Il Cannocchiale. La Redazione 2011 / Nov / Dic Le Rubriche. Giornale dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Cannocchiale. La Redazione 2011 / 2012. Nov / Dic 2011. Le Rubriche. Giornale dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei"

Transcript

1 Il Cannocchiale Giornale dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei Anno VII - Numero 1-2 La Redazione 2011 / 2012 Nov / Dic 2011 Le Rubriche Cronaca e Attualità pag. 2 Spazio Creativo pag. 6 Pillole di Cultura pag. 8 Tradizioni e Curiosità pag. 11 Recensioni e Cinema pag. 16 Attività e Progetti pag. 17 Per Sorridere un po pag. 23 Prof.ssa Maria A. Cianciaruso Dott.ssa Laura Pazienti Prof.ssa Rosa Liquori Prof.ssa Grazia Maddaloni Prof. Paolo Zannella

2 Pagina 2 Cronaca e Attualità Il Cannocchiale LE CONDIZIONI DA RISPETTARE PER DIVENTARE ITALIANI PER GLI EXTRACOMUNITARI. Manca poco ormai all'entrata in vigore di una nuova norma che riguarda gli extracomunitari. La legge prevede che tutti gli immigrati devono avere il permesso di soggiorno a punti, sono obbligati a rispettare tutte le leggi vigenti, devono saper parlare la lingua italiana, conoscere almeno i principi fondamentali della nostra Costituzione e devono essere consapevoli di come funziona il nostro sistema sanitario, scolastico e lavorativo; inoltre hanno l'obbligo di mandare i propri figli a scuola e pagare le tasse. Il permesso di soggiorno, si dice a punti perché per ottenerlo è necessario accumulare ben 30 punti o meglio: inizialmente alla richiesta del permesso, lo straniero ottiene 16 punti base che poi devono essere incrementati svolgendo attività di volontariato, imprenditoriali o conseguire dei titoli di studio. É bene precisare che i punti possono anche diminuire nel corso del tempo, se lo straniero viene condannato o sanzionato dalla legge. Il permesso di soggiorno è un vero e proprio contratto che lo straniero fa con lo Stato italiano e ha la durata di 2 anni, tempo che ha a disposizione per accumulare i punti altrimenti si viene bocciati ; se l'immigrato viene respinto, gli verranno dati ulteriori 12 mesi per accumulare crediti e verrà offerta una giornata educativa da impiegare nello studio delle leggi italiane; è obbligatorio usufruire di tale giornata altrimenti si perdono 15 punti dei 16 iniziali. Dalla Libera Marco 5^ A EL

3 Anno VII numero 1 2 Cronaca e Attualità Pagina 3 IN NOVE ANNI LAVORA SOLO SEI GIORNI ARRESTATA PER TRUFFA La volpe del sant ORSOLA è caduta in trappola.. Ci troviamo nell ospedale Sant Orsola a Bologna. Qui una donna assunta da nove anni come operatrice socio-sanitaria ha lavorato effettivamente solo sei giorni e ha anche detto molte bugie : ha detto di essere laureata, di lavorare come psicologa, di aver avuto una gravidanza a rischio, di aver avuto gravidanze interrotte, di aver avuto un figlio nel 2004 e uno nel La donna sosteneva di dover badare ai figli che in verità non sono mai nati, presentando all ospedale documenti falsi di due maternità e di malattia, diceva anche che era dovuta andare a partorire in Spagna. Oltre a questo presentava innumerevoli certificati, falsi anche questi, di malattie contratte in ospedale mentre assisteva i pazienti. La definiscono come un fantasma che per anni si è goduta tempo libero, casa, marito ed una figlia, l unica vera. Come è stato possibile tutto ciò? Tutta questa truffa non può averla messa in piedi da sola ma sicuramente è stata aiutata da qualche complice o da una troppa superficialità o negligenza dei suoi superiori: hanno riscontrato la complicità di alcuni medici, di due consultori, dell Inps e soprattutto dei dirigenti del Sant Orsola, pertanto ci sono in corso le indagini su quanti potrebbero averla aiutata. I carabinieri la definiscono come una donna furba e scaltra, come qualcuno che conosca benissimo il sistema sanitario dell ospedale, tanto da poterlo raggirare per tutto questo tempo senza essere scoperta. Assunta negli anni novanta e licenziata pochi mesi fa per aver toccato il limite massimo di assenze, ora si trova agli arresti domiciliari ed è indagata per truffa aggravata ai danni di enti pubblici, la sanzione che dovrà pagare per ora supera i euro ma è destinata a salire ancora. Cari cittadini, sono proprio questi i fatti che ci indignano, soprattutto ora che ci ritroviamo in una fase di crisi, una situazione creata anche dal clientelismo, dall omertà, dalla disonestà e dalla corruzione: è ora di reagire!! Chi sa che parli, denunci e renda pubblici comportamenti scandalosi come questo che danneggiano e frodano la COMUNITA. Vitelli Gabriele 4^ A Mc Il nostro giornale è scaricabile dal sito nella sezione: Giornale d istituto

4 Pagina 4 Cronaca e Attualità EMIGRATI E IMMIGRATI Il Cannocchiale Il passaggio tra 800 e 900 è segnato dal fenomeno dei flussi migratori:si emigra dalle aree più povere e meno industrializzate dell Europa sia verso le regioni più industrializzate del Continente sia verso quella America che diventa per milioni di europei una nuova Terra promessa. Questo flusso migratorio non solo caratterizza il fenomeno economico, sociale e culturale, ma segna la maturazione della società statunitense, costituendola come primo esempio e modello di melting pot. Anche il passaggio fra Ventesimo e Ventunesimo secolo è segnato da un enorme fenomeno migratorio. Ma questa volta i migranti muovono dall Europa dell Est, dal Nord Africa, dal Medio Oriente e anche dalle nazioni più povere dell Africa verso i Paesi più ricchi del vecchio continente. Ancora una volta ripetiamo il confronto con il migrante, ora percepito come straniero e nemico, ora come persona da accogliere e da accompagnare nella costruzione di una società multietnica. Alla fine del 2005 gli immigrati regolari in Italia erano pari al 5,2% della popolazione. Il loro numero cresceva all incirca di unità all anno, tanto da far ipotizzare un raddoppio nei successivi dieci anni. Si trattava di un processo tumultuoso che poneva il nostro Paese in una posizione inedita:da esportatore di emigrati era diventato importatore di immigrati. I due terzi degli immigrati erano venuti in Italia per lavoro e circa un quarto per motivi di famiglia. Le loro retribuzioni erano mediamente pari alla metà di quelle degli italiani. Nel 2004, in Italia, i cristiani diventarono per la prima volta la maggioranza assoluta della popolazione immigrata,grazie soprattutto all aumento dei flussi migratori provenienti dall est Europa. L islam con i suoi fedeli, era la seconda religione d Italia. Seguivano poi l induismo, il buddismo e l ebraismo. Nel 2005 furono segnalati circa 860 casi di discriminazione che riguardavano soprattutto gli africani e il colore della loro pelle. Il 40% degli italiani era convinto che gli immigrati fossero quelli maggiormente coinvolti nelle attività criminali. Tra il 1890 e il 1925 furono gli italiani ad andare verso gli USA dove vivevano in condizioni disumane e molti di loro vennero uccisi, ma con la prima guerra mondiale questo flusso dei nostri emigrati si interruppe. Come i nostri emigrati un secolo fa, anche gli immigrati che giungono nel nostro Paese fanno fatica a parlare la nostra lingua (vuò cumprà), vanno a occupare settori del mercato del lavoro abbandonato dai nostri connazionali, vivono in agglomerati affollati e come i nostri emigrati di un secolo fa manifestano la loro fatica ad integrarsi. Venditti Stefano 5^B EL

5 Il Cannocchiale Cronaca e Attualità Pagina 5 Flanella e toni bassi. Addio <<giuramenti-spettacolo>> La cerimonia del giuramento del nuovo governo tutto sembrava meno che un p a s s a g g i o storico affidato dai protagonisti alla buona sorte. A giustificare questa impressione è stata l immagine del ministro Bassolino che si era presentato stringendo in tasca un <<cornaciello e corallo>>. Per dirla tutti i professoroni e i funzionari chiamati a leggere la formula di rito in calca di fotografi e microfoni e telecamere mai viste prima, davano l impressione di essere a proprio agio come se stessero semplicemente entrando a far parte di un nuovo consiglio di amministrazione. L età probabilmente sessantatrè anni di media. No, non è un Paese per giovani. Tutto molto serio, grigio, quasi spento. A guardarli veniva in mente una battuta di Indro Montanelli che, borbottava davanti all ennesimo cambio a Palazzo Chigi, sentenziò:<<il miglior augurio che possiamo fare al nuovo governo è che duri abbastanza da permetterci di mandare a memoria i ministri>>. E lo scriveva ai tempi del pentapartito, quando i ministri si spostavano in continuazione ma erano sempre gli stessi. Qui no, tutti nuovi. Notissimi nei convegni, nelle università, nei simposi e nelle biblioteche. Ma quasi del tutto estranei, grazie a Dio, al teatrino politico e televisivo. E come uno si affaccia nel salone è tutto un darsi di gomiti dei fotografi:<<ahò,e questo?>>. Rapida consultazione di foglietti volanti con le foto:<<dev essere Barca>>. <<Sicuri? Nun sarà Giarda?>>. Sospiri di rimpianto per le care certezze del passato. Forlani, Gasparri, Taviani e Romita I <<Rieccoli>> delle facce notissime erano così tanti che ogni new-entry era una festa. Come il giorno in cui apparve per giurare come responsabile dei beni culturali la leggendaria Enzina Bono Parrino:<<Emozionata, signora ministro?>> <<Pepplessa direi Più che altro pepplessa>>. Non c era giuramento che non regalasse un aneddoto. Ed ecco Ottaviano Del Turco, che, fatto ministro delle finanze del governo Amato, va subito a schiantarsi per l emozione. <<Scusi signor ministro:se lo fa da se il 740?>> <<No me lo ha fatto sempre Tremonti>>. Immediato il coro dei cronisti:<<gajardoooo!>>. Mentre i nuovi ministri sfilano uno dietro l altro davanti a Napolitano, si avverte la mancanza di Gianni Pennacchi, del Giornale. Era fratello di Laura, economista diessina, e Antonio, lo scrittore fascista - comunista. Ne aveva seguiti tantissimi, Pennacchi, di giuramenti, prima di andarsene per colpa di uno stupido e tragico incidente. E a rileggere oggi la cronaca dell ultimo, quello del Berlusconi IV, si avverte la distanza siderale col Governo appena insediato. Ecco Ignazio La Russa che <<non sta zitto un minuto>> e quando va a giurare il cavaliere gli fa segno con le dita a forbice di tagliarsi la barba perché<<avevano scommesso che in caso di vittoria avrebbe rinunciato al suo celebre pizzo mefistofelico>>. Ecco Bossi che <<fa il duro: Chi diavolo ci ferma! >>. E poi ecco le ministre, quelle che sua emittenza chiamava <<le mie bambine>>: <<Per Stefania Prestigiacomo si è aperto un dibattito tra i giornalisti: quelli di sinistra la vedevano in viola e quelli di destra in blu notte, la sua addetta stampa s è affrettata ad informare che trattavasi di un modello Alberto Biani in Blu marine, la nostra esperta ha meditato su un punto indescrivibile di viola che s avvicina molto al prugna >>. DI VINCENZO MATTEO IV^ A MECC

6 Pagina 6 Spazio Creativo Novelle Pasticciate Ingredienti: saggezza, astuzia ed umanità Il Cannocchiale Le Mele d oro Sono oramai anziano e voglio lasciare testamento di un importante vicenda che ha caratterizzato la vita di molte persone. Tutto si è svolto in un paesino situato nel centro della Val di Non dove abitavano persone semplici, vivevano della raccolta dei frutteti. Raccoglievano mele, le più buone che il palato dell uomo abbia mai potuto assaggiare, venivano soprannominate mele d oro per il loro colore giallognolo e per il loro sapore unico. Un giorno gli abitanti di quel paesino si svegliarono con un frastuono nella mente. Delle ruspe stavano lavorando alla costruzione di una superstrada che avrebbe dovuto collegare l Austria e l Italia. Il progetto comprendeva inoltre la costruzione di un ponte che avrebbe sovrastato i campi, danneggiando e modificando irrimediabilmente il sapore del magnifico frutto. Gli abitanti decisero di eleggere un loro rappresentante per portare all impresa costruttrice il loro parere sull opera in costruzione. Fu l anziano del villaggio, rappresentativo di saggezza e risolutezza, a ricevere l incarico. Il nonnino andò al cantiere per discutere con il direttore dei lavori di modo da convincerlo del danno incalcolabile che stava per essere fatto al villaggio, descrivendogli il prezioso tesoro che nascondeva, e implorandolo di risparmiare il frutteto deviando di poco il percorso della strada. Arrivato dinanzi al direttore il nonnino espose il tutto ma venne non solo deriso, ma anche buttato fuori a calci. Il giorno dopo il rappresentante dei paesani tornò tutto dolente dinanzi al direttore, e poiché quest ultimo non voleva nuovamente ascoltarlo, si rinchiuse in uno dei dormitori prefabbricati utilizzati dagli operai accendendo la radio ed alzando il volume al massimo per non dover sentire il vecchio. A quel punto l anziano perse la pazienza ed esclamò: Il villaggio ti donerà il suo tesoro.100 kili di mele d oro se tu sloggerai da qui spostando il percorso della strada ; in quell istante l assordante rumore di radio, picconi e ruspe cessò. Dopo pochi secondi anche il direttore uscì sorridendo, e disse : Amico Mio!! Prendiamo carta penna ed un bicchiere di acqua fresca e stendiamo un bel contrattino, pensando di fare l affare del secolo. Continua

7 Il Cannocchiale Spazio Creativo Pagina 7 Novelle Pasticciate I due si sedettero all ombra e scrissero su di un foglio di carta: Io Marco Rossi direttore dei lavori per il collegamento tramite superstrada dell Austria con l Italia sposterò forma di mela, il cantiere in cambio di 100 kg di mele d oro. Così i due si salutarono. Il mattino seguente il cantiere si era volatilizzato, lasciando solo un camion per il trasporto della preziosa merce. I paesani quindi come da contratto caricarono sul camion 100 kili delle loro mele d oro. Quando il direttore si accorse che si trattava di semplici mele, chiamate d oro per la loro qualità, e non perché erano lingotti d oro a andò su tutte le furie, ma oramai era troppo tardi. Era già stato licenziato da un suo superiore per aver modificato i progetti in cambio di un semplice camion di mele. Chi toppo vuole nulla stringe. Davide Contento 1^ F Iraq, ore Il campo profughi della capitale è stato da poco preso d assalto dall esercito delle forze armate militari americane. Karin è un bambino di soli nove anni. Durante il conflitto ha perso il padre ed entrambi i fratellini, di cinque e sette anni. La madre è dispersa. Karin corre, ha paura, teme di essere scoperto e catturato, decide così di fuggire in una corsa a occhi chiusi. Nel tentativo di darsela a gambe, si scontra con un soldato americano, cadendo a terra per un violento urto. E te da dove spunti fuori? Chiede il soldato, quasi divertito dall aspetto buffo e malconcio del bambino. Karin, attonito, e con difficoltà a rialzarsi, pur non avendo mai ricevuto un istruzione primaria, non si fa cogliere impreparato dinanzi alla situazione, e con tono acuto ed impetuoso, ritto in punta di piedi, risponde: Mi chiamo Karin, ho nove anni e sono il figlio di uno dei suoi compagni. Il soldato con il sorriso sotto i baffi per la buffa, divertente ma astuta risposta, pronta e sicura, decide di stare al gioco, e di continuare così l interrogatorio, controbattendo: Piccolo, pur ammesso che tu sia figlio di uno dei miei compagni - anche se la cosa mi pare alquanto improbabile, sicché ad ognuno di noi è proibito portare con noi in missione dei famigliari, mi spieghi per quale motivo ti trovi da queste parti e non con tuo padre? Il bambino, colpito e improvvisamente colto di sorpresa dalle domande del soldato, non sapendo cosa rispondere replica: Per lo stesso motivo per il quale lei si trova qui. Il soldato, confuso e sorpreso di come Karin si sia difeso, solo grazie all aiuto del cervello e della parola, decide infine di lasciarlo andare, proseguendo ognuno per la propria strada; una storia iniziata con il piede sbagliato ma conclusasi con un umano lieto fine. Saggezza dell infanzia Gianluca Piro 1^ F

8 Pagina 8 Pillole di Cultura Il Cannocchiale Va pensiero ma attenzione a internet Sicuramente, l art. 21 della nostra Costituzione sancisce un principio fondamentale, che nei secoli passati quando le nazioni erano rette da regimi assolutistici o totalitari, non era osservato e anzi era fonte di persecuzioni e di repressioni. Non che questo oggi non accada ancora, basti vedere quel che succede in Iran, in Cina, in Corea del Nord, in Birmania, a Cuba e molti altri paesi dominati da governi autoritari che non tollerano il dissenso e dunque la libertà di opinione. Ma cosa significa in generale libertà di opinione? Ebbene, la libertà di opinione è la libertà di esprimere il proprio pensiero, di divulgarlo e dunque di ottenere pure consenso o dissenso. Qualcuno, in passato, disse che sono le idee che muovono i popoli. E in effetti, è proprio così, anche quando queste idee, espresse in piena libertà, poi paradossalmente hanno soppresso la libertà di opinione. Pensiamo al comunismo. Nato in pieno periodo liberista e garantista, nei paesi dove ha preso il sopravvento ha soppresso la libertà di opinione in nome dell ideologia totalitaria comunista. Ma anche per il nazifascismo il ragionamento è identico. Passando comunque al dettato costituzionale, questo afferma: Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell autorità giudiziaria nel caso di delitti,per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi,o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l indicazione dei responsabili. In tali casi,quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell autorità giudiziaria,il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria,che devono immediatamente,e non mai oltre le ventiquattro ore,fare denunzia all autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive,il sequestro s intende revocato e privo di ogni effetto. La legge può stabilire,con norme di carattere generale,che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica. Sono vietate le pubblicazioni a stampa,gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni. Spesso capita di sentir dire: posso dire ciò che penso? Posso sapere ciò che è successo? eppure solamente pochissime volte il pensiero di una persona viene espresso liberamente. Nel nostro paese siamo liberi di esprimere il nostro pensiero,le nostre opinioni perché ci sono leggi che sono a favore di questo privilegio. Molto spesso non è proprio così,perché anche se abbiamo la libertà di parola dobbiamo tener conto delle conseguenze che ci possono essere. Nel momento che c è una dibattito su un argomento che noi non siamo d accordo ci troviamo sul punto di controbattere e il timore delle conseguenze molte volte non ci fa parlare facendoci ragionare su quello che è più giusto fare. Restare in silenzio e tenersi per se la propria opinione è una cosa giusta?? Per me no! Ad esempio un operaio di una fabbrica,può dire al suo datore di lavoro quello che pensa o ritiene giusto o sbagliato? Certo che si,ma quali saranno le sue conseguenze? Si deve essere sempre educati e rispettosi,educati e moderati nei termini. Questo può bastare per non far cadere conseguenze negative su di lui? Si pensa di no e il rischio da correre è troppo alto. Qualche giorno fa una giovane lavoratrice per aver ritenuto il proprio lavoro noioso scrivendolo sulla sua pagina di facebook,senza pensare alle conseguenze che avrebbe avuto il suo gesto. Immediatamente è stata licenziata dal proprio datore di lavoro. Ma è davvero possibile perdere il posto solo per aver pubblicato online il proprio stato d animo, una considerazione personale, un emozione? Nell epoca dei social network sembra una cosa assurda ma, il titolare dell azienda non ha avuto esitazioni, poiché secondo il suo punto di vista,esprimere un pensiero negativo dell azienda di cui si è rappresentante su facebook equivale a scriverlo sulla bacheca aziendale, dove chiunque può leggere e immaginare che per qualche motivo lì non si lavora bene. Inoltre il gesto della ragazza è stato considerato dal dirigente come una forte mancanza di rispetto nei confronti dell azienda e degli altri dipendenti. Molte persone si riuniscono e manifestano il loro dissenso davanti a strutture pubbliche o fanno cortei lungo le strade delle città. Molto spesso però queste manifestazioni si trasformano in vere e proprie guerriglie proprio come quella che è successa a Roma qualche settimana fa. Quella che doveva essere una protesta pacifica con tutte le città del mondo per manifestare contro la crisi economica globale e contro gli eccessivi costi della politica italiana si è trasformata in guerriglia urbana. Gli Indignati, che avevano promosso il corteo e che erano partiti con le migliori intenzioni, con cori e bandiere colorate, sono stati sconfitti da 500 giovani incappucciati e armati di bastoni, mazze, bombe carta e fumogeni comportandosi come vandali. Cinque ore di battaglia urbana con le forze dell'ordine prese d'assalto da una pioggia di sassi e sampietrini lanciati dai cosidetti black bloc e militari che hanno rischiato la vita. Il diritto di parola e di pensiero è una cosa molto giusta e non si deve aver paura di esporre le proprie opinioni e inoltre le manifestazioni devono essere fatte perché è un modo per riunirci e ribadire ciò che per noi non è giusto però in modo ordinato, senza creare scompiglio nè distruggere negozi,auto. ecc.. Stefano Venditti 5^B EL

9 Anno VII numero 1 2 Pillole di Cultura Pagina 9 BODO IL CONTADINO Leggendo il libro Vita nel medioevo di Eileen Power nel primo capitolo si illustra la vita in un possedimento di campagna ai tempi di Carlo Magno. Il primo personaggio di cui l'autrice descrive la vita quotidiana del Medioevo è Bodo, un contadino del IX sec. La sua storia è conosciuta per mezzo di un libro catastale scritto dall'abate di Saint-Germain_des_Prés, Irmione, al fine di sapere con precisione quali terre appartenessero all'abbazia e a chi fossero date in gestione. Dal libro sappiamo che i terreni appartenenti all abbazia erano divisi in fiscs che erano dei fondi tanto grandi da poter essere amministrati da un fattore; ogni fiscs era successivamente diviso in terre tributarie e terre signorili, queste ultime erano amministrate direttamente dai monaci tramite i fattori, le prime invece erano divise in appezzamenti più piccoli chiamati mansi ed abitati da coloni. I coloni altro non erano che uomini considerati liberi dalla legge, ma legati alla terra che coltivavano, ad esempio, se il terreno su cui il c. lavorava era venduto, anche egli veniva venduto con esso. Il manso era abitato da una o più famiglie di coloni che svolgevano il lavoro necessario per il buon andamento dei propri campi. Intorno al protagonista ruotano molti altri personaggi del mondo feudale: primi fra tutti, i componenti del suo nucleo familiare, Ermetrude, la moglie, Wido, il figlio maggiore, e i suoi fratelli. Poi i coloni e i servi delle terre dell'abbazia di Saint-Germain-des-Près, nonché altri personaggi di maggior rilievo e di cui i documenti storici forniscono maggiori informazioni: l'imperatore Carlo Magno, gli amministratori dei mansi, i missi dominici, gli abati. La giornata di lavoro di Bodo iniziava con l'incontro dei suoi compagni di lavoro per poi recarsi tutti insieme nelle terre da coltivare. Tornava a casa solo alla sera per mangiare. Invece le donne rimanevano a casa a cucinare, a curare i figli, a cucire. Nei giorni festivi la famiglia di Bodo andava a messa e passava la giornata ballando e cantando in compagnia, nel sagrato. Inoltre il contadino era molto superstizioso e ripeteva preghiere di antichissima tradizione in situazioni che potevano compromettere la sua famiglia o il proprio lavoro. Alcuni svaghi del nostro protagonista erano le fiere, nelle quali comperava oggetti sui banchi dei mercanti d' oriente. Questa era la vita di una famiglia di contadini nel medioevo, interessante no? MANDATORI MATTEO 3^BEL Il nostro giornale è anche presente sul sito di Albo Scuole all indirizzo : cannocchiale/

10 Pagina 10 Pillole di Cultura Anno VII numero 1 2 Marco Polo un viaggiatore veneziano del XIII secolo Dal libro di Eileen Power nel capitolo intitolato il viaggiatore vengono riprodotti i viaggi in Cina di Marco Polo. Marco Polo, d origine veneziano, amava ascoltare le storie di viaggi dai marinai. Nel XIII secolo Venezia, data la sua posizione tra Oriente e Occidente, era l unico grande itinerario marittimo del commercio medievale. Marco Polo affascinato dalle storie dei marinai sui luoghi, usanze e costumi dei popoli stranieri nutriva un maggior interesse per il popolo dei Tartari. Il padre e lo zio, ricchi mercanti erano partiti per la Tartaria ad intraprendere un avventura commerciale, ma per molto tempo non dettero più notizie tanto da far pensare che erano stati rapiti. Marco Polo si informava di tutto ciò che riguardava i Tartari, chiedeva notizie ai marinai su quei cavalieri selvaggi. I due fratelli Polo, nel frattempo, avevano conosciuto il gran Khan che era rimasto meravigliato dalla loro qualità e intelligenza tanto da rimpatriarli con l incarico di chiedere al papa, per suo conto, uomini di scienza per istruire i suoi Tartari. Marco Polo, al ritorno del padre e dello zio volle sentire i loro racconti. Successivamente quando i due dovettero ripartire, portarono anche lui in Cina dove soggiornò per lungo tempo. Marco Polo, di questo viaggio, racconta l incontro con il Khan, l amicizia che nacque tra loro, la collaborazione e i vari incarichi che ebbe. Marco Polo, nel suo viaggio, non descrive solo la grande capitale ma parla del commercio fluviale della Cina, delle importazioni ed esportazioni nei suoi porti, descrive la ricchezza dell impero, del commercio e del sovrano Kublai Khan un autentico imperatore cinese. Nel 1324 Marco Polo morì onorato dai suoi concittadini. Egli fu il primo viaggiatore a scoprire la Cina in tutta la sua ricchezza, le sue ricche industrie, la sua innumerevole popolazione, le grosse flotte; il primo a parlarci delle popolazione straniere con le loro stranezze, i loro riti e i loro costumi. Queste conoscenze che Marco Polo aveva portato in Europa e i rapporti tra Oriente e Occidente continuarono a svilupparsi dopo di lui. Matteo Di Napoli 3^ BEL

11 Il Cannocchiale Tradizioni e Curiosità Pagina 11 DALLA PREISTORIA AI LONGOBARDI Continuamente sulle tracce del nostro passato. Da quest anno le zone di Cividale del Friuli e Palù di Livenza sono diventate patrimonio dell umanità. Cividale del Friuli è stata la prima capitale del ducato longobardo. Palù di Livenza invece è il sito paleolitico fra i più antichi dell Italia Settentrionale. Cividale del Friuli è uno scrigno di tesori artistici, è stata fondata nel 53 a.c. da Giulio Cesare con il nome Forum lulii. In questa zona possiamo trovare testimonianze storiche ed artistiche uniche al mondo, una di queste è il tempietto longobardo, una delle tante architetture alto-medievali occidentali. La tesi prevalente è che quest ultimo venne costruito nella seconda metà dell VIII secolo, e si pensa che fosse una cappella appartenente a un monastero femminile. Il monastero di Santa Maria In Valle. Questo tempio è formato da un aula quadrata con volta a crociera. Dalla parte del presbiterio si notano tre piccole navate a forma di botte, ed inoltre sono presenti molti affreschi bizantini. Nell aula si trovano gli stalli lignei risalenti al XIV secolo. Nella altare invece troviamo testimonianze dell arte longobarda, che sono presenti presso il Museo Crissano del Duomo. Ci spostiamo in provincia di Pordenone, dove si trova il sito palafitticolo, ossia Palù di Livenza. Dagli scavi effettuati in questa zona sono emerse tre diverse strutture palafitticole, questo testimonia che ci è stato un insediamento fino al Neolitico. L importanza archeologica di questo sito era già nota alla fine dell 800, ma questo venne riconosciuto solo negli anni sessanta quando venne scavato un canale in modo tale da far drenare le acque stagnanti al centro del bacino. Questi lavori portarono alla luce strutture lignee e frammenti ceramici appartenenti alle generazioni del Paleolitico. In seguito ci furono esplorazioni subacquee che permisero di individuare nuove strutture lignee sommerse e vennero riportati alla luce alcuni strumenti di pietra risalenti alla fase finale del Paleolitico, e questo attesta la più antica frequentazione umana a Palù di Livenza. Durante questa fase, questa parte era interessata da un lago che andò a favorire la caccia. Col passare del tempo il lago si prosciugò e così nacque il villaggio di palafitte le cui tracce sono arrivate a noi e questo ci permette di sapere di più sui nostri antenati. Russo Claudio - Grassia Enrico III^ A MC

12 Pagina 12 Tradizioni e Curiosità Anno VII numero 1 2 Visione dell'inferno nel medioevo Il gesuita Il regno dei morti era un mondo indistinto, Pierre Coton è ombroso, ma senza pene eterne. A questa una delle voci visione laica Dante cristiano rende omaggio minori con il limbo luogo dove non si soffre nella letteratura e dove dimorano le anime elette del mondo infernale che pagano. In seguito l'aldilà classico crea una per quasi un distinzione tra i campi elisi destinati agli millennio ha eroi e il tartaro destinato ai malvagi. cercato di L'oltretomba giunge in un secondo tempo descrivere agli anche per l'ebraismo e l'antico testamento. uomini sistemi di punizione ultraterrena. A lungo infatti i testi di riferimento ritengono che Dio premia o punisce gli uomini già su questa terra a causa del peclenni Per milcato originale. Per tutti dopo la morte c'è lo la conoscenza umana descrive solo generici inferi come località neutre, regioni solitamente sotterranee e prive di luce, ma senza sofferenze Sheol, un mesto aldilà sepolcrale dove particolari. Questo concetto di aldilà buoni e si sviluppa nell'antichità come dimostrano i primi riti funebri svolti dall'homo sapiens. c a t t i v i giacciono Una nuova fase inizia con la nascita di con dei religioni e stati organizzati. Nella Mesopotamia v e r m i dei n e l l a s u m e r i germoglia il p o l v e r e emanando regno della continui gemiti. Gli inca intorno al mille dea dei morti immaginano una casa del diavolo traboccante di sofferenze che attende i malvagi Ereshkigal, dove le al centro della terra. I germani premiano i anime si loro combattenti con il paradiso, la casta nutrono di guerriera, gli altri stanno nel gelido regno fango. La complessa teologia degli egizi degli inferi. Nel trecento arriva la distinzione tra peccato veniale e peccato mortale introduce l'immagine del giudizio post mortem davanti al tribunale di Osiride, che inaugura la pena eterna e l'inferno quindi da questo momento nell'aldilà è diviene eterno, evidenziato anche dalla letteratura con l'arrivo della Divina Comme- presente un Dio che punisce. L'aldilà è detta Ade nel mondo greco-romano, agli dia di Dante Alighieri. inizi, era più simile al purgatorio cristiano. Benedetti Alessio 3^Bel

13 Anno VII numero 1 2 Tradizioni e Curiosità Pagina 13 VITA NEL MEDIOEVO LA BADESSA Scene di vita medioevali Abbiamo letto un libro sul Medioevo, intitolato Vita nel Medioevo di Eileen Power. Ogni capitolo è un racconto. La protagonista del terzo capitolo che è intitolato la Badessa è la giovane Madama Eglentyne, una suora. La sua vita monastica inizia quand'era molto giovane: suo padre, avendo tre figlie da far sposare e un figlio "dalle mani bucate", decise di sistemarne una in convento. Ad Eglentyne ciò non dispiacque, anzi, ne era fiera e prese il velo con convinzione a solo 15 anni. Qui imparò a cantare, a pregare, a leggere, a ricamare. Doveva sottostare ad una serie di regole: alzarsi alle due di notte per recitare il Mattutino, poi andava un'altra volta a dormire come le altre suore;, alle sei dovevano alzarsi di nuovo per recitare il Prima e solo dopo quest'ultima potevano fare la colazione a base di pane e birra. Durante il giorno si pregava, recitavano la Terza, la Quinta, la Sesta, la Nona, i Vespri e la Compieta, si pranzava a mezzogiorno e durante il pranzo si leggevano delle letture ad alta voce, si cenava dopo la recita dei Vespri e poi si andava a dormire. Durante la giornata oltre a pregare si lavorava da mezzogiorno alle diciassette d'inverno e dalle tredici fino alle diciotto d'estate. I lavori potevano essere intellettuali oppure manuali. Quelli intellettuali consistevano nell'intonare le letture, trascrivere documenti, mentre quelli manuali consistevano nel fare il fieno durante l'estate, lavorare nelle terre e nel giardino. Eglentyne divenne Madre Superiora, ma la sua bontà le fece fare molti sbagli. Aveva adottato dei cani per imitare le dame dell'epoca,le quali si divertivano con gli animali da salotto. Ciò fu interpretata come, una non obbedienza alla testimonianza della regola benedettina ora et labora, ovvero prega e lavora, sembrava che ella stesse perdendo sempre più l'osservanza per lasciare spazio alle cose superflue e materiali. Per questo ella fu accusata di sperperare i denari del convento e di essere più interessata alla vita mondana che a quella religiosa. Il racconto ha lo scopo di mettere in evidenza l'interpretazione rigida della vita religiosa nel medioevo. DANIELI MICHELE 3^ B EL

14 Pagina 14 Tradizioni e Curiosità IMMAGINI DI NATALE DAL MONDO Il Cannocchiale Forse non tutti sanno che il rubicondo, allegro e barbuto BABBO NATALE è stato diffuso in tutto il mondo dalla Coca Cola, negli anni 30, per la sua pubblicità natalizia; il suo predecessore è, dall oladendese Sinterklaas, Santa Claus ovvero San Nicola, protettore dei bambini e degli studenti: invece delle renne si serviva di un cavallo bianco, volante naturalmente. La leggenda vuole che Nicola, benestante, volle aiutare una famiglia povera portando doni alle tre ragazze che ne facevano parte; ma trovando chiuse le finestre fece arrivare i regali in casa attraverso il comignolo del camino. Anche gli scrittori hanno dato le loro versioni di questo personaggio ora assomigliandolo ad un ecclesiastico vicino ai poveri ora ad un elfo; comunque le varie versioni del Babbo Natale moderno fanno capo a San Nicola di Myra (in odierna Turchia), che durante l inverno esortò i parroci a raggiungere i bambini nelle loro case portando loro piccoli doni e parlando con loro di Gesù. Insomma sia che IL VECCHIO venga dal POLO NORD o dal POLO SUD, fa piacere a tutti grandi e piccini ricevere regali a NATALE, SOPRATTUTTO perché VUOL DIRE CHE QUALCUNO TI HA PENSATO!!!! IN SVEZIA.. In Svezia, come anche in alcune città del nord Italia, il 13 dicembre è Santa Lucia a portare i doni ai bambini. Lucia era una bella ragazza siciliana, di nobile famiglia, che si convertì alla religione cristiana quando la Sicilia era una colonia romana con i suoi dei pagani. La storia è presto detta: Lucia si rifiutò di sposare l uomo potente che la sua famiglia le imponeva, perché questi non era cristiano, ma pagò la sua disobbedienza in modo disumano: prima le furono strappati gli occhi e poi la vita. IL 13 DICEMBRE IN SVEZIA ARRIVANO I DONI PER I FANS DI SANTA LUCIA: I BAMBINI E PER TUTTO IL PERIODO NATALIZIO BIMBE E RAGAZZE GIRANO PER LE STRADE CON ADDOSSO UNA CANDIDA TUNICA E SUL CAPO UNA CORONA DI CANDELINE ACCESE. Re Magi, Pére Noel, Santa Claus, Santa Lucia TUTTI INCAR- NANO LO SPIRITO BUONO DEL NATALE!!!!! BABBO NATALE IN AUSTRIALIA È SIMILE A QUELLO AMERICANO, MA INVECE DI ARRIVARE IN SLITTA, AVVOLTO DALLA NEVE, PER POI INFILARSI NEI CAMINI A SYDNEY SI FIONDA CAVALCANDO LE ONDE DELL OCEANO SU UN SURF!

15 Anno VII numero 1 2 Tradizioni e Curiosità Pagina 15 LA SUPERSTIZIONE Viene definita superstiziosa la persona che crede in cose soprannaturali, nei sortilegi, nella magia ecc. Sciocche e ridicole vengono considerate le superstizioni dai razionali e dagli scettici, difficilmente si ammette di essere superstiziosi, di credere a certe "ridicolaggini", come si è soliti affermare con prosopopea quando si è con amici a cui si vuole mostrare la propria superiorità di fronte a simili "sciocchi pregiudizi". Salvo poi, in privato, fare i debiti scongiuri per avvenimenti o situazioni che necessitano dì un atto scaramantico. Chi, sia pure segretamente, non ha effettuato scongiuri per propiziarsi la fortuna? è incontestabile che, pur fingendo di non credere si attribuiscano a taluni elementi una particolare influenza magica. Un esempio del nostro, a volte falso scetticismo, ci viene dato dal filosofo Benedetto Croce, il quale interrogato sugli effetti di certi pregiudizi, rispose con arguzia: "Non è vero... ma ci credo! ". Quanti sarebbero disposti a sfidare la sorte compiendo gesti o cerimoniali che tradizionalmente sono ritenuti apportatori di negatività? Chi volutamente è disposto a posare il pane sulla tavola capovolto, o a versare il sale o a mettere i coltelli in croce, oppure ad accendere tre sigarette con lo stesso fiammifero, o ancora a passare sotto una scala, ben sapendo che tutti questi gesti sono considerati negativi? Che dire poi del nefasto "13 a tavola"? Questa assieme a quella del Venerdì, è una delle superstizioni più diffuse. Per non parlare di "venerdì 17" giorno per taluni così infausto, che persino i quotidiani non mancano a volte di sottolinearlo. Del resto, perché ironizzare su questi pregiudizi tutto sommato innocui? Chi non ha le sue superstizioni? E anche la superstizione affonda le sue radici nel tempo. I primitivi infatti ritenevano che, colpendo l'immagine del bisonte, fosse più facile uccidere l'animale durante la battuta di caccia. Nasceva, in tal modo, la prima forma di superstizione. Cristoforo Colombo considerava il venerdì un giorno fortunato. Partì da Porto Palos un venerdì; mise piede sulla nuova terra di venerdì e rientrò, sempre di venerdì, a Porto Palos. Ma in fondo cosa costa portarsi dietro, in tasca o in borsetta un piccolo corno se questo ci può dare un pizzico di tranquillità in più? Eh dimenticavo di dirvi che non sono superstizioso! Accidenti devo allungare la strada per rincasare: è passato un gatto nero.. Ghion 1^ B

16 Pagina 16 Recensioni e Cinema Sherlock Holmes: GIOCO DI OMBRE Il Cannocchiale Il sequel supera,eccezionalmente, il 1 capitolo per divertimento e qualità narrativa, pertanto è indicato per lo spettatore che vuole sfuggire alla solita zuppa proposta dai cine- panettoni. Così come nel primo film il detective londinese si evolve rispetto al personaggio originario della letteratura creato da Conan Doyle, non è esclusivamente cerebrale e sedentario ma appare affascinante, seduttore, esperto di arti marziali, tanto che sembra essersi contaminato con James Bond. Oltre alla collaudata coppia Sherlock - dott. Wotson, fanno il loro ingresso Moriarty, nelle vesti dell antagonista geniale e senza scrupoli, la zingara Sim; brillante è l introduzione del fratello maggiore di Sherlock, Microft Holmes interpretato dal grande Stephen Fry. Il gioco per Holmes si fa duro, si dovrà misurare con un acuta mente criminale, quella del prof. Moriarty, che metterà in seria difficoltà il leggendario intelletto del famoso detective: uno scontro tra titani! La vicenda è complessa e la morte del Principe d Austria è solo un tassello di un piano criminale internazionale: posta in gioco della difficile partita è addirittura il corso della Storia. Non manca l umorismo, il povero Wotson dovrà interrompere la luna di miele; anche l ambientazione storica è azzeccata e variegata. Si invitano i docenti, gli alunni e tutto il personale a produrre nuovi articoli per il terzo numero de Il Cannocchiale del mese di Gennaio 2012.

17 Il Cannocchiale Attività e Progetti Pagina 17 UN PALAZZO CHIAMATO LIBERTA Che cosa ti ha dato l esperienza dell insegnamento e del volontariato in carcere? Quando racconto che ho lavorato nella scuola carceraria di Latina e poi sono tornata dietro le sbarre come volontaria, la domanda che mi si rivolge più spesso è proprio questa. Una domanda che, trascorso ormai qualche anno da quell avventura, mi pongo spesso anch io. E ogni volta, come su uno schermo, le immagini tornano a scorrere ed ecco spuntare dal corridoio della memoria, Miguel, pittore dal potente accento sudamericano finito in carcere chissà come- con i suoi baffi all insù nella faccia ritonda e una tavolozza in mano- il primo detenuto che ho incontrato, davanti al quadro ancora incompiuto di un colibrì dai colori straordinari che sembrava spiccare il volo anche tra le pareti grigie, e, dietro di lui, rivedo tanti alti e tante altre: un uomo che aveva ucciso per errore e aveva dimenticato cosa significasse sorridere, Assunta che era analfabeta e restava a fissare il nome di sua foglia scritto su un foglio meditando su come copiarlo una volta che avesse imparato a impugnare la penna. E poi mi tornano in mente le mattine nella sezione femminile con le detenute che stendevano i panni ascoltando le canzoni di Gigi D Alessio, le prove del teatro, i funerali di Giovanni Paolo II che tutti avevano voluto seguire in diretta in un silenzio composto, più profondo del solito silenzio. Cosa mi ha dato quell esperienza? Forse la consapevolezza che a volte lavorare dietro le sbarre insegna a guardare oltre le sbarre, non quelle fisiche, ma quelle ben più resistenti dei pregiudizi e dell indifferenza, forse lo stupore di scoprire quanto desiderio c è in chi ha le ali tarpate di tornare a volare. E quando mi si chiede cosa racconto agli alunni di quell esperienza, io rispondo che lascio parlare al mio posto alcuni dei detenuti che ho conosciuto e che mi hanno regalato frasi e pensieri. Giovanni: Sa, professoressa, in noi ragazzi che prendiamo una brutta strada, così un po sbandati, c è tanta sofferenza Maurizio: Quante mattine io non andavo a scuola e poi, quando volevo tornarci, mi vergognavo ad entrare, forse chissà, se qualcuno dei miei professori mi avesse cercato, io non avrei fatto la fine che ho fatto Claudio: Qui in carcere, ho letto un libro E stato bello. Magari se avessi imparato prima a leggere i libri la mia vita sarebbe stata diversa Attraverso il tempo, quelle frasi mi sono sempre presenti, mi aiutano ad apprezzare quello che ho, mi servono per ricordare ai ragazzi che c è un palazzo che si costruisce giorno per giorno, che può arrivare a contare molti piani e dal quale possiamo guardare molto lontano, ma che è fragile e può crollare se non impariamo a rinsaldare continuamente le fondamenta, un palazzo chiamato Libertà. Prof.ssa Adriana Marucco

18 Pagina 18 Attività e Progetti WORLD ANIMAL DAY Anno VII numero 1 2 In Italia una famiglia su due possiede un animale domestico da compagnia, ma difficilmente quando lo si acquista o lo si adotta, si valutano bene le possibilità di ospitarlo nel tempo e nel luogo adatto. E' importante tener conto che gli animali non sono nè soprammobili nè giocattoli per i bambini,e quindi prima dell'acquisto o dell'adozione è importantissimo valutare attentamente la decisione di avere un animale domestico e chiedersi inoltre, il perchè si desidera compiere questo passo, o anche se si è in grado di affrontare la spesa che ne deriva e se si dispone di tempo e spazio sufficienti. L' acquisto di un animale domestico è sicuramente un impegno che presuppone un comportamento responsabile, di una cura e di una dedizione costante. Bisogna ricordarsi che ogni animale ha una sua personalità, può fare compagnia in silenzio o diventare un allegro compagno di giochi. Un animale è pronto a dare moltissimo affetto in cambio di un po di cibo, di un rifugio, di una carezza e soprattutto di un profondo rispetto. Una cosa molto importante è sensibilizzare le persone sull'importanza e sul rispetto degli animali, a questo proposito, il 4 ottobre si festeggia la Giornata Mondiale degli Animali,istituita nel 1931 a Firenze,in memoria di San Francesco d'assisi, patrono degli animali. Negli anni la manifestazione ha acquisito un significato sempre più ampio diffondendosi in tutto il mondo. A Natale regaliamo un cucciolo, beninteso solo a a persone responsabili e sensibili che amano gli animali e ne possano avere cura. Vuolo 1^ B Tutti coloro che volessero contribuire alla realizzazione del giornale con: articoli, racconti, opinioni, poesie, foto, vignette o qualsiasi altro contributo, possono rivolgersi ai proff. Liquori, Cianciaruso, Maddaloni e Zannella. N.B. Tutti i contributi dovranno essere presentati su supporto informatico

19 Il Cannocchiale Attività e Progetti Pagina 19 LUCI IN TEATRO E questa volta a quel folletto del nostro regista è venuta proprio una bella idea,che ha preso forma nel tema da portare sulla scena: LA VERITA, la verità a 360 ; come dire una cosuccia da nulla, una bazzecola ed io che sono campana mi vado ripetendo:-una cosa, in fondo, facile, facile!!!- Tuttavia, come è noto i creativi spesso sono anche un po pazzi e così le professoresse Adriana Marrucco e Rosa Liquori hanno accettato la sfida : presumibilmente confidano molto nel buon cuore del pubblico!! La compagnia ha convenuto di non svelare la trama, articolata in tre atti: insomma si riserva di scoprire LA VERITA a tempo debito e per il momento vi augura un caldo BUON NATALE! AUGURI, AUGURI ed ancora AUGURI da Rosa Liquori & tutto lo staff!

20 Pagina 20 Attività e Progetti Solidarietà e Legalità Il Cannocchiale La partita della solidarietà è quella della vita. L' incontro di calcetto tra studenti del Galileo Galilei e detenuti, avvenuto nella casa Circondariale di Latina, giovedì 15 dicembre, si è concluso con un pareggio della legalità. Ci si è incontrati per disputare una partita di calcetto nel campetto, uniti dal comune piacere sportivo, con competitività e allegria. Il confronto è giunto al culmine durante la successiva conferenza che ha visto i pedagogisti del penitenziario ed i detenuti illustrare agli studenti come scorre la vita lì dentro, come avviene la rieducazione del reo. Confrontando poi ciascuno il proprio progetto di vita, si sono valutate le opportunità, i se, i ma, le fantasie, non sono mancati momenti di comunicazione, di suggerimenti, di desideri non possibili di amicizie, malinconie superate grazie a tutti gli educatori, complice un piccolo rinfresco offerto da un fornaio solidale. Gli ingegneri di elettrotecnica hanno potuto anche valutare dei dati tecnicilavorativi sugli impianti elettrici di un sistema così complesso come è la casa Circondariale, simulando con gli alunni un sopralluogo, con un problem solving vero e proprio. La giornata si è conclusa per tutti con un grande desiderio di libertà, di fiducia nel domani, anche se con diverse opportunità, ma con una grande lezione paritetica di vita. Prof.ssa Grazia Maddaloni

21 Il Cannocchiale Attività e Progetti Pagina 21 AL G. GALILEI UNA SCOPPIETTANTE GIRANDOLA DI PROGETTI ED INIZIATIVE. L A.S. in corso vede il dispiegarsi sul tappeto dell Istituto progetti vecchi e nuovi e così giochiamo a scacchi, impariamo a muoverci come tecnici del suono e delle luci in teatro o ci mettiamo in gioco come attori, ci misuriamo in tornei di calcetto, diamo vita alla diretta radiofonica, seguiamo corsi di inglese e abbiamo la possibilità di partecipare a stage all estero, ci informiamo su come preservare la nostra salute grazie a relatori professionisti e qualificati; nel triennio possiamo seguire lezioni, nell ambito di discipline diverse, interamente in lingua straniera: straordinario ed innovativo! La nostra professoressa ci ha informati circa un esperienza diciamo così insolita: una partita di calcio tra gli alunni più grandi della nostra scuola ed una formazione di detenuti, nella casa circondariale di Latina. Molti alunni sono coinvolti dalla lettura del quotidiano in classe e tanti altri dal laboratorio musicale. Inoltre sono previste uscite, gite, spettacoli teatrali esterni a diversi livelli. Bollono in pentola altre esperienze (fare lezione con le LIME) di cui parleremo in seguito La professoressa ci ha anche detto che tutto quanto ruota intorno agli insegnamenti e che tutte le attività sono formative, in poche parole ci aiutano a crescere ed a relazionarci positivamente con gli altri! Lei dice:_solo così la scuola può essere percepita come uno spazio di vita- Il sito del GALILEI fornisce tutte le informazioni sulle attività svolte nel nostro Istituto. P.S. NEL PROSSIMO NUMERO REGALEREMO AI NOSTRI LETTORI UNA RASSEGNA DEGLI ORIGINALISSIMI ALBERI REALIZZATI DA ALUNNI E PROFESSORI IN COMPOSITION. Il presente articolo deriva da una lezione tenuta dalla prof.ssa Liquori nelle prime settimane di scuola e poi via via completato. Autori: Liquori, Vuolo, Ghion, Villano

22 Pagina 22 Attività e Progetti Anno VII numero 1 2 Il licantropo,detto anche lupo mannaro,uomo lupo o lupo mangiatore di uomini non è una figura del tutto realistica. Secondo la leggenda,il licantropo è un essere umano condannato da una maledizione a trasformarsi in bestia feroce ad ogni plenilunio:la forma di cui si racconta è quella del lupo,ma in altre tradizioni troviamo anche il bue,l orso o il gatto selvatico. Il lupo mannaro e il licantropo non sono sempre sinonimi:il lupo mannaro nelle leggende popolari è semplicemente un grosso lupo con abitudini antropofaghe,a cui si può associare o no una natura mostruosa. Licantropo e lupo mannaro si possono distinguere perché il lupo mannaro si trasforma contro la sua volontà nelle notti di luna piena,invece il licantropo si trasforma quando lo desidera senza perdere la ragione. Il lupo è stato un animale soggetto a un radicale processo di demonizzazione e successiva rivalutazione. Il lupo a partire dal Medioevo divenne un animale ambivalente:amato ed odiato. ANTICO EGITTO La notte dei Lupi Nell Antico Egitto le prime raffigurazione di un incrocio tra un canide e un uomo riguardano lo sciacallo(anubi).in questo caso non si può parlare di mannarismo vero e proprio perché manca l aspetto della trasformazione,volontaria o involontaria. ANTICA GRECIA Nell'Antica Grecia ci sono tre immagini raffiguranti il licantropo:zeus,febo e LICAONE. Zeus è un essere mutuaforme per accontentare le donne,tra cui c'è la trasformazione in lupo. Febo:insieme ad Artemide,viene partorito da Lantona, in seguito trasformata in lupo. Tra le trasformazioni di Febo c'è il lupo. Il mito di Licaone documenta il passaggio del lupo da creatura degna di venerazione in un essere da temere. Dopo un essersi indignato con lui,zeus,trasformò Licaone in un lupo,costringendolo a vagare per i boschi in forma di bestia. ANTICA ROMA Presso le tribù galliche,il licantropo,è un carnivoro necrofago. E difficile stabilire quando si abbiano le prime leggende che parlino esplicitamente di licantropi.di certo,la figura del lupo mannaro compare,ancora in epoca classica,nel primo secolo nella narrativa della Roma Antica. Nel Medioevo c'erano persone che si credeva fossero indemoniate...per gli uomini si parlava di lupo mannaro e per le donne si pensava subito alle streghe e l 'unico modo per bruciare la maledizione era il Rogo. Oggi abbiamo rivalutato i lupi.cercando di proteggerli dall uomo e sappiamo che il licantropo è affetto da una patologia, anche se ascoltarne i lamenti nelle ore notturne è raccapricciante!!! Vuolo 1^ B

23 Il Cannocchiale Sapete dove fanno il bagno i canguri? Nel Mar Supio! Per sorridere un po Pagina 23 Alleniamo la mente Il contrario di melodia? Selotenga. Mamma come sono nato?" La mamma: "Ti ha portato la cicogna." "E tu come sei nata?" "Mia madre mi ha comprato a Parigi." "E la nonnina?" "L'hanno trovata sotto un cavolo." "Ma... in questa famiglia nessuno è mai nato normalmente??" "Ma cara, come guidi; era rosso!". "No, era biondo!". Un uomo sta camminando quando un signore lo avvicina e gli chiede: "Scusi, sa che ore sono?" L'uomo stende il braccio, solleva il polsino, guarda l'orologio e risponde: "Certamente, signore". Annerite 21 caselle ORIZZONTALI: 1. Arde in chiesa - Iniziali della Day -Ultime in stampa - 2. Sbarra che collega le ruote - Antico vaso con coperchio - 3. Scarabocchiata - 4. Struttura di sostegno - 5. Il proprio io - 6. Piemontesi di città - 7. Bassa, profonda - Una vecchia sigla europea -La fine della rivista - 8. Non l ha un artista intramontabile -Associa automobilisti - Il biblico padre di Ammon - 9. Teorema deducibile da un altro precedentemente dimostrato -10. Apparente, superficiale Gemelle in dubbio - Lo è il grano 12. Un suddito di Semiramide - Un film diretto da Luchino Visconti. VERTICALI: 1. Produce solo fumo - La moglie di Priamo - 2. Respiro concitato - La diva Streisand (iniziali) - 3. Ridurre il diametro delle colonne dal basso verso l alto - 4. La moglie del taverniere - Campani dell antichità - 5. Depositi di granaglie - Fa il paio con ego - 6. La più anziana del gruppo - L insieme dei sacerdoti - 7. Parlare di cose inutili - 8. Dolci in foglie sottili - Insenature delle coste galiziane - 9. Lamentarsi flebilmente - Un tipo di barche per regate -10. Degni di una volpe - Ebbe l Oscar per la ciociara Porto italiano Contengono aspirina - Gruppo di vocali simile al dittongo - Un ottima farina. La soluzione sarà pubblicata sul prossimo numero Sapete come si chiama l' insegnante di storia dei pesci? Storione! In treno: "Signore, il suo abbonamento è dell'anno scorso!" E il passeggero, tranquillamente: "Ah beh, non si preoccupi, non seguo la moda, io!!!" Tema in classe. La maestra chiede agli allievi di raccontare una battuta del proprio papà. Pierino scrive: <<Papà leggeva tutti i giorni le pagine dedicate alle offerte di lavoro. Un giorno si è messo a gridare: "È fatta! È fatta! Ho trovato un lavoro favoloso! Un lavoro facile, ben remunerato, possibilità di mangiare in mensa, partecipazione agli utili dell'impresa". Mamma allora ha detto: "Sembra proprio un'occasione coi fiocchi!". E papà: "Ero sicuro che ti sarebbe piaciuto. Inizi domani!">>

24 Istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei - Latina Più opportunità per il tuo futuro Via Ponchielli Latina Tel.: 0773/ Fax: 0773/ PEC: Web: Specializzazioni: Elettronica ed Elettrotecnica Meccanica - Meccatronica ed Energia Chimica, Materiali e Biotecnologie Il Cannocchiale Giornale dell Istituto Tecnico Industriale.G. Galilei di Latina Direttore: D.S. Redazione: Dott.ssa Laura Pazienti Rosa Liquori Referenti: prof.sse Maria A. Cianciaruso Grazia Maddaloni Graphic Design: prof. Paolo Zannella Web Publication : Sig.ra Anna Ronconi La redazione ringrazia tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo numero, dando appuntamento al mese di Gennaio Tutti coloro che volessero contribuire alla realizzazione del giornale con: articoli, racconti, opinioni, poesie, foto, vignette o qualsiasi altro contributo, possono rivolgersi ai proff. Liquori, Cianciaruso, Maddaloni e Zannella. N.B. Tutti i contributi dovranno essere presentati su supporto informatico

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA

LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA LA CLASSE IV D ALLA PINACOTECA DI BRERA ANNO SCOLASTICO 2011/ 12 UNA GIORNATA A BRERA Venerdì 17 febbraio sono andato con la mia classe e la IV E a Brera. Quando siamo arrivati le guide ci hanno diviso

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Giugno 2013 Livello: A2 per Stranieri di Siena Centro CILS : Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi. Sono brevi dialoghi o annunci. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA

CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA CONVEGNO 22 NOVEMBRE 2014 - VIGNOLA UN CERCHIO CHE CI UNISCE ESPERIENZE DI CONTINUITA Buongiorno. Sono Antonella Barbieri, educatrice dell'unione Terre di Castelli, e sono stata chiamata a collaborare

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

II Circolo didattico Castelvetrano

II Circolo didattico Castelvetrano Progetto continuità Scuola dell infanzia Scuola primaria Anno Scolastico 2011/2012 Passo dopo passo II Circolo didattico Castelvetrano È molto importante curare nella scuola il passaggio tra ordini diversi,

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza.

Progetto <L Apprendista Cittadino >. Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Progetto . Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza. Le tematiche offerte, gli spunti di riflessione, gli argomenti trattati sono risultati interessanti

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo!

A dire la verità è molto simpatica, ha tanta intelligenza e una pazienza così lunga da superare perfino il Nilo! Lo scorso aprile la nostra scuola ha ospitato Maria Luisa Mesiano, un egittologa che ha partecipato agli scavi. Ci ha parlato di questa sua esperienza in Egitto e dei ritrovamenti effettuati. L egittologa

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima)

Indice. Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11. FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) Indice Presentazione 7 Introduzione 9 Il metodo 11 FAVOLA 1 Il bruco Matteo 17 (L autostima) FAVOLA 2 La rana Susanna 29 (La paura del giudizio degli altri) FAVOLA 3 Il cavallo Riccardo 41 (Il dover essere

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna)

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) «Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) Caro Johnny Depp, eccomi di nuovo da te. Anche se da te e con

Dettagli