IL FILMATO INTERATTIVO sperimentazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL FILMATO INTERATTIVO sperimentazioni"

Transcript

1

2

3 Alessandra Rasetti IL FILMATO INTERATTIVO sperimentazioni collana quaderni di design

4 Pubblicato nel gennaio 2008 da Time & Mind Press Via Riccardo Sineo 7/ Torino - Italia - Tutti i diritti riservati ISBN

5 SOMMARIO INTRODUZIONE_1 I MEDIA INTERATTIVI_2 IL FILAMTO INTERATTIVO_5 Le caratteristiche del filmato interattivo_7 Le forme del filmato interattivo_9 Le sperimentazioni: L ultima partita_13 Hyper System Design_24 IL FILAMTO INTERATTIVO SUL WEB_29 Il web 2.0_29 Le caratterististe del Web 2.0_31 L e-learning2_35 Le sperimentazioni Polito Design Podcast_39 Design di sistemi per l e-learning2_47 CONCLUSIONI_57 BIBLIOGRAFIA_59

6

7 INTRODUZIONE Il presente lavoro è una raccolta di sperimentazioni risultanti da un attività di ricerca iniziata nel 2004 come esercitazione didattica 1, confluita successivamente in una ricerca di dottorato dal titolo Approccio sistemico alla didattica a distanza nell era nel Web 2.0 2, conclusasi nel gennaio 2008 e formalizzata in fine nella ricerca Graphic & Virtual Design per l'e-learning 3 tutt ora in corso. Benché la ricerca abbia toccato diversi contesti, l ambito è rimasto sempre sempre il medesimo: l esplorazione e sperimentazione dell uso delle tecnologie innovative dell audiovisivo e dei suoi relativi linguaggi e strumenti di comunicazione. Spesso la finalità è stata quella di applicare le diverse soluzioni sperimentate alla didattica a distanza, altre volte le sperimentazioni sono state oggetto di attività didattica. Ogni sperimentazione quindi utilizza l audiovisivo inserendolo di volta in volta in contesti tecnologici diversi dalla tecnologia DVD, ai software iperfilmici fino ai nuovi strumenti offerti da Internet che vanno sotto il nome di Web 2.0. In questo modo l audiovisivo entra nell ambito dell interattività, della multimedialità e dell ipermedialità divenendo quello che Lev Manovich chiama un new media object: un nuovo medium, come lo sono stati la statua, il quadro, il film, la televisione 4 I new media object offrono ambiti ancora inesplorati la possibilità di ricercare nuovi linguaggi e trovare nuove forme di comunicazione e di interazione. 1 Workshop Comunicare il progetto della Facoltà di Architettura tenutosi nell anno accademico (docenti, Maurizio Bonino, Alessandra Rasetti e Alfredo Ronchetta). 2 Alessandra Rasetti, Approccio sistemico applicato alla didattica a distanza nell era del WEB 2.0., tesi si dottorato in Innovazione Tecnologica per l architettura e il Disegno Industriale, XX ciclo, tutor prof. Luigi Bistagnino, Politecnico di Torino, Graphic & Virtual Design per l'e-learning - Responsabile Luigi Bistagnino, Campo di ricerca: Disegno Industriale - Sperimentazioni di comunicazioni per la didattica online del Dipartimento di Progettazione Architettonica della 1ª Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino, Lev Manovich, Il linguaggio dei nuovi media, Apogeo, Milano,

8 In questo contesto si collocano le sperimentazioni descritte in questo lavoro con l intenzione di contribuire all attuale dibattito relativo ai nuovi media, al fine di tentare di porre le basi per un nuovo scenario condiviso. 2

9 I MEDIA INTERATTIVI Esistono svariate classificazioni per i media e tra queste risulta essere più congeniale ai fini della presente ricerca quella proposta dalla ricercatrice Diana Laurillard 5. La tassonomia da lei proposta differenzia i diversi tipi di media in base alla loro funzione al fine di individuarne le relative tecnologie di comunicazione 6. Così classifica i media in media narrativi, media interattivi, media adattivi, media comunicativi e media produttivi. (fig. 1) La classificazione dei media secondo Diana Laurillard. L audiovisivo risulta quindi un media narrativo, con la caratteristica principale di essere un media lineare che sfrutta la sua forma narrativa in funzione del tempo. Nelle sperimentazioni descritte in questo lavoro si utilizza l audiovisivo portandolo a sfidare questa sua natura peculiare, inserendo variabili di interattività, multimedialità e ipermedialità e trasformandolo inevitabilmente in un media interattivo. 5 Diana Laurillard, Rethinking University Teaching: A Framework for the Effective Use of Learning Technologies, Routledge (UK)Education / Teaching, London Il campo di ricerca di Diana Laurillard è le-learning. Quindi i media e le relative tecnologie di comunicazione da lei classificate sono propri della comunicazione in ambito formativo. 3

10 I media interattivi possono essere definiti come l'insieme delle azioni, delle relazioni e delle emozioni scaturite dal rapporto uomo-macchina. Rispetto ai media narrativi, che usano i linguaggi ormai consolidati come ad esempio il cinema o la televisione, i media interattivi sono ancora in fase di sperimentazione e tentano di sfruttare i recenti strumenti di comunicazione offerti dalle tecnologie digitali. Conservano in comune il fatto che hanno una forma di presentazione lineare, trasmessa da un ambiente aperto e sotto il controllo dell utente. La differenza sta nell interattività, la facoltà dell utente di navigare come vuole e selezionare il materiale che vuole nella sequenza che decide. Tra i media interattivi troviamo gli ipertesti, gli ipermedia, le risorse multimediali, il web e il filmato interattivo. Il primo gruppo di sperimentazioni condotte in questa ricerca si sono concentrate sul filmato interattivo sfruttando tecnologie off line e solo in seguito, negli ultimi anni, sono sbarcate sul web utilizzando gli strumenti on line offerti dalla rete. 4

11 IL FILMATO INTERATTIVO Il filmato interattivo è un audiovisivo con caratteristiche tecniche e narrative interattive che permettono all utente di interagire e di cambiarne la fruizione lineare con una struttura ipertestuale. Tradizionalmente, una narrazione propone al lettore una sorta di viaggio guidato dall'autore, presupponendo dunque un autore molto attivo, impegnato a predisporre il percorso della narrazione e le sue tappe, lungo le quali accompagnare il lettore, il quale a sua volta è disposto a farsi accompagnare lungo il percorso che l'autore ha preparato per lui. Attraverso un filmato interattivo si rinuncia all'idea di un percorso lineare a favore di uno non lineare, composto da relazioni e interconnessioni che offrono all utente una fruizione attiva. Un percorso interattivo rinuncia alle rassicuranti e consolidate unità aristoteliche di tempo, luogo e azione correndo quindi il rischio di un risultato fallimentare 7. E stato appurato nei casi di fallimento che i principali problemi si riscontrano soprattutto dal punto di vista cognitivo. L interazione dell utente con i due elementi di base del documento, il video e l interazione, deve tenere conto di un vincolo preciso: il cervello umano elabora con difficoltà due processi mentali di tipo cognitivo nello stesso tempo. È difficile o impossibile ascoltare contemporaneamente due persone, due brani musicali, guardare due quadri affiancati, o due video contemporaneamente in esecuzione. I due stimoli si contendono la capacità percettiva dell utente. Potremmo anche dire che ognuno degli stimoli tende a sopprimere, durante la sua elaborazione, i processi mentali dedicati all altro e accaparrarsi quante più risorse cognitive disponibili. Vince il più forte, quello che riesce a ottenere il massimo delle facoltà percettive dedicate a raccogliere informazione, mentre l altro viene ignorato, o almeno ridotto ad un 7 Luca Barbeni, Webcinema. Li mmagine cibernetica, Costa & Nolan, Milano

12 rumore di fondo che inoltre è più o meno in grado, a quel punto, di interferire col meccanismo percettivo principale 8. E praticamente impossibile percepire ed elaborare tutta l informazione erogata contemporaneamente da più di una linee narrativa. Qualcosa, inevitabilmente, si perde. (fig. 2) Rappresentazione empirica della fase di passaggio percettivo da un flusso informativo a un altro. Tentare di raccogliere informazione dal flusso secondario comporta comunque una certa perdita di informazione dal flusso principale e questa non essere ricostruita, visto che non è ciclica. Se si privilegia la sorgente informativa secondaria, è praticamente certa la perdita di informazione non recuperabile da quella primaria 9. Ecco perché l ambito del filmato interattivo si inserisce in un contesto ancora sperimentale con una comunità scientifica internazionale che studia i sui variegati aspetti declinandoli per diversi ambiti disciplinari, al fine di risolvere le questioni cognitive ed individuare un linguaggio condiviso. Tra gli studiosi più importanti dell ambito, troviamo Lev Manovich 10 che studia le caratteristiche fondanti la 8 Brenda Mergel, Instructional Design & Learning Theory, University of Saskatchewan, Maggio 1998, reperibile all URL: 9 Roberto Tua, l estensione del concetto di ipertesto nel dominio del video, 10 Lev Manovich, Il linguaggio dei nuovi media, Apogeo, Milano,

13 tecnologia digitale e Janet Murray 11, più orientata alla drammaturgia digitale, che pone l attenzione sulle sensazioni che provocano le esperienze interattive e sul ruolo fondamentale dello spettatore. In particolare Lev Manovich parla di new media object, un nuovo medium, come lo sono stati la statua, il quadro, il film, la televisione e ne individua le caratteristiche. Le caratteristiche del filmato interattivo La rappresentazione numerica Per rappresentazione numerica si intende il fatto che ogni new media object può essere soggetto di manipolazione da parte di un algoritmo. Questa fase iniziale, di definizione delle proprietà di un oggetto, viene chiamata digitalizzazione: processo che trasforma dati precedentemente organizzati in forma analogica, in un formato digitale, la cui caratteristica principale è di essere discreto. Nel nostro discorso relativo al filmato interattivo è fondamentale il concetto della rappresentazione numerica, in quanto con le tecnologie digitali l immagine si libera dal tempo della narrazione, ne fuoriesce. Nei media tradizionali, come il cinema o la televisione, l immagine è impressa su un supporto fisico lineare, che sia la pellicola o il nastro magnetico, e ogni immagine è legata a un momento unico del tempo della narrazione. Nell ambito della narrazione digitale l immagine è l insieme dei bit estrapolata dal tempo della narrazione, che muta, che non è mai lo stesso 12. In un film tradizionale ogni immagine sa l interattività dell utente a definire l accadere. La modularità 11 Janet Murray, Hamlet on the holodeck: the future of narrative in cyberspace, Cambridge, Mass., MIT Press, Barbeni, Webcinema. Li mmagine cibernetica, Costa & Nolan, Milano

14 Per modularità si intende una strutturazione frattale dei dati. I frattali sono configurazioni che rispecchiano a qualsiasi livello la stessa struttura, e ogni parte è autosufficiente. Questa proprietà delle tecnologie digitali si ripercuote a tutti i livelli sulla produzione, dove l immagine è costituita da pixel, vettori, script, e a sua volta sarà contenuta in una pagina, oggetto, schermata, che sarà parte di un libro, un film o un sito internet. Anche con le tecnologie analogiche, i prodotti sono costituiti da tanti elementi che concorrono alla creazione del significato, come le lettere, o le immagini, una pagina o una scena, un libro o un film, però il principio di modularità delle tecnologie digitali permette a ogni singolo elemento di essere indipendente e soprattutto programmabile 13. L automazione Il fatto che i media possano essere rappresentati numericamente, unito alla peculiarità dei computer nello svolgere operazioni ricorsive con i numeri, permette l automazione di diversi processi legati al digitale. Questa caratteristica include la creazione delle immagini, la manipolazione e l accesso ai dati. Manovich definisce l automazione nella creazione di contenuti come automazione a basso livello, in quanto esprime le caratteristiche dell oggetto, mentre definisce automazione ad alto livello la manipolazione che riguarda le operazioni attuate sull oggetto definitivo da parte di un utente o da parte di un applicativo 14. La variabilità Il principio della variabilità definisce un new media object come costituito da due livelli interdipendenti, il database e l interfaccia. All interno del database, vi sono tutte quante le possibilità che costituiscono il sistema in esame e che vengono realizzate dal percorso, intrapreso dall utente utilizzando una determinata interfaccia e in base a determinati propositi. Manovich sostiene che il database 13 Ibidem. 14 Ibidem.. 8

15 stesso influisce su come l utente considera i dati che contiene e differenti interfacce possono essere create per gli stessi dati 15. Transcoding o isomorfismo digitale Per isomorfismo digitale si intende quindi la possibilità da parte dell immagine digtale di esere trasferita da un software a un altro, di essere modificata, mutata. La possibilità di utilizzare in un contesto culturale concetti mediati dall informatica fa parte dell ultimo principio definito da Manovich, il transcoding o isomorfismo digitale. Nel momento in cui i media tradizionali sono digitalizzati, non esiste che una differenza di forme per un linguaggio unico, dove concetti e pratiche di una particolare tecnologia possono venire implementati in un altra. A questo proposito Maovich suggerisce il passaggio, per lo studio dei media, da una teoria delle tecnologie a una teoria dei software. Le immagini digitali hanno lo stesso DNA di suoni digitali, dei testi digitali, tutto quanto è riconducibile alla matrice unica dei bit 16. Le forme del filmato interattivo Nel corso delle sperimentazioni effettuate si sono individuati tre forme distinte di filmato interattivo: Filmato interattivo a bivio. E un modello di video interattivo basato sull'associazione di più video ad uno o più momenti particolari della linea narrativa del filamto. L interazione per lo spettatore consiste nella possibilità di scegliere il proprio percorso narrativo. Il filmato in questo modo si sviluppa linearmente fino al primo bivio dove, attraverso l interfaccia con pulsanti attivi, è possibile scegliere il percorso preferito. 15 Ibidem. 16 Ibidem. 9

16 (fig. 3) Schema del filmato interattivo a bivio. Link sincronizzato semplice. E la forma di filamto interattivo basato sull'associazione di contenuti di diversa natura alla sua linea narrativa. File, immagini, suoni, testo presentazioni, filmati e ogni altro genere di materiale informativo possono essere associati ad un particolare momento della linea narrativa del filmato. (fig. 4) Schema del filmato interattivo con link sincronizzato semplice. Link fotogramma interattivo E un modello di filmato interattivo basato sull'associazione di contenuti di diversa natura ad una o più aree particolari di un fotogramma. 10

17 Il nodo informativo è visibile sul fotogramma stesso attraverso il cursore del mouse che si trasforma da freccia a manina sulle zone sensibile del fotogramma, rilevando così un area sensibile, interattiva. (fig. 5) Schema del filmato interattivo con link fotogramma interattivo. (fig. 6) Esempio di interfaccia per filmato interattivo con link fotogramma interattivo (Hyperfilm) 11

18 12

19 SPERIMENTAZIONE 1 L ULTIMA PARTITA L Ultima partita è il risultato di un esercitazione didattica all interno del workshop Comunicare il progetto della Facoltà di Architettura tenutosi nell anno accademico (docenti, Maurizio Bonino, Alessandra Rasetti e Alfredo Ronchetta). L Ultima partita è un filmato interattivo che sfrutta la forma del link interattivo a bivio congiuntamente a quella del link fotogramma interattivo. L obiettivo della sperimentazione è la realizzazione di un filmato interattivo di genere fiction, che non utilizzi alcun tipo di interfaccia per l interattivittà, ma solo ed esclusivmente il linguaggio cinematografico, con tutti i suoi espedienti, infrazione delle regole comprese. La tecnologia utilizzata è quella DVD che permette di realizzare link ad uno o più filmati attraverso un area sensibile residente su porzioni del filmato stesso. L Ultima partita è un film di fiction, scritto, prodotto e post prodotto interamente dagli studenti del workshop. Il soggetto del film: tre amici (il padre della ragazza, il gioielliere e l amico collega) hanno un conto in sospeso con l amico Michele. Durante una partita a poker organizzano la loro personale vendetta che si consumerà in occasione una festa a sorpresa. La struttura del film è composta da un prologo, da un loop dal quale si diramano tre storie parallele e infine da un epilogo. Si tratta di tre filmati con struttura 13

20 narrativa indipendente ed di ognuno è stata redatto un soggetto e una sceneggiatura. Si riporta di seguito il soggetto di ogni parte costituente il film. Soggetto del prologo: due amci, Michele e il padre della ragazza, camminando per strada incontrano una persona armata. Vi è una colluttazione fra Michele e la persona armata che, infine, gli spara. Suona il campanello della casa di Michele che si sveglia e capisce che era un incubo. Va ad aprire la porta ed entrano i tre amici di Michele con cui si trova spesso a giocare a carte. Si siedono al tavolo e preparano la partita. Soggetto del loop: a casa di Michele i quattro amici giocano a poker. Soggetto della storia delle chiavi: durante la partita a carte, un mazzo di chiavi appoggiato sul tavolo da gioco risveglia il ricordo di Michele: aveva rubato quelle stesse chiavi all amico e collega di lavoro per sottrargli la macchina aziendale. Con questa aveva avuto un incidete per colpa del quale l amico era stato ingiustamente accusato dal capoufficio. Soggetto della storia del gioielliere: durante la partita a carte suona il telefono del gioielliere, amico e compagno di gioco di Michele, che esce dalla stanza rispondendo e parlando di un gioiello ritrovato. Michele, sentendo, collega la telefonata ad un furto che aveva compiuto proprio nella gioielleria del suo amico ed inizia a ricordare l episodio. Terminata la telefonata, il gioielliere rientra nella stanza e si risiede al tavolo da gioco. Soggetto della storia della figlia: durante la partita a carte uno degli amici riceve la telefonata della figlia. Michele, sentendo, ricorda cosa è successo con la figlia dell amico: passato a prenderla sotto casa, lei sale in macchina, ma Michele è nervoso e vorrebbe andare via al più presto. La ragazza è stufa di nascondersi e propone ingenuamente di parlare al padre della loro relazione. Michele, che immagina la reazione del padre, nonché suo amico, si 14

21 oppone e approfitta della discussione per troncare la relazione, diventata ormai troppo pericolosa. Il padre e amico, intanto, osserva la scena da lontano. Soggetto del prologo: la partita a carte viene interrotta da una festa a sorpresa in onore di Michele. Durante la festa il padre della ragazza e Michele escono e, camminando, incontrano una persona armata: vi è una colluttazione tra Michele e la persona armata che, in fine, gli spara. Il padre della ragazza si allontana indifferente dalla scena. La struttura di navigazione: La navigazione è suddivisa quindi in tre fasi: il prologo, lo sviluppo delle tre storie parallele e l epilogo al quale lo spettatore accede dopo aver visionato tutte e tre le storie. La visione inizia dal prologo dove i protagonisti giungono al tavolo da gioco ed incominciano la loro partita a carte. La partita è una mano di poker montata a loop 17, e quindi, una volta terminata la mano questa ricomincia nuovamente dall inizio. Il loop rappresenta lo snodo dal quale si accede alle tre storie parallele. Lo spettatore potrebbe guardare la stessa partita all infinito senza che gli venga in mente di fare alcunché, visto che il filmato è privo di interfaccia grafica; non esiste nessun pulsante o scritta o icona grafica che possa suggerire l interattività. Ma come fa quindi lo spettatore a sapere quando e dove cliccare per proseguire la visione, se manca l interfaccia grafica? Sono gli attori che suggeriscono allo spettatore cosa deve fare: i protagonisti, poco per volta iniziano a dare segni di impazienza, guardano in macchina, bussano contro il vetro della telecamera, sbuffano guardando lo spettatore dritto negli occhi. L infrazione del linguaggio cinematografico è l espediente utilizzato per segnalare allo spettatore che deve fare qualcosa. L unico strumento a disposizione dello spettatore è il mouse, che, muovendolo, scopre che il cursore si trasforma da freccia a manina rivelando così delle aree 17 Dall inglese anello. 15

22 sensibili su cui è possibile cliccare. Le aree sensibili sono in corrispondenza dei primi piani di ognuno dei tre protagonisti dai quali si diramano le rispettive storie. Come abbiamo visto dalla sceneggiatura i personaggi intorno al tavole sono quattro, tre dei quali hanno storie legate al quarto personaggio e cliccando quindi su uno dei tre attori si potrà accedere alla sua storia. Terminata la prima storia si ritorna al loop, e a questo punto lo spettatore ha capito il meccanismo di navigazione e potrà cliccare sul secondo personaggio e accedere alla seconda storia e successivamente alla terza. Terminata la terza e ultima storia non si ritorna più al loop, ma si accede direttamente all epilogo dove i tre personaggi risolveranno i propri conti in sospeso con il quarto personaggio. 16

23 (fig. 7) Schema della struttura di navigazione dell Ultima partita 17

24 DVD-video, interattività e programmazione. L ultima partita. di Maurizio Bonino. Il Digital Versatile Disc, o DVD nell uso comune, è un supporto di tipo ottico che implementa diversi standard di organizzazione dei dati. Quello per cui è maggiormente conosciuto è lo standard DVD-video, diffuso in tutto il mondo principalmente per la vendita e il noleggio home della produzione cinematografica. Sebbene così universalmente utilizzato, in realtà lo standard DVD-video, è poco conosciuto riguardo alla sua potenzialità di programmazione. Nel caso cinematografico, infatti, è generalmente limitata alla scelta di eventuali contenuti extra e opzioni di lingua e sottotitoli. La sperimentazione svolta con L ultima partita, al contrario, utilizza a fondo le opzioni di programmazione offerte dallo standard per ottenere quell interattività che era definita negli obiettivi del progetto. Vediamo come. Il software utilizzato è Scenarist, noto per la sua grande affidabilità, pari almeno all ostilità della sua interfaccia. La logica di programmazione è una variante semplificata di quella a oggetti, mediata da interfaccia grafica. Ogni segmento lineare di video viene implementato come Program Chain (PGC), e ad esso si possono attribuire delle istruzioni iniziali (Pre) e finali (Post), oltre che delle aree sensibili diversamente collocate sul piano dello schermo e sull asse del tempo. Le istruzioni disponibili sono limitate a un set predefinito, in quanto lo standard deve mantenere la compatibilità con i lettori stand-alone dalla limitata capacità di calcolo 18. Le istruzioni si riferiscono a degli appositi registri di programma (GPRM), in cui vengono memorizzati i valori generati. 18 La nuova generazione di questi dischi, HD-DVD e Blu-ray, non risente più di queste limitazioni, adottando Java come linguaggio di programmazione. 18

25 I registri disponibili sono 16 e dispongono di 16 bit di indirizzamento ciascuno (valori tra 0 e 65535). (fig. ) Interfaccia del software Scenarist Sono definibili tre tipi di comandi di navigazione: - Type 1 è un istruzione che esegue direttamente un comando di navigazione. - Type 2 è una coppia di istruzioni che attraverso operazioni logiche di comparazione esegue direttamente un comando di navigazione. - Type 3 è come il Type 2 ma esegue il comando di navigazione mediante una SubInstruction. La navigazione de L ultima partita è stata programmata utilizzando cinque GPRM e diversi set di istruzioni Type 1 e Type 2. Il primo registro è stato utilizzato per creare la prima condizione necessaria: 19

26 l accesso all epilogo è subordinato alla visione di tutti gli elementi della storia. L esecuzione di uno dei tre elementi nascosti aggiunge 100 al registro GPRM0 che inizialmente è a valore 0. Una semplice comparazione realizza la condizione richiesta: # if(gprm0==300)linkpgcn epilogo. A ognuna delle tre ramificazioni nascoste è stato assegnato un registro separato (GPRM11, GPRM12, GPRM13) al fine di consentirne la visione solo una volta. Questo anche per non falsare il valore del primo registro (GPRM0) con ripetizioni non significative. L inquadratura utilizzata come àncora è, per tutta la sua durata, sensibile al click del mouse o al tasto invio del telecomando; l esecuzione del link è subordinata alla condizione # if(gprm11!=1)linkpgcn auto. La visione del ramo nascosto auto comporterà due istruzioni: #1 AddGPRM0,100 (aggiungi 100 al valore GPRM0) #2 MovGPRM11,1 (fissa il valore del GPRM11 a 1) che renderanno di fatto inattiva l area sensibile e porteranno lo score principale di un terzo più vicino all obiettivo finale. Il quinto registro (GPRM10) è stato utilizzato per introdurre delle piccole varianti metafilmiche nel loop principale, in modo da sollecitare l interazione da parte dell utente. Il loop video principale è composto da tre versioni leggermente differenti della stessa scena, direttamente collegate in sequenza a-b-c con dei comandi Type 1. Il registro GPRM10 viene inizialmente fissato a un valore casuale compreso tra 1 e 3. Il valore del registro determinerà così il punto d ingresso all interno del ciclo. 20

27 (fig. ) Interfaccia del software Scenarist 21

28 22

29 23

30 SPERIMENTAZIONE 2 HYPER SYSTEMS DESIGN HyperSystemDesign è una sperimentazione condotta negli ambiti della tesi di dottorato 19 Approccio sistemico applicato alla didattica a distanza nell era del WEB 2.0. e della ricerca Graphic & Virtual Design per l'e-learning 20. HyperSystemDesign è una raccolta di filmati interattivi che sfruttano la forma del link sincronizzato semplice. I filmati sono frutto della documentazione del master Systems Design del Politecnico di Torino. Gli obiettivi L obiettivo del progetto è produrre materiale didattico utilizzabile come strumento di apprendimento a distanza individuando nel filmato interattivo una modalità di archiviazione e sistematizzazione. Le finalità Supporto alla didattica del master System Design e del modulo Design di sistemi della laurea magistrale in Ecodesign della 1ª Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino. Archivio e sistematizzazione dei materiali didattici La tecnologia utilizzata: 19 Alessandra Rasetti, Approccio sistemico applicato alla didattica a distanza nell era del WEB 2.0., tesi si dottorato in Innovazione Tecnologica per l architettura e il Disegno Industriale, XX ciclo, tutor prof. Luigi Bistagnino, Politecnico di Torino, Graphic & Virtual Design per l'e-learning - Responsabile Luigi Bistagnino, Campo di ricerca: Disegno Industriale - Sperimentazioni di comunicazioni per la didattica online del Dipartimento di Progettazione Architettonica della 1ª Facoltà di Architettura del Politecnico di Torino,

31 Il software utilizzato è Hyperfilm Authoring Tool, uno strumento che permette di realizzare, modificare e distribuire video interattivi. Il software permette all autore di associare ad un filamto, collegamenti a file di diversa natura (immagini, testi, presentazioni, filamti ), definendone le caratteristiche di collegamento e le modalità di utilizzo. L interfaccia del software prevede di rappresentare il nodo informativo, con una etichetta di testo che lo descriva (la sua àncora ipermediale), e che questa etichetta di testo venga prodotta nel tempo più rappresentativo possibile dell intera sequenza. L etichetta di testo ha il non facile compito di rappresentare simbolicamente l intero nodo e di fornire un elemento da cui sia possibile accedere, interattivamente, al contenuto esterno. Quindi l interfaccia consiste in una finestra suddivisa in due spazi: sulla sinistra, è è collocato il filmato e i suoi relativi pulsanti di gestione (play, pausa, stop, la barra del tempo col cursore interattivo e la regolazione dell audio), la parte destra costituisce invece lo spazio dedicato alle etichette che compaiono a mano a mano che la linea narrativa del filmato procede, formando una lista di link interattvi. Ogni link è identificato col numero di Time Code del filmato, quindi col suo punto esatto sulla linea temporale, espresso in minuti, secondi e fotogramma e da un titolo relativo al suo contenuto. Hyperfilm Authoring Tool un software proprietario della casa di produzione omonima 21. La sperimetazione: Individuate le lezioni filmate più rappresentative del master, si è proceduto destrutturando la lezione in possibili link di approfondimento e di supporto alla lezione sulla linea temporale del filmato composti da materiale video, testuale, immagini e link al web

32 (fig. 8) L interfaccia di Hyperfilm, applicata alla lezione Che cos è l innovazione, lezione del prof. Luigi Ristagnino, ottobre La struttura di navigazione Il link è visitabile in qualunque momento del filmato. Cliccando su un link si accede quindi ad un contenuto che abbiamo detto può essere un testo, un filmato, un immagine, un link al web. Il filmato si ferma, e nella parte destra della finestra dell interfaccia, in corrispondenza della lista di link, si apre una nuova finestra con il nuovo contenuto. Terminata la consultazione del nuovo contenuto di approfondimento, si chiude la sua finestra per tornare al filmato principale. 26

33 (fig. 9) La navigazione di Hyperfilm: esempio di un link con un contenuto filmato. (fig. 10) La navigazione di Hyperfilm: esempio di un link con un contenuto testuale. 27

34 28

35 IL FILMATO INTERATTIVO SUL WEB Secondo la tassonomia di Diana Laurillard descritta precedentemente, Internet è un media multimediale interattivo, ambiente, questo, dove il filmato scopre nuove applicazioni e ambiti di sperimentazione. Il web 2.0 Negli ultimi anni il Web si è trasformato in maniera radicale, al punto di sentire la necessità di attribuirgli un nuovo nome: Web 2.0. Non è facile descrivere esattamente cosa sia il Web 2.0 e quali applicazioni ne facciano parte. Secondo Wikipedia (e non è casuale l uso di Wikipedia e più avanti capiremo perché) è la seconda generazione di servizi disponibili sul World Wide Web che permettono alle persone di collaborare e scambiarsi informazioni on line. In contrapposizione con la prima generazione, il Web 2.0 fornisce agli utenti un esperienza più vocina alle applicazioni desktop piuttosto che alle tradizionali pagine Web statiche 22. In altre parole siamo in presenza di strumenti che facilitano la partecipazione attiva sul Web. Il termine nasce nel 2004 da un articolo di Tim O Reilly 23 dove analizza le differenze tra web di prima generazione e web di seconda generazione: Web 1.0 Web 2.0 DoubleClick--> Google AdSense Ofoto--> Flickr Akamai--> BitTorrent Tim O' Reilly, 29

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9 Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it Moodle-manuale manuale per il docente Generazione Web 2013-14 - G9 Come utilizzare Moodle La versatilità di Moodle consente la totale personalizzazione dell interfaccia,

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Ipertesti e Internet. Ipertesto. Ipertesto. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Ipertesti e Internet Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Ipertesto Qualsiasi forma di testualità parole, immagini,

Dettagli

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning.

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Manuale sintetico Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Moodle fornisce un supporto all attività didattica attraverso una serie di strumenti molto ampia

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine. MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE

PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine. MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE Introduzione 1. Requisiti di sistema 2. Accesso alla piattaforma didattica 2.1. Informazioni

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Tecnologie Educative Cazzaniga Paolo Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Outline Formazione a distanza 1 Formazione a

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

roberto.albiero@cnr.it

roberto.albiero@cnr.it 2.2 Gestione dei file 2.2.1 Concetti fondamentali Un file (termine inglese che significa archivio) è un insieme di informazioni codificate ed organizzate come una sequenza di byte; queste informazioni

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

Fondamenti di Informatica per l'apprendimento

Fondamenti di Informatica per l'apprendimento per l'apprendimento Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Le tecnologie educative Tecnologie digitali educative: Formazione

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof. A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.ssa Gabriella Princiotta (componenti del Team) con la supervisione

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

Google Drive i tuoi file sempre con te

Google Drive i tuoi file sempre con te IMMAGINE TRATTA DALL'EBOOK "GOOGLE DRIVE E LA DIDATTICA" DI A. PATASSINI ICT Rete Lecco Generazione Web Progetto Faro Google Drive Che cos è? Nato nel 2012 Drive è il web storage di Google, un spazio virtuale

Dettagli

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia

Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Da oggetto della comunicazione di massa a protagonisti della produzione di contenuti La nuova certificazione ECDL Multimedia Pier Paolo Maggi, Gianmario Re Sarto AICA pierpaolomaggi@aicanet.it - g.resarto@aicanet.it

Dettagli

Internetopoli, alla scoperta della Rete

Internetopoli, alla scoperta della Rete Internetopoli, alla scoperta della Rete Giorgia Bassi, Beatrice Lami, Gian Mario Scanu Ludoteca.it - Registro.it Via G. Moruzzi 1, 56100 Pisa giorgia.bassi@iit.cnr.it beatrice.lami@iit.cnr.it gianmario.scanu@iit.cnr.it

Dettagli

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti Franco Di Cataldo La piattaforma etwinning costituisce un riferimento importante per la valorizzazione ed il potenziamento di progetti europei

Dettagli

PowerPoint 2007 Le funzioni

PowerPoint 2007 Le funzioni PowerPoint 2007 Le funzioni Introduzione Cos è un ipertesto L' ipertesto è un testo organizzato in link, o collegamenti ad altre parti del testo e/o altri testi, in modo da consentire all utente di scegliere

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Figura 1 - Schema di WEBQuest

Figura 1 - Schema di WEBQuest Un WebQuest, così come è definito nel sito webquest.org (una tra le risorse più complete nel Web sul modello di WebQuest) è "un'attività orientata all'indagine nella quale alcune o tutte le informazioni

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti

Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti Premessa: La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello

Dettagli

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Perchè lʼintroduzione

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE DOMANDE FREQUENTI In queste pagine potete trovare un elenco di domande e dubbi che riguardano www.i-d-e-e.it. Per qualsiasi altra informazione, non esitate a contattarci via mail all indirizzo info@i-d-e-e.it.

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria

EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria eipass EIPASS Junior Programma analitico d esame Scuola Primaria Programma analitico d esame EIPASS Junior Scuola Primaria Premessa La nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali

Dettagli

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro Requisiti tecnici per la produzione di moduli formativi destinati all offerta didattica del progetto INCREASE Allegato

Dettagli

WEB 2.0 PER CRESCERE. Sfruttare le potenzialità del Web 2.0 per far conoscere la Lunigiana

WEB 2.0 PER CRESCERE. Sfruttare le potenzialità del Web 2.0 per far conoscere la Lunigiana WEB 2.0 PER CRESCERE Sfruttare le potenzialità del Web 2.0 per far conoscere la Lunigiana Web 2.0 L'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione tra il

Dettagli

San Marco: una scuola on-line

San Marco: una scuola on-line San Marco: una scuola on-line Anno scolastico 2002/2003 Ins. Elisabetta LANDI Progetto curricolare di inserimento delle nuove tecnologie nell insegnamento delle varie discipline e di realizzazione del

Dettagli

Multimedialità. Parte V Editoria Multimediale. Corso di Laurea Cultura e Stilismo della Moda Esperti di linguaggi multimediali e tendenze moda

Multimedialità. Parte V Editoria Multimediale. Corso di Laurea Cultura e Stilismo della Moda Esperti di linguaggi multimediali e tendenze moda Corso di Laurea Cultura e Stilismo della Moda Esperti di linguaggi multimediali e tendenze moda Parte V Editoria Multimediale Corso: Sistemi di Elaborazione Dati Docente: Ing. Ivan Bruno E-mail: ivanb@dsi.unifi.it

Dettagli

Università Politecnica delle Marche. Progetto Didattico

Università Politecnica delle Marche. Progetto Didattico Università Politecnica delle Marche Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione Sede di Ancona Anno Accademico 2011-2012 Corso di Tecnologie WEB Docente prof. Alessandro

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI

NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI NOMENCLATURA INTERFACCIA DI INTERNET EXPLORER Pagina 6 PRINCIPALI PULSANTI DELLA BARRA DEGLI STREUMENTI Richiama la pagina visualizzata in precedenza Richiama la pagina visualizzata dopo quella attualmente

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

L'applicazione dei metadati gestionali nel processo di digitalizzazione dell'archivio Sonoro - Audiovisivo della Discoteca di Stato

L'applicazione dei metadati gestionali nel processo di digitalizzazione dell'archivio Sonoro - Audiovisivo della Discoteca di Stato L'applicazione dei metadati gestionali nel processo di digitalizzazione dell'archivio Sonoro - Audiovisivo della Discoteca di Stato Francesco Baldi L'utilizzo dei metadati per la gestione degli oggetti

Dettagli

Insegnare con il blog. Materiale tratto da:

Insegnare con il blog. Materiale tratto da: Insegnare con il blog Materiale tratto da: Weblog La parola "blog" nasce dalla contrazione del termine anglosassone "weblog" che, letteralmente, significa "traccia nella rete". Il blog infatti rappresenta

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Molto efficaci per linkare il proprio sito web e aumentarne il traffico e la visibilità sul web.

Molto efficaci per linkare il proprio sito web e aumentarne il traffico e la visibilità sul web. Sistemarsi (http://www.sistemarsi.com) è un nuovo portale web, figlio del portale web EsaJob (http://www.esajob.com), social network oriented, rivolto al mondo dell immobiliare e a tutti i servizi ad esso

Dettagli

Incastra nella poltiglia, marca il territorio, trascina con te

Incastra nella poltiglia, marca il territorio, trascina con te Incastra nella poltiglia, marca il territorio, trascina con te Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia Diapositiva 1 di 38 Tags, etichette per la costruzione del significato

Dettagli

Sardegna digital library VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI BENI

Sardegna digital library VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI BENI Sardegna digital library VALORIZZAZIONE E FRUIZIONE DEI BENI La memoria digitale della Sardegna CULTURALI IN SARDEGNA La memoria digitale della Sardegna Un bene pubblico accessibile a tutti La Digital

Dettagli

Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA

Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA Dall opac a BiblioEst: i servizi di Front office del Polo TSA paola poli Abstract Perché affiancare all Opac già in uso un altro strumento di ricerca? In questo intervento vengono illustrate le ragioni

Dettagli

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO CARATTERISTICHE FUNZIONALI DELLA SOLUZIONE TECNOLOGICA DEDICATA ALLA FORMAZIONE E ALL'AGGIORNAMENTO A DISTANZA

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

Lezione del 27 febbraio 2006

Lezione del 27 febbraio 2006 Lezione del 27 febbraio 2006 Docente: Volpato Roberta Responsabile di segreteria: Carla Croveri Temi trattati: Evoluzioni della fad Tipologie di materiali presenti in rete per la creazione di contenuti

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti Anno Accademico 2013/2014 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura

Dettagli

Esistono sostanzialmente due metodi per inserire un video online (preso da siti di video sharing come Youtube) in un powerpoint slideshow :

Esistono sostanzialmente due metodi per inserire un video online (preso da siti di video sharing come Youtube) in un powerpoint slideshow : Arricchire con contenuti multimediali uno slideshow di Powerpoint, sia per fare presentazioni a carattere professionale, didattico o per presentare una tesi-relazione, in determinate circostanze può veramente

Dettagli

Lezione 15: Animazione

Lezione 15: Animazione Lezione 15: Animazione Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione Origini Produrre animazioni Animazione tradizionale (2D) Animazione digitale 2D Animazione digitale 3D

Dettagli

Creazione di un ipertesto con Word

Creazione di un ipertesto con Word Creazione di un ipertesto con Word Realizzare un ipertesto per illustrare la storia dell esplorazione dello spazio. Descriviamo le fasi principali per la creazione di un ipertesto: a. all inizio occorre

Dettagli

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DELLO STUDENTE Sommario 1. Introduzione... 3 2. Registrazione... 3 3. Accesso alla piattaforma (login)... 4 4. Uscita dalla piattaforma (logout)... 5 5. Iscriversi a

Dettagli

Guida all uso. Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet).

Guida all uso. Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet). Guida all uso Guida all uso Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet). La Guida è sempre disponibile all interno della tua

Dettagli

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico

MANUALE MOODLE. Gestione Materiale Didattico MANUALE MOODLE Gestione Materiale Didattico 1 INDICE 1. INTRODUZIONE E DEFINIZIONE DI UN CORSO MOODLE... 4 2. FORMATO DI UN CORSO MOODLE... 6 2.1. Impostazione del formato di un corso Moodle... 6 2.2.

Dettagli

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano Giuliano Gaia - Stefania Boiano Sommario 1. Che cos è il podcasting... 7 2. Trovare e ascoltare i podcast... 15 3. Creare il primo podcast... 33 4. Podcast di qualità... 65 5. Sperimentare... 99 6. Di

Dettagli

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail Reti Informatiche: Internet e posta elettronica Tina Fasulo 2012 Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail 1 Parte prima: navigazione del Web Il browser è un programma che consente

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL ISTRUZIONE E DELL APPRENDIMENTO LEZIONE II IPERTESTI E WEB ANTOLOGIE CON WORD PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 L ipertesto un modo naturale di elaborare le

Dettagli

New Team Up in English Flip-Book Guida all uso

New Team Up in English Flip-Book Guida all uso New Team Up in English Flip-Book Indice 1 Introduzione p. 3 2 Procedura d avvio p. 4 2. 1 Procedura per PC WIN p. 4 2. 2 Procedura per Mac p. 4 2. 3 Procedura per Linux p. 4 3 Creazione del profilo p.

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE

INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Università del Tempo Libero Caravaggio INTERNET PER INIZIARE PRIMA PARTE Prof. Roberto Foglia roberto.fogl@tiscali.it 21 gennaio 2016 COS È INTERNET È una rete di composta da migliaia di reti di computer

Dettagli

Il tuo Blog in 5 mosse (o anche meno )

Il tuo Blog in 5 mosse (o anche meno ) Cos è un blog? E' uno spazio di interazione, un modo per stare (virtualmente) insieme agli altri e per esprimere liberamente la propria creatività, la propria opinione sui più svariati argomenti; è anche

Dettagli

DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica

DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica DOL Modular Formazione online per insegnanti della scuola italiana Offerta didattica A cura dello staff DOL Formazione online per insegnanti della scuola italiana si rivolge a docenti di qualsiasi livello

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti 9 agosto 2012 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura ad albero Ogni

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci)

FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa Maila Pentucci) SCHEDA ANALITICA PROGETTUALE TITOLO DEL PROGETTO: LA RETE DA SCRIVERE A.S.2013-2014 FARE STORIA CON I LUOGHI DI MEMORIA: SPAZIO E TEMPO TRA TERRITORIO E RETE (con l affiancamento dell esperta Prof.ssa

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA A DOCEBO ACCESSO A DOCEBO L indirizzo di DOCEBO dell IPSSAR è il seguente: www.ipssarvieste.info/docebo. C è un apposito link nella parte bassa della

Dettagli

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA

RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA RETE DIDATTICA MULTIMEDIALE LINGUISTICA SOFTWARE Ver. 6.0 Pagina 1 Software di rete didattica Con opzione di laboratorio linguistico digitale A.A.C. La soluzione proposta permette di realizzare, partendo

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Moodle per docenti. Indice:

Moodle per docenti. Indice: Abc Moodle per docenti Indice: 1. 2. 3. 4. ACCEDERE ALL INTERNO DELLA PIATTAFORMA MOODLE. pag 1 INSERIRE UN FILE (es. Piano di lavoro e Programmi finali)... pag 4 ORGANIZZARE UN CORSO DISCIPLINARE (inserire

Dettagli

Artigiani di Podcast. Lezione del 8 febbraio 2012. Fabio P. Corti

Artigiani di Podcast. Lezione del 8 febbraio 2012. Fabio P. Corti Artigiani di Podcast Lezione del 8 febbraio 2012 Che cosa è un podcast? Un podcast è un programma a episodi distribuito via internet usando un protocollo specifico chiamato RSS. Gli episodi dei podcast

Dettagli

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università.

Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Valutare gli ambienti digitali e valutare negli ambienti digitali. E-learning, valutazione e università. Luciano Cecconi Professore associato di Pedagogia sperimentale Facoltà di Scienze della Formazione

Dettagli

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti Studium.UniCT Tutorial Studenti v. 6 06/03/2014 Pagina 1 Sommario 1. COS È STUDIUM.UniCT... 3 2. COME ACCEDERE A STUDIUM.UniCT... 3 3. COME PERSONALIZZARE IL PROFILO...

Dettagli

Benvenuti a My Digital Book di Treetops Plus!

Benvenuti a My Digital Book di Treetops Plus! Benvenuti a My Digital Book di Treetops Plus! Introduzione Oggi gli insegnanti si trovano davanti alla sfida di introdurre nella classe l intera gamma di risorse offerte dalle nuove tecnologie allo scopo

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7. Lezione 3: Altri servizi in rete Netiquette. Anno 2011/2012 Syllabus 5.0

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7. Lezione 3: Altri servizi in rete Netiquette. Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7 Lezione 3: Altri servizi in rete Netiquette Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Con RSS (Really Simple Syndacation) si intende un protocollo per la pubblicazione di

Dettagli

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete

Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Audiovisivo 2.0: scenari e strumenti della rete Associazione Documentaristi Emilia Romagna 12 aprile 2012 obiettivi come i nuovi strumenti digitali possono diventare veri e propri alleati per la formazione

Dettagli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli

INTERNET. Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli INTERNET Un percorso per le classi prime Prof. Angela Morselli PARTE 1 INTERNET: LA RETE DELLE RETI 2 È ALQUANTO DIFFICILE RIUSCIRE A DARE UNA DEFINIZIONE ESAUSTIVA E CHIARA DI INTERNET IN POCHE PAROLE

Dettagli

Convegni on-line. Descrizione dell Offerta. 25 novembre 2009. ver. 1.1. Sintresis s.r.l. tel: 0125/627026. 10015 Ivrea email: info@sintresis.

Convegni on-line. Descrizione dell Offerta. 25 novembre 2009. ver. 1.1. Sintresis s.r.l. tel: 0125/627026. 10015 Ivrea email: info@sintresis. Convegni on-line Descrizione dell Offerta 25 novembre 2009 ver. 1.1 Sintresis s.r.l. tel: 0125/627026 via Castiglia, 4 http://www.sintresis.it 10015 Ivrea email: info@sintresis.it Indice 1. Introduzione...3

Dettagli

Introduzione a Wordpress. Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6)

Introduzione a Wordpress. Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6) Introduzione a Wordpress Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6) Indice Rilevazione aspettative e competenze in ingresso Patto formativo Presentazione di WP Premesse

Dettagli

Implementare ipermedia

Implementare ipermedia Implementare ipermedia Presentazione Alla fase di progettazione e di sviluppo di un ipermedia segue quella della sua implementazione ossia della sua realizzazione in qualcosa di fruibile online o comunque

Dettagli

Introduzione...2. 1. Requisiti di sistema.. 4. 2. Accesso alla piattaforma...5. 3. Come registrarsi e navigare nella piattaforma...

Introduzione...2. 1. Requisiti di sistema.. 4. 2. Accesso alla piattaforma...5. 3. Come registrarsi e navigare nella piattaforma... Piattaforma @pprendo Manuale Tutor aziendale INDICE Introduzione...2 1. Requisiti di sistema.. 4 2. Accesso alla piattaforma.....5 3. Come registrarsi e navigare nella piattaforma..... 6 3.1 Iscriversi

Dettagli

Uso dei Blog Aulevirt e Polser per lo studio e il lavoro professionale

Uso dei Blog Aulevirt e Polser per lo studio e il lavoro professionale E stato chiesto da un partecipante al Laboratorio di dedicare uno spazio alle tecniche di creazione e uso dei Blog. Poiché il tema non fa parte esplicitamente parte del nostro percorso didattico ho pensato

Dettagli

ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS

ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS ITALIANO L2.0. Gli strumenti e le potenzialità del web 2.0 nella didattica dell italiano L2/LS L utilizzo dei social network nelle attività di progetto in classe XXVIII Corso PLIDA di aggiornamento per

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per gli studenti

Guida rapida all uso di Moodle per gli studenti Guida rapida all uso di Moodle per gli studenti Introduzione La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi on-line. Per chi accede come studente, essa

Dettagli

Navigare in Internet

Navigare in Internet Navigare in Internet ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Word Wide Web = WWW = Ragnatela estesa a tutto il mondo In questo argomento del nostro

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli