LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO."

Transcript

1 LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della cultura anti-positivistica contemporanea: l'uomo non è una "cosa" da studiare, ma è radicalmente altro dalle cose. Le cose sono belle fatte, compiute, mentre l'uomo non ha nulla di compiuto: è lui che si fa, che si inventa, che sceglie se stesso. Cosa ne dici? Non mi convince: l'uomo è di sicuro diverso dall'animale, ma è pur sempre un animale evoluto per cui non vedo come non possa essere studiato come si studia qualsiasi oggetto. Come si può spiegare la coscienza dell'uomo senza studiare quel supporto essenziale che è il cervello? Un'osservazione pertinente. Tieni, comunque, presente che la coscienza dell'uomo (e quindi anche la coscienza dello studioso del cervello) è radicalmente diversa da quella "cosa" che studia: si tratta - secondo Husserl, maestro di Heidegger - dell'orizzonte entro il quale si mostrano tutte le cose. L'uomo - dicevamo - non ha nulla di compiuto, ma è lui che sceglie se stesso. Quale uomo? Per Heidegger - come per Kierkegaard - è il "singolo. "Esistente" non è l'uomo in generale, ma l'individuo. Kierkegaard e Husserl hanno indubbiamente influenzato Heidegger. Noti qualche altro influsso? Mi pare di vedere Nietzsche: non è Nietzsche che afferma che l'oltre-uomo deve inventarsi i valori e non considerarli come dei dati? E' vero. Nietzsche teorizza un "oltre-uomo" che non accetta nessun valore come un valore assoluto, come un valore che gli si impone dall'esterno come qualcosa di eterno: è l'oltre-uomo che deve inventare i suoi valori (è quella che viene chiamata la "trasmutazione dei valori"). Il capolavoro di Heidegger è Essere e tempo (Sein und Zeit) del Questo lo scopo che si propone Heidegger: scoprire il senso autentico dell'essere. Come scoprirlo? Occorre in primo luogo indagare chi si pone la domanda sull'essere, cioè l'uomo. E' in questo contesto che si colloca la tesi secondo cui l'uomo non ha una sua natura già definita, ma la sua natura la inventa egli stesso. Heidegger introduce una terminologia originale. Chiama l'uomo "Da-sein", cioè letteralmente "Esser-ci". La filosofia occidentale ha definito l "essere" come "qualcosa che è presente", come "oggetto" del pensiero". Ora il Da-sein non è di sicuro una semplice presenza come le cose per il fatto che è proprio la condizione per cui le cose stesse sono presenti. Qui siamo sulla lunghezza d'onda di Husserl: l'essere-uomo è radicalmente diverso dall'esserecosa in quanto è l'orizzonte in cui possono mostrarsi tutte le cose. Che significato ha il "ci" ( Da, in tedesco) dell "Esser-ci"? Per Heidegger l'uomo è "Esser-ci" nel senso che si trova "gettato" in una situazione, gettato nel mondo. L'uomo è "l'essere-nel-mondo" ( in der-weltsein, in tedesco). Per Heidegger è letteralmente senza senso il problema "gnoseologico" che è scoppiato nell'età moderna con Cartesio e che ha prodotto l'idealismo: l'uomo è aperto strutturalmente al mondo (non vi è un interno - la coscienza - ed un esterno cioè il mondo). Cosa ne dici? Mi pare che Heidegger by-passi il problema gnoseologico senza affrontarlo: come si può dichiarare senza senso un problema che ha tormentato i più acuti cervelli dell'età moderna? E' 1 Nasce a Messkirch nel Discepolo di Husserl, dedica al suo maestro il suo capolavoro "Essere e tempo" del Insegna prima a Marburgo e poi a Friburgo (dove diviene anche, per un breve periodo, rettore). Nel 1929 pubblica "Kant e il problema della metafisica" e "Che cos'è la metafisica". Nel '33, in qualità di rettore dell'università di Friburgo pronuncia un discorso ("L'autoaffermazione dell'università tedesca") in cui appare la sua simpatia per il nazismo. Altre opere (le opere della "svolta"): "La dottrina platonica della verità", "Lettera sull'umanesimo, "Sentieri interrotti", "Introduzione alla metafisica". Muore nel 1976.

2 noto che noi percepiamo delle immagini (forse che le "cose" entrano nella nostra retina?) per cui rimane aperto il problema se dietro queste immagini vi sia qualcosa o no. Vedo che hai presente il travaglio di Cartesio & C. Tieni comunque presente quanto afferma Husserl: ciò che si mostra (il "fenomeno") non è una rappresentazione, una semplice apparenza, ma la cosa stessa (io non percepisco la rappresentazione, l'apparenza di un suono, ma il suono stesso). L'uomo - lo ripetiamo - non ha una natura già definita come le cose, ma è lui che sceglie la sua natura, è lui che sceglie se stesso. L'uomo, quindi, è essenzialmente "progetto" e, dunque, poter essere. Le cose del mondo sono viste originariamente da lui come strumenti per realizzare i suoi progetti. L'uomo non è uno spettatore del mondo, ma è coinvolto in esso e comprende le cose nel momento in cui si rende conto di come usarle per i suoi fini. Cosa ne dici? Mi pare un discorso non del tutto convincente: perché mai l'uomo non potrebbe guardare il mondo per il piacere di scoprirlo e quindi contemplarlo in modo disinteressato? Del resto la filosofia non è nata come una ricerca del tutto disinteressata? La tua è un'osservazione pertinente. Sicuramente una lunga tradizione occidentale che arriva fino a Husserl ha questa ottica "disinteressata". Questo, per Heidegger, vuol sempre dire che l'uomo vede le cose alla luce di un suo piacere estetico, vede quindi le cose come degli "strumenti". L'atteggiamento disinteressato, per lui, non è che un modo di vedere l'utilizzabilità delle cose. L'uomo è un essere "gettato" nel mondo, in una situazione, ma è anche "trascendenza" rispetto a questa situazione nel senso che, in quanto "progetto", va oltre la situazione stessa, va oltre il dato (in direzione del possibile, di qualcosa che non è reale). Cosa ne dici? Mi pare eccessivamente ottimistico il discorso di Heidegger: è noto che sono molte le persone che non si possono permettere dei progetti di vita, di scegliere se stessi in quanto si trovano oggettivamente in condizioni alle soglie della sopravvivenza. Si tratta di persone inchiodate alla loro situazione. E ci sono, pure, persone che non si pongono nell'ottica di "andare oltre" le cose, ma sono schiavi delle cose stesse viste come feticci. Che l'uomo sia condizionato dalla situazione è un fatto per Heidegger. Questi, tuttavia, è convinto che l'uomo, proprio in quanto "poter essere", può sempre andare oltre la situazione di fatto. I progetti dell'uomo, naturalmente, non possono che tener conto dei dati oggettivi che sono a disposizione. La libertà dell'uomo non è la libertà di un angelo, ma di un uomo concreto gettato in questo concreto mondo. Non ci sono uomini schiavi delle cose (ad esempio degli oggetti-feticcio della pubblicità)? Sì. Heidegger parla di "deiezione", cioè di caduta dell'uomo a livello delle cose (una forma di alienazione), deiezione che indica uno stato di vita "inautentica". Per Heidegger la caduta dell'uomo a livello delle cose è data anche dalla "chiacchiera", dalla logica del "si dice". Cosa ne pensi? Mi pare un'osservazione intelligente: ce ne sono di persone che rinunciano ad effettuare una ricerca personale (la ricerca è sempre faticosa anche perché potrebbe mettere in crisi certezze granitiche) per accettare le mode, ciò che pensa e fa in generale la gente o ciò che pensano e fanno i personaggi del cuore. Un'opinione, mi pare, con una forte capacità persuasiva. Un'opinione che è stata con forza sostenuta, ad esempio, da Socrate. La vita inautentica, per Heidegger, è l'esistenza anonima (appunto, del "si dice", del "si fa"), caratterizzata, tra l'altro, dalla "curiosità" (un interesse superficiale per qualsiasi cosa, problema) e dall "equivoco" (dato che tutto è equiparato, non si sa neppure di che cosa si parla). E qual è in concreto l'esistenza "autentica"? Per Heidegger ogni singolo può scegliere un tipo di vita o un altro, può scegliere una "possibilità" o un'altra. Vi è, però, una possibilità a cui nessuno può sfuggire: la morte che è la possibilità che annulla tutte le altre possibilità. L'uomo autentico è "essere per la morte". Cosa ne dici? Mi pare che qui Heidegger rovesci il suo ottimismo in una concezione drammatica dell'uomo. Perché mai l'uomo dovrebbe vivere per la morte? Perché dovrebbe essere così masochista da pensare sempre alla morte? E' vero che la morte è la possibilità che minaccia ineluttabilmente ciascuno di noi, ma è anche vero che sarebbe da sciocchi non vivere la vita (non goderla) per la morte che verrà. Un punto di vista legittimo. Heidegger, tuttavia, non intende dire che l'uomo non debba vivere. L'uomo autentico, per lui, è un "essere per la morte" nel senso che deve avere il coraggio di

3 andare oltre la visione anonima della morte (il "si muore") per vederla come "propria": è in questa luce che può vedere tutte le altre possibilità nella loro giusta dimensione, cioè nel loro non essere qualcosa di stabile, di definitivo. L'uomo autentico, quindi, è chi scopre la sua finitezza, la sua precarietà proprio alla luce di quella possibilità ineluttabile che annulla tutte le altre possibilità, cioè della "propria" morte. E scopre, quindi, la precarietà di ogni suo progetto. E' in questo atteggiamento che riesce in qualche misura a staccarsi dalle cose, dai feticci di cui parlavamo prima. Ed è in questa ottica che l'uomo prova l "angoscia : non si tratta di "paura" (la paura è sempre paura di qualcosa di determinato), ma di un sentimento che ha per oggetto proprio il nulla, un sentimento da cui l'uomo inautentico fugge. Cosa ne dici? Mi pare un discorso analogo a quello di Pascal: secondo questi l'uomo fugge da se stesso (nel senso che si rifiuta di pensare alla propria precarietà) tuffandosi nelle cose, nel "divertissement". Vi è di sicuro un'analogia: per Pascal per sfuggire al pensiero della morte, si butta in mille attività (il cosiddetto "divertissement"). Siamo arrivati, dunque, a scoprire una dimensione tutt'altro che ottimistica nella visione di Heidegger. Possiamo vedervi una dimensione tragica: l'uomo prova l'angoscia di fronte al "nulla", alla possibilità incombente di annullamento di ogni progetto. Come spiegare questa concezione? Indubbiamente ogni autore vive e pensa in un determinato contesto storico che non può non influenzarlo. Heidegger comincia ad elaborare le sue riflessioni poco dopo il primo conflitto mondiale. Certo è difficile cogliere un nesso causale. Ma non è improbabile che la tragedia della prima guerra mondiale abbia in qualche modo creato le condizioni di tale visione del mondo. L'uomo: esserci, trascendenza, essere nel mondo, essere per la morte. E l'uomo è anche "l'essere-con-gli altri. In che senso mai? Non vedo come possa essere spiegata questa caratterizzazione dell'uomo. Se vogliamo essere fedeli al principio fenomenologico, gli altri non si manifestano certo come persone, come individui che pensano: come si potrebbe percepire la mente degli altri? Non hai torto: se si ricorre rigorosamente al principio fenomenologico, non è possibile affermare l'esistenza di altri "io". La coscienza è sempre un fatto "privato": non è consentito a nessuno entrare nella coscienza degli altri. Nonostante tale principio, comunque, già Husserl - nelle "Meditazioni cartesiane" - afferma sostanzialmente che gli altri "io" non sono dimostrati, ma dati proprio come "io". Come non vi è un soggetto senza il mondo, così - per Heidegger - non vi è un "io" isolato (da solo) senza altri "io". L'essere con gli altri è qualcosa di "originario", non qualcosa di dimostrato. E come essere con gli altri? Si è con gli altri in modo inautentico quando si cerca di procurare loro solo delle cose e lo si è in modo autentico quando li si aiuta ad essere liberi, a scegliere se stessi. "Essere e tempo. Abbiamo esaminato l "essere. E il tempo? Il "Dasein" proprio perché è poter essere, è progetto, è orientato verso il "futuro". Il futuro, quindi, è la dimensione fondamentale del tempo. Per Heidegger il tempo può essere - come l'esistenza - autentico e inautentico. Il "presente" inautentico vi è quando l'uomo è tutto assorbito dalle cose da fare, quello autentico (l "istante"), invece, c'è quando l'uomo non si lascia travolgere dalle cose e sceglie il suo destino. Così il "passato": è inautentico il passato quando si accetta passivamente la tradizione, è autentico quando nella tradizione si coglie l'opportunità di rivivere le possibilità dell'uomo che è già stato. A sua volta il futuro secondo Heidegger - è inautentico quando l'uomo è preoccupato solo del successo, autentico quando vive alla luce della morte, un orizzonte che gli impedisce di essere catturato dai progetti mondani. Fermiamoci un attimo. Cosa dici del discorso di Heidegger? Non mi convince non solo perché non tiene conto della nozione scientifica (nonché dell'uomo comune) del tempo cioè della sua misurabilità, ma anche perché si tratta di una concezione che drammatizza la vita umana togliendo ad essa qualsiasi valore al successo, ai progetti mondani: l'uomo vive questa vita, non la vita di un angelo! Un punto di vista legittimo. A proposito del "tempo" presente nella concezione dell'uomo comune e nella scienza, Heidegger lo considera "inautentico". Una precisazione. Non è che Heidegger proponga all'uomo una vita ascetica: l'uomo autentico vive la vita di tutti i giorni (come tutti), ma la vive col distacco caratteristico di chi - alla luce della morte - vede la precarietà, l'insignificanza, la nullità dei progetti umani.

4 Con "Essere e tempo" Heidegger si è posto l'obiettivo di ricercare il senso autentico dell'essere. A tal fine ha iniziato ad indagare quell'ente - l'uomo - che si pone l'interrogativo. Ha trovato l "essere"? No. Ha trovato un "Esser-ci che in ultima analisi è "essere per la morte", che prova l'angoscia di fronte al nulla, che vede la nullità, la precarietà di tutti i progetti mondani. L "essere" non è l'essere di un ente. E allora? Nella "Introduzione alla metafisica " del 1956 riprende la ricerca. La sua tesi di fondo: la metafisica - da Platone ad Hegel, allo stesso Nietzsche - ha perso il senso dell'essere in quanto ha cercato l'essere indagando gli enti. Risultato? Ha concepito l'essere come un "dato", come "qualcosa di presente", come un "oggetto" per cui l "ontologia (la scienza dell'essere) è decaduta in "fisica". Cosa ne dici? La tesi di Heidegger mi pare ingiusta di fronte ai classici. Aristotele non ha proprio studiato l'"essere in quanto essere" (con le sue modalità di potenza, atto, sostanza, accidente...)? Lo stesso Aristotele non ha poi introdotto l'essere sommo che è l'atto Puro, qualcosa che non ha nulla a che fare con gli enti che si presentano come dei dati? Le tue puntualizzazioni sono pertinenti. Heidegger vuole dire che quando si è studiato l'essere in quanto essere, si è di fatto considerato questo essere come sfondo essendo gli "enti" concreti l'oggetto dell'attenzione, approdando ad una vaga metafisica generale. Il Dio introdotto da Aristotele? Heidegger dice che in questo modo l'ontologia è diventata "teologia", smarrendo così il senso dell'essere. Chi è - secondo Heidegger - il responsabile dell'oblio dell "essere"? Platone. Per i filosofi precedenti la verità era il dis-velarsi dell essere : il termine greco che indica la "verità" significa etimologicamente "dis-velamento", "non-nascondimento". Platone, per primo, capovolge il rapporto tra verità ed essere: non è più la verità che si fonda sull'essere, ma è l'essere che si fonda sulla verità (verità intesa come un rapporto stabilito dal pensiero umano che esprime un giudizio). L'essere, quindi, decade a prodotto mentale, viene finitizzato e viene espresso tramite il linguaggio. Ma il linguaggio dell'uomo è in grado solo di parlare di enti, non dell'essere. L'uomo, dunque, non è capace di svelare il senso dell'essere. E allora? Allora, per Heidegger - perché l'uomo possa scoprire il senso dell'essere - occorre che sia lo stesso "essere" a svelarlo. Cosa ne dici? Mi pare che qui Heidegger cada nel misticismo: qui si nega di fatto la capacità dell'uomo di ricercare e si auspica che sia lo stesso "essere" a svelarlo. Ma cos'è questo essere? Dio? Heidegger attende forse una nuova "rivelazione" divina? Vi è chi ha proprio visto in quest'ultimo Heidegger (una fase in cui lo stesso Heidegger ammette di aver effettuato una "svolta ) una vena di misticismo e di irrazionalismo. Heidegger ha risposto che tale critica rivela l'incapacità della cultura moderna di pensare al di fuori di una concezione antinomica, concezione secondo la quale se si nega una tesi, bisogna per forza sposare la tesi opposta. Siamo proprio di fronte ad una "svolta", una svolta in qualche modo anti-umanistica: l'uomo è solo il "pastore" dell'essere, non il padrone. Ma dove si svela l'essere? Nel linguaggio della Poesia: è questo la "casa dell'essere". Nel linguaggio della Poesia non è l'uomo che parla, ma l'essere stesso: da qui l'atteggiamento di "abbandono" all'essere, di ascolto in silenzio dell'essere. Cosa ne dici? Siamo a che fare con un discorso che conferma in modo inequivocabile l'accusa di misticismo, di razionalismo: come si può ragionevolmente credere che la poesia riveli l'essere? E poi cos'è questo "essere" di cui parla Heidegger? Finché questi parlava di "Esserci" o di "enti" il senso era chiaro: ma cos'è questo "essere" se non il tratto comune a tutti gli enti (Dio compreso)? Sono osservazioni e quesiti pertinenti. Per Heidegger il linguaggio della poesia svela il significato dell'essere perché va oltre le cose, allude a qualcosa che trascende l'orizzonte puramente mondano. Ma cos'è questo "essere" che il linguaggio poetico sarebbe in grado di svelare? Il "mistero" che circonda l'uomo, il mondo? Dio? Secondo l'interpretazione di Emanuele Severino l "essere - inteso come "disvelamento", come "non-nascondimento" non sarebbe altro che l'apparire stesso, come la coscienza trascendentale di Husserl. In altre parole l "essere" non è che il manifestarsi originario degli enti, un manifestarsi che non è un produrre, ma è, appunto, un lasciar essere gli enti. Si tratta di un "essere" che non è un "ente", ma non è neanche un nulla assoluto: è la "luce" in cui tutti gli enti si mostrano.

5 La metafisica occidentale - dicevamo - ha dimenticato il senso dell'essere: il primato della tecnica del mondo di oggi non è che un frutto di tale oblio. Cosa dici? Mi pare un po' troppo forzata questa tesi: è noto a tutti che la scienza intesa come dominio dell'uomo sulla natura è stata teorizzata da Bacone prescindendo da qualsiasi riferimento alla metafisica o a qualsivoglia senso dell'essere. Un'osservazione pertinente. Per Heidegger è proprio perché la metafisica è scaduta a fisica, è proprio perché l'uomo ha scambiato l'essere per l'ente, per "oggetto, che è nata la cultura del dominio, della manipolazione, appunto della tecnica. La tecnica, quindi, è figlia legittima della metafisica classica. Si tratta di una tesi che è stata ripresa - in un altro contesto - dal prof. Emanuele Severino. Puoi intuire la ragione di questa ripresa? Per Severino l'essere (tutto l'essere) è eterno, immutabile, necessario: l'uomo occidentale, figlio di una cultura filosofica che sostiene il nascere e il morire dell'essere, è arrivato a teorizzare con la scienza e la tecnica il dominio dell'uomo sull'essere, la facoltà dell'uomo di creare - con la tecnica - dell'essere (qualcosa di nuovo che prima non c'era). E' sostanzialmente questa la tesi di Severino che fa risalire a Platone la teorizzazione degli enti (non dell'essere divino) come enti che nascono dal nulla e ritornano nel nulla. La tecnica, quindi - che punta a manipolare gli enti, a creare oggetti nuovi -, è figlia legittima della metafisica classica che suddivide l'essere in essere immutabile (quello divino: dalle Idee platoniche all'atto Puro di Aristotele) ed in essere mutevole, contingente (che nasce e muore, che non ha l'esistenza per sua natura).

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato Martin Heidegger Nella celebre Lettera sull'umanismo del 1947 Heidegger in polemica con Sartre nega la propria appartenenza all'esistenzialismo. rivoluzione interpretativa: da filosofo dell'esistenza a

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA

PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROGRAMMA DI FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Filosofia Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico Libro di testo: Agorà, a cura di Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

Strumenti di relazione

Strumenti di relazione L apprendimento dell italiano L2 Strumenti di relazione Maurizio Sarcoli + Francesco Bianchi Approccio attivo Nell approccio attivo all apprendimento risiede parte dei progressi di chi si trova nella necessità

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

H. SCHURMANN, Gesù davanti alla sua morte, Morcelliana, Brescia 1983. Cf Mc 8, 31 Lc 9, 22 17, 25; 24, 44; Mt 16, 21; Gv 3, 14.

H. SCHURMANN, Gesù davanti alla sua morte, Morcelliana, Brescia 1983. Cf Mc 8, 31 Lc 9, 22 17, 25; 24, 44; Mt 16, 21; Gv 3, 14. Gesù e la sua croce necessaria Ha previsto Gesù la sua morte? Che senso vi ha attribuito? E come l'ha integrata nella sua missione? Lo spunto per porre queste domande mi è stato offerto da uno studio di

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI.

KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. Caro Gianni, KIM E IL RIDUZIONISMO. LETTERA A GIANNOLI. rispondo al tuo e-mail con l attach su Kim. Sono contento che il tuo giusto orgoglio di fisico abbia prevalso sugli spleen taglia-gambe. Non credo

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo

Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo 1 La Cristianità e le scuole monastiche Diffusione della cultura cristiana Una tradizione nuova che si innesta su

Dettagli

IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA

IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA RAZIONALE ED IRRAZIONALE: MITO E LOGOS SAVONA, 19/5/2015 1 ILARIA BOTTALE GIACOMO CAVALERI SAMUELE PUPPO BIBLIOGRAFIA B. RUSSELL, Storia della filosofia occidentale, TEADUE,

Dettagli

IL PENSIERO SOCRATICO NEL COACHING. «Primum vivere, deinde philosophari»

IL PENSIERO SOCRATICO NEL COACHING. «Primum vivere, deinde philosophari» IL PENSIERO SOCRATICO NEL COACHING «Primum vivere, deinde philosophari» «PASSIONE» : ciò che è stato scritto senza passione, verrà letto senza piacere «SOCRATE» Per questa occupazione non ho tempo di fare

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA

PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA PROGETTO Interventi a supporto delle Riforme della PA LINEA ATTIVITA 3 - ULTERIORI INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI E LOCALI DEL MEZZOGIORNO Prevenire la corruzione

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013

YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013 YOUTH SCIENCE CALABRIA 2013 LICEO SCIENTIFICO PIETRO METASTASIO SCALEA (CS) Anno scolastico 2013/2014 La ricerca è stata effettuata presso il Liceo scientifico Pietro Metastasio nelle classi VA e VD Sono

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA UNITÀ 1 Capitolo 1 L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA In questo capitolo vedremo: - la motivazione dell'irc nella scuola in genere - la motivazione dell'irc nella scuola cattolica

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia

Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Dottor Gino Aldi Psicoterapeuta Partecipante Sostenitore fondazione Ruolo della psicologia oncologica nella gestione del malato di cancro e della sua famiglia Definiamo la salute La salute è uno stato

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

www.stephankampowski.com/corsi.html

www.stephankampowski.com/corsi.html Introduzione alla teologia moral fondamentale Prof. Stephan Kampowski Email: kampowski@istitutogp2.it Ufficio: 06 698 95 539 Dopo la lezione le diapositive saranno disponibile qui: www.stephankampowski.com/corsi.html

Dettagli

La Sieropositività come condizione cronica

La Sieropositività come condizione cronica La Sieropositività come condizione cronica Alcune parti sono state tratte da: Vivere con HIV: malattia e terapia, nuove speranze e nuove difficoltà Di Maria Bolgiani Centro psicoanalitico di studio dei

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale

Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Cos'è etico? I dilemmi dei professionisti dell'orientamento professionale Pacchetto di lavoro N. 4 Prodotto N. 31 Data di consegna Luglio 2013 Versioni 1.0 Prima stesura Redatta da Ballymun Job Centre

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

Il TESTO ARGOMENTATIVO PERCORSO PER LA STESURA

Il TESTO ARGOMENTATIVO PERCORSO PER LA STESURA 2 Circolo didattico Formia IMPARO A SCRIVERE CON LA MAESTRA PATTY FROG ELABORARE UN TESTO PARTE QUINTA Il TESTO ARGOMENTATIVO PERCORSO PER LA STESURA Lo so qual'è Il tuo problema...... Come si elabora

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei Luca Zeffiro 4C Il problema sulla conservazione del moto nacque con Cartesio: nei suoi «Principia philosophiae» egli affermò la conservazione della quantità di moto a partire da Dio: gli errori presenti

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO

L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO L IDENTITA (TAUTOTES) DEL PRATICANTE AVVOCATO In molte attività della vita c è un periodo di prova e di iniziazione, un periodo nel quale i nuovi arrivati sono vittime della propria inettitudine e in un

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Cartesio: Meditazioni Metafisiche

Cartesio: Meditazioni Metafisiche Cartesio: Meditazioni Metafisiche Schema riassuntivo Prima Meditazione DELLE COSE CHE SI POSSONO REVOCARE IN DUBBIO 1. Necessità del dubbio metodico È necessario, almeno una volta nella vita, dubitare

Dettagli

LABORATORI DI GENOVA 2015/2016

LABORATORI DI GENOVA 2015/2016 LABORATORI DI GENOVA 2015/2016 Introduzione Quest anno, i laboratori organizzati dall AISTAP avranno una specifica finalità e saranno rivolti agli studenti appassionati dei diversi argomenti proposti.

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli