TTO III ALIANO A ATTO III SPIRITO IT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TTO III ALIANO A ATTO III SPIRITO IT"

Transcript

1 ATTO III

2 un progetto di

3 ATTO III a cura di Annalisa Bergo patrizia emma scialpi vincenzo todaro barbara uccelli

4 Spirito Italiano Atto III a cura di Annalisa Bergo 17 aprile giugno 2013 Inaugurazione mercoledì 17 aprile 2013 Un progetto di FABBRICA BORRONI via Matteotti, Bollate (MI) T Mostra e catalogo a cura di Annalisa Bergo Testi Eugenio Borroni, Annalisa Bergo Progetto grafico Simona Viscardi Fotografie delle opere di proprietà degli autori Allestimento Riccardo Pirovano e Raffaele Nardulli Responsabile Comunicazione Federica Fullin con il patrocinio del Comune di Bollate Si ringraziano Eugenio Borroni e tutto lo staff di Fabbrica Borroni: Federica Fullin, Simona Viscardi, Stefania Bianchi e Gaia Boldorini. Lo staff di allestimento: Riccardo Pirovano e Raffaele Nardulli. I custodi: Franco e Antonietta Jannarone. Fabbrica Borroni ringrazia gli artisti per la serietà nel proprio lavoro e l ironia nella vita. Il curatore, in particolare, ringrazia gli artisti per la condivisione dei pensieri, delle esperienze e dei momenti.

5 indice la differenza fra noi e loro Eugenio Borroni solo il passato ci appartiene Annalisa Bergo patrizia emma scialpi dove sono nata io AB vincenzo todaro (s)oggetti AB barbara uccelli c era una volta, poi due, tre... AB biografie

6 LA DIFFERENZA FRA NOI E LORO Eugenio Borroni Spirito Italiano prosegue nella sua esplorazione delle recenti radici della giovane arte italiana, e questa volta presenta tre profonde riflessioni sull identità, il distacco e l assenza. Vincenzo Todaro indaga sulla sorte delle fotografie di famiglia, espulse dalle loro case, cadute in mano a persone estranee, ritrovate e ricomposte con amore da qualcuno che ne riconosce la storia: la loro identità è scomparsa, ma rimane e riemerge potente e misteriosa la loro capacità di rievocazione di mondi lontani e forse felici. Patrizia Emma Scialpi ricuce e ricompone quello che appartiene e quello che si distacca, nel nobile tentativo, a mia vista riuscito, di non spezzare una storia che va raccontata nella sua interezza e che non deve soffrire per cause esterne. Barbara Uccelli, ricordando la sua e tutte le infanzie, fa riemergere la presenza/assenza dei genitori, le loro voci, i loro comportamenti, proprio nel momento più sacro e misterioso di ogni bambino felice o infelice: quando si spegne la luce e deve venire il sonno, e la giornata appena trascorsa appare come una fiaba vera da raccontarsi senza che nessuno ascolti. La differenza fra noi (gli italiani, gli artisti) e loro (quelli che ancora oggi stanno discutendo cosa fare dell Italia) è tutta qui: noi pensiamo, agiamo, andiamo avanti. Loro stanno fermi come statue di legno a pensare cosa fare di tutti noi. Lo Spirito Italiano è passato da Roma, forse, ma solo in Piazza san Pietro. Speriamo ci ripensi. 9

7 SOLO IL PASSATO CI APPARTIENE 1 Annalisa Bergo 11 NOTE: 1 Seneca, De Brevitate vitae, 10, 2-5. Con questo titolo, che mi appare in questo momento così provocatorio, voglio introdurre l Atto III di Spirito Italiano nel quale, attraverso i lavori presentati, i tre artisti riflettono sul tema del tempo, in particolare della memoria, personale e collettiva. Visto con sospetto e considerato un àncora che ci tiene costretti ad uno stato di sicurezza, impedendoci di evolvere come persone, il passato può essere inteso come negazione delle future possibilità oppure, al contrario, essere alla base della costruzione delle opportunità, grazie alla conoscenza che ci permette di avere di noi stessi. Conoscere il passato per capire il futuro, ci insegnano. Vincenzo Todaro, però, parla di un passato che non gli appartiene. Che operi direttamente sulle fotografie oppure ne riproduca le immagini attraverso la pittura, Vincenzo agisce chirurgicamente rimuovendo i tratti somatici personali dei soggetti raffigurati, in particolare i volti dei quali, però, lascia ancora trasparire l espressione, felice o compunta, attraverso la piega delle labbra; un operazione di spersonalizzazione sistematica di coloro che sono raffigurati nelle fotografie, sconosciuti dei quali non possiamo sapere altro che quello che vediamo. Non sono i nostri ricordi, sono oggetti e come tali non trovano spazio nella nostra memoria personale, ma soltanto nella storia collettiva. Anche Patrizia Emma Scialpi compie una ricerca sulla fotografia del passato, ma la sua analisi si sposta sulla memoria del luogo, intesa come senso di appartenenza ad un ambiente, una particolare condizione naturale o una comunità. L artista lavora non tanto sui soggetti, quanto sul contesto dentro al quale i personaggi si confondono: questi sconosciuti, in posa o intenti nelle loro azioni, sono letti unicamente nel loro legame con l ambiente, in un processo di fusione tra figura e sfondo. Vera protagonista delle fotografie scelte è la nostalgia, considerata come uno dei raccordi fondamentali tra l identità personale e i processi di identificazione collettiva. La riflessione di Barbara Uccelli è delicata nell aspetto, violenta alla comprensione. L artista narra un fatto personale, scava nei suoi ricordi infantili raccontando di un assenza, quella della figura materna, in un momento molto particolare per un bambino: gli attimi prima di andare a dormire. Tutte le favole della buonanotte mancate dell infanzia sono ora riscritte e custodite, in attesa di essere salvate da chiunque scelga di prendersi la responsabilità di averne cura. Memoria personale e memoria collettiva si intrecciano, così come le storie, individuali e familiari, quelle che abbiamo vissuto e che ci vennero tramandate, quelle che possiamo solo ipotizzare che appartengano anche ad altri. Storie reali o forse immaginate, ma comunque, storie e memorie che diventano la base per la scrittura di un seguito, di un presente con il quale dobbiamo riconciliarci.

8 ATTO III

9 patrizia emma scialpi LOVE AND LOSS 4, acrilici su stampa, 20x30cm, 2013, dettaglio

10 DOVE SONO NATA IO 1 L appartenenza è avere gli altri dentro di sé 2 L universo è un infinita costruzione basata su quattro dimensioni: tre relative allo spazio ed una al tempo. Spazio e tempo, che siamo soliti considerare come entità separate, si influenzano reciprocamente. LOVE AND LOSS 4, acrilici su stampa, 20x30cm, NOTE: 1 Il titolo si riferisce al nome attribuito dall artista stessa alla sala in cui sono esposte le opere della serie Love and Loss. 2 Giorgio Gaber, Canzone dell appartenenza, di Gaber - Luporini, 1996, Warner Chappell Music Italiana Srl. 3 Virginia de Micco, Le culture della salute-immigrazione e sanità, un approccio trans-culturale. Nel gioco della memoria, parliamo di un tempo e di un luogo che non sono più, perché ormai passati, ma che possono tornare, in modo differente da come erano ed eravamo anche noi prima, man mano che ci riavviciniamo a quel luogo specifico. Come se, allontanandosi da un preciso spazio, il tempo si dilatasse, diventasse bidimensionale fino a raggiungere lo spessore di una linea, allungandosi all infinito come l orizzonte stampato sulle fotografie. C è un che di spirituale nel movimento oscillatorio che ci porta a toccare diversi luoghi in diversi tempi, cullati in un perpetuo allontanamento e ritorno come dall andirivieni delle onde. Ritornare significa tornare indietro, ma anche ridiventare, diventare qualcun altro, rimpatriare o rincasare. Il dolore del ritorno, una patologia reale meglio nota con il termine nostalgia, è sempre esistito anche se fino al XVII secolo si usava chiamarlo grossolanamente mal du pays, per descrivere un sentimento di tristezza e rimpianto. La nostalgia è un affezione, un dolore della casa che non si riferisce alla casa in quanto struttura materiale, ma a tutta quella sfera di rapporti personali che un individuo ha con se stesso, con altri e con l ambiente sociale e materiale che lo circonda. Affezione, termine dal curioso doppio significato che si riferisce all attaccamento affettivo, ma anche ad uno stato patologico; nella doppia interpretazione si situa anche il significato di nostalgia che è, sì, una disillusione che può portare ad un malessere psichico e fisico, nei casi più gravi, e come tale deve essere risolta attraverso strumenti antropologici che consentono una visione ed un integrazione più profonda dell individuo nell ambiente in cui vive e opera 3, ma è anche una spinta ad andare verso il luogo di origine. Un moto a luogo, un azione di salvaguardia contro tutto ciò che minaccia la nostra identità e, dunque, un rifugio contro le incertezze e lo spaesamento terrifico. Una consolazione condensata attorno a tutti quegli oggetti, generalmente legati in qualche modo alla famiglia o al luogo d origine, che acquistano un significato simbolico o evocativo in relazione ad una condizione di benessere precedente, in realtà spesso idealizzata. Un ruolo fondamentale tra questi oggetti-allegoria è rivestito dalle fotografie di famiglia, estratti da album e momenti di vita salvati così da poter essere perpetuati costantemente, anche se in maniera man mano sempre più falsata dalla ripetizione nella nostra mente.

11 LOVE AND LOSS 8 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013 NOTE: 4 Gioia Perrone, Patrizia Emma Scialpi, Restano cure, in Salento Poesia, luglio Lo sguardo, mentre cerchiamo nuovi dettagli nelle immagini riviste mille volte, ha la tenerezza data dalla consapevolezza del trascorrere del tempo sui colori ingialliti della carta e sui volti dei nostri cari o di sconosciuti. Nella sala Dove sono nata io, stanza in cui si esprime Patrizia Emma Scialpi, il simbolo, interruttore dei sentimenti, è il mare. Una distesa piatta d acqua, un confine non visibile all occhio e, quindi, forse, inesistente. Partendo da riferimenti biografici e dal proprio vissuto, Patrizia conduce la dimensione personale del ricordo verso uno specifico genere: la fotografia al mare. Nella serie Love and Loss gli scatti amatoriali realizzati durante le vacanze estive vengono sostituiti da stampe in cui le figure, seguendo i canoni classici, s innalzano in posizione ieratica a dividere la linea d orizzonte, a volte immersi parzialmente nell acqua, ma più spesso statici sulla battigia, mentre alle loro spalle il mare prosegue la sua litania. Da testimoni di momenti sereni e spensierati, le immagini diventano un tramite di elaborazione nostalgica. L artista concentra la sua analisi sulla memoria del luogo, intesa come senso di appartenenza ad un ambiente, una particolare condizione naturale o una comunità. Patrizia non lavora tanto sui soggetti, quanto sul contesto dentro al quale i personaggi stanno immobili, confondendosi con esso; sagome, simili a idoletti d argilla dopo l intervento pittorico annullante, in posa o intente nelle loro azioni, ma comunque percepiti sempre e unicamente nel loro legame con l ambiente in un processo inziale di fusione tra figura e sfondo: il luogo si fa essere e l essere si fa luogo. Un delicato segno pittorico si stende come una seconda patina, recuperando la gamma cromatica, spesso sbiadita, delle stampe fotografiche per creare un gioco di innesti, quasi una ri-cucitura emotiva 4. Le linee di connessione tra la figura e l elemento naturale proseguono la poetica che Patrizia ha portato avanti in questi anni, un tentativo di instaurare un dialogo interiore tra se stessa e il presente, attraverso la relazione tra passato e futuro. L elaborazione nostalgica, infatti, non è realmente tesa verso un ritorno al passato. Essa assomiglia a uno struggente commiato da una parte del Sé non più presente, quasi fosse un rito funebre necessario per riconciliarsi, in modo a volte dolce altre rancoroso, con il presente. Il ricordo malinconico del passato segnala, dunque, una seppur dolorosa accettazione dello spostamento delle coordinate spazio-temporali, consentendo di riposizionare entro tali coordinate le proprie attese, personali e collettive per il futuro.

12 LOVE AND LOSS 1 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013 LOVE AND LOSS 2 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013

13 LOVE AND LOSS 10 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013 Nella pagina successiva LOVE AND LOSS 3 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013 LOVE AND LOSS 6 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013

14 LOVE AND LOSS 7 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013 Nella pagina precedente LOVE AND LOSS 9 acrilici su stampa, 20x30 cm, 2013 LOVE AND LOSS 5 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013

15 LOVE AND LOSS 11 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013 Nella pagina successiva LOVE AND LOSS 14 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013 LOVE AND LOSS 15 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013

16 In queste pagine LOVE AND LOSS 12 acrilici su stampa, 20x30cm, 2013

17 In queste pagine CARMEN (da una foto di Carmen Mitrotta) acrilici su carta, 35x50cm, 2012

18 vincenzo todaro (un)memory #042, portrait of unknown man, olio e smalto su tela, 40x30cm, 2011, dettaglio

19 (S)OGGETTI Nel Paese della Memoria il tempo è sempre Ora. 1 Credo che la paura più grande per l uomo contemporaneo sia il non-essere. Non essere vissuto o non venir ricordato diventano sinonimi. Perché, dopo di noi, solamente il nostro ricordo sopravvive. Ecco, dunque, il tentativo di ciascuno di vivere in eterno nella memoria di altri. La fotografia, nel suo essere un autobiografia per immagini, è il modo più immediato di suscitare un ricordo alla nostra mente, ma quando il presente si mescola troppo a fondo con il passato, la fotografia acquista valore soltanto in quanto oggetto fine a se stesso, mentre il soggetto impresso (per usare un termine relativo alla vecchia tecnica fotografica) lentamente sbiadisce. 2 Sbiadisce l immagine, più velocemente del ricordo, se questo non viene perpetuato anche attraverso il racconto. Uno scatto fotografico consegna al soggetto raffigurato una vita in un finto eterno presente. Ma i soggetti del passato, nel presente sono sostituiti dall assenza. (un)memory #042, portrait of unknown man, olio e smalto su tela, 40x30cm, NOTE: 1 Stephen King, La canzone di Susannah, Usiamo propriamente il termine sbiadire se parliamo delle vecchie fotografie in cui l immagine veniva impressa sulla carta fotografica; ma, in realtà, anche gli scatti digitali, che rimangono ammucchiati nelle memorie virtuali di fotocamere e computer, vengono via via soppiantate per far spazio a nuovi personaggi ed eventi della vita. L arte di Vincenzo Todaro è uno strumento di analisi antropologica che si muove tra le memorie del passato e il rapporto con la realtà. Le fotografie, punto di partenza dei suoi studi, sono vecchi scatti amatoriali acquistati a poco prezzo nei mercatini o trovate dopo esser state gettate per far posto al nuovo. Un tempo appartenute a qualcuno, queste immagini erano documenti, ricordi affettivi, memorie familiari, sicuramente preziose poiché ogni singolo scatto è frutto di una scelta, è una magia che permette di rivivere più e più volte lo stesso momento. Ora i soggetti sono per noi degli sconosciuti, li guardiamo e ci guardano, ma vediamo solamente la postura, l abbigliamento, usi e costumi di un epoca, possiamo immaginare le relazioni, il tipo di lavoro svolto, formulare ipotesi dagli indizi lasciati. Sono ritratti di persone che sono state care a qualcuno e che, ora, però, probabilmente non sono nemmeno più in vita. Forse chi sono state non ha più importanza. Non per noi, comunque. Perdendo il loro significato originario, le fotografie diventano semplici immagini, oggetti anonimi che parlano unicamente di loro stesse. Ormai svuotate del valore affettivo, Vincenzo ne svuota anche i soggetti: omettendo del tutto o parzialmente i tratti distintivi, l artista ritaglia e asporta i corpi dalle fotografie, nelle pitture non dipinge i volti riportando solamente qualche indizio che lasci trasparire l espressione, le labbra, vagamente l ombra del naso, forse l incavo degli occhi, quasi a voler sottolineare che l unica cosa che conta e che rimane è l emozione al momento dello scatto.

20 (un)memory #101, portrait of unknown boy, olio su tela, 40x30cm, 2011 (un)memory #106, portrait of unknown woman, olio su tela, 40x30cm, 2011 (un)memory #102, portrait of unknown woman, olio su tela, 40x30cm, 2011 NOTE: 3 Da del 16 settembre Che siano fotografie traforate con precisione chirurgica o interventi pittorici su stampe di grande formato, ciò che viene lasciato sono i capelli, con le acconciature povere o ricercate, i gioielli sopra gli abiti da sera o le medaglie appuntate sulle divise militari, i giochi dei bambini. Oggetti, anch essi. Le persone non vivono il presente, l oggetto invece vive in un eterno presente. (un)memories, Somebody s Portraits e AnThROPOS sono le serie presentate da Vincenzo Todaro per Spirito Italiano, di cui le ultime due sono inedite. Studi antropologici che si mescolano a quelli sociali insieme ad un tentativo di classificazione entomologica, studi empirici e imperfetti. Un sottile gioco sul significato del titolo, che oscilla tra l uomo (Anthropos, in greco) e il suo ineluttabile destino (Atropos, una delle tre Moire della mitologia greca che aveva il compito di recidere il filo della vita), accompagnato da un lungo codice numerico identificativo, precede la visione di queste opere che, a prima vista, ricordano le cassette entomologiche per la raccolta ordinata degli insetti. Invece, in bella mostra, ci sono serie di volti allineati, collezioni di soggetti umani, classificazioni di tipologie ordinate per dimensioni e tipo. Ancora una volta, i soggetti non sono altro che oggetto d indagine. Somebody s Portrait, il ritratto di qualcuno, qualcuno l ha fatto, qualcuno se l é fatto fare. Forse una persona importante, facoltosa, i ritratti non sono certo per tutti. Una persona ugualmente dimenticata. Non si tratta di privare queste persone della loro identità o di rubarne la storia personale, si tratta di rendere eterno l attimo, non in quanto persona ma in quanto soggetto-oggetto. Il paradosso del lavoro di Vincenzo è che non è possibile salvare le singole storie perché non ci appartengono, ma è l oggetto in quanto tale che rimane, ricompreso nel grande vortice della storia collettiva. Però, mentre osservo i volti sagomati o il colore che descrive i contorni e la luce, non posso fare a meno di chiedermi, romanticamente, se un giorno il mio ricordo fotografico sarà ammassato in qualche luogo, svenduto o, più probabilmente, rimosso cliccando semplicemente sul tasto canc. Un uomo senza memoria è un ammasso di presente senza futuro. In Inghilterra vive un uomo con gravi problemi di memoria: ricorda i fatti accaduti solamente fino a pochissimi secondi prima. Non riconosce le persone intorno a lui. Vive nello stesso momento più e più volte, senza consapevolezza o memoria. Mi riferisco al caso di Clive Wearing, ex direttore d orchestra che, attualmente, vive in una clinica a Londra. L uomo anni fa è stato colpito da un virus che ha intaccato la parte del cervello deputata all apprendimento e alla memoria, provocando la quasi totale perdita di memoria e l impossibilità di immagazzinare dati e ricordi nel suo cervello. 3

21 Somebody s Portrait 03, olio su fotografia antica originale in cornice di legno, 56x38x5,5cm, 2013 Somebody s Portrait 04, olio su fotografia antica originale in cornice di legno, 56x38x5,5 cm, 2013

22 Somebody s Portrait 01, olio su fotografia antica originale in cornice di legno, 73x58x5,5cm, 2013 Somebody s Portrait 02, olio su fotografia antica originale in cornice di legno, 73x58x5,5cm, 2013 Somebody s Portrait 07, idropittura su fotografia antica originale in cornice di legno, 66x51x5,5cm, 2013 Somebody s Portrait 05, pastelli, carboncino, grafite e gesso su fotografia antica originale in cornice di legno, 60x51x5,5cm, 2013 Nella pagina successiva Somebody s Portrait 06, doratura e grafite su fotografia antica con passepartout originale in cornice di legno, 62x50x5,5cm, 2013

23 (un)memory #019, landscape, olio, acrilico e smalto su tela, 40x40cm, 2010 (un)memory #017, landscape, olio, acrilico e smalto su tela, 40x40cm, 2010 Nella pagina precedente (un)memory #018, sea (the earth at the horizon), olio, acrilico e smalto su tela, 40x40cm, 2010

24 (un)memory #059, woman in landscape, olio su tela, 20x30cm, 2012 (un)memory #063, women and children, olio su tela, 20x30cm, 2012 Nella pagina successiva (un)memory #086, old man, olio e acrilico su tela, 90x60cm, 2011

25 (un)memory #060, woman, olio su tela, 30x20cm, 2012 Nella pagina precedente (un)memory #061, woman and girl, olio su tela, 30x20cm, 2012 (un)memory #064, baby standing, olio su tela, 30x20cm, 2012

26 (un)memory #073, soldier, olio, acrilico e collage su tela, 240x200cm, 2011

27

28 Nelle pagine precedenti dalla serie (un)memory ph#, traforo su foto d epoca in cornice di legno a doppio vetro, dimensioni variabili, 2012

29 (un)memory ph162 traforo su foto d epoca in cornice di legno a doppio vetro, 27x39cm, 2012 Nelle pagine precedente (un)memory ph154 traforo su foto d epoca in cornice di legno a doppio vetro, 18x23cm, 2012 (un)memory ph158 traforo su foto d epoca in cornice di legno a doppio vetro, 21x27cm, 2012 (un)memory ph139 traforo su foto d epoca in cornice di legno a doppio vetro, 13x18cm, 2012

30 AnThROPOS , fotografie vintage, spilli, cornice a cassetta in legno, 19,5x13x5,5cm, 2013 Nella pagina precedente AnThROPOS , fotografie vintage, spilli, cornice a cassetta in legno, 52x39x5,5cm, 2013 AnThROPOS , fotografie vintage, spilli, cornice a cassetta in legno, 26x39x5,5cm, 2013 AnThROPOS , fotografie vintage, spilli, cornice a cassetta in legno, 26x39x5,5cm, 2013 AnThROPOS , fotografie vintage, spilli, cornice a cassetta in legno, 26x39x5,5cm, 2013

31 (un)memory - class diptych, traforo su fotografia d epoca originale in cornici di legno a doppi vetri, due elementi, 23,2x28,5cm ciascuno, white, 2013

32 (un)memory - class diptych, traforo su fotografia d epoca originale in cornici di legno a doppi vetri, due elementi, 23,2x28,5cm ciascuno, black, 2013

33 Barbara Uccelli Bedtime Stories I was never told, Gnome, ceramica, carta pergamena, ceralacca, 16x16x40cm, 2013

34 C ERA UNA VOLTA, POI DUE, TRE... Ninna nanna, ninna oh. È la mia voce quella che sento o è solo un sogno? Un ricordo lontano, che sfuma nella notte. Le notti che arrivano, una dopo l altra, tutte uniche, tutte uguali. Si spegne la luce. È di nuovo buio, è di nuovo solitudine. Ninna nanna, ninna oh. Non c è nessuna voce, solo il silenzio e il mio respiro. 65 Dunque, questa è una storia da leggere ai bambini oppure agli adulti? Forse è una storia per quell infanzia che se ne sta rintanata dentro ognuno, tra i ricordi e i desideri, per chi le favole della buonanotte non le ha ricevute e, invece, continua a cercarle. Luce accesa, luce spenta. Il passaggio dal fracasso del giorno alla solitudine della notte è segnato da quella linea di confine, marcata quanto un incisione. Non c è un momento di transizione tra le due realtà, non c è accompagnamento che esorcizzi le paure prima che si trasformino in mostri. Non ci sono favole lette insieme, con il loro carico evocativo e terapeutico. Luce accesa. Occhi aperti. Infiniti gnomi bianchi e scintillanti si dispongono allineati davanti ai nostri occhi, l espressione serena sotto il cappello a punta. Sono gli aiutanti senza magia delle favole, hanno il compito di vegliare e proteggere i sogni degli indifesi. Saggi e burloni al tempo stesso, sono simboli della crescita perché racchiudono in una sola figura infanzia, età adulta e vecchiaia. La statura è quella di un bambino, ma sul corpo da uomo c è il volto di un vecchio. Sono feticci dell infanzia, contenitori delle angosce e dei desideri, e come tali investiti di potere simbolico: rappresentano le infinite notti da salvare, tutte le notti dell infanzia in cui non ci sono state favole ad accompagnare il sonno che tardava ad arrivare. Ogni singolo gnomo è il custode di una storia, la accudisce, piccola favola mai scritta e mai letta prima. Conoscere il racconto significa spezzare il sigillo, vero e proprio, che la tiene al riparo, svuotare lo gnomo dal suo compito di guardiano. Scegliere, del resto, significa crescere. Infiniti gnomi per le infinite notti a cui ridare favole, perché quelle mancate dell infanzia non potranno essere lette mai più. Allunghiamo le braccia, le nostre mani afferrano una coperta e la tirano sopra la testa, coprendoci del tutto. Così ci sentiamo protetti, in un mondo parallelo fatto di un buio controllabile, un mondo dai confini morbidi e profumati. Una coperta che possiamo tenere sempre con noi, caricandola di tutto il potere affettivo di cui ci sentiamo privati e rivestendola del sacro ruolo di oggetto transizionale.

35 Un racconto di favole mai ricevute, fatto a maglia intrecciando delicatissime storie di carta e inchiostro. Ogni favola è ridotta a una sottile strisciolina di carta, avvolta con cura fino ad ottenere un gomitolo e lavorata ai ferri, per restituirci un manto avvolgente e docilissimo. Luce spenta, occhi spalancati. Sentiamo un metronomo battere i rintocchi, simili al suono regolare dei passi in corridoio. Sono al sicuro, c è qualcuno con me. Davanti a noi scorrono le immagini di una bambina che gioca in una stanza vuota, tic, tac, tic, tac. Il sogno si mescola al ricordo e alla fantasia. Dove siamo? Al buio non lo so. Non ci sono riferimenti, non c è tempo nel dormiveglia infinito. Tratteniamo il respiro, qualcosa si spezza, la rabbia si abbatte sugli gnomi e il loro carico di simboli, mandandoli in frantumi. Gli gnomi esplodono al rallenty, nulla è reale, la porcellana bianca in frammenti sembra meno preziosa. Tic. Il silenzio è più assordante del rumore. Rimangono spazi vuoti tra i volti rassicuranti degli gnomi, sono mancanze imperdonabili e, dunque, mai perdonate. Tac. Per ogni notte salvata c è uno gnomo, per ogni opportunità sprecata, rimangono soltanto i cocci.

36

37

38 Bedtime Stories I was never told, Blanket, carta lavorata a maglia, 105x65cm, 2013

39

40

41 Bedtime Stories I was never told, Video, durata 1 36, riprese e montaggio video di Eleonora Diana, 2013

42

43 ATTO III

44 barbara uccelli vincenzo todaro patrizia emma scialpi

45 patrizia emma scialpi vincenzo todaro barbara uccelli è nata nel 1984 a Taranto, vive e lavora a Milano. Laureata nel 2009 in Beni Architettonici, Archeologici e dell Ambiente presso l Università degli Studi del Salento, è attualmente iscritta al Biennio Specialistico di Arti Visive presso l Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Da settembre 2010 è promotrice, in collaborazione con altri artisti, del progetto UNDERDOGSTUDIO, spazio indipendente per l arte contemporanea. Attualmente si occupa della Sezione Arte di VELUM, blog a cura di Giuseppe Damato per nssmag.com. è nato nel 1978 a Erice, vive e lavora tra Palermo e Sciacca. Diplomato in Decorazione e in Pittura all Accademia di Belle Arti di Palermo. La mia arte è un mezzo di indagine, riflessione e comunicazione, mi interessa l uomo e la realtà, l identità e le storie raccontate dalle cose e dalle immagini. Nella recente serie (un)memories, lavoro sulla perdita di identità e di memoria a partire da vecchie fotografie di sconosciuti. Lavori precedenti indagavano l identità e la memoria relative a non-luoghi, edifici e oggetti in abbandono. Non voglio limitarmi rigidamente dentro tecniche o stili, i quali sono solo mezzi, anche da modificare, ibridare o abbandonare a seconda delle necessità espressive. La mia attuale ricerca è sostanzialmente figurativa, ma una figurazione concettuale, è più importante il pensiero che c è dietro un opera più che l immagine in se stessa. persona comune, amante delle letterature, dei racconti, delle vite altrui. Attenta a ogni forma di relazione, studiosa del pensiero illogico negli scambi affettivi. Nel suo modus operandi è fondamentale l aspetto sottrattivo. Un lavoro è buono se è descrivibile con una manciata di parole e scatena una moltitudine di immagini. Solitamente chiede allo spettatore di essere consapevole del ruolo attivo nella visione. Tematiche ricorrenti sono i rapporti umani, intesi come dialogo che gli uomini hanno con se stessi, con gli altri e con il tempo. Può installare, fotografare, compiere azioni, filmare, scrivere. Non sa disegnare. 87

46 ANNALISA BERGO fabbrica borroni organizza e cura mostre d arte contemporanea dal Attualmente è curatore di Fabbrica Borroni, a Bollate, per la quale ha curato la tripersonale Unonessunocentomila (2011), il concorso UP_nea 12 e la sezione Arti Visive del Festival UP_nea Suburbia in Fabula (2012) presso Villa Arconati, Castellazzo di Bollate (MI). Come curatore indipendente, ha presentato la mostra personale di Angela Viola MA(ta)SSE (2013) e la bi_personale Storie incredibili di persone normali (2012) entrambe presso Oldoni Grafica Editoriale, Milano; la personale Hu die dell artista cinese Pan Wang (Circolo Rossini, Milano 2012). In collaborazione con un gruppo di artisti indipendenti, ha organizzato mostre ed eventi, tra i quali: IL MA, progetto composto da quattro mostre, curate da altrettanti giovani curatori, presentate alla KatyHouse Gallery di Monfalcone e negli spazi di Fabbrica del Vapore a Milano nel 2010; Mulier, performance a cui ha anche partecipato come attrice, presentata nella primavera del 2011 a Milano. nasce a Bollate (MI) da un progetto di Eugenio Borroni, imprenditore e appassionato d arte, che scelse di aprire al pubblico la propria collezione dando vita ad una struttura impegnata a promuovere la giovane arte italiana. La Collezione Borroni, allestita negli spazi di una ex fabbrica di collanti, comprende oltre 500 opere con una vasta rappresentanza della Scuola Romana di Via degli Ausoni, diversi esponenti della Scuola Mediale di Torino e Milano ed un ampia selezione di opere appartenenti alla cosiddetta Nuova Figurazione Italiana. A partire dagli anni 2000, giovani e giovanissimi artisti sono entrati a far parte della Collezione con opere di pittura, fotografia, scultura ed installazione. Infine, sono presenti alcuni tra i principali rappresentanti della street art italiana. Diversi sono stati i progetti a sostegno dell arte italiana, le conferenze e i dibattiti, ma soprattutto le mostre organizzate da giovani curatori, tra le quali: La Nuova Figurazione Italiana. To be continued (2007) a cura di Chiara Canali con la partecipazione di Vittorio Sgarbi, The Word is Yours (2008) a cura di Margherita Salmaso e Chiara Zizioli e Simmetria Personale (2008) a cura di Andrea Gaspari. Sotto la curatela di Fiordalice Sette dal 2009 ha preso avvio il progetto Archiviarti, un lavoro annuale di ricerca e selezione di giovani artisti che si conclude in una collettiva ormai riconosciuta a livello nazionale. Fabbrica Borroni lavora con il territorio, collaborando con il Comune, la Provincia e la Regione, oltre ad operare insieme alle realtà territoriali pubbliche e private per la promozione di eventi artistici e culturali, suscitando dibattiti e incentivando la partecipazione del pubblico.

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI

PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI PRIMO VOLUME: DIVENTARE GENITORI Il concepimento, la gravidanza, il primo anno: la formazione di un legame profondo e le difficoltà del percorso a cura di Emanuela Quagliata e Marguerite Reid Presentazione

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni

Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni Scuola dell Infanzia Duchessa Elena d Aosta Progettazione 2014-2015 3-4-5 anni PROGETTAZIONE 2014/2015 3-4-5 anni Settembre - metà ottobre Accogliere un bambino nella scuola dell infanzia significa riconoscere

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

CONCORSO ARTISTICO-LETTERARIO Radicamenti

CONCORSO ARTISTICO-LETTERARIO Radicamenti CONCORSO ARTISTICO-LETTERARIO Radicamenti PRESENTAZIONE Per il 2015 MdS Editore rinnova il suo impegno per la promozione del territorio toscano, con un concorso artistico-letterario che nasce dalla accostamento

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI

PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI BARBARA PISCINA Animatrice pedagogica cell. 3286766227 e-mail barbara.piscina@fastwebnet.it PROPOSTA DI CORSI DI FORMAZIONE PER DOCENTI Il percorso di formazione vuole essere l occasione per riflettere

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce

Le nove opere esposte a Matera sono ispirate all equilibrio che nell essere umano si stabilisce Venerdì 18 luglio 2014 dalle ore 19 alle ore 20 nella sala meeting di Palazzo Gattini a Matera l artista Smerakda Giannini presenta Entità. Una personale di opere che ritraggono il lavoro di una fotografa

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi

playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi playing // jeanne isabelle cornière e meri iacchi_a cura di silvia petronici museo primo conti fiesole - fi Jeanne Isabelle Cornière Ricordi al vento Scultura in resina, vetro soffiato, fili da pesca,

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ATTIVITÁ LINGUISTICA

ATTIVITÁ LINGUISTICA RITRATTO RITRATTI Il VISO è un insieme di espressioni, di sentimenti e di indizi emotivi che si riflettono e si mescolano con quelli di chi osserva, spesso noi parliamo al viso senza aprire bocca e la

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

80/fotografia. Rodeo Magazine SETTEMBRE

80/fotografia. Rodeo Magazine SETTEMBRE 80/fotografia fotografia/81 Fotografia/melanie schiff A cura di SELVA BARNI 82/fotografia Nella pagina precedente: Bones and Cassettes, 2004. Qui: Lemon and Album, 2004 A destra. In alto: Untitled (Prism),

Dettagli

Students' voices and activecitizenship: cultural issues emerging from blogs

Students' voices and activecitizenship: cultural issues emerging from blogs Workshop n.3 Students' voices and activecitizenship: cultural issues emerging from blogs La voce degli studenti e la cittadinanza attiva: i temi culturali emergenti dai blog Esperti: Prof.ssa Gioia Di

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Arteterapia e Counseling espressivo

Arteterapia e Counseling espressivo Arteterapia e Counseling espressivo Indice sintetico Capitolo primo... PAG. 21 ARTETERAPIA: STORIA, RADICI, PRIMI PASSI E SVILUPPI Capitolo secondo... 63 IL CAMBIAMENTO DELL IMMAGINARIO CREATIVO E DELL

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

Valigie d artista: la valigia di Mirò

Valigie d artista: la valigia di Mirò Scuola dell Infanzia Maria Zoccatelli Dossobuono Unità di apprendimento grandi Valigie d artista: la valigia di Mirò ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PREMESSA La volontà di proporre, nel gruppo d intersezione

Dettagli

A cura della dott.ssa Laura Tassini

A cura della dott.ssa Laura Tassini A cura della dott.ssa Laura Tassini Alla Gentile Att.ne Della Scuola dell Infanzia PROGETTO BABY DANCE DANZANDO S IMPARA D ANZA è una forma di espressione che appartiene alla storia dell uomo e della collettività

Dettagli

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India

Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali educativi fra ASSEFA Torino & ASSEFA India Gr uppo ASS EFA Torino & ASS EFA INDIA Insegnare la nonviolenza Un esperienza di condivisione di idee, sogni, materiali fra ASSEFA Torino & ASSEFA India a cura di Maria Ferrando insegnante di scuola primaria

Dettagli

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita VINO ROSSO TACCO 12 Edito da CAIRO Editore Un estratto da La Perdita Arriva un momento in cui capiamo che un capitolo della nostra vita finisce. Un capitolo si chiude e la vita cambia, inesorabilmente.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Don t Repeat Yourself

Don t Repeat Yourself 1 Don t Repeat Yourself Knowledge can keep us warm and DRY di Giuseppe Vincenzi La sigla che cito nel titolo di questo articolo è uno dei principi della programmazione informatica: citarlo mi è sembrato

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

Intervista. Romano Baratta

Intervista. Romano Baratta Intervista Romano Baratta di LINO CAIRO pubblicato: gennaio 2008 Cairo: Stavo dipingendo un giardino, di notte, nello studio, e a un certo punto ho sentito un venticello provenire dal dipinto che ha fatto

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI I.R.C. CON LA PARABOLA DELLA PECORELLA SMARRITA Questa è una programmazione di una scuola d infanzia statale. Un ora e mezza alla settimana i bambini hanno un insegnante specifica

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

Bambini di 3 anni. Bambini di 4 e 5 anni

Bambini di 3 anni. Bambini di 4 e 5 anni I bambini della scuola dell infanzia del plesso di via Amantea hanno allestito una Mostra con i lavori realizzati con le attività laboratoriali in riferimento al progetto inserito nel POF nell anno scolastico

Dettagli

Mimmo Jodice, perdersi a guardare

Mimmo Jodice, perdersi a guardare Professione Mimmo Jodice, perdersi a guardare Riflessioni sulla fotografia: cos è la fotografia? Cos è la luce? Perché la scelta del bianconero? Cosa cambia con la fotografia digitale? Come avvicinarsi

Dettagli

OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA

OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA OBIETTIVO LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO INTERDISCIPLINARE SUL TEMA NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA 1 Expo Milano 2015 affronterà un tema d importanza fondamentale per il futuro dell umanità:

Dettagli

L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario.

L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario. L Arte della Felicità si fa Centro e diventa un servizio stabile per la città, prendendo sede a Montecalvario. Il Centro nasce come naturale approdo de l Arte della Felicità-incontri e conversazioni, manifestazione

Dettagli

Lo S carabocchio un Percorso A rtistico

Lo S carabocchio un Percorso A rtistico Lo S carabocchio un Percorso A rtistico La mia storia Alessandra Corradini è nata a Busto Arsizio - VA - il 26/08/1967. Laureata nel corso di Pittura dell Accademia di Belle Arti di Brera nell ottobre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità!

TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità! TITOLO: PROGETTO IDENTITÀ Il senso di cittadinanza non ha età: costruiamo le nostre carte d identità! DESTINATARI: Il progetto è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della

Dettagli

Abitare. le metropoli ", le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi " ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag.

Abitare. le metropoli , le foto e il libro di Basilico. AlMaxxi  ritratto da Toni Thorimbert. Basilico MAXXI. L ' anticipazione a pag. Diffusione : 189861 Pagina 1: AlMaxxi " Abitare le metropoli " le foto e il libro di Basilico L anticipazione a pag. 21 LUIGI MORETTI Due scatti della mostra che ha inaugurato il museo nel maggio 2010

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI

CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI CUOLA DELL INFANZIA PETER PAN QUATTROPONTI ISTITUTO COMPRENSIVO POLO I, GALATINA ( LECCE ) Scuola dell Infanzia Plesso di Via Teano a.s. 2013 /2014 Progetto Di Plesso Le storie dove stanno? Ce n è una

Dettagli

"Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia

Mostra Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD Maria Chiara Strappaveccia "Mostra" Memorandum, le foto fatte (e che fanno) storia Clemente Marsicola parla della mostra dell ICCD" Maria Chiara Strappaveccia Il Memorandum. Festival di fotografia storica, arrivato ormai alla IV

Dettagli

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia,

La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, La numismatica (dal latino numisma, a sua volta dal greco: νόμισμα - nomisma - cioè moneta) è lo studio scientifico della moneta e della sua storia, in tutte le sue varie forme, dal punto di vista storico,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali

I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali I docenti della scuola dell'infanzia del 1 Circolo didattico di Qualiano, dopo aver consultato il P.O.F., concordano che le loro scelte progettuali debbano essere attuate in virtù del fatto che al bambino

Dettagli

Citazioni & Frasi I. Analìa Scarpone. L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore.

Citazioni & Frasi I. Analìa Scarpone. L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore. Citazioni & Frasi I Analìa Scarpone L'amore è la forza che ha permesso la creazione, non è mai troppo quel che si da con amore. Prova per un attimo ad essere semplicemente felice, sciogli il passato, vivi

Dettagli

C era una volta un Castellazzo

C era una volta un Castellazzo VILLA ARCONATI PER LE SCUOLE... DELL INFANZIA C era una volta un Castellazzo Una favola animata in cui tutto sarà possibile: fantasia e realtà per una storia d'altri tempi! Attività guidata da un operatore

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

Annalisa D Annibale 2013

Annalisa D Annibale 2013 Annalisa D Annibale 2013 La mia ricerca in questo momento segue due direzioni. La prima riguarda lo studio del suono inteso come immagine puntuale e precisa. In arte il suono viene erroneamente relegato

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina

ANNO SCOLASTICO 2011-2012. PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMAZIONE della SCUOLA DELL INFANZIA La Pellegrina I BAMBINI I GENITORI CONOSCENZA dei COMPAGNI CONOSCENZA degli INSEGNANTI CONOSCENZA del PERSONALE DELLA SCUOLA CONOSCENZA

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Mirella Bolondi, Terra di silenzi

Mirella Bolondi, Terra di silenzi C'è sempre una prima volta a cura di CHIARA BERTAZZONI Mirella Bolondi, Terra di silenzi di CHIARA BERTAZZONI Quando la diversità diventa una ricchezza Con l'appuntamento di questo mese nel nostro salotto

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA*

ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* ADOZIONE: DIVENIRE FAMIGLIA I BAMBINI ADOTTIVI, I GENITORI ADOTTIVI E LA NUOVA FAMIGLIA* *Lavoro presentato il 23 aprile 2010, presso la Biblioteca di Melegnano nell ambito di un ciclo di incontri patrocinati

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

L ERBOLARIO. Fiori scuri

L ERBOLARIO. Fiori scuri L ERBOLARIO Fiori scuri FIORICHIARI. FIORISCURI. FIORI PER LA PELLE. I profumi, le fragranze, rappresentano per tutti noi un intero universo di sensazioni. È facile infatti che ci capiti di associare e

Dettagli

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI

Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI Progetto pedagogico educativo - organizzativo Servizio integrativo CENTRO BAMBINE-BAMBINI / CENTRO BAMBINO-GENITORI spazi: La conformazione particolare del centro bambini/e, strutturato come open space,

Dettagli

Cultura ed Istituzioni contro la strage. a cura di Laura Landi

Cultura ed Istituzioni contro la strage. a cura di Laura Landi Cultura ed Istituzioni contro la strage a cura di Laura Landi Famiglia e disagio È innegabile che la parte prevalente della formazione della persona avviene in famiglia e nei primi anni di vita. Quello

Dettagli

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA

L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA L ATELIER DEL MUSEO IN ERBA CHE ARTISTA MATISSE! Programma 26 settembre 2015 24 gennaio 2016 Piazza Giuseppe Buffi 8 6500 Bellinzona (Svizzera) Prenotazioni (consigliate!): tel. + 41 91 835 52 54 ATTIVITÀ

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza Scuola dell Infanzia Paritaria Beato G. Nascimbeni Via Fossà 1, 37010 Castelletto di Brenzone (VR) Tel. 045.6598480 Fax 045.6598481 e-mail: infanziacastelletto@pssf.it Progetto accoglienza Premessa I primi

Dettagli

Con Lola è più facile

Con Lola è più facile Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi A.S. 2008/2009 Scuola dell infanzia Albertario Scuola dell Infanzia Peter Pan Scuola Primaria Collodi Con Lola è più facile Esperienza di continuità tra scuola dell

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Meccaniche della Meraviglia X Terzo Festival Gardesano della Creatività Giovanile

Meccaniche della Meraviglia X Terzo Festival Gardesano della Creatività Giovanile Meccaniche della Meraviglia X Terzo Festival Gardesano della Creatività Giovanile La mostra Prospettive dal Vicino Oriente - Giovani artisti iraniani in Italia si situa all'interno delle manifestazioni

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli