MERCATI MOLINI AMORUSO AREA PRODOTTI. Carrelli pieni di prodotti a marchio. Blog, forum e brand community... l altra anima del commercio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MERCATI MOLINI AMORUSO AREA PRODOTTI. Carrelli pieni di prodotti a marchio. Blog, forum e brand community... l altra anima del commercio"

Transcript

1 Mensile di informazione - anno II numero IV aprile ,00 MERCATI Blog, forum e brand community... l altra anima del commercio MOLINI AMORUSO La buona farina AREA PRODOTTI Carrelli pieni di prodotti a marchio

2

3 Nuove frontiere del business on line Benedetta Maffi a I Editoriale nternet non è solo un mutamento tecnologico, ma un cambiamento epocale a livello sociologico che sta influenzando tutti gli aspetti della società. Il web è oggi una condizione imprescindibile allo sviluppo economico e sociale di un area geografica e si impone come baluardo di espressione e informazione per ogni Paese del globo. Sarà il 2010 l anno della pubblicità su Internet nel Belpaese? Così sembra. Emerge uno spiccato interesse per il mondo dei social media da parte dei responsabili marketing e pr, ma anche la volontà di investire risorse in rete nell anno in corso per comunicare e per monitorare la propria web reputation. Tra i new media, quelli più conosciuti e considerati più adatti a supportare la comunicazione e il business della propria azienda sono blog e forum, seguiti da YouTube, Facebook e Twitter. Ma, se la consapevolezza è importante, altra cosa è passare all azione: eppure anche su questo punto sembra che qualcosa si stia muovendo nel sonnacchioso mondo del web italico. Infatti, si ammette che in azienda a tutt oggi manchi (tranne rare eccezioni) una figura professionale dedicata ai social media e al monitoraggio delle conversazioni online. Il tempo da dedicare alla cosiddetta online audience engagement è stimato tra le due e le tre ore al giorno. Infatti, il monitoraggio della web reputation e l implementazione di strategie ad esso correlate è un fattore considerato strategico dal 100% dell indotto pubblicitario, in quanto in grado di incidere direttamente sui profitti dell azienda. Cifre ancora contenute, ma che possono essere un inizio per un mercato, quello della pubblicità digitale in Italia, ancora limitato. Il web avrebbe fatturato nel 2009 circa 900 milioni di euro, con un rapporto di 1 a 8 a favore della Tv (stima Iab). Dunque non resta che attendere per verificare se la pubblicità online decollerà anche da noi. Altrove è un mezzo di comunicazione ormai affermato. Piace il fatto che sia più facilmente tracciabile, e che spesso dia un Roi più elevato. Lo scorso settembre i giornali britannici riportavano tutti la stessa notizia: la pubblicità online aveva per la prima volta superato quella sui media tradizionali, televisione compresa. E per il 2010 nel Regno Unito si prevede un ulteriore crescita (+4,7%) che svetterà però solo nel 2012 con un 11,3% (secondo una proiezione emarketer). Anche quotidiani in grave crisi potrebbero trovare una boccata d ossigeno dalla vendita di contenuti online, grazie all uso sempre più diffuso di dispositivi quali i-phone o smartphone: da leggere in viaggio, velocemente, senza sgomitare il vicino di treno ogni volta che si cambia pagina. Il prossimo ad annunciare la vendita dei contenuti della versione online potrebbe essere il New York Times, per la disperazione dei suoi 20 milioni di utenti unici. Al di là di nicchie come gli appassionati di musica e i teenager, sembra non esserci più storia: tra i più diffusi social network, il più lindo e organizzato Facebook ha stravinto la guerra con MySpace. E dopo aver sbaragliato l antico rivale per numero di contatti (350 milioni in tutto il mondo), si prevede che nel 2010 il sorpasso avverrà anche per le ben più lucrative entrate pubblicitarie. Quest anno Facebook aumenterà gli introiti del 20%, accentrando su di sé un quarto della pubblicità spesa globalmente nei social network. Tra le attività chiave scelte dai responsabili di marketing, oltre ai messaggi pagati tradizionali, ci sarà il tentativo di accrescere la propria presenza sul web tramite l acquisizione di contatti per il proprio marchio. A voi, cari amici, rinnovo il mio impegno, quello della redazione e del resto dello staff. Buona lettura 3

4

5 Sommario Finestra sui mercati 6 Gli italiani a tavola: frugali a casa, goderecci al ristorante 7 Ora i consumatori fanno spesa direttamente dai produttori. Una minaccia per la Gdo? 8 Svolta di Bruxelles: via libera agli Ogm 9 Blog, forum e brand community... l altra anima del commercio 10 Impatto ambientale 11 Euro: pro o contro Marketing & Fornitori 12 La buona farina dei Molini Amoruso 15 Dal Cash alla taverna con il sig. Pignatelli 6 Cash and Carry 16 Come funziona il Cedi Cash 17 La convenienza Migro in Sicilia è a portata di click Lavoro e carriera 18 L immobilismo sociale frena lo sviluppo 19 Il poker on-line incanta gli Italiani 20 Gheto capio 19 Diritto e Fisco 22 La nuova disciplina sul lavoro 24 Usura e racket: l altra faccia della crisi 25 Certificato di origine preferenziale delle merci Area prodotti 27 Carrelli pieni di prodotti a marchio Life style 28 Parliamo di benessere attivo

6 Finestra sui mercati C he rapporto hanno gli italiani con il cibo e che abitudini/ aspettative hanno a tavola sia a casa che al ristorante? A queste domande dà una risposta la ricerca «Dal carrello della spesa al ristorante» del centro studi di Fipe, la federazione italiana pubblici esercizi. E dalle risposte degli oltre mille italiani interpellati emerge un quadro niente affatto scontato. Diversamente da quanto si è spesso sentito dire di recente, la congiuntura economica sfavorevole degli ultimi mesi non ha prodotto un aumento dei consumi alimentari domestici. Anzi, la crisi del modello alimentare italiano secondo Fipe sarebbe più evidente in casa, dove prevalgono il piatto unico e gli alimenti di pronto consumo come insalate, formaggi e frutta. I consumi domestici. Per il pranzo a casa gli italiani prediligono una portata (un primo o un piatto unico nel 44% dei casi) o due portate (un primo e un secondo nel 46% dei casi). Per cena domina una sola portata (61,5%), che di solito è un secondo o un piatto unico. Insomma pasti all insegna della semplicità e della frugalità. I consumi al ristorante. Qui gli italiani confermano la sensibilità ai piaceri della tavola e cercano innovazione o riscoperta della cucina tradizionale, convivialità e abbondanza. A pranzo prevalgono i pasti completi con almeno tre portate, in cui al primo (oltre 80%) e al secondo (90% circa) si aggiungono l antipasto (69,5%) o il dolce (in più del 60% dei casi). A cena, pur nel quadro della ricerca di maggior leggerezza (la scelta del primo scende al 70% circa), la tendenza a consumare pasti completi è ancora prevalente. Più in generale la ricerca Fipe conferma che il pranzo rimane il pasto principale della giornata per il 73,5% degli italiani. Il buon senso porta poi i nostri concittadini a variare le proprie scelte alimentari in funzione del pasto: l 83,5% si tiene più leggero a cena. 6 I piatti più gettonati* A casa in % Al ristorante in % Antipasto 4,5 68,5 Salumi 33,0 48,0 Primi piatti 91,5 89,5 Carne 71,0 83,9 Pesce 56,5 83,5 Verdura 89,0 72,5 Formaggi 56,5 33,5 Frutta 88,0 56,0 Dessert 20,5 73,0 Vino 37,0 50,0 Piatto unico 43,5 28,0 Pasto completo 46,5 62,5 * consumati tutte le volte o quasi e spesso Fonte: Fipe 2010

7 Finestra sui mercati Ora i consumatori fanno spesa direttamente dai produttori. Una minaccia per la Gdo? Francesco Dente C è più di un segnale interessante sui gusti e le abitudini dei consumatori italiani nel rapporto Coldiretti/ Agri2000 sulla spesa di gruppo. Spesa di gruppo? Parliamo, è il caso di chiarire prima di che cosa si tratta, dei cosiddetti Gas, i gruppi di acquisto solidale. Un insieme di persone o famiglie, cioè, che sceglie di far compere insieme per ottenere risparmi e qualità. O meglio, qualità grazie al risparmio. Come? Facendo in sostanza un unico grande ordine di prodotti alimentari di buon livello in modo da poter beneficiare vista appunto la quantità richiesta di un congruo sconto. Queste realtà, a modo loro commerciali, sono sorte da più di un decennio e si diffondono sempre più sul territorio nazionale, specie al Nord e nel Centro. Nell ultimo anno registrato da Coldiretti, il 2009, i Gas sono aumentati del 30 per cento raggiungendo la cifra di 600 unità. Ben 110 in più rispetto ai 490 individuati dodici mesi prima. Un numero crescente di amici, parenti o semplici condomini, insomma, si mette insieme e ricorre a questa formula per le provviste. Non solo di frutta e verdure ma anche, ecco la novità degli ultimi anni, di latte, salumi, formaggi e olio di oliva. Prodotti che troviamo abitualmente sugli scaffali del commercio al dettaglio. Per i negozi food, dunque, un segnale d allarme ma anche, come vedremo, un importante indicatore delle nuove tendenze delle famiglie in materia di spesa alimentare. Ma come funzionano i gruppi d acquisto? I partecipanti innanzitutto definiscono una lista di prodotti che vogliono acquistare e stabiliscono una cifra base uguale per tutti. In seguito, sulla base della lista le diverse famiglie compilano un ordine di gruppo che viene comunicato al produttore. I prodotti di solito sono recapitati ad un unico membro del Gas che poi provvede a smistarli e a farseli pagare. Torniamo ai numeri. Nel 2009 le aziende in cui è possibile comperare direttamente sono saliti a con un impennata del 64 per cento rispetto al 2001 e del 7 per cento rispetto al Si tratta di frantoi, cantine, malghe, masserie, cascine o mercati all ingrosso. Gli italiani che hanno acquistano almeno una volta direttamente dal produttore, secondo Coldiretti, sono stati due su tre (67 per cento) nel 2009 per un valore complessivo delle vendite stimato in 3 miliardi di euro. I Gas strutturati, altro elemento significativo, fioriscono soprattutto al Nord. La Lombardia, con 160, è la regione con il maggior numero, seguita da Toscana (84), Piemonte (71), Veneto ed Emilia-Romagna e Lazio (51). Dati decisamente più bassi nel Mezzogiorno. La Puglia conta solo 19 Gas, la Campania 18 e la Sicilia 17. Ma cosa comprano i consumatori tramite i Gruppi? In maggioranza, il 41 per cento, vino; il 21 per cento ortofrutta; il 14 per cento formaggi e latte, l 8 per cento carni e salumi, il 5 per cento l olio di oliva e le piante ornamentali. Le sorprese non finiscono qui. Coldiretti ha commissionato a Swg un indagine sulle motivazioni che inducono ad acquistare attraverso i Gas. Al primo posto c è la genuinità dei prodotti (71 per cento), seguita dal risparmio (40 per cento) e dal gusto (26 per cento). La necessità, dunque, da parte di alcune famiglie di stringere la cinghia non è ritenuta un buon motivo per rinunciare ai prodotti di qualità. C è chi, insomma, non rinuncia a spendere per il food di qualità. Un segnale importante per tutti i commercianti. La conferma viene dagli autori della ricerca. «Si tratta di un fenomeno in controtendenza si legge rispetto alla crisi generale perché concilia la necessità di risparmiare con quella di garantirsi la sicurezza del cibo». 7

8 Finestra sui mercati D opo dodici anni di moratoria, a sorpresa, lo scorso marzo la Commissione Europea ha approvato la coltivazione e la commercializzazione in Europa di prodotti OGM. Si tratta della patata geneticamente modificata detta Amflora, destinata alla produzione industriale e di mangimi animali e tre mais riservati all alimentazione. A sorpresa perché il Vecchio continente aveva seguito sinora una politica di cautela ispirata al principio di precauzione nei confronti di questi prodotti. Non si tratta tuttavia di una imposizione, ogni singolo stato potrà fare appello alla clausola di salvaguardia e dichiararsi OGM free. Resta però la clamorosa svolta politica che segna la fine di un blocco decennale e la super-patata, senza dubbio, farà da apripista ad altri prodotti frutto di ingegneria genetica. Dovremmo quindi rassegnarci a veder finire prima o poi sulla nostra tavola alimenti ingegnerizzati? Con quali vantaggi? E con quali rischi? Al consumatore medio manca, soprattutto in questo momento, una corretta informazione e la materia non aiuta poiché dovremmo possedere delle specifiche competenze scientifiche per cogliere appieno tutte le luci e le ombre di questa annunciata rivoluzione dell agricoltura planetaria. Eppure la scienza è divisa, le voci opposte e inconciliabili. Forse, bisognerebbe disporre di un tempo maggiore per sperimentare prima di immettere sul mercato prodotti manipolati in laboratorio e sui cui effetti non vi sono pareri unanimemente condivisi. A favore degli OGM, (già da dieci anni sul mercato americano, in Argentina, Brasile,Canada, India e Cina), la loro velocità di ibridazione, il loro basso costo, una maggiore resistenza, enormi quantità in grado di sfamare i paesi più poveri e garantire il nostro futuro alimentare. Contro gli OGM, la minaccia per la biodiversità, il pericolo di contaminazioni dei raccolti, la pericolosità per la salute a causa della resistenza agli antibiotici, e non ultimo, il rischio di veder concentrata nelle mani di cinque o sei multinazionali, l alimentazione di tutta la terra. Già, perché a destare eguali se non maggiori preoccupazioni è il risvolto economico della faccenda. Poche multinazionali al momento, detengono il brevetto di tutti gli OGM esistenti e ne pilotano la ricerca, e soltanto loro sono in grado di vendere i semi agli agricoltori insieme ai prodotti necessari per la loro coltivazione. Ciò significa che il sistema di produzione è legato ad enormi, vertiginosi profitti e che vi è il tentativo di trasformare la biologia molecolare e la biotecnologia in un business globale. La crisi delle aziende produttrici di OGM e la diminuzione delle aree coltivate ad OGM nel mondo spiegherebbero il tentativo di penetrazione in Europa, continente che da tempo fa muro alla transgenesi e alla modificazione del genoma. Se il fatturato del mercato OGM si avvicina ai 9 miliardi di dollari, quello dei prodotti biologici vale oltre 50 miliardi ed è in crescita persino il giro d affari dei mangimi OGMfree. Che la contro avanzata delle aziende produttrici di OGM sia l ultima carta da giocare nei confronti del boom dell agricoltura biologica, dei Farmers Markets, i mercatini dei prodotti biologici a chilometro zero, dell agricoltura biodinamica, del mercato dell equo e solidale, lo si comprende dal successo che queste forme sostenibili di agricoltura hanno anche in America, dove l esempio del mangiar sano viene dato anche dall orto agrobiologico di Michelle Obama alla Casa Bianca. L Italia si è opposta fermamente alla decisione dell Europa e la patata non arriverà nel nostro paese. Forse si deciderà per il referendum sugli OGM ma si spera che giungano chiare informazioni a riguardo. La patata Amflora dell azienda tedesca Basf, più ricca di amidi, contiene due geni marker che la rendono resistente ad alcuni antibiotici e la sua immissione nella flora intestinale umana potrebbe inibire la funzionalità verso i farmaci salva vita. Come mai l Efts (l ente europeo per la sicurezza alimentare) ne ha autorizzato la produzione in barba alla legislazione europea? L ingegneria genetica ha sperimentato la fragola che resiste al freddo, il riso ricco di beta-carotene, il gelato che non si scioglie, il pomodoro che non marcisce. Possiamo chiamarlo azzardo oppure progresso ma, il diritto all informazione, alla trasparenza e alla libera scelta del consumatore va sempre rispettato. Dal 2004 il regolamento europeo stabilisce l obbligo di etichettatura e di tracciabilità per i prodotti che contengono più dello 0,9 % di OGM. Bisogna dunque leggere le etichette se si vuole evitare di comprare cibo dal DNA modificato anche se il 60% dei prodotti nei nostri supermercati come gelati, biscotti, cioccolata e dolci contengono tracce delle tre piante OGM più utilizzate: mais, soia, colza. Non ci resta, per ora, che essere consumatori attenti e consapevoli, sostenere il sostenibile, nel nome della qualità, del benessere,della biodiversità e del rispetto per il territorio, l uomo è quello che mangia sosteneva il filosofo tedesco Ludwig Feuerbach. 8

9 Finestra sui mercati U n ambito che non viene assolutamente sottovalutato da certe realtà è quello dell interattività. Blog, forum e brand community sono utili oggi per avere un contatto diretto con il cliente, per capirne i gusti e per soddisfare le sue esigenze, per cogliere i pareri negativi e positivi in modo tale da poter migliorare il proprio prodotto. Per esempio, il forum attivo sul sito della Fiat, è moderato quotidianamente e offre parecchi spunti al nuovo team che, allo stesso tempo, si impegna a ricercare brand community by consumer. Il culmine, però, pare che la Fiat l abbia raggiunto con la realizzazione del sito della fiat cinquecento. L azienda ha lanciato un modo originale per coinvolgere il cliente nella realizzazione di un prodotto aziendale. Per costruire in 500 giorni il nuovo modello, c è bisogno del cliente, dei suoi consigli, delle sue idee, tutti suggerimenti che saranno vagliati attentamente dai responsabili del marchio. Fiat ha realizzato uno spazio creativo, un laboratorio interattivo e internazionale in cui è possibile liberare fantasie ed emozioni. L Interactive Key Awards 2006, riconoscimento ai migliori siti internet prodotti in Italia ed alla migliore comunicazione interattiva, è stato assegnato proprio al progetto 500 wants you, nel corso della premiazione svoltasi a Milano presso l istituto europeo di design, il 27 settembre Vincitore della categoria Trasporto ed Energia, 500 wants you è stato premiato per la creatività e l'innovazione tecnologica nella comunicazione online, criteri di valutazione di uno degli appuntamenti italiani più prestigiosi e qualificati del settore. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza l entusiasta partecipazione della Community: oltre 21mila persone, tante idee e suggerimenti, foto, video, proposte di mascotte e progetti. Ecco perché 500 wants you ha conquistato il premio. Come sostiene il dott. Stefano Stravato, addetto al web marketing del brand Fiat, la comunicazione dell azienda torinese può essere considerata a 360 gradi e la qualità del prodotto può essere migliorata grazie alla capacità di incontrare i gusti del pubblico. Ma il momento più importante, rimane sempre il confronto col cliente presso il punto vendita, infatti, sottolinea il dott. Stravato, Fiat può attuare un ottima campagna di comunicazione ma alla fine, dove si concretizza il tutto è comunque al Salone dell Auto, ovvero presso il concessionario. A questo proposito, l ultimo obiettivo dell azienda mira ad un nuovo modo di intendere l interazione tra cliente e fabbrica. Nello scenario attuale la distribuzione e il servizio di assistenza dovranno sempre più creare valore per i clienti, saranno sempre più integrati con il marchio per esaltarne la distintività, per trasferirne i suoi valori, per trasmettere la cosìddetta Brand experience e in molti casi faranno la differenza. È sotto gli occhi di tutti la trasformazione a cui stiamo assistendo nel mondo dell arredamento del punto vendita, vetrine più ampie, insegne meno vistose ma più premium, nuovi spazi e maniere di esporre i beni, nuovo modo di gestire il tempo dei clienti all interno degli showroom. L obiettivo diventa quindi quello di trasmettere i valori aziendali alla clientela e semplificare il più possibile il percorso di informazione prima e di vendita poi. L ambiente di vendita dev essere chiaro, semplice senza barriere, e poi l accesso alle informazioni il più libero possibile, tramite pannelli informativi facilmente visibili o attraverso le brochure offerte in molti punti dello showroom senza necessità di dover interagire con nessuno o tramite internet attraverso un software sviluppato ad hoc. È nato così Fiat link che fornisce ai venditori un software di vendita strutturata, un percorso completo dalla scelta del modello/versione/etc. alle info sul finanziamento e che mette il cliente in grado di acquisire tutte le informazioni che poi vengono raccolte su un contratto (patto chiaro) che verrà stampato in maniera professionale e che riassume l intera trattativa. Tutte queste idee portano al maggior coinvolgimento del cliente che in questo modo si ritiene soddisfatto della community di cui fa parte. 9

10 Finestra sui mercati Impatto ambientale Giovanna Poli T erremoti, tsunami, alluvioni, frane, una sequela di disastri naturali, avvenuti in quest ultimo periodo, hanno portato i più a riflettere sulle condizioni del nostro Pianeta. La nozione di Natura sembra molto chiara nel momento in cui la usiamo nei nostri discorsi abituali ma, se tentiamo di definirla, essa si rivela complessa e come tutti i termini generali, piuttosto oscura. Quello di Natura è in realtà un concetto ricco di significati e carico di storia. Essa infatti, può essere considerata come l insieme delle caratteristiche di una creatura, o può essere il principio attivo che regola l universo e anima gli stessi esseri viventi. Il rapporto dell uomo con la terra è ambivalente, come tutti i rapporti umani: idealmente dovrebbe tendere al rispetto reciproco, ma in realtà, è costellato di prevaricazioni sia da parte dell uomo che da parte della terra con i suoi sconvolgimenti, i suoi terremoti, le sue carestie, è una relazione in continua crisi, in cui l equilibrio va sempre e perennemente riconquistato. Ma il legame tra Natura e Uomo dimostra anche che l Uomo è l unico essere vivente che va oltre la soddisfazione dei suoi bisogni corporei, è l unico essere vivente che fa Cultura. Per questo, il rapporto Terra-Uomo, va inquadrato nel più ampio rapporto Natura- Cultura e sull essenziale equilibrio fra esse, affinché l uomo realizzi una nuova evoluzione globale,sia biologica che culturale, che consenta il compimento di un comune e più equo disegno del mondo. La crisi ambientale rimanda ad una crisi più profonda che investe la persona umana nella sua interezza. Essa è crisi antropologica, è figlia di un precisa concezione dell uomo moderno che, nella ricerca della sua indipendenza, si è auto-eletto padrone assoluto della natura e del proprio destino. L impatto dell uomo sull ambiente naturale, si è rivelato nei secoli sconvolgente; in particolare con l avvento della rivoluzione industriale egli ha esteso a dismisura il cosiddetto ecumene, ovvero quella parte della superficie terrestre umanizzata. Queste considerazioni potrebbero condurre ad una affrettata valutazione, fortemente negativa sull industria, mentre in realtà, il problema va ricercato piuttosto nei sistemi di produzione suggeriti dal desiderio di realizzare il massimo profitto nel minor tempo possibile. Siamo tutti consci, al di là delle polemiche o delle convinzioni, della necessità di trovare strade alternative capaci di limitare ulteriori e pericolosi danni a quel meraviglioso ma precario e delicato equilibrio che consente la vita. È necessario che l Uomo, come specie intelligente, comprenda ed agisca per il meglio, restituendo all umanità intera un diritto al futuro che l ideologia dissennata di un consumismo spietato sembra volerle negare. E allora risulta sensata la strada delle energie rinnovabili al posto di lasciare scorie nucleari 10 in eredità per i prossimi centomila anni o più. La portata globale dei pericoli connessi con il global warming è ormai universalmente percepita, nonostante le recenti polemiche sui dati modificati in eccesso dall Ipcc, abbiano incrinato la neonata coscienza ambientale del genere umano, ancora in bilico tra una certa consapevolezza del bisogno d agire e la voglia di voler credere che in fondo il riscaldamento globale non è poi tanto grave e che alla fine la natura rimetterà le cose a posto. Se da un lato ogni paese è responsabile con proporzioni variabili dell immissione in atmosfera di gas climalteranti,è anche vero che ogni singolo paese si trova oggi ad affrontare il difficile problema degli effetti dei cambiamenti climatici indipendentemente dalle proprie responsabilità. Questo carattere planetario del problema rende evidente l importanza di introdurre misure internazionali globalmente condivise: è necessario anteporre all antropocentrismo una società ecologica, una visione cosmologica il cui presupposto è l interdipendenza tra tutti gli elementi, animati ed inanimati, della Natura, perché la Terra, con la sua biosfera e la sua umanità, è un sistema onnicomprensivo e complesso. La difesa del patrimonio ambientale significa soprattutto conservazione del Pianeta per le future generazioni, di questo organismo vivente, la Terra, che i Greci chiamavano Gaia e di cui noi, esseri umani, siamo l espressione più cosciente, ma non sempre la più intelligente.

11 Finestra sui mercati Euro: pro o contro Canio Trione I n ogni fase economica si fronteggiano due interessi contrapposti. Da un lato vi sono coloro che hanno un certo potere sul mercato, quelli che vendono anche quando c'è crisi, quelli che impongono velatamente o sfacciatamente il proprio prezzo, quelli che hanno il problema del come crescere; questi sono interessati all'apprezzamento della moneta. Dall'altro lato vi sono tutti gli altri: quelli che producono un bene indistinto (pensiamo alle materie prime alimentari), senza alcuna certezza di vendita, sempre appesi al prezzo fatto da altri, eternamente in concorrenza su prezzo e qualità. Questi spingono per l indebolimento della moneta. In ogni economia convivono entrambe le anime e in aree economiche vaste come l'europa entrambe le aree sono numerose. Gli esponenti fautori della rivalutazione sono concentrati in paesi come la Germania; quelli che invece possono sopravvivere solo con una progressiva erosione del potere di acquisto della moneta vivono nelle economie più periferiche (Grecia, Portogallo, Italia -specie del sud-, le new entry dell'est Repubbliche Baltiche, Polonia. Ungheria,...). L'aver messo nello stesso calderone (leggi: la stessa moneta) interessi così contrapposti sul piano della sopravvivenza economica delle imprese non era cosa buona ed era cosa nota fin dal primo momento. Oggi che il problema è venuto al pettine si assiste ai paesi che vogliono un euro forte imporre agli altri una ricetta che non si adatta a questi ultimi cui si impone. Le ricette di 'lacrime e sangue' imposte dal Fmi o dalla Ue cosa sono se non imposizioni di modelli di economia 'forti' a strutture produttive 'deboli'? Ma se queste imposizioni producono la fine di aziende e di modelli produttivi, che senso ha l unione monetaria? Non saremo forse di fronte ad una nuova dittatura dell'economia sedicente virtuosa su quelle 'allegre'? In questo contesto qual è il ruolo della nostra Italia? Come sempre è accaduto dal 1870 ad oggi l'italia trova la sua naturale collocazione nell'essere portavoce della moltitudine dei piccoli (quelli che dal punto di vista economico vengono definiti 'allegri') anzichè giocare a fare la grande. È meglio essere la più grande dei piccoli che non la più piccola dei grandi. Quindi se la Grecia rischia di uscire dall'euro e se altri hanno le stesse difficoltà, perchè l'italia non deve essere la promotrice di una lira del mediterraneo alternativa al monopolio stupido (parola di Prodi) di Trattati fatti da altri per altri scopi? La nostra indipendenza, anche culturale, ci permette di immaginare un ruolo di leadership dei tanti paesi oggi dominati dalla dittatura delle economie 'forti'? Sarebbe un esempio di efficienza sul piano monetario e di democrazia sul piano politico. E diventeremmo un po più forti di quanto non siamo oggi. 11

12 Marketing & Fornitori La buona farina dei Molini Amoruso Michele de Sanctis I romani definivano la capitanata granaio d Italia e la storica vocazione di questa zona della Puglia è rimasta pressoché inalterata nonostante i livelli di produzione non siano più quelli d un tempo. Si poneva dunque il problema della conservazione dei cereali. Quando ancora non c erano i moderni silos metallici il grano si custodiva in fosse scavate nel terreno. A Cerignola ce n erano oltre mille nel cosiddetto Piano delle Fosse, oggi patrimonio dell Unesco. Ognuna di esse era contrassegnata da un piccolo cippo in pietra che ne indicava la proprietà. Tre fratelli Leonardo, Nicola e Vincenzo Amoruso nel 1958 impegnano tutte le loro energie fisiche ed economiche per la realizzazione di un piccolo mulino non lontano da quella piana in cui la famiglia custodiva il grano tenero. Comincia così la storia del Molino Amoruso che in cinquantanni è passata dalla macinazione per uso famigliare alle 300 tonnellate al giorno per la commercializzazione. Questa evoluzione ce la racconta il dott. Sabino Matera. Come si è passati alla produzione industriale? Il vero salto di qualità la Molini Amoruso lo compie quando nel 1967 realizza un nuovo impianto in una zona più periferica di Cerignola. Da allora l'azienda ha intrapreso un viaggio destinato alla ricerca della qualità attraverso la selezione delle materie prime ed il continuo miglioramento delle fasi di lavorazione. La grande vocazione famigliare trasformando così l'azienda in una realtà moderna e tecnologicamente avanzata tanto da essere punto di riferimento del settore molitorio nel meridione. si conferma nel 1979 quando ai tre fratelli si sono affiancati e successivamente sostituiti egregiamente i rispettivi figli: Alessandro, Leonardo, Vincenzo e Vincenzo che si impegnano per incrementare a ritmo costante la capacità produttiva. Infatti nel 1992 alla prima linea di produzione ne viene aggiunta un'altra portando la capacità produttiva da 200 t.m./24h a 300 t.m./24h e C è qualcosa che non è cambiato negli anni? Dalla creazione ad oggi l'obiettivo della famiglia Amoruso è stato uno solo: ricercare, aggiornarsi ed innovarsi per proporre prodotti apprezzati e qualitativamente validi. Come mai da una zona di raccolta di grano duro, vi siete concentrati sulla macinazione del grano tenero? 12

13 Marketing & Fornitori Consideri che trent anti anni fa il consumo maggiore era quello di farina, pane e pasta si preparavano in casa. Oggi che le cose sono cambiate siamo costretti a importare la gran parte della materia prima, ma carezzando quella vocazione famigliare siamo orgogliosi di quello che facciamo ed anche consapevoli della responsabilità che abbiamo fornendo l'ingrediente più importante per tutte le preparazioni destinate dalla panificazione alla pasticceria, dalla pizzeria all'industria alimentare, dalla grande distribuzione all'industria zootecnica. Quali sono le aree di maggiore penetrazione dei vostri prodotti? Sicuramente il meridione. Oltre il centro è difficile andare, la concorrenza diventa notevole e noi dobbiamo sommare i costi di trasporto a quelli della lavorazione. La farina è un prodotto povero, che si esporta poco. Tuttavia la qualità del nostro prodotto è premiata anche dalla scelta di molte isegne alle quali confezioniamo il prodotto a marchio. Come garantite questa qualità? All'interno della Molini Amoruso opera un laboratorio di controllo qualità in grado di sinceramente che la vostra capacità di espansione mi ha sorpreso ma oggi posso con piacere affermare che con voi il nostro prodotto arriva fino a Frosinone e Livorno, quindi ben oltre i nostri normali confini. Quali sono i vostri obiettivi futuri? Nel giro di un paio d anni ci trasferiremo nella nuova zona industriale. Questo ci permetterà di ricominciare effettuare prove e controlli non solo sul prodotto finito ma anche sulle fasi intermedie di lavorazione; l'azienda si avvale inoltre anche di consulenti esterni per le più importanti certificazioni. Che rapporti ci sono con la Migro? Un rapporto cominciato anni fa, quando ancora la vostra rete distributiva non era così vasta. Devo dire ex novo con strutture, con maggiore informatizzazione, tanto che stiamo valutando la possibilità di affiancare alla tradizionale linea di produzione del tenero, la macinazione del grano duro che a livello regionale ha più successo. Questi interventi ci permetteranno di ottimizzare anche la linea distributiva e la canalizzazione del prodotto sul mercato. 13

14

15 Marketing & Fornitori Dal Cash alla Taverna con il sig. Pignatelli Marco Fiorentino I n questo periodo storico particolarmente difficile per il nostro paese è fondamentale per gli esercizi commerciali attuare il meccanismo delle offerte. Ormai non se ne può più fare a meno e tutti cercano di non perdere clienti e attirarne nuovi. Abbiamo più volte constatato nelle nostre interviste che anche i nostri clienti, pur non essendo tutti favorevoli alle offerte, si adeguano a questa legge di mercato. Il sig. Michele Pignatelli, proprietario dell alimentari LA TAVERNA a Taranto, è favorevole a questo meccanismo, sostenendo che sia il pane quotidiano degli esercenti e dei consumatori. Il mio supermercato si trova in una zona centrale del paese per cui la concorrenza è alquanto spietata, senza parlare del centro Auchan che non si trova certo in una zona periferica del paese. È anche vero che si tratta di un tipo di distribuzione differente dalla nostra ma la gente ha la tendenza a frequentare gli ipermercati. C è però da considerare che alcune persone preferiscono il prodotto di marca piuttosto che l offerta del momento. Oggi, la mia clientela è più attenta ed esigente. Ricercano prodotti di marca a un prezzo minore e il mio compito è quello di associare cortesia e servizio in modo tale da rafforzare il rapporto con loro, rapporto che non può esistere in una realtà come quella dell ipermercato. Anche gli esercenti, come i propri clienti, diventano sempre più esigenti ed attenti ai prezzi, come nel caso del sig. Pignatelli che si tiene sempre aggiornato e che studia le varie proposte anche on- line. Sono cliente Migro da sempre e posso affermare che oltre ad essere una buona fonte di ossigeno per me è anche il Cash con i prezzi più competitivi in zona. Mi rifornisco a Massafra due volte alla settimana cercando di fare più acquisti possibili per risparmiare tempo e benzina ma a volte può capitare che torni anche più spesso. Se dovessi trovare un punto a vostro sfavore, vi consiglierei di migliorare nell assortimento di prodotti. L attività del sig. Pignatelli, nata 32 anni fa e gestita attualmente insieme ad altri quattro collaboratori, può vantare un ricco numero di prodotti, tale da poter soddisfare tutte le esigenze dei vari clienti. Io ho seguito le orme di mio padre e se dovessi consigliare ad un giovane di aprire un attività di questo tipo di sicuro gli indicherei di specializzarsi il più possibile, in modo tale da avere un negozio un po diverso rispetto ad altri, sperando in margini di guadagno più elevati Ma questo periodo di crisi finirà? Mi auguro che finisca il prima possibile. Ho tante idee per la testa ma per il momento mi risulta difficile metterle in atto. Ci tocca aspettare tempi migliori. 15

16 Cash and Carry Dall ordine alla consegna, cinque semplici passaggi per ricevere comodamente la merce nel proprio punto vendita Come funziona il Cedi Cash Il commerciante interessato può inviare un all indirizzo o chiamare il centro direzionale per parlare con un venditore che gli illustrerà le procedure per diventare cliente, compilando gli appositi moduli, scaricabili anche via internet. Ricevuta la password per l area riservata, il cliente accede all area promozioni del sito internet e prende visione dei listini, aggiornati costantemente, che tra food e no food comprendono circa referenze. Il cliente sceglie gli articoli e comunica il suo ordine tramite . Un nostro venditore (nella foto Rita Scibilia) riceve istantaneamente l e entro 24 ore lo elabora verificando la presenza del minimo d ordine richiesto. Poi invia la conferma al cliente con la valorizzazione, comprensiva del costo del trasporto. 4 5 Intanto alla piattaforma di Catania in Sicilia o Corigliano d Otranto (Le) la merce viene accuratamente messa in preparazione. Se ne ha possibilità, il cliente può anche provvedere da sé al trasporto delle pedane inviando un suo trasportatore di fiducia direttamente al centro distributivo. La merce verrà caricata e consegnata al massimo in 48 ore. Il trasportatore con noi convenzionato contatterà direttamente il cliente per concordare ogni dettaglio dello scarico e permettergli di ricevere la merce direttamente nel proprio punto vendita, anche nelle isole. 16

17 Cash and Carry La convenienza Migro in Sicilia è a portata di click I n attesa del promesso ponte sullo stretto che dovrebbe collegare la Penisola al lembo più estremo della sua più grande isola, se spostarsi in Sicilia oggi comporta ancora l attraversamento dell eterna incompiuta Salerno-Reggio Calabria, Migro azzera gli svantaggi e porta la sua convenienza direttamente nella terra dei pupi. Una moderna piattaforma logistica, infatti, da Catania è in grado di rifornire in appena 24 ore ogni angolo dell isola con le oltre referenze food, no food e bazar disponibili in assortimento. Alla rapidità dei tempi di consegna il servizio CediCash aggiunge altri due punti di forza: convenienza e comodità. Convenienza: perché CediCash garantisce i prezzi più bassi di mercato e offerte continuamente aggiornate. Comodità: perché ogni cliente può trasmettere ordini tramite internet collegandosi al sito attivo 24 ore su 24 senza allontanarsi dal proprio punto vendita e con la certezza di ricevere la merce direttamente in consegna entro pochi giorni. La divisione on-line di Migro e la piattaforma di Catania si candidano a diventare in pochissimo tempo un autentico riferimento per gli acquisti di migliaia di dettaglianti e grossisti siciliani, così come sta ormai avvenendo in tutta Italia. Fare ordini con CediCash è davvero semplice e veloce: basta scaricare il listino dall area promozioni del sito, inserire nelle apposite caselle le quantità desiderate di ciascun articolo, quindi, terminata la compilazione, inviare l ordine tramite in pochi minuti il cliente riceve la pre-fattura con la conferma delle quantità richieste e la valorizzazione complessiva dell importo da bonificare. I clienti, poi, non rimangono intrappolati in clausole o obblighi come avviene per i classici centri di distribuzione; uno dei punti fermi della politica commerciale della Migro consiste proprio nell abolizione di ogni vincolo, cosicché il cliente può effettuare acquisti quando vuole, scegliendo in modo facile e veloce i prodotti che più gli interessano attraverso un catalogo completo on-line, costantemente aggiornato con promozioni ed opportunità. Anche se una volta provata la convenienza delle nostre offerte, difficilmente potrà più farne a meno 17

18 Lavoro e carriere S embra un tempo lontano quello nel quale parlare di sviluppo del paese voleva dire parlare del Mezzogiorno. Oggi rende molto più politicamente presentare un colpevole che suggerire soluzioni. Il colpevole sembra il Sud. Il risultato è una totale mancanza di idee e di prospettive economiche che non riguardano solo il Mezzogiorno ma l Italia intera. Prendersela con qualcuno significa costituire alibi all immobilismo. Perché misurarsi con i numeri e le strategie quando politicamente è più redditizio dire che è colpa di qualcuno. Magari qualcuno più debole di te. Si possono più tranquillamente, avendo individuato il colpevole, enunciare soluzioni le cui qualità risiedono solo nell effetto annuncio e nella immobilità. La politica economica può essere sintetizzata tralasciando gli economisti che sono indigesti al nostro Ministro facendo riferimento a Edoardo De Filippo: a dà passa a nuttata. Negli anni 60 e 70 si contestava la teoria di sviluppo di Francois Perroux, che prevedeva il polo di sviluppo come elemento propositivo di crescita economica. La localizzazione di una fabbrica nell area da sviluppare come elemento di imitazione e contagio economico. Questa teoria è stata soppiantata dalla massima di De Filippo: a dà passà a nuttata. Alla teoria di Perroux dobbiamo il passaggio virtuoso del Mezzogiorno da una fase di sottosviluppo ad una fase di sviluppo economico relativo, con aree di eccellenza. Alla teoria economica di De Filippo dobbiamo il presente immobilismo economico e culturale dell Italia tutta. La crisi attuale dovrebbe portare a provvedimenti di grande impatto politico. Provvedimenti di valenza finanziaria e politica di grande ed innovativa forza dirimente. Invece tutto è in favore di una stagnazione. Immobilità nella cultura, nelle scelte politiche, nella mancanza di progettualità politica. Ma, ci dicono che non si fanno scelte di politica economica perché siamo in crisi. Davvero! È stato detto così, senza rossori. Ma se non si fanno scelte strategiche quando c è crisi quando si fanno? In assenza di un polo di sviluppo fatto da fabbriche e infrastrutture come teorizzava Perroux, si potrebbe creare un polo culturale. Strana parola. Ormai desueta. Ma questa parola ha il merito di non costare o di costare poco. Non permette alibi sul non fare in nome dei costi e delle risorse che non ci sarebbero. Facciamo un aggregazione culturale e, scusate la parola, morale, fondata sulla valorizzazione del merito, sul rifiuto dei padrinaggi politici, sull applicazione di criteri meritocratici nelle carriere universitarie, nelle carriere della pubblica amministrazione. Qualche piccola cosa si è fatta nell Università di Bari bloccando una (per ora singola ed isolata) carriera universitaria fondata sulla parentela. Un singolo episodio in un mare di parentele consolidate da decenni. Ma sembra che nessuno faccia una piega, ma neppure un plissè. Gli avvenimenti della gestione degli appalti per le grandi calamità hanno portato in evidenza un sistema di cognati e parenti che dovrebbero, a prescindere dall aspetto fraudolento, essere impediti per definizione. Solo per questo aspetto ci dovrebbe essere un minimo di riprovazione collettiva. O scegliamo dirigenti pubblici orfani, scapoli e figli unici o impediamo che si possano avere rapporti economici con parenti. Questa vocazione al familismo ci disegna non solo un Mezzogiorno ma anche un intero Paese ingessato. Per l OCSE l Italia tutta si colloca in coda a tutti gli altri paesi europei per la mobilità sociale. Il 40 per cento delle agevolazioni economiche dei padri viene trasmesso ai figli. Se il padre è laureato, il figlio ha il 30 per cento di possibilità in più di arrivare all università rispetto al figlio di genitori con minore grado di istruzione. La classifica dell OCSE non ha preso in considerazione i cognati, forse per la tipicità esclusivamente italiota. Questo sostanziale immobilismo disegna un Paese ed un Mezzogiorno anchilosato tra rendite parassitarie e di posizione con scarsa dinamicità sociale ed economica. Come venirne fuori. Dovremmo impegnarci perché sorga almeno una riprovazione collettiva verso il parassitismo, una riprovazione morale per chi senza merito occupa posti di potere, verso chi come imprenditore usufruisce di rendite e concessioni parassitarie. Oppure dovremo rassegnarci tutti quanti ricchi, potenti e morti di fame alla filosofia: a da passà a nuttata. 18

19 Lavoro e carriere L a grande passione per il gioco da parte degli Italiani è cosa risaputa così come il successo dei giochi online che continua ad essere uno dei pochi settori costantemente in crescita; tra i giochi d azzardo su internet, è sicuramente il poker a raccogliere il maggior numero di ammiratori, e la febbre del texas hold em sembra ben lontana dal passare. Recenti indagini parlano di un volume di affari che in Italia ha raggiunto gli 800 milioni di Euro, piazzandosi in pole position in Europa ed ottenendo anche il terzo gradino del podio su scala mondiale; una dimostrazione lampante di quanto gli Italiani siano amanti dal gioco del poker. La crescita è dovuta sostanzialmente a tre fattori: tecnologia, facilità di accesso e intervento statale. Ad ogni modo non si tratta di una scoperta che stupisce più di tanto, infatti molti operatori nel settore del gioco online hanno già da tempo intravisto il potenziale del mercato italiano, ed hanno espresso chiaramente il proprio interesse ad entrarvi. Si prevede che il mercato del poker online in Italia possa raggiungere entro la fine del 2010, un fatturato di oltre 3 miliardi di euro (si si avete letto bene), ma in questa previsione non si tiene neppure conto dell arrivo del nuovissimo poker cash game (finora proibito) che porterà la suddetta cifra a salire rapidamente: in sostanza, ci si potrà sedere a un tavolo virtuale con una dotazione di soldi e giocare fino a esaurimento. Insomma in pochissimo tempo il fenomeno poker è entrato a far parte della nostra quotidianità ed ormai, senza quasi accorgercene, sorridiamo divertiti per gli spot pubblicitari che ci invitano a partecipare (magari gratuitamente) ad uno dei tanti tornei della rete. "Le persone che giocano ai giochi d'azzardo come il Poker on line, sperando di risolvere i loro problemi economici rincorrendo all'illusione della vincita, rischiano la salute mentale, sviluppando dipendenza e mettendo in atto comportamenti possessivo - compulsivi". A parlare è Paola Vinciguerra, psicologa, psicoterapeuta, presidente dell'eurodap, Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico che mette in guarda dai giochi d'azzardo molto diffusi tra la popolazione. Possiamo purtroppo dire che la percezione del domani, spesso ricco di grandi interrogativi, porta gli individui a rischiare sempre di più tramutando il gioco da goliardia in mania, o peggio, in una ossessione. Si chiama GAP, ovvero: gioco d azzardo patologico. Si manifesta in modi diversi ma il movente è sempre lo stesso: eccitazione di vincere rischiando il proprio denaro. Secondo una ricerca del CONAGGA (Coordinamento Gruppi per Giocatori d Azzardo) ci sarebbero più di un milione di italiani che spendono oltre seicento euro al mese giocando in media più di tre ore e tre volte alla settimana. Senza troppo fortuna o forse convinzione, la Comunità Europea sta spingendo perché si pongano dei tetti di spesa e si introducano controlli più efficaci soprattutto sui limiti d età dei giocatori, proibendo ai minorenni anche le sessioni di gioco gratuite. È veramente facile appassionarsi al poker e di certo un ragazzo che inizia a sedici o diciassette anni, senza posta in palio, avrà tutto il tempo per sentirsi esperto alla soglia dei diciotto anni e poter passare al gioco vero. Di certo oggi è difficile contrastare questa enorme macchina legata ad interessi economici giganteschi ma non sarebbe neanche utile per la collettività favorire politiche proibizionistiche; tuttavia è lecito aspettarsi dalle Istituzioni il sostenimento di ricerche sulle patologie connesse al gioco, attuabili attraverso la formulazione di chiare politiche pubbliche in questo settore. Insomma dopo lotto, superenalotto, scommesse sportive, gratta e vinci, slot machine, win for life, lotto istantaneo, poker on line etc. etc. chissà quante altre possibilità di essere baciati dalla fortuna ci riserverà nel futuro il magico mondo del Gambling. Chi vuole farsi incontro alla dea bendata lo faccia pure senza però mai dimenticare che il gioco è bello quando dura poco. 19

20 Lavoro e carriere N el dialetto veneto, soprattutto nell'hinterland vicentino, vi è una locuzione verbale molto diffusa, "gheto capio" che significa "hai capito?" utilizzata spesso anche come modo per intercalare durante una conversazione con uno o più interlocutori. Scrivo questo redazionale per rispondere alle accuse di leghismo e razzismo che mi sono state rivolte in occasione della pubblicazione di un altro articolo di inchiesta, al cui interno analizzavo la società americana sulla base della sua attuale situazione macroeconomica come conseguenza della sua stessa struttura sociale. Premetto che i complimenti ed apprezzamenti migliori li ho ricevuti proprio da persone che vivono e lavorano negli States da anni, i quali hanno confermato pienamente l'outlook di analisi che ho dipinto per l'america dei 50 Stati. Le accuse più infamanti invece sono arrivate da lettori italiani (molti dei quali non hanno mai visitato il paese in questione) che hanno recepito il mio redazionale come una manifestazione di appoggio politico a questa o quella forza politica. La caratteristica principale della popolazione italiana è rappresentata dal classismo sociale: questo significa che qualsiasi tipo di affermazione, proposta, contestazione o critica deve essere sempre riconducibile a qualche movimento politico. Della serie, se Benetazzo dice che l'america è fallita a causa della sua composizione etnica allora significa che è leghista o estremista di destra e pertanto questo determina l'ammirazione di quella parte politica o il disprezzo della parte avversaria. Mi rammarico per questo e temo che difficilmente il futuro del nostro paese possa essere roseo visto che non potrà mai vincere il buonsenso, ma solo un determinato colore politico. Quanto ho precedentemente scritto, come tutte le altre mie opere intellettuali, sono frutto di un analisi economica e non di una appartenenza politica. Vi è di più: il periodo di studio all'interno degli States ha voluto essere di natura prettamente inquisitoria nei confronti della società e dell'apparato economico, e non volto a visitare la Statua della Libertà a NY, Ocean Drive a Miami, il Museo della Coca Cola ad Atlanta, Rodeo Drive a Los Angeles, la Strip a Las Vegas e così via. Nel mio caso questo tipo di attrazioni sono state ignorate (tranne in parte per Las Vegas), in quanto ho voluto conoscere e studiare l'america e gli Americani per come producono, per come consumano e lavorano, come si indebitano e cosi via. La mia permanenza pertanto non è stata caratterizzata dallo svago e dal divertimento, quanto piuttosto dall'analisi, sintesi e riflessione su quanto raccolto. Ho avuto modo di visitare numerose banche e grandi corporation, intervistare brokers ed executive, incontrare giornalisti e reporter indipendenti: il quadro che ne è uscito (che vi piaccia oppure no) contempla quanto scritto in precedenza. Ad esempio a Miami non mi sono sollazzato in spiaggia sotto il sole o sbronzato di tequila nei locali latinoamericani durante le notti brave, quanto piuttosto ho incontrato numerosi realtor, building developer e mortgage brokers, oltre che visitare i famosi appartamenti in svendita con il 60 % di sconto. Ad Atlanta 20

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito.

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. Biotecnologie ed OGM Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. piante OGM nel mondo. I maggiori produttori di OGM nel mondo sono USA, Argentina, Canada

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

IKEA for FIAT Press Conference Intervento di Luca De Meo Responsabile Brand & Commercial Fiat

IKEA for FIAT Press Conference Intervento di Luca De Meo Responsabile Brand & Commercial Fiat IKEA for FIAT Press Conference Intervento di Luca De Meo Responsabile Brand & Commercial Fiat Torino Mirafiori Motor Village 12 luglio 2006 Abbiamo scelto questa sede per parlarvi dei nostri progetti sulla

Dettagli

OPCIÓN A DIPENDENZA ENERGETICA: NUCLEARE E RINNOVABILI

OPCIÓN A DIPENDENZA ENERGETICA: NUCLEARE E RINNOVABILI PRUEBAS DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD FASE GENERAL: MATERIAS COMUNES CURSO 2009-2010 CONVOCATORIA: OPCIÓN A DIPENDENZA ENERGETICA: NUCLEARE E RINNOVABILI Le nazioni che in questi anni hanno goduto, a differenza

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare 7 Ecommerce di Gianluca Diegoli 1. Alcune leggende da sfatare Si pensa spesso, da parte di un imprenditore, all ecommerce come a una panacea per un fatturato stagnante, o peggio come un arma magica che

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Le famiglie, il motore dell economia

Le famiglie, il motore dell economia Le famiglie, il motore dell economia Sommario 1. Le famiglie, protagoniste dell'economia... 2 1.1 Le attività delle famiglie... 2 2. Il lavoro e le fonti di reddito... 2 3. I consumi... 3 3.1 La propensione

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

IL POTERE DELLA MENTE

IL POTERE DELLA MENTE PARTE PRIMA IL POTERE DELLA MENTE Dimagrisci senza dieta_ testo.indd 1 28/02/13 09.28 Aspettati di farcela Ci sono cose che vi posso insegnare, altre che potete imparare dai libri. Ma ci sono cose che,

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi''

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi'' J.AThePowerOfSponsorship Di Giuseppe Angioletti http://www.segretidei7uero.altervista.org ''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza

Dettagli

presenta: By: Centro Informazioni

presenta: By: Centro Informazioni presenta: By: Centro Informazioni Sito Internet: http://www.centroinformazioni.net Portale: http://www.serviziebay.com Blog: http://www.guadagnare-da-casa.blogspot.com/ Email: supporto@centroinformazioni.net

Dettagli

I_I04.e Alimentazione sostenibile

I_I04.e Alimentazione sostenibile PoliCulturaExpoMilano2015 I_I04.e Alimentazione sostenibile Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Prof.ssa Dorothy Klimis-Zacas Docente di Medicina

Dettagli

Avete mai sentito parlare della corsa del topo?

Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete presente il criceto che corre nella ruota fino allo sfinimento tutti i giorni? Beh, forse non ne avete piena consapevolezza ma anche voi, anche noi

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE Con l indagine del Panel agroalimentare viene somministrato periodicamente un questionario ad un campione di 6 imprese dell industria agroalimentare, prevalentemente impegnate nella

Dettagli

TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA

TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA Franchising TOSCANA IL GUSTO SI RACCONTA IN UNA TERRA DI POESIA 2 Indice P a g. Presentazione 5 Esperienza 7 Metodo 9 Garanzia della qualità 9 F r e s c h e z z a d e i p r o d o t t i 11 Utilizzo del

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu

Biologica. Una Guida per Azionisti, Agricoltori, Trasformatori e Distributori. Contatti. www.organic-farming.europa.eu Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale Contatti Servizi audiovisivi della Commissione Europea http://ec.europa.eu/avservices/home/index_en.cfm. Sito web sull agricoltura biologica della Commissione

Dettagli

Trovare nuovi clienti. sito web aziendale

Trovare nuovi clienti. sito web aziendale Consigli pratici per Trovare nuovi clienti con il tuo sito web aziendale Come ottimizzare il tuo sito aziendale e ottenere i risultati desiderati Maintenance SEO Statistics Testing Hosting Promotion Idea

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Se questo non ti sta portando il risultato che speravi, ti suggeriamo di leggere qui di seguito:

Se questo non ti sta portando il risultato che speravi, ti suggeriamo di leggere qui di seguito: Strategia Web Sergio Minozzi Imprenditore dell'informática da 20 anni, 12 anni ha lavorato nel settore di web marketing, di cui 5 negli Stati Uniti, Insegnante all'universitá Amministrativa Aziendale.

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

Ritengo che il vero motivo sia molto più grave: questi sono soggetti che si sono sempre aggirati

Ritengo che il vero motivo sia molto più grave: questi sono soggetti che si sono sempre aggirati 1 ANNO 3, NUMERO 11 MARZO 2014 Editoriale Ma tutto questo vir(t)uale non ci farà male alla salute? A cura di Silvia Bertolotti Se non sei su Facebook non esisti. Questa affermazione, che ho sentito qualche

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

Facciamo rete 15 gennaio 2014

Facciamo rete 15 gennaio 2014 Facciamo rete 15 gennaio 2014 8 marzo 1990 marzo 1991 (Iperbole 9 gennaio 1995) Tutti i plessi hanno una connessione a Internet Tutte le classi di scuola primaria e secondaria hanno almeno un PC in classe

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

develon web d.social il potere della conversazione develon.com

develon web d.social il potere della conversazione develon.com develon web d.social il potere della conversazione develon.com Facebook, Twitter, Flickr, YouTube, forum tematici, blog, community... Qualcuno dice che il Web 2.0 ha cambiato il mondo. Qualcun altro, meno

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

SixPrint è... SEMPLICE. Facile da usare. Pensato per te. SICURO. Nei pagamenti, nei prodotti.

SixPrint è... SEMPLICE. Facile da usare. Pensato per te. SICURO. Nei pagamenti, nei prodotti. SixPrint è SixPrint è... SEMPLICE. Facile da usare. Pensato per te. SICURO. Nei pagamenti, nei prodotti. SOCIALE. La tua community, per partecipare e divertirsi. SOSTENIBILE. Km0, prodotti green. Il pianeta

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

BAROMETRO CONSUMATORI

BAROMETRO CONSUMATORI INDICOD BAROMETRO CONSUMATORI Presentazione dei principali risultati 2 a fase A. LA STRUTTURA DEL MERCATO I GRUPPI TIPOLOGICI A1. DIMENSIONE DEI GRUPPI TIPOLOGICI (BASE: SECONDA FASE N=400) FIDUCIOSI NELLA

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

Maurizio Del Corso. Internet CASH. I Segreti per guadagnare veramente dalla rete

Maurizio Del Corso. Internet CASH. I Segreti per guadagnare veramente dalla rete Maurizio Del Corso Internet CASH I Segreti per guadagnare veramente dalla rete 1 Titolo Internet CASH Autore Maurizio Del Corso Editore Top Ebook Sito internet http://www.top-ebook.it ATTENZIONE: questo

Dettagli

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA

Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Physeon presenta I 5 MACRO TREND DEL 2014 NEL COMMERCIO IN CINA Il seguente report è stato realizzato da Physeon, sintetizzando i rapporti cinesi che ci sono pervenuti in lingua inglese ed è da considerarsi

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

VENDERE IN RETE GUIDA AL COMMERCIO ELETTRONICO PER LA VOSTRA AZIENDA

VENDERE IN RETE GUIDA AL COMMERCIO ELETTRONICO PER LA VOSTRA AZIENDA VENDERE IN RETE GUIDA AL COMMERCIO ELETTRONICO PER LA VOSTRA AZIENDA VENDERE IN RETE GUIDA AL COMMERCIO ELETTRONICO PER LA VOSTRA AZIENDA GUIDA ALL E-COMMERCE Questo volume rientra nelle attività dell

Dettagli

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Chiara Albanese Michele Dell Edera In collaborazione con: Asernet tecnologia, comunicazione e nuovi media Zeroventiquattro.it Il quotidiano on line

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

TROVA NUOVI CLIENTI E MOLTIPLICA I TUOI PROFITTI CON

TROVA NUOVI CLIENTI E MOLTIPLICA I TUOI PROFITTI CON TROVA NUOVI CLIENTI E MOLTIPLICA I TUOI PROFITTI CON MARKETING ON LINE UN SUCCESSO GARANTITO! PERCHÉ GOOGLE ADWORDS? A pprofitta di tutti i vantaggi della nostra offerta: credito omaggio per i tuoi annunci,

Dettagli

LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK. www.mycityweb.info

LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK. www.mycityweb.info LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK www.mycityweb.info IDEA INNOVATIVO SERVIZIO WEB/APP PER LA RICERCA DINEGOZI, RISTORANTI, PRODOTTI/SERVIZI ALL INTERNO DELL ECOSISTEMA CITTADINO. AVVICINARE LE PERSONE AI

Dettagli

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671 Format-Confcommercio: il web cambia gli acquisti, anche quelli tradizionali Il web chiama al cambiamento anche i negozi tradizionali, che dovranno imparare a coinvolgere i clienti creando una esperienza

Dettagli

IL QUARTIERE A COLORI: UN PROGETTO CONDIVISO PER UNA CITTADINANZA ATTIVA

IL QUARTIERE A COLORI: UN PROGETTO CONDIVISO PER UNA CITTADINANZA ATTIVA IL QUARTIERE A COLORI: UN PROGETTO CONDIVISO PER UNA CITTADINANZA ATTIVA PREMESSA Abitare "un quartiere a colori" significa vivere in una dimensione multietnica nella quale ogni individuo ha a disposizione

Dettagli

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO DI STEFANO TRONCA WWW.STEFANOTRONCA.COM QUESTO E-BOOK È UNA CREAZIONE DI STEFANO TRONCA. TUTTI I DIRITTI RISERVATI Ciao sono Stefano! La mia vita di blogger

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

Cos è il Marketing del consiglio?

Cos è il Marketing del consiglio? Cos è il Marketing del consiglio? Il Marketing del consiglio è uno dei metodi di commercializzazione dei prodotti con la crescita più rapida e peggio compresi al giorno d oggi. Marketing significa semplicemente

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

ED AUMENTARE LA VISIBILITA

ED AUMENTARE LA VISIBILITA B L O G D I C U C I N A A D V A G G I O R N A M E N T O 21/ 0 6 / 2 0 1 2 BLOG DI CUCINA 2.0 COME DIFFONDERE IL PROPRIO MARCHIO ED AUMENTARE LA VISIBILITA NEL MONDO DEL FOOD BLOG ATTRAVERSO AZIONI DI SPONSORIZZAZIONE

Dettagli

giusta Fai la spesa Inchiesta

giusta Fai la spesa Inchiesta Fai la spesa giusta Qual è la politica etica del tuo supermercato? Cosa c è dietro alle promozioni? La nostra inchiesta traccia il profilo di sei grandi insegne. Coop è la migliore. 20 Altroconsumo 278

Dettagli

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S.

PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. PROGETTO EDUCATIVO PER LA SCUOLA PRIMARIA MANGIO LOCALE E PENSO UNIVERSALE A.S. 2014/2015 La scuola bergamasca si prepara all Expo 2015 (esposizione universale) imparando a conoscere i prodotti a Chilometro

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

Guida MICHELIN Italia 2014

Guida MICHELIN Italia 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 5 novembre 2013 Guida MICHELIN Italia 2014 Contatto stampa 02 3395 3609 Guida MICHELIN Italia 2014: boom di novità e di stelle La nuova edizione della guida MICHELIN Italia raccoglie

Dettagli

Parlamento delle Idee

Parlamento delle Idee Il 14 aprile 2015 siamo andati a Potenza per far visita alla sede della Regione Basilicata. Siamo stati accolti in una delle tante sale che la compongono e ci è stato mostrato un breve filmato che spiegava

Dettagli

La tutela dei consumatori nell Unione europea: dieci principi di base 1

La tutela dei consumatori nell Unione europea: dieci principi di base 1 COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE SALUTE E TUTELA DEI CONSUMATORI 01/09/2005 La tutela dei consumatori nell Unione europea: dieci principi di base 1 1. Comprare ciò che si vuole, dove si vuole 2.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST. Compra con la testa Cucina con il cuore. varia

Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST. Compra con la testa Cucina con il cuore. varia Giulia Scarpaleggia CUCINA DA CHEF CON INGREDIENTI LOW COST Compra con la testa Cucina con il cuore varia Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07688-3 Prima edizione

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Ciò che non hai mai visto lo trovi dove non sei mai stato. (Detto africano)

Ciò che non hai mai visto lo trovi dove non sei mai stato. (Detto africano) Ciò che non hai mai visto lo trovi dove non sei mai stato. (Detto africano) TURISMO IN ITALIA 159.600.000.000 di euro 10,3% del PIL 2.619.000 lavoratori 11,6% degli occupati italiani 50.000.000 di turisti

Dettagli

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C

La scelta naturale. Cosa significa acquistare biologico. Fa bene alla natura, fa bene a te. www.organic-farming.europa.eu KF-30-08-128-IT-C KF-30-08-128-IT-C Commissione europea Agricoltura e Sviluppo rurale www.organic-farming.europa.eu La scelta naturale Cosa significa acquistare biologico Fa bene alla natura, fa bene a te. Cos è l agricoltura

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

Tendenze dei canali di vendita al dettaglio

Tendenze dei canali di vendita al dettaglio ProWein 2015 Indagine sommaria / 25 Febbraio 2015 Tendenze dei canali di vendita al dettaglio È un fatto ampiamente accettato nel commercio mondiale del vino che i canali di vendita al dettaglio attraverso

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business.

Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business. Ciao Pizza, per chi ha il gusto del business. La nostra storia. Ciao Pizza nasce nel 1996 dall idea di tre giovani imprenditori di creare un realtà stabile nel settore della piccola ristorazione. Non c

Dettagli

Le strategie di marketing più innovative per il tuo centro Fitness/wellness

Le strategie di marketing più innovative per il tuo centro Fitness/wellness Le strategie di marketing più innovative per il tuo centro Fitness/wellness Si precisa che foto e marchi riprodotti in questo volume appartengono ai rispettivi proprietari e vengono inseriti a scopo puramente

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori

La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori La rete nazionale di Confindustria tra Giovani, Scuola e Imprenditori CHI SIAMO LATUAIDEADIMPRESA è una community costituita da migliaia di studenti italiani, professori, imprenditori. E un progetto finalizzato

Dettagli

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro

Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro L AGROALIMENTARE ITALIANO: PROSPETTIVE DI SVILUPPO E CRITICITÀ. Forum Internazionale dell Agricoltura e dell Alimentazione. Coldiretti Antonio MARZANO Presidente

Dettagli

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO Sommario In questo capitolo scoprirà alcune cose su come - gestire il suo denaro - identificare alcune questioni economiche collegate al gioco - cominciare ad operare dei

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale progetto realizzato con il contributo Segreteria organizzativa Adeguarsi al cambiamento E-commerce e organizzazione

Dettagli

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi www.aioroma.it Intervista a Maurizio Patitucci A cura di Michelangelo Marino Buongiorno Maurizio, sono ormai diversi anni che insieme

Dettagli