Una biblioteca inesistente per cose inesistenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una biblioteca inesistente per cose inesistenti"

Transcript

1 direttore simone siliani redazione gianni biagi, sara chiarello, aldo frangioni, rosaclelia ganzerli, michele morrocchi, barbara setti progetto grafico emiliano bacci Con la cultura non si mangia N 126 Una biblioteca inesistente per cose inesistenti editore Nem Nuovi Eventi Musicali Viale dei Mille 131, Firenze Registrazione del Tribunale di Firenze n del 2/10/2012

2 Da non saltare 6 pag. 2 di John Stammer e Aldo Frangioni Andrea Ponsi Architetto, docente, disegnatore. Partiamo da quest ultimo aspetto della vita artistica e professionale. Il disegno. Andrea è un grandissimo disegnatore. Alcuni disegni sono stati raccolti in un libro dal titolo significativo Cambi di vista. Stammer Ci vuoi spiegare il senso di questo lavoro. Il disegno è un vero e proprio linguaggio. Si può parlare inglese, spagnolo, e si può parlare disegno. Il disegno è un modo di guardare e osservare la realtà. Si possono avere disegni tradizionali e disegni intimi, dove l osservazione diventa memoria, e nella memoria si possono rivisitare i luoghi con una traslazione del pensiero. E come il pensiero può saltare dal tutto al dettaglio, dal grande al piccolo, così può fare il disegno. Questo titolo Cambi di vista è stato il modo di spiegare la possibilità del pensiero di trasformare la realtà. Nel disegno si possono trovare piante, sezioni e prospetti di oggetti reali ma anche trasparenze che nella realtà non esistono, particolari, come la pianta di una casa che conosco, che non sono visibili passeggiando la città. Si può uscire dalla casa e vedere Firenze dall alto. Questo è usare il disegno come un linguaggio. E come le lingue, deve essere esercitato continuamente nella realtà. E per questo che disegno molto, e mi esercito anche in altri disegni, astratti, basati su segni. C è sempre questa doppia valenza del guardare e di riportare la realtà. Il libro racconta paesaggi, itinerari, mappe soggettive nella città rappresentata con questo punto di vista. Sto inoltre preparando un altro libro che è un manuale didattico sul disegno, basato su quattro elementi: osservazione, analisi, astrazione e analogia. L analogia è quella che mi interessa perché permette di collegare il disegno al progetto (anche se eventuale). Utilizzando le volumetrie, le scansioni volumetriche, i rapporti esistenti,ad esempio fra il ponte Santa Trinita, il palazzo Spini Ferroni e gli altri edifici della zona, è possibile disegnare un altra città e altre architetture, cambiando forme e materiali e mantenendo alcuni degli elementi della realtà come i volumi. E questo Imparare da Palladio venti anni questa discussione sia da ritenere obsoleta. Certamente, anche se penso che se avessi la capacità di una ragazzo di maneggiare i nuovi strumenti mi piacerebbe e ci proverei gusto e soddisfazione. Una volta si parlava di educazione visiva (Bruno Munari ad esempio), e se hai educazione visiva puoi usare qualsiasi strumento per esprimere le tue idee. Certo però il computer permette altre valutazioni e consente altre elaborazioni, che con il semplice lapis sarebbe difficile ottenere. Anche se ormai si disegna direttamente sullo schermo e forse anche questa differenza nel futuro sarà eliminata. Certo sarà difficile senza copiare Si che il computer senta la diversità riesce a comprendere in questo casa editrice in via dei Pepi. di una particolare inquadratura, di uno specifico rapporto fra altezza e materiali, ecc. Stammer Tu insegni alle facoltà di architettura americane in America e in Italia. Ci parli di questa esperienza e delle tue architetture. Ho insegnato e insegno in diverse facoltà. Ho insegnato a Berkeley, e all Università di Toronto a Firenze. A marzo sono stato a fare lezione alla California State University. E questo mi ha consentito anche di realizzare opere di architettura negli Stati Uniti. A Firenze ho realizzato pochi interventi, qualche interno importante, come una esercizio che mi interessa. Ed è un esercizio fatto con una certa velocità, quasi come un intuizione. dicono ancora qualcosa. riprendono elementi classici della modo perchè sono spazi che ci Stammer Architetture raffinate, che Frangioni Come le esercitazioni Frangioni Il disegno quindi è un scuola fiorentina degli anni passati. del pianista che tutti i giorni deve linguaggio. Ma con quale strumento Quale è stata la tua esperienza di suonare. disegni? Oggi si può disegnare con studente all università di Firenze? satto. Quando esco per fare un una molteplicità di strumenti. Ma La mia esperienza in facoltà è disegno, posso fare sia un disegno il rapporto fra la mano e il cervello frutto di un periodo, quello della preciso o un astrazione di quello con quale strumento è mediato? sperimentazione, che veniva dopo che vedo, come un pittore, oppure Ho iniziato a disegnare al liceo, e la contestazione, molto caotico e ridisegnare quello che vedo come poi negli studi di architettura, con pieno di contraddizioni ma anche architetto. Ma deve essere una la mina con diverse gradazioni di di potenzialità. Ho avuto un rapporto molto proficuo con Dusan cosa immediata, veloce. E questo durezza (F, 2H,ecc.), ho sempre metodo funziona bene con gli tenuto il lapis come strumento, Vasic,con il quale ho imparato a studenti. In primo luogo perchè come la penna per lo scrittore. Ma governare le forme. Frequentavo percepiscono immediatamente il passaggio dalla penna alla tastiera, o al mouse, è più facile per lo intenso è stato con Leonardo Sa- i radicals. Ma il rapporto più che non c è uno iato fra la storia e il presente, e che la città storica, scrittore che per il disegnatore. Io violi. In quel periodo, anche grazie sia essa etrusca, romana, rinascimentale può essere di ispirazione strumento che consente più velosica, avevo iniziato ad interessarmi continuo a pensare che il lapis è lo ad un mio amico che studiava Fi- per il presente. Anzi è proprio la cemente, e con maggiore efficacia, all architettura eco-compatibile, al commistione della storia che produce la bellezza urbana. E che ti fa mano per la rappresentazione. a Savioli dicendo che volevo fare il trasferimento del pensiero alla risparmio energetico. Mi presentai stare bene in piazza della Signoria. Frangioni Può essere che ci sia in una tesi su una casa autonoma Frangioni Lo stare bene è una questo pensiero anche una caratterizzazione generazionale, e che fra lui mi disse che andava bene dal punto di vista energetico, e contemporaneità in continuo. e

3 Da non saltare 6 pag. 3 mi sostenne, con un rapporto di fiducia e di condivisione. Savioli era una persona aperta. Il correlatore era Gianni Pettena. Presi 110 senza la lode perchè in commissione c era anche Romano Viviani, che era più rigoroso, e che mi disse che era una tesi da hippies. In effetti in quel periodo questi temi erano molto all avanguardia. La mia frequentazione con Savioli era diretta, ero spesso al suo studio, andavo a vedere le sue opere. Era un rapporto di corpo e di pelle. Era semplice incontrare i professori, con i quali potevi pranzare da Nello, come con Umberto Eco. Dalla tesi nacque un libro sull energia solare nel 1977, poi una borsa di studio negli Stati Uniti, e poi il lavoro in studi a San Francisco che si occupavano di sostenibilità. La parola sostenibilità l ho sentita per la prima volta a San Francisco nel Ma la questione era affrontata molto dal punto di vista tecnologico e non influenzava ancora l architettura. Iniziai quindi a ripensare le opere di Savioli, di Carlo Scarpa, di Louis Khan. In questi progetti, nelle idee di questi architetti, trovavo anche qualcosa di filosofico. Un linguaggio che non si ferma solo alla funzione e alla forma ma, come con Scarpa, rappresenta un qualcosa di impalpabile, dove trovi reminescenze dei rapporti con l oriente, con una assenza di ideologia e di sicurezze, e dove il dettaglio può rappresentare un intero universo. E da queste considerazioni che nasce la base della mia architettura. Stammer Le tue opere si rifanno a mio parere anche alla scuola fiorentina. I temi della scomposizione dei piani, le colonne esili che segnano un luogo, grandi spazi aperti e la ricerca della prospettiva come strumento di progetto. Nell architettura fiorentina ci sono anche elementi storici, come il chiostro ad esempio, come la sequenze delle colonne di una chiesa (penso a Santo Spirito del Brunellechi ad esempio). C è un idea di armonia vitale e non semplicemente grafica. E se vogliamo parlare di città riemerge il concetto di città ideale, che anche Savioli riprende. C è quindi questo idealismo compenetrato con elementi organici. Frangioni In questa serie di interviste con architetti formatisi a Firenze negli anni 70, abbiamo Tiburon House Intervista a Andrea Ponsi Tiburon House trovato molti linguaggi comuni che vengono dalla nostra storia. Neppure l architettura radicale, che fu una cesura, interruppe questo percorso. Che è il percorso di Michelucci, Ricci, Savioli. Ora gli architetti che abbiamo intervistato parlano questo linguaggio anche se ognuno con una propria fisionomia. Tu pensi vi sia un percorso comune fra tutti voi? Savioli nelle sue lezioni faceva vedere le pitture di Piero della Francesca e di Andrea del Sarto. Non solo architetture, ma arte, e arte fiorentina e toscana. Il maestro non deve fornire all allievo l elenco delle cose da fare ma deve coinvolgerlo, aprire la sua mente, anche solo con gli sguardi. Mi ricordo la vista della Certosa dal suo studio. E capivi che la Certosa era tua in quel momento. Partecipavi della vista come di un qualcosa che ti apparteneva, che anzi ti appartiene. E questa era una lezione di architettura. L insegnamento avveniva quindi, direi in gran parte, fuori dalle sedi ufficiali della didattica. Dal pranzo con Eco, alle visite allo studio di Savioli, alle visite a casa di Leonardo Ricci in compagnia del suo figlio Andrea. Un grande campus universitario aperto. Da questa esperienza nasce un comune linguaggio. Stammer Vuoi raccontarci una tua opera di architettura? Una casa che ho realizzato a San Francisco qualche anno fa. Conobbi questo cliente durante un Architectour, un giro fra le architetture della Toscana che organizzai alcuni anni fa. Aveva acquistato alcuni mobili e lampade disegnate da me. Mi chiama un giorno dicendo: abbiamo comprato un terreno e vogliamo che tu sia l architetto. Così senza averne mai parlato prima. Molto americano come modo di fare. Il terreno era, anche nella conformazione, molto simile a quello del concorso che avevo vinto, anni prima, a Los Angeles, e che non si è realizzato (anche in Usa accade). Ho progettato una casa che sente il terreno, che degrada con tre piccole terrazze verso il mare della baia, con un giardino chiuso all interno, come un patio romano, per marcare che il vuoto è il centro della casa, con intorno al vuoto una galleria di distribuzione dei tre padiglioni (uno per gli ospiti, uno per i servizi, e uno per la vita familiare del cliente) dove esporre le molte opere d arte del proprietario. Una casa che richiama motivi giapponesi e orientali, e la California è il luogo di incontro ideale fra il classicismo occidentale e l organicismo dell architettura giapponese. Un progetto leggero, al quale ho applicato i principi dell architettura sostenibile, anche sei il costo la colloca fuori dalla sostenibilità. Ventilazione naturale senza aria condizionata ad esempio. E ho progettato anche gli arredi. Eravamo stati a visitare, insieme ai committenti, la Robie House di Frank Llyod Wright a Chicago e gli spiegai che quell edificio ha quella particolare aura, quella particolare atmosfera, perchè tutto è stato progettato da Wright. La Casa di San Francisco si chiama la casa dei quattro orizzonti. Stammer Un linguaggio classico tradotto in un architettura contemporanea. Usare la lezione del passato ma declinarla in un linguaggio contemporaneo. E questa l idea base. Imparare dal Palladio senza riproporre un timpano post-moderno.

4 riunione di famiglia Le Sorelle Marx 6 pag. 4 Dopo il Festival del Gelato (renziana invenzione di gran successo), a Firenze sembra partito il Festival della Banalità. Infatti, dopo l ennesimo atto vandalico al Ratto di Polissena nella Loggia dei Lanzi è partita la ridda di dichiarazioni, con la gara a chi la spara più insulsa. Parte ovviamente Nardella che, altrettanto ovviamente, tuona dall alto del seggiolone di Palazzo vecchio: mi farò promotore presso il Parlamento perché le pene sui reati contro il patrimonio artistico siano più severe, come avviene per gli ecoreati con reclusione fino I Cugini Engels Curriculum contemporanei Che bello è, quando c è tanta gente e la musica, la musica ci fa star bene. In fondo Jovanotti l ha sempre detto, basta divertirsi a ballare e star bene. La proposta del prossimo ministro del lavoro del governo Renzi, costretto al rimpasto dopo la non sconfitta alle regionali, Lorenzo Cherubini, è chiara: basta con cose noiose come job act, contratti, pensioni e simili: da oggi si deve pensare in termini d esperienza. Il quadro di riferimento è preciso: Dungeons and Dragons. Nel popolare gioco di ruolo accumulare punti esperienza è fondamentale per salire di livello, così sarà anche in Italia: per esempio uno stage di sei mesi all Expo ti permetterà di accedere ad un anno di lavoro a chiamata per la Regione Lombardia che a sua volta vale nove mesi di collaborazione esterna con la Fca e così via. Grande valore avranno i punti esperienza presi all estero che permettono di iniziare le conversazioni alla macchinetta del caffè nei corridoi del comune con la frase Sai, a Berlino mi davano 1000 euro per fare uno stage, qui forse un buono pasto. Attenzione però non scegliere la via del contratto con ferie e malattie pagate: il personaggio verrà punito dal master del gioco con la perdita di una vita per mancanza di flessibilità e costretto a ripartire da capo. La cultura in catena a 15 anni e raddoppio tempi di prescrizione. Sfregiare l arte è uno dei gesti più orribili e vigliacchi che si possano compiere. Mi auguro che il vandalo che ha danneggiato il Ratto di Polissena nella Loggia dei Lanzi sia assicurato presto alla giustizia. Chi colpisce la cultura colpisce al cuore la storia e l identità di una comunità. E fin qui, banale ovvietà. Gli fa eco la senatrice PD Rosa Maria Di Giorgi: Oltre all inasprimento delle pene dobbiamo educare a un maggiore rispetto delle opere d arte. Ma va, chi Lo Zio di Trotzky Non sappiamo se esiste un analogo fuori dalla nostra cittadina, ma per certo Giani trapiantato, che so, a Genova sarebbe come un Ussaro a Nairobi, tanta è l osmosi con Firenze. Come uno Zelig ruspante, non c è angolo di Firenze che non suggerisca a Giani una data storica, una memoria del bel tempo che fu, un adattamento mimetico nei più piccoli fatterelli della città. E, dunque, eccolo qui appena trascorsi i bagordi per la l avrebbe mai detto?! Ma nessuno sembra prendere in considerazione la meno roboante ma più sensata proposta di Antonio Natali, direttore degli Uffizi, di rimettere la catena già esistente per dissuadere i malintenzionati, auspicando una serena e realistica riflessione. Nardella e Di Giorgi, riflettono serenamente all unisono: Non sia mai! E giù Dario con un altra banale bordata: Io sono per ingabbiare i vandali, non le opere. Il bello è che questo festival dura ormai da diversi anni. Stessa Lui sì, che sa come portare il cappello Bobo Loggia, 29 marzo 2013, una turista tedesca stacca il dito sempre al Ratto di Polissena. Eccoti Giani, Presidente del Consiglio comunale, che non ha potuto fare a meno di chiedere a viva voce uno sforzo da parte di tutte le istituzioni affinché svolgano opera di sensibilizzazione sulla tutela dei monumenti, specie in periodi come questo di turismo di massa, in cui un opera di controllo puntuale risulta impossibile. L elenco degli attentati alle dita di Polissena è lungo: 10 ottobre 2012, 8 settembre 2009, 18 aprile 1987, 1982, 5 settembre 1971, Un festival infinito. pregevole affermazione elettorale alle regionali nei panni del borghese tardo ottocentesco fiorentino, con i cappelli belle epoque che usavano nelle passeggiate dei parchi di Firenze alla fine del La foto lo ritrae con Maria Federica Giuliani, consigliera comunale e presidente della Commissione Cultura evidentemente sulle orme del Nostro. Era con questo cappello ci rende edotti il Nostro - che la borghesia e l aristocrazia fiorentina partecipava ai primi eventi sportivi al parco delle Cascine che iniziavano la stagione dello #sport moderno alla fine dell 800. Data di riferimento 28 aprile In quel giorno, la mattina si giocò la partita di calcio storico ed il pomeriggio una di football americano. Non è dato sapere quale fu il risultato di queste due partite, che certamente avrebbe reso indimenticabile questa notizia. E soprattutto manca l indicazione della colonna sonora che non poteva che essere affidata a Odoardo Spadaro: Come è delizioso andar sulla carrozzella, e sulla carrozzella sotto braccio alla tua bella. A cassetta stà il cocchier, né ci perde d occhio, guarda dentro il cocchio poi sorride e chiude un occhio. Il cavallo sa come deve andar se c è una coppietta. Correre non va, bella è la città e poi non c è fretta. Pregevole iniziativa.

5 pag. 5 Hans Clavin di Laura Monaldi Nel mondo della pratica verbo-visiva Hans Clavin ricopre il ruolo dell artista consapevole del proprio presente e conscio che la realizzazione finale dell opera d arte non si cela dietro una questione di stile, ma alla base di un vero e proprio atteggiamento critico nei confronti del mondo circostante e dei suoi linguaggi. Qualsiasi tipo di oggetto rappresentato o di tecnica può essere utile secondo la sua personalissima poetica a creare una Poesia Totale che abbia in sé la capacità di esprimere, comunicare e meravigliare, nello stesso istante e con la stessa energia: un figuratismo concettuale che decostruisce, manipola e ruota attorno a una visualità ancorata al territorio estetico dei fumetti, delle pellicole, dei giornali e della pubblicità. In tal senso il collage permette all artista di far convivere parole e immagini in ambiti diversi dalla loro originaria destinazione: oggetti, citazioni e frammenti di lettere si associano in vari contesti, al fine di mettere in evidenza messaggi dal denso sapore critico, grottesco e umoristico. Le sue opere si collocano in un terreno a metà strada tra le coeve ricerche internazionali sulle potenzialità figurative della parola e quelle più interessate all aspetto comunicativo, dato dalla rielaborazione di testi e immagini, che mirano alla realizzazione formale del concetto, della messa in pratica del criticismo contemporaneo e della fantasia, in quanto unico motore creativo della modernità, ormai troppo caotica per essere sviscerata nel profondo e nell intimo dei propri perché. Tuttavia il lavoro di Hans Clavin si contraddistingue per la matrice dadaista e intuitiva che dona alle sue opere: la componente iconica spesso sovrasta quella verbale abbracciando l immaginario collettivo e il consumismo di massa. Ne emerge un opera d arte di facile lettura solo in apparenza, mentre in realtà dietro poche ed essenziali linee formali, nasconde il senso primo della comunicazione estetica e dell operato artistico: l interpretazione sottile e spontanea di P oesia Totale un artista attento alle dinamiche del proprio presente; quell audace interpretazione che nasce a priori e precede l ispirazione, donando al fruitore l idea di trovarsi davanti a una trattazione saggistica, la cui resa non può far altro che stupire alla luce della sua originalità. Senza titolo Collage su carta Courtesy Collezione Carlo Palli, Prato

6 pag. 6 di Simonetta Zanuccoli A Giverny, nella regione dell Alta Normandia, a soli quarantacinque minuti di treno da Parigi, il musée des Impressionnismes, propone fino al 19 luglio una bella mostra su Degas con oltre 60 tra dipinti, pastelli, disegni e sculture. Molte delle opere ritraggono interni illuminati dalla luce artificiale in contrasto con il canone caratteristico dell Impressionismo, la luminosità naturale della pittura en plain air, che ha portato molti artisti a vivere e lavorare nella luce vibrante della Costa Azzurra o in zone rurali come Giverny. Il paesino è soprattutto famoso per aver ospitato per oltre quarant anni, dal 1883 fino al 1926, anno della sua morte, Claude Monet. Il pittore che al tempo aveva 42 anni, vi si trasferì con la seconda moglie, Alice Hoschedè, dopo aver comprato una casa colonica con del terreno intorno che presto si trasformerà in un giardino d ispirazione orientale, progettato e coltivato dallo stesso artista, diventando il suo piccolo paradiso privato e il soggetto preferito di tanti suoi quadri. Il giardino si riempì del colore dei tantissimi fiori, iris, tulipani, rose, peonie, azalee, glicine.., del fruscio delle foglie degli alberi e dell acqua dello stagno con un ponticello in stile giapponese e ricoperto di ninfee galleggianti. Monet fece addirittura deviare il corso del fiume Epte per irrigare la terra e alimentare lo stagno. Restaurato da Gerard e Florence Vander con l ausilio di alcuni mecenati americani, questo incanto per gli occhi ha conservato il suo fascino originario. Intatta anche negli arredi e nei colori la casa del pittore, rosa con le imposte verdi seminascosta dagli alberi. Visitarla è come entrare nella vita privata di Monet con il suo fascinoso atelier pieno di quadri (purtroppo solo copie), la sala da pranzo gialla, la cucina rivestita di azulejos, i mobili originali, la bellissima collezione personale di stampe giapponesi. Una visita piena di suggestioni come quella al paesino di Giverny che, ricoperto di fiori soprattutto in primavera Claude e Alice a Giverny o all inizio dell estate, è uno dei pochi esempi al mondo di natura che imita l arte, avendo molti scorci ispirati ai quadri del padre dell impressionismo. di Massimo cavezzali Monet nell ultima decade della sua vita dipinse quasi esclusivamente il suo giardino tornando spesso sui medesimi scorci che offrivano prospettive uniche e sempre differenti nello scorrere delle stagioni. Capolavori realizzati nel silenzio tra i fiori in attesa della luce giusta o su una barchetta nello stagno per catturare il cangiare dei riflessi sull acqua nelle diverse ore del giorno. Nascono così dal 1899 fino al 1926 circa 250 dipinti che hanno come protagoniste uniche le ninfee dello stagno. Nei primi quadri di questo ciclo sono ritratti i fiori fluttanti nell acqua e i riflessi capovolti degli alberi sul bordo in un atmosfera di malinconica intensità. Poi nel corso degli anni il punto di vista diviene sempre più ravvicinato, spariscono dalla scena il ponticello giapponese, le sponde, gli alberi, lo sguardo si immerge nel soggetto fino a divenire solo l intuizione di un vibrante gioco di colore tra i fiori e il cielo riflesso nell acqua, macchie caleidoscopiche di pure sensazioni visive astratte. Scrive Proust il colore che creava il sottofondo ai fiori era più prezioso, più commovente di quello stesso dei fiori... nel pomeriggio era il colore di una felicità attenta, mobile e silenziosa...verso sera, come in certi porti lontani, il rosa sognante del tramonto, cambiava di continuo per rimanere sempre in accordo intorno alle corolle con quello che c è di più profondo, di più fuggevole, di più misterioso. Scavezzacollo

7 6 pag. 7 Danilo Cecchi di I l 25 maggio scorso ha cessato di vivere a Manhattan, dopo una lunga lotta con la sua malattia, Mary Ellen Mark (1940-), una fra le più importanti fotografe americane. Nativa della periferia di Philadelphia, inizia a fotografare all età di nove anni, si laurea in storia dell arte, si specializza in fotogiornalismo nel 1964, e nel 1965 grazie ad una borsa di studio inizia a viaggiare, per un anno intero, in Turchia ed in Europa, per stabilirsi a New York al suo ritorno nel I suoi interessi fotografici ed umani la portano a fotografare le manifestazioni contro la guerra del Vietnam, le battaglie civili di femministe ed omosessuali, ed i disagi di una civiltà basata sull ingiustizia e la discriminazione. Da questi temi passa ad esaminare le contraddizioni e le incongruenze della società americana, ma non trascura di effettuare lunghi viaggi e soggiorni all estero, rimanendo particolarmente affascinata dall India. Socialmente impegnata, è curiosa degli strati della popolazione più sfavoriti, di coloro che non hanno trovato una collocazione nella società opulenta, come i senzatetto, gli emarginati, i tossicodipendenti, le prostitute, ma anche i bambini, che ama considerare niente affatto bambini ma piccoli individui. Sono tutte persone a cui si avvicina, che frequenta e che fotografa, in maniera diretta, privilegiando l impiego del grandangolare e di un impeccabile bianco e nero. Mary Ellen Mark lavora prevalentemente in esterni, quasi sempre per strada, ma non è una street photographer qualunque, che si accontenta di rubare le immagini dei passanti. Il suo metodo di lavoro si basa sull esperienza diretta, passa giorni e settimane in compagnia delle persone a cui si interessa, per imparare a conoscerle, a capirle, quasi identificandosi in esse. Nel 1974 pubblica il suo primo fotolibro Passport con una selezione di immagini raccolte nel decennio Per realizzare il suo secondo fotolibro Ward 81 del 1979 trascorre sei settimane insieme alle pazienti del reparto di sicurezza di un ospedale Ciao Mary psichiatrico, poi passa tre mesi in compagnia delle prostitute del quartiere a luci rosse di Mumbay per realizzare il libro Falkland Road del 1981, una delle poche opere realizzate con pellicole a colori. In seguito, fra il 1988 ed il 2008 realizza un altra quindicina di libri, fra cui Streetwise del 1988 sulla vita dei ragazzi di strada di Seattle (che diventerà anche un film), Indian circus del 1993 sulla vita di un circo itinerante in India, American Odissey del 1999 e Twins del 2005, sulla vita di coppia dei gemelli. Nel 1977 diventa membro della agenzia Magnum, da cui esce nel 1982 per continuare a lavorare in piena libertà. La vita reale è il tema che più la affascina e la coinvolge, le persone con la loro esistenza e le loro problematiche, spesso estreme, sono al centro delle sue immagini. Nel corso dei suoi viaggi e dei suoi spostamenti Mary Ellen Mark ha conosciuto numerose persone, storie ed avventure, ma non ne ha mai parlato volentieri, lasciando unicamente alle sue immagini il compito di raccontare, in una sola inquadratura ed in un solo scatto, una storia, una vita, un esperienza. L immagine non ha importanza per sé, ma è il punto culminante di un incontro, di una relazione, la sintesi di una conoscenza. Nonostante questo impegno, durato oltre quarant anni, Mary Ellen Mark trova il modo di lavorare anche come fotografa di scena, durante la lavorazione di oltre un centinaio di film, a partire da Alice s Restaurant del 1969, entrando in contatto con numerosi attori, di cui ha lasciato splendidi ritratti, spesso non convenzionali. Dalle esperienze maturate nel mondo del cinema nasce il fotolibro Seen behind the scene del La misura del successo è data anche dalle sue numerose mostre itineranti, e dai numerosi premi, quasi una trentina, che le vengono assegnati, fra il 1980 ed i primi anni Sento una certa affinità con le persone che non hanno sfondato nella società. Quello che voglio fare più di ogni altra cosa è riconoscere la loro esistenza. Ho sempre cercato con le mie immagini di dare voce alle persone che avevano meno opportunità di parlare per sé

8 pag. 8 di Simone Siliani Lavoravano tutti, lavoravano sempre, lavoravano tanto. Mangiavano e bevevano. Ad alcuni piaceva bere molto. Nei loro letti ci dormivano, quando potevano ci facevano anche l amore. Ma il primo dei loro pensieri era il lavoro. Tanto che pretesero di difenderlo anche nel vortice tragico degli ultimi scampoli della guerra dalla violenza cieca di nazisti e fascisti. Ascanio Celestini racconta così, nel piazzale antistante la miniera, degli 83 minatori di Niccioleta fucilati nel 1944 perché avevano osato presidiare il loro luogo di lavoro. Niccioleta, una storia poco nota nasce da una richiesta di Andrea Camilleri a Celestini e rappresentarla qui, a Niccioleta, all interno del Festival I luoghi del tempo ha un valore aggiunto straordinario. Mentre Celestini snoda il suo racconto, si svolge un doppio spettacolo: quello dell attore e quello fra il pubblico. Sono seduto accanto ad un gruppo di niccioletani, donne nate fra il 1928 e il 1934, che rievocano le condizioni dure eppure non infelici della loro giovinezza: la fame che se ci penso, mi vengono ancora i morsi allo stomaco, il cibo che mi fanno ridere oggi queste donne che fanno le diete: noi si mangiava un po di pane sfregato (insaporito) con la sugna, i fascisti come il Calabrò (la spia che consegnò ai tedeschi la lista dei turni degli operai che difesero la miniera), bono quello! Maledetto!. Tengo un occhio su Celestini che recita e l altro su queste donne che annuiscono, commentano a voce alta, chiudono gli occhi e si reggono il capo. E anche Celestini, mi sembra, guarda verso di loro per capire se coglie nel segno. E questo il vero spettacolo, questo dialogo fra i testimoni di quella vicenda tragica ancora in vita e l artista che compie questa operazione di emersione della memoria. Ma Celestini ha chiarito, ponendo ad esergo di questa piéce teatrale, cosa vuol dire fare memoria, perché è importante farla. Non si tratta di un esercizio documentario, diaristico e neutrale: che mi serve ricordare che queste sono le chiavi nel mio furgone rosso, se non per metterlo in moto? Certo che sono legato sentimentalmente al furgone rosso, ma l importante La strage lavoratori dei è che mi è utile per venire qua e fare lo spettacolo. Insomma, fare memoria è importante per attivare il cervello nel presente per plasmare il nostro futuro. Ed è importante tentare di capire che cosa significhi quella vicenda del passato e attraverso quale linea rossa si conduce fino a noi oggi e ci parla di qualcosa che ci riguarda, qui ed ora. E l eccidio di Niccioleta ci parla dell importanza del lavoro, allora come oggi. Ernesto Balducci ne ha parlato spesso (e Celestini lo cita nella sua piéce) rievocando la storia dei suoi compagni di scuola che finirono fra i minatori fucilati in quel del 1944: sono morti perché hanno fatto, nel luogo di lavoro, quello che dovevano fare... sono i testimoni di una libertà vissuta come amore per il lavoro, come difesa del lavoro, che pure era un lavoro di sfruttamento, ma era l unica loro possibilità di vita (da Il sogno di una cosa. Dal villaggio all età planetaria, Edizioni Cultura della Pace, Fiesole, 1993). Una religione laica del lavoro. Che Celestini rievoca con precisione documentaria, ma soprattutto cogliendone l essenza, il nucleo incandescente. E che ritrova lungo quel filo rosso che ci riconduce all oggi. Dalla tragedia di Niccioleta a quella di Ribolla nel 1954: lo sfruttamento di rapina, intensiva, della miniera di carbone provoca l accumulo di gas nei vuoti lasciati nell escavazione e lo scoppio, con 43 morti fra i minatori, che invece ben avevano intuito il rischio perché amavano e, dunque, conoscevano quel loro infernale lavoro. Il funerale fu un atto pubblico, di testimonianza civica, con oltre persone. Le famiglie, che dovettero costituirsi parte civile accettarono le offerte in denaro della Montecatini e il processo si concluse con l assoluzione di tutti gli imputati e il disastro fu archiviato come mera fatalità. E, terzo passaggio di questo lavoro, mera coincidenza è il fatto che a Taranto vi sia una così alta incidenza di morti per tumore, in particolare nel quartiere rosso, che allude a coloriture ideologiche né a particolari pratiche sessuali bensì alla polvere rossa che si deposita su ogni cosa, compresi i polmoni. Ecco a cosa serve ri-evocare quella religione laica del lavoro che portò al sacrificio degli 83 minatori di Niccioleta: ancora oggi si muore di lavoro, per il lavoro, ma ancora oggi è fondamentale affermare la dignità del lavoro, diremmo non la sua funzionalità ad altri fini ma il suo significato in sé. Dovrebbe essere il primo nei nostri pensieri. Lavoravano tutti, lavoravano sempre, lavoravano tanto.

9 pag. 9 di Maria Mannelli Goggioli Da dove cominciare? All interno della collezione libraria che fu di Antonio Magliabechi adesso conservata alla Biblioteca Nazionale di Firenze abbondano talmente stampati e manoscritti preziosi e importanti che è difficile operare una scelta, quando lo spazio per parlarne è limitato. Ho pensato di segnalarvi dei codici che la Biblioteca ha digitalizzato e che quindi potete ammirare integralmente con un semplice link. Sono due manoscritti che uniscono la bellezza dei disegni all importanza del testo trasmesso. Per primo, ecco il cosiddetto Zibaldone (Banco Rari 228), un taccuino pieno di disegni ed appunti di Bonaccorso Ghiberti, nipote del più famoso Lorenzo, da cui aveva ereditato la bottega; fabbro ed ingegnere, anche se non si conoscono sue opere artistiche, ha lasciato nel quaderno testimonianza dei suoi svariati interessi, dalla ricostruzione di monumenti dell arte antica, al disegno di sculture di altri artisti fiorentini, o torri d assalto, macchine e congegni vari. Appaiono anche annotazioni originali di Bonaccorso relative a lavori di oreficeria o di carpenteria: la c. 74v mostra il disegno di campane, allusive forse al lavoro di riparazione che i Ghiberti operarono nel 1484 sulle campane di S. Maria Nuova. Di particolare importanza i disegni di macchine ideate da Filippo Brunelleschi per il cantiere della cupola di S. Maria del Fiore, che costituiscono uno delle poche testimonianze che si hanno su questa colossale impresa. Per secondo, possiamo ammirare al link il Libro de la vida que los Yndios hazian (Banco Rari 232), suggestivo manoscritto del XVI secolo, copia di un codice pre-colombiano illustrato da disegni a penna ed acquerello, che rappresentano con semplicità naive i costumi, le usanze, le feste, in sintesi la vita degli abitanti dell antico Messico. Di particolare interesse disegni riguardanti i riti funebri ed altre cerimonie religiose e civili, i sacrifici umani al tempio e durante un banchetto (c. 70r e c. 73r), le penitenze offerte alle divinità (c. 79r e c. Capolavori magliabechiani 88r), rappresentati con cruenta efficacia. Ma non dobbiamo dimenticare che esistono, nella collezione magliabechiana, documenti importantissimi per la loro rarità, aldilà della bellezza delle decorazioni che li possono ornare: per fare un esempio, poco conosciuto ma di eccezionale rilevanza per la cultura orientale, è da segnalare il più antico esemplare finora conosciuto al mondo dello Šāhnāma (Libro dei re), composto dal poeta persiano Firdawsī tra il 384 e il 400 dell Egira, massimo documento della poesia epica persiana, che registra la storia mitico-eroica dell Iran antico lungo l arco di cinquanta re. Se ne conoscono circa 500 esemplari conservati in varie biblioteche del mondo ma questo di Firenze (Magl. III. 24) è il più antico in assoluto, datato al 614 dell Egira (1217 della nostra era), costituendo per la Biblioteca un cimelio di particolare importanza. Basti pensare che al momento della sua identificazione nel 1978 ad opera dello studioso Angelo Michele Piemontese (fino ad allora era stato interpretato come uno dei tanti commenti al Corano), ne venne data notizia anche sul quotidiano Repubblica ( 27 dicembre 1978, p. 28). Per capire l importanza del suo ritrovamento basterebbe immaginare, per analogia, la scoperta del più antico codice della Divina Commedia in una biblioteca di Samarcanda. Sorge spontanea la domanda: come è arrivato questo codice nelle mani di Antonio Magliabechi? Ripercorrere il viaggio che certi libri fanno nel corso dei secoli, superando distanze e barriere non solo geografiche ma anche linguistiche e culturali, a volte è avvincente come dipanare la matassa di misteriose vicende umane; nel nostro caso la ricostruzione si fa complessa e in certa misura solo ipotizzabile, ma è il codice stesso che ci viene in aiuto, dicendo qualcosa di sé: sulle prime carte infatti, una mano occidentale e relativamente recente (sei-settecentesca) ha scritto: Portato da Girolamo Vecchietti di Cairo. E chi fosse questo Vecchietti è ben noto: si tratta di un viaggiatore che assieme al fratello Giovan Battista compì varie missioni in Egitto in cerca di manoscritti in lingue orientali da portare a Roma, per essere stampati ad opera della Tipografia orientale medicea, fondata nel 1584 dal cardinale, poi granduca, Ferdinando de Medici, su suggerimento del papa Gregorio XIII. Gli scopi dell impresa erano sia di evangelizzazione sia commerciali poiché i libri, una volta stampati, dovevano essere smerciati in Oriente, dove la stampa non era ancora molto diffusa. La tipografia venne così in possesso di un gran numero di codici, alcuni molto rari e preziosi, che dopo la chiusura della stamperia rimasero di proprietà dei Medici e trasferiti a Firenze. Come sia poi arrivato questo al Magliabechi non è difficile immaginarlo: il bibliotecario frequentava la corte, gestiva le biblioteche dei principi, da cui ricevette in dono o acquistò (o prelevò ) molto materiale; non è infrequente infatti imbatterci in libri del Magliabechi un tempo appartenuti ai Medici. Tra questi, l antichissimo Šāhnāma. Chissà se il bibliotecario ne capì l importanza: di certo non conosceva le lingue orientali ma frequentava studiosi che le leggevano e che restavano abbagliati di fronte ai tesori custoditi nella biblioteca medicea; ed in più il nostro erudito possedeva quel fiuto che fa grandi certi collezionisti.

10 pag. 10 di Alessandro Michelucci Negli anni Settanta il panorama della musica rock era egemonizzato da gruppi progressive: Banco del Mutuo Soccorso, Gentle Giant, Premiata Forneria Marconi, Yes, etc. Era un fenomeno di dimensione europea, che spaziava dall Italia ai paesi scandinavi. Nella seconda metà del decennio, con l avvento del punk, buona parte di questo panorama cominciò una parabola discendente. In pochi anni le grida gioiose che avevano accolto dischi come Collage, Tarkus e Close to the Edge vennero sostituite da infiammate scomuniche. Le lunghe suite a base di mellotron e sintetizzatori lasciarono il posto a brani brevi ed essenziali che rivendicavano l originaria rozzezza del rock (Clash, Police, Sex Pistols, etc.). In questo modo, però, vennero frettolosamente archiviati anche dischi e artisti che erano stati etichettati progressive soltanto per una coincidenza temporale. Negli ultimi anni, fortunatamente, varie etichette hanno ristampato alcuni lavori dimenticati di questi artisti. Fra questi ne abbiamo scelti due. Entrambi sono legati, seppur in modo diverso, all esperienza degli Aktuala, un valido gruppo che possiamo definire esponente di una Ecologie sonore world music ante litteram. Il primo disco è Dai primitivi all elettronica (1980, ristampa Black Sweat Recotds, 2014), nato dall impegno congiunto di Gabin Dabiré, Walter Maioli e Riccardo Sinigaglia. Per l occasione i tre avevano costituito il gruppo Futuro antico. Maioli era stato il fondatore degli Aktuala, ma quando uscì il disco suddetto il gruppo si era già sciolto. Il suo titolo è molto suggestivo, ma non del tutto appropriato, dato che la struttura portante è una continua interazione fra suoni naturali (i fiati di Maioli), etnici (le percussioni di Dabiré) ed elettronici (le tastiere di Sinigaglia). Nella lunga Piano Synt domina il piano di Sinigaglia, con gli effetti dei sintetizzatori in sottofondo. Oa oa, minimalista e ipnotica, ha un tappeto sonoro ricco di variazioni timbriche e armoniche. In Sinikorò Kumà giocano un ruolo decisivo le percussioni di Dabiré. Anche il secondo CD, Antico adagio (1978, ristampa Die Schachtel, 2014), è legato all esperienza degli Aktuala. L autore, il percussionista Lino Capra Vaccina, aveva lasciato il gruppo dopo il primo LP omonimo (Bla Bla, 1973). Nel fascicolo che accompagna il CD Vaccina sottolinea l importanza del lavoro svolto precedentemente col gruppo di Maioli, esploratore di mondi musicali che poi avrebbero chiamato World Music. La ristampa contiene i sei brani del disco originale e una sezione denominata Frammenti da Antico Adagio, con quattro brani inediti che vennero scartati all epoca per mancanza di spazio (il LP fu autoprodotto in tiratura limitata). Impegnato con una notevole varietà di percussioni - campane, gong, marimba, tablas, etc. - Vaccina è affiancato da un gruppo di artisti nel quale spicca Juri Camisasca. Il percussionista aveva già collaborato al primo LP del cantautore, La finestra dentro (Bla Bla, 1974). La voce di Camisasca compare in Elegia, dove si intreccia con una materia sonora viva e palpitante. Il predominio delle percussioni non scade comunque in monotonia, dato che altri strumenti - cetra, oboe e violino - garantiscono una notevole varietà timbrica. Il lungo brano che intitola il disco, dominato da percussioni e oboe, riecheggia certi temi cari alla Third Ear Band, il gruppo inglese che viene spesso avvicinato agli Aktuala. Nel disco emergono chiare influenze minimaliste, non soltanto legate a un contesto specificamente musicale, ma anche mistico e spirituale, tanto è vero che Vaccina cita Terry Riley e La Monte Young nelle note che accompagnano il CD. Questa ristampa eccellente conferma la validità dell etichetta Die Schachtel, impegnata da molti anni nella ricostruzione di una memoria storico-musicale che spesso rischia di essere dimenticata a vantaggio delle mode. di Fabrizio Pettinelli Nell impossibilità materiale di partecipare all inaugurazione della mostra di Frangioni e della Bella, spero di farmi perdonare rendendo omaggio alla strada che la ospita presso la galleria La Corte. Una volta Via dei Coverelli, tutto sommato di breve lunghezza, poteva vantare, lungo il suo sviluppo, diverse denominazioni: oltre a quella istituzionale derivante dalla famiglia che possedeva il palazzo in angolo al Lungarno Guicciardini, c era Via dei Vettori (dedicata a un altra famiglia che aveva palazzi in zona e che poi si accontentò di una modesta per quanto oggi supertrafficata Piazza semiperiferica, rinunciando alla nobiltà dei Lungarni, sia pure in rive gauche) e, alla confluenza con Via del Presto di San Martino, il Chiasso Perduto, nome che evocava strade ignote, oscure e pericolose, come ben le descrive Jarro (Giulio Piccini) in Firenze Via dei Coverelli Pizzicotti perduti sotterranea ; se non conoscete questo libro merita leggerlo (con un po di pazienza ne trovate una copia di libera consultazione in rete): fu uno dei testi che anticipò e in qualche modo giustificò l opera di risanamento dell architetto Poggi. Popolarmente la Via era poi conosciuta, per tutto il suo sviluppo, come Via dei Pizzicotti. Ora questa storia dei pizzicotti doveva essere una specie di sport molto popolare nella Firenze lorenese. Per antonomasia, il luogo ad esso precipuamente dedicato si trovava, rispetto a Via dei Coverelli, giusto di là d Arno: era il celeberrimo Arco dei Pizzicotti, l arcata che collegava Palazzo Spini-Feroni (quello del negozio Ferragamo) con la spalletta del Ponte a Santa Trinita. La curiosa denominazione derivava dall usanza dei giovani fiorentini di appostarsi la domenica sotto l arco per attendere le ragazze che uscivano dalla messa in Santa Trinita e concretizzare il perché del soprannome. Quando nel 1823 l arcata fu demolita per consentire l allargamento del Lungarno Acciaioli, i giovinastri dell epoca, in massa, migrarono evidentemente in riva sinistra dove, fra l altro, potevano far conto su una riserva di caccia più ampia rispetto a quella in riva destra: sulla Via dei Pizzicotti convergeva infatti l uscita delle chiese di Santo Spirito, San Frediano e San Felice (Santa Felicita e San Iacopo si salvavano attraverso il Ponte Vecchio), con larga possibilità di esame preventivo e accurata scelta degli obiettivi. Per rimanere in tema di pizzicotti, e sperando di non scadere nel triviale, è assodata verità storica che quando il Granduca Ferdinando III andò ad assistere all inaugurazione del Lungarno allargato, fu dato incarico di rimuovere gli assiti che nascondevano l opera finita a un maestro falegname soprannominato, per ignote ma forse comprensibili ragioni il Cinci. Pare che il Cinci, emozionato per la presenza del sovrano, schiodando un asse perdesse l equilibrio e cadesse all indietro e che il Granduca in persona lo sostenesse per il didietro impedendo che finisse a terra: l ultimo regale pizzicotto dell antico Arco. Oso solo sperare che Aldo non abbia approfittato della confusione del vernissage per rinverdire i fasti della Via dei Pizzicotti

11 pag. 11 di Rino Garro Da qualche tempo, presso l ISIS Da Vinci di Firenze, sperimento un modo non so se nuovo per promuovere la lettura: un laboratorio di scrittura con scrittori che guidano i gruppi di studenti a dare libero sfogo alla loro fantasia per poi condurli passo passo a rileggere in senso critico quanto scritto e a indicare loro le strutture sottese al testo: metodo dunque induttivo, che dalla esperienza pratica arriva gradualmente a definirne i contorni teorici! Ma che cosa c entra allora la lettura con la scrittura?, si potrebbe dire. C entra assai, secondo me, poiché la felicità di creare testi autonomi e averne gratificazione da scrittori affermati è una bella spinta per appassionarsi alla scrittura, e se uno studente scrive di certo un po alla volta non può che cominciare autonomamente a leggere, magari solo per copiare, per carpire i segreti di chi ha già pubblicato. Il progetto è articolato in una serie di incontri durante i quali ciascuno dei docenti e degli esperti sarà per i ragazzi un capocantiere, guiderà il gruppo e lo orienterà verso il progetto comune la costruzione di una storia. E all interno di questo cantiere tutti lavoreranno secondo le proprie capacità e inclinazioni (Integrazione): un piccolo spazio dedicato alla voglia di osservare, descrivere, immaginare. Gli obiettivi sono quelli di suscitare la curiosità, di stimolare la creatività e non misurarla (Autostima dell alunno), di condurre gli studenti lungo i binari dell immaginazione e del divertimento (Educazione alla fantasia e al divertimento); ma anche quello di far riflettere sulla lingua, sulle strutture dei testi narrativi e poetici, sulle esperienze del mondo (Valenza didattica). Ultimo atteso e sperato obiettivo: attraverso il divertimento della propria scrittura, della produzione e della soddisfazione delle storie create, per gli studenti sarà forse più naturale accostarsi alla lettura di testi già pubblicati, ai romanzi ai racconti La buona scuola che c è già Laboratorio Artigiano di Fantastica alle poesie di autori affermati: come detto, non fosse altro per carpirne i segreti, per rubarli. L esperienza del Laboratorio Artigiano di Fantastica dello scorso anno è stata molto di Lido Contemori Il migliore dei Lidi possibili Continuate ad astenervi dal voto: una valanga di percentuali vi seppellirà. Disegno di Lido Contemori Didascalia di Aldo Frangioni positiva. Vi hanno aderito tre classi del biennio ITI per un totale di 72 studenti coordinati da me, dalla collega Alessandra Pelli e dagli scrittori Valerio Aiolli, Enzo Fileno Carabba, Emiliano Gucci e Vanni Santoni. Gli incontri, tenuti in orario curricolare, prevedevano la partecipazione di piccoli gruppi di studenti che si sono alternati nella creazione di un unico racconto. Un gruppo ha iniziato la storia che poi è stata offerta a un altro gruppo che poi l ha ceduta a un altro ancora, in una sorta di gioco di squadra a staffetta. E così è stato anche per gli scrittori. Poi, in un incontro conclusivo tenuto in Aula Magna, una festa finale di musica danza e poesie che ha visto la partecipazione di Alessandro di Puccio e Franco Pinzauti dei Les Italiens, e Vanni Santoni, è stato letto a tutte e tre le classi il racconto Le stagioni della moda, con la sorpresa degli studenti di scoprire da dove fosse cominciato il loro testo o quale fosse la sua conclusione. Gli incontri del presente anno scolastico stanno volgendo al termine. La partecipazione degli studenti di 1A, 1B, 2A è luminosa, così come quella dei capicantiere chiamati a guidarli: Valerio Aiolli, Elisa Biagini, Emiliano Gucci, Alessandro Raveggi. Non più un unico racconto, al termine di quest anno, ma tante piccole storie che disegneranno i destini incrociati dei ragazzi del gruppo e degli scrittori di turno.

12 pag. 12 di Paolo Marini I libri delle banche? Quelli che vengono donati prima di Natale ai clienti/correntisti solidi e/o affezionati e che diventano oggetto del desiderio - a fini per lo più di mero accaparramento - posto che, una volta acquisiti, spesso vanno diritti ad ornare gli scaffali delle librerie per dare lustro a chi li possiede? C è da domandarsi: qualcuno, poi, li legge questi libri? Perché spesso si tratta - a dispetto di certi collezionisti distratti - di autentici capolavori. Dallo scorso mese di febbraio i quasi volumi editi dalle banche italiane dal 1861 ad oggi, facenti parte della biblioteca dell Associazione Bancaria Italiana, ubicata nelle antiche scuderie del Palazzo Altieri di Roma, sono a disposizione del pubblico: un gesto di sensibilità ed attenzione alla cultura da parte di un mondo che con la cultura ha un intreccio storicamente importante (si pensi al mecenatismo rinascimentale, sostenuto in Italia da importanti famiglie principesche che erano anche famiglie di banchieri). Occupano la biblioteca numerose edizioni rare, circa volumi introvabili nelle altre biblioteche italiane. I Banche, un occhio alla cultura volumi si cimentano peraltro su temi diversi ma la parte del leone la fanno arte e architettura, pur essendo numerosi quelli che si occupano di storia economica e del pensiero, territorio, cinema, archeologia, musica; le pubblicazioni trattano altresì esperienze culturali a torto considerate minori, hanno dato vita a cataloghi di musei, biografie di musicisti, studi sulle arti applicate, ritratti di territorio, collezioni archeologiche, storie di città. Impreziosiscono la raccolta (raggiungibile on line all indirizzo abi.it/) vere e proprie edizioni di pregio, come il Corpus dei disegni di Michelangelo in 4 volumi di grande formato o le magnifiche anastatiche come la Bibbia di Borso d Este, capolavoro della miniatura italiana del Rinascimento, o come ancora Les Déjeuners, edizione fedele dei disegni, acquerelli e pitture che Picasso eseguì prendendo spunto dal Déjeuner sur l herbe di Manet; libri che non sarebbero mai venuti alla luce se avessero dovuto produrre un profitto per i rispettivi editori, ché sul mercato sarebbe già stato pretenzioso remunerarne i costi. Il primo volume, per anno di edizione, è La Cassa di Risparmi in Parma. Scene popolari, del 1861: esempio risalente e significativo di educazione finanziaria. Nell arco di novant anni, dal 1861 al 1950, i libri editati sarebbero stati poco più di 200. L esplosione dei numeri sarebbe andata di pari passo con il boom economico nel secondo dopoguerra (375 pubblicazioni nel decennio , 625 nel , nel , nel , toccando il massimo nel 1985 e nel 1987, quando sarebbero stati realizzati rispettivamente 427 e 405 volumi). Quindi, esaurita la stagione degli anni 80, sarebbe iniziata la parabola discendente, con 1578 libri prodotti nell ultimo decennio del XX secolo, 903 nel e appena 208 dal 2011 ad oggi. Una debacle in cui hanno potuto convergere il processo di concentrazione in atto nel sistema del credito, lo sviluppo dell editoria digitale e forse la stessa crisi finanziaria dal 2008 ai giorni nostri. Sono esposte oltre cento fotografie che fissano con molta sensibilità e intuizione aspetti della vita sociale, della cultura e del paesaggio di Firenze e Kyoto, le due città d arte per eccellenza di cui ricorre quest anno il 50 anniversario del gemellaggio.massimo Pacifico, bella faccia di abruzzese antico,innamorato del Giappone e sensibile alla lezione del nipponista, antropologo e fotografo Fosco Maraini, confessa di aver vagabondato a lungo per le strade di Firenze e di Kyoto convinto che le fotografie si facciano allineando, come diceva Cartier Bresson,l occhio e il cuore. Ne risulta una mostra singolare che coglie il dialettico dialogo tra la solidità dei padi Rita Albera Il Giappone di Massimo Pacifico lazzi di pietra e la fragilità dei templi di legno, tra i pesantissimi kimono indossati con grazia e leggerezza e le giovani turiste in jeans e maglietta,tra i bianchi ciliegi del parco di Marayuma e i glicini odorosi del giardino di Villa Bardini, tra i muri intonacati d ocra delle viuzze d Oltrarno che ispirarono Ottone Rosai e le strade del quartiere di Gion, illuminato da labili lampioni rossi di carta di riso. Differenze,simmetrie,convergenze.Voce e controcanto. Due città,due mondi,accumunati da uno stesso destino di bellezza e vocazione culturale, poiché entrambe hanno esercitato un mecenatismo senza precedenti e senza epigoni nei palazzi e nei conventi, entrambe si sono riempite di templi e di capolavori, di segni altissimi della creatività, entrambe occupano nell immaginario collettivo lo stesso simbolo di armonia e potere, di eleganza e ricchezza illuminata.

13 pag. 13 di Francesco Cusa Sorrentino rimane un regista visionario, forse l unico che abbiamo in Italia e il suo ultimo lavoro, Youth, con buona pace delle critiche più esasperate, rimane un buon film; non uno dei suoi migliori, ma neanche il risultato d una melassa piena di retorica, come sembrano suggerire la maggior parte dei commenti dei critici nostrani. La verità è che Sorrentino è un cantore del falso mito, della precarietà delle relazioni umane, uno di quei registi che riescono a definire una metafisica del contingente ; e però in Youth egli rimane come prigioniero del suo stesso cinema, della struttura narrativa à la Malick che finisce col rendere autolesionistico il processo, vana l operazione, paradossale l impotenza. Cominciamo a pensare che il taglio internazionale (importanti cast, grosse produzioni), non giochi a favore del regista e che Youth risenta delle atmosfere stranianti che erano L ultimo visionario emerse anche in This must be the place. In buona sostanza, a noi pare che tutto il cinema di Sorrentino giri meglio con la maschera confidenziale di Servillo, vero e proprio istrione, officiante della liturgia solenne andreottiana, del transfert attore-regista come veicolo di illusione che scimmiotta il di Luisa Moradei Quando Wagner, commosso fino alle lacrime dalla bellezza del duomo di Siena, esclamò vorrei ascoltare il preludio di Parsifal sotto questa cupola, deve aver ricevuto sicuramente forti suggestioni anche dallo straordinario pavimento. Un tappeto marmoreo istoriato, fra i più vasti e pregiati, la cui realizzazione si è protratta dal Tre all Ottocento. I cartoni preparatori delle 56 tarsie furono disegnati da importanti artisti fra cui il Sassetta, Domenico di Bartolo, Matteo di Giovanni e il Pinturicchio. Ma colui che operò in maniera innovativa rispetto alla tecnica usata in precedenza fu Domenico Beccafumi, presente nel cantiere del pavimento già dal La tecnica del commesso marmoreo (opus sectile) prevedeva, oltre agli intarsi in marmi di diverso colore ( broccatello giallo, grigio della Montagnola, verde di Crevole), l uso del graffito mediante trapano o scalpello in modo da creare segni di contorno che riempiti di pece facevano risaltare le figure. L intervento rivoluzionario del Beccafumi consiste nell uso di marmi con sfumature diverse rispetto alla tonalità di base in modo da ottenere, tramite gli accostamenti, risultati di chiaro-scuro che si avvicinano in modo sorprendente alla pittura monocroma. La soluzione innovativa di Beccafumi è particolarmente evidente nel fregio lungo e stretto che si inserisce tra i due pilastri che sorreggono la cupola, verso il presbiterio, e che rappresenta Mosè Vero. Un binomio di pregevole sintesie di cinema dell ineluttabilità che prende corpo proprio nel processo analitico del rimosso, nello scandaglio della Storia che viene dal Futuro e che si fa maschera e macchina attoriale. Youth tradisce (in parte) la poetica di Sorrentino, conferendo alla parabola, alla mentre fa scaturire l acqua dalla roccia di Horeb. La figura di Mosè campeggia solenne mentre una folla animata e variegata si avvicina alla roccia per dissetarsi. La composizione della scena mostra l influenza stilistica di Raffaello mentre i Sete di infinita bellezza movimenti vigorosi delle figure manifestano le suggestioni ricevute da Michelangelo nella Cappella Sistina. Quando lavora a questa tarsia Beccafumi ha già raggiunto la piena maturità artistica e padroneggia la tecnica in maniera magistrale; sfruttando le possibilità cromatiche dei marmi, riesce a caratterizzare i personaggi e a produrre effetti di luce ed ombra che raggiungono un risultato quasi volumetrico che potrebbe dirsi vicino all espressività plastica dei bassorilievi dei sarcofagi. Ci troviamo a condividere pienamente l ammirazione di Vasari verso questo pavimento che era il più bello et il più grande e magnifico che mai fusse stato fatto. Il complesso programma iconografico è stato approfonditamente indagato dagli studiosi che hanno individuato nelle figurazioni un messaggio sentenza, all immagine risolutiva un potere sovradimensionato, tributo all insostenibile cinema del presente, alla cronaca della memoria declinata attraverso trame di vite che si intersecano in virtù della cornice boccaccesca, di questo Resort-Decameron, vero e proprio Limbo Svizzero, striscia di Moebius ove si celebra la neutralità del Divenire. Nel mondo di fuori, là, da qualche parte, scorre immutabile la vita, a Venezia, dove le fauci spalancate della moglie catatonica di Michael Cane paiono divorare il tempo, come le maschere del Kirtimuka vedico, prive di mandibola inferiore. Ma il tutto scorre con poca naturalezza, forzatamente, e dunque, ad es., le citazioni felliniane (la stazione termale in 8 1/2) paiono essere troppo ricercate, ad effetto. Insomma, un buon film che paga eccessivamente l ossessiva ricerca del leitmotiv, della pietra filosofale quintessenziale, anelito che finisce col rendere greve quanto di leggero rimane del campare e frivolo tutto il resto. simbolico di costante invito alla sapienza come fonte di salvezza. E l acqua che, sgorgando nel deserto dalla roccia, disseta il popolo stremato di Israele rappresenta appunto la salvezza. Ma San Paolo si spinge oltre la narrazione dell Esodo fino ad identificare la roccia di Horeb con Cristo: bevevano infatti da una roccia spirituale che li accompagnava, e quella roccia era Cristo, bevanda spirituale, fonte di salvezza. L acqua diventa quindi fonte di vita, nutrimento spirituale, elemento culminante del percorso iconografico e simbolico del pavimento del Duomo di Siena. Un tema che si collega al messaggio dell Esposizione universale Nutrire il pianeta, Energia per la vita. L Opera della Metropolitana di Siena ha individuato nel nutrimento spirituale l anello di congiunzione con L Expo Milano ed ha programmato per questa occasione la scopertura straordinaria del pavimento. Per tutto il mese di luglio il prezioso tappeto marmoreo, abitualmente coperto per salvaguardarlo dal calpestio dei visitatori, potrà essere ammirato nel suo splendore e il miracolo di Mosè sarà protagonista di Sete di Infinita Bellezza.

14 pag. 14 Scottex Aldo Frangioni presenta L arte del riciclo di Paolo della Bella di Michele Rescio Kahlil Gibran E quando addentate una mela, ditele nel vostro cuore: I tuoi semi vivranno nel mio corpo E i tuoi germogli futuri sbocceranno nel mio cuore, La loro fragranza sarà il mio respiro, E insieme gioiremo in tutte le stagioni....ma sopra tutto nel buon vino ho fede, e credo che sia salvo chi gli crede; e credo nella torta e nel tortello: l uno è la madre, e l altro è il figliuolo; il vero paternostro è il fegatello... Ingredienti: 400 g di zucchero semolato Chicchi di melagrana (circa 400 g) 200 g di panna fresca 12 meringhe 4 albumi Sale Chicchi d uva Preparazione: Le dosi indicate per gli ingredienti sopraelencati sono consigliate per dodici persone. Impiegheremo solamente venti minuti a preparare il semifreddo, ma dovremmo comunque attendere il tempo necessario al raffreddamento prima di poterlo servire. Cominciamo! Innanzitutto portiamo a bollore 300 grammi di zucchero con il succo di melagrana, che avremo in precedenza ottenuto, pressando i chicchi in uno schiacciapatate con il disco fine. Dopo tre minuti di bollitura, spegniamo e lasciamo raffreddare lo sciroppo ottenuto. Ora montiamo, utilizzando una frusta elettrica, gli albumi con un pizzico di sale e lo zucchero rimasto (circa 90 grammi). Quando saranno parzialmente montati, incorporiamo lo sciroppo di melagrana proseguendo a lavorarli fino a ottenere una neve ben soda, aggiungiamo, molto delicatamente, la panna montata e le meringhe sbriciolate. Ricordiamo di fare particolare attenzione a non smontare il composto durante quest operazione. A questo punto distribuiamo il tutto in dodici stampi concavi, scanalati e rivestiti di pellicola, passiamoli Semifreddo di melagrana e meringhe in frigorifero per almeno sei ore. Visto il tempo necessario al raffreddamento, è bene preparare il dessert nel primo pomeriggio, se vogliamo servirlo come dopocena. Quando saranno passate le sei ore, sformiamo gli stampi nel piatto. Decoriamo il nostro semifreddo usando i chicchi di melagrana. Accompagniamo il dessert con dell uva brinata, in altre parole gli acini pennellati di albume (leggermente sbattuto) e passati nello zucchero semolato. Serviamo il dolce immediatamente: la frutta brinata, infatti, si conserva deliziosamente croccante per breve tempo perché lo zucchero tende a farne uscire il succo. Portiamo in tavola e godiamoci il semifreddo e i complimenti dei nostri ospiti. Se l Urlo di Much ci ha fatto sentire per un secolo l angoscia esistenziale della società contemporanea, speriamo che lo Sbadiglio di della Bella, che si intravede in questo gargantuelico personaggio, non allude ad un futuro di noia. Scultura leggera 23

15 in giro 6 pag. 15 Torna Maggio Elettrico, la nuova edizione dell iniziativa ideata da Tempo Reale per il 78 Festival del Maggio Musicale Fiorentino che quest anno ci regala tante prime esecuzioni di compositori di spicco nella scena europea. Il 12 e il 13 alla Limonaia di Villa Strozzi Maggio Elettrico vuole essere una finestra aperta sulla nuova musica e propone due concerti tematici dedicati alla produzione contemporanea con elettronica. Il primo è dedicato a Mauro Lanza e Andrea Valle, compositori italiani che (cosa alquanto inusuale) lavorano in duo, il secondo si concentra su Maggio Elettrico opere per strumento solo intorno ad uno dei capolavori assoluti della musica di Stockhausen. Mauro Lanza e Andrea Valle con l Ensemble Mosaik saranno insieme nella serata dal titolo Teatro Natura (12 ): due personalità diverse della musica con una passione in comune: l elettronica, presentano in prima esecuzione italiana: Regnum Vegetabile (2014), per sei strumenti e dispositivi elettromeccanici, 30 asciugacapelli (controllati da computer) soffiano in vari strumenti a fiato : ancie, sirene, flauti dolci, armoniche a bocca (2014). Così come in Regnum Animale (2013), per trio d archi e dispositivi elettromeccanici, l esecuzione è affidata ai musicisti berlinesi dell Ensemble Mosaik, affiancati da una popolazione eterogenea di oggetti quotidiani: elettrodomestici e strumenti musicali bizzarri controllati elettronicamente. Mauro Lanza è uno dei compositori più rappresentativi delle nuove generazioni della musica colta europea, presente in festival internazionali, formatosi al conservatorio e all IRCAM di Parigi. Il percorso di Andrea Valle è completamente diverso: rock d avanguardia, improvvisazione radicale, free jazz, laurea in semiologia, docenza universitaria, ma anche studi di teoria musicale tradizionale, ma soprattutto una vita artistica che di tradizionale ha poco, e che si svolge piuttosto negli ambienti della musica cosiddetta sperimentale. Qual è il punto di contatto? Il più evidente: musica ex machina - Mauro è uno dei più grandi esperti di formalizzazione musicale e composizione assistita da computer; Andrea è un guru della composizione algoritmica e probabilmente la massima autorità italiana in materia di Super Collider. La seconda serata dal titolo In Solo è un indagine sull esperienza solistica, partendo dalla musica di Stockhausen Solo per arrivare a musicisti giovani e affermati, da pietre miliari a nuovissime opere (13 ). Le prime esecuzioni saranno di Marco Marinoni, Johan Svensson e Claudio Jose Boncompagni. Tre movimenti di Luce Tre Movimenti di Luce. Rumore Tremore Fulgore. Un viaggio scenico sensoriale nella Commedia di Dante Alighieri. Su invito della direzione artistica del Maggio Musicale Fiorentino, per la sua 78a edizione, Giancarlo Cauteruccio è stato chiamato a misurarsi con la Commedia di Dante seguendo le direttrici-guida del suo visionario percorso artistico e concettuale: il poema sacro come Epopea del Corpo e della Luce. Il progetto si articola in tre movimenti d immagini, suoni e luce: Rumore/Inferno, Tremore/Purgatorio, Fulgore/ Paradiso. La nuova architettura dell Opera di Firenze diventa a sua volta protagonista, invitando gli spettatori ad attraversare i luoghi più segreti, gli anditi in ombra della grande costruzione. Da tempo Cauteruccio lavora a un suo percorso che mette a confronto il teatro di prosa con l opera musicale contemporanea, percorrendo diverse possibilità di relazione tra scene in prosa e strutture sonore di grande presenza, così realizzando una serie di luminose architetture ideali. Al recente Eneide di Krypton - un nuovo canto non poteva che far seguito l erede diretto del viaggio virgiliano, il «poema sacro al quale ha posto mano Edizioni Clichy Cambia sede con una grande sorpresa per tutta la città... e allora... Venerdì 19, dalle ore in poi andrà in scena la nostra ultima Festa d estate in via Pietrapiana, Firenze Vi aspettiamo insieme a cibo e vino e soprattutto insieme ai nostri libri che potrete comprare con uno sconto molto interessante... e cielo e terra» (come lo definisce, senza modestia, lo stesso Dante). Come l Eneide e come la Commedia (ma anche come i Canti Orfici di Dino Campana, messi in scena lo scorso anno al Teatro Studio di Scandicci, che a loro volta celebravano la «poesia di movimento» di Dante), anche Tre movimenti di luce è un viaggio: un viaggio sensoriale all interno della struttura architettonica del nuovo teatro Opera di Firenze. Un viaggio che si svilupperà in tre luoghi diversi e in diverso senso preliminari, che deliberatamente escludono il palcoscenico: dalla selva oscura dei sotterranei infernali alla spera supprema della cavea paradisiaca, passando per le penombre e i chiaroscuri di un allusivo purgatorio-sala prove. In questi ambienti teatralmente non giurisdizionali, il lavoro si presenterà come un esperienza sensoriale: percezioni, parole e musica infonderanno in ciascuno spettatore la condizione del Dante personaggio, sino a farlo rispecchiare in quella del Dante poeta. Il quale come indica Andrea Cortellessa, dramaturg del progetto alla fine del viaggio, proprio come il suo Ulisse, non potrà far altro che iniziarlo di nuovo. 10 ore 23.00; 11 ore e ore 23.00; 12 ore Teatro dell Opera di Firenze

16 horror vacui 6 pag. 16 Disegni di Pam Testi di Aldo Frangioni Gli antichi costruirono Valdrada sulle rive d un lago con case tutte verande una sopra l altra e via alte che affacciano sull acqua parapetti a balaustra. Così il viaggiatore vede arrivando due città: una diritta sopra il lago e una riflessa capovolta. (Dalle Città invisibili di Italo Calvino)

17 L immagine ultima 6 pag. 17 Dall archivio di Maurizio Berlincioni Q New York City, 1969 uesta settimana ho deciso di dare un po di respiro alla California facendo un piccolo salto indietro nel tempo.siamo sempre negli Stati Uniti, ma stavolta si tratta del mio primo viaggio a New York nell estate del 69. Era la prima volta che attraversavo l oceano e per me è stata un esperienza davvero unica. Andavo a trovare degli amici che vivevano nel quartiere di Spanish Harlem e questo mi ha fatto entrare senza troppe difficoltà all interno di zone non propriamente turistiche. Vorrei iniziare questa piccola carrellata con una immagine scattata proprio al centro della Grande Mela. Siamo, come dice la pubblicità, nei pressi di uno degli incroci più famosi al mondo. Questo era l emblematico testo: Avete un grande futuro dietro di voi, al n.2 di East 42nd Street Un guizzo dell occhio mi ha permesso di scattare l immagine dell uomo proprio mentre passava davanti al cartellone.

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli