DELL ARCHITETTURA LA STORIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELL ARCHITETTURA LA STORIA"

Transcript

1 LA STORIA DELL ARCHITETTURA 2012 Rusconi Libri srl 2012 CREABOOKS packagers snc Ideazione e impaginazione: Donatella Bergamino, Cristina Bacigalupo Testi: Marco Scuderi, Samantha Cenere Consulenza redazionale: Donatella Bergamino, Silvia Canevaro Ricerca iconografica: Cristina Bacigalupo TUTTI I DIRITTI RISERVATI Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta in copia o trasmessa in alcuna forma e con alcun mezzo elettronico, fotocopia, disco o altro modo, senza autorizzazione scritta dell editore.

2 Sommario 1 IL MONDO ANTICO Architettura preistorica Grotte, bivacchi e capanne Palafitte e prime costruzioni in pietra Dolmen e menhir Dal villaggio alla città antica Mesopotamia: i primi villaggi La civiltà dell Indo Centri urbani hittiti: Hattusa Ziggurat e templi assiri Mura e fortificazioni antiche Babilonia e il palazzo di Sargon Torre di Babele e giardini pensili La città siro-palestinese Architettura persiana Architettura indiana La Cina e la Grande Muraglia Civiltà della Mesoamerica L antico Egitto Le piramidi egizie Architettura templare e palazzi dei faraoni Le tombe della Valle dei Re

3 6 S O M M A R I O 7 Architettura minoica e micenea Creta e il palazzo di Cnosso Micene e Tirinto GRECIA, ROMA E ALTRI MONDI L architettura greca Età arcaica Ordini e canoni Età classica e Magna Grecia Il tempio greco L acropoli di Atene e il Partenone Il teatro greco L età ellenistica Acropoli e altare di Pergamo Alessandria d Egitto Etruria e Lazio La città etrusca Il tempio etrusco L architettura romana Strade, ponti e acquedotti Il tempio romano: il Pantheon Teatro, anfiteatro e circo romano Il Colosseo Basiliche romane Terme e ville romane Foro romano, rostri e colonne L insula romana La città di Pompei Dal Medio all Estremo Oriente La cupola della Roccia Cina Giappone Architettura bizantina Costantinopoli e Santa Sofia Edifici sacri a Ravenna La basilica paleocristiana L eredità bizantina Architettura islamica Archi e cupole islamiche Dalla Persia all India Russia e mondo slavo IL MEDIOEVO Il mondo medievale La città medievale Castelli e fortificazioni Gli edifici pubblici Architettura merovingia, longobarda e preromanica Architettura romanica Il monastero: Cluny Il romanico in Francia Il romanico in Italia

4 8 S O M M A R I O 9 Il romanico inglese e tedesco Architettura civile e militare Architettura gotica La cattedrale gotica: Chartres Il gotico nell Europa del Nord Il gotico nel Sud dell Europa Il tardo gotico L ETÀ MODERNA Il Rinascimento Leon Battista Alberti Il palazzo e la villa La chiesa rinascimentale Brunelleschi e il duomo di Firenze La prospettiva Bramante Michelangelo e la basilica di San Pietro Il Rinascimento in Europa Il Barocco Gian Lorenzo Bernini Francesco Borromini Urbanistica e palazzi barocchi Barocco italiano e europeo Il Settecento Architettura rococò Neoclassicismo Architettura palladiana e georgiana Il neogotico L Ottocento Influenze neoclassiche e neogotiche negli Stati Uniti Il modernismo L ETÀ CONTEMPORANEA Il Novecento Liberty, Jugendstil e Modern Style Architettura in Francia: Gustave Eiffel Antoni Gaudì Il Bauhaus e Walter Gropius Grandi metropoli, grattacieli e ponti Costruttivismo russo Il futurismo Architettura fascista Architettura organica: Frank Lloyd Wright Le Corbusier Architettura oggi A cavallo del Le ultime tendenze Glossario essenziale Indice analitico Bibliografia

5 IL MONDO ANTICO

6 Architettura preistorica a.c. Si fa risalire all età del bronzo l epoca in cui l uomo iniziò ad erigere le prime opere architettoniche, alcune delle quali, grazie anche alla loro imponenza, sono sopravvissute fino ai giorni nostri. Tali monumenti, definiti megaliti (dal greco megas, grande, e lithos, pietra ), sono costituiti da pietre di enormi dimensioni. A seconda della disposizione dei blocchi di pietra, infissi nel terreno o sovrapposti e accostati tra loro, queste opere vengono distinte in dolmen, menhir, nuraghi e cromlech. La maestosità di queste I megaliti presentano varie forme: quella più semplice e diffusa è il menhir, una pietra grezza infissa nel terreno. Forme più complesse prendono il nome di dolmen e cromlech. opere hanno da sempre attratto la curiosità degli studiosi che hanno elaborato le ipotesi più varie circa la funzione cui erano destinate e i sistemi utilizzati per erigerle. Il ritrovamento di simboli magici simili nei vari complessi megalitici ha fatto pensare a una loro destinazione funebre o rituale, mentre altri studiosi hanno avanzato l ipotesi che venissero utilizzati per marcare il territorio. Monumenti preistorici sono stati ritrovati soprattutto in Inghilterra, sulle coste del Mediterraneo, sulle Alpi e in Francia. Il cromlech di Stonehenge si trova nella pianura di Salisbury (Gran Bretagna) ed è stato eretto intorno al 3200 a.c., l epoca in cui in Egitto si costruivano le piramidi.

7 14 A R C H I T E T T U R A P R E I S T O R I C A G R O T T E, B I V A C C H I E C A P A N N E 15 1 Oldowan, tipico utensile utilizzato nell età della pietra. Le prime capanne venivano costruite intrecciando tra loro rami e canne, resistenti ma anche molto flessibili. La rappresentazione di animali, eseguita sui muri delle grotte con colori naturali, aveva lo scopo di propiziare la caccia. GROTTE, BIVACCHI E CAPANNE PARLANDO DEI NOSTRI ANTENATI PREISTORICI NON SI PUÒ PARLARE DI UNA VERA E PROPRIA ARCHITETTURA, INTESA COME DISCIPLINA CHE SI OCCUPA DELLA PROGETTAZIONE E DELLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO. GLI UOMINI DEL PALEOLITICO UTILIZZAVANO COME ABITAZIONI DEI SEMPLICI RIPARI OFFERTI DALLA NATURA, QUALI GROTTE E CAVERNE. SOLO SUCCESSIVAMENTE ESSI INIZIARONO AD APPLICARSI ALL ALLESTIMENTO DI BIVACCHI E ALLA COSTRUZIONE DI VILLAGGI DI CAPANNE. Grotte e caverne: primi luoghi dell arte Vengono definite grotte tutte quelle cavità che si sono prodotte naturalmente in una roccia a seguito dell erosione causata dagli agenti atmosferici o chimici. Generalmente si suole distinguerle in grotte verticali e grotte orizzontali; all interno di queste ultime è particolarmente evidente la caverna, una cavità piuttosto ampia, cui è possibile accedere dall esterno. Grotte e caverne furono usate dai primi uomini non solo a scopo abitativo, ma anche come luoghi destinati alla celebrazione di rituali, come dimostrano le numeroso pitture ru pestri rinvenute. Famose sono le grotte di Lascaux e Altamira le cui decorazioni sono un documento importante della pittura murale del paleolitico superiore. Il masso di Borno, rinvenuto nel 1953 in Valcamonica, risale, insieme ad altre rocce e steli ricche di incisioni rupestri, all età del rame. Il masso si può ammirare oggi nelle sale del Museo Archeologico di Milano. Grotte preistoriche scavate nella roccia: rappresentano le prime antiche tracce della presenza dell uomo. Sito preistorico di Cucuruzzu nella Corsica del sud. Si tratta di un vero e proprio borgo-fortezza risalente all età del bronzo. Venne edificato con grandi blocchi di roccia granitica impilati uno sull altro. Venere di Laussel, bassorilievo su pietra rinvenuto in una grotta nei pressi dell omonima città (in Dordogna). La capanna, prima architettura dell uomo Le prime semplici costruzioni a cui l uomo del paleolitico si dedicò furono capanne, fatte di foglie, rami, ossa o pelli animali. Oltre a distinguersi per il materiale con cui erano fabbricate, si differenziavano anche a seconda della pianta, che poteva essere quadrata, ovale o tonda; erano costruite o conficcando alti pali nel terreno, su cui veniva poi disposto il materiale scelto per la copertura, o disponendo pietre sovrapposte. Lo spazio all interno era spesso organizzato in zone, la più importante delle quali era il focolare. La capanna era il ricovero tipico delle popolazioni nomadi, che, durante gli spostamenti, allestivano anche accampamenti notturni all aperto detti bivacchi. Ricostruzione della tipica grotta verticale, i cui ambienti sono usati come rifugio e come deposito-magazzino per custodire armi e viveri. Tetti paleolitici Il ricorso alla paglia come materiale di rivestimento dei tetti è una tecnica nata nel paleolitico, ma sfruttata ancora oggi: la paglia, infatti, è un ottimo materiale isolante. capanna preistorica con tetto in paglia Villaggi preistorici I villaggi paleolitici, costruiti nei pressi di zone di caccia, erano composti da numerose capanne, di solito disposte in cerchio. Le capanne dei villaggi preistorici presentavano per lo più una pianta ovale o circolare. I L M O N D O A N T I C O

8 16 A R C H I T E T T U R A P R E I S T O R I C A P A L A F I T T E E P R I M E C O S T R U Z I O N I I N P I E T R A 17 1 PALAFITTE E PRIME COSTRUZIONI IN PIETRA NEL CORSO DELLE LORO RICERCHE, GLI ARCHEOLOGI HANNO SCOPERTO I RESTI DI COSTRUZIONI LA CUI STRUTTURA ERA MAGGIORMENTE ELABORATA: ESSE ERANO COSTITUITE DA PIETRE SOVRAPPOSTE E DISPOSTE IN VARIO MODO OPPURE DA PALI, INFISSI SUL FONDO DI BACINI LACUSTRI O LUNGO CORSI D ACQUA, SU CUI L utilizzo della pietra: sistemi costruttivi Le prime costruzioni in pietra si distinguono per la particolare tecnica con cui i vari blocchi venivano tenuti insieme: non era utilizzato, infatti, alcun tipo di collante e per garantirne la stabilità si sfruttava il peso stesso dei blocchi. I resti di queste imponenti costruzioni, come dimostra il ben conservato complesso nuragico di Barumini (Sardegna), testimoniano come esse siano state più volte riutilizzate e ampliate nel corso dei secoli. La panca di Barumini Nel complesso c è una panca circolare in pietra con al centro un bacino lustrale per i riti. POI ERANO POSATE PIATTAFORME DI LEGNO. QUESTO TIPOLOGIA ABITATIVA VIENE Dalla disposizione delle capanne all interno del villaggio palafittico è possibile ricostruire una sorta di gerarchia sociale vigente tra gli abitanti, stabilita in base al ruolo ricoperto da ciascuno. Il nuraghe La Prisciona (Arzachena, Sardegna) si compone di una torre principale e di due secondarie racchiuse da un bastione e da un ulteriore cinta muraria. FATTA RISALIRE ALL ETÀ DEL BRONZO, COMPRESA TRA IL 3500 E IL 1200 A.C. CIRCA. L evoluzione della palafitta nel neolitico Le palafitte erano abitazioni edificate nei pressi di laghi o grandi fiumi o sui loro fondali: erano costruzioni sopraelevate dal terreno, sostenute da pali, tutte realizzate in legno, canne, fango e argilla. In genere di forma rettangolare erano talvolta suddivise in più ambienti interni. Erano riunite in villaggi abitati da più famiglie, spesso difesi da fossati e recinti. Questo tipo di casa aveva lo scopo di proteggere i suoi abitanti dagli animali feroci e dai nemici. Il nuraghe Asoru, presso Cagliari, presenta un alta torre centrale a base tronco-conica, i resti di due torri esterne e un cortile interno. Il complesso nuragico di Barumini (Medio Campidano, Sardegna). Il nuraghe Losa, presso Abbasanta (Oristano, Sardegna), ha una struttura complessa, di tipo trilobato, ma è privo di cortile interno. I nuraghi in Sardegna I nuraghi, grandi torri in pietra di forma tronco-conica, sono costruzioni preistoriche caratteristiche della Sardegna e risalenti al II millennio a.c. circa. La loro funzione è a tutt oggi incerta: alcuni studiosi sostengono fossero prevalentemente utilizzati a scopo militare e difensivo, mentre altri credono che ve nissero adibiti a luoghi di culto come i templi. statuetta in bronzo di un guerriero nuragico Tipologie di nuraghi Diffusi sia lungo la costa sia sugli altipiani interni della Sardegna, i nuraghi sono di due tipi: semplici, con una torre isolata e piccoli vani adiacenti ad essa, e complessi, con tanti vani sovrapposti su due o più livelli raccordati da scale a spirale e da gallerie. A volte sono inseriti entro sistemi fortificati più complessi e turriti. La Stonehenge sarda Pranu Mutteddu è una necropoli neolitica prenuragica il cui impianto ricorda Stonehenge. Bronzetti nuragici Queste statuette raffigurano capi tribù, dèi, guerrieri, pastori e armi della civiltà nuragica.

9 18 il sito megalitico di Stonehenge A R C H I T E T T U R A P R E I S T O R I C A D O L M E N E M E N H I R 19 1 DOLMEN E MENHIR LE STRUTTURE MEGALITICHE LASCIATECI IN EREDITÀ DAI NOSTRI ANTENATI DEL NEOLITICO HANNO DA SEMPRE AFFASCINATO GLI STUDIOSI E LA GENTE PER LE LORO ENORMI DIMENSIONI E PER LA PARTICOLARE TECNICA UTILIZZATA PER LA LORO COSTRUZIONE. Gerald Hawkins, fu costruito per prevedere eclissi solari e lunari; per alcuni archeologi fu un luogo di riunione e di scambio; altri sostengono si trattasse di un luogo sacro, destinato al culto del Sole e usato per favorire le guarigioni. Nel 1986 è stato dichiarato Patrimonio mondiale dell Unesco. Pietra del tallone Detta anche tallone del frate, questa pietra di Stonehenge lega il nome a una leggenda: il diavolo, trasportando dei massi a Salisbury, incontrò un frate che lo minacciò di rivelare come le pietre fossero giunte fin lì; così il diavolo gli scagliò sul tallone una pietra, che poi si conficcò nel suolo. A Drizzlecombe, in Gran Bretagna, sono state rinvenute varie costruzioni in pietra, tra cui un enorme menhir che raggiunge un altezza di 4,3 m. Vista del complesso megalitico di Stonehenge, attorno al quale sono fioriti miti e leggende. Giganteschi monoliti: i menhir I menhir, termine che in bretone significa pietra lunga, sono monumenti costituiti da un unica pietra di notevole grandezza, infissa nel terreno e a volte decorata con tratti antropomorfi o raffigurazioni di armi. Essi erano presumibilmente dei monumenti di carattere religioso, eretti singolarmente, a file o a cerchio. Particolarmente noti sono quelli ritrovati in Sardegna, Gran Bretagna e Francia. Nei pressi di Salisbury, in Gran Bretagna, è stato ritrovato il complesso megalitico più famoso del mondo: Stonehenge, il cui nome letteralmente significa recinto di pietra. Esso, infatti, è costituito da una serie di monoliti disposti in più anelli attorno a 5 triliti centrali e a un ipotetico altare. Questi enormi massi furono ricavati da montagne distanti anche 200 km, trasportati in loco con slitte o imbarcazioni e fatti scivolare in buche scavate nel terreno. Diverse sono state le ipotesi formulate circa la funzione del complesso megalitico: per l astronomo La costruzione di Stonehenge, a forma circolare e del diametro di qualche decina di metri, per alcuni racchiude riferimenti astronomici. La disposizione circolare delle pietre di Stonehenge ha fatto supporre che il sito avesse funzione sacra e fosse sede di riti religiosi. Dolmen rinvenuto nel nord della Germania. Questa tipologia di struttura è diffusa anche in Francia, Inghilterra, Irlanda e Spagna. I dolmen, tombe preistoriche Il termine dolmen, anch esso di origine bretone, significa tavola di pietra; esso indica la pesante lastra di pietra che veniva posta orizzontalmente, senza l ausilio di alcun legante, su altri massi infissi nel terreno. La loro funzione era quella di tombe, individuali o collettive. Sono diffusi in modo particolare in Francia, Gran Bretagna, Sardegna e Puglia con caratteristiche simili. Le pietre di Stonehenge hanno una disposizione esatta che segnala equinozi e solstizi, fatto che ha indotto alcuni studiosi a credere che questo complesso fosse un osservatorio astronomico. L anello di Brodgar Simile a Stonehenge, è un complesso di megaliti del diametro di 104 m nella più grande delle isole Orcadi (Scozia). Anche di questo sito non si sa con certezza che funzione avesse. Il centro del cerchio non è mai stato scavato dagli archeologi né è stato scientificamente datato, ma si crede che sia stato costruito intorno al 2500 a.c. I L M O N D O A N T I C O

10 Dal villaggio alla città antica a.c. La nascita delle prime città si può far risalire alla fine del IV millennio a.c. e ha riguardato una parte specifica e limitata del mondo antico: in particolare l Egitto lungo il fiume Nilo, la Mesopotamia tra il Tigri e l Eufrate, la Cina lungo il Fiume Giallo e l India lungo il corso dell Indo. L origine delle città antiche va collegata allo sviluppo dell agricoltura irrigua, il cui sistema richiedeva un coordinamento dei lavoratori su territori piuttosto vasti; questa esigenza indusse a instaurare forme di organizzazione sociale complesse, estese e ramificate sul territorio, che trovarono il loro effettivo compimento nella nascita delle prime città. I caratteri distintivi delle prime forme urbane sono essenzialmente due: la concentrazione spaziale e la complessità dell organizzazione sociale. Nelle prime città, sorte in Mesopotamia e nell antico Egitto, possiamo già ritrovare in nuce uno degli elementi costitutivi di ogni civiltà urbana: il valore polifunzionale delle opere architettoniche, ossia la distinzione degli edifici in base alla loro destinazione d uso. Manca invece ancora del tutto una concezione dello spazio urbano. Durante gli scavi attorno all imponente nuraghe La Prisciona di Arzachena (Gallura, Sardegna), è stato riportato alla luce un enorme villaggio costituito da semplici capanne. Bassorilievo del dio della guerra sulla Porta del Re di Hattusa. L originale si trova al Museo delle Civiltà Anatoliche di Ankara.

11 22 D A L V I L L A G G I O A L L A C I T T À A N T I C A M E S O P O T A M I A : I P R I M I V I L L A G G I 23 1 MESOPOTAMIA: I PRIMI VILLAGGI LA FERTILE TERRA TRA I DUE FIUMI HA VISTO IL SUCCEDERSI DI VARIE POPOLAZIONI CHE HANNO DATO VITA A FORME DI CIVILTÀ URBANA EVOLUTE. I PRIMI, NEL CORSO Stendardo di DEL IV MILLENNIO A.C, FURONO I SUMERI E GLI ACCADI. DELLE ARCHITETTURE Ur: pannello ligneo intarsiato ritrovato IN MATTONI D ARGILLA RESTA TUTTAVIA BEN POCO. QUESTO NON IMPEDÌ in una tomba sumera PERÒ LA COSTRUZIONE DI STRUTTURE MONUMENTALI COMPLESSE. risalente al 2500 a.c. Ricostruzione della pianta di Ur, in cui è visibile, a destra, il monumentale palazzo-tempio, la ziggurat, con struttura a terrazzi. sopotamiche è Ur, l antica capitale: essa rappresenta un classico esempio di città sumera a griglia quadrata, circondata da due cerchia di mura concentriche, all interno delle quali si sviluppavano strade e piazze. Strutture abitative Stando alle ricostruzioni fatte dagli archeologi, le abitazioni delle prime cittàstato erano a due piani, in mattoni di argilla dipinta, con tetti piani e finestre piccole. Rappresentazione di un re dei Caldei, popolo che penetrò nel sud della Mesopotamia a partire dal XIV secolo a.c. antica tavoletta sumera Busto maschile, oggi conservato al Museo del Louvre di Parigi, raffigurante un antico sovrano di Ur. Le città-stato sumere I Sumeri sono i fondatori delle prime grandi città mediterranee, citate persino nelle Sacre Scritture. Lo sviluppo urbano di questa civiltà, caratterizzato, a partire dal 2900 a.c. circa, dalla nascita delle prime città-stato, è affiancato e sostenuto da uno straordinario fermento culturale e artistico testimoniato da vari reperti e statue rinvenuti durante gli scavi. La scrittura più antica La scrittura cuneiforme, di cui abbiamo testimonanza nelle numerose tavolette di terracotta rinvenute, pare aver preceduto ogni altra forma scritta ed era insegnata ai figli dei nobili, mediante un educazione molto rigida, allo scopo di formare i futuri scribi del Tempio. La capitale Ur Le dimensioni imponenti delle città hanno fatto guadagnare alla civiltà sumera l epiteto di monumentale. Le tracce più consistenti di questa civiltà e la maggior concentrazione di reperti, quali tavolette, statue o vasi finemente lavorati sono stati ritrovati dagli archeologi nella bassa Mesopotamia, a Uruk e Ur. Una delle principali testimonianze dell antico splendore delle città me- vaso di Warka Lotte tra città-stato L insieme delle varie città-stato sumere non arrivò mai a costituire un unica entità: gli scontri tra città-stato per il controllo delle acque, di terreni fertili e delle materie prime furono una costante per buona parte del III millennio a.c. L arte della guerra era ben nota a questo popolo: ai Sumeri si deve, infatti, la più antica rappresentazione di uno schieramento a falange su una stele, detta degli avvoltoi, risalente al 2500 a.c. circa e oggi conservata al Museo del Louvre a Parigi. Il monolite fu eretto come monumento celebrativo in occasione di una vittoria del re di Lagash. Un ulteriore testimonianza dell arte bellica è l elmo cerimoniale d oro del principe Meskalamduk, rinvenuto negli scavi a Ur. Il cosiddetto vaso di Uruk o vaso di Warka, scolpito in alabastro, rappresenta una delle più antiche opere superstiti della scultura narrativa in rilievo. la stele degli avvoltoi raffigura la falange sumera Le divinità Le divinità erano connesse alle forze della natura e ai suoi elementi: di Dumuzi, il dio della vegetazione, ci sono giunte alcune rappresentazioni nelle quali è raffigurato mentre sfama due pecore. elmo d oro di Ur I L M O N D O A N T I C O

12 24 D A L V I L L A G G I O A L L A C I T T À A N T I C A L A C I V I L T À D E L L I N D O 25 1 Rappresentazione di un antico carretto, uno dei numerosi reperti rinvenuti negli scavi tra Harappa e Mohenjo-Daro. LA CIVILTÀ DELL INDO NEL 1992 UN ARCHEOLOGO INDIANO INDIVIDUÒ IN PAKISTAN I RESTI DI UN ANTICA CITTÀ IN MATTONI: FU QUESTO L INIZIO DI UNA SERIE DI RITROVAMENTI CHE HANNO PORTATO ALLA LUCE UNA STRAORDINARIA CIVILTÀ, PROSPERATA LUNGO LA VALLE DELL INDO TRA IL IV E IL II MILLENNIO A.C. Stele con una rappresentazione di Shiva, divinità popolare della trinità induista. un idea di una società per l epoca molto evoluta. Dalle rovine di entrambi i siti appare chiaro un rigoroso impianto urbanistico, caso ec cezionale per un periodo così antico. Le due città erano probabilmente ciascuna la capitale di un regno, con case disposte a scacchiera, strade a incrocio ortogonale e un sistema avanzato di fognature. Gli scavi hanno portato alla luce vari resti e hanno consentito di ricostruire lo schema di Mohenjo-Daro: la città Statuetta in bronzo di danzatrice (Mohenjo-Daro) munita di bracciali. era suddivisa in due aree, la cittadella e la città bassa, quest ultima, molto estesa, aveva uno schema a griglia ed edifici con tetto a terrazza, un tipo di copertura molto diffuso nel subcontinente indiano. Civiltà agricola e tranquilla Gli scavi non hanno individuato alcuna struttura palaziale o templare; questo fatto, unito al ritrova- Harappa e Mohenjo-Daro Assieme a quella mesopotamica e dell antico Egitto, la civiltà della valle dell Indo è una tra le più antiche del mondo. Grazie agli scavi che hanno riportato alla luce i resti di due imponenti aree urbane, Harappa e Mohenjo-Daro, sappiamo però che essa conobbe uno sviluppo urbano molto più precoce rispetto alle altre. Queste città avevano tracciato regolare, un acropoli e una città bassa, e spesso erano dotate di articolati si- Gli scavi di Mohenjo-Daro consentono di individuare due settori distinti, la cittadella e una città bassa. Nella prima si trovava una struttura a forma di vasca in mattoni e uno stupa. L antica Lothal Lothal è un sito della civiltà della valle dell Indo, che si trova sulla costa del golfo di Cambay, nello stato indiano di Gujarat. Il porto di Lothal connetteva la città all antico corso del Sabarmati, lungo le vie commerciali tra i vari centri harappani. Lothal fu scoperta nel da S.R. Rao, ed è il sito harappano che ha il maggior numero di sigillature e sigilli. giocattolo con ruote e testa di capra Ricostruzione della pianta di Mohenjo-Daro, il cui nome significa collina dei morti. Durante gli scavi sono stati portati alla luce case, granai e un bagno pubblico oltre a svariati reperti in metallo e ceramica, soprattutto sigilli. I resti di Mohenjo-Daro, città che era dotata di infrastrutture, servizi e di una rete fognaria paragonabili a quelli di una città moderna. I resti, portati alla luce dagli scavi, dell antica Harappa: si calcola che contasse almeno abitanti, numero incredibilmente elevato per l epoca. La città era cinta da mura spesse 12 m alla base. stemi idrici. Numerosi sono i manufatti rinvenuti, come le statuette in terracotta, o i modellini di giocattoli e le statuette votive; alcuni tra questi sono più elaborati e di maggiori dimensioni, quali la statua del re-sacerdote. Questi elementi hanno consentito agli archeologi di farsi La cosiddetta statua del re-sacerdote testimonia l elevato livello artistico della cultura sviluppatasi in Harappa e Mohenjo-Daro. mento di sepolture molto semplici, prive di oggetti funebri di particolare pregio, ha indotto a pensare che questa civiltà non conoscesse una netta divisione di classi. Anche se le città erano munite di fortificazioni, questi popoli erano probabilmente pacifici e dediti all agricoltura, fatto confermato dall assenza di tracce di attività militare. Giochi di terracotta Dagli scavi sono emersi diversi manufatti in terracotta. Tra questi, anche oggetti che si possono considerare tra i primi giocattoli della storia: dotati di ruote, riproducono con grande realismo diversi animali. I L M O N D O A N T I C O

13 26 D A L V I L L A G G I O A L L A C I T T À A N T I C A C E N T R I U R B A N I H I T T I T I : H A T T U S A 27 1 Rilievo risalente al periodo neohittita in cui è raffigurato un principe bambino affidato alle cure della sua nutrice (Museo del Louvre, Parigi). CENTRI URBANI HITTITI: HATTUSA L IMPERO HITTITA, SVILUPPATOSI DAL NORD DELLA MESOPOTAMIA, AI CONFINI DELL ODIERNA TURCHIA, FECE SENTIRE IL SUO PESO POLITICO E MILITARE FINO IN EGITTO. LA STORIA TUTTAVIA, ALMENO FINO ALL INIZIO DEL NOVECENTO, AVEVA PERSO QUASI TOTALMENTE LE TRACCE DI QUESTO ANTICO POPOLO GUERRIERO. Un popolo misterioso Le tracce del popolo hittita si erano quasi totalmente perse nella storia, almeno fino al 1880, anno in cui un archeologo britannico, Archibald Henry Sayce, avviò le sue ricerche. Gli Hittiti fecero la loro comparsa in Anatolia agli inizi del III millennio a.c., scontrandosi con le popolazioni autoctone. Poco si sa della loro provenienza, l unica cosa certa è che si insediarono inizialmente nella zona nord-orientale della penisola per poi Ricostruzione della pianta dell antica Hattusa, circondata da possenti mura. espandersi e dominare tutta la fascia che separa l Anatolia dalle pianure della Mesopotamia. Il fondatore dell Impero fu Hattusilis I, da cui prese il nome la capitale da lui edificata, Hattusa, che fortificò, facendone il centro del suo potente regno. Il carro da guerra hittita Proprio nel periodo espansivo iniziò a diffondersi tra le popolazioni di quest area l allevamento del cavallo e un tipo speciale di carro a due ruote: questo mezzo raggiunse un tale grado di perfezione che si trasformò in carro da guerra e si diffuse presto in tutto il mondo antico. Aveva infatti il vantaggio di poter trasportare tre persone, caratteristica che lo rendeva una macchina da guerra micidiale: ne fecero le spese anche le truppe egiziane di Ramesse II, costrette a un armistizio. Hattusa Il sito di Hattusa è un esempio notevole di organizzazione urbana. L impianto della città sorgeva a ridosso L antica capitale hittita si estendeva in un ampia gola rocciosa guardando verso nord su un ampia valle coltivata. La sede, assieme alle imponenti fortificazioni, aiutava la difesa dai nemici. della montagna ed era circondato da grandi mura, lungo le quali si aprivano cinque porte. Poco distante da Hattusa sono stati ritrovati i resti del santuario rupestre di Yazilikaya (in turco, roccia scritta ), decorato con spettacolari bassorilievi, quali la processione dei dodici dèi. Gli scavi hanno portato alla luce interessanti manifestazioni delle arti minori, quali amuleti o stendardi votivi realizzati in oro o argento. Eflatun-Pinar Un ulteriore testimonianza dell imponente architettura hittita è il santuario di Eflatun- Pinar, in Turchia. Il sito è una combinazione di una sorgente e un monumento che ha il suo fulcro nel bassorilievo con le divinità della Terra e del Cielo. stendardo votivo Peculiarità dell architettura hittita L architettura hittita si avvaleva perlopiù della pietra e, nello specifico, di basalto, un materiale durissimo e diffuso in Turchia. I palazzi hittiti mostrano come caratteristica peculiare una pianta asimmetrica, mentre gli edifici sacri presentano un caratteristico vestibolo colonnato (che verrà poi ripreso dall architettura assira) ed erano dotati di finestre basse. I siti hittiti (circa 70) sono tutti concentrati nell attuale Turchia, nella zona ad est di Ankara. La ricostruzione della città di Hattusa A partire da sinistra: la Porta del Guerriero della citta di Hattusa; la Porta dei Leoni, sempre ad Hattusa; i bassorilievi del santuario rupestre di Yazilikaya; infine, un particolare del santuario hittita presso la sorgente di Eflatun-Pinar (Turchia). Gli scavi archeologici avviati a inizio Novecento, e che sono tutt ora in corso, hanno consentito di elaborare un attendibile ricostruzione della città di Hattusa. Le poderose mura cittadine erano interrotte da 5 porte con torri (tre delle quali decorate con sculture: quelle dei Leoni, del Guerriero re e delle Sfingi). Al centro della città si ergeva la cittadella dalla quale sono emersi anche i resti di un antico palazzo reale. I L M O N D O A N T I C O

14 28 D A L V I L L A G G I O A L L A C I T T À A N T I C A Z I G G U R A T E T E M P L I A S S I R I 29 1 Assiri che portano tributi agli Egizi. Si tratta di un immagine tratta dall Enciclopaedya biblica di fine 800 e testimonia i contatti tra queste due antiche civiltà. Bassorilievo del re Sargon II mentre riceve a udienza un suo dignitario. L opera è databile intorno al 713 a.c. e si trova nell immenso palazzo reale ( 200 stanze e 30 cortili interni) del re a Dur-Sharrukin, oggi Khorsabad in Iran. ZIGGURAT E TEMPLI ASSIRI LA MESOPOTAMIA HA VISTO AVVICENDARSI, NEL CORSO DI DUE SECOLI, VARIE CIVILTÀ TRA CUI QUELLA ASSIRA. GLI ASSIRI ERANO UN POPOLO DI PASTORI E GUERRIERI E LE LORO CITTÀ FORTIFICATE NE RISPECCHIAVANO LA NATURA DI FEROCI COMBATTENTI. ENTRO LA CERCHIA DELLE MURA SI ERGEVA UN ELEMENTO COMUNE A TUTTE LE CIVILTÀ MESOPOTAMICHE: LA ZIGGURAT. Scontri tra civiltà La Mesopotamia ha visto nel corso dei secoli succedersi e scontrarsi tra loro varie popolazioni: gli Assiri, che presero il nome dalla loro città-stato Assur, si stanziarono inizialmente nell area settentrionale; famosi come ziggurat di Ur spietati guerrieri, battaglia dopo battaglia si imposero su tutta la regione, sconfiggendo Babilonesi e Aramei, dei quali assorbirono però la cultura: in diverse manifestazioni artistiche e architettoniche di questi popoli si possono, infatti, individuare svariati tratti comuni. Le ziggurat assire Alcuni resti templari rinvenuti nell odierno Iraq attestano che la struttura della ziggurat assira non differisce da quelle presenti nelle altre civiltà mesopotamiche: a pianta quadrangolare, costituite da più piattaforme sovrapposte, ciascuna raggiungibile mediante scalinate o rampe che partivano da quella sottostante. Era invece diversa la finalità: gli Assiri costruivano le ziggurat non per elevarsi il più possibile verso il cielo, ma per consentire ai loro dèi di scendere verso il mondo degli uomini. Gli dèi della mitologia assira sono in genere esseri dall aspetto spaventoso, metà uomini e metà animali. Il tempio a gradoni è un elemento architettonico comune a tutte le civiltà della Mesopotamia, come si può vedere da un veloce raffronto tra la ricostruzione di un tempio caldeo (sotto a destra) e la ziggurat di Ur, capitale sumera (a sinistra). l odierno Iraq. La tecnica prevedeva l uso dello scalpello in ferro che garantiva maggior precisione rispetto a quello in bronzo, usato fino ad allora, La tecnica del bassorilievo Oltre a essere famosi come feroci combattenti, gli Assiri mostrarono una grande perizia dal punto di vista artistico. Erano apprezzati in particolare i loro bassorilievi, che adornavano le mura dei palazzi reali, come quello di Sargon II rinvenuto nele consentiva di ottenere vivide e dettagliate rappresentazioni. Un esempio è il bassorilievo con scribi che annotano il numero di prigionieri, risalente all VIII secolo e proveniente dal palazzo di Tiglatpileser III a Nimrud. Egli è considerato uno dei comandanti di maggiore successo della storia di questo popolo e conquistò prima della sua morte la maggior parte del mondo fino ad allora conosciuto dagli Assiri. Gli scavi della città di Nimrud hanno portato alla luce anche magnifiche opere di oreficeria che testimoniano l elevata capacità artistica raggiunta. Nel palazzo di Ninive si possono ammirare enormi lastre di alabastro sulle quali abili scalpellini assiri riprodussero scene guerresche e altre figure tipiche dell iconografia assira. Bassorilievo raffigurante due scribi che annotano il numero di prigionieri sconfitti dai soldati del potente esercito assiro durante una campagna militare. una ziggurat dell Elam esempi di mastaba Ziggurat e mastaba La mastaba (in arabo panca ) è un particolare tipo di tomba egizia, a tronco di piramide, usata nelle prime fasi di questa civiltà. Trae le sue origini dalle ziggurat, strutture templari a gradoni diffuse in Mesopotamia. Ciò che le differenzia è la presenza, sotto il corpo centrale della mastaba, di una cripta sotterranea: nelle ziggurat, invece, la cella templare si trovava alla sommità dell edificio. Per gli archeologi le piramidi sono l evoluzione delle più antiche mastabe.

15 30 D A L V I L L A G G I O A L L A C I T T À A N T I C A M U R A E F O R T I F I C A Z I O N I A N T I C H E 31 1 MURA E FORTIFICAZIONI ANTICHE L EDILIZIA A SCOPO MILITARE SI SVILUPPA DI PARI PASSO CON LA STORIA DELL UOMO E SI CONFIGURA IN GENERE COME UN INSIEME DI SISTEMI FORTIFICATI, A DIFESA DI VASTI TERRITORI, La cittadella di Erbil (Iraq) è una delle più antiche città abitate del mondo. Fondata dagli Hurriti, è passata poi sotto il dominio di svariate potenze regionali. Cadde anche in mano di Assiri e Persiani. Ricostruzione del tempio mesopotamico di Khafagia (III millennio a.c.), circondato da possenti mura difensive di forma ovale. DI CITTÀ, O ANCHE DI AGGLOMERATI DI MINORI DIMENSIONI. I TESTI ANTICHI HANNO TRAMANDATO L ESISTENZA DI LEGGENDARIE FORTIFICAZIONI: LE MURA DI GERICO, APPARENTEMENTE INVIOLABILI, E QUELLE DI TROIA CHE FURONO ESPUGNATE SOLO GRAZIE A UNO STRATAGEMMA. La cittadella di Erbil Erbil (o Arbil) è la quinta città più grande dell Iraq, nel cuore della quale è tutt ora visibile l antica cittadella fortificata, le cui mura dominano il centro cittadino. Le origini dell insediamento sono antichissime (6000 a.c.), e si ha per la prima volta notizia della città in alcuni testi sumeri del 2000 a.c. La città di Bam (sud-est dell Iran) prima del sisma che la distrusse nel Dalla cittadella era possibile ammirare la cinta muraria. La città-fortezza di Bam Resti di antichi centri fortificati sono presenti anche nell odierno Iran meridionale. La città di Bam, quasi totalmente distrutta da un violento terremoto nel 2003, venne costruita con mattoni di fango e argilla, tronchi di palma e paglia lungo la Via della Seta prima del 500 a.c. Tra il XVI e XVII secolo a.c., al massimo del suo splendore, contava abitanti e si estendeva su 6 km 2 di superficie. Era fortificata da possenti mura, spesse 6-7 m, intervallate da 38 torri. L egiziana Semna Semna, nell area dell antica Nubia, era una città fortificata fondata nel corso della XII dinastia ( a.c), probabilmente dal faraone Sesostri III. La città si ergeva sulla sponda occidentale del Nilo, Ricostruzione della pianta della fortezza di Semna, con il suo impianto a L. I resti sono stati sommersi dopo la costruzione della diga di Assuan (Egitto). fronteggiata, sulla sponda opposta, da un altra fortezza egiziana: Kumna. La posizione, al confine tra Nubia ed Egitto, era ideale per arrestare i tentativi delle popolazioni nubiane di spostarsi a sud. Quila Mubarak Nel cuore della città di Bathinda, uno dei più antichi insediamenti del Punjab, in India, si erge la fortezza di Quila Mubarak: alcune fonti ne hanno descritto l impianto originario, risalente con buona probabilità al periodo di Harappa. I mattoni della struttura risalgono a un periodo antecedente l Impero kushan, quando l imperatore Kanishka governava sul Nord dell India e la Battriana. Il forte con ogni probabilità fu fatto costruire dal raja Dab e dal sovrano Kanishka. L aspetto attuale risale invece a una ristrutturazione di 1900 anni fa circa. Le imponenti mura della fortezza di Bam, con le possenti torri di guardia, prima del terribile terremoto del L Unesco l ha inclusa tra i patrimoni dell umanità. Difese naturali Per rendere inaccessibili i propri insediamenti, gli antichi sfruttavano la particolare conformazione di alcuni siti: Naqsh-e Rostam (Iran), per esempio, dove Dario I e i suoi successori hanno voluto le loro tombe costruite all interno di pareti rocciose scolpite con bassorilievi e iscrizioni celebrative. Lo Yerkapi La costruzione più alta di Hattusa (Turchia), città hittita protetta da mura di pietra, è lo Yerkapi, la cui vetta si può raggiungere salendo ripidi gradini di pietra. Nel centro della città di Erbil sono ancora oggi visibili le ciclopiche mura, che circondano l antica cittadella. Vista esterna delle fortificazioni di Quila Mubarak, considerata monumento storico nazionale dell India. I L M O N D O A N T I C O

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE ANCO MARZIO, ROMA INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO STORIA DELL ARTE

LICEO CLASSICO STATALE ANCO MARZIO, ROMA INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO STORIA DELL ARTE INDIRIZZO CLASSICO, CLASSE V GINNASIO Arte dell età paleocristiana: - catacombe di Roma: struttura, temi della pittura, sarcofagi - schema della basilica a Roma (S. Pietro) e Ravenna (S. Apollinare, S.

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F IC Conti JESI Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F CENTRO- PERIFERIA Mappa Concettuale CENTRO PERIFERIA = SPAZI GERACHICIZZATI con SCAMBIO INEGUALE caratterizzati dall intercambiabilità

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c.

età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. L et età nuragica dal 1800 a.c. al 500 a.c. Appunti per la preparazione all incontro con Antonello Pellegrino, autore del romanzo Bronzo Cagliari 1 Fasi del Nuragico I fase: 1800-1500 (bronzo antico Cultura

Dettagli

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali

I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi e micenei e le loro differenze strutturali I palazzi cretesi Gli scavi successivi condotti dallo stesso Evans a Cnosso e da altri archeologi a Festo, Haghià Triada, Mallia, Gurnià, Zacros

Dettagli

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento

º 1. Perché sono necessari il sistema di riferimento Gli uomini e la storia º 1. Che cos è la storia 1 º 2. Le coordinate della storia: il tempo e lo spazio 2 º 3. Le molte domande della storia 4 º 4. Il documento 5 º 5. Il mestiere dello storico 6 º 6.

Dettagli

Bello! VERSIONE MISTA STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali Integrativi

Bello! VERSIONE MISTA STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali Integrativi Dionisio Castello Daniele Castello Bello! STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Schede facilitate sul contesto storico-culturale Il mio capolavoro La mappa dei concetti chiave Le parole che ho imparato

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono

Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono . Storia dell arte L arte antica Le principali testimonianze della cosiddetta «arte primitiva» sono andate perse nel corso del tempo. Dell arte preistorica (fino al 3000 a.c.) ci sono giunte le figure

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Il mio libro di storia

Il mio libro di storia Il mio libro di storia INIZIA a.s. 2013/2014 maestra Valeria Famà Indice Sumeri Assiri Mesopotamia Gli Egizi Babilonesi Il mio laboratorio di storia La valle dell'indo La civiltà cinese Gli Ebrei I Fenici

Dettagli

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola

OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola A.S 2012 2013 OBIETTIVI E CONTENUTI DI ARTE E IMMAGINE nel triennio della Scuola secondaria di primo grado Prof.ssa Isabella Coppola Obiettivi didattici del 1 anno 1. Capacità di vedere osservare e comprensione

Dettagli

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33

LE CIVILTÀ ITALICHE. Scopro le parole. 1 Voyager 5, pagina 33 LE CIVILTÀ ITALICHE La civiltà greca si è sviluppata sulle coste del Mar Mediterraneo; nello stesso periodo nella penisola italica (cioè dell Italia) vivevano altre popolazioni, popoli, che avevano usi

Dettagli

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory Pro trial version www.pdffactory.com Unesco: il castello di Erbil costruito ottomila anni fa dichiarato patrimonio dell Umanità Dopo la guerra del Golfo la città è diventata la capitale politica e culturale del Kurdistan iracheno Erbil (Kurdistan

Dettagli

Prova cantonale di storia

Prova cantonale di storia Ufficio dell insegnamento medio 26 maggio 2014 Prova cantonale di storia Nome Cognome Classe Punti Nota Scuola media di. 1 Cara allieva, caro allievo, oggi svolgerai la prova cantonale di storia che prevede

Dettagli

Storia delle immagini

Storia delle immagini Anno 2004 Massimo A. Cirullo Storia delle immagini 1 arte della preistoria Egitto Creta e Micene Dispensa elettronica in formato PDF per i miei studenti di prima media arte della preistoria e più antiche

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo

Civiltà protostoriche e antiche fra Vicino Oriente e Mediterraneo Università degli Studi di Roma La Sapienza - CdL in Ingegneria per l Edilizia e il Territorio - Rieti Fondamenti di storia dell architettura - a.a. 2012-2013 - Prof. Arch. Cristiano Marchegiani II. Egeo

Dettagli

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti.

Dove non altrimenti indicato, le immagini appartengono all Archivio Giunti. STORIA Testi: Andrea Bachini Impaginazione e redazione: Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale studio associato Progetto grafico copertina: Isabel Rocìo Gonzalez Le illustrazioni sono tratte dai seguenti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO S. BENEDETTO. PROGRAMMA DI STORIA DELL ARTE Svolto nell Anno Scolastico 2013-2014 Classe I^ A

LICEO SCIENTIFICO S. BENEDETTO. PROGRAMMA DI STORIA DELL ARTE Svolto nell Anno Scolastico 2013-2014 Classe I^ A LICEO SCIENTIFICO S. BENEDETTO PROGRAMMA DI STORIA DELL ARTE Svolto nell Anno Scolastico 2013-2014 Classe I^ A INSEGNANTE: Marcella Fariselli LIBRO DI TESTO: Gillo Dorfles Marcello Ragazzi Maria Grazia

Dettagli

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca

greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca greci.notebook September 29, 2015 civiltà greca 1 Le origini Mentre nel Mar Mediterraneo si sviluppava la civiltà cretese in Grecia vi erano molti villaggi e alcune città più importanti. Una di queste

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA. ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi

PROGRAMMA DI STORIA. ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi ANNO SCOLASTICO: 2011/12 CLASSE: 1 B INSEGNANTE: Loredana Renzi PREISTORIA E STORIA Come tutto è cominciato La storia degli esseri umani La geologia La biologia L evoluzione degli organismi Il tempo profondo

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA

PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA ISTITUTODI ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO SCIENTIFICO T. L. CARO CITTADELLA PROGRAMMAZIONE classi: 1^ C; 1^D. A.S. 2007 2008 Materia: E STORIA DELL ARTE Prof. MARISA QUARTA Premessa. Gli obiettivi generali

Dettagli

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE?

LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? LA CIVILTA NURAGICA O SHARDANA E CIVILTA OCCIDENTALE? Da anni sostengo che i Sardi hanno origini occidentali, non orientali come i più credono. Quella sarda è civiltà megalitica e la civiltà megalitica

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché. C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC.

Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché. C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC. Programma scolastico del 2012/13 della classe 1^B opzione scienze applicate. GEOSTORIA Geoarché C.BarberiesR.KohlerE.NosedaM.P.ScovazziC.Vigolini Strumenti dell analisi storica; 1. Studiare il passato:

Dettagli

ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA

ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA ELENCO MATERIALE DI STORIA E GEOGRAFIA Conoscere il mondo (ed. Principato) Le civiltà dei fiumi (ed. De Agostini) L Italia, il mio paese (ed. ATLAS) Avventure e conquiste nei secoli (ed. Confalonieri)

Dettagli

L'Astronomia Megalitica. Stefano Spagocci GACB

L'Astronomia Megalitica. Stefano Spagocci GACB L'Astronomia Megalitica Stefano Spagocci GACB Mappa del Megalitismo Il Megalitismo Il megalitismo, contrariamente ad una diffusa convinzione, non è (solo) un fenomeno nordico. E' diffuso dall'atlantico

Dettagli

ARTE MESOPOTAMICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 3. ARTE MESOPOTAMICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MESOPOTAMICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 3. ARTE MESOPOTAMICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 3. ARTE MESOPOTAMICA LA TERRA IN MEZZO AI FIUMI La Mesopotamia, cioé terra in mezzo ai fiumi, è una vasta regione pianeggiante dell Asia, delimitata dal corso dei fiumi Tigri ed Eufrate (nell odierno Iraq).

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 3 M (anno scolastico 2011/2012) MODULO N 1 Storia dell Arte U.D. 1 - Arte preistorica L

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE S. BOSCARDIN Sede: via Baden Powell, 35-36100 Vicenza - 0444-928688/928488

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE S. BOSCARDIN Sede: via Baden Powell, 35-36100 Vicenza - 0444-928688/928488 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE S. BOSCARDIN Sede: via Baden Powell, 35-36100 Vicenza - 0444-928688/928488 c.f. 80015110242 - c.m. VIIS019008 - e-mail: viis019008@istruzione.it pec: viis019008@pec.istruzione.it

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 2 I (anno scolastico 2010/2011) MODULO N 1 Le rappresentazioni grafiche U.D.

Dettagli

PROGETTAZIONE COSTRUZIONI IMPIANTI. Programma dettagliato di PROGETTAZIONE per la classe quinta

PROGETTAZIONE COSTRUZIONI IMPIANTI. Programma dettagliato di PROGETTAZIONE per la classe quinta PROGETTAZIONE COSTRUZIONI IMPIANTI Programma dettagliato di PROGETTAZIONE per la classe quinta Libro di testo: casa editrice SEI. Autore: Alasia volumi 1A - 2A - 2B -3. TEMA: STORIA DELLA COSTRUZIONE Unità

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57

CRETA e MICENE Vol. I, pp. 48-57 CRETA e MICENE 1700-1400 1400 a.c. La civiltà minoica (dal re Minosse) ) si sviluppa parallelamente a quella egizia e mesopotamica La posizione geografica di è strategica per l area del Mediterraneo Già

Dettagli

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof.

La Grecia classica. DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta. Storia dell arte - prof. Dettaglio del Partenone, Atene La Grecia classica Storia dell arte - prof.ssa Tolosano DELLA CASA Sebastiano OBERTO Marta PITTORI Elisa RAIMONDI Francesco RUBINETTI Greta 480 a. C. I Greci sono sconfitti

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Unità di apprendimento semplificata

Unità di apprendimento semplificata Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero Testo di Amalia Guzzelloni, IP Bertarelli, Milano La prof.ssa Guzzelloni

Dettagli

Facciamo Archeologia. Anno scolastico 2014 2015. (Scuola Primaria)

Facciamo Archeologia. Anno scolastico 2014 2015. (Scuola Primaria) Facciamo Archeologia Anno scolastico 2014 2015 (Scuola Primaria) tel./fax 05741824194- cell. 3939391533 e-mail: didattica@cooperativachora.com - web: www.cooperativachora.com 1 Motivazioni e finalità opera

Dettagli

BELLEI ANDREA BERTELLI LEONARDO FERRACINI ALESSANDRO MANICARDI PIETRO 1 Abstract Pagina Motivazione Pagina 4 Problema Pagina 5 Differenze fra le 2 maschere Pagina 6 Analisi dei reperti Pagina 7-8 Egizi

Dettagli

Turchia - Cappadocia I Camini delle Fate!

Turchia - Cappadocia I Camini delle Fate! Fiaba, allucinazione, arte o realtà? Questi sono i dubbi che l incantato turista prova di fronte al fantastico paesaggio della Cappadocia un arido altopiano a ben 300 Km. Da Ankara, la capitale turca,

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni

Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni Siracusa e Noto anche in Lingua dei Segni LA CATTEDRALE 1. CATTEDRALE Tempio greco nel VI sec. a.c., moschea nel IX sec.d.c., chiesa medievale nei secoli seguenti, presenta la facciata barocca aggiunta

Dettagli

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia.

-Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia e della Geografia. A.S. 2014/2015 Liceo Scientifico G. d Alessandro -Bagheria. Programma di Geostoria-Classe I I Prof.ssa A. Maciocio -Percorso storico/politico: -Due materie a confronto: metodi e strumenti della Storia

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

I POPOLI DELLA MESOPOTAMIA

I POPOLI DELLA MESOPOTAMIA LE NOSTRE MAPPE Dopo aver studiato i popoli della Mesopotamia, nel nostro libro, abbiamo pensato di riassumere i concetti principali di queste civiltà costruendo delle mappe concettuali. Di solito la maestra

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura

San Pietro di Feletto e i suoi dintorni. Arte e Cultura San Pietro di Feletto e i suoi dintorni Arte e Cultura Millenaria Pieve di San Pietro La Pieve di San Pietro, eretta intorno all anno Mille, è uno scrigno d arte e di storia. L ampio porticato ed il campanile

Dettagli

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Rif 374 - CASTELLO GALLENGA STUART Trattativa Riservata CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Perugia - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/374 Superficie: 3500 mq Terreno: 6 ettari Camere: 28 Bagni:

Dettagli

ATTIVITà DIDATTICHE 2015/2016

ATTIVITà DIDATTICHE 2015/2016 TTIVITà DIDTTICHE 2015/2016 Per le strade e i musei di Torino, dall NTICO EGITTO alla MGI del CINEM, dalle TMOSFERE BROCCHE ai PROTGONISTI del RISORGIMENTO: attività ludico-culturali per bambini e ragazzi

Dettagli

Programma di Geostoria

Programma di Geostoria ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C.G L. EINAUDI con sezione associata: Liceo Scientifico di Stato "GIORDANO BRUNO" Via Baccu Arrodas, Muravera Anno Scolastico 2013/2014 Programma di Geostoria Classe

Dettagli

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net

La civiltà greca. scaricato da www.risorsedidattiche.net La civiltà greca I CRETESI Tra il 2.500 a.c. e il 1.500 a.c. nell'isola di Creta fiorì la civiltà cretese. Essa si basava sull'artigianato, e sul commercio. I Cretesi vivevano in città costituite da un

Dettagli

Storia di Alessandria

Storia di Alessandria Storia di Alessandria Alessandria è nata con la lega lombarda nel 1168, nel periodo storico che va sotto il nome di Medioevo. Da tanto tempo, attorno al borgo di Rovereto, ed alla sua chiesa di Santa Maria

Dettagli

1 As - Bs Disegno e Storia dell arte. o dell abitare... Lezione n 8. Alle origini dell arte - Creta - Micene

1 As - Bs Disegno e Storia dell arte. o dell abitare... Lezione n 8. Alle origini dell arte - Creta - Micene Disegno e Storia dell arte o dell abitare... Lezione n 8 Alle origini dell arte - Creta - Micene Modulo di disegno 08 - Proiezioni ortogonali Creta Una vita piena di colore Creta si configura come una

Dettagli

Programma svolto. Storia. Strumenti propedeutici: Significato del termine storia. Fonti e "scienze ausiliarie.

Programma svolto. Storia. Strumenti propedeutici: Significato del termine storia. Fonti e scienze ausiliarie. Liceo Scientifico Statale Gobetti sede Segré di Torino Classe I sez. SC Materia: GEOSTORIA Data: 9/6/2015 Programma svolto Introduzione. Il corso ha previsto essenzialmente lo studio del territorio come

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

Prof. Bianca Petrella Lab. Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Prof. Bianca Petrella Lab. Tecnica e Pianificazione Urbanistica Le civiltà monumentali Gerico: 8000-6000 a.c. Piramidi cinesi Antico Egitto e Mesopotamia Trasporti: imbarcazioni e slitte Polis e civitas Impero romano: rete stradale Ricostruzioni di Atene e Roma L

Dettagli

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua.

Approfondimenti: Lo shaduf: un modo ingegnoso per prelevare l'acqua. ISTITUTO SALESIANO SACRO CUORE (NAPOLI-VOMERO) LICEO CLASSICO E LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO E IT AMMIN. FIN. MARK. PROGRAMMA DI GEOSTORIA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE I LICEO CLASSICO A N.O.

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA

PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Liceo scientifico Federico II di Melfi PROGRAMMA DI STORIA E GEOGRAFIA Classe I sez. B Scienze applicate Anno scolastico 2013-2014 Prof. ssa Brienza Annamaria STORIA ALLE ORIGINI DELL UOMO La Preistoria:

Dettagli

Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015. PROGRAMMA (effettivamente svolto)

Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015. PROGRAMMA (effettivamente svolto) Liceo Artistico Pedagogico Sociale G. Pascoli, Bolzano ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA (effettivamente svolto) Insegnate: Prof. MARCO PINAMONTI Classi: 2E, 3E, 3D, 3P, 4E/D, 4P, 5P, 5E Materia: STORIA

Dettagli

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818

romanico Il termine art roman venne impiegato per la prima volta missiva del 1818 Arte romanica Il romanicoè quella fase dell'arte medievale europea sviluppatasi a partire dalla fine del X secolo fin verso la metà del XII secolo in Francia e nel primo decennio successivo negli altri

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA. Note storiche

INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA. Note storiche INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA Note storiche 16 INTRODUZIONE ALLA SARDEGNA NOTE STORICHE 17 Note storiche Antiche, molto antiche sono le origini della civiltà della Sardegna. I primi uomini la raggiunsero

Dettagli

ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria

ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria ARTISTI DEL PALEOLITICO Dipingere come nella preistoria Attività: La nascita dell arte. Dipingere come nella Preistoria. Destinatari: Classi III - Scuola Primaria Obiettivi: Artisti del Paleolitico è un

Dettagli

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari La città Dalla polis greca alla città ecosostenibile 1 LA POLIS GRECA Dall VIII al IV secolo a.c. In epoca classica la città greca era caratterizzata dalla suddivisione alto/basso: la parte alta corrispondeva

Dettagli

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante Esempi di restauro architettonico Francesco Morante L Arco di Tito L Arco di Tito è uno dei primi e più famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. L arco era stato costruito nel

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato

Turismo Scolastico. Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Turismo Scolastico Emozionarsi viaggiando nel tempo tra le vestigia del passato Parco Archeologico di Roselle e Museo Storico Archeologico della Maremma: Una delle più importanti città della Dodecapoli

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Viaggio di istruzione in NAVE GRECIA CLASSICA ATENE-DELFI-ARGOLIDE-OLYMPIA

Viaggio di istruzione in NAVE GRECIA CLASSICA ATENE-DELFI-ARGOLIDE-OLYMPIA SPECIALE: Viaggio di istruzione in NAVE 7 giorni GRECIA CLASSICA ATENE-DELFI-ARGOLIDE-OLYMPIA NAVE GRIMALDI LINES + BUS GT AL SEGUITO (INCLUSO IMBARCO IN NAVE A/R) DURATA: 7 GIORNI PERIODO : DA FEBBRAIO

Dettagli

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO

PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO PASSEGGIANDO LUNGO LE MURA DI COMO mura, porte, torri e giardini quel che resta di visibile oggi La nostra passeggiata lungo il tracciato delle mura di Como ha inizio dove sorgeva la Porta Sala, allo sbocco

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

Il Trenino. tra Santaa. Società

Il Trenino. tra Santaa. Società www.treninosupramonte.itt La NOVITA DELL ESTATE 20122 Contatti: 389 0643429 / 346 7510190 / 347 8593746 ALLAA SCOPERTA DELL ALTOPIANO DI GOLGO Il Trenino Supramonte sui tornanti mozzafiato della strada

Dettagli

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria

La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria La via degli Etruschi tra Lazio e Umbria Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com -

Dettagli

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria

Museo archeologico. Sezione preistoria/protostoria Museo archeologico Sezione preistoria/protostoria VIAGGIO NELLA PREISTORIA E PROTOSTORIA DAL PALEOLITICO ALL ETÁ DEL FERRO Contenuti: Visita alle sale preistoriche del Paleolitico, Mesolitico e Neolitico,

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

Breve storia della Palestina e Israele

Breve storia della Palestina e Israele Breve storia della Palestina e Israele Nel III millennio a.c. territorio tra Siria e Palestina coincideva con la regione di Canaan commercia con Egitto Anatolia Terra dei Mesopotamia Si insediano popoli

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA

STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA STORIA DELL'ARTE L'ANTICA GRECIA L'antica Grecia era divisa in tante piccole città-stato (poleis) che avevano tutte più o meno lo stesso assetto. La parte alta della città, l'acropoli, era il luogo sacro

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845 Campania illustrata. 1632-1845 TEMPLI E TEATRI L area interessata dalla presenza dei templi è ovviamente quella del foro, quindi è giusto partire dall edificio consacrato a Giove, occupante il lato nord

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Ala dell Arena, particolare. Proposte didattiche

Ala dell Arena, particolare. Proposte didattiche Ala dell Arena, particolare Proposte didattiche Città di Verona (sito iscritto nel 2000) Breve sintesi La città di Verona è situata nell Italia Settentrionale, ai piedi dei Monti Lessini e sulle rive del

Dettagli

Liceo Scientifico Paritario S.G. Bosco Anno Scolastico 2011/2012 Docente: Antonio Paolo Maurandi Disciplina: Disegno e Storia dell Arte CLASSE PRIMA

Liceo Scientifico Paritario S.G. Bosco Anno Scolastico 2011/2012 Docente: Antonio Paolo Maurandi Disciplina: Disegno e Storia dell Arte CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA 1 unità didattica: Strumenti del disegno e composizioni geometriche Uso corretto ed appropriato degli strumenti del disegno. La squadratura del foglio. La scrittura in stampatello. La linea:

Dettagli

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA

IL CASTELLO DI NEBULANO IL PARCO ECO-ARCHEOLOGICO DELL ANTICA CITTA DI PICENTIA IL CASTELLO DI NEBULANO Sorge a 563 metri sul colle omonimo che domina Montecorvino ad occidente ed il nome deriva probabilmente dalla frazione Nuvola posta ai suoi piedi. I ruderi che si vedono oggi sono

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli