Settimana dell Amicizia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settimana dell Amicizia"

Transcript

1 Settimana dell Amicizia Tra Italia e Cina Ottobre 2006 Politecnico del mare Duca degli Abruzzi Catania - I.T.I. S. Cannizzaro Catania - I.P.S. Alberghiero G. Falcone Giarre

2 Settimana dell Amicizia Tra Italia e Cina Ottobre 2006 La Cina, conoscerla per incontrarla dispensa a cura degli studenti dell I.T.I. S. Cannizzaro

3 Studenti che hanno effettuato le ricerche di testi e immagini: 3^ A Chimica: Bottino Alfio, Garcia Johan David, Romeo Erika 4^ A Chimica: Di Prima Francesco, Filoramo Andrea, Rizzo Danilo 3^ B Chimica: Anastasi Antonella, Barbagallo Arianna, Catania Giusy, Civita Oriana, Costanzo Barbara, De Luca Alessandra, Gigantini Concetto, Grasso Carmen, Grasso Vittorio, Ravesi Veronica, Riela Lorenzo, Torrisi Vittorio 4^ B Chimica: D Agostino Stefania, Fiorenza Alexa 3^ C Chimica: Burgio Simone, Fiorenza Roberta, Sapia Valeria, Signorelli Chiara, Tucci Pamela 3^ A Informatica: Campilongo Emmanuel, Trovato Roberto 4^ A Informatica: Bonaccorsi Danilo, Bucchieri Giuseppe, Caponnetto Riccardo, Di Bella Cristina, Lanzafame Giuseppe, Nicolini Marco 5^ A Informatica: Di Stefano Marika, Garofano Erika, Grillo Marco, Privitera Grazia 4^ B Informatica: Assenza Vanessa, Bosco Consuelo, Bosco Lucia, Condorelli Chiara, Sciuto Francesca 5^ B Informatica: La Rosa Graziella, Napoli Massimo, Ofria Leonardo, Toscano Massimiliano, Virzì Sofia 4^ C Informatica: Lombardo Francesco Docenti coordinatori delle ricerche: Proff. C. Di Gregorio G. Di Mauro R. La Mela L. Privitera S. Raccuia C. Romano A. Scalia Coordinamento della organizzazione grafica e dell impaginazione: Proff. R.G. Bonaccorso G. Di Mauro Istituto Tecnico Industriale S. Cannizzaro via C. Pisacane Catania (Italy) Alcune immagini sono state scaricate da siti internet e saranno usate solo per scopi didattici.

4 INTRODUZIONE Questo modesto lavoro nasce dalla curiosità e dall impegno di alcuni studenti dell ITI Cannizzaro di Catania, a cui è stato proposto di aderire alla importante iniziativa della Settimana dell amicizia tra Italia e Cina, per promuovere la cooperazione culturale tra i due paesi e avviare un processo, teso a migliorarne la conoscenza. L adesione immediata ed entusiastica è stata dettata ai nostri giovani dal prestigio del partner in questione e dal misterioso fascino che la cultura orientale ha sempre destato nell immaginario italiano ed europeo. Gli studenti sanno bene che attraverso questo loro lavoro non possono avere la presunzione di essere pervenuti ad una conoscenza approfondita di un mondo tanto ricco di storia e cultura, ma hanno voluto tentare lo stesso l impresa, alla quale si sono accostati con umiltà e voglia di conoscenza. I paragrafi di cui il lavoro è composto riguardano la geografia, la storia, la religione, la cultura e gli usi e i costumi. Le conoscenze acquisite, attraverso la loro trattazione, costituiranno per i nostri studenti non solo un valido bagaglio culturale da cui partire, ma una altrettanto valida spinta ad approfondire, nell intento di rafforzare i rapporti già da tempo intrapresi dai due paesi, nella consapevolezza che da ciò scaturisce un arricchimento reciproco delle culture.

5 Sommario Geografia.. pag 1 Storia pag 3 Religione. pag 7 Usi costumi e tradizioni. pag 12 La scrittura. pag 21 La pittura.. pag 24 Cucina. pag 27 Arti marziali pag 29 Conclusioni pag 33

6 GEOGRAFIA La Cina è uno stato dell Asia orientale. Confina a nord con Mongolia e Russia, a NORD-OVEST con Kazakistan e Kirghizistan, a OVEST con Tagikistan e Afghanistan, a SUD-OVEST con Pakistan e India, a SUD con Nepal, Bhutan, Birmania, Laos e Vietnam, ad EST Corea del Nord. Terzo paese più grande del mondo, presenta caratteristiche morfologiche e climatiche assai eterogenee: dalle vaste pianure alluvionali, che si trovano lungo le coste, alle importanti catene montuose (Himalaya, con il monte Everest 8850m.), agli altipiani e ai deserti (Takla Makan e Gobi). I monsoni estivi e la presenza delle grandi catene montuose occidentali influenzano il clima, che è molto vario: dal temperato al monsonico, dall arido al temperato-freddo. La Cina ha un gran numero di fiumi, la maggior parte dei quali sfocia nei mari vicini, mentre altri gettano nei bacini occidentali e settentrionali le loro acque che, filtrando nel sottosuolo, costituiscono delle importanti riserve d acqua. I fiumi principali sono: Chang Jiang (Fiume Azzurro) 5800 Km, Huang He (Fiume Giallo) 4845 Km, Xi Jiang 2129 Km. Negli ultimi anni l economia cinese ha fatto notevoli progressi, tanto che nel 2005 la Cina è diventata la quarta economia più grande al mondo. Nonostante la recente industrializzazione, la Cina continua ad essere un Paese principalmente agricolo e l agricoltura una delle sue maggiori risorse economiche. Il prodotto principale è il riso, tanto importante che la lingua cinese usa lo stesso termine per indicare il prodotto e l agricoltura. 1

7 Il secondo cereale per importanza è il frumento, coltivato nel bassopiano cinese, seguito dal mais e dall avena. Tra i semi oleosi si coltivano la soia, le arachidi, il sesamo e il girasole. I principali prodotti da esportazione sono il tè e lo zucchero, ricavato soprattutto dalla canna da zucchero. L allevamento è un altra importante risorsa per l economia del paese. Il più diffuso è quello dei suini; nelle regioni occidentali prevale la pastorizia e nelle zone più elevate del Tibet si allevano gli yak, dai quali si ricava latte, carne, abbigliamento dalla pelle e combustibile dallo sterco. Nonostante la pesca sia praticata con metodi rudimentali, la Cina è uno dei più grandi produttori di pesce al mondo. La Cina possiede una grande varietà di risorse minerarie ed è la prima produttrice al mondo di elettricità. Fra le industrie, è particolarmente fiorente quella tessile. La Cina è politicamente divisa in sette unità geografiche formate da 23 province, 5 regioni autonome e 3 aree metropolitane. La capitale è Pechino. Ha una popolazione di circa abitanti (1^ al mondo con una densità di 139 ab./km²) appartenenti a 56 diverse etnie fra cui Mongoli, Mancia, Tibetani e Kirghisi. La maggior parte della popolazione è composta da cinesi Han. La distribuzione della popolazione è molto irregolare, la maggior parte vive nelle grandi pianure dell est e nelle province orientali, a Pechino o in altre città principali. Attualmente fuori dalla Cina vivono più di 50 milioni di cinesi, che si sono distinti per il successo raggiunto nel commercio e nel settore della ristorazione. La lingua ufficiale è il Mandarino, che si è diversificato in vari importanti dialetti. La Cina è una repubblica popolare. Bottino Alfio, Garcia Johan, Romeo Erika - 3^ A Chimica - coordinati dalla prof.ssa Giuseppa di Mauro 2

8 STORIA Più di ogni altro paese al mondo, la Cina ha lasciato di sé un enorme quantitativo di tracce e testimonianze scritte relative al proprio passato ed è impresa ardua ricostruire i suoi cinque millenni di civiltà, per cui si è soliti iniziare la trattazione con L età dell oro della civiltà cinese, ossia con la dinastia Tang. DINASTIA TANG La dinastia Tang si afferma in Cina quando la dinastia Sui ( ), indebolita dalle pressioni dei turchi, insediati nell attuale Mongolia fu travolta dalle ribellioni interne. La dinastia Tang ( ) rappresenta il culmine dello sviluppo sociale, economico e culturale della società feudale cinese, essa fu fondata da Li Yan, un esponente dell aristocrazia del nord-ovest, che durante una delle tante insurrezioni contadine riuscì ad imporsi sugli altri principi. Sotto il secondo sovrano Taizong (626-49), l impero vive un periodo di grande fioritura civile e culturale. Egli riporta una grande vittoria sui turchi, stabilisce con la nascente potenza del Tibet e con i sovrani indiani amichevoli relazioni, che consentirono l espansione militare in Asia centrale. All interno dell impero Taizong avviò importanti riforme fondiarie, creò la coscrizione obbligatoria e riformò gli esami di stato per il ceto amministrativo. Il figlio Gaozong (649-83) ne proseguì l opera, ma nei suoi ultimi anni il potere effettivo passò nelle mani della consorte Wahou, che alla sua morte riuscì ad ottenere il potere in nome proprio e resse l impero dal 648 al 705, data in cui l imperatrice viene deposta in seguito ad una congiura di palazzo. La dinastia Tang visse un nuovo periodo di splendore sotto Xuanzong (712-56) buon amministratore e protettore delle arti e delle lettere, la fine del suo regno fu funestata dalla rivolta del generale An-Lushan, domata dopo otto anni, grazie all aiuto dei Turchi uiguri, che per un certo tempo esercitarono una sorta di protettorato. La fine del regno uigurico (840) e lo sfacelo della monarchia tibetana (842) restituirono alla dinastia la sua autonomia. Nel 907 la dinastia cessò di esistere e l Impero fu nuovamente diviso. DINASTIA SONG La dinastia Song costituisce nella storia cinese un periodo di grande importanza per le trasformazioni in campo sociale ed economico. Questa dinastia che durò 319 anni è suddivisa in due periodi: settentrionale e meridionale. Il periodo dei Song settentrionali fu un epoca di confronto con Liao, Xia e Jin, mentre il periodo dei Song meridionali fu un epoca di compromesso e declino. Alla caduta dei Song settentrionali, a causa dei Jin, i Song meridionali si accontentarono di governare la zona a sud del Fiume Azzurro, senza alcuna ambizione di riunificare il paese. All epoca dei Song risale l origine di una delle più importanti invenzioni, quella della bussola e vennero inventate numerosi armi, sfruttando la proprietà 3

9 esplosiva della polvere da sparo. L impero Song fu annientato dalle ben organizzate truppe mongole, comandate da Qubilay Khan. L ultimo imperatore, un bambino di soli nove anni, morì annegato e il primo ministro suo tutore, si suicidò. Il re mongolo Qubilay Khan fondò la dinastia degli Yuan, divenendo uno degli imperatori più potenti della storia cinese. LA DINASTIA YUAN ( ) Si deve alla nuova dinastia Yuan la divisione della società cinese in quattro classi. I mongoli appartenevano alla prima classe, quella privilegiata, alla seconda classe appartenevano i Semu, una popolazione delle regioni occidentali, che si era adoperata nella guerra contro i cinesi, alla terza classe appartenevano i cinesi han del nord, mentre quelli del sud, ritenuti i più ostili al dominio mongolo, facevano parte della quarta classe. Qubilay Khan iniziatore della dinastia Yuan capì l importanza dell agricoltura e ne favorì lo sviluppo. Sotto il suo impero venne potenziata la rete stradale e la stessa religione buddista conobbe il suo periodo migliore. La figura del Dalai Lama, capo spirituale dei tibetani, ottenne il riconoscimento ufficiale. Durante questa dinastia si ebbero i primi importanti scambi culturali tra occidente ed oriente, grazie ai grandi viaggiatori come Marco Polo, arrivato alla corte di Qubilay nel Con la morte di Qubilay, la potente dinastia degli Yuan incominciò a sgretolarsi e in poco meno di trent anni si succedettero ben otto imperatori. Nel 1368, dopo vent anni di lotti fratricide, Zhu Yuan Zhang, uno dei capi ribelli, sconfisse l ultimo imperatore degli Yuan e instaurò la dinastia dei Ming. Di Stefano Marika, Garofano Erika, Grillo Marco, Privitera Grazia - 5^A Informatica - coordinati dalla prof.ssa Angela Scalia DINASTIA MING Alla fine della dominazione mongola, in seguito ad una sollevazione contadina, assunse il potere il capo dei rivoltosi Zhu Yuan Zhang, capostipite della dinastia nazionale Ming ( ). Le istituzioni statali furono ricondotte a quella dei Tang e gradualmente fu adottato il neoconfucianesimo come ideologia statale. Alcune riforme e l ampliamento della grande muraglia assicurarono la pace sociale per circa un secolo. Il più grande imperatore della dinastia fu Yongle ( ) che debellò le ultime resistenze mongole, avviando l espansione marinara in Indonesia, India meridionale, Arabia e Corno d Africa. Sotto i Ming rifiorirono gli studi classici e la cultura si diffuse fra le masse, seppure sotto forma di letture di romanzi storici. Con la dinastia Ming la Cina è entrata nell ultimo periodo della società feudale caratterizzato, anche, per il fiorire delle arti, dell architettura e della ceramica. Celebri sono i vasi policromi prodotti in quest epoca. La dinastia Ming si adoperò per il completamento della grande Muraglia, la costruzione e 4

10 decorazione di fastosi palazzi nelle capitali e città più importanti. Fu in questo periodo che si ebbero i primi importanti contatti tra la Cina e l occidente, specialmente per l opera del missionario gesuita Matteo Ricci e dei suoi collaboratori che aprirono a questo immenso impero la scienza e la cultura europee. DINASTIA QING Al declino della dinastia Ming seguì il dominio della dinastia Qing ( ) che consolidò in Asia la potenza cinese e conquistò l isola di Formosa (Taiwan). Contrastò l avanzata russa in Siberia e sottomise i principi della Mongolia. Nella seconda metà del 700 l impero cinese cominciò una lunga e lenta decadenza e si manifestarono diverse rivolte contadine, motivate dall estrema miseria. Nell 800 si tentarono vari approcci con l occidente, ma furono vari e propri disastri diplomatici e militari. Fu sul finire di questo secolo che la Cina dovette cedere il porto di Hong Kong all Inghilterra. Disastrosa fu la guerra contro il Giappone ( )- Un colpo di stato portò al potere l imperatrice Cixi, che favorì la guerra xenofoba detta dei Boxers, stroncata nel 1900da una coalizione occidentale. La dinastia perdette il potere durante il periodo dell imperatore bambino Puyi nel 1912, e fu proclamata la repubblica. Pur in questo panorama di continue lotte e guerre, non mancò di rifiorire l arte e la letteratura. Intensi sforzi furono dedicati alla ricostruzione ed al restauro dei monumenti Ming, e l incontro con l architettura occidentale favorì le prime commissioni col barocco europeo. Rifiorirono, parimenti, la pittura e la ceramica, quest ultima, particolarmente apprezzata in tutta Europa. LA RIVOLTA DEI TAIPING La rivolta dei Taipiting fu una rivolta contadina esplosa in Cina tra il 1850 ed il 1864 contro la dinastia Manciu e le ingerenze colonialiste straniere. Ne fu guida carismatica Hong Xin Quan ( ). Nel 1851 Hung dichiarò decaduta la dinastia mancese, assunse il titolo di celeste sovrano e portò la sua capitale a Nanchino. I Taiping produssero un programma di riforme su basi teocratiche e comunitarie in un curioso sincretismo ebraico-cristiano, taoista e confuciano. Successivamente la rivolta si indebolì per dissidi interni e per l ostilità delle classi possidenti, spaventate dal radicalismo, e per l intervento delle potenze occidentali interessate a reprimere lo slancio rivoluzionario. Gli scontri decisivi avvennero nel 1864, quando un corpo d armata imperiale, inquadrato da ufficiali europei, riconquistò Nanchino e disperse i superstiti dopo il suicidio di Hong Xin Quan. 5

11 MAO Estremamente importante nella storia della Cina contemporanea è l opera, il pensiero e l azione politica di Mao Tse Tung ( ). Il suo pensiero politico di impronta marxista, sebbene modificato, per adattarlo alle condizioni sociopolitico-culturali ed economiche della Cina, lo portò a diventare, nel 1921, uno dei 12 fondatori del partito comunista cinese. Mao, nelle sue riflessioni idelogicopolitiche, individuò nei contadini poveri la vera forza rivoluzionaria della Cina con cui fondare la lotta contro il potere dominante. Ciò lo portò ad una vera e propria guerra contro Chiang-Kai-Shek, sostenuto, a sua volta, dalle forze occidentali. Nel 1931 venne proclamata la Repubblica sovietica cinese, e Mao ne fu eletto presidente. Intanto la lotta contro Chiang-Kai-Shek assunse forme estreme e Mao potè salvare il suo esercito con una lunga marcia, guidata dal generale Chu-Teh che si concluse nel Nord della Shensi nel La guerra contro il Giappone e la seconda guerra mondiale videro l affermarsi della personalità di Mao che proclamò, il 1 ottobre 1949 la nascita della Repubblica Popolare Cinese e ne divenne presidente. Da questo momento in poi il pensiero politico di Mao si allontanerà sempre più dal marxismo sovietico ed assumerà caratteristiche peculiari propri della realtà cinese. Nel 1959 fu messo in minoranza da Lin-Shao-Chi e Deng Xiao Ping di tendenze filosovietiche e si dimise. Ma nel 1966 Mao riprese la lotta politica ed ispirò una rivoluzione culturale detta delle guardie rosse con lo scopo, riuscito, di riprendere il potere ed abbattere i privilegi dei funzionari del partito. Mao morì nel 1976 ed attorno alla sua figura ed alla sua opera si sviluppò, e dura tuttora, un dibattito all interno della Cina per comprendere, criticare e rivoluzionare la politica di Mao non più adatta ad uno stato moderno quale oggi la Cina vuole essere. Civita Oriana, De Luca Alessandra, Grasso Carmen - 3^ B Chimica - coordinate dalla prof.ssa Concetta Romano 6

12 RELIGIONE Taoismo - Confucianesimo Buddismo Il Taoismo è spesso descritto in correlazione al confucianesimo. Entrambe le correnti rappresentano il grande patrimonio culturale cinese e sono dunque più complementari che antagoniste. I letterati cinesi le hanno spesso descritte come mezzi differenti per giungere al medesimo obbiettivo: la saggezza. Il Tao è l'energia che fluisce attraverso le cose, è l'esistenza e la materia stessa costituita da esso. Quindi ogni cosa è in realtà il Tao, una sua emanazione. Gli stessi dei e spiriti che popolano l'universo sono manifestazioni del principio cosmico. L'obbiettivo di ogni fedele alla religione taoista è diventare tutt'uno con la legge eterna. I fedeli, per realizzare ciò, devono armonizzare il Tao dentro di sé, mettendo in comunicazione il proprio spirito con lo spirito dell'universo, attraverso l'esercizio fisico, la preghiera, e la meditazione. La ricerca della saggezza in Cina si fonda principalmente sull'armonia. Quest'ultima, per i taoisti, si raggiunge placando il proprio cuore attraverso la VIA (il Tao), cioè la via stessa della natura. Il Tao non si può descrivere a parole in quanto il linguaggio umano è inadeguato. Bisogna evitare qualsiasi tipo di paragone con il Dio delle religioni monoteiste, poiché il Tao non è un dio trascendente, ma un Dio energia, un entità immanente che fa parte del mondo. Gli obbiettivi che il Taoismo si pone sono: - Ritrovare se stessi: educarsi a raggiungere l'unione con il Tao da cui si riceve la Virtù. - Conoscere se stessi: entrando in comunione con l'assoluto e annullando la distinzione fra l'io e il mondo. - Governare se stessi: diventando un tutt'uno con il Tao. Complessivamente si può dire che la dottrina taoista si basa sui seguenti precetti: il Tao ha provocato la creazione dell'universo dando origine ai due principi cosmici yin e yang, la natura dualistica di tutte le manifestazioni del Tao. Take dyakutà è riscontrabile in ogni elemento della natura. Esistono tutta una serie di pratiche che mirano ad arricchire la spiritualità umana. Tra queste le arti marziali, il vegetarianesimo, inteso come rispetto della, natura; la mistica sessuale, cioè il considerare l'atto sessuale come un momento di congiunzione cosmica; la meditazione; 7

13 il Qigang, pratica che mira ad allineare il Qi umano con il Qi dell'universo; infine il Tai Chi, una combinazione di movimenti e di respirazione che mira alla meditazione. I primi taoisti praticavano frequentemente l'alchimia. L'obbiettivo era il raggiungimento del segreto dell'immortalità fisica attraverso l'ingestione di sostanze minerali e vegetali per creare una sorta di elisir nel corpo. Queste pratiche, in seguito sostituite da esercizi inferiori, costituirono le basi per la nascita delle prime forme di chimica. Nei nord della Cina il taoismo si sviluppò soprattutto come ricerca della perfezione personale, dando origine alla corrente del Taoismo Quanzhen. Nel sud invece si sviluppò maggiormente la corrente tradizionale detta Taoismo Zhengyi, la quale faceva largo uso dell'alchimia. Il taoismo ha una importante organizzazione clericale molto diffusi sono conventi sia maschili che femminili ad imitazione del buddismo. La vita nei monasteri è una vita pura, dedita soprattutto alle pratiche di coltivazione del Tao e all'armonia con la natura. I monaci praticano le arti marziali e la meditazione. La musica è un elemento essenziale. Un rituale compiuto generalmente dai fedeli è il baibai che consiste nel pregare davanti ad un altare con tra le mani dei bastoncini di incenso. Questo tipo di preghiera può essere compiuto ovunque: a casa propria, in un tempio, o all'esterno. Molto praticato è anche il culto degli antenati che si svolge in un'apposita sala oppure semplicemente davanti ad un piccolo altare su cui vengono esposte le tavolette con il nome dell'antenato. Altri concetti fondamentali del taoismo sono: la vita e la morte, la verità e il vuoto. La vita non è altro che un avvicendarsi di trasformazioni e di fenomeni. La morte è vista come un processo naturale e benefico. La verità si raggiunge entrando in comunione con l assoluto (Il TAO). Il vuoto è fluida sorgente di vita e caos primordiale. Testi Sacri Il testo più importante è il Canone Taoista che comprende 1500 testi. Il DAO De Jing è il testo attribuitola padre fondatore della corrente: LAO ZI. Quest opera dai termini oscuri è riconosciuta come una delle grandi opere spirituali dell umanità. Storia del Taoismo Con l avvento della repubblica popolare cinese, il governo ostacolò il culto taoista in quanto ritenuto rivoluzionario. 8

14 In questi ultimi anni, con la libertà religiosa in Cina, i templi hanno riacquistato il loro valore culturale e il popolo cinese ne sta riscoprendo anche il significato religioso. Il taoismo è oggi tollerato dal governo, in particolare per gli ideali di socialismo e ambientalismo proclamato. Oggi questo culto è praticato da circa 400milioni di cinesi. Il Buddismo in Cina I cinesi non conoscevano Buddha prima dell era cristiana; non si sa con esattezza quando la nuova religione sia penetrata in Cina. Nel II secolo d.c. essa si impose come una specie di doppione del Taoismo. L elaborazione delle tradizioni buddiste in lingua cinese deve essere considerata uno dei fatti più importanti della cultura umana poiché permise a due civiltà autonome di venire a contatto. L influenza del buddismo in Cina fu tuttavia contenuta dalla diffusione del confucianesimo e del Taoismo. La Cina diede numerosi contributi originali alla meditazione buddista. La pietà buddista per il dolore che regna nel mondo sviluppò tra i cinesi un nuovo senso della carità umana. Nonostante le reazioni ostili (nel 444, nel 626 e soprattutto nell 845) il culto indiano fu accettato e divenne parte integrante del patrimonio spirituale cinese. Quando il buddismo sparì dall india, continuò a sopravvivere in Cina associato ai culti popolari, mentre nel Tibet e nella Mongolia fu conservato sotto la nuova forma del Lamaismo. Il buddismo non fu portato in Cina in modo ordinato e organico, ma venne introdotto disordinatamente e in periodi diversi. I testi sacri assunsero valore diverso da quello che avevano nel loro ambiente originario, poiché furono interpretati isolatamente e in maniera frammentaria in ambienti disparati. Il problema più importante per l anima indiana (come sottrarsi alla trasmigrazione) e la soluzione proposta dal buddismo (il Nirvana) non potevano essere compresi e apprezzati negli altri paesi come lo erano stati in India. Il buddismo originario cercava la liberazione dal ciclo delle esistenze; quello cinese si propone la ricerca della felicità. Il Confucianesimo Il Confucianesimo è la dottrina di Confucio e dei suoi seguaci che ha dominato per oltre 2000 anni la vita etica, politica e religiosa della Cina, in quanto 9

15 prescriveva i riti di stato della casa imperiale, il culti degli antenati della famiglia e forniva sia il codice pubblico di comportamento sia il codice privato della vita familiare. La religione di Confucio non è una fede che dipende da una rivelazione, ma è piuttosto una filosofia esistenziale: non ci sono dogmi né clero, in quanto l esecuzione dei riti era generalmente affidata a funzionari statali e capifamiglia. Essere virtuosi, per Confucio, significa avere autocontrollo, moderazione e sapere agire con giustizia, a imitazione degli antichi. Il primo ambito sociale in cui l uomo impara a essere autentico, secondo Confucio, è la famiglia. Il secondo ambito è la società civile, ove si apprendono e si applicano la giustizia, l altruismo, la compassione e soprattutto la benevolenza (che sta alla base di tutte le virtù). Il terzo livello è quello dello stato, ove i sudditi sono tenuti alla lealtà-fedeltà, a condizione che il sovrano governi con virtù e con giustizia. In pratica i confuciani concepivano lo stato come una grande famiglia al cui vertice stava il re, mandato dal cielo, mentre più in basso tutti osservavano i diritti-doveri della loro condizione. I due concetti chiave del Confucianesimo sono il Rito e la Benevolenza: entrambi presuppongono il retto agire e il buon governo. I riti sono la forma dell agire, la benevolenza ne è il contenuto. Il rito dipende dalla benevolenza: senza questa diventa formale, vuoto, falso. Il rito più importante è il culto degli antenati, che è in verità la fonte di tutte le religioni cinesi. Il rito ha la funzione di tenere unita la famiglia, la società e lo stato. Per questo motivo i funerali cinesi sono molto meticolosi e ritualizzati, ma non lugubri. Per i confuciani, l anima di una persona che muore si divide in tre parti: una sale in cielo, la seconda rimane nella tomba per ricevere sacrifici e offerte di cibo, la terza viene localizzata nella tavoletta del tempio. Quest anima può trasformarsi in uno spirito buono o cattivo: la sua sorte è decisa dal suo passato e dalla sollecitudine con cui i parenti ne onorano la memoria. Quindi più sontuose sono le cerimonie funebri e i riti commemorativi e più aumentano le possibilità che lo spirito di chi muore diventi buono e di conseguenza benefico per i vivi. Probabilmente anche questa particolare venerazione ha impedito il diffondersi del Cristianesimo in 10

16 Cina. Il regime comunista permette solo le feste principali: Il Capodanno (con la famosa processione del Drago, considerato simbolo benefico), le Barche del Drago e l Ottava Luna. Il rito per i confuciani è così importante che ancora oggi non disdegnano quelli di origine taoista e buddista. Il concetto di benevolenza è paragonabile al concetto di amore, la famosa massima evangelica non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te era stata detta da Confucio cinque secoli prima. L aspetto più negativo della dottrina confuciana è senza dubbio la concezione della donna, considerata di molto inferiore all uomo. Il confucianesimo tolse alla donna cinese la superiorità che le restava nella vita familiare. Ancora oggi la cerimonia nuziale e la vita coniugale risentono di questa forte discriminazione. Durante la rivoluzione culturale maoista ci si accanì contro il confucianesimo senza distinguere le idee originarie del fondatore da quelle di alcuni suoi seguaci che poi risultarono dominanti. Una campagna anticonfucio è stata condotta anche nel 1973: furono inquisiti quegli insegnati che si servivano di metodi autoritari. Perfino la casa di Confucio venne saccheggiata dalle guardie rosse; la statua del fondatore, quelle dei suoi 4 discepoli, i vasi sacrificali, perfino gli antichi strumenti musicali furono distrutti. Poco dopo la morte di Mao, la città natale di Confucio è stata riaperta ai turisti cinesi e dal 1979 anche agli stranieri. Oggi in Cina il culto è seguito da circa 200 milioni di persone: dal 1984 la ricorrenza della data di nascita di Confucio si celebra con grande solennità. Al di fuori della Cina in Confucianesimo si è sviluppato soprattutto in Corea. Per effetto della migrazione cinese, il confucianesimo si è diffuso anche in Vietnam, Thailandia, Filippine, Indonesia e Malesia, raggiungendo la cifra di circa 300 milioni di Fedeli. Concludendo questa panoramica sulla religione cinese, va sottolineato che questo popolo ha più interesse per la vita pratica che non per il futuro dell anima. L idea di Dio equivale a quella di natura e nella storia religiosa della Cina non vi sono mai stati grandi apostoli o martiri. Anche i capi religiosi furono pochissimi. Nessun cinese si è mai sentito esclusivamente confuciano, buddista o taoista. Tutte e tre le religioni, infatti insegnano che l uomo, all origine, è buono e può raggiungere la salvezza attraverso la conoscenza della natura umana. Bonaccorsi Danilo, Bucchieri Giuseppe, Caponnetto Riccardo, Di Bella Cristina, Lanzafame Giuseppe, Nicolini Marco, Scuderi Santo - 4^ A Informatica - coordinati dalla prof.ssa Lidia Privitera 11

17 USI COSTUMI E TRADIZIONI SPECIFICITA DELLA CULTURA CINESE La cultura cinese è principalmente fondata sulla comunità e sulla famiglia e, sebbene la Cina stia vivendo una veloce e radicale trasformazione, alcuni elementi sembrano resistere al cambiamento. Per comprendere meglio la cultura attuale cinese si può fare riferimento a cinque parole chiave che sintetizzano gli aspetti più importanti del comportamento dei cinesi: Guanxi: in italiano può essere tradotto con relazione/contatto. Significa che la definizione di una relazione personale è importante per poter sviluppare e mantenere relazioni a livello professionale. Rehing: cioè scambio sociale. Significa che i cinesi si sentono obbligati a ricambiare tutto ciò che viene offerto loro, seguendo ancora il principio confuciano di reciprocità. Li: in italiano può essere tradotto con regole di condotta. Significa che è molto sentito il bisogno e l importanza di seguire la tradizione in tutti i campi, dalla attività lavorative alle cerimonie religiose e familiari. Keqi: cioè ospitalità. In Cina è molto importante mantenere un atteggiamento di cortesia con le persone con cui si entra in contatto e trattare loro come ospiti. Lian: rispettabilità. Significa che il comportamento personale non deve mettere a rischio l onore e la rispettabilità personale e familiare. LE FESTE CINESI Le feste cinesi sono molto rumorose! I divertimento maggiore è quello di fare scoppiare petardi nelle vie della città con il sottofondo di bande musicali che suonano in ogni strada. LA FESTA DELLA PRIMAVERA La Festa della Primavera o Capodanno cinese è la più importante festa cinese. Affonda le sue origini nella società primitiva e coincide con l'inizio del calendario lunare. Nel calendario occidentale cade tra il 21 gennaio e il 20 12

18 febbraio. In questo giorno i cinesi vogliono esprimere il loro ringraziamento per l'anno trascorso e il desiderio di vivere un anno felice. Ringraziano i loro antenati per tutto ciò che hanno avuto di buono nell'anno passato. E' il giorno dedicato alle riunioni familiari e ai grandi banchetti. Nei giorni precedenti tutte le case vengono pulite e riordinate, ma particolare attenzione si ha per la cucina. I fiori sono disposti in tutta la casa perchè simboleggiano prosperità e felicità. Alla veglia del capodanno le famiglie si riuniscono. A mezzanotte si offre il cibo agli antenati e si fanno scoppiare petardi e fuochi d'artificio per spaventare e far fuggire gli spiriti maligni. E' tradizione portare per le strade il drago. Il drago appartiene alla mitologia cinese. E' una creatura benevola che simboleggia la longevità, la prosperità e la pioggia. Il Capodanno cinese è seguito dall'inizio della Primavera e pertanto è un momento di rinnovata fertilità della terra, un evento meraviglioso per ogni cinese del passato. LA FESTA DELLA LUNA La "Festa della Luna" si celebra in autunno, precisamente il 15 giorno dell'8 mese lunare, notte in cui la luna è particolarmente luminosa. Cade generalmente tra settembre e ottobre. Le famiglie organizzano un pranzo serale, e poi guardano l'astro luminoso assaporando i dolcetti a forma di luna. Alcuni giorni prima della festa, i bambini costruiscono con la carta colorata delle lanterne a forma di pesce o farfalla o drago, con una candela accesa dentro e poi sfilano per le strade. Esporsi in quella notte ai raggi della luna, secondo la credenza, ritempra le energie del corpo e dello spirito. Tutti rivolgono gli sguardi verso la luna per riceverne la luce e per cercare di vedervi l'immagine di Sheung Ngao, la patrona della festa. IL GIORNO DEI MORTI: CHING MING Il Ching Ming o "Giorno della purezza e della luminosità" si festeggia in primavera ed è dedicato al ricordo dei defunti. Tutta la famiglia si mette in cammino di buon mattino con strofinacci, scopini, barattoli di colore e cesoie. Arrivati alla tomba di famiglia, i parenti la puliscono e potano gli arbusti cresciuti nel corso dell'anno e ridipingono i caratteri. Quando la tomba è ben sistemata, la famiglia offre del cibo ai defunti e versa del vino e del tè sul terreno attorno alla tomba, una parte del vino viene lanciata in aria per assicurarsi molti discendenti. Quando il rito è finito, la famiglia può si sedersi per fare un pic-nic con il pranzo che avevano offerto. 13

19 FESTA DELLE BARCHE-DRAGO In Cina, la Festa delle Barche Drago o Duanwujie si celebra il quinto giorno del quinto mese lunare. Durante la ricorrenza alcuni rematori svolgono competizioni su speciali imbarcazioni dalla poppa a foggia di creatura mostruosa (da qui il nome di Barche Drago ). Durante la festa ha luogo il tradizionale lancio nei fiumi e nei laghi di ravioli particolari, i cosiddetti zongzi. Secondo la tradizione tale festività popolare trae origine dal suicidio di un personaggio storico, il poeta e ministro attivo nello stato di Chu dell epoca dei Regni Combattenti ( a.c.) Qu Yuan ( a.c.). Egli si suicidò gettandosi nel fiume Miluo, dopo essere stato calunniato dagli avversari politici e allontanato da ogni carica rilevante di corte. Nonostante le molteplici ricerche, il corpo di Qu Yuan non fu mai ritrovato, e gli abitanti del luogo decisero di gettare cibo ai pesci allo scopo di evitare che questi si nutrissero dei resti dell amato poeta. Annualmente, la festa viene a cadere in un intervallo che oscilla tra la fine della primavera e gli inizi dell estate. È probabile infatti che inizialmente la festività fosse connessa alle celebrazioni solstiziali estive della fenomenologia universale. ASTROLOGIA CINESE L Astrologia cinese si basa sul calendario lunare. Ciascun segno cinese dura circa un anno, iniziando dal Capodanno cinese che cade nel giorno della luna piena nel segno dell Acquario. OROSCOPO CINESE Il calendario cinese è basato sul movimento della luna rispetto al globo terrestre, ed è per questo che è anche conosciuto come "calendario lunare". Il calendario lunare cinese è il più lungo registro cronologico nella storia e parte nel 2637 A.C., anno in cui fu introdotto il primo ciclo zodiacale. Esiste una leggenda riguardo allo zodiaco cinese e a come ai 12 segni furono assegnati 12 animali diversi, quelli che, per intenderci, vengono usati oggi dai cinesi per distinguere l'anno di nascita, le caratteristiche ed il destino di ogni persona. Secondo questa leggenda il Buddha prima di lasciare la terra chiamò a raccolta tutti gli animali del globo terrestre, ma di questi solo 12 si presentarono e gli offrirono il loro saluto. Come premio per la loro fedeltà, il Buddha decise di 14

20 chiamare ogni anno del ciclo lunare con il nome di ciascuno dei 12 animali accorsi ad offrire il loro saluto. I segni dello zodiaco cinese sono: Cane (Gou) - I nati in questo segno sono fedeli e leali, talvolta anche egoisti ed eccentrici. Maiale (Zhu) - I nati sotto questo segno sono coraggiosi e cavallereschi, non arretrano mai. Topo (Shu) - I nati sotto questo segno sono dotati di fascino ed hanno notevole capacità di attrarre il sesso opposto; sono anche grandi lavoratori. Toro o Bue (Niu) - I nati sotto questo segno sono pazienti e poco loquaci, ma ispirano grande fiducia. Tigre (Hu) - I nati sotto questo sogno sono sensibili ed hanno una notevole profondità di pensiero, ma sono anche indecisi. Coniglio o Gatto (Tu) - I nati sotto questo segno hanno molto talento e sono ambiziosi; dimostrano notevole capacità negli affari. Drago (Long) - I nati sotto questo segno godono di buona salute e dispongono di grandi energie, ma sono alquanto testardi. Serpente (She) - I nati sotto questo segno parlano poco, sono molto saggi e generosi. Cavallo (Ma) - I nati sotto questo segno sono simpatici e molto gioiosi, ma rischiano di parlare un po' troppo. Capra o Pecora (Yang) - I nati sotto questo segno sono eleganti ed hanno notevoli capacità artistiche. Scimmia (Hou) I nati sotto questo segno imprevedibili: inventivi, abili, e flessibili, ma anche arroganti. Gallo (Ji) - I nati sotto questo segno sono sempre affaccendati e ritengono di avere sempre ragione, anche se qualche volta sbagliano. LE BACCHETTE CINESI I cinesi, per mangiare, usano due bacchette (Kuai zi) lunghe meno di 30 centimetri. I bastoncini cinesi più antichi si possono far risalire a tremila anni fa. Secondo gli scienziati giapponesi, prendere il cibo con i bastoncini costituisce un gesto complesso e fine che applica il movimento di una trentina di articolazioni della spalla, delle braccia, del palmo e delle dita della mano e di una cinquantina di muscoli. Nei bambini, l'uso delle bacchette non solo può favorire il movimento delle dita delle mani, ma anche promuovere lo sviluppo nervoso e incrementare le capacità di ragionamento. Di che materiali sono fatti i bastoncini cinesi? Nell'antichità erano per lo più di bambù. In seguito, di pari passo con lo sviluppo delle forze produttive sociali, per ostentare il proprio grado e ricchezza, gli imperatori e i re della società feudale 15

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

L UNIVERSO NEI CARATTERI. Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna. Dott.ssa Serena Ballarini

L UNIVERSO NEI CARATTERI. Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna. Dott.ssa Serena Ballarini L UNIVERSO NEI CARATTERI Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna Dott.ssa Serena Ballarini Fondamenti di scrittura cinese: parola, sillaba, carattere Accenni alla millenaria storia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16

Le schede sono suddivise nei seguenti argomenti, secondo l età dei possibili destinatari e le due aree museali: ANNI 5 11 ANNI 11 16 Gentile insegnante, preparare una visita al Museo e Villaggio Africano significa affrontare in una prospettiva interdisciplinare qualsiasi aspetto della realtà, dai gesti del corpo ai rapporti familiari,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Introduzione alla lingua cinese moderna

Introduzione alla lingua cinese moderna Introduzione alla lingua cinese moderna Per lingua cinese moderna si intende la lingua ufficiale, parlata e scritta, nella Repubblica Popolare Cinese, lingua definita dal 1956 Ptnghuà 普 通 话 (letter.: lingua

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

La regione sino-giapponese

La regione sino-giapponese La regione sino-giapponese Osserva la carta della regione sino-giapponese. Quali stati ci sono?... Ci sono isole? Quali isole vedi?... Quali sono le città più importanti? L ambiente. La regione sino-giapponese

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Come strutturare una Unità di Apprendimento di geografia regionale

Come strutturare una Unità di Apprendimento di geografia regionale Cristiano Giorda Università di Torino Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento Interateneo Territorio AIIG- Sezione Piemonte cristiano.giorda@unito.it Come strutturare una Unità di Apprendimento

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Cari genitori e cari ragazzi, auguri da tutti i catechisti per un Santo Natale.

Cari genitori e cari ragazzi, auguri da tutti i catechisti per un Santo Natale. I PRESEPI DEL MONDO Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO

LE PRIME CIVILTA. A cura di ANNA CARMELITANO SI SVILUPPARONO. Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO A cura di ANNA CARMELITANO LE PRIME CIVILTA SI SVILUPPARONO Vicino ai FIUMI TIGRI, EUFRATE NILO INDO GIALLO VISSERO VISSERO VISSERO VISSERO I SUMERI, GLI EGIZI GLI INDIANI I CINESI I BABILONESI GLI ASSIRI

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio.

L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. L influenza reale di una progettazione sensibile. Casi Studio. CONTINUA L INTRODUZIONE 1. L Architettura Feng Shui, è dunque un bacino di conoscenza sintetizzato in questo paradigma delle tre vie, che

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

Maria G. Bartolini Bussi - Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Modena e Reggio Emilia.

Maria G. Bartolini Bussi - Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Modena e Reggio Emilia. Alcune osservazioni sull educazione della prima infanzia in Cina Maria G. Bartolini Bussi - Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Modena e Reggio Emilia. L insegnamento del Cinese La lingua

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni

PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni PROFILO EDUCATIVO, CULTURALE E PROFESSIONALE DELLO STUDENTE per un bambino di 3/4 anni Profilo 3-4 anni Pagina 1 di 7 IL CORPO E IL MOVIMENTO IDENTITA CORPOREA Indica le parti fondamentali del corpo su

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

Questo mese ricorre...

Questo mese ricorre... Questo mese ricorre... rubrica mensile di lavoretti per i più piccoli a cura di Valentina Biletta QING MING JIE Qing Ming Jie è una delle più importanti feste della tradizione cinese: celebra il ricongiungimento

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola

L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese. Cecilia Paquola L insegnamento dell italiano L2 a studenti di lingua cinese Cecilia Paquola BILINGUISMO Uso corrente di due lingue da parte di un individuo o di una popolazione. Due lingue parlate per due contesti differenti:

Dettagli

India : una terra tanto grande quanto misteriosa!

India : una terra tanto grande quanto misteriosa! India : una terra tanto grande quanto misteriosa! Il nome India fu dato dai colonizzatori inglesi alle terre attraversate dal fiume Indo. Il territorio Il parco nazionale reale di Chitwan Nel parco vivono:

Dettagli

IMPERIAL DRAGON FONDAMENTI DEL CHUE STYLE - MOD. B CONSAPEVOLEZZA ED AZIONE PER IL BEN-ESSERE ED IL BEN-ABITARE ROMA EDIZIONE FINE SETTIMANA

IMPERIAL DRAGON FONDAMENTI DEL CHUE STYLE - MOD. B CONSAPEVOLEZZA ED AZIONE PER IL BEN-ESSERE ED IL BEN-ABITARE ROMA EDIZIONE FINE SETTIMANA Feng Shui Lab IMPERIAL Abitare Essere Benessere MASTER PROFESSIONALE FENG SHUI FONDAMENTI DEL CHUE STYLE - MOD B CONSAPEVOLEZZA ED AZIONE PER IL BEN-ESSERE ED IL BEN-ABITARE MIGLIORA IL TUO BENESSERE PSICO-FISICO

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

LA SCRITTURA: memoria degli uomini

LA SCRITTURA: memoria degli uomini LA SCRITTURA: memoria degli uomini Roberto Iozzino ASL Roma A Via dei Sardi 35 tel 0677307774 ARIEE-APS Via Alvise Cadamosto 14 06 45665257 Diciassettemila anni fa alcuni uomini tracciano i primi disegni.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L SI VOLUME 3 CPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITLINE 1. Parole per capire lla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: isola...... penisola...... arcipelago...... ghiacciaio......

Dettagli

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione II PARTE Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione 2. Un Asia, tante Asie: Paesi, aree e regioni dell estremo Oriente Inizio II Millennio ASIA centro della

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Concerto di Natale 2014

Concerto di Natale 2014 La serata in musica, prima delle festività natalizie, è diventata ormai un appuntamento immancabile per tutti noi, studenti, genitori e insegnanti delle Scuola Secondaria di Primo grado dell Istituto di.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85 Indice Prefazione... 1 1. Vietnam e Cina nella storia... 5 1.1. Origini della civiltà vietnamita... 5 1.2. Il Vietnam nel sistema sinocentrico... 9 1.3. La civiltà cinese in Vietnam e i primi tentativi

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

Conoscere la cultura cinese: una premessa per il successo del proprio business

Conoscere la cultura cinese: una premessa per il successo del proprio business Conoscere la cultura cinese: una premessa per il successo del proprio business Prof. Tiziana Lippiello Lingua e Letteratura cinese Prorettore Vicario Università Ca Foscari Venezia Confindustria Vicenza

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari

CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari CHARLES DARWIN di Fabio Ferrari La vita Le scoperte Le conseguenze delle sue teorie La vita Un ritratto di Darwin da giovane Charles Darwin nacque nel 1809 in Inghilterra da una famiglia colta e portata

Dettagli

Saperi di mamma e sapori lontani

Saperi di mamma e sapori lontani Saperi di mamma e sapori lontani Dr.ssa Sun Shuyan Mediatrice cinese LA CINA - 中国 GEOGRAFIA E POPOLAZIONE *La Cina, ha la forma di un gallo, è il terzo paese al mondo per la superficie, prima degli Stati

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Shaolin Qigong corso di formazione per istruttori

Shaolin Qigong corso di formazione per istruttori SHAOLIN DOLOMITES marzo 2012 - novembre 2013 VERONA corso di formazione per istruttori con il gran maestro Shi Yong Dao in collaborazione con il tempio Shaolin Germania (Berlino) 1 2 Shaolin una tradizione

Dettagli