LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO."

Transcript

1 LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della cultura anti-positivistica contemporanea: l'uomo non è una "cosa" da studiare, ma è radicalmente altro dalle cose. Le cose sono belle fatte, compiute, mentre l'uomo non ha nulla di compiuto: è lui che si fa, che si inventa, che sceglie se stesso. Cosa ne dici? Non mi convince: l'uomo è di sicuro diverso dall'animale, ma è pur sempre un animale evoluto per cui non vedo come non possa essere studiato come si studia qualsiasi oggetto. Come si può spiegare la coscienza dell'uomo senza studiare quel supporto essenziale che è il cervello? Un'osservazione pertinente. Tieni, comunque, presente che la coscienza dell'uomo (e quindi anche la coscienza dello studioso del cervello) è radicalmente diversa da quella "cosa" che studia: si tratta - secondo Husserl, maestro di Heidegger - dell'orizzonte entro il quale si mostrano tutte le cose. L'uomo - dicevamo - non ha nulla di compiuto, ma è lui che sceglie se stesso. Quale uomo? Per Heidegger - come per Kierkegaard - è il "singolo. "Esistente" non è l'uomo in generale, ma l'individuo. Kierkegaard e Husserl hanno indubbiamente influenzato Heidegger. Noti qualche altro influsso? Mi pare di vedere Nietzsche: non è Nietzsche che afferma che l'oltre-uomo deve inventarsi i valori e non considerarli come dei dati? E' vero. Nietzsche teorizza un "oltre-uomo" che non accetta nessun valore come un valore assoluto, come un valore che gli si impone dall'esterno come qualcosa di eterno: è l'oltre-uomo che deve inventare i suoi valori (è quella che viene chiamata la "trasmutazione dei valori"). Il capolavoro di Heidegger è Essere e tempo (Sein und Zeit) del Questo lo scopo che si propone Heidegger: scoprire il senso autentico dell'essere. Come scoprirlo? Occorre in primo luogo indagare chi si pone la domanda sull'essere, cioè l'uomo. E' in questo contesto che si colloca la tesi secondo cui l'uomo non ha una sua natura già definita, ma la sua natura la inventa egli stesso. Heidegger introduce una terminologia originale. Chiama l'uomo "Da-sein", cioè letteralmente "Esser-ci". La filosofia occidentale ha definito l "essere" come "qualcosa che è presente", come "oggetto" del pensiero". Ora il Da-sein non è di sicuro una semplice presenza come le cose per il fatto che è proprio la condizione per cui le cose stesse sono presenti. Qui siamo sulla lunghezza d'onda di Husserl: l'essere-uomo è radicalmente diverso dall'esserecosa in quanto è l'orizzonte in cui possono mostrarsi tutte le cose. Che significato ha il "ci" ( Da, in tedesco) dell "Esser-ci"? Per Heidegger l'uomo è "Esser-ci" nel senso che si trova "gettato" in una situazione, gettato nel mondo. L'uomo è "l'essere-nel-mondo" ( in der-weltsein, in tedesco). Per Heidegger è letteralmente senza senso il problema "gnoseologico" che è scoppiato nell'età moderna con Cartesio e che ha prodotto l'idealismo: l'uomo è aperto strutturalmente al mondo (non vi è un interno - la coscienza - ed un esterno cioè il mondo). Cosa ne dici? Mi pare che Heidegger by-passi il problema gnoseologico senza affrontarlo: come si può dichiarare senza senso un problema che ha tormentato i più acuti cervelli dell'età moderna? E' 1 Nasce a Messkirch nel Discepolo di Husserl, dedica al suo maestro il suo capolavoro "Essere e tempo" del Insegna prima a Marburgo e poi a Friburgo (dove diviene anche, per un breve periodo, rettore). Nel 1929 pubblica "Kant e il problema della metafisica" e "Che cos'è la metafisica". Nel '33, in qualità di rettore dell'università di Friburgo pronuncia un discorso ("L'autoaffermazione dell'università tedesca") in cui appare la sua simpatia per il nazismo. Altre opere (le opere della "svolta"): "La dottrina platonica della verità", "Lettera sull'umanesimo, "Sentieri interrotti", "Introduzione alla metafisica". Muore nel 1976.

2 noto che noi percepiamo delle immagini (forse che le "cose" entrano nella nostra retina?) per cui rimane aperto il problema se dietro queste immagini vi sia qualcosa o no. Vedo che hai presente il travaglio di Cartesio & C. Tieni comunque presente quanto afferma Husserl: ciò che si mostra (il "fenomeno") non è una rappresentazione, una semplice apparenza, ma la cosa stessa (io non percepisco la rappresentazione, l'apparenza di un suono, ma il suono stesso). L'uomo - lo ripetiamo - non ha una natura già definita come le cose, ma è lui che sceglie la sua natura, è lui che sceglie se stesso. L'uomo, quindi, è essenzialmente "progetto" e, dunque, poter essere. Le cose del mondo sono viste originariamente da lui come strumenti per realizzare i suoi progetti. L'uomo non è uno spettatore del mondo, ma è coinvolto in esso e comprende le cose nel momento in cui si rende conto di come usarle per i suoi fini. Cosa ne dici? Mi pare un discorso non del tutto convincente: perché mai l'uomo non potrebbe guardare il mondo per il piacere di scoprirlo e quindi contemplarlo in modo disinteressato? Del resto la filosofia non è nata come una ricerca del tutto disinteressata? La tua è un'osservazione pertinente. Sicuramente una lunga tradizione occidentale che arriva fino a Husserl ha questa ottica "disinteressata". Questo, per Heidegger, vuol sempre dire che l'uomo vede le cose alla luce di un suo piacere estetico, vede quindi le cose come degli "strumenti". L'atteggiamento disinteressato, per lui, non è che un modo di vedere l'utilizzabilità delle cose. L'uomo è un essere "gettato" nel mondo, in una situazione, ma è anche "trascendenza" rispetto a questa situazione nel senso che, in quanto "progetto", va oltre la situazione stessa, va oltre il dato (in direzione del possibile, di qualcosa che non è reale). Cosa ne dici? Mi pare eccessivamente ottimistico il discorso di Heidegger: è noto che sono molte le persone che non si possono permettere dei progetti di vita, di scegliere se stessi in quanto si trovano oggettivamente in condizioni alle soglie della sopravvivenza. Si tratta di persone inchiodate alla loro situazione. E ci sono, pure, persone che non si pongono nell'ottica di "andare oltre" le cose, ma sono schiavi delle cose stesse viste come feticci. Che l'uomo sia condizionato dalla situazione è un fatto per Heidegger. Questi, tuttavia, è convinto che l'uomo, proprio in quanto "poter essere", può sempre andare oltre la situazione di fatto. I progetti dell'uomo, naturalmente, non possono che tener conto dei dati oggettivi che sono a disposizione. La libertà dell'uomo non è la libertà di un angelo, ma di un uomo concreto gettato in questo concreto mondo. Non ci sono uomini schiavi delle cose (ad esempio degli oggetti-feticcio della pubblicità)? Sì. Heidegger parla di "deiezione", cioè di caduta dell'uomo a livello delle cose (una forma di alienazione), deiezione che indica uno stato di vita "inautentica". Per Heidegger la caduta dell'uomo a livello delle cose è data anche dalla "chiacchiera", dalla logica del "si dice". Cosa ne pensi? Mi pare un'osservazione intelligente: ce ne sono di persone che rinunciano ad effettuare una ricerca personale (la ricerca è sempre faticosa anche perché potrebbe mettere in crisi certezze granitiche) per accettare le mode, ciò che pensa e fa in generale la gente o ciò che pensano e fanno i personaggi del cuore. Un'opinione, mi pare, con una forte capacità persuasiva. Un'opinione che è stata con forza sostenuta, ad esempio, da Socrate. La vita inautentica, per Heidegger, è l'esistenza anonima (appunto, del "si dice", del "si fa"), caratterizzata, tra l'altro, dalla "curiosità" (un interesse superficiale per qualsiasi cosa, problema) e dall "equivoco" (dato che tutto è equiparato, non si sa neppure di che cosa si parla). E qual è in concreto l'esistenza "autentica"? Per Heidegger ogni singolo può scegliere un tipo di vita o un altro, può scegliere una "possibilità" o un'altra. Vi è, però, una possibilità a cui nessuno può sfuggire: la morte che è la possibilità che annulla tutte le altre possibilità. L'uomo autentico è "essere per la morte". Cosa ne dici? Mi pare che qui Heidegger rovesci il suo ottimismo in una concezione drammatica dell'uomo. Perché mai l'uomo dovrebbe vivere per la morte? Perché dovrebbe essere così masochista da pensare sempre alla morte? E' vero che la morte è la possibilità che minaccia ineluttabilmente ciascuno di noi, ma è anche vero che sarebbe da sciocchi non vivere la vita (non goderla) per la morte che verrà. Un punto di vista legittimo. Heidegger, tuttavia, non intende dire che l'uomo non debba vivere. L'uomo autentico, per lui, è un "essere per la morte" nel senso che deve avere il coraggio di

3 andare oltre la visione anonima della morte (il "si muore") per vederla come "propria": è in questa luce che può vedere tutte le altre possibilità nella loro giusta dimensione, cioè nel loro non essere qualcosa di stabile, di definitivo. L'uomo autentico, quindi, è chi scopre la sua finitezza, la sua precarietà proprio alla luce di quella possibilità ineluttabile che annulla tutte le altre possibilità, cioè della "propria" morte. E scopre, quindi, la precarietà di ogni suo progetto. E' in questo atteggiamento che riesce in qualche misura a staccarsi dalle cose, dai feticci di cui parlavamo prima. Ed è in questa ottica che l'uomo prova l "angoscia : non si tratta di "paura" (la paura è sempre paura di qualcosa di determinato), ma di un sentimento che ha per oggetto proprio il nulla, un sentimento da cui l'uomo inautentico fugge. Cosa ne dici? Mi pare un discorso analogo a quello di Pascal: secondo questi l'uomo fugge da se stesso (nel senso che si rifiuta di pensare alla propria precarietà) tuffandosi nelle cose, nel "divertissement". Vi è di sicuro un'analogia: per Pascal per sfuggire al pensiero della morte, si butta in mille attività (il cosiddetto "divertissement"). Siamo arrivati, dunque, a scoprire una dimensione tutt'altro che ottimistica nella visione di Heidegger. Possiamo vedervi una dimensione tragica: l'uomo prova l'angoscia di fronte al "nulla", alla possibilità incombente di annullamento di ogni progetto. Come spiegare questa concezione? Indubbiamente ogni autore vive e pensa in un determinato contesto storico che non può non influenzarlo. Heidegger comincia ad elaborare le sue riflessioni poco dopo il primo conflitto mondiale. Certo è difficile cogliere un nesso causale. Ma non è improbabile che la tragedia della prima guerra mondiale abbia in qualche modo creato le condizioni di tale visione del mondo. L'uomo: esserci, trascendenza, essere nel mondo, essere per la morte. E l'uomo è anche "l'essere-con-gli altri. In che senso mai? Non vedo come possa essere spiegata questa caratterizzazione dell'uomo. Se vogliamo essere fedeli al principio fenomenologico, gli altri non si manifestano certo come persone, come individui che pensano: come si potrebbe percepire la mente degli altri? Non hai torto: se si ricorre rigorosamente al principio fenomenologico, non è possibile affermare l'esistenza di altri "io". La coscienza è sempre un fatto "privato": non è consentito a nessuno entrare nella coscienza degli altri. Nonostante tale principio, comunque, già Husserl - nelle "Meditazioni cartesiane" - afferma sostanzialmente che gli altri "io" non sono dimostrati, ma dati proprio come "io". Come non vi è un soggetto senza il mondo, così - per Heidegger - non vi è un "io" isolato (da solo) senza altri "io". L'essere con gli altri è qualcosa di "originario", non qualcosa di dimostrato. E come essere con gli altri? Si è con gli altri in modo inautentico quando si cerca di procurare loro solo delle cose e lo si è in modo autentico quando li si aiuta ad essere liberi, a scegliere se stessi. "Essere e tempo. Abbiamo esaminato l "essere. E il tempo? Il "Dasein" proprio perché è poter essere, è progetto, è orientato verso il "futuro". Il futuro, quindi, è la dimensione fondamentale del tempo. Per Heidegger il tempo può essere - come l'esistenza - autentico e inautentico. Il "presente" inautentico vi è quando l'uomo è tutto assorbito dalle cose da fare, quello autentico (l "istante"), invece, c'è quando l'uomo non si lascia travolgere dalle cose e sceglie il suo destino. Così il "passato": è inautentico il passato quando si accetta passivamente la tradizione, è autentico quando nella tradizione si coglie l'opportunità di rivivere le possibilità dell'uomo che è già stato. A sua volta il futuro secondo Heidegger - è inautentico quando l'uomo è preoccupato solo del successo, autentico quando vive alla luce della morte, un orizzonte che gli impedisce di essere catturato dai progetti mondani. Fermiamoci un attimo. Cosa dici del discorso di Heidegger? Non mi convince non solo perché non tiene conto della nozione scientifica (nonché dell'uomo comune) del tempo cioè della sua misurabilità, ma anche perché si tratta di una concezione che drammatizza la vita umana togliendo ad essa qualsiasi valore al successo, ai progetti mondani: l'uomo vive questa vita, non la vita di un angelo! Un punto di vista legittimo. A proposito del "tempo" presente nella concezione dell'uomo comune e nella scienza, Heidegger lo considera "inautentico". Una precisazione. Non è che Heidegger proponga all'uomo una vita ascetica: l'uomo autentico vive la vita di tutti i giorni (come tutti), ma la vive col distacco caratteristico di chi - alla luce della morte - vede la precarietà, l'insignificanza, la nullità dei progetti umani.

4 Con "Essere e tempo" Heidegger si è posto l'obiettivo di ricercare il senso autentico dell'essere. A tal fine ha iniziato ad indagare quell'ente - l'uomo - che si pone l'interrogativo. Ha trovato l "essere"? No. Ha trovato un "Esser-ci che in ultima analisi è "essere per la morte", che prova l'angoscia di fronte al nulla, che vede la nullità, la precarietà di tutti i progetti mondani. L "essere" non è l'essere di un ente. E allora? Nella "Introduzione alla metafisica " del 1956 riprende la ricerca. La sua tesi di fondo: la metafisica - da Platone ad Hegel, allo stesso Nietzsche - ha perso il senso dell'essere in quanto ha cercato l'essere indagando gli enti. Risultato? Ha concepito l'essere come un "dato", come "qualcosa di presente", come un "oggetto" per cui l "ontologia (la scienza dell'essere) è decaduta in "fisica". Cosa ne dici? La tesi di Heidegger mi pare ingiusta di fronte ai classici. Aristotele non ha proprio studiato l'"essere in quanto essere" (con le sue modalità di potenza, atto, sostanza, accidente...)? Lo stesso Aristotele non ha poi introdotto l'essere sommo che è l'atto Puro, qualcosa che non ha nulla a che fare con gli enti che si presentano come dei dati? Le tue puntualizzazioni sono pertinenti. Heidegger vuole dire che quando si è studiato l'essere in quanto essere, si è di fatto considerato questo essere come sfondo essendo gli "enti" concreti l'oggetto dell'attenzione, approdando ad una vaga metafisica generale. Il Dio introdotto da Aristotele? Heidegger dice che in questo modo l'ontologia è diventata "teologia", smarrendo così il senso dell'essere. Chi è - secondo Heidegger - il responsabile dell'oblio dell "essere"? Platone. Per i filosofi precedenti la verità era il dis-velarsi dell essere : il termine greco che indica la "verità" significa etimologicamente "dis-velamento", "non-nascondimento". Platone, per primo, capovolge il rapporto tra verità ed essere: non è più la verità che si fonda sull'essere, ma è l'essere che si fonda sulla verità (verità intesa come un rapporto stabilito dal pensiero umano che esprime un giudizio). L'essere, quindi, decade a prodotto mentale, viene finitizzato e viene espresso tramite il linguaggio. Ma il linguaggio dell'uomo è in grado solo di parlare di enti, non dell'essere. L'uomo, dunque, non è capace di svelare il senso dell'essere. E allora? Allora, per Heidegger - perché l'uomo possa scoprire il senso dell'essere - occorre che sia lo stesso "essere" a svelarlo. Cosa ne dici? Mi pare che qui Heidegger cada nel misticismo: qui si nega di fatto la capacità dell'uomo di ricercare e si auspica che sia lo stesso "essere" a svelarlo. Ma cos'è questo essere? Dio? Heidegger attende forse una nuova "rivelazione" divina? Vi è chi ha proprio visto in quest'ultimo Heidegger (una fase in cui lo stesso Heidegger ammette di aver effettuato una "svolta ) una vena di misticismo e di irrazionalismo. Heidegger ha risposto che tale critica rivela l'incapacità della cultura moderna di pensare al di fuori di una concezione antinomica, concezione secondo la quale se si nega una tesi, bisogna per forza sposare la tesi opposta. Siamo proprio di fronte ad una "svolta", una svolta in qualche modo anti-umanistica: l'uomo è solo il "pastore" dell'essere, non il padrone. Ma dove si svela l'essere? Nel linguaggio della Poesia: è questo la "casa dell'essere". Nel linguaggio della Poesia non è l'uomo che parla, ma l'essere stesso: da qui l'atteggiamento di "abbandono" all'essere, di ascolto in silenzio dell'essere. Cosa ne dici? Siamo a che fare con un discorso che conferma in modo inequivocabile l'accusa di misticismo, di razionalismo: come si può ragionevolmente credere che la poesia riveli l'essere? E poi cos'è questo "essere" di cui parla Heidegger? Finché questi parlava di "Esserci" o di "enti" il senso era chiaro: ma cos'è questo "essere" se non il tratto comune a tutti gli enti (Dio compreso)? Sono osservazioni e quesiti pertinenti. Per Heidegger il linguaggio della poesia svela il significato dell'essere perché va oltre le cose, allude a qualcosa che trascende l'orizzonte puramente mondano. Ma cos'è questo "essere" che il linguaggio poetico sarebbe in grado di svelare? Il "mistero" che circonda l'uomo, il mondo? Dio? Secondo l'interpretazione di Emanuele Severino l "essere - inteso come "disvelamento", come "non-nascondimento" non sarebbe altro che l'apparire stesso, come la coscienza trascendentale di Husserl. In altre parole l "essere" non è che il manifestarsi originario degli enti, un manifestarsi che non è un produrre, ma è, appunto, un lasciar essere gli enti. Si tratta di un "essere" che non è un "ente", ma non è neanche un nulla assoluto: è la "luce" in cui tutti gli enti si mostrano.

5 La metafisica occidentale - dicevamo - ha dimenticato il senso dell'essere: il primato della tecnica del mondo di oggi non è che un frutto di tale oblio. Cosa dici? Mi pare un po' troppo forzata questa tesi: è noto a tutti che la scienza intesa come dominio dell'uomo sulla natura è stata teorizzata da Bacone prescindendo da qualsiasi riferimento alla metafisica o a qualsivoglia senso dell'essere. Un'osservazione pertinente. Per Heidegger è proprio perché la metafisica è scaduta a fisica, è proprio perché l'uomo ha scambiato l'essere per l'ente, per "oggetto, che è nata la cultura del dominio, della manipolazione, appunto della tecnica. La tecnica, quindi, è figlia legittima della metafisica classica. Si tratta di una tesi che è stata ripresa - in un altro contesto - dal prof. Emanuele Severino. Puoi intuire la ragione di questa ripresa? Per Severino l'essere (tutto l'essere) è eterno, immutabile, necessario: l'uomo occidentale, figlio di una cultura filosofica che sostiene il nascere e il morire dell'essere, è arrivato a teorizzare con la scienza e la tecnica il dominio dell'uomo sull'essere, la facoltà dell'uomo di creare - con la tecnica - dell'essere (qualcosa di nuovo che prima non c'era). E' sostanzialmente questa la tesi di Severino che fa risalire a Platone la teorizzazione degli enti (non dell'essere divino) come enti che nascono dal nulla e ritornano nel nulla. La tecnica, quindi - che punta a manipolare gli enti, a creare oggetti nuovi -, è figlia legittima della metafisica classica che suddivide l'essere in essere immutabile (quello divino: dalle Idee platoniche all'atto Puro di Aristotele) ed in essere mutevole, contingente (che nasce e muore, che non ha l'esistenza per sua natura).

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato Martin Heidegger Nella celebre Lettera sull'umanismo del 1947 Heidegger in polemica con Sartre nega la propria appartenenza all'esistenzialismo. rivoluzione interpretativa: da filosofo dell'esistenza a

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Programma di Filosofia

Programma di Filosofia Programma di Filosofia Anno Scolastico 2013/2014 Sede Liceo scientifico Fabio Besta, Orte Docente Antonella Bassanelli Classe IV B Umanesimo e Rinascimento Capitolo 1: Coordinate storico sociali e concetti

Dettagli

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13

Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Liceo Scientifico di Stato G. BATTAGLINI 74100 TARANTO C.so Umberto I,106 Programma di Filosofia della classe 4 A a.s. 2012/13 Testo in adozione: Abbagnano Fornero La ricerca del pensiero, 2B, Paravia

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA

PROGRAMMA DI FILOSOFIA PROGRAMMA DI FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Docente: Marino Giannamaria Disciplina: Filosofia Classe: IVª Sez.: A Liceo Linguistico Libro di testo: Agorà, a cura di Fabio Cioffi, Giorgio Luppi, Amedeo

Dettagli

JÜRGEN MOLTMANN TEOLOGIA DELLA SPERANZA

JÜRGEN MOLTMANN TEOLOGIA DELLA SPERANZA JÜRGEN MOLTMANN TEOLOGIA DELLA SPERANZA 1. Proposta di Moltmann: lo storicismo rappresenta una svolta fondamentale nella storia del pensiero attiva una concezione dell'uomo e del mondo autenticamente biblici

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Esempi: Se il mio corpo si ferisce, è la mente a sentire il dolore La mia volontà muove il mio corpo La mente sembra essere cosciente del corpo e

Esempi: Se il mio corpo si ferisce, è la mente a sentire il dolore La mia volontà muove il mio corpo La mente sembra essere cosciente del corpo e Il dualismo E una concezione filosofica o teologica che vede la presenza di due essenze o principi opposti ed inconciliabili. Nella filosofia contemporanea, in particolare nell'ambito della filosofia analitica

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

LICEO STATALE S.PERTINI

LICEO STATALE S.PERTINI LICEO STATALE S.PERTINI LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO - SOCIALE PROGRAMMAZIONE DI FILOSOFIA PER IL SECONDO BIENNIO Ore settimanali di lezione: 2 (annuali 66) Sulla base delle Indicazioni

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

H. SCHURMANN, Gesù davanti alla sua morte, Morcelliana, Brescia 1983. Cf Mc 8, 31 Lc 9, 22 17, 25; 24, 44; Mt 16, 21; Gv 3, 14.

H. SCHURMANN, Gesù davanti alla sua morte, Morcelliana, Brescia 1983. Cf Mc 8, 31 Lc 9, 22 17, 25; 24, 44; Mt 16, 21; Gv 3, 14. Gesù e la sua croce necessaria Ha previsto Gesù la sua morte? Che senso vi ha attribuito? E come l'ha integrata nella sua missione? Lo spunto per porre queste domande mi è stato offerto da uno studio di

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30

Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30 S&F_n. 8_2012 Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30 Rintracciare l essenza del nichilismo significa compiere una precisa operazione filosofica: comprendere il senso

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

L educazione nella filosofia greca

L educazione nella filosofia greca 1 di 5 L educazione nella filosofia greca L educazione del cittadino all interno della pólis Il concetto di educazione nella tradizione filosofica greca del periodo classico - sofisti, Socrate, Platone,

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA

IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA IL GIOCO DEL LINGUAGGIO TRA RAZIONALE ED IRRAZIONALE: MITO E LOGOS SAVONA, 19/5/2015 1 ILARIA BOTTALE GIACOMO CAVALERI SAMUELE PUPPO BIBLIOGRAFIA B. RUSSELL, Storia della filosofia occidentale, TEADUE,

Dettagli

SCHOPENHAUER Opera principale

SCHOPENHAUER Opera principale SCHOPENHAUER Nel primo Ottocento la filosofia di Hegel diventa quella prevalente. Non mancano tuttavia, seppur minoritari, filosofi contemporanei ad Hegel, in particolare Schopenhauer e Kierkegaard, che

Dettagli

Hegel: La nascita dello spirito.

Hegel: La nascita dello spirito. Hegel: La nascita dello spirito. dalla Fenomenologia dello Spirito Il testo seguente, tratto dalla sezione Autocoscienza della Fenomenologia dello spirito, è uno dei più celebri dell'opera e di tutta la

Dettagli

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche

Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO Inaugurazione mostra Eventi umani eventi urbani Opere fotografiche Intervengono: Giovanni Chiaramonte fotografo Joel Meyerowitz fotografo Milano 10/11/1999 CMC CENTRO CULTURALE

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO

PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO www.aliceappunti.altervista.org PUNTI CHIAVE IN ORDINE CRONOLOGICO- DELLA FILOSOFIA E DEI SUOI MAGGIORI ESPONENTI UNA SORTA DI RIASSUNTO DEL PROGRAMMA DELLA 4 LICEO 1) CUSANO: (DA CUSANO A KANT) Conoscenza

Dettagli

Esistenza di Dio L'esistenza di Dio non è provata secondo i canoni attuali della scienza, né lo è il contrario. Benché l'esistenza di Dio non sia logicamente incompatibile con le conoscenze scientifiche

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli

LA CONCEZIONE DELL IDENTITÀ SECONDO ZYGMUNT BAUMAN. Testo di riferimento: Intervistasull identità, Z. Bauman, Editori Laterza, Roma-Bari, 2003.

LA CONCEZIONE DELL IDENTITÀ SECONDO ZYGMUNT BAUMAN. Testo di riferimento: Intervistasull identità, Z. Bauman, Editori Laterza, Roma-Bari, 2003. LA CONCEZIONE DELL IDENTITÀ SECONDO ZYGMUNT BAUMAN Testo di riferimento: Intervistasull identità, Z. Bauman, Editori Laterza, Roma-Bari, 2003. 1 LA SOCIETÀ DELLA MODERNITÀ LIQUIDA «La modernità sostituisce

Dettagli

Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo

Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo 1 La Cristianità e le scuole monastiche Diffusione della cultura cristiana Una tradizione nuova che si innesta su

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Francesco Campana, Università degli Studi di Padova In Hegel, the End of

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Cartesio: Meditazioni Metafisiche

Cartesio: Meditazioni Metafisiche Cartesio: Meditazioni Metafisiche Schema riassuntivo Prima Meditazione DELLE COSE CHE SI POSSONO REVOCARE IN DUBBIO 1. Necessità del dubbio metodico È necessario, almeno una volta nella vita, dubitare

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità. Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo.

Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità. Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo. Energia oggi e domani: Sfida ed opportunità Vincenzo Balzani Dipartimento di Chimica G. Ciamician Università di Bologna vincenzo.balzani@unibo.it Scuola di Dottorato in Scienze e Alta Tecnologia Università

Dettagli

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture

La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno. La Riforma protestante e il principio del libero esame delle Scritture Programma di Filosofia Classe IV A A.S. 2012/2013 La filosofia umanistica e rinascimentale. Da Telesio a Giordano Bruno All alba della modernità Che cos è l Umanesimo? Che cos è il Rinascimento? La Riforma

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA: OBIETTIVI

PROGRAMMA DI FILOSOFIA: OBIETTIVI LICEO STATALE DON G. FOGAZZARO CONTRÀ BURCI 21, VICENZA PROGRAMMA DI FILOSOFIA: OBIETTIVI Classe: Quarta Scienze Umane (99 ore annuali) Il programma valorizza nell'attività filosofica il confronto culturale

Dettagli

Renè Descartes CARTESIO

Renè Descartes CARTESIO Renè Descartes CARTESIO Biografia a cura di Zoran Evtoski Anno Accademico 2007/2008 La Vita e le Opere Renè Descartes (latinizzato in Renatus Cartesius) nacque a La Haye nel 1596. Inviato al Collegio gesuitico

Dettagli

Coordinatore del Dipartimento di scienze motorie: prof.ssa Gabriella Pagano

Coordinatore del Dipartimento di scienze motorie: prof.ssa Gabriella Pagano 5.8. SCIENZE MOTORIE Coordinatore del Dipartimento di scienze : prof.ssa Gabriella Pagano Docenti componenti il Dipartimento di scienze : proff. Lucio Bergomas, Carlo Giorgiutti, Antonella Jogna, Aniello

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872)

Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872) Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872) Feuerbach fu forse il più famoso rappresentante della corrente anti-hegeliana. Che appartenesse oppure no ad essa è una questione che qui possiamo tralasciare,

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche

Consiglio Nazionale delle Ricerche 1 Università Ambrosiana Società Italiana di Adolescentologia Consiglio Nazionale delle Ricerche YOUTH SCIENCE ITALY E I GIORNATA NAZIONALE DI EDUCAZIONE ALLA SCIENZA Milano, 30 Novembre 2013 Palazzo Cusani

Dettagli

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

FILOSOFIA PER IL QUOTIDIANO Incontri per il pensiero e la comprensione Conversazioni introduttive aperte a tutti gli studenti del triennio

FILOSOFIA PER IL QUOTIDIANO Incontri per il pensiero e la comprensione Conversazioni introduttive aperte a tutti gli studenti del triennio FILOSOFIA PER IL QUOTIDIANO Incontri per il pensiero e la comprensione Conversazioni introduttive aperte a tutti gli studenti del triennio Liceo Scientifico E. Fermi a.s. 2011-2012 Ragusa Liberi di cominciare.

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma)

12 dicembre 2009. La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti. Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) DISF WORKING GROUP - SEMINARIO PERMANENTE 12 dicembre 2009 La fisiologia delle emozioni e dei sentimenti Prof. Flavio Keller (Neurofisiologia, Università Campus Bio-medico, Roma) Problem solving per il

Dettagli

Ciò è confermato anche dalla frequenza del termine relativo al credere, rispetto agli altri scritti del NT:

Ciò è confermato anche dalla frequenza del termine relativo al credere, rispetto agli altri scritti del NT: IL CREDERE (Pisteuw) NEL IV VANGELO Introduzione Il credere è strettamente legato, secondo quanto già visto, alla crescita nella verità e alla testimonianza. Rispetto alla verità è il mezzo attraverso

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

Domande frequenti sull elaborazione del lutto

Domande frequenti sull elaborazione del lutto Domande frequenti sull elaborazione del lutto La situazione in cui ti trovi è straordinaria e probabilmente molto lontano da qualsiasi esperienza tu abbia avuto prima. Quindi, potresti non sapere cosa

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

INTRODUZIONE. di Vanna Iori

INTRODUZIONE. di Vanna Iori INTRODUZIONE di Vanna Iori La fenomenologia è innanzitutto uno sguardo. Ma per vedere è necessario togliere il velo dei pregiudizi, degli stereotipi, dell ovvio che offusca la realtà, occultandone il senso.

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

www.stephankampowski.com/corsi.html

www.stephankampowski.com/corsi.html Introduzione alla teologia moral fondamentale Prof. Stephan Kampowski Email: kampowski@istitutogp2.it Ufficio: 06 698 95 539 Dopo la lezione le diapositive saranno disponibile qui: www.stephankampowski.com/corsi.html

Dettagli

LABORATORI DI GENOVA 2015/2016

LABORATORI DI GENOVA 2015/2016 LABORATORI DI GENOVA 2015/2016 Introduzione Quest anno, i laboratori organizzati dall AISTAP avranno una specifica finalità e saranno rivolti agli studenti appassionati dei diversi argomenti proposti.

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26

Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26 Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26 Il saggio Bergson e la filosofia tedesca. 1907 1932, permette di penetrare all'interno di alcuni dei

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

La psicologia e la crisi del positivismo

La psicologia e la crisi del positivismo La psicologia e la crisi del positivismo Cerchiamo di chiarire in quale modo il positivismo sia entrato in crisi dall'interno a partire dall'anello più debole dello spettro delle scienze positive, costituito

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Il luogo dell estetico A proposito del Convegno Il corpo del Logos. Pensiero estetico e teologia cristiana

Il luogo dell estetico A proposito del Convegno Il corpo del Logos. Pensiero estetico e teologia cristiana Il luogo dell estetico A proposito del Convegno Il corpo del Logos. Pensiero estetico e teologia cristiana I l convegno che si è svolto lo scorso anno presso la sede della Facoltà Teologica dell Italia

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

DIO HA SEMPRE UN FUTURO PER TE

DIO HA SEMPRE UN FUTURO PER TE DOMENICA 1 DICEMBRE 2013 DIO HA SEMPRE UN FUTURO PER TE Sei ottimista o pessimista? Vedi il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Come affronti i problemi della vita, con speranza o con disperazione, con

Dettagli

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL GIUSRAZIONALISMO CRISTIANO

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali

Il punto di pratica professionale. Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali Il punto di pratica professionale Risarcimento del danno da licenziamento illegittimo: l aliunde perceptum e i recenti orientamenti giurisprudenziali a cura di Antonio Saccone Avvocato - Funzionario della

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

Etnocentrismo e relativismo culturale. Lezione

Etnocentrismo e relativismo culturale. Lezione Etnocentrismo e relativismo culturale Lezione ETNOCENTRISMO ETNOCENTRISMO È IL TERMINE TECNICO CHE DESIGNA UNA CONCEZIONE PER LA QUALE IL PROPRIO GRUPPO (IN-GROUP) È CONSIDERATO IL CENTRO DI OGNI COSA,

Dettagli

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1 XedizionedeIColloquiFiorentini NihilAlienum AlessandroManzoni Sentir,riprese,emeditar IntervistaRaffaeleCavalluzzi 1 ValerioCapasa:«Sentiremeditar»puòsintetizzarel approcciodimanzoniallarealtàsottoilvigilesostegnodella

Dettagli

Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI

Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Capitolo 4 L INTENZIONALITA E LE SUE REGIONI Do1.ssa Mabel Giraldo CHE COS È L INTENZIONALITÀ? Storia e:mologica

Dettagli

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE

LA SCUOLA DI FRANCOFORTE LA SCUOLA DI FRANCOFORTE La Scuola di Francoforte è una scuola filosofica e sociologica neomarxista. Il nucleo originario di tale scuola, formato principalmente da filosofi e sociologi tedeschi di origine

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Pascal

a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Pascal a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Pascal 1623 1662 "se una persona si butta giù da un palazzo, noi fisici sappiamo dire con quale velocità toccherà il suolo, ma non perché lo ha fatto. Non a tutto

Dettagli

Indice Che cos'è la giustizia? ---------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice Che cos'è la giustizia? ---------------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI FILOSOFIA DEL DIRITTO LEZIONE VII "CHE COS'È LA GIUSTIZIA? DI HANS KELSEN" PROF.SSA FLORA DI DONATO Indice 1 Che cos'è la giustizia? ----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Christallin Connection Christallin Methode - Livello 1 Germania

Christallin Connection Christallin Methode - Livello 1 Germania Christallin Connection Christallin Methode - Livello 1 Germania Trainer: Roy Martina Be the Best you can Be Auto-Guarigione, Auto-Realizzazione & Spiritualità, tutto in un unica Soluzione Entra in contatto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli