Viaggio intorno alla Bibbia,3 L ebraismo,9 L islam,13 L induismo,18 Il buddhismo,23 Le religioni cinesi,25

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Viaggio intorno alla Bibbia,3 L ebraismo,9 L islam,13 L induismo,18 Il buddhismo,23 Le religioni cinesi,25"

Transcript

1

2 Indice Viaggio intorno alla Bibbia,3 L ebraismo,9 L islam,13 L induismo,18 Il buddhismo,23 Le religioni cinesi,25 Il confucianesimo,25 Il taoismo,27 Lo shintoismo,29 I nuovi movimenti religiosi,30 Coordinamento redazionale: Lia Ferrara Coordinamento tecnico: Francesco Stacchino Progetto grafico e videoimpaginazione: Gianni Roasio Copertina: Gianni Roasio 2003 by SEI - Società Editrice Internazionale - Torino Prima edizione: febbraio 2003 Ristampe: Nei casi in cui non è stato possibile comunicare con gli aventi diritto, l Editore ha notificato all Ufficio della proprietà letteraria artistica e scientifica che l importo del compenso è a loro disposizione, contestualmente al deposito dell opera previsto dall art. 105 della legge 22 aprile 1941, n Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione dell opera o di parti di essa con qualsiasi mezzo, compresa stampa, copia fotostatica, microfilm e memorizzazione elettronica, se non espressamente autorizzata per iscritto. La SEI potrà concedere a pagamento l autorizzazione a riprodurre una porzione non superiore al 15% del presente volume. Le richieste di riproduzione vanno inoltrate all Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle Opere dell Ingegno (AIDRO), via delle Erbe, Milano - Tel. e Fax 02/ Vincenzo Bona S.r.L. - Torino

3 3 Viaggio intorno alla Bibbia La Bibbia, libro sacro per ebrei e cristiani Sia la religione ebraica sia quella cristiana sono religioni rivelate, cioè religioni che trovano il loro fondamento nel fatto che Dio si è manifestato direttamente all uomo. Sia per gli ebrei sia per i cristiani questa rivelazione ha espressione scritta nella Bibbia, il libro sacro in cui è racchiusa la Parola che Dio ha rivolto agli uomini nel corso della loro storia. Il contenuto e la divisione della Bibbia La parola Bibbia deriva dal greco ta biblia e significa libri : la Bibbia è infatti formata da molti libri: potremmo dire che si tratta di una biblioteca intera. Gli scritti che la compongono sono molto differenti tra loro e sono raggruppati in due grandi raccolte: l Antico Testamento (d ora in poi A.T.), che comprende la storia e la riflessione religiosa del popolo ebraico; il Nuovo Testamento (d ora in poi N.T.), che narra l attuazione della Redenzione di Gesù il Cristo e ne riferisce il Suo insegnamento, collegandolo alla storia delle origini cristiane. L antica e la nuova Alleanza La parola testamento, dal latino testamentum, corrisponde alla parola ebraica berith, che significa alleanza, patto. Pertanto la Bibbia è l insieme dei libri che parlano dell Alleanza che Dio ha stretto con Israele (antica Alleanza) e che ha compiuto in Gesù (nuova Alleanza). Per i cristiani tra A.T. e N.T. non vi è interruzione, ma continuità e relazione tra passato, presente, futuro, ad indicare le successive tappe del piano salvifico di Dio, sia dal punto di vista storico sia teologico. La Bibbia viene anche chiamata Scrittura o Sacre Scritture, per significare la Parola di Dio messa per iscritto e quindi la sacralità del testo. Il canone della Bibbia La prima parte della Bibbia, l A.T., è comune ad ebrei e cristiani, seppure con alcune varianti. Gli ebrei (seguiti dai protestanti) riconoscono solamente i libri scritti in ebraico, che sono 39. Diremo che essi si attengono al canone ebraico o palestinese, che fu fissato verso la fine del I secolo d.c. I cattolici, invece, considerano ispirati altri sette libri, scritti in greco, detti deuterocanonici, cioè entrati solo in un secondo tempo nel canone. Per canone, dal greco kànon, misura, intendiamo l elenco dei libri che sono stati riconosciuti dai credenti come autentica Parola di Dio, cioè ispirati. Il canone cattolico (ma anche quello ortodosso), Pagina del Libro dei Proverbi, manoscritto del XV secolo (New Haven, Yale University). già riscontrabile nei primi secoli della Chiesa, è stato definitivamente fissato nel Concilio di Trento nel 1546 e comprende 46 libri per l A.T. e 27 per il N.T. Il N. T. è invece identico per tutti i cristiani. La Bibbia greca Il canone cattolico segue per l A.T. il cosiddetto canone greco o alessandrino, dalla comunità di Alessandria d Egitto, una delle più importanti sviluppatesi nel corso del III secolo a.c., durante la diaspora. Gli ebrei di Alessandria avevano incominciato a tradurre in greco le Scritture, perché ormai più nessuno degli esuli parlava l ebraico. Secondo una leggenda, la traduzione venne affidata dal re d Egitto,Tolomeo Lagos, a 70 saggi che, in 70 giorni, pur lavorando separati gli uni dagli altri, produssero un testo identico, parola per parola. La versione greca dell A.T. è nota come Septuaginta. I libri esclusi dal canone vengono detti apocrifi. Con il termine apocrifo, che deriva dal greco apòkrypos, nascosto, vengono comunemente indicati i libri di contenuto affine a quelli biblici, ma considerati non ispirati. Abbiamo sia libri apocrifi dell A.T. sia nel N.T. Le lingue della Bibbia Le lingue originarie in cui fu scritto l A.T. sono l ebraico, il greco e l aramaico, una lingua simile all ebraico, usata per il commercio e per le relazioni politiche dell antico Oriente, e ancora parlata al tempo di Gesù. Il N.T. fu scritto invece in greco.

4 4 Viaggio intorno alla Bibbia La trasmissione orale e la redazione scritta La stesura dell A.T. non è legata a un solo autore né tanto meno circoscritta a un breve periodo di tempo: riguarda un arco di tempo di quasi un migliaio di anni (i testi più antichi risalgono infatti a oltre 1000 anni prima di Cristo, i più recenti al I secolo a.c.), preceduto da un periodo in cui le tradizioni religiose venivano tramandate oralmente. Anche il testo del N.T. si sviluppò per tappe successive, passando da una versione orale a una scritta, in un arco di tempo che va dalla predicazione di Gesù al I secolo d.c. La trasmissione del testo biblico nel corso dei secoli Il valore riconosciuto dalla fede ai libri biblici come Parola di Dio fece sì che quando questi vennero fissati definitivamente furono soggetti a due fenomeni: da un lato vennero continuamente usati, quindi trascritti e trasmessi; dall altro vi fu un forte controllo per rimanere fedeli al testo originale. La Bibbia, Parola di Dio e parola umana La Bibbia non è solo un semplice testo religioso. Esso, infatti, oltreché come libro di meditazione religiosa e di preghiera, è allo stesso tempo un opera letteraria, poetica, e una fonte di documentazione storica. Questa complessità deriva dal fatto che la Bibbia ha un duplice fondamento: un origine divina e un carattere umano. L ispirazione divina e gli agiografi Quando diciamo che la Bibbia è un libro di ispirazione divina, intendiamo che l iniziativa della sua stesura è partita direttamente da Dio e dalla sua volontà. Ma, per rendere comprensibile la sua Parola, Dio ha scelto degli uomini cui far giungere la sua ispirazione. Tramite l ispirazione tali uomini, detti agiografi, hanno avuto l intelligenza di comprendere e tradurre per il resto dell umanità l intendimento divino. Per mezzo di costoro, insomma, la Parola divina ha acquistato le caratteristiche formali della parola umana, per poter essere compresa da tutti. Agiografo deriva dal greco hàghios, santo e grapho, scrivo : sono coloro che di fatto hanno redatto (sono infatti detti anche redattori ) il testo biblico. Le diversità stilistiche della Bibbia La Bibbia, dunque, è il risultato della cooperazione guidata dell uomo con Dio, per cui in essa si trovano tracce divine e tracce umane inscindibili. Bisogna tener presente che ogni autore biblico ha scritto per la gente del suo popolo e del suo tempo, il che giustifica la grande varietà di stili e di toni in essa riscontrabili. I generi letterari della Bibbia Nella Bibbia sono presenti diversi generi letterari. Per generi letterari intendiamo le varie forme o maniere usate comunemente dagli uomini di un epoca e di una certa regione per comunicare per via scritta un discorso che ha certe finalità precise e determinati argomenti come suo contenuto. Esistono generi specifici per scrivere di poesia, per narrare una storia, per trasmettere degli insegnamenti, per formulare una preghiera e così via. Pertanto, per riuscire a capire e interpretare ciò che un autore ha voluto comunicare, è fondamentale individuare il genere letterario che egli usa, e tener presenti l epoca e il luogo in cui egli ha scritto. Infatti l opera ha caratteristiche esteriori (lingua, stile, mezzi espressivi) simili a quelle delle altre opere del suo tempo e adatte a trattare un tipo specifico di argomento. L interpretazione della Chiesa Per leggere correttamente il testo biblico occorre dunque saperlo interpretare. Secondo la religione cattolica, la giusta interpretazione della Bibbia spetta al Magistero della Chiesa. Il Magistero (dal latino magisterium, insegnamento ) è l insegnamento esercitato dalla Chiesa stessa per permettere agli uomini una piena comprensione della fede in Cristo. Secondo il Magistero solo la Chiesa, con la sua tradizione di fede, può interpretare correttamente la Bibbia. Le traduzioni della Bibbia Moltissime furono nel tempo le traduzioni del testo biblico nelle varie lingue nazionali. Come abbiamo ricordato, già nel III secolo a.c. l A.T. venne tradotto in greco per gli ebrei residenti fuori della Palestina. Questo testo venne utilizzato dai primi cristiani e poi unito al N.T. San Girolamo nel IV secolo d.c. tradusse sia l A.T. sia il N.T. in latino, dando luogo alla Vulgata, la versione più diffusa e utilizzata nel mondo. Seguirono le traduzioni nazionali. In Italia si diffusero la Bibbia Diodati tra i protestanti (1607) e tra i cattolici la Bibbia Martini (1781), tradotta dalla Vulgata. Nel 1971 la Conferenza Episcopale Italiana ha prodotto la traduzione italiana ufficiale, La Sacra Bibbia, attualmente in fase di revisione. Come si cita un brano biblico I titoli dei libri della Bibbia, che in genere corrispondono alle prime parole con cui comincia il testo, vengono abitualmente citati in modo convenzionalmente abbreviato. Tutti i libri della Bibbia sono divisi in capitoli e versetti. Quando si citano brani della Bibbia si usano le regole che seguono:

5 Viaggio intorno alla Bibbia 5 Il primo numero indica il numero del capitolo. (Gn 22 = Genesi capitolo 22); il numero che segue la virgola indica il numero del versetto (Gn 22, 3 = Genesi, capitolo 22, versetto 3); il trattino (-) dopo il numero del versetto rimanda ai versetti compresi tra i due numeri citati (Gn 22,3-13 = Genesi, capitolo 22, dal versetto 3 al versetto 13); il punto dopo il versetto rimanda ai singoli versetti indicati (Gn 22, 3.13 = Genesi, capitolo 22, versetto3eversetto 13); il trattino (-) rimanda inoltre a un gruppo di capitoli (Gn 22, 3-25,11 = Genesi dal capitolo 22, versetto 3, al capitolo 25 fino al versetto11). L Antico Testamento Abbiamo ricordato che nella Bibbia cristiano-cattolica i libri dell A.T. ritenuti ispirati sono 46 e sono così suddivisi: il Pentateuco: sono i primi 5 libri (che nella Bibbia ebraica sono raggruppati sotto il nome di Torah, la Legge) e cioè Genesi: i racconti delle origini e la storia dei patriarchi; Esodo: la storia della liberazione del popolo ebraico dall Egitto e della sua Alleanza con Dio; Levitico: un insieme di leggi religiose; Numeri: il cammino del popolo ebraico sino all arrivo alla Terra Promessa; Deuteronomio: un codice di leggi civili e religiose raccolto in tre grandi discorsi di Mosè; i Libri storici, 16 libri che presentano momenti particolari della storia del popolo ebraico; i Libri poetici e sapienziali, 7 libri che educano il popolo a vivere con saggezza nei confronti di Dio e dei propri simili; ilibri profetici, 18 libri che raccolgono gli scritti dei profeti maggiori e minori. La Comunità ebraica propone una suddivisione che corrisponde solo in parte a quella cattolica: i 5 libri della Legge Mosaica (la Torah), un insieme di norme e prescrizioni morali e legali che guida il popolo al rispetto dell Alleanza; i Profeti, 21 libri che raccolgono le tradizioni storiche del popolo ebraico e dei grandi profeti ebrei; gli Scritti, 13 libri di vario genere, composti per insegnare al popolo la sapienza degli antichi, per offrire buoni esempi di vita, per raccogliere preghiere o canti liturgici. ANTICO TESTAMENTO GENESI ESODO LEVITICO NUMERI SAMUELE I SAMUELE II CRONACHE CRONACHE NEEMIA DEUTERONOMIO LIBRI DELLA LEGGE (PENTATEUCO) LIBRI STORICI GIOELE GIONA GIOBBE SALMI PROVERBI QOÈLET SAPIENZA SIRACIDE CANTICO DEI CANTICI NAUM GIOSUÈ GIUDICI RUT RE I RE II ESDRA GIUDITTA TOBIA AGGEO ZACCARIA MALACHIA MACCABEI I MACCABEI II ESTER LAMENTAZIONI ABACUC ISAIA GEREMIA BARUC EZECHIELE OSEA DANIELE AMOS ABDIA MICHEA SOFONIA LIBRI SAPIENZIALI LIBRI PROFETICI

6 6 Viaggio intorno alla Bibbia La formazione dell A.T. Come abbiamo ricordato i libri sacri dell A.T. si consolidarono attraverso successivi rimaneggiamenti, aggiunte, interpretazioni, fusioni con altri testi. I momenti salienti di stesura dell A.T. furono tre: il primo fu durante il regno di re Salomone (X secolo a.c.), il quale comprese che per consolidare il suo Regno avrebbe dovuto favorire il formarsi di una cultura omogenea nel suo popolo, recentemente giunto all unità politica e amministrativa. Vennero stilate le prime redazioni delle storie delle varie tribù, collegate tra loro da un filo comune e cominciò così la storiografia ufficiale del Regno unitario; il secondo momento fu durante il regno di Giosia, re di Giuda (VII secolo a.c.), il quale si trovò ad accogliere nel suo territorio i profughi del Regno del Nord e a tentare di amalgamare le due culture e le rispettive tradizioni; il terzo, infine, fu il periodo in cui Esdra e Neemia (V secolo a.c.) lavorarono alla redazione definitiva del Pentateuco e di tutta la Bibbia, ovvero degli scritti esistenti fino a quel momento. Il Nuovo Testamento Il N.T. è quella parte della Bibbia considerata sacra dai cristiani, ma non riconosciuta dagli ebrei, in quanto annuncia e parla di Gesù come Figlio di Dio e Messia. Il canone del N.T. comprende: - quattro Vangeli: Matteo, Marco, Luca, Giovanni; - gli Atti degli apostoli; - le Lettere; - l Apocalisse. Cronologia degli scritti del N.T. 40 d.c. 1-2 Tessalonicesi Corinti Filippesi Romani Galati Giacomo 60 1 Pietro Colossesi Efesini Filemone Tito VANGELO DI MARCO Timoteo Ebrei 80 VANGELO DI MATTEO VANGELO DI LUCA Atti degli apostoli Giuda 2 Pietro 90 VANGELO DI GIOVANNI Giovanni Apocalisse NUOVO TESTAMENTO MATTEO MARCO LUCA GIOVANNI ATTI AI ROMANI IAI CORINZI AI CORINZI II AI GALATI AGLI EFESINI AI FILIPPESI AI TESSALONICESI I AI TESSALONICESI II A FILEMONE A TIMOTEO A TIMOTEO A TITO AI COLOSSESI VANGELI E ATTI LETTERE DI PAOLO I II III PIETRO I PIETRO II GIACOMO GIUDA AGLI EBREI GIOVANNI GIOVANNI GIOVANNI APOCALISSE LETTERE E APOCALISSE

7 Viaggio intorno alla Bibbia 7 Vangelo predicato e Vangelo scritto Il N.T. venne scritto in un arco di tempo di circa cinquant anni, in un periodo immediatamente successivo alla Resurrezione, e fu preceduto da un periodo di trasmissione orale della Parola di Gesù. Gesù non scrisse nulla, né chiese agli apostoli di scrivere il suo messaggio, bensì li esortò a predicare il suo Vangelo. La parolavangelo è di origine greca e significa lieto annuncio, buona notizia, notizia di gioia e di salvezza. Venne usata per indicare il messaggio di Gesù, secondo il quale la salvezza attesa da Israele era vicina. Occorre per chiarezza distinguere tra Vangelo di Gesù,Vangelo su Gesù e Vangelo della Rivelazione. IlVangelo di Gesù è il messaggio che Gesù di Nazareth predicò annunciando il Regno di Dio; ilvangelo su Gesù è il messaggio che è stato predicato dagli apostoli ovvero l annuncio della Resurrezione di Gesù, del fatto che Gesù è il Messia Figlio di Dio, delle sue parole e delle sue azioni; ilvangelo della Rivelazione è Gesù stesso, in quanto in Gesù, Dio stesso che si rivela, annuncia a tutti gli uomini la salvezza. In quel tempo, come abbiamo ricordato, si usava molto la memoria e poco la parola scritta. I maestri spirituali quando insegnavano usavano mezzi pedagogici che facilitavano la memorizzazione: ritmo, ripetizioni, rime, similitudini Anche Gesù, esprimendosi in aramaico, con frasi brevi, molto ritmate, ricche di immagini, facili da ricordare, fece sì che gli apostoli memorizzassero gran parte delle parole da lui pronunciate. Dopo la morte di Gesù gli apostoli, scossi dall avvenimento pasquale e dalle apparizioni del Maestro, guidati dallo Spirito Santo, su mandato di Gesù stesso cominciarono ad annunciare la Buona Notizia: è il Vangelo predicato, prima in aramaico, poi ben presto in greco. Via via che il tempo passava e i testimoni oculari scomparivano, divenne sempre più forte la necessità di mettere per iscritto l insegnamento orale degli apostoli, affinché gli elementi fondamentali della fede cristiana non subissero, anche involontariamente, modifiche e manipolazioni. Inoltre, poiché l apostolo testimone e fondatore della comunità non poteva essere sempre presente, in risposta a bisogni concreti e chiarimenti, venivano inviate lettere (o, con termine greco, epistole) con lo scopo di esplicitare ulteriormente o approfondire l annuncio kerigmatico, ovvero il messaggio pasquale, la Resurrezione di Gesù come punto di partenza fondamentale della predicazione cristiana. Kerygma in greco significa annuncio: è la proclamazione solenne di un fatto. Nel nostro caso il fatto annunciato dagli apostoli è la morte e Resurrezione di Gesù e il suo significato di salvezza per tutti gli uomini. La formazione dei Vangeli Nell elaborazione dei loro scritti, gli evangelisti si rifecero alle testimonianze sulla vita di Gesù: sia quelle tramandate oralmente, sia quelle raccolte in forma scritta e anonima, senza indicazione dell autore. Si trattava 1) delle più antiche fonti kerigmatiche, contenenti il racconto della passione-morte- Resurrezione; 2) di narrazioni contenenti la raccolta dei miracoli; 3) dei cosiddetti lòghia, cioè i detti e le massime più memorabili di Gesù. Marco scrisse per primo il suo Vangelo, intorno al 65 d.c. circa, rifacendosi alla predicazione di Pietro e alle raccolte precedenti. Seguirono Matteo e Luca, che utilizzarono entrambi il testo di Marco, unitamente a un altra fonte comune, la fonte Q (dal tedesco Quelle, fonte). Giovanni scrisse molto più tardi il suovangelo e rielaborò il materiale in modo autonomo. Jacob Jordaens, I quattro evangelisti, secolo XVII (Parigi, Museo del Louvre). I Vangeli sinottici IVangeli di Marco, Matteo e Luca sono detti sinottici (da sinossi, termine che deriva dal greco sýnopsis che significa sguardo d insieme ), in quanto, se si confrontano tra loro mettendoli in colonne diverse, ma nella stessa pagina, si possono cogliere le molteplici affinità e i frequenti parallelismi, dovuti al fatto che gli autori dei Vangeli sinottici usarono tradizioni orali e fonti scritte comuni.tuttavia un analisi più attenta rivela che ogni evangelista rielaborò i dati in modo originale e secondo le esigenze della comunità cui era rivolto lo scritto.

8 8 Viaggio intorno alla Bibbia La storicità dei Vangeli IVangeli sono libri storici, in quanto riportano testimonianze attendibili su un fatto storico: la vita e la predicazione di Gesù. Tuttavia non possono essere considerati fonti storiche vere e proprie, in quanto la loro finalità non è quella di offrire un quadro completo e fedele della vita di Gesù e dei suoi tempi, bensì quella di mettere in risalto gli episodi dell esperienza vissuta dalla Chiesa delle origini, della Pasqua di Cristo, volti a dimostrare che la presenza di Cristo risorto continua nel presente, non è un semplice fatto concluso in un epoca storica, ma continua a verificarsi nella sua Chiesa. I Vangeli sono insomma una testimonianza di fede. Perciò se, da un lato, è possibile compiere una ricerca sul Gesù storico presente nei Vangeli, d altro lato la testimonianza evangelica si propone la finalità di far comprendere ai lettori il mistero di Cristo, Figlio di Dio, e di condurre il lettore all adesione nella fede: Queste cose sono state scritte perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate vita nel suo nome (Gv 20,31). I quattro Vangeli Ogni evangelista rivela un approccio personale nel presentare la figura di Gesù. OgniVangelo ha una sua struttura, un suo progetto e una sua visione teologica, cioè un modo specifico di interpretare la persona e l opera di Gesù. Il Vangelo di Matteo Matteo, uno dei dodici apostoli, faceva parte di una comunità di cristiani provenienti dall ebraismo. Ciò spiega perché nel suo testo viene dato ampio spazio alle parole di Gesù, attraverso cinque solenni discorsi; nel contempo vi è un attenzione particolare a collegare la figura e l insegnamento di Gesù all A.T. La stesura definitiva del suo Vangelo viene fatta risalire all 80 d.c. circa e comprende 28 capitoli. Il Vangelo di Marco Marco fu discepolo e interprete di Pietro e scrisse il suovangelo probabilmente a Roma, per pagani convertiti. Nel suo testo il lettore viene avviato su un itinerario che procede dall oscurità verso la piena rivelazione. Gesù è presentato come un uomo, che però compie atti sorprendenti di liberazione dal male nei confronti di coloro che sono malati sia fisicamente sia spiritualmente. A metà del suo cammino Gesù è riconosciuto da Pietro come il Cristo, cioè il Messia. Questo Messia non viene presentato come un trionfatore bensì come uno sconfitto, ma è proprio nella passione, morte e Resurrezione che si scopre il segreto ultimo di Gesù e i discepoli arrivano alla piena professione di fede. IlVangelo di Marco, composto di 16 capitoli, è il più breve dei quattro. Il Vangelo di Luca Luca, collaboratore di Paolo di Tarso, possedeva una notevole cultura greca e giudaica. Scrisse il suo Vangelo intorno all 80 d.c. ed è indicato anche come l autore del libro degli Atti degli apostoli. I destinatari del suo scritto sono tutti i cristiani provenienti dal mondo pagano. Al centro del racconto di Luca vi è un lungo viaggio che conduce a Gerusalemme, partendo dalle origini di Cristo e dalla sua predicazione nella regione settentrionale della Galilea sino alla morte e alla gloria prima dell ascensione in cielo. Nel viaggio verso Gerusalemme Luca tratta i temi che ai suoi occhi meglio raffigurano il volto di Cristo: l amore, la gioia, la povertà, lo Spirito Santo, la preghiera, la vigilanza. Il Vangelo di Luca è composto di 24 capitoli. Il Vangelo di Giovanni Giovanni è identificato dalla tradizione con l apostolo e la data di redazione definitiva dello scritto viene fatta risalire alla fine del I secolo, ad opera della comunità che riconosceva in lui il suo fondatore. Il testo è molto elaborato e complesso, ricco di simboli ed è destinato a tutti i cristiani che vogliono conoscere meglio il messaggio di Gesù. Il Vangelo di Giovanni è composto di 21 capitoli, e si apre con un celebre Prologo, un inno che esalta Cristo come Parola,Verbo divino, entrato però nella carne dell umanità. Gli altri scritti del N.T. Gli altri testi del N.T. nacquero per esigenze successive alla morte di Gesù e su richiesta della comunità cristiana. Gli Atti degli apostoli Il libro degli Atti degli apostoli può essere definito un grande affresco della vita missionaria della Chiesa delle origini tratteggiato dall evangelista Luca (Ravasi). Fu composto intorno all 80 d.c. L autore descrive la nascita della Chiesa e il suo sviluppo, guidato dallo Spirito Santo, e racconta come il Vangelo, predicato da Pietro, dagli altri testimoni e soprattutto da Paolo, raggiunse Roma, la capitale dell Impero, attraversando l intera area del Mediterraneo. Le lettere degli apostoli Si tratta di una serie di lettere indirizzate dagli apostoli ad alcune comunità cristiane. Comprendono: il complesso delle Lettere di Paolo:sono13scritti contrassegnati in modo esplicito dal nome dell apostolo Paolo ed un quattordicesimo che èasé stante, la Lettera agli ebrei. Questa venne attribuita

9 L ebraismo 9 a Paolo sin dal II secolo, ma in realtà oggi è considerata nettamente distinta dall epistolario paolino. Nelle lettere di Paolo sono contenute ampie riflessioni teologiche su Gesù Cristo e sulla Scrittura e vengono trattate tematiche d ordine pratico e di ordine teorico che le prime comunità cristiane si trovavano a dover affrontare nei contatti con il mondo ebraico e il mondo pagano; le Lettere cattoliche, 7 lettere composte tra il 60 e il 100 d.c., attribuite agli apostoli Giacomo, Pietro, Giovanni e Giuda, e definite cattoliche cioè universali dalla tradizione, che le ha considerate dirette a tutta la cristianità. L Apocalisse Il testo, attribuito a Giovanni, è l ultimo libro della Bibbia e venne scritto intorno alla fine del I secolo d.c. È indirizzato alle Chiese dell Asia Minore, colte nel loro travagliato itinerario terreno, ma prospetta il loro destino glorioso, raffigurato dalla Gerusalemme celeste, la città della speranza e dell incontro pieno con Cristo. Il libro è scritto utilizzando un linguaggio letterario costellato di simboli gloriosi e terribili e questo ha fatto sì che nel tempo il suo messaggio di speranza venisse equivocato o non compreso. L ebraismo Origini e diffusione L ebraismo è il complesso della cultura e della religione del popolo ebraico. Con il termine giudaismo si intende invece la religione ebraica posteriore alla distruzione del Tempio di Gerusalemme e propria della diaspora. In seguito alla diaspora gli ebrei si diffusero in Asia, in Europa e in America. Dal 70 d.c. fino al 1948, la storia degli ebrei è quella di un popolo che è unito dalla stessa fede, dalla stessa legge e dallo stesso culto, ma senza una patria. Nel 1948, per decisione dell ONU, venne ristabilito lo stato d Israele e gli ebrei poterono tornare in una loro patria. Già dai primi giorni della proclamazione del nuovo Stato, si svilupparono tensioni e contese con i popoli vicini (arabi e palestinesi). Nonostante Israele abbia realizzato il sogno degli antichi ebrei (quello di avere una patria), la loro diaspora non è ancora finita. Attualmente il numero degli ebrei è di 16 milioni, distribuiti in 105 paesi, di cui 4 milioni vivono in Israele. La divinità Gli ebrei credono in un unico Dio (YHWH), che è il creatore e il signore dell universo, è l essere trascendente che non si può contemplare faccia a faccia, e la cui realtà sfugge all uomo. Essi credono che Dio abbia un rapporto speciale, di Alleanza, con il popolo ebraico. La parola Alleanza significa solenne accordo: la Bibbia narra che 4000 anni fa Dio ha stretto con Abramo e i suoi discendenti un reciproco impegno di fedeltà.yhwh non tradirà mai il suo popolo e il popolo si impegna a rispettare il patto di Alleanza attraverso l obbedienza alla legge. La menorah, candelabro a sette bracci, è uno dei simboli più importanti dell ebraismo. Gli ebrei credono che YHWH abbia parlato per mezzo dei Profeti e che verrà l età messianica come tempo di pace e di giustizia. Le credenze fondamentali Le verità di fede dell ebraismo possono essere così schematizzate: fede in un solo Dio Creatore e Signore dell universo, che affida all uomo il mondo, perché sia felice nella comunione con Lui. Fede nel perdono di Dio, che toglie il peccato (fonte e origine di ogni male);

10 10 L ebraismo fede nell Alleanza di Dio con il suo popolo, in vista di un futuro di salvezza nei tempi messianici; fede in tutto ciò che è scritto nella Legge (la Torah); fede in un futuro messianico nel quale regneranno pace, giustizia e abbondanza di ogni bene. Una sintesi della dottrina ebraica è contenuta nella professione di fede elaborata dal filosofo ebreo Maimonide ( ). Comprende i seguenti punti: 1. Io credo con fede completa che il Creatore Benedetto ha creato e governa tutte le creature; Egli solo fece, fa e farà ogni cosa. 2. Io credo con fede completa che il Creatore Benedetto è unico e che non vi è altra unicità che la Sua: Egli solo è il nostro Dio, fu, è e sarà. 3. Io credo con fede completa che il Signore non ha corpo, né possiede gli attributi del corpo, né alcuna forma. 4. Io credo con fede completa che il Creatore è il primo e l ultimo. 5. Io credo con fede completa che il Creatore è l unico che si deve pregare e a nessun altro devono essere rivolte le nostre preghiere. 6. Io credo con fede completa che tutte le parole dei profeti siano vere. 7. Io credo con fede completa che la profezia di Mosè nostro maestro su di lui sia pace èvera. Egli era il capo dei profeti per coloro che lo hanno preceduto e per coloro che lo hanno seguito. 8. Io credo con fede completa che la Torah che noi possediamo è stata data a Mosè. 9. Io credo con fede completa che questa Torah non sarà cambiata e non vi sarà più un altra Torah da parte del Creatore Benedetto. 10. Io credo con fede completa che il Creatore conosce tutte le opere dell uomo e tutti i suoi pensieri. 11. Io credo con fede completa che il Creatore ricompenserà coloro che seguono i suoi precetti e punirà coloro che li trasgrediscono. 12. Io credo con fede completa nella venuta del Messia e per quanto egli ritardi, io l attenderò ogni giorno. 13. Io credo con fede completa che vi sarà la resurrezione dei morti quando piacerà al Signore. I libri sacri Il libro sacro degli ebrei è scritto in ebraico e si intitola Bibbia. È lo stesso nome del testo sacro dei cristiani e, come abbiamo visto, coincide con i libri della prima parte della Bibbia cristiana (denominata Antico Testamento e corrispondente a 24 libri in quanto sono esclusi Tobia, Giuditta, 1e2Maccabei, Sapienza, Siracide, Baruch e alcune sezioni di Ester e di Daniele). La Bibbia ebraica è anche chiamata Tanach, sulla base delle iniziali (T, N, K) dei tre corpi di testi che lo compongono: Torah (Legge), Nebi im (Profeti) e Ketubim (Scritti). La parte più importante è la Torah che comprende i cinque libri che contengono l insegnamento di Mosè: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio. Nella Bibbia cristiana questi stessi libri sono denominati Pentateuco. Gli ebrei ortodossi credono che questi libri siano stati dati direttamente da Dio a Mosè. La vita morale La morale ebraica è quella dell Alleanza: si ritrova fondamentalmente nella Legge (Torah) ed è riassunta nel Decalogo (10 Comandamenti). Il sentimento di dipendenza dell uomo verso Dio è l elemento chiave della coscienza ebraica. Una serie di doveri aiutano l individuo a elevarsi, a riconoscere la volontà di Dio. Nei giorni feriali, come nei festivi, nei riti come nelle cerimonie famigliari, l ebreo matura una serie di atteggiamenti che contribuiscono ad alimentare in lui il senso del divino, la presenza dell Assoluto in lui e attorno a lui. La Mezuzah (piccolo astuccio attaccato allo stipite della porta e contenente una sottile pergamena in cui sono tracciati i più importanti principi quali l unità di Dio, l amore del Signore verso l umanità, i doveri che si hanno verso la famiglia) richiama giornalmente il dovere dello studio della Torah ela fedeltà a certe pratiche (quali l osservanza rituale del sabato e delle celebrazioni festive, la recita delle benedizioni per testimoniare che l uomo vive in un universo animato dall eterna presenza del Creatore, la precettistica delle norme alimentari). L alimentazione Nella cucina ebraica non sono semplicemente seguite delle consuetudini, ma applicate delle vere e proprie regole. Kasher è il termine che le definisce nel loro complesso (letteralmente significa puro ). Carne: si possono mangiare solo mammiferi che hanno lo zoccolo e l unghia divisa in due e che ruminano, il che esclude, ad esempio, i maiali. La carne deve essere macellata, da parte di persona esperta e autorizzata dalle autorità rabbiniche, mediante l uso di un coltello affilatissimo, secondo un procedimento che comporta la morte istantanea e il totale dissanguamento dell animale. Latticini: non si possono mangiare contemporaneamente con la carne. Volatili: non sono permessi gli uccelli rapaci e quelli notturni. Pesci: solo quelli con pinne e squame.

11 L ebraismo 11 Frutta e verdura: non ci sono limitazioni o divieti. Cibi simbolici: sono preparati per il Seder di Pesach, il pasto rituale di Pasqua (Seder significa ordine ). Si tratta di erbe amare che simboleggiano l amarezza della schiavitù in Egitto, di erbe verdi associate alla primavera, di un uovo che rappresenta la vita che si rinnova, di un cosciotto d agnello, di acqua salata che ricorda le lacrime degli israeliti e di una mistura di mele, noci, cinnamomo e vino come ricordo dell argilla con cui gli ebrei schiavi d Egitto costruivano piramidi e silos. L insegnamento della Torah La Torah è una guida, un insegnamento, che include la legge di vita degli ebrei. Vi sono 613 comandamenti, dei quali 248 sono positivi e 365 negativi. Rispettandoli, gli ebrei dicono sì al volere di Dio. Le leggi secondo gli ebrei non devono essere spiegate, ma sono la proclamazione di un codice d amore, un modo visibile per accettare che Dio ha scelto Israele per essere una comunità santa. I comandamenti contengono leggi rituali, norme igieniche e comandi etici. Tra le 613 leggi ci sono i Dieci Comandamenti che, scritti su tavolette poste nell arca dell Alleanza costruita ai tempi di Mosè, erano custoditi nel tempio di Gerusalemme da Salomone nel X sec. a.c. e poi distrutto nel V sec. a.c. dai babilonesi. La Torah scritta non può trattare ogni situazione della vita. L applicazione e il senso della Torah nel corso dei secoli vennero trasmessi perlopiù oralmente. Si ebbe così la Torah she be al peh (latorah che procede dalla bocca), divenuta la base dello studio ebraico e fu raccolta nel II sec. dal rabbino Judah ha-nasi, nella Mishnah, ovvero ciò che viene imparato più volte. La Mishnah divenne a sua volta la base per il Talmud babilonese del VI sec. d.c. Si tratta di un opera così estesa che furono scritti numerosi manuali e riassunti per aiutare i lettori ad orientarvisi. Per comprendere l importanza del Talmud eilsuo influsso sul popolo si devono considerare i principi ispiratori: la convinzione che esista una legge orale accanto a quella scritta e che la santità, ideale di vita per ognuno, si raggiunga attraverso l osservanza dei divini precetti (mitzvot). Il rispetto di queste leggi giunse ad essere considerato un dovere religioso, e gli ebrei rimasero una comunità distinta da tutti gli altri popoli proprio grazie alla pratica di tali rituali. La Torah è tradizionalmente scritta su rotoli, i quali sono custoditi nella sinagoga in un armadio chiamato arca. Quando non sono usati, i rotoli della Torah sono arrotolati e coperti. Solitamente sulla sommità dei contenitori dei rotoli si trovano corone chiamate Keter Torah (corona della Legge) che sono il simbolo della sovranità della Legge nella vita ebraica. Il culto e i luoghi religiosi L istituzione della sinagoga, il centro ebraico del culto e dell istruzione nella Torah, risale al VI sec. a.c., al tempo dell esilio babilonese. Dopo la distruzione del tempio di Gerusalemme nel 70 d.c., numerosi rituali del culto tradizionali del Tempio furono incorporati nel culto presso la sinagoga. Mattino, pomeriggio e sera le cerimonie che si svolgono nella sinagoga corrispondono a quelli che erano gli orari dei sacrifici del Tempio. La preghiera tuttavia può aver luogo in ogni momento e in ogni luogo, anche se in tutto il mondo ebraico la sinagoga è divenuta luogo di culto e di studio. Nella sinagoga, infatti, si tengono lezioni, si trovano gli uffici comunitari e i servizi per la comunità. Gli edifici sono costruiti rivolti verso la città di Gerusalemme, luogo sacro per la religione ebraica, e l armadio a muro sulla parete più lontana rispetto all ingresso, contenente i rotoli della legge, è chiamato arca. Nelle sinagoghe non si trovano quadri o statue, in osservanza al comandamento che vieta di farsi immagini, possibile oggetto di idolatria. Nella parte centrale si trova il baldacchino sotto il quale si svolgono i riti. Il punto più importante della sinagoga è l armadio sacro dove sono custoditi i rotoli della Torah. Questi rotoli sono rigorosamente in pergamena e scritti a mano. Davanti all armadio, pende una lampada perpetua che rievoca simbolicamente la funzione dell antica lampada che ardeva perennemente nel Santuario e che rappresentava la luce spirituale della Torah. L interno del Tempio con le suppellettili per il culto (miniatura del XV secolo).

12 12 L ebraismo La preghiera La preghiera è molto importante nella religione ebraica. La liturgia è descritta come servizio del cuore. Include lo Shema Israel (la dichiarazione di fede dell ebraismo: Ascolta, Israele, il Signore è nostro Dio, il Signore è uno solo ) e l Amidah (una serie di benedizioni che usano la formula Benedetto sei Tu o Dio, re dell universo ). Tradizionalmente nell ebraismo gli uomini e le donne pregano divisi: le donne stanno nel matroneo. Questo non avviene più oggi nell ebraismo riformato. Alle donne non è richiesto il servizio quotidiano. Gli uomini hanno l obbligo di pregare a capo coperto, ma, in genere, fanno così anche le donne. Nei giorni feriali, per le preghiere del mattino, gli uomini solitamente mettono i filatteri sulla fronte e sul braccio sinistro, che è accanto al cuore: sono piccole capsule che contengono versetti della Torah, scritti su pergamena. La preghiera si tiene alla sera, al mattino e al pomeriggio. Il momento più profondo della preghiera ebraica è durante la festa del sabato, giorno di riposo totale e di astensione da qualsiasi lavoro. Il sabato comincia al venerdì sera con il tramonto del sole. Nelle case si consuma un pasto, come rito religioso, in cui il padre benedice il vino e spezza il pane del sabato. Nelle funzioni del sabato ha un importanza particolare la lettura della Torah. Le persone sacre La celebrazione del culto nella sinagoga può essere officiata da qualsiasi maschio ebreo adulto, purché capace di leggere e comprendere il testo ebraico. Il rabbino non ha la funzione di un sacerdote, ma è un maestro che ha l autorità per guidare la comunità cui è a capo. Non solo esercita mansioni religiose come predicazione, matrimoni, funerali, ufficio pastorale, istruzione, ma dirime anche le questioni della legge religiosa. Gli addetti della sinagoga sono il rabbino (il capo e l insegnante in materia di religione), il cantore (il capo delle cerimonie) e l inserviente. Le cerimonie liturgiche possono essere anche guidate da membri laici della comunità. Una cerimonia completa non può avere luogo senza un minian, ovvero un gruppo minimo di dieci uomini adulti. Le feste religiose Il calendario festivo ebraico è luni-solare, nel senso che in esso l anno solare costituisce la grande unità di tempo e tuttavia si articola secondo le evoluzioni della luna. Tutte le feste cominciano la sera del giorno precedente e continuano sino alla sera successiva. Il calendario ebraico annuale è costellato da un certo numero di celebrazioni festive d origine diversa che si sono imposte in epoche diverse della storia. Una prima categoria comprende le tre feste bibliche considerate propriamente maggiori: la Pasqua (Pesach), la Pentecoste (Shavuot) e la Festa delle Capanne (Sukkoth), note anche come feste di pellegrinaggio e con in comune il tema della gioia alla presenza di Dio. La celebrazione della Pesach dura sette giorni (otto giorni nella diaspora) dal 15 al 22 Nisan. Si tratta originariamente di una festa agricolopastorale primaverile relativa alla celebrazione della nascita, della ricrescita e del primo raccolto di cereali, che in seguito venne collegata al ricordo di determinati eventi della storia della salvezza ebraica. La festa di Pasqua si rifà all uso dei popoli nomadi di offrire in primavera il sacrificio di un giovane animale maschio del gregge, di spargere il sangue sui pali della tenda per allontanare così l influsso degli spiriti cattivi e di mangiare la carne arrostita bruciando gli avanzi ed è nelle sue origini da associare a riti di transizione. Nel suo significato storico la Pesach è divenuta la festa della liberazione dalla schiavitù d Egitto; un unica festa memoriale da celebrare di anno in anno (Es 13,8-10) il cui significato spirituale è che Dio è il Redentore. Il momento culminante e caratteristico della Pasqua è il banchetto pasquale o Seder. Le sue origini risalgono al rito dell agnello pasquale che veniva ucciso nel Tempio il pomeriggio della vigilia e mangiato cerimoniosamente in casa la sera della prima notte della festività. Momento centrale della serata, caratterizzato dalla partecipazione attiva di tutti i presenti, è la lettura di un libro chiamato Haggadah sel Pesach (la cui compilazione definitiva risale al V sec. d.c.) in cui si parla dell uscita dall Egitto, non in modo sistematico bensì alternando racconti, commenti ed interpretazioni rabbiniche, acrostici e canti, filastrocche e benedizioni. Durante il Seder è tradizione bere i quattro bicchieri della redenzione, dall Esodo (prima del pasto) al Messia (dopo il pasto). È tradizione lasciare un posto vuoto a tavola e mettere da parte un bicchiere di vino per il profeta Elia, di cui si attende la venuta in qualità di annunciatore dell era messianica. Sul vassoio al centro della tavola vi sono il pane azzimo, in ricordo della fretta della partenza, le erbe amare, in ricordo dell amarezza della schiavitù, l impasto di frutta (charoset) che simboleggia il fango con cui gli schiavi ebrei erano obbligati a fabbricare mattoni, la zampa dell agnello, in ricordo del sacrificio dell agnello, l uovo che simboleggia i cambiamenti della sorte umana, la rinascita a una nuova vita.

13 L islam 13 Si registrano come celebrazione a parte la Convocazione d autunno con l anno nuovo (Ro sh ha-shanah) e il giorno del Grande perdono (Jom ha- Kippurim). Vi sono poi celebrazioni secondarie come la festa della Dedicazione (Hannukkah) e la festa di Ester (Purim) oltre a diversi giorni di digiuno, alcuni dei quali evocano le grandi catastrofi del passato. La maggior parte delle feste minori nel tempo sono diventate popolari e alcune sono celebrate più di altre maggiori. La gioia festiva si esprime tradizionalmente banchettando con carne e bevande, acquistando nuovi abiti per le donne e rispondendo generosamente alle richieste di carità. L idea della morte e dell aldilà Le rappresentazioni della vita dopo la morte erano poco sviluppate nell ebraismo antico, com è dimostrato dal fatto che per le azioni buone o cattive non si prospetta una retribuzione nell aldilà, bensì un premio o una punizione per i discendenti. I morti vegetano all interno della terra, negli inferi. Più tardi, probabilmente dopo l esilio e con qualche influsso persiano, sorse la credenza in una resurrezione della carne alla fine del mondo e in un giudizio universale, per cui i buoni saranno compensati con la vita eterna, e i cattivi con la vergogna e con l orrore eterno. L islam Islam (cioè dedizione a Dio ) è la denominazione scelta da Muhammad (noto in Occidente come Maometto) per la religione da lui predicata. Indica il sistema di credenze e di riti basati sul Corano. Gli aderenti a questa religione si chiamano musulmani, da muslim, colui che abbraccia l islam e lo segue fedelmente: è il sottomesso. Oggi si può considerare l islam come una religione universale: oltre un miliardo sono infatti i musulmani nel mondo. Le comunità più numerose si trovano nel sub-continente indiano (Pakistan, India e Bangladesh), nell Africa sub-sahariana, nel Vicino e nel Medio Oriente. La presenza di islamici nell ex URSS e nei Paesi Balcanici è significativa; mentre in America e in Europa è in costante aumento. In Italia è la seconda religione dopo il cattolicesimo. L islam è al tempo stesso religione e comunità temporale, una comunità che riunisce da un lato i rapporti del credente con Dio, dall altro i rapporti dei credenti tra loro, su livelli di morale, di sociologia e di politica. L islam come religione e comunità è internazionale e tende ad assorbire le differenze etnico-sociali. Il termine per indicare questo concetto di popolo e nazione, di coloro che vogliono vivere insieme è umma (letteralmente comunità ). Il fondatore Figlio di Abdallah e di Amina, Muhammad ( colui che è lodato ) nacque verso il 570 d.c. alla Mecca, da un ramo collaterale e impoverito della nobile famiglia dei Quraishiti. Rimasto orfano ben presto, dovette lavorare come pastore, finché fu assunto dalla ricca vedova Khadigiah come cammelliere e poi come capo delle sue carovane commerciali; più tardi, venticinquenne, egli sposò la vedova, più vecchia di lui di quindici anni. Muhammad avrebbe potuto condurre la vita di un ricco commerciante, se la sua esistenza non fosse stata cambiata radicalmente a causa di una serie di visioni avute in una grotta della Mecca. Grazie a queste visioni, in cui, secondo la tradizione, gli si presentò l arcangelo Gabriele, egli si convinse di essere stato eletto come profeta degli arabi, per annunciare l unicità di Allah, che era una delle divinità venerate in un ambiente politeista, in cui vigevano i culti più svariati (molto diffusa era la litolatria, cioè il culto delle pietre ritenute sacre). A poco a poco gli si raccolsero intorno anche alcune personalità influenti; però l opposizione della maggior parte dei cittadini della Mecca contro di lui era così forte, che egli decise di lasciare la città natale e di trasferirsi a Yathrib, l attuale Medina (che significa appunto città del Profeta ). Questo trasferimento (egira) ebbe luogo il luglio dell anno 622 d. C. e costituisce l inizio del computo cronologico islamico. A Medina, Muhammad divenne in breve tempo una delle persone più influenti della città e il più eminente uomo politico e capo militare. Nel 630 conquistò la Mecca con il suo esercito: seppe sfruttare la vittoria alternando severità e mitezza e diventò il capo supremo di uno stato teocratico, cui aderirono, in numero sempre crescente, altre tribù arabe. Morì l 8 giugno 632. L espansione dell islam continuò dopo la morte del Profeta: grazie ai suoi successori, i califfi, l islam si diffuse fino all India e all Indonesia, in Africa e poi, attraverso la Spagna, in Europa, dove l avanzata fu fermata dal re franco Carlo Martello nel 732 a Poitiers, in Francia. Nell est europeo attraverso l impero ottomano l espansione arrivò fino a Kiev, in Ucraina (1683). L importanza storica di Muhammad consiste soprattutto nell aver unificato le tribù arabe rimaste in

14 14 L islam ombra fino ad allora, avviandole a grandi imprese, soprattutto di carattere militare. Fondando la religione musulmana, egli non solo diede al popolo un eccezionale impulso politico, ma lo innalzò anche a un livello spirituale più alto sostituendo con un monoteismo assoluto le varie forme di idolatria prima esistenti. Le correnti Dopo la morte di Muhammad l islam si divise in due correnti principali che differiscono tra di loro per alcune sfumature delle convinzioni teologiche e politiche: isunniti, che derivano il loro nome dalla sunna,la tradizione del Profeta riconosciuta dalle principali scuole giuridiche; gli sciiti, gli appartenenti, cioè, alla shia, partito di Alì, il genero del Profeta, riconosciuto come suo unico legittimo successore. Vi è poi il gruppo minoritario dei karajiti, che rappresentano una corrente assai rigorista. Alla corrente mistica appartengono i sufi, la cui spiritualità si caratterizza per la ricerca dell amore puro e disinteressato. La divinità Allah è considerato l unico Dio, creatore del mondo e dell uomo. Egli è venerato con 99 nomi belli, ognuno dei quali esprime un aspetto della sua personalità (per esempio Rivelatore, Sostegno, Giudice, l Eternamente Saggio, l Eternamente Compassionevole). L islam insegna che esiste un centesimo nome che non è mai stato rivelato: Dio supera ogni conoscenza umana. L uomo è lo Abd Allah, ilservo, lo schiavo, il dipendente dalla divinità. Il mondo ultraterreno è popolato da angeli, dei quali il più importante è Gabriele, spiriti (ginn), demoni che però non intaccano l unicità di Dio, cui si oppone Iblis (satana), come forza del male. I testi sacri: Corano e Hadith Il testo sacro dell islam è il Corano, un opera redatta in prosa rimata araba, divisa in 114 capitoli (surah), ordinati in modo che dopo una breve surah iniziale i singoli pezzi si succedono in ordine decrescente secondo la loro lunghezza: la seconda surah conta 286 versi, mentre le ultime contengono soltanto pochi versi. Le surah più interessanti, dato il loro contenuto religioso, sono quelle scritte alla Mecca ed essendo le più brevi compaiono alla fine del testo. Secondo la concezione dei musulmani, il Corano (la parola significa lettura ) contiene le rivelazioni ricevute dal Profeta direttamente da Dio o per mezzo dell angelo Gabriele. Il contenuto del Corano è comunque assai vario.accanto alle lodi a Dio, dettate da un profondo sentimento religioso, e alle vivaci descrizioni della sua unicità, grandezza e misericordia, ci sono impressionanti descrizioni del giudizio universale, delle bellezze del paradiso e dei tormenti infernali. In molti passi si accosta a leggende ebraiche e cristiane, spesso rielaborate, perché il Profeta, che probabilmente non sapeva né leggere né scrivere, non disponeva di testi biblici, e gli erano giunti all orecchio solo resoconti orali. Grande spazio occupano nel Corano le disposizioni sul culto, sulla vita sociale, e osservazioni su vicende che riguardano il Profeta stesso. Poiché per il suo contenuto il Corano era incompleto come manuale di legge religiosa e civile, per soddisfare tutte le esigenze legate al cambiare dei tempi e a un numero sempre più elevato di aderenti alla religione islamica, si ricorse all autorevole tradizione, alla sunnah (propriamente norma), come legge per la vita culturale e sociale. Questi resoconti sulle parole e azioni del Profeta e dei suoi primi discepoli, che rappresentano il modello e la guida per il pensiero e l opera di tutti i musulmani, sono chiamati Hadith. Si presentano in una serie di raccolte. Anche se molte delle parole attribuite al Profeta non possono certo risalire a lui, esse sono tuttavia caratteristiche e preziose come espressione del genuino sentimento musulmano. Le credenze fondamentali Muhammad insegnò che gli articoli della fede islamica sono sei: 1. credere in Allah, uno, unico, il quale non ha compartecipi nella sua qualità divina, a nessun titolo; 2. credere nell esistenza degli angeli, come creature di Allah e senza alcun titolo per ricevere culto e non con il potere di fare grazie; 3. credere nella provenienza divina dei testi originari dei libri indicati nel Corano come provenienti da Allah (i fogli di Abramo, la Torah, i Salmi, il Vangelo, il Corano) di cui tuttavia solamente il Corano contiene il testo integrale, incontaminato da manipolazione umana della parola di Allah; 4. credere nella missione apostolico-profetica affidata a Muhammad, avente come destinatari tutti gli uomini, e nei messaggeri di Allah inviati prima di lui, tra i quali hanno posizioni di rilievo Adamo, Noè, Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe, Mosè, Salomone, Davide, Gesù, Giovanni; 5. credere nell esistenza di una vita futura, nella quale, dopo il giorno del giudizio, ogni uomo, in relazione alla sua vita terrena, sarà introdotto nel luogo dell eterna beatitudine o nel luogo dell eterno tormento. Se la vita terrena sarà stata vissuta in obbedienza ad Allah, si apriranno le porte del paradiso, mentre se la vita terrena sarà stata carat-

15 L islam 15 terizzata dalla disobbedienza, si spalancheranno le porte dell inferno; 6. credere nella provenienza dal decreto divino sia del bene sia del male. Nulla accade per caso, per fortuna o sfortuna, ma tutto ha origine dalla volontà di Allah. Culto e luoghi sacri Muhammad ha detto: L islam si fonda su cinque pilastri. 1. La testimonianza (Shahadah) Si rende pronunciando la frase: Attesto che non c è divinità tranne Allah e attesto che Muhammad è l Apostolo di Allah. La testimonianza, o professione di fede, per i musulmani è l impegno di non avere come padrone altri che Allah e di non prendere, come maestro di vita e come modello di comportamento, altri che il Profeta Muhammad. 2. La preghiera (Salah) La preghiera è considerata la colonna portante dell islam. Le preghiere quotidiane del musulmano sono cinque ed egli le deve eseguire in condizioni di purezza rituale, nel tempo prescritto per ciascuna di esse, vestito in maniera appropriata e rivolto in direzione della Mecca. Tempi di preghiera sono: l alba, il mezzogiorno, il pomeriggio, il tramonto e la notte. La preghiera si svolge secondo un rituale, costituito da una serie di posizioni e movimenti del corpo, accompagnati da recitazioni. La purezza rituale si ottiene mediante le abluzioni di alcune parti del corpo. Il venerdì si chiama giorno della congregazione e in esso si svolge, nel tempo della preghiera del mezzogiorno, la preghiera congregazionale della comunità dei credenti, che vivono in una località. Colui che dirige la preghiera congregazionale si chiama imam e uno degli elementi essenziali di essa è il sermone, che in arabo si chiama al-khutba. La chiamata alla preghiera viene fatta a voce (alazàn) da colui che chiama alla preghiera (al-muezzin) dall alto del minareto (al-ma zanah). 3. L imposta coranica (Zakkat) Il denaro, l oro e l argento, le merci, i prodotti agricoli, i gioielli, producono a carico del loro proprietario un debito d imposta coranica pari al 2,50% del loro valore. Sono previsti tributi anche per il bestiame e i terreni, nonché per il tesoro nascosto e per le miniere. L imposta si chiama coranica poiché i destinatari di essa sono indicati nel Corano. Essi sono: i poveri, i bisognosi, gli esattori dell imposta, i convertiti all islam che a causa della loro conversione abbiano subito pregiudizi patrimoniali, i prigionieri, i debitori, i viandanti, la causa di Allah. 4. Il digiuno di Ramadan (Sawn) Il mese di Ramadan è il nono mese dell anno lunare e in tutti i giorni che lo formano (29 o 30) i musulmani devono astenersi da cibo, bevande, rapporti coniugali e dall introdurre nel corpo qualsiasi sostanza, nell arco del tempo che va dalla preghiera dell alba alla preghiera del tramonto. Il mese del digiuno è anche un mese di esercizi spirituali, che il musulmano pratica per una sempre crescente elevazione dell anima nell adorazione di Allah ed è il mese in cui, secondo i musulmani, è stato fatto scendere il Corano guida per gli uomini, spiegazione della guida e criterio per il discernimento del bene dal male, nella notte del destino. Il digiuno e la veglia notturna di preghiera ogni giorno e ogni notte nel mese di Ramadan procurano, secondo la fede musulmana, a chi li esegua con fede sincera e per amore di Allah, il perdono di tutti i peccati. 5. Il pellegrinaggio (Hajj) Il pellegrinaggio è un complesso di riti, che si svolge ogni anno nel territorio sacro della Mecca, al quale ogni musulmano, quando ne abbia la possibilità, è tenuto a partecipare, almeno una volta nella vita. I riti del pellegrinaggio sono: la circumambulazione della Kà bah (al-tawwàf). La Kà bah o Pietra Nera è il centro spirituale dell islam. Si tratta di un grosso pezzo di meteorite nero, non rimuovibile, considerata casa di tutti gli dei. Si trova alla Mecca e intorno vi fu costruito La Kà bah circondata da pellegrini.

16 16 L islam un santuario dedicato ad Allah. Originariamente era un centro di culto pagano e venne da Maometto riconsacrato al culto in un solo Dio; la preghiera alla stazione di Abramo (maqàm Ibrahìm); la corsa tra la montagnola di Safa e quella di Marwa (al-sa y); la sosta nella piana di Arafah (uqùf àrafah); la lapidazione di Satana (al-ràmy); il sacrificio della vittima consacrata (al-nàhr). Il pellegrinaggio è una grande adunanza annuale dei musulmani provenienti da tutte le parti del mondo e simboleggia l unità della comunità islamica e del genere umano. Il pellegrinaggio si esegue negli ultimi tre mesi dell anno lunare e i riti fondamentali si svolgono nei giorni 9 (la sosta in Arafah) e 10 (il giorno del sacrificio) dell ultimo mese dell anno lunare. Vi è anche un piccolo pellegrinaggio, chiamato al- ùmrah, che può essere eseguito in qualsiasi periodo dell anno e che consiste in una circumambulazione della Ka bah e in una corsa tra Safa e Marwa. Il regime alimentare Il regime alimentare islamico si fonda sui precetti e sui divieti contenuti nel Corano e nella Sunna. È permesso il consumo di vegetali e di pesci, mentre è proibito il consumo di anfibi, carnivori, rapaci, suini domestici e selvatici (porco, cinghiale) e derivati dalla loro macellazione, sangue, carne di animali macellati con modalità diverse da quelle della macellazione islamica, o morti per malattia o per sbranamento. La macellazione islamica (al-zàbh) consiste nella recisione della gola (scannamento) della bestia, eseguita con una lama affilatissima. È lecito solo il consumo della carne di bestiame macellato secondo il rito islamico. Sono proibite tutte le sostanze, solide o liquide, che producono alterazione dello stato di coscienza, anche in piccole dosi. Sono, quindi, proibite le droghe e le bevande alcoliche, perché ritenute devastanti nelle loro conseguenze, sia sulla salute di chi le consuma, sia sulle relazioni sociali. I luoghi di culto La moschea è un edificio in cui si svolgono le pratiche religiose dell islam e specialmente la preghiera congregazionale. Fu lo stesso Profeta a fondare la prima moschea a Medina. Dalla sua primitiva forma, quella di ampio cortile recinto, con piccole costruzioni in legno addossate al muro, di cui quelle poste verso la Mecca destinate al culto, e le altre ad abitazione, ben presto la moschea, oltre ad essere sede di attività religiosa, diventò anche centro di vita sociale, politica e militare della comunità musulmana. Nei primi tempi dell espansione islamica, la pianta schematica di una moschea è composta di un grande cortile di forma rettangolare in cui, al centro, sorge una fontana, destinata alle abluzioni dei fedeli. Intorno al cortile corre un porticato semplice o multiplo, coperto con un tetto o con una caratteristica serie di cupolette. Sul lato del rettangolo perpendicolare alla direzione in cui si trova La Mecca c è una nicchia, chiamata in arabo almihràb, che indica la direzione della preghiera (al-qìblah). Alla destra della nicchia direzionale (al-mihràb), molto rialzato dal pavimento, c è un elemento di arredo della moschea, chiamato al-minbar e costituito da una scala che porta ad un podio con un sedile, da cui il predicatore della preghiera congregazionale del venerdì predica ai fedeli. Ogni moschea, poi, ha uno o più minareti. In tempi successivi la moschea si caratterizza con la forma di una grande sala delle preghiere, ricoperta a tetto, a volta, a cupola e, qualche volta, il muro esterno di recinzione è fortificato per la difesa dei fedeli, in caso di attacco nemico. Le moschee di maggiore splendore furono quella di Solimano il Magnifico a Istambul e quella di Selim ad Adrianopoli. La parola italiana minareto deriva dall arabo al-manàrah, cioè faro. La caratteristica torre della moschea, avente presso la sommità una terrazza sporgente, da cui il muezzin invita i fedeli alla preghiera, si chiama al-ma zanah, cioè luogo in cui viene fatto al-azàn (la chiamata alla preghiera). L aniconismo islamico L arte islamica delle moschee è caratterizzata dall assenza di rappresentazioni raffigurative di creature viventi. Questa caratteristica si chiama aniconismo (dal greco α non e eikòn, immagine ). Il rifiuto della rappresentazione figurativa di uomini e animali ha la sua radice nell insegnamento di Muhammad, secondo il quale le rappresentazioni figurative antropomorfe e zoomorfe sono state e sono il punto di partenza di ogni culto idolatrico e l ordigno più micidiale prodotto da satana per indirizzare il sentimento religioso dell uomo verso altri anziché verso Allah. È per questo che mai un musulmano potrebbe realizzare opere di pittura e di scultura, aventi per oggetto creature viventi. Il sentimento religioso islamico, da cui nasce il rifiuto del figurativo antropomorfo e zoomorfo, fa sì che il fedele musulmano esprima in senso decorativo e ornamentale la sua sensibilità artistica. Nascono così le decorazioni dette arabeschi, nei quali il sentimento estetico musulmano ha realizzato opere di straordinaria bellezza.

17 L islam 17 Gli arabeschi sono intrecci di elementi vegetali stilizzati (fiori, foglie), oppure motivi geometrici, oppure combinazioni armoniche di elementi vegetali e geometrici, oppure, ancora, intrecci di motivi vegetali, geometrici e calligrafici. Frequenti sono anche i calligrammi, cioè belle scritture, principalmente di versetti del Corano o di insegnamenti di Muhammad, in uno dei numerosi stili grafici dell alfabeto della lingua araba. Persone sacre Gli incaricati di portare al mondo il messaggio celeste si chiamano con due nomi: nabi e rasul.ilnabi ha portato un messaggio, ma non un libro, viceversa il rasul ha portato il messaggio accompagnato da un libro celeste. Vengono riconosciuti come profeti unitamente ai profeti dell Antico Testamento: Mosè, Davide, Gesù Cristo e Muhammad. Il profeta, per l Islam, è uno che ricorda alla gente le verità eterne e Muhammad è l inviato per eccellenza, l agente umano incaricato di portare il messaggio divino. L islam non possiede una gerarchia ecclesiastica. La celebrazione del servizio divino è affidata a un membro della comunità considerato idoneo per la sua saggezza oppure a un imam (modello o capo) designato dalla comunità. È usanza che celebri matrimoni e sepolture, diriga la comunità locale, dispensi i suoi consigli, ricordi la legge e i costumi islamici (sharia). Un muezzin chiama alla preghiera nella moschea. I conoscitori del Corano e della legge islamica si chiamano ulema e, sebbene non formino un vero e proprio stato ecclesiastico, esercitano tuttavia una grande influenza, soprattutto attraverso i loro pareri. Feste religiose Il calendario religioso islamico comprende diversi giorni festivi e celebrazioni, nell osservanza di precise indicazioni presenti nel Corano o in commemorazione di alcuni episodi della vita di Muhammad, dei suoi compagni e anche dei profeti più importanti. Due feste hanno una riconosciuta superiorità ufficiale ed effettiva su tutte le altre e sono considerate di precetto: quella di Id al-adha e quella di Id al-fitr. Comune ad entrambe le ricorrenze è la grande preghiera comunitaria, con la quale comincia la giornata festiva, che si tiene nel luogo di riunione più importante di ogni città islamica, all aperto o nella moschea principale. In quell occasione ognuno indossa abiti nuovi e puliti e partecipa con tutta la famiglia alla preghiera comune. Questo momento di riunione collettiva è seguito da visite ad amici e parenti, da scambi di doni e da riunioni per pranzo e cena, nelle quali di solito si radunano molte persone. Id al-adha (Festa del sacrificio) il 10 del mese di Dhul-Hijja (ultimo mese dell anno lunare) durante il grande Pellegrinaggio. In concomitanza con essa tutti i musulmani che possono permetterselo, anche quelli che non partecipano al pellegrinaggio, in altre parti del mondo dell islam, comprano un capro o un agnello e lo offrono in sacrificio, in ricordo di Abramo, cui fu concesso di offrire un animale in dono a Dio, al posto di suo figlio Ismaele. Viene celebrata la suprema sottomissione di Abramo alla volontà di Dio, come anche la generosità di Dio verso il fedele. Id al-fitr (Festa dell interruzione del digiuno) è anche detta Piccola Festa ( Id al saghir) ed è celebrata il primo giorno del mese di Shawwàl (il decimo mese dell anno lunare). Il digiuno (sawn) viene rotto all alba del primo giorno successivo a quello del mese di Ramadan,di solito con un pasto frugale a base di datteri e acqua. Il significato religioso del Ramadan è la sottomissione a Dio, l abitudine alla privazione, la forgiatura del carattere. Durante questo mese, la sera le moschee sono aperte e i fedeli possono recarvisi per pregare e recitare il Corano. La festa della fine del digiuno è un momento di gioia e di allegria, nel quale le persone si congratulano le une con le altre per aver avuto la forza di sopportare il disagio della prolungata privazione di cibo. È una festa di famiglia che dura tre giorni, con la consumazione del montone, visite familiari e clima di festa sociale.

18 18 L induismo L idea della morte e dell aldilà Quando un musulmano muore, la prima notte dopo la sua inumazione gli angeli Munkar e Nakir esaminano la sua vita, ma il morto deve poi aspettare fino alla resurrezione e al giudizio universale prima che sia deciso il suo destino eterno. Solo i combattenti per la fede che morirono come martiri, entrano subito dopo la morte in paradiso. Dopo il giudizio universale alla fine dei tempi, vi sarà la resurrezione dei morti e secondo il giudizio divino i buoni andranno in paradiso passando su un ponte sottile come il filo di un rasoio, mentre i malvagi scivoleranno su di esso e cadranno nell inferno. Il paradiso è descritto come un giardino ombroso, percorso da freschi corsi d acqua, dove sono a disposizione ricchi cibi, bevande, vesti. L induismo Le origini dell induismo Induismo è il nome che gli arabi diedero all insieme di credenze e comportamenti religiosi delle popolazioni della regione dell Indo. Questo insieme di credenze del sub-continente indiano si è sviluppato a partire dal a.c. senza un vero fondatore, arricchendosi nel tempo di nuove intuizioni e dottrine che non negavano o non contraddicevano ciò che era stato affermato in precedenza. L induismo si è evoluto sia attraverso nuovi sviluppi che hanno avuto origine all interno della tradizione, sia per interazione e adattamento rispetto alle altre tradizioni e agli altri culti che furono in seguito assimilati nel patrimonio indù dall esterno. Questi due processi di evoluzione e di assimilazione hanno prodotto un enorme varietà di sistemi, dottrine e pratiche religiose. Le divinità principali L induismo è contemporaneamente una religione monoteista, panteista e politeista. L aspetto monoteista è sottolineato dal fatto che non vi è infatti alcuna difficoltà per gli indù nel definire l assoluto (brahman) come unico, inconoscibile, misterioso, trascendente. Brahman è in ogni luogo e in ogni cosa.anche l uomo ha dentro di sé l assoluto, infatti l uomo è atman (anima) cioè contiene in sé un principio divino. Brahman è il Signore che crea, conserva, distrugge il mondo con la sua potenza (Sakti). È presente un diffuso panteismo poiché ogni aspetto della natura e del cosmo è impregnato della presenza divina e quindi tutte le manifestazioni della vita sociale e individuale sono collegate con il sacro. Innumerevoli infine sono le potenze soprannaturali cui si tributa un culto: per questo possiamo parlare di politeismo. Vengono attribuiti un nome e un aspetto diversi a ogni manifestazione eaogni caratteristica dell assoluto. La Madre Terra, certe montagne (Kailas, Himalaya), pietre dalle forme La Trimurti. curiose, determinati fiumi (Gange, Jamuna), alcune piante (fichi, arbusti di tulsi) e animali (scimmie, coccodrilli, serpenti e soprattutto la vacca che nessuno può uccidere) sono ritenuti sacri. Al vertice del pantheon vi sono le tre divinità principali: Brahma, Vishnu, Shiva che sono spesso riuniti in una triade (Trimurti). Brahma simboleggia la creazione, Vishnu la conservazione, Shiva la distruzione del mondo. Brahma è l artefice del mondo, cavalca un oca e la sua sposa è Sarasvati, dea della sapienza; egli non attira particolarmente il sentimento religioso indù, come dimostra l esiguo numero di santuari a lui dedicati. Vishnu e Shiva sono invece le due maggiori divinità degli indù: Vishnu è rappresentato mentre regge con le sue quattro braccia il disco, il loto, la conchiglia e la clava e cavalca la sua aquila Garuda. Altre raffigurazioni lo mostrano disteso sul serpente del mondo e spesso gli è accanto la moglie Lakmi, dea della bellezza e della felicità.

19 L induismo 19 Shiva rappresenta l aspetto dinamico dell esistenza. È raffigurato con una o cinque teste, come un asceta cosparso di cenere bianca o con una collana fatta di teschi umani. Nelle quattro mani regge emblemi come il tridente, l arco, il tamburo. È il dio della vita e della morte, crea e distrugge. Si occupa del lato oscuro dell universo: la distruzione, la sofferenza e la morte. Distruggendo le cose create, permette allo spirito di emergere in tutta la sua potenza. È venerato dagli asceti (yogi) che cercano di acquistare poteri mistici mediante il digiuno e la meditazione e per i quali simboleggia la morte dei desideri materiali. Shiva è il liberatore del ciclo della nascita e della morte. È un dio buono e compassionevole per i suoi seguaci. Parvati, sua sposa, è venerata come la madre divina. È la forza della natura e la matrice dell universo da cui sorge ogni vita. È anche venerata con i nomi di Durga o Kali. Si tratta di una divinità dalle caratteristiche contrapposte: da un lato è la temibile nemica dei demoni a cui un tempo si offrivano sacrifici umani per placarla; dall altro è esaltata come la buona madre che dà nutrimento ai viventi. Le credenze fondamentali Le credenze e le pratiche dell induismo sono molto diverse tra loro ma alcune di esse sono condivise. Per esempio l idea della reincarnazione è unanimemente accettata: per l indù ogni azione, buona o cattiva, ha un riflesso sull avvenire. Quest idea si fonda su alcune convinzioni proprie di tutto l induismo, che potremmo riassumere così: l atman (anima) è l essenza fondamentale e immutabile di ogni essere vivente, la scintilla di universale (brahaman) presente in ogni individuo; tutto il resto è solo apparenza (maya), illusione: anche la storia dell umanità è solo apparenza, un cerchio infinito in cui tutto si ripete eternamente; l uomo è legato al ciclo del tempo e delle eterne rinascite (samsara) e ciò che determina la reincarnazione è il karma ovvero la retribuzione automatica delle azioni nella vita successiva; la vita di ogni uomo è regolata, come il cosmo, dall eterna legge del dharma (destino) con il quale è necessario armonizzarsi sia a livello individuale sia universale; è interesse dell uomo, e suo compito, cercare di salire sempre più in alto nella vicenda delle reincarnazioni, cioè l uomo deve tentare di reincarnarsi ogni volta in una forma di vita superiore alla precedente, sino al raggiungimento della liberazione dal samsara (moksa). La condizione futura di vita dipende, quindi, dall uomo stesso, che, essendo responsabile delle sue azioni, accumula meriti e demeriti e determina la reincarnazione del suo atman in una condizione più alta o più bassa nella scala gerarchica dei modi di esistenza, ossia nel sistema delle caste. Le caste La società indù è tuttora organizzata in caste (varna, colore), un sistema rigido e separatista, abolito ufficialmente nel 1947, ma che continua a persistere e conferisce un forte senso di appartenenza e in alcuni casi costituisce una rete di sostegno sociale. Ogni casta ha un ruolo specifico: i brahmana, gli ksatriya, i vaishya, ishudra, rispettivamente, bramini o sacerdoti il cui colore è il bianco, governanti o guerrieri il cui colore è il rosso,ilpopolo il cui colore èilgiallo, servitori il cui colore è il nero. Al loro interno le caste si suddividono in sottogruppi e il passaggio da una casta all altra è estremamente difficile perché l individuo eredita la sua casta di nascita. Ogni casta ha le sue regole e le sue tradizioni, regimi alimentari, professioni e mestieri riservati. Tra le caste più basse vi sono ancora molti milioni di intoccabili (paria), ritenuti impuri perché praticano mestieri impuri, come la pulizia delle strade, delle latrine o la rimozione dalle strade delle persone e degli animali morti.a loro volta sono suddivisi in sottocaste e rimangono enormemente sfavoriti dal punto di vista economico, pur non essendo più sottoposti a umiliazioni degradanti come in passato. La vita morale La vita morale è tutta tesa al raggiungimento della liberazione del ciclo delle rinascite, attraverso la rinuncia di tutto ciò che è materiale e di tutti gli istinti. Il cammino ideale di ogni uomo è articolato in quattro stadi della vita: lostudente, che vive con il maestro, lavora per lui, pratica assoluta obbedienza e castità e apprende l insegnamento del Veda;ilpadre di famiglia, in cui conosce l esperienza dell amore e della sessualità con il matrimonio, il valore dei beni materiali e della vita famigliare nel rispetto della tradizione, celebrando i riti indù; l asceta domestico, in cui da solo o con la moglie, quando i figli sono ormai adulti, ha come attività principale la meditazione del Veda; infine il pellegrino errante o sanayasin, in cui vive staccato completamente dal mondo e in solitudine, nutrendosi di elemosine e proteso al conseguimento della liberazione. Le vie per raggiungere il divino L induismo riconosce più vie per comprendere e avvicinare il divino e raggiungere così la liberazione: la via dell azione (karma), la via della devozione (bhakti), la via della conoscenza e dell intuizione (jnana). La via dell azione insegna che il compimento di azioni buone neutralizza il karma negativo e privilegia l impegno nella comunità e il progresso spirituale personale; la via della devozione prevede che i suoi seguaci venerino uno degli dei (abitualmente Krishna, Rama o Shiva), rinuncino a ogni volontà personale in cambio della protezione accor-

20 20 L induismo data dalla divinità e facciano della propria vita un sacrificio di amore a quel dio; infine la via della conoscenza o dell intuizione privilegia l esperienza personale e lo studio dei testi sacri unitamente alla guida di un guru (maestro spirituale). È detto yogin (che pratica lo yoga) colui che guida i propri sensi e i propri pensieri in vista del raggiungimento dell assoluto. Lo yoga è una disciplina psicofisica, un sistema educativo mediante il quale si ottiene il controllo del corpo e delle energie vitali. Il suo fine è il raggiungimento della pace interiore, della conoscenza suprema e della liberazione dai legami materiali per raggiungere l unione tra l atman (l anima individuale) e il brahman (l anima universale). Le tre vie insieme sono note come marga, ossia la strada. Non è importante che siano praticate tutte e tre in una sola vita, ma che sia intrapresa la via più appropriata per la vita che si sta vivendo: questo è il dharma (il destino) individuale. I luoghi sacri Le più antiche testimonianze di costruzioni sacre risalgono al IV-V secolo a.c. Da quell epoca in poi vennero via via costruiti templi sempre più grandi e complessi (specialmente nel sud dell India) che si trasformarono in vere e proprie città sacre. L immagine divina è il segno della presenza della divinità e di fronte ad essa il devoto si prostra al suolo, toccando con la fronte la terra e tenendo il corpo completamente disteso. Per compiere gli atti di culto occorre un supporto che di solito consiste in un idolo (murti) nel quale si invoca preventivamente la presenza divina. Molto diffusa è la pratica del pellegrinaggio ai luoghi santi, che sono i templi e i guadi sacri dei grandi fiumi come il Gange, dove un abluzione compiuta correttamente viene considerata in grado di eliminare tutti i peccati. I principali luoghi santi sono frequentati da persone provenienti da ogni parte dell India che affrontano, spesso a piedi, lunghissimi percorsi, impiegando mesi per giungere a compiere le loro abluzioni e il loro voto in un momento ritenuto particolarmente propizio.vi sono sedi di pellegrinaggio locali e regionali, oltre a centri panindiani (cioè propri di tutta l India). Benares e Gaya sono particolarmente indicate per la salvezza dell anima, per l assoluzione da peccati e per fare offerte agli antenati. Il culto Il culto indù (puja) può essere di tre tipi: il culto nei templi, il culto domestico, il culto congregazionale. Il culto nel tempio I sacerdoti del tempio servono la divinità trattandola come un sovrano o come un ospite d onore. Svolgono un servizio che comincia prima dell alba: Il simbolo sacro dell OM, parola santa alla base di tutte le preghiere indù. la divinità viene svegliata, lavata, nutrita, viene onorata, viene fatta riposare, viene unta, decorata e infine ritirata per la notte. Il programma è accompagnato da varie cerimonie, come il far ondeggiare le lampade, il suono delle campane, l esecuzione di musica, di inni, di preghiere, le offerte di fiori, di frutta, di grano, di cibo, d incenso e da altre forme di culto. Nei giorni festivi, per esempio, si svolgono cerimonie e processioni che attirano molte persone. Il culto domestico Non è ritenuto obbligatorio andare al tempio, purché si veneri comunque la divinità: il culto domestico viene seguito in molte famiglie (ma raramente con la complessità di quello del tempio) e nella maggior parte delle case si trova un area dedicata a questo scopo, che viene mantenuta in uno stato di purezza rituale. Può variare nelle dimensioni, da una piccola nicchia nella cucina (in quanto la cucina è un area focale nella famiglia indù dal punto di vista rituale e la cottura e il consumo del cibo sono considerati atti rituali in se stessi), con un apparato di utensili sacrificali collocati su un apposito piano elevato, sino a una stanza separata dalla casa, a seconda della disponibilità economica della famiglia. Qui la divinità d elezione della famiglia viene rappresentata da un immagine e da alcuni simboli. Di solito è la donna che cura la divinità ed esegue i vari rituali che comprendono una serie di atti di servizio quotidiani, come offerte di fiori o di frutti, riso, incenso, pasta di legno di sandalo, latte e acqua. Accanto all immagine viene posta abitualmente una lampada accesa con burro raffinato. Il culto congregazionale o comunitario I devoti spesso si riuniscono insieme per praticare cerimonie con l esecuzione di inni in cui i canti, la musica, il ritmo e l atmosfera di fervente devozione possono produrre un effetto suggestivo e praticare la bhakti cioè l adorazione della divinità. Un tipo diverso di rito comunitario è la recitazione di un libro della scrittura.vengono incaricati sacerdoti e viene invitato il pubblico. Ogni testo specifica esattamente quali benefici deriveranno agli ascoltatori e agli organizzatori della cerimonia. In alcuni casi i pellegrinaggi determinano veri e propri raduni di massa, specialmente in alcuni luoghi che rivestono un importanza panindiana e la festa religiosa si sovrappone alla pratica del pellegri-

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI

LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI LA BIBBIA: BREVE INTRODUZIONE A COLORI Cos è la Bibbia? La Bibbia è il libro sacro della tradizione ebraico-cristiana, il punto di riferimento ieri come oggi di milioni di credenti che la considerano Parola

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

II. IL CANONE DEI LIBRI SACRI

II. IL CANONE DEI LIBRI SACRI II. IL CANONE DEI LIBRI SACRI 1. Come si è formato il canone Canone è una parola greca (kànon) che originariamente significava «canna», uno strumento di misura di lunghezza; poi passò a significare, in

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

La Bibbia. Divisione Ebraica delle Sacre Scritture

La Bibbia. Divisione Ebraica delle Sacre Scritture La Bibbia Divisione Ebraica delle Sacre Scritture Gli Ebrei suddividevano gli scritti dell'a.t. In tre gruppi: La Legge, i Profeti e gli Scritti Luca 24:44 La TORA' (Legge) NEBIIN (Profeti) KETHUBIM (Scritti)

Dettagli

Programma per la lettura quotidiana della Bibbia

Programma per la lettura quotidiana della Bibbia Programma per la lettura quotidiana della Bibbia Con il seguente programma saremo in grado di leggere l intera Bibbia in un solo anno in modo semplice e piacevole. Esso è stato studiato per ripartire la

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIBBIA

INTRODUZIONE ALLA BIBBIA Introduzione alla Bibbia pg. 1 INTRODUZIONE ALLA BIBBIA La Bibbia, libro sacro per ebrei e cristiani Sia la religione ebraica sia quella cristiana sono da noi considerate religioni rivelate, cioè religioni

Dettagli

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella

Cristianesimo, Ebraismo e Islam. Sofia Tavella Cristianesimo, Ebraismo e Islam Sofia Tavella Che cos è una religione? Ritenendo che il termine RELIGIO derivi dal verbo latino RE-LIGARE che significa legare insieme, la religione indica il RAPPORTO tra

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Calendario per leggere tutta la Bibbia in due anni (tranne i salmi)

Calendario per leggere tutta la Bibbia in due anni (tranne i salmi) Gennaio 1 Genesi 1-2 Vangelo di Matteo 1 2 Genesi 3-5 Vangelo di Matteo 2 3 Genesi 6-8 Vangelo di Matteo 3 4 Genesi 9-11 Vangelo di Matteo 4 5 Genesi 12-14 Vangelo di Matteo 5,1-26 6 Genesi 15-17 Vangelo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

NOTES Appunti Adunanze

NOTES Appunti Adunanze NOTES Appunti Adunanze Nome e Cognome: Congregazione: SCUOLA DI MINISTERO TEOCRATICO Qual era la lettura biblica settimanale? Prepara un commento su un punto della lettura che ti è piaciuto? Quale punto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Islam significa sottomissione (ad Allah) Questo termine viene preferito a Maomettismo perché non mette l enfasi sull uomo. Il termine musulmano in

Islam significa sottomissione (ad Allah) Questo termine viene preferito a Maomettismo perché non mette l enfasi sull uomo. Il termine musulmano in L Islam Islam significa sottomissione (ad Allah) Questo termine viene preferito a Maomettismo perché non mette l enfasi sull uomo. Il termine musulmano in italiano deriva dal Persiano musliman : lett.

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

(Schema generale * non trattazione) PAOLO DI TARSO uomo pazzamente innamorato di Gesú Cristo, straordinario modello per il cristiano di oggi!

(Schema generale * non trattazione) PAOLO DI TARSO uomo pazzamente innamorato di Gesú Cristo, straordinario modello per il cristiano di oggi! Corso biblico popolare 2008-2009 Fonti: Rinaldo Fabris: Tutto il Vangelo. La personalitá, il pensiero, la metodologia di Paolo di Tarso (Ediz. S. Paolo 2008) Joseph A. Fitzmyer: Paolo. Vita, viaggi, teologia.

Dettagli

1 mese Piano giornaliero di lettura della Bibbia

1 mese Piano giornaliero di lettura della Bibbia 1 mese Piano giornaliero di lettura della Bibbia Quello seguente rappresenta il piano di lettura per il mese di Gennaio. 1 Genesi 1-3 2 Corinzi 1 2 Genesi 4-7 2 Corinzi 2 3 Genesi 8-11 2 Corinzi 3 4 Giobbe

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Data Lettura Preghiera

Data Lettura Preghiera Questo è un piano annuale per la lettura della Bibbia, che vi aiuterà nel vostro cammino quotidiano con Dio. Il vostro impegno giornaliero si dividerà in due parti: una lettura di carattere generale e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

leggere la Bibbia in un anno - pagina 1 data libro capitolo data libro capitolo

leggere la Bibbia in un anno - pagina 1 data libro capitolo data libro capitolo leggere la Bibbia in un anno - pagina 1 Tempo di Avvento I settimana Tempo di Avvento II settimana domenica 30 novembre 2014 Isaia 1-3 domenica 7 dicembre 2014 Isaia 21-22 lunedì 1 dicembre 2014 4-6 lunedì

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù

Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù Accademia Cristiana Jeshua Capaci Via Vittorio Emanuele 117-90040 Capaci Introduzione alla Bibbia L uomo nuovo in Cristo Gesù Responsabile Dott. Gabriele Materiale coperto da copyright personale della

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA

Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA Corso di Cultura Biblica LE PROFEZIE DELLA BIBBIA LE PROFEZIE DELLA BIBBIA IL CARATTERE PROFETICO DELLA BIBBIA La Bibbia è un libro essenzialmente profetico in quanto annunzia il progetto di Dio per il

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una

Dettagli

La struttura della Bibbia

La struttura della Bibbia La struttura della Bibbia by vitacarismatica - giovedì, aprile 02, 2015 http://vitacarismatica.altervista.org/la-struttura-della-bibbia/ La Bibbia è un singolo libro, ma è anche un insieme di libri, costituita

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

COME USARE LA BIBBIA?

COME USARE LA BIBBIA? COME USARE LA BIBBIA? La bibbia è un libro che deve essere usato correttamente, perché non ne sia frainteso il significato e non se ne stravolga il senso. Per questo l apostolo Paolo ammonì il suo discepolo

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CORSO FTM. FORMAZIONE TEOLOGICA e MINISTERIALE 2 ANNO. FOMAZIONE TEOLOGICA Mercoledì 22 settembre 2010 LEZIONE 1 CANONE DELL'ANTICO TESTAMENTO

CORSO FTM. FORMAZIONE TEOLOGICA e MINISTERIALE 2 ANNO. FOMAZIONE TEOLOGICA Mercoledì 22 settembre 2010 LEZIONE 1 CANONE DELL'ANTICO TESTAMENTO CORSO FTM FORMAZIONE TEOLOGICA e MINISTERIALE 2 ANNO FOMAZIONE TEOLOGICA Mercoledì 22 settembre 2010 LEZIONE 1 CANONE DELL'ANTICO TESTAMENTO CANONE EBRAICO Abbiamo visto nel corso precedente che i vari

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 - UN MONDO AMICO - TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI OPERATIVI CONTENUTI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE ALLA BIBBIA

BREVE INTRODUZIONE ALLA BIBBIA Opuscolo informativo a cura della CHIESA DI CRISTO PISA BREVE INTRODUZIONE ALLA BIBBIA 9 «La tua Parola è una lampada al mio piede e una luce sul mio sentiero» ( Salmo 119:105 ) BREVE INTRODUZIONE ALLA

Dettagli

INRODUZIONE ALLA BIBBIA

INRODUZIONE ALLA BIBBIA INRODUZIONE ALLA BIBBIA La parola italiana Bibbia proviene dal greco Biblìa, che significa libri e indica, pertanto, una pluralità di scritti. Dalla lingua greca il termine passò immutato alla lingua latina,

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC

PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO: IRC INDIRIZZO: TUTTI GLI INDIRIZZI MODULI o UNITA DIDATTICHE: 1. LA RELIGIONE A SCUOLA (Introduzione all IRC) Riconoscere l universalità della esperienza religiosa come componente importante nella storia e

Dettagli