LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO."

Transcript

1 LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della cultura anti-positivistica contemporanea: l'uomo non è una "cosa" da studiare, ma è radicalmente altro dalle cose. Le cose sono belle fatte, compiute, mentre l'uomo non ha nulla di compiuto: è lui che si fa, che si inventa, che sceglie se stesso. Cosa ne dici? Non mi convince: l'uomo è di sicuro diverso dall'animale, ma è pur sempre un animale evoluto per cui non vedo come non possa essere studiato come si studia qualsiasi oggetto. Come si può spiegare la coscienza dell'uomo senza studiare quel supporto essenziale che è il cervello? Un'osservazione pertinente. Tieni, comunque, presente che la coscienza dell'uomo (e quindi anche la coscienza dello studioso del cervello) è radicalmente diversa da quella "cosa" che studia: si tratta - secondo Husserl, maestro di Heidegger - dell'orizzonte entro il quale si mostrano tutte le cose. L'uomo - dicevamo - non ha nulla di compiuto, ma è lui che sceglie se stesso. Quale uomo? Per Heidegger - come per Kierkegaard - è il "singolo. "Esistente" non è l'uomo in generale, ma l'individuo. Kierkegaard e Husserl hanno indubbiamente influenzato Heidegger. Noti qualche altro influsso? Mi pare di vedere Nietzsche: non è Nietzsche che afferma che l'oltre-uomo deve inventarsi i valori e non considerarli come dei dati? E' vero. Nietzsche teorizza un "oltre-uomo" che non accetta nessun valore come un valore assoluto, come un valore che gli si impone dall'esterno come qualcosa di eterno: è l'oltre-uomo che deve inventare i suoi valori (è quella che viene chiamata la "trasmutazione dei valori"). Il capolavoro di Heidegger è Essere e tempo (Sein und Zeit) del Questo lo scopo che si propone Heidegger: scoprire il senso autentico dell'essere. Come scoprirlo? Occorre in primo luogo indagare chi si pone la domanda sull'essere, cioè l'uomo. E' in questo contesto che si colloca la tesi secondo cui l'uomo non ha una sua natura già definita, ma la sua natura la inventa egli stesso. Heidegger introduce una terminologia originale. Chiama l'uomo "Da-sein", cioè letteralmente "Esser-ci". La filosofia occidentale ha definito l "essere" come "qualcosa che è presente", come "oggetto" del pensiero". Ora il Da-sein non è di sicuro una semplice presenza come le cose per il fatto che è proprio la condizione per cui le cose stesse sono presenti. Qui siamo sulla lunghezza d'onda di Husserl: l'essere-uomo è radicalmente diverso dall'esserecosa in quanto è l'orizzonte in cui possono mostrarsi tutte le cose. Che significato ha il "ci" ( Da, in tedesco) dell "Esser-ci"? Per Heidegger l'uomo è "Esser-ci" nel senso che si trova "gettato" in una situazione, gettato nel mondo. L'uomo è "l'essere-nel-mondo" ( in der-weltsein, in tedesco). Per Heidegger è letteralmente senza senso il problema "gnoseologico" che è scoppiato nell'età moderna con Cartesio e che ha prodotto l'idealismo: l'uomo è aperto strutturalmente al mondo (non vi è un interno - la coscienza - ed un esterno cioè il mondo). Cosa ne dici? Mi pare che Heidegger by-passi il problema gnoseologico senza affrontarlo: come si può dichiarare senza senso un problema che ha tormentato i più acuti cervelli dell'età moderna? E' 1 Nasce a Messkirch nel Discepolo di Husserl, dedica al suo maestro il suo capolavoro "Essere e tempo" del Insegna prima a Marburgo e poi a Friburgo (dove diviene anche, per un breve periodo, rettore). Nel 1929 pubblica "Kant e il problema della metafisica" e "Che cos'è la metafisica". Nel '33, in qualità di rettore dell'università di Friburgo pronuncia un discorso ("L'autoaffermazione dell'università tedesca") in cui appare la sua simpatia per il nazismo. Altre opere (le opere della "svolta"): "La dottrina platonica della verità", "Lettera sull'umanesimo, "Sentieri interrotti", "Introduzione alla metafisica". Muore nel 1976.

2 noto che noi percepiamo delle immagini (forse che le "cose" entrano nella nostra retina?) per cui rimane aperto il problema se dietro queste immagini vi sia qualcosa o no. Vedo che hai presente il travaglio di Cartesio & C. Tieni comunque presente quanto afferma Husserl: ciò che si mostra (il "fenomeno") non è una rappresentazione, una semplice apparenza, ma la cosa stessa (io non percepisco la rappresentazione, l'apparenza di un suono, ma il suono stesso). L'uomo - lo ripetiamo - non ha una natura già definita come le cose, ma è lui che sceglie la sua natura, è lui che sceglie se stesso. L'uomo, quindi, è essenzialmente "progetto" e, dunque, poter essere. Le cose del mondo sono viste originariamente da lui come strumenti per realizzare i suoi progetti. L'uomo non è uno spettatore del mondo, ma è coinvolto in esso e comprende le cose nel momento in cui si rende conto di come usarle per i suoi fini. Cosa ne dici? Mi pare un discorso non del tutto convincente: perché mai l'uomo non potrebbe guardare il mondo per il piacere di scoprirlo e quindi contemplarlo in modo disinteressato? Del resto la filosofia non è nata come una ricerca del tutto disinteressata? La tua è un'osservazione pertinente. Sicuramente una lunga tradizione occidentale che arriva fino a Husserl ha questa ottica "disinteressata". Questo, per Heidegger, vuol sempre dire che l'uomo vede le cose alla luce di un suo piacere estetico, vede quindi le cose come degli "strumenti". L'atteggiamento disinteressato, per lui, non è che un modo di vedere l'utilizzabilità delle cose. L'uomo è un essere "gettato" nel mondo, in una situazione, ma è anche "trascendenza" rispetto a questa situazione nel senso che, in quanto "progetto", va oltre la situazione stessa, va oltre il dato (in direzione del possibile, di qualcosa che non è reale). Cosa ne dici? Mi pare eccessivamente ottimistico il discorso di Heidegger: è noto che sono molte le persone che non si possono permettere dei progetti di vita, di scegliere se stessi in quanto si trovano oggettivamente in condizioni alle soglie della sopravvivenza. Si tratta di persone inchiodate alla loro situazione. E ci sono, pure, persone che non si pongono nell'ottica di "andare oltre" le cose, ma sono schiavi delle cose stesse viste come feticci. Che l'uomo sia condizionato dalla situazione è un fatto per Heidegger. Questi, tuttavia, è convinto che l'uomo, proprio in quanto "poter essere", può sempre andare oltre la situazione di fatto. I progetti dell'uomo, naturalmente, non possono che tener conto dei dati oggettivi che sono a disposizione. La libertà dell'uomo non è la libertà di un angelo, ma di un uomo concreto gettato in questo concreto mondo. Non ci sono uomini schiavi delle cose (ad esempio degli oggetti-feticcio della pubblicità)? Sì. Heidegger parla di "deiezione", cioè di caduta dell'uomo a livello delle cose (una forma di alienazione), deiezione che indica uno stato di vita "inautentica". Per Heidegger la caduta dell'uomo a livello delle cose è data anche dalla "chiacchiera", dalla logica del "si dice". Cosa ne pensi? Mi pare un'osservazione intelligente: ce ne sono di persone che rinunciano ad effettuare una ricerca personale (la ricerca è sempre faticosa anche perché potrebbe mettere in crisi certezze granitiche) per accettare le mode, ciò che pensa e fa in generale la gente o ciò che pensano e fanno i personaggi del cuore. Un'opinione, mi pare, con una forte capacità persuasiva. Un'opinione che è stata con forza sostenuta, ad esempio, da Socrate. La vita inautentica, per Heidegger, è l'esistenza anonima (appunto, del "si dice", del "si fa"), caratterizzata, tra l'altro, dalla "curiosità" (un interesse superficiale per qualsiasi cosa, problema) e dall "equivoco" (dato che tutto è equiparato, non si sa neppure di che cosa si parla). E qual è in concreto l'esistenza "autentica"? Per Heidegger ogni singolo può scegliere un tipo di vita o un altro, può scegliere una "possibilità" o un'altra. Vi è, però, una possibilità a cui nessuno può sfuggire: la morte che è la possibilità che annulla tutte le altre possibilità. L'uomo autentico è "essere per la morte". Cosa ne dici? Mi pare che qui Heidegger rovesci il suo ottimismo in una concezione drammatica dell'uomo. Perché mai l'uomo dovrebbe vivere per la morte? Perché dovrebbe essere così masochista da pensare sempre alla morte? E' vero che la morte è la possibilità che minaccia ineluttabilmente ciascuno di noi, ma è anche vero che sarebbe da sciocchi non vivere la vita (non goderla) per la morte che verrà. Un punto di vista legittimo. Heidegger, tuttavia, non intende dire che l'uomo non debba vivere. L'uomo autentico, per lui, è un "essere per la morte" nel senso che deve avere il coraggio di

3 andare oltre la visione anonima della morte (il "si muore") per vederla come "propria": è in questa luce che può vedere tutte le altre possibilità nella loro giusta dimensione, cioè nel loro non essere qualcosa di stabile, di definitivo. L'uomo autentico, quindi, è chi scopre la sua finitezza, la sua precarietà proprio alla luce di quella possibilità ineluttabile che annulla tutte le altre possibilità, cioè della "propria" morte. E scopre, quindi, la precarietà di ogni suo progetto. E' in questo atteggiamento che riesce in qualche misura a staccarsi dalle cose, dai feticci di cui parlavamo prima. Ed è in questa ottica che l'uomo prova l "angoscia : non si tratta di "paura" (la paura è sempre paura di qualcosa di determinato), ma di un sentimento che ha per oggetto proprio il nulla, un sentimento da cui l'uomo inautentico fugge. Cosa ne dici? Mi pare un discorso analogo a quello di Pascal: secondo questi l'uomo fugge da se stesso (nel senso che si rifiuta di pensare alla propria precarietà) tuffandosi nelle cose, nel "divertissement". Vi è di sicuro un'analogia: per Pascal per sfuggire al pensiero della morte, si butta in mille attività (il cosiddetto "divertissement"). Siamo arrivati, dunque, a scoprire una dimensione tutt'altro che ottimistica nella visione di Heidegger. Possiamo vedervi una dimensione tragica: l'uomo prova l'angoscia di fronte al "nulla", alla possibilità incombente di annullamento di ogni progetto. Come spiegare questa concezione? Indubbiamente ogni autore vive e pensa in un determinato contesto storico che non può non influenzarlo. Heidegger comincia ad elaborare le sue riflessioni poco dopo il primo conflitto mondiale. Certo è difficile cogliere un nesso causale. Ma non è improbabile che la tragedia della prima guerra mondiale abbia in qualche modo creato le condizioni di tale visione del mondo. L'uomo: esserci, trascendenza, essere nel mondo, essere per la morte. E l'uomo è anche "l'essere-con-gli altri. In che senso mai? Non vedo come possa essere spiegata questa caratterizzazione dell'uomo. Se vogliamo essere fedeli al principio fenomenologico, gli altri non si manifestano certo come persone, come individui che pensano: come si potrebbe percepire la mente degli altri? Non hai torto: se si ricorre rigorosamente al principio fenomenologico, non è possibile affermare l'esistenza di altri "io". La coscienza è sempre un fatto "privato": non è consentito a nessuno entrare nella coscienza degli altri. Nonostante tale principio, comunque, già Husserl - nelle "Meditazioni cartesiane" - afferma sostanzialmente che gli altri "io" non sono dimostrati, ma dati proprio come "io". Come non vi è un soggetto senza il mondo, così - per Heidegger - non vi è un "io" isolato (da solo) senza altri "io". L'essere con gli altri è qualcosa di "originario", non qualcosa di dimostrato. E come essere con gli altri? Si è con gli altri in modo inautentico quando si cerca di procurare loro solo delle cose e lo si è in modo autentico quando li si aiuta ad essere liberi, a scegliere se stessi. "Essere e tempo. Abbiamo esaminato l "essere. E il tempo? Il "Dasein" proprio perché è poter essere, è progetto, è orientato verso il "futuro". Il futuro, quindi, è la dimensione fondamentale del tempo. Per Heidegger il tempo può essere - come l'esistenza - autentico e inautentico. Il "presente" inautentico vi è quando l'uomo è tutto assorbito dalle cose da fare, quello autentico (l "istante"), invece, c'è quando l'uomo non si lascia travolgere dalle cose e sceglie il suo destino. Così il "passato": è inautentico il passato quando si accetta passivamente la tradizione, è autentico quando nella tradizione si coglie l'opportunità di rivivere le possibilità dell'uomo che è già stato. A sua volta il futuro secondo Heidegger - è inautentico quando l'uomo è preoccupato solo del successo, autentico quando vive alla luce della morte, un orizzonte che gli impedisce di essere catturato dai progetti mondani. Fermiamoci un attimo. Cosa dici del discorso di Heidegger? Non mi convince non solo perché non tiene conto della nozione scientifica (nonché dell'uomo comune) del tempo cioè della sua misurabilità, ma anche perché si tratta di una concezione che drammatizza la vita umana togliendo ad essa qualsiasi valore al successo, ai progetti mondani: l'uomo vive questa vita, non la vita di un angelo! Un punto di vista legittimo. A proposito del "tempo" presente nella concezione dell'uomo comune e nella scienza, Heidegger lo considera "inautentico". Una precisazione. Non è che Heidegger proponga all'uomo una vita ascetica: l'uomo autentico vive la vita di tutti i giorni (come tutti), ma la vive col distacco caratteristico di chi - alla luce della morte - vede la precarietà, l'insignificanza, la nullità dei progetti umani.

4 Con "Essere e tempo" Heidegger si è posto l'obiettivo di ricercare il senso autentico dell'essere. A tal fine ha iniziato ad indagare quell'ente - l'uomo - che si pone l'interrogativo. Ha trovato l "essere"? No. Ha trovato un "Esser-ci che in ultima analisi è "essere per la morte", che prova l'angoscia di fronte al nulla, che vede la nullità, la precarietà di tutti i progetti mondani. L "essere" non è l'essere di un ente. E allora? Nella "Introduzione alla metafisica " del 1956 riprende la ricerca. La sua tesi di fondo: la metafisica - da Platone ad Hegel, allo stesso Nietzsche - ha perso il senso dell'essere in quanto ha cercato l'essere indagando gli enti. Risultato? Ha concepito l'essere come un "dato", come "qualcosa di presente", come un "oggetto" per cui l "ontologia (la scienza dell'essere) è decaduta in "fisica". Cosa ne dici? La tesi di Heidegger mi pare ingiusta di fronte ai classici. Aristotele non ha proprio studiato l'"essere in quanto essere" (con le sue modalità di potenza, atto, sostanza, accidente...)? Lo stesso Aristotele non ha poi introdotto l'essere sommo che è l'atto Puro, qualcosa che non ha nulla a che fare con gli enti che si presentano come dei dati? Le tue puntualizzazioni sono pertinenti. Heidegger vuole dire che quando si è studiato l'essere in quanto essere, si è di fatto considerato questo essere come sfondo essendo gli "enti" concreti l'oggetto dell'attenzione, approdando ad una vaga metafisica generale. Il Dio introdotto da Aristotele? Heidegger dice che in questo modo l'ontologia è diventata "teologia", smarrendo così il senso dell'essere. Chi è - secondo Heidegger - il responsabile dell'oblio dell "essere"? Platone. Per i filosofi precedenti la verità era il dis-velarsi dell essere : il termine greco che indica la "verità" significa etimologicamente "dis-velamento", "non-nascondimento". Platone, per primo, capovolge il rapporto tra verità ed essere: non è più la verità che si fonda sull'essere, ma è l'essere che si fonda sulla verità (verità intesa come un rapporto stabilito dal pensiero umano che esprime un giudizio). L'essere, quindi, decade a prodotto mentale, viene finitizzato e viene espresso tramite il linguaggio. Ma il linguaggio dell'uomo è in grado solo di parlare di enti, non dell'essere. L'uomo, dunque, non è capace di svelare il senso dell'essere. E allora? Allora, per Heidegger - perché l'uomo possa scoprire il senso dell'essere - occorre che sia lo stesso "essere" a svelarlo. Cosa ne dici? Mi pare che qui Heidegger cada nel misticismo: qui si nega di fatto la capacità dell'uomo di ricercare e si auspica che sia lo stesso "essere" a svelarlo. Ma cos'è questo essere? Dio? Heidegger attende forse una nuova "rivelazione" divina? Vi è chi ha proprio visto in quest'ultimo Heidegger (una fase in cui lo stesso Heidegger ammette di aver effettuato una "svolta ) una vena di misticismo e di irrazionalismo. Heidegger ha risposto che tale critica rivela l'incapacità della cultura moderna di pensare al di fuori di una concezione antinomica, concezione secondo la quale se si nega una tesi, bisogna per forza sposare la tesi opposta. Siamo proprio di fronte ad una "svolta", una svolta in qualche modo anti-umanistica: l'uomo è solo il "pastore" dell'essere, non il padrone. Ma dove si svela l'essere? Nel linguaggio della Poesia: è questo la "casa dell'essere". Nel linguaggio della Poesia non è l'uomo che parla, ma l'essere stesso: da qui l'atteggiamento di "abbandono" all'essere, di ascolto in silenzio dell'essere. Cosa ne dici? Siamo a che fare con un discorso che conferma in modo inequivocabile l'accusa di misticismo, di razionalismo: come si può ragionevolmente credere che la poesia riveli l'essere? E poi cos'è questo "essere" di cui parla Heidegger? Finché questi parlava di "Esserci" o di "enti" il senso era chiaro: ma cos'è questo "essere" se non il tratto comune a tutti gli enti (Dio compreso)? Sono osservazioni e quesiti pertinenti. Per Heidegger il linguaggio della poesia svela il significato dell'essere perché va oltre le cose, allude a qualcosa che trascende l'orizzonte puramente mondano. Ma cos'è questo "essere" che il linguaggio poetico sarebbe in grado di svelare? Il "mistero" che circonda l'uomo, il mondo? Dio? Secondo l'interpretazione di Emanuele Severino l "essere - inteso come "disvelamento", come "non-nascondimento" non sarebbe altro che l'apparire stesso, come la coscienza trascendentale di Husserl. In altre parole l "essere" non è che il manifestarsi originario degli enti, un manifestarsi che non è un produrre, ma è, appunto, un lasciar essere gli enti. Si tratta di un "essere" che non è un "ente", ma non è neanche un nulla assoluto: è la "luce" in cui tutti gli enti si mostrano.

5 La metafisica occidentale - dicevamo - ha dimenticato il senso dell'essere: il primato della tecnica del mondo di oggi non è che un frutto di tale oblio. Cosa dici? Mi pare un po' troppo forzata questa tesi: è noto a tutti che la scienza intesa come dominio dell'uomo sulla natura è stata teorizzata da Bacone prescindendo da qualsiasi riferimento alla metafisica o a qualsivoglia senso dell'essere. Un'osservazione pertinente. Per Heidegger è proprio perché la metafisica è scaduta a fisica, è proprio perché l'uomo ha scambiato l'essere per l'ente, per "oggetto, che è nata la cultura del dominio, della manipolazione, appunto della tecnica. La tecnica, quindi, è figlia legittima della metafisica classica. Si tratta di una tesi che è stata ripresa - in un altro contesto - dal prof. Emanuele Severino. Puoi intuire la ragione di questa ripresa? Per Severino l'essere (tutto l'essere) è eterno, immutabile, necessario: l'uomo occidentale, figlio di una cultura filosofica che sostiene il nascere e il morire dell'essere, è arrivato a teorizzare con la scienza e la tecnica il dominio dell'uomo sull'essere, la facoltà dell'uomo di creare - con la tecnica - dell'essere (qualcosa di nuovo che prima non c'era). E' sostanzialmente questa la tesi di Severino che fa risalire a Platone la teorizzazione degli enti (non dell'essere divino) come enti che nascono dal nulla e ritornano nel nulla. La tecnica, quindi - che punta a manipolare gli enti, a creare oggetti nuovi -, è figlia legittima della metafisica classica che suddivide l'essere in essere immutabile (quello divino: dalle Idee platoniche all'atto Puro di Aristotele) ed in essere mutevole, contingente (che nasce e muore, che non ha l'esistenza per sua natura).

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato Martin Heidegger Nella celebre Lettera sull'umanismo del 1947 Heidegger in polemica con Sartre nega la propria appartenenza all'esistenzialismo. rivoluzione interpretativa: da filosofo dell'esistenza a

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

Hegel: La nascita dello spirito.

Hegel: La nascita dello spirito. Hegel: La nascita dello spirito. dalla Fenomenologia dello Spirito Il testo seguente, tratto dalla sezione Autocoscienza della Fenomenologia dello spirito, è uno dei più celebri dell'opera e di tutta la

Dettagli

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista di Paolo Vanin Settembre 1999 Versione provvisoria Sommario Sommario... II RIPENSARE UN FALLIMENTO FILOSOFICO... 1 Il problema del senso

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton

L infinito nell aritmetica. Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton L infinito nell aritmetica Edward Nelson Dipartimento di matematica Università di Princeton Poi lo condusse fuori e gli disse: . E soggiunse:

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Luca Vanzago. Io/Altro

Luca Vanzago. Io/Altro 1 Luca Vanzago Io/Altro Alterità. Le questioni relative all esperienza che il soggetto ha di altri soggetti sono molteplici e insieme interrelate. Un conto è infatti descrivere in che modo ogni individuo

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

GIOVANNI SIAS 1 La tua domanda è ben posta per me, tutt altro che impropria, perché mi dà modo di precisare alcune cose che non ho ancora detto o che si potevano leggere solo fra le righe. Innanzitutto,

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

DOVE SI NASCONDE LA SALUTE Hans-Georg Gadamer

DOVE SI NASCONDE LA SALUTE Hans-Georg Gadamer DOVE SI NASCONDE LA SALUTE Hans-Georg Gadamer INTRODUZIONE: IL GUARITORE FERITO Il modello medico proposto filosoficamente da Gadamer porta alla teoria del Medico come Guaritore Ferito. In tale interpretazione

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Famiglia e lavoro, cercasi equilibrio 15

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Famiglia e lavoro, cercasi equilibrio 15 ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Famiglia e lavoro, cercasi equilibrio 15 "Quanto vale una vita? Il suo valore dovrebbe essere inestimabile, lui non la pensava più così, una morte del genere

Dettagli

L'Altro e l'apertura all'infinito nella filosofia di Emmanuel Lévinas

L'Altro e l'apertura all'infinito nella filosofia di Emmanuel Lévinas L'Altro e l'apertura all'infinito nella filosofia di Emmanuel Lévinas L'extériorité n'est pas une négation, mais une merveille. E. Lévinas 1 La questione dell'alterità risulta molto affascinante non solo

Dettagli

La santità al femminile

La santità al femminile Chiavari, 25 settembre 2010. La santità al femminile Introduzione Prima di parlare di santità al femminile, vorrei dedicare la prima parte della nostra riflessione alla santità e alla sua condizione nella

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

TEMA 8: LA MORTE UMANA. Tema 8/1: La morte. Martin Heidegger, Essere e tempo. Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53. Longanesi, Milano 1976, 316-324

TEMA 8: LA MORTE UMANA. Tema 8/1: La morte. Martin Heidegger, Essere e tempo. Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53. Longanesi, Milano 1976, 316-324 TEMA 8: LA MORTE UMANA Tema 8/1: La morte Martin Heidegger, Essere e tempo Parte I, Sez. II, Cap. 1, 53 Longanesi, Milano 1976, 316-324 ESSERE E TEMPO di MARTIN HEIDEGGER TRADUZIONE DI PIETRO CHIODI CO-NDOTTA

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

S&F_n. 7_2012 Jacques Derrida L animale che dunque sono

S&F_n. 7_2012 Jacques Derrida L animale che dunque sono Jacques Derrida L animale che dunque sono Introduzione di Gianfranco Dalmasso, Prefazione di Marie Louise Mallet, tr. it. a cura di Massimo Zannini, Jaca Book, Milano 2006, pp. 222, 26 «L animale autobiografico»

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER

ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER Tesi di Laurea di: Calogero Turco Relatore: Ch.mo Prof.Pietro Palumbo ANNO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

1.1. Le origini della filosofia heideggeriana: tra vita e pensiero

1.1. Le origini della filosofia heideggeriana: tra vita e pensiero Capitolo I Genesi e struttura di Essere e tempo Basta un giorno, basta un perché, e tutto comincia in questa noia toccata dallo stupore. L importante è cominciare. A. Camus 1.1. Le origini della filosofia

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO.

Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Romeo Lucioni Il tema dell Essere permea la metafisica ed è il fondamento della filosofia anche se spesso questa sembra attratta

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

LE VOCI DELL ETICA. Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov )

LE VOCI DELL ETICA. Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov ) Letture filosofiche 2010 LE VOCI DELL ETICA Se Dio non esiste tutto è permesso? (Dostoevskij, I fratelli Karamazov ) PERCHÉ L ETICA? Perché, quest anno, un percorso di etica? Cosa è l etica? Quali valori

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Ermete Trismegisto IL KYBALION COLLANA MATEREA. Prima edizione anno 2001. B i b l i o t e c a d i E p i s t e m e Distribuzione Gratuita

Ermete Trismegisto IL KYBALION COLLANA MATEREA. Prima edizione anno 2001. B i b l i o t e c a d i E p i s t e m e Distribuzione Gratuita Ermete Trismegisto IL KYBALION COLLANA MATEREA Prima edizione anno 2001 B i b l i o t e c a d i E p i s t e m e Distribuzione Gratuita 1 IL KYBALION TRE INIZIATI

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Parmenide SULLA NATURA

Parmenide SULLA NATURA Parmenide SULLA NATURA Le cavalle che mi trascinano, tanto lungi, quanto il mio animo lo poteva desiderare, mi fecero arrivare, poscia che le dee mi portarono sulla via molto celebrata che per ogni regione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Sulla questione dell Uno

Sulla questione dell Uno Sulla questione dell Uno Impostazione del problema Può avere interesse riflettere su di un tema così apparentemente arido e astratto come quello dell uno, dell essenza dell uno o dell unità? Intanto, per

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Tra scienza e letteratura. Un possibile incontro

Tra scienza e letteratura. Un possibile incontro Tra scienza e letteratura Un possibile incontro La Terra vista dalla Luna: un tema squisitamente scientifico? Tematica specifica presente in molti autori Aristofane, Luciano di Samosata, Cicerone, Dante,

Dettagli