Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.ilrestodelcarlino.it e-mail: cronaca.modena@ilcarlino.net"

Transcript

1 MODENA Sabato 7 febbraio Redazione: via Carlo Zucchi 31, Modena - Tel Fax Pubblicità: S.P.E. - Via Carlo Zucchi 31, Modena - Tel Fax Degrado, romeni accampati nell ex cimitero di Saliceta Cittadella, proteste dei commercianti Alle pagine 2 e 3 DECRETO SICUREZZA I medici insorgono «Non denunceremo i clandestini» A pagina 6 LITE IN FAMIGLIA Droga, il nonno inguaia il nipote e il suo amico A pagina 7 VILLAGGIO fantasma FRASSINORO Frana continua Case sgomberate, strade bloccate OPERAZIONE DELLA GUARDIA DI FINANZA Fatture false, evasi trenta milioni: 14 denunciati A pagina 7 LA SCELTA DI UNA DONNA. «ORA SONO TRANQUILLA» Replay del giudice Sì a due nuovi bio testamenti A pagina 5 FANANO A pagina 23 Cuoco arrestato Spacciava cocaina agli sciatori A pagina 23

2 2 MODENA PRIMO PIANO il Resto del Carlino SABATO 7 FEBBRAIO 2009 LE AREE DEL DEGRADO Tendopoli Tra le sterpaglie dell ex cimitero di Saliceta sono state trovate due tende e molti rifiuti Nell accampamento vivevano dieci persone, tutti rumeni, in condizioni disperate Denunce I senzatetto, otto uomini e due donne, sono noti alle forze dell ordine Tutti hanno precedenti penali per reati contro il patrimonio e furto Alcuni già multati per accattonaggio Villaggio di romeni nell ex cimitero Sgomberato un campo abusivo Saliceta San Giuliano, dieci stranieri vivevano tra i rifiuti SI ERANO accampati con due tende nell ex cimitero di Saliceta San Giuliano. Coperte, pentole, biancheria stesa e rifiuti dappertutto. Una specie di campo nomadi abusivo è stato sgomberato ieri mattina dagli agenti della polizia municipale. Dieci persone, tutti romeni, sono stati fermate e identificate. Erano circa le sette quando i vigili del comando di via Galilei hanno fatto il blitz nell accampamento, tra alberi e sterpaglie. L intervento è stato possibile grazie anche alla collaborazione di alcuni residenti che negli ultimi giorni avevano notato e segnalato alla sala operativa della Polizia municipale un continuo andirivieni di persone nell area incolta. I RESIDENTI hanno notato persone che si addentravano nella boscaglia, a tutte le ore del giorno. Il via vai andava avanti da tempo, segno che gli abusivi si erano ormai stanziati nel vecchio cimitero. Le loro capanne, che contenevano ognuna cinque persone, hanno resistito alla pioggia di questi giorni. Il gruppo viveva in condizioni di fortissimo degrado: le capanne erano state realizzate con tendoni e rami e all interno la polizia ha trovato di tutto. Nel campo nomadi improvvisato sono stati identificati dieci rumeni, otto uomini e due donne di età compresa tra i 19 e 55 anni, quasi tutti con precedenti penali per reati contro il patrimonio e furti. Molti erano già noti agli operatori perché sanzionati più volte per bivacchi ed accattonaggio nelle vie della città. BLITZ I vigili urbani chiamati dai cittadini della frazione NON È ESCLUSO, quindi, che si tratti delle stesse persone che si vedono mendicare per le strade del centro o nei parcheggi dei centri commerciali e delle case di cura. Tutti sono stati accompagnati al comando per accertamenti mentre l area è stata sgomberata. Ora sarà monitorata dalle forze dell ordine per impedire che diventi ancora un covo di senzatetto. NON È LA PRIMA volta che la polizia municipale si trova a sgomberare accampamenti di fortuna sorti in aree degradate: poco tempo fa furono allontanati alcuni abusivi da un residence abbandonato di Baggiovara, mentre in via Guarini avevano trovato rifugio, nell area dell ex cinema estivo, alcuni senzatetto. Anche in quel caso furono i cittadini a chiamare la polizia municipale. Nel 2008, sono stati 104 i nuclei nomadi abusivi allontanati dai vigili urbani solo in città, mentre 70 sono stati gli interventi per accattonaggio anche grazie all ordinanza del sindaco. val. b. POLIZIA GLI UOMINI DEL BATTAGLIONE MOBILE NELLE ZONE A RISCHIO Parchi e strade, via i clandestini COMUNE DI CARPI Provincia di Modena Il Dirigente Responsabile del Settore Pianificazione Urbanistica ed Edilizia Privata Ai sensi e per gli effetti dell art. 25, della L.R. 47/78 e ss.mm., avverte che presso la Segreteria Generale del Comune di Carpi, corso A. Pio, 91 e la Segreteria del Settore A/9 Pianificazione Urbanistica via Peruzzi, 2 è depositato in libera visione al pubblico il Piano Particolareggiato di iniziativa privata della zona di trasformazione di tipo B Ambito B 30 Gargallo Variante n* 2 nel periodo dal 7 Febbraio al 9 Marzo 2009 compreso. Che entro il termine dei trenta giorni successivi, cioè fino al 8 Aprile 2009 compreso, chiunque può presentare osservazioni. Il Dirigente Responsabile di Settore Dr. Ing. Norberto Carboni FALCHI Da qualche giorno sono tornati sulle strade gli agenti motociclisti HANNO identificato circa 150 persone, emesso fogli di via dalla città, ordini di espulsione e denunce per invasione di edificio. Gli agenti del reparto mobile di Bologna, arrivati in città per dare man forte alle forze dell ordine, stanno lavorando per restituire ai modenesi i loro spazi: parchi, strade e la stazione delle corriere. Il progetto sicurezza integrata 2009, messo in campo da questura e polizia municipale, sta dando i primi risultati. «In otto servizi spiega il neo dirigente della sezione Anticrimine, Oscar Ghetti abbiamo identificato 145 persone e messo a segno 5 arresti per violazione della legge sull immigrazione clandestina. Dodici sono gli stranieri accompagnati al centro identificazione ed espulsione, 10 i fogli di via da Modena e 18 gli avvisi orali. Stiamo cercando di rendere fruibili ai cittadini alcuni spazi. Così stiamo lavorando in via Fanti, via Attiraglio, alla stazione delle corriere, e anche in periferia, come ad Albareto e in via Cavo Argine. Abbiamo liberato alcuni stabili occupati da clandestini e controllato 21 appartamenti al Windsor park. I controlli sono finalizzati a scoraggiarejgli spacciatori, cacciare da Modena i clandestini ed evitare che gli anziani, ma non solo, finiscano nella rete dei truffatori. IL REPARTO mobile è affiancato dal reparto prevenzione crimine di Reggio Emilia, mentre sono entrati di nuovo in azione i falchi, ovvero gli agenti motociclisti della squadra volante. In viale Molza hanno arrestato un tunisino di 25 anni che nascondeva quattro stecche di hascisc: è stato fermato dopo un inseguimento. Un altro tunisino di 27 anni, infine, è stato ammanettato dalla polizia del posto integrato sempre nei pressi dell autostazione perché colpito da un ordine di carcerazione. Negli ultimi due mesi, infine, la squadra volante ha messo a segno oltre 40 arresti per spaccio di droga.

3 SABATO 7 FEBBRAIO 2009 il Resto del Carlino MODENA PRIMO PIANO 3 LE AREE DEL DEGRADO ZONA CITTADELLA, PROTESTA DEI COMMERCIANTI «Spaccio, risse e balordi» «Molti negozi hanno chiuso. Droga davanti alle scuole» ACCAMPAMENTO Le due tende nell ex cimitero di Saliceta San Giuliano All interno la polizia municipale ha trovato dieci rumeni Vivevano nel degrado, tra sterpaglie e rifiuti I CLIENTI cominciano a tenersi lontano da viale Cittadella mentre loro, i commercianti della zona, hanno paura e quando cala la sera si barricano nei negozi. «Alcune attività hanno chiuso racconta preoccupato Luca Vaccari, che gestisce la tabaccheria di viale Cittadella Da tre mesi a questa parte la situazione è peggiorata. Ci sono spacciatori dappertutto e verso il tardo pomeriggio questa diventa la terra di nessuno. C è spaccio in tutti gli angoli. Dalle altre parti, come alla Pomposa o al Tempio, il Comune sta facendo degli investimenti, mentre noi siamo stati abbandonati. Le mamme che portano i figli a scuola o in palestra scappano via, non si fermano più a fare acquisti. Io stesso, quando chiudo la tabaccheria, ho paura a uscire. Non ci sentiamo più sicuri». ANCHE Francesco Arena, che gestisce una cartoleria, ha notato un calo di clienti e un aumento di balordi: «Abbiamo chiesto al Comune di mettere un cartello all inizio della via per segnalare che qui ci sono delle attività commerciali, oltre alla Camera del lavoro dice ma niente, non ci Francesco Arena Luca Vaccari Marco Feltrin ascoltano. Inoltre c è poca illuminazione e gli spacciatori vendono la droga anche davanti alle scuole. La nascondono nelle siepi». In tabaccheria c è un cartello che invita a non smerciare soldi falsi: «C è anche questo problema aggiunge Vaccari come se non bastasse». La staccionata davanti alle attività è divelta mentre le siepi sono il nascondiglio delle dosi di droga che i pusher lasciano ai consumatori. «Qui vicino c è il posto integrato continua Arena ma i malviventi ci sono lo stesso. La polizia controlla, ma la situazione non cambia. Sui marciapiedi troviamo bottiglie e sporcizia, perfino materassi». A UNA signora che abita in zona hanno rubato diverse biciclette: «I balordi si intrufolano nei garage e nelle cantine», racconta. Mentre anche Marco Feltrin, del bar Gocce di caffè, ha notato un incremento di spaccio e bivacchi: «Ogni tanto ci sono degli inseguimenti e degli arresti spiega I vasi dei fiori sono pieni di droga. Da qualche mese la situazione, che per un periodo era migliorata, è tornata critica». Sebbene in via Cittadella ci siano scuole e una palestra, la zona, vicina all autostazione, continua a richiamare sbandati. E i commercianti, i pochi rimasti, pretendono un intervento del Comune per riappropriarsi del loro quartiere. Si sentono abbandonati e temono di dover chiudere: «In piazza Cittadella c era un agenzia di viaggi conclude Vaccari ha chiuso nel giro di sei mesi. Vogliamo che la zona torni vitale, che torni dei modenesi. Ci siamo anche noi e il Comune non può abbandonarci». val. b.

4 4 MODENA PRIMO PIANO il Resto del Carlino SABATO 7 FEBBRAIO 2009 FILOSOFIA NELLA BUFERA IL CASO LO STRAPPO Michelina Borsari rinuncia al rinnovo del contratto con il San Carlo che nomina un altro direttore Il comitato scientifico si dimette LA RIVOLTA Decine di celebri intellettuali, in forma di solidarietà e di protesta, annunciano che non interverranno più al festival filosofia LA PROPOSTA Il sindaco suggerisce di separare il festival dal San Carlo e offre la direzione a Michelina Borsari La trattativa ora è aperta E se ci scippassero il festival? In Comune serpeggia la paura Le alleanze e gli equilibri dietro la battaglia di questi giorni di ROBERTO GRIMALDI S ARA un weekend di attese condite da qualche timore, quello che aspetta i protagonisti della «guerra della filosofia» scoppiata nei giorni scorsi. Il sindaco Giorgio Pighi ha riofferto ATTESE Sarà un weekend fitto di contatti la direzione del Festival Filosofia a Michelina Borsari, a cui il presidente della Fondazione San Carlo, Roberto Franchini, non aveva rinnovato il contratto. Il Comune, proponendo di scorporare il Festival dalla fondazione, in pratica ha riconsegnato le chiavi alla Borsari, che a sua volta ha però chiesto l aiuto del comitato scientifico che nelle precedenti edizioni l aveva sempre coadiuvata. Su questo aspetto la trattativa si è arenata: «Il comitato scientifico faceva parte della Fondazione San Carlo le ha fatto capire il sindaco la Borsari si rivolga a loro». In attesa che la situazione si sblocchi, dai corridoi di palazzo comunale affiorano le prime paure per il futuro. Leoni (Pdl) «La Regione se ne lava le mani...» «AVEVAMO chiesto alla Regione un intervento per salvare il festival dalla condanna decretata dal presidente del San Carlo e dal sindaco Pighi, entrambi espressione del Pd. Ci è stato risposto picche», dice Andrea Leoni (Pdl). «La Regione si smarca dal pasticcio modenese dicendo, di fatto, di non volere entrare nel merito. Prendiamo atto con preoccupazione come l assessore regionale alla cultura non è interessato né al presente né al futuro di una delle poche manifestazioni culturali di rilievo» Ancora tanti commenti nel nostro forum on line NUMEROSISSIMI i commenti nel nostro forum on line. Anche nel fine settimana potete continuare a discutere sul caso della filosofia. INNANZITUTTO il tempo gioca a sfavore dell edizione 2009 del Festival. Più passano i giorni e le settimane, più la professoressa Michelina Borsari potrebbe diventare oggetto di lusinghe da parte di altre città, magari a guida politica di centrodestra. Immaginiamo lo scenario: un sindaco del Pdl vede che la direttrice del festival entra in contrasto con un amministrazione a guida Pd. Chiama la Borsari e le offre di fare il Festival della sua città. Risultato: il sindaco fa bella figura con i leader del centrodestra, fa passare la «rossa» Modena per città insensibile alla cultura e scippando il Festival ottiene una tripla vittoria: sotto il profilo politico, di immagine e di business. Del resto Roma (quando era sindaco Veltroni) aveva già provato ad organizzare un festival filosofico. Se ci provasse ancora, ora che sindaco è Alemanno, magari chiamando la Borsari? Le possibilità ci sono e in Comune le temono, perché l eventualità costituirebbe uno smacco. MA il caso festival ha aperto un altro problema: chi valutava l assessorato alla Cultura come una poltrona di scambio in vista delle alleanze si sbagliava. Non è un mistero che il Pd stia trattando con l Idv e altre forze politiche per una coalizione allargata. Il Pd poteva pensare di concedere l assessorato alla cultura in cambio delle fedeltà dei dipietristi. Ma questo assessorato, con all orizzonte una grana come il Festival della filosofia all orizzonte, non si può più concedere con leggerezza. ULTIMO capitolo, che rischia di rendere ancora più difficili le future trattative tra Comune e Michelina Borsari. Roberto Franchini, l uomo che in fin dei conti ha dimostrato di pensare di poter fare a meno della direttrice, resta al suo posto. E secondo voci di corridoio, la Borsari e buona parte dei componenti del comitato scientifico, con Franchini sono entrati in contrasto e preferirebbero non averci più a che fare. Ma Franchini per motivi politici è inamovibile. Un altra strada tortuosa da percorrere, che potrebbe portare a un vicolo cieco. LE TRATTATIVE IPOTESI Franchini chiama il comitato Ma c è un nodo di STEFANO MARCHETTI T ACCIONO i comunicati stampa, tacciono i proclami e le lettere. Sul futuro del Festival filosofia è il tempo delle diplomazie e delle tattiche. In questo senso, il fine settimana si annuncia fittissimo di telefonate ed e mail. «Il momento è delicato, ora preferisco non parlare», risponde cortese da Los Angeles il professor Remo Bodei. Anche se il docente non lo dice e non lo conferma, sappiamo che il presidente della Fondazione San Carlo Roberto Franchini si è messo in contatto con lui: da Modena è partita una e mail che ha annunciato al professore una successiva telefonata. Di sicuro, è importante che finalmente si sia riaperta una strada. L ALTRA SERA, in maniera informale, il presidente del San Carlo ha riunito il consiglio di amministrazione della Fondazione, più che altro per informare tutti sulla proposta del sindaco Giorgio Pighi fatta propria dal comitato promotore del festival di staccare la kermesse filosofica dal San Carlo. Occorre cercare di riprendere i contatti con il comitato scientifico dimissionario, e anche il sindaco avrebbe consigliato a Roberto Franchini di fare un passo. Il consiglio d amministrazione, per quanto si apprende, avrebbe fatto altrettanto. Quindi il presidente del San Carlo dovrà riallacciare le relazioni col comitato, che risultano interrotte dall inizio di gennaio, da quando cioè i professori impararono che il cda del San Carlo aveva nominato un nuovo direttore senza averli consultati. SUL TAVOLO, si sa, c è la proposta del sindaco, ma anche la richiesta di Michelina Borsari e di Remo Bodei di non separare il festival dalla Scuola di alti studi del San Carlo. E questo potrebbe appunto essere il nodo più intricato da sciogliere. Secondo una ipotesi, appresa dal Carlino, anche all interno del cda circola una proposta: il comitato scientifico (con Bodei, Gregory, Olender, e gli altri docenti) potrebbe rientrare in toto al San Carlo, e potrebbe essere gradualmente esteso da sei a nove componenti, come era alle sue origini, con l inserimento di altri docenti di prestigio. Il comitato sovrintenderebbe alla Scuola di alti studi del San Carlo, e il professor Bodei sarebbe il trait d union fra la Scuola e il festival, di cui sarebbe ancora supervisore, come è stato fino a ora. Ma alla direzione scientifica del San Carlo, sempre secondo questa ipotesi, dovrebbe restare il professor Carlo Altini (designato il 23 gennaio), mentre la guida del festival, nella nuova versione autonoma, dovrebbe essere assunta da Michelina Borsari, come proposto dal sindaco. La trattativa potrebbe incagliarsi proprio su questo punto: occorrerà vedere fino a che punto i docenti del comitato scientifico accettino che Scuola e festival abbiano due direzioni diverse. Michelina Borsari dirigeva entrambi.

5 SABATO 7 FEBBRAIO 2009 il Resto del Carlino MODENA PRIMO PIANO 5 ETICA E MAGISTRATURA LA BATTAGLIA DELL ASSOCIAZIONE LIBERA USCITA Bio testamento, due nuovi sì Nuovi ricorsi accolti dal giudice Stanzani. Il primo a novembre FIDUCIA Il Maestro Daniele Scaglioni con il suo amministratore di sostegno Maria Elinda Giusti, dell associazione Libera Uscita di DAVIDE MISERENDINO «S IAMO QUI per dirvi che il giudice Guido Stanzani ha firmato altri due decreti di nomina di amministratore di sostegno, per la signora Maria Antonietta Benelli e per il Maestro Daniele Scaglioni». E l annuncio che Maria Laura Cattinari, presidente dell associazione Libera Uscita per la legalizzazione del testamento biologico, ha fatto ieri nel corso di una conferenza stampa. Un annuncio importante, che arriva in un momento in cui il caso Eluana Englaro infiamma gli animi sulla bioetica (è di ieri, infatti, la decisione del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di non firmare il decreto legge presentato dal governo Berlusconi per mantenere in vita la ragazza fino all approvazione di una legge sul testamento biologico); e che dà nuove speranze a tanti modenesi. DOPO CHE il giudice tutelare Guido Stanzani, infatti, ha emanato, a novembre, il primo decreto di nomina di amministratore di sostegno per una persona ancora in buona salute che un giorno non dovesse più essere in grado di esprimere la propria volontà in merito alle cure, l associazione Libera Uscita ha deciso di dare pieno appoggio a tutti i cittadini intenzionati «a non condannarsi a uno stato vegetativo permanente». E in soli quattro giorni sono stati quasi trecento i modenesi che hanno dato la loro adesione, sottoscrivendo i moduli predisposti dall associazione. «Abbiamo dovuto interrompere la raccolta firme spiega la Cattinari solo perché avendo pochi volontari rischiavamo di non riuscire a gestire le centinaia di domande pervenute». L ASSOCIAZIONE, dunque, si è fatta carico delle richieste di questi modenesi, preoccupati dallo spauracchio di un futuro sfortunato, ma soprattutto inevitabile, e ha cominciato a muoversi per vie legali. Ottenendo due importanti successi. In pochi giorni, infatti, la signora Benelli è riuscita a far riconoscere il marito suo amministratore di sostegno, e anche il pittore Daniele Scaglioni, una verà personalità nel mondo dell arte, ha ottenuto il suo amministratore di fiducia, Maria Elinda Giusti del direttivo nazionale di Libera Uscita. «Certo non è stato facile arrivare in fondo ha spiegato la presidente Cattinari ; dopo aver raccolto le firme, infatti, abbiamo preso contatto con il notariato provinciale, dal momento che il primo passo previsto dall iter di nomina di un amministratore E FRA LE PRIME a Modena (e in Italia) che si è vista riconoscere il diritto a un amministratore di sostegno nell infausta eventualità dovesse trovarsi incapace di intendere e di volere. Maria Antonietta Benelli è un altra figlia della sentenza senza precedenti del giudice modenese Guido Stanzani. Per lei si tratta di una vera e propria conquista. SIGNORA BENELLI, che cosa l ha spinta a lottare per ottenere il diritto all amministratore di sostegno? «Beh, la scelta è dovuta a un episodio molto spiacevole. Mio padre è morto per un cancro in metastasi ossea, più di trent anni fa. A quel tempo non veniva somministrata nemmeno la morfina ai pazienti, e l ho visto patire dolori indescrivibili». Quindi da quel momento non ha avuto più dubbi: lei voleva poter scegliere «Esatto, e infatti mi sono subito iscritta a Exit, l associazione svizzera per la legalizzazione del testamento biologico. Fino a quando non ho conosciuto Libera Uscita, che mi offriva le stesse possibilità sul territorio italiano». La sentenza emanata dal giudice Stanzani a novembre, la prima in Italia che riconoscesse a una persona sana il diritto a nominare un amministratore di sostegno, cosa ha significato per lei? «E stato un momento importante, si è aperta una nuova strada che ho subito provato a seguire. Io e OPPORTUNITA La presidente: «In quattro giorni abbiamo raccolto quasi 300 richieste» di sostegno è l autentica notarile dell atto privato. Quindi abbiamo contattato telefonicamente o via mail tutti i circa ottanta notai della provincia di Modena, per chiedere la loro disponibilità per la cifra simbolica di un euro. Solo tre di loro ci hanno detto sì. Naturalmente, non possiamo rendere pubblici i loro nomi, perché sarebbero sopraffatti dalle richieste, ma restiamo disponibili a fare da filtro». Le pratiche sono poi arrivate alla cancelleria del giudice tutelare; «ed è stato proprio lui a portare a termine questo percorso, fissando l udienza ed emanando il decreto per la nomina dell amministratore di sostegno». UN GESTO le cui conseguenze sono facili da immaginare: già a novembre, infatti, a seguito del primo caso di questo genere, il mondo politico si era scagliato contro il giudice modenese, accusandolo di «aver aggirato il parlamento», e sostenendo si stesse perpetuando una «cultura della morte, piuttosto che della vita». In ogni caso l associazione è determinata ad andare avanti, e ci sono già altre due coppie in attesa del decreto. Fra queste anche la stessa presidente dell associazione Maria Laura Cattinari, insieme al marito medico, il dottor Léon Bertrand. L INTERVISTA MARIA ANTONIETTA BENELLI «Così qualcuno deciderà per me Mi sono convinta pensando a mio padre» mio marito siamo stati fra i primi a rivolgerci all associazione; si trattava infatti di un occasione troppo grande». Diciamo che avete scelto il momento giusto «Esatto, ci è andata bene». E adesso che ha ottenuto quello che voleva è soddisfatta? «Certo che lo sono. Insomma, uno nasce anche se non vuole; almeno lasciamo alle persone il diritto di scegliere come morire». Il mondopolitico nonè d accordo. La sentenza del giudice Stanzani è stata criticata da mezzo parlamento «Le dico la verità, non mi sono interessata dei commenti dei politici. Mi disturbano. Anche perché qui nessuno obbliga nessuno. Ognuno dovrebbe avere la possibilità di decidere, consultandosi solo con il medico e con la famiglia». Torniamo alla sua vicenda personale. Quanto tempo c è voluto per arrivare in fondo all iter? «Poco, una quindicina di giorni. Libera Uscita si è attivata subito dopo il primo caso, quello di novembre, e devo dire che ha saputo gestire la vicenda con grande abilità. Oltre a me, infatti, ha ottenuto il suo testamento biologico anche il Maestro Daniele Scaglioni, e ci sono già altre pratiche in attesa». Chi è il suo amministratore? «I miei amministratori sono due. Il primo è mio marito, e se non dovesse esserci lui, toccherà a mio figlio fare da depositario delle mie volontà». Davide Miserendino

6 6 MODENA il Resto del Carlino SABATO 7 FEBBRAIO 2009 Cavicchioli: «Si criminalizza una categoria di persone» CLANDESTINO uguale criminale. La norma approvata ieri in Senato all interno del Decreto sicurezza che consente ai medici la denuncia all autorità del paziente straniero dice Gianni Cavicchioli, assessore al Lavoro e all immigrazione della Provincia di Modena non fa altro che consolidare questo assioma: assimilare lo stato di clandestinità a quelle condizioni di evidente reato, tipo ferita da arma da fuoco, NUOVO PACCHETTO SICUREZZA che sino a oggi era l unica condizione che obbligava il medico a sporgere denuncia. Il clandestino non è quindi solo potenzialmente, ma preventivamente considerato un criminale. Senza ripetere quanto da tanti osservato sulla semplice opportunità di questa scelta a cautela della salute anche dei cittadini italiani, rimarco la vigliacca arroganza di un provvedimento che evidenzia la deriva xenofoba di questo governo». «Clandestini, non sta a noi denunciarli» Daniele Giovanardi: «Non è una condizione che i medici devono segnalare» di ROBERTO GRIMALDI L O PREVEDE il testo del cosiddetto pacchetto sicurezza che ha ricevuto il via libera del Senato e ora attende l approvazione della Camera: un emendamento della Lega ha concellato l articolo di una legge del 98, che impediva ai medici di denunciare un paziente per clandestinità, a meno ché non ci fosse l obbligo di referto (che scatta in caso di prognosi superiore ai 40 giorni). Tra i camici bianchi si è scatenata la ribellione. E c è chi, come il primario del Pronto Soccorso, Daniele Giovanardi, definisce la nuova legge come la scoperta dell acqua calda: «Bisogna distinguere i vari casi. Se viene da me a farsi curare uno stupratore, che nel violentare una donna si è slogato una caviglia, io l avrei denunciato ieri e lo denuncerò anche domani, al di là di quello che dice il pacchetto sicurezza. Ma denunciare uno straniero che si presenta in ambulatorio solo perché è clandestino, mi sembra assurdo. Ci penserà la società civile a stabilire se questo persona è o non è da denunciare o punire. Non sta al medico intromettersi con il permesso di soggiorno di un paziente. E se arriverà il giorno in cui ci obbligheranno a farlo, penso che molti medici ricorreranno all obiezione di coscienza». Sulla stessa lunghezza d onda l ordine dei medici di Modena: «La legge che invita i medici a denunciare i clandestini ammalati ha dichiarato il PROTESTA L ordine dei camici bianchi: «La norma minaccia la salute pubblica» presidente Nicolino D Autilia è una grave lesione sia dei diritti fondamentali della persona, sia dei principi etici della professione medica. Avevamo già incontrato a Roma i parlamentari per segnalare un pericolo: di fatto non ci sarebbero più le condizioni per individuare subito le malattie infettive e contagiose, perché i pazienti clandestini, per paura di essere denunciati, non si presenterebbero più negli ospedali». Contrari al provvedimento anche i medici che operano all interno della struttura d accoglienza Porta Aperta: «E vero, scrivono in una nota non si tratta di un obbligo di denuncia, ma in questo modo viene leso il rapporto di fiducia che sta alla base del rapporto tra medico e paziente. Abolendo il divieto della denuncia, si vuole diffondere un senso di paura specialmente fra le persone che per condizione sociale, possibilità culturali e situazione di irregolarità, sono più deboli ed esposte». «E una legge inumana e irragionevole», hanno aggiunto i dirigenti dell associazione di solidarietà internazionale Auser. Di diverso avviso i politici del Pdl: «La norma non prevede il rifiuto alla cura, ma la possibilità di segnalare situazione di illegalità», ha detto Giovanni Bertoldi del nuovo Psi. «La clandestinità è un reato ha detto il candidato sindaco della Lega, Mauro Manfredini denunciarlo è semplicemente un dovere».

7 SABATO 7 FEBBRAIO 2009 il Resto del Carlino MODENA 7 SALICETO PANARO L ANZIANO PREOCCUPATO PER UNA LITE TRA I RAGAZZI. NASCONDEVANO EROINA Nonno chiama la polizia, nei guai il nipote e l amico SI ERA allarmato per un violento litigio tra il nipote e l amico, ospite nella loro casa. Così un nonno, che abita a Saliceto Panaro, ha chiamato la polizia pensando di proteggere il nipote. Invece ha fatto finire i due ragazzi nei guai: i giovani stavano litigando per questioni di droga e quando gli agenti della squdara volante sono piombati in casa, hanno trovato nella camera dell ospite alcune dosi di eroina. Quest ultimo nascondeva 10 grammi di droga e un bilancino di precisione: così, a 22 anni, è finito in manette per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. LA POLIZIA era intervenuta nella casa in via Saliceto Panaro ieri sera, per una lite in famiglia. Gli agenti pensavano di dover sedare un litigio animato. Invece hanno arrestato uno spacciatore. Il tutto per colpa del nonno di 71 anni che si era preoccupato a causa delle grida che arrivavano dalla camera in cui il nipote e l amico stavano litigando. Mai avrebbe pensato che nel suo appartamento ci fosse della droga, tantomeno dell eroina. Invece i poliziotti hanno trovato le dosi: i ragazzi, spiazzati dall arrivo degli agenti, non hanno potuto fare nulla per nasconderle. L ospite è stato arrestato mentre il nipote dovrà vedersela col padrone di casa. False fatture, rubati trenta milioni di euro La Finanza denuncia 14 imprenditori. Avevano ammortizzato costi mai sostenuti G LI IMPRENDITORI che emettevano fatture false erano già stati denunciati l anno scorso. Ora il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza di Modena ha smascherato anche i destinatari delle fatture fittizie. Così 14 persone, titolari di aziende di impiantistica, meccanica e ceramica, sono finiti nei guai per dichiarazione fraudolenta con uso di fatture per operazioni inesistenti. E questa l accusa mossa dalle fiamme gialle agli imprenditori, che gravitano tra Sassuolo, Fiorano e Modena. L INDAGINE L anno scorso smascherate le società da cui era partita la frode GHOST Money II (denaro fantasma, è questo il nome dell operazione) ha permesso di individuare e denunciare i 14 imprenditori: secondo la finanza avrebbero scaricato somme relative ad acquisti o prestazioni di manodopera di fatto mai avvenuti. In questo modo avrebbero sottratto allo Stato ben 30 milioni di euro, generando anche un falso credito d Iva vantato verso l erario. I finanzieri sono risaliti ai 14 imprenditori che lavorano nei settori meccanico, impiantistico e della ceramica attraverso le società cartiere individuate nell operazione Ghost Money I l anno scorso. In quell occasione furono 11 i denunciati e due le persone arrestate: si tratta rispettivamente di coloro che emettevano le fatture false (attraverso società cartiere) e degli organizzatori frode. della IN QUESTO modo i destinatari delle false fatture dichiaravano di avere sostenuto costi per l acquisto di beni o l utilizzo di manodopera mai avvenuti: i soldi illecitamente detratti venivano poi spartiti con le società cartiere che avevano emesso le fatture fittizie. «Le numerosissime fatture false puntualizza il comandante provinciale della Guardia di Finanza, Alberto Giordano sono state sequestrate dai militari come prova del reato e messe a disposizione dell autorità giudiziaria». L OPERAZIONE ha coinvolto varie aziende anche fuori provincia, come Reggio Emilia, Bologna, Brescia, Mantova e Milano, per un totale di 200 imprese coinvolte. «In totale afferma il colonnello Giordano le operazioni Ghost Money I e II hanno permesso di individuare, tra i soggetti che hanno emesso le false fatture e i destinatari, 70 milioni di euro. L evasione di imposta sul valore aggiunto è di 14 milioni di euro. Le due operazioni hanno portato all arresto dei due ideatori della frode, alla denuncia di 25 imprenditori e alla segnalazione di oltre 200 società che avrebbero usato le fatture fittizie». val. b. Incendio alla stazione del Policlinico, falso allarme «EVACUARE la zona». Ieri nel tardo pomeriggio è entrato in azione l allarme antincendio alla fermata del Policlinico del Gigetto, il treno della tratta Modena - Sassuolo. Le persone sono state allontanate dalla fermata ma alla fine si è rivelato un falso allarme. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco di Modena ma tutto era sotto controllo. Non è la prima volta che la sirena si attiva per nulla. IMPEGNO Elisa Fancinelli, segretario provinciale del Sulpm PROPOSTA PER IL SULPM POTREBBERO GARANTIRE SORVEGLIANZA SUI MEZZI PUBBLICI «Sicurezza, vigili in divisa anche fuori servizio» «USARE la divisa anche fuori servizio per tranquillizzare cittadini e disincentivare i balordi. E la proposta che la segreteria generale del Sulpm, sindacato dei lavoratori di polizia municipale, ha rivolto al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, al ministro dell Interno, Roberto Maroni, e ai ministri della Difesa e dei Trasporti, rispettivamente Ignazio La Russa e Alteo Matteoli. L IDEA è quella di indossare la divisa durante il tragitto casa-lavoro utilizzando i mezzi pubblici. Il Sulpm chiede di incentivare l uso di autobus e treni, con viaggi gratuiti per gli agenti, che in cambio indosserebbero l uniforme. Questo porterebbe maggiore sicurezza sui mezzi pubblici. Il Sulpm suggerisce di «incentivare l utilizzo della divisa agli operatori, anche quando si spostano sia in servizio che in privato, sui mezzi pubblici e non, quindi sugli aerei, sui treni, sui metrò, sui bus ed anche a piedi. Un modo per tranquillizzare i cittadini che li vedono e disincentivare e o limitare i balordi, i vandali, i ladri e quant altri hanno intenzione di delinquere a discapito della collettivita e del singolo». L IDEA è stata accolta naturalmente anche dal Sulpm regionale e di Modena che hanno intenzione di chiedere al presidente della regione, a quello della provincia e al sindaco di Modena di poter mettere in campo l idea: «Sarebbe un modo per garantire una maggiore percezione di sicurezza e disincentivare chi delinque spiega Elisa Fancinelli del Sulpm di Modena Il 60 per cento dei nostri agenti è pendolare. Indossare l uniforme sui mezzi pubblici può essere utile e credo che tutti sarebbero disposti a farlo».

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

Arrivano le donne. Foto di gruppo delle neoassunte, 1975, Collezione privata Merigo

Arrivano le donne. Foto di gruppo delle neoassunte, 1975, Collezione privata Merigo Arrivano le donne Il 13 aprile 1974 esce un bando di concorso per 47 posti di vigile urbano in cui per la prima volta sono ammesse anche le donne. Unico limite è quello dell altezza fissata in m. 1.60,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO Vado a scuola con lo Scuolabus Vado con lo Scuolabus alla scuola dell infanzia o alla scuola primaria Se non

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

Io vivo al campo, un posto non molto bello

Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello Sezione 1 Io vivo al campo, un posto non molto bello I bambini, nei disegni che seguono, illustrano con immediatezza cosa significhi vivere in un campo

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Cosa vuoi fare da grande?

Cosa vuoi fare da grande? Cosa vuoi fare da grande Luca Fanucci, padre di Tommaso Coordinatore Forum Provinciale delle Associazioni dei Genitori nella Scuola U.S.T. Pistoia «Integrazione, Orientamento e buone prassi» Firenze 12

Dettagli

Anna e Alex alle prese con i falsari

Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato: insieme, ne hanno viste delle belle. Sono proprio due

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia

La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia La nostra esperienza con Youth Bank Emily, Francesca C., Margherita, Tobia L esperienza da giovani banchieri dei ragazzi della è cominciata con un invito lanciato dalla loro sempre superattiva referente

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER IL RILASCIO DEL. (D. M. 4 Giugno 2010) Quaderno d esame del candidato

TEST DI CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA PER IL RILASCIO DEL. (D. M. 4 Giugno 2010) Quaderno d esame del candidato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO G. GARIBALDI- VIA TODINI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA XIII CENTRO TERRITORIALE

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

GIORGIO CIGNA - SEGRETARIO COMUNALE DI CAMUGNANO E CASTEL DI CASIO Sono Cigna Giorgio.

GIORGIO CIGNA - SEGRETARIO COMUNALE DI CAMUGNANO E CASTEL DI CASIO Sono Cigna Giorgio. CARI SEGRETARI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO Parliamo dei segretari comunali. tutti i comuni ne hanno uno. Ed è il dirigente più importante. Valuta la conformità dei provvedimenti amministrativi

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

esercizi italiano 1 fthm

esercizi italiano 1 fthm esercizi italiano 1 fthm 1. Completate le frasi con le preposizioni articolate: 1. Marco di solito, ogni venerdì va (a+il) cinema. 2. Questa ragazza è la segretaria (di+la) nostra ditta. 3. Stasera andiamo

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Sfatare il mito del posto fisso

Sfatare il mito del posto fisso Intervista Sfatare il mito del posto fisso Gli obiettivi di Daniele Rossi neo presidente del gruppo giovani imprenditori Contribuire a creare una cultura d impresa per dare ad una regione che ancora vive

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido.

Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. Torino 16 ottobre 2013 Il Progetto Cicogna: un progetto che nell accoglienza dei piccolissimi integra pubblico, privato, comunitàe affido. CENTRO ACCOGLIENZA LA RUPE Dott.ssa Piera Poli Pubblico, privato

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

CONFESERCENTI Giovedì, 24 dicembre 2015

CONFESERCENTI Giovedì, 24 dicembre 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 24 dicembre 2015 CONFESERCENTI Giovedì, 24 dicembre 2015 24/12/2015 Gazzetta di Modena Pagina 4 L' industria riparte ad ottobre 1 24/12/2015 Gazzetta di Modena Pagina 10 «Conad cresce,

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 15 ottobre 2015

MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 15 ottobre 2015 MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 15 ottobre 2015 MONTECCHIO MAGGIORE Giovedì, 15 ottobre 2015 15/10/2015 Arrotini minacciosi chiedono cifre esorbitanti 1 15/10/2015 Mille euro nel portafoglio Smarrito e riconsegnato

Dettagli

Introduzione. Guarda il filmato:

Introduzione. Guarda il filmato: Introduzione. Guarda il filmato: Lo sfruttamento del lavoro minorile e il caso di Iqbal Masih http:///il-lavoro-minorile.htm Cosa dice l articolo 32 della convenzione ONU sui diritti dell infanzia? Quell

Dettagli

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi

Vita di campo. Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi Settembre 2013 Vita di campo Parte il progetto nelle comunità rurali. Prove di trasmissione a Radio Marconi T re giorni nelle zone rurali visitando la comunità di João do Vale casa per casa, da mattina

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

TI GARANTIAMO UN ADEGUATA SICUREZZA AZIENDALE NEL PIENO RISPETTO DELLA NORMATIVA

TI GARANTIAMO UN ADEGUATA SICUREZZA AZIENDALE NEL PIENO RISPETTO DELLA NORMATIVA V I D E O S O R V E G L I A N Z A sicurezza aziendale TI GARANTIAMO UN ADEGUATA SICUREZZA AZIENDALE NEL PIENO RISPETTO DELLA NORMATIVA L acquisizione di un immagine di un soggetto che ad esempio entra

Dettagli

5 Wie die vorherige Aufgabe. 6 Vervollständigt die Sätze wie im Beispiel. 7 Vervollständigt die Frage oder die Antwort.

5 Wie die vorherige Aufgabe. 6 Vervollständigt die Sätze wie im Beispiel. 7 Vervollständigt die Frage oder die Antwort. 1 Vervollständigt mit dem Indikativ Präsens der vorgegebenen Verben. 1. andare Io... spesso a mangiare al ristorante. 2. venire Domani Maria e Bruno... a casa mia. 3. andare Antonio e Sergio... in Francia.

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Prandelli Daniele Cina 2000-2003 Il Giornale di Brescia Cronaca Data: 5 Novembre 2000

RASSEGNA STAMPA Prandelli Daniele Cina 2000-2003 Il Giornale di Brescia Cronaca Data: 5 Novembre 2000 Il Giornale di Brescia Cronaca Data: 5 Novembre 2000 Bresciaoggi-Cronaca Data:5 Novembre 2000 Il Giornale di Brescia Prima pagina Data: 5 Novembre 2000 Il Giornale di Brescia Cronaca Data: 25 Novembre

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA

Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: La Nuova Ferrara RASSEGNA STAMPA Da: Estense.com Vigarano, ecco il nuovo polo scolastico Paron: Scelta la data dell'11 settembre per riprenderci il futuro di Federica Pezzoli Vigarano Mainarda. Quello

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Uniwersytet Jagielloński Jagiellońskie Centrum Językowe

Uniwersytet Jagielloński Jagiellońskie Centrum Językowe Uniwersytet Jagielloński Jagiellońskie Centrum Językowe ESAME FINALE DELLA LINGUA ITALIANA LIVELLO...A2... Nome e cognome.............................................................................. Tempo

Dettagli

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008

SEDUTA DI MERCOLEDÌ 3 DICEMBRE 2008 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMITATO PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULL ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI SCHENGEN, DI VIGILANZA SULL ATTIVITÀ DI EUROPOL, DI CON- TROLLO E VIGILANZA IN MATERIA

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

COSA STA SUCCEDENDO IN LIBIA

COSA STA SUCCEDENDO IN LIBIA COSA STA SUCCEDENDO IN LIBIA Un bambino ha raccontato ai suoi amici le immagini della guerra in Libia dicendo: Ho visto la guerra, ci sono delle persone che combattono e vogliono mandare via un uomo e

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

1 Complete the sentences using the presente indicativo of the verbs given. 2 Complete the question or answer with the verbs andare or venire.

1 Complete the sentences using the presente indicativo of the verbs given. 2 Complete the question or answer with the verbs andare or venire. 1 Complete the sentences using the presente indicativo of the verbs given. 1. andare Io... spesso a mangiare al ristorante. 2. venire Domani Maria e Bruno... a casa mia. 3. andare Antonio e Sergio... in

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015 Pagina 1 di 7 rassegna stampa 19/20/21 Settembre 2015 IL CITTADINO Lodi La lotta contro il tumore al seno, un esame che può salvare la vita (19/09/2015) Alao in piazza per ricordare Elisa Votta (19/09/2015)

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli

aiutare impegno pensare gesti vivere associazione La solidarietà non è una cosa difficile e non richiede molto tempo. Può essere fatta di piccoli UNITÀ 2 Collegate la definizione alla parola corrispondente. Persone con handicap. 2 Persone senza genitori. 3 Persone che stanno in carcere. 4 Persone che hanno bisogno di aiuto. Persone che hanno dovuto

Dettagli

Cattive pratiche e dolore

Cattive pratiche e dolore Il dolore nelle sue molteplici forme implicazioni assistenziali Cattive pratiche e dolore Livia Bicego giovedì, 4 marzo 2010 Teatro del Parco di San Giovanni Savona, 15 giugno 2009 Ospizio lager: dove

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OPENLAB - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo

Chiara, Giada, Maria, Matteo, Matteo Eccoci pronti a partire per Aprica, dove ci aspetta un tranquillo weekend in montagna. Ci andiamo spesso e conosciamo perfettamente tutto il tragitto. Appena ci spostiamo in direzione nord le case iniziano

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli