senza, un Dio? Se mai, non sarà Dio, sarà ricostruire Se mai, lo ritroverai, in un pensiero, in un desiderio, nel tuo delirio, nel tuo cielo Dio!!! Quanti di voi sanno esattamente dove si trova la Nuova Zelanda sulla cartina? Non lo sapevo nemmeno io con precisione, prima ancora di pensare a un viaggio, il viaggio che mi ha cambiata, che mi ha fatta crescere e che mi ha regalato tante emozioni, parole e sguardi, diversi da quelli che incontriamo nella vita, che potremmo definire di tutti i giorni, proprio perchè ricchi di curiosità e soprattutto di novità. Quest estate ho trascorso tre mesi in un isola che pochi conoscono davvero, l isola che i Maori chiamano Aotearoa, famosa per i kiwi, il rugby e i paesaggi mozzafiato. Ma c è molto di più, ancora di più se ti trovi ad essere uno studente internazionale che vive in una famiglia locale, che frequenta una scuola enorme e colorata di verde, piena di gonnelline scozzesi, pantaloncini grigi, sandali e scarpette rigorosamente uguali, che trascorre le sue giornate in mezzo a ragazzi,giunti da ogni parte del mondo, con il tuo stesso obiettivo. All inizio la timidezza gioca la sua parte e si hanno molte aspettative, paura di non saper gestire la nuova vita, anche se ci si rende poi conto che ogni singolo momento è stato speciale, anche quelli di difficoltà, perchè rendono più forti, soprattutto se bisogna contare solo su se stessi per superarli. La ricchezza immensa che mi ha dato questa esperienza non è tanto la conoscenza dell inglese, che è sicuramente migliorato, ma la consapevolezza del mondo in cui vivo attraverso la conoscenza di ragazzi e ragazze, nella mia stessa condizione, che sono riusciti a lasciare un segno nella ad attacchi e le persone a bordo sono uccise. I bulbi di zafferano hanno inoltre sostituito le coltivazioni di oppio; alla consegna c è una specie di cerimonia in cui i bulbi vengono dati al capo villaggio che provvederà a distribuirlo ai contadini. Il tenente conclude dicendomi che a suo parere questa idea è buona ma probabilmente non sostenibile nel tempo. Martina Rostagno, Onda d urto, febbraio 2011 Adesso vi racconto... I miei tre mesi in Nuova Zelanda mia vita. Il rapporto di amicizia che si è creato fra noi è unico, difficile da spiegare, perché laggiù, non conoscendo la nostra storia, i nostri parenti, amici e culture, ci siamo accettati per ciò che siamo e anche se so che non rivedrò mai più tante persone, con le quali ho condiviso intere giornate, saranno per sempre amici veri, quelli di cui non ci si dimentica. Da loro e dalla famiglia che mi ha ospitata ho imparato tanto, ad apprezzare i piccoli gesti, ad essere consapevole dei miei limiti e a guardare il mondo con occhi totalmente diversi: Pinerolo era così piccola quando sono tornata! Soltanto quando si torna a casa ci si rende davvero conto di che cosa si è vissuto, di essere davvero andati e tornati dall altra parte del Globo e di avercela fatta. Ed è proprio in quel momento che si apprezzano tutti i momenti di quanto vissuto, che si piange e che si inizia a pensare di tornare, ma quando si riabbracciano le persone care, che aspettano con ansia all aereoporto, gli amici e i compagni di scuola, si ha davvero voglia di ricominciare la vita di tutti i giorni, perchè in fin dei conti, è mancata. Sono sicura che prima o poi tornerò in quell isoletta felice, dove sono stata così bene, e anche se ogni tanto vorrei scappare laggiù, sono contenta di essere tornata, perché come dice la mia mamma ospitante It s not over, but everything starts again. Alessia Moroni, 2A CL, Onda d urto, febbraio 2011

10 Pag. 10 In diocesi Maggio 2011 Temi per riflettere in un assemblea diocesana - 2 I genitori, mediatori intergenerazionali «Generare è prendersi cura di una nuova generazione a cui si è data vita» Da una relazione di Eugenia Scabini, Preside della Facoltà di Psicologia, dell Università Cattolica S. Cuore di Milano alla Scuola Diocesana di formazione all impegno sociale e politico della Diocesi di Bologna, nel 2007, sul tema del corso Il ruolo sociale della famiglia oggi. Musica e spiritualità Agostino e la musica di Joram Gabbio Anche per quanto riguarda la musica Agostino fu un gigante. Conserviamo di lui varie notazioni sparse, soprattutto nei commenti ai salmi, oltre al trattatelo sistematico De musica. Il vescovo d Ippona colse il valore della musica, che supera e porta a compimento la ragione. Egli comprese che laddove ci si scontrava con l ineffabile, la musica poteva emergere. Nel commento al salmo 32 eccolo predicare così: ognuno chiede in qual modo cantare a Dio. Canta a Lui, ma canta bene. Canta nel giubilo. Che significa giubilare? Intendere senza poter spiegare a parole ciò che con il cuore si canta La giubilazione non è altro che il canto dell Alleluja, che ancora oggi sia la liturgia romana, sia quella ambrosiana, vorrebbero sempre cantata. Ma la sapienza omiletica di Agostino seppe prendere spunto anche direttamente dagli strumenti che accompagnavano la liturgia: nel commento al salmo 56, da maestro della comunicazione qual era, osservò la presenza di salterio e cetra, due strumenti differenti. Ecco allora l opportunità per trattare delle azioni che compì la carne di Cristo, cioè i miracoli e passione: essi appartengono ad un unica carne, così come salterio e cetra modulano un unica musica, ma l uno ha la cassa in alto, l altro in basso; i miracoli, predicò Agostino, furono operati da ciò che era sopra, la passione fu compiuta attraverso l elemento inferiore. I miracoli erano opere divine, ma Cristo li fece per mezzo del corpo, per mezzo della carne. Ebbene la carne, in quanto compiva opere divine, è il salterio; la stessa carne, in quanto sopportava le miserie umane, è la cetra. Il pretesto allegorico per predicare è dunque testimonianza preziosa non solo dell impiego degli strumenti all epoca di Agostino, ma anche della sua sensibilità per la musica. JG Possiamo dire che i genitori hanno due compiti strettamente intrecciati tra di loro. Il primo attiene alla responsabilità della cura ed educazione della nuova generazione cui essi hanno dato vita, ed il secondo è dato dal mantenere viva rinnovandola la memoria familiare e la duplice eredità del ramo paterno materno. L uomo e la donna che si sposano, in un certo senso, fanno incontrare due storie familiari. La coppia genitoriale è un vero e proprio dispositivo di mediazione intergenerazionale: riceve dalla propria storia familiare d origine e dalla propria cultura nutrimento materiale e simbolico (affettivo e valoriale) ed è chiamata a trasferirlo innovativamente, non meccanicamente ma neppure in maniera smemorata ai figli. Fa parte di una trasmissione positiva e sana sia il riconoscimento del dono ricevuto ed il connesso debito contratto (si pensi ad esempio al dono della vita ricevuta ed al sentimento di obbligo filiale quando il genitore invecchia e abbisogna di cura) sia il riconoscimento di deficit, dolori ed eventuali fallimenti. Il riconoscere non teme verità anche scomode, non censurare è la prima operazione da fare per portare in salvo il valore, cioè ciò che di bene le generazioni si sono scambiate pur entro i loro errori. Educare è in questa prospettiva una vera e specifica avventura. Tanti genitori oggi sono preoccupati di fornire ai figli competenze e opportunità in molti campi (lo sport, le lingue, ) e ciò è comprensibile e opportuno (potendo), ma a ben vedere non è l essenza della funzione genitoriale che può venire esercitata con successo anche dal genitore meno istruito o meno economicamente dotato. Quante volte leggendo le biografie di tanti uomini riusciti veniamo a conoscenza delle cosiddette umili origini e come tali origini siano riuscite a trasferire e a comunicare un capitale umano che ha costituito la base sicura dalla quale si è dipanata la libera avventura di una vita eccezionale. L educazione non finisce mai perché non si è mai finito, anche da adulti, di compiere il lavoro di riappropriazione della propria storia, di completare quella trattativa tra ciò che del passato va lasciato e ciò che va conservato, valorizzato e ridetto con accenti appropriati ai tempi. Generare è prendersi cura di una nuova generazione familiare e sociale, fornirle il patrimonio materiale e morale, il nutrimento simbolico affettivo e valoriale, che è essenziale al dispiegarsi della identità adulta cioè generativa, in grado di portare avanti, in avanti, si spera in senso migliorativo la storia familiare e sociale. La famiglia è luogo naturale in cui si giocano le sorti anche psicologiche dell uomo, della costituzione dell identità di ciascuno, in una parola, come ci dice benissimo la Familiaris Consortio (n. 43), il luogo nativo e lo strumento più efficace di umanizzazione e personalizzazione della società. E questa opera di umanizzazione è efficace se la famiglia è vissuta e concepita come comunità di generazioni come dice Giovanni Paolo II nella lettera alle Famiglie. L attuale perdita o per lo meno depotenziamento di questo punto di vista intergenerazionale provoca una pericolosa scissione tra la famiglia e la società. Il generare viene prevalentemente vissuto come un fatto privato di natura emozionale (e va bene distinta l emozione dall affetto) e la società non vede famiglie ma individui slegati e si occupa dei cosiddetti soggetti deboli bambini, donne, vecchi Se fallisce questa lunga e preziosa cura delle nuove generazioni e non viene valorizzato il lavoro educativo, di trasferimento innovativo del patrimonio simbolico familiare e culturale (che è poi la tradizione delle famiglie e delle loro comunità di appartenenza) la società è destinata ad impoverirsi perché non può contare su quel bene relazionale che è l identità della persona. Non si può contare su quello che oggi con espressione più in uso si dice capitale umano o capitale sociale, materia prima senza la quale non si fabbrica né società né socialità.[...] Eugenia Scabini, Famiglia e rapporto tra le generazioni, Bologna Passinpiazza Rapporto sul lavoro I problemi di Berlusconi con la giustizia, la crisi libica, l emergenza immigrazione hanno allontanato lo sguardo dai problemi reali del paese, in particolare quelli economici e dell occupazione, ancora gravi ed irrisolti. L VIII Rapporto su sviluppo e funzionamento dei Centri per l Impiego in Piemonte mette il dito sulla piaga: i numeri sullo stato di salute del mercato del lavoro in Piemonte sono significativi e parlano da sé. Eccone alcuni. Nel primo semestre 2010 il tasso di disoccupati ha raggiunto l 8% e il dato più preoccupante si registra nel pubblico impiego e in quello dell istruzione, dove i contratti cessati hanno superato quelli avviati di circa unità; anche gli altri settori continuano a registrare un incremento di licenziamenti dovuti a difficoltà aziendali. Intanto i contratti trasformati da determinati a indeterminati continuano a diminuire e registrano tra i primi 6 mesi del 2010 e lo stesso semestre dell anno precedente una variazione del -7%, che raggiunge il -21,3% se ci si confronta col primo semestre Stanno cambiando infatti le caratteristiche del mercato del lavoro, sempre più orientato verso la costituzione di rapporti determinati e di breve durata. E questa la flessibilità dell occupazione che si traduce in una varietà di contratti lavorativi, cosiddetti atipici, in cui rientrano quelli di durata determinata, i contratti di collaborazione, di lavoro ripartito, di prestazione occasionale (per citarne alcuni). Ma flessibilità è anche la disponibilità a ricoprire ruoli sempre diversificati. Da notare anche la crescita del part time sul totale dei contratti a tempo indeterminato, passato tra il 2008 e il 2009 dal 35 al 41% e che riguarda soprattutto i giovani e le donne. Chi cerca un posto di lavoro affronta una situazione complicata da gestire e dall esito incerto, sia che si tratti della prima volta, sia che si abbia già un passato lavorativo alle spalle. La difficoltà riguarda anche la modalità di gestione delle tappe della ricerca: quale canale di ingresso utilizzare? A quale annuncio rispondere? Come compilare il curriculum vitae? Come gestire adeguatamente il colloquio per rendere appetibile la propria candidatura? Il problema, ancora una volta, riguarda soprattutto i giovani che costituiscono il 54% circa delle persone alla ricerca di un impiego. Si cerca di ovviare alla difficoltà con forme varie di formazione, tra cui spicca il tirocinio, utile a fronteggiare la disoccupazione giovanile e a offrire possibilità di inserimento. Nel corso degli anni il suo utilizzo è aumentato, passando da tirocini nel 2002 a nel Nel 2010 la percentuale attivata sale del 19%. La curva di distribuzione segnala negli anni una crescita di tirocini delle persone con titoli di istruzione professionale o di laurea, che rappresentano il 10%. Ma dei tirocini conclusi nel 2009, solo 6.139(46,7%) ha registrato un successivo avviamento al lavoro. Maria Teresa Maloberti

11 Pag. 11 In diocesi Maggio 2011 Si ha notizia della parrocchia di Villar Perosa sin dal Il di Pax Christi Italia panorama del paese è dominato dalla chiesa di San Pietro in Vincoli. Spesso si sente dire sembra Superga, qualcuno è andato oltre dicendo che è stata eretta sul modello di Superga. E ora di sfatare questa affermazione, perché la chiesa è stata costruita prima della celebre basilica sita sulla collina torinese. La costruzione della chiesa iniziò nel 1709, è stato anche detto, ma oggi gli studiosi smentiscono la cosa, che il disegno fosse del Juvarra. La chiesa fu eretta in maniera di essere, almeno idealmente, al centro delle borgate che componevano allora Villar Perosa. L industrializzazione ha invece, come conseguenza, favorito lo sviluppo del paese (oggi la parrocchia più popolata in val Chisone) in basso. Qui si trovano la chiesa di Sant Aniceto (costruita intorno al 1930), l oratorio femminile e quello maschile con la casa parrocchiale. A Borgo Soullier vi è un tempio valdese, conosciuto come il tempio di Villar. E stato costruito intorno al 1965 e possiede una specificità: è il primo tempio costruito in val Chisone sulla riva sinistra del Chisone. Per tanti secoli ci si era attenuti in maniera scrupolosa al trattato di Cavour (1561) che concedeva ai valdesi di innalzare templi solo sulla riva destra. Ciò spiega anche perché la popolazione cattolica delle parrocchie di San Germano Chisone e Pramollo sia, e di tanto, minoritaria rispetto a quella valdese. L attuale chiesa di San Germano risale al 1754, ma già dal 1526 si parla della parrocchia, per un certo periodo unita a Villar e poi ricostituita. Ancor più antica risulta la parrocchia di Pramollo di cui si ha notizia nel L attuale chiesa risale agli anni 1841/1843 e appare sproporzionata al numero dei cattolici residenti. E indubbio che, in epoca non ecumenica, si fosse voluto sottolineare la presenza cattolica, numericamente ridotta, in maniera forte. La chiesa precedente, sita nella Borgata dove ha sede il Comune e dove sorge il Tempio valdese, fu venduta ai valdesi stessi con la condizione (rispettata) che non venisse usata per il culto, bensì per la scuola. Nel passato, con abbondanza di preti, fu addirittura eretta la vicaria di Pomeano; il prete titolare era tenuto anche a fare scuola. La chiesa di San Michele, in Porte, fu eretta nel 1730 e ingrandita ed abbellita dopo il Della parrocchia, dipendente dall Abbazia di Santa Maria, si ha notizia dal Nel suo territorio vi sono due cappelle (San Benedetto e San Rocco) e i resti di una terza detta di portesi Il Padr eterno. Fino al 1740 appartenne alla parrocchia di San Michele il territorio che dal 1740 appartiene alla parrocchia di San Carlo Borromeo, detta Turina (nome della frazione in cui sorge la chiesa) o Inverso Porte dalla posizione geografica. Anche in questa parrocchia, collocata alla sinistra del Chisone, la presenza valdese (sebbene in maniera minore rispetto a San Germano e Pramollo) è più marcata. Giorgio Grietti Profili Parrocchie del Pinerolese 12 Villar Perosa, San Germano, Pramollo, Porte, Turina Odissea della politica Il regime di Gheddafi ha sempre mostrato il suo volto tirannico. Pax Christi ha denunciato le connivenze di chi, Italia in testa, gli forniva una quantità enorme di armi, anche dopo la sua visita in Italia, sui diritti umani violati in Libia, sulla tragica sorte delle vittime dei respingimenti, su chi muore nel deserto o nelle prigioni libiche. Il Colonnello era già in guerra con la sua gente anche quando era nostro alleato e amico. Mentre parlano solo le armi, si resta senza parole. Ammutoliti, sconcertati. Anche noi di Pax Christi, come tante altre persone di buona volontà. Il regime di Gheddafi ha sempre mostrato il suo volto tirannico. Pax Christi, con altri, ha denunciando le connivenze di chi, Italia in testa, gli forniva una quantità enormi di armi senza dire nulla, anche dopo la sua visita in Italia sui diritti umani violati in Libia, sulla tragica sorte delle vittime dei respingimenti, su chi muore nel deserto o nelle prigioni libiche. Il dio interesse è un dio assoluto, totalitario, a cui tutto va immolato. Anche a costo di imprigionare innocenti, torturarli, privarli di ogni diritto, purché accada lontano da qui. In Libia. (Pax Christi 2 settembre 2010). Il Colonnello era già in guerra con la sua gente anche quando era nostro alleato e amico! Non possiamo tacere la triste verità di un operazione militare che, per quanto legittimata dal voto di una incerta e divisa comunità internazionale, porterà ulteriore dolore in un area così delicata ed esplosiva, piena di incognite ma anche di speranze. Le operazioni militari contro la Libia non ci avvicinano all alba, come si dice, ma costituiscono un uscita dalla razionalità, un odissea perchè viaggio dalla meta incerta e dalle tappe contraddittorie a causa di una debolezza della politica. Di fronte a questi fatti, vogliamo proporre cinque passi di speranza e uno sguardo di fede. 1) Constatiamo l assenza della politica e la fretta della guerra. E evidente a tutti che non si sono messe in opera tutte le misure diplomatiche, non sono state chiamate in azione tutte le possibili forze di interposizione. L opinione pubblica deve esserne consapevole e deve chiedere un cambiamento della gestione della politica internazionale. Segue a pag. 12 Io sono corresponsabile Coltivare una vigna, accudirla perché porti uva bella e gustosa, esige molto lavoro, anche specializzato, insieme a fatica, sudore e tanta speranza. La vigna del Signore è certamente la sua Chiesa, ma più ampiamente è il mondo intero. Qui i cristiani devono essere presenti, ognuno secondo la propria vocazione e il proprio carisma. L approfondimento del mistero della Chiesa come popolo di Dio ci ha fatto comprendere che tutti siamo corresponsabili - pur a titoli diversi - nel continuare, oggi, la missione evangelizzatrice di Gesù. Dire corresponsabilità è molto più che dire collaborazione. C è un salto di qualità tra queste due parole. Io posso collaborare con un altro, aiutandolo a realizzare un suo progetto (il progetto resta suo, non mio). Io sono corresponsabile con un altro solo quando il progetto da realizzare è anche mio. Quando si parla di apostolato, è riduttivo usare il verbo collaborare, perché la Chiesa è anche mia; inoltre questo verbo dà l impressione di passiva dipendenza, di impegno saltuario, frammentato e non continuativo. Occorre parlare di corresponsabilità. La corresponsabilità cresce e si manifesta se si è consapevoli della propria dignità di battezzati e dell essere partecipi dell unica missione evangelizzatrice che Gesù ha affidato alla sua Chiesa. Quando i laici si sentono corresponsabili diventa più facile, quasi consequenziale, essere presenti prima di tutto nelle realtà temporali per portare all interno di esse il fermento del Vangelo, Paolo VI così sintetizza la missione dei laici nella società e nella vita pubblica: II campo proprio della loro attività evangelizzatrice è il mondo vasto e complicato della politica, della realtà sociale, dell economia; così pure della cultura, delle scienze e delle arti, della vita internazionale, degli strumenti della comunicazione sociale; ed anche di altre realtà particolarmente aperte all evangelizzazione, quali l amore, la famiglia, l educazione dei bambini e degli adolescenti, il lavoro professionale, la sofferenza. Più ci saranno laici penetrati di spirito evangelico, responsabili di queste realtà ed esplicitamente impegnati in esse, competenti nel promuoverle e consapevoli di dover sviluppare tutta la loro capacità cristiana spesso tenuta nascosta e soffocata, tanto più queste realtà, senza nulla perdere ne sacrificare del loro coefficiente umano, ma manifestando una dimensione trascendente spesso sconosciuta, si troveranno al servizio dell edificazione del regno di Dio, e quindi della salvezza in Gesù Cristo. Pier Giorgio Debernardi, vescovo Dalla lettera pastorale 2010 Andate anche voi nella vigna IL pregio dell uomo Nel libro dei Proverbi, attribuito al re Salomone, leggiamo: Il pregio dell uomo è la sua bontà (19,22). Bellissima definizione. Sappiamo tuttavia che questa ineffabile bontà dal Signore Gesù viene riservata esclusivamente al Padre celeste: uno solo è buono, Dio. Sì, Dio, il nostro Dio è infinitamente buono. La virtù della bonquando la sperinoi, sia quando la il prossimo; essa, cosa che si ricorda dimentica. tà è cara a tutti, sia mentiamo verso di esercitiamo verso infatti, è la prima e l ultima che si La bontà, che rac- chiude in sé amorevolezza, mise- ricordia, perdono, tenerezza, fidu- cia è, secondo S. Francesco di Sa- les, il profumo che emana la creatura quando Dio vive in lei. Anche S. Paolo ci esorta a vincere il male con il bene, ossia con la bontà. Ecco il bel commento di un autore: Quando l onda del mare non trova una persona che la trasformi in preghiera, fa il suo corso e genera il male. Ma se l onda del male arrivando ad una persona e questa devi essere tu si trasforma in amore, perdono, silenzio, allora siamo nel mistero di Cristo e qui comincia la Redenzione. É bello, quindi, come figli del Padre celeste, unico, buono, impegnarci ad emanare ovunque quel profumo, segno che Egli vive in noi, affinché Dio sia glorificato. Suore Visitandine Monastero della Visitazione, Pinerolo

12 Pag. 12 Territorio Maggio 2011 Parrocchia Cuore Immacolato di Maria - San Lazzaro - Pinerolo La ranocchia che non sapeva di essere cotta «Quando un cambiamento avviene in un modo lento, sfugge alla coscienza e non suscita nella maggior parte dei casi alcuna reazione» Immaginate una pentola piena d acqua fredda in cui nuota tranquillamente una piccola ranocchia. Un piccolo fuoco è acceso sotto la pentola e l acqua si riscalda molto lentamente. L acqua piano piano diventa tiepida e la ranocchia, trovando ciò piuttosto gradevole, continua a nuotare. La temperatura dell acqua continua a salire. Ora l acqua è calda, più di quanto la ranocchia possa apprezzare, si sente un po affaticata, ma ciò nonostante non si spaventa. Ora l acqua è veramente calda e la ranocchia comincia a trovare ciò sgradevole, ma è molto indebolita, allora sopporta e non fa nulla. La temperatura continua a salire, fino a quando la ranocchia finisce semplicemente per cuocere e morire. Se la stessa ranocchia fosse stata buttata direttamente nell acqua a 50 gradi, con un colpo di zampe sarebbe immediatamente saltata fuori Odissea della politica (segue da pag.11) 2) Si avverte la mancanza di una polizia internazionale che garantisca il Diritto dei popoli alla autodeterminazione. 3) Non vogliamo arrenderci alla logica delle armi. Non possiamo accettare che i conflitti diventino guerre. Teniamo desto il dibattito a proposito delle azioni militari, chiediamo che esse siano il più possibile limitate e siano accompagnate da seri impegni di mediazione. Perchè si sceglie sempre e solo la strada della guerra? Ce lo hanno chiesto più volte in questi anni i tanti amici che abbiamo in Bosnia, in Serbia, in Kosovo, in Iraq. 4) Operiamo in ogni ambito possibile di confronto e di dialogo perché si faccia ogni sforzo così che l attuale attacco armato non diventi anche una guerra di religione. In particolare vogliamo rivolgerci al mondo musulmano e insieme, a partire dall Italia, invocare il Dio della dalla pentola. Ciò dimostra che, quando un c a m b i a m e n t o avviene in un modo sufficientemente lento, sfugge alla coscienza e non suscita nella maggior parte dei casi alcuna reazione, alcuna opposizione, alcuna rivolta. Se guardiamo ciò che succede nella nostra società da qualche decennio possiamo vedere che stiamo subendo una lenta deriva alla quale ci stiamo abituando. Una quantità di cose che avrebbero fatto inorridire 20, 30 o 40 anni fa, sono state poco a poco banalizzate e oggi disturbano appena o lasciano addirittura completamente indifferente la maggior parte delle persone. Nel nome del progresso, della scienza e del profitto si effettuano continui attacchi alle libertà individuali, alla dignità, all integrità della natura, alla bellezza e alla gioia di vivere, lentamente ma inesorabilmente, con la costante complicità delle vittime, inconsapevoli o ormai incapaci di difendersi. Le nere previsioni per il nostro futuro, invece di suscitare reazioni e misure preventive, non fanno altro che preparare psicologicamente la gente ad accettare delle condizioni di vita decadenti, anzi drammatiche. Il Pace e dell Amore, non dell odio e della guerra. Ce lo insegnano tanti testimoni che vivono in molte zone di guerra. 5) Come Pax Christi continuiamo con rinnovata consapevolezza la campagna per il disarmo contro la produzione costosissima di cacciabombardieri F-35. Inoltre invitiamo tutti a mobilitarsi per la difesa della attuale legge sul commercio delle armi, ricordiamo anche le parole accorate di d.tonino Bello: dovremmo protenderci nel Mediterraneo non come arco di guerra ma come arca di pace. Giovanni Paolo II per molti anni ha parlato dei fenomeni bellici contemporanei come avventura senza ritorno, spirale di lutto e di violenza, abisso del male, suicidio dell umanità, crimine, tragedia umana e catastrofe religiosa. Per lui le esigenze dell umanità ci chiedono di andare risolutamente verso l assoluta proscrizione martellamento continuo di informazioni da parte dei media satura i cervelli che non sono più in grado di distinguere le cose... Quando ho parlato di queste cose per la prima volta, era per un domani. Ora è per oggi!!! Coscienza o cottura? Bisogna scegliere! Da Orizzonti Aperti, San Lazzaro, Aprile 2011 della guerra e di coltivare la pace come bene supremo, al quale tutti i programmi e tutte le strategie devono essere subordinati (12 gennaio 1991). In questa prospettiva Pax Cristi ricorda ai suoi aderenti che il credente riconosce nei mali collettivi, o strutture di peccato, quel mistero dell iniquità che sfugge all atto dell intelligenza e tuttavia è osservabile nei suoi effetti storici. Nella fede comprendiamo che di questi mali sono complici anche l acquiescenza dei buoni, la pigrizia di massa, il rifiuto di pensare. Chi è discepolo del Vangelo non smette mai di cercare di comprendere quali sono state le complicità, le omissioni, le colpe. E allo stesso tempo con ogni mezzo dell azione culturale tende a mettere a fuoco la verità su Dio e sull uomo. Giovanni Giudici, presidente di Pax Christi Italia, Pavia, 21 marzo 2011 Preziosità del silenzio Il silenzio è mitezza: quando non rispondi alle offese, quando non reclami i tuoi diritti, quando lasci a Dio la tua difesa e il tuo onore. Il silenzio è misericordia: quando non riveli le colpe dei fratelli, quando perdoni senza indagare nel passato, quando non condanni, ma intercedi nell intimo. Il silenzio è pazienza: quando soffri senza lamentarti, quando non cerchi consolazioni umane, quando non intervieni, ma attendi che il seme germogli lentamente. Il silenzio è umiltà: quando taci per lasciare emergere i fratelli, quando celi nel riserbo i doni di Dio, quando lasci che il tuo agire sia interpretato male, quando lasci ad altri la gloria dell impresa. Il silenzio è fede: quando taci perché è Lui che agisce, quando rinunci ai suoni, alle voce del mondo per stare alla Sua presenza, quando non cerchi comprensione, perché ti basta essere conosciuto da Lui. Il silenzio è saggezza : quando ricorderai che dovremo rendere conto di ogni parola inutile quando ricorderai che il maligno è sempre in attesa di una tua parola imprudente per nuocerti e uccidere. Il silenzio è adorazione: quando abbracci la croce, senza chiedere : Perché? nell intima certezza che questa è l unica via giusta. (Da un condensato di S.Giovanni della Croce, ) Ma Gesù taceva. (Mt 26,63) Questo giornale è inviato gratuitamente. È gradito un contributo per le spese di stampa. Si può utilizzare il bollettino indicato sotto. Grazie!!! Indialogo.it, Periodico di Cultura religiosa realizzato in collaborazione con l Ufficio Irc/sms e la Comm. per l Ecumenismo e il dialogo della Diocesi di Pinerolo, Direttore responsabile Antonio Denanni, Autorizzazione n. 2 del del Tribunale di Pinerolo. Redazione c/o Antonio Denanni, Via Goito 20, Pinerolo, Editore Alzani, Via Grandi 5, Pinerolo. Abbonamento o sostegno: c/c postale n , Tipografia Alzani, Via Grandi 5, Pinerolo (causale: Indialogo)

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo

NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA. TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo NUOVA EVANGELIZZAZIONE NELLA SOCIETA GLOBALIZZATA TESTIMONIANZA Predicare dai tetti Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Antonio Riboldi Vescovo Che sia urgente 1 evangelizzazione ad ogni uomo che è sulla terra,

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

<>

<<CORAGGIO, SONO IO>> Quaderno delle settimane 2014-2015 Il progetto Formativo ci presenta le settimane come una modalità in cui missione e formazione si intrecciano e si arricchiscono reciprocamente (PF

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli