SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio Calci (PISA) dal 24 aprile al 16 maggio 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio Calci (PISA) dal 24 aprile al 16 maggio 2004"

Transcript

1 Dipartimento di Scienze Archeologiche Dipartimento di Scienze Botaniche Museo di Storia Naturale e del Territorio Commissione Musei di Ateneo SALA DEL FRANTOIO Museo di Storia Naturale e del Territorio Calci (PISA) dal 24 aprile al 16 maggio 2004 Ideazione, progetto, direzione scientifica e coordinamento Renata Grifoni Cremonesi

2 Comitato d onore Marco Pasquali, Rettore dell Università di Pisa; Umberto Mura, Preside della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali; Alfonso Iacono, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia; Paolo Meletti, già Presidente della Commissione Musei; Franco Strumia, Direttore del Museo di Storia Naturale e del Territorio; Marisa Bonamici, Direttore del Dipartimento di Scienze Archeologiche; Fabio Garbari, Direttore del Dipartimento di Scienze Botaniche, Presidente della Commissione Musei; Paolo Fontanelli, Sindaco di Pisa; Stefano Lazzerini, Sindaco di Calci; Gino Nunes, Presidente della Provincia di Pisa; Mariella Zoppi, Assessore Regionale alla Cultura L uomo e le piante nella Preistoria Calci, 24 aprile - 16 maggio 2004 In ricordo di Antonio Mario Radmilli, Ezio Tongiorgi e Giuliano Cremonesi che sempre sostennero la necessità di ricorrere ai mezzi offerti dalle Scienze Naturali per meglio studiare e interpretare la più antica storia dell Uomo. Testi e ricerca della documentazione grafica Lucia Amadei; Marzia Bonato;Tomaso Di Fraia; Alessandra Giampietri; Giuseppe Pistolesi; Barbara Zamagni Disegni di carattere botanico Lucia Amadei Bibliografia curata da Barbara Zamagni Elaborazione grafica e composizione pannelli Alessandra Giampietri e Gianluca Cantoro Grafica di copertina Gianluca Cantoro e Alessandra Giampietri Allestimento Lucia Amadei; Marzia Bonato; Neva Chiarenza; Renata Grifoni Cremonesi; Giuseppe Pistolesi; Barbara Zamagni Materiali esposti Collezioni Dipartimento di Scienze Archeologiche Oggetti sperimentali: Mario Dini Oggetti attuali: collezioni Renata Grifoni Cremonesi, Tomaso Di Fraia, Kirsti Kuivalai Nicotra, Marzia Bonato Campioni vegetali e piante vive: Orto Botanico e Museo Botanico Sperimentazione colorazione fili: Centro di Archeologia Sperimentale di Torino Le immagini sono ricavate da pubblicazioni e dagli archivi del Dipartimento di Scienze Archeologiche e dall archivio di Giuseppe Pistolesi Nell ambito dei lavori della Commissione Musei di Ateneo si è presentata l occasione di una collaborazione tra archeologi e botanici in un campo che li vede impegnati nella ricostruzione degli antichi paesaggi e delle economie. Da qui l idea di una Mostra sul rapporto tra il mondo vegetale e l uomo durante la Preistoria. Sicuramente uno dei primi motivi di questa scelta è il desiderio di far comprendere meglio i problemi di una disciplina, la Preistoria, che in Italia è scarsamente nota e che difficilmente si studia nelle scuole. Un altro intento che ha ispirato la Mostra è stato quello di far conoscere ai giovani le piante che ancora oggi fanno parte integrante della nostra vita. Fondamentale durante le varie fasi del lavoro è stato il rapporto con gli studiosi di botanica, in quanto la ricerca preistorica si deve avvalere di tutti i mezzi offerti dalle scienze naturali per poter interpretare e datare ciò che proviene dagli scavi: non solo gli archeologi ma anche geologi, sedimentologi, archeozoologi, archeobotanici, antropologi, fisici, chimici, tutti portano il loro importante contributo alle scienze che studiano la storia dell uomo. Nel caso della botanica, in particolare, molteplici sono gli apporti alla Preistoria, dall archeobotanica - che studia i resti vegetali provenienti dai contesti archeologici - alla dendrocronologia, che permette di correggere, calibrandole tramite il computo degli anelli di crescita dei tronchi degli alberi, le datazioni ottenute col metodo del radiocarbonio. Anche la geologia, con lo studio di alcuni tipi di rocce come i travertini, che spesso inglobano durante la loro formazione resti vegetali, e la paleontologia, con l analisi di innumerevoli resti fossili vegetali, aiutano a ricostruire i più antichi ambienti. Le piante, nella Preistoria come oggi, hanno condizionato lo sviluppo culturale e tecnologico dell umanità: i cambiamenti ambientali dovuti alle variazioni climatiche

3 del Quaternario hanno causato innumerevoli mutamenti dei paesaggi e delle risorse, variazioni cui l uomo si è sempre saputo adattare, sfruttando al meglio tutto quanto offriva l ambiente in cui viveva. Dalle piante ricavava una parte importante dell alimentazione, nel Paleolitico con la raccolta di specie selvatiche e in seguito, dopo la nascita dell agricoltura, con specie coltivate; ma ricavava anche il legno per il fuoco, le abitazioni, gli strumenti, le imbarcazioni, le fibre per corde e vestiti, i vimini, le essenze medicinali. Anche se i resti vegetali giunti fino a noi sono relativamente pochi, abbiamo la possibilità, grazie a tecniche di indagine appropriate, di ricostruire molti degli aspetti della vita quotidiana durante tutto l arco della Preistoria: ne risulta un quadro ricco di elementi variati che vanno dai metodi di accensione del fuoco mediante esche vegetali, ai vari modi di costruire capanne con tronchi di albero e pareti di frascame intonacato, e di cui ci restano le impronte di rami e foglie. Riemergono, soprattutto dalle palafitte e da altri siti di luoghi umidi o di torbiere, gli strumenti con i manici di legno, i vasi e altri oggetti domestici, i tessuti, i manufatti in vimini e in scorza di betulla, ma anche aratri e gioghi, archi e piroghe e addirittura focacce e pagnotte. Estremamente interessanti sono poi le testimonianze di vere e proprie strade costruite con fascine e tronchi, utili per attraversare le zone paludose, i resti di ruote, carri, slitte e sci. Ci si accorge del livello tecnico raggiunto in tempi così antichi dai nostri progenitori soprattutto in occasione di rinvenimenti eccezionali, come è stato nel caso della mummia del Similaun, datata al a.c. Ötzi era in grado di scegliere i materiali più adatti e di utilizzarli sfruttandone al meglio le caratteristiche come dimostrano i reperti eccezionalmente conservati dal ghiaccio e a lui appartenuti, con indicazioni preziose sul vestiario, dal mantello di graminacee alpine alle scarpe imbottite di paglia, ai numerosi oggetti in materie vegetali che aveva nella gerla e in una specie di marsupio. È sicuramente in casi come questi che ci si rende conto di che patrimonio sia andato perduto col tempo. Durante i millenni della sua evoluzione l uomo ha conosciuto le proprietà delle piante e tra queste sicuramente anche quelle più utili alla sua salute: molte specie vegetali, presenti in diversi insediamenti, potevano essere utilizzate con intenti medicinali. Ci sono testimonianze per l uso medicinale del propoli, del poliporo di betulla, verosimilmentedel papavero da oppio; ipotizzabile è anche l uso di altre piante che provocano delirio e allucinazioni, legate a pratiche sciamaniche, mentre sostanze vegetali venefiche potevano essere utilizzate per la caccia. Ma l uso delle piante nelle Preistoria permea tutto il mondo del sacro, come i resti di fiori deposti dai Neandertaliani di Shanidar su una tomba, atto gentile di estremo omaggio al defunto, o le offerte di cereali e frutti a divinità legate alla forza creatrice della natura rinvenute in molte grotte. Le fonti per ricostruire questo mondo perduto sono molteplici. Dove mancano resti che possono essere studiati dall archeobotanica, o a integrazione di questi, le fonti iconografiche, costituite da pitture e incisioni rupestri, offrono spunti di ricerca. Ma se la documentazione non è ancora sufficiente ci aiutano i confronti etnografici e il folklore: molte tecnologie semplici e molti oggetti essenziali sono rimasti pressoché immutati dalla Preistoria a pochi anni fa e quindi non è poi del tutto errato considerare alcuni manufatti recenti come un aiuto alla comprensione della vita quotidiana degli uomini della Preistoria. Nonostante la labilità delle tracce legate al mondo vegetale, le notizie raccolte e la documentazione iconografica sono state numerose e si è imposta una scelta per l allestimento dei pannelli: la Mostra ha scopi prettamente didattici e vuole stimolare spunti di ricerca e di interesse, o semplicemente di curiosità, non ha sicuramente la pretesa di essere esaustiva. Chi vuole approfondire gli argomenti trattati può avvalersi del piccolo catalogo che riporta, oltre ai testi dei pannelli, anche la bibliografia consultata per la redazione degli stessi. Anche la scelta degli oggetti da esporre ha seguito i criteri che hanno ispirato la Mostra: quindi vicino a reperti archeologici vi sono oggetti etnografici, in una sorta di continuità dalla Preistoria ai nostri giorni, o anche materiali frutto dell archeologia sperimentale, campo di studi finalizzato alla verifica di ipotesi archeologiche mediante il ricorso a esperimenti replicativi. Si vuole infine porre un ulteriore attenzione ai materiali freschi della Mostra, costituiti da molte di quelle piante che hanno costituito la base della sopravvivenza dei nostri progenitori e hanno permesso quello sviluppo tecnologico che ancora ora, nonostante il nostro essere estremamente smaliziati in questo campo, ci rende del tutto stupiti e quasi increduli. Desidero ringraziare vivamente tutti coloro che hanno voluto partecipare a questa iniziativa, colleghi e collaboratori che, con impegno e passione, hanno contribuito, ciascuno per le sue specificità, alla realizzazione e alla riuscita della Mostra. Pisa, aprile 2004 Renata Grifoni Cremonesi

4 L era geologica in cui ci troviamo tuttora a vivere è il Quaternario: ha inizio intorno a oppure anni fa a seconda delle interpretazioni. È suddiviso in Pleistocene, che termina anni fa ed Olocene che perdura tuttora. Il Pleistocene è contraddistinto da numerosi episodi glaciali alternati a fasi calde. La successione cronologica delle culture nell arco della preistoria in Europa è la seguente: PALEOLITICO INFERIORE ANNI FA I primi europei erano robusti ed abili cacciatori e raccoglitori nomadi, costituiti in piccole tribù, insediate in accampamenti, in grotte o all aperto. Fabbricavano strumenti in pietra, osso e legno adattandosi a situazioni climatiche da glaciali ad interglaciali. Intorno a anni fa iniziarono ad usare il fuoco. Il cranio dell uomo di Neandertal, protagonista del Paleolitico Medio, dalla Grotta Guattari, Circeo Uno strumento di pietra della ne del Paleolitico Inferiore, che denota tecniche raf nate nella fattura e un ottima funzionalità Le straordinarie rappresentazioni di animali della Grotta Chauvet - Francia. Paleolitico Superiore PALEOLITICO MEDIO ANNI FA L Uomo ha sempre un economia di caccia e raccolta, con insediamenti in grotta o in accampamenti all aperto. Ancora nomade, pratica le prime forme di sepoltura. Utilizza strumenti in pietra e legno. Il clima, inizialmente caldo e umido, diviene poi arido e freddo, caratterizzato da ambiente di steppa-prateria talora parzialmente arborata. PALEOLITICO SUPERIORE ANNI FA Si alternano fasi glaciali a momenti più temperati: quindi il ricoprimento vegetale steppico dei momenti aridi e freddi si arrichisce di alberi e arbusti quando il clima si fa più mite. L Uomo moderno (Homo sapiens) pratica la caccia, la raccolta e la pesca. Vive in insediamenti in grotta, in ripari o accampamenti all aperto. Oltre agli strumenti in pietra e legno, utilizza anche osso e corno. La spiritualità si concretizza, oltre che nelle sepolture, spesso in associazione a ricchi corredi, soprattutto nella nascita dell arte. MESOLITICO Un vaso di raf nata tecnica proveniente dal villaggio neolitico di Catignano, Pescara ANNI FA Si completa la deglaciazione e sia ffermano quercia e nocciolo. L attività venatoria è ora spesso rivolta ad animali di piccola taglia, alla pesca, alla raccolta di molluschi marini e terrestri e di una vasta gamma di risorse vegetali. Gli strumenti sono dei microliti in selce e quarzo; si usano inoltre strumenti in osso, corno e legno. Arpone in corno dai livelli mesolitici del Riparo di Romagnano, Trento ETÀ DEL RAME NEOLITICO ANNI FA L optimum climaticum favorisce un economia non più predatoria ma produttiva, basata sull agricoltura e l allevamento e con villaggi stabili. Il diboscamento operato nelle foreste presenti alle nostre latitudini in questo periodo, è attuato tramite strumenti in pietra levigata. Oltre alla selce e al quarzo, si usa anche l ossidiana di origine insulare. Nuove attività artigianali sono la ceramica e la tessitura. Le flore tendono mano a mano ad assumere la configurazione attuale. Il Neolitico rappresenta il primo grande impatto dell uomo sull ambiente ANNI FA Si diffonde la metallurgia del rame, dell oro e dell argento. Le nuove materie prime producono una differenziazione sociale spinta, con la comparsa di gruppi dominanti guerrieri: questa svolta è testimoniata dalle sepolture collettive, in grotticelle naturali o artificiali, o necropoli all aperto, spesso con ricchi corredi (pugnali di rame, punte di freccia, ornamenti). Inizia l allevamento del cavallo. Pugnale di rame da Grotta del Castello, Vecchiano, Pisa. Età del Rame L urna cineraria di Rossano di Zeri, Lunigiana. Età del Bronzo ETÀ DEL BRONZO ANNI FA La metallurgia del bronzo, una lega di rame e stagno, promuove commerci su vasta scala e una maggiore complessità dei gruppi sociali. L agricoltura diviene più produttiva con la diffusione dell uso dell aratro. Gli insediamenti all aperto possono definirsi proto-urbani. Si ha l affermazione della cremazione nel rituale funebre.

5 GEOLOGIA I vegetali fossilizzano difficilmente perché sono costituiti prevalentemente da materia organica, senza strutture di supporto minerali di grandi dimensioni. Tuttavia alcune rocce preservano spesso resti floristici. Il travertino, roccia sedimentaria di origine chimica che si forma per precipitazione di carbonato di calcio presso sorgenti, cascate, bacini lacustri, fiumi caverne, ingloba spesso elementi vegetali. Questi vengono incrostati dal carbonato di calcio che ne ricalca perfettamente la forma, anche nei minimi particolari. Pianta fossile del giacimento di Monte Bolca (Verona; Eocene: milioni di anni fa) Questa foglia, che ha lasciato un impronta sulla roccia che l ha inglobata, appartiene ad una pianta del periodo carbonifero (Gran Bretagna, milioni di anni fa) ed indica un clima di tipo equatoriale La silicizzazione è invece un processo di fossilizzazione in cui le sostanze organiche e inorganiche sono sostituite da silice: tipica è quella in cui si preservano legni fossili che a volte costituiscono intere foreste pietrificate. Il legno silicizzato venne anche utilizzato in epoca preistorica come materiale scheggiabile da cui ricavare strumenti. Un altro processo di fossilizzazione è quello di carbonizzazione: i vegetali carbonizzati forniscono i carboni fossili. Travertino in formazione: Poggio Conte, Viterbo Un esempio di fossilizzazione per mineralizzazione: sezione di un tronco silicizzato di conifera triassica ( milioni di anni fa; foresta pietri cata dell Arizona - USA) Foresta pietri cata nel parco di Yellowstone - USA DENDROCRONOLOGIA La dendrocronologia è un metodo di datazione basato sul principio che, nelle zone a clima temperato, in cui si ha alternanza di stagione calda e stagione fredda, i tronchi degli alberi formano ogni anno un nuovo anello. Questi sono più sottili negli anni caratterizzati da scarse precipitazioni e più larghi negli anni con clima più favorevole. Contando gli anelli di un tronco tagliato è possibile calcolarne l età; tuttavia gli alberi difficilmente vivono più di qualche centinaio d anni. Ponendo a confronto e sovrapponendo campioni di legname provenienti da siti archeologici, si può estendere il processo di datazione no alla preistoria Attualmente il calendario degli anelli copre un arco temporale che risale fino a circa anni fa: si tratta del caso della curva standard della quercia della Germania meridionale che copre tale arco di tempo ed è stata utilizzata per la datazione delle palafitte svizzere. Si tratta quindi di un procedimento che consente di collocare in un preciso arco di tempo un frammento di legno antichissimo purché in buono stato di conservazione. In questa rondella tratta da un tronco d albero sono evidenti gli anelli di accrescimento Raccogliendo però frammenti di tronchi da edifici antichi, scavi archeologici, sedimenti, ecc., è possibile identificare in questi sequenze di anelli che si possono ritrovare anche in campioni che hanno un età più recente o più antica: è sufficiente che vi sia stata sovrapposizione tra la vita di due piante. In questo modo si può ricostruire una sequenza continua di anelli all indietro nel tempo, che viene rappresentata graficamente con un diagramma, e stabilire la loro età assoluta semplicemente contandoli. Questa sequenza può essere utilizzata per le datazioni. La curva dendrocronologica è stata ottenuta per la prima volta usando il Pinus aristata della California che può vivere no a anni La dendrocronologia ha consentito di ricostruire uno schema cronologico fondato su fasi climatiche grazie allo studio di esemplari molto vecchi di sequoia gigante o pino aristato, alberi particolarmente longevi.

6 Attraverso lo studio di differenti tipi di resti vegetali provenienti da contesti archeologici, l archeobotanica ricostruisce l insieme della flora antica, sia delle piante spontanee che di quelle coltivate e chiarisce i modi del suo sfruttamento da parte dell uomo. Quindi da un lato le indagini della disciplina si concentrano sui mutamenti nella vegetazione, vista in rapporto al clima e alla situazione ambientale, dall altro viene analizzato l impatto antropico sull ambiente, con un attenzione particolare alla dieta e all economia. L impatto antropico sull ambiente in età preistorica 1 - incendio della foresta per creare spazi all agricoltura; 2 - preparazione del suolo per la semina; 3 - messa a coltura; 4 - raccolta e abbandono del campo. Sul suolo ormai impoverito si sviluppa una vegetazione secondaria 3 Resti microbotanici PALINOLOGIA (ANALISI DEI POLLINI) Le tracce più diffuse che le piante lasciano di sé nell ambiente sono i pollini e le spore, che si conservano talora nei sedimenti dai quali possono essere estratti ed identificati. Con l osservazione al microscopio si può riconoscere a quali specie di pianta questi appartengono, per la differenza spesso molto evidente delle forme e delle ornamentazioni che presentano. A ciascuna specie vegetale corrisponde un tipo di granulo che viene determinato per confronto con pollini e spore attuali. Contando in percentuale i pollini delle specie vegetali nei diversi livelli di un sedimento, si ottiene lo spettro pollinico; la distribuzione delle varie specie nel tempo è rappresentata dal diagramma pollinico, utilizzato per ricostruire attraverso i mutamenti della vegetazione quelli del clima relativi a intervalli di tempo anche molto lunghi. ANALISI DI DIATOMEE E FITOLITI Le diatomee e i fitoliti sono microfossili di piante. Le diatomee sono alghe unicellulari di ambiente acquatico, protette da un guscio siliceo: il loro studio consente ricostruzioni paleoecologiche. I fitoliti sono strutture di sostegno di silice prodotte in particolare, ma non solo, dalle graminacee; si conservano all interno di argilla cotta o cruda o in grandi ammassi indisturbati di ceneri e sono di particolare utilità quando mancano altri dati di tipo archeobotanico. Le differenze morfologiche dei granuli di pollini permettono la identi cazione della specie di appartenenza. Lo attesta l immagine di questi granuli pollinici ingranditi 1000 volte appartenenti alle seguentipiante: Quercia; Salice; Acero, Ontano; Nocciolo; Betulla; Ericacea; Edera; Graminacea; Tiglio; Composita Diatomea proveniente dall Arèche, - Francia. Gonphonema parvulum (Kutz) Grunow, x (da 25 milioni di anni fa all epoca attuale) Resti macrobotanici ANTRACOLOGIA Studia i resti di legno, carbonizzato e no, che danno informazioni sulla vegetazione arborea antica e l interazione dell uomo con essa. L osservazione al microscopio di un campione di legno e carbone permette di identificare il genere o a volte la specie di appartenenza attraverso i suoi aspetti morfologici. I risultati di queste analisi, oltre a fornire dati sulla flora circostante il sito, danno anche informazioni sulla scelta del legname raccolto e sulle modalità di approvvigionamento; possono poi offrire indicazioni sulle tecnologie e le procedure di lavorazione. CARPOLOGIA 1 Analisi di semi e frutti di piante spontanee e coltivate o più genericamente dei macroresti vegetali che sono recuperabili nel corso delle ricerche archeologiche. La carpologia fornisce indicazioni anche sulle tecniche agricole, sui metodi di conservazione, di preparazione, di consumo e di utilizzazione delle risorse floristiche. Lo studio delle associazioni polliniche permette di ricostruire ambienti del passato e di apprezzarne le variazioni nel tempo. Nei livelli archeologici della Grotta dell Hortus, nel sud della Francia, è stata riconosciuta una successsione di diverse a fasi climatiche. a - L associazione di pino silvestre, betulla, querceto misto, graminacee denota un clima freddo-umido b - Le specie arboree soccombono e vengono sostituite da vaste steppe erbacee. L associazione denota una fase fredda e secca b Sezioni sottili di carboni di legno: in alto, le sezioni trasversali, in basso le sezioni tangenziali. 1,2 - Pinus sylvestris; 3,4 - Quercus ilex; 5,6 - Rhamnus alaternus 5 4

7 Ad eccezione dei pollini, delle spore e dei fitoliti, la materia vegetale si distrugge e scompare molto rapidamente in ambiente naturale. La combustione, accidentale o volontaria, se non è troppo intensa, preserva alcuni resti floristici, come ad esempio i semi. I vegetali possono anche sussistere sotto forma di impronte dopo la loro scomparsa. Infine le torbiere e gli ambienti molto umidi sono luoghi favorevoli alla conservazione dei resti botanici. I minerali metallici, sali e petrolio, favoriscono la conservazione dei resti organici, prevenendo l attività di decomposizione da parte dei microrganismi: molte miniere di rame e di sale conservano reperti di legno, pelle e tessuti. Anche le grotte sono dei conservatori naturali perché il loro interno è protetto dagli agenti atmosferici esterni: se non disturbate conservano perfino fibre vegetali. Tra il XIX ed il XVII secolo a.c. il Vesuvio scatenò una grande eruzione: questa catastrofe distrusse parte dei villaggi della zona, ma al tempo stesso, ne permise la conservazione seppellendoli sotto materilae eruttivo. A Croce del Papa, presso Nola, si conserva una capanna praticamente integra, qui in fase di scavo, con una parte consistente dell alzato e tutta la suppellettile domestica. Pali delle pala tte del bacino del Lavagnone, Brescia, databili all Antica Età del Bronzo durante lo scavo I disastri naturali determinano talvolta la conservazione di un sito e dei suoi materiali organici: si pensi alle eruzioni vulcaniche come quelle del Vesuvio, che hanno conservato non solo la Pompei romana ma anche siti più antichi. Oltre a queste particolari circostanze, la conservazione di materiali vegetali non carbonizzati avviene solo in ambienti particolarmente aridi o comunque a clima secco, estremamente freddi, in aree ghiacciate o impregnate d acqua, in assenza di ossigeno. Ruota in legno tripartita in olmo dalla Terramare di Castione Marchesi, Parma, risalente alla Media Età del Bronzo Il restauro dei manufatti fratturati veniva effettuato anche in antico, come dimostra il rattoppo su una ciotola ansata dall abitato di Fiavè realizzato con bra vegetale ricavata da ramoscello di abete Nel caso di materiali organici provenienti da ambiente umido il problema maggiore è costituito dal rapido deterioramento cui essi vanno incontro dopo la loro scoperta, perchè cominciano quasi subito a essiccarsi, a fessurarsi e a collassare. Debbono quindi essere mantenuti umidi fino a quando non possano essere debitamente trattati in laboratorio; nel caso di reperti particolarmente delicati si rende opportuno durante lo scavo asportare anche la parte del terreno che li ingloba. Infatti il legno, appena rimosso dallo scavo d ambiente umido, si decompone per la degradazione della cellulosa e può essere conservato solo con un imbibizione con resine o consolidanti particolari che prendano il posto dell acqua fatta evaporare in maniera opportuna. I tessuti e i manufatti ad intreccio, molto più fragili, dopo la pulitura, vanno prima trattati in un bagno di impregnante, la cui scelta verrà decisa caso per caso, in base alle caratteristiche del manufatto da trattare; vengono poi essiccati tramite liofilizzazione. Se dopo tale trattamento il tessile non dovesse presentarsi ancora sufficientemente solido, viene effettuata un altra impregnazione. a La storia di un reperto organico, in questo caso proveniente da Arbon Bleiche 3 - Svizzera, dallo scavo alla musealizzazione a - Intreccio bagnato appena tolto dal terreno; b - Intreccio bagnato dopo la pulitura; c - Intreccio consolidato e lio lizzato b c a - Cesto in un blocco di terra bagnato proveniente da Arbon Bleiche 3 - Svizzera; b - Cesto restaurato e sottoposto ad un trattamento di conservazione I depositi paludosi di Tollund, in Danimarca, hanno permesso la conservazione di questo uomo, che dopo essere stato strangolato venne gettato nelle paludi oltre 2000 anni fa. a b

8 Durante il Paleolitico una delle prime forme di raccolta da parte dell uomo è consistita nell approvvigionamento di legname come combustibile per i focolari degli accampamenti. Purtroppo la documentazione archeologica si limita a piccoli carboni di legno presenti nei focolari o nei suoli d abitato. Il loro studio è utile per la ricostruzione dell ambiente e del clima, ma può dare anche informazioni sul tipo di legno scelto in base all utilizzo: è infatti probabile che gli uomini già allora fossero consapevoli delle proprietà combustibili delle differenti specie di legname e lo abbiano selezionato a seconda delle diverse funzioni del focolare (illuminazione, cottura o affumicamento dei cibi, riscaldamento). Erano comunque raccolti nel bosco prevalentemente i numerosi rami e rametti caduti a terra, data l assenza di strumenti specifici per il taglio del legname (l ascia compare solo con l agricoltura) e la prevalenza nei resti di focolari di carboni invasi da funghi. Di solito il legno era raccolto in prossimità degli insediamenti e in preferenza venivano scelti rami piccoli e particolarmente secchi (nei carboni si vedono a volte ancora i buchi degli insetti) che servivano per accendere il fuoco, assieme ad altri elementi vegetali che facevano da combustibile come alghe, radici, paglia secca, di cui però mancano quasi sempre prove archeologiche. A partire dal Paleolitico il legname era raccolto anche come elemento costruttivo per le capanne, come supporto per l immanicamento di strumenti in pietra o in osso, per la fabbricazione di armi da caccia come punte e giavellotti da lancio e anche per l estrazione di radici e tuberi dal terreno (bastoni da scavo) a scopo alimentare. Punta di giavellotto in legno da Clacton on Sea - Gran Bretagna anni fa Quello che resta di un focolare dopo l utilizzo sono ceneri e carboni, mentre le pietre che racchiudevano il fuoco sono spezzate ed arrossate per il calore (Focolare dall Abri de Rhodes II - Francia) Nella grotta di Aldène in Francia l esame di alcune tracce di torcia sulle pareti hanno mostrato la presenza di minuscoli frammenti vegetali identi cati come residui di ginepro. Questo legno sembrerebbe il più adatto alla fabbricazione di torce, perché produce una luce viva, non offuscata dal fumo, al contrario delle essenze resinose quali il pino. Nei focolari del Paleolitico medio del Lazaret in Francia ( anni da oggi) gli uomini preistorici per alimentare il fuoco hanno scelto legna a combustione lenta che sviluppa molta brace (quercia, bosso). In altri casi (Dolni Vestonice, Rep. Ceca) il combustibile principale è fatto di legni resinosi (Pinus sylvestris, Pinus cembra, Picea excelsa). Utilizzo di bastoni da scavo da parte di un gruppo di Reddi - popolazione dell India meridionale - e ricostruzione di un bastone da scavo Nella Grotta della Basura, a Toirano (Savona), l uso di torce di legno è documentato dal carbone rimasto sulle concrezioni calcaree delle pareti e dalle impronte carboniose di una mano. L archeologo sperimenta l accensione del fuoco usando il fungo Fomes fomentarius Fomes fomentarius da Charavines - Francia Fomes fomentarius allo stato naturale Per accendere il fuoco gli uomini preistorici utilizzavano un frammento di selce, della pirite di ferro e come esca Fomes fomentarius, un fungo che si trova sui ceppi degli alberi morti e che bisogna far bollire a lungo e poi seccare. Percuotendo insieme la selce e la pirite si creano delle scintille che vanno a cadere su un punto del fungo ben secco; sof andoci sopra, le braci, dapprima ni poi sempre più grosse, cominciano a bruciare. Anche Ötzi, la Mummia del Similaun, portava nella sua cintura pezzi di fungo-esca. Grotta della Basura, Toirano, Savona. Impronta carboniosa di mano Il carbone di legna, residuo della combustione incompleta del legno, poteva essere usato come colorante nelle pitture rupestri paleolitiche, anche se non è stato quasi mai identi cato sulle pareti dipinte delle grotte, in quanto probabilmente scomparso per ossidazione. Quattro tratti neri identi cati come frammenti di carbone aderenti alle pareti vengono però da una serie di pitture nella Grotta di Niaux nella Francia meridionale. Grotta della Basura, Toirano, Savona Tracce di carbone lasciate da torcia lignea

9 Nel Paleolitico la raccolta di frutti, piante alimentari, radici e tuberi era molto importante per la sussistenza, costituendo una delle principali fonti di cibo. La presenza di resti carbonizzati di piante e frutti commestibili è documentata già in numerosi insediamenti del Paleolitico inferiore in Cina (Zhoukoudian), Africa orientale (Kalambo Falls) ed Europa (Vértesszöllös in Ungheria, Bilzingsleben in Germania, Terra Amata in Francia). Non si può però affermare con certezza che questi resti derivino da un attività di raccolta, in quanto potrebbero essersi conservati indipendentemente dalla presenza umana. Il consumo di alimenti vegetali può comunque essere dimostrato dagli studi di paleonutrizione, cioè attraverso analisi chimiche sui resti fossili umani, presumendo che la dieta ante mortem abbia lasciato traccia sulla composizione chimica delle ossa, o attraverso lo studio delle strie (tracce d usura) lasciate sui denti. Raf gurazioni di vegetali su strumenti di osso del Paleolitico Superiore da grotte francesi in cui sono stati rinvenuti macine e macinelli per triturare vegetali More di rovo (Rubus fruticosus) Fragola di bosco (Fragaria vesca) Ricostruzione di un pasto preistorico a base di frutta In Europa nel Paleolitico medio e buona parte di quello superiore, con la diminuzione delle temperature e della vegetazione durante le fasi glaciali, il consumo di cibi vegetali non dovette essere particolarmente abbondante e la mancanza di tracce di accumulo di scorte fa pensare che i cibi vegetali venissero consumati appena raccolti o portati al campo base per il pasto in comune. Nella fase finale del Paleolitico superiore e nel Mesolitico la raccolta di alimenti vegetali divenne più abbondante e specializzata, con immagazzinamento e conservazione dei resti negli insediamenti. La fine della fase glaciale (Allerod, Preboreale) e l inizio di quella temperata (Olocene) favorirono la presenza di frutti di bosco e leguminose selvatiche. Si sviluppò inoltre la raccolta di quei frutti che potevano essere conservati per l inverno: ghiande (Quercus sp.), noci (Juglans regia) e soprattutto nocciole (Corylus avellana), rinvenute spesso in forma di mucchietti di gusci carbonizzati, facendo supporre una prima forma di sedentarizzazione dei gruppi umani legata a un economia di raccolta e conservazione di questi frutti. In Grecia a Grotta Franchti (Paleolitico superiore nale e Mesolitico anni da oggi) sono stati rinvenuti molti semi selvatici di avena, lenticchia, pistacchio, mandorla e in misura minore di orzo e di altri tipi di legumi selvatici (pisello, veccia). Nel Mesolitico a Grotta dell Uzzo in Sicilia sono stati rinvenuti numerosi resti di semi carbonizzati, tra cui ghiande di quercia, frutti di corbezzolo, un vinacciolo di vite selvatica (Vitis vinifera subsp. sylvestris), un nòcciolo di olivo selvatico. Sono presenti anche alcuni resti di legumi selvatici (Lathyrus sp. o Pisum sp.). così come in altri insediamenti mesolitici della Francia meridionale (Abri de la Poujade, Baume de Fontbrégoua e Baume de l Abeurador). Grotta Franchti - Grecia. Lenticchie (sopra) e orzo selvatici (a destra) Quercia con ghiande Grotta dell Uzzo - Orzo selvatico, Olivo selvatico, Vite selvatica

N ATURA DAL PASSATO: LEGNI E SEMI NEOLITICI

N ATURA DAL PASSATO: LEGNI E SEMI NEOLITICI L Isolino Virginia si trova a pochi metri dalla riva occidentale del Lago di Varese, nel Comune di Biandronno. Dal 1962, in seguito alla donazione del Marchese Gianfelice Ponti, è proprietà del Comune

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17

Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Indice Introduzione...13 PARTE GENERALE...17 Cap. 1 COMPOSIZIONE BIOCHIMICA DEGLI ALIMENTI VEGETALI 1.1 Definizione di alimento...18 1.2 Principi nutritivi...18 1.2.1 Inorganici...19 1.2.1.1 Ossigeno...19

Dettagli

I popoli italici. Mondadori Education

I popoli italici. Mondadori Education I popoli italici Fin dalla Preistoria l Italia è stata abitata da popolazioni provenienti dall Europa centrale. Questi popoli avevano origini, lingue e culture differenti e si stabilirono in diverse zone

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL FILO INTRECCIATO

ALLA SCOPERTA DEL FILO INTRECCIATO Il tè degli insegnanti 25 marzo 2009 Darwin year 2009 ALLA SCOPERTA DEL FILO INTRECCIATO A cura di Paola Coller e Manuela Pernter corde Filo intrecciato intrecci tessuti canna di palude, stipa e sparto

Dettagli

13. Il clima e la biosfera

13. Il clima e la biosfera 13. Il clima e la biosfera Nel dicembre del 2004 si è conclusa una straordinaria perforazione profonda nei ghiacci a Dome C, in Antartide. Iniziata nel 1996, questa perforazione ha prodotto una preziosissima

Dettagli

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus.

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. PROVENIENZA: si è naturalizzato in Africa meridionale dov è considerata

Dettagli

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole

CHE COS È LA STORIA? Lavoro sulle parole CHE COS È LA STORIA? Studiare un libro di Storia vuol dire fare un viaggio interessante in un mondo nuovo: questo viaggio porta nel passato! La Storia vuole raccontare i fatti del passato come sono realmente

Dettagli

Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI

Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI Cibo e cucina in sopravvivenza Contributo dell aiuto istruttore Matteo NICOLINI In sopravvivenza occorre conoscere i bisogni nutritivi del corpo e come farvi fronte. Un corpo sano può sopravvivere con

Dettagli

farina serve ad indicare quella di grano semola

farina serve ad indicare quella di grano semola Cos è la farina? La farina è il prodotto ottenuto dalla macinazione di cereali o di altri prodotti (legumi, frutta a guscio, tuberi). Nell'uso comune quando non specificato il termine farina serve ad indicare

Dettagli

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative

Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Benefici derivanti dalla pellettizzazione del legno e delle biomasse alternative Giuseppe Toscano Pellet combustibile di legno e di biomasse alternative Una reale opportunità di sviluppo della green economy

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO

LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO Ricerche Speleologiche - Anno 2006 n. 1 MANLIO PORCELLI* * Centro Altamurano Ricerche Speleologiche LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO 1. Premessa

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA...

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... LABORATORIO ARCHEOLOGICO DEGLI ALUNNI DI 3 a - 4 a A - 4 a B DELLA Scuola Primaria di Sedegliano Anno Scolastico 2009-2010 LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... Le fotografie sono state scattate nel corso

Dettagli

GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA

GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA Nome... classe.... GRANO: DAL CHICCO ALLA MIETITURA Leggete i paragrafi, trovate la frase con lõidea principale e scrivetela nelle righe vuote STORIA DEL GRANO La storia del grano risale alla preistoria,

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo

LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz Faber): Quiz_evoluzione uomo NOME FILE: L evoluzione dell uomo_a2 CODICE DOCUMENTO: S STORIA A A2 P 2 DESCRIZIONE DOCUMENTO: proposta di testo semplificato di storia SCUOLA: primaria CLASSE: 3^ LINK CORRELATI: Test interattivo (Quiz

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA

LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA LE CIVILTÀ CRETESE E MICENEA Creta è l isola più grande dell arcipelago greco. Si trova al centro del Mar Mediterraneo. L isola aveva un territorio fertile. Queste caratteristiche dell isola hanno permesso

Dettagli

NATURSIMUL MACERATI GLICERINATI

NATURSIMUL MACERATI GLICERINATI Macerati glicerinati Natursimul www.natursimul.it ABIES PECTINATA gemme (Abete bianco gemme) - MG - 1DH Vol. Alc. 30 % (idrato anidro 15 ml) Ingredienti: acqua, alcol etilico*, stabilizzante: glicerina

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

Questo linguaggio, unitamente ai rapporti sociali, al consumo di carne e allo sviluppo della tecnologia diede origine ad una nuova evoluzione.

Questo linguaggio, unitamente ai rapporti sociali, al consumo di carne e allo sviluppo della tecnologia diede origine ad una nuova evoluzione. L AUSTRALOPITECO Circa 10 milioni di anni fa, a causa del movimento delle placche della crosta terrestre e dello scontro di esse lungo una linea che va dall Etiopia fino al Sud Africa, si formò una profonda

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione II PARTE Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione 2. Un Asia, tante Asie: Paesi, aree e regioni dell estremo Oriente Inizio II Millennio ASIA centro della

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Progetto Europeo MixBiopells Market Implementation of Extraordinary Biomass Pellets

Progetto Europeo MixBiopells Market Implementation of Extraordinary Biomass Pellets Progetto Europeo MixBiopells Market Implementation of Extraordinary Biomass Pellets GIUSEPPE TOSCANO Comitato Termotecnico Italiano MIXBIOPELLET: PURO e MISCELA CON LEGNO PURO Agroresiduo MISCELA Agroresiduo

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

P a r c h i d e l l a V a l d i C o r n i a

P a r c h i d e l l a V a l d i C o r n i a Parchi della Val di Cornia P a r c h i d e l l a V a l d i C o r n i a Via Lerario, 90-57125 Piombino (LI) tel. 0565 226445 - fax 0565 226521 prenotazioni@parchivaldicornia.it www.parchivaldicornia.it

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Ann Mus civ Rovereto Sez : Arch, St, Sc nat Vol 21 (2005) 87-120 2006 DANIELA MOSER RICERCHE DI CARPOLOGIA A LOPPIO-ISOLA S ANDREA (TN): I PRIMI RISULTATI Abstract - DANIELA MOSER - Carpology s researches

Dettagli

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE.

GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DELLE DEFINIZIONI TECNICHE IN USO NEL SETTORE ECONOMICO - IMMOBILIARE. GLOSSARIO DEI TERMINI IMMOBILIARI SEZIONE I: FABBRICATI ED AREE EDIFICABILI SEZIONE II: TERRENI AGRICOLI SEZIONE III: COLTURE

Dettagli

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed.

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. Panoramica e criteri di scelta dei riscaldamenti a legna Corso Riscaldamenti a legna Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA

QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA I SEMI I semi sono un regalo della natura che i contadini, da sempre, si sono scambiati tra loro insieme a idee, conoscenze, cultura. QUESTA BIODIVERSITA E IL PATRIMONIO STORICO DELL AGRICOLTURA Gli agricoltori

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Alimentazione e Nutrizione. Umana. STA n.o.

Alimentazione e Nutrizione. Umana. STA n.o. Alimentazione e Nutrizione Umana STA n.o. 2006 1 Come è organizzato il corso Il corso di Alimentazione e nutrizione Umana per STA N.O. comprende circa 16 lezioni da due ore e 30 (5 CFU) due volte la settimana.

Dettagli

Il progetto ha preso corpo da una serie di idee raccolte in quattro anni di corso presso

Il progetto ha preso corpo da una serie di idee raccolte in quattro anni di corso presso Sperimentazione di metodi di impregnazione e liofilizzazione di legni archeologici provenienti da ambienti saturi di acqua Enrico Cragnolini, Alex Sarra Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro,

Dettagli

F. BERTO, M. CUPITÒ, G. LEONARDI, M. ROTTOLI. 1. Introduzione

F. BERTO, M. CUPITÒ, G. LEONARDI, M. ROTTOLI. 1. Introduzione 4. Le analisi archeobotaniche del "pozzetto" US 317 a Fondo Paviani (VR): alimentazione e strategie di sussistenza in un contesto della tarda Età del Bronzo dell'italia settentrionale. F. BERTO, M. CUPITÒ,

Dettagli

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A

Manuale. sua mappa concettuale. Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian. per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A Manuale per costruire e la il riassucco di un testo sua mappa concettuale Prodotto dagli insegnanti Sparàno Valeria e Merci Christian per gli alunni del Belgruppolo della Classe Quinta A della Scuola Primaria

Dettagli

Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo

Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo Riunione Nazionale SINU Milano, 29-30 novembre 2007 Tavola rotonda I carboidrati nell alimentazione dello sportivo Alimenti glucidici di uso non abituale nell alimentazione dello sportivo Bertini I, Giampietro

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

MANUALE DIDATTICO LEGNO

MANUALE DIDATTICO LEGNO MANUALE DIDATTICO sui temi della raccolta, del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio Anno 2010/2011 Un iniziativa con il patrocinio di Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Un

Dettagli

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO A. CRESPELLANI di BAZZANO VALSAMOGGIA

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO A. CRESPELLANI di BAZZANO VALSAMOGGIA MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO A. CRESPELLANI di BAZZANO VALSAMOGGIA Estate 2015 LABORATORI PER I CENTRI ESTIVI OGGI FACCIO UN VASO (4 a bambino) Si mostrano alcune semplici immagini per illustrare ai bambini

Dettagli

IL COLONIALISMO INDICAZIONI

IL COLONIALISMO INDICAZIONI IL COLONIALISMO DESTINATARI Il percorso proposto si rivolge ad alunni stranieri di almeno nove anni e può essere adattato anche per gli studenti dei corsi per adulti. PREREQUISITI Sapersi orientare con

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

GITE DI SOCIALIZZAZIONE

GITE DI SOCIALIZZAZIONE GITE DI SOCIALIZZAZIONE ANNO 2015/2016 PER LE SCUOLE SUPERIORI Il Parco archeologico si trova in collina e sorge sulle rive del fiume Trebbia. La vegetazione attuale ripropone le essenze tipiche del Neolitico.

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

La coltivazione della canapa: Cenni botanici ed utilizzi tradizionali in Trentino

La coltivazione della canapa: Cenni botanici ed utilizzi tradizionali in Trentino 22 Agosto 2013 La coltivazione della canapa: Cenni botanici ed utilizzi tradizionali in Trentino Dott.ssa Lisa Angelini CENNI BOTANICI: Classificazione Una sola specie botanica! Cannabis indica vs sativa

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net Verifica di Geografia (Il Piemonte) Nome e cognome Classe Data 1. Da che cosa deriva il nome Piemonte? 2. Con quali stati e regioni confina? 3. Il Piemonte è una delle regioni italiane che: ha uno sbocco

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

PRODUZIONE DEI TRONCHI

PRODUZIONE DEI TRONCHI MATERIALI: LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco era di legno massello Oggi: il banco è di ferro e truciolare laminato QUANDO IL LEGNO ENTRAVA OVUNQUE 1) Macchinari 2) Strutture per le case 3) Mezzi

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

Figura 72) e 72 bis Esempio morfologico di coltivazione a fasce nella zona di Calice Ligure e nella Valpora

Figura 72) e 72 bis Esempio morfologico di coltivazione a fasce nella zona di Calice Ligure e nella Valpora 1 Le immagini che seguono sono riferite alla Ricerca di Ecologia della Forma nel Territorio Socio-Estetico Agricolo di Calice Ligure, nella Valpora nel retroterra di Finale Ligure in Provincia di Savona.

Dettagli

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI HOME SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI SCUOLA PRIMARIA «SANTORRE DI SANTAROSA» SAVIGLIANO CLASSE 2^C TEMPO PIENO a.s. 2014-2015 Insegnanti: Giordano Alessandra e Testa Tiziana LEGGIAMO INSIEME

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

Percorsi Didattici Rete Museale Cadore Dolomiti 2015/2016

Percorsi Didattici Rete Museale Cadore Dolomiti 2015/2016 Percorsi Didattici Rete Museale Cadore Dolomiti 2015/2016 Cadore Dolomiti Una Rete Museale nel cuore delle Dolomiti Unesco La Rete Museale Cadore Dolomiti comprende nove musei del territorio cadorino,

Dettagli

I CEREALI. riso orzo farro

I CEREALI. riso orzo farro I CEREALI I cereali sono coltivati per i loro semi ricchi di amido che si prestano in moltissime preparazioni alimentari e costituiscono la base energetica della dieta di gran parte dell umanità. riso

Dettagli

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R.

Triennio 2002 / 2004. (Attività di ricerca e sperimentazione agraria d'interesse regionale finanziata dalla Regione Marche ai sensi della L.R. Valutazione tossicologica, tecnologica e agronomica di cereali per lo sviluppo di genotipi a basso contenuto di fattori tossici connessi alla intolleranza al glutine Triennio 2002 / 2004 (Attività di ricerca

Dettagli

Tipi di Muri. delle strutture principali a Panta Rei. Legenda. Dormitorio. Sala Polivalente. Corpo di collegamento. Balle di Paglia.

Tipi di Muri. delle strutture principali a Panta Rei. Legenda. Dormitorio. Sala Polivalente. Corpo di collegamento. Balle di Paglia. Tipi di Muri delle strutture principali a Panta Rei Dormitorio Sala Polivalente Corpo di collegamento Legenda Balle di Paglia Struttura principale Paglia e Terra Muro d accumulo Cassa Vuota Parete Vetrata

Dettagli

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB Foto M.Mendi Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Che cos è la BIODIVERSITA???? La varietà della vita sulla Terra a tutti

Dettagli

EUROPA FISICA. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA VOLUME 3 CAPITOLO 13. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle...

EUROPA FISICA. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA VOLUME 3 CAPITOLO 13. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle... VOLUME 3 CAPITOLO 13 EUROPA FISICA CPIA 1 FOGGIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle... agenti esogeni...... fiume navigabile............... bacini

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN

Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Ideazione e Realizzazione: Editoriale Domino Fonte informazioni scientifiche: INRAN Amici dall'orto e dal frutteto che ci aiutano a mangiare bene e vivere meglio. Non li avete mai visti ammiccare dai banche

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa

SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa SPERIMENTANDO SI IMPARA Seminario interattivo di Archeologia sperimentale divulgativa Sperimentare e divulgare le attività quotidiane dell'uomo neolitico Edoardo Ratti (Archeolink) Neolitizzazione La natura

Dettagli

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni)

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni) SCUOLE al MUSEO Proposte didattiche 2014-2015 Fondazione Torino usei Palazzo adama Borgo edievale Attività a cura del Theatrum Sabaudiae Torino MAO Le collezioni del Museo d'arte Orientale raccontano importanti

Dettagli

Sommario. . Introduzione... 11

Sommario. . Introduzione... 11 Sommario. Introduzione... 11 Ringraziamenti...15 Capitolo 1 Storia e proprietà dei germogli...17 1.1 Breve storia dell uso dei germogli... 17 1.2 Proprietà nutritive dei germogli... 22 Proteine, vitamine

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Tra il 1990 e il 2008 le importazioni ed i consumi dell Europa hanno contribuito alla deforestazione di 9 milioni di ettari (una superficie

Dettagli

Esplorare una cellula

Esplorare una cellula Mare e Onde I ragazzi apprenderanno nozioni su il mare e i suoi movimenti. Il Laboratorio è formato da un esperimento principale, da una serie di esperimenti collaterali e da supporti didattici: ESPERIMENTO

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

I campioni e le finalità dell indagine

I campioni e le finalità dell indagine IMMAGINI DI UOMINI E DI DONNE DALLE NECROPOLI VILLANOVIANE DI VERUCCHIO Giornate di studio dedicate a Renato Peroni Verucchio 20 22 Aprile 2011 PIETRO BARALDI, MARCO MARCHESINI*, MAURO ROTTOLI^ Analisi

Dettagli

BETULLA IMPIEGHI PANNELLO: mobili, piani per tavoli,cucine,

BETULLA IMPIEGHI PANNELLO: mobili, piani per tavoli,cucine, BETULLA mobili, piani per tavoli,cucine, arredamento in genere. Legno di colore biancastro di provenienza euro-asiatica di grana finissima e dalla fibra generalmente diritta Modulo di elasticità longitudinale:

Dettagli