L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID"

Transcript

1 ARTICOLO 20 FEBBRAIO 2008 L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA MIFID La Markets on Financial Instruments Directive, di seguito MiFID, è la direttiva europea, approvata nel 2004 ed entrata in vigore in tutti i Paesi dell Unione Europea il 1 novembre 2007, che sta rivoluzionato il mondo dell intermediazione e dei mercati finanziari. Il sistema MiFID ha ridefinito il quadro istituzionale comunitario dei mercati, servizi e strumenti finanziari al fine di garantire una maggior tutela del risparmiatore e creare un mercato più integrato, efficace e competitivo in Europa. Il percorso normativo si è sviluppato in tre atti: - la Direttiva di primo livello n. 2004/39/CE, c.d. direttiva MiFID; - la Direttiva di secondo livello n. 2006/73/CE, relativa ai requisiti di organizzazione e le condizioni di esercizio dell attività delle imprese di investimento; - il Regolamento n. 1287/2006, relativo alle operazioni di negoziazione, alla trasparenza del mercato e all ammissione degli strumenti finanziari alla negoziazione. I punti rilevanti della MiFID, che verranno analizzati nel documento, sono sostanzialmente i seguenti: - gli assetti dei mercati e il ruolo degli operatori; - la classificazione della clientela; - le attività di consulenza; - la trasparenza.

2 GLI ASSETTI DEI MERCATI E IL RUOLO DEGLI OPERATORI Prima della MiFID, l investitore che voleva comprare o vendere un azione si rivolgeva al proprio intermediario, in genere uno sportello bancario, e da lì partiva un ordine che finiva in una delle Borse continentali (c.d. exchange), unico luogo autorizzato a negoziare titoli quotati. Oggi i mercati regolamentati non si presentano più come l unico bacino di contrattazione disponibile per eseguire uno scambio azionario: la MiFID abolisce il monopolio dei mercati regolamentati ed affianca alle Borse i sistemi multilaterali di negoziazione (Multilateral trading facilities, MTF) e gli internalizzatori sistematici, piattaforme che potranno eseguire ordini di acquisto e di vendita titoli. Entrambi garantiscono l incontro di interessi multipli, scontano un regime autorizzativo, sono soggetti a regole di comportamento predeterminate e sono sottoposti a vigilanza e a specifici obblighi di trasparenza. L unica reale differenza risiede nel fatto che un MTF potrà essere istituito anche da un soggetto che non abbia ad oggetto esclusivo la creazione e gestione dei mercati, ma possa anche svolgere attività strumentali 1. L internalizzazione sistematica si configura come una modalità esecutiva del servizio di negoziazione svolta dall intermediario per conto proprio che, ponendosi in contropartita rispetto alla clientela, al di fuori delle Borse o degli MTF, imprime organizzazione, frequenza e sistematicità a tale attività negoziale. In tal modo si salterà il passaggio intermedio della Borsa e gli internalizzatori potranno quindi evitare, a beneficio della clientela, le commissioni che Piazza Affari carica sulle transazioni. Per essere riconosciuto come internalizzatore sistematico un impresa di investimento dovrà eseguire in proprio gli scambi in modo organizzato, frequente e sistematico. In tal senso il Regolamento 2 precisa che l attività dovrà: - rivestire un ruolo commerciale importante per l impresa ed essere condotta in base a regole e procedure non discrezionali ; 1 È stata concessa a qualsiasi intermediario la possibilità di avviare per conto proprio sistemi di garanzia o di scambio di depositi monetari Tra le attività consentite inoltre vi è la gestione di sistemi telematici utili per le contrattazioni, la distribuzione di dati afferenti gli strumenti finanziari negoziati o le informazioni sulle società emittenti, la partecipazione in società di sistemi di compensazione e liquidazione. 2 Regolamento CEE n. 1287/2006, art. 21, c. 1, lett. a) e ss. 2/13

3 - essere svolta da personale, o mediante un sistema tecnico automatizzato, destinato a tale compito indipendentemente dal fatto che il personale o il sistema in questione siano utilizzati esclusivamente a tale scopo; - essere accessibile ai clienti su base regolare e continua. La MiFID disciplina esclusivamente la negoziazione di titoli azionari, benché la qualifica di internalizzatore possa riguardare qualunque strumento finanziario. Con la nuova normativa viene dunque realizzata una liberalizzazione dell accesso alle piazze; anche imprese non finanziarie o singoli investitori potranno accedervi purché: - siano in possesso dei requisisti di onorabilità e professionalità; - dispongano di un livello di sufficiente di capacità di negoziazione e di competenza; - possano offrire adeguati dispositivi organizzativi e risorse finanziarie sufficienti, anche per garantire il regolamento delle operazioni. Viene confermata tuttavia la possibilità di interagire da una piazza finanziaria diversa dalla sede della Borsa alle sole imprese d investimento e agli enti creditizi. Con la moltiplicazione delle trading venues il legislatore comunitario ha voluto dar vita ad un sistema più concorrenziale che favorirà la riduzione delle commissioni di negoziazione migliorando il risultato finale per la clientela. In Italia tale obiettivo non può considerarsi ancora raggiunto: per effetto della normativa fiscale gli scambi che verranno realizzati all interno dei sistemi multilaterali di negoziazione e degli internalizzatori sistematici non potranno ancora beneficiare dell esenzione dalla tassa sui contratti di Borsa, prevista invece per i mercati regolamentati. Le piattaforme alternative, quindi, partiranno sistematicamente svantaggiate, in quanto i prezzi, in termini di corrispettivo totale, che l intermediario comunicherà al cliente dovranno essere comprensivi di tutti i costi. La Direttiva MIFID 3 impone alle imprese di investimento di definire ed attuare una strategia di esecuzione degli ordini, c.d. best execution, che consenta di ottenere per gli ordini dei loro clienti il miglior risultato possibile. La best execution deve specificare, per 3 Direttiva CE n. 39/2004, art /13

4 ciascuna categoria di strumenti finanziari, le informazioni circa le varie sedi nelle quali l impresa di investimento esegue gli ordini dei suoi clienti e l importanza assegnata ai fattori che influenzano la scelta della sede di esecuzione. I principali indicatori che devono essere presi in considerazione, al fine di stabilire quale sia il miglior risultato possibile per i clienti, sono: - il prezzo; - i costi; - la rapidità; - la probabilità di esecuzione e di regolamento; - la dimensione e natura dell ordine; - ogni altra considerazione pertinente che può influire sulla qualità di una compravendita. La strategia di esecuzione di un intermediario dovrà essere definita in relazione a ciascun strumento finanziario, non soltanto sui titoli quotati, al fine di assicurare in modo duraturo il miglior risultato. Per determinare l importanza relativa ed ordinare tali indicatori, dovranno essere considerate le caratteristiche del cliente, l ordine, gli strumenti finanziari che sono oggetto dell ordine e le sedi di esecuzione alle quali tale ordine può essere diretto. L intermediario dovrà segmentare la propria clientela e sviluppare una scala di priorità con riferimento a possibili differenti fattori, cercando sul mercato la migliore opportunità di negoziazione tra le trading venues. Tale obbligo viene assolto soltanto per la clientela professionale 4 prendendo in considerazione differenti priorità, mentre per il cliente al dettaglio la migliore esecuzione è garantita quando la sommatoria dei valori che esprimono il prezzo dello strumento, i costi di esecuzione pagati dall intermediario e le commissioni pagate dal cliente realizzano il risultato più economico possibile. Non sono previsti obblighi di best execution per le controparti qualificate, considerate investitori già in possesso di conoscenze ed esperienze tali da poter decidere se una transazione è vantaggiosa o meno. 4 La MiFID individua tre tipologie di clienti: 1. clienti professionali (la Consob identifica quelli privati e il Ministero dell Economia e delle Finanze quelli pubblici); 2. contropartite qualificate (i cd. istituzionali); 3. clienti al dettaglio (definiti in maniera residuale). 4/13

5 Ogni negoziatore dovrà concordare una execution policy che dovrà essere periodicamente verificata e sulla quale il cliente deve esprimere il proprio consenso. Per quanto concerne poi la gestione degli ordini, gli scambi devono essere gestiti assicurando una trattazione rapida, corretta ed efficiente degli ordini rispetto ad altri ordini di clienti e agli interessi di negoziazione dello stesso intermediario. Dubbi sono emersi da parte degli addetti ai lavori in merito alla trasparenza delle dinamiche negoziali. Il legislatore comunitario è intervenuto introducendo l obbligo di comunicazione al mercato degli ordini e delle operazioni eseguite, cd. pre-trade e post-trade transparency (si veda il paragrafo dedicato). Ulteriori perplessità sono emerse in relazione al canale scelto per le comunicazioni: scartata l ipotesi americana di creazione di un unica banca dati pubblica sulle informazioni pre e post-trade, il legislatore comunitario ha affidato il tutto alle spontanee forze del mercato, quali sono le grandi società di servizi e le agenzie di stampa. Tale soluzione, come specificato dalla Consob, potrebbe portare ad una frammentazione dell informazione sulle negoziazioni e se non adeguatamente gestita alla crisi del livello di trasparenza del mercato. Ogni utilizzo delle informazioni relative a ordini pendenti della clientela da parte dell intermediario per negoziare nel proprio interesse i medesimi strumenti finanziari o strumenti correlati dei clienti viene qualificato dalla MiFID come reato finanziario e quindi penalmente perseguibile. CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Il legislatore comunitario ha introdotto un sistema tripartito di classificazione della clientela, superando la bipartizione tra operatori qualificati e tutti i restanti clienti. Secondo la nuova nomenclatura si deve distinguere tra: 1. gli investitori professionali; 2. le controparti qualificate; 3. gli investitori al dettaglio. 5/13

6 Il sistema resta tuttavia dinamico: il cliente viene informato sulla classe di appartenenza e può eventualmente chiedere di cambiare il livello e la correlata forma di protezione. Gli investitori professionali sono coloro che hanno esperienze, conoscenze e competenze tali per cui effettuano una corretta valutazione dei rischi e consapevoli scelte di investimento. Rientrano in tale categoria tutti i soggetti autorizzati a operare nei mercati finanziari, quali: enti creditizi; imprese d investimento; altri istituti finanziari autorizzati; imprese di assicurazione; organismi di investimento collettivo e relative società di gestione; negoziatori in conto proprio su merci e derivati su merci; membri di una Borsa e tutti gli altri investitori istituzionali. Sono poi considerati investitori professionali tutte le aziende che soddisfano almeno due dei seguenti requisiti dimensionali: - totale di bilancio pari a 20 milioni di Euro; - fatturato netto pari a 40 milioni di Euro; - fondi propri pari a 2 milioni di Euro. Rientrano in tale fattispecie anche: i Governi nazionali e regionali; gli Enti pubblici incaricati della gestione del debito pubblico; le banche centrali; le istituzioni internazionali e sovranazionali (es: Banca mondiale, Fmi); altri investitori istituzionali la cui attività principale è l investimento in strumenti finanziari. Potrà, infine, essere qualificato come investitore professionale anche qualunque altro soggetto che ne faccia richiesta e possieda almeno due dei seguenti tre requisiti: 1. aver effettuato operazioni di dimensioni significative sul mercato con una frequenza media di 10 operazioni al trimestre nei quattro trimestri precedenti; 2. detenere un portafoglio di strumenti finanziari, inclusi i depositi in contante, di almeno Euro; 6/13

7 3. aver lavorato per almeno un anno nel settore finanziario in una posizione che presupponga la conoscenza delle operazioni e dei servizi previsti nel contratto con l intermediario. Le controparti qualificate sono un sottoinsieme degli investitori professionali e ne fanno parte: le imprese di investimento; gli enti creditizi; i fondi di investimento; le società di gestione del risparmio; le imprese di assicurazioni; le banche centrali e le organizzazioni internazionali. Gli investitori al dettaglio vengono definiti in maniera residuale, e identificati con quanti non fanno parte delle classi precedenti. A ciascuna classificazione corrisponde un diverso regime informativo e comportamentale in capo all intermediario. C è un obbligo generale di fornire al cliente informazioni chiare, corrette e non fuorvianti, che evidenzino i vantaggi e gli svantaggi dell operazione prima della prestazione di un servizio di investimento. Per gli investitori al dettaglio sono previsti i maggiori livelli di protezione (si veda la tabella riassuntiva riportata nel seguito Fonte: Borsa Italiana). 7/13

8 CATEGORIE REGOLE DI COMPORTAMENTO Investitori professionali Controparti qualificate Investitori al dettaglio Norme di comportamento: le imprese devono agire in modo onesto, equo e professionale per servire al meglio gli interessi dei clienti Test dell'adeguatezza: per il servizio di consulenza e gestione di portafoglio Test dell'appropriatezza: per tutti gli altri servizi di investimento, a eccezione dell'execution only 5 in determinate circostanze Reporting sulle operazioni: comunicazione al cliente dell'esecuzione dei servizi di investimento Best execution: assicurare il miglior risultato possibile per il cliente X No obbligo X X No obbligo X X No obbligo X X X X X No obbligo X Gestione degli ordini: procedure che assicurino un'esecuzione rapida, equa ed efficiente degli ordini, inclusi quelli con limite di prezzo X Solo se agisce come broker X Informazione al cliente: tutte le informazioni, comprese le comunicazioni di marketing, indirizzate ai clienti devono essere corrette, chiare e non fuorvianti Solo se richiesto Solo se richiesto X L intermediario, prima di svolgere un servizio finanziario, deve anche richiedere informazioni al cliente per valutare se quel servizio sia adeguato ed appropriato a chi lo sta per ricevere. Il test dell adeguatezza e quello dell appropriatezza hanno, dunque, lo scopo di sottoporre intermediari e investitori a un processo di reciproca conoscenza. Per svolgere i servizi di consulenza e di gestione di portafoglio l intermediario dovrà richiedere ed ottenere dal cliente informazioni dettagliate, necessarie per verificare (adeguatezza): la conoscenza ed esperienza nel settore di investimento rilevante per il servizio richiesto; la situazione finanziaria; 5 L execution only permette all intermediario di limitarsi a compiere passivamente l operazione senza operare alcun test di appropriatezza. 8/13

9 gli obiettivi di investimento. Quando i servizi sono diversi da quelli di consulenza o di gestione del portafoglio, la regola generale, impone comunque all intermediario di verificare che il cliente abbia il livello di conoscenze e di esperienze necessario per comprendere i rischi che lo strumento o il servizio di investimento richiesto od offerto comporta. Si tratta del test dell appropriatezza che verrà condotto sondando la cultura e la preparazione finanziaria dell investitore. A differenza dell adeguatezza, se l intermediario non riceve le informazioni, può comunque prestare i servizi richiesti, ma avvertendo il cliente di non essere in grado di stabilire se l operazione che è chiamato a svolgere sia appropriata al suo caso. LE ATTIVITÀ DI CONSULENZA Con l entrata in vigore della direttiva MiFID è stato colmato il vuoto normativo in cui versava l attività di consulenza finanziaria. L attività di consulenza finanziaria è, oggi, un servizio regolamentato, che si affianca agli altri che un impresa di investimento già in precedenza poteva prestare. La stessa attività consulenziale, secondo quanto stabilito dal legislatore italiano, che ha recepito la normativa comunitaria in tal senso, può essere svolte anche da persone fisiche dotate di necessari requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimonializzazione, iscritte in un albo professionale di nuova istituzione. Tuttavia non tutte le opinioni sul mondo della finanza possono essere considerate come consulenza. La direttiva MiFID del 2004 spiega che per parlare di consulenza deve esserci una raccomandazione personalizzata ad un cliente, dietro una sua richiesta o su iniziativa dell impresa di investimento, riguardo una o più operazioni relative a strumenti finanziari. Inoltre, la successiva direttiva di dettaglio del 2006 ha circoscritto ulteriormente l ambito della norma. La consulenza personalizzata è un abito su misura, disegnato tenendo conto delle caratteristiche del cliente. L intermediario deve dunque ottenere dall investitore informazioni tali per comprendere la sua propensione al rischio finanziario, quali sono le sue effettive necessità di investimento. In altre parole l intermediario deve sottoporre l investitore al test dell adeguatezza. 9/13

10 Scendendo ancora di più nel dettaglio, proprio perché ci si riferisce ad un attività specifica e non generale, la consulenza può essere svolta solamente in riferimento ad operazioni che rientrano in una delle seguenti categorie: 1. comprare, vendere, sottoscrivere, scambiare, riscattare, detenere un determinato strumento finanziario o assumere garanzie nei confronti dell emittente rispetto a tale strumento ; 2. esercitare o non esercitare qualsiasi diritto conferito ad un determinato strumento finanziario a comprare, vendere, sottoscrivere, scambiare o riscattare uno strumento finanziario. Oltre che da imprese di investimento specificatamente autorizzate a questa attività, le raccomandazioni personalizzate (consulenza) possono essere date anche da persone fisiche. E questa, infatti, la parte più innovativa nel recepimento della direttiva europea, la possibilità accordata alle persone fisiche di proporsi come consulenti indipendenti, senza poter comunque detenere somme di denaro o strumenti finanziari di pertinenza dei clienti. Questi consulenti indipendenti saranno iscritti ad un Albo professionale di nuova costituzione, dotato di autonomia economica, statutaria ed organizzativa. Alla Consob vengono affidati i compiti di: stabilire le modalità di iscrizione all Albo impartire le regole di condotta; definire i criteri di formazione ed aggiornamento professionale dei consulenti; vigilanza. In caso di violazione delle norme statutarie e di gestione dell Albo, i consulenti potranno essere sospesi o radiati. LA TRASPARENZA Se da una parte la deconcentrazione degli scambi punta ad aumentare la concorrenza per ridurre i costi di negoziazione e di compravendita e per migliorare il servizio al cittadinoinvestitore, dall altra la stessa pone la necessità di riflessione sulla trasparenza delle dinamiche negoziali. La concentrazione degli scambi fin qui in essere, grazie alle borse valori, 10/13

11 ha infatti assicurato un eccellente livello di trasparenza, grazie anche all introduzione del mercato telematico. Il legislatore comunitario ha preso in considerazione il rischio di minore trasparenza negoziale imputabile alla deconcentrazione degli scambi, introducendo l obbligo di comunicazione al mercato degli ordini e delle operazioni eseguite, rispettivamente informativa pre-trade e post-trade. Tuttavia è opportuno premettere che gli obblighi di trasparenza stabiliti direttamente dalla MiFID riguardano unicamente le azioni ammesse a negoziazione in un mercato regolamentato, mentre per gli altri strumenti finanziari non è previsto nulla di specifico. La legge comunitaria ha comunque previsto la possibilità per gli Stati membri di applicare i requisiti di trasparenza anche a strumenti diversi dalle azioni. L informativa pre-trade (che precede le negoziazioni) riguarda i prezzi, o meglio le quotazioni dei titoli, e le relative disposizioni di legge o regolamentari. L informazione post-trade (successiva alle negoziazioni) è connessa sostanzialmente al prezzo, al volume e alla data di esecuzione delle operazioni concluse. Devono, in dettaglio, essere comunicate le seguenti informazioni: giorno e ora di negoziazione; identificativo dello strumento finanziario; prezzo; quantità; sede di negoziazione; eventuali scambi determinati da fattori diversi dal prezzo corrente di mercato; eventuali operazioni concordate; eventuali rettifiche. La regola generale è che le informazioni sono pubblicate, per quanto possibile, in tempo reale (al massimo entro 3 minuti), a condizioni commerciali ragionevoli e facilmente accessibili agli altri partecipanti al mercato. La direttiva ha previsto comunque situazioni di deroga dal principio della pubblicazione in tempo reale. 11/13

12 L obbligo di trasparenza va ad incidere sulla gestione dei conflitti di interesse. La normativa prevede, infatti, che gli intermediari sono obbligati ad adottare ogni misura ragionevole per identificare i conflitti di interesse e per gestirli in modo da evitare che incidano negativamente sugli interessi dei clienti. Se le misure adottate per la gestione dei conflitti di interessi non sono sufficienti per assicurare, con ragionevole certezza, che il rischio di nuocere agli interessi dei clienti sia evitato, gli intermediari devono informare chiaramente i clienti, prima di agire per loro conto, della natura generale e delle fonti dei conflitti di interesse. In generale, quindi, la normativa ha introdotto l obbligo per gli intermediari di servire al meglio gli interessi del cliente. 12/13

13 PER APPROFONDIRE AA.VV., 2007, Guida alla MIFID, Il Sole 24Ore, Milano. Girino E., 2007, MiFID: fra rivoluzione e trasparenza, Amministrazione & Finanza, n. 20, pagg Zitiello L. (a cura di), 2007, Mifid. La nuova disciplina dei mercati, servizi e strumenti finanziari, ITA, Torino /13

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

MiFID TUF Regolamento Emittenti

MiFID TUF Regolamento Emittenti La responsabilità dell'intermediario finanziario nelle negoziazioni e nelle gestioni patrimoniali a partire dall'arresto delle Sezioni Unite (19 dicembre 2007, n. 26725) e alla luce della normativa MiFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009

Avv. Fabio Civale. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 3 aprile 2009 I SERVIZI E LE ATTIVITA DI INVESTIMENTO NELLA DISCIPLINA MiFID Linee dell intervento A. Classificazione della clientela

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione di UNICASIM S.p.A. in data 26/11/2014 Premessa e obiettivi del documento La Direttiva 2004/39/CE del Parlamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Le nuove regole di Best Execution della Mifid

Le nuove regole di Best Execution della Mifid Le nuove regole di Best Execution della Mifid TLX s.p.a. Agosto 2006 Pag. 1 Mifid: le nuove regole di Best Execution (B.E.) Agenda: Principi e obiettivi della Mifid: la centralità delle nuove regole di

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale

Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Luca Zitiello Socio Zitiello e Associati Studio Legale Impatto della MiFID sul sistema organizzativo interno degli intermediari. La consulenza e l impatto nell operatività dei promotori finanziari Milano,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI BEST EXECUTION

STRATEGIA DI BEST EXECUTION STRATEGIA DI BEST EXECUTION Execution policy e best execution La normativa MiFID supera la facoltà lasciata agli Stati membri d imporre la concentrazione degli scambi nel mercato regolamentato, per cui

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO

Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO Appunti sul libro Economia della banca I SERVIZI DI INVESTIMENTO I SERVIZI DI INVESTIMENTO Tali investimenti danno origine alla raccolta bancaria indiretta, termine con il quale si identificano alcuni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007

La Direttiva Mifid. Principali novità e procedure di adeguamento. Avv. Fabio Civale Milano, 17 aprile 2007 La Direttiva Mifid Principali novità e procedure di adeguamento Milano, 17 aprile 2007 1 Linea dell intervento A. La Direttiva MIFID B. Regole di condotta e categorie di clientela C. Valutazione di adeguatezza

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc

O:\TesoreriaFinanza\MIFID\per sito internet\approfondimento Mifid.doc La nascita della MIFID. Il 21 aprile 2004 è stata approvata dal Parlamento europeo la direttiva 2004/39/CE Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI

CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI CLASSIFICAZIONE DEI CLIENTI A seguito dell'attuazione della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari (MiFID) nell'unione Europea e in accordo con i servizi e attività di investimento e

Dettagli

SOMMARIO. Indice autori... 5. La nozione di mercato più pertinente. Criterio di collegamento

SOMMARIO. Indice autori... 5. La nozione di mercato più pertinente. Criterio di collegamento SOMMARIO Presentazione... Introduzione... Indice autori... VII XIII XV CAPITOLO 1 Introduzione al quadro normativo dopo la direttiva MiFID 1. Preambolo... 3 2. Il quadro normativo anteriore al novembre

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007 CASSA RURALE DI LEDRO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Data 29.10.2007 Aggiornata in data 12/10/2012 Indice PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno LA NORMATIVA MIFID DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno Delibera CdA del 29 Ottobre 2007 La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012 Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale Edizione Dicembre 2012 DETTAGLIO DELLE VENUES E DEGLI INTERMEDIARI PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI E NEGOZIAZIONE

Dettagli

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI)

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) Tipo: Redazione: Approvazione: Data rilascio: Policy Revisione Data Tipologia di aggiornamento 1 17/12/2014 Revisione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento

L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento L evoluzione della disciplina dell intermediazione finanziaria: la prestazione dei servizi di investimento Pierluigi Angelini Responsabile Settore Finanza - ABI 5 Maggio 2006 8 Maggio 2006 Milano, Palazzo

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY DI CLASFICAZIONE DELLA CLIENTELA Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. CATEGORIE DI CLIENTI PREVISTE DALLA MIFID...2 3. CRITERI DI CLASFICAZIONE

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela

Policy di Classificazione della Clientela Policy di Classificazione della Clientela INDICE 1. CONTENUTI DEL DOCUMENTO... 3 2. RIFERIMENTI RMATIVI... 3 3. CATEGORIE DI CLIENTELA... 4 3.1 Clientela professionale... 4 3.2 Controparti qualificate...

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

4. I nuovi mercati ufficiali

4. I nuovi mercati ufficiali 4. I nuovi mercati ufficiali (Ilaria Rega) 4.1 I nuovi mercati ufficiali Il filosofo e giurista Gian Battista Vico quando affermò: Paion traversie e sono opportunità non poteva immaginare quanto, qualche

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE

LENZI & ASSOCIATI STUDIO LEGALE LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA DELLE BANCHE QUALI INTERMEDIARI FINANZIARI: GLI OBBLIGHI INFORMATIVI E DI PROFILATURA DELLA CLIENTELA DOPO LA MIFID CASTELLANZA 11 MARZO 2010 ROBERTO LENZI

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c.

Policy di Classificazione della Clientela. Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Policy di Classificazione della Clientela Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA s.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre 2015 BCC Bergamasca e Orobica s.c. Policy classificazione clientela

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA FEBBRAIO 2013

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA FEBBRAIO 2013 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC AGRIGENTINO SOCIETA COOPERATIVA LA NORMATIVA MIFID FEBBRAIO 2013 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la

Dettagli

Strategia. degli ordini

Strategia. degli ordini Strategia di Trasmissione degli ordini Edizione 05/2012 INDICE Premessa 2 Fattori e criteri di esecuzione 2 Strategia di trasmissione degli ordini 2 Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

MiFID. La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti?

MiFID. La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti? MiFID La direttiva che rivoluziona i mercati finanziari europei. Tutti pronti? MiFID: la direttiva Negli ultimi anni il panorama finanziario europeo ha vissuto un importante riorganizzazione strutturale

Dettagli

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID)

La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) (e relative norme di 2 livello: Direttiva 2006/73/CE e Regolamento 1287/2006) Regulation & Post Trading Division Fabrizio Plateroti Elena

Dettagli

NOVITÀ IN ARRIVO, COSA CAMBIA CON LA MIFID E COME APPROFITTARNE

NOVITÀ IN ARRIVO, COSA CAMBIA CON LA MIFID E COME APPROFITTARNE INVESTIMENTI NOVITÀ IN ARRIVO, COSA CAMBIA CON LA MIFID E COME APPROFITTARNE 2 Caro cliente, che tu abbia investito in obbligazioni, azioni, titoli di stato o fondi comuni, che tu sia un esperto trader

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione 01/014 INDICE Premessa Fattori e criteri di esecuzione Strategia di trasmissione degli ordini Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli