Il Vescovo in visita al Settimanale A PAGINA 9 Foto William

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Vescovo in visita al Settimanale A PAGINA 9 Foto William"

Transcript

1 D E L L A D I O C E S I D I C O M O ANNO XXXIV 4 LUGLIO 2009 E 1,00 26 PERIODICO SETTIMANALE - POSTE ITALIANE S.P.A. SPED. IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N 46) ART. 1, COMMA 1, DCB COMO Il Vescovo in visita al Settimanale A PAGINA 9 Foto William LA QUINDICESIMA LETTERA Si è chiuso l Anno Paolino, straordinario per iniziative, mostre, pubblicazioni, musical, pellegrinaggi e arriva la domanda: cosa resta? Resta Paolo, con tutto il fascino della sua vita che lo mostra ancora oggi come il più grande missionario di tutti i tempi. La caduta sulla strada che portava a Damasco dove si sarebbe compiuta l ennesima violenza sui cristiani, diviene conversione e incontro, svelamento del volto del Signore. Paolo chiede: Chi sei tu? e riceve risposta: Io sono Gesù che tu perseguiti. Non aveva conosciuto Gesù in vita, a Gerusalemme o sulle strade della Galilea, come i dodici. È il primo cristiano ad avere avuto come esperienza solo quella del risorto; poi l avranno tutti gli altri. Paolo fu l apostolo per quelli più lontani; realizzò la prima inculturazione del Vangelo. Ebreo nato in Turchia, ma anche cittadino romano, porta la notizia della risurrezione a tutti e ovunque: Asia Minore, Grecia, Roma. Della prima generazione dei cristiani, Paolo è la personalità meglio conosciuta, grazie alle sue stesse Lettere (quattordici se si comprende quella agli Ebrei, sette quelle autentiche in senso stretto) e al racconto degli Atti degli Apostoli. Eppure la sua figura rimane ancora da scoprire e decifrare. Soprattutto da imitare. Fra le tante, una cosa colpisce della sua azione: il rapporto che aveva con i suoi collaboratori. Paolo non era un solitario, anche se era solo davanti a Dio e fu solo nei momenti decisivi della conversione, della prova e del martirio. Paolo sapeva formare e promuovere i suoi collaboratori, portandoli al suo stesso livello: ne faceva apostoli e fondatori di Chiese; non faceva tutto da solo, si appoggiava a persone fidate che condividevano le sue fatiche e le sue responsabilità. Timoteo e Tito furono quelle a lui più legate. In Timoteo Paolo vedeva quasi un alter ego. Tito è detto da Paolo mio vero figlio nella medesima fede. L elenco dei collaboratori è lungo e ognuno è significativo: Èpafra, Epafrodìto, Tìchico, Urbano, Gaio e Aristarco. Anche donne come Febe, Trifèna e Trifòsa, Pèrside. E i grandi Barnaba, Silvano e Apollo. E ancora Giovanni Marco, Ninfa e Archippo. E coniugi come Aquila e Priscilla, cacciati da Roma dalla persecuzione di Claudio. Paolo li incontra a Corinto, anche lui è del mestiere di far tende. Ad Efeso, accolgono in casa il gruppo dei cristiani. Nella casa di Aquila e Priscilla si riunisce la Chiesa, per ascoltare la parola e celebrare l Eucaristia. La Chiesa nasce nelle case dei credenti. Se il cristianesimo è giunto fino a noi fu merito della fede e dell impegno di fedeli laici, di famiglie, di sposi. Quale l attualità di Paolo? Quale messaggio raccogliere al termine dell anno a lui dedicato? Il desiderio e l impegno di imitarlo, perché anche il nostro incontro con Cristo si manifesti in una vita fraterna e missionaria. L incontro con Gesù che cambia la vita, un cristianesimo fraterno e solidale, un rinnovato coraggio di annunciare fino ai più lontani: ognuno di questi meriterebbe un anno dedicato. E oggi ci sono cristiani in questo modo? Certo che ci sono, anche nei luoghi dove non penseresti. È in corso a Roma la visita dei vescovi del Vietnam. Da loro, la percentuale dei praticanti è tra l 85 e il 90% dei cristiani; praticamente tutti, eccettuati i malati e gli impediti fisicamente. I loro seminari sono pieni: 3 mila giovani si preparano a diventare sacerdoti. E altro ancora. Viene da pensare a questi cristiani come ad una nuova lettera di Paolo, la quindicesima. ANGELO SCEPPACERCA FONDO FAMIGLIA E LAVORO DAL 1 LUGLIO AL VIA: UN OCCASIONE PER VIVERE LA FRATERNITÀ A PAGINA 10 ETICA E LEGALITÀ A CONFRONTO IL VESCOVO COLETTI E IL FILOSOFO NATOLI A PAGINA 11 MORBEGNO L ATTUALITÀ DEL MESSAGGIO DI SAN PAOLO ALLE PAGINE 30 E 31 VALLE INTELVI QUANDO LA STORIA RIVIVE A SCUOLA A PAGINA 24 TIRANO I RESTAURI AL SANTUARIO MARIANO A PAGINA 32 PRIMO PIANO LA CONCLUSIONE DELL ANNO PAOLINO A PAGINA 3 SONDRIO UN PROGETTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE L iniziativa, che vede la partecipazione di diverse realtà, tra cui l oratorio Sacro Cuore di Sondrio, si prefigge l obiettivo di portare avanti un progetto d intervento socioeducativo e didattico per il sostegno dei minori stranieri. A PAGINA 27 CHIESA VALMALENCO E OLGIATE GEMELLAGGIO SACERDOTALE A PAGINA 29 COMO REFERENDUM: TEMPO DI BILANCI A PAGINA 20 VALLI VARESINE VITA NELLE PARROCCHIE VALCUVIANE A PAGINA 26 COMO ANTEAS: «LA CRISI PASSA ANCHE DA NOI» Oltre mille servizi di trasporto effettuati nei primi sei mesi di quest anno, contro i 684 del Il segno di una crescente fatica da parte della popolazione di arrivare a fine mese. A PAGINA 14 COMO RICONOSCIMENTO STORICO PER I MERCATI CITTADINI? A PAGINA 15 SALUTE BASSONE: AL LIMITE DEL COLLASSO A PAGINA 16 COMO GHANESI: PRIMO CONGRESSO A PAGINA 19 VALMOREA LA S. MESSA VIAGGA NELL ETERE Una radio parrocchiale per raggiungere le persone deboli della comunità (anziani, disabili) impossibilitate dall uscire di casa. Un esempio prezioso da imitare. A PAGINA 22

2 P A 2G I N A RIFLESSIONI ROBERTO GIOVANNI TIMOSSI SCIENZA E FEDE Il punto di vista documentato e approfondito di uno scienziato teologo, in risposta alle tesi atee e scientiste. Poca scienza allontana da Dio ma molta scienza riconduce a Lui. (Pasteur) Il tema del rapporto tra scienza e fede è di sicura attualità sia in ambito laico sia in campo cattolico. Ma finora i testi di ispirazione cristiana o anche di scienziati genericamente credenti non affrontano direttamente e in contraddittorio le tesi dei numerosi atei scientisti, i cui libri hanno conosciuto e conoscono un crescente successo editoriale. Questo testo, invece, si propone di replicare a quegli scienziati e uomini di cultura che ritengono che la scienza abbia confutato l esistenza di Dio e tolto valore alla fede religiosa dimostrando in modo solido e pacato l unilateralità delle loro posizioni. ROBERTO GIOVANNI TIMOSSI, L illusione dell ateismo. Perché la scienza non nega Dio, San Paolo, pagine 576, euro 24,00 FRANCISCO JOSÈ AYALA DARWIN 150 anni fa Darwin enunciava nel suo testo fondamentale L origine delle specie la teoria dell evoluzione. Un secolo e mezzo più tardi, il dibattito sul rapporto tra fede e scienza è quanto mai attuale e spesso focalizzato proprio sulla teoria evoluzionistica, vista come opposta alla visione religiosa della creazione. Il dono di MICHAEL HESEMANN LUOGHI COMUNI Questo libro dello storico e giornalista tedesco Michael Hesemann smentisce e confuta i più diffusi luoghi comuni contro la Chiesa. La verità storica della Risurrezione. Gli scismi. I Templari. L inquisizione. Il caso Galileo. Il rapporto del Vaticano con Hitler Sembra che un pugno di autori si superino a vicenda nel rappresentare i Vangeli come storie di menzogne, i papi come criminali assetati di potere. Raccontare le leggende nere della FRANCISCO J. AYALA, Il dono di Darwin alla scienza e alla religione, San Paolo - Jaca Book, pagine 312, euro 24,00 Chiesa cattolica conviene, è quasi una garanzia di alte tirature. Così, anno dopo anno, ci attendono nuove rivelazioni. Questo libro ha per oggetto appunto le leggende nuove e antiche, le menzogne e i luoghi comuni. Non di rado, si scopre così che i pregiudizi sono altrove. MICHAEL HESEMANN, Contro la Chiesa. Miti leggende nere e bugie, San Paolo, pagine 374, euro 28,00 Darwin alla scienza e alla religione, come suggerito già dal titolo, si propone invece di far comprendere che la religione non ha nulla da temere dal dato dell evoluzione, ma al contrario deve guardare ad esso come a una grande opportunità. Il tono pacato delle argomentazioni di Ayala, così sicuro nel padroneggiare entrambe le materie in quanto biologo evoluzionista di fama mondiale ed insieme laureato in teologia, porta un contributo decisivo nel dibattito internazionale. NOVITÀ IN LIBRERIA a cura di AGOSTINO CLERICI LA FEDE E I BAMBINI Ecco quattro libri che, in modo diverso, aiutano a comunicare i contenuti della fede ai più piccoli. Cominciamo con il volume di Fabio Narcici edito nella nuova collana di catechesi di Paoline. I cambiamenti sociali degli ultimi decenni hanno posto alcuni problemi alla vita religiosa delle famiglie e alla loro capacità di comunicare la fede ai bambini. Dall esperienza di pastorale battesimale, avviata oltre dodici anni fa nella parrocchia romana della Trasfigurazione, emerge la proposta di un testo che aiuta gli operatori pastorali nella formazione alla fede dei bambini. Il cd allegato al volume contiene schede per l educazione religiosa dei bambini da 0 a 3 anni, il rito del Battesimo e alcuni esempi di pieghevoli da usare negli incontri con le famiglie dopo il battesimo. FABIO NARCISI, Comunicare la fede ai bambini. pasatorale battesimale ed educazione religiosa in famiglia, Paoline, pagine 310 (con cd allegato), euro 17,00. Con un linguaggio semplice, ma con richiami a evidenze scientifiche, il testo del pediatra napoletano Tommaso Montini vuole aiutare i genitori a comunicare con il loro bambino, a comprenderne i bisogni, a rispondere in modo coerente alle sue richieste. Vengono affrontati problemi quotidiani e difficoltà comuni: dalla depressione post partum alle ansie legate all allattamento al seno, dal ciuccio al pannolino, dal sonno alla pappa, dalla nanna alla scelta dello sport, dal vasino alle scarpe, dal primo giorno di asilo alla separazione/divorzio dei genitori. L autore, nell affrontare i diversi temi, privilegia sempre l aspetto psicologico e relazionale. TOMMASO MONTINI, Me lo dici in... bambinese? Come capire i nostri figli, Paoline, pagine 180, euro 12,00. Le linee salienti della fede cristiana, tradotte dal Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica in un linguaggio adatto agli adolescenti. Questo volume di Gabriella Biader volume è destinato in maniera particolare ai catechisti e ai ragazzi e può essere considerato come un manuale per sopravvivere al catechismo. Infatti i vari capitoli del volume più che essere delle lezioni sono dei veri e propri racconti, che in tal modo introducono e fanno comprendere i temi portanti della fede cristiana, condensati nel Compendio del Catechismo della Chiesa cattolica. GA- BRIELLA BIADER, Alla scoperta della fede. I ragazzi raccontano il Compendio, San Paolo, pagine 270, euro 16,00. Come sensibilizzare il ragazzo a principi fondamentali come l uguaglianza, il rispetto per gli altri, il valore del lavoro? Come dare vigore e autorità alle regole più semplici della vita di ogni giorno: compiere il proprio dovere, essere attenti, terminare ciò che si è cominciato, conoscere il valore delle cose? Il volume risponde a queste domande di fondo. Il testo si articola in 15 temi, ognuno dei quali viene sviluppato attraverso un racconto, un esempio concreto, riferimenti letterari, illustrazioni, elementi di cultura generale, attività. ARMELLE BARRÈS, Morale per ragazzi, Elledici - Isg, pagine 32, euro 6,00. Parola noi FRA EZ 2,2-5 SAL COR 12,7-10 MC 6,1-6 La fede da chiedere è giungere finalmente al cuore del mistero di ANGELO SCEPPACERCA SECONDA SETTIMANA del Salterio QUATTORDICESIMA DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO - ANNO B L INCREDULITÀ NEGA L INCARNAZIONE Il Vangelo di Marco ha una sua logica, un suo disegno dispiegato nell arco di alcune sezioni. La precedente terminava con la reazione delle autorità che volevano uccidere Gesù. Ora se ne chiude un altra col rifiuto dei suoi concittadini e dei suoi parenti. Non c è solo il rifiuto di Gesù da parte del suo popolo; c è anche quello dei credenti in Lui. È l eterna cecità dell uomo di fronte al mistero di Gesù che è scandalo per i giudei e follia per tutti i benpensanti. Gesù non trova la fede e non può compiere i segni, i miracoli; si meraviglia perfino di tanta incredulità. L incredulità nasce dalla delusione che la presenza di Dio si manifesta nel figlio del carpentiere, in Gesù di Nazareth, vero uomo. Allora come oggi, non si accetta Dio nella persona concreta di Gesù. Allora come oggi, però, chi crede e ha fiducia in questo Dio gioisce proprio perché questo carpentiere, questo uomo rivela la potenza, la vicinanza e l amore di Dio. Questo uomo è il crocifisso risorto e il tema dell incredulità spinge proprio a riconoscere, nello scandalo della parola fatta carne, la rivelazione di Dio nella storia umile e concreta dell uomo. La fede è proprio il superamento dello scandalo. Nell incredulità dei nazaretani si traccia il solco che divide la folla dai veri discepoli: c è chi rifiuta e chi si lascia cambiare dall incontro con Gesù. La fede cristiana consiste proprio nell accettare non solo il messaggio e le opere di Gesù, ma soprattutto la sua persona. Gesù, infatti, non è un fondatore di religione, come Mosé, Buddha o Maometto; Lui è il Signore, il Figlio del Dio vivente. Come a Nazareth, anche oggi possiamo rivivere la prima grande eresia - lo gnosticismo - quando non accettiamo il fatto che Dio sia entrato nella storia e nella carne nostra attraverso la storia e la carne di Gesù. Come a Nazareth, anche oggi si può restare stupiti dinanzi alle opere e al messaggio cristiano, e non avere fede, non comprendere come la salvezza, invece, ci ha raggiunto proprio qui e ora. La fede, da chiedere e da implorare, è giungere finalmente al cuore del mistero: l incarnazione di Gesù, principio di salvezza. Spesso al tema dell incredulità si associa la figura di Tommaso quando, dopo la risurrezione, chiede di toccare le ferite e di vedere la piaga. Su questo episodio, fra i tanti, il capolavoro di Caravaggio, dove la vista quasi si unisce alle sensazioni del tatto delle dita sul corpo del Signore. È una scena dove le figure sono ingigantite e noi entriamo quasi nel quadro. Credere per fede o toccare con mano l ineffabile? Più forte e decisiva è la misericordia di Gesù, la sua comprensione per la nostra piccola e miope fede. Il Gesù di Caravaggio è umanissimo, scosta delicatamente il sudario in cui è avvolto, per consentire al dito di Tommaso di entrare nella piaga. La mano di Gesù guida quella dell apostolo, la bocca sembra accennare una impercettibile smorfia di dolore, mentre lo sguardo accompagna il gesto che permette all apostolo - e a noi oggi - di vedere e toccare Lui vivo. Il quadro di Caravaggio fece, fin dal suo apparire, una enorme impressione nella Roma di 4 secoli fa. Qual è il fatto straordinario? Tommaso tocca un uomo vivo, s addentra nella carne viva. Caravaggio racconta l accaduto, nient altro che l accaduto. I protagonisti della vicenda raffigurati nel quadro di Caravaggio hanno abiti contemporanei alla sua epoca, mentre Cristo ha un mantello. L episodio accadde quel giorno in Palestina, ma proprio perché Gesù è risorto, può essere toccabile con mano, anche oggi, e in qualunque altro tempo.

3 CHIESA PRIMOPIANO 3 Si sono svolte, il 28 e 29 giugno, tra Antiochia e Tarso, le due città simbolo per i cristiani in Turchia, le celebrazioni conclusive dell Anno Paolino. Antiochia, città dove per la prima volta i cristiani furono chiamati tali e Tarso, città natale dell apostolo Paolo. A presiedere le liturgie il card. Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, in veste di inviato speciale di Benedetto XVI. Le parole chiave di questi due giorni, ricchi di celebrazioni e di incontri, anche con le autorità civili locali e della regione, che sul Giubileo di Paolo avevano puntato non solo per motivi turistici, ma anche di immagine, sono state testimonianza, coerenza, coraggio, esemplarità, ovvero tutto ciò che serve ad una Chiesa di minoranza come quella cristiana in Turchia, per dare significato e qualità alla sua presenza. I numeri non tradiscono: fino a un secolo fa, in Turchia vivevano circa due milioni di cristiani, la comunità proporzionalmente più numerosa in Medio Oriente, oggi è la più ridotta. Oggi sono circa 100mila, divisi tra armeni, cattolici (per questi le stime parlano di circa 30mila), protestanti, siro-ortodossi. Antiochia. Un primo, forte, messaggio il card. Tauran lo ha lanciato il 28 giugno da Antiochia, aprendo le celebrazioni conclusive. Ai fedeli radunati nel cortile dell unica chiesa cattolica della città, che si trova emblematicamente tra una moschea ed una sinagoga, ha detto: La Chiesa di Gesù non è una monarchia assoluta, né un organizzazione internazionale, né una multinazionale, ma una famiglia, è comunione e dialogo. È il viso di Cristo e noi ne siamo i tratti. Dobbiamo, quindi, essere testimoni credibili di Gesù. È bene ricordare che a Gesù si arriva normalmente attraverso la Chiesa. Ponendo all attenzione dei presenti l esempio dell apostolo Paolo, Tauran ha esortato tutti a chiedere a Dio il coraggio necessario per proclamare e proporre, senza paura e cedimento, ai nostri fratelli in umanità la Buona Novella. Sin dall inizio il cristianesimo è stato LA CONCLUSIONE DELL ANNO PAOLINO IL MARTIRIO DELLA PAZIENZA all opposto della saggezza del mondo. I martiri, come don Andrea Santoro, ne sono la prova. Se abbiamo il coraggio della differenza allora il Vangelo sarà annunciato con la nostra vita. La Chiesa cattolica turca è viva, ma essendo una minoranza deve testimoniare la propria fede in modo chiaro, discreto e incisivo. Il Giubileo paolino è un occasione per i fedeli di approfondire la fede e di non aver paura di essere cristiani anche se in minoranza. L Anno Paolino porterà un progresso del cristianesimo turco nella misura in cui i fedeli avranno conosciuto l Apostolo. Tarso. Medesima esortazione il card. Tauran l ha lanciata anche da Tarso, dove tra l altro, la Chiesa è in attesa da tempo del permesso da parte delle autorità di usare la chiesa-museo di san Paolo come luogo permanente di culto per i cristiani. Siate cristiani coerenti. Siete una minoranza da cui tutti, in questo grande Paese ricco di storia, si attendono qualcosa di diverso. Le nostre chiese non sono musei, i cristiani non sono pezzi di antiquariato. Questa chiesa di Tarso, come altre in questa terra, parlano come anche i tanti fratelli che ci hanno preceduto su queste strade. L apostolo Paolo resta sempre esempio da seguire specie per ciò che riguarda la scoperta della propria vocazione. Dio - ha detto l inviato speciale del Papa - è andato in cerca di Paolo, lo ha chiamato per nome. Per Dio non siamo un numero, come quelli che incidevano nei campi di concentramento, ma ci chiama per nome. Ognuno ha una vocazione, modelliamo la Si sono svolte il 28 e 29 giugno, ad Antiochia e Tarso, le due città simbolo per i cristiani in Turchia, le celebrazioni conclusive di questo intenso persorso di fede alla scoperta dell Apostolo delle genti a cura di DANIELE ROCCHI (Turchia) nostra vita sull e-sempio di Paolo in unione con la Chiesa. Una chiesa per i cristiani. Le celebrazioni sono state seguite anche da molti pellegrini che si sono uniti alle comunità locali. Guardando al flusso dei pellegrinaggi - in questo anno sono passati 416 gruppi per circa 16mila presenze, cui vanno sommate quelle dei pellegrini giunti in maniera informale - l Anno Paolino ha reso Tarso la seconda meta di pellegrinaggio cristiano in Turchia dopo Efeso. Numeri che hanno fatto dire al vicario apostolico dell Anatolia, mons. Luigi Padovese che l Anno Paolino non chiude ma resta una porta aperta a Tarso. La città di Tarso - ha affermato mons. Padovese - ha un debito con l apostolo Paolo che l ha resa famosa nel mondo. I pellegrini che continueranno ad affluire a Tarso hanno bisogno di una chiesa in cui raccogliersi in meditazione. In un museo non si può pregare. Una istanza che sembrerebbe essere stata accolta dalle autorità locali, come spiegato dallo stesso Padovese: In attesa di una decisione definitiva da parte delle autorità centrali e locali turche, che attendiamo presto, la chiesa di san Paolo continuerà ad essere utilizzata come luogo di culto, il che significa che al termine di ogni celebrazione l altare, le icone, la croce e ogni altro arredo liturgico resterà in chiesa che, dunque, non sarà spogliata. L unica differenza rispetto al trascorso Anno Paolino è che ai fedeli è richiesto il biglietto di ingresso, il che non comporta nessun problema, data anche l esiguità dello stesso. Dalla presenza alla testimonianza. Al termine delle celebrazioni è stato il nunzio in Turchia mons. Antonio Lucibello a tracciare un bilancio: Ciò che è importante per la Chiesa in Turchia non è tanto la presenza quanto la testimonianza. Per il nunzio non è questione di numeri. I cristiani sono circa 100mila oggi nel Paese, rispetto ai due milioni degli anni 20 ed oggi più che mai è valido ed è attuale quanto discusso, più di dieci anni fa, dai vescovi turchi, in un convegno ecclesiale in cui significativamente si chiedeva di passare dalla presenza alla testimonianza. La testimonianza è efficace - ha sottolineato Lucibello - si è, infatti, più sensibili ai testimoni che ai maestri. Un discorso che non vale solo per la Turchia, dove pure ogni giorno i cristiani fanno esperienza del martirio della pazienza, che può diventare anche cruento come accaduto per il sacerdote romano, don Andrea Santoro e LE SPOGLIE DI PAOLO E L EMOZIONE DEL SANTO PADRE Profonda emozione. È quella che ha espresso domenica scorsa Benedetto XVI, chiudendo l Anno Paolino con la celebrazione dei Vespri nella basilica di San Paolo fuori le Mura, cui è intervenuta anche una delegazione del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli. Siamo raccolti presso la tomba dell Apostolo - ha detto -, il cui sarcofago, conservato sotto l altare papale, è stato fatto recentemente oggetto di un attenta a- nalisi scientifica: nel sarcofago, che non è stato mai aperto in tanti secoli, è stata praticata una piccolissima perforazione per introdurre una speciale sonda, mediante la quale sono state rilevate tracce di un prezioso tessuto di lino colorato di porpora, laminato con oro zecchino e di un tessuto di colore azzurro con filamenti di lino. E stata anche rilevata la presenza di grani d incenso rosso e di sostanze proteiche e calcaree. Ma la vera rivelazione è che piccolissimi frammenti ossei, sottoposti all esame del carbonio 14 da parte di esperti, ignari della loro provenienza, sono risultati appartenere a persona vissuta tra il I e il II secolo. Ciò sembra confermare l unanime e incontrastata tradizione che si tratti dei resti mortali dell apostolo Paolo. E, ovviamente, tutto questo riempie il nostro animo di profonda emozione. per altri cristiani. Ora - ha concluso - il dialogo deve proseguire con la conoscenza ed il rispetto reciproco ripartendo proprio da questo Anno Paolino. CONCLUSO DAL VESCOVO A SAGNINO (COMO) L ANNO DEDICATO A S. PAOLO CON LA LETTURA E IL COMMENTO DELLA LETTERA DI S. PAOLO AI ROMANI FOTO WILLIAM Nella chiesa parrocchiale di Sagnino, l unica in diocesi dedicata all apostolo Paolo, la sera del 29 giugno, solennità degli apostoli Pietro e Paolo, il nostro vescovo, mons. Diego Coletti, con la lettura e il commento dei capitoli della Lettera ai Romani, ha concluso l anno dedicato a S. Paolo. Diverse centinaia di persone, provenienti anche dalle parrocchie della città, hanno seguito con attenzione, la lettura e le riflessioni del Vescovo sui citati capitoli di questa lettera che da tutti è considerata il capolavoro dell Apostolo delle genti, sia sotto l aspetto teologico, sia sotto l aspetto parenetico ed esortativo su come vivere la vita cristiana nella sua imitazione del Signore Gesù. Mons. vescovo ha esordito dicendo che i capitoli che avrebbe commentato, hanno cambiato il mondo ed hanno indicato una nuova maniera di vivere nella comunità dei Figli di Dio. Dal canto suo la parrocchia di Sagnino, durante l anno ha vissuto momenti significativi a cominciare con l apertura delle celebrazioni fatta dal nostro Vescovo l anno scorso con la sua partecipazione alla processione per le vie del quartiere con la statua di S. Paolo e con l indizione dell Anno Paolino con apposito decreto che indicava la chiesa di S. Paolo in Sagnino come chiesa da visitare per l acquisto dell indulgenza concessa dal Papa per l anno dedicato al grande Apostolo. Nella festa di S. Paolo dello scorso anno abbiamo avuto con noi l abate emerito della basilica di S. Paolo fuori le mura di Roma che ha celebrato l Eucarestia. Alcune parrocchie sono venute in pellegrinaggio per l acquisto dell indulgenza, tra le quali la parrocchia di Semogo. Tutta la catechesi parrocchiale è stata svolta durante l anno sulle lettere di S. Paolo. Per tutto l anno, durante tutte le messe feriali, è stata recitata una preghiera a S. Paolo per la chiesa, per le vocazioni, per i sacerdoti, per le famiglie. A conclusione dell Anno Paolino la parrocchia ha vissuto tre momenti particolari. Venerdì 26 giugno il Coro Gospel di Como ha tenuto un applaudito concerto nella chiesa parrocchiale. Sabato 27 giugno, il vicario generale mons. Giuliano Zanotta ha presieduto la processione con la statua del santo. Domenica 28 giugno la messa solenne celebrata dal parroco mons. Antonio Carlisi con la partecipazione della Corale parrocchiale Jubilate, cui ha fatto seguito un simpatico rinfresco offerto dalla parrocchia alla comunità. L attuale abate della Basilica di S. Paolo in Roma ha donato alla parrocchia di Sagnino un frammento ricavato dal sepolcro dell Apostolo durante i recenti lavori di ricognizione del sepolcro stesso posto sotto l altare papale della basilica. Tale frammento è custodito in un apposita teca ben visibile presso la statua del santo nella chiesa parrocchiale. Don PIERCARLO CONTINI

4 P A 4G I N A SOCIETÀ INTERNIESTERI PER OTTENERE IL MENO PEGGIO SE NON IL MEGLIO Iran: obbligati al dialogo L Iran ha rilasciato cinque dei nove dipendenti dell ambasciata inglese arrestati. Per quanto la crisi diplomatica fra Londra e Teheran non sia ancora risolta appare chiaro che il bis della cattura dei dipendenti dell ambasciata americana di trenta anni fa, il mito fondante della repubblica islamica, quella che Khomeini definì la Seconda Rivoluzione, non ci sarà. Nonostante le ritorsioni e le controritorsioni di rito in questi casi, sia da parte inglese che da parte iraniana si sottolinea già che non si vuole una rottura dei rapporti diplomatici. Del resto, nonostante la grande eco del postelezioni iraniano, la reazione internazionale è stata finora piuttosto prudente se non indifferente. Tre giorni dopo le elezioni Russia e Cina si erano già complimentate con Ahmadinejad per la splendida vittoria riportata. Ed anche nel mondo occidentale solo Sarkosy si è sbilanciato fino a denunciare una frode elettorale. Ma per il resto si è preferito condannare le violenze sugli oppositori senza compromettersi sui brogli elettorali. Questa cautela non deriva solo dalla difficoltà di sapere cosa veramente gli iraniani abbiano messo nelle urne venti giorni fa. Ma dalla consapevolezza ben più rilevante politicamente per cui ogni delegittimazione del vincitore ufficiale delle elezioni avrebbe di fatto delegittimato anche ogni dialogo con l Iran perché sarebbe equivalso ad ammettere che si andava a trattare non con un rappresentante, ma con un usurpatore. Soprattutto il neopresidente americano è stato preso in contropiede da questo rischio di non sapere con chi dialogare una settimana dopo che aveva inaugurato ufficialmente l era del dialogo con l Iran. Nel suo discorso del Cairo del 4 giugno scorso Obama aveva chiesto scusa per il rovesciamento di Mossadeq nel 1953 e aveva promesso la fine del trentennale tentativo americano di rovesciare l attuale regime iraniano. In sostanza il neo presidente prometteva riconoscimento in cambio del dialogo. Ed anche dopo la contestazione postelettorale il nuovo inquilino della Casa Bianca ha cercato di mantenere un certo distacco dalle contese di Teheran dichiarando che in fondo Moussavi non era poi tanto diverso da Ahmadinejad. Questa dichiarazione apparsa ai più stravagante voleva dire in sostanza che a Teheran non avrebbe comandato in ogni caso nessuno dei due personaggi che si strappavano di bocca la vittoria perché avrebbe continuato a comandare come sempre la Guida Suprema Ali Khamenei. Detto ancora più chiaramente in Iran per ottenere un reale cambiamento sarebbe stato necessario non un altro presidente, ma un altro regime, non una nuova elezione, ma una nuova rivoluzione. Che era quello che i predecessori di Obama alla Casa Bianca avevano cercato per trent anni con la loro chiusura verso Teheran e la loro condanna della Repubblica islamica. In sostanza anche nel mondo occidentale, nonostante lo sdegno per le violenze e l incognita di un regime che si sta radicalizzando, prevale il realismo di chi pensa che ancora da Teheran si possa ottenere almeno il meno peggio se non il meglio. Questa è fra l altro la posizione emersa anche dal G 8 di Trieste. Con l Iran ci sono interessi opposti, ma anche interessi convergenti. In Afganistan l Iran ha interesse che siano sconfitti Al Qaida e i talebani per i quali la religione sciita non è altro che un eresia da estirpare. In Iraq l Iran vuole che si consolidi l attuale supremazia degli sciiti al potere e non vuole una balcanizzazione del paese fra sciiti, sunniti e curdi che costituirebbe un pessimo esempio anche per le sue minoranze interne. Certamente in entrambi questi paesi ai suoi confini l Iran non vuole né un governo troppo filoamericano, né un governo troppo forte. Ma tra il caos e il compromesso c è sempre uno spazio. A loro volta è interesse degli occidentali ottenere un minimo di moderazione in Palestina dal movimento Hamas filoiraniano perché, senza un pregiudiziale accordo di unità nazionale fra i palestinesi, non è possibile nessun accordo di pace e nemmeno nessuno stato palestinese anche ammesso che alla fine gli israeliani lo concedano. Anche per il dossier più drammaticamente scottante dell energia atomica rompere ogni dialogo significa oggi fra l altro interrompere ogni ispezione Onu nel paese e dare all Iran la possibilità di correre diritti senza più alcuno ostacolo o intralcio verso un arma atomica qualora realmente lo voglia. Certamente questa prosecuzione del dialogo non ha fra le sue priorità quello di far cadere il regime degli ayatollah. Ma come sembra pensare il presidente Obama nemmeno la strategia della delegittimazione in trenta anni è riuscita a raggiungere questo risultato che pure era in cima ai suoi pensieri. E per i problemi drammatici che oggi sono sul tappeto nessuno può permettersi il lusso di aspettare altri trenta anni. ROMANELLO CANTINI IN ATTESA DELLA CARITAS IN VERITATE FIRMATA DA BENEDETTO XVI IL 29 GIUGNO Enciclica sociale e sostenibilità evangelica L unedì 29 giugno Benedetto XVI ha firmato la nuova enciclica sociale la terza del suo pontificato dal titolo Caritas in veritate. Si rimane in attesa della presentazione dell enciclica in Sala Stampa nei prossimi giorni, da parte del Presidente e del Segretario del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, rispettivamente il cardinale Martino e il vescovo Crepaldi, che hanno particolarmente coadiuvato il papa per la stesura di questo importante documento. Parlando ai fedeli all Angelus di lunedì scorso, il papa stesso ha ricordato l evento della firma della nuova enciclica, invitando a pregare perché essa possa suscitare energie nuove a sostegno, ha detto, dello sviluppo sostenibile. E probabile che questo aggettivo adoperato da Benedetto XVI sostenibile possa venire frainteso e suscitare così false aspettative sull enciclica. La sostenibilità di cui parla Benedetto XVI non è solo - né in primo luogo quella ambientale, come spesso oggi si intende dire quando si adopera il termine sostenibilità. Egli nell enciclica parlerà soprattutto della sostenibilità umana dello sviluppo e, anche, della sostenibilità evangelica. Anche nelle parole pronunciate all Angelus di lunedì, Benedetto XVI ha ripetuto quello che dice da sempre: non c è sviluppo se non umano e non c è sviluppo umano senza la luce del Vangelo. Parlando infatti della chiusura dell anno paolino, Benedetto XVI ha esortato a «rimanere fedeli alla vocazione cristiana e a non conformarvi alla mentalità di questo mondo come scriveva l Apostolo delle genti proprio ai cristiani di Roma -, ma a lasciarvi sempre trasformare e rinnovare dal Vangelo, per seguire ciò che è veramente buono e gradito a Dio (cfr Rm 12,2)». Gli organi di stampa aspettano l uscita dell enciclica per soppesare come il papa valuterà la crisi finanziaria in corso, ma il vero senso dell enciclica sarà di riproporre la necessità pubblica della luce evangelica per capire e promuovere il vero sviluppo. Sviluppo sostenibile dall uomo, quindi sviluppo umano. Lo sviluppo, infatti, o è umano o non è sviluppo. Da questa luce il papa trarrà, come ha detto sempre all Angelus di lunedì, alcune riflessioni in ricordo della Populorum Progresso di Paolo VI, scritta nel lontano La Caritas in veritate, infatti, era originariamente stata concepita come commemorativa dei 40 anni della Populorum progressio, ossia dell enciclica che per prima parlò dello sviluppo dei popoli, dilatando la questione sociale a livello mondiale. La elaborazione del testo della nuova enciclica ha richiesto più tempo del previsto, per cui essa non è potuta uscire nel Mantiene però ugualmente la struttura della commemorazione e dell aggiornamento della Populorum progressio. E che criteri adopererà per realizzare questa attualizzazione? Sempre all Angelus di lunedì scorso il papa ci ha detto che lo farà alla luce della carità nella verità, come del resto dice anche il titolo della nuova enciclica. Si noti che la prospettiva è piuttosto originale. Nella Lettera agli Efesini, Paolo dice che si deve fare la verità nella carità (anche se nella prima ai Corinti dice che la carità si compiace della verità ). Il papa invece ha qui scambiato i termini. Egli non vuole certo negare l importanza della carità ha scritto un enciclica per dire che Deus caritas est ma richiamarci al fatto che l amore del prossimo è autentico amore quando lo rispetta nel suo essere, nelle sue profonde esigenze umane e dentro il progetto di Dio. Viceversa l amore si riduce a sentimento, la carità a interessata assistenza e gli aiuti a chi è nel bisogno diventano preda di logiche scorrette e scomposte. Questo vale anche nelle varie forme di aiuto a chi è ancora indietro nel progresso: di fatto non si aiutano i paesi poveri se non si rispetta la verità delle regole economiche, se non si tiene conto di come vengono gestiti gli aiuti, se non si promuove lo sviluppo in tutta la verità delle sue forme e non solo in quelle materiali. Del resto la verità dello sviluppo pone molte domande inquietanti anche ai paesi ricchi e progrediti, perché il loro supersviluppo spesso non è vero sviluppo. Non deve passare inosservato che se la carità è autentica solo nella verità, allora la carità cristiana può vantare una pretesa pubblica, in quanto promuove la vera umanità, rispetta le esigenze della ragione comune a tutti gli uomini, non si qualifica come un atteggiamento sentimentale ma come una proposta di umanizzazione delle relazioni sociali. Se la carità è radicata nella verità, allora può essere comunicata e fatta oggetto di dibattito razionale pubblico. Il titolo è quindi molto ratzingeriano ed esprime ancora una volta la convinzione che il cristianesimo è la religione dal volto umano. Credo che la nuova enciclica di Benedetto XVI, proprio perché proporrà una carità dentro la verità, eliminerà molti luoghi comuni sullo sviluppo, metterà in evidenza le molte nuove ideologie che pesano anche oggi sullo sviluppo dal terzomondismo che rimane ancora legato alla obsoleta contrapposizione Nord-Sud, all ecologismo che condanna le colpe contro la natura e parla di diritti della natura mentre sia le colpe che i diritti riguardano solo l uomo, alla decrescita che testimonia una scarsa fiducia nell uomo - e proporrà la sapienza che deriva dal realismo cristiano. Alla Chiesa sta a cuore l uomo, l uomo concreto, peccatore e giusto, ossia l uomo vero. STEFANO FONTANA

5 SOCIETÀ FATTIePROBLEMI 5 EUROPA: QUALE CONTRIBUTO DAI CATTOLICI? Ripensare per rafforzare Segnali contrastanti da un paese atomizzato, forse smarrito nella complessità mondiale. Dove cresce la spinta alle autonomie locali mentre s indeboliscono, seppur in misura minore rispetto ad altre nazioni, l adesione al concetto di unità nazionale e al progetto dell integrazione comunitaria. Il seminario proposto da Retinopera il 24 giugno a Roma aveva all ordine del giorno il tema Tra Europa e federalismo: popoli, territori, comunità, mercati e Stati. Ampio il ventaglio di spunti suggeriti da un indagine effettuata da Swg e presentata da Roberto Weber, che ha dato il la a un fitto dibattito, introdotto da Vittorio Emanuele Parsi (Università Cattolica di Milano) e Lucio Caracciolo (rivista Limes ). La ricerca dell istituto triestino ha sottolineato alcune contraddizioni e paure che segnano l opinione pubblica italiana, come ad esempio la scarsa apertura verso gli immigrati, il decrescere del senso di inclusione sociale, la volontà di imporre dazi per proteggere le merci nostrane e persino quella intesa a comprare prodotti made in Italy per far fronte alla crisi economica. Convinzioni che peraltro sembrano contrastare una certa consapevolezza della progressiva e necessaria apertura verso il mondo in un epoca dove nessun Paese può fare da sé, ritenendosi un isola felice, autosufficiente sul piano commerciale, politico, culturale o persino demografico Parsi ha sottolineato come troppe volte si scredita l Europa, magari per mascherare lacune politiche interne. Trascuriamo il fatto che l Ue ha dato un grande contributo per creare un mercato unico continentale, fondato sulle regole, sulla libera concorrenza, sullo spirito di intrapresa, su un economia che nasce dal basso. Un mercato che, anche grazie al diffondersi dei consumi di massa, tende a livellare le classi sociali. D altro canto Caracciolo s è detto convinto che non c è oggi, in Europa, un idea condivisa su cosa debba essere l Europa stessa. Il direttore di Limes ha poi riconosciuto che l Europa nasce da una matrice cristiana, da un ispirazione cristiana e da molti attori politici cristiani ; ma, ha poi avvertito, oggi il contesto è completamente mutato e dunque occorre ripensare il contributo dei credenti per la costruzione della casa comune. Mi domando ha affermato Marco Impagliazzo, della Comunità di Sant Egidio se noi cattolici non stiamo facendo troppo poco per l Europa. Se non si sblocca la questione federale, ossia se non si accelera il processo di rafforzamento delle istituzioni comuni e il trasferimento di competenze dagli Stati all Ue, l Europa resterà una democrazia bloccata. Molte, nel corso del seminario, le voci che hanno richiamato i temi culturali ed educativi, attorno ai quali modellare una rinnovata identità europea, nella consapevolezza che l Ue di oggi comprende un insieme di diversità culturali, storiche, ideali, religiose da valorizzare, per un Europa credibile rispetto ai propri cittadini e sulla scena internazionale. GIANNI BORSA Il rischio di dare i numeri... In attesa degli esiti degli esami di maturità, mi limito a qualche osservazione sulla reale o presunta severità che emergerebbe dagli scrutini di giugno. I titoli dei giornali lasciavano intendere che, finalmente, si stava ritornando ad una scuola più seria, ad una scuola che non promuove facilmente tutti. E le percentuali di bocciati, di sospesi e di non ammessi a sostenere l esame di maturità erano lì a dimostrare che la scuola sta finalmente cambiando. Più severità, meno permissivismo, più bocciature, più selezione: sembra che in questa prospettiva si stia muovendo qualcosa di nuovo e di positivo! Davvero strana l informazione. Per mesi e mesi a dire che la scuola sta attraversando una crisi profonda, che insegnanti e studenti si trovano spesso allo sbando, che il Ministero sembra intervenire a tempo o fuori tempo con normative che complicano i problemi piuttosto che risolverli. Poi, di fronte ai numeri di bocciati o sospesi, come d incanto, ecco che la scuola sembra ritornata seria, capace di far comprendere agli studenti che lo studio non è un divertimento, che la selezione stimola ad un maggior impegno. E gli insegnanti? Sono finalmente ritornati ad essere meno permissivi e capaci di assumesi le loro responsabilità. A me sembra che queste affermazioni, questi presunte argomentazioni stiano a dimostrare un interesse davvero superficiale per il mondo della scuola. QUALE Non solo. Esse attestano pure? una scarsa conoscenza del pianeta scuola. Da molti scuola anni tra debiti assolti e debiti non assolti- gli studenti si sono trovati promossi al di là e oltre ogni loro merito effettivo. L apprendimento aveva raggiunto livelli davvero preoccupanti; non raramente, poi, lo stesso insegnamento appariva non adeguato. Tanto, prima o poi, una promozione non la si nega a nessuno : questo lo slogan che abitava la mente di tanti studenti (e di qualche insegnante!) fino a diventare una mentalità: minimo sforzo, massimo rendimento. E stato sufficiente ricordare che per essere promossi è necessario avere la sufficienza in tutte le materie (intuizione davvero geniale e nuova!) per assistere ad un fenomeno strano: chi non ha la sufficienza non può essere promosso, ma deve recuperare a settembre. Di nuovo la serietà o l ennesimo passo indietro? Qualche dubbio è lecito averlo! ARCANGELO BAGNI VIAREGGIO GRAVE INCIDENTE: MORTI E FERITI CORSIVO di AGOSTINO CLERICI Il Papa ha inviato oggi un telegramma di cordoglio per le vittime del grave incidente avvenuto nella notte tra lunedì 29 e martedì 30 giugno presso la stazione di Viareggio. Nel telegramma, inviato all arcivescovo di Lucca, mons. Italo Castellani, tramite il card. Tarcisio Bertone, segretario di Stato vaticano, Benedetto XVI esprime profonda partecipazione al dolore che colpisce l intera città, e mentre assicura fervide preghiere di suffragio per quanti sono tragicamente morti invoca dal Signore pronta guarigione per feriti, inviando una speciale confortatrice benedizione apostolica a quanti sono colpiti dal drammatico evento. Sempre oggi, il Santo Padre ha inviato un altro telegramma di cordoglio, relativo alle vittime del disastro aereo avvenuto questa mattina al largo delle isole Comore. Informato della catastrofe si legge nel telegramma inviato a mons. Mounged El-Hachem, nunzio apostolico in Kuwait, tramite il card. Tarcisio Bertone, segretario di Stato vaticano il Papa esprime le sue sincere condoglianze alle famiglie colpite dal lutto. Raccomanda i defunti alla misericordia divina e prega Dio per tutte le persone duramente provate da questa tragedia. Il bilancio dell incidente di Viareggio è grave: martedì sera si contavano 13 morti e quattro dispersi, ma anche alcuni tra i feriti gravemente ustionati ed in pericolo di vita. JACKSON E I MEDIA SUPERFICIALI Primo radiogiornale. Fuori dalla finestra cinguettano felici gli uccellini. La voce annuncia la prima notizia: è morto Michael Jackson. Lo stanno dicendo in tutto il mondo, e si può comprendere la globalizzazione della notizia vista la popolarità del personaggio. Ma, mentre mi sto lavando i denti, mi domando: è proprio necessario che questa sia la prima notizia? Prima di tragedie umanitarie, e prima anche della crisi economica? Lo so: un terremoto fa notizia per un po, ma poi che si continui a vivere sotto le tende è un affare che interessa ormai soltanto i poveracci che vi sono costretti. Eppure, quel giorno la notizia della morte del famoso cantante ha fatto il giro del mondo, e ancora a sera i grandi Tg nazionali la davano scandalosamente come prima notizia. A me continua a sembrare esagerata questa sovraesposizione mediatica di un uomo famoso, sino al punto di obnubilare tutto il resto per almeno ventiquattro ore (e chi se ne intende di informazione, sa che oggi una notizia dura assai meno...). Devo confessare che io sono tra coloro che considerarono eccessiva anche l esposizione mediatica di ben altro uomo, sia chiaro, quel papa Wojtyla, di cui si è permessa per troppo tempo la spettacolarizzazione della sofferenza. Questo per dire che non ce l ho affatto con Jackson. Mi da fastidio che di fronte alle mitizzazioni mediatiche salti ogni gerarchia valoriale. Non importa più nemmeno chi è - potrebbe essere un delinquente, o il Papa o semplicemente un cantante miliardario relegato nella sua villa dorata - l unica cosa che conta veramente è lo sfruttamento della sua immagine per qualche ora o qualche giorno. E nessuno dei media che contano ha il coraggio di uscire dallo star system. Tutti a sbattere in prima pagina la morte del cantante... Michael Jackson, poi, era un tipico prodotto della telecamera: esisteva solo sotto i riflettori e davanti a un pubblico in delirio, poi to- glieva la maschera ed entrava nel vuoto di una vita senza senso. Le ultime fotografie lo avevano ritratto su una sedia a rotelle, impegnato a nascondere il suo volto. Esempio vivente di come il successo non sia necessariamente fonte di felicità, anzi talvolta sia l anticamera di un autoemarginazione dalla vita comune, quella in cui accanto alle gioie vi sono i dolori. E che sia questa alternanza umana di piccole glorie e piccole miserie la vera fonte della felicità? Chissà. Sarebbe stato bello se i media capaci di mettere in prima pagina la morte del cantante ricco e triste, avessero avuto il coraggio anche di commentare la notizia, di entrare a sviscerare che cosa davvero può rendere felice un uomo su questa terra. Avrebbero potuto anche far riflettere tutte quelle centinaia di migliaia di persone - giovani soprattutto - che magari, senza saperlo, inseguono come ideale quella stessa infelicità che il loro idolo aveva purtroppo raggiunto. Non l hanno fatto neanche stavolta, dimostrando la solita superficialità.

6 P 6A G I N A SOCIETÀ ECONOMIA NEI 27 PAESI DELL UNIONE EUROPEA DISOCCUPATI A 20 MILIONI 825 MILA UNITÀ DISOCCUPAZIONE: UNA CONFERMA E UN CAMPANELLO D ALLARME Nel Vangelo di Matteo si legge: Guardatevi dai falsi profeti, che vengono a voi con vesti di pecora, ma dentro sono lupi rapaci (Mt 7, 15). Riflettendo sul versetto mi sono chiesto come è possibile identificare i falsi profeti. La risposta mi è giunta dal versetto successivo: Dai loro frutti li riconoscerete. I cattolici dovrebbero pertanto prendere in esame ad esempio, i frutti maturati sui rami delle forze politiche e sindacali, dei costumi, delle strutture produttive e finanziarie, dei vari sistemi educativi e giudiziari, delle ideologie e così via. Si tratta di identificare le forze, le ideologie che hanno ucciso l etica e la morale, che hanno distrutto la famiglia, il concetto di bene comune, di onestà, legalità, verità, studio, sviluppo, progresso e amore per la vita. Ciò presuppone conoscenze e competenze, ampie, approfondite, aggiornate e capacità di analisi critiche e disincantate. Richiede inoltre la conoscenza della propria identità, della propria storia e il possesso di una cultura forte e dinamica. A mio sommesso giudizio, in assenza dei requisiti e delle capacità che ho richiamato, i cattolici si espongono a continui fraintendimenti e si trovano a Nel primo trimestre dell anno corrente l occupazione ha registrato una perdita di 204 mila unità lavorative e nell arco di tempo 2009/2010, tra perdita di posti di lavoro e cassa integrazione, le unità di lavoro perse potrebbero essere di oltre un milione pagina a cura di GIANNI MUNARINI re e prendere in esame i disastri, presenti nella società italiana e in quella mondiale, nonché di individuarne le cause e le responsabilità. Impresa difficile e complessa, perché le parole hanno perso il loro significato originario, a causa della doppiezza ideologica, culturale e morale delle forze che le utilizzano. Le parole democrazia e libertà in Occidente avevano un significato inequivocabile; nei Paesi del socialismo reale ne avevano uno diametralmente opposto. Il concetto di difesa del diritto al lavoro, ad esempio, è espresso con parole che dicono tutto e il suo contrario. Potrei continuare all infinito, non servirebbe a nulla, quindi invito a prendere coscienza che, in questo momento, la disoccupazione - dato reale e documentato - è in crescita costante. Nel primo trimestre dell anno corrente l occupazione ha registrato una perdita di 204mila unità rimorchio di partiti e forze avverse ai valori cristiani. Alle corte, assumono e assumeranno passivamente tutti i modelli di vita proposti dalla cultura prevalente, in apparenza razionali, tolleranti, attenti ai diritti civili e alle libertà personali. I cattolici, senza averne avvertenza subiranno una forte pressione che li spingerà subdolamente verso una cultura relativista, permissiva, atea e di fatto accetteranno un modello di società, che ha come presupposto fondamentale il disincaglio delle attività politiche, sociali ed economiche dalla Grazia e quindi dalla libertà e dai diritti dell azione orientatrice della legge cristiana. Ciò comporta la perdita dell identità cattolica, quindi anche della preziosa eredità della fede nell unico Dio e delle sue promesse. Per concludere l introduzione e per evitare ogni possibile equivoco, tento ora di riassumelavorative e nell arco di tempo 2009/2010, tra perdita di posti di lavoro e cassa integrazione, le unità di lavoro perse potrebbero essere di oltre un milione. Il dato esposto, se analizzato con attenzione, porta in evidenza che un alto numero di contratti a termine non è stato rinnovato e che molti collaboratori hanno perso il posto di lavoro. Lascia pertanto perplessi l affermazione del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, secondo cui i dati Istat sono inferiori a quelli che potevamo temere. Il tasso di disoccupazione in Italia è salito al 8% circa, quindi non si tratta di bruscolini, ma di famiglie in difficoltà, di giovani posti fuori dalla speranza, ovvero privati della fiducia nel futuro e nelle loro indubbie capacità. Temo che le percentuali diffuse da Eurostat sulla disoccupazione in Italia siano lacunose. Ad esempio, la Cassa integrazione in molti casi è un tarocco, che contrabbanda disoccupati per occupati, temporaneamente congelati. Bugia pietosa a cui si ricorre per non dire brutalmente e subito che molti lavoratori, sovente padri di famiglia, sono rimasti senza lavoro. Molti cassintegrati sono, in realtà, disoccupati/invisibili, ai quali è stato garantito un temporaneo buon sussidio. Nei 27 Paesi dell Unione Europea ad aprile, i disoccupati ammontavano a 20 milioni 825 mila unità. Dietro questi numeri si celano una conferma e un campanello d allarme. La conferma: la crisi finanziaria, giunta in Europa un anno e mezzo fa, ha iniziato a mordere l economia reale, cioè l industria, l artigianato, il commercio, il portafoglio dei cittadini, ovvero la capacità di spesa della famiglia e da ciò nascono paure, insicurezze e rabbia. ll campanello d allarme dice invece che in Europa soffia un forte vento di estrema destra, che ha portato rappresentanti a Bruxelles. Detto fenomeno è scaturito dal malcontento e dalle delusioni, che serpeggiano in larghi strati della popolazione europea. PUÒ ESSERE UTILE GUARDARE AL PIANO ANTICRISI VARATO DAL GOVERNO CINESE MISURE TARATE NON SOLO SULL IMMEDIATO Non sono fisime perché come dice il Presidente francese Nicholas Sarkozy: Il peggio non è passato. Nel caso si dovesse verificare in Italia, la falcidia di precari paventata dal Governatore di Bankitalia, Mario Draghi, i lavoratori senza protezione, nel caso di perdita del posto di lavoro, supererebbero il milione e mezzo. È indubbio che i lavoratori non si difendono solo con le prestazioni sociali, ma soprattutto con la creazione di nuovi posti di lavoro, ovvero riattivando il circolo virtuoso: consumi, produzione, occupazione. La disoccupazione in Italia, ha raggiunto livelli preoccupanti, cosicché divengono urgenti interventi mirati alla ripresa economica, soprattutto investimenti, innovazione, ricerca, dinamismo imprenditoriale. L imposizione fiscale sui redditi da lavoro dipendente è al 44%, non può quindi destare meraviglia lo scoprire che circa il 90% dell Irpef, che giunge nelle casse dello Stato, proviene dalle buste paga. L imposizione fiscale sul lavoro dipendente è troppo alta. Grava negativamente sui bilanci delle imprese, sui costi di produzione, sui prezzi dei nostri prodotti e riduce la capacità di spesa della famiglia, urge quindi intervenire con sforbiciate significative. Secondo il bollettino statistico di Bankitalia, il debito pubblico in febbraio ha consolidato un nuovo record, salendo a 1708 miliardi di euro. I conti pubblici, a loro volta, registrano spese crescenti ed entrate in flessione, la cassa integrazione è in costante aumento e il Pil scenderà nel corrente anno del 5%. Data la situazione, le misure anticrisi del governo sono benvenute, anche se insufficienti. A questo punto mi domando se la crisi è frutto solo di errate valutazioni tecniche, di incapacità politiche e manageriali, di disonestà e ingordigia di pochi individui, o se si tratta di decadenza morale, culturale e politica dell Occidente nel suo insieme. Lo scenario economico mondiale da un anno e mezzo continua a deteriorarsi, il calo del Pil mondiale, ma anche italiano, lo documenta inequivocabilmente. Aggiungo che l uscita dalla crisi non è favorita dal catastrofismo dell opposizione e manco dallo smodato ottimismo dall accoppiata Tremonti / Berlusconi. Richiede, in parole povere, un sano realismo sommato ad un ragionevole ottimismo. Il fatto che, la struttura produttiva e sociale dell Italia, sia differente da quella del resto d Europa ha permesso di ritardare e attenuare gli effetti della crisi, ma da oltre un anno i dati macroeconomici segnalano il crescente rallentamento dell economia italiana. Il rallentamento dell economia dell Occidente ha colpito anche Brasile, Cina e India, ovvero anche queste regioni hanno risentito dei contraccolpi provenienti dalla crisi finanziaria partita dagli Stati Uniti. I flussi commerciali e finanziari che coinvolgono detti Paesi, per nostra fortuna, li costringe a contrastare la crisi sia a livello internazionale che interno. Il governo di Pechino, ad e- sempio, ha programmato un piano biennale di misure anticrisi. All uopo ha stanziato oltre 586 miliardi di dollari e si è dato, nel contempo, due precisi obiettivi: sostegno al Pil e potenziamento delle infrastrutture, quest ultime rappresentano la modernizzazione richiesta per realizzare uno sviluppo a tempi lunghi. Le misure anticrisi varate dal governo Berlusconi sono invece mirate ai tempi brevi, ossia non garantiscono proiezioni nel futuro. Gli obiettivi che si è dato il governo cinese tutelano nell immediato, non solo la tenuta dell occupazione ma anche la sua crescita nel tempo e di conseguenza la capacità di spesa dei consumatori. La Cina come dianzi detto opera su due fronti, mentre l Italia su uno solo: l immediato. Dinnanzi al quadro che ho descritto il mondo politico italiano dovrebbe dare il meglio di sé, ma ciò non avviene, perché in Italia è in atto la demolizione della politica e la cancellazione dei suoi ideali e delle sue strutture storiche. A destra, al centro e a sinistra sono scomparsi: programmi, idee, leader di alto livello, sezioni e cellule, dove si dibatteva e si partecipava alla vita politica nazionale e di partito. Il Paese rimane così, in mano ad una ristretta cerchia di potenti attenti a salvaguardare il proprio potere e a difendere inconfessabili interessi. A questo punto ritengo opportuno sottolineare come la modernità laica, consumista, egoista, priva di agganci etici, ha frantumato i confini che poneva la concezione cattolica, che fissava percorsi precisi attraverso i quali operare il raggiungimento del bene comune, per poi pervenire alla salvezza eterna. Le teorie nicciane, l economia liberista, la concezione espressa dai radicali sulla vita e sulla società, l azione individuale e collettiva sottratta alla Legge divina e al Codice civile e penale, sono l antefatto della crisi finanziaria prima e di quella economica poi. La creazione di un potente organismo produttivo basato sullo sfruttamento dell uomo lavoratore e consumatore, sulla massimizzazione del profitto, sulla demolizione della famiglia, sul rifiuto di norme e organismi di controllo con poteri sanzionatori forti, ha permesso e favorito truffe continue e colossali e la possibilità di porre in difficoltà l intero Occidente. Voglio concludere dicendo che il post/crisi necessiterà di norme, di competenze manageriali e di forti espressioni politiche, ma soprattutto di un a-nima che è Cristo e dove c è lo spirito del Signore c è libertà (2 Corinzi 3,17).

7 CHIESA LOCALE P A 7G I N A AGENDA del VESCOVO MERCOLEDÌ 1 A Roma, al mattino, Consiglio Nazionale Scuola Cattolica. GIOVEDÌ 2 A Como, al mattino, Consiglio episcopale; a Como, in Curia, alle ore 17.00, incontro con i responsabili delle scuole cattoliche presenti sul territorio diocesano. VENERDÌ 3 A Como, udienze e colloqui personali. DOMENICA 5 A Casasco, alle ore 10.30, S. Messa. LUNEDÌ 6 E MARTEDÌ 7 A Caravaggio, incontro della Conferenza Episcopale Lombarda. MERCOLEDÌ 8 A Como, udienze e colloqui personali. GIOVEDÌ 9 A Como, nel pomeriggio, incontro con i fidei donum della missione diocesana in Cameroun rientrati per un breve periodo di vacanza. SABATO 11 A Grandate, visita pastorale al monastero delle Benedettine; a Brunate, alle ore 20.30, processione e S. Messa in onore della beata Maddalena Albrici. DA DOMENICA 12 A DOMENICA 19 A Foligno, predicazione esercizi per l Opera dell Amore Sacerdotale. Vieni servo buono e fedele, entro nella gioia del tuo Signore La comunità parrocchiale di Maslianico insieme ai sacerdoti della Zona Pastorale Bisbino annuncia che don Alessandro RIVA è tornato alla casa del Padre. Da mercoledì 1 luglio la camera ardente è allestita presso la chiesa di S. Ambrogio in Maslianico. Il rito funebre sarà celebrato giovedì 2 luglio alle ore 9.00 presso il Santuario di S. Teresina in Maslianico. Maslianico, 1 Luglio 2009 ANTICIPAZIONI SUI PELLEGRINAGGI DEL 2010 Dal 3 al 9 luglio 2010 a Lisieux V ista l attesa manifestata da molti confratelli, con largo anticipo, l Ufficio Pellegrinaggi offre il calendario dei pellegrinaggi per l anno Il criterio con cui l Ufficio si fa carico di tale servizio è quello di favorire lo spirito del pellegrinaggio e in particolare di animarlo quale esperienza e manifestazione di fede e di vita ecclesiale. L Ufficio si rende disponibile con il programma qui presentato (accogliendo anche altre esigenze se ci saranno e verranno proposte) per favorire la partecipazione di parrocchie, di vicariati, di zone pastorali, di gruppi, di associazioni e di singoli credenti. La pluralità di proposte non vuole essere disorientante o obbligante. Si cerca di prendere in considerazione le più diversificate proposte e desideri che hanno raggiunto l Ufficio e articolare una programmazione che possa servire a possibili ome credenti che vivono nella storia a modo di lievito e luce, non possiamo non desiderare che i giovani che guardano al matrimonio trovino anche l aiuto dell intera società dove vivono e di cui sono parte viva. Quindi il contesto socio-culturale dovrebbe accompagnare i giovani in generale nei loro progetti di vita. È uno dei pensieri offerti il 25 giugno dal card. Angelo Bagnasco nell omelia della messa celebrata al termine della seconda giornata del convegno Cei Insieme verso le nozze. La preparazione al matrimonio al quale partecipano circa 400 delegati tra famiglie con bambini, sacerdoti, cardinali e vescovi. Il convegno di Cotronei (Kr) si è concluso domenica 28 giugno. Di seguito alcuni stralci dell omelia del presidente della Cei, card. Bagnasco. Le responsabilità sono di ciascuno ma conosciamo l influsso che la cultura diffusa, gli stili di vita, i comportamenti conclamati hanno sul modo di pensare e di agire di tutti, in particolare dei più giovani che hanno diritto di vedersi presentare ideali alti e nobili, come di vedere modelli di comportamento coerenti. Dobbiamo onorare quella moltitudine silenziosa che vive ogni giorno questi ideali umani ed evangelici, con umiltà e concretezza, senza clamore e riflettori. Moltitudine che esprime il vero ethos di fondo del nostro popolo e che è aliena da derive ed eccessi di qualunque tipo siano. Occorre costruire la vita sulla roccia della famiglia in quanto tale: è questa un soggetto preciso e peculiare, cellula fondamentale e ineguagliabile della società, e - in quanto tale - bisognoso di fondamento stabile e di criteri certi e veri, ma anche soggetto di doveri e di diritti precisi. Dalla persona e dalla famiglia debbono derivare una cultura e DAL CAMERUN Missionari diocesani di ritorno per alcune settimane Mercoledì 24 giugno sono rientrati per un periodo di vacanza anche don Giusto Della Valle e Brunetta Cincera, missionari fidei donum in Camerun. Don Giusto si fermerà in Italia per un solo mese mentre Brunetta per tre mesi. e diversificati percorsi pastorali, che possono essere assunti, preparati e condivisi secondo le esigenze parrocchiali e zonali. L attenzione a cui si deve tendere non è solo quella del pellegrinaggio qua talis, ma deve essere messo in cantiere anche un tempo di preparazione e a seguire un proposta di maturazione che si apra a un rinnovato cammino personale ed ecclesiale. Vana risulterebbe una pastorale dei pellegrinaggi. Le scelte sono state articolate tenendo conto dell importanza di favorire ogni anno un pellegrinaggio diocesano che sia espressione della vita ecclesiale e momento decisivo di vita spirituale. Nei primi mesi dell anno avremo in diocesi il passaggio delle reliquie di Santa Teresina di Lisieux (renderemo noto il programma all inizio dell anno pastorale ). La diocesi risponderà a questo evento con un pellegrinaggio diocesano che si terrà dal 3 al 9 luglio È questo il grande pellegrinaggio diocesano per l anno Considerando altri percorsi di pellegrinaggio l Ufficio propone i seguenti percorsi. Per continuare l anno paolino si terrà un pellegrinaggio biblico: in Grecia sui passi di San Paolo da sabato 24 aprile a sabato 1 maggio Un pellegrinaggio storico-agiografico: Nevers, Paray-le-Monial, Ars, Lione, Annecy da Lunedì 5 a domenica 11 aprile 2010 per ricordare i 150 anni della morte di San Giovanni Maria Vianney e i 130 anni della morte di Santa Ber-nadette, insieme ad altre figure di santità che la terra di Francia ha regalato alla Chiesa. Sempre un pellegrinaggio storico-agiografico a Siena per riscoprire la figura di Santa Caterina da sabato 29 maggio a mercoledì 2 giugno Al pellegrinaggio biblico e storico-agiografico si aggiunge una diversificata proposta di tradizionali pellegrinaggi mariani: a Lourdes in aereo da ve- IL MATRIMONIO NELLE PAROLE DEL CARD. BAGNASCO una società coerenti che ispirino e incarnino quell umanesimo plenario che il Vangelo ispira, sostiene e garantisce ovunque approda nel mondo ed è accolto dal cuore dell uomo. Voi siete una particolare espressione della maternità della Chiesa che si fa prossima a coloro che si preparano a realizzare il loro sogno di amore: sogno che si fa progetto di vita e, con il sacramento del matrimonio, diventa impegno e luogo di grazia per gli sposi, per la famiglia, per la comunità cristiana e per l intera società. Nel cuore della coppia e della famiglia fondata sul matrimonio sta la sua vocazione di grembo naturale della vita, di prima scuola di umanità, dove le diverse generazioni imparano ed esercitano ogni giorno il gusto e le virtù del vivere non solo accanto ma, ben di più, insieme nel segno delle diverse sfumature dell amore: dono e perdono, concretezza e sacrificio, pazienza e quotidianità, gioia e dolore. nerdì 7 a lunedì 10 maggio 2010, a Lourdes - Nevers in pullman da lunedì 2 a domenica 8 agosto Sempre a Lourdes con l UNITALSI nel mese di ottobre La proposta dei pellegrinaggi mariani si conclude con Fatima da venerdì 10 a martedì 14 settembre Dal 10 aprile al 23 maggio 2010 ci sarà l ostensione della Sacra Sindone. Si prevede un pellegrinaggio diocesano guidato dal Vescovo e altri pellegrinaggi in date concordate per le zone, le parrocchie, i gruppi e le associazioni. Nel prossimo mese di settembre apparirà sul Settimanale il programma di massima per ogni pellegrinaggio e le prime fondamentali indicazioni. Non importa il numero di pellegrini, importa che ogni pellegrinaggio sia vero cammino di fede e porti frutto nella vita della Chiesa. don GIOVANNI ILLIA CONVEGNO CEI: QUEL VENTO DI PROFEZIA «C Il Magistero della Chiesa si è speso senza risparmio nell approfondire questa realtà tanto decisiva e centrale per la vita dei singoli e della comunità stessa. Possiamo dire che ne parla con quel vento di profezia che è particolarmente necessario e urgente nel mondo contemporaneo, nel quale la realtà della coppia, del matrimonio e della famiglia, ma direi dell amore nel suo complesso, sembra essere affrontata dalla cultura e dal costume in modo relativistico ed emotivo. Come se il valore oggettivo di certi beni fosse vecchio e superato, e la ricaduta generale delle scelte personali non esistesse o, quanto meno, fosse irrilevante. La bellezza umana e sacramentale del matrimonio richiede tutta la nostra attenzione di Chiesa e da sempre la cura della coppia e della famiglia fa parte integrante della nostra pastorale. La preparazione al matrimonio deve avere un chiaro impianto catecumenale, vale a dire che deve essere un occasione per riscoprire la fede, per incontrare il Signore. È, infatti, nel dinamismo dell incontro con lui che la bellezza e l impegno del matrimonio cristiano può essere colto e vissuto. La preparazione al matrimonio richiede anche una comunità cristiana e vitale, chiede cioè un contesto che lasci intravedere il volto di Cristo, il rapporto sponsale tra lui e la sua Chiesa. Si tratta non tanto di interrogarci su quali iniziative particolari siano da inventare e da svolgere nelle nostre comunità, ma soprattutto curare l attenzione e l affetto verso chi si prepara alle nozze e si dispone a creare un nuovo nucleo d amore che riguarda i due ma che riguarda la comunità cristiana e la società tutta. Questa attenzione affettuosa, questo sguardo del cuore, si sente e si avverte, diventa come un grembo che accompagna e che genera. Tutto ciò è indispensabile in sé e per noi doveroso.

8 P A 8G I N A LUGLIO 2009 Apostolato della preghiera Intenzione generale: Perché i cristiani del Medio Oriente possano vivere la loro fede in piena libertà ed essere strumento di riconciliazione e di pace. Da lungo tempo si osserva come molti cristiani stiano lasciando il Medio Oriente, così che i Luoghi Santi rischiano di trasformarsi in zone archeologiche, prive di vita ecclesiale. Certo, situazioni geopolitiche pericolose, conflitti culturali, interessi economici e strategici, nonché aggressività che si cerca di giustificare attribuendo loro una matrice sociale o religiosa, rendono difficile la sopravvivenza delle minoranze e perciò molti cristiani sono portati a cedere alla tentazione di emigrare. Spesso il male può essere in qualche modo irreparabile. Non si dimentichi tuttavia che anche il semplice stare vicini e vivere insieme una sofferenza comune agisce come balsamo sulle ferite e dispone a pensieri e opere di riconciliazione e di pace. Ne nasce un dialogo familiare e fraterno, che con il tempo e con la grazia dello Spirito, potrà trasformarsi in dialogo a livello più ampio: culturale, sociale e anche politico. Il credente peraltro sa di poter contare su una speranza che non delude, perché si fonda sulla presenza del Risorto. Da Lui viene l impegno nella fede e l operosità nella carità. Nelle difficoltà anche più dolorose, la speranza cristiana attesta che la rassegnazione passiva e il pessimismo sono il vero grande pericolo che insidia la risposta alla vocazione che scaturisce dal Battesimo. Ne possono derivare sfiducia, paura, autocommiserazione, fatalismo e fuga.normalmente senza transigere su passati errori non si può arrivare ad un accordo che consenta di riaprire il dialogo in vista di future collaborazioni. Il perdono, nel caso, è condizione indispensabile per essere liberi di progettare un nuovo futuro. Dal perdono concesso ed accolto possono nascere e svilupparsi tante opere di solidarietà, nella linea di quelle che già esistono ampiamente nelle vostre regioni per iniziativa sia della Chiesa che dei governi e delle istanze non governative. (Benedetto XVI, Messaggio ai cattolici del Medio Oriente, 2006) Intenzione missionaria: Perché la Chiesa sia germe e nucleo di un umanità riconciliata e riunita nell unica famiglia di Dio, grazie alla testimonianza di tutti i fedeli in ogni Paese del mondo. Occorre poi lasciarsi riconciliare col Dio della speranza - riconciliarsi cioè col proprio futuro. Sono molti gli interrogativi che ci si pongono: l umanità avrà anche domani di che vivere, oppure l egoismo e lo sfruttamento distruggeranno le risorse stesse della vita sul nostro pianeta? Prevarrà lo spirito della riconciliazione e dell amore sullo spirito dell egoismo e dell affermazione di sé, capaci di spingere l umanità a catastrofi disastrose? In un mondo organizzato sempre più perfettamente, ma anche sempre più manipolato, in un mondo del benessere e del consumo, ci si chiede se abbia ancora senso vivere in esso, o se esso non faccia invece altro che girare a vuoto, che vanificarsi e quindi chiudersi ogni prospettiva futura. Chi non trova più il coraggio di affrontare il futuro, non ha neppure il coraggio di dar vita a un nuovo futuro. La anti-life-mentality, così diffusa ai nostri giorni, va di pari passo col ripiegamento sulla piccola felicità del momento, sulle amicizie chiuse su se stesse, con un partner che ci capisca e ci consoli almeno per lo spazio di un momento. Ma è proprio così che il mondo non può progredire, è proprio così che compromettiamo l avvenire stesso dell uomo, proprio così provochiamo quelle involuzioni a cui vogliamo sfuggire. Colui che crede, può dire di sì a un futuro che non dipenda solo dalle prospettive future, per quanto grandi siano, viste esternamente perché crede in quel Dio che ci ha aperto il grande futuro - quello che nessuno ci potrà togliere - proprio nella catastrofe della croce. Crede in quel Dio che non ha preservato Gesù dalla morte ma l ha risuscitato dai morti, e per questo ha il coraggio di accettare e plasmare il futuro finito di questo mondo. Sa che vale la pena di investire, in questo mondo, quella misura d amore che va al di là di un calcolo puramente razionale circa le nostre prospettive avvenire. Solo chi crede nel futuro più grande di Dio troverà il coraggio di affrontare il futuro finito del mondo e avrà la forza di dissipare le ombre che su questo futuro pesano. (Giovanni Paolo II, Alle famiglie provenienti da tutto il mondo, 25 marzo 1984) Intenzione dei Vescovi italiani: I carcerati trovino nella loro condizione di detenzione opportunità di riscatto e di crescita umana e spirituale. Qualunque colpa sia stata commessa, se si è veramente pentiti, e si ha il proposito di non più trasgredire la volontà di Dio, egli perdona, cancella ogni peccato, ridona la sua grazia e la sua amicizia: Dio ha mandato il suo figlio nel mondo, perché noi avessimo la vita per mezzo di lui (1 Gv 4, 9). La più grande e preziosa consolazione è la certezza dell amicizia di colui che ci ha creati per amore e che non abbandona nessuno. Il cristiano poi sa che mediante il sacramento della penitenza, il sacerdote, che impersona Cristo stesso, dona la grazia e la sicurezza del perdono di Dio. Una seconda consolazione proviene dalla certezza che ognu- CHIESA RUBRICHE PER LE PARROCCHIE 95 L informatore giuridico Il Consiglio dell Unione Europea (sessione Economia e finanza) in data ha adottato una direttiva che consente - a titolo permanente - il ricorso facoltativo ad aliquote ridotte dell imposta sul valore aggiunto (I.V.A.) per determinati servizi ad alta intensità di lavoro prestati localmente, per i quali non vi sono rischi di concorrenza sleale tra fornitori di servizi nei vari Stati membri. L adozione della direttiva fa seguito all accordo politico raggiunto in sede di Consiglio in data Le norme dell Unione Europea in materia di aliquote I.V.A., stabilite dalla direttiva n. 2006/ 112/CE, impongono agli Stati membri di applicare un aliquota minima normale del 15% alla maggior parte di beni e di servizi. Gli Stati membri, peraltro, possono applicare una o due aliquote I.V.A. ridotte ad un numero limitato di forniture. Qualora sia autorizzata, l aliquota ridotta deve ammontare ad almeno il 5% del valore della fornitura. Le norme attuali sono il risultato di varie iniziative prese nel corso degli anni, compresa la decisione assunta nel 1992 relativa all armonizzazione delle aliquote I.V.A., nel quadro del mercato unico dell Unione Europea, la decisione assunta nel 2000 che autorizza l applicazione di aliquote I.V.A. ridotte per i servizi ad alta intensità di lavoro prestati localmente allo scopo di stimolare l occupazione e le deroghe accordate nel 2004 ai nuovi Stati membri dell Unione Europea. Finora le aliquote I.V.A. ridotte per i servizi ad alta intensità di lavoro sono state autorizzate soltanto in via provvisoria. Conformemente alla direttiva adottata dal Consiglio, gli Stati membri dell Unione Europea che lo desiderassero possono applicare a titolo permanente aliquote I.V.A. ridotte nei seguenti casi: piccole riparazioni di biciclette, di calzature e di articoli in pelle, nonché di indumenti e biancheria per la casa (inclusi lavori di raccomodatura e di modifica); pulitura di vetri e pulizie presso privati; servizi di assistenza domestica quali aiuto domestico e assistenza a bambini, anziani, malati e disabili; parrucchieri; riparazione e ristrutturazione di abitazioni private, esclusi i materiali che costituiscono una parte significativa del valore del servizio reso; servizi di ristorazione a catering; libri su qualsiasi tipo di supporto fisico. Nel corso del dibattito che ha poi portato alla direttiva del era stato prospettato anche il riferimento alla riduzione dell aliquota I.V.A. sui servizi di restauro, riparazione, trasformazione, manutenzione e pulizia di luoghi di culto. Purtroppo, al termine delle diverse discussioni tenute anche in altre sedi istituzionali, ha prevalso la linea che per il settore delle costruzioni si debba fare riferimento unicamente al rinnovamento e alla riparazione degli edifici privati. Pertanto l aliquota I.V.A. ridotta a titolo permanente non può essere fatta valere nei confronti dei servizi di restauro, riparazione, trasformazione, manutenzione e pulizia di luoghi di culto. rubrica mensile a cura di VITTORIO RUSCONI no di noi ha il suo posto e la sua missione da compiere nel disegno della Provvidenza. Certamente il piano della Provvidenza, nell economia generale della storia della salvezza, a noi risulta insondabile: i destini delle singole persone sono misteriosi, e ci sono delle esistenze molto tribolate e angustiate. E tuttavia la ragione e la fede affermano che nulla e nessuno sfugge all Altissimo, il quale tutto segue, sostiene e dirige pur rispettando la libertà dell uomo. Ci troviamo indubbiamente in un immenso mistero; sappiamo però che abbiamo una missione da compiere e che Dio permette il male solo per raggiungere un bene più grande e una felicità più completa: ognuno, se vuole, può essere una nota armoniosa della sinfonia celeste ed eterna. Infine, un ultima concreta e soave consolazione è la possibilità di compiere il bene, di amare, di rendersi utili, di impegnarsi in un lavoro o in una mansione con generosità e con altruismo, di trasformare la propria vita in dono, in espressione di bontà, in ansia di carità. (Giovanni Paolo II, Discorso ai carcerati, 19 marzo 1987) LUGLIO 2009 Parola di vita di CHIARA LUBICH «Vendete ciò che avete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro inesauribile nei cieli, dove i ladri non arrivano e la tignola non consuma» (Lc 12,33) Sei giovane e reclami una vita ideale, totalitaria, radicale? Senti Gesù. Nessuno al mondo ti chiede tanto. Sei nell occasione di dimostrare la tua fede e la tua generosità, il tuo eroismo. Sei maturo e brami un esistenza seria, impegnata, ma sicura? O anziano e desideri vivere i tuoi ultimi anni abbandonato a chi non inganna, senza preoccupazioni che ti logorano? Vale anche per te questa parola di Gesù. Essa conclude infatti una serie di esortazioni nelle quali Gesù ti invita a non preoccuparti di ciò che mangerai e vestirai, esattamente come fanno gli uccelli dell aria che non seminano e i gigli del campo che non filano. Devi bandire perciò dal tuo cuore ogni ansia per le cose della terra, perché il Padre ti ama assai più degli uccelli e dei fiori, e pensa lui stesso a te. Per questo ti dice: Vendete ciò che avete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro inesauribile nei cieli, dove i ladri non arrivano e la tignola non consuma. Il Vangelo è, nel suo insieme ed in ogni sua parola, una richiesta totale agli uomini di ciò che sono e di ciò che hanno. Dio non domandava tanto prima che venisse Cristo. L Antico Testamento considerava un bene, una benedizione di Dio la ricchezza terrena e, se chiedeva di far elemosina ai bisognosi, era per ottenere benevolenza dall Onnipotente. Più tardi, nel giudaismo, il pensiero della ricompensa nell aldilà era diventato più comune. Un re rispondeva a chi gli rimproverava di sperperare i suoi beni: I miei avi accumularono tesori per quaggiù, io invece ho accumulato tesori per lassù. [ ]. Ora l originalità della parola di Gesù sta nel fatto che lui ti chiede il dono totale, ti domanda tutto. Vuole che tu sia un figlio spensierato, senza preoccupazioni per il mondo, un figlio che si appoggia soltanto su di lui. Egli sa che la ricchezza è un enorme ostacolo per te, perché essa occupa il tuo cuore, mentre egli vuole avere tutto lo spazio per sé. Ecco quindi la raccomandazione: Vendete ciò che avete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro inesauribile nei cieli, dove i ladri non arrivano e la tignola non consuma. E se non puoi disfarti dei beni materialmente, perché sei legato ad altre persone, o perché la tua posizione ti obbliga ad un contorno dignitoso ed adeguato, certamente devi staccarti dai beni spiritualmente ed essere nei loro confronti un semplice amministratore. Così, mentre tratti con la ricchezza ami gli altri e, amministrandola per loro, ti fai un tesoro che il tarlo non corrode e il ladro non porta via. Ma sei certo che devi tenere tutto? Ascolta la voce di Dio dentro di te; consigliati, se non sai decidere. Vedrai quante cose superflue troverai fra ciò che hai. Non tenerle. Dà, dà, a chi non ha. Metti in pratica la parola di Gesù: Vendi e dà. Così riempirai le borse che non invecchiano. E logico che per vivere nel mondo occorra interessarsi anche di denaro, anche di roba. Ma Dio vuole che ti occupi, non che ti preoccupi. Occupati di quel minimo che è indispensabile per vivere secondo il tuo stato, secondo le tue condizioni. Per il resto: Vendete ciò che avete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro inesauribile nei cieli, dove i ladri non arrivano e la tignola non consuma. Paolo VI era veramente povero. Lo ha testimoniato il modo col quale ha voluto essere sepolto: in una povera bara, nella vera terra. Poco prima di morire aveva detto a suo fratello: Da tempo ho preparato le valigie per quell impegnativo viaggio. Ecco, questo devi fare: preparare le valigie. Ai tempi di Gesù si chiamavano forse borse. Preparale giorno per giorno. Riempile più che puoi di ciò che può essere utile agli altri. Hai veramente ciò che dai. Pensa a quanta fame c è nel mondo. A quanta sofferenza. A quanti bisogni Riponivi anche ogni atto d amore, ogni opera in favore dei fratelli. Compi queste azioni per lui. Diglielo nel tuo cuore: per Te. Ed adempile bene, con perfezione. Sono destinate al Cielo, rimarranno per l eternità. Parola di vita, marzo 1979, pubblicata per intero in Essere la Tua Parola. Chiara Lubich e cristiani di tutto il mondo, vol. I, Città Nuova, Roma 1980, pp

9 CHIESA VISITAP APASTORALE ASTORALE 9 IL VESCOVO HA AVVIATO LA VISITA CON GLI UFFICI DI CURIA E DI PASTORALE IL COMPITO DELL APOSTOLO: IMPEGNARSI ANCHE NEI CONTRASTI DEL QUOTIDIANO Nella solennità dei Santi Pietro e Paolo la celebrazione eucaristica, durante la quale il vescovo ha suggerito spunti importanti Fotoservizio William Lunedì 29 giugno, solennità dei santi Pietro e Paolo, monsignor Diego Coletti ha presieduto, in Cattedrale, la S. Messa del pomeriggio. «Una celebrazione eucaristica che si colloca nel solco della visita pastorale agli Uffici di Curia e non solo», ha sottolineato il Vescovo. Nei giorni scorsi, infatti, monsignor Coletti ha incontrato buona parte delle realtà che compongono la Curia vescovile, oltre ad alcuni uffici di pastorale e al nostro Settimanale diocesano. La visita a queste realtà proseguirà anche nei prossimi mesi. «La Parola che abbiamo appena ascoltato ha detto il Vescovo nell omelia ci pone una domanda fondamentale: cos è la vita dell apostolo? È un quesito che interroga tutti: me come vescovo, i sacerdoti con me concelebranti, ma anche tutti voi, in quanto battezzati e quindi uniti alla dimensione apostolica della Chiesa». La riflessione di monsignor Coletti si è sviluppata in cinque punti, sul come nasce, si esprime e si sviluppa la vita dell apostolo. «Prima, però, soffermiamoci per un momento sul significato della visita pastorale e su cosa significa essere visitati. Scopo di questi incontri è far rivivere in modo cosciente il fatto che il Signore viene a visitarci, ci afferra e ci chiede di accoglierlo con profonda capacità di adesione. Il Signore viene a visitarci in modi e tempi diversi, ma sempre in chiave personale. Come fece con Saulo o con lo stesso Pietro Siamo, dunque, visitati, afferrati e trasformati in modo personale dal Signore. Questa è la scaturigine dell impegno apostolico: il Signore ci chiama per nome e ci cambia la vita». Secondo punto, la missione. «Abbiamo ricevuto, ciascuno, un compito, per contribuire da una parte all edificazione di quella comunità che è la Chiesa, dall altra all annuncio del Vangelo, per far risuonare la Parola che salva». Come realizzare la missione che ci è affidata? Ecco allora il punto successivo: «Siamo chiamati a svolgere il nostro compito ha spiegato monsignor Coletti nella condizione impegnativa della vita quotidiana, fatta anche di contrasti, difficoltà, aridità. Non dimentichiamo cosa ci dice Paolo. Siamo chiamati a combattere una buona battaglia, ad affrontare una corsa impegnativa ed esigente, non una comoda passeggiata. Ogni giorno ci è richiesto di confrontarci con una persecuzione più o meno violenta, più o meno sottile, più o meno rivestita di politically correct Operiamo, dunque, in condizioni contrastate, nell impressione di essere costantemente schiacciati Ma è nei patti. È questo che rivela l autenticità della missione apostolica, non gli elogi». In questa situazione, atteggiamento fondamentale è la conservazione della fede. «La fede conservata è elemento irrinunciabile della vita dell apostolo». Ultimo punto: sentiamo rivolta a noi la domanda che Gesù fa ai suoi discepoli. «Io per te chi sono? Cosa dici di me? Ogni esperienza apostolica passa dal riconoscimento dell identità di Gesù Pensiamo all esperienza di Pietro. Gesù gli affida il compito di pascere le sue pecorelle perché Pietro dice di amarlo. Se siamo capaci di vero amore, Gesù ci mette al centro. Non sono più io che vivo, ma è Cristo, l amato, che vive in me!». Al termine della Messa, il Vescovo ha voluto aggiungere una piccola appendice. «Desidero ringraziare, solennemente, tutti voi che dedicate i vostri sforzi alle attività della Curia e a quelle pastorali. Molto ho visto in questi giorni, tanto resta ancora da vedere, ma ho preso coscienza della delicatezza del vostro lavoro. Vi esprimo riconoscenza e stima per la vita, l impegno e la professionalità che mettete in questo servizio prezioso e non sempre riconosciuto. Penso che si dovrebbe pregare più spesso per il vostro lavoro nascosto, affinché, sempre più, sia possibile operare in un clima di serenità, fiducia, amicizia, scambio e corresponsabilità». E.L. GIOVEDÌ 25 GIUGNO LA VISITA PASTORALE AL SETTIMANALE IL VESCOVO: IL GIORNALE COME STRUMENTO DI PENSIERO Per la prima volta nella storia diocesana, fra le realtà incontrate dal vescovo in occasione della visita pastorale è stato inserito anche il Settimanale della diocesi. È accaduto lo scorso giovedì 25 giugno. Monsignor Diego Coletti ha visitato la sede del Settimanale, ha colloquiato con il direttore e il consiglio di amministrazione; ha incontrato redazione, segreteria e una significativa rappresentanza dei collaboratori giunti anche dalle zone più lontane che ogni settimana si impegnano per la buona riuscita del giornale. «Tutto è perfettibile ha osservato il Vescovo anche se sono convinto che il nostro sia un buon Settimanale, non sufficientemente conosciuto e valutato». Monsignor Coletti ha sottolineato alcune delle cose che si aspetta dal nostro giornale. «Il Settimanale ha detto deve essere di stimolo a pensare, a riflettere. Magari alzando anche il tasso di provocazione, senza però scadere nello scandalismo. I vostri articoli, oltre a soddisfare la curiosità sugli avvenimenti, dovrebbero far lavorare la mente, suscitando domande. Il Settimanale vorrei che, sempre più, diventasse luogo di formazione, informazione e riflessione diocesana, perché gli strumenti della comunicazione sociale hanno un importanza educativa davvero grande: possono aiutare a risvegliare un umanità che sembra volersi ridurre alla dimensione del robot». Fra le sfide più importanti da affrontare oltre a un miglioramento della grafica e a una capacità di sintesi che si vorrebbe maggiore l aspetto della diffusione e della promozione, per farsi conoscere, soprattutto, nelle realtà parrocchiali. Nel corso del vivace dibattito sono emerse alcune idee, come la possibilità di affrontare un medesimo argomento letto attraverso la lente delle diverse zone pastorali, l esigenza di dibattere su temi forti, l utilità di aprire forum e spazi di confronto. Un incontro stimolante e prezioso per un Settimanale che vuole crescere ed essere presente, intercettando le richieste dei lettori ma anche proponendo argomenti che sanno sollecitare l intelligenza, per comprendere temi anche complessi e costruirsi un opinione personale e autonoma. E.L.

10 10 CHIESALOCALE DAL 1 LUGLIO AL VIA IL FONDO DIOCESANO UN OCCASIONE PER VIVERE LA FRATERNITÀ Da mercoledì 1 luglio è possibile presentare la propria domanda per accedere al fondo diocesano Famiglia-Lavoro. «Abbiamo a disposizione una cifra sufficiente a far fronte alle prime richieste», afferma monsignor Battista Galli, coordinatore dell equipe che il fondo l ha pensato, programmato, organizzato e che è composta da rappresentanti di Pastorale del Lavoro, Caritas diocesana, associazioni e movimenti laicali attivi sull intero territorio della Chiesa comense. Nelle scorse settimane tutti i parroci della diocesi, insieme ai depliant già in distribuzione dal 30 aprile, hanno ricevuto una lettera, nella quale viene ribadita la finalità del fondo: «l iniziativa scrive don Battista vuole essere espressione della comunità cristiana, della nostra gente comune, quella che fa riferimento naturale alle nostre parrocchie: dalle parrocchie vogliamo che parta la solidarietà, non solo nel rilevare le richieste di aiuto, ma anche nell assumerle, farle proprie e collaborare nel dare risposte certamente economiche, ma prima ancora umane e fraterne Del resto siamo consapevoli, e il Papa e i Vescovi ce lo richiamano, che la crisi attuale deve essere capace di modificare gli stili di vita delle persone e delle comunità, verso una maggiore sobrietà, per una maggiore solidarietà: essa dunque riguarda tutti noi, perché tutti siamo veramente responsabili di tutti». Nella lettera si informa della scelta dei componenti del Comitato dei Garanti incaricato insieme a parroci e coordinatore di approvare le richieste presentate. Sono inoltre indicati nomi e recapiti dei referenti territoriali, coloro, cioè, che faranno da tramite fra parroci, loro collaboratori e Comitato. Senza dimenticare che un importantissima rete informativa viene offerta dai Centri di Ascolto della Caritas e dagli sportelli delle Acli, nelle province sia di Como, sia di Sondrio. Allegato alla lettera, infine, anche il fac-simile del modulo da compilare insieme alle famiglie che chiederanno il sostegno. «In questo momento ci spiega don Battista vorrei incoraggiare parroci e comunità a essere parti attive in questa iniziativa. Mi rendo perfettamente conto che per i sacerdoti si tratta di un impegno in più, di una fatica in più. Ma il loro coinvolgimento è l unica condizione affinché questa del fondo diventi una vera esperienza di Chiesa. L aiuto non deve essere anonimo, calato dall alto, erogato da chissà dove. La risposta deve arrivare dalla comunità stessa, nel momento e nel luogo in cui la domanda emerge. Ci vengono chiesti una qualità nuova dei rapporti, uno stile nuovo di fraternità, perché non possiamo ignorare il bisogno di chi ci sta accanto». Il meccanismo messo a punto ha tenuto conto delle molte responsabilità di cui le parrocchie sono già investite, per cui vuole essere semplice ed efficace. «Naturalmente riprende monsignor Galli i sacerdoti devono fare affidamento anche sui propri collaboratori, sulle persone di loro fiducia che possono segnalare situazioni di difficoltà di cui sono a conoscenza. Può diventare l occasione per conoscere ancora meglio la propria comunità. Molto spesso, infatti, chi si trova in un momento di sofferenza ha un certo pudore a dirlo. Queste persone vanno aiutate a superare tale paura e incoraggiate a far emergere le proprie necessità. Tutto ciò è fattibile in una comunità capace di atteggiamenti umanamente autentici: un clima che è possibile costruire o incrementare pensando, magari, a specifici momenti di preghiera, di approfondimento o durante la predicazione». Già lo scorso aprile, i dati della Caritas, ma anche i bilanci trimestrali pubblicati dalle Camere di Commercio, confermavano una situazione economicamente critica anche sul territorio della nostra diocesi. «Il timore riflette ancora don Battista è che nei prossimi mesi la situazione possa farsi ancora più delicata. Attualmente molte situazioni di difficoltà sono in parte coperte dalla cassa integrazione o dagli ammortizzatori sociali. Il venir meno di queste protezioni temporanee potrebbe far emergere numerosi casi di persone in difficoltà». Il fondo Famiglia-lavoro, dunque, è espressione di una solidarietà prossima, che non si vuole assolutamente sostituire, o fornire alibi, a quanto altri enti o istituzioni sono chiamati a fare. «Sono certo conclude don Battista che l esperienza che stiamo condividendo qualificherà ancora di più il nostro essere cristiani e farà crescere, migliorare, la nostra Chiesa». Partito da uno stanziamento iniziale della Caritas diocesana pari a 20mila euro, quello diocesano è un fondo aperto. Si sono aggiunte le offerte raccolte in tutte le parrocchie della diocesi il 10 maggio. In esso, inoltre, confluisce parte del Sol.Sacer., in cui i sacerdoti mettono a disposizione un mese della propria remunerazione (il rimanente viene destinato alle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo). Nei giorni scorsi è stato comunicato l ammontare provvisorio del Famiglia-Lavoro pari a 250mila euro. Per informazioni su accesso al fondo o per le modalità di Leggiamo nel depliant del Fondo di solidarietà Famiglia Lavoro questo passaggio Per tutti i cristiani deve essere un fatto educativo, che aumenti la solidarietà e condivisione, l apertura del cuore e la generosità. Il fatto educativo a cui si fa riferimento è proprio il fondo di solidarietà diocesano. Siamo nel pieno della crisi. È vero che ci sono segnali di ripresa, ma, a detta degli interessati, sono ancora deboli. Il fatto che settimana scorsa il governo sia intervenuto ancora una volta con provvedimenti richiesti da più parti per incentivare la risalita sta a dimostrare che la strada della ripresa è stata appena imboccata. Se è stata tracciata la strada per la ripresa economica da parte del governo, la strada della solidarietà è già stata segnata da vari interventi di natura sociale, tra cui il fondo di solidarietà Famiglia Lavoro della nostra diocesi. La frase del depliant per tutti cristiani deve essere un fatto educativo non deve essere intesa come un pia sollecitazione, ma sta ad indicare che l azione di solidarietà intrapresa dalla parrocchia non raggiunge il pieno obiettivo se i laici, diciamo così, non fanno la loro parte. Se è vero che non tutti i mal vengono per nuocere, questa crisi, così pesante, ha rimesso al centro della questione in modo perentorio la solidarietà perché, come afferma la Sollicitudo Rei Socialis tutti siano veramente responsabili di tutti (n. 38). Una domanda: la motivazione alla solidarietà espressa dal documento citato è oggi la molla che solleciti a vivere la virtù della solidarietà? L impegno dei laici cristiani può avvenire a due livelli. Il primo è quello personale. Prendere conoscenza degli obiettivi del fondo di solidarietà, farli propri e se, A COLLOQUIO CON ROBERTO BERNASCONI DIRETTORE DELLA CARITAS DIOCESANA A giorni è attesa la pubblicazione della nuova enciclica di Benedetto XVI Caritas in veritate : uscita posticipata di alcuni mesi perché il Papa ha voluto rivederla alla luce dei nuovi scenari causati dalla crisi economica. Come Caritas, e alla luce della partenza del fondo diocesano, quali aspettative avete nei confronti di questo testo? «La attendiamo con grande trepidazione. È bello che il Papa, in questo momento storico, abbia deciso di occuparsi di un tema tanto particolare. Siamo certi che ci indicherà la strada lungo la quale muoverci. Questa enciclica è il prodotto di un cammino di Chiesa che vuole essere vicina alle situazioni concrete del mondo. Penso ci fornirà stimoli importanti per il recupero della nostra dimensione sociale e politica di cristiani, rimettendo al centro e recuperando il patrimonio della Dottrina Sociale della Chiesa, per essere sempre più attenti ai problemi della gente. Per il resto aspettiamo di leggerla!». Si è appena svolto il convegno nazionale della Caritas: su quali argomenti vi siete confrontati? «È stato un bel momento di incontro in cui abbiamo vissuto appieno il senso dell ecclesialità. A farci da guida il brano evangelico delle sentinelle della notte. Stiamo vivendo un momento di notte : anche se ancora non sappiamo quando finirà, si cominciano a intravvedere i primi germi di luce. Il convegno ci ha fornito semi di discernimento su quanto sta accadendo intorno a noi. Innanzitutto sulla crisi economica che ci attanaglia ci viene chiesto di recuperare percorsi di prossimità, di vicinanza, di solidarietà vere. Per capire le cause strutturali e impostare azioni di carità vera. A tutti viene chiesto di ricercare una terza via, perché non si potrà ricominciare a consumare, ma si dovranno impostare stili di vita diversi. Altro tema: il terremoto in Abruzzo. Vogliamo essere presenti con un atteggiamento di massimo rispetto nei confronti dei bisogni e delle esigenze delle persone, non per offrire risposte esterne, ma per aiutare chi ha perso tutto ad essere protagonista della ricostruzione della propria normalità. Una volta spenti i riflettori dell emergenza o dei grandi eventi internazionali, l impegno continuerà per restituire alla comunità non solo strutture ma anche una propria identità, specie alla rete delle famiglie e delle amicizie che il terremoto ha irrimediabilmente sfilacciato. Ci siamo confrontati anche su argomenti come sicurezza, legalità, immigrazione. In Italia non si sta così male come a volte siamo portati a credere. Certo, si deve fare molto di più, ma non possiamo chiudere gli occhi o alzare i muri di fronte ai poveri che bussano e che chiedono il diritto di vivere. Quarto: sarà indispensabile avviare un censimento delle opere di solidarietà esistenti. La mancanza del lavoro di rete può provocare doppioni o dispersione di risorse: siamo chiamati a condividere il patrimonio delle nostre esperienze. Infine l urgenza educativa. Anche la Caritas sta pensando a cammini educativi nuovi, concentrati sulla persona e sulla sensibilità al volontariato». L impegno della Caritas per il fondo diocesano? «Ci sono state serate di approfondimento e formazione per i referenti. A breve tornerà a riunirsi il Comitato, per stabilire meglio tempi e criteri di decisione. Anche il momento di difficoltà potrà diventare un occasione per riappropriarsi del territorio, per accompagnare parroci e comunità in un cammino di condivisione. Inoltre saranno indispensabili i momenti di riflessione e di preghiera in ogni singola realtà, perché si deve tener conto delle caratteristiche ambientali: sarà un cammino che si affinerà passo dopo passo». adesione (quindi per sostenere l iniziativa con una propria offerta) è bene rivolgersi al proprio parroco; oppure telefonare alla Caritas, allo 031- L IMPEGNO DELLE REALTÀ LAICALI EDUCARSI ALL APERTURA A UNA NUOVA SOLIDARIETÀ necessario, interrogarsi sui propri stili di vita, sulle scelte che si compiono nell utilizzo dei beni. Successivamente portare a conoscenza, soprattutto nella varie realtà produttive in cui si opera, il progetto di solidarietà diocesana, contattando chi è in cassa integrazione o, addirittura, ha perso il lavoro. E alla fine perché no, farsi promotori di momenti di sensibilizzazione rispetto alle sofferenze in atto e creare occasioni d incontro, avendo come punto di riferimento la dottrina sociale della Chiesa; creare un contesto di solidarietà affinché chi è in ristrettezze per la carenza di lavoro possa facilmente individuare opportune occasioni di lavoro per un futuro più sereno per lui e la sua famiglia. Il secondo livello ha una natura associativa. Il fondo di solidarietà Famiglia Lavoro vede la fattiva collaborazione dell Azione cattolica e delle Acli comasche e sondriesi; ; alle Acli di Como, ; alle Acli di Sondrio, a cura di ENRICA LATTANZI esse possono definire il secondo segmento del braccio operativo del fondo di solidarietà La prima è impegnata in modo particolare per coadiuvare le parrocchie nella loro opera di ricerca delle soluzioni più adeguate rispetto alle esigenze dei lavoratori che incrociano e nel promuovere reti di solidarietà. Le Acli hanno messo a disposizione del fondo di solidarietà, in collaborazione con la Caritas diocesana, tutta la loro competenza organizzativa e le strutture necessarie per offrire sostegno e accompagnamento ai disoccupati e cassaintegrati per poter far fronte poi alle problematiche del lavoro e usufruire degli ammortizzatori sociali e intraprendere percorsi formativi di riqualificazione professionale qualora la propria mansione lavorativa non abbia più uno sbocco occupazionale. don GIUSEPPE CORTI

11 SPECIALEINCONTRI 11 SOCIETÀ IL VESCOVO COLETTI E IL FILOSOFO NATOLI A CONFRONTO SU ETICA E LEGALITÀ Intenso. Difficile trovare altro aggettivo per descrivere l incontro-dibattito che lo scorso 26 giugno ha visto protagonisti il nostro vescovo monsignor Diego Coletti e il filosofo Salvatore Natoli. In occasione del 235 anniversario della fondazione della Guardia di Finanza, il comando provinciale di Como delle Fiamme Gialle, insieme alla Camera di Commercio lariana, ha organizzato una serata dal titolo: Etica e legalità responsabilità personale ed etica civile. Trasformato l atrio di Palazzo Terragni in un vero e proprio salotto, i due relatori hanno offerto una lettura profonda dell argomento, allargando gli orizzonti del dialogo da Aristotele a Simone Weil, passando per Stuart Mill e Wittgenstein. «Due i livelli della legalità ha esordito Coletti : uno giuridico, che comprende l insieme delle regole del vivere civile; l altro antropologico, perché fondamento dell etica è la verità dell umano e le leggi affondano le proprie radici nella dignità della persona». Riprendendo alcuni spunti di un dialogo fra l allora cardinale Joseph Ratzinger e il pensatore Juergen Habermas, il vescovo ha messo in evidenza come, talvolta, lo Stato viva di leggi che esso stesso non è in grado di garantire. «Esiste un Fotoservizio William rapporto stretto fra legge ed etica: le leggi non devono obbedire a qualcosa di estraneo, ma a principi fondati sulla ragione. La ragione prende atto di ciò che ha davanti a sé e lo trasforma in un mondo valoriale che chiede giustizia». La replica di Natoli ha preso le mosse da una riflessione sulle parole, il cui abuso rischia di logorarne il significato. «L etica ha osservato è strettamente connessa alla responsa- arrivata a poco più di sei mesi dalla sua autodenuncia e dall arresto. I crac finanziari di casa nostra sono arenati da anni nei tribunali Vero tallone d Achille dell Italia è il debito pubblico, fra i peggiori dell Unione Europea. Siamo partiti dal 105,7% di debito rispetto al Prodotto Interno Lordo; a metà anno siamo attorno al 109% e concluderemo il 2009 con un debito che viaggerà fra il 114 e il 115%. «La fortuna dell Italia ha ripreso il professore sono le famiglie, la loro concretezza e il loro basso indebitamento. Preferire la casa alle speculazioni finanziarie ci ha difesi, e non poco. Scelte che un tempo ci facevano descrivere come un sistema primitivo, arretrato, agro-pastorale, ora ci valgono la palma della razionalità economica, dove si fondono saggezza e prudenza. Lo stesso The Economist, settimanale londinese di approfondimento politico-finanziario, mai tenero nei nostri confronti, ci sta seriamente rivalutando». A offrirci un ancora di salvezza potrebbe essere la cosiddetta economia reale, quella fatta di produzione manifatturiera, che gli Usa hanno abbandonato da tempo, concentrandosi su tecnologie e finanza, lasciando campo libero a Cina e India e creando un pericoloso duopolio. Eppure agricoltura e manifatturiero sono settori cruciali, perché, nonostante crisi e contrazioni, non arriveranno mai a tracolli verticali, visto che riguardano la sussistenza stessa dell uomo: in sintesi, al telefonino si può anche rinunciare, a mangiare no. «Il sistema Italia è la lettura in positivo di Quadrio Curzio ha le carte in regola per il rilancio, perché ha un impostazione economica equilibrata: agricoltura, manifatturiero e servizi, specie il turismo. La rete delle banche locali e la piccola-media impresa sono ecbilità personale, per cui il soggetto si sente interiormente obbligato. La legalità, invece, regola i rapporti intersoggettivi, ma non porta all interiorizzazione della norma. Il fine dell etica ha aggiunto Natoli è il movimento verso il bene e presuppone l adesione alla legge perché se ne riconosce la bontà, non solo perché c è la paura della sanzione». A partire da una riflessione sul senso del nascere, il fi- losofo ha sottolineato l importanza dei legami : «il legame è ontologico, tanto che gli uomini esistono in quanto in relazione gli uni con gli altri. Senza il legame nessuno di noi esisterebbe e anche la violenza, l illegalità, che vuol dire sostanzialmente svincolarsi dalla legge, porta a infrangere questi legami umani La convivenza civile ci chiede relazioni di fraternità: ogni uomo è una domanda, una persona che ci appella se Caino fosse stato davvero custode di suo fratello, non lo avrebbe ucciso». «Il rarefarsi della legge ha ripreso Coletti porta con sé il rischio di creare un umanità sempre meno umana. Ripensiamo a cosa scrisse Simone Weil a proposito della libertà. La libertà autentica non è la soddisfazione dei propri desideri. Ma rapporto fra pensiero e azione. La libertà umana senza finalità produce mostri». Il giusto senso della libertà è ciò che da contenuto all etica. «Siamo liberi per onorare con libertà e coscienza la nostra relazionalità ha aggiunto il Vescovo. L educazione alla lealtà civile ci chiede la riscoperta dei rapporti fraterni». «Le relazioni sono inevitabili ha replicato Natoli : è nel delirio colui che pensa di poter essere da solo e di appartenere solo a se stesso. Anche il desiderio è una componente fondamentale dell umano, perché ci fa aspirare alla nostra espansione. Il desiderio, però, ha tempi brevi, porta a volere tutto e subito, non è strategico, carattere tipico, invece, della responsabilità. In questo quadro dove si colloca la legge? La legge limita la nostra potenzialità, i nostri desideri? Eppure, per assurdo, è imparando a gestire i nostri limiti che diventiamo più liberi». Scopo della legge è anche disciplinare i rapporti fra le persone, perché il nostro schema di comportamento si compone della regolamentazione delle aspettative che ciascuno ha nei confronti dell altro. «La nostra i- dentità ha detto in sintesi Coletti è data dalla storia delle nostre relazioni. Essere solo è come essere nessuno, perché ci si sottrae anche alla rete della solidarietà: solo quando entro in relazione vera, so chi sono». Riprendendo i contenuti della Gaudium et spes al numero 26, il Vescovo ha ricordato il ruolo della legge: «orientare i comportamenti delle persone a ordinare la propria vita non al bene proprio, ma a quel complesso di condizioni che permettono di sviluppare la propria umanità in modo integrale e solidale». Dopo una digressione sulle virtù, che sono sempre relazionali, personali e sociali, Natoli ha provocatoriamente affermato che «non si può pervenire al proprio bene se non si tiene conto del bene altrui. Nel patto sociale, è nel valorizzare l altro che arrivo a valorizzare anche me. È un principio di economia sociale : massimizzare l utilità di tutti, distribuendo risorse e creando opportunità. Bene comune significa mettere ciascuno nella condizione di svilupparsi. Non è vincente il sistema welfaristico che rende i poveri oggetto di carità, ma quello che sa creare situazioni di autonomia». «Fare il bene dell altro ha concluso Coletti comporta il mettersi in ascolto, avvicinandosi con rispetto al nostro prossimo». ENRICA LATTANZI IL PROFESSOR ALBERTO QUADRIO CURZIO È INTERVENUTO A COMO, ALL INSUBRIA PROBLEMI E PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA ED EUROPEA Il fortunale abbattutosi su Como e provincia proprio a ridosso dell orario della conferenza non ha certo favorito una partecipazione massiccia. Lo scorso 26 giugno, però, il tiranese professor Alberto Quadrio Curzio docente di economia politica, preside della facoltà di Scienze Politiche presso l Università Cattolica di Milano, accademico dei Lincei non si è lasciato scoraggiare dall uditorio purtroppo ristretto e ha affrontato, con rigore senza tecnicismi ed esposizione sempre chiara, un tema importante: L economia europea e italiana problemi e prospettive. A ospitare l incontro l aula magna del Chiostro di sant Abbondio dell Università dell Insubria. Senza tergiversare Quadrio Curzio ha affrontato subito in attacco la questione. «L attuale dissesto economico mondiale è nato negli Stati Uniti, sostanzialmente per tre debolezze intrinseche in quel sistema: una scarsa propensione al risparmio delle famiglie nord-americane; un settore manifatturiero sempre meno competitivo (basti pensare alla vicenda Fiat-Chrysler o alla situazione fallimentare di General Motors); il venir meno del dollaro quale moneta di riferimento del mercato globale, con, in particolare, la concorrenza dell euro». Un euro che a noi italiani, qualsiasi cosa ne pensino i detrattori, ha fatto del gran bene. Una moneta voluta da tempo. L euro fu tratteggiato da Einaudi fin dal Aspirando a un Europa federalista molto vicina alle idee di Catteneo e Romagnosi, in alcuni suoi scritti lo statista italiano arrivò a parlare della necessità di una «moneta federale europea». «L aver contrastato il signoraggio del dollaro ha aggiunto Quadrio Curzio è un importante conquista dell euro. C erano troppi dollari sul mercato, tanto che nemmeno la Banca Centrale americana sapeva bene quanti ne circolassero. L euro ha fatto esplodere le contraddizioni del dollaro e degli Usa, evitando che i danni già in corso diventassero ancora più incontrollabili». Di recente, con espressione pittoresca, il ministro delle finanze Giulio Tremonti ebbe a dire che «le banche italiane vanno bene perché nessuno parla inglese». Osservazione un po iperbolica confermata, però, dai dati. L Italia, essendo il Paese europeo finanziariamente meno esposto nei confronti di Usa e Gran Bretagna avendo cioè concesso, molto meno di altri, crediti e prestiti oltreoceano e oltremanica ha banche abbastanza solide, il cui indice di fragilità è fra i più bassi del vecchio continente. Una sorpresa. Per tutti. Economisti compresi. «La finanza creativa di cui gli Stati Uniti sono stati i fautori ha ripreso Quadrio Curzio, e la facilità con cui i titoli tossici hanno conquistato il mercato, ci dicono che per superare la crisi non basteranno soltanto nuove regole, maggiori controlli e più repressione. Occorre intervenire sugli squilibri strutturali». Aggiungiamo un aggiornamento in appendice: a inizio settimana negli Stati Uniti è stata accolta fra gli applausi la condanna a 150 anni di carcere per il finanziere creativo Bernard Madoff. La sentenza è cellenze che garantiscono il controllo sugli investimenti e la conservazione dell economia reale». I problemi, però, ci sono. «Causati aggiunge l accademico non solo dal debito pubblico, ma anche dal deficit infrastrutturale, dal divario nord-sud del Paese, dai 160miliardi di indebitamento, ma la stima è in difetto, provocati da evasione fiscale e corruzione». Cui si aggiunge la concorrenza sleale che viene da Oriente. «Le leggi WTO sul commercio mondiale spiega ancora Quadrio Curzio vietano i dazi. La Cina, che del WTO fa parte, è protezionista al contrario. Invade i mercati con merce contraffatta o a basso costo e poi impone dazi severissimi sulle materie prime. Sulla bauxite possono raggiungere il 70%. L Unione Europea non i singoli Stati dovrebbe fare la voce grossa, altrimenti vince chi è più spregiudicato. Altro settore che dovrebbe vedere l Europa davvero unita è la finanza, magari con l emissione dei famosi eurobond, che mettono d accordo tutti, Tremonti e Prodi, il nostro Napolitano e il tedesco Koeler. Mille miliardi di prestito pubblico europeo che potrebbero finanziare grandi opere e che in tanti bramano di acquistare, cinesi in primis, stanchi di comperare i bond di Stato americani, ormai privi di valore». Analizzati gli scenari e prospettate le soluzioni resta una riflessione antropologica. «Affinché ci siano vero sviluppo e ripresa duratura è stata la conclusione di Quadrio Curzio occorre mettere al centro la persona e il suo ruolo nella comunità. Perché dovrebbe essere importante realizzare non la cosa più conveniente, ma ciò che garantisce il decoro dei comportamenti e l etica civile». ENRICA LATTANZI

12 12 CHIESAITALIA ALIA Ospitato dalla diocesi di Bari Bitonto, si è svolto dal 22 al 25 giugno l annuale convegno del Centro Orientamento Pastorale (COP) che ha sviluppato il tema: Comunità Cristiana ed Educazione. Introdotto dalla prolusione di mons. Gaetano Bonicelli, presidente emerito dello stesso centro sul tema: Pastorale come educazione, i convegnisti provenienti dalle diverse diocesi italiane dalle Alpi alla Sicilia, hanno potuto ascoltare una interessante relazione del sociologo Luca Diotallevi che ha sottolineato come l emergenza educativa interpelli la comunità cristiana. Il relatore ha presentato l educare il fine dell educazione ieri e oggi e l autorità educativa. E seguita una esposizione del tema: Educare nella prospettiva mistagogica della pastorale, sviluppata da mons. Vito Angiuli, pro-vicario dell arcidiocesi di Bari Bitonto. Sono seguiti quattro laboratori nei quali si è riflettuto sulle relazioni. La mattinata di mercoledì 24 giugno è stata dedicata ad una tavola rotonda durante la quale don Guido Benzi, direttore dell Ufficio catechistico Nazionale, don Domenico Falco, direttore dell Ufficio nazionale liturgico, don Francesco Savino, parroco del santuario Santi Medici di Bitonto e Marco Toti, delegato regionale della Caritas, si sono soffermati su: Annnuncio, celebrazione, testimonianza: unità necessaria per educare alla vita cristiana. Giovedì 25 mons. Giancarlo Bregantini, arcivescovo di Campobasso ha regalato ai partecipanti una splendida meditazione-relazione intessuta di Bibbia, Vangelo e testimonianze personali, accolta da una prolungata ovazione dai partecipanti. Tema: Chiesa locale in missione educativa nel territorio. Mons. Domenico Sigalini, vescovo di Palestrina e presidente del COP ha concluso la Settimana di aggiornamento con una sintesi dei lavori indicando alcune prospettive pastorali insieme alla tradizionale Lettera di una famiglia alla parrocchia. A tutte le relazioni è seguito un intenso dibattito in aula. I convegnisti hanno potuto godere della squisita ospitalità della diocesi di Bari, del Comune di Bitonto e della parrocchia dei Santi medici Cosma e Damiano di Bitonto. Le visite alla Basilica di S. Nicola, alle Cattedrali di Bari e di Bitonto, le curate liturgie, un concerto meditazione su S. Paolo testimone dell amore ed anche l offerta ai convegnisti di due... generosi buffet hanno reso particolarmente piacevole il soggiorno dei partecipanti in terra di Puglia. Informiamo che per la prossima settimana di aggiornamento pastorale, che si terrà dal 21 al 24 giugno 2010, il COP ha scelto la nostra città di COMO. Il tema sarà: Le nuove forme di Comunità cristiane (unità pastorali e simili) richiederanno un cambiamento della figura dei presbiteri e degli operatori pastorali. Mi sembra un tema molto interessante ed attuale anche per la nostra chiesa diocesana. don PIERCARLO CONTINI LETTERA DELLA FAMIGLIA ALLA PARROCCHIA Cara parrocchia, siamo una famiglia del tutto normale, abbiamo tre figli, in casa anche i nonni e una zia, che ci aiutano qualche volta a litigare, spesso a costruire relazioni di maggior tolleranza e comprensione. Oggi sentiamo un po di stanchezza soprattutto nella educazione dei figli. Non ci ascoltano, vengono solo a chiedere coccole e mance, a strappare permessi o a nascondere malefatte. Noi siamo credenti, ma i nostri figli se ne vanno a uno a uno dalla chiesa; l ultimo ha appena fatto la Cresima ed è già in fuga. L ha preparata bene arrotolando lenzuola e segando sbarre da almeno tre anni. Noi ce ne accorgevamo, ma non abbiamo potuto fare niente. Ci sembra tutto ineluttabile. Ci sentiamo soli nel contestare le idee strane che ci portano in casa, quando non dobbiamo tendere l orecchio al loro cellulare, in attività perenne, per carpire le loro idee, i loro sogni sballati, almeno così sembra a noi. In questi tempi siamo ancora più nervosi perché i soldi non bastano più e viviamo nella paura che a qualcuno venga a mancare il posto di lavoro. Ma tu che fai? Che cosa hai fatto a questi nostri figli da lanciarli così lontano. Come mai non gli è rimasto in testa niente di tutti gli anni di catechismo che avete fatto? Certo ci preoccupa la loro fede, ma oggi ci assilla la tenuta morale, sociale, umana delle loro vite. Abbiamo perso la voglia di battagliare, di offrire visioni di vita diverse, di ascoltarli fino in fondo, forse. Vediamo che hanno ancora più bisogno di noi perché hanno mille decisioni da prendere e sono soli nonostante le nostre prediche o forse perché sono solo prediche. Ci serve una comunità in cui poter incontrare la forza di quel Dio in cui crediamo, ed essere aiutati a tornare all incandescenza del nostro amore Veniamo a messa, ma ci sembra di non essere in grado di capire quel che ci proponete. Avete un modo per ricucire nelle nostre coscienze vita e fede, verità e storia, vangelo e cultura, celebrazioni e gusto della vita? Sappiamo che la nostra fede è troppo povera, rimasta al catechismo che abbiamo imparato a mozziconi durante gli anni ruggenti delle battaglie politiche. Abbiamo perso autorevolezza. Ce l hanno tolta senza accorgerci, come l hanno tolta alla famiglia, alla scuola, alla chiesa. Abbiamo bisogno di tornare a imparare, ci vergogniamo di dirlo, ma ci sembra la cosa più vera. Non è un ritorno a una giovinezza che sfuma, ma una voglia di nascere di nuovo, per essere per noi stessi e per i nostri figli un segno della bontà di Dio e della sua decisione di prenderci in carico sempre e in ogni loculo in cui ci possiamo essere cacciati. Ci aspettiamo di essere aiutati a diventare educatori autorevoli, pazienti e pieni di speranza. La famiglia che hai benedetto velocemente a Pasqua quest anno MESSAGGI E INIZIATIVE DELLE CHIESE LOCALI ANNO SACERDOTALE: IL RESPIRO DELL ANIMA «L a nostra è una missione indispensabile per la Chiesa e per il mondo, che domanda fedeltà piena a Cristo ed incessante unione con Lui e per essere ministri al servizio del Vangelo, è certamente utile lo studio con una accurata e permanente formazione pastorale ma è ancor più necessaria quella «scienza dell amore» che si apprende solo nel «cuore a cuore» con Cristo. Con queste parole Benedetto XVI si è rivolto ai sacerdoti durante la celebrazione dei secondi vespri della Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, in occasione dell apertura del Anno Sacerdotale (venerdì 19 giugno). Il Papa ha invitato a favorire la tensione dei sacerdoti verso la perfezione spirituale, dalla quale soprattutto dipende l efficacia del loro ministero. Un invito raccolto dai vescovi nelle comunicazioni indirizzate alle loro diocesi, per approfondire e vivere insieme questo tempo di grazia. Proponiamo una prima rassegna di messaggi e iniziative. Benevolenza reciproca. Un momento significativo, un occasione di ringraziamento al Signore, Pastore grande delle anime, di invocazione per la nostra santificazione nel sacerdozio, di fraternità e di preghiera per le nostre comunità e per il dono di numerose vocazioni. È l invito di mons. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, rivolto ai sacerdoti genovesi per la celebrazione diocesana dell Anno Sacerdotale. Spero che tutti coloro che potranno vogliano partecipare a questo semplice ma intenso momento di grazia perché, ha sottolineato l arcivescovo, tutti abbiamo bisogno di incontrarci nel segno della benevolenza reciproca per coltivare la fraternità sacerdotale e per rinnovare la gioia della nostra vocazione e missione. All altezza della vocazione. Siamo tutti convinti, sacerdoti e fedeli, che la condizione perché il ministero sacerdotale sia efficace è la santità dei sacerdoti, cioè la loro dedizione appassionata e generosa al Signore Gesù. Lo ha ricordato mons. Dante Lafranconi, vescovo di Cremona, rivolgendosi alla propria diocesi nella certezza che la convinzione teorica deve però animare la vita pratica in tutte le sue scelte e nei suoi orientamenti fondamentali. Per mons. Lafranconi, l Anno Sacerdotale non riguarda soltanto i sacerdoti, interessa tutta la Chiesa, perché è interesse di tutti che i sacerdoti vivano all altezza della loro vocazione. Per questo motivo è importante sensibilizzare a questa causa tutti il popolo santo di Dio ed esortare anche i laici e i membri degli Istituti di vita consacrata, soprattutto i malati, a offrire la loro preghiera e le loro sofferenze per la santità dei sacerdoti. Il vescovo ha ribadito che l urgenza prima non è quella di aver più sacerdoti, ma di avere sacerdoti santi, pienamente innamorati del Signore e totalmente votati alla sua causa. Un cuore radicato nell amore di Dio. Un pellegrinaggio alla tomba del Santo Curato d Ars per riflettere sulla figura e sul ministero del prete. È quello organizzato dalla diocesi di Città di Castello (dal 2 al 5 giugno), in occasione dell Anno Sacerdotale. Sotto la guida del vescovo Domenico Cancian, quindici preti e tre diaconi permanenti si sono recati in pellegrinaggio in Francia per visitare i luoghi di alcune grandi figure di santi vissuti tra il XVII e XIX secolo. Benché assalito da molte prove e difficoltà, spiega la diocesi in una nota, san Giovanni Maria Vianney conserva sempre il proprio cuore radicato solo nell amore di Dio e dei suoi fratelli, la sua unica preoccupazione è la salvezza delle anime e i suoi insegnamenti e le sue omelie parlano soprattutto della bontà e della misericordia di Dio. Ministero generoso e disinteressato. Questa ricerca di intimità con Dio è, per la complessità e la frenesia della vita odierna, necessaria come il respiro dell anima; essa ispira e sostiene la bellezza di una radicale offerta di noi stessi come della carità pastorale. Questo l impegno che mons. Elio Tinti, vescovo di Carpi, ha affidato alla propria comunità diocesana per celebrare l Anno Sacerdotale. Ai consacrati a Cristo, il vescovo ricorda la bellezza e la gioia del nostro essere preti, della nostra pienezza di vita, della nostra radicalità, che costa fatica, ma che premia e realizza. Per i fedeli, la richiesta di pregare spesso per i propri sacerdoti perché alcune volte ci soffermiamo su eventuali loro limiti e difetti mentre sarebbe doveroso accompagnare il loro ministero generoso e disinteressato con una fervida preghiera. Una richiesta particolare, infine, è quella rivolta alle famiglie affinché promuovano nella propria casa momenti di preghiera e un clima di autentico stile di vita cristiana che favorisca anche il sorgere di una vocazione sacerdotale o alla vita consacrata. a cura di RICCARDO BENOTTI

13 14 E Como CRONACA DI P R O V I N C I A SETTIMANALE DELLA DIOCESI DI COMO - 4 LUGLIO 2008 QUASI RADDOPPIATE LE RICHIESTE DI TRASPORTO Anteas: «La crisi passa anche da noi» 1018 servizi effettuati nei primi sei mesi di quest anno contro i 684 del Variegata la tipologia dell utenza. È la conferma di una fatica ad arrivare a fine mese che accomuna le categorie e le generazioni più diverse pagina a cura di MARCO GATTI Quasi il 50% di persone trasportate in più rispetto allo scorso anno Ṗassa anche dai numeri del servizio di trasporto attivato, ormai da diversi anni, dall associazione Anteas di Como, il senso della crisi che ha colpito anche il Comasco servizi di trasporto effettuati a Como, da gennaio a giugno 2009, contro i 684 corrispondenti al medesimo periodo dello scorso anno. In crescita anche Cantù, con un +15% rispetto ai primi sei mesi del «Crescono le domande, anche e in special modo per il periodo estivo - ci spiega Mario Annoni - e cresce la tipologia dell utenza. Non più soltanto popolazione anziana, ma anche molti giovani. Chi, in passato, per una ragione o per l altra, era disposto a sborsare qualche euro per un servizio di trasporto sociale, si trova oggi a fare i conti con il portafoglio e ad accorgersi che non ce la fa più». «Il nostro centralino - continua Annoni -, unitamente al numero verde che abbiamo attivato da tempo ( ) sta diventando un preciso termometro dell attuale situazione di difficoltà che la popolazione comasca sta vivendo. Nata con una specifica e particolare predilezione per la popolazione anziana la nostra associazione si trova, oggi, a misurarsi con le casistiche più diverse. Situazioni che, non di rado, provvediamo a segnalare al Comune di Como perché si adoperi per attivare i necessari canali di assistenza». Il servizio di trasporto fornito da Anteas, totalmente gratuito, è ben radicato sul territorio, con buone prospettive di crescita: due mezzi attivi su Como e circondario, uno su Cantù, uno su Erba e uno su Dongo. Quattordici autisti. E l obiettivo di attivare un altro mezzo nell Olgiatese (entro fine 2010, se dovesse arrivare un contributo dalla Fondazione Comasca) e un altro a Lomazzo (con data da definirsi). Scoperto, per il momento, invece, il centro lago, con particolare riferimento alla zona di Menaggio. Del servizio usufruisce chi, in genere, necessita di trasporto in ospedale per delle cure mediche, per dialisi o fisioterapia, ed è impossibilitato dall avvalersi delle rete parentale. «In questi anni ci siamo rafforzati - continua Annoni - cercando di consolidare il nostro parco mezzi, nonostante i costi davvero importanti che la loro gestione comporta. Eppure non siamo ancora in grado di soddisfare a pieno la domanda. Oggi circa il 9,5% delle persone che ci inoltra richiesta di trasporto ottiene, purtroppo, risposta negativa. E si tratta di soggetti in reale stato di bisogno. Da un paio d anni a questa parte ci preoccupiamo, infatti, di selezionare con cura la domanda, per evitare il rischio che qualcuno approfitti della gratuità del servizio che eroghiamo. Servizio che stiamo cercando di estendere, dal semplice trasporto ad una forma di vera e propria assistenza alla persona, in particolar modo a giovani portatori di handicap. Ma per effettuare questo salto occorrerà consolidare la rete dei nostri volontari e, eventualmente, adeguare i mezzi di cui disponiamo. Non sono poche, infatti, le persone in carrozzina, o non autosufficienti, che non siamo in grado di servire». La frontiera del segretariato sociale, dunque di un assistenza più diretta alla persona, è, del resto, una delle prerogative principali di Anteas. Acronimo che, non a caso, ne svela le sue ampie finalità: Associazione nazionale terza età attiva per la solidarietà. «Da qualche tempo - prosegue Annoni - abbiamo aperto a Dongo e a Erba due sedi che ci permettono di consolidare la nostra presenza sul territorio, riuscendo in questo modo ad assicurare maggiore vicinanza alla popolazione e, per quanto possibile, risposta ai loro bisogni. Più nello specifico, a Dongo, oltre al servizio di trasporto da poco attivato, siamo anche in grado di garantire piccoli interventi domestici (lavori di sistemazione elettrica, idraulica etc.) nelle case di persone anziane sole. Prestazioni gratuite rese possibili grazie alla disponibilità di alcuni nostri volontari». Rientra sempre nella logica della risposta al bisogno la decisione di Anteas di riattivare, con ogni probabilità da settembre, la serie di incontri settimanali dedicati a temi di attualità come la sicurezza stradale. «La popolazione anziana - ci spiega Alfredo Puglia, segretario generale Fnp Cisl Como, di cui Anteas è una delle espressioni - va accompagnata e sostenuta, in special modo in questo periodo di particolare fatica per tutti. Uno degli impegni del sindacato è quello di stringere accordi con le amministrazioni locali affinché l attenzione e l impegno sociale sul territorio non cali. Particolare rilievo va posto all accordo stipulato qualche mese fa con il Comune di Como che si fonda sull impegno di attivare un servizio di rete tra le diverse realtà territoriali che operano in campo sociale. Un percorso che dovrebbe portarci ad essere in grado di rispondere in maniera sempre più tempestiva ed efficace alle situazioni di criticità. Nel frattempo all ente pubblico chiediamo un effettivo riconoscimento dei costi di cui il privato sociale si fa carico, predisponendo adeguate forme di sostegno economico». Non autosufficienza. Un altro colpo basso Una disposizione della Regione Lombardia, datata 7 maggio 2009, precisa e riduce il numero di ausili e presidi che devono essere forniti alla RSA. Un vero e proprio pugno in faccia all utenza delle case di riposo comasche e non. L Asl della provincia di Como - recita la nota dell Azienda sanitaria locale di Como inviata ai direttori delle RSA, a firma del direttore generale Roberto Antinozzi, riprendendo la nuova normativa regionale - a partire dal 1 luglio 2009, non erogherà più i materiali sanitari di consumo (metalline, sondini per bronco aspirazione, collarini, fascette, reggi cannule, prodotti nutrizionali, etc.) utilizzati da pazienti ospiti delle RSA e peraltro non più previsti dalla sopracitata D.G.R «Si tratta di una decisione molto grave - il commento di Alfredo Puglia, segretario generale Fnp Cisl Como - che graverà sulle RSA e, ovviamente, di rimando sulle rette. Dunque a pagare saranno, ancora una vota, gli ospiti. Questo episodio conferma ancora di più la necessità di un Fondo per la non autosufficienza in grado di dare respiro alle migliaia di famiglie soffocate da questo problema. C eravamo anche noi, 150 comaschi, lo scorso 11 giugno a Roma, a manifestare, in 60mila, a favore della definitiva nascita di questo Fondo e per rivendicare la salvaguardia del potere d acquisto delle pensioni. Episodi come la recente direttiva regionale ci confermano l importanza di non abbassare la guardia su temi caldi cari a tutti noi». UNA FOTOGRAFIA DELLA REALÀ DELL ALTO LAGO È stato un appuntamento importante quello vissuto dall associazione Anteas e da tutta la Cisl gli scorsi sabato 27 e domenica 28 giugno a Dongo. Non soltanto un momento di festa, per stare insieme, ma soprattutto un occasione per riflettere sul presente e progettare il futuro in un contesto territoriale segnato dalla grave crisi che ha investito il sistema produttivo, in particolar modo con il fallimento di Afl. La festa è iniziata sabato 27 con la presentazione del volume Radici di Ferro, dedicato alla storia delle Ferriere e con la tavola rotonda dal titolo: Quale futuro socio economico per l Alto Lago, alla quale hanno preso parte la Provincia di Como, la Camera di Commercio, la Comunità Montana Lario Occidentale e le associazioni imprenditoriali. «L idea che abbiamo maturato - spiega Fausto Tagliabue, segretario generale della Cisl di Como - è di approfittare dell evento per promuovere in quel contesto una sorta di patto di sviluppo per il rilancio economico del territorio. Tutto ciò riferendoci ad un modello già sperimentato, un accordo sottoscritto in Val Seriana, in provincia di Bergamo, che sta dando buoni frutti». La festa, proseguita domenica 28, presso il palazzetto dello sport di Dongo, ha rappresentato anche l occasione per presentare pubblicamente la sezione territoriale dell Alto Lago di Anteas e per presentare una fotografia della popolazione anziana residente sul territorio. Nei 18 comuni costituenti il Piano di Zona dell Alto Lago gli anziani residenti superiori a 60 anni erano, nel 2008, Secondo alcune stime risulta che il 70% delle pensioni in essere in quest area siano inferiori ai 1000 euro. Sul fronte dell assistenza da segnalare la presenza, oltre all ospedale di Gravedona, anche di tre case di riposo, che offrono un totale di 151 letti accreditati, con un costo minimo della retta che varia da 42 a 65 euro giornaliere e con una lista d attesa di 62 persone.

14 CRONACA Como 15 QUALCHE POSSIBILITÀ DA UNA NORMATIVA REGIONALE Riconoscimento storico per i mercati di Como? Il Comune di Como ha inoltrato apposita domanda alla Regione Lombardia che, in seguito ad una specifica legge, ha fissato requisiti e modalità per conseguire una assegnazione che consentirebbe di ottenere cospicui finanziamenti per la loro conservazione di LUIGI CLERICI Prendendo spunto dal ritornello di una canzoncina, ovvero se tutto va come deve andare, i due mercati della città di Como potrebbero presto fregiarsi del riconoscimento di storicità. Il Comune di Como ha infatti inoltrato apposita domanda alla Regione Lombardia che, in seguito ad una legge, ha fissato requisiti e modalità per ottenere tale riconoscimento che consentirebbe di raggiungere cospicui finanziamenti per la loro conservazione. Secondo il testo legislativo regionale sarebbero mercati a valenza storica quelli comunali nei quali l attività sia svolta da almeno 50 anni. I mercati che abbiano un origine attestata e documentabile risalente ad almeno 100 anni possono invece ottenere il riconoscimento quali mercati a valenza storica di tradizione. E tutti e due i mercati che animano Como nelle immediate vicinanze dell antico castrum romano, ovvero la città murata, ogni settimana durante tutto l anno, ovvero il mercato Annonario, nello storico edifico di via Sirtori/via Mentana), ed il mercato delle Mercerie, lungo viale Cesare Battisti e viale Cattaneo, vantano questi requisiti. Vediamo di ripercorrerne un po la loro interessante storia. Senz ombra di dubbio i due attuali mercati cittadini costituiscono la continuazione, ininterrotta nel tempo, di un mercato che si teneva all aperto in piazza Guido Grimoldi, tra il duomo e il palazzo vescovile, nei giorni di martedì, giovedì e sabato. La presenza del mercato di frutta e verdura in tale piazza è probabilmente assai remota visto che tale spazio, nel catasto teresiano del XVIII secolo, era denominato Verzaro detto alle piode, ed è comunque attestata la sua presenza da documenti in possesso del Comune risalenti al Il 15 novembre 1905, infatti, l Ufficiale di Sorveglianza indirizza al sindaco un rapporto nel quale precisa come sono regolati gli orari e le modalità di svolgimento del mercato della frutta e verdura in piazza Grimoldi, in base alla circolare municipale 13 giugno 1888, e propone di protrarne l orario di chiusura a vantaggio dei consumatori e per calmierare i prezzi. Il 20 novembre 1905 il sindaco risponde all Ufficio municipale di Sorveglianza Urbana, puntualiz- zando in quali termini la Giunta Municipale ha deciso di accogliere le conclusioni contenute nel rapporto. Riferisce inoltre che la Giunta ha deliberato che in via sperimentale, ai commercianti che ne facciano richiesta, sia concesso di esporre le merci anche in piazza di Porta Vittoria. Da una delibera della Giunta Municipale del 27 agosto 1915 si ha conferma che in quell anno il mercato di frutta e verdura si svolgeva ancora in piazza Grimoldi, mentre un avviso pubblico del 21 settembre 1916 ci dà modo di sapere che nel mercato non venivano trattate più soltanto la frutta e la verdura, ma anche uova, burro, latticini e altri generi alimentari d uso comune. Purtroppo la documentazione agli atti non consente di avere certezza circa il fatto che, parallelamente al mercato alimentare in piazza Grimoldi, già si svolgesse nei pressi anche un mercato di altre merci, anche se ciò appare molto probabile. Infatti, una deliberazione podestarile del 1927 circa la sistemazione del mercato di piazza Castello, precisa che esso è frequentato sia da merciaioli che da venditori di generi alimentari. Il mercato Annonario - Già dal 1888 è dunque documentata la presenza in città murata di un mercato di frutta e verdura al minuto (in piazza Guido Grimoldi) e all ingrosso (nella limitrofa piazza Roma). Intorno al 1927 il mercato della frutta e verdura si amplia in piazza del Castello (oggi piazza Verdi/piazza del Popolo), dove si tiene anche il mercato dei merciaioli. Nel 1930 si rende opportuno trasferire il mercato nelle vie a sud di piazza Castello. Lo apprendiamo da una relazione del Capo del III Reparto il quale propone di collocare i venditori di frutta, verdura e generi alimentari, che formano il gruppo meno numeroso, sul terrapieno di via N. Sauro; i contadini senza banco di vendita lungo la stessa via, a ridosso della linea ferroviaria; i commercianti di mercerie, che allineati presentano un fronte di almeno 400 metri, in quadruplice fila lungo viale Cesare Battisti. A seguito della richiesta formulata nel giugno del 1933 da parte della Federazione Provinciale Fascista del Commercio all Ufficio comunale di Sorveglianza, di poter disporre dell elenco nominativo dei commercianti che frequentano il mercato, si apprende che in via Nazario Sauro posteggiavano 51 operatori, di cui 29 trattavano frutta e verdura, 15 formaggi e latticini, 4 fiori e 3 saponi; in viale Cesare Battisti posteggiavano 111 o- peratori, di cui ben 62 trattavano mercerie, 17 tessuti, scampoli o ricami, 10 confezioni, altri 10 calzature, 9 articoli casalinghi o ferramenta, 2 profumerie e pettini ed uno dolciumi; infine 10 erano i grossisti di prodotti ortofrutticoli rimasti a fare mercato in piazza Roma. Nel frattempo, era il 1932, il Comune aveva bandito un concorso per realizzare, in un area compresa tra via Sirtori e la parallela nuova via Mentana un edificio destinato a mercato generale annonario. La collocazione dell edificio rispondeva alle previsioni del Piano Regolatore Generale del 1919, che dislocava lungo il perimetro esterno della città murata le nuove funzioni pubbliche. Il concorso, a cui parteciparono anche l architetto Giuseppe Terragni e l ing. Gianni Mantero, venne vinto dall architetto Mario Levacher, il cui progetto prevedeva due corpi di fabbrica separati, entrambi in stile razionalista, sviluppati su due livelli: il piano rialzato destinato ai punti di vendita ed il piano seminterrato attrezzato a magazzini. L edificio più ampio era, ed è tuttora, destinato al commercio al dettaglio; l altro al mercato ortofrutticolo all ingrosso dove vi si trasferirono i grossisti di frutta e verdura che, in precedenza, tenevano un proprio mercato all aperto in piazza Roma, in prossimità del lago. Nell anno che negli annali viene ricordato per il primo titolo mondiale di calcio dell Italia, ovvero il 1934, il progetto di Levacher era già stato portato a compimento, tant è che il 22 giugno il podestà Negretti deliberava l adozione del Regolamento per il Mercato Generale Annonario, tuttora parzialmente in vigore. Questo prevedeva che nell edificio principale si tenesse sia il mercato dei produttori, sia il mercato al minuto di frutta e verdura con annessi spacci di generi alimentari. Veniva inoltre disposto che gli spazi del nuovo mercato fossero assegnati in via prioritaria ai rivenditori e produttori diretti di frutta e verdura e ai rivenditori di scatolame e latticini con posteggio nel mercato all aperto che si sviluppava lungo la via Nazario Sauro e sul contiguo piazzale a ridosso delle mura medievali. Oggi il mercato Annonario conserva pressoché intatta la distribuzione funzionale che gli venne assegnata nel 1934 e si tiene il martedì, giovedì e sabato, così come già avveniva ancor prima del suo trasferimento nella sede di via Mentana/via Sirtori. Il mercato Mercerie - Negli ampi viali alberati pedonali a ridosso del tratto sud delle mura medievali che delimitano il nucleo più antico della città si tiene, il martedì e giovedì al mattino ed il sabato per l intera giornata, il mercato delle Mercerie. Tale mercato interessa le aree di circolazione di viale C. Battisti, viale L. Spallino, piazza Vittoria, viale C. Cattaneo e viale Varese. In precedenza bisogna risalire al 1927 quando in piazza Castello (oggi piazza Verdi/piazza del Popolo) era attivo il mercato dei merciaioli. Dal 1930 tale mercato è collocato in viale C. Battisti, a ridosso del tratto meridionale delle mura medievali stesse, verso la torre di San Vitale. Nel 1935 un provvedimento podestarile delimita puntualmente le aree destinate al mercato delle Mercerie, che nel quinquennio precedente s è andato espandendo verso ovest, oltre la Porta Torre (o Torre di Porta Vittoria). Il mercato delle Mercerie ebbe un proprio regolamento solo nel dopoguerra e trattandosi di un mercato che si svolge all aperto, senza strutture fisse, non ha ovviamente conservato i caratteri che esso aveva in anni remoti, se non per il fatto che anche oggi la quasi totalità dei punti di vendita è costituita non dai moderni autocarri attrezzati, bensì dai tradizionali banchi espositivi, appoggiati a terra e coperti da tende solari. Inalterato invece, almeno da 78 anni a questa parte, è l ambito di elevato pregio storico, architettonico e paesaggistico che lo ospita İn precedenza a Como avevano sede altri mercati. Il mercato della polleria, in piena città murata (via Borromino), che scomparve con ogni probabilità quando, nei primi anni 30 il quartiere medievale della Curtesela venne demolito per fare posto a moderni edifici pubblici o residenziali, ed il mercato del bestiame settimanale, istituito a partire dal dicembre 1923 nel piazzale antistante il macello comunale che si trovava all estremità sud di via Mentana, non più esistente da diversi decenni.

15 16 CRONACA Como LA DENUNCIA DELLA POLIZIA PENITENZIARIA Bassone: ora non se ne può davvero più È stata una festa del Corpo condita a sale e pepe la celebrazione per la ricorrenza del Corpo di Polizia Penitenziaria tenutasi lo scorso 25 giugno. L appuntamento ha rappresentato l occasione perché i sindacati maggiormente rappresentativi dell istituto comasco, Cgil, Cisl-Fns, Uil penitenziario, Sappe, confermassero la grave crisi in cui versa il sistema penitenziario lombardo e comasco, con la Casa Circondariale del Bassone al limite del collasso. A lanciare ancora una volta l allarme sulla grave situazione di criticità che interessa l istituto è stato Massimo Corti, il segretario generale provinciale Cisl-Fns Massimo Corti. Denuncia rinnovata anche il 30 giugno, con una delegazione comasca presente alla manifestazione sindacale interregionale svoltasi presso la Casa Circondariale San Vittore di Milano «Il sovraffollamento del Bassone - spiega Corti - oltre a creare gravi difficoltà nella gestione dei detenuti, genera una condizione di assoluta invivibilità sotto l aspetto igienico e della salubrità dei luoghi di custodia». Ci dia qualche numero «All inizio di quest anno nell Istituto erano presenti circa 541 persone, oggi il trend è in continuo aumento e i ristretti in carcere sono 564, su una capienza regolamentare di 421 prevista dalla La struttura è ormai satura da tempo e l effetto indulto è soltanto un lontano ricordo. 564 gli attuali detenuti e si è ormai prossimi al limite di tollerabilità di 581. E tra il personale mancano un ottantina di addetti. Cgil, Cisl e Uil promettono battaglia struttura. E siamo a un passo dalla capienza tollerabile, oltre la quale non si potrà andare, di 581 detenuti. Questo significa che in una sezione detentiva è abitudine ormai che vi siano anche 97 detenuti, allocati in celle di pochi metri quadri (8/10 mq, compreso i servizi), il tutto per 4 o 6 detenuti cadauna. Questo basso livello di vivibilità e di pregiudizio rispetto alla sicurezza istituzionale, è posto in capo a un solo agente il quale deve controlla- re da solo tutti i soggetti ristretti nella sezione, rischiando la propria incolumità fisica. In proposito, questo controllo serve a ben poco e rischia di spostare solo la responsabilità di possibili eventi critici sul malcapitato operatore di turno». Come vivete, voi operatori, questa situazione? «Il personale di Polizia Penitenziaria attualmente in forza al Bassone è dato da 255 soggetti, 31 dei quali distaccati pres- Foto William so altre strutture. I presenti ad Albate sono dunque 224, a fronte del numero previsto di 308. Conti alla mano mancano 84 unità. Carenza che si sente, eccome! L amara realtà dimostra che l Amministrazione non ha alcun rispetto delle donne e degli uomini in uniforme che subiscono, a causa della carenza degli organici, turni massacranti, cambi turni, continui richiami in servizio, assenza di una congrua programmazione dei turni di servizio, congedi, ecc. Insomma il personale vive una sorta di regime di semilibertà, con una organizzazione affidata all improvvisazione. Noi non possiamo e non vogliamo accettare queste condizioni, non abbiamo commesso nessun reato e non dobbiamo scontare nessuna pena. Rivendichiamo l applicazione della carta dei diritti umani in favore dei colleghi e colleghe che non riescono a programmare il proprio riposo, a gestire la propria vita. Il servizio sanitario è a disposizione del detenuto; invece l agente all interno dell Istituto non ha alcun riferimento medico; eppure, in ambienti cosi affollati, è facile che si propaghino malattie od epidemie anche tra il personale di controllo In questo deprimente quadro e delle descrizioni fatte, è drammatico che non si riesca più a distinguere che è il carceriere e chi è il carcerato». Come uscire da questa impasse? «Occorrono forze nuove! Abbiamo l impressione che l Amministrazione sia autoreferenziale, la dirigenza centrale ha avuto poche esperienze di direzione degli istituti e pensiamo che le problematiche che vengono evidenziate dai dirigenti delle carceri, da chi vive insieme ai colleghi una zona di frontiera, non vengono prese in considerazione. C è un grosso stacco tra il centro e la periferia e ciò non è funzionale, anzi è deleterio per la risoluzione dei problemi. I direttori delle carceri ed il personale si sentono abbandonati a se stessi e debbono esercitare responsabilità enormi perché nulla all interno del carcere è letteralmente conforme a leggi e/o disposizioni. Pur prendendo atto che il ministro, nel corso della festa del Corpo nazionale celebrata il 17 giugno scorso, ha fatto cenno ad un piano di assunzioni straordinarie, ci chiediamo come mai questa prospettiva, o meglio tale impegno, non ha inteso rappresentarla nel corso dell incontro con le rappresentanze sindacali, il giorno prima. Al momento non si intravede nessuna soluzione per affrontare emergenza carceri e pertanto non possiamo che continuare nella nostra azione di protesta attraverso u- na serie di manifestazioni che avranno luogo sul territorio nazionale. Culmine della protesta sarà una grande manifestazione nazionale che si terrà a Roma il 22 settembre prossimo». CHIESA DI S. CECILIA Restaurate due tele di Filippo Abbiati Sono state presentate lo corso 30 giugno presso la chiesa di S. Cecilia le due tele di Filippo Abbiati recentemente restaurate nel laboratorio di Laura de Nardi, sotto la direzione del Comune di Como e della Soprintendenza per i Beni Storici e Etnoantropologici di Milano, grazie al Lions Club Como Plinio Il Giovane, nell occasione delle celebrazioni del ventennale della propria fondazione. Le due tele di Filippo Abbiati sono collocate nel presbiterio della chiesa. L iniziativa, che ha ricevuto il consenso del Comune di Como, proprietario dell edificio, della parrocchia di San Fedele e della Soprintendenza, ha consentito il recupero di due opere preminenti nel complesso decorativo di un architettura che rappresenta un vero gioiello della cultura barocca del territorio lariano. Il restauro ha comportato l applicazione di tensori angolari ai telai ai fini di un più calibrato e omogeneo tensionamento delle tele, a garanzia di una loro migliore conservazione. Ha soprattutto permesso di riportare alla luce la splendida cromia originaria, intensa e calda nella Nascita, ariosa e leggera nell Immacolata, preludio felice alle novità della cultura figurativa settecentesca. Gli interventi di rimozione degli strati di offuscamento della superficie pittorica, composti da vernici ossidate e sporco accumulatosi col tempo, sono stati condotti per gradi e in relazione ai diversi colori.

16 L INGRESSO SABATO 4 LUGLIO Montorfano attende don Biagioni CRONACA Como&territorio 17 Sarà accolto alle ore sul piazzale della chiesa dalla comunità e dalle autorità civili e religiose. Seguirà la celebrazione della S. Messa solenne Sabato 4 luglio la comunità di Montorfano accoglierà con gioia il suo nuovo parroco, don Gaetano Biagioni. Don Gaetano, originario di Figliaro, è nato a Como nel 1974 ed è stato ordinato sacerdote nel 2001 da mons. Alessandro Maggiolini. Dopo la sua esperienza come vicario a Sagnino ( ), è stato nominato vicario di Cernobbio e - insieme, dal parroco di Rovenna. Don Gaetano succede a don Italo Brumana, che ha lasciato la parrocchia il 1 giugno scorso. Il programma prevede alle ore l arrivo del nuovo parroco sul piazzale della chiesa, accolto dal saluto del sindaco e di un rappresentante della parrocchia; seguirà la S. Messa solenne; al termine si terrà un rinfresco di benvenuto, allietato dalle note del Corpo musicale A. Volta di Capiago Intimiano. Domenica 5 luglio don Gaetano presiederà le S. Messe domenicali (7.30; 10.30; 18.00); lunedì 6, alle ore S. Messa per tutti i defunti. LO HA DECRETATO LA RIVISTA AMERICANA FORBES Villa d Este: miglior albergo del mondo no venti hotel di lusso ogni anno. Il commento finale di questa giuria è stato: Villa d Este ha tutto, e cioè facile raggiungibilità, pregio architettonico, decorazione degli interni, una storia secolare (è hotel dal 1873, ma la villa è molto più antica), la bellezza dell insieme, un panora- Si tratta soltanto di uno dei numerosi riconoscimenti ottenuti dalla preziosa struttura negli ultimi anni di GIGLIOLA FOGLIA Il meglio del meglio in fatto di alberghi? E sul Lago di Como, e per la precisione a Cernobbio. Jean- Marc Droulers, amministratore delegato del Grand Hotel Villa d Este, annuncia con orgoglio che il famoso resort è stato nominato da Forbes il miglior hotel al mondo. Non è impresa facile giudicare il meglio al mondo, considerando la varietà di elementi da valutare e anche la varietà di chi le giudica; gli editori della celebre rivista statunitense di economia e finanza hanno formato però una giuria di veri esperti in viaggi di lusso, composta da personaggi dello spettacolo, scrittori, giornalisti e conduttori televisivi, tutti con una cosa in comune: visitano almema incantevole, un servizio impeccabile, l annessa beauty farm e sporting club, e perfino il bel tempo. Il riconoscimento di Forbes mi rende orgoglioso e felice ha commentato Droulers E una bella notizia che aiuta tutti a mantenere alto l entusiasmo per il lavoro che facciamo da molto tempo con dedizione e passione. Il mio grazie sentito a tutto il personale di Villa d Este che, fedele in tempi belli e meno belli, ha dato il contributo decisivo a far diventare l accoglienza e il servizio di Villa d Este insuperabile nel mondo. Mi auguro che questo entusiasmo ci animi sempre e che la strada dell eccellenza che abbiamo intrapreso ci porti a livelli ancora più alti. L entusiasmo è comprensibile anche se lo storico hotel non è nuovo a simili riconoscimenti: sono oltre trenta i premi ricevuti solo negli ultimi otto anni, tra cui quelli per il miglior chef internazionale, il miglior nuovo libro di cucina, il miglior Centro Benessere in Europa, e il Premio di Eccellenza per la valorizzazione dell Ambiente assegnato nel 2006 da Confindustria. UNA NUOVA TRATTA SUL CERESIO: NASCE LA CAMPIONE D ITALIA-PORLEZZA Il fatto di essere un enclave circondata dal territorio svizzero ha sempre comportato vantaggi e svantaggi per Campione d Italia. I collegamenti con la madrepatria fanno sicuramente parte di questa seconda categoria, ma dalla prossima settimana Campione sarà collegata via acqua direttamente con il territorio comasco. E stata infatti raggiunta un intesa con la Società Navigazione Lago di Lugano per assicurare un servizio di collegamento con Porlezza. Una linea speciale, bisettimanale, operativa dal 27 giugno al 12 settembre a titolo sperimentale, che metterà in relazione le due località del Ceresio comasco ogni sabato con i seguenti orari: partenza da Campione d Italia alle 8.50, arrivo a Porlezza alle 9.50 ed eventuale proseguimento per Lugano con arrivo previsto alle 11.00, partenza da Porlezza alle 16.20, arrivo a Campione d Italia alle 18.00; ed anche di giovedì, a cominciare dal 25 giugno, con i seguenti orari: partenza da Porlezza alle 16.20, arrivo a Campione d Italia alle 18.00, partenza da Campione d Italia alle 00.30, arrivo a Porlezza all Il nuovo collegamento, che vuole implicitamente valorizzare anche il contesto naturale del Ceresio, esprime la volontà dell amministrazione comunale di accentuare la vocazione turistica dell enclave, non tanto per la stagionalità dell iniziativa quanto per le opportunità escursionistiche che essa offre, aprendo intanto un inedita accessibilità a Campione sul versante sicuramente affascinante: quello dell arrivo dal lago. I biglietti esclusivamente per viaggi di andata e ritorno sono già in vendita a 10 franchi svizzeri (Euro 6,50) presso gli uffici dell Azienda Turistica di Campione d Italia 3 oppure presso gli uffici dell Associazione Commercianti Parka Vivi Porlezza di Porlezza. Infatti pur essendo territorio italiano a Campione d Italia si circola con targa svizzera e le transazioni avvengono in Franchi. Se non fosse per la bandiera italiana e per quella comunitaria sembrerebbe del tutto un piccolo paese svizzero. L.CL. VESPRI D ORGANO NELLA BASILICA DI S. ABBONDIO Domani, domenica 5 luglio, la S. Messa d orario (16.30) avrà una coda musicale, nella quale saranno proposti brevi brani di ascolto e di preghiera, per la durata complessiva di circa mezz ora (a partire dalle 17.30). La proposta - concretizzabile grazie alla disponibilità dell organista titolare, Andrea Schiavio, e di alcuni suoi colleghi - si pone in continuità con iniziative simili sperimentate in altre chiese cittadine, e sarà ripetuta nel periodo estivo, secondo il calendario di seguito riportato. L ingresso è ovviamente libero. Domenica 5 luglio organo (Giuseppe Sanzari) e violino (Katie Vitalie) Domenica 19 luglio organo (Andrea Schiavio) e clarinetto (Enrico Sibona) Domenica 2 agosto organo (Andrea Schiavio) Sabato 15 agosto organo (Andrea Schiavio) e voce soprano (Hiroko Ito)

17 18 CRONACA Como COMO E I SUOI POLITICI Un secolo e mezzo di vita amministrativa Chi guidò Como nel lontano 1878? E nel 1923? Un viaggio interessante per conoscere i protagonisti della vita politica locale, dall unità d Italia al A realizzarlo Benedetto Indavuru, stampato dall Editore Alessandro Dominioni di MARCO GATTI La sala consiliare di Palazzo Cernezzi si presenta in tutta la sua maestosità al cittadino che la osserva. Lo scranno, le sedie vuote, raccontano storie diverse e complesse di un servizio di grande responsabilità speso a favore della città. Uomini e donne che, nel corso negli anni, si sono avvicendate su quelle poltrone con gli animi e le capacità più varie. Chi in cerca di un affermazione personale, chi, invece, mosso da un reale amore per il capoluogo. Ma quanti sono gli amministratori che, dall unità d Italia ad oggi, si sono realmente succeduti sui banchi di maggioranza e opposizione del Consiglio comunale comasco? A prendersi la briga di scoprirlo è stato Benedetto Indavuru, che ha messo a frutto l esperienza maturata nel corso di 25 anni spesi come bibliotecario presso la Biblioteca Comunale di Como. Da qui è nato Gli amministratori di Como. Dall unità d Italia alle elezioni amministrative del 2007, stampato dall editore comasco Alessandro Dominioni. Non solo un semplice elenco, alfabetico, degli oltre 680 amministratori, ma un viaggio, fugace e didascalico, attraverso la vita amministrativa della nuova città. Uno strumento semplice (poco più di un centinaio di pagine) alla portata di studiosi, storici o qualche ricercatore. La nostra storia parte da lontano: è il 1861, anno di nascita dello Stato unitario. Già due anni prima la legge del 23 ottobre 1859 aveva fissato la composizione dei Consigli comunali. Quello di Como era costituito da 30 membri in quanto la popolazione superava i 10mila abitanti, ma era al di sotto dei 30mila. Gli assessori duravano nel loro ufficio un anno ed erano sempre rieleggibili. La nomina del sindaco era di competenza del re, scelto fra i consiglieri comunali e con un mandato della durata di tre anni. I consiglieri duravano in carica cinque anni, ma dovevano rinnovarsi ogni anno di un quinto. Nel 1861 il sindaco della città di Como era l avv. Gherardo De Guglielmi. È il primo nome di un interminabile lista. L inizio di un viaggio interessante, accompagnato da alcune gustose cronache del giornata elettorale di ieri - recita La Provincia nel luglio fu una vera giornata campale ed i partiti popolari scesi in lizza colla bandiera dell anticlericalismo possono andare superbi di una vittoria gagliardamente conquistata. Per poi tornare alla vittoria nelle elezioni parziali del 1908 I clericali hanno vinto, dobbiamo constatarlo senza inutili querimonie. Hanno vinto in virtù della loro formidabile organizzazione, della lunga preparazione, della propaganda indefessa fatta casa per casa, nelle chiese, dappertutto dove potevano spendere una parola, un suggerimento, trovare un elettore. Gli anni passano e, pian piano, si entra nell era fatempo, rilanciate dai quotidiani La Provincia e L Ordine. La verità innanzi tutto - scrive La Provincia, commentando le elezioni del dicembre , i veri vincitori di questa lotta elettorale sono i clericali I clericali dunque hanno vinto mentre i socialisti hanno a mala pena difeso le loro posizioni perché ebbero minor numero di voti delle elezioni precedenti. Se dopo il trionfo splendidamente riportato dalla nostra lista - il commento de L Ordine - che ha veduto eletti 13 candidati su 14, dovessimo stampare oggi che i cattolici di Como hanno vinto illuderemmo noi e i nostri amici. Il vero vincitore di questa battaglia elettorale è il buon senso cittadino. E via via, negli anni, ecco il susseguirsi di altre forze. Non di rado seguendo il principio dell alternanza. L area clericale si riafferma infatti nel 1904, ma subisce una forte scossa nel La scista. Dalla presa del potere da parte del fascismo anche la vita amministrativa di Como si fa meno intensa, le decisioni vengono concentrate nelle mani di pochi. Il 1 gennaio 1927 si insedia a Como il primo podestà...l istituto podestarile - recita La Provincia il giorno successivo ripetendo l intervento di saluto del prefetto - pura emanazione e necessaria conseguenza della teoria politica fascista, si presenta oggi nel capoluogo come esponente del principio di autorità, indice di una amministrazione sottratta al gioco irresponsabile dei partiti. Travolta dalla dittatura e dal secondo conflitto mondiale la nuova stagione amministrativa per il comune capoluogo riprende con il ritorno alla democrazia. Le prime elezioni libere del dopoguerra si svolgono in città il 31 marzo 1946 con l affermazione della Dc, che ottiene 17 seggi, e la tenuta dei socialisti, che ne avranno 15, a seguire i comunisti (4) e i liberali (3). Sindaco: il rag. Giuseppe Terragni. Da lì è un soffio fino ai nostri giorni. Cronaca più vicina al nostro tempo, storia recente che si intreccia con la memoria del lettore. Gli amministratori di Como. Dall unità d Italia alle elezioni amministrative del 2007", Benedetto Indavuru, 2009, Alessandro Dominioni Editore, pp 128, 15 euro. LA STRUTTURA È TORNATA AD ESSERE COMPLETAMENTE VISITABILE Tempio Voltiano finalmente ci siamo Al termine di nove intensi anni di lavori, che ne hanno anche precluso l accesso tra il 2003 ed il 2004, il Tempio Voltiano è tornato ad essere completamente visitabile. E si ripresenta al pubblico con tante novità. La principale delle quali è la riapertura ai visitatori della loggia del primo piano dove ora trova spazio il percorso multimediale Alessandro Volta cittadino comasco che presenta l impegno dello scienziato come amministratore della sua città, attivo nelle trasformazioni urbane del tempo. Il Mausoleo, dedicato alla vita ed all attività di Alessandro Volta, costruito nel 1927 in un periodo di forti trasformazioni di questa zona della città (sempre quell anno venne edificato il vicino stadio G. Sinigaglia), è stato oggetto di un ampio restauro avviato nel 2000 e che ha comportato un investimento di ,35 euro per le casse comunali. Al pian terreno è stata data nuova collocazione agli strumenti della ricerca ed attività di Volta mentre, come già accennato, al primo piano è stato realizzato un vero e proprio percorso che porta il visitatore a scoprire non solo la vita dell illustre scienziato, ma anche la realtà comasca dell epoca fino ad analizzare i principali e- venti dell eredità voltiana rappresentati dalle due esposizioni organizzate nel 1899 e nel 1927 nonché alla costruzione dello stesso Tempio Voltiano. Un percorso interattivo grazie ai totem che saranno installati e che consentiranno di navigare nel mondo dell elettricità ed ai video che, già fin d ora, accompagnano le visite. Ad accompagnare il visitatore nella scoperta del cittadino comasco più illustre nel mondo è ora a disposizione anche un audioguida realizzata dalla società Artemide Servizi s.r.l. di Perugia forte di 187 schede audio registrate da speaker professionisti, in italiano, inglese e francese, che l utente ascolta durante la visita. Il supporto spiega l esposizione scientifica raccolta nelle 16 vetrine così da offrire, a chi decide di avvalersi del servizio, una visita approfondita e, nello stesso tempo, libera nella scelta del percorso da seguire. Per quanto riguarda, invece, gli interventi strutturali, il settore Opere Pubbliche del Comune di Como ha realizzato una nuova soletta al piano interrato, posato pavimenti, rivestimenti e serramenti, abbattuto le barriere architettoniche e creato un nuovo bagno per i visitatori diversamente abili. Il Tempio è stato anche dotato di un nuovo ascensore per il superamento delle barriere architettoniche. All esterno del museo si è proceduto al rifacimento completo della pavimentazione, dell impianto di illuminazione esterna, nonché delle aiuole. I lavori di allestimento sono stati invece curati dallo studio Pandakovic. La decisione è stata presa in occasione del secondo centenario dell invenzione della Pila (1799) quando si è deciso di rinnovare l esposizione dei cimeli per valorizzare ulteriormente le vetrine storiche contenenti gli strumenti scientifici dello scienziato. L.CL.

18 A CRONACA Como 19 LA SCORSA SETTIMANA A Como il primo Congresso nazionale dei ghanesi in Italia Foto William Non un semplice momento di festa, ma l avvio di un lento processo che apre importanti frontiere sul fronte dell integrazione di MARCO GATTI Una grande festa, nella più classica delle tradizioni africane. Potrebbe sintetizzarsi così il primo Congresso nazionale dei ghanesi in Italia, svoltosi la scorsa settimana presso l ex cinema Gloria di Rebbio. Un appuntamento a cui ha preso parte anche l ambasciatore del Ghana in Italia, oltre che alcune autorità comasche, esponenti dell Associazione Comasca per la Cooperazione Internazionale, dell Anolf e della segreteria provinciale della Cisl. È stata proprio la Cisl a condurre a braccetto l associazione ghanese lungo il percorso che l ha portata a questo primo appuntamento congressuale. Un impegno che vede il sindacato in prima linea, già da diverso tempo, nel tentativo di favorire occasioni di aggregazione e di integrazione da parte dei principali gruppi etnici presenti sul territorio della provincia di Como. Quella ghanese è stata la primissima iniziativa congressuale di una comunità straniera residente sul territorio della provincia di Como. «Si è trattato di un appuntamento importante - ci spiega Rosangela Pifferi, Anolf Cisl Como -, la prova che gli stranieri presenti sul nostro territorio iniziano a comprendere l importanza di appartenere ad un organizzazione che li sostenga, che sappia indirizzarli, che dia loro visibilità. Questo primo Congresso ha rappresentato, per questa gente, l occasione per dire a tutti: Guardare che ci siamo, siamo persone, non fantasmi. Anche noi rappresentiamo un valore per questa società. Per il resto, poi, il cammino da compiere sarà lungo, una continua scoperta nel misurarsi con le regole e le normative italiane. Ma è proprio il desiderio di mettersi in gioco in maniera istituzionale, a partire dal rispetto e dalla condivisione delle regole di questa stessa società, il passo più qualificante scandito dall appuntamento di sabato scorso. Un cammino che offrirà loro e ai loro funzionari occasioni e spunti per mettere in atto buone pratiche di integrazione, valide non solo nel nostro territorio, ma per qualsiasi parte del mon- do». E la Cisl, che ha condotto per mano questo gruppo e, con ogni probabilità, farà lo stesso con altri, come ha vissuto questo momento? «Il parallelo può sembrare forte, ma lo stiamo vivendo come il genitore che accompagna il figlio nel tempo, fino al punto di vederlo compiere scelte autonome. Per l associazione ghanese è giunta l ora dell autonomia. Ciò non significa, per noi, chiamarsi fuori, anzi, più forte che mai sarà la nostra presenza in termini di sostegno e di informazione in questa delicata fase. Sentire viva e matura questa maggiore autonomia rappresenta, però, per noi, già un prezioso traguardo. I membri di questa associazione potranno ora sentirsi forti di agire con maggiore consapevolezza rispetto al passato, liberi anche di compiere scelte politiche e sindacali differenti. Da veri cittadini. E questo è il sale della democrazia». CISL COMO: NOVITÀ SUL FRONTE DEL INFORMAZIONE A distanza di 11 anni, dal suo ingresso nel web, il sito della Cisl comasca si presenta rinnovato nella grafica, nella struttura e nelle opportunità di connessione con tutti gli altri mezzi di comunicazione di cui la Cisl dispone ai suoi vari livelli. D ora in poi, sarà possibile aprire forum, promuovere sondaggi, verificare l agenda eventi, collegarsi al nostro periodico Azeta on line, al quotidiano della Cisl nazionale Conquiste del Lavoro, alla news letter CislComoInforma, alle VideoNotizie della Cisl di Como su Youtube, alle news pubblicate su Facebook e MySpace, all archivio fotografico della Cisl lariana residente su Flickr, nonché alle web Tv della Cisl nazionale e lombarda. Inaugurato nel maggio del 1988, dopo 21 anni cambia veste grafica e formato anche il periodico Azeta Lavoro in distribuzione nelle settimane scorse e che è comunque possibile leggere integralmente collegandosi a L offerta informativa sui media messa in campo dalla Cisl comasca nel corso degli anni si completa poi con gli Speciali Lavoro mensili pubblicati dai quotidiani locali La Provincia e il Corriere di Como rispettivamente ogni primo venerdì ed ogni terzo giovedì del mese. L obiettivo che intendiamo perseguire consiste nel rendere agevole e praticabile una sorta di nomadismo mediale volto a favorire il passaggio da un mezzo divulgativo all altro a seconda del profilo della comunicazione che si vuole da parte nostra veicolare o da parte dell utente acquisire nel minor tempo possibile.

19 20 CRONACA Como POCO MENO DEL 22% AL VOTO MA... Referendum cittadini: il bilancio del Comitato In quindicimila circa si sono espressi sui due quesiti (vecchio S. Anna e dormitorio pubblico). Non abbastanza, ma resta un terreno su cui lavorare per una città più partecipata e interessata Il Comitato referendario che ha sostenuto i due referendum locali dedicati al vecchio S. Anna e all ipotesi di un dormitorio pubblico ha diffuso una nota, a mente fredda, sull esito del voto di 15 giorni fa, votato solo dal 21,93% dei cittadini. Volete che la maggior parte del territorio attualmente occupato dall ospedale cittadino sia destinato ad uso pubblico, in particolare sanitario e sociale? - si legge nella nota -. Volete che il dormitorio pubblico in cui si ricoverano le persone senza fissa dimora resti aperto tutto l anno? Due quesiti semplici e diretti, che parlano di malati, di anziani, di poveri, sono stati posti ai cittadini comaschi nei referendum del 21 e 22 giugno. Circa hanno risposto e quasi affermativamente; circa non hanno risposto, in parte perché legittimamente in vacanza, in parte per disgusto della politica come tale, in parte per diffidenza, in parte per l infelice scelta, non voluta dal comitato promotore, di abbinare i referendum nazionali (pochissimo partecipati in tutto il Paese) e a soli quindici giorni da una prima chiamata al voto già pre-estiva anch essa, solo in parte perché effettivamente contrari all uso pubblico del territorio occupato dall ospedale e contrari all ospitalità a chi non ha casa (farebbe piacere sentire gli argomenti. I referendum cittadini - prosegue la nota - sono nati dalla necessità di far esprimere la gente comune, quella che ha bisogno dei servizi sanitari, quella che si commuove o si indigna per il mendicante o l immigrato sotto casa: voi cosa fareste se foste amministratori? Perché in realtà già lo siete, amministratori, infatti chi decide lo fa a nome vostro e con i vostri soldi. E allora, preferite che dove ora c è l ospedale sorgano condomini e negozi oppure ambulatori e residenze per anziani? preferite che i senza tetto dormano sotto i portici e sulle panchine oppure in un ambiente dignitoso e gestito da persone motivate e attente? Da qui siamo partiti, abbiamo parlato per mesi con migliaia di persone, abbiamo discusso e convinto, abbiamo sperimentato e fatto sperimentare la partecipazione e non il mugugno né la chiacchiera da bar: essere cittadini è cooperare alle decisioni, non limitarsi a criticare. A questo appello hanno risposto quindicimila cittadini, non abbastanza per il regolamento comunale, abbastanza per dire Foto William che una parte non trascurabile della città vuole essere partecipe delle decisioni, e certamente anche molti altri che non hanno votato: nonostante la scarsità di mezzi, l ostilità di molte forze politiche, il silenzio dei mezzi di informazione (tranne un interesse negli ultimissimi giorni de La Provincia ), le simpatie occultate per paura di compromettersi pubblicamente. Ma schierarsi è un tale disonore? È così imbarazzante parlare contro i luoghi comuni prevalenti, che si stanno dimostrando fallimentari e impraticabili? Molti esponenti della maggioranza di Palazzo Cernezzi, per scoraggiare la partecipazione al referendum comu- nale, hanno più volte dichiarato che il Comune su questi temi aveva già deciso ciò che gli stessi referendum chiedevano e che pertanto era inutile andare a votare: su queste posizioni il comitato referendario pungolerà tutto il consiglio comunale affinché, nei prossimi mesi, queste affermazioni si traducano in delibere definitive. Il referendum - conclude la nota - è uno strumento diretto di democrazia, l unico previsto dalla Costituzione. Chi si lamenta della lontananza dei politici (pensano solo agli affari loro) dovrebbe pensarci bene. Con il referendum comunale agli elettori è posta una domanda diretta che esige una risposta semplice, sì o no. È uno strumento a disposizione dei cittadini e anche dei politici, di maggioranza e di opposizione, per conoscere il pensiero della cittadinanza su temi importanti, quelli sui quali senza il consenso della popolazione si rimane nell immobilismo: non si vota per una persona né per un gruppo, si vota per o contro u- na proposta concreta, la cui realizzazione o mancata realizzazione sarà rilevante e visibile per la vita della città. Il quorum, cioè la percentuale minima di elettori che devono recarsi a votare per rendere efficace il risultato, scoraggia la partecipazione: chi è contrario invece di votare no boicotta il voto, unendosi a chi sceglie di non partecipare. Se non ci fosse quorum contrari e favorevoli accorrerebbero alle urne facendo diventare i referendum un occasione di discussione e partecipazione estesa a tutta la città. Come comitato promotore dei due referendum pensiamo che aver portato al voto quindicimila persone sia un risultato importante e positivo; non basta per la validità del referendum, basta per pensare ad una città più partecipe e interessata. ALZHEIMER I Donatori del Tempo e gli orari d estate Il Centro Donatori del Tempo informa che nei mesi di luglio e agosto la sede rimarrà aperta solo al giovedì, come sempre dalle ore alle La segreteria telefonica è attiva per ricevere eventuali messaggi o richieste di informazione. Da martedì 1 settembre l orario di apertura sede riprende regolarmente dalle alle di ogni martedì e giovedì. Il servizio di Filo diretto, consulenza psicologica telefonica della nostra psicologa dottoressa Luciana Quaia, per i familiari di malati di Alzheimer riprenderà mercoledì 7 ottobre, dalle ore 17 alle 19 e continuerà ogni primo e terzo mercoledì del mese: tel Ogni anno, dal 1994, il 21 settembre si celebra la: Giornata Mondiale Alzheimer. Il Centro organizzerà per l occasione, sabato 19 settem-bre, dalle ore 15 alle 19, un pomeriggio di informazioni, presso la sede di piazza Mazzini, 9 e di consulenze individuali, su appuntamento, presso il Centro diurno Comunale (Università Popolare) in via Volta, 83, con le consulenti: dottoressa Luciana Quaia, psicologa e dottoressa Anna Cardinali, avvocato. I pomeriggi di animazione per i malati di Alzheimer riprenderanno: lunedì 5 ottobre allo Yacht Club alle ore al Caffè del lunedì e venerdì 9 ottobre in via Volta,83 alle ore al Venerdì-insieme. Per ulteriori informazioni rivolgersi in sede: tel. e fax : , CONCERTO IN S. FEDELE VENERDÌ 3 LUGLIO Coro città di Como: 35 Per celebrare la ricorrenza del 35 anno di fondazione ( ), l associazione Coro Città di Como ha organizzato un concerto di musica sacra venerdì 3 luglio alle ore 21 presso la centralissima Basilica di S. Fedele a Como, evento aperto al pubblico e ad ingresso libero. Il programma del concerto contempla l esecuzione dello Stabat Mater, per coro e orche stra, di Mario Moretti, il fondatore e direttore artistico del Coro Città di Como, nonché di uno dei capolavori di musica sacra di F. J. Haydn, di cui quest anno ricorre il 200 anniversario della morte, la Missa in tempore belli (Paukenmesse) per soli, coro e orchestra, per altro raramente fruibile sul territorio. Gli interpreti saranno: Maria Blasi, Soprano Simona Forni, Mezzosoprano - Luca Di Gioia, Tenore - Giorgio Valerio, Baritono/Basso - Coro Città di Como e Coro Benedetto Marcello di Mendrisio (CH) - Orchestra della Provincia di Lecco - diretti dal m Mario Moretti. Il concerto, che costituisce il 6 evento in provincia di Como del progetto Musica sacra sul confine: autori e luoghi dell Insubria dell Associazione Coro Città di Como, approvato e finanziato nell ambito del PO di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Svizzera (Interreg) , beneficia anche dei contributi istituzionali da parte della Fondazione Cariplo/Milano, della Regione Lombardia, della Provincia di Como e di contributi di sponsorizzazione da parte di altri sponsor pubblici e privati locali. Molto nutrito il programma della Stagione musicale 2009 del Coro Città di Como: date e località dei prossimi concerti sono verificabili consultando il sito web dell Associazione: mo.org/eventi. LE AVANGUARDIE RUSSE CON MONDO TURISTICO L Associazione Culturale Mondo Turistico organizza per venerdì 10 luglio una visita guidata alla Mostra Le avanguardie russe, allestita a Como presso Villa Olmo. L incontro con la guida è fissato per le ore a Como, davanti all ingresso di Villa Olmo; si andrà quindi alla scoperta delle opere di Chagall, Kandinsky, Malevic e Filonov, straordinari artisti che hanno interpretato l anima russa traghettandola verso il futuro. La mostra di Villa Olmo, che comprende 80 opere provenienti da collezioni pubbliche e private fra cui il Museo di Stato russo di San Pietroburgo, è un caleidoscopio di forme e colori che riescono ad affascinare come le favole. La quota di partecipazione è di 12 euro per i soci, di 13 euro per i non soci (ingressi inclusi).

20 A CRONACA Como&territorio 21 VILLA GUARDIA 19 E 20 SETTEMBRE ESPOSITORI: TEMPO FINO AL 10 LUGLIO PER ISCRIVERSI L Isola che c è verso la 6 a edizione La fiera ha visto, negli anni, crescere in misura considerevole la sua popolarità fino ad essere visitata, nel 2008, da persone nell arco dei due giorni, con la collaborazione di 170 realtà locali di cui 130 espositori e più di cento volontari Si avvicina ad ampie falcate l appuntamento con la sesta edizione de L Isola che c è, la fiera provinciale delle relazioni e delle economie sociali, in programma, come consuetudine, presso il parco comunale di Villa Guardia sabato 19 e domenica 20 settembre. La fiera ha visto, negli anni, crescere in misura considerevole la sua popolarità fino ad essere visitata, nel 2008, da persone nell arco dei due giorni, con la collaborazione di 170 realtà locali di cui 130 espositori e più di cento volontari impegnati nell organizzazione. Oltre all esposizione di prodotti, servizi, saperi e progetti delle realtà di e- conomia solidale e di consumo responsabile del territorio comasco è prevista la presenza di gruppi d acquisto solidale, cooperazione sociale, riciclo e riuso, energie rinnovabili e bioedilizia, agricoltura locale e biologica, artigianato, turismo responsabile, solidarietà internazionale, ambiente, pace, cultura, informazione e associazioni di volontariato. Inoltre, sono previsti seminari, animazioni, concerti, spettacoli e incontri culturali. In particolare quest anno le riflessioni convergeranno sullo studio di un modello economico diverso per una economia alternativa, perché se i numeri indicano una partecipazione in cresci- ta, il valore più grande rappresentato dalla fiera resta la ricchezza di partecipazione nell organizzazione dell evento e le innumerevoli collaborazioni innescate in questi anni tramite i contatti e le informazioni ottenute nel corso della manifestazione. Si tratta di una fiera delle relazioni, dove incontrare e conoscere, organizzata nel segno della partecipazione: non esiste un ente fiere, ma un ampia rete di soggetti che vogliono offrirsi e offrire una importante occasione di promozione. Questa rete comasca di economia solidale ha iniziato a formarsi nel Dal 2004 al 2008 ha dato vita alle prime cinque edizioni della fiera. Da questo percorso è nata l associazione L isola che c è, quale strumento per la promozione e lo sviluppo dell economia solidale e del consumo consapevole sul territorio comasco. Vi possono aderire sia singoli che realtà che condividono la Carta dei principi di cui si è dotata la rete comasca di economia solidale. L obiettivo principale del percorso è allargare sempre di più l offerta di beni e servizi ed e- stendere il numero dei consumatori consapevoli. La fiera diventa così un momento forte per mostrare in concreto cosa può essere il distretto comasco di economia solida- le Ḋall edizione 2008 l evento viene organizzato in collaborazione con il CSV - Centro Servizi Volontariato di Como. Fino a venerdì 10 luglio sono aperte le iscrizioni per i produttori che intendono partecipare all edizione Sul sito sono disponibili info e approfondimenti: JAPAN FUSION RESTAURANT Una cena importante, una serata tra amici,un pranzo tra colleghi, una colazione di lavoro... LA SETTIMANA CON NOI... ARGENTINO TANGO CLUB TRATTORIA CUCINA CASALINGA

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II

«DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II Tratto da: «DIES DOMINI» (IL GIORNO DEL SIGNORE) di Papa Giovanni Paolo II A CURA DI Don Angelo Viganò Indice Riscopriamo la domenica: il giorno del Signore.............. pag. 3 1. La domenica è il giorno

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

L adulto destinatario e soggetto di formazione

L adulto destinatario e soggetto di formazione Diocesi di Treviso Anno pastorale 2012-2013 Formare cristiani adulti in una Chiesa adulta Anno secondo L adulto destinatario e soggetto di formazione Orientamenti pastorali per l anno 2012-2013 A cura

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Il servizio fotografico e le videoriprese nella celebrazione dei Sacramenti

Il servizio fotografico e le videoriprese nella celebrazione dei Sacramenti ARCIDIOCESI di TRENTO Ufficio per le Comunicazioni Sociali ASSOCIAZIONE ARTIGIANI E PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO Categoria Fotografi e Cineoperatori Il servizio fotografico e le videoriprese

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

INIZIAZIONE CRISTIANA

INIZIAZIONE CRISTIANA www.parrocchiasannicolo.net email: parrocchiasannicolo@tin.it Numero 33 dal 2 al 9 settembre 2007 INIZIAZIONE CRISTIANA Scrivevamo nel foglietto della settimana scorsa degli impegni estivi che ci hanno

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli