Presentazione. di Sonia Masini Presidente della Provincia di Reggio Emilia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione. di Sonia Masini Presidente della Provincia di Reggio Emilia"

Transcript

1 Indice Presentazione, di Sonia Masini...3 Introduzione, di Mara Tognetti Bordogna Dati statistici sulla popolazione immigrata nella Provincia di Reggio Emilia I Paesi del quaderno...11 Albania, di Edmond Vuka...11 Cina, di Daniele Cologna...33 Egitto, di Chiara Lainati...59 Repubblica del Ghana, di Cristina Fiammingo...85 India, di Barbara Bertolani Marocco, di Chiara Lainati Pakistan, di Daniele Cologna Romania, di Pietro Cingolani Tunisia, di Chiara Lainati Ucraina, di Simona Olivadoti, Annalisa Ornaghi Le danze e i disegni sono di Sara Calzetti Gli Autori

2 2

3 Presentazione di Sonia Masini Presidente della Provincia di Reggio Emilia Nell attuale paesaggio reggiano, caratterizzato dalla coesistenza di popoli e culture diverse, è assolutamente necessario sviluppare strategie finalizzate a obiettivi di consapevole confronto interculturale verso una prospettiva di educazione all alterità e di valorizzazione delle differenze. A quest ultima deve corrispondere un impegno civile di quanti operano nella società per la costruzione di una realtà, che si faccia garante dell uguaglianza dei diritti e delle pari opportunità di tutti i cittadini. E all interno di tale contesto che, utilmente, si inserisce il progetto Bambini dell altro mondo, una delle esperienze più innovative, promosse dalla Provincia di Reggio Emilia, nell ambito delle problematiche legate ai temi della migrazione. Un progetto che assume, come prioritario campo d intervento, il sostegno ai soggetti più fragili della migrazione: le donne e i bambini, le madri e i loro figli siano essi neonati, in età scolare o adolescenti. Poiché sono le famiglie venute da altri mondi a vivere, spesso in modo lacerante, il problema dell identità, dell integrazione sociale e della cittadinanza, ad esprimere con sempre maggior forza il bisogno di sentirsi riconosciute da parte delle comunità locali. Quest ultime, invece, appaiono sovente indifferenti, quando non sospettose od ostili. Anche nel mondo della scuola o da parte degli operatori del sociale si avverte, non di rado, la fatica di comprendere questo bisogno forte di riconoscimento. Da qui l esigenza di intraprendere azioni mirate, che mettano in rilievo le differenze culturali quali positivi fattori di arricchimento. Proprio da qui trae le premesse questo Quaderno delle Culture, parte integrante delle iniziative messe in campo nell ambito dello stesso progetto, che nella sua complessiva articolazione rappresenta un ulteriore banco di prova di come e quanto le idee sulle quali si fondano i modelli di welfare locali possano contribuire ad orientare ed attivare specifici interventi ed azioni di politica sociale. Le pagine di questo Quaderno ci raccontano gli stili di vita familiare e di cura dei figli, i modelli ducativi e formativi, i sistemi scolastici e sanitari, le modalità di rapporto tra i sessi e le generazioni che riguardano le dieci nazionalità più presenti sul nostro territorio, con un attenzione particolare a ciò che attiene ai modelli culturali, entro i quali vivono le donne e i bambini nei loro paesi d origine. Non si tratta, quindi, di una generica guida alle culture di altri paesi, ma si configura come un valido strumento di conoscenza rivolto a insegnanti, educatori, medici, infermieri, psichiatri, psicologi e a tutti gli operatori sociali e socio-sanitari, affinché sappiano meglio riconoscere le sofferenze delle famiglie migranti e gli ostacoli che i loro figli incontrano nel quotidiano; uno strumento che nasce dall esigenza tangibile di creare consapevolezza negli operatori chiamati a farsi carico di un utenza con caratteristiche e comportamenti specifici. Occorre che i servizi, oltre a rispondere a bisogni ben definiti, siano sempre di più luoghi di ascolto e della parola. Queste pagine rappresentano, inoltre, un formidabile strumento di comunicazione che, facilitando le possibilità di interazione tra soggetti con retroterra culturali e linguistici differenti, accorcia le distanze verso un modello interculturale come prospettiva educativa globale, che attraversi tutte le discipline rivisitandole e allargandone gli orizzonti. Se la realtà dell altro va riconosciuta in tutta la sua complessità per coglierne le differenze e rispettarle, anche questo piccolo strumento può aiutarci a comprendere meglio le culture di popoli diversi, senza eludere le realtà concrete delle donne e dei bambini e a renderci più consapevoli delle peculiarità culturali e dei linguaggi che hanno formato e formano ogni generazione. 3

4 4

5 Introduzione di Mara Tognetti Bordogna Il quaderno raccoglie informazioni selezionate ed utili, relative ad alcuni contesti geoculturali interessati da forti processi migratori. Questo quaderno costituisce uno dei prodotti del percorso di progettazione sperimentale Bambini dell altro mondo, coordinato da Ebe Quintavalla, che ha originato diversi prodotti. Le schede che compongono il quaderno sono state pensate, innanzitutto, come materiali di lavoro utili per gli operatori, per le scuole e per i cittadini, al fine di poter conoscere elementi specifici di alcuni paesi ad alta incidenza migratoria verso l Italia e, più in particolare, verso la provincia di Reggio Emilia quali: storia, vita quotidiana, tradizioni, regole, norme. In secondo luogo, sono state pensate come chiave di accesso a nuovi contesti e nuove realtà culturali. Strumenti che si prestano per piste di lavoro e per approfondimenti ulteriori. Con la scrittura delle schede non si è voluto costruire una cornice rigida delle diverse culture ma piuttosto orientare in modo dinamico chi si avvicina e chi incontra queste nuove realtà, parte integrante delle dinamiche migratorie mondiali. Le note contenute nelle schede sono più semplicemente tracce per aiutare a comprendere nuovi orizzonti, nuovi punti di vista, ma anche piste di avvicinamento ad abitudini, pratiche, stili di vita, tradizioni che sempre più frequentemente si incontrano con la nostra quotidianità. Non vogliono essere un catalogo delle culture, ma piuttosto strumento di avvicinamento, di svelamento di abitudini, stili di vita, tradizioni che trovano continuità nel nostro e in altri paesi. La scelta della traccia di sviluppo degli argomenti, pensata come un sistema a finestre, è stata determinata dal tipo di popolazione e di frame culturale (provenienza geoculturale e insediamento nella Provincia di Reggio Emilia), dei loro rispettivi e specifici modelli di vita quotidiana e di regole codificate, che entrano in comunicazione. In altre parole abbiamo cercato, oltre a descrivere le peculiarità, di delineare alcuni sistemi di funzionamento (scuola, sanità, tipo di governo) dei singoli Paesi, di evidenziare, raccontandoli, aspetti quali: il cibo, le ricette, i piatti della tradizione, le danze 1, i riti di passaggio, le favole, che costituiscono parte importante per le persone, per il loro ancoraggio identitario, specialmente in immigrazione, ma sono anche elementi identitari forti per altri contesti locali come la provincia di Reggio Emilia. La scelta delle informazioni e dei temi selezionati ha tenuto conto sia del territorio di provenienza degli immigrati sia del contesto in cui si sono insediati. Delle tradizioni e della storia di questi ambiti. Le variabili considerate rappresentano repertori culturali significativi anche per gli autoctoni e, quindi, costituiscono un buon strumento di dialogo fra gli immigrati e i nativi. Uno strumento di comunicazione semplice ma di alto impatto emotivo e 1 Tutte le danze relative ai diversi Paesi analizzati vanno attribuite a Sara Calzetti. 5

6 relazionale, utile in quanto fornisce informazioni, conoscenze documentate spesso non considerate come parte integrante della valigia dell immigrato. Il retroterra fondamentale di chi intraprende un nuovo percorso di vita. L immigrato non nasce alla frontiera del nostro Paese, ma ha una sua storia, una sua biografia che parte nel e dal Paese di origine, si articola, si modifica nel paese di migrazione proprio grazie e attraverso il percorso migratorio, le scelte che questo determina, ma anche attraverso la selezione e le perdite prodotte dall esperienza della migrazione. Il quaderno delle culture assume carattere strumentale, non solo e non tanto perché sappiamo che i riferimenti e i modelli culturali che abbiamo cercato di descrivere sono in continua trasformazione e di conseguenza vanno considerati sempre nella loro dinamicità; ma, in particolare, perché sappiamo che ogni repertorio culturale viene usato, valorizzato, dimenticato, superato o ritrovato dai singoli seguendo scelte, selezioni, rimozioni, riproposizioni del tutto peculiari e dinamiche. Ogni individuo utilizza le diverse risorse e potenzialità culturali in modo specifico declinandole in funzione delle proprie aspettative, dei propri obiettivi, del momento e della fase di vita che sta trascorrendo. L individuo utilizza e coniuga repertori culturali anche apparentemente distanti tra di loro, come può succedere in immigrazione. Il singolo può dimenticare o riscoprire riti, abitudini, miti, può anche crearne altri sedendosi su quelli passati o semplicemente abbracciandone di nuovi o partecipare alla costruzione di nuovi che sono il risultato di un carsico processo transculturale. Processo difficile da immaginare se non si parte dal presupposto che ogni persona, indipendentemente, dal contesto in cui è nata e vissuta, si muove secondo propri orizzonti, propri punti di vista suscettibili di cambiamento. Il quaderno delle culture, che contiene informazioni derivanti da un quadro giuridico e politico definito, di un dato ambito geografico, ma anche dalle continue contaminazioni della nostra società, va dunque letto in questo senso. Uno strumento dinamico da cui attingere informazioni note, per poi andare oltre i meri stereotipi e i pre-giudizi. Il quaderno è stato, dunque, pensato come un repertorio che aiuti, che ci renda disponibili ad entrare nelle ragioni dell altro, senza irrigidimenti e rimettendo in discussione i propri inevitabili pre-giudizi (perché ciò) è condizione essenziale della fecondità del dialogo 2. La scelta degli argomenti da inserire nel quaderno è stata fatta anche in funzione della necessità, ormai indilazionabile, del riconoscimento dell immigrato per quello che è, per la sua storia, i suoi sedimenti culturali, le sue scelte e non per quello che pensiamo che sia. Conoscere e riconoscere specifiche regole, storie, tradizioni, abitudini, stili di vita, mettendole sullo stesso piano di quelle di tutti i paesi, compreso quello dei nativi, è già un buon metodo per un dialogo equilibrato ma, più in particolare, per ri-conoscere chi fa parte del nostro orizzonte presente e futuro. 2 Crespi F., I rapporti tra generazioni nella comunità sociologica italiana, in AIS, Giovani sociologi 2003, Franco Angeli, Milano, 2004, pag

7 1. Dati statistici sulla popolazione immigrata nella Provincia di Reggio Emilia a cura dell'osservatorio sulla popolazione straniera della Provincia di Reggio Emilia Alla fine del 2006 i minori stranieri non comunitari, residenti nella provincia di Reggio Emilia sono , pari al 26,8% dell'intera popolazione straniera. Rispetto allo scorso anno la presenza numerica di bambini e ragazzi di 0-17 anni è aumentata del 10,2%, risultando otto volte superiore a quella rilevata alla fine del Nel corso degli anni i minori immigrati hanno consolidato la loro presenza sia nei confronti della popolazione residente della stessa età, passando da un'incidenza del 2,2% del 1993 al 14,0% del 2006, sia rispetto alla comunità immigrata complessiva. In rapporto a quest'ultima componente la percentuale dei minori è cresciuta in maniera costante incrociando due sole battute d'arresto nel periodo appena successivo alle sanatorie del 1995 e del In quegli anni, si osserva una ripresa in termini percentuali della popolazione adulta come conseguenza della consistente regolarizzazione di lavoratori stranieri (Vedi Fig. 1 ). Fig. 1 Incidenza dei minori non comunitari sul totale delle presenze non comunitarie e sulla popolazione complessiva della stessa età ,7 2,2 23,3 24,4 24,0 25,5 26,0 26,2 26,9 28,2 26,3 26,2 26,5 21,3 10,7 11,9 13,1 9,5 8,3 4,4 5,3 6,1 7,1 2,6 3,1 3,3 26,8 14, % minori su pop non comunitaria % minori su pop. residente 0-17 anni La distribuzione territoriale dei minori immigrati segue ovviamente quella della popolazione straniera complessiva: la maggior parte vive nel distretto di Reggio Emilia (46,3%), seguono per numerosità le comunità immigrate di Guastalla (18,1%), Correggio (12,1%), Scandiano (10,1%), Montecchio Emilia (8,5%), infine Castelnovo ne' Monti (4,9%). 7

8 La popolazione immigrata si caratterizza per una forte presenza di bambini fino a 10 anni (17,9%) e di giovani adulti, ovvero di persone di età compresa tra i 20 e 44 anni (56,0%), mentre sono ancora molto pochi gli anziani di 65 anni e oltre (1,3%) ( Fig. 2 ). Fig. 2 Piramide dell'età della popolazione non comunitaria (valori assoluti) Donne Uomini oltre Nell'articolazione per fasce d'età scolari, i bambini dai 6 ai 10 anni sono i più numerosi (24,8% sul totale della popolazione minorile immigrata), seguono i piccolissimi di 0-2 anni (23,8%), i bambini dai 3 ai 5 anni (19,5%), i ragazzini di età compresa tra i 14 e i 18 anni (19,5%) e per finire quelli tra gli 11 e i 13 anni (12,3%). In rapporto alla popolazione complessivamente residente, i minori non comunitari rappresentano il 13,1% di tutti i minori presenti in provincia, ma l'incidenza varia notevolmente a seconda dell'età: raggiunge il 18,5% nei bambini tra 0 e 2 anni, si abbassa al 16,0% dai 3 ai 5 anni, mentre diventa inferiore alla media, della componente minorile, nella popolazione di età superiore ai 6 anni. La numerosa presenza di bambini è strettamente correlata allo strutturarsi del nucleo familiare di coloro che arrivati in passato hanno deciso di costruirsi una famiglia in Italia. Questa propensione è testimoniata dal fatto che il 96,6% dei bambini non comunitari di età inferiore ai 3 anni è nato nel nostro paese. Il dato ci rinvia al tema delle "seconde generazioni" (cioè dei figli di immigrati nati nel paese di accoglienza dei genitori) che pone questioni e spazi di azione 8

9 particolarmente interessanti ai fini dell'individuazione di percorsi d'integrazione. Come abbiamo già visto, i ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 18 anni sono invece meno numerosi, probabilmente perché troppo giovani per intraprendere in autonomia un percorso migratorio e nello stesso tempo troppo grandi per essere nati in Italia (in questa fascia di età solo il 19,9% è nato nel nostro paese). Il dato sulla popolazione under 18, fornisce dunque, importanti elementi conoscitivi relativi alla struttura e all'evoluzione della presenza immigrata. Nei territori caratterizzati da sistemi migratori consolidati, come Guastalla e Correggio (dal 1993 ad oggi sono i primi distretti in provincia per incidenza dei cittadini non comunitari sul totale della popolazione), la percentuale dei nati in Italia sul totale dei minori stranieri iscritti alle anagrafi è la più bassa tra le sei zone reggiane - assieme a quella registrata nel territorio montano di Castelnovo ne' Monti. Il fatto che in territori come questi vi siano alte percentuali di minori nati all'estero, ci fa supporre che molti percorsi migratori trovino stabilità sul nostro territorio anche attraverso i ricongiungimenti familiari. Fig. 3 Incidenza dei bambini e ragazzi nati in Italia sul totale degli stranieri non comunitari 0-17 anni residenti nella provincia di Reggio Emilia ,8 Montecchio Emilia 62,4 61,8 59,8 55,0 54,7 Reggio Emilia Scandiano Correggio Guastalla Castelnovo ne' Monti Mentre nelle zone di Montecchio e Scandiano, interessate da un'immigrazione più recente ma con ritmi di crescita anche più significativi (negli ultimi anni in questi due distretti si sono registrati importanti aumenti percentuali), l'incidenza dei nati in Italia è la più alta, assieme a Reggio Emilia, territorio che però si differenzia notevolmente dai primi due essendo sede del Comune capoluogo. Uno sguardo alle provenienze: i minori non comunitari residenti nella provincia provengono da 79 paesi differenti. Al primo posto nell'elenco dei Paesi per presenze di cittadinanze troviamo il Marocco, che raccoglie il 21,5% del totale, seguono l'albania (12,8%), l'india (10,1%), la Cina (9,6%) e il Pakistan (8,2%), volendo citare soltanto i primi 5. Per ulteriori approfondimenti sul fenomeno migratorio, rimandiamo all'osservatorio sulla popolazione straniera della Provincia di Reggio Emilia. 9

10 10

11 2. I Paesi del quaderno Albania di Edmond Vuka 3 DATI GENERALI L Albania si trova nel Sud-Est europeo e fa parte della penisola Balcanica. Confina con la Grecia a Sud, Serbia-Montenegro a Nord, Macedonia ad Est ed è bagnata dal mar Adriatico e Ionio ad Ovest. Ha una superficie pari a km 2. È lunga da Nord a Sud 335 km e larga da Est ad Ovest 150 km. Il clima è mediterraneo con l estate calda e umida in pianura, che coincide con la costa, secca e più fresca all interno. L inverno è freddo, piovoso nella parte montagnosa, con grandi nevicate nella parte Nord- Est e Sud-Est del Paese. Nel Nord del Paese lungo il confine con il Montenegro sono presenti una serie di montagne mediamente alte, che formano le Alpi albanesi. Il punto più alto è il monte di Korab m che confina con l ex Repubblica Jugoslava della Macedonia. Abitanti: (censimento giugno 2002). Estensione geografica: kmq. Continente: Europa. Densità di popolazione: 112,10 ab./kmq. Incremento demografico: 1,06% 3 Il testo è stato inoltre revisionato da A. Myzyri e E. Kalaj. 11

12 PIL: milioni $; PIL pro capite: 1.595,22 $. Vita media: 72.1 anni (f ; m ). Alfabetizzazione: 95%. Mortalità infantile: 39.64/ Lingua ufficiale: albanese. Altre lingue: greco, serbo croato, rom, bulgaro. Religioni: musulmani 70%, ortodossi 20%, cattolici 10%. Gruppi etnici: albanese 95%, greci 3%, altri (rom, vllah, serbi, bulgari) 2%. Regime politico: Repubblica parlamentare. Il parlamento è costituito da 140 seggi, 100 dei quali vengono eletti direttamente con sistema maggioritario, i restanti 40 vengono assegnati tramite il sistema proporzionale. LE FESTE PRINCIPALI Durante il periodo buio della dittatura comunista di tipo stalinista le feste e i simboli religiosi erano stati vietati. Dall anno 1991 sono state riconosciute ufficialmente, dopo 30 anni di negazione e proibizione, i giorni di festività religiosa come Natale, Bajram, Pasqua cattolica e ortodossa. È tradizione, in Albania, che durante le festività principali ci siano frequenti scambi di visite tra parenti e amici, momenti dove le famiglie si riuniscono e la tavola si trasforma spesso in una grande tavolata dove si consumano cibi locali e si beve vino e rakia, l acquavite tanto preferita dagli albanesi. BAJRAM è la festa che segna la fine del Ramadan, il periodo in cui ogni musulmano deve seguire un rigido digiuno che dura un mese intero. È tradizione macellare un agnello e festeggiare fino a notte fonda, un momento in cui le persone gioiscono facendo, inoltre, un lavoro d autoriflessione. NATALE: si mangia pesce, noci e si beve vino. La maggior parte delle famiglie, specie in campagna macella un animale che, solitamente, è un maiale o un agnello. CAPODANNO: è la festa più sentita dagli albanesi. Le famiglie iniziano le preparazioni anche una settimana prima della vigilia, preparando dolci e acquistando cibi e bevande, che serviranno per la notte a cavallo tra l ultimo dell anno in corso e il primo di quello nuovo. Il capodanno recentemente è diventato più che mai una festa che riunisce le famiglie, le quali durante l anno devono fare i conti con la necessità dei propri membri di migrare per motivi economici. Il tacchino e la bakllava (dolce d origine turca) sono i due alimenti che accompagnano le tavolate imbandite. KURBAN BAJRAMI è il giorno in cui bisogna versare il sangue di un animale in segno di sacrificio e amore nei confronti di Allah. 12

13 PASQUA: in questo giorno si va in chiesa e si fa benedire con l acqua santa il pane fatto in casa e l aglio fresco. Si colorano le uova sode e i bambini fanno a gara nel romperle. Vince chi riesce a spaccarne di più. A fine giornata si fa il bilancio. FESTA DELL INSEGNANTE (7 MARZO): è un giorno festivo per le scuole. Si organizzano attività d aggregazione, escursioni in montagna e visite nelle case degli insegnanti, alle quali è tipico regalare delle violette. FESTA DELLA DONNA: si celebra in tutto il Paese. Un giorno in cui si ricordano e onorano le madri, le nonne, le sorelle e tutte le altre donne per i sacrifici e le fatiche che fanno per crescere i figli e contribuire nel mandare avanti le famiglie. 1 MAGGiO: una volta festa solenne, con parate militari e discorsi dei leader comunisti, attualmente viene poco celebrata, probabilmente perché è considerata ancora un ricordo del regime passato. Le scuole organizzano gite e escursioni. DITA E FLAMURIT DHE E ÇLIRIMIT: i giorni della bandiera che segnano sia l indipendenza dall impero ottomano (1912) sia quella della liberazione dall occupazione nazi-fascista (1944). Sono le giornate della patria. Le scuole, i veterani e i lavoratori organizzano visite nei musei e si porgono omaggi ai caduti della seconda guerra mondiale. IL SALUTO: pershendetje. COSA SI OFFRE ALL OSPITE Un vecchio detto locale dice: all ospite pane, sale e buon cuore. Nei secoli la popolazione ha attraversato periodi di crisi e carestie dove le famiglie spesso pativano la fame. Da qui il detto che vuole esprimere il senso dell ospitalità nonostante le situazioni molto difficili. Oggi ciò che viene offerto agli ospiti è l immancabile caffè turco, preparato con i chicchi di caffè tostati e macinati, questo viene poi fatto bollire nella gjesme, il pentolino ad hoc. C è poi la rakia, l acquavite, che si beve ad ogni ora della giornata. Se l ospite si ferma a pranzo o a cena gli si offrono piatti come meze, un misto tra ortaggi, carne e formaggi, da accompagnare con il vino o la rakia, le zuppe e i secondi piatti a base di carne e di verdure ripiene oppure di sfoglia ripiena di formaggio, di verdure e altro a seconda della stagione e della situazione economica della famiglia. L ospitalità è una tradizione che si tramanda da una generazione all altra. Qerasje è il termine in albanese che esprime questo momento. 13

14 IMMIGRAZIONE IN ITALIA Nel marzo del 1991, prima ancora della caduta del regime comunista, ha avuto luogo una massiccia migrazione verso le coste italiane. Per la prima volta, dopo un lungo auto-isolamento, la gente comune esce dai confini del proprio Paese in cerca di una vita migliore. Oggi in Italia, secondo fonti ufficiali, vivono almeno albanesi, dato che non tiene conto di chi non è riuscito a legalizzare la sua presenza in Italia, con la legge sull immigrazione del La difficile transizione albanese ha prodotto una forte disoccupazione e malessere sociale. È per questo che tanta gente si è rivolta ai paesi vicini di casa, come Italia e Grecia, quest ultima ospita circa cittadini albanesi, che cercano di assicurarsi un lavoro e una vita più decente. Possiamo affermare che l Albania è il Paese dei contrasti: tra Nord e Sud, tra realtà urbane e rurali, tra persone molto legate ai valori trasmessi dalle vecchie generazioni (come la generosità, la lealtà, il rispetto per le donne) e persone senza scrupolo che lucrano sulle difficoltà attuali. Il fenomeno migratorio albanese è accompagnato da anni dal traffico sia dei clandestini e della prostituzione, sia da quello degli stupefacenti, che hanno reso difficile la posizione e la reputazione dell immigrato albanese. L albanese spesso e volentieri viene etichettato come malvivente e gli vengono attribuiti pregiudizi e stereotipi. È questo, forse, uno dei motivo per cui in Italia, a differenza delle altre comunità straniere (ricordiamoci che quella albanese è tra le più numerose) quella shqipetar non si sente di doversi consolidare, creando dei legami forti tra famiglie, lavoratori e studenti che da anni vivono qui. Esperienze di discriminazione e d esclusione rendono infatti difficile l integrazione; spesso per i cittadini albanesi diventa un impresa affittare una casa o trovare un lavoro. Esiste una tendenza che favorisce il confondersi nella vita e nella società italiana, al punto di voler nascondere la propria identità a beneficio dell integrazione. Tante famiglie hanno deciso di stabilirsi in Italia definitivamente, molti albanesi che sono nel nostro Paese da tanti anni ormai, hanno ottenuto la cittadinanza italiana e tornano in patria solo in occasione di feste o ferie per trovare amici e parenti, specie durante l estate. Sul territorio sono presenti associazioni che promuovono iniziative e hanno per obiettivo l integrazione e lo scambio interculturale. Questo avviene principalmente nelle occasioni di feste ed incontri organizzati, per dare voce e sensibilizzare la convivenza e il dialogo interculturale, in manifestazioni che promuovono i diritti. Negli ultimi anni tanti giovani vengono in Italia per potersi formare presso le nostre università. In città come Roma, Milano, Bologna, Firenze e Torino 14

15 spesso detengono il primato per quantità di studenti stranieri iscritti presso le diverse università. MODELLI DI CRESCITA ED EDUCATIVI Durante il regime comunista alle donne, subito dopo il parto, era consigliato tornare al lavoro, quindi, i neonati venivano lasciati a casa accuditi dai figli più grandi. Per garantire la sicurezza del neonato veniva utilizzato un particolare tipo di culla, costruita artigianalmente in legno e abbellita con disegni folkloristici, la cui struttura evitava il ribaltamento. Questa tradizionale culla è utilizzata tutt oggi in alcuni villaggi di montagna, in particolar modo nel Nord del Paese, per consentire alle donne di dedicarsi al lavoro nei campi. Attualmente, si sta perdendo ciò che era un pilastro della crescita del neonato, vale a dire l allattamento da parte della madre. Prima solo chi non poteva allattare dava al bambino il latte in polvere o quello che si ricava dall allevamento degli animali, ora, invece, è una pratica molto diffusa. Nei primi mesi di vita il bambino dorme sempre vicino alla madre, che è pronta ad assisterlo in qualsiasi momento, l uomo, invece, partecipa poco alla crescita del neonato. Quest ultimo è da sempre considerato un compito e un abilità della donna, che l uomo non deve e non sa fare. Dopo i primi sei / sette mesi si inizia ad abituare il bambino ad un alimentazione più comune come yogurt, riso, zuppe di vari tipi. L intento è quello di abituarlo, al più presto, al modo di alimentarsi degli altri membri della famiglia. La madre del neonato viene spesso affiancata, ove è presente, dalla sorella più grande, che dal bambino è chiamata dada. Nelle campagne e nelle città piccole, dove la gente e l ambiente si conosce meglio, il bambino compiuti 4-5 anni viene lasciato giocare con i coetanei senza necessariamente la presenza di un adulto. Questo, ovviamente, espone a piccoli rischi, ma spesso aiuta il bambino ad affrontare i diversi problemi e a cercare la soluzione. L accompagnamento del bambino, da parte di entrambi i genitori, è indirizzato a creare l autonomia dello stesso. MODELLI DI CURA Tuttora si applica la medicina popolare per malattie conosciute e che anticamente erano curate con erbe e metodi tradizionali. Per il raffreddore, ad esempio, si usa bere tè caldissimo, mettere i piedi in un secchio d acqua bollente e coprirsi molto bene tanto da sudare. 15

16 Quest operazione si deve ripetere più volte. Per i reumatismi si deve bere la grappa di more, si frequentano le terme, oppure in spiaggia si copre tutto il corpo di sabbia. Per alcune fratture alle ossa si usa spalmare il punto fratturato con il tuorlo delle uova e si usano impacchi con la cipolla nel caso di traumi leggeri. Per molti religiosi di fede cattolica, tra i quali tanti malati, è consuetudine fare pellegrinaggi nei santuari, come quello di Laç, nella speranza di guarire e prevenire varie malattie. La medicina popolare viene applicata principalmente, per patologie semplici e per guarire i bambini dalle malattie non gravi, che non richiedono l intervento medico. Per quanto riguarda le piante, si usano erbe sia fresche, sia secche (es melagrano, tè di montagna) che hanno lo stesso risultato. In Albania crescono oltre specie di piante, che rappresentano una buona parte della flora; di cui 350 sono piante medicinali ed aromatiche. Le prime farmacie sono apparse nel secolo XIX, fino allora era la medicina tradizionale a garantire la cura delle malattie, utilizzando le molte piante medicinali. La medicina tradizionale permetteva alle singole persone di essere protagonisti nella cura della propria salute e ogni famiglia si procurava le piante medicinali che gli servivano durante l anno per scopi curativi. La tradizione diffusa, sia nelle campagne che nelle città, è ancora oggi mantenuta viva ed è facile trovare, nelle case di tante famiglie, la camomilla, il tiglio, l aglio e la cipolla, l olio essenziale e molte altre piante, che vengono usate per curare le malattie del tratto respiratorio, digestivo e molte ferite. MODI E LUOGHI DI AGGREGAZIONE/SOCIALIZZAZIONE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE I Rrugicat, ovvero le viuzze tra le case dei piccoli quartieri e i cortili dei condomini, sono i luoghi dove i bambini passano gran parte del tempo libero. I giochi sono quelli ereditati dalle generazioni precedenti. Essi si possono organizzare senza tanti mezzi, sono costruiti dai genitori o dal fratello maggiore e, spesso, dai bambini stessi. Si continua a giocare e costruire i giochi tradizionali nonostante i videogiochi dell ultima generazione. Negli ultimi anni tante organizzazioni non governative e missionarie, presenti nel paese, coinvolgono giovani italiani, francesi, tedeschi, ecc. nel contribuire a portare un altro modo di stare con i più piccoli, un modo più ravvicinato e meno autoritario, che offre la possibilità inoltre ai giovani volontari di conoscere il Paese. 16

17 MODELLI E STILI FAMILIARI RUOLO DEI GENITORI: la maggior parte delle famiglie oggi non manda i propri figli in istituzioni della prima infanzia, perché ad occuparsi dei bambini/e sono, sempre, le figure femminili. Questo è dovuto anche all alto tasso di disoccupazione, che colpisce molto le donne e che le costringe di conseguenza a stare a casa. Le nonne, spesso e volentieri, partecipano alla crescita del nipote, specie se abitano vicino. Attualmente le famiglie albanesi hanno rinunciato a fare tanti figli, come era uso e quasi obbligo una volta, per seguire l antica tradizione e il volere del regime, che perseguiva la crescita demografica. La disoccupazione, la difficile situazione economica e la pianificazione familiare applicata da pochi anni a questa parte ha fatto si che ci siano sempre più famiglie con due figli o al massimo tre. Nonostante ciò si hanno cambiamenti nei modi di educare i bambini, che mirano al miglioramento, anche se restano ancora comportamenti e atteggiamenti autoritari nei confronti del minore. È il padre ad assumere la responsabilità di accompagnare il bambino nel percorso che mira alla conoscenza dell ambiente circostante, dove il minore crescerà e diventerà adulto. VITA SOCIALE DELLA FAMIGLIA: dopo essersi sposati i coniugi almeno per i primi mesi, spesso, vivono presso la casa dei genitori del marito. Questa è un usanza nella maggioranza della popolazione, in particolar modo nelle campagne in modo tale da garantire una produttività maggiore e minor dispersione di risorse. Vivere sotto lo stesso tetto con la famiglia d origine limita notevolmente l autonomia e la facoltà di presa di decisione da parte della coppia ma tale rinuncia è finalizzata al raggiungimento di un tenore di vita adeguato sia per la giovane coppia che per la famiglia di origine. Recentemente si assiste ad una tendenza diffusa all emancipazione della coppia, rafforzata dal fenomeno della migrazione e dell apertura verso la mentalità occidentale. ATTRIBUZIONE DEL NOME E DEL COGNOME: alla nascita la famiglia pensa al nome del bambino. Talvolta il nome che il bambino porterà lo scelgono i genitori, ma spesso può essere suggerito da parenti o amici di famiglia. La scelta viene ufficializzata all ufficio dell anagrafe del comune dove la famiglia risiede, alla presenza di uno dei due genitori. Il neonato solitamente porta il cognome del padre. Se la coppia divorzia il bambino mantiene lo stesso cognome. ATTRIBUZIONE DELLA CITTADINANZA: un individuo può ottenere la cittadinanza albanese per nascita o per acquisizione. È legale la doppia cittadinanza ma dipende dagli accordi bilaterali, in Italia chi ottiene la cittadinanza per residenza non può mantenere quella albanese (DPR 362/94). FILIAZIONE NATURALE E RICONOSCIMENTO DEI FIGLI: il padre riconosce il proprio figlio attenendosi alla legislazione in vigore. In caso di divorzio il padre 17

18 è obbligato a contribuire alla crescita del bambino fino all età di 18 anni. In caso contrario viene penalizzato giuridicamente e moralmente. REGISTRAZIONE DEGLI ATTI DI NASCITA: il bambino viene registrato presso gli uffici dello Stato Civile dell anagrafe nel momento in cui la famiglia gli attribuisce il nome. Questo può AVVENIRE ANCHE TRE O QUATTRO GIORNI DOPO LA NASCITA. CONTRATTO DI MATRIMONIO: il riconoscimento legale della coppia avviene dopo che la stessa si è presentata presso l ufficio dello Stato Civile insieme a due testimoni, e dopo aver sottoscritto il certificato del matrimonio. La coppia può decidere di compiere questo passo prima o anche dopo la festa del matrimonio. Pochissime coppie si sposano presso le strutture religiose ad eccezione delle coppie di religione cattolica. DIRITTI DEI MINORI: l Albania è tra i paesi che hanno firmato la convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Fanciullo. Si è lavorato in questi anni per abolire, o perlomeno diminuire, la violenza nei confronti dei bambini in famiglia e a scuola. Nel passato l uso della violenza era tollerata dallo Stato. Era dunque sottointeso che l adulto, che fosse genitore o educatore potesse usare la violenza verbale a fini pedagogici. Oggi il bambino è tutelato dalla legge e gode della protezione delle autorità e delle numerose organizzazioni che lavorano per far rispettare la convenzione, che il paese ha fortemente voluto riconoscere. Problemi come lo sfruttamento minorile per traffici illegali, lo spaccio di stupefacenti, quelli degli organi vitali, la compra-vendita di minori per la prostituzione rimangono delle ferite aperte per la società albanese, una vera e propria sfida per la giovane democrazia. DIRITTI DELLE DONNE: in Albania sono presenti tanti organismi nazionali ed internazionali che in continuazione monitorano la situazione e i diritti della donna sia rispetto alla legislazione, che in caso di abusi e mancanza di applicazione delle convenzioni internazionali che il paese riconosce e che ha ratificato. C è un contrasto forte per quanto riguarda la situazione e il ruolo che la società riserva alle donne, da una parte queste hanno avuto un ruolo importante durante la resistenza contro i fascisti e la ricostruzione del paese come il diritto del voto, il diritto di accesso allo studio e al lavoro, ma in certe realtà le donne continuano ad essere emarginate nella società. Esistono ancora dei preconcetti e pregiudizi nei confronti delle donne che rende difficile la loro partecipazione nella vita pubblica. Le organizzazioni che promuovono i diritti umani, i media e le istituzioni stesse sostengono e incoraggiano le donne a non sottomettersi all autorità maschile e a battersi per far riconoscere il loro ruolo nella società e far emergere la loro dignità femminile. DIVORZIO, SEPARAZIONE: il divorzio si ottiene dopo che la coppia si è presentata in tribunale e ha dichiarato di consentire tale atto, oppure ci sono motivi dimostrabili che l unione non può andare avanti. Il tribunale prende atto e dichiara in poco tempo il divorzio della coppia. I figli, solitamente, vengono affidati alla madre che per motivi prettamente 18

19 economici preferisce rientrare nella famiglia di origine e il padre ha il dovere di contribuire alla loro crescita ed educazione con un assegno mensile fino al raggiungimento della maggiore età o fino al termine degli studi. SISTEMI SCOLASTICI E MODELLI FORMATIVI Al termine della seconda guerra mondiale, l Albania figurava come uno dei Paesi europei maggiormente in ritardo nel sistema educativo. Circa il 90% della popolazione era analfabeta. Fra il 1945 e il 1990 è stato registrato un aumento massiccio delle iscrizioni a tutti i livelli scolastici, non accompagnato però da un miglioramento della qualità del sistema educativo. L eccessiva politicizzazione della scuola, il suo carattere totalitario, l inadeguatezza dei metodi di insegnamento, il formalismo e la burocrazia erano alcune delle caratteristiche del sistema educativo socialista albanese. Attualmente l istruzione pubblica è gratuita. Tuttavia, la spesa finanziaria stabilita per l educazione non è mai adeguata e il materiale di base è insufficiente. Le scuole private, laiche o confessionali, sono dette alternative e si differenziano da quelle pubbliche per il loro carattere specialistico. Alcune di queste sono integrate nel sistema pubblico. Negli ultimi due anni ci sono stati tentativi di riformare la scuola pubblica comparandola al sistema europeo. Insegnamento generale: corso di studi Durata Età prevista Superiori 4 anni dai 14 ai 18 anni Medie* 4 anni dai 10 ai 14 anni Elementari* 4 anni dai 6 ai 10 anni Materna 3 anni dai 3 ai 6 anni * Obbligo scolastico Fonte: Unesco, Rapport mondial sur l éducation SCUOLA DELL OBBLIGO: la scuola dell obbligo è costituita da un ciclo di otto classi, unificato da un punto di vista amministrativo e suddiviso in due livelli: elementari (classi I-IV) e medie (classi V-VIII). Alla fine dell ottavo anno è previsto un esame per il conseguimento della licenza dell obbligo. La riforma del 1990 ha esteso l educazione generale obbligatoria da otto a dieci anni, ma tale disposizione non è mai stata concretamente realizzata. Materna. Elementari. Medie/superiori. SCUOLA ELEMENTARE: Età prevista dai 6 ai 10 anni. Durata 4 anni. Numero di allievi per insegnante: 17. Insegnanti donne: 60%. 19

20 CALENDARIO: l anno scolastico è diviso in due semestri. Il primo ha inizio entro i primi 15 giorni di settembre e termina il 28 dicembre; il secondo comincia il 12 gennaio e si conclude il 31 maggio per le elementari, il 7 e il 14 giugno per le medie e le superiori. Nel secondo semestre si inseriscono due periodi di vacanza: dal 29 dicembre all 11 gennaio e dal 30 marzo al 5 aprile. Vengono rispettate le feste musulmane, ortodosse e cattoliche. Dalla prima alla quinta classe della scuola dell obbligo le settimane di insegnamento sono 35, dalla sesta all ottava 34. Le ore di scuola alla settimana sono 23 per la prima e la seconda classe, 25 per la terza, 27 per la quarta, 29 per la quinta, 30 per la sesta e 32 per la settima e l ottava. I giorni di frequenza settimanale sono 6, dal lunedì al sabato dalle 8.00 alle Sono previsti attività pomeridiane di tipo curriculare e tempo libero per il gioco a scuola. Vengono assegnati compiti a casa. I piani di insegnamento inglobano un totale di 16 discipline. Alle elementari tutte le materie sono insegnate da un unico maestro, a partire dalla quinta le lezioni sono impartite da più insegnanti. La lingua d insegnamento è l albanese; in base alla costituzione, le minoranze nazionali hanno il diritto di studiare nella loro lingua madre. OBBLIGHI E DIVIETI: nel corso della scuola elementare (classi I-IV), le lingue straniere non sono materia di studio, anche se nelle città è stato avviato un programma sperimentale che prevede l introduzione dell inglese dalla seconda elementare. L inglese e il francese vengono introdotti in prima media. La riforma dell educazione del 1990 ha prodotto radicali cambiamenti nel programma della scuola generale e obbligatoria. Il tema dell educazione sociale è stato introdotto al posto dell educazione morale e politica. L allenamento militare e il lavoro fisico, così come lo studio del marxismo-leninismo, sono stati abbandonati e sostituiti da altre discipline sociali, come ad esempio educazione civica. VALUTAZIONE: la valutazione degli studenti è effettuata trimestralmente e individualmente. Nel primo anno delle elementari viene dato un voto in decimi complessivo, in quelli seguenti un giudizio per ogni materia. La promozione da un anno all altro si realizza in modo automatico, in base ai progressi annuali degli studenti ed è prevista la bocciatura. È necessario superare un esame alla fine della quarta elementare per accedere alla prima media. Alla fine delle medie, è previsto un esame scritto e orale di lingua e letteratura albanese e matematica. Ai ragazzi che lo superano è rilasciato un certificato, detto degli otto anni, che consente l accesso al pubblico impiego. La scuola è laica e al momento non è previsto l insegnamento della religione nella scuola dell obbligo. Le scuole superiori sono d indirizzo generale o professionale. Alla fine di 4 anni di studio è previsto l esame di maturità. Dopo la maturità si può accedere all università. Le prime Università 20

Nel contesto politico ed economico attuale, questi obiettivi sembrano però lungi dal poter essere realizzati.

Nel contesto politico ed economico attuale, questi obiettivi sembrano però lungi dal poter essere realizzati. Al termine della seconda guerra mondiale, l'albania figurava come uno dei Paesi europei maggiormente in ritardo sul piano del sistema educativo. Circa il 90% della popolazione era analfabeta. Il numero

Dettagli

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi

LA COMUNITA CINESE IN ITALIA. A cura di Federica Aurizi LA COMUNITA CINESE IN ITALIA A cura di Federica Aurizi Acquisizione ed elaborazione dei dati riassunti nelle schede sono ricavati dalle seguenti fonti: Barbagli (a cura di), 1 Rapporto sugli immigrati

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

FONDAZIONE PANGEA ONLUS

FONDAZIONE PANGEA ONLUS FONDAZIONE PANGEA ONLUS Le donne rappresentano il più vasto numero di persone soggette a discriminazioni, violenze, povertà e processi di impoverimento nel mondo, semplicemente perché appartenenti al genere

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015

Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 Progetto Manufacto Piacenza, maggio 2015 INDICE CHI SIAMO E COSA FACCIAMO 3 CONTESTO E SITUAZIONE PROBLEMATICA 5 IL NOSTRO PROGETTO 5 2 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Siamo una rete di organizzazioni per l

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze

Geografia 5ª. PRIMO PERCORSO Le comunità territoriali organizzate (pag. 102-113) Antares 5 a. Programmazione. Percorsi - conoscenze - competenze VERSO I TRAGUARDI DI COMPETENZA Geografia 5ª si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali; riconosce e denomina i principali oggetti

Dettagli

Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans

Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans Comenius project: C. H. A. N. G. E. : Common habits among the new generation of Europeans Paesi partecipanti: ESTONIA ITALIA POLONIA SPAGNA SITO INTERNET: www.youthchange.eu Scuole partecipanti: ESTONIA:

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Romania e Moldavia Aspetti socio-culturali

Romania e Moldavia Aspetti socio-culturali Piano Territoriale per l'integrazione - Azioni di integrazione sociale e scolastica Conferenza dei Sindaci U.L.S.S.13.13 Azienda U.L.S.S.13.13 Cooperativa Giuseppe Olivotti di Mira Romania e Moldavia Aspetti

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di:

4 Consigli per una gita in fattoria. La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica. Una guida a cura della Redazione di: 4 Consigli per una gita in fattoria La guida per organizzare al meglio la visita alla fattoria didattica Una guida a cura della Redazione di: PERCHÉ UNA GITA IN FATTORIA? I motivi per fare una gita in

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società

Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Cristina Molfetta Ufficio Pastorale Migranti di Torino Firenze 16 Gennaio 2015 1 Le famiglie Migranti risorsa per la Chiesa e la Società Le Famiglie Cioè l importanza dei legami affettivi e relazionali

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Albania e Kosovo. Aspetti socio-culturali. culturali

Albania e Kosovo. Aspetti socio-culturali. culturali Piano Territoriale per l'integrazione - Azioni di integrazione sociale e scolastica Conferenza dei Sindaci U.L.S.S.13 Azienda U.L.S.S.13 Cooperativa Giuseppe Olivotti di Mira Albania e Kosovo Aspetti socio-culturali

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro)

Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare. Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Fidarsi tra operatori: la collaborazione tra professionisti nel processo di affido familiare Lecco, 28 gennaio 2010 (2 incontro) Costanza Marzotto Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, Università

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo

Incontri per far crescere la pace in un mondo nuovo Comitato Selma Associazione di solidarietà al popolo Saharawi ONLUS - C.F. 94098480489 www.comitatoselma.it Progetto PER LA PROMOZIONE DI UNA CULTURA DI PACE Rivolto agli alunni delle scuole italiane e

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante.

prefazione Per un organizzazione si tratta di un compito difficile, ma allo stesso tempo importante e gratificante. chi siamo prefazione L età adulta è lo specchio della nostra infanzia. Infanzia che può diventare un aiuto o un ostacolo, nella vita futura. Quali possono essere le basi per il nostro sviluppo futuro,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

impegno è la risposta!

impegno è la risposta! Se l abbandono è una emergenza il mio impegno è la risposta! ESTATE 2014 campo di VOLONTARIATO in marocco un campo in cui piantare il seme della speranza Il Marocco e il dramma dell abbandono Ad oggi non

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009 Milano Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 28 29 Comune di Milano A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

INTRODUZIONE. Cari mamme, papà, nonni e bisnonni, zii e tate

INTRODUZIONE. Cari mamme, papà, nonni e bisnonni, zii e tate INTRODUZIONE Cari mamme, papà, nonni e bisnonni, zii e tate possiamo educare i nostri bambini a mangiare in modo equilibrato per farli crescere sani? Certo, perché fin da piccoli imparano abitudini che

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso

Non riflette la qualità dell insegnamento Ma tornando adesso allora a chi sono i Contadini di adesso Intervistato: Sebastiano Villani, Dirigente Scolastico di Stigliano e Aliano Soggetto: «Luigini» e «Contadini» oggi Luogo e data dell intervista: Stigliano, agosto 2007 Audio file: Villani Il problema

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE 1 RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA 2006-07 1 Presentazione 2 Scheda individuale 3 Traccia di intervista individuale 4 Traccia focus group 1 Presentazione LA RICERCA:

Dettagli

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9

INDICE PRIMA PARTE. 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1. 1.2. La nostra memoria pag. 9 INDICE Introduzione pag. I PRIMA PARTE Capitolo 1 Uno sguardo al passato: coordinate di lettura dei processi migratori 1.1. Le migrazioni internazionali pag. 1 1.2. La nostra memoria pag. 9 1.2.1. Ancor

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA. Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma

LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA. Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma LA MEDIAZIONE SOCIOCULTURALE NEI PERCORSI DI AFFIDAMENTO OMOCULTURALE A PARMA Bologna, 24 maggio 2012 Comune di Parma Il progetto di Affido Famigliare Omoculturale nasce nel 2000, col rientro al comune

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it

A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO. www.sositalia.it A CHI HA VISTO IL PEGGIO DEGLI ADULTI OCCORRE DONARE IL MEGLIO www.sositalia.it DIVENTA UN AMICO SOS. MOSTRA A QUESTI BAMBINI IL LATO MIGLIORE DEGLI ADULTI. In Italia circa 32.300 bambini sono allontanati

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

Anno 16, n. 3 - MARZO/APRILE 2008 - Edizioni OCD Roma - Sped. in abb. post. D. L. 353/2003 (conv in L. 27/02/2004 n 46, Comma 2) DCB - Filiale di

Anno 16, n. 3 - MARZO/APRILE 2008 - Edizioni OCD Roma - Sped. in abb. post. D. L. 353/2003 (conv in L. 27/02/2004 n 46, Comma 2) DCB - Filiale di Anno 16, n. 3 - MARZO/APRILE 2008 - Edizioni OCD Roma - Sped. in abb. post. D. L. 353/2003 (conv in L. 27/02/2004 n 46, Comma 2) DCB - Filiale di Roma - Italia - Mensile Testimoni Persone e comunità Suor

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

Sociologia della famiglia

Sociologia della famiglia Sociologia della famiglia Corso di laurea in Servizio Sociale Sede di Biella Anno accademico 2008-2009 Elisabetta Donati Lezione 2 La famiglia: aspetti concettuali e metodologici Diversità storiche, culturali

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

llpunto di vista dei genitori e delle commissioni mensa

llpunto di vista dei genitori e delle commissioni mensa IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO 16 Settembre 2014 Via Bologna 148 TORINO llpunto di vista dei genitori e delle commissioni mensa Alessandra Rosso Facciamo le presentazioni... Mamma di 2

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio

RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO. Programma di dettaglio Fondo Europeo per l integrazione di cittadini di Paesi terzi CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE RELIGIONI E CULTURE DELL IMMIGRAZIONE IN ITALIA E IN EUROPA REALTÀ E MODELLI A CONFRONTO Programma di dettaglio

Dettagli