SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio Calci (PISA) dal 24 aprile al 16 maggio 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio Calci (PISA) dal 24 aprile al 16 maggio 2004"

Transcript

1 Dipartimento di Scienze Archeologiche Dipartimento di Scienze Botaniche Museo di Storia Naturale e del Territorio Commissione Musei di Ateneo SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio Calci (PISA) dal 24 aprile al 16 maggio 2004 Ideazione, progetto, direzione scientifica e coordinamento Renata Grifoni Cremonesi

2 Comitato d onore Marco Pasquali, Rettore dell Università di Pisa; Umberto Mura, Preside della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali; Alfonso Iacono, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia; Paolo Meletti, già Presidente della Commissione Musei; Franco Strumia, Direttore del Museo di Storia Naturale e del Territorio; Marisa Bonamici, Direttore del Dipartimento di Scienze Archeologiche; Fabio Garbari, Direttore del Dipartimento di Scienze Botaniche, Presidente della Commissione Musei; Paolo Fontanelli, Sindaco di Pisa; Stefano Lazzerini, Sindaco di Calci; Gino Nunes, Presidente della Provincia di Pisa; Mariella Zoppi, Assessore Regionale alla Cultura L uomo e le piante nella Preistoria Calci, 24 aprile - 16 maggio 2004 In ricordo di Antonio Mario Radmilli, Ezio Tongiorgi e Giuliano Cremonesi che sempre sostennero la necessità di ricorrere ai mezzi offerti dalle Scienze Naturali per meglio studiare e interpretare la più antica storia dell Uomo. Testi e ricerca della documentazione grafica Lucia Amadei; Marzia Bonato;Tomaso Di Fraia; Alessandra Giampietri; Giuseppe Pistolesi; Barbara Zamagni Disegni di carattere botanico Lucia Amadei Bibliografia curata da Barbara Zamagni Elaborazione grafica e composizione pannelli Alessandra Giampietri e Gianluca Cantoro Grafica di copertina Gianluca Cantoro e Alessandra Giampietri Allestimento Lucia Amadei; Marzia Bonato; Neva Chiarenza; Renata Grifoni Cremonesi; Giuseppe Pistolesi; Barbara Zamagni Materiali esposti Collezioni Dipartimento di Scienze Archeologiche Oggetti sperimentali: Mario Dini Oggetti attuali: collezioni Renata Grifoni Cremonesi, Tomaso Di Fraia, Kirsti Kuivalai Nicotra, Marzia Bonato Campioni vegetali e piante vive: Orto Botanico e Museo Botanico Sperimentazione colorazione fili: Centro di Archeologia Sperimentale di Torino Le immagini sono ricavate da pubblicazioni e dagli archivi del Dipartimento di Scienze Archeologiche e dall archivio di Giuseppe Pistolesi Nell ambito dei lavori della Commissione Musei di Ateneo si è presentata l occasione di una collaborazione tra archeologi e botanici in un campo che li vede impegnati nella ricostruzione degli antichi paesaggi e delle economie. Da qui l idea di una Mostra sul rapporto tra il mondo vegetale e l uomo durante la Preistoria. Sicuramente uno dei primi motivi di questa scelta è il desiderio di far comprendere meglio i problemi di una disciplina, la Preistoria, che in Italia è scarsamente nota e che difficilmente si studia nelle scuole. Un altro intento che ha ispirato la Mostra è stato quello di far conoscere ai giovani le piante che ancora oggi fanno parte integrante della nostra vita. Fondamentale durante le varie fasi del lavoro è stato il rapporto con gli studiosi di botanica, in quanto la ricerca preistorica si deve avvalere di tutti i mezzi offerti dalle scienze naturali per poter interpretare e datare ciò che proviene dagli scavi: non solo gli archeologi ma anche geologi, sedimentologi, archeozoologi, archeobotanici, antropologi, fisici, chimici, tutti portano il loro importante contributo alle scienze che studiano la storia dell uomo. Nel caso della botanica, in particolare, molteplici sono gli apporti alla Preistoria, dall archeobotanica - che studia i resti vegetali provenienti dai contesti archeologici - alla dendrocronologia, che permette di correggere, calibrandole tramite il computo degli anelli di crescita dei tronchi degli alberi, le datazioni ottenute col metodo del radiocarbonio. Anche la geologia, con lo studio di alcuni tipi di rocce come i travertini, che spesso inglobano durante la loro formazione resti vegetali, e la paleontologia, con l analisi di innumerevoli resti fossili vegetali, aiutano a ricostruire i più antichi ambienti. Le piante, nella Preistoria come oggi, hanno condizionato lo sviluppo culturale e tecnologico dell umanità: i cambiamenti ambientali dovuti alle variazioni climatiche

3 del Quaternario hanno causato innumerevoli mutamenti dei paesaggi e delle risorse, variazioni cui l uomo si è sempre saputo adattare, sfruttando al meglio tutto quanto offriva l ambiente in cui viveva. Dalle piante ricavava una parte importante dell alimentazione, nel Paleolitico con la raccolta di specie selvatiche e in seguito, dopo la nascita dell agricoltura, con specie coltivate; ma ricavava anche il legno per il fuoco, le abitazioni, gli strumenti, le imbarcazioni, le fibre per corde e vestiti, i vimini, le essenze medicinali. Anche se i resti vegetali giunti fino a noi sono relativamente pochi, abbiamo la possibilità, grazie a tecniche di indagine appropriate, di ricostruire molti degli aspetti della vita quotidiana durante tutto l arco della Preistoria: ne risulta un quadro ricco di elementi variati che vanno dai metodi di accensione del fuoco mediante esche vegetali, ai vari modi di costruire capanne con tronchi di albero e pareti di frascame intonacato, e di cui ci restano le impronte di rami e foglie. Riemergono, soprattutto dalle palafitte e da altri siti di luoghi umidi o di torbiere, gli strumenti con i manici di legno, i vasi e altri oggetti domestici, i tessuti, i manufatti in vimini e in scorza di betulla, ma anche aratri e gioghi, archi e piroghe e addirittura focacce e pagnotte. Estremamente interessanti sono poi le testimonianze di vere e proprie strade costruite con fascine e tronchi, utili per attraversare le zone paludose, i resti di ruote, carri, slitte e sci. Ci si accorge del livello tecnico raggiunto in tempi così antichi dai nostri progenitori soprattutto in occasione di rinvenimenti eccezionali, come è stato nel caso della mummia del Similaun, datata al a.c. Ötzi era in grado di scegliere i materiali più adatti e di utilizzarli sfruttandone al meglio le caratteristiche come dimostrano i reperti eccezionalmente conservati dal ghiaccio e a lui appartenuti, con indicazioni preziose sul vestiario, dal mantello di graminacee alpine alle scarpe imbottite di paglia, ai numerosi oggetti in materie vegetali che aveva nella gerla e in una specie di marsupio. È sicuramente in casi come questi che ci si rende conto di che patrimonio sia andato perduto col tempo. Durante i millenni della sua evoluzione l uomo ha conosciuto le proprietà delle piante e tra queste sicuramente anche quelle più utili alla sua salute: molte specie vegetali, presenti in diversi insediamenti, potevano essere utilizzate con intenti medicinali. Ci sono testimonianze per l uso medicinale del propoli, del poliporo di betulla, verosimilmentedel papavero da oppio; ipotizzabile è anche l uso di altre piante che provocano delirio e allucinazioni, legate a pratiche sciamaniche, mentre sostanze vegetali venefiche potevano essere utilizzate per la caccia. Ma l uso delle piante nelle Preistoria permea tutto il mondo del sacro, come i resti di fiori deposti dai Neandertaliani di Shanidar su una tomba, atto gentile di estremo omaggio al defunto, o le offerte di cereali e frutti a divinità legate alla forza creatrice della natura rinvenute in molte grotte. Le fonti per ricostruire questo mondo perduto sono molteplici. Dove mancano resti che possono essere studiati dall archeobotanica, o a integrazione di questi, le fonti iconografiche, costituite da pitture e incisioni rupestri, offrono spunti di ricerca. Ma se la documentazione non è ancora sufficiente ci aiutano i confronti etnografici e il folklore: molte tecnologie semplici e molti oggetti essenziali sono rimasti pressoché immutati dalla Preistoria a pochi anni fa e quindi non è poi del tutto errato considerare alcuni manufatti recenti come un aiuto alla comprensione della vita quotidiana degli uomini della Preistoria. Nonostante la labilità delle tracce legate al mondo vegetale, le notizie raccolte e la documentazione iconografica sono state numerose e si è imposta una scelta per l allestimento dei pannelli: la Mostra ha scopi prettamente didattici e vuole stimolare spunti di ricerca e di interesse, o semplicemente di curiosità, non ha sicuramente la pretesa di essere esaustiva. Chi vuole approfondire gli argomenti trattati può avvalersi del piccolo catalogo che riporta, oltre ai testi dei pannelli, anche la bibliografia consultata per la redazione degli stessi. Anche la scelta degli oggetti da esporre ha seguito i criteri che hanno ispirato la Mostra: quindi vicino a reperti archeologici vi sono oggetti etnografici, in una sorta di continuità dalla Preistoria ai nostri giorni, o anche materiali frutto dell archeologia sperimentale, campo di studi finalizzato alla verifica di ipotesi archeologiche mediante il ricorso a esperimenti replicativi. Si vuole infine porre un ulteriore attenzione ai materiali freschi della Mostra, costituiti da molte di quelle piante che hanno costituito la base della sopravvivenza dei nostri progenitori e hanno permesso quello sviluppo tecnologico che ancora ora, nonostante il nostro essere estremamente smaliziati in questo campo, ci rende del tutto stupiti e quasi increduli. Desidero ringraziare vivamente tutti coloro che hanno voluto partecipare a questa iniziativa, colleghi e collaboratori che, con impegno e passione, hanno contribuito, ciascuno per le sue specificità, alla realizzazione e alla riuscita della Mostra. Pisa, aprile 2004 Renata Grifoni Cremonesi

4 L era geologica in cui ci troviamo tuttora a vivere è il Quaternario: ha inizio intorno a oppure anni fa a seconda delle interpretazioni. È suddiviso in Pleistocene, che termina anni fa ed Olocene che perdura tuttora. Il Pleistocene è contraddistinto da numerosi episodi glaciali alternati a fasi calde. La successione cronologica delle culture nell arco della preistoria in Europa è la seguente: PALEOLITICO INFERIORE ANNI FA I primi europei erano robusti ed abili cacciatori e raccoglitori nomadi, costituiti in piccole tribù, insediate in accampamenti, in grotte o all aperto. Fabbricavano strumenti in pietra, osso e legno adattandosi a situazioni climatiche da glaciali ad interglaciali. Intorno a anni fa iniziarono ad usare il fuoco. Il cranio dell uomo di Neandertal, protagonista del Paleolitico Medio, dalla Grotta Guattari, Circeo Uno strumento di pietra della ne del Paleolitico Inferiore, che denota tecniche raf nate nella fattura e un ottima funzionalità Le straordinarie rappresentazioni di animali della Grotta Chauvet - Francia. Paleolitico Superiore PALEOLITICO MEDIO ANNI FA L Uomo ha sempre un economia di caccia e raccolta, con insediamenti in grotta o in accampamenti all aperto. Ancora nomade, pratica le prime forme di sepoltura. Utilizza strumenti in pietra e legno. Il clima, inizialmente caldo e umido, diviene poi arido e freddo, caratterizzato da ambiente di steppa-prateria talora parzialmente arborata. PALEOLITICO SUPERIORE ANNI FA Si alternano fasi glaciali a momenti più temperati: quindi il ricoprimento vegetale steppico dei momenti aridi e freddi si arrichisce di alberi e arbusti quando il clima si fa più mite. L Uomo moderno (Homo sapiens) pratica la caccia, la raccolta e la pesca. Vive in insediamenti in grotta, in ripari o accampamenti all aperto. Oltre agli strumenti in pietra e legno, utilizza anche osso e corno. La spiritualità si concretizza, oltre che nelle sepolture, spesso in associazione a ricchi corredi, soprattutto nella nascita dell arte. MESOLITICO Un vaso di raf nata tecnica proveniente dal villaggio neolitico di Catignano, Pescara ANNI FA Si completa la deglaciazione e sia ffermano quercia e nocciolo. L attività venatoria è ora spesso rivolta ad animali di piccola taglia, alla pesca, alla raccolta di molluschi marini e terrestri e di una vasta gamma di risorse vegetali. Gli strumenti sono dei microliti in selce e quarzo; si usano inoltre strumenti in osso, corno e legno. Arpone in corno dai livelli mesolitici del Riparo di Romagnano, Trento ETÀ DEL RAME NEOLITICO ANNI FA L optimum climaticum favorisce un economia non più predatoria ma produttiva, basata sull agricoltura e l allevamento e con villaggi stabili. Il diboscamento operato nelle foreste presenti alle nostre latitudini in questo periodo, è attuato tramite strumenti in pietra levigata. Oltre alla selce e al quarzo, si usa anche l ossidiana di origine insulare. Nuove attività artigianali sono la ceramica e la tessitura. Le flore tendono mano a mano ad assumere la configurazione attuale. Il Neolitico rappresenta il primo grande impatto dell uomo sull ambiente ANNI FA Si diffonde la metallurgia del rame, dell oro e dell argento. Le nuove materie prime producono una differenziazione sociale spinta, con la comparsa di gruppi dominanti guerrieri: questa svolta è testimoniata dalle sepolture collettive, in grotticelle naturali o artificiali, o necropoli all aperto, spesso con ricchi corredi (pugnali di rame, punte di freccia, ornamenti). Inizia l allevamento del cavallo. Pugnale di rame da Grotta del Castello, Vecchiano, Pisa. Età del Rame L urna cineraria di Rossano di Zeri, Lunigiana. Età del Bronzo ETÀ DEL BRONZO ANNI FA La metallurgia del bronzo, una lega di rame e stagno, promuove commerci su vasta scala e una maggiore complessità dei gruppi sociali. L agricoltura diviene più produttiva con la diffusione dell uso dell aratro. Gli insediamenti all aperto possono definirsi proto-urbani. Si ha l affermazione della cremazione nel rituale funebre.

5 GEOLOGIA I vegetali fossilizzano difficilmente perché sono costituiti prevalentemente da materia organica, senza strutture di supporto minerali di grandi dimensioni. Tuttavia alcune rocce preservano spesso resti floristici. Il travertino, roccia sedimentaria di origine chimica che si forma per precipitazione di carbonato di calcio presso sorgenti, cascate, bacini lacustri, fiumi caverne, ingloba spesso elementi vegetali. Questi vengono incrostati dal carbonato di calcio che ne ricalca perfettamente la forma, anche nei minimi particolari. Pianta fossile del giacimento di Monte Bolca (Verona; Eocene: milioni di anni fa) Questa foglia, che ha lasciato un impronta sulla roccia che l ha inglobata, appartiene ad una pianta del periodo carbonifero (Gran Bretagna, milioni di anni fa) ed indica un clima di tipo equatoriale La silicizzazione è invece un processo di fossilizzazione in cui le sostanze organiche e inorganiche sono sostituite da silice: tipica è quella in cui si preservano legni fossili che a volte costituiscono intere foreste pietrificate. Il legno silicizzato venne anche utilizzato in epoca preistorica come materiale scheggiabile da cui ricavare strumenti. Un altro processo di fossilizzazione è quello di carbonizzazione: i vegetali carbonizzati forniscono i carboni fossili. Travertino in formazione: Poggio Conte, Viterbo Un esempio di fossilizzazione per mineralizzazione: sezione di un tronco silicizzato di conifera triassica ( milioni di anni fa; foresta pietri cata dell Arizona - USA) Foresta pietri cata nel parco di Yellowstone - USA DENDROCRONOLOGIA La dendrocronologia è un metodo di datazione basato sul principio che, nelle zone a clima temperato, in cui si ha alternanza di stagione calda e stagione fredda, i tronchi degli alberi formano ogni anno un nuovo anello. Questi sono più sottili negli anni caratterizzati da scarse precipitazioni e più larghi negli anni con clima più favorevole. Contando gli anelli di un tronco tagliato è possibile calcolarne l età; tuttavia gli alberi difficilmente vivono più di qualche centinaio d anni. Ponendo a confronto e sovrapponendo campioni di legname provenienti da siti archeologici, si può estendere il processo di datazione no alla preistoria Attualmente il calendario degli anelli copre un arco temporale che risale fino a circa anni fa: si tratta del caso della curva standard della quercia della Germania meridionale che copre tale arco di tempo ed è stata utilizzata per la datazione delle palafitte svizzere. Si tratta quindi di un procedimento che consente di collocare in un preciso arco di tempo un frammento di legno antichissimo purché in buono stato di conservazione. In questa rondella tratta da un tronco d albero sono evidenti gli anelli di accrescimento Raccogliendo però frammenti di tronchi da edifici antichi, scavi archeologici, sedimenti, ecc., è possibile identificare in questi sequenze di anelli che si possono ritrovare anche in campioni che hanno un età più recente o più antica: è sufficiente che vi sia stata sovrapposizione tra la vita di due piante. In questo modo si può ricostruire una sequenza continua di anelli all indietro nel tempo, che viene rappresentata graficamente con un diagramma, e stabilire la loro età assoluta semplicemente contandoli. Questa sequenza può essere utilizzata per le datazioni. La curva dendrocronologica è stata ottenuta per la prima volta usando il Pinus aristata della California che può vivere no a anni La dendrocronologia ha consentito di ricostruire uno schema cronologico fondato su fasi climatiche grazie allo studio di esemplari molto vecchi di sequoia gigante o pino aristato, alberi particolarmente longevi.

6 Attraverso lo studio di differenti tipi di resti vegetali provenienti da contesti archeologici, l archeobotanica ricostruisce l insieme della flora antica, sia delle piante spontanee che di quelle coltivate e chiarisce i modi del suo sfruttamento da parte dell uomo. Quindi da un lato le indagini della disciplina si concentrano sui mutamenti nella vegetazione, vista in rapporto al clima e alla situazione ambientale, dall altro viene analizzato l impatto antropico sull ambiente, con un attenzione particolare alla dieta e all economia. L impatto antropico sull ambiente in età preistorica 1 - incendio della foresta per creare spazi all agricoltura; 2 - preparazione del suolo per la semina; 3 - messa a coltura; 4 - raccolta e abbandono del campo. Sul suolo ormai impoverito si sviluppa una vegetazione secondaria 3 Resti microbotanici PALINOLOGIA (ANALISI DEI POLLINI) Le tracce più diffuse che le piante lasciano di sé nell ambiente sono i pollini e le spore, che si conservano talora nei sedimenti dai quali possono essere estratti ed identificati. Con l osservazione al microscopio si può riconoscere a quali specie di pianta questi appartengono, per la differenza spesso molto evidente delle forme e delle ornamentazioni che presentano. A ciascuna specie vegetale corrisponde un tipo di granulo che viene determinato per confronto con pollini e spore attuali. Contando in percentuale i pollini delle specie vegetali nei diversi livelli di un sedimento, si ottiene lo spettro pollinico; la distribuzione delle varie specie nel tempo è rappresentata dal diagramma pollinico, utilizzato per ricostruire attraverso i mutamenti della vegetazione quelli del clima relativi a intervalli di tempo anche molto lunghi. ANALISI DI DIATOMEE E FITOLITI Le diatomee e i fitoliti sono microfossili di piante. Le diatomee sono alghe unicellulari di ambiente acquatico, protette da un guscio siliceo: il loro studio consente ricostruzioni paleoecologiche. I fitoliti sono strutture di sostegno di silice prodotte in particolare, ma non solo, dalle graminacee; si conservano all interno di argilla cotta o cruda o in grandi ammassi indisturbati di ceneri e sono di particolare utilità quando mancano altri dati di tipo archeobotanico. Le differenze morfologiche dei granuli di pollini permettono la identi cazione della specie di appartenenza. Lo attesta l immagine di questi granuli pollinici ingranditi 1000 volte appartenenti alle seguentipiante: Quercia; Salice; Acero, Ontano; Nocciolo; Betulla; Ericacea; Edera; Graminacea; Tiglio; Composita Diatomea proveniente dall Arèche, - Francia. Gonphonema parvulum (Kutz) Grunow, x (da 25 milioni di anni fa all epoca attuale) Resti macrobotanici ANTRACOLOGIA Studia i resti di legno, carbonizzato e no, che danno informazioni sulla vegetazione arborea antica e l interazione dell uomo con essa. L osservazione al microscopio di un campione di legno e carbone permette di identificare il genere o a volte la specie di appartenenza attraverso i suoi aspetti morfologici. I risultati di queste analisi, oltre a fornire dati sulla flora circostante il sito, danno anche informazioni sulla scelta del legname raccolto e sulle modalità di approvvigionamento; possono poi offrire indicazioni sulle tecnologie e le procedure di lavorazione. CARPOLOGIA 1 Analisi di semi e frutti di piante spontanee e coltivate o più genericamente dei macroresti vegetali che sono recuperabili nel corso delle ricerche archeologiche. La carpologia fornisce indicazioni anche sulle tecniche agricole, sui metodi di conservazione, di preparazione, di consumo e di utilizzazione delle risorse floristiche. Lo studio delle associazioni polliniche permette di ricostruire ambienti del passato e di apprezzarne le variazioni nel tempo. Nei livelli archeologici della Grotta dell Hortus, nel sud della Francia, è stata riconosciuta una successsione di diverse a fasi climatiche. a - L associazione di pino silvestre, betulla, querceto misto, graminacee denota un clima freddo-umido b - Le specie arboree soccombono e vengono sostituite da vaste steppe erbacee. L associazione denota una fase fredda e secca b Sezioni sottili di carboni di legno: in alto, le sezioni trasversali, in basso le sezioni tangenziali. 1,2 - Pinus sylvestris; 3,4 - Quercus ilex; 5,6 - Rhamnus alaternus 5 4

7 Ad eccezione dei pollini, delle spore e dei fitoliti, la materia vegetale si distrugge e scompare molto rapidamente in ambiente naturale. La combustione, accidentale o volontaria, se non è troppo intensa, preserva alcuni resti floristici, come ad esempio i semi. I vegetali possono anche sussistere sotto forma di impronte dopo la loro scomparsa. Infine le torbiere e gli ambienti molto umidi sono luoghi favorevoli alla conservazione dei resti botanici. I minerali metallici, sali e petrolio, favoriscono la conservazione dei resti organici, prevenendo l attività di decomposizione da parte dei microrganismi: molte miniere di rame e di sale conservano reperti di legno, pelle e tessuti. Anche le grotte sono dei conservatori naturali perché il loro interno è protetto dagli agenti atmosferici esterni: se non disturbate conservano perfino fibre vegetali. Tra il XIX ed il XVII secolo a.c. il Vesuvio scatenò una grande eruzione: questa catastrofe distrusse parte dei villaggi della zona, ma al tempo stesso, ne permise la conservazione seppellendoli sotto materilae eruttivo. A Croce del Papa, presso Nola, si conserva una capanna praticamente integra, qui in fase di scavo, con una parte consistente dell alzato e tutta la suppellettile domestica. Pali delle pala tte del bacino del Lavagnone, Brescia, databili all Antica Età del Bronzo durante lo scavo I disastri naturali determinano talvolta la conservazione di un sito e dei suoi materiali organici: si pensi alle eruzioni vulcaniche come quelle del Vesuvio, che hanno conservato non solo la Pompei romana ma anche siti più antichi. Oltre a queste particolari circostanze, la conservazione di materiali vegetali non carbonizzati avviene solo in ambienti particolarmente aridi o comunque a clima secco, estremamente freddi, in aree ghiacciate o impregnate d acqua, in assenza di ossigeno. Ruota in legno tripartita in olmo dalla Terramare di Castione Marchesi, Parma, risalente alla Media Età del Bronzo Il restauro dei manufatti fratturati veniva effettuato anche in antico, come dimostra il rattoppo su una ciotola ansata dall abitato di Fiavè realizzato con bra vegetale ricavata da ramoscello di abete Nel caso di materiali organici provenienti da ambiente umido il problema maggiore è costituito dal rapido deterioramento cui essi vanno incontro dopo la loro scoperta, perchè cominciano quasi subito a essiccarsi, a fessurarsi e a collassare. Debbono quindi essere mantenuti umidi fino a quando non possano essere debitamente trattati in laboratorio; nel caso di reperti particolarmente delicati si rende opportuno durante lo scavo asportare anche la parte del terreno che li ingloba. Infatti il legno, appena rimosso dallo scavo d ambiente umido, si decompone per la degradazione della cellulosa e può essere conservato solo con un imbibizione con resine o consolidanti particolari che prendano il posto dell acqua fatta evaporare in maniera opportuna. I tessuti e i manufatti ad intreccio, molto più fragili, dopo la pulitura, vanno prima trattati in un bagno di impregnante, la cui scelta verrà decisa caso per caso, in base alle caratteristiche del manufatto da trattare; vengono poi essiccati tramite liofilizzazione. Se dopo tale trattamento il tessile non dovesse presentarsi ancora sufficientemente solido, viene effettuata un altra impregnazione. a La storia di un reperto organico, in questo caso proveniente da Arbon Bleiche 3 - Svizzera, dallo scavo alla musealizzazione a - Intreccio bagnato appena tolto dal terreno; b - Intreccio bagnato dopo la pulitura; c - Intreccio consolidato e lio lizzato b c a - Cesto in un blocco di terra bagnato proveniente da Arbon Bleiche 3 - Svizzera; b - Cesto restaurato e sottoposto ad un trattamento di conservazione I depositi paludosi di Tollund, in Danimarca, hanno permesso la conservazione di questo uomo, che dopo essere stato strangolato venne gettato nelle paludi oltre 2000 anni fa. a b

8 Durante il Paleolitico una delle prime forme di raccolta da parte dell uomo è consistita nell approvvigionamento di legname come combustibile per i focolari degli accampamenti. Purtroppo la documentazione archeologica si limita a piccoli carboni di legno presenti nei focolari o nei suoli d abitato. Il loro studio è utile per la ricostruzione dell ambiente e del clima, ma può dare anche informazioni sul tipo di legno scelto in base all utilizzo: è infatti probabile che gli uomini già allora fossero consapevoli delle proprietà combustibili delle differenti specie di legname e lo abbiano selezionato a seconda delle diverse funzioni del focolare (illuminazione, cottura o affumicamento dei cibi, riscaldamento). Erano comunque raccolti nel bosco prevalentemente i numerosi rami e rametti caduti a terra, data l assenza di strumenti specifici per il taglio del legname (l ascia compare solo con l agricoltura) e la prevalenza nei resti di focolari di carboni invasi da funghi. Di solito il legno era raccolto in prossimità degli insediamenti e in preferenza venivano scelti rami piccoli e particolarmente secchi (nei carboni si vedono a volte ancora i buchi degli insetti) che servivano per accendere il fuoco, assieme ad altri elementi vegetali che facevano da combustibile come alghe, radici, paglia secca, di cui però mancano quasi sempre prove archeologiche. A partire dal Paleolitico il legname era raccolto anche come elemento costruttivo per le capanne, come supporto per l immanicamento di strumenti in pietra o in osso, per la fabbricazione di armi da caccia come punte e giavellotti da lancio e anche per l estrazione di radici e tuberi dal terreno (bastoni da scavo) a scopo alimentare. Punta di giavellotto in legno da Clacton on Sea - Gran Bretagna anni fa Quello che resta di un focolare dopo l utilizzo sono ceneri e carboni, mentre le pietre che racchiudevano il fuoco sono spezzate ed arrossate per il calore (Focolare dall Abri de Rhodes II - Francia) Nella grotta di Aldène in Francia l esame di alcune tracce di torcia sulle pareti hanno mostrato la presenza di minuscoli frammenti vegetali identi cati come residui di ginepro. Questo legno sembrerebbe il più adatto alla fabbricazione di torce, perché produce una luce viva, non offuscata dal fumo, al contrario delle essenze resinose quali il pino. Nei focolari del Paleolitico medio del Lazaret in Francia ( anni da oggi) gli uomini preistorici per alimentare il fuoco hanno scelto legna a combustione lenta che sviluppa molta brace (quercia, bosso). In altri casi (Dolni Vestonice, Rep. Ceca) il combustibile principale è fatto di legni resinosi (Pinus sylvestris, Pinus cembra, Picea excelsa). Utilizzo di bastoni da scavo da parte di un gruppo di Reddi - popolazione dell India meridionale - e ricostruzione di un bastone da scavo Nella Grotta della Basura, a Toirano (Savona), l uso di torce di legno è documentato dal carbone rimasto sulle concrezioni calcaree delle pareti e dalle impronte carboniose di una mano. L archeologo sperimenta l accensione del fuoco usando il fungo Fomes fomentarius Fomes fomentarius da Charavines - Francia Fomes fomentarius allo stato naturale Per accendere il fuoco gli uomini preistorici utilizzavano un frammento di selce, della pirite di ferro e come esca Fomes fomentarius, un fungo che si trova sui ceppi degli alberi morti e che bisogna far bollire a lungo e poi seccare. Percuotendo insieme la selce e la pirite si creano delle scintille che vanno a cadere su un punto del fungo ben secco; sof andoci sopra, le braci, dapprima ni poi sempre più grosse, cominciano a bruciare. Anche Ötzi, la Mummia del Similaun, portava nella sua cintura pezzi di fungo-esca. Grotta della Basura, Toirano, Savona. Impronta carboniosa di mano Il carbone di legna, residuo della combustione incompleta del legno, poteva essere usato come colorante nelle pitture rupestri paleolitiche, anche se non è stato quasi mai identi cato sulle pareti dipinte delle grotte, in quanto probabilmente scomparso per ossidazione. Quattro tratti neri identi cati come frammenti di carbone aderenti alle pareti vengono però da una serie di pitture nella Grotta di Niaux nella Francia meridionale. Grotta della Basura, Toirano, Savona Tracce di carbone lasciate da torcia lignea

9 Nel Paleolitico la raccolta di frutti, piante alimentari, radici e tuberi era molto importante per la sussistenza, costituendo una delle principali fonti di cibo. La presenza di resti carbonizzati di piante e frutti commestibili è documentata già in numerosi insediamenti del Paleolitico inferiore in Cina (Zhoukoudian), Africa orientale (Kalambo Falls) ed Europa (Vértesszöllös in Ungheria, Bilzingsleben in Germania, Terra Amata in Francia). Non si può però affermare con certezza che questi resti derivino da un attività di raccolta, in quanto potrebbero essersi conservati indipendentemente dalla presenza umana. Il consumo di alimenti vegetali può comunque essere dimostrato dagli studi di paleonutrizione, cioè attraverso analisi chimiche sui resti fossili umani, presumendo che la dieta ante mortem abbia lasciato traccia sulla composizione chimica delle ossa, o attraverso lo studio delle strie (tracce d usura) lasciate sui denti. Raf gurazioni di vegetali su strumenti di osso del Paleolitico Superiore da grotte francesi in cui sono stati rinvenuti macine e macinelli per triturare vegetali More di rovo (Rubus fruticosus) Fragola di bosco (Fragaria vesca) Ricostruzione di un pasto preistorico a base di frutta In Europa nel Paleolitico medio e buona parte di quello superiore, con la diminuzione delle temperature e della vegetazione durante le fasi glaciali, il consumo di cibi vegetali non dovette essere particolarmente abbondante e la mancanza di tracce di accumulo di scorte fa pensare che i cibi vegetali venissero consumati appena raccolti o portati al campo base per il pasto in comune. Nella fase finale del Paleolitico superiore e nel Mesolitico la raccolta di alimenti vegetali divenne più abbondante e specializzata, con immagazzinamento e conservazione dei resti negli insediamenti. La fine della fase glaciale (Allerod, Preboreale) e l inizio di quella temperata (Olocene) favorirono la presenza di frutti di bosco e leguminose selvatiche. Si sviluppò inoltre la raccolta di quei frutti che potevano essere conservati per l inverno: ghiande (Quercus sp.), noci (Juglans regia) e soprattutto nocciole (Corylus avellana), rinvenute spesso in forma di mucchietti di gusci carbonizzati, facendo supporre una prima forma di sedentarizzazione dei gruppi umani legata a un economia di raccolta e conservazione di questi frutti. In Grecia a Grotta Franchti (Paleolitico superiore nale e Mesolitico anni da oggi) sono stati rinvenuti molti semi selvatici di avena, lenticchia, pistacchio, mandorla e in misura minore di orzo e di altri tipi di legumi selvatici (pisello, veccia). Nel Mesolitico a Grotta dell Uzzo in Sicilia sono stati rinvenuti numerosi resti di semi carbonizzati, tra cui ghiande di quercia, frutti di corbezzolo, un vinacciolo di vite selvatica (Vitis vinifera subsp. sylvestris), un nòcciolo di olivo selvatico. Sono presenti anche alcuni resti di legumi selvatici (Lathyrus sp. o Pisum sp.). così come in altri insediamenti mesolitici della Francia meridionale (Abri de la Poujade, Baume de Fontbrégoua e Baume de l Abeurador). Grotta Franchti - Grecia. Lenticchie (sopra) e orzo selvatici (a destra) Quercia con ghiande Grotta dell Uzzo - Orzo selvatico, Olivo selvatico, Vite selvatica

ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE

ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE ALLE ORIGINI DELL AGRICOLTURA UNA GRANDE RIVOLUZIONE La fine delle grandi glaciazioni Circa 13000 anni fa si innescò una serie di cambiamenti climatici connessi al riscaldamento globale che modificarono

Dettagli

Aree diverse sono state interessate in tempi diversi alla domesticazione delle piante: innanzitutto il Vicino Oriente con grano, orzo e legumi.

Aree diverse sono state interessate in tempi diversi alla domesticazione delle piante: innanzitutto il Vicino Oriente con grano, orzo e legumi. Con il passaggio dalla raccolta alla coltivazione delle piante si entra nel Neolitico, termine tradizionalmente associato ad un nuovo tipo di lavorazione della pietra, ma che è ormai utilizzato per indicare

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

N ATURA DAL PASSATO: LEGNI E SEMI NEOLITICI

N ATURA DAL PASSATO: LEGNI E SEMI NEOLITICI L Isolino Virginia si trova a pochi metri dalla riva occidentale del Lago di Varese, nel Comune di Biandronno. Dal 1962, in seguito alla donazione del Marchese Gianfelice Ponti, è proprietà del Comune

Dettagli

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari

Prof.ssa F. Carta. Liceo Classico G.M. Dettori Cagliari 1 Ere geologiche Archeozoica Paleozoica Mesozoica Cenozoica Neozoica o quaternaria (era in cui compare l uomo) 2 Processo di ominazione 3 I primati, comparsi circa 60 milioni di anni fa, vivevano sugli

Dettagli

La specie umana fra passato e futuro

La specie umana fra passato e futuro La specie umana fra passato e futuro 2 a parte (Società civile) Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 10 marzo 2011 18 a lezione Sommario 1 Società civile Origini della

Dettagli

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali.

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali. il testo: Uguali e diversi. Alle radici dell umanità. 01 Le nostre lontane origini L homo sapiens sapiens è comparso in Africa circa 40000 (quarantamila) anni fa. L homo sapiens è il risultato di una lunga

Dettagli

Il Neolitico. Che cosa sai già? Che cosa imparerai?

Il Neolitico. Che cosa sai già? Che cosa imparerai? Nel periodo del Neolitico gli uomini hanno cambiato il loro modo di vivere: da cacciatori e raccoglitori sono diventati agricoltori e allevatori. Che cosa sai già? Dove abitavano gli uomini nel Neolitico?

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 DI PALO IN PALAFITTA ALLA SCOPERTA DEL SITO ARCHEOLOGICO DEL LAVAGNONE DI DESENZANO E DELLA VITA IN UN VILLAGGIO PALAFITTICOLO DELL ETÀ DEL B RONZO. T IPOLOGIA Percorso

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti:

Scuola dell infanzia. Percorsi proposti: Museo Nazionale Preistorico Etnografico L. Pigorini w w w.pigorini/beniculturali.it Scuola dell infanzia Una serie di percorsi ludico-didattici rivolti in particolare alla scuola dell infanzia, per dare

Dettagli

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD

Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD Gruppo: Martina, Gaia, Andreea, Andrea, Antonio. PROGETTO GEOGRAFIA SLOW FOOD PERDITA VARIETÀ COLTURE AGRARIE La FAO stima che a oggi il 75% delle varietà per colture agrarie siano andate perdute e che

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI UNITA N 8 parte seconda I BIOMI LA TAIGA E LA TUNDRA Al di sopra dei 50-60 gradi di latitudine si estendono gli ambienti freddi e glaciali, caratterizzati da temperature particolarmente basse. Il sole,

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2

La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO. 1 Scheda 2 di: Alfonsina Russo La Preistoria LE PRIME TRACCE DELL UOMO IN BASILICATA. DAL PALEOLITICO AL NEOLITICO Venosa: Loreto-Notarchirico Il Parco Paleolitico di Loreto-Notarchirico è ubicato in prossimità del

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria

Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria Il mio libro di storia Nome alunno classe as.2013/14 maestra Valeria INIZIA Indice arcaica Bang Big primaria secondaria terziaria La Pangea quaternaria Le ere L' evoluzione dell'uomo ETA DELLA PIETRA NEOLITICO

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000

GLI OMINIDI. Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 Paolo, Fabrizio, Michele, Silvia, Tognatti 1Bfoto Paravia, Torino, 2000 GLI OMINIDI Originariamente l uomo non aveva l attuale struttura corporea e non possedeva le capacità e le potenzialità che vediamo

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI

Classe IV materiali di lavoro Storia vita nel Medioevo L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI Scheda 13 L'ALIMENTAZIONE DEI CONTADINI 1. Leggi attentamente il paragrafo seguente, ritaglialo e incollalo sul quaderno. Trova un titolo adeguato e scrivilo; quindi ritaglia ed incolla i disegni che rappresentano

Dettagli

LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA

LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA Intervento di: SALVATORE CECCARELLI Genetista, Consulente in miglioramento genetico ICARDA (International Center for Agricultural Research in the Dry Areas Aleppo, Siria) LA RICERCA PARTECIPATA IN AGRICOLTURA

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

[TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM]

[TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM] 2013 BIOLOGISTIC S.R.L. Marco Rusconi [TESTO COMUNICAZIONE TRITICUM TURGIDUM TURANICUM] Sommario ORIGINI... 1 LA CLASSIFICAZIONE MODERNA DEI CEREALI... 3 IL GRANO KHORASAN... 4 PROPRIETA NUTRIZIONALI DEL

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL FILO INTRECCIATO

ALLA SCOPERTA DEL FILO INTRECCIATO Il tè degli insegnanti 25 marzo 2009 Darwin year 2009 ALLA SCOPERTA DEL FILO INTRECCIATO A cura di Paola Coller e Manuela Pernter corde Filo intrecciato intrecci tessuti canna di palude, stipa e sparto

Dettagli

SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa

SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa La sperimentazione come supporto all'indagine archeologica Edoardo Ratti (Archeolink) Aggiorniamo l archeologia sperimentale

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole CHE COS È LA STORIA? Studiare un libro di Storia vuol dire fare un viaggio interessante in un mondo nuovo: questo viaggio porta nel passato! La Storia vuole raccontare i fatti del passato come sono realmente

Dettagli

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO GIOVANNI RAMBOTTI DI DESENZANO D/G

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO GIOVANNI RAMBOTTI DI DESENZANO D/G MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO GIOVANNI RAMBOTTI DI DESENZANO D/G OFFERTA DEI SERVIZI EDUCATIVI Il Museo Civico Archeologico Rambotti di Desenzano ha aperto nel 1990 e dall anno scolastico 2008-2009 l attività

Dettagli

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA...

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... LABORATORIO ARCHEOLOGICO DEGLI ALUNNI DI 3 a - 4 a A - 4 a B DELLA Scuola Primaria di Sedegliano Anno Scolastico 2009-2010 LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... Le fotografie sono state scattate nel corso

Dettagli

Birdgarden Un giardino biologico

Birdgarden Un giardino biologico Birdgarden Un giardino biologico - Progettazione del giardino - Scelta delle piante ed essenze vegetali - Creazione di laghetti e/o piccoli stagni - Installazione di nidi e mangiatoie - Come attirare le

Dettagli

Servizi per la didattica 2014/2015

Servizi per la didattica 2014/2015 Servizi per la didattica 2014/2015 Servizio didattico Tel. 06-49913924 Fax 06-49913653 Dott.ssa La Marca: 349-2360256 Dott.ssa Savino: 320-4871773 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL ANTICHITÀ Sulle orme della

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e

Le origini dell Uomo. antropomorfa, cioè caratterizzata da assenza di coda e da scapole poste posteriormente e Le origini dell Uomo L uomo attuale, il risultato di milioni di anni di evoluzione che si è svolta per la maggior parte sul piano biologico e solo in tempi recenti è divenuta anche una evoluzione culturale,

Dettagli

C E INCENDIO E INCENDIO

C E INCENDIO E INCENDIO C E INCENDIO E INCENDIO Generalmente si distinguono due tipi di incendio per stabilire chi deve intervenire per lo spegnimento: incendi che bruciano le cose dell uomo - si chiama ed intervengono i incendi

Dettagli

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA I SEMI I semi sono un regalo della natura che i contadini, da sempre, si sono scambiati tra loro insieme a idee, conoscenze, cultura. QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA Gli agricoltori

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica.

accettati maggiormente dalla comunità scientifica. I gruppi sanguigni, si sa, sono quattro e a ciascuno di loro corrisponde una tipologia metabolica. I GRUPPI SANGUIGNI Il dottor Peter D Adamo, naturopata, nel corso degli anni ha sviluppato una teoria che lega gli alimenti ai gruppi sanguigni. I concetti essenziali di questa dieta si fondano sul presupposto

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi...

EUROPA ECONOMIA. 1. Parole per capire VOLUME 3 CAPITOLO 15. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori... idrocarburi... VOLUME 3 CAPITOLO 15 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA ECONOMIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: produttori...... idrocarburi...... città d arte...... siti

Dettagli

Finalità. Obiettivi. Attività

Finalità. Obiettivi. Attività Museo Naturalistico Archeologico di Vicenza Indirizzo: Contrà Santa Corona, 4-36100 Vicenza (VI) Telefono: 0444222815 Email: museonatarcheo@comune.vicenza.it Presentazione Il Museo Naturalistico Archeologico

Dettagli

visite su prenotazione

visite su prenotazione visite su prenotazione L Archeodromo delle Madonie Un parco-museo da vivere, da toccare, da sperimentare! L Archeodromo delle Madonie è un parco didattico a tema archeologico, al cui interno è stata allestita

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

Storia facile per la classe terza

Storia facile per la classe terza Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini per la classe terza L origine della Terra e la Preistoria Scuola primaria

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Intervista a Giulio Cicchetti

Intervista a Giulio Cicchetti Intervista a Giulio Cicchetti Signor Cicchetti, ci parla della sua azienda agraria? Cosa ci fa col farro? Come lo tratta? La specie del ferro qui è duro; il farro si raccoglie ad Agosto e si coltiva a

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014. Progettazione annuale STORIA. Classe 3 a A

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014. Progettazione annuale STORIA. Classe 3 a A ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI DI VILLAMASSARGIA Anno scolastico 2013 2014 Progettazione annuale di STORIA Classe 3 a A Insegnante Floris Silvia Premessa La storia ha un grande valore formativo,

Dettagli

L OLIO LA STORIA DELL OLIO L albero dell olivo veniva coltivato più di 6000 anni fa dai Fenici. Veniva utilizzato per i sacrifici, come oggetto di baratto, come balsamo e cosmetico, olio combustibile per

Dettagli

13. Il clima e la biosfera

13. Il clima e la biosfera 13. Il clima e la biosfera Nel dicembre del 2004 si è conclusa una straordinaria perforazione profonda nei ghiacci a Dome C, in Antartide. Iniziata nel 1996, questa perforazione ha prodotto una preziosissima

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III

PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III Comune di Rosignano Marittimo U.O. Attività Culturali Museo Archeologico Palazzo Bombardieri Coop. Capitolium s.r.l. PERCORSI DIDATTICI 2011 2012 SCUOLA PRIMARIA CLASSI III MUSEO ARCHEOLOGICO PALAZZO BOMBARDIERI

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009

Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 La preistoria raccontata da noi bambini Schemi e racconti storici scritti dagli alunni delle classi terze della scuola primaria di Miradolo Terme anno scolastico 2008-2009 AFRICA circa 30 milioni di anni

Dettagli

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Amici dall'orto e dal frutteto che ci aiutano a mangiare bene e vivere meglio. Non li avete mai visti ammiccare dai banche

Dettagli

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000 BOSCHI E BIODIVERSITÀ Introduzione I boschi sono un patrimonio di tutti. Li vediamo, li attraversiamo, li ammiriamo e li utilizziamo. Ma vanno anche tutelati: sono ecosistemi complessi dove molte forme

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO

EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO EXPO 2015 WWF: LE BUONE ABITUDINI ALIMENTARI FANNO BENE AL PIANETA EVENTI SUL TERRITORIO PER EXPO 2015 OASI WWF PERSANO TUTELA DELLA BIODIVERSITA ED AGRICOLTURA BIOLOGICA Domenica 25 Ottobre 2015 con inizio

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

Il progetto ha preso corpo da una serie di idee raccolte in quattro anni di corso presso

Il progetto ha preso corpo da una serie di idee raccolte in quattro anni di corso presso Sperimentazione di metodi di impregnazione e liofilizzazione di legni archeologici provenienti da ambienti saturi di acqua Enrico Cragnolini, Alex Sarra Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro,

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto.

Le piante. Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. di Gaia Brancati Le piante Sulla terra esistono vari tipi di piante: legnose ed erbacee a seconda delle dimensioni e della forma del fusto. Il fusto Il fusto tende a crescere verso l alto. Quando esso

Dettagli

Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli

Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli Al centro della penisola italiana, universalmente nota per la varietà dei territori e colma di bellezze naturali, si trovano le pendici degli Appennini Umbri. L Umbria, cuore verde d Italia, è rinomata

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Giuseppe Toscano Pellet combustibile di legno e di biomasse alternative Una reale opportunità di sviluppo della green economy

Dettagli

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO

PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO PRIMA DELLA VISITA SUL CAMPO Abbiamo effettuato una sorta di progettazione partecipata per individuare obiettivi ed attività da svolgere durante l esperienza sul campo, stimolando i ragazzi ad individuarli/proporli

Dettagli

I primi uomini. Che cosa sai già? Che cosa imparerai? primi uomini

I primi uomini. Che cosa sai già? Che cosa imparerai? primi uomini nostri antenati, cioè gli uomini che sono vissuti prima di noi, vivevano in un ambiente difficile e pieno di pericoli. mpararono a conoscere la natura e a ricavare da essa cibo, ripari, armi, attrezzi

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Ticino Bormida. Sesia Trebbia Oglio. Piancavallo, 23 aprile 2012

Ticino Bormida. Sesia Trebbia Oglio. Piancavallo, 23 aprile 2012 Piancavallo, 23 aprile 2012 La Pianura Padana è la più importante pianura italiana. La parte più in alto della Pianura Padana è a un altitudine di 200 metri, la parte più bassa arriva a 0 metri sul livello

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus.

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. PROVENIENZA: si è naturalizzato in Africa meridionale dov è considerata

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare I DINOSAURI Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Livello: A2 B1 I DINOSAURI Gruppo 11 Autori: Cabianca Maria Francesca, Ferrara Chiara, Santagiuliana Manuela, Slaviero Stefano. Destinatari:

Dettagli

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone.

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone. I combustibili --- DEFINIZIONE DI COMBUSTIBILE I combustibili sono tutti quei materiali che bruciando, producono calore. Per bruciare, i combustibili devono utilizzare ossigeno. Esistono tre tipi di combustibili

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

La Storia della Vita sulla Terra

La Storia della Vita sulla Terra Le Ere Geologiche La Terra, secondo gli scienziati, ha circa 4,5 miliardi di anni e la vita sul pianeta è iniziata circa 3,5 miliardi di anni fa! La Storia della Vita sulla Terra La Storia della Vita sulla

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Il Museo Archeologico dell Alto Mantovano, fondato nel 1967 e allestito a cura del Gruppo Archeologico Cavriana,

Dettagli

Scatti di scienza: la bellezza di un'immagine

Scatti di scienza: la bellezza di un'immagine Scatti di scienza: la bellezza di un'immagine SCATTI DI SCIENZA è un progetto sulla fotografia e sul filmato scientifico nato dalla collaborazione tra SCIENZA UNDER 18 e il DIPARTIMENTI DI FISICA DELL

Dettagli

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono

La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono La natura in autunno Le foglie cambiano colore e cadono L autunno è una stagione con caratteristiche sue proprie, non è soltanto un periodo di passaggio tra le calde giornate estive e i primi geli invernali.

Dettagli

Come rispondono le piante ai cambiamenti climatici in atto?

Come rispondono le piante ai cambiamenti climatici in atto? Come rispondono le piante ai cambiamenti climatici in atto? Consolata Siniscalco Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi Università di Torino 1. Risposte nel cambiamento dei periodo delle

Dettagli

RELAZIONE DEL PROFESSOR GIUSEPPE PATRIGNANI ORTO BOTANICO DIDATTICO SPERIMENTALE CASCINA ROSA DI MILANO

RELAZIONE DEL PROFESSOR GIUSEPPE PATRIGNANI ORTO BOTANICO DIDATTICO SPERIMENTALE CASCINA ROSA DI MILANO RELAZIONE DEL PROFESSOR GIUSEPPE PATRIGNANI ORTO BOTANICO DIDATTICO SPERIMENTALE CASCINA ROSA DI MILANO CENSIMENTO BOTANICO DEL MAGGIO 2010 SULLA DARSENA Darsena Pioniera 1 La zona parzialmente allagata

Dettagli

Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI

Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI In sopravvivenza occorre conoscere i bisogni nutritivi del corpo e come farvi fronte. Un corpo sano può sopravvivere con

Dettagli