TRIPS Dino Nicolia Book Trailer:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIPS Dino Nicolia Book Trailer: http://www.youtube.com/watch?v=og39rpsshha"

Transcript

1 TRIPS di Dino Nicolia Book Trailer: Ogni riferimento a fatti e/o persone reali è puramente casuale

2 2005 LA SETE 31 gennaio Mumbay "Prendi anche l'ultima scatola, Avanish", disse Ekta, rivolgendosi al figlio. Lui la guardò interdetto. Non sapeva dove la madre l'avesse riposta. Si diresse di nuovo verso casa, entrò e, spostando leggermente la tenda, poté scorgerla. Si piegò sulla scatola di cartone, che si trovava proprio dietro la porta di entrata e la afferrò con entrambe le mani. Era pesante e, per poco, non gli sfuggì. "Maledizione!" esclamò Avanish. Fece appena in tempo a spingerla contro il muro, utilizzando le ginocchia, per non farla cadere. Tentò di riprendere stabilità, ma non riuscì a sollevarla. "E ora come faccio?" chiese a se stesso, restando immobile in quella scomoda posizione. Ritenne, allora, di avere sbagliato la presa e decise di riporre nuovamente la scatola per terra. Si rese conto che non avrebbe mai potuto farcela se non l'avesse afferrata per bene. Pensò che il segreto fosse nel lasciare scorrere la mano destra sotto la scatola, in modo da sollevarla leggermente, poi infilare l'altra mano e quindi fare uno scatto, come aveva visto fare ai sollevatori di pesi in televisione. Lui non avrebbe avuto la pretesa di portarsela sulla testa, come facevano i sollevatori di pesi, ma quello scatto sarebbe stato sufficiente per avanzare e giungere fino al vecchio pulmino, parcheggiato di fronte alla casa dello zio. Ekta stava attendendo fuori, mentre Ishan e Bina avevano già preso posto. Si erano seduti sul sedile posteriore. A fatica erano riusciti a ritagliarsi uno spazio striminzito, in mezzo alla risma dei pacchi e degli abiti, sistemati alla rinfusa. In verità, Bina non era neanche riuscita 2

3 a trovare il posto per sedersi comodamente. Al lato aveva dei vestiti sdruciti, caduti da una vecchia valigia di plastica marrone che Ekta e il cognato avevano, inutilmente, provato a chiudere con uno spago. La pressione dei panni aveva allentato lo spago e alcune magliette colorate erano cadute sul sedile. A quel punto, Bina aveva deciso di sedersi sopra le magliette colorate, senza fare molto caso a dove mettesse i piedi. La madre fece finta di non vedere. Non la rimproverò e lei rimase seduta sopra i panni. Ekta non aveva l'energia per rimproverarla. Stanca e disillusa, accettava l'evolversi della propria vita. A nulla sarebbe valso combattere. Era come se nella sua mente si fosse spento il ritmo della quotidianità. Quando Avanish giunse con la scatola di cartone nei pressi del pulmino, Ekta lo aiutò meccanicamente a deporla nel cofano. Anche lì non c'era spazio e dovettero fare una fatica enorme per farla entrare. La spinsero più volte, dapprima, verso destra, poi, verso sinistra. Finalmente riuscirono a trovare il varco giusto per infilarcela. Alla guida del pulmino c'era Namdev, un vecchio amico del cognato di Ekta. Avrebbe condotto ciò che restava di quella famiglia maledetta dalla parte opposta della città, dove la madre e i suoi figli erano riusciti a trovare un buco che li ospitasse. Namdev non tradiva le origini del suo nome. Era un poeta ma non perché scrivesse poesie. Era un poeta per la filosofia di vita che aveva adottato, fin dai tempi in cui amava perdersi nei campi. "La vita é come una margherita, che va sfogliata petalo per petalo", diceva Namdev, quando parlava della sua esistenza. I petali della sua vita non gli avevano dato molto, ma a lui, in fondo, era andata bene così. Gli era bastato sfogliare la sua margherita un petalo alla volta, per provare ad assaporarne il profumo. Quelli che lo conoscevano lo avevano apprezzato per questo. Ekta non lo aveva mai visto prima ma il cognato l'aveva assicurata che del poeta si sarebbe potuta fidare. "Ti darà una mano e, se necessario, ti aiuterà anche a sistemare la tua nuova casa". "Sai bene che non si tratta di una casa", gli aveva risposto Ekta ma il cognato aveva fatto finta di non sentire. Si era voltato e se ne era 3

4 tornato sull'uscio di casa. Dopo essere riuscita a trovare lo spazio per l'ultima scatola di cartone, per Ekta e i suoi figli non restava più niente da fare da quelle parti. Tra quelle mura avevano speso gli anni più belli della loro effimera esistenza, ma per loro non ci sarebbe stato più spazio. Avanish, che esattamente due mesi e due giorni prima aveva compiuto quattordici anni, appariva triste, mentre Ishan e Bina non lo erano. Ishan faceva le boccacce a Bina e Bina le faceva a Ishan. Entrambi facevano le boccacce e ridevano. Avanish, invece, era davvero triste. Nella sua giovane mente scorrevano i ricordi di quella breve vita. Il sorriso del padre, l'abbraccio della madre, la palla da tennis con cui giocava sul prato. Ekta se ne accorse e lo osservò. Aveva sempre avuto a che fare con i ragazzi e aveva imparato a leggerne i sentimenti. "Esiste nell'animo di un adolescente la percezione della fine?" Si chiese. "Non sarebbe logico e neanche coerente". Eppure, il viso di Avanish tradiva il senso della fine. Allora Ekta lo strinse a sé e gli diede un bacio sulla fronte. "Bisogna sempre sperare nel meglio, Avanish". Lo abbracciò ancora una volta e lo aiutò a salire sul pulmino. Avrebbe voluto sedersi davanti, ma Ekta non volle. Gli disse di sedersi dietro e Avanish lo fece. "Mi sembra che tutto sia stato caricato", osservò Namdev. "Si, si è tutto qui dentro", sospirò Ekta. La donna volse lo sguardo verso il cognato. Avrebbe voluto abbracciarlo, sebbene nutrisse un forte risentimento nei suoi confronti. "Allora, andiamo in marcia ", affermò Namdev, sorridendo. Avanish guardò Namdev, si girò dal lato delle mura, che stava abbandonando e poggiò la testa sul vetro. I capelli neri, schiacciati, ne ammorbidirono l'impatto. Tra quelli che partivano e quelli che restavano si apriva un baratro, che non sarebbe mai più stato colmato. Tutti ne avevano consapevolezza. Si scambiarono degli sguardi, poi si salutarono con la 4

5 mano, evitando qualsiasi contatto tra di loro. Ekta si sedette davanti, al lato di Namdev, che partì, facendo un cenno di saluto. Il vecchio amico fece qualche passo indietro, rinculando nuovamente sull'uscio. Vi rimase fin quando il pulmino di Namdev non sparì dal suo orizzonte visivo. Poi rientrò in casa, si sedette su una sedia nel piccolo cortile antistante e bevve. Faceva caldo e lui aveva sete. Bruxelles Erano da poco passate le quattro del pomeriggio ed Enzo Faramelli aveva sete. "Continuo a mozzicarmi la lingua. Invece, avrei bisogno di bagnarmi le labbra", sospirò. Aveva due opzioni possibili, una Coca-Cola al pian terreno oppure una birra al Wild Geese. Nel primo caso sarebbe dovuto uscire dall'ufficio, prendere l'ascensore, scendere tre piani, attraversare un lungo corridoio e giungere in caffetteria, dove avrebbe avuto la sua bibita preferita. Nel secondo caso, avrebbe dovuto attendere ancora un paio d'ore, fare parzialmente lo stesso percorso, uscire dall'edificio, attraversare Rue Joseph II ed entrare al Wild Geese. Rue Joseph II si snoda lungo noiosissimi palazzi di marmo, vetro e cemento, al centro di un quartiere senza anima, composto per l'ottanta per cento da uffici. Quando scende la notte, non resta nulla del vociare del giorno. E quando scende la nebbia sulla notte di Bruxelles, i noiosi palazzi di marmo si confondono nel grigio. Solo le luci del Wild Geese gli forniscono ossigeno per respirare. Non ci fosse il pub irlandese, si potrebbe perfino vedere il cappio al collo, che soffoca la strada e i suoi impavidi residenti. Enzo Faramelli, sorprendentemente, scelse la seconda opzione. Nonostante avesse sete, decise di attendere ancora due ore, prima di bere. Anzi, scelse di attendere due ore, proprio perché aveva sete. Il paradosso della scelta calzava a pennello sulla sua figura. Enzo associava la sete alla birra e quando aveva veramente sete non pensava ad altro che alla birra. Il Wild Geese, nel deserto di Rue Joseph II, lo 5

6 avrebbe aiutato a compiere il paradosso della sua scelta. A mezzogiorno e mezzo aveva mangiato una pizza intera alla Riviera, insieme a Javier Gonzales e Damien Kudada. Durante il pranzo aveva bevuto dell'acqua liscia ma, alle quattro, la sete gli era tornata prepotente. Nessuno dei suoi colleghi avrebbe potuto sospettare che Enzo avesse tanta sete. Solo chi ne ha tanta riesce a percepire la sensazione della sete degli altri. E solo chi non riesce a soddisfarla ne teme la sensazione quando arriva. Non era il caso di Enzo. Non era neanche il caso dei suoi colleghi. Sapevano che avrebbero potuto soddisfare la sete come avrebbero voluto. Enzo continuò a lavorare tranquillamente nel suo ufficio, facendo crescere il desiderio. Lo fece ancora per due ore, come aveva previsto. Alle sei in punto spense il computer e si alzò dalla sedia ergonomica, che aveva fatto portare apposta per alleviare i maledetti dolori alla schiena, che lo tormentavano dall'età di venti anni. La accostò alla scrivania e si mise in cammino. Doveva prendere l'ascensore, scendere tre piani e imboccare la porta d'uscita. In ascensore incrociò Jean Marc Brunet. I due si conoscevano. L'ufficio di Jean Marc non era lontano dal suo. Li separavano due porte, che davano entrambe sulle scale che, nessuno aveva mai utilizzato per scendere da un piano all'altro. Una volta era capitato che avessero discusso della conferenza di Copenhagen su Competizione industriale e apertura di nuovi mercati. Avevano preso parte alle riunioni preparatorie e, giunti a Copenhagen, si erano confrontati sui paesi terzi. Jean Marc gli aveva chiesto cosa lui intendesse per paesi terzi. Enzo gli aveva risposto, senza cadere nell'ipocrisia del politically correct. "Sono gli stati sfigati che, purtroppo per loro, non fanno parte del circolo virtuoso degli eletti europei. Si trovano alle porte dell'europa, distanti lo spazio sufficiente per sentire l'odore del benessere". "Possono vedere ma non toccare". "Esattamente!" 6

7 Avevano parlato anche di concorrenza industriale e nuovi mercati, perché entrambi avrebbero dovuto preparare un briefing per il giorno successivo e avevano necessità di coordinare i loro input. Nonostante avessero avuto modo di parlare, quando Enzo entrò in ascensore e vide Jean Marc, non disse nulla. I due si ignorarono completamente. Enzo preferì fissare lo specchio, che aveva di fronte, mentre Jean Marc seguì la luce gialla posta sulla porta, che illuminò, dapprima il quattro, poi il tre, il due, l'uno e, infine, lo zero. Non si salutarono neanche di fronte alla porta d'uscita La varcarono continuando a ignorarsi, proprio come due perfetti sconosciuti. "Che strana sensazione quello specchio!" sospirò Enzo. Era abituato alle strade, alla polvere, alla puzza di gasolio, alle officine scalcinate. Si era sempre perso e ritrovato, senza mai guardarsi dentro. L'uomo amava fermarsi nelle bettole e nei piccoli alberghi, a ridosso delle frontiere e tra i faccendieri. Enzo amava tutto quello che il suo Mediterraneo rappresentava fuori dagli stereotipi e lontano dalle cartoline per i turisti. Il Mediterraneo lo aveva marchiato. Solo lui che c'era nato poteva averlo dentro. Il mare e il sole erano connaturati alla sua coscienza. La concezione della vita di Jean Marc non era tanto diversa da quella di Enzo ma nessuno dei due lo sapeva. Jean Marc era nato nel nord della Francia, quella che i niçoises neanche conoscono, immaginandola triste e piovosa, fredda e sconsolata. I francesi del sud la qualificano senza esserci mai stati. Eppure quella Francia è molto più mediterranea della Côte d'azur. La gente parla, sorride, sa riconoscere l'ora del tramonto senza restarne abbagliata. Sarebbe stato nella natura di entrambi salutarsi e discutere. Eppure non lo fecero, lasciando prevalere un misterioso senso di riservatezza, che solo Bruxelles è capace di trasmettere. Se Enzo avesse incontrato Jean Marc da qualche altra parte del mondo, avrebbe certamente chiacchierato con lui. A Bruxelles, invece, riuscì ad ignorarlo, pur trovandosi a pochi centimetri di distanza. In quegli attimi di silenzio, gli tornarono in mente i vicoli del Mediterraneo, dove conta ancora il tempo perso al tavolino e il non fare niente per percepire se stessi. La paura del vuoto non si avverte e non c'è la necessità di riempire tutti gli spazi. A Bruxelles, ogni attimo, 7

8 ogni silenzio, ogni luogo deve essere riempito di azioni, di suoni o di merci da produrre e, poi, consumare. Uscì dall'ascensore subito dopo Jean Marc e si diresse verso l'uscita. Intravide il capo pelato dell'usciere calabrese. "Quando vai in Calabria?" gli chiese Enzo. "Purtroppo solo in estate, dottore", gli rispose l'usciere, che se ne stava seduto dietro il bancone dell'entrata, come se fosse al comando di una nave. "Dovresti dare più valore al riposo", gli fece notare Enzo, che, intanto, aveva appoggiato la mano destra sul bancone. "Non c'è tempo, dottore". "Ecco, la disponibilità del tempo " "Il tempo, ci manca il tempo, dottore". "Tempo, spazio, calma sono beni persi nel tempo, resi sempre più scarsi e che proprio per questo dovrebbero rappresentare i nuovi status symbol. Dovrebbero essere i nuovi beni di lusso ai quali dovrebbero accedere quelli che stanno bene. Ma avere più tempo libero è davvero qualcosa che ognuno di noi debba augurarsi?" chiese Enzo, sviluppando un monologo, che solo lui era capace di intendere. L'usciere rimase interdetto, non sapendo cosa avrebbe dovuto e potuto rispondere. "Sarebbe meglio non affidare questi interrogativi ai sociologi. Meglio affidarli a Pascal", aggiunse Enzo "Come dice, dottore?" domandò l'usciere, sempre più interdetto. "Che chi vuole riempire tutti i vuoti, spesso lo fa per evitare di restare solo con se stesso". "Io ci resterei volentieri. Solo con me stesso, intendo. Se potessi, ovviamente " "E perché non lo fai?" "Mia moglie, i bambini non è facile". "E, invece, dovresti trovare il tempo per te stesso". 8

9 " E poi il lavoro i soldi " "Ah, il lavoro Ti assicuro che molti si rifugiano nella medicina del lavoro per evitare di restare soli con loro stessi. Sono quelli che non avrebbero neanche bisogno di lavorare". "Beati loro", concluse l'usciere calabrese. Il tempo libero è soprattutto dialogo con se stessi, ma é come la libertà di parola. Una volta ottenuta occorre che sia utilizzata per dire qualcosa. La disponibilità di tempo è una benedizione per pochi e una maledizione per molti. In fondo, se Enzo avesse trovato il tempo di riflettere, avrebbe potuto scoprire, suo malgrado, che si trattava di una maledizione anche per lui. Aveva lasciato la quiete della provincia per il dinamismo di Bruxelles, temendo che il suo piccolo paese lo potesse costringere a pensare. A Bruxelles, invece, il tempo per pensare non lo aveva mai trovato. Si svegliava la mattina presto, si precipitava al lavoro, ingurgitava un caffè durante una pausa volante, sbocconcellava un panino davanti al video del suo computer, correva a casa, sudava un paio d'ore in palestra, faceva un salto al supermercato, preparava in fretta la cena e, poi, usciva di nuovo per una serata al cinema, a teatro oppure in discoteca. La sera crollava, esausto. "Perché non riscoprire il valore positivo dell'ozio e metterlo al centro di uno stile di vita più sostenibile?" chiese Enzo all'usciere, che non gli rispose. Enzo avrebbe dovuto porre quella domanda soprattutto a se stesso. Nel mondo che aveva scoperto a Bruxelles, dominato dall'etica del lavoro, dall'efficienza, dai martellanti messaggi che incitano a fare, produrre, guadagnare, consumare, il non atto dell'ozio veniva considerato quasi un atto sovversivo, rivoluzionario. Avrebbe dovuto porre quella domanda soprattutto a se stesso perché da tempo aveva iniziato ad avvertire l'esigenza di riappropriarsi del proprio tempo e di percepire il profumo della libertà di vivere la vita che si vuole fare. Liberi da capi, salari, pendolarismo, consumi e debiti. Perché allora porre quella domanda all'usciere di origini calabresi? Era l'unico che lo salutava, pur non conoscendone il nome. L'uomo nella cabina di comando della nave era diverso da Jean Marc 9

10 Brunet. Era ormai un belga mediterraneo, benché lui si dichiarasse italiano ed Enzo avesse considerato come vera la sua dichiarazione. L'Italia l'aveva conosciuta attraverso il racconto della madre. Ci andava in vacanza d'estate, tre settimane in Calabria nel mese di agosto. Diceva di essere italiano perché durante il campionato europeo di calcio, aveva fatto il tifo per l'italia, anche quando la squadra italiana aveva incrociato sul suo cammino la Nazionale belga. Enzo lo aveva interpretato come un atto di fede e aveva pensato che la soffice morbidezza dell'essenza mediterranea si fosse ben conservata sotto la crosta nordica. Si sarebbe volentieri fermato a discutere più a lungo, se avesse potuto. Però, andava di fretta. Aveva sete e doveva soddisfare la sua percezione. Aveva trascinato la sua sete per due ore e non aveva più la forza fisica per aspettare di bagnarsi le labbra. Il Wild Geese era a portata di mano. Altri cinque minuti, compresi i tempi morti spesi tra l'ordinazione e la rimessa della birra direttamente al tavolo, e si sarebbe finalmente dissetato. Percorse il cammino che lo separava dalla birra, a passo svelto. Entrò al Wild Geese e si sedette al primo tavolo che trovò libero. "Can I help you?" Le chiese la cameriera irlandese. "Una birra, fredda e bionda come quella signora", rispose Enzo, indicandola con il dito. La cameriera irlandese gli portò la birra. Subito dopo avergliela versata nel bicchiere stretto e alto, gli mostrò lo scontrino. Enzo, prima ancora di tirare fuori le monete per pagare, bevve la birra e si sentì rinascere. La butto giù in due soli sorsi. Pensò che l'attesa fosse stata ricompensata. Qualche minuto dopo, poté abbandonare il Wild Geese per ritrovarsi di nuovo nella strada senza anima. Mumbay Nel pomeriggio, Avanish scese in strada. Non conosceva ancora nessuno nel suo nuovo quartiere. Tirò la palla contro il muro di pietre ma non rimbalzò. Provò ancora una volta ma l'effetto fu lo stesso. Rinunciò a tirare la palla e si sedette in un angolo, con le spalle 10

11 appoggiate al muro di pietre. Gli apparve strano, deforme, come se non avesse un'anima. Ebbe nostalgia della vecchia casa ma, soprattutto, ebbe nostalgia di suo padre che non c'era più. Era morto da quasi un mese e non c'era stato un solo giorno che non avesse pensato a lui. Lo ricordò come un uomo dolce, capace di trasmettergli il gusto per le cose che possono piacere agli altri. Ricordò che il primo giorno di scuola lo aveva tenuto per mano. Allora, si portò la mano destra su quella sinistra. La strinse per provare a rivivere le sensazioni di quel giorno. Chiuse gli occhi per renderle ancora più vere ma, pochi attimi dopo, l'effetto si dissolse. Avanish aprì gli occhi e riprese contatto con la realtà. Si alzò in piedi e scagliò nuovamente la palla con rabbia contro il muro. Anche Ekta aveva pensato ogni giorno al marito. Da giovane era stata una bellissima ragazza, con la carnagione scura, gli occhi neri grandi, i capelli lunghissimi, lisci e neri. Elegante e aggraziata. Quando studiava all'università era stata innamorata di un suo compagno di studi. Ora non ne ricordava più neanche il nome. Lo frequentò per quasi un anno, fin quando la madre, una sera di aprile, le disse che insieme a suo padre avevano scelto per lei un altro uomo. madre. "Perché?" domandò alla madre. "Perché non sei solo tu a sposarti". "Spero che mi piaccia". "Ti piacerà". Alla fine, accettò serenamente la scelta dei genitori. "Se piace a te, piacerà certamente anche a me", riferì alla Le due famiglie organizzarono il matrimonio. La nonna, madre di suo padre, decorò le partecipazioni due giorni prima. Appose un cordoncino dorato, legato in fondo da un fiocchetto rosso, simbolo di buon augurio. La prima facciata della partecipazione, che rappresentava una scena di matrimonio, era simile a una miniatura incisa in oro e polvere rossa. "Vai da tua madre", le consigliò la nonna, "non perdere tempo qui con me". 11

12 Stava arrivando il futuro sposo e Ekta e la madre lo avrebbero accolto sulla porta. Prima, però, avrebbero dovuto preparare i dolci di benvenuto. "Cucina quelli con il miele, il burro fuso, le banane e il riso per accoglierlo nel migliore dei modi", gli suggerì la nonna. lei". "Non sono facili da fare", commentò Ekta. "Per questo ti ho detto di andare da tua madre. Fatti aiutare da Ekta fece una smorfia di disappunto. La nonna la rassicurò. "Anche tua madre non sapeva prepararli. Le ho fatto vedere io come si fa e ora lei lo farà vedere a te". Il futuro sposo giunse a casa di Ekta a cavallo. Erano le quattro del pomeriggio. Lei aveva cucinato i dolci con il miele, il burro fuso, le banane e il riso per accoglierlo nel migliore dei modi, così come le aveva proposto la nonna. Non era stato facile ma sua madre l'aveva aiutata. Il futuro sposo, dopo essere sceso da cavallo, salutò la madre, il padre e la nonna di Ekta. Finalmente si avvicinò alla sua futura moglie e le prese la mano. La sera prima delle nozze, Ekta si ritrovò con le amiche. "Scommetto che la prima cosa che ti chiederà sarà di fare un lungo viaggio in Europa", affermò Amita. "Non credo me lo chiederà. In Europa ci va per lavoro". "Lui ci andrà per lavoro e tu per piacere", la interruppe Amita, provocando l ilarità delle altre ragazze. Anche Ekta sorrise. Poi aggiunse: "Non è importante. A me non interessa tanto l Europa". "Però ti piacerebbe viaggiare?" Domandò Kusuma. "Non lo so", replicò Ekta. "Sarebbe un modo per conoscervi. Io ritengo di avere veramente conosciuto mio marito durante il viaggio in Rajasthan. La gente si svela completamente quando viaggia", aggiunse Rama, che era la meno giovane tra tutte. 12

13 "Vuoi dire che chi non viaggia non conoscerà mai suo marito?" "No, non sono tanto sciocca". "Vuole dire che chi viaggia conosce meglio", provò a spiegare Kusuma. "Chi viaggia si libera della maschera che indossa e mostra se stesso". "Un marito che resta a casa e non viaggia indosserà sempre una maschera", esclamò provocatoriamente Amita. "Non lo so, non lo so", rispose Rama, "mi state imbarazzando con le vostre osservazioni. Io volevo semplicemente dire che il viaggio svela la vera natura degli uomini". Smisero di parlare di viaggi e di uomini e ripresero a mangiare. L aria calda della sera inteneriva il pane e ammorbidiva il riso. Il giorno successivo Ekta e il suo sposo celebrarono il matrimonio sotto una tettoia. Faceva molto caldo e non avrebbero resistito se si fossero esposti direttamente al sole. Lo sposo indossava un vestito bianco, al collo alcune ghirlande di fiori. Dai capelli gli scendeva sulla fronte un ornamento d'argento, che si andava a posare tra le due sopracciglia. Ekta vestiva un sahari bianco, finissimo, di toussour di seta con bordi in oro. Dalla madre, era stata ricoperta di monili di oro, parte della sua dote. Ghirlande di fiori e ornamenti in oro sulla fronte. Gli sposi vennero unti con unguenti profumati e polvere di zafferano. Fu ovviamente acceso il fuoco sacro, simbolo del Dio Honi, vicino al quale erano stati posti un vaso d'acqua e una pietra. Ekta e suo marito fecero un giro intorno al fuoco, compiendo il rito dei sette passi. Il marito, infine, toccò il cuore di Ekta, legandole il mangala subrabandhana al collo. La cerimonia fu molto lunga. Alla fine, entrambi gli sposi non desiderarono altro che riposare. Da quel matrimonio nacquero tre figli. Dapprima Avanish e, dopo qualche anno, Ishan e Bina. Ekta, in particolare, li aveva tanto desiderati e avrebbe voluto 13

14 goderseli a lungo. Invece, le cose non andarono come avrebbe sperato. Scoprì la malattia del marito ancora prima che il marito stesso ne venisse a conoscenza. I risultati delle analisi le furono comunicati dal medico dell'ospedale. "In questi casi preferisco parlarne dapprima con un congiunto e, solo nel caso venga esplicitamente autorizzato, ne parlo direttamente con il diretto interessato", affermò il medico. "Ne parli prima con me", confermò Ekta. "I risultati delle analisi sono inequivocabili. Suo marito ha contratto il virus". Ekta scoppiò in lacrime. "Non si deve disperare. Proveremo a curarlo", tentò di rassicurarla il medico. Ekta, invece, continuò a piangere. Era consapevole che le parole del medico rappresentavano una sentenza di morte. "Sarò io a parlarne con mio marito", propose Ekta. Non lo fece. Pensò che sarebbe stato come farlo morire prima del giorno che il destino gli aveva dato in sorte. Sapeva che non sarebbe stato possibile curarlo. Non in India. Forse da qualche altra parte del mondo. Quando fece ritorno a casa, nascose gli esiti delle analisi al marito ma, quando la situazione iniziò chiaramente a degenerare, non poté non confidargli il suo terribile segreto. "Dovrai lottare con tutte le tue forze, perché il male che è in te proverà a sopraffarti". "Non so quante forze mi siano rimaste". "Non importa quante te ne siano rimaste. E importante lottare". "Si deve lottare quando c è una speranza di vincere. Tu pensi che io abbia una speranza?" "Si deve lottare sempre e comunque. Non conta il risultato della battaglia quanto la tensione che ci metti. Il giorno in cui esalerai l ultimo respiro non dovrai rimproverarti di non avere lottato". 14

15 Il giorno dell ultimo respiro giunse puntuale. Il marito di Ekta morì non senza potere dire di avere lottato fino alla fine. Anche Avanish sapeva che suo padre aveva lottato. Promise a se stesso che avrebbe ricordato per sempre quella lezione. Nel quartiere, tutti sapevano e tutti aspettavano il giorno della sua morte. Anche suo fratello attendeva il giorno della morte. Si trattava di un fatto ineluttabile, che non si sarebbe potuto evitare. Non si conosceva il giorno e l ora, ma prima sarebbe accaduto e meglio sarebbe stato per tutti. Per la precisione, Avanish seppe che suo padre sarebbe morto il diciotto aprile Aveva solo dodici anni. Ekta, sua madre, lo prese in disparte e gli disse: "Ormai sei grande. È giusto che tu sappia". Avanish ascoltava le parole della madre benché non ne comprendesse le ragioni. Non capiva perché gli stesse dicendo che fosse grande, ma si sentì fiero di esserlo. Di fronte allo sguardo smarrito di Avanish, Ekta non seppe fare altro che prenderlo tra le braccia. "Tuo padre ci lascerà tra qualche tempo. Sarai tu l'uomo della famiglia". Avanish si sentì ancora più fiero. Non pensò che suo padre non ci sarebbe più stato ma che avrebbe fatto l'uomo di casa. Quando la madre lo abbracciò forte, avvertì il suo cuore pulsare più rapidamente. "Perché vuoi che io sia l'uomo della famiglia?" "Non sono io che lo voglio. Così è stato stabilito e così sarà". "E nostro padre?" "Tuo padre ci lascerà". "Per sempre?" "Per sempre!" A partire da quel momento Avanish si sentì più forte e anche il giorno in cui suo padre morì, non pianse. Era stato stabilito che dovesse essere l'uomo della famiglia e iniziò ad esserlo. 15

16 "Il pianto mi farebbe debole agli occhi degli altri". Avvertì, comunque, una tristezza che non lo avrebbe mai più abbandonato. In quegli istanti, a nulla valse pensare che suo padre avesse lottato fino all ultimo respiro. Neanche Ekta pianse. La notte prima della morte, rimase accanto al marito, in attesa che gli ultimi attimi della loro unione si consumassero. "Voglio che tu sappia che percepisco tutti i tuoi brividi, di dolore e di sofferenza", gli confidò. "Prova a condividerli con me, per quanto questi brividi appartengano solo ed esclusivamente al mio corpo", le propose il marito. "Sono accanto a te proprio per condividere. La sofferenza e il dolore appartengono a tutti, benché i brividi siano solo tuoi". L'attimo in cui il moribondo esalò l'ultimo respiro non fu diverso da quelli precedenti. Ekta non riuscì a notare la differenza. "Non è facile vedere la morte nel momento in cui arriva. Sfugge, svanisce dopo avere preso quello che stava cercando". L'attimo in cui la morte prese il corpo del marito, Ekta rimase impassibile. Invece, Ishan e Bina piansero, ma solo perché avevano fame. Fu pura casualità. Avanish rimase freddo, come la madre. Sentì il sangue gelarsi dentro le vene. Si sedette per terra in un angolo e rimase immobile per quasi dieci minuti. Poi si alzò e si mise a guardare in strada dalla finestra, a destra della porta di entrata. Gli ricordarono che non doveva essere triste. "La morte non é un evento tragico, ma un momento di lode in cui l'anima si muove per incontrare il Supremo", precisò lo zio. Benché quelle parole fossero state accompagnate da un sorriso rassicurante, non suscitarono affatto sicurezza nell animo di Avanish. Il rito funebre durò ben tredici giorni. Come era stato stabilito, nessuno pianse e nessuno si disperò. Il corpo del defunto venne lavato e rivestito con abiti nuovi. Venne deposto nel grande atrio di entrata per essere visibile a tutti. Accanto vennero lasciati un coltello, 16

17 un bracciale in acciaio inossidabile, un intimo, un piccolo pettine e dei capelli integri. I parenti si sedettero vicino alla bara. Avanish, invece, rimase dietro la finestra. Furono recitate le scritture senza sosta, per due giorni interi, notte e giorno. Anche nei dieci giorni successivi si recitarono le scritture per infondere consolazione e coraggio. Il tredicesimo giorno la salma venne condotta verso il crematorio. Lungo il cammino, si intonarono canti per favorire il distacco dell'anima dal corpo e anche prima della cremazione si recitarono le preghiere, invocando la benedizione per la partenza dell'anima. Avanish fu incaricato di infiammare la pira funebre, mentre tutti gli altri si sedettero poco lontano. Il ragazzo indossava un velo nero e anche tutti gli uomini che erano presenti al rito indossavano un velo nero. Ekta, invece, indossava un velo di colore bianco come tutte le altre donne. Mentre la salma bruciava, Avanish raggiunse la madre. Si abbracciarono. Le ceneri vennero raccolte per poi essere disperse nel mare. Dopo la cremazione, la famiglia rientrò a casa. Prima di entrare, tutti si lavarono come segno di purificazione, mentre una candela di ghee e cotone venne accesa per purificare la casa. Un buon odore si disperse dappertutto. I giorni seguenti li trascorsero a leggere e cantare. Ginevra Non ce la faceva più ad aspettare. Avvertiva uno strano odore di caffè, che proveniva dalla stanza vicina. Non riusciva a comprendere se fosse realtà oppure una strana illusione olfattiva. Quel pomeriggio Antoine aveva davvero voglia di dormire ed era sufficiente l illusione del caffè a tenerlo sveglio. Si era alzato all'alba, anzi, molto prima del sorgere del sole. Il padre lo aveva caricato sulla sua vecchia Citroen a forma di squalo e lo aveva condotto velocemente alla stazione. Era in ritardo e, se ci fosse stato traffico, non sarebbe mai arrivato in tempo. Fortunatamente, a quell ora, di macchine in giro ce n erano pochissime ed era riuscito a 17

18 saltare, appena in tempo, sul treno delle cinque e trenta per Lione. Si sedette a fianco di una donna sulla quarantina che non lo degnò neanche di uno sguardo. Lui ne approfittò per sonnecchiare. Il viaggio non era lungo ma sarebbe bastato a ricaricarlo di quelle poche energie necessarie per affrontare il volo dall aeroporto di Lione a Ginevra. Come il tragitto in treno, anche il volo non fu particolarmente significativo. Qualche turbolenza appena entrato nello spazio aereo svizzero ma non successe nulla che lo potesse rendere davvero indimenticabile. Non parlò con nessuno, neanche con i due uomini, ben vestiti, che gli erano a fianco. Giunse a Ginevra esattamente alle due e quattordici. Dopo avere ritirato il bagaglio, bevve un caffè. Alle quattro e mezzo lo attendeva Monsieur Herbert. All'appuntamento giunse puntuale, anzi con qualche minuto d'anticipo rispetto all'orario concordato. Il suo anticipo, tuttavia, non valse a niente. Monsieur Herbert era occupato e, non solo non avrebbe potuto riceverlo alle quattro e mezzo, come concordato, ma avrebbe dovuto attendere altri dieci minuti. Infatti, subito dopo essersi fatto annunciare, gli fu stato chiesto di pazientare. "Non c è problema", rispose prontamente. "Bene!" Esclamò Mademoiselle Henriette, una giovane con il caschetto biondo, che Antoine non poté fare a meno di notare. Indossava un jeans sdrucito e un maglione a collo alto. "Se vuole, le faccio portare un caffè", aggiunse. "Molto volentieri. Ne ho davvero bisogno", le rispose Antoine. Stava per dirle che lui si era alzato presto e che il caffè lo avrebbe aiutato a tenersi sveglio ma non fece in tempo. La giovane con il caschetto biondo e il maglione a collo alto, non appena ebbe inteso l indicazione di Antoine, si diresse verso la macchina del caffè, abbandonandolo alle sue frasi sospese. In attesa del caffè, si stravaccò sulla poltrona di pelle morbida, nel corridoio. Mademoiselle Henriette ritornò con la tazza in mano. La porse ad Antoine, che la sorseggiò in maniera regolare. Un sorso, una pausa, un altro sorso, un altra pausa fino a svuotare la tazza. 18

19 Nonostante il caffè, faceva ugualmente fatica a tenere gli occhi aperti e avrebbe avuto bisogno di sonnecchiare ancora un po, come aveva fatto in treno la mattina. Purtroppo, non poteva farlo. Monsieur Herbert avrebbe potuto chiamarlo da un momento all'altro e non sarebbe stato conveniente né educato, farsi trovare con gli occhi socchiusi e, magari, il nodo della cravatta sciolto. Non gli restava altro da fare che avere pazienza. Stravaccarsi e aspettare. Dopotutto, aveva fatto tanto per trovarsi proprio in quel posto e in quel preciso momento. Non poteva trattarsi neanche di un grande sacrificio. "Monsieur Herbert si è liberato. Può entrare", propose Mademoiselle Henriette, abbozzando un sorriso. "Mi scusi", replicò Antoine, riferendosi alla sua posizione da stravaccato. Mademoiselle Henriette fece cenno che non era importante e gli fece comprendere che, se avesse voluto, avrebbe potuto stravaccarsi come e quando volesse. Antoine rimase leggermente sorpreso da quella reazione. Non era così che immaginava quell'ambiente ovattato. Non si raffigurava i jeans e non pensava di potersi stravaccare sulle poltrone. Si era preparato al meglio, indossando un vestito scuro e una cravatta azzurra. Entrando nell'ufficio venne rassicurato dall'abbigliamento di Monsieur Herbert, che indossava un abito scuro, proprio come lui, ma che a differenza di lui completava con una cravatta rossa con dei pois blu. "Evidentemente Mademoiselle Henriette non fa testo", pensò, prima di salutare Herbert. Nel vederlo entrare, Herbert si sollevò dalla sedia e gli andò incontro. Lo salutò con una stretta di mano. "Prego, si accomodi", esordì con un tono gentile ma deciso. Antoine sorrise ma non disse nulla a parte il suo nome. C erano alcuni documenti sulla scrivania che Herbert mise in ordine, accatastandole l una sull altra. Antoine sorrise di nuovo e Herbert iniziò a parlargli. "Ha fatto un buon viaggio?" 19

20 Non gli lasciò il tempo di reagire e aggiunse: "Spero di si". "Certo, un buon viaggio", confermò Antoine. "Non deve essere lontano Lione da Ginevra". Di nuovo non gli lasciò il tempo di reagire. Aggiunse: "Un'ora?" "Di volo effettivo anche meno", replicò prontamente Antoine. "Ah, anche meno di un ora". "Cinquanta minuti". "Lione, Lione il confine tra la Francia mediterranea e la Francia continentale", sospirò Herbert. Anche in questo caso, Antoine sorrise senza dire nulla. "Ha già trovato una sistemazione?" "No, non ancora" "Non ha trovato una sistemazione? E dove passerà la notte?" "Voglio dire che non ho ancora trovato una sistemazione definitiva". "Ah, ecco " "Dovrò sistemarmi provvisoriamente in una pensione ma sarà solo per queste due notti". "Se domani avesse bisogno di una giornata libera per sistemarsi, non esiti a chiedermela", specificò Herbert. "Non si preoccupi. Non credo di averne bisogno. Approfitterò del prossimo fine settimana per sistemarmi definitivamente". "Ah, bene!" "Beh, si a cosa serve il primo fine settimana se non a sistemarsi". "Le piace Ginevra?" "Non saprei. Non ho avuto ancora modo di visitarla". "Avrà tutto il tempo per farlo. Magari, non il primo fine settimana ", sorrise Herbert. 20

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli