Spagnolo in Langa: gioco e mistilinguismo nel mondo popolare*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spagnolo in Langa: gioco e mistilinguismo nel mondo popolare*"

Transcript

1 Spagnolo in Langa: gioco e mistilinguismo nel mondo popolare* Claudio Marazzini En la esquina de Chile y de T acuaré vi un almacén abierto. En aquel almacén, para mi desdicha, tres hombres jugaban al ttuco. J. L. BoRGES, El Zahir Nelle Langhe piemontesi esiste il «Trucco», un gioco di carte anomalo rispetto a quelli propri del repertorio di osteria, animato da un «parlato» dialettale arricchito di calchi e di formule spagnole più o meno italianizzate. La sua origine è legata all'emigrazione m Argentina -dei primi anni del secòlo; di ll venne il Trucco, portato dai rimpatriati, e attraverso costoro si diffuse in alcune comunità, che lo hanno mantenuto fino ad oggi. L'interesse verso questo documento minore della storia dell'emigrazione investe aspetti linguistici, perché appunto esso viene giocato tutt'ora, in quelle «isole»dove ha attecchito e dove si è conservato, in una sorta di annacquf'!to cocoliche I, non soltanto da parte eli coloro che hanno vissuto l'esperienza dell'argentina e che quindi hanno imparato quel linguaggio, ma soprattutto da parte di quelli che non hanno mai lasciato i loro paesi. Il materiale linguistico usato nel Trucco è stato da me raccolto in due località delle Alte Langhe, rispettivamente in Val Bormida e in V alle Belbo, a Prunetto ed a San Benedetto. Gli informatori (Vito Albesano, Prunetto, classe 1939; Bruno Carbone detto «Brav6m», Prunetto, classe 1937; Ugo Carbone, Prunetto, classe 1928; Pietro Negro, Prunetto, classe 1918; Gianfranco Rudino, Prunetto, classe 1953; Ugo Ghirardi, San Benedetto, classe 1926; Riccardo Prandi, San Benedetto, classe 1899) appartengono quasi tutti a generazioni successive a quella degli emigranti del grande esodo dal Piemonte verso l'argentina, e non sono comunque mai espatriati, né conoscono la lingua spagnola al di fuori delle espressioni che impiegano nel gioco. Mentre a San Benedetto il Trucco è in estinzione dagli anni '60, a Prunetto esso risulta tuttora popolarissimo, anche tra i giovani 2 Non ho rintracciato altre «isole», ma non è certo escluso che esistano altrove situazioni analoghe. Non mi soffermerò sulle regole di svolgimento, trattandosi di un gioco vivo in Argentina, che da noi suscita curiosità solo per i prestiti linguistici che ne hanno accompagnato la trasmissione. Darò prima l'elenco delle espressioni che ricorrono nella partita (numerate in ordine progressivo), poi la denominazione di alcune combinazioni di carte. Ad ogni espressione seguirà non tanto la traduzione, quanto la spiegazione * Dedico questa piccola indagine a coloro che l'hanno resa possibile, in particolare a Ugo Ghirardi, che per primo mi ha dato notizia dell'esistenza del gioco del Trucco (come di tante altre tradizioni della sua terra); ad Augusto Pregliasco, impareggiabile conoscitore delle Langhe, che mi ha guidato agli informatori di Prunetto; a Lore Terracini, alla cui competenza di ispanista mi sono rivolto, ricevendo preziose informazioni e consigli. 1 II cocolicbe è notoriamente la lingua ibrida itala-spagnola usata dagli emigrati italiani in Argentina. 2 Oltre a condurre le inchieste presso i citati informatori, mi sono soffermato ad osservare lo svolgimento del gioco nell'osteria di Prunetto, e mi sono servito del materiale anonimo cosi raccolto. 82

2 del significato complessivo che le viene attribuito, anche perché non è sempre possibile capire il significato di ogni singola pàrola. Come vedremo meglio più avanti, la traduzione, nel senso consueto del termine, come equivalenza e corrispondenza di lingue diverse, è in questo caso impossibile, estranea alla coscienza dei parlanti, per i quali esiste solo la funzione del materiale linguistico all'interno del gioco. Gli informatori, interrogati sull'equivalenza di termini italiani o piemontesi rispetto a quelli da loro impiegati, richiesti cioè di «tradurre», rispondono sempre fa-. cendo riferimento alle regole della partita ed alle sue fasi, descric vono quale azione si compie quando si dice quella determinata formula. Interrogati con insistenza su di una singola parola, estratta da una formula da loro pronunciata, rispondono quasi sempre che «non vuoi dire nulla», che «non lo sanno»: ed è :o sì, infatti, perché per loro la formula non ha significato al di :uori del momento ludico ed al di fuori della sua organicità. A. Prunetto un informatore mi ha addirittura risposto che si tratta :li espressioni«piemontesi»; è stato smentito dagli altri (soprat:utto dai più giovani}, che gli hanno dato sulla voce, ma è chiaro :he per «piemontesi» intendeva «nostre», «di nostro uso 1ormale», cioè l'opposto di «forestiere». La situazione è un loco diversa a San Benedetto, dove il gioco è legato strettamente 1 ricordo di coloro che lo portarono dall'argentina (ormai tutti!eceduti}. Il materiale raccolto si chiuderà con quattro strofette egistrate a Prunetto, di cui a San Benedetto si ricorda vagamente 'esistenza (indicate dalle lettere dell'alfabeto A, B, C, D e tracritte con le loro varianti), che vengono talvolta cantate o red1te per «dichiarare» in maniera spettacolare i propri punti. Io fatto seguire a ciascuna delle prime tre filastrocche un ipo~tico confronto con il testo come si presenterebbe in spagnolo Jrrente. Per la quarta filastrocca l'operazione è superflua, es~ndo già notevolmente italianizzata. Mi sono avvalso di alcuni ~gni fonetici per trascrivere i materiali raccolti sul campo 3, anche er meglio ribadire il carattere esclusivamente orale di questo nguaggio di gioco, che con lo spagnolo scritto non ha nulla a 1e fare. 3 I segni usati che si discostano dalle convenzioni grafiche dell'italiano sono: ii (u turbata, francese mur), y e w (i e u semiconsonantiche, italiano noia, guarire), P(fricativa bilabiale, spagnolo haba), c (affricata palatale sorda, italiano ciabatta), g (affricata palatale sonora, italiano gelo), k (occlusiva velare sorda, italiano cane), g (occlusiva velare sonora, italiano leghe), À (laterale palatale, italiano figlio), ii (nasale palatale, italiano ogni),.ti (nasale velare, italiano fango), S (fricativa dentale sonora, italiano rosa). Tutti gli altri con. servano lo stesso valore che hanno in italiano. < significa «deriva da»; > significa «dà origine». La notazione dei dittonghi discendenti deve essere intesa come indicazione di massima: l'oggettivo manifestarsi del dittongo dipende dalla singola esecuzione. 4 Si tenga presente che il gioco (praticato.un tempo usando carte napoletane, oggi anche con le francesi) si svolge in due parti: l) una dichiarazione di apertura con possibili rilanci attraverso le parole-base envido e flor che designano alcune combinazioni di carte dello stesso seme; 2) una giocata vera e propria, fatta di tre prese, durante la quale il rilancio si ha pronunciando i termini trukko, re trukko, vale kwattro. Le formule suddette, una volta pronunciate, non possono essere più rinnegate. Per «vedere» si dice kyero. Nella raccolta di formule abbiamo posto entro parentesi quadra eventuali varianti. SPRESSIONI E FORMULE USATE NEL GIOCO 4; envido [invido, embido] = combinazione di due carte dello stesso seme, il cui possesso permette una omonima dichiarazione, la quale dà diritto a vincere un punto se non contrastata. Su di essa sono altrimenti possibili dei rilanci (cfr. 2). ' re~l invido e /alta ùivido rilanci in risposta a l, con i quali si trij?~c_a la posta (rea! invido) o si mette in gioco l'intera partita (/alta tnvtdo ). = k_yero = è il corrispondente di «vedo» del poker, con cui si può nspondere a l e 2, ed a 18, 20, 21. invido kyerido = invido su cui l'avversario ha pronunciato il kyero. flor == combinazione di tre carte dello stesso seme, che annulla l'eventuale invido; viene pagato con tre punti. i tambyén tengo flor = «vedo» su di un flor degli avversari. con flor kyero == id. = fénes punto? è la domanda al compagno di gioco per sapere se ha e carte che permettano i rilanci l o 5. 83

3 9. ténes al go? o ténes por l' err:bido? o ténes por la primyera? = richieste al compagno analoghe a a la larga tenés? o anche solo tenés? od ancora ténti? = id.; l'ultima espressione è calco dialettale dell'uso spagnolo di «tener» per «avere». Il termine larga è di difficile interpretazione: non saprei dire nemmeno se si tratti di residuo spagnolo o di intrusione dialettale. 11. tenés po la larga? = altra variante di go le diga un tantito por l'err:bido = dichiaro un punto per l'invito. 13. envido iin = id., ma con il termine iin (un punto, uno) piemontese. 14. tengo fior e non rr:e la ciko [mi aeiko, agito] = equivale a 6. «Achico» in spagnolo significa «mi faccio piccolo», «mi ritiro». La frase esprime la volontà di verificare quale dei due fior ha più valore, il proprio o quello degli avversari; il parlante non conosce naturalmente l'esatto significato della parola, e la confonde talvolta con ciko (presente anche altrove, cfr. 32), o la riporta al dialettale citu «zitto», da cui deriva l'ultima variante. 15. tengo fior e con fior me ciko [rr:i aciko, acito] = ho fior, ma rinuncio al confronto, mi ritiro. 16. contro fiorés [contro fior o contro fior resto o contro fior arést] = ho per etimologia popolare fwega una cartita = id. 30. fwega una cartita cikita = id. 31. est6 pobre, kompafiero =ho brutto carte, compagno. 32. fwega, ciko = gioca, compagno (la frase non viene rivolta soltanto ad un compagno giovane, come potrebbe far pensare il termine ciko, in spagnolo «ragazzo» ). 28. fwega kagao = gioca una carta piccola. Il termine kagao è lo spagnolo «callado» [pronunciato naturalmente alla maniera argentina]. 24. vyen [venga] al pyé =lascia che prenda io che sono!"ultimo a giocare, che ho fatto le carte; gioca una carta piccola. 25. fega la mas grande= gioca la.carta migliore. 26. fega la mek6r [mey6r] = id. 27. fega [fwega] tambyén =gioca anche se non puoi fare nulla. kyerida (cfr. 3 e 4), altrimenti può essere base per ulteriori rilanci (cfr. 19, 20, 21), oppure l'avversario può ritirarsi perdendo un solo punto. 19. trukko kyerido = rilancio «visto» (cfr. 18). 20. re trukko = ulteriore rilancio in risposta a 18, che triplica la posta. L'espressione originale è «retruco», qui scomposto in due elementi 21. vale kwattro = ulteriore rilancio in risposta a 20, che quadruplica la posta, conservato nella forma originale spagnola. 22. saka 'n tanto= prendi il punto che hai guadagnato. 23. vyenes [vyen, ven] a me= lascia che sia io a prendere, che sono l'ultimo a giocare. vano o da una semplificazione e contrazione, nel primo caso con spostamento di accento tonico in fiorés (probabilmente per influenza di arést che è caduto), oppure da una etimologia popolare di «al resto» che diventa arést perché è sentito come «mi fermo, mi oppongo, arresto la fior». giocatore dichiara envido, l'avversario gli ribatte con la dichiarazione del trukko (cfr. 18). 18. trukko = è un rilancio sul gioco vero e proprio. Significa in sostanza: 17. «embido» «col trukko lo konvido» = botta e risposta: il primo od a sfidarmi con un rilancio». La formula raddoppia la posta se è quindi so di vincere; ti invito a ritirarti senza vedere le mie carte, «So di poter fare due mani delle tre che compongono la giocata, e la fior e voglio fare il confronto, metto in. gioco la partita. La formula «originale» argentina è «contra fior al resto»; le molte varianti deri

4 35. pwedo venir= posso venire. 38. kome kyere? = cosa vuoi che giochi? 39. non la pwedo matar =non posso prendere. 40. pungo una cartita = metto una carta da poco. vedere con che cosa mi vinci. 42. go non tengo =- non gioco, lascio il punto. 44. todo sta diéo = il gioco è fatto, si è detto invido e trukko. 51. fego en dos = gioco un due. 52. vado a vedér el kontenido = vado a vedere le carte. 53. kant!tr una flor = dichiarare una flor. «Cantar» ha in spagnolo significato tecnico di «dichiarare», che si è conservato. 54. vengo matando = gioco prendendo. 55. kyero todo =vedo tutto (envido, flor, trukko). CoMBINAZIONI E TIPI DI CARTE: 56. k~rte brave= carte che vincono o perdono, ma non possono pareggiare. 57. una carta ke non si imparda = id. 58. una karta de lomifmo palo= una carta dello stesso seme. 59. la vyeka, tengo la vyeka [veya] =combinazione per I'invido costituita da una figura ed un sette. STROFETTE: A la pampas tyene l'embu les kordtf.era les andes la fior de orto miandu para sus wevos tan grandes varianti: 3. ke la flor des orto myandu; 4. tan] mas. La Pampa tiene el ombu la Cordillera los Andes, la fior de orto el fiandu para sus huevos tan grandes s L'ombU è un tipo di albero; orto è «culo» in lunfardo, cioè nel gergo della malavita argentina; fiandu è una specie di struzzo. Traduzione: «La Pampa ha l'ombu, /la Cordigliera le Ande, l un :fior di culo il nandu l per le sue uova cosi grandi». -f l~ l il l 46. vamos a ver la barakiga [baraka] per poterla contestar= andiamo a vedere le carte pe.t scontrarci nel gioco. 47. sin ley passo e passo= non ho la flor e mi ritiro. 48. sin ley passo e kyero = non ho flor e invido, ma vedo per il trukko. 49. impardo = pareggio. 50. fego en tres = gioco un tre. 43. son de mano = sono primo di mano, quindi vinco io (in caso di parità). 36. non pwedo feg!tr = non posso giocare altro, gioco una carta piccola. 37. pwedo feg!tr =posso giocare una carta alta. 41. kyero ver con ke [vengo ke] mi ingana =chiedo che tu mi faccia 33. me pas6 [sorpas6] il pan pero = si è perso il significato di «pampero» «vento della pampa» ( «mi ha attraversato il vento della pampa, sono rovinato» ); il termine è scomposto per etimologia popolare, e la frase viene intesa come «mi è passato davanti il compagno» (di qui la variante sorpas6). 34. mato, mata [maz, maza] =prendo, prendi. 45. sin ley de fego todo sta dico e si flor kontro floresta= formula complessa con ciii si fa l'apertura al buio, dichiarando subito invido e trukko, e se l'avversario dichiara flor chiedendo subito il confronto.

5 B venindo de bigefiay su di un buké a vap6r cassi suy caygo in agwa par rekorar esta flor 4. rekorar ] rakatar. Veniendo de Villaguay ( Gualeguay) en un buque de vapor c D 86 6 Traduzione: «Venendo da Villa. guay ( Gualeguay) l su di un bastimento a vapore l per poco non cado in acqua l per raccogliere (afferrare, ricu. perare) questo fiore)>. Villaguay o Gua. leguay sono congettura: si tratta di cittadine delle province di Entre Rios e Corrientes. Mi è stato comunicato che una strofetta del genere esiste tutt'ora in Argentina. 7 Questa strofetta è assai corrotta «fior», l al trucco stiamo giocando». 8 «Chacabuco» è un quartiere eli Buenos Aires. 9 Le parole spagnole vere e proprie mostrano procedimenti di italianizzazione in atto: così il passaggio en > ili dello spagnolo «envido» > invido (i t. invito); sp. «para»> par (cfr. canzone B, v. 4; ma in A, v. 4 si conserva); sp. «como»> kome (cfr. 38); sp. «poderla» > poterla (cfr. 46); sp. «esta»>sta (cfr. 44); sp. «ver» > vedér (cfr. 52; ma in 46 si conserva); sp. «veniendo» > venindo (cfr. canzone B, v. l); sp. «en un»> su di un (canzone B, v. 2); sp. adattamento fonetico (pur variabile da informatore ad informatore) e ad una progressiva italianizzazione. Le filastrocche hanno subìto veri e propri procedimenti di trasformazione simili a quelli che occorrono al canto popolare, e ciò rende talora dubbia la ricostruzione del senso. Nel caso di fonemi assenti nell'italiano e nel dialetto assistiamo a sostituzioni, pur variabili ed oscillanti. La fricativa velare sorda dello spagnolo «juego, juega» 9 (=gioco, gioca) si trasforma in fricativa labiodentale sorda: fwega (cfr ). Ma talvolta la -w- cade, e l'esito è fega, fegar (cfr. 25, 26, 36, 37, 45}. Nel termine barakiga o baraka (cfr. 46} < sp. «baraja» l'esito è l'occlusiva sorda, come in vyeka (cfr. 59)< sp. «vieja», e come in mek6r (cfr. 26) < sp. «mejor», il quale però dà anche mey6r (cfr. 26), per influenza del dialettale mey «el»> l' (canzone A, v. 1). Quanto al passaggio dell'accento da piano a tronco in sp. «buque» (=nave)> buké (canzone B, «meglio». La fricativa bilabiale viene resa alternativamente dall'occlusiva sonora o dalla fricativa labiodentale sonora: lo sp. «envido» [enf5ido] > embido o invido (cfr. 1). Molti tratti passeggando per le vie di bwenos ayres inkontray una mucacita ke a la moda del éapabuko s ley mi disse flor e truko Con otro me tropecé, una fior me levanté, al truco estamos jugando vamo] stemo. casi me caigo al agua para recoger (agarrar, recobrar) esta fior 6 com moré tram pensé una flor me levanté e col trukko vamo fugando Il linguaggio di gioco, come si vede, è stato sottoposto ad un varianti: l. komo rotro o otro pensé oppure kon moron trova pes é; varianti: l. passando per bwenos ayres salii a montevideo; 3. capabuko J cacabuko; 4. le voào dissir flore truko. varianti: l. bigefiay] vigafiay, bigagway, paragway; 2. s'embuga el vap6r; sul campo (eventualmente la trascrizione fonetica dello spagnolo vero e proprio sarà data entro parentesi quadra, facendola seguire alla normale grafia). I numeri entro parentesi tonda preceduti da cfr. rinviano alle formule numerate del nostro elenco. potrebbe significare: «Mi sono imbat~ tuto in un altro, l ho tirato su un (non cioè quelle del linguaggio di gioco, ma quelle castigliane con cui le confrontiamo) verranno qui e in seguito scritte secondo la grafia spagnola, e poste entro virgolette. L'alfabeto fonetico sarà riservato ai materiali raccolti

6 v. 2 ), vi può essere un'interferenza con il termine dialettale buké «mazzo di fiori», favorita dal fatto che la parola flor chiude la baraka o barakiga (cfr. 46} < sp. «baraja, barajita» (=mazzo La pronuncia locale è appunto mazé con l'affricata, anziché masé. quando, sulla base della desinenza -ita (sentita come tipica del linguaggio di gioco: cfr. cartita, florita, muhzcita ecc.), il parlante dice fwego una terzita per significare che posa sul tavolo un tre, espressione che è tra l'altro del tutto gratuito commento, in quanto le regole non richiedono affatto di parlare in quel momento. Siamo insomma al livello dell'innovazione individuale. A San Benedetto, dove il gioco è in via di estinzione, ma ben ricordato, l'informatore fa invece riferimento ad una fase più arcaica, in cui i processi di libera invenzione e di fusione con il dialetto sono meno frequenti, e le espressioni hanno un andamento più la concentrazione di esotismi, che diventa, nell'euforia di partite particolarmente fortunate, una vera e propria esibizione od uno scatenamento di inventiva linguistica, affidata al ricordo di frammenti e di frasi memorizzate. Mi è capitato di sentire, al posto del semplice flor (cfr. 5), la frase vengo con una linda muc.acita spagnolo assente altrimenti nella parlata locale, che non conosce naturalmente«tenere»nel senso di«avere»(il dialetto avrebbe avuto la forma ati kwayk6s?). Od ancora si registrano forme come mina kartita i l'e (cfr. 29; «io una carta da poco ce l'ho») e kanta kwayk6s ( «dichiara qualche cosa»), miscele di piemontese e spagnolo. Il prestito può dissolversi nel calco, come per la combinazione di punto indicata dal termine veya (cfr. 59}, o per il verbo piemontese mazé 10 «ammazzare», che ha sostituito il dialettale pyé «fare una presa con le carte», modellandosi sullo spagnolo«matar»(cfr. 34), per cui abbiamo forme di tipo maza sostituzione analoga a quella che porta ad esprimersi mediante le strofette, stilisticamente ben più marcate della semplice «formula» canonica. Lo spagnolo viene talvolta reinventato, come strofetta, e che la parola che segue immediatamente, vap6r, è anch'essa tronca. In alcuni casi hanno agito etimologie popolari, come per pan pero (cfr. 33) < sp. «pampero» (-vento della pampa), scomposto in due elementi, come del resto re trukko (cfr. 20') <sp. «retruco» ( =rilancio, ribadisco il «trucco»), sentito come «rilancio reale, gran rilando». Cosi il termine di carte) viene interpretato come «baracca». Inutile dire che le espressioni ed il lessico che ho raccolto vengono impiegati in misura variabile da individuo ad individuo, mescolati alle normali frasi che commentano la partita (esclamazioni, rimproveri kula karta, mazla ecc. Col salire del termometro emotivo cresce florita (=al mio turno arrivo con una bella combinazione di flor }, al compagno, lazzi agli avversari ecc.), queste per lo più in piemontese od occasionalmente in italiano popolare, dando luogo ad una forma curiosa di mistilinguismo legato esclusivamente alla situazione Iudica. Ottimo punto di osservazione è a questo proposito la comunità di Prunetto, dove il gioco è vivo, ed il forestierismo tende conseguentemente a dissolversi nel linguaggio comune, accentuandosi la fusione tra elemento spagnolo e dialetto. Sarà possibile cosi registrare forme del tipo io ci digo envido, misto di spagnolo e di italiano popolare, o 't ten per l'i~vido? e per lo trukko 't ten?, e analogamente tenti? calco di un uso

7 11 I dati riportati da F. CaLETTI Dell'emigrazione italiana, in Cinquan~ t'anni di storia italiana, vol. III, Milano, Hoepli, 1911, pp , danno le punte massime eli emigrazione transoceanica dal Piemonte nel periodo A p. 65 vengono fornite 23 %) per l'argentina. 13, 17, 45, 154, e vol. II, pp. 169, 183. LI, op. cit., vol. I, pp ) che si il viaggio, stipati nelle bigatere, cioè in CARIA, Spagnolo e spagnoli in Italia. Riflessi ispanici sulla lingua del Cinque e Seicento, Torino, Giappichelli, 1968, pp del prestito «tecnico»; certi termini (ifwido, kiero, trukko, vale kwattro ecc.) sono formule, nel senso che sono l'unica risposta possibile ad una determinata situazione Iudica vincolante. La conservazione degli spagnolismi si lega senz'altro in parte a questo carattere fortemente ritualizzato; Ma se ci rifacciamo alle condizioni in cui il gioco fu appreso e trasmesso, già vediamo che questa ritualizzazione va al di là dei termini oggettivamente dotati di un significato preciso ed intradudbile, al di là di quelli che i linguisti defi1;1iscono prestiti di necessità. L'apprendimento del Trucco dalla viva voce di giocatori che parlavano integralmente ritenere a memoria» si dilatasse grandemente, nell'impossibilità di individuare con facilità l'esatta dimensione del tecnicismo. chiedersi perché ed in che modo altri finirono per adottare quei termini. Fenomeni di forestierismo tecnico nel gioco sono frequenti; per restare nell'ambito delle carte, basti pensareal poker, la cui terminologia è in parte americana, tecnicismo conglobato nelle regole di svolgimento della partita (cip, full, poker di jack ecc.). Ma si tratta di lessico limitato quantitativamente, isolato, come ugualmente sono limitati certi prestiti relativi a giochi di carte penetrati in Italia nel Cinquecento dalla Spagna 15 Nel Trucco, al contrario, abbiamo una vasta serie di ispanismi, che travalica le poche denominazioni di carte e di punti. Tanto è vero che a Prunetto, laddove la tradizione del Trucco in una lingua diversa fece sl che il concetto di «parola tecnica da In via preliminare possiamo comunque riconoscere la funzione «fìlol9gico», se così si può dire, più direttamente legato al ricordo di coloro che portarono il Trucco. Uno degli informatori di San Benedetto, Ugo Ghirardi, dotato di sorprendente memoria, è in grado di descrivere lo svolgimento di una partita ricostruendo dialoghi serrati e fedeli in un cocoliche fitto che non ammette quasi nessun compromesso con ilpiemontese. Quando avvenne la trasmissione, e per quali ragioni poté conservarsi la forma linguistica che abbiamo visto? Il grande esodo verso l'argentina ebbe in Piemonte il suo culmine negli anni : a queste date riportano i dati statistici 11 e le testimonianze orali. Si può sfogliare ad esempio il Mondo dei vinti di Nuto Revelli per verificare come molti intervistati associno queste date all'emigrazione transoceanica, Argentina e Stati Uniti, nuove mète che si affiancano al movimento tradizionale e pendolare dei valligiani cuneesi verso la vicina Francia 12 Dovremo rimandare al Mondo dei vinti chi volesse ripercorrere una di quelle avventurose vicende individuali di emigrazione e volesse vedere la pampa con gli occhi degli espatriati 13 Concordi con quelle raccolte da Revelli, le testimonianze dei nostri informatori rinviano, per la penetrazione del Trucco, alla generazione degli uomini nati tra il1880 ed il1890, emigrati intorno al , spesso rimpatriati nel breve giro di tre o quattro anni 14 Siamo nel periodo precedente la Grande Guerra, che chiuderà l'esodo biblico verso l'america, incidendo violentemente (mutandone in parte le forme se non la natura) sulla cultura contadina italiana. Se la diffusione del Trucco dovette essere inizialmene circoscritta al gruppo omogeneo dei rimpatriati, accomunati da un'esperienza e da una competenza linguistica, è lecito si allevano i bachi da seta; la campagna del grano nelle sterminate e ricche pianure dell'argentina; il gustoso episodio di una lite in osteria (narrato in chiave di mistilinguismo); il ritorno insidiato da ladri e truffatori. Commissariato per l'emigrazione. na, 1911, pp Su eli una permanenza media di 2-5 anni concorda Co cifre dettagliate relative al 1909, dalle quali risulta che in quell'anno i piemontesi costituivano da soli il 15,4% tra tutti gli italiani diretti in Argentina. Nel 1909 emigrarono dal Piemonte in , di cui ben (il LETTI, op. cit., p. 76, citando dati del 12 Cfr. per l'emigrazione in Argentina Il mondo dei vinti di N. REVELLI Torino, Einaudi, 1977, vol. I, pp. 7; G. BEVIONE, L'Argentina, Torino, Bo cuccette paragonate ai tavolati su cui 13 Ci riferiamo alla bella testimonianza di Michele Costamagna di Isola di Bene Vagienna, classe 1886 (REVEL snoda attraverso alcuni episodi-chiave: 15 Cfr. l'elenco datone da G. L. BEc 14 Sulle ragioni di questi ritorni cfr.

8 te, 16 Senza tener conto, naturalmen.continua, è in atto oggi un logico riassorbimento dell'eccesso di di un carattere della gente della Langa, la gran passione per il gioco delle carte, forestierismi, che lascia semmai spazio a calchi e ad italianizza- carattere non ancora sufficientemente zioni. reso dalle testimonianze di giocatori raccolte da REvELLI, op. Al fattore originario di conservazione, che abbiamo definito professionisti pp. 227 e 219, e dal riil, vol. cit., esibio larità tecnico-rituale, si affianca poi un fattore di spettaco cordo dell'emigrante che mentre viagzione. Ciò è particolarmente visibile in quella dimensione di gia per l'argentina gioca a scarté (una sorta di tresette} con quei «tre o quatinventiva personale che abbiamo messa in evidenza, nella cre- tro» che non patiscono il mare (vol. I, al strofette delle scita emotiva del forestierismo, nell'uso stesso p. 45}. Cfr. anche il racconto di BEPPE Ma il mio amore è Paco. posto della semplice dichiarazione (strofette recitate od anche, si FÈNOGLW, 17 Cfr. T. DE MAuRo, Storia linguiforeun di badi, cantate). Se dunque il valore tecnico e vincolante stica dell'italia unita, Bari, Laterza, op. cit., stierismo usato per dichiarare un punto od una combinazione di 19723, p. 61 e sgg. e CaLETTI, di popolare visione la Per pp. spiegala carte trova nell'economicità e nella codificazione rigida questo particolare problema si può cioccorre Trucco zione della sua fortuna, per il rituale complesso del tare un proverbio raccolto da Revelli, che anch'io ho sentito ripetere nelle azzardare altre spiegazioni di natura più decisam ente«stilistica». Langhe: «'n Merica se un l'è fol lu Torniamo per un moment o alla dinamica della diffusione: è possi- desfolu», nel quale, a bene intenderlo, bile che essa trovi ragione nel tipo specifico della cultura popolarè c'è una spaventosa carica di drammaticità; non solo l'eterna vicenda delorale, la quale non viene«insegnata», così come noi intendiamo l'emigrante sradicato, ma le condizioni, loro nei discente l'operazione didattica, con un docente ed un tipiche dell'argentina, di un territorio di frontiera». Cfr. a questo proporuoli rispettivi, accomunati da un'azione realizzata ad hoc, in via «sito BEVIONE, op. cit., pp e ne traduzio della sperimentale (ciò avrebbe comportato la vittoria G. PARISI, Storia degli italiani in Aro la conservazione «accademica» del linguaggio speciale), ma gentina, Roma, Voghera editore, 1907, «si impara da sé», osservando e imitando. La formula appresa p Sull'emigrazione stagionale, detta significa accettazione nel gruppo,. assumendo il valore di inizia- golondrina (rondinella) dagli argentini, e definita la Lingera dai vecchi piemonzione. tesi stabilitisi nelle province dei cereali, il se soltanto Un meccanismo del genere entra in funzione cfr. BEVIONE, op. cit., pp gruppo originario, portator e dell'innovazione linguistico-iudica, esercita un fascino sulla comunità, cioè se l'innovazione è dotata di prestigio 16 Solo in questo caso il possesso dell'innovazione viene esibito, e trova nella comunità terreno favorevole per socializzarsi. Anche la diffusione di un gioco di carte può funzionare insomma in maniera analoga alla diffusione di un'innovazione linguistica, Quanto al prestigio, possiamo richiamare la funzione educatrice che fu propria dell'emigrazione, «gran scuola dell'intelligenza» 17 Le esperienze acquisite e raccontate, il possesso di rudimenti di una lingua straniera in un ambiente in cui persino la lingua nazionale era poco conosciuta, magari il denaro ricavato dal lavoro all'estero, l'aver girato il mondo, erano tutti elementi che contribuivano a determinare un'accre sciuta stima nella comunità. Di qui forse l'esibizione dello spagnolo tra i reduci come s~g~o di uno status particolare, quasi con valore di linguaggio di nconoscimento e d'intesa. Di qui anche il gusto di imparare quel gioco con quel linguaggio da parte di coloro che l'esperienza e:cezionale dell'emigrazione non avevano avuta. Il gioco parlato diventava così per i rimpatriati un modo di stare assieme pubblicamente; l'impara rlo era per gli altri un modo di farsi simili a l?r?. Si aggiunga l'interesse mantenu to sempre vivo, la periodica nv1talizzazione, per il carattere continuo del rapporto con l' Argentina da parte di queste comunità: ciò non soltanto per la presenza dei rimpatri ati veri e propri, ma, credo, anche per il fenome~o degli stagionali, che emigravano sistematicamente tutti gli anm per la campagna del grano in Sud America nel periodo invern~l~ della «morta» agricola 18 Tutto questo avveniva in comu-. mta per altri versi assai statiche e conservative, isolate. Dove il 89

9 forestierismo è conosciuto ed identificato normalmente, dove si è'abituati al rapporto con l'esterno, lo stesso gioco del Trucco, se esiste, ha potuto più facilmente tradursi: così a Genova, nel cui porto si fanno ancora oggi gare, ma dove la gran parte dei termini spagnoli ha lasciato il posto ai corrispondenti dialettali liguri. Evidentemente quella comunità possedeva in modo più chiaro il concetto di «traduzione». Nella cultura contadina il contatto produce più facilmente il mistilinguismo. Entrando in relazione con realtà esterne, geografiche e culturali (eventualmente con la letteratura sotto forma, 90 " Cfr. in REvELLI, op. cit., vol. I pp , le citazioni eli frasi strani e: re da parte eli un prigioniero in Austria durante la grande guerra; cfr. anche vol. I, p. 104 e vol. II, pp Quanto alla «misura concreta'» di «altro» della burocrazia e dei libri n che so, di melodramma, o magari con il latino della chiesa o con il mondo della burocrazia) ne vengono spesso riportati con meticolosa attenzione lacerti linguistici. In parte dò è frutto di una misura concreta nell'approccio con le cose, ma soprattutto gioca una scomposizione analitica di quanto viene incontrato, descritto, compreso. Si può indicare in parallelo la tecnica della narrazione orale, la quale procede per episodi ed elementi dettagliati ed irtelati, che all'ascoltatore estraneo a quella cultura risultano talora difficili da legare sinteticamente. Nel canto si procede (almeno nel tipo epico-lirico settentrionale) per stazioni, per tappe successive, composte in gran parte di dialogo. Anche nel racconto orale ha spesso parte rilevante il dialogo riportato, citato, nel quale può trovar posto, senza paura di adattamenti, la frase straniera, dando luogo ad un tipo particolare di mistilinguismo 19 L'apprendimento del gioco straniero mi pare sia avvenuto seguendo queste stesse linee, attraverso la memorizzazione analitica di frasi e gesti, suggellandone un'unione duratura. L'espressività del Trucco si concentra in una serie di formule da impiegare in determinate situazioni rituali, così come il canto popolare è costituito da formule gravitanti attorno a nuclei tematici fissi ed a «situazioni» narrative. Il modesto reperto costituito da un gioco di carte importato dagli emigrati trova così la sua collocazione all'interno di una cultura di min.oranza. stampati ritornano, e ritornano altrettanto puntualmente i «paesaggi misurati». Il mistilingnismo si accentua nel caso eli testi scritti in italiano popolare: si pensi alle lettere dei prigionieri di guerra raccolte da Spitzer. Quanto proprio del canto popolare, ed al suo formulismo linguistico, si veda l'articolo di G. L. BECCARIA, Convenzionalità linguistica e alterità ideologica nella letteratura degli ultimi: la canzone popolare narrativa, in «Sigma» XI ( 1978), cui parlavo, si veda nella testimonianza-racconto eli M. Costamagna, citata nella nota 13, l'abbondanza di dati (cifre, rese, misure agricole), che danno luogo ad un paesaggio non «descritto», ma «tnisurato». In un'area geografica diversa si vedano le interviste dei Contadini del Sud raccolte da Rocco ScoTELLARO, in cui i fenomeni di mistilinguismo con il linguaggio al problema del procedere a stazioni

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica?

1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? RISPOSTE ALLE DOMANDE DEL CAPITOLO 3 1. Come si distinguono i tre modi di analisi del suono in fonetica? I modi di analisi del suono sono tre: il percettivo, l'acustico e l'articolatorio. Possiamo ricondurre

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CARIBBEAN POKER. Come si gioca

CARIBBEAN POKER. Come si gioca CARIBBEAN POKER INDICE Caribbean Poker 2 Il tavolo da gioco 3 Le carte da gioco 4 Il Gioco 5 Jackpot Progressive 13 Pagamenti 14 Pagamenti con Jackpot 16 Combinazioni 18 Regole generali 24 CARIBBEAN POKER

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

un gioco di acquisti e costruzioni

un gioco di acquisti e costruzioni un gioco di acquisti e costruzioni Creato da Ben Haskett Illustrazioni di Derek Bacon La storia........ 2 Obiettivo del gioco........ 3 Componenti... 3 Preparazione..... 4 Come giocare...... 6 Carte costruzione.........

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli