Il Cannocchiale. La Redazione 2011 / Nov / Dic Le Rubriche. Giornale dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Cannocchiale. La Redazione 2011 / 2012. Nov / Dic 2011. Le Rubriche. Giornale dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei"

Transcript

1 Il Cannocchiale Giornale dell Istituto Tecnico Industriale G. Galilei Anno VII - Numero 1-2 La Redazione 2011 / 2012 Nov / Dic 2011 Le Rubriche Cronaca e Attualità pag. 2 Spazio Creativo pag. 6 Pillole di Cultura pag. 8 Tradizioni e Curiosità pag. 11 Recensioni e Cinema pag. 16 Attività e Progetti pag. 17 Per Sorridere un po pag. 23 Prof.ssa Maria A. Cianciaruso Dott.ssa Laura Pazienti Prof.ssa Rosa Liquori Prof.ssa Grazia Maddaloni Prof. Paolo Zannella

2 Pagina 2 Cronaca e Attualità Il Cannocchiale LE CONDIZIONI DA RISPETTARE PER DIVENTARE ITALIANI PER GLI EXTRACOMUNITARI. Manca poco ormai all'entrata in vigore di una nuova norma che riguarda gli extracomunitari. La legge prevede che tutti gli immigrati devono avere il permesso di soggiorno a punti, sono obbligati a rispettare tutte le leggi vigenti, devono saper parlare la lingua italiana, conoscere almeno i principi fondamentali della nostra Costituzione e devono essere consapevoli di come funziona il nostro sistema sanitario, scolastico e lavorativo; inoltre hanno l'obbligo di mandare i propri figli a scuola e pagare le tasse. Il permesso di soggiorno, si dice a punti perché per ottenerlo è necessario accumulare ben 30 punti o meglio: inizialmente alla richiesta del permesso, lo straniero ottiene 16 punti base che poi devono essere incrementati svolgendo attività di volontariato, imprenditoriali o conseguire dei titoli di studio. É bene precisare che i punti possono anche diminuire nel corso del tempo, se lo straniero viene condannato o sanzionato dalla legge. Il permesso di soggiorno è un vero e proprio contratto che lo straniero fa con lo Stato italiano e ha la durata di 2 anni, tempo che ha a disposizione per accumulare i punti altrimenti si viene bocciati ; se l'immigrato viene respinto, gli verranno dati ulteriori 12 mesi per accumulare crediti e verrà offerta una giornata educativa da impiegare nello studio delle leggi italiane; è obbligatorio usufruire di tale giornata altrimenti si perdono 15 punti dei 16 iniziali. Dalla Libera Marco 5^ A EL

3 Anno VII numero 1 2 Cronaca e Attualità Pagina 3 IN NOVE ANNI LAVORA SOLO SEI GIORNI ARRESTATA PER TRUFFA La volpe del sant ORSOLA è caduta in trappola.. Ci troviamo nell ospedale Sant Orsola a Bologna. Qui una donna assunta da nove anni come operatrice socio-sanitaria ha lavorato effettivamente solo sei giorni e ha anche detto molte bugie : ha detto di essere laureata, di lavorare come psicologa, di aver avuto una gravidanza a rischio, di aver avuto gravidanze interrotte, di aver avuto un figlio nel 2004 e uno nel La donna sosteneva di dover badare ai figli che in verità non sono mai nati, presentando all ospedale documenti falsi di due maternità e di malattia, diceva anche che era dovuta andare a partorire in Spagna. Oltre a questo presentava innumerevoli certificati, falsi anche questi, di malattie contratte in ospedale mentre assisteva i pazienti. La definiscono come un fantasma che per anni si è goduta tempo libero, casa, marito ed una figlia, l unica vera. Come è stato possibile tutto ciò? Tutta questa truffa non può averla messa in piedi da sola ma sicuramente è stata aiutata da qualche complice o da una troppa superficialità o negligenza dei suoi superiori: hanno riscontrato la complicità di alcuni medici, di due consultori, dell Inps e soprattutto dei dirigenti del Sant Orsola, pertanto ci sono in corso le indagini su quanti potrebbero averla aiutata. I carabinieri la definiscono come una donna furba e scaltra, come qualcuno che conosca benissimo il sistema sanitario dell ospedale, tanto da poterlo raggirare per tutto questo tempo senza essere scoperta. Assunta negli anni novanta e licenziata pochi mesi fa per aver toccato il limite massimo di assenze, ora si trova agli arresti domiciliari ed è indagata per truffa aggravata ai danni di enti pubblici, la sanzione che dovrà pagare per ora supera i euro ma è destinata a salire ancora. Cari cittadini, sono proprio questi i fatti che ci indignano, soprattutto ora che ci ritroviamo in una fase di crisi, una situazione creata anche dal clientelismo, dall omertà, dalla disonestà e dalla corruzione: è ora di reagire!! Chi sa che parli, denunci e renda pubblici comportamenti scandalosi come questo che danneggiano e frodano la COMUNITA. Vitelli Gabriele 4^ A Mc Il nostro giornale è scaricabile dal sito nella sezione: Giornale d istituto

4 Pagina 4 Cronaca e Attualità EMIGRATI E IMMIGRATI Il Cannocchiale Il passaggio tra 800 e 900 è segnato dal fenomeno dei flussi migratori:si emigra dalle aree più povere e meno industrializzate dell Europa sia verso le regioni più industrializzate del Continente sia verso quella America che diventa per milioni di europei una nuova Terra promessa. Questo flusso migratorio non solo caratterizza il fenomeno economico, sociale e culturale, ma segna la maturazione della società statunitense, costituendola come primo esempio e modello di melting pot. Anche il passaggio fra Ventesimo e Ventunesimo secolo è segnato da un enorme fenomeno migratorio. Ma questa volta i migranti muovono dall Europa dell Est, dal Nord Africa, dal Medio Oriente e anche dalle nazioni più povere dell Africa verso i Paesi più ricchi del vecchio continente. Ancora una volta ripetiamo il confronto con il migrante, ora percepito come straniero e nemico, ora come persona da accogliere e da accompagnare nella costruzione di una società multietnica. Alla fine del 2005 gli immigrati regolari in Italia erano pari al 5,2% della popolazione. Il loro numero cresceva all incirca di unità all anno, tanto da far ipotizzare un raddoppio nei successivi dieci anni. Si trattava di un processo tumultuoso che poneva il nostro Paese in una posizione inedita:da esportatore di emigrati era diventato importatore di immigrati. I due terzi degli immigrati erano venuti in Italia per lavoro e circa un quarto per motivi di famiglia. Le loro retribuzioni erano mediamente pari alla metà di quelle degli italiani. Nel 2004, in Italia, i cristiani diventarono per la prima volta la maggioranza assoluta della popolazione immigrata,grazie soprattutto all aumento dei flussi migratori provenienti dall est Europa. L islam con i suoi fedeli, era la seconda religione d Italia. Seguivano poi l induismo, il buddismo e l ebraismo. Nel 2005 furono segnalati circa 860 casi di discriminazione che riguardavano soprattutto gli africani e il colore della loro pelle. Il 40% degli italiani era convinto che gli immigrati fossero quelli maggiormente coinvolti nelle attività criminali. Tra il 1890 e il 1925 furono gli italiani ad andare verso gli USA dove vivevano in condizioni disumane e molti di loro vennero uccisi, ma con la prima guerra mondiale questo flusso dei nostri emigrati si interruppe. Come i nostri emigrati un secolo fa, anche gli immigrati che giungono nel nostro Paese fanno fatica a parlare la nostra lingua (vuò cumprà), vanno a occupare settori del mercato del lavoro abbandonato dai nostri connazionali, vivono in agglomerati affollati e come i nostri emigrati di un secolo fa manifestano la loro fatica ad integrarsi. Venditti Stefano 5^B EL

5 Il Cannocchiale Cronaca e Attualità Pagina 5 Flanella e toni bassi. Addio <<giuramenti-spettacolo>> La cerimonia del giuramento del nuovo governo tutto sembrava meno che un p a s s a g g i o storico affidato dai protagonisti alla buona sorte. A giustificare questa impressione è stata l immagine del ministro Bassolino che si era presentato stringendo in tasca un <<cornaciello e corallo>>. Per dirla tutti i professoroni e i funzionari chiamati a leggere la formula di rito in calca di fotografi e microfoni e telecamere mai viste prima, davano l impressione di essere a proprio agio come se stessero semplicemente entrando a far parte di un nuovo consiglio di amministrazione. L età probabilmente sessantatrè anni di media. No, non è un Paese per giovani. Tutto molto serio, grigio, quasi spento. A guardarli veniva in mente una battuta di Indro Montanelli che, borbottava davanti all ennesimo cambio a Palazzo Chigi, sentenziò:<<il miglior augurio che possiamo fare al nuovo governo è che duri abbastanza da permetterci di mandare a memoria i ministri>>. E lo scriveva ai tempi del pentapartito, quando i ministri si spostavano in continuazione ma erano sempre gli stessi. Qui no, tutti nuovi. Notissimi nei convegni, nelle università, nei simposi e nelle biblioteche. Ma quasi del tutto estranei, grazie a Dio, al teatrino politico e televisivo. E come uno si affaccia nel salone è tutto un darsi di gomiti dei fotografi:<<ahò,e questo?>>. Rapida consultazione di foglietti volanti con le foto:<<dev essere Barca>>. <<Sicuri? Nun sarà Giarda?>>. Sospiri di rimpianto per le care certezze del passato. Forlani, Gasparri, Taviani e Romita I <<Rieccoli>> delle facce notissime erano così tanti che ogni new-entry era una festa. Come il giorno in cui apparve per giurare come responsabile dei beni culturali la leggendaria Enzina Bono Parrino:<<Emozionata, signora ministro?>> <<Pepplessa direi Più che altro pepplessa>>. Non c era giuramento che non regalasse un aneddoto. Ed ecco Ottaviano Del Turco, che, fatto ministro delle finanze del governo Amato, va subito a schiantarsi per l emozione. <<Scusi signor ministro:se lo fa da se il 740?>> <<No me lo ha fatto sempre Tremonti>>. Immediato il coro dei cronisti:<<gajardoooo!>>. Mentre i nuovi ministri sfilano uno dietro l altro davanti a Napolitano, si avverte la mancanza di Gianni Pennacchi, del Giornale. Era fratello di Laura, economista diessina, e Antonio, lo scrittore fascista - comunista. Ne aveva seguiti tantissimi, Pennacchi, di giuramenti, prima di andarsene per colpa di uno stupido e tragico incidente. E a rileggere oggi la cronaca dell ultimo, quello del Berlusconi IV, si avverte la distanza siderale col Governo appena insediato. Ecco Ignazio La Russa che <<non sta zitto un minuto>> e quando va a giurare il cavaliere gli fa segno con le dita a forbice di tagliarsi la barba perché<<avevano scommesso che in caso di vittoria avrebbe rinunciato al suo celebre pizzo mefistofelico>>. Ecco Bossi che <<fa il duro: Chi diavolo ci ferma! >>. E poi ecco le ministre, quelle che sua emittenza chiamava <<le mie bambine>>: <<Per Stefania Prestigiacomo si è aperto un dibattito tra i giornalisti: quelli di sinistra la vedevano in viola e quelli di destra in blu notte, la sua addetta stampa s è affrettata ad informare che trattavasi di un modello Alberto Biani in Blu marine, la nostra esperta ha meditato su un punto indescrivibile di viola che s avvicina molto al prugna >>. DI VINCENZO MATTEO IV^ A MECC

6 Pagina 6 Spazio Creativo Novelle Pasticciate Ingredienti: saggezza, astuzia ed umanità Il Cannocchiale Le Mele d oro Sono oramai anziano e voglio lasciare testamento di un importante vicenda che ha caratterizzato la vita di molte persone. Tutto si è svolto in un paesino situato nel centro della Val di Non dove abitavano persone semplici, vivevano della raccolta dei frutteti. Raccoglievano mele, le più buone che il palato dell uomo abbia mai potuto assaggiare, venivano soprannominate mele d oro per il loro colore giallognolo e per il loro sapore unico. Un giorno gli abitanti di quel paesino si svegliarono con un frastuono nella mente. Delle ruspe stavano lavorando alla costruzione di una superstrada che avrebbe dovuto collegare l Austria e l Italia. Il progetto comprendeva inoltre la costruzione di un ponte che avrebbe sovrastato i campi, danneggiando e modificando irrimediabilmente il sapore del magnifico frutto. Gli abitanti decisero di eleggere un loro rappresentante per portare all impresa costruttrice il loro parere sull opera in costruzione. Fu l anziano del villaggio, rappresentativo di saggezza e risolutezza, a ricevere l incarico. Il nonnino andò al cantiere per discutere con il direttore dei lavori di modo da convincerlo del danno incalcolabile che stava per essere fatto al villaggio, descrivendogli il prezioso tesoro che nascondeva, e implorandolo di risparmiare il frutteto deviando di poco il percorso della strada. Arrivato dinanzi al direttore il nonnino espose il tutto ma venne non solo deriso, ma anche buttato fuori a calci. Il giorno dopo il rappresentante dei paesani tornò tutto dolente dinanzi al direttore, e poiché quest ultimo non voleva nuovamente ascoltarlo, si rinchiuse in uno dei dormitori prefabbricati utilizzati dagli operai accendendo la radio ed alzando il volume al massimo per non dover sentire il vecchio. A quel punto l anziano perse la pazienza ed esclamò: Il villaggio ti donerà il suo tesoro.100 kili di mele d oro se tu sloggerai da qui spostando il percorso della strada ; in quell istante l assordante rumore di radio, picconi e ruspe cessò. Dopo pochi secondi anche il direttore uscì sorridendo, e disse : Amico Mio!! Prendiamo carta penna ed un bicchiere di acqua fresca e stendiamo un bel contrattino, pensando di fare l affare del secolo. Continua

7 Il Cannocchiale Spazio Creativo Pagina 7 Novelle Pasticciate I due si sedettero all ombra e scrissero su di un foglio di carta: Io Marco Rossi direttore dei lavori per il collegamento tramite superstrada dell Austria con l Italia sposterò forma di mela, il cantiere in cambio di 100 kg di mele d oro. Così i due si salutarono. Il mattino seguente il cantiere si era volatilizzato, lasciando solo un camion per il trasporto della preziosa merce. I paesani quindi come da contratto caricarono sul camion 100 kili delle loro mele d oro. Quando il direttore si accorse che si trattava di semplici mele, chiamate d oro per la loro qualità, e non perché erano lingotti d oro a andò su tutte le furie, ma oramai era troppo tardi. Era già stato licenziato da un suo superiore per aver modificato i progetti in cambio di un semplice camion di mele. Chi toppo vuole nulla stringe. Davide Contento 1^ F Iraq, ore Il campo profughi della capitale è stato da poco preso d assalto dall esercito delle forze armate militari americane. Karin è un bambino di soli nove anni. Durante il conflitto ha perso il padre ed entrambi i fratellini, di cinque e sette anni. La madre è dispersa. Karin corre, ha paura, teme di essere scoperto e catturato, decide così di fuggire in una corsa a occhi chiusi. Nel tentativo di darsela a gambe, si scontra con un soldato americano, cadendo a terra per un violento urto. E te da dove spunti fuori? Chiede il soldato, quasi divertito dall aspetto buffo e malconcio del bambino. Karin, attonito, e con difficoltà a rialzarsi, pur non avendo mai ricevuto un istruzione primaria, non si fa cogliere impreparato dinanzi alla situazione, e con tono acuto ed impetuoso, ritto in punta di piedi, risponde: Mi chiamo Karin, ho nove anni e sono il figlio di uno dei suoi compagni. Il soldato con il sorriso sotto i baffi per la buffa, divertente ma astuta risposta, pronta e sicura, decide di stare al gioco, e di continuare così l interrogatorio, controbattendo: Piccolo, pur ammesso che tu sia figlio di uno dei miei compagni - anche se la cosa mi pare alquanto improbabile, sicché ad ognuno di noi è proibito portare con noi in missione dei famigliari, mi spieghi per quale motivo ti trovi da queste parti e non con tuo padre? Il bambino, colpito e improvvisamente colto di sorpresa dalle domande del soldato, non sapendo cosa rispondere replica: Per lo stesso motivo per il quale lei si trova qui. Il soldato, confuso e sorpreso di come Karin si sia difeso, solo grazie all aiuto del cervello e della parola, decide infine di lasciarlo andare, proseguendo ognuno per la propria strada; una storia iniziata con il piede sbagliato ma conclusasi con un umano lieto fine. Saggezza dell infanzia Gianluca Piro 1^ F

8 Pagina 8 Pillole di Cultura Il Cannocchiale Va pensiero ma attenzione a internet Sicuramente, l art. 21 della nostra Costituzione sancisce un principio fondamentale, che nei secoli passati quando le nazioni erano rette da regimi assolutistici o totalitari, non era osservato e anzi era fonte di persecuzioni e di repressioni. Non che questo oggi non accada ancora, basti vedere quel che succede in Iran, in Cina, in Corea del Nord, in Birmania, a Cuba e molti altri paesi dominati da governi autoritari che non tollerano il dissenso e dunque la libertà di opinione. Ma cosa significa in generale libertà di opinione? Ebbene, la libertà di opinione è la libertà di esprimere il proprio pensiero, di divulgarlo e dunque di ottenere pure consenso o dissenso. Qualcuno, in passato, disse che sono le idee che muovono i popoli. E in effetti, è proprio così, anche quando queste idee, espresse in piena libertà, poi paradossalmente hanno soppresso la libertà di opinione. Pensiamo al comunismo. Nato in pieno periodo liberista e garantista, nei paesi dove ha preso il sopravvento ha soppresso la libertà di opinione in nome dell ideologia totalitaria comunista. Ma anche per il nazifascismo il ragionamento è identico. Passando comunque al dettato costituzionale, questo afferma: Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola,lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell autorità giudiziaria nel caso di delitti,per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi,o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l indicazione dei responsabili. In tali casi,quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell autorità giudiziaria,il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria,che devono immediatamente,e non mai oltre le ventiquattro ore,fare denunzia all autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive,il sequestro s intende revocato e privo di ogni effetto. La legge può stabilire,con norme di carattere generale,che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica. Sono vietate le pubblicazioni a stampa,gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni. Spesso capita di sentir dire: posso dire ciò che penso? Posso sapere ciò che è successo? eppure solamente pochissime volte il pensiero di una persona viene espresso liberamente. Nel nostro paese siamo liberi di esprimere il nostro pensiero,le nostre opinioni perché ci sono leggi che sono a favore di questo privilegio. Molto spesso non è proprio così,perché anche se abbiamo la libertà di parola dobbiamo tener conto delle conseguenze che ci possono essere. Nel momento che c è una dibattito su un argomento che noi non siamo d accordo ci troviamo sul punto di controbattere e il timore delle conseguenze molte volte non ci fa parlare facendoci ragionare su quello che è più giusto fare. Restare in silenzio e tenersi per se la propria opinione è una cosa giusta?? Per me no! Ad esempio un operaio di una fabbrica,può dire al suo datore di lavoro quello che pensa o ritiene giusto o sbagliato? Certo che si,ma quali saranno le sue conseguenze? Si deve essere sempre educati e rispettosi,educati e moderati nei termini. Questo può bastare per non far cadere conseguenze negative su di lui? Si pensa di no e il rischio da correre è troppo alto. Qualche giorno fa una giovane lavoratrice per aver ritenuto il proprio lavoro noioso scrivendolo sulla sua pagina di facebook,senza pensare alle conseguenze che avrebbe avuto il suo gesto. Immediatamente è stata licenziata dal proprio datore di lavoro. Ma è davvero possibile perdere il posto solo per aver pubblicato online il proprio stato d animo, una considerazione personale, un emozione? Nell epoca dei social network sembra una cosa assurda ma, il titolare dell azienda non ha avuto esitazioni, poiché secondo il suo punto di vista,esprimere un pensiero negativo dell azienda di cui si è rappresentante su facebook equivale a scriverlo sulla bacheca aziendale, dove chiunque può leggere e immaginare che per qualche motivo lì non si lavora bene. Inoltre il gesto della ragazza è stato considerato dal dirigente come una forte mancanza di rispetto nei confronti dell azienda e degli altri dipendenti. Molte persone si riuniscono e manifestano il loro dissenso davanti a strutture pubbliche o fanno cortei lungo le strade delle città. Molto spesso però queste manifestazioni si trasformano in vere e proprie guerriglie proprio come quella che è successa a Roma qualche settimana fa. Quella che doveva essere una protesta pacifica con tutte le città del mondo per manifestare contro la crisi economica globale e contro gli eccessivi costi della politica italiana si è trasformata in guerriglia urbana. Gli Indignati, che avevano promosso il corteo e che erano partiti con le migliori intenzioni, con cori e bandiere colorate, sono stati sconfitti da 500 giovani incappucciati e armati di bastoni, mazze, bombe carta e fumogeni comportandosi come vandali. Cinque ore di battaglia urbana con le forze dell'ordine prese d'assalto da una pioggia di sassi e sampietrini lanciati dai cosidetti black bloc e militari che hanno rischiato la vita. Il diritto di parola e di pensiero è una cosa molto giusta e non si deve aver paura di esporre le proprie opinioni e inoltre le manifestazioni devono essere fatte perché è un modo per riunirci e ribadire ciò che per noi non è giusto però in modo ordinato, senza creare scompiglio nè distruggere negozi,auto. ecc.. Stefano Venditti 5^B EL

9 Anno VII numero 1 2 Pillole di Cultura Pagina 9 BODO IL CONTADINO Leggendo il libro Vita nel medioevo di Eileen Power nel primo capitolo si illustra la vita in un possedimento di campagna ai tempi di Carlo Magno. Il primo personaggio di cui l'autrice descrive la vita quotidiana del Medioevo è Bodo, un contadino del IX sec. La sua storia è conosciuta per mezzo di un libro catastale scritto dall'abate di Saint-Germain_des_Prés, Irmione, al fine di sapere con precisione quali terre appartenessero all'abbazia e a chi fossero date in gestione. Dal libro sappiamo che i terreni appartenenti all abbazia erano divisi in fiscs che erano dei fondi tanto grandi da poter essere amministrati da un fattore; ogni fiscs era successivamente diviso in terre tributarie e terre signorili, queste ultime erano amministrate direttamente dai monaci tramite i fattori, le prime invece erano divise in appezzamenti più piccoli chiamati mansi ed abitati da coloni. I coloni altro non erano che uomini considerati liberi dalla legge, ma legati alla terra che coltivavano, ad esempio, se il terreno su cui il c. lavorava era venduto, anche egli veniva venduto con esso. Il manso era abitato da una o più famiglie di coloni che svolgevano il lavoro necessario per il buon andamento dei propri campi. Intorno al protagonista ruotano molti altri personaggi del mondo feudale: primi fra tutti, i componenti del suo nucleo familiare, Ermetrude, la moglie, Wido, il figlio maggiore, e i suoi fratelli. Poi i coloni e i servi delle terre dell'abbazia di Saint-Germain-des-Près, nonché altri personaggi di maggior rilievo e di cui i documenti storici forniscono maggiori informazioni: l'imperatore Carlo Magno, gli amministratori dei mansi, i missi dominici, gli abati. La giornata di lavoro di Bodo iniziava con l'incontro dei suoi compagni di lavoro per poi recarsi tutti insieme nelle terre da coltivare. Tornava a casa solo alla sera per mangiare. Invece le donne rimanevano a casa a cucinare, a curare i figli, a cucire. Nei giorni festivi la famiglia di Bodo andava a messa e passava la giornata ballando e cantando in compagnia, nel sagrato. Inoltre il contadino era molto superstizioso e ripeteva preghiere di antichissima tradizione in situazioni che potevano compromettere la sua famiglia o il proprio lavoro. Alcuni svaghi del nostro protagonista erano le fiere, nelle quali comperava oggetti sui banchi dei mercanti d' oriente. Questa era la vita di una famiglia di contadini nel medioevo, interessante no? MANDATORI MATTEO 3^BEL Il nostro giornale è anche presente sul sito di Albo Scuole all indirizzo : cannocchiale/

10 Pagina 10 Pillole di Cultura Anno VII numero 1 2 Marco Polo un viaggiatore veneziano del XIII secolo Dal libro di Eileen Power nel capitolo intitolato il viaggiatore vengono riprodotti i viaggi in Cina di Marco Polo. Marco Polo, d origine veneziano, amava ascoltare le storie di viaggi dai marinai. Nel XIII secolo Venezia, data la sua posizione tra Oriente e Occidente, era l unico grande itinerario marittimo del commercio medievale. Marco Polo affascinato dalle storie dei marinai sui luoghi, usanze e costumi dei popoli stranieri nutriva un maggior interesse per il popolo dei Tartari. Il padre e lo zio, ricchi mercanti erano partiti per la Tartaria ad intraprendere un avventura commerciale, ma per molto tempo non dettero più notizie tanto da far pensare che erano stati rapiti. Marco Polo si informava di tutto ciò che riguardava i Tartari, chiedeva notizie ai marinai su quei cavalieri selvaggi. I due fratelli Polo, nel frattempo, avevano conosciuto il gran Khan che era rimasto meravigliato dalla loro qualità e intelligenza tanto da rimpatriarli con l incarico di chiedere al papa, per suo conto, uomini di scienza per istruire i suoi Tartari. Marco Polo, al ritorno del padre e dello zio volle sentire i loro racconti. Successivamente quando i due dovettero ripartire, portarono anche lui in Cina dove soggiornò per lungo tempo. Marco Polo, di questo viaggio, racconta l incontro con il Khan, l amicizia che nacque tra loro, la collaborazione e i vari incarichi che ebbe. Marco Polo, nel suo viaggio, non descrive solo la grande capitale ma parla del commercio fluviale della Cina, delle importazioni ed esportazioni nei suoi porti, descrive la ricchezza dell impero, del commercio e del sovrano Kublai Khan un autentico imperatore cinese. Nel 1324 Marco Polo morì onorato dai suoi concittadini. Egli fu il primo viaggiatore a scoprire la Cina in tutta la sua ricchezza, le sue ricche industrie, la sua innumerevole popolazione, le grosse flotte; il primo a parlarci delle popolazione straniere con le loro stranezze, i loro riti e i loro costumi. Queste conoscenze che Marco Polo aveva portato in Europa e i rapporti tra Oriente e Occidente continuarono a svilupparsi dopo di lui. Matteo Di Napoli 3^ BEL

11 Il Cannocchiale Tradizioni e Curiosità Pagina 11 DALLA PREISTORIA AI LONGOBARDI Continuamente sulle tracce del nostro passato. Da quest anno le zone di Cividale del Friuli e Palù di Livenza sono diventate patrimonio dell umanità. Cividale del Friuli è stata la prima capitale del ducato longobardo. Palù di Livenza invece è il sito paleolitico fra i più antichi dell Italia Settentrionale. Cividale del Friuli è uno scrigno di tesori artistici, è stata fondata nel 53 a.c. da Giulio Cesare con il nome Forum lulii. In questa zona possiamo trovare testimonianze storiche ed artistiche uniche al mondo, una di queste è il tempietto longobardo, una delle tante architetture alto-medievali occidentali. La tesi prevalente è che quest ultimo venne costruito nella seconda metà dell VIII secolo, e si pensa che fosse una cappella appartenente a un monastero femminile. Il monastero di Santa Maria In Valle. Questo tempio è formato da un aula quadrata con volta a crociera. Dalla parte del presbiterio si notano tre piccole navate a forma di botte, ed inoltre sono presenti molti affreschi bizantini. Nell aula si trovano gli stalli lignei risalenti al XIV secolo. Nella altare invece troviamo testimonianze dell arte longobarda, che sono presenti presso il Museo Crissano del Duomo. Ci spostiamo in provincia di Pordenone, dove si trova il sito palafitticolo, ossia Palù di Livenza. Dagli scavi effettuati in questa zona sono emerse tre diverse strutture palafitticole, questo testimonia che ci è stato un insediamento fino al Neolitico. L importanza archeologica di questo sito era già nota alla fine dell 800, ma questo venne riconosciuto solo negli anni sessanta quando venne scavato un canale in modo tale da far drenare le acque stagnanti al centro del bacino. Questi lavori portarono alla luce strutture lignee e frammenti ceramici appartenenti alle generazioni del Paleolitico. In seguito ci furono esplorazioni subacquee che permisero di individuare nuove strutture lignee sommerse e vennero riportati alla luce alcuni strumenti di pietra risalenti alla fase finale del Paleolitico, e questo attesta la più antica frequentazione umana a Palù di Livenza. Durante questa fase, questa parte era interessata da un lago che andò a favorire la caccia. Col passare del tempo il lago si prosciugò e così nacque il villaggio di palafitte le cui tracce sono arrivate a noi e questo ci permette di sapere di più sui nostri antenati. Russo Claudio - Grassia Enrico III^ A MC

12 Pagina 12 Tradizioni e Curiosità Anno VII numero 1 2 Visione dell'inferno nel medioevo Il gesuita Il regno dei morti era un mondo indistinto, Pierre Coton è ombroso, ma senza pene eterne. A questa una delle voci visione laica Dante cristiano rende omaggio minori con il limbo luogo dove non si soffre nella letteratura e dove dimorano le anime elette del mondo infernale che pagano. In seguito l'aldilà classico crea una per quasi un distinzione tra i campi elisi destinati agli millennio ha eroi e il tartaro destinato ai malvagi. cercato di L'oltretomba giunge in un secondo tempo descrivere agli anche per l'ebraismo e l'antico testamento. uomini sistemi di punizione ultraterrena. A lungo infatti i testi di riferimento ritengono che Dio premia o punisce gli uomini già su questa terra a causa del peclenni Per milcato originale. Per tutti dopo la morte c'è lo la conoscenza umana descrive solo generici inferi come località neutre, regioni solitamente sotterranee e prive di luce, ma senza sofferenze Sheol, un mesto aldilà sepolcrale dove particolari. Questo concetto di aldilà buoni e si sviluppa nell'antichità come dimostrano i primi riti funebri svolti dall'homo sapiens. c a t t i v i giacciono Una nuova fase inizia con la nascita di con dei religioni e stati organizzati. Nella Mesopotamia v e r m i dei n e l l a s u m e r i germoglia il p o l v e r e emanando regno della continui gemiti. Gli inca intorno al mille dea dei morti immaginano una casa del diavolo traboccante di sofferenze che attende i malvagi Ereshkigal, dove le al centro della terra. I germani premiano i anime si loro combattenti con il paradiso, la casta nutrono di guerriera, gli altri stanno nel gelido regno fango. La complessa teologia degli egizi degli inferi. Nel trecento arriva la distinzione tra peccato veniale e peccato mortale introduce l'immagine del giudizio post mortem davanti al tribunale di Osiride, che inaugura la pena eterna e l'inferno quindi da questo momento nell'aldilà è diviene eterno, evidenziato anche dalla letteratura con l'arrivo della Divina Comme- presente un Dio che punisce. L'aldilà è detta Ade nel mondo greco-romano, agli dia di Dante Alighieri. inizi, era più simile al purgatorio cristiano. Benedetti Alessio 3^Bel

13 Anno VII numero 1 2 Tradizioni e Curiosità Pagina 13 VITA NEL MEDIOEVO LA BADESSA Scene di vita medioevali Abbiamo letto un libro sul Medioevo, intitolato Vita nel Medioevo di Eileen Power. Ogni capitolo è un racconto. La protagonista del terzo capitolo che è intitolato la Badessa è la giovane Madama Eglentyne, una suora. La sua vita monastica inizia quand'era molto giovane: suo padre, avendo tre figlie da far sposare e un figlio "dalle mani bucate", decise di sistemarne una in convento. Ad Eglentyne ciò non dispiacque, anzi, ne era fiera e prese il velo con convinzione a solo 15 anni. Qui imparò a cantare, a pregare, a leggere, a ricamare. Doveva sottostare ad una serie di regole: alzarsi alle due di notte per recitare il Mattutino, poi andava un'altra volta a dormire come le altre suore;, alle sei dovevano alzarsi di nuovo per recitare il Prima e solo dopo quest'ultima potevano fare la colazione a base di pane e birra. Durante il giorno si pregava, recitavano la Terza, la Quinta, la Sesta, la Nona, i Vespri e la Compieta, si pranzava a mezzogiorno e durante il pranzo si leggevano delle letture ad alta voce, si cenava dopo la recita dei Vespri e poi si andava a dormire. Durante la giornata oltre a pregare si lavorava da mezzogiorno alle diciassette d'inverno e dalle tredici fino alle diciotto d'estate. I lavori potevano essere intellettuali oppure manuali. Quelli intellettuali consistevano nell'intonare le letture, trascrivere documenti, mentre quelli manuali consistevano nel fare il fieno durante l'estate, lavorare nelle terre e nel giardino. Eglentyne divenne Madre Superiora, ma la sua bontà le fece fare molti sbagli. Aveva adottato dei cani per imitare le dame dell'epoca,le quali si divertivano con gli animali da salotto. Ciò fu interpretata come, una non obbedienza alla testimonianza della regola benedettina ora et labora, ovvero prega e lavora, sembrava che ella stesse perdendo sempre più l'osservanza per lasciare spazio alle cose superflue e materiali. Per questo ella fu accusata di sperperare i denari del convento e di essere più interessata alla vita mondana che a quella religiosa. Il racconto ha lo scopo di mettere in evidenza l'interpretazione rigida della vita religiosa nel medioevo. DANIELI MICHELE 3^ B EL

14 Pagina 14 Tradizioni e Curiosità IMMAGINI DI NATALE DAL MONDO Il Cannocchiale Forse non tutti sanno che il rubicondo, allegro e barbuto BABBO NATALE è stato diffuso in tutto il mondo dalla Coca Cola, negli anni 30, per la sua pubblicità natalizia; il suo predecessore è, dall oladendese Sinterklaas, Santa Claus ovvero San Nicola, protettore dei bambini e degli studenti: invece delle renne si serviva di un cavallo bianco, volante naturalmente. La leggenda vuole che Nicola, benestante, volle aiutare una famiglia povera portando doni alle tre ragazze che ne facevano parte; ma trovando chiuse le finestre fece arrivare i regali in casa attraverso il comignolo del camino. Anche gli scrittori hanno dato le loro versioni di questo personaggio ora assomigliandolo ad un ecclesiastico vicino ai poveri ora ad un elfo; comunque le varie versioni del Babbo Natale moderno fanno capo a San Nicola di Myra (in odierna Turchia), che durante l inverno esortò i parroci a raggiungere i bambini nelle loro case portando loro piccoli doni e parlando con loro di Gesù. Insomma sia che IL VECCHIO venga dal POLO NORD o dal POLO SUD, fa piacere a tutti grandi e piccini ricevere regali a NATALE, SOPRATTUTTO perché VUOL DIRE CHE QUALCUNO TI HA PENSATO!!!! IN SVEZIA.. In Svezia, come anche in alcune città del nord Italia, il 13 dicembre è Santa Lucia a portare i doni ai bambini. Lucia era una bella ragazza siciliana, di nobile famiglia, che si convertì alla religione cristiana quando la Sicilia era una colonia romana con i suoi dei pagani. La storia è presto detta: Lucia si rifiutò di sposare l uomo potente che la sua famiglia le imponeva, perché questi non era cristiano, ma pagò la sua disobbedienza in modo disumano: prima le furono strappati gli occhi e poi la vita. IL 13 DICEMBRE IN SVEZIA ARRIVANO I DONI PER I FANS DI SANTA LUCIA: I BAMBINI E PER TUTTO IL PERIODO NATALIZIO BIMBE E RAGAZZE GIRANO PER LE STRADE CON ADDOSSO UNA CANDIDA TUNICA E SUL CAPO UNA CORONA DI CANDELINE ACCESE. Re Magi, Pére Noel, Santa Claus, Santa Lucia TUTTI INCAR- NANO LO SPIRITO BUONO DEL NATALE!!!!! BABBO NATALE IN AUSTRIALIA È SIMILE A QUELLO AMERICANO, MA INVECE DI ARRIVARE IN SLITTA, AVVOLTO DALLA NEVE, PER POI INFILARSI NEI CAMINI A SYDNEY SI FIONDA CAVALCANDO LE ONDE DELL OCEANO SU UN SURF!

15 Anno VII numero 1 2 Tradizioni e Curiosità Pagina 15 LA SUPERSTIZIONE Viene definita superstiziosa la persona che crede in cose soprannaturali, nei sortilegi, nella magia ecc. Sciocche e ridicole vengono considerate le superstizioni dai razionali e dagli scettici, difficilmente si ammette di essere superstiziosi, di credere a certe "ridicolaggini", come si è soliti affermare con prosopopea quando si è con amici a cui si vuole mostrare la propria superiorità di fronte a simili "sciocchi pregiudizi". Salvo poi, in privato, fare i debiti scongiuri per avvenimenti o situazioni che necessitano dì un atto scaramantico. Chi, sia pure segretamente, non ha effettuato scongiuri per propiziarsi la fortuna? è incontestabile che, pur fingendo di non credere si attribuiscano a taluni elementi una particolare influenza magica. Un esempio del nostro, a volte falso scetticismo, ci viene dato dal filosofo Benedetto Croce, il quale interrogato sugli effetti di certi pregiudizi, rispose con arguzia: "Non è vero... ma ci credo! ". Quanti sarebbero disposti a sfidare la sorte compiendo gesti o cerimoniali che tradizionalmente sono ritenuti apportatori di negatività? Chi volutamente è disposto a posare il pane sulla tavola capovolto, o a versare il sale o a mettere i coltelli in croce, oppure ad accendere tre sigarette con lo stesso fiammifero, o ancora a passare sotto una scala, ben sapendo che tutti questi gesti sono considerati negativi? Che dire poi del nefasto "13 a tavola"? Questa assieme a quella del Venerdì, è una delle superstizioni più diffuse. Per non parlare di "venerdì 17" giorno per taluni così infausto, che persino i quotidiani non mancano a volte di sottolinearlo. Del resto, perché ironizzare su questi pregiudizi tutto sommato innocui? Chi non ha le sue superstizioni? E anche la superstizione affonda le sue radici nel tempo. I primitivi infatti ritenevano che, colpendo l'immagine del bisonte, fosse più facile uccidere l'animale durante la battuta di caccia. Nasceva, in tal modo, la prima forma di superstizione. Cristoforo Colombo considerava il venerdì un giorno fortunato. Partì da Porto Palos un venerdì; mise piede sulla nuova terra di venerdì e rientrò, sempre di venerdì, a Porto Palos. Ma in fondo cosa costa portarsi dietro, in tasca o in borsetta un piccolo corno se questo ci può dare un pizzico di tranquillità in più? Eh dimenticavo di dirvi che non sono superstizioso! Accidenti devo allungare la strada per rincasare: è passato un gatto nero.. Ghion 1^ B

16 Pagina 16 Recensioni e Cinema Sherlock Holmes: GIOCO DI OMBRE Il Cannocchiale Il sequel supera,eccezionalmente, il 1 capitolo per divertimento e qualità narrativa, pertanto è indicato per lo spettatore che vuole sfuggire alla solita zuppa proposta dai cine- panettoni. Così come nel primo film il detective londinese si evolve rispetto al personaggio originario della letteratura creato da Conan Doyle, non è esclusivamente cerebrale e sedentario ma appare affascinante, seduttore, esperto di arti marziali, tanto che sembra essersi contaminato con James Bond. Oltre alla collaudata coppia Sherlock - dott. Wotson, fanno il loro ingresso Moriarty, nelle vesti dell antagonista geniale e senza scrupoli, la zingara Sim; brillante è l introduzione del fratello maggiore di Sherlock, Microft Holmes interpretato dal grande Stephen Fry. Il gioco per Holmes si fa duro, si dovrà misurare con un acuta mente criminale, quella del prof. Moriarty, che metterà in seria difficoltà il leggendario intelletto del famoso detective: uno scontro tra titani! La vicenda è complessa e la morte del Principe d Austria è solo un tassello di un piano criminale internazionale: posta in gioco della difficile partita è addirittura il corso della Storia. Non manca l umorismo, il povero Wotson dovrà interrompere la luna di miele; anche l ambientazione storica è azzeccata e variegata. Si invitano i docenti, gli alunni e tutto il personale a produrre nuovi articoli per il terzo numero de Il Cannocchiale del mese di Gennaio 2012.

17 Il Cannocchiale Attività e Progetti Pagina 17 UN PALAZZO CHIAMATO LIBERTA Che cosa ti ha dato l esperienza dell insegnamento e del volontariato in carcere? Quando racconto che ho lavorato nella scuola carceraria di Latina e poi sono tornata dietro le sbarre come volontaria, la domanda che mi si rivolge più spesso è proprio questa. Una domanda che, trascorso ormai qualche anno da quell avventura, mi pongo spesso anch io. E ogni volta, come su uno schermo, le immagini tornano a scorrere ed ecco spuntare dal corridoio della memoria, Miguel, pittore dal potente accento sudamericano finito in carcere chissà come- con i suoi baffi all insù nella faccia ritonda e una tavolozza in mano- il primo detenuto che ho incontrato, davanti al quadro ancora incompiuto di un colibrì dai colori straordinari che sembrava spiccare il volo anche tra le pareti grigie, e, dietro di lui, rivedo tanti alti e tante altre: un uomo che aveva ucciso per errore e aveva dimenticato cosa significasse sorridere, Assunta che era analfabeta e restava a fissare il nome di sua foglia scritto su un foglio meditando su come copiarlo una volta che avesse imparato a impugnare la penna. E poi mi tornano in mente le mattine nella sezione femminile con le detenute che stendevano i panni ascoltando le canzoni di Gigi D Alessio, le prove del teatro, i funerali di Giovanni Paolo II che tutti avevano voluto seguire in diretta in un silenzio composto, più profondo del solito silenzio. Cosa mi ha dato quell esperienza? Forse la consapevolezza che a volte lavorare dietro le sbarre insegna a guardare oltre le sbarre, non quelle fisiche, ma quelle ben più resistenti dei pregiudizi e dell indifferenza, forse lo stupore di scoprire quanto desiderio c è in chi ha le ali tarpate di tornare a volare. E quando mi si chiede cosa racconto agli alunni di quell esperienza, io rispondo che lascio parlare al mio posto alcuni dei detenuti che ho conosciuto e che mi hanno regalato frasi e pensieri. Giovanni: Sa, professoressa, in noi ragazzi che prendiamo una brutta strada, così un po sbandati, c è tanta sofferenza Maurizio: Quante mattine io non andavo a scuola e poi, quando volevo tornarci, mi vergognavo ad entrare, forse chissà, se qualcuno dei miei professori mi avesse cercato, io non avrei fatto la fine che ho fatto Claudio: Qui in carcere, ho letto un libro E stato bello. Magari se avessi imparato prima a leggere i libri la mia vita sarebbe stata diversa Attraverso il tempo, quelle frasi mi sono sempre presenti, mi aiutano ad apprezzare quello che ho, mi servono per ricordare ai ragazzi che c è un palazzo che si costruisce giorno per giorno, che può arrivare a contare molti piani e dal quale possiamo guardare molto lontano, ma che è fragile e può crollare se non impariamo a rinsaldare continuamente le fondamenta, un palazzo chiamato Libertà. Prof.ssa Adriana Marucco

18 Pagina 18 Attività e Progetti WORLD ANIMAL DAY Anno VII numero 1 2 In Italia una famiglia su due possiede un animale domestico da compagnia, ma difficilmente quando lo si acquista o lo si adotta, si valutano bene le possibilità di ospitarlo nel tempo e nel luogo adatto. E' importante tener conto che gli animali non sono nè soprammobili nè giocattoli per i bambini,e quindi prima dell'acquisto o dell'adozione è importantissimo valutare attentamente la decisione di avere un animale domestico e chiedersi inoltre, il perchè si desidera compiere questo passo, o anche se si è in grado di affrontare la spesa che ne deriva e se si dispone di tempo e spazio sufficienti. L' acquisto di un animale domestico è sicuramente un impegno che presuppone un comportamento responsabile, di una cura e di una dedizione costante. Bisogna ricordarsi che ogni animale ha una sua personalità, può fare compagnia in silenzio o diventare un allegro compagno di giochi. Un animale è pronto a dare moltissimo affetto in cambio di un po di cibo, di un rifugio, di una carezza e soprattutto di un profondo rispetto. Una cosa molto importante è sensibilizzare le persone sull'importanza e sul rispetto degli animali, a questo proposito, il 4 ottobre si festeggia la Giornata Mondiale degli Animali,istituita nel 1931 a Firenze,in memoria di San Francesco d'assisi, patrono degli animali. Negli anni la manifestazione ha acquisito un significato sempre più ampio diffondendosi in tutto il mondo. A Natale regaliamo un cucciolo, beninteso solo a a persone responsabili e sensibili che amano gli animali e ne possano avere cura. Vuolo 1^ B Tutti coloro che volessero contribuire alla realizzazione del giornale con: articoli, racconti, opinioni, poesie, foto, vignette o qualsiasi altro contributo, possono rivolgersi ai proff. Liquori, Cianciaruso, Maddaloni e Zannella. N.B. Tutti i contributi dovranno essere presentati su supporto informatico

19 Il Cannocchiale Attività e Progetti Pagina 19 LUCI IN TEATRO E questa volta a quel folletto del nostro regista è venuta proprio una bella idea,che ha preso forma nel tema da portare sulla scena: LA VERITA, la verità a 360 ; come dire una cosuccia da nulla, una bazzecola ed io che sono campana mi vado ripetendo:-una cosa, in fondo, facile, facile!!!- Tuttavia, come è noto i creativi spesso sono anche un po pazzi e così le professoresse Adriana Marrucco e Rosa Liquori hanno accettato la sfida : presumibilmente confidano molto nel buon cuore del pubblico!! La compagnia ha convenuto di non svelare la trama, articolata in tre atti: insomma si riserva di scoprire LA VERITA a tempo debito e per il momento vi augura un caldo BUON NATALE! AUGURI, AUGURI ed ancora AUGURI da Rosa Liquori & tutto lo staff!

20 Pagina 20 Attività e Progetti Solidarietà e Legalità Il Cannocchiale La partita della solidarietà è quella della vita. L' incontro di calcetto tra studenti del Galileo Galilei e detenuti, avvenuto nella casa Circondariale di Latina, giovedì 15 dicembre, si è concluso con un pareggio della legalità. Ci si è incontrati per disputare una partita di calcetto nel campetto, uniti dal comune piacere sportivo, con competitività e allegria. Il confronto è giunto al culmine durante la successiva conferenza che ha visto i pedagogisti del penitenziario ed i detenuti illustrare agli studenti come scorre la vita lì dentro, come avviene la rieducazione del reo. Confrontando poi ciascuno il proprio progetto di vita, si sono valutate le opportunità, i se, i ma, le fantasie, non sono mancati momenti di comunicazione, di suggerimenti, di desideri non possibili di amicizie, malinconie superate grazie a tutti gli educatori, complice un piccolo rinfresco offerto da un fornaio solidale. Gli ingegneri di elettrotecnica hanno potuto anche valutare dei dati tecnicilavorativi sugli impianti elettrici di un sistema così complesso come è la casa Circondariale, simulando con gli alunni un sopralluogo, con un problem solving vero e proprio. La giornata si è conclusa per tutti con un grande desiderio di libertà, di fiducia nel domani, anche se con diverse opportunità, ma con una grande lezione paritetica di vita. Prof.ssa Grazia Maddaloni

21 Il Cannocchiale Attività e Progetti Pagina 21 AL G. GALILEI UNA SCOPPIETTANTE GIRANDOLA DI PROGETTI ED INIZIATIVE. L A.S. in corso vede il dispiegarsi sul tappeto dell Istituto progetti vecchi e nuovi e così giochiamo a scacchi, impariamo a muoverci come tecnici del suono e delle luci in teatro o ci mettiamo in gioco come attori, ci misuriamo in tornei di calcetto, diamo vita alla diretta radiofonica, seguiamo corsi di inglese e abbiamo la possibilità di partecipare a stage all estero, ci informiamo su come preservare la nostra salute grazie a relatori professionisti e qualificati; nel triennio possiamo seguire lezioni, nell ambito di discipline diverse, interamente in lingua straniera: straordinario ed innovativo! La nostra professoressa ci ha informati circa un esperienza diciamo così insolita: una partita di calcio tra gli alunni più grandi della nostra scuola ed una formazione di detenuti, nella casa circondariale di Latina. Molti alunni sono coinvolti dalla lettura del quotidiano in classe e tanti altri dal laboratorio musicale. Inoltre sono previste uscite, gite, spettacoli teatrali esterni a diversi livelli. Bollono in pentola altre esperienze (fare lezione con le LIME) di cui parleremo in seguito La professoressa ci ha anche detto che tutto quanto ruota intorno agli insegnamenti e che tutte le attività sono formative, in poche parole ci aiutano a crescere ed a relazionarci positivamente con gli altri! Lei dice:_solo così la scuola può essere percepita come uno spazio di vita- Il sito del GALILEI fornisce tutte le informazioni sulle attività svolte nel nostro Istituto. P.S. NEL PROSSIMO NUMERO REGALEREMO AI NOSTRI LETTORI UNA RASSEGNA DEGLI ORIGINALISSIMI ALBERI REALIZZATI DA ALUNNI E PROFESSORI IN COMPOSITION. Il presente articolo deriva da una lezione tenuta dalla prof.ssa Liquori nelle prime settimane di scuola e poi via via completato. Autori: Liquori, Vuolo, Ghion, Villano

22 Pagina 22 Attività e Progetti Anno VII numero 1 2 Il licantropo,detto anche lupo mannaro,uomo lupo o lupo mangiatore di uomini non è una figura del tutto realistica. Secondo la leggenda,il licantropo è un essere umano condannato da una maledizione a trasformarsi in bestia feroce ad ogni plenilunio:la forma di cui si racconta è quella del lupo,ma in altre tradizioni troviamo anche il bue,l orso o il gatto selvatico. Il lupo mannaro e il licantropo non sono sempre sinonimi:il lupo mannaro nelle leggende popolari è semplicemente un grosso lupo con abitudini antropofaghe,a cui si può associare o no una natura mostruosa. Licantropo e lupo mannaro si possono distinguere perché il lupo mannaro si trasforma contro la sua volontà nelle notti di luna piena,invece il licantropo si trasforma quando lo desidera senza perdere la ragione. Il lupo è stato un animale soggetto a un radicale processo di demonizzazione e successiva rivalutazione. Il lupo a partire dal Medioevo divenne un animale ambivalente:amato ed odiato. ANTICO EGITTO La notte dei Lupi Nell Antico Egitto le prime raffigurazione di un incrocio tra un canide e un uomo riguardano lo sciacallo(anubi).in questo caso non si può parlare di mannarismo vero e proprio perché manca l aspetto della trasformazione,volontaria o involontaria. ANTICA GRECIA Nell'Antica Grecia ci sono tre immagini raffiguranti il licantropo:zeus,febo e LICAONE. Zeus è un essere mutuaforme per accontentare le donne,tra cui c'è la trasformazione in lupo. Febo:insieme ad Artemide,viene partorito da Lantona, in seguito trasformata in lupo. Tra le trasformazioni di Febo c'è il lupo. Il mito di Licaone documenta il passaggio del lupo da creatura degna di venerazione in un essere da temere. Dopo un essersi indignato con lui,zeus,trasformò Licaone in un lupo,costringendolo a vagare per i boschi in forma di bestia. ANTICA ROMA Presso le tribù galliche,il licantropo,è un carnivoro necrofago. E difficile stabilire quando si abbiano le prime leggende che parlino esplicitamente di licantropi.di certo,la figura del lupo mannaro compare,ancora in epoca classica,nel primo secolo nella narrativa della Roma Antica. Nel Medioevo c'erano persone che si credeva fossero indemoniate...per gli uomini si parlava di lupo mannaro e per le donne si pensava subito alle streghe e l 'unico modo per bruciare la maledizione era il Rogo. Oggi abbiamo rivalutato i lupi.cercando di proteggerli dall uomo e sappiamo che il licantropo è affetto da una patologia, anche se ascoltarne i lamenti nelle ore notturne è raccapricciante!!! Vuolo 1^ B

23 Il Cannocchiale Sapete dove fanno il bagno i canguri? Nel Mar Supio! Per sorridere un po Pagina 23 Alleniamo la mente Il contrario di melodia? Selotenga. Mamma come sono nato?" La mamma: "Ti ha portato la cicogna." "E tu come sei nata?" "Mia madre mi ha comprato a Parigi." "E la nonnina?" "L'hanno trovata sotto un cavolo." "Ma... in questa famiglia nessuno è mai nato normalmente??" "Ma cara, come guidi; era rosso!". "No, era biondo!". Un uomo sta camminando quando un signore lo avvicina e gli chiede: "Scusi, sa che ore sono?" L'uomo stende il braccio, solleva il polsino, guarda l'orologio e risponde: "Certamente, signore". Annerite 21 caselle ORIZZONTALI: 1. Arde in chiesa - Iniziali della Day -Ultime in stampa - 2. Sbarra che collega le ruote - Antico vaso con coperchio - 3. Scarabocchiata - 4. Struttura di sostegno - 5. Il proprio io - 6. Piemontesi di città - 7. Bassa, profonda - Una vecchia sigla europea -La fine della rivista - 8. Non l ha un artista intramontabile -Associa automobilisti - Il biblico padre di Ammon - 9. Teorema deducibile da un altro precedentemente dimostrato -10. Apparente, superficiale Gemelle in dubbio - Lo è il grano 12. Un suddito di Semiramide - Un film diretto da Luchino Visconti. VERTICALI: 1. Produce solo fumo - La moglie di Priamo - 2. Respiro concitato - La diva Streisand (iniziali) - 3. Ridurre il diametro delle colonne dal basso verso l alto - 4. La moglie del taverniere - Campani dell antichità - 5. Depositi di granaglie - Fa il paio con ego - 6. La più anziana del gruppo - L insieme dei sacerdoti - 7. Parlare di cose inutili - 8. Dolci in foglie sottili - Insenature delle coste galiziane - 9. Lamentarsi flebilmente - Un tipo di barche per regate -10. Degni di una volpe - Ebbe l Oscar per la ciociara Porto italiano Contengono aspirina - Gruppo di vocali simile al dittongo - Un ottima farina. La soluzione sarà pubblicata sul prossimo numero Sapete come si chiama l' insegnante di storia dei pesci? Storione! In treno: "Signore, il suo abbonamento è dell'anno scorso!" E il passeggero, tranquillamente: "Ah beh, non si preoccupi, non seguo la moda, io!!!" Tema in classe. La maestra chiede agli allievi di raccontare una battuta del proprio papà. Pierino scrive: <<Papà leggeva tutti i giorni le pagine dedicate alle offerte di lavoro. Un giorno si è messo a gridare: "È fatta! È fatta! Ho trovato un lavoro favoloso! Un lavoro facile, ben remunerato, possibilità di mangiare in mensa, partecipazione agli utili dell'impresa". Mamma allora ha detto: "Sembra proprio un'occasione coi fiocchi!". E papà: "Ero sicuro che ti sarebbe piaciuto. Inizi domani!">>

24 Istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei - Latina Più opportunità per il tuo futuro Via Ponchielli Latina Tel.: 0773/ Fax: 0773/ PEC: Web: Specializzazioni: Elettronica ed Elettrotecnica Meccanica - Meccatronica ed Energia Chimica, Materiali e Biotecnologie Il Cannocchiale Giornale dell Istituto Tecnico Industriale.G. Galilei di Latina Direttore: D.S. Redazione: Dott.ssa Laura Pazienti Rosa Liquori Referenti: prof.sse Maria A. Cianciaruso Grazia Maddaloni Graphic Design: prof. Paolo Zannella Web Publication : Sig.ra Anna Ronconi La redazione ringrazia tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo numero, dando appuntamento al mese di Gennaio Tutti coloro che volessero contribuire alla realizzazione del giornale con: articoli, racconti, opinioni, poesie, foto, vignette o qualsiasi altro contributo, possono rivolgersi ai proff. Liquori, Cianciaruso, Maddaloni e Zannella. N.B. Tutti i contributi dovranno essere presentati su supporto informatico

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli