Rassegna Stampa. Sabato 09 marzo 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa. Sabato 09 marzo 2013"

Transcript

1 Rassegna Stampa Sabato 09 marzo 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende Milano Via Mameli, 11 Tel Fax

2 Rassegna del 09 marzo 2013 ASL BRESCIA Primapagina (cremona) 11 CLASSIFICA ASL E OSPEDALI, LUIGI ABLONDI MIGLIORE IN LOMBARDIA 1 Corriere Della Sera (bs) 7 AMIANTO, BRESCIA IN RITARDO E LE SANZIONI INCALZANO Matteo Trebeschi 3 Il Giorno 7 BRESCIA BIMBI E MALATTIE RARE UN CORSO PER SAPERLI ACCUDIRE 5 Bergamo_brescia Il Giorno 11 AMIANTO, VIA ALLE SANZIONI DA BONIFICARE SITI Federica Pacella 6 Bergamo_brescia Il Giornale Di Brescia 1, 10 AMIANTO, NEL BRESCIANO "SEGNALAZIONI" Nuri Ftolahzadeh 7 Il Giornale Di Brescia 10 LOGGIA: UN INCONTRO PUBBLICO PER FORMARE E INFORMARE 10 Il Giornale Di Brescia 11 FOTO D'AUTORE E DISEGNI ALL'ASTA PER SALVARE IL PESCHETO DIMEZZATO 11 DAL METRÒ Il Giornale Di Brescia 26 MENSA SCOLASTICA: LA POLEMICA È SERVITA 12 Bresciaoggi 1, 19 NORME REGIONALI AMIANTO E RISCHIO «STANGATA»: COSÌ BRESCIA CERCA DI Mimmo Varone 13 CORRERE AI RIPARI Bresciaoggi 19 LA MAPPA DEL PERICOLO CORRE DA EST A OVEST M.v. 15 Bresciaoggi 61 LA PROTESTA GIOCO «LEGALE»: È EMERGENZA Riccardo Giovitta 17

3 i, Luigi Àblondi migliore in Lombardia Sono state rese note le valutazioni dei direttori generali delle Aziende ospedaliere, delle Asl della Lombardia e dell'areu per Fanno Luigi Abiondi, DG dell'azienda Ospedaliera di Crema, è al primo posto con un punteggio di 95,30.1 punteggi (il massimo è 100) sono assegnati in base al raggiungimento di obiettivi assegnati ai manager della sanità attraverso i provvedimenti assunti dalla Giunta regionale e riguardano l'efficacia e la qualità dei servizi e la corretta gestione amministrativa. Anche quest'anno è stato coinvolto nell'attribuzione delle "pagelle" l'organismo indipendente di valutazione, ossia un giurì di esperti esterni alla Regione. Il punteggio finale è il risultato della somma dei punteggi assegnati dal nucleo composto dagli esperti dell'organismo indipendente di valutazione e dal Comitato ristretto di assessori. Il coinvolgimento, per il secondo anno, di un ente terzo, composto da esperti indipendenti, conferma la scelta della meritocrazia e della massima trasparenza. Milano è fuori dal podio, sia per le Asl che per i giudizi sui Direttori Generali. Giuseppe Rossi (Azienda Ospedaliera di Lodi) è al secondo posto dopo Luigi Abiondi. Una curiosità: Rossi è anche il chitarrista della band in cui suona il neopresidente della Regione Lombardia, Robert Maroni. Per le Asl, la classifica è guidata da Mara Azzi (Asl di Bergamo) con 96,65. Nella classifica Asl, al 15 posto, Cornelio Coppini, recentemente scomparso, dei Civili di Brescia con 92,45; al 22 posto Albert Zoli di AREU Lombardia con 91,48; al 29 e penultimo posto Cesare Eresie dell'ospedale Treviglio-Caravaggio con 89,31. I primi 10 posti della classifica (su 14) ASL (AZIENDE SANITARIE LOCALI) 1. BERGAMO, Mara Azzi, 96,65 2. BRESCIA, Carmelo Scarcella, 96,08 3. LECCO, Marco Luigi Votta (fino ), Enzo Lucchini (dal ), 95,82 4. VARESE, Giovanni Daverio, 95,59 5. MANTOVA, Mauro Borelli, 95,22 6. MILANO Giacomo Walter Locatelli, 95,17 7. MONZA BRIANZA, Humberto Pontoni (fino al ) Maria Cristina Cantù (dal ), 95,14 8. CREMONA, Gilberto Compagnoni, S5,G3 S. COMO, Roberto Bollirla, 94, LODI, Claudio Garbslli (fino al ), Fabio Russo (dal 014)9-2012), 94,69 I primi 10 posti della classifica (so 30) AO (AZIENDE OSPEDALIERE) 1. MAGGIORE CREMA, Luigi Abiondi, 95,30 2. PROVINCIA LODI, Giuseppe Rossi, 94,82 3. S. ANTONIO GALLARATE, Maria Cristina Cantù (fino al ), Humberto Pontoni (dal ), 94,64 4. VALTELLINA VALCHIAVENNA, Luigi Glanola, 94,58 5. RIUNITI BERGAMO (PAPA GIOVANNI XXIII), Carlo Nicora, 94,40 6. PROVINCIA PAVIA, Daniela Troiano, 94,29 7. CHIARI, Danilo Gariboldi, 93,83 8. CIRCOLO MELEGNANO, Paolo Moroni, 93,43 9. CIRCOLO LECCO, Mauro Lovisari, 93, ISTITUTI OSPITALIERI CREMONA, Simona Mariani, 93,31 ASL BRESCIA Pag. 1

4 ASL BRESCIA Pag. 2

5 Il caso Multe fino a 1500 euro per chi non segnala il materiale Amianto, Brescia in ritardo E le sanzioni incalzano Con le discariche bloccate si rischia solo di spostare il problema Fabrizio Speziani Asl Brescia Non importa se si tratta di tetti in fibrocemento o del rivestimento delle tubature in amianto nascosto negli scantinati di vecchi condomini. Ogni tipo di copertura con amianto va segnalata all'asl o al proprio Comune. L'obbligo esiste dal 2003, ma da poco più di un mese sono entrate in vigore le sanzioni. Chi non invia la comunicazione rischia una multa da 100 a euro. Una decisione che si è resa necessaria perché la bonifica è in forte ritardo. n limite di scadenza per tutta la regione è il 2015, ma solo in provincia di Brescia sono ancora 8 mila i tetti da bonificare. La nuova legge regionale, entrata in vigore a fine luglio, ha portato un boom di segnalazioni: 36 mila autodichiarazioni negli ultimi sei mesi. Con il sorvolo aereo è stato possibile mappare la città di Brescia, che conta un milione di metri quadrati di amianto sui tetti, n centro storico è quasi indenne, le aree con più concentrazione non sono solo quelle industriali, ma alcuni quartieri come il villaggio Sereno o quello in cui sorgono le case di don Marcolini. Un funzionario che passa e nota una copertura in amianto può chiedere la certificazione. Se non la trova, la sanzione è inevitabile. Per scongiurarla bisogna muoversi per tempo. Il modulo da riempire si chiama «n-ai» e si scarica dal sito dell'asl e dai comuni che l'hanno attivato. «È facile, bisogna inserire dei semplici dati e poi spedirli all'asl», spiegano i funzionari della Loggia. Nel modulo va indicato lo stato di conservazione del manufatto in amianto. E anche per questo in passato molti non hanno denunciato la presenza delle «onduline» per timore di una rimozione. Oggi però chi compila quel foglio ha diritto ad accedere ai fondi regionali, in caso di bonifica. «Nel 2007 la Regione aveva sottovalutato la presenza dell'amianto sui tetti della Lombardia. La stima che fece allo- I numeri Si è passati dagli 11 mila me di materiale misto ad amianto bonificati nel 2006 ai 33 mila del 2011 ra era due 0 tre volte più bassa rispetto al censimento attuale». Fabrizio Speziani, direttore del dipartimento Prevenzione dell'asl di Brescia, sa bene che ci saranno delle criticità anche per lo smaltimento. Alcune discariche non hanno ancora superato la valutazione di impatto ambientale, mentre due hanno ancora i sigilli per le irregolarità riscontrate dall'autorità giudiziaria. Mesi fa la Procura di Brescia ha disposto il sequestro probatorio della Profacta di San Polo (via Brocchi) e della Ecoeternit di Montichiari. Con le discariche bloccate «si rischia solo di spostare il problema spiega Speziani Le ditte che non sanno dove portare l'amianto potrebbero stoccarlo nei piazzali dei loro capannoni, ma non è la soluzione». Nel frattempo la commissione regionale ha bocciato l'idea di un'azienda che voleva rendere inerte l'amianto con un processo chimico. Che fare, quindi? Spedire l'eternit all'estero non può essere l'unica soluzione, considerati anche i costi, hi più la legge permette di portare nel bresciano anche l'amianto di altre province. Il rischio è che il sistema non regga. Basta guardare i dati di crescita del materiale misto ad amianto bonificato nel bresciano. Si è passati dagli 11 mila metri cubi del 2006 ai 33 mila del Restano ancora 480 mila metri cubi. Matteo Trebeschi RIPRODUZIONE RISERVATA ASL BRESCIA Pag. 3

6 I numeri H Collebeato L'amianto a Brescia Nave euro la sanzione per chi non segnala all'asi la presenza di amianto nella propria casa (tertio tubature,) L'obbligo di segnalazione dell'amianto esiste dal 2003, le sanzioni invece dal febbraio 2013 Asl Brescia (dati 2012) le strutture censite da bonificare I*. T^ 1,. BRESCIA fi private Tot pubbliche > stima 470 mila metri cubi v. * * '» fi»* Fiero DISCARICA ECOETERNIT di Montichiari (BS) Autorizzati m 3 di rifiuti contenenti amianto 1 milione di m il censimento di amianto nel Comune di Brescia Borgoscrto/to DISCARICA PROFACTA di Brescia Autorizzati m 3 di rifiuti contenenti amianto Castenedolo Asl Vallecamonica (dati 2012) le strutture censite da bonificare STATO DELLE BONIFICHE DEI SITI CENSITI A LIVELLO REGIONALE (febbraio 2012) s 00 CM sici \ \ \ \ 457 pubbliche % V \ \. Fonte: Regione Lombardia D'ARCO ASL BRESCIA Pag. 4

7 Brescia Bimbi e malattie rare un corso per saperli accudire SAPER accudire a domicilio un bambino malato raro, per fornire un sostegno concreto alla famiglia: è questo l'obiettivo del percorso di formazione per baby sitter progettato dall'asl di Brescia, che partirà martedì 16 aprile presso la sede di Viale Duca degli Abruzzi,15. Per informazioni è possibile contattare il Centro Italiano per l'assistenza in Famiglia, al 348/ MEDICINA & FARMACOLOGIA ASL BRESCIA Pag. 5

8 AMBIENTE FINO A EURO DI MULTA Amianto, via alle sanzioni Da bonificare siti - BRESCIA - SANZIONI da 100 a euro per chi non denuncia all'asl la presenza di amianto negli immobili di proprietà. L'obbligo di denuncia era stato introdotto nel 2003, ma dall'i febbraio 2013, in caso di controlli, per chi non ha adempiuto all'obbligo scatta la sanzione. Una novità introdotta dalla Regione nel luglio 2012: la sola pubblicazione della normativa scatenò la corsa all'autodenuncia, tanto che all'asl di Brescia ne arrivarono in poco tempo Per fare la segnalazione, non serve chiamare esperti, ma è sufficiente rispondere alle domande indicate nel modulo scaricabile dal sito del comune di appartenenza. Per chiarire ogni dubbio, comunque, il settore ambiente ed ecologia del Comune di Brescia ha organizzato un incontro pubblico, con Asl e Arpa, venerdì 15 marzo alle 15, all'auditorium Museo di Scienze Naturali di via Oznam. «Dal punto di vista ambientale - assicura Fabrizio Speziani, direttore del dipartimento di prevenzione medico dell'asl di Brescia - la situazione è tranquilla, poiché l'amianto ancora presente è contenuto in genere nel cemento, e quindi non in diretto contatto con l'ambiente circostante». AL 15 FEBBRAIO 2012 risultano censiti in Lombardia siti, di cui ancora da bonificare. In provincia di Brescia sono (7.771 privati, 759 pubblici). Dal 2006 al 2011, nel Bresciano, sono stati, invece, bonificati metri cubi di materiale con amianto. Resta il tema dello smaltimento. Sui tre siti di stoccaggio autorizzati in Lombardia, 2 sono a Brescia, mentre degli 8 procedimenti in fase di valutazione per la realizzazione di impianti, 3 sarebbero localizzati nella provincia bresciana. Federica Pacella ASL BRESCIA Pag. 6

9 AMBIENTE E SALUTE Amianto, nel Bresciano «segnalazioni» a pagina IO AMIANTO Dal censimento alla bonifica con il questionario cittadino Sono 36mila i moduli compilati nel Bresciano Violino e via Milano le «zone rosse» del capoluogo Oltre 35mila metri cubi smaltiti. Ma quasi 447mila ancora da smaltire entro il 2015: un valore che, tradotto in pratica, corrisponde a sei volte la volumetria del Crystal Palace. Questi - secondo il telerilevamento effettuato dal Piano regionale amianto Lombardia (Pral) - i principali numeri della contaminazione da amianto nel Bresciano. Una mappa cui andranno presto ad aggiungersi nuovi dati importanti, frutto dei 36mila questionari compilati in città e provincia dai residenti (Valcamonica esclusa), sulla scia della legge regionale 14 del 31 luglio Due ifiloni su cui Regione, Arpa e Asl - insieme ai Comuni - si stanno muovendo per raggiungere, al 2015, l'obiettivo «amianto zero»: da un lato i siti con «priorità di bonifica» (tutti già censiti, monitorati e in larga parte già risanati) ; dall'altro le abitazioni private. In cui un ruolo determinante è affidato proprio ai cittadini: a loro, per legge, il dovere di compilare il questionario on line (disponibile sul sito web di Comune e Asl di riferimento). Rispondendo a semplici domande, infatti, si riuscirà a capire lo stato effettivo dei tetti in amianto o delle coperture in cemento amianto e, di conseguenza, formulare il cosiddetto «piano di intervento», tempistica inclusa. Un dovere, quindi, la compilazione di quella che i tecnici chiamano «denuncia», tanto che - dal 1 febbraio - chi, soggetto a controllo, dovesse risultare inadempiente, potrà essere multato. Con una sanzione che va dai 100 ai euro. «Il tempo per compilare i questionari non è scaduto» precisa l'assessore all'ambiente Paola Vilardi, prò motrice con Asl, Arpa e Acb della campagna informativa. Sono in tutto 36mila, tra città e provincia, le segnalazioni al momento raccolte. Tanto ASL BRESCIA Pag. 7

10 che una geografìa sulle «zone rosse» cittadine è già possibile. Villaggio Violino, via Milano, la zona industriale (cui si aggiunge lo stabilimento Iveco di via Volturno). Ma anche Sant'Eufemia, Villaggio Sereno, Chiesanuova e la zona sud della Badia: queste le fette di città in cui «l'operazione smaltimento» dovrà essere capillare. A rassicurare i cittadini dal punto di vista della salute, i rilievi effettuati da Asl e Arpa sulla presenza di polvere amianto nell'aria. «Una LA SCHEDA presenza che era legata al traffico veicolare - spiega Federico Speziani dell Asl -. Oggi la concentrazione di fibre nell'aria è nulla». Nuri Fatolahzadeh LO SMALTIMENTO NEL BRESCIANO La principale destinazione dei rifiuti smaltiti e prodotti in Lombardia è per il 90% presso impianti di stoccaggio lombardi Nel Bresciano sono stati smaltiti 35mila metri cubi: 447mila quelli ancora da smaltire entro il 2015 LA CAMPAGNA SITI LOMBARDI 2 Al 15 febbraio 2012 sono stati censiti, in Lombardia, siti con presenza di amianto, di cui in matrice friabile L'assessore all'ambiente, Paola Vilardi (nella foto) promuove la campagna informativa in città: «Serve agire insieme» ASL BRESCIA Pag. 8

11 MAPPATURA DELLE COPERTURE IN CEMENTO-AMIANTO IN CITTA «PBi.S'-J^ -, NAVE «..- ivt-- -- MATERIALE CON AMIANTO, ESPRESSO IN m 3, BONIFICATO J$àsQ- FONTE: Regione Lombardia ASL BRESCIA Pag. 9

12 Loggia: un incontro pubblico per formare e informare Un incontro pubblico per formare ed informare sugli «adempimenti normativi e procedurali sul tema del cemento amianto». È quello che l'assessorato all'ambiente ed Ecologia della Loggia, le cui cabine di regia tecniche sono affidate all'ingegner Angelantonio Capretti, ha organizzato per venerdì 15 marzo. L'appuntamento è alle 15 all'auditorium del Museo di Scienze naturali di via Ozanam, 4. Ad intervenire, dopo il saluto dell'assessore all'ambiente Paola Vilardi e del vice presidente dell'associazione comuni bresciani, saranno i tecnici di Asl, Arpa e Comune. Che, oltre a tracciare lo stato dell'arto, chiariranno gli aspetti procedurali e le diverse competenze. «E importante chiarire sin da subito - spiega Elsa Boemi del Settore ambiente - che non bisogna pagare un professionista, ma compilare gratuitamente il questionario. Chi non lo farà non potrà neppure accedere ai finanziamenti regionali». «La presenza di amianto negli ambienti di vita - precisa l'assessore Vilardi - è tema importante sia per gli aspetti di carattere ambientale e sanitario, sia per gli adempimenti normativi e procedurali in capo agli enti pubblici». ASL BRESCIA Pag. 10

13 Foto d'autore e disegni all'asta per salvare il pescheto dimezzato dal metrò «L'erba del vicino è anche il mio verde» è il titolo della mostra e asta speciale che si terrà nella Galleria Kanalidarte, in via Alberto Mario 55, giovedì 14 marzo alle 18.30, giorno dell'inaugurazione. L'esposizione sarà visitabile sino a lunedì 18, mentre l'asta verrà battuta domenica 17 marzo alle dal titolare, il noto gallerista Massimo Minini. Quali le opere esposte e quindi all'incanto? Fotografìe e disegni di celebri autori bresciani che con entusiasmo hanno aderito a questa iniziativa. Molti i nomi noti, tra i quali figurano Franco Solina, Vincenzo Cottinelli, Renato Corsini, Ken Damy, Walter Pescara, Eros Mauroner ed Eros Fiammetti per la fotografìa, mentre per i disegni spicca il nome di Gabriele Picco. Tutti in prima fila per... salvare un pescheto. Già, perché l'iniziativa vede coinvolti i cittadini di Casazza e ha come fine quello di salvare quel che resta dell'ultimo pescheto del quartiere (di qui la suggestione del titolo). Parecchie centinaia di alberi sono già stati sradicati per realizzare il parcheggio da 500 posti per la metropolitana e la stazione dei bus extraurbani. La metà del frutteto ancora intatta è stata destinata dal Pgt invece alla costruzione di sei condomini da sette piani e una torre, nonostante il parere contrario di Asl e Arpa. Tutto ciò - sottolinea il comitato dei residenti - avviene in una zona già compromessa sotto il profilo ambientale e della salute, poiché compresa tra la tangenziale Montelungo e la via Triumplina. Di qui la decisione degli abitanti, nel tentativo di salvare l'area verde, di presentare un duplice ricorso al Tar. E così la mostra e l'asta nascono proprio nell'intento di coinvolgere i bresciani nella raccolta di fondi per le spese legali. ASL BRESCIA Pag. 11

14 Mensa scolastica: la polemica è servita Desenzano: il consigliere di minoranza Abate presenta le lamentele dei genitori «Cibo immangiabile e scarso». Il sindaco: «A volte mangio con gli scolari: è tutto falso» DESENZANO Qualità e quantità dei cibi serviti alle mense scolastiche sono buone e adeguate? L'interrogativo è stato sollevato dal consigliere di minoranza Paolo Abate attraverso un'interrogazione basata sulle segnalazioni di alcune mamme. Il sindaco Rosa Leso, uscendo dal suo collaudato «aplomb», ha replicato a muso duro. «I sospetti in merito sono infondati - ha affermato -. Controlli e verifiche vengono svolti dall'apposita commissione e da una ditta specializzata oltre che da me e dall'assessore all'istruzione in persona: in varie occasioni ci è capitato di mangiare con i bambini». Come si diceva, a porre il prò - blema, l'altro ieri, è stato Abate di Desenzano civica-comune Amico con un documento indirizzato al presidente del Consiglio comunale e all'assessore competente accompagnato da 7 fogli con circa 120 firme di genitori. «Da parecchi mesi le mamme che frequentano le scuole elementari si lamentano della qualità del cibo che viene servito ai figli durante il pranzo in mensa - recita l'interrogazione -. La maggior parte dei bambini chiede ai genitori di voler mangiare "in bianco" in quanto tutto quello che viene loro offerto non risulta "gradito"». Stando a quanto riportato, inizialmente le mamme avrebbero pensato ai classici «capricci». Indagando tra loro, però, sarebbero poi giunte alla conclusione che la qualità del cibo è effettivamente «scarsa». Abate ha fornito alcuni esempi: la minestra sarebbe liquida con poca pasta, la salsa di pomodoro immangiabile, la pizza verrebbe servita gommosa e in porzioni ridotte. Il consigliere ha rincarato la dose: le quantità sarebbero scarse. Partendo da queste affermazioni Paolo Abate ha chiesto di sapere se sono state effettuate verifiche sugli standard qualitativi, se sono stati distribuiti i questionari sull'indice di gradimento, se viene costantemente monitorata la distribuzione. E,ancora, se vengono rispettate le porzioni giornaliere, se i prodotti utilizzati provengono da agricoltura biologica e di prima qualità. «Premesso che da gennaio il servizio viene effettuato dalla nuova ditta appaltatrice, affermo che quanto sostiene il consigliere non è vero - ha replicato il sindaco Rosa Leso -. Si sono verificati piccoli problemi nella fase di avvio a gennaio, ma sono subito rientrati. I controlli sono costanti. Vengono effettuati non solo dall'apposita commissione ma anche da una società specializzata. Vengono effettuati controlli anche sulle quantità, stabilite dall'asl sulla base di specifici protocolli. Che le quantità siano abbondanti anche per un adulto - ha proseguito Leso - lo documentano i resti. Pochi giorni fa si è riunita per la seconda volta la Commissione genitori, la vicenda è stata gonfiata su una cosa che non c'è. In prima persona, ogni tanto, pranzo in mensa e assicuro che il cibo è buono e abbondante. A mio avviso siamo davanti a una strumentalizzazione fatta da chi, sospetto, è solo in cerca di visibilità». ASL BRESCIA Pag. 12

15 NORME REGIONALI Amianto e rischio «stangata»: così Brescia cerca di correre ai ripari O PAG 19 IL PIANO. La normativa regionale impone l'intervento entro il 2015 Amianto, Brescia ne deve smaltire un milione di mq I proprietari possono ancora «autocertiflcarsi» all'asl evitando sanzioni elevate in caso di controlli L'emergenza & la salute La Lombardia dispone «controlli stretti» sui materiali Mimmo Varone C'è un milione di metri quadrati di coperture in cementoamianto, a Brescia, e deve essere smaltito entro il 31 dicembre Una legge regionale obbliga il proprietario ad autocertificarne la presenza all'asl. Ed è ancora possibile farlo. Gli evasori dell'obbligo dal primo febbraio scorso sono soggetti a una multa da 100 a euro in caso di controllo. La Regione non si è preoccupata di informare i cittadini lombardi. Venerdì prossimo, 15 marzo, la Loggia colma la lacuna con un incontro a partire dalle 15 al museo di Scienze naturali di via Ozanam. ALL1NC0NTR0 saranno presenti l'asl di Brescia per gli aspetti sanitari, l'arpa per il monitoraggio ambientale, il Comune per le questioni procedurali. Le norme, ad ogni modo, sono state chiarite a grandi linee ieri mattina in Loggia dall'assessore all'ambiente Paola Vilardi, dal direttore del Dipartimento prevenzione Asl Fabrizio Speziani, dal responsabile del settore Ambiente ecologia del Comune Angelo Capretti insieme a Elsa Boemi (funzionario del settore ed ex comandante dei vigili) e Norberto Pancera, che saranno presenti all'incontro insieme ai dirigenti Arpa. «Abbiamo invitato pure l'associazione comuni bresciani - sottolinea Vilardi - per fare il punto con tutti i comuni della provincia». Nel gennaio 2006 la Lombardia ha adottato una legge allo scopo di eliminare entro il 31 dicembre 2015 tutti i manufatti di amianto e cementoamianto (l'eternit) dal territorio regionale. «Una decina di anni fa il problema era stato sottostimato - precisa Speziani -, invece la diffusione si è rivelata più consistente del previsto». Si era pensato pure di eliminare l'amianto con processi fisici, ma il risultato fina- ASL BRESCIA Pag. 13

16 le non è stato ritenuto sicuro, e l'unica soluzione resta la discarica, nella fattispecie quella di Treviglio. Nel luglio scorso una norma regionale ha modificato la legge e introdotto le sanzioni a partire dal febbraio 2013 per chi non avesse ancora ottemperato ah'autocertificazione obbligatoria. «Ne ab- Le multe possono arrivare fino a euro nel caso l'eternit sia effettivamente deteriorato I Comuni hanno facoltà di siglare convenzioni con aziende «specializzate» biamo ricevute 36 mila nel giro di qualche giorno - dice il direttore Prevenzione Asl -, ma la situazione è alquanto complessa». Nel 2008, infatti, un'altra norma regionale ha fissato i criteri di valutazione dello stato di conservazione delle superfici in amianto-cemento. Sullabase di un algoritmo si possono individuare quelle da smaltire subito, entro un anno o entro tre anni. Sembra complicato, tuttavia Speziani assicura che è abbastanza semplice. Il proprietario (o l'amministratore in caso di condomini) per fare l'autocertificazione non deve rivolgersi a tecnici (geometri o ingegneri) spendendo soldi, ma può far tutto da solo. Accede al sito Asl, meglio ancora a quello del Comune (www.comune. brescia.it) più dettagliato, va al settore Ambiente ecologia e clicca su «amianto». Avrà la possibilità di scaricare il modello N/Al, che dà indicazioni precise per calcolare l'indice di degrado. Se l'indice è sotto quota 25 può smaltire entro tre anni - spiega Boemi -, se è tra 25 e 44 ha tempo un anno, nel caso superi questa soglia deve smaltire subito. Una volta compilato in tutte le sue parti, lo trasmette all'asl. Dopodiché deve incaricare un'impresa specializzata, che presenta alla stessa Asl un Piano di lavoro per larimozionee il conferimento in discarica. È un obbligo. Se si evade si incorre nelle multe che possono arrivare fino a euro qualoral'eternit sia così deteriorato da richiedere l'intervento immediato. Boemi precisa pure che non c'è scadenza per le autocertificazioni, dunque si possono ancora fare. Certo è che dal primo febbraio sono scattate le multe, applicabili in caso di controlli. Perciò conviene fare alla svelta. La legge regionale, peraltro, prevede pure la promozione di finanziamenti agevolati, e un bando per finanziare la bonifica di edifici pubblici è già stato lanciato. I Comuni, inoltre, hanno la facoltà di siglare convenzioni con aziende specializzate e «Brescia - sottolinea Boemi - sta studiando le forme migliori per metterle a disposizione dei cittadini». L'indice di degrado «Sotto quota 25 si può smaltire entro tre anni, se è tra 25 e 44 un anno» ELSA BOEMI FUNZIONARIO Nuove valutazioni «Una decina di anni fa il problema effettivamente era stato sottostimato» FABRIZIO SPEZIANI PREVENZIONE ASL ASL BRESCIA Pag. 14

17 LO STUDIO. L'Arpa ha evidenziato le concentrazioni di fibre d'amianto La mappa del pericolo corre da est a ovest lungo l'asse della A4, in Valtrompia e in Vallecamonica. Fibre di amianto puro, invece, sono ancora nell'isolamento degli impianti di riscaldamento, molto pericolose per i manutentori. Amianto allo stato puro fino a 15 anni fa si trovava nelle pastiglie dei freni delle automobili. L'usura provocata dalle frenate faceva disperdere le fibre nell'ambiente. Poi è intervenuto il divieto, e «oggi nell'aria non c'è più traccia di quel pericoloso materiale», dice Speziani. Fiaccolata del 2011 contro la discarica di amianto Il problema maggiore è legato alle coperture in Eternit che andrebbero subito «bonificate» Con l'amianto non si scherza. È riconosciuto responsabile di mesoteliomi e tumori dei seni nasali e paranasali. E dal 2000 al 2011 in Lombardia sono stati segnalati casi sospetti di solo mesotelioma, alcuni dei quali ancora in corso di valutazione. Negli stessi anni i casi certi e probabili a Brescia sono stati 262, pari all'8 per cento dei dell'intera regione. Risulta che a Brescia c'è ancora un milione di metri quadrati di coperture in amianto-cemento (l'eternit). Molti sono tetti di capannoni industriali, ma abbondano anche nelle abitazioni private, soprattutto in quelle Marcolini del Villaggio Sereno. La mappatura aerea dell'arpa mette in evidenza le zone industriali della città, a Est e soprattutto a ovest a lato della tangenziale verso Castelmella. Abbondanti sono pure nella fascia artigianale a sud del villaggio Badia e al quartiere Chiesanuova punteggiato di capannoni commerciali. In via Milano spiccano Carfaro e Ideal Standard, ed eternit è presente pure all'iveco. Il villaggio Prealpino è a macchia di leopardo, segno che alcune abitazioni sono state risanate. A nord, in ogni caso, persistono concentrazioni lungo la tangenziale ovest e la Triumplina. C'è ancora parecchio da fare. Il resto della provincia, va da sé, è tutt'altro che immune. Grosse concentrazioni di coperture in eternit - spiega il direttore del Dipartimento prevenzione dell'asl Brescia Fabrizio Speziani - si trovano I RISCHI da amianto sono accertati. Lllesimo rapporto (datato 2011, ultimo disponibile) del Registro dei mesoteliomi lombardo (Rml) attivo dal 2000 dice che dal Duemila i casi segnalati sono 7.050, dei quali 302 sono risultati «prevalenti» (diagnosi precedenti), mentre non erano mesoteliomi e comunque 991 di essi hanno richiesto approfondimenti prima di giungere alla diagnosi. Esclusi i residenti fuori regione, i casi di acclarati sono stati con un aumento di oltre 800 unità rispetto al 2009, e pari al 55.7 per cento delle segnalazioni. Per (91.5 per cento) è stata conclusa la valutazione sia diagnostica che dell'esposizione. Per altri 332 è ancora in corso. È da notare, tuttavia, che la percentuale dei casi di mesotelioma rispetto alle segnalazioni sono aumentati rispetto al 2009, passati dal 53 al 55.7 per cento. E se la maggior parte è dovuta all'esposizione professione, una fetta di circa il 3 per cento viene attribuita anche al- ASL BRESCIA Pag. 15

18 l'ambiente e ad attività di tempo libero. «MI.VA. ASL BRESCIA Pag. 16

19 LA PROTESTA Gioco «legale»: è emergenza Gentile direttore, siamo al massimo della follia, siamo arrivati al punto di uccidere, rubare, picchiare per il gioco "legale" delle slot machines: una figlia che accoltella la madre, genitori che lasciano un figlio "disabile" chiuso in macchina. I dati parlano chiaro, sono oltre 4 miliardi di euro che lo Stato guadagna con macchinette e altri giochi. Pavia è risultata la città con il massimo numero di giocatori: 520 slot machines, 2 ogni 130 abitanti! Siamo nell'oblio più assurdo ma non lo capiamo, o non vogliamo capire. L'Asl sta specificando tutti gli effetti collaterali, sta aprendo centri di cura per disintossicarsi da questa malattia a norma di legge, ma intanto in tv uno spot su tre ti invoglia a giocare, certa gente è convinta che dall'altra parte del cavo sta giocando a poker con il suo idolo. È pazzesco, adesso per arrivare al top si organizzano viaggi a basso costo compreso il mangiare per gli anziani, che vengono portati nei vari casinò o sale slot e, badate bene, sono costretti a giocare, pena l'allontanamento dalla sala. Lo Stato è meglio che si metta veramente una mano sulla coscienza per quel che succede, ma anche noi dobbiamo riflettere molto bene su ciò di cui prima non conoscevamo l'esistenza, e che ci sta trasformando in alieni. Purtroppo tutto questo è a norma di legge. Riccardo Giovitta " i "-n w PS a 3 ASL BRESCIA Pag. 17

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica Edilizia 38 Il Sole 24 Ore 23/01/2015 IN BREVE - EDILIZIA 3 Rubrica Lavori pubblici 36 Il Messaggero - Cronaca di Roma 23/01/2015 DAL MUSEO

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Liberi dall amianto I piani regionali, le bonifiche e l impatto sulla salute

Liberi dall amianto I piani regionali, le bonifiche e l impatto sulla salute Liberi dall amianto I piani regionali, le bonifiche e l impatto sulla salute Roma, 28 marzo 2015 Giornata mondiale delle vittime dell amianto A cura di: Andrea Minutolo, Paolo Ceschini e Giorgio Zampetti

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO Ospedali: Legnano - Cuggiono - Magenta - Abbiategrasso AVVISO INTERNO PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI RESPONSABILE DELLA: STRUTTURA SEMPLICE Gestione

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO

LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO LA NORMATIVA IN MATERIA D AMIANTO A cura della Dott.ssa Gilda Zennaro Indice 1. Premessa 2. Legislazione nazionale a. Il divieto di impiego b. La tutela dei lavoratori 3. La tutela dell ambiente 4. La

Dettagli

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI - DIREZIONE SOCIALE INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI Scheda di rilevazione Ambito Distrettuale di.. Nr. data di nascita M/F disabilità

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA Supplemento ordinario alla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA (p. I) n. 19 del 9 maggio 2014 (n. 15) GAZZETTA LEGGE 29 aprile 2014, n. 10. LEGGI E DECRETI PRESIDENZIALI Norme per la tutela della

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it

Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it Committente: Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/262.30.1 - fax: 039/2140074 brianzacque@legalmail.it www.bianzacque.it Viale E. Fermi, 105 20900 Monza tel: 039/212251 - fax: 039/2109334 http//www.alsispa.it

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN

REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Comune di Bonate Sotto Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SPAZIO GIOCO PIMPIRULIN Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale nr.11 del 2.3.2009 Pubblicato all Albo dal 19.3.2009 al 3.4.2009 Reg.nr.102

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli