ASSOLO CONTRO LA 'NDRAGHETAnr di Enrico Bernard. Premessa dell'autore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOLO CONTRO LA 'NDRAGHETAnr di Enrico Bernard. Premessa dell'autore"

Transcript

1 ASSOLO CONTRO LA 'NDRAGHETAnr di Enrico Bernard Premessa dell'autore..."''ndranghete!" è il termine onomatopeico che significa la chiusura di una porta di ferro o di un cancello. E 'ndragheta ha qualcosa a che fare con questo significato: un'entità chiusa, impenetrabile, una setta segreta... La strage di Duisburg ha portato alla ribalta internazionale il fenomeno della 'ndrangheta. Ma quali sono i motivi storici e antropologici che hanno reso possibile alla più sanguinaria organizzazione criminale di prosperare per lungo tempo quasi nell'ombra e lontano dai riflettori, puntati soprattutto su Cosa Nostra siciliana? Il fattore principale di questa semi-invisibilità (un fenomeno "carsico" che compare e scompare lo definiscono gli investigatori Nicola Gratteri e Antonio Nicaso) è la ritualità e la teatralità della sua struttura organizzativa fondata sulla trasmissione orale, il dialogo simbolico e allusivo e la "messa in scena" di costumanze tribali a cui corrisponde la "finzione" verso l'esterno: fare come se nulla fosse... Non a caso la cerimonia rituale ma anche altamente teatrale più importante nella 'ndrangheta è quella della costituzione del "locale", cioè il luogo fisico in cui si insedia l'attività criminale della cosca. La 'ndrangheta ha sempre conservato l'originale caratterizzazione regionalista, connotata da riti e linguaggi a elevato contenuto simbolico. Lo statuto, che è anche alla base del rito di affiliazione e che diventa il riferimento per ogni decisione gestionale della cosca, ricorre, infatti, a un linguaggio criptico, in cui appaiono inserimenti lessicali campani, allitterazioni e allegorie che conferiscono un alone di mistero e un coinvolgimento emotivo analogo a quello presente in molte antiche aggregazioni militari e religiose. Per il ROS dei Carabinieri: "Il codice diventa uno strumento che assicura il senso di appartenenza all'organizzazione, conferendo alle decisioni interne una legittimazione vissuta intimamente da tutti gli affiliati. Il rito e il suo linguaggio permettono la condivisione di potere, attribuiscono il senso di sicurezza e di protezione e rappresentano, in un contesto di degrado culturale ed economico, la rivalsa dall'umile condizione e l'emancipazione della società criminale calabrese. Ogni ordinamento si fonda sull'effettività del valore del linguaggio". La mafia calabrese è certo una struttura perfettamente armata, tecnologicamente modernissima e finanziariamente organizzata a livello globale, tuttavia non ha mai perso la propria natura arcaica, esoterica. Questo perché l'aspetto "tradizionale" e regionalistico legato alla ritualità del codice (religioso e d'onore) è necessario al mantenimento della segretezza. Solo un'organizzazione che tramanda oralmente le proprie gerarchie, le proprie regole, può occultarsi rendendosi impermeabile alla comprensione e alla conoscenza investigative. * * * Quello che più colpisce dei "rituali" e dei cerimoniali 'ndranghetisti è, dunque, la loro forte teatralità. Riti e cerimonie si svolgono infatti sotto un'attenta regia e sulla base di una primordiale quanto efficacissima drammaturgia. Come nel teatro classico di Eschilo, Sofocle, Euripide la ritualità serve a creare un'unione: la

2 catena del "ghenos", ovvero la "catena del sangue", attraverso la quale si forma il nucleo iniziale della 'ndrina mafiosa, che ha la sua radice nel concetto di famiglia dove appunto tutti sono uniti da rapporti di sangue. Ed ecco il motivo della forma rituale e teatrale dell'affilizione, della formazione e dell'allargamento della catena del ghenos: la celebrazione del matrimonio (celebrazione che sarà sempre sfarzosa e rituale) può essere surrogata dall'affiliazione col rito della puntura del dito e del giuramento sul santino bruciato, elementi che ricalcano ritualmente il matrimonio (il mescolare il sangue e il giuramento indissolubile di fronte a Dio). La ritualità e - conseguentemente - la teatralità sono allora accentuate nella 'ndrangheta poiché esse assumono un significato simbolico che va ben oltre il giuramento mafioso, bensì rappresentano un monito costante e assolutizzante circa l'appartenenza alla "famiglia", alla catena del sangue i cui anelli non si possono spezzare senza generare l'ira suprema e un'onda di sangue. L'obbedienza si deve al boss e al Mastro di Giornata come ad un Capofamiglia che impersona l'autorità divina: tant'è che nelle tasche di alcune vittime della strage di Duisburg sono stati trovati santini bruciati di San Michele Arcangelo. Ciò appunto significa che ogni affiliato è costantemente soggiogato anche psicologicamente e antropologicamente alla catena di trasmissione del comando. Il fatto poi che la cosca si sviluppi da un nucleo familiare allargato, - preferibilemente attraverso la politica dei matrimoni, piuttosto che tramite affiliazioni o associazioni di esterni al clan, - spiega il motivo per cui nella 'ndrangheta è quasi impossibile il fenomeno del pentitismo, come accade invece nelle altre organizzazioni mafiose. Tradire la cosca significa infatti per il 'ndraghetista tradire i consanguinei, padre, madre, fratelli, e al contempo commettere uno spergiuro che porta alla dannazione. Come nel teatro greco, non c'è salvezza per chi rompe la catena del sangue... * * * La forte teatralità e la perfetta drammaturgia dei rituali 'ndranghetisti sono gli aspetti più suggestivi, dal punto di vista della messa in scena, e di grande interesse dal momento che attraverso questa capacità di "azione drammatica" finisce per svelare mondi e mentalità pressoché ignoti alla stragrande maggioranza degli spettatori. L'opinione pubblica - anche a causa della rilevanza mediatica e non ultimo dal cinema hollywoodiano - ha ben impresso nella mente aspetti della fenomenologia di Cosa Nostra, compresi molti stereotipi fuorvianti: quant'è lontana, ad esempio, la carismatica e - ahimé - affascinante figura del Padrino impersonato da Marlon Brando dalla meschina apparizione di Totò Riina, il boss che ha vissuto per anni sepolto vivo, più che nascosto, nella più completa rinuncia, sempre nel timore di un tradimento. Ben diversa è invece la situazione del 'ndranghetista che vive nel suo territorio protetto dalla famiglia, dal clan e dalla stessa popolazione che, in Calabria più che in Sicilia, è in parte indotta a considerare la 'ndrangheta - che fa leva proprio su archetipi culturali calabresi - un fenomeno tradizionale, arcaico e inespugnabile dalla cultura della regione. Qui, in Calabria, vale infatti il discorso della "messa in scena", della "rappresentazione": non c'è bisogno di chiedere un favore al capobastone, basta fare lo struscio con lui a braccetto sul corso del paese affinché si aprano le porte della finanza, dello spettacolo, della politica. Il gesto vale più della parola, secondo un perfetto copione 'ndranghetista. E pure teatrale, simbolico e metaforico - quando servono le parole - è il dialogo per far intendere le proprie intenzioni: spesso bastano i termini giusti per ottenere favori, lavori, appalti. In questo modo "teatrale" di 2

3 esistere, coesistendo con la 'ndrangheta, la società è più condizionata in Calabria che in Sicilia dalla mafia: infatti in Calabria non solo è impossibile, ma addirittura inconcepibile la ribellione, in quanto la 'ndrangheta - indipendentemente dall'affiliazione e appartenenza del singolo alla cosca - può essere considerata una costante antropologica, come prima si diceva apparentemente arcaica, della mentalità calabrese. Al punto che è prevista un zona d'ombra, quella dei "contrasti onorati" cioé i mezzi mafiosi, in cui non si capisce più dove finisce la società civile e comincia la 'ndrina che si costituisce ritualmente sulla base di un preciso canovaccio. La rappresentazione del linguaggio, dei termini e dei modi, dei dialoghi da copione mafioso e dei riti - elementi finora sconosciuti dal pubblico - oltre a fornire strumenti per disvelare la parte occulta, segreta della 'ndrangheta mettendone in rilievo e denunciando gli aspetti più teatrali relativi alla forma di condizionamento antropologico e psicologico della mentalità, è anche una forma di spettacolarità estremamente suggestiva. Si entra infatti in un mondo ignoto, elusivo, paradossale in cui niente è come sembra e tutto quello che si dice e "si agisce" manifesta e significa un universo parallelo di valori ed intenzioni. Enrico Bernard Middlebury, Vermont, agosto

4 Personaggi: il Cronista (Rocco, poi diventa il figlio Giacomino) la moglie del Cronista (Rosa) Il Boss e 4 Mafiosi La scena si sviluppa su tre piani : La redazione di un giornale di provincia (scrivania con telefono e PC anni 90, poltrona e cestino per le carte. Un <fuori> (casa dei due protagonisti strada) Al centro palco per proiezioni Al buio, nel silenzio, si sente un rumore sordo di tacchi femminili Una luce illumina una poltroncina posta a ds palco (visuale pubblico) Sullo schienale della poltrona è adagiato un soprabito da donna La donna, stringendo tra le mani una borsa, nella quale cerca concitatamente qualcosa, si avvicina alla poltrona, prende il soprabito e fa per allontanarsi, ma un pensiero la blocca. Si volta. ROSA - La 'ndrangheta è una tela di ragno che lentamente inesorabilmente imprigiona le persone le infetta come nu virus e si insinua nelle istituzioni che chille rappresentano. MUSICA (BRANO DELLA TRADIZIONE CALABRESE) PROIEZIONE DELLA SCENA DI UN AFFILIAZIONE L'affiliazione di Peppi Tigna. I Convenuti 1 e 2 entrano in scena seguiti da Peppi Tigna. CONVENUTO (1): Questo è un grande giorno pe tia Peppi! Stai per entrare nell Onorata Società Picciotto sarai CONVENUTO (2): Hai portato quello che ti è stato indicato? CONVENUTO (1): Santino e candela?! PEPPI TIGNA: Si li ho con me CONVENUTO (2): Bravo! Mi raccomando, quando entra il Capo Società... silenzio CONVENUTO (1):...e resta in disparte fino a quando ti chiama lui CONVENUTO (2): Porgigli l indice destro solo al termine del giuramento! CONVENUTO (1): Dai a me la candela! Peppi Tigna estrae la candela dalla tasca della giacca e la porge al Convenuto 1. Entra in scena il Capo Società. I Convenuti si dispongono in cerchio. Peppi Tigna resta in disparte in silenzio. CAPO SOCIETA': Buon Vespero, saggi compagni. CONVENUTO (1): Buon Vespero. CONVENUTO (2): Buon Vespero. CAPO SOCIETA': State accomodi per il battesimo di Peppi Tigna? CONVENUTO (1): Stiamo accomodi. CONVENUTO (2): Stiamo accomodi. 4

5 CAPO SOCIETA': Siamo qui riuniti per affiliare un contrasto onorato che si è distinto per virtù e umiltà. Per Peppi Tigna si fa garante Ciccio Marea. CONVENUTO (1): Bene. CONVENUTO (2): Bene. CAPO SOCIETA': Se qualcuno dei presenti ha qualcosa da dire, lo faccia adesso. O mai più. CONVENUTO (1): Nessuna obiezione. CONVENUTO (2): Nessuna obiezione. CAPO SOCIETA': Introducete il contrasto onorato... Peppi Tigna si fa avanti timidamente. CAPO SOCIETA': Chi siete e che cosa volete? TIGNA : Mi chiamo Peppi Tigna e cerco sangue e onore. CAPO SOCIETA': Sangue per chi? TIGNA: Sangue per gli infami. CAPO SOCIETA': Onore per chi? TIGNA: Per l'onorata Società. CAPO SOCIETA': Siete a conoscenza delle nostre regole? TIGNA: Sono a conoscenza. CAPO SOCIETA': Prima della famiglia, dei genitori, delle sorelle, dei fratelli, viene l'interesse e l onore della Società. Essa da questo momento è la vostra famiglia e se commetterete infamità, sarete punito con la morte. Come voi sarete fedele alla Società, così la Società sarà fedele con voi e vi assisterà in caso di bisogno. Questo giuramento può essere infranto solo con la morte. Siete disposto a questo? Lo giurate? TIGNA: Lo giuro nel nome dell'arcangelo Michele e dell Onorata Società. Da questo momento la mia famiglia siete voi. Sarò sempre fedele e solo la morte potrà allontanarmi, mi rimetto a voi per macchie d'onore, tragedie o infamità che saranno solo a mio carico e a discarico della Società. Se farò sbaglio verrò punito con la morte. CAPO SOCIETA': Se prima vi conoscevo come un contrasto onorato, da ora vi riconosco come picciotto d'onore. MUSICA Il Nuovo affiliato fa il giro e dà due baci sulle guance a tutti riservando tre baci solo al Capo Società. Peppi Tigna porge l indice destro al Capo Società, che, avvicinatosi, glielo punge con un ago facendogli uscire alcune gocce di sangue che cadono sul santino con l immagine di San Michele Arcangelo che Peppi stringe nella mano sinistra. Il Convenuto 1, dopo aver acceso la candela, si avvicina ai due e da fuoco al santino. CAPO SOCIETA : Come il fuoco brucia questa immagine, cosí brucerete voi se vi macchierete d infamitá.da questo momento siete fratelli. Il sangue di ognuno di voi è nell'altro, solo altro sangue o infamità possono sciogliere questo vincolo. Sullo schermo l immagine di fiamme che si propagano. 5

6 Rosa entra cantando spensierata la canzone di Sergio Endrigo. io sono nato in un dolce paese dove chi sbaglia non paga le spese dove chi grida piú forte ha ragione sugli altri tanto c'è il sole e c'è il mare blu. Qual è il mio paese? Ma il paese dove c'è l'olio più buono del mondo, dove c'è il mare più azzurro del mondo, dove ci sono le montagne che si alzano come castelli incantati verso il cielo e dei fiumi che scendono vorticosamente a valle in primavera, - e d'estate sono greti arsi dal sole come schiene di dinosauri pietrificati. Il Paese della Fata Morgana, di Scilla e dei bronzi di Riace, della cultura sibarita che portò luce e anima in questa terra barbara e la aprì al pensiero greco, a Parmenide e a Platone. Non tutti sanno però cosa significa questo nome che non ha niente a che fare coi calabroni. Calabria viene dal greco "Kalon-brion", ovvero "Faccio sorgere il bene", per la fertilità del suo territorio... oliveti, agrumeti e frutteti, il bergamotto ed il cedro. Che profumi! Che sapori! Che panorami! (pausa) Noi calabresi qualche volta, con sottile autoironia, aggiungiamo al nome della nostra terra l'appellativo <saudita>: Calabria Saudita. Facciamo un po' come i carabinieri che si prendono in giro da soli inventando le barzellette su se stessi. Beh, forse dire che se le inventano da soli è un po' troppo, capita che non siano così intelligenti, come recita quella barzelletta... sai perché i Carabinieri vanno sempre in coppia? Perché uno sa leggere e l'altro sa scrivere. Hanno imparato però anche loro a non avvelenarsi troppo quando li si sfotte. Se ne incontri uno al bar in borghese e non sai che è il maresciallo del posto, puoi raccontargli la barzelletta del maresciallo cornuto e lui si mette a ridere - se la capisce. Ma non si incazza. E manda giù il rospo. Anche noi calabresi abbiamo imparato a non prenderci troppo sul serio, a sdrammatizzare. Così diciamo che veniamo dalla Calabria Saudita per renderci più simpatici, meno duri, meno presuntuosi, meno mafiosi. E con quel <Saudita> non intendiamo offendere la Mecca o qualche Sceicco arabo: ma solo dire che più a sud di qui non si può andare, noi siamo il fondo dell'europa, e siamo a conoscenza dei nostri limiti, dei nostri difetti da meridionali, della nostra perenne arretratezza. Che poi, diciamocelo sinceramente, a farci diventare arretrati sono stati i Piemontesi portandoci via tutto quello che avevamo. Eravamo una terra ricca, opulenta e dopo l'invasione militare degli italiani non ci hanno lasciato gli occhi per piangere. La 'ndrangheta, che era una struttura rurale e arcaica, è così cresciuta fino a diventare la seconda o terza potenza mondiale, dopo la mafia colombiana e quella russa, facendo affari con lo Stato centrale, non contrastandolo. In presenza, dello Stato e non, come comunemente si crede, in sua assenza: questo non lo dico io, ma un magistrato, Nicola Gratteri, impegnato nella lotta alla mafia. Se lo stato centrale non ci fosse, la mafia non sarebbe così forte. Volete indebolire la mafia? Azzerate i finanziamenti pubblici al sud, che tanto non portano nulla alla gente, ma vanno nelle tasche di pochi. Ora, tornando alla mia terra amata e odiata al tempo stesso, non nego che il termine <saudita> dia l'idea di una regione chiusa, di uno stato a parte, di un'eclave. Già: 6

7 perché non è facile entrare ed uscire nella e dalla Calabria Saudita. L'autostrada Salerno-Reggio Calabria - non ne parliamo, va avanti dal 1965 e finirà solo quando un terremoto staccherà la punta dell'italia dal resto dello stivale, rendendo intile l'intera opera stradale. Del resto quel poco che hanno fatto serve solo a collegare a Nord la 'ndrangheta alla Camorra della Campania. A Sud, una di fronte all'altra, ci sono Scilla e Cariddi, lo Stretto di Messina. Volevano farci il ponte, ma poi si sono accorti che dall'altra parte mancano le strade, mancano i binari, manca tutto. E allora che ci fai di un Ponte tra la Mafia sicula e la 'ndrangheta calabrese? O tra la miseria di una terra arretrata e la disgregazione di una terra depredata dai Piemontesi, quali sono Calabria e Sicilia? Lo ha scritto Gramsci ha che l'italiano, al sud, è il dialetto parlato coi fucili! Ed è anche per questo che la Calabria è saudita, è chiusa come il nome onomatopeico, cioé che deriva dal suono della parola 'ndrangheta, chiusura come di una mandata di un potente chiavistello che fa <'ndranghete>! Tuttavia lo ammetto la mia Calabria, per quanto saudita, cioé con tutti i suoi difetti, mi resta sempre nel cuore perché significa appunto "Kalon-brion", ovvero "Faccio sorgere il bene". Per questo anch'io, che ormai vivo al nord per ragioni di sicurezza, mi definisco <saudita>, la <calabra saudita>, perché nonostante tutto - e quanto mi pesi dire questa parola <nonostante> vi sarà chiaro tra poco,- io difendo a spada tratta la mia terra e la mia gente che non è tutta cattiva, non sono tutti mafiosi... come non era mafioso il mio Rocco, che anzi... SI ILLUMINA LA SCRIVANIA, C'E' ROCCO IN MEZZO ALLE CARTE, STA LEGGENDO UN GIORNALE. SUL BORDO TRONEGGIA UN PUPAZZETTO PORTA-FORTUNA COI COLORI DELLA SQUADRA DI CALVIO DELLA REGGINA. IL CRONISTA: (rivolgendosi al pupazzetto Gigio come se fosse un interlocutore in carne ed ossa) Buongiorno, Gigio! Ha vinto finalmente la Reggina, eh? Su rigore? Inesistente? E va' buo', tutto fa brodo! Ci siamo presi i punti salvezza che ci servivano per non retrocedere, no? Adesso mettiti qui da bravo, fa' il buono, devo farmi venire qualche idea per l'articolo... Rocco si rimette a leggere le notizie dei quotidiani. IL CRONISTA: Terremoto, morti ammazzati, suicidi... Se il buongiorno si vede dal mattino, questo non mi sembra un buongiorno! Vero Gigio?!... Eh beato te che non parli, non vedi, non senti!... Che darei per stare al tuo posto!... Questo mestiere è una disgrazia per chi lo fa, mannaggia a me e a quando me lo sono scelto (come ricordando) Se penso che Cambio luci. Musica....da bambino, quando i parenti mi chiedevano Che cosa vuoi fare da grande?, io ci rispondevo Il subacqueo!. E perché vuoi fare il subacqueo? Perché mi piace guardare il fondo marino attraverso l acqua chiara. E mio zio, ridendo, faceva a mio padre: Mo ce lo compro io un acquario marino a tuo figlio, cosí la smette di sognare queste minchiate di fare il subacqueo e pensa a qualcosa di piú serio, magari a fare il calciatore perché si guadagnano un mucchio di denari - Ma io i soldi non li 7

8 voglio! - E perché non li vuoi? Perché non mi servono: io voglio vedere il fondo del mare, e basta!. E cosí uscivo di casa per correre alla spiaggia, mettermi la maschera e tuffarmi nel mare che mi abbracciava come una sfera di cristallo. Poi, crescendo, mi sono accorto che l acqua del mare cominciava a intorbidirsi, sempre di piú. Trovavo lattine e rifiuti sul fondo, buste di plastica galleggianti... sentii dire a mio padre che la ditta che raccoglieva i rifiuti su appalto del comune, invece di portarli alla discarica, li gettava a mare per risparmiare. Ma io li denuncio!! - sentii mio padre per la prima volta incazzato. E si capisce!... Papà gestiva una piccola attivitá turistica.teneva una barca attrezzata per portare i villeggianti a fare delle gite sul mare, lungo la costa. Ma con quell acqua fetente, piena di monnezza tritata e altre schifezze, la gente non voleva certo farsi la gita. Mio padre sporse denuncia ma... una sera non tornó a casa, c era il mare agitato, i carabinieri dissero che, probabilmente, era stato trascinato via da un onda anomala... ma io non ci credo. Non ci ho mai creduto e mai ci crederó. Cominciai pure a fare delle ricerche per mio conto, una specie di inchiesta per quanto un ragazzino possa andare a fare in giro domande e a scassare la minchia. Mi beccai pure qualche scappellotto e comunque non venni a capo di niente. Solo il mio professore di italiano, uno poco coinvolto nelle faccende del paese perché veniva dal nord e se ne sarebbe tornato a casa presto, mi disse di non mollare, di non mollare mai, di andare a fondo, di cercare sempre la veritá che è come una stella di mare adagiata sulla sabbia degli abissi. Quelle frasi andare a fondo e cercare la veritá che è come una stella di mare adagiata sulla sabbia degli abissi, determinarono la mia esistenza che fu cosí animata da una doppia sete: di veritá e di giustizia. Per questo ho sempre pensato alla professione del giornalista, che mi sono scelto fin da ragazzo quando ho comiciato a scrivere sui giornali ciclostilati della scuola, come ad una missione di verità. Ero pronto a consumarmi le suole delle scarpe, perdermi nei vicoli delle cittá alla ricerca di voci, indiscrezioni, avrei corso qualsiasi rischio, non mi sarei arrestato di fronte a nessun pericolo pur di compiere il mio dovere di cercatore del vero e di denuncia. E invece di corse, fughe, inseguimenti, appostamenti, confidenze, ricerche, verifiche, confronti mi ritrovai dietro una scrivania sulla quale campeggiava un maledetto telefono che non squillava mai (guardando l attuale telefono)... Veramente nemmeno ora squilla!... Eh sí, mi fecero diventare un topo di redazione col compito di girare al caporedattore quelle notizie preconfezionate dell agenzia che potessero in qualche modo interessare il nostro grande giornale di provincia. Il mio compito era quello di un puro e semplice copia-incolla, cui magari aggiungevo qualche notarella di costume Mah!... Forse ho visto troppi film americani in cui la professione giornalistica è descritta in tutt altro modo: Deadlin - L'ultima minaccia con Hamphrey Bogart, per esempio, dove c è quella famosa battuta finale: Senti questo rumore? E la stampa ragazzo! con cui si chiude la carriera di un mafioso con agganci politici sbattuto in prima pagina da un cronista coraggioso. Eh, si devo aver proprio visto troppe volte quel film, perché io non mi sentivo realizzato in quello che facevo. E mi risentivo sempre girare in testa un'altra battuta 8

9 della sceneggiatura che riferivo nel mio ingoscio a me stesso, al mio lavoro di inutile scribacchino: "se un esercito di scimmie battesse per un tempo sufficiente sui tasti di macchine da scrivere, produrrebbero prima o poi tutti i libri del British Museum... Sì, ma poi chi diavolo li stamperebbe, cretino?!" In questo caso la scimmia che batte sulla tastiera sono io. Ed anche il cretino, che ci crede e che si illude di cambiare qualcosa, ma smuove solo polvere nell'aria. Mi sono lamentato piú volte con i miei capi. La risposta era sempre la stessa: Ricevi lo stipendio a fine mese? E allora, si puó sapere che ti rode? Mi prendevano pure in giro: Ma se volevi fare casino, perché non hai fatto lo sbirro? Lascia perdere, va... (attirato da un titolo sul giornale sportivo)minchia la Reggina ha vinto! (rivolgendosi a Gigio) Nemmeno le partite in TV mi ha fatto seguire ieri Rosa, Gigio! (chiudendo il giornale) Ma lo sai, imbecille, che hanno trovato a pochi chilometri da casa tua, nascosti in un pozzo, alcuni flaconi contenenti gas nervino? Ci potevi restare secco tu, la tua famiglia, i tuoi parenti e mezza Calabria!. Reagivo a muso duro agli sfottò si ho un carattere fumantino io! E così cominciarono a spaventarsi, non tanto per il gas nervino usato dalla mafia russa come merce di scambio per una partita di droga, ma per la mia ostinazione, che mi rendeva addirittura piú pericoloso del gas nervino. Chistu ci fa perdere 'u posto! Un giorno mi sentii affibbiare un soprannome: U Tragediatturi. Beh... u Tragediatturi, tra i molti significati, è colui che fa troppe storie, che non si accontenta, che manifesta in modo spavaldo e un po teatrale il proprio dissenso. E, naturalmente, è uno che esagera. Insomma. con quel nome mi davano dell esagerato. E stai sempre a parlá di mafia, 'ndrangheta... ma Cosa Nostra sta lontana e la 'ndrangheta calabrese è solo robetta di poco conto, questioni locali, rivalitá che si risolvono alla maniera antica del codice d onore... non è un pericolo a carattare nazionale, e chi se ne frega per quattro 'ndrine che si sparano tra loro per un pezzo di terra... Nessuno peró arrivava mai alla conclusione del discorso, cioé che quel pezzo di terra per il quale quattro 'ndrine si sparavano, non era un pezzo di terra qualunque, ma il sito di un appalto multimiliardario finanziato dallo Stato e dalla Comunitá europea. Io stimo i miei colleghi e non voglio dire che sono compiacenti; voglio solo dire che per pigrizia e superficialità non sempre sono andati a fondo. E quando ci sono andati hanno rischiato di finire nel cemento di qualche pilone dell'autostrada. Ecco, è cosí che nel corso dei miei anni trascorsi in redazione ho visto prosperare la mafia calabrese, allargarsi a dismisura, invadere le regioni italiane del nord, consolidarsi all estero : in Germania, Canada, Stati Uniti, Sudamerica: e poterne scrivere solo con il contagocce, mi faceva una rabbia... Inizialmente neanch'io avevo il coraggio d'insistere più di tanto. Il coraggio! Non è facile, per un cane sciolto di cronista provinciale, compiere il primo passo verso la canna del Kalashnikov, che ti prende di mira nel momento in cui cominci coi tuoi articoli a rompere i coglioni, a scassare la minchia. Mi ero quasi rassegnato a questa vita di mezze veritá e mezze menzogne, di silenzi ed omissioni, di vergognosa pigrizia professionale nei confronti del fenomeno mafioso, quando le rivelazioni di un pentito mi hanno aperto gli occhi. Mi riferisco alle rivelazioni sulle navi cariche di rifiuti tossici e radioattivi che i mafiosi hanno affondato intorno alle coste della Calabria, incassando lauti appalti per lo smaltimento. Allora sono andato dal caporedattore. Questa è roba grossa, caro mio, perché in questo mare ci fanno il bagno pure i tuoi figli. Questi maiali fottuti stanno avvelenando la nostra terra, altro che codici d onore ed affari di famiglie tra quattro 'ndrine! Questa gente non ha onore, non ha terra e ci vuole soffocare tutti quanti in un 9

10 mare di veleni. Infangano la Calabria, non solo moralmente o economicamente, ma anche coi fanghi tossici che ci riversano addosso. Quelli se ne fottono della terra, delle tradizioni, per loro siamo solo carne da macello. Allora facciamo prima ad andare in piazza col bersaglio disegnato sul petto gridando: Ammazzateci tutti! La sfuriata (ed uso un eufemismo perché fu una vera e propria incazzatura che raccoglieva quindici anni di detriti professionali, di frustrazioni morali e di rospi mandati giú cercando di non vomitare) fece effetto ed ebbe conseguenze. A "'U Tragediatturi, cioé a colui che le spara grosse, cioé il sottoscritto, affidarono l incarico di seguire l inchiesta, a patto di scrivere solo veritá vere. Esatto, il direttore disse proprio cosí: veritá vere. Me ne accorsi solo in seguito che dietro il pleonasmo la veritá non puó essere vera, lo è e basta si nascondeva la fregatura. La stranezza di quell espressione apparentemente buttata lí, non mi colpí subito, ero troppo eccitato dalla svolta che finalmente ero riuscito a dare alla mia vita professionale, ma dovetti farci i conti dopo, quando le vicende dell inchiesta mi portarono a tu per tu con uno strano personaggio, un boss che ne sapeva una piú del diavolo... mi prese a benvolere, non so perché, forse perché mi ammirava per la mia testardaggine ed anche per il coraggio con cui mi esponevo a tanti pericoli. Sul fondo appare l immagine di un uomo seduto ad una sedia. L uomo inizia ad interloquire con Rocco che va a sedersi sulla poltrona posta sull altro lato della scena. Rocco stringe tra le mani moleskin e matita. BOSS: Sai che cosa muove il mondo? Non certo un cacacazzi come a tia... Il mondo lo muove il businnes... il resto sono parole, chiacchiere al vento, scorregge di vacca sono! IL CRONISTA: Bella filosofia. BOSS: E' filosofia della sopravvivenza, amico. Perché quando sono venuti gli arabi a fotterci mogli e cose, dovevamo sopravvivere, e poi sono venuti gli spagnoli e dovevamo sopravvivere, e poi sono venuti chiccazzovuoi e dovevamo sopravvivere. E poi ancora sono arrivati i Borbonici e dovevamo sopravvivere e... perché forse che coi Piemontesi non dovevamo sopravvivere in un modo o nell'altro? IL CRONISTA: Ancora con questa storia dei piemontesi? Sono passati centocinquant anni dall'unità d'italia, il tuo bisnonno forse non era ancora nato, e stiamo ancora a parlarne? BOSS: Di che cosa dobbiamo parlare sennò? IL CRONISTA: Dei lavori infiniti sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria, delle truffe alla Comunità europea, di questo dobbiamo parlare, cazzo! BOSS: E parliamone. Ma attento che la verità potrebbe non piacerti. IL CRONISTA: Sputa il rospo. BOSS: Intanto, la verità vera non esiste. IL CRONISTA: Lo diceva anche Platone. BOSS: Il filosofo greco che soggiornò nella Sibarite nel III secolo avanti Cristo? IL CRONISTA: Come sei informato bene. BOSS: Conosco i fatti importanti della mia terra, se non ti dispiace. IL CRONISTA: E allora? BOSS: Ma lo sai che che furono i Sibariti a fondare Paestum, acronimo di Poseidon... tu lo sai cos'è una cronimo, no?, secondo una triangolazione geometrico-pitagorica suggerita dall'oracolo che prevedeva uno sviluppo della civiltà, la nostra civiltà, verso il nord, verso quella che poi sarebbe stata Roma? - Ti dice niente la storia? IL CRONISTA: Sì. che hai ottimi ricordi della terza media. 10

11 BOSS: Questo per dirti che la nostra storia, le nostre verità, le nostre possibilità di sopravvivenza noi le teniamo scritte nel sangue, nel nostro codice genetico: incise nella carne. IL CRONISTA: Verità soggettive, le vostre, appunto. BOSS : Ma sempre di verità si tratta. IL CRONISTA: La verità, quando si usa al plurale, sta per mezza verità. E una mezza verità, se permetti, equivale ad una mezza menzogna. BOSS: Menzogna, verità... Ma vuoi mettere una verità che risulta da tante mezze verità e mezze fandonie... quelle che scrivete voi giornalisti, per intenderci!, - dico - con una bella menzogna grande quanto un Ecomostro o un Ponte sullo Stretto, d'accordo spudoratamente e scandalosamente falsa, ma molto più concreta - minchia! - tangibile di una verità che non serve a niente? IL CRONISTA: Come non serve? BOSS: Nel mio ramo, verità è marchio di infamia, di delazione, puzza di marcio da lontano. E di morto ammazzato, si capisce. La verità puzza di carogna. Più e vera e meno io ci credo. Invece la menzogna c'è, si vede, si tocca, la percepisce anche un cieco: la ritrovi in ogni metro cubo di cemento, negli aiuti ai terremotati e al terzo e quarto mondo... IL CRONISTA: Nelle sovvenzioni pubbliche... BOSS: Siamo realisti: la menzogna non ha bisogno di prove, c'è e basta e tutti ci credono e amen. IL CRONISTA: Invece, se cerchi di dire la verità ad alta voce, ti danno del matto Sai cosa dice Pirandello? BOSS: Non mi prendere per scemo, guagliò. IL CRONISTA: solo a un matto è concesso di dire la verità... Altrimenti passi per sovversivo idealista... e allora ti danno veramente tutti addosso, nessuno ti dà retta e rischi di fare una brutta fine. BOSS: Non c'è alcuna verità se prima non scopri la menzogna da cui ha origine quella stessa verità. IL CRONISTA: E' un rebus per caso? BOSS: Ma rifletti, pezzo d'idiota, come fai a sapere che cosa è vero se prima non sai che cosa è falso? IL CRONISTA: Ah, ecco, è un circolo vizioso, ci mancava anche questo, ci mancava... BOSS: Vizioso fino ad un certo punto, grandissima testa di minchia. - Una volta che ci sei entrato, nel circolo, ti sembra perfettamente normale. Ad esempio, la verità dipende da come si dice, da quando si dice, da perché si dice e, soprattutto, da chi la dice. Sarebbe facile, troppo facile, trovare verità sul banco del mercato. Invece no, bisogna sudarsela, scavarla dalla melma, dal fango e dagli escrementi della menzogna. Quante verità vere sono state considerate false e viceversa, solo perché troppo vere per essere vere. La verità troppo vera non viene mai creduta. IL CRONISTA: Non ti seguo. BOSS: Certo che non mi segui. Non sei allenato abbastanza alla menzogna che ti circonda, che ti soffoca e nella quale devi agire così astutamente da riuscire a imporre la tua verità, anche se falsa. Se non sei capace di farlo, lascia perdere il giornalismo, lascia perdere tutto. Resta pecora, mettiti a pecora e aspetta che il lupo ti mangi vivo. Il video si interrompe 11

12 IL CRONISTA: (come inseguendo un ricordo) Se non sei capace di farlo, lascia perdere il giornalismo, lascia perdere tutto. Resta pecora, mettiti a pecora e aspetta che il lupo ti mangi vivo. Squilla il cellulare. Il Cronista, dopo alcuni secondi di estraniamento sembra sentire il suono del telefonino, si alza e si dirige alla scrivania. Dall altra parte della scena appare la donna che abbiamo visto ad inizio spettacolo, la moglie di Rocco, Rosa. Una luce la illumina. E in attesa di risposta al cellulare. IL CRONISTA: (rispondendo al cellulare senza vedere il nome dell interlocutore sul display) Si (silenzio dall altra parte) Pronto?!... Ma chi è? ROSA: Cos è hai cancellato il mio numero dal cellulare? IL CRONISTA: Rosa!?...Sei tu?!... Ma che dici?!... Ho risposto senza guardare! ROSA: Sempre con la testa per aria eh?! IL CRONISTA: Senti si puó sapere che ci hai? ROSA: Niente, niente IL CRONISTA: Niente? E da un mese che mi tieni il broncio! Ma che ti ho fatto di male, Rosa?! Cos è ti hanno forse raccontato che ti ho messo le corna con Miss Italia? ROSA: Eh, si perché quella proprio a te ti fila a te che non ci hai nemmeno gli occhi per piangere! IL CRONISTA: Ma che dici? ROSA: La veritá. IL CRONISTA: La verità?!... Ma quale veritá!... (come ricordando) La verità è sempre relativa a chi la dice, perché la dice e quando la dice non esiste di per sé, ma in funzione della sua utilità a qualcuno ROSA: Che cosa?! IL CRONISTA: La veritá piuttosto, Rosa mia, è che da un po' di tempo sei troppo agitata, nervosa, incolli sempre gli spaghetti e quando una donna del Sud incolla gli spaghetti vuol dire che c ha le paturnie Che ti succede, si puó sapere? ROSA: A me? A te, piuttosto, che ti sta succedendo? Ma non lo capisci che sono preoccupata?!... Rocco, possibile che tu non ti accorga di quello che t accade intorno?!...tu rischi che ti fanno fare il botto! IL CRONISTA: (gridando all improvviso) Buuuum! Rosa si spaventa. IL CRONISTA: Ti sei scantata? ROSA: Quanto sei scemo!... Ridi ridi tanto, poi, chi resterà a piangere qui, da sola, sarò io. IL CRONISTA: Facciamo le corna facciamo Rosa mia. ROSA: Tranquillo tranquillo che poi per dispetto ti faccio pure quelle Speriamo che almeno portano buono. IL CRONISTA: Rosa arriviamo al dunque che sono impegnato! ROSA: Si...a giocare con Gigio (cambia tono, ora è affettuosa) L hai portato oggi Gigio?!... Ché quello ti protegge! IL CRONISTA: Si si ROSA: Lo devi sempre tenere vicino a te capito?! IL CRONISTA: Si, ma se esce per un caffè mica glielo posso impedire! ROSA: Finiscila di scherzare! 12

13 IL CRONISTA: Okay, fuori il rospo. ROSA: Tu ti sei scordato di avere sulle spalle la responsabilitá di una famiglia. Moglie, figlio... IL CRONISTA: Suoceri, cognati, nipoti! - Ma che, ti sei messa a fare l ufficale dell anagrafe? ROSA: Sei un incosciente, sei La vuoi smettere di fare l eroe? IL CRONISTA: L eroe?! Ma che eroe, faccio solo il mio mestiere e non devo chiedere scusa a nessuno Io non corro alcun pericolo. ROSA: E come la mettiamo con le telefonate anonime? Un lungo silenzio. IL CRONISTA: Quali telefonate anonime? ROSA: Sono giorni che qualcuno telefona e riattacca senza aver parlato. Sta lí per un minuto esatto, lo sento respirare pesantemente e conto i secondi per la paura che mi dica quello che non voglio sentire. IL CRONISTA: E cioé? ROSA: Che scassi la minchia ai santi in paradiso. IL CRONISTA: Tranquilla, avranno semplicemente sbagliato numero. ROSA: Ogni giorno, alla stessa ora per trenta giorni di seguito? IL CRONISTA: Sai come li chiamano i giornalisti che non si fanno mettere il bavaglio? ROSA: Quaquaraqua. IL CRONISTA: Vedi che lo sai? E che cosa pensi che possa dire un quaquaraqua come me? Quali veritá pericolose per le alte sfere posso serbare io nel cassetto? E poi, comunque, io so quello che faccio. ROSA: Ah, si?!...e allora vallo a fare a Roma o a Milano, in un giornale vero alla Repubblica o al Corriere della Sera e chi ti tocca lí. Ma qui, nella città dei tortellini, bella quanto vuoi. da un pulpito come la tua scrivania che casca a pezzi per i tarli che ci ha... A stento ci avete la carta per andare in stampa IL CRONISTA: Amore c è la crisi!. ROSA: La crisi la crisi In questo Paese con la scusa della crisi si giustifica qualunque minchiata! Che ti metti a fare, Davide contro Golia? Oppure vuoi fare il moralista il giustiziere o meglio ancora lu fessu. IL CRONISTA: Grazie per avermi dato un ultima chance... ROSA: Scusa ma dovevo proprio dirtelo. IL CRONISTA: Comunque, ti manca l ultima battuta. ROSA: Sarebbe? IL CRONISTA: Torno da mia madre! ROSA: Bada che questa volta ti prendo in parola davvero! La donna riattacca ed esce di scena indispettita. IL CRONISTA: Ha attaccato!? E vai vai vai da tua madre chè non mi meriti! (spegnendo il cellulare e guardando il pupazzo) Meno male che ci sei tu, Gigio, che mi capisci!... (riprovando ad accendere il computer) Cazzo non si connette!?... Mi sono proprio rotto e dall assistenza nessuna notizia IL CRONISTA: (guardando, sconfortato, Gigio) Ehi ma secondo te se ne va davvero dalla madre?! (accende il computer) 13

14 Come darle torto?! Del resto, non posso dire che io non condivida le sue preoccupazioni... uno che ti respira nell orecchio per sessanta secondi esatti, ogni giorno per trenta giorni di fila fanno la bellezza di secondi al mese, che fanno all anno... esattamente per scrivo due e porto tre... ecco secondi all anno, un eternitá! E chi ci ha un eternitá del genere da perdere, vorrá pure dirti qualcosa di serio, di grave... (Si accorge che il computer non reagisce) Eh, a proposito di eternità, e tu quanto ci metti ad appicciarti? (Dà una botta al computer) Mi sa che 'stu reperto preistorico ha smesso di funzionare all'età della pietra, proprio adesso che vado di fretta! (Rocco alza la cornetta del telefono e compone un numero.) Pronto? Sono io... Sì si il pezzo ce l'ho, ma ho problemi col computer... Di nuovo si E che ne so non si connette! Non lo so suppongo un altro virus... Ce l hanno con me i virus!... mi sembro un pescatore di virus, mi sembro... Devo dettartelo... Ti serve per andare in stampa tra un'ora, no? E allora come minchia faccio a passare al centro internet!? Il tempo di arrivare e avrà chiuso per il pranzo Avanti registra! Forza! Dunque, dal nostro inviato speciale... perché non sono speciale secondo te? Ah, ecco, bravo: chiedimi scusa... Dunque : Giuseppe, detto Peppi, Tigna, ex affiliato alla cosca dei Timballo di Reggio Calabria, con precedenti per traffico di droga, ha cominciato a collaborare con i magistrati della Direzione distrettuale antimafia O mi raccomando le virgole sai dove metterle Secondo il pentito Peppi Tigna, la 'ndrangheta, simbolicamente, è rappresentata dall'albero della scienza una grande quercia alla cui base è collocato il capobastone o mammasantissima, cioè quello che comanda Poi vi sono il Fusto Proiezione sul fondo del palcoscenico. Appare Peppi Tigna, il Picciotto PICCIOTTO: Il Capo società. IL CRONISTA: Il semi fusto. PICCIOTTO: Il contabile. IL CRONISTA: I rami PICCIOTTO: I camorristi. IL CRONISTA: I ramoscelli PICCIOTTO: I picciotti IL CRONISTA: I fiori PICCIOTTO: I giovani d'onore. IL CRONISTA: E le foglie PICCIOTTO: I contrasti onorati IL CRONISTA: Vale a dire i non appartenenti alla ndrangheta!... Rocco esce di scena, mentre le immagini si susseguono sul fondo del palcoscenico. Nel video entra in scena il Capo Società. CAPO SOCIETA': E se per caso il fusto cade? PICCIOTTO: Resta il Semi Fusto. CAPO SOCIETA': E se cade il Semi Fusto? PICCIOTTO: Restano i ramoscelli. CAPO SOCIETA': E se cadono i ramoscelli? PICCIOTTO: Restano i fiori. 14

15 CAPO SOCIETA': E se cadono i fiori? PICCIOTTO: Restano le radici. CAPO SOCIETA': E se cadono le radici? PICCIOTTO: Le radici non possono cadere mai. CAPO SOCIETA': Bravo picciotto!...e le foglie? PICCIOTTO: Le foglie che cadono sono gli infami destinati a morire! L immagine di radici che si estendono invade la platea Le immagini si interrompono. IL CRONISTA: (detta) Oggi la ndrangheta non è solo l organizzazione criminale piú compatta e meno visibile sul territorio, ma è anche quella piú pericolosa e piú pervasiva. Questo lo sanno tutti. Ma molti - sbagliando - l hanno definito un Antistato, un escrescenza patologica. E questi luoghi comuni non hanno aiutato a comprendere la vera natura della ndrangheta che è nata in presenza dello Stato e non in sua assenza, con esso e non contro di esso. (smettendo di dettare) Se mi rendo conto? Ma certo, certo che mi rendo conto di quello che dico... perché a te lo Stato ti sembra una candida verginella che lotta veramente la mafia? La lotta alla mafia la fanno quattro fessi come a mia e alcuni magistrati onesti, sul resto, politica e imprenditoria, stendiamo un velo pietoso, va... Scrivi: (detta) La ndrangheta conquista sempre piú mercati e ha le mani dappertutto le ndrine si estendono ovunque e i loro loschi traffici coinvolgono non solo droga, prostituzione, armi, usura e gioco d azzardo, ma anche migliaia di attivitá commerciali e imprenditoriali dietro il paravento di attivitá lecite: dalla ristorazione all edilizia, dalla gestione di autorimesse alle agenzie di pompe funebri (si accende una sigaretta, un silenzio ) Supermercati che spuntano come funghi per riciclare il denaro attraverso la falsa scontrinazione, il controllo totale della distribuzione della carne, infiltrazioni nel mercato immobiliare e turistico. Per non parlare del grande businnes dei rifiuti (Smette di dettare) Mio padre ne sa qualcosa!... No, questo non lo scrivere, sono fatti miei personali. (detta) Insomma ritenere la ndrangheta un fatto esclusivamente criminale da contrastare con le sole forze dell ordine, sarebbe una presa in giro. Se la mafia fosse solo criminalità, sarebbe già stata sconfitta, come è avvenuto con il brigantaggio e il terrorismo. La ndrangheta è invece un sistema criminale che ha sempre goduto di appoggi del potere politico e finanziario Chi ancora pensa ai picciotti con coppola e lupara nelle campagne, vive in un passato remoto; oggi dietro ai killer ci sono professionisti che riciclano denaro e politici disposti a tutto (Smette di dettare) Ah, te ne sei accorto anche tu, bravo. Allora lo vedi che non sono pazzo? Ma ora viene il bello, il cosiddetto pepe al culo. (detta) La 'ndrangheta ha cominciato ad avere rapporti con la Massoneria alla fine degli anni 60, quando riuscì a capire che invece di cercare di dialogare con le istituzioni, faceva prima ad eleggere direttamente i propri rappresentanti istituzionali. I personaggi di riferimento non sono più Osso, Mastrosso e Carcagnosso i tre leggendari cavalieri spagnoli partiti dalla Spagna dopo aver ucciso un nobilotto, reo di aver violentato la sorella e trasferitisi nel Mediterraneo dove nelle viscere della terra, per 29 anni, rinchiusi in un carcere borbonico, misero a punto le regole sociali e poi scontata la pena, uno rimase in Sicilia, l altro andò in Campania, il terzo in Calabria, ma Garibaldi, Mazzini e il generale Lamarmora... 15

16 ...tutti e tre massoni. (smette di dettare) Hai capito bene. Come, non lo sapevi che la 'ndragheta venera come santini i tuoi padri ideali e materiali dell'unità d'italia? Ah no? E allora te lo dico io, sì, me ne assumo tutta la responsabilità... e che mi frega, è la verità... e poi mica dico che Mazzini o Garibaldi erano mafiosi, dico che sono diventati un simbolo della 'ndragheta e questo, qualcuno dovrebbe spiegarmelo. Come, perché non lo spiego io? Io faccio il giornalista, mica lo storico?! Che ci sono andati a fare all'università quei signorini mentre io imparavo a leggere e scrivere in un paesino della Calabria? - Ora però fammi continuare sennò finiamo dopodomani... (detta) La 'ndrangheta - dunque... ma no, il "dunque" non ce lo mettere, dicevo per riprendere il filo - cambia metodi, cambia abitudini e cambia contesti socioeconomici. Dalla mafia delle guardinie, pizzi, estorsioni e dalla mafia del contesto agropastorale, si passa alla mafia imprenditrice e alla mafia che attraverso imprese partecipa alla gestione di lavori pubblici, e alla acquisizione di appalti e subappalti. Il che rende la 'ndrangheta soggetto nuovo. Per la prima volta vediamo mafiosi che vengono eletti ai vari parlamenti comunali, regionali e nazionali. Così la ndrangheta non delega più, ma partecipa al banchetto. Nell'ultimo decennio ha fatto un salto di qualità "territoriale" e culturale... Attraverso la gestione diretta o indiretta o la semplice disponibilità di una serie di attività commerciali, produttive, finanziarie la 'ndrangheta si è insinuata ben oltre il Nord Italia, dove città come Milano, Torino, Bologna sono diventate le sue roccaforti, giungendo in Germania che, in virtù della forte emigrazione degli anni Cinquanta e Sessanta, è diventata la cella frigorifera anche dei killer, che spesso partono dalle città tedesche per compiere delitti e poi immediatamente vi ritornano a "seppellirsi". La strage di Duisburg... (smette di dettare) D come Domodossola, U come Udime... (detta)...ha dimostrato la presenza di strutture 'ndranghetiste ben radicate nel tessuto sociale e produttivo del Nord Europa. Naturalmente tutto ciò necessita di una forte espansione imprenditoriale, ma anche di un salto di qualità culturale. Infatti, per garantirsi la <copertura> e l'anonimato, questi affiliati parlano tedesco e spesso inglese o francese fluentemente. In diversi casi sono cosiddetti "colletti bianchi", avvocati, commercialisti, esperti di finanza, insospettabili, insomma: funzionari di banche, imprenditori, notai e avvocati ed altri professionisti del tutto fuori dal giro e non direttamente affiliati alle cosche. (smette di dettare) Anche il tuo direttore di banca, perché no? Tanto, come dicono loro, i soldi non puzzano. (detta) Le ultime rivelazioni sembrano documentare che l'espansione 'ndranghetista, avvenuta per allargamento delle strutture familiari attraverso matrimoni combinati e imparentamenti di anello, e non associativo come la mafia, starebbe adeguandosi alle nuove esigenze di trovare alleanze e sinergie anche al di fuori della cosca con accordi economici. (smette di dettare) Ma lo sai quanto costa un matrimonio in Calabria? Dì una cifra, spara, spara... Di più, molto di più... parti da trecento invitati al minimo... ecco, appunto, arrizi suppergiù a sei zeri tondi tondi... 16

17 (detta) La crisi economica non indebolisce la 'ndrangheta e le altre mafie, bensì le rafforza. Infatti con l'immensa disponibilità di capitali "cash" possono oggi acquisire con estrema facilità e con minor spesa qualsiasi pacchetto azionario, attività, impresa o proprietà. Oggi potrebbero comprarsi un intero paese come l'italia. (Smette di dettare) Se non se la sono già comprata, mannaggia la miseria, come fanno certe squadre del Nord che non si comprano i giocatori: loro si comprano direttamente il Campionato. Forza Reggina, Nordista! Io sono rimasto attaccato ai miei colori, alle mie nobili tradizioni calcistiche. - Tu di chi sei? Del Modena? Macché Modena, tu sei Juventino, Milanista o Interista nel cuore, non si scappa. E ti fa comodo il Modena in serie Zeta, così non devi tifarlo la domenica. Finiamo l'articolo va che tu capisci di calcio come io capisco di Mafia: cioé troppo per fare veramente il tifo per il Modena. E adesso un po' di grancassa retorica, un po' di colore, una ventata di ottimismo in chiusura tanto per non farmi passare da menagramo... (detta) Ma è ancora possibile cambiare le cose riappropriarsi di un libero futuro. C è, però, bisogno di fatti concreti, di iniziative coraggiose, capaci di coinvolgere la società in percorsi di cambiamento culturale e di svolte radicali. Bla-bla-bla... E necessario che si affermi l impegno etico della classe politica. Bla-bla-bla... La voglia di riscatto, soprattutto quella delle nuove generazioni, non manca (disattivando il vivavoce e parlando alla cornetta) Ho finito è tutto! Se hai problemi: troppo lungo troppo corto chiamami, sono qua Ciao!... Ah buon pranzo, nordista! Rocco riattacca la cornetta del telefono. IL CRONISTA: Eh buon pranzo! (estraendo una mela dalla borsa e guardandola) Buon pranzo! Chiamalo pranzo chistu... Il cronista addenta la mela, ne mastica un boccone poi si ferma a guardare immobile nel vuoto. IL CRONISTA: Sai che ti dico, Gigio? Andiamoci a fare un piatto di tagliatelle alla bolognese! Il cronista si alza, prende giubbotto e cellulare ed esce di scena. Rosa, la moglie, entra in scena cantando un antica canzone popolare calabrese. Indossa un grembiule da cucina e stringe tra le mani una ciotola che contiene patate. Si siede e inizia a sbucciare una patata. ROSA: Eh quanto mi manca il mio paese con quegli odori, quei sapori quei tramonti!...certo, però, che le persone.particolari, eh?!...quanti ricordi!...quella volta che ho portato Giacomino dal pediatra per una visita di controllo?!...non la dimenticherò mai!... C'era traffico, e ho fatto tardi. Un motorino aveva sfiorato lo specchietto di una macchina in coda al semaforo, ne è nato un litigio perché l'automobilista, che non aveva subito alcun danno alla macchina, pretendeva che il ragazzo si scusasse e portasse rispetto. Ma quello gli rispondeva: un me ne fotte 'na minchia chi sei, puoi essere pure mammasantissima, ma non ti ho fatto niente e quindi chiedo scusa a 'sta minchia. 17

18 Sono volate parole grosse e una minaccia: «Ti stermino la famiglia». Quello che mi turbò di più, però, fu che Giacomino in macchina non pareva troppo spaventato dallo spettacolo incivile e disse: «Mamma. sembra papa', che va a sbattere la testa contro i muri.» Giá, anche papá va per la sua strada e non vuole chiedere scusa a nessuno, pesta i piedi e non capisce che, per alzare la voce, bisogna avere le spalle coperte da qualcuno piú grosso di te. Perché altrimenti il pesce-pilota si metterebbe al riparo sotto la pancia dello squalo? Sono arrivata allo studio pediatrico con mezz'ora di ritardo. Prima di me c'erano giá quattro mamme in attesa del loro turno. Il mio appuntamento purtroppo era saltato e non mi restava che attendere. Giacomino sbuffava, perché il nostro pediatra, il dottor Sermonti, è un tipo all'antica e non vuole intrattenere i piccoli pazienti in attesa con la televisione. «Niente balie elettroniche, raccontategli fiabe e storielle», si raccomanda sempre. Sul tavolo a disposizione c'erano solo alcuni libri per bambini e per ragazzi, tra cui il mio romanzo preferito "L'isola del tesoro" che lessi da bambina un po' alla volta proprio in quello studio. Perché il dottor Sermonti è stato anche il mio pediatra. Ed ogni volta che torno nel suo studio per Giacomino dó subito un'occhiata per vedere se in giro c'è ancora "L'isola del tesoro" nell'edizione che lessi io. Da qualche parte deve esserci pure una macchiolina di sangue che mi usci' improvvisamente dal naso quando soffrivo di epistassi... Ritrovare anno dopo anno lo stesso libro mi dá un senso di sicurezza, mi fa sentire come. protetta da quelle quattro pareti bianche con sette od otto sedie disposte lungo il muro e il tavolinetto di bambú al centro con sopra le copie dei romanzi d'avventura che leggevamo noi ragazzi di un tempo. Giacomino invece non legge se non è costretto a farlo per i compiti. Passa ore ed ore davanti alla TV, anche se cerco di distrarlo e dargli alternative: l'ho iscritto a nuoto perché Rocco ci teneva a portarselo a mare a vedere le stelle marine sul fondo, la sua fissazione, ma poi non ha mai tempo e cosí al povero Giacomino non resta che la solitudine e il silenzio dell'immersione in una piscina dove annaspa, col suo corpicino simile ad un barattolo di pomodori, come una boa in un mare in tempesta. A volte mi sembra una goffa barchetta ancorata alla sedia, immobile e con lo sguardo perso nel vuoto. «E leggi un libro», gli dico. «Uffa, non mi va!», reagisce poggiando il mento sui pugni con l'aria imbronciata come un orsacchiotto frustrato. «E forza, ché al dottor Sermonti gli dái una gioia se ti vede leggere "L'Isola del Tesoro" come faceva mamma quand'era piccola!». Allora si alza, sempre sbuffando, prende il libro e lo apre, ma solo per farmi un piacere, perché tanto lo so che anche se i suoi occhi sono fissi sempre sullo stesso rigo, la sua mente è persa nel pensiero di qualche diavoleria televisiva o telematica. Ma almeno il solo nominare il dottor Sermonti, glielo ha fatto aprire questo benedetto libro! E chissá che, se si prolunga l'attesa, a furia di fissare la pagina, a Gacomino non si fissi in testa qualche parola Il dottor Sermonti che personaggio! Con quel suo pizzetto bianco sembra una specie di D'Artagnan in pensione. Porta il camice aperto su una camicia di flanella a scacchi rossi e verdi che mi sembra quella con cui lo conosco da sempre. Qualche volta mi chiedo se sia diventata la sua seconda pelle, come se se la fosse fatta tatuare per non cambiarsela mai! Per me era, non dico una festa, ma certo una novitá andare a farmi visitare quand'ero piccola dal dottor Sermonti. Ricordo che era una specie di affare di famiglia <portare la piccola dal medico>. Ci si mobilitava due ore in anticipo, perché dovevo fare prima il bagnetto, poi vestirmi per bene, come una signorinella e dopo. la promessa 18

19 con cui venivo convinta a fare la brava : il gelato. Il gelato mi piaceva, ma non era necessario per convincermi a fare la brava bambina, perché il dottor Sermonti, coi suoi scherzetti, la caramella che gli sbucava per un piccolo gioco di prestigio dal pugno che credevo vuoto, il solletico sotto i piedini, mi sembrava come l'incarnazione di uno dei santi protettori, sorridenti come angeli custodi che vedevo sulle pareti della chiesa quando mi portavano a messa. La sua esclamazione soddisfatta quando mi misurava l'altezza e registrava su una tabellina i progressi della mia crescita, mi trasmetteva la sensazione piacevole di aver fatto in qualche modo il mio dovere crescendo sana e forte..poi mi metteva le dita sulla schiena e bussava con le nocche esclamando divertito: «C'è nessuno in casa? Ed io scoppiavo a ridere mentre borbottava facendomi il solletico: «Ferma, sta buona, altrimenti il cuoricino batte troppo forte e scappa via come un topolino impaurito.» Quindi prendeva il martelletto per colpirmi sotto il ginocchio... La prima volta che lo fece mi misi a piangere, perché pensavo che volesse farmi male, ma quando vidi che la mia gamba scattava come una molla, a mia insaputa, come un essere a cui con quel colpetto lui aveva dato improvvisamente vita, trasformai il pianto in una risata irrefrenabile Volevo bene al dottor Sermonti... per me era come un nonno buono... e come fu felice quando gli portai Giacomino appena nato. Scorgendomi con la carrozzina, il suo viso si allargó in un sorriso di gioia: nel passaggio delle generazioni che si alternavano nel suo studio, vedeva la testimonianza che la vita, riproducendosi, trionfa sulla morte. E questo dava un senso alla sua vita Quel pomeriggio, mentre Giacomino faceva finta di leggiucchiare, il dottor Sermonti si affacciò in sala d'attesa e mi fece segno di avere pazienza, ci sarebbe voluta un'altra mezz'ora per finire le visite che mi erano passate davanti. Giacomino si insospettì: «Mami ma tu lo conosci davvero il dottore da quando eri bambina?» - «Certo che lo conosco, Giacomino, perchè?» - «Ma allora se lo conosci cosí bene ed è tuo amico, perché non ti fa passare davanti agli altri?» Mi crolló il mondo addosso. Dopo tutti gli sforzi che avevamo fatto per educarlo alla civiltá e al rispetto degli altri, il nostro Giacomino, da noi chiamato così in onore di Giacomo Matteotti che mio marito considera un mito di coraggio e lealtá proprio lui pensa di poter scavalcare la fila perché è amico di qualcuno.questo significa che la mentalitá mafiosa è inculcata fin dalla nascita dall'ambiente, che è piú forte delle buone intenzioni dei singoli. Mi caddero le braccia: proprio mio figlio mi stava facendo capire come stavano realmente le cose e che le nostre speranze di un futuro piú civile erano solo sogni di poveri sciocchi, illusioni destinate a svanire al primo contatto col mondo. Raccontai tutto al padre la sera stessa. «Dove abbiamo sbagliato?» mi chiese. «Noi sbagliato? Se fossi riuscita a scavalcare la fila, nessuno delle persone in attesa avrebbe fiatato e sai perché? Perché è normale, in Italia, che se conosci qualcuno puoi passare avanti, non fare la fila e nessuno protesta o s'indigna ad alta voce per il semplice motivo che domani, da un'altra parte, saranno proprio loro, le vittime del sopruso di oggi, a fottere gli altri, chiedendo un favore, un piacere, un aiutino, una spintarella, una raccomandazione o... la protezione mafiosa. Abbiamo fatto leggi incomprensibili, abbiamo creato un sistema burocratico impenetrabile per proteggere le corporazioni, le lobby degli amici, i salotti buoni, le logge massoniche, le terrazze romane, i party della crostata, gli inciuci, le cricche, i furbetti del quartierino, le cosche, la casta la mafia! Siamo tutti colpevoli! "Sprofonda Italia, libera il mondo" diceva Foscolo.» io sono nato in un dolce paese 19

20 dove chi sbaglia non paga le spese dove chi grida piú forte ha ragione sugli altri tanto c'è il sole e c'è il mare blu. Rosa esce di scena cantando. Entra in scena Rocco. IL CRONISTA: Beh dopo aver mangiato spaghetti incollati per un mese mi ci voleva proprio un bel piatto di pasta fatta in casa alla bolognese! Certo non sono i sapori della mia terra ma io mi trovo bene qui mi piace questa regione così medievale dal punto di vista architettonico, ma tanto moderna in quanto a modo di vivere e pensare e poi mi piacciono gli emiliani: allegri, costruttivi simpatici Rosa mi sfotte sempre dicendomi che ho dimenticato la Calabria al punto da prendere anche un po l inflessione Ma, forse, ho volutamente cercato di dimenticare quella mia terra così difficile e tormentata non da meno di altre regioni della nostra Italia Mi ricordo, tempo fa, che rimasi bloccato per ore, a causa di una panne, sulla statale Jonica, nei pressi di Corigliano Batteria kaput Colpa mia che non controllo mai la macchina, metto benzina e vado In attesa del carro attrezzi vidi passare tante automobili in un ora sfrecciarono 57 Mercedes SLK, 5 Ferrari, 15 SUV BMW, 6 Jaguar e tante tante altre auto extralusso centinaia di migliaia di euro - alla faccia della cronica povertà del Sud! - che sfrecciano ad alta velocità Mi chiesi: Ma gli autovelox funzionano o sono stati messi lì per bellezza, magari perché finanziati con i soldi della Comunità Europea, come le pale ferme degli impianti eolici che sembrano scheletri abbandonati sulle pendici delle colline calabresi?... Gli autovelox funzionano perfettamente ho anche preso una multa! E come è possibile, allora, che centinaia di automobilisti se ne fottano?... Perché hanno tanti soldi o perché tanto non le pagano?... Di chi sono mogli, figli, amanti, nipoti, cugini, parenti o amici per farsele togliere da funzionari compiacenti in un giro enorme di corruzione che, ormai, è dentro di noi come una seconda pelle, un abito mentale e ci coinvolge tutti?! Anche me e voi si moralmente si siamo tutti colpevoli: mafiosi e giornalisti, inquirenti e gente comune, studenti e professori. Siamo inavvertitamente scivolati nella palude di quella mentalità pre-mafiosa che ci fa pensare, ad esempio : E chi se ne fotte della multa, tanto ho mio nipote che lavora in Questura!... Chi pensa questo è mafioso chi vive così è mafioso chi parla usando questi termini è mafioso! Come diceva sempre mio padre: la 'ndrangheta - figghiu mio - è una tela di ragno che lentamente inesorabilmente, imprigiona le persone le infetta come nu virus e si insinua nelle istituzioni che quille rappresentano. Entra in scena Rosa con soprabito borsa e valigia. IL CRONISTA: (sollevando la testa dalla scrivania e scoprendo la moglie) Sei venuta a portarmi il pranzo?! (la donna tace) No, eh?!.. (riabbassando la testa) Meglio niente che gli spaghetti incollati ROSA: Non mi chiedere perché ti lascio. IL CRONISTA: (risollevando la testa) Mi lasci?!... Non lo sapevo?!... Scriverò un articolo! (riabbassando la testa) ROSA: Lo sai benissimo Perché lo faccio! IL CRONISTA: Ah, si?! 20

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli