PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA"

Transcript

1 Anno 2012

2 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

3 Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE TUTELA ASSISTENZIALE TUTELA USCITA PREVIDENZIALE

4 Percorso previdenziale: ISCRIZIONE Sono tenuti alla presentazione della domanda di iscrizione tutti coloro che, iscritti nei Collegi IP.AS.VI., esercitino attività libero professionale, contestualmente o meno ad altra attività di tipo subordinato

5 Percorso previdenziale: ISCRIZIONE La domanda di iscrizione deve essere inviata all Ente entro e non oltre 60 giorni dalla sussistenza dei requisiti richiesti a mezzo posta raccomandata con avviso di ricevimento (ovvero a mezzo PEC). In caso di omesso invio della domanda, l iscrizione avviene d ufficio e si applicano le sanzioni previste dal presente Regolamento

6 Percorso previdenziale: ISCRIZIONE Iscrizione obbligatoria ENPAPi Libera professione adempiment Entro 60 o gg dall inizio attività Omissione/inv io tardivo 100 euro di sanzione Regime sanzionatori o

7 Percorso previdenziale: ISCRIZIONE L omessa iscrizione all Ente entro i termini previsti comporta l applicazione di una sanzione pari a 100,00. Tale sanzione viene ridotta a 20,00 ove l iscrizione intervenga entro 30 giorni dalla scadenza del termine, ferma restando l applicabilità del sistema sanzionatorio previsto per gli ulteriori inadempimenti

8 Percorso CONTRIBUZIONE previdenziale: INTEGRATI VO SOGGETTI VO MATERNITA CONTRIBUT O

9 Percorso previdenziale: adeguatezza della prestazione Contribut o soggettiv o Capitalizzazio ne (media quinquennale del PIL) MONTANTE CONTRIBUTIV O

10 Adeguatezza delle prestazioni : Montante contributivo

11 Adeguatezza delle prestazioni : Calcolo pensione montante Coefficiente di trasformazio ne Importo lordo annuo (13 mensilità)

12 Adeguatezza delle prestazioni : Coefficienti di trasformazione Tabella B 57 4,42% 69 6,53% 58 4,54% 70 6,80% 59 4,66% 71 7,10% 60 4,80% 72 7,42% 61 4,94% 73 7,77% 62 5,09% 74 8,15% 63 5,26% 75 8,57% 64 5,43% 76 9,02% 65 5,62% 77 9,51% 66 5,82% 78 10,05% 67 6,04% 79 10,65% 68 6,27% 80 11,30%

13 Adeguatezza delle prestazioni : Effetti sull importo della pensione Incremento contribuzione Incremento del PIL Coefficiente di trasformazione (speranza di vita)

14 Adeguatezza delle prestazioni : calcolo pensione di vecchiaia Adeguamento nuovi coefficienti (D. Lgs. 247/2007) Estensione dei coefficienti fino all età di ottanta anni Pensio ne Decorrenza del trattamento legata alla data di presentazione della domanda

15 Adeguatezza delle prestazioni : esempio calcolo pensione Inizio attività Fine attività Età iscrizione 25 anni Età pensionabile anni Reddito , ,17 Volume Affari , ,90 Assegno sociale 425,65 958,64

16 Dati elaborazione Montante 65 anno ,36 Adeguatezza delle prestazioni : esempio calcolo pensione rivalutazione capitalizzazione % anno Fonte dati Ministero PENSIONE MENSILE LORDA NEL assegno sociale lordo mensile CT VECCHIO lordo mensile CT NUOVO

17 Dati elaborazione Montante 65 anno ,36 Adeguatezza delle prestazioni : esempio calcolo pensione reddito pensione 80% Al netto contributi Lorda annua TASSO DI SOSTITUZIONE - PENSIONE/ULTIMO REDDITO 70% 60% 50% 40% 30% 37% 34% 20% 10% tasso sostituzione CT VECCHIO tasso sostituzione CT NUOVO

18 Percorso CONTRIBUZIONE previdenziale: Legge 12 luglio 2011 n. 133 Possibilità di incrementare il contributo integrativo Passaggio dal 2% al 4% Incremento del contributo minimo (euro 150,00) Destinazione del 2% all increment o del montante contributivo

19 Percorso CONTRIBUZIONE previdenziale: Fino a raggiunger e il 16% Incremen to ogni anno di 1% Aliquota al 12% dal 2012 Progressiva crescita del contributo minimo soggettivo fino ad euro 1600,00

20 Percorso CONTRIBUZIONE previdenziale: Riduzione del reddito imponibil e Increment o montante contributi vo

21 Dati elaborazione Montante 65 anno ,29 Adeguatezza delle prestazioni : esempio calcolo pensione rivalutazione capitalizzazione % anno Fonte dati Ministero PENSIONE MENSILE LORDA NEL assegno sociale lordo mensile CT NUOVO

22 Dati elaborazione Montante 65 anno ,29 Adeguatezza delle prestazioni : esempio calcolo pensione reddito pensione 80% Al netto contributi Lorda annua TASSO DI SOSTITUZIONE - PENSIONE/ULTIMO REDDITO 70% 67% 60% 50% 40% 30% 37% 34% 20% 10% tasso sostituzione CT VECCHIO tasso sostituzione CT NUOVO tasso sosti. NUOVI CONTRIBUTI

23 Percorso previdenziale: CONTRIBUTO SOGGETTIVO Il versamen to È pari al 12% del reddito professionale dichiarato L utilizzo È la base di calcolo delle prestazioni previdenziali (montante contributivo) E obbligatorio un versamento minimo annuale di euro 760,00 È interamente deducibile

24 Percorso previdenziale: CONTRIBUTO INTEGRATIVO Il versamen È pari al 4% del to volume d affari prodotto Per la Pubblica Amministrazione è pari al 2% L utilizzo Consente la copertura delle erogazioni assistenziali Incrementa il montante (quota 2%) È obbligatorio un versamento minimo annuale di euro 150,00 Non è deducibile

25 Percorso previdenziale: CONTRIBUTO DI MATERNITA Il versamen to è determinato annualmente sulla base delle indennità erogate L utilizzo Consente l erogazione dell indennità di maternità Per l anno 2012 è pari ad euro 75,00 È interamente deducibile

26 Percorso previdenziale: adempimenti contributivi e dichiarativi annuali 10 dicembre Versamento contributo a conguaglio anno precedente 10 OTTOBRE Acconto anno in corso Anticipo saldo anno precedente 10 settembre Dichiarazione reddituale anno precedente e presunto anno in corso

27 Percorso previdenziale: Agevolazioni sulla contribuzione minima Nel periodo di esercizio professionale (in qualità di contribuente attivo) si ha diritto alle seguenti agevolazioni: Riduzione del contributo soggettivo minimo nella misura del 50% Esonero dal versamento della contribuzione minima (con eventuale esonero dal versamento del contributo di maternità)

28 Percorso previdenziale: Agevolazioni sulla contribuzione minima Accont o anno in corso Contribuzio ne da versare entro il 10 ottobre Anticip o saldo

29 Percorso previdenziale: Agevolazioni sulla contribuzione minima Accont o anno in corso Contribuzio ne da versare entro il 10 ottobre Anticip o saldo Contribuzio ne da versare entro il 10 ottobre Anticip o saldo riduzione esonero

30 Percorso previdenziale: Agevolazioni sulla contribuzione minima Riduzione del contributo soggettivo minimo nella misura del 50% Casistiche: Inattività per almeno 6 mesi continuativi nell anno solare fino al 30 anno di età Per i primi 4 anni di attività con partita IVA Lavoro dipendente con orario inferiore o pari alla metà del tempo pieno

31 Percorso previdenziale: Agevolazioni sulla contribuzione minima Esonero dal versamento della contribuzione minima: Casistiche: Lavoro dipendente con orario superiore alla metà del tempo pieno (esonero soggettivo ed integrativo minimo) Lavoro dipendente con contratto a tempo pieno (esonero soggettivo ed integrativo minimi e contributo di maternità)

32 Percorso previdenziale: Agevolazioni sulla contribuzione minima Vantaggio apparente (per redditi superiori ad euro 6300,00) Diversa distribuzione dell onere contributivo nel corso dell anno Vantaggio reale (per redditi inferiori ad euro 6300,00) Riduzione dell onere contributivo annuale

33 Percorso previdenziale: Agevolazioni titolari di pensione Esonero contribuzio ne minima (esclusa maternità) Riduzione del 50% aliquota contributo soggettivo Titolari di pension e

34 Percorso previdenziale: esonero dalla contribuzione obbligatoria Si richied e In caso di cessazione o sospensione dall esercizio dell attività professionale effetti Durante il periodo di esonero dalla contribuzione l iscritto non matura anzianità contributiva e non ha diritto di usufruire delle prestazioni di maternità e di assistenza decorre dal primo giorno del mese successivo alla data di effettiva realizzazione della condizione che ne giustifica la richiesta, non oltre il primo gennaio dell anno precedente a quello di presentazione della domanda Permane per l Ente l obbligo di rivalutazione annuale del montante contributivo

35 I n v a l i d i t à / i n a b i l i t à / i m a t e r n i t à I n t e r v e n t i a s s i s t e n z i Percorso previdenziale: Trattamenti assistenziali

36 Percorso previdenziale: indennità di maternità tutela Spetta per i due mesi antecedenti l evento e per i tre mesi successivi Gestion e istanza L importo erogato è pari all 80% dei 5/12 del reddito del secondo anno antecedente l evento Casistiche tutelate: Maternità Interruzione di gravidanza (non prima del 3 mese, dopo il 6 mese) Adozione/affidamento Integrazione maternità lavoro dipendente Presentazione della domanda: Dopo il compimento del 6 mese ed entro 180 giorni dal parto

37 Percorso previdenziale: interventi assistenziali Indennità di malattia Intervento per stato di bisogno Contributo per spese funebri Contributo avvio attività Borse di studio Trattamenti economico speciali

38 Percorso previdenziale: malattia tutela Gli iscritti all Ente, quando, a seguito di malattia o infortunio, si verifichi l interruzione forzata dell attività professionale esclusio ni Godimento di trattamento pensionistico erogato da altro Ente, pubblico o privato copre periodi pari o superiori a 45 giorni e per un massimo di 180 giorni). Il ricovero ospedaliero è sempre coperto. Aver già usufruito, nel corso dell anno solare, di un intervento per stato di bisogno

39 Percorso previdenziale: intervento per stato di bisogno tutela situazioni di notevole difficoltà economica, malattia, decesso ed inabilità temporanea al lavoro limitazi oni Si può usufruire di un solo intervento per stato di bisogno per ciascun anno solare. Un medesimo evento, ingenerante una situazione di bisogno, può dar diritto al massimo a due prestazioni (in due anni differenti). l importo varia tra un minimo di 2500,00 ed un massimo di ,00 Non è cumulabile nello stesso anno solare con l indennità di malattia ed il contributo per spese funebri

40 Percorso previdenziale: contributo per spese funebri tutela a copertura delle spese funebri sostenute in occasione del decesso di iscritti o pensionati ovvero di altro componente il nucleo familiare di iscritto o pensionato limitazi oni Non è cumulabile nello stesso anno solare intervento per stato di bisogno l erogazione massima è pari ad euro 5.000,00 (12.000,00 in caso di commorienza)

41 Percorso previdenziale: trattamento economico speciale tutela i titolari di una pensione di inabilità gli orfani, titolare di pensione ai superstiti, indiretta o di reversibilità procedur a L attribuzione del beneficio avviene con delibera del Consiglio di Amministrazione, senza necessità di domanda da parte dell interessato, Il trattamento economico speciale assicura, unitamente alla prestazione previdenziale in essere, una erogazione complessiva pari ad 1.000,00 lordi su base mensile con decorrenza dal primo giorno del mese successivo alla delibera stessa e per i 12 mesi seguenti

42 Percorso previdenziale: contributo in conto interessi tutela può essere erogato a sostegno dell assicurato un contributo in conto interessi nei casi di richiesta mutui/prestiti finalizzati all esercizio professionale import o prestiti chirografari, tasso di interesse fisso dell 1% annuo, commisurato ad un importo massimo pari a cinquanta volte il contributo soggettivo minimo vigente per l anno della domanda, Iter: Presentazione della domanda ad ENPAPI per la verifica dei requisiti contributivi e documentali, sottoscrizione mutuo/prestito con l istituto bancario convenzionato Mutuo: tasso di interesse fisso dell 1% annuo, commisurato all importo minore tra quello del mutuo effettivamente stipulato ed Euro centomila,

43 Percorso previdenziale: borse di studio tutela condizio ni Gli iscritti e figli di iscritti e pensionati con trattamento a carico dell Ente Essere in regola con la posizione contributiva tipologie: Laurea specialistica (iscritti) Master I e II livello (iscritti) Dottorato di ricerca (iscritti) Diploma maturità (figli) Laurea triennale (figli) Laurea specialistica (figli) Possedere una anzianità di almeno un anno

44 Percorso previdenziale: assegno di invalidità tutela Gli iscritti all Ente con almeno 5 anni di contribuzione effettiva gestio ne L importo viene determinato attraverso il sistema contributivo (utilizzando come base di calcolo la contribuzione effettivamente versata) Requisito: Riduzione della capacità professionale a meno di un terzo in modo continuativo per difetto fisico o mentale, sopravvenuti dopo l iscrizione all Ente decorre dal primo giorno del mese successivo a quello in cui l iscritto, avendone conseguito il diritto, ne fa domanda e viene corrisposto in 13 mensilità

45 Percorso previdenziale: uscita anticipata dall Ente Cancellazion e Inabilità al lavoro Percorso possibile: Pensione di inabilità (con almeno 5 anni di contribuzione effettiva) Decesso prima del 65 anno di età Pensione indiretta Cessazione attività Percorso possibile: trasferimento dei contributi (Ricongiunzione in uscita) Restituzione del montante ai superstiti (per periodi inferiori ai 5 anni) Radiazione dall esercizio professionale

46 Percorso previdenziale: Effetti sul montante contributivo

47 Percorso previdenziale: USCITA ALL ETA PENSIONABILE TUTELA PREVIDENZIALE

48 Previdenza complementare LA NECESSITÀ DI MANTENERE UN ADEGUATO LIVELLO DI PROTEZIONE SOCIALE HA INDOTTO IL LEGISLATORE AD INTRODURRE NEL SISTEMA PENSIONISTICO FORME COMPLEMENTARI (FONDI PENSIONE) DA AFFIANCARE AL SISTEMA ASSICURATIVO DI BASE AL FINE DI GARANTIRE PIÙ ELEVATI LIVELLI DI COPERTURA PREVIDENZIALE AI LAVORATORI ATTRAVERSO L EROGAZIONE DI PENSIONI INTEGRATIVE (D.Lgs.124/93, Legge Delega 243/2004, D.Lgs. 252/2005)

49 Previdenza complementare: possono aderire

50 Previdenza complementare: tipologie

51 Previdenza complementare: prestazioni erogate

52 Previdenza complementare: incentivi fiscali Sono previste agevolazioni fiscali sia nella fase di accumulo che in quella dell erogazione della prestazione. I contributi versati al fondo pensione sono deducibili fino ad un importo annuo massimo di 5.164,57.

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA P.I.P. COMPLEMENTARE OBBLIGATORIA I II III LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA Previdenza obbligatoria Pubblica

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA TRE PILASTRI: PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREVIDENZA OBBLIGATORIA LA

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Osservatorio sull ENPAPI

Osservatorio sull ENPAPI Novembre 2011 www.logicaprevidenziale.it Sommario Osservatorio sull ENPAPI Ente di Previdenza per gli Infermieri (E.N.P.A.P.I)... 3 1.1 Quadro Generale... 3 1.2 L Assetto Contabile... 6 1.3 Dal 2000 al

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

La consapevolezza di. 30giorni LA PREVIDENZA. questo difficile momento economico rende auspicabile una programmazione

La consapevolezza di. 30giorni LA PREVIDENZA. questo difficile momento economico rende auspicabile una programmazione LA PREVIDENZA CAPITALIZZAZIONE DEI MONTANTI CONTRIBUTIVI Con la modulare capitale e rendimento sono garantiti Con la pensione modulare è garantita la restituzione del capitale, maggiorato di rendimento.

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

LE PREMESSE DELLA RIFORMA

LE PREMESSE DELLA RIFORMA LE PREMESSE DELLA RIFORMA Non sono state aumentate le aliquote contributive della Riforma 2008, sono stati tutelati i diritti maturati dagli iscritti ed è stata, al contempo, rivolta un attenzione particolare

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA Articolo 1 Finalità. 1. Il presente Regolamento disciplina l erogazione delle prestazioni assistenziali di cui all art. 3, comma 2

Dettagli

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA REGOLAMENTO DI PREVIDENZA INDICE PARTE I DEI SOGGETTI, DEI CONTRIBUTI E DELLE SANZIONI pag. 6 PARTE II ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI pag. 18 PARTE

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

INFORMATIVA DICEMBRE 2012

INFORMATIVA DICEMBRE 2012 1 DELEGATO INARCASSA PROV. DELL AQUILA ING. RENATO DI LORETO Via A. Tirabassi, 4 67051 Avezzano (AQ) TEL/FAX 0863.455920-393.9687826-348.0720128 e-mail: diloreto.renato@tiscali.it INFORMATIVA DICEMBRE

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze.

Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze. Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze. REGOLAMENTO DI PREVIDENZA INDICE PARTE I DEI SOGGETTI, DEI CONTRIBUTI E DELLE SANZIONI

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo; il Dott.ssa Paola Celli ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 PRINCIPI IN MATERIA PREVIDENZIALE: il retributivo ed il contributivo;

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca per la circoscrizione di Torino, Pinerolo e Ivrea D. COS E LA CASSA DI PREVIDENZA? R. La Cassa

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1 1 Aggiornato all ultima modifica approvata il 7/3/13 INDICE SCOPI E PRINCIPI TITOLO I CONTRIBUTI Articolo 1 Contributo soggettivo Articolo 2 Contributo

Dettagli

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI PRESIDENZA Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013. Dr. Dino Cesare Lafiandra

ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013. Dr. Dino Cesare Lafiandra ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013 Dr. Dino Cesare Lafiandra ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DELL ORDINE PROVINCIALE ISCRIZIONE ALL ENPAV Contributo soggettivo Tutti gli iscritti all Ente sono

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione...

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione... SOMMARIO Presentazione... Prefazione... V VII Capitolo I - Profili generali della previdenza forense 1. La previdenza dei liberi professionisti... 3 2. (Segue): caratteristiche generali del regime previdenziale

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2003 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione dei Servizi del Dipartimento della Previdenza Marzo 2003 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF

ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF ENPAF: PASSATO, PRESENTE, FUTURO ENPAF tra passato e presente Dr. Romeo Salvi Presidente Ordine dei Farmacisti di Pesaro e Urbino METODO CONTRIBUTIVO E un metodo di determinazione della restazione pensionistica

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

EPAP prestazioni, pensioni, rendimenti. Padova 02 aprile 2014

EPAP prestazioni, pensioni, rendimenti. Padova 02 aprile 2014 EPAP prestazioni, pensioni, rendimenti Padova 02 aprile 2014 Alberto Bergianti dottore agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA

Dettagli

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE (a cura dell'avv. Rosario Tucci - Responsabile Dipartimento dell'a.i.g.a. sulla Previdenza Forense) La

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perchè la pensione? Dicembre 2012 Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perché la pensione: Forse sarebbe sufficiente dire che il diritto alla pensione viene garantito dall'art. 38 della Costituzione

Dettagli

8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale

8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale 8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale 8.1. La composizione del Fondo Gli iscritti attivi al Fondo sono coloro che hanno un rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri

Dettagli

REGOLAMENTO. per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI. Articolo 1 Iscritti all Ente

REGOLAMENTO. per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI. Articolo 1 Iscritti all Ente REGOLAMENTO per l attuazione delle attività di previdenza TITOLO I ISCRITTI CAPO PRIMO ISCRITTI Articolo 1 Iscritti all Ente 1. Gli psicologi iscritti agli Albi degli Ordini regionali e provinciali, nelle

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum 2015 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto Quota A

Dettagli

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Numero 62 Settembre 2013 TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Torna, con molte novità e senza oneri per lo Stato, il cosiddetto prepensionamento ovvero quella forma di ammortizzatore sociale

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 Si rinnova anche per il 2014 il tradizionale appuntamento con le nuove tabelle per il calcolo dei trattamenti previdenziali

Dettagli

Gruppo di lavoro PREVIDENZA

Gruppo di lavoro PREVIDENZA Gruppo di lavoro PREVIDENZA OLTRE LA CLINICA. LA PROFESSIONE MEDICA OGGI Discussant: Dr. Giorgio Cavallero (Vice Segretario Nazionale ANAAO, Segretario generale CosMed) Dr.ssa Claudia Pozzi (Resp AG Regione

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza Febbraio 2009 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi

Dettagli

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare

Il tuo Fondo per la tua pensione complementare Il tuo Fondo per la tua pensione complementare PRINCIPALI CARATTERISTICHE Fondo Nazionale Pensione Complementare per i lavoratori dell industria metalmeccanica, dell installazione di impianti e dei settori

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012

NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012 NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012 Il Comitato Amministratore nella seduta del 18/01/2012 ha approvato il testo del nuovo Regolamento. il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, avente

Dettagli

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PRESTAZIONI PREVIDENZIALI 1 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Pensione di vecchiaia contributiva Pensione anzianità Pensione di inabilità Pensione di invalidità

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA

DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA DOCUMENTO SULLE RENDITE FONDO PENSIONE FONDENERGIA Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Allegato Nota Informativa depositata presso la Covip in

Dettagli

TESTO UNIFICATO N. 304-328

TESTO UNIFICATO N. 304-328 Atti consiliari - XIV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA TESTO UNIFICATO N. 304-328 Riforma della legge regionale 5 maggio 1965, n. 15 (Istituzione

Dettagli

È nato Fondo Pensione Perseo

È nato Fondo Pensione Perseo È nato Fondo Pensione Perseo / Il futuro in cassaforte è nato Perseo Da oggi puoi pensare più serenamente al tuo futuro. Perseo è il Fondo pensione complementare destinato ai lavoratori delle Regioni

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

% ovvero,00 (indicare in alternativa l importo del prelievo)

% ovvero,00 (indicare in alternativa l importo del prelievo) MODULO C ADESIONE GIORNALISTA DIPENDENTE Compilare il modulo in stampatello ed in ogni sua parte Corso Vittorio Emanuele II, 349 00186 Roma Tel. 066893545 Fax 066865919 www.fondogiornalisti.it mail: segrefnsi2@tin.it

Dettagli

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058)

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058) Fino al 3//007 Riforma delle pensioni (3/5/004 - A.S. 058) Rimangono fermi i requisiti contributivi e di età per la pensione d anzianità L attuale norma prevede 35 anni di contributi e 57 di età oppure

Dettagli

INFORMATIVA INARCASSA

INFORMATIVA INARCASSA INFORMATIVA INARCASSA Il 19 novembre i Ministeri di controllo hanno approvato la riforma previdenziale di Inarcassa. Questa riforma entrerà in vigore dall 1 gennaio 2013. Le modifiche introdotte con la

Dettagli

La Fondazione E.N.P.A.M.

La Fondazione E.N.P.A.M. 1 I FONDI DI PREVIDENZA 2 Il Fondo di Previdenza Generale Contribuiscono alla Quota A : tutti gli iscritti all Albo dei Medici Chirurghi ed all Albo degli Odontoiatri Contribuiscono alla Quota B - Fondo

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli