LA GRECIA PENSA A UNA VALUTA PARALLELA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GRECIA PENSA A UNA VALUTA PARALLELA"

Transcript

1 LA GRECIA PENSA A UNA VALUTA PARALLELA Ecco i dettagli di una delle proposte sul tavolo del governo Tsipras DOCUMENTI

2 LA GRECIA PENSA A UNA VALUTA PARALLELA A oggi la situazione delle trattative fra il governo greco guidato da Alexis Tsipras e le istituzioni europee è ormai giunta ad una fase di stallo. È difficile prevedere se la Grecia resterà all'interno dell'eurozona e a quali condizioni. La crisi greca - inasprita dall'approvazione di misure di austerità introdotte a partire dal 2010, che hanno portato al blocco di stipendi pubblici, delle pensioni, ad aumenti di imposte e tagli alla spesa pubblica - ha ormai ha ormai assunto proporzioni senza precedenti. Nel 2015 con la vittoria del partito di sinistra radicale Syriza, i creditori internazionali congelano il pagamento delle ultime tranche del programma di aiuti (del valore totale di 7,2 miliardi di euro) in attesa di un nuovo accordo per contrattare un programma di finanziamenti. La proposta, elaborata da uno dei ricercatori del centro studi Levy Institute of Bard College, Robert Parenteau, è datato dicembre 2013 ma contiene una proposta che potrebbe consentire alla Grecia di risollevare lo stato della propria economia ed è da tempo in fase di studio da parte di ambienti governativi greci ed internazionali. Sempre più giornali parlano della possibile introduzione di una valuta parallela e fonti vicine al governo di Atene ci hanno rivelato la concreta possibilità che questa proposta possa essere introdotta in caso di mancato accordo. 1

3 16/02/2015 Tax Anticipation Notes: uno strumento alternativo e tempestivo di finanziamento per la Grecia di Robert Parenteau * Nota del redattore: questa idea è stata recentemente accolta da Wolfgang Munchau sul Financial Times come un mezzo per sostenere politiche di espansione fiscale, nonostante l'ʹattuale stallo nei negoziati fra il governo Greco e il soggetto economico conosciuto precedentemente come Troika. L'ʹutilizzo di Tax Anticipation Notes [letteralmente titoli di anticipazione d'ʹimposta, nda] come titoli provvisori che consentano alla Grecia di avere maggiore spazio a livello fiscale è stato menzionato dall'ʹautore di questo scritto già nel dicembre del L'ʹelezione in Grecia di un partito apertamente schierato contro le politiche di austerità ha scosso profondamente il consenso rispetto alla linea politica tracciata nell'ʹeurozona, e riportato alla luce tutta una serie di questioni che erano state ignorate o addirittura soppresse all interno del dibattito politico. Il consolidamento fiscale espansivo ha dimostrato la sua infondatezza. In Grecia, le difficoltà nel sostenere una crescita del PIL tramite un avanzo primario di bilancio sono assai evidenti. Di conseguenza, è risultato estremamente difficoltoso ottenere un miglioramento nel rapporto fra il debito pubblico e il PIL. E anche se da un punto di vista aritmetico si potrebbe evitare di finire in una situazione di trappola del debito, indubbiamente l'ʹemergere di partiti di opposizione rispetto all'ʹeurozona suggerisce che ci siano dei limiti a livello politico nell'ʹaccettazione di un consolidamento fiscale. Syriza ha rilanciato una terza questione e ha apertamente dichiarato che non accetterà un'ʹestensione dell'ʹattuale programma di salvataggio: uno schema Ponzi dove i nuovi prestiti sono finalizzati a ripagare gli impegni sul debito pregresso, ancor di più in un contesto nel quale i redditi nominali stanno diminuendo. La Troika ha risposto a queste osservazioni ignorando nella sostanza questi argomenti che mettono in discussione le posizioni che da sempre porta avanti, e anzi ha addirittura inasprito la propria posizione negoziale. La richiesta di Syriza volta a 2

4 una riduzione del debito, basata in parte sul riconoscimento dei punti sopracitati, è stata sommariamente respinta. In aggiunta, la BCE ha evidenziato nelle proprie stime come il governo greco non stia rispettando gli accordi dell ultimo piano di salvataggio e per questo motivo non accetterà più titoli di Stato greci come collaterale per fornire liquidità alle banche greche. Questa situazione porta le banche greche a finanziarsi esclusivamente tramite l ELA [Emergency Liquidity Asssistance, si tratta di un meccanismo utilizzato della BCE per fornire liquidità alle banche in circostanze di emergenza, nda], ma l utilizzo di questo strumento pone le banche Greche in situazione di instabilità perché può essere revocato dalla BCE con un preavviso di due settimane, con la sola maggioranza di due terzi del consiglio direttivo. Se il termine del 28 febbraio per l'ʹestensione dell'ʹattuale programma di salvataggio non verrà rispettato o in qualche modo posticipato, la Grecia rischia di affrontare con molta probabilità difficoltà a finanziarsi. Anche se molto probabilmente Syriza riuscirà a spuntare un prestito ponte, si profilano per quest'ʹestate grosse cifre necessarie a ripagare il debito [la situazione nella quale ci troviamo attualmente, nda]. L opzione nucleare di uscita dall euro rimane, anche se Syriza durante la sua campagna elettorale non ha mai esposto apertamente questa opzione e dai sondaggi realizzati anche i cittadini greci non si sentono di prendere in considerazione tale ipotesi. Un'ʹuscita potrebbe inoltre imporre condizioni, almeno nel breve periodo, persino peggiori per i cittadini greci. La probabile svalutazione della nuova valuta porterebbe ad un aumento probabile dei costi per i beni di importazione. Nel caso della Grecia costituiti in gran parte da cibo, carburante e medicinali, e questo non è un problema da poco. Il sistema bancario potrebbe essere colpito da insolvenze e fughe di capitali. I debiti contratti al di fuori della legislazione greca non potranno essere ridenominati nella nuova valuta, ciò porterebbe ad un default o a costi di ristrutturazione del debito estremamente onerosi. In ogni caso, nel periodo successivo all uscita dall Euro, la Grecia si troverebbe molto probabilmente tagliata fuori dai mercati internazionali. Uscire dall Euro è un opzione, ma tale scelta pone significativi costi sia politici che economici. Il compito dei partiti anti- austerità come Syriza (visto il quadro che si va delineando) deve essere quello di trovare una strategia politica che gli consenta di eliminare l austerità rimanendo nell euro. In assenza di un miglioramento sufficiente del saldo delle partite correnti o di un significativo aumento degli investimenti di famiglie e di imprese compatibili con i loro livelli di risparmio desiderato, un certo grado di autonomia fiscale può essere riguadagnato solo a condizione che si verifichi una crescita dei redditi (e quindi dell'ʹabilità di ripagare il debito). La seguente proposta introduce un meccanismo governativo di finanziamento alternativo, integrato con 3

5 una serie di misure necessarie per evitare il rischio di un abuso di questo strumento, che potrebbe raggiungere l'ʹobiettivo di sciogliere il bandolo della matassa. Per fare in modo che ci sia un ritorno alla crescita grazie ad un aumento dell autonomia fiscale è necessario che sia introdotto unilateralmente uno strumento alternativo di finanza pubblica. I governi federali a tal proposito potrebbero emettere dei TANs [Tax Anticipation Notes] a beneficio dei dipendenti e fornitori statali e più in generale per tutti i beneficiari di trasferimenti pubblici. Questi tax anticipation notes, che sono già ben conosciuti e utilizzati dai governi federali statunitensi avrebbero le seguenti caratteristiche: 1. Nessuna cedola: alcun pagamento di interessi sarà effettuato verso i detentori dei TANs. 2. Perpetuo: ovvero senza data di scadenza e quindi non sarà necessario ripagare il capitale, in questo caso i TANs non andrebbero ad incrementare il rapporto debito pubblico/pil; il tutto è molto simile all emissione effettuata dalla banche di obbligazioni perpetue, che vengono conteggiate come patrimonio netto e che aiutano le banche stesse a rispettare i requisiti di capitale. 3. Trasferibile: può essere venduto a terzi sul mercato aperto, esattamente come ogni titolo al portatore. 4. Accettati con un rapporto 1 TAN = 1 Euro dal governo federale per il pagamento delle passività fiscali da parte del settore privato. Nel momento in cui il governo realizza i suoi piani di spesa, i TANs potrebbero essere distribuiti elettronicamente sui conti correnti di imprese e famiglie a cui spettano, tramite un sistema di transazione criptato e sicuro. E, dal momento che ci sono ampi pagamenti in sospeso da parte del governo greco e ci sono anche grossi arretrati sul pagamento delle imposte, i TANs dovrebbero essere immediatamente accettati. In parole povere, il governo effettuerebbe una cartolarizzazione delle future passività fiscali dei propri cittadini, generando così dei crediti d imposta. Questo credito d'ʹimposta non verrebbe contabilizzato come una passività sul bilancio del governo (i British consols rappresentano un esempio storico similare), e non richiederà un flusso futuro per il pagamento di interessi pagamento che aumenterebbe la spesa pubblica, andando ad aumentare il disavanzo pubblico nei successivi bilanci. I governi che emettono i TANs potrebbero così portare avanti politiche di bilancio espansive che sono necessarie per riportare le loro economie su un percorso di crescita guidata dalla piena occupazione. 4

6 Molti hanno sollevato la questione se i TANs, al di là del nome, non sono da considerarsi come una valuta parallela a tutti gli effetti, e se i TANs potrebbero essere scambiati con l'ʹeuro a un tasso di sconto. Come sottolineato sopra, i TANs saranno accettati dal governo in un rapporto di 1 a 1 con l Euro. Inoltre, i TANs sono perpetui, titoli al portatore privi di cedola denominati in euro, non in nuove dracme. E dal momento che i i vari trattati europei che regolano l'ʹeurozona lasciano il diritto ai governi di imporre le tasse ai propri cittadini e di definire cosa accetteranno per il pagamento di quelle imposte, questo rende i governi dei market maker con sufficiente potere di acquisto per sostenere la convertibilità di 1 TAN per 1 Euro. Per esempio, se i TANs dovessero essere scambiati fra i cittadini con un leggero tasso di sconto, allora la domanda di TANs per il pagamento delle imposte aumenterebbe (proprio perché questo sarebbe il modo meno oneroso per adempiere agli obblighi fiscali), spingendo così i TANs alla parità rispetto all Euro. Molti hanno sollevato la questione se i TANs farebbero scattare immediatamente le clausole di default sui titoli di Stato esistenti. Ricordiamo che i TANs non sono stati concepiti come mezzi per il pagamento di interessi o del capitale sul debito esistente. I cittadini, inoltre, avranno la piena discrezionalità nello scegliere se pagare le imposte in Euro o in TANs. È indubbio che i TANs rappresentino un credito che precede le entrate fiscali, e quindi siano subordinati rispetto ai titoli esistenti. Un costo esplicito nell utilizzo dei TANs potrebbe essere l imposizione di sanzioni nel caso in cui il disavanzo di bilancio del 3% in rapporto al PIL stabilito dal Patto di Stabilità e Crescita venga violato. Tuttavia, sia la Germania che la Francia hanno apertamente infranto questa soglia nel 2004 senza ricevere sanzioni, ciò ha creato un precedente che può essere utilizzato per contestare eventuali ammende. Inoltre, se le misure di espansione fiscale verranno perseguite tramite l utilizzo dei TANs e tale stimolo avrà sufficiente efficacia nel rimettere in moto la crescita dei redditi, allora le entrate fiscali con grande probabilità aumenteranno facendo convergere il rapporto deficit/pil sotto la soglia del 3%. Dopo tutto, c è da notare che i recenti tentativi di consolidamento fiscale hanno fatto salire e non diminuire il rapporto debito pubblico/pil. In aggiunta a quanto sopra, se ci sono paesi con disavanzi cronici delle partite correnti superiori al 3% del PIL, la semplice regola contabile della partita doppia implica che ci sono paesi che hanno bisogno di violare la regola del 3% di disavanzo pubblico in rapporto al PIL, se vogliono che il loro settore privato nazionale non si incammini verso una strada di indebitamento netto. In caso contrario, le restrizioni 5

7 sulle politiche fiscali andranno ad esacerbare le situazioni debitorie di famiglie ed imprese, generando un aumento della fragilità del settore privato. Gli autori del cosiddetto Patto di Stabilità e Crescita sembrano aver ignorato le implicazioni di questa regola contabile, creando il contesto per possibili rischi finanziari nell'ʹeurozona, come è stato evidente all'ʹindomani della crisi finanziaria globale del La regola sul limite al deficit fiscale introdotta dal Patto di Stabilità e Crescita merita di essere rivista e messa in discussione, non solo per le sue involontarie conseguenze legate all aumento dell'ʹindebitamento del settore privato, come testimoniato dai paesi periferici dell'ʹeurozona durante la crisi finanziaria globale, ma anche perché queste politiche hanno fallito miseramente nel loro scopo dichiarato di ridurre il rapporto debito pubblico/pil. È vero che è improbabile che i TANs vengano accettati dai partner commerciali delle nazioni che li adotteranno come strumento di finanziamento alternativo, a meno che questi partner commerciali non abbiamo passività fiscali o tariffarie nei confronti dei paesi che adottano questo meccanismo di finanziamento alternativo. Ad ogni caso, molto probabilmente i TANs saranno utilizzati nelle transazioni sul mercato interno, che in questo modo avrà maggiori quantità di Euro per pagare le importazioni di beni essenziali come cibo, carburante e medicine. Naturalmente, per rendere funzionante questo meccanismo di finanziamento alternativo, dovrà essere migliorata la capacità di riscossione delle imposte. E anche una distribuzione più equa degli oneri fiscali fra la cittadinanza potrà agevolare una più ampia accettazione di questi titoli nelle transazioni. Mentre l'ʹemergere della deflazione dei prezzi è la preoccupazione più recente nell'ʹeurozona, alcuni potrebbero temere che questo meccanismo di finanziamento alternativo possa innescare una rapida accelerazione dell'ʹinflazione, se non addirittura un'ʹiperinflazione, dal momento che i vincoli sui bilanci pubblici sarebbero ridotti. Per risolvere questo problema, potrebbe essere utile che la banca centrale di ciascun paese diventi responsabile del monitoraggio dell'ʹandamento dell'ʹinflazione interna e della creazione di efficaci e rapidi sistemi di segnalazione. Entrambe le funzioni possono essere supervisionate e convalidate da una parte terza indipendente - come il Fondo Monetario Internazionale o lo staff della BCE. Le regole potrebbero quindi essere attuate imponendo una riduzione nell'ʹemissione dei TANs qualora l'ʹinflazione dovesse accelerare in un certo periodo di tempo specifico oltre un qualche limite stabilito. Potrebbe anche essere introdotto un provvedimento per diminuire ulteriormente l'ʹemissione di TANs nel caso in cui l'ʹinflazione non dovesse scendere al di sotto dell'ʹobiettivo stabilito. 6

8 Inoltre, specifici colli di bottiglia dal lato dell'ʹofferta, che potrebbero contribuire a pressioni inflazionistiche potrebbero essere individuati e affrontati mediante una spesa in infrastrutture, formazione professionale, o incentivi fiscali tramite i TANs. I TANs potrebbero anche essere utilizzati per implementare una politica per la creazione di posti di lavoro incentarata sullo schema del datore di lavoro di ultima istanza (Employer of Last Resort, ELR), che potrebbe anche avere un effetto stabilizzante sull'ʹinflazione. Rania Antonopoulos, Vice Ministro del Lavoro e della Solidarietà Sociale in Grecia, ha già eseguito una simulazione di prova dell'ʹelr in Grecia, ed è pronta a estenderlo nel suo nuovo incarico (puoi vederne un abbozzo e una simulazione di come potrebbe essere implementato qui). Non è difficile, in altre parole, creare meccanismi di politica economica sia dal lato della domanda che dell'ʹofferta che potrebbero ridurre le probabilità di un'ʹinflazione in costante accelerazione. Ed è questo esito che spaventa e sembra motivare la propensione verso il rigore fiscale da parte di molti responsabili politici dell'ʹeurozona. La Troika sembra ossessionata dai fantasmi dell'ʹinflazione della prima Repubblica di Weimar, mentre ha completamente dimenticato che furono le devastanti politiche di austerità fiscale di Bruning che hanno aperto le porte al Terzo Reich. La storia mette in luce che il danno è stato fatto in entrambe le direzioni, quindi cerchiamo di imparare a pieno le lezioni della storia, piuttosto che ripetere gli stessi fatali errori. L'ʹausterità ha dimostrato di essere un disastro su quasi tutti i fronti. Le imprese sono state condotte alla bancarotta, le famiglie sono cadute nella povertà assoluta, le banche hanno perso capitale a causa delle perdite sui prestiti effettuati, le entrate fiscali sono diminuite oppure sono state dirottate verso il servizio del debito (debito che è stato emesso in ultima istanza per socializzare le perdite derivanti dai prestiti bancari deteriorati), e il debito pubblico in rapporto al PIL è aumentato. Le economie non sono evidentemente proiettate verso percorsi di crescita guidata dalla piena occupazione quando strumenti come la politica fiscale, il tasso di cambio, e la sovranità monetaria sono drasticamente circoscritti, in modo che i prezzi siano apparentemente liberi di adattarsi alle forze di mercato. Avremmo dovuto apprendere queste cose dalle teorie di John Maynard Keynes, Irving Fisher, e Hyman Minsky, e adesso dovremmo saperlo anche per l'ʹesperienza storica vissuta. Eppure questa fatele idea neo- liberista, che poggia sulle proprietà di auto- regolazione dei mercati senza vincoli, è stata la premessa centrale dietro l'ʹunione Monetaria Europea, insieme al fondamentale impianto di creazione difettoso dell'ʹeuro. I paesi possono essere in grado di uscire da politiche di austerità, senza dover affrontare le numerose sfide derivanti da un'ʹuscita dall'ʹeuro. Potrebbe essere possibile sciogliere il nodo politico dell'ʹeuozona. Attraverso il meccanismo di finanziamento alternativo dei TANs, paesi come la Grecia potrebbero essere in grado 7

9 di contrastare la minaccia di un taglio dei fondi da parte della Troika. Simulazioni politiche sull'ʹutilizzo di TANs da parte degli economisti del Levy Economics Institute appaiono assolutamente plausibili (guarda da pag. 11 in poi nella parte Analisi Strategica, pubblicata un anno fa dal Levy Institute). Dopo troppi anni di devastante austerità guidata da scelte politiche disinformate e assolutamente sbagliate, i paesi possono essere in grado di recuperare un po'ʹ di controllo sulla loro politica fiscale, e infine creare un percorso per tornare alla piena occupazione. Dal momento che le posizioni della Troika hanno fatto emergere un partito anti- austerità come Syriza, arrivato in posizione di governo, la Grecia ha la possibilità di aprire una via d'ʹuscita dall'ʹausterità senza uscire dall'ʹeuro. Yanis, prenditi un TAN. * Rob Parenteau CFA, è proprietario unico di Di MacroStrategy Edge e ricercatore associato del Levy Economics Institute. Link documento originale: anticipation- notes- a- timely- alternative- financing- instrument- for- greece Traduzione: David Lisetti Daniele Della Bona PER RICEVERE GRATUITAMENTE IN ANTEPRIMA DOCUMENTI E VIDEO ESCLUSIVI ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER: 8

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

retemmt www.retemmt.it

retemmt www.retemmt.it MMT Primer di L. Randall Wray Blog 25 retemmt www.retemmt.it La solvibilità della valuta e il caso particolare del Dollaro USA di L. Randall Wray Postato il 20 novembre 2011 Nei blog recenti stiamo esaminando

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Lezione 25 (BAG cap. 23)

Lezione 25 (BAG cap. 23) Lezione 25 (BAG cap. 23) Il ruolo della politica economica Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Quale dovrebbe essere il ruolo della politica economica? Un giusto mix di politica

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA

LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA LA POLITICHE FISCALI IN UN UNIONE MONETARIA In un unione monetaria la politica fiscale è il principale strumento a disposizione per affrontare shock asimmetrici ❶ con bilancio pubblico centralizzato: stabilizzatori

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea

Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea Domande e risposte sull euro e l Unione economica e monetaria europea http://europa.eu.int/euro/quest/ Commissione europea È consentita la riproduzione a fini didattici e non commerciali, a condizione

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Come funziona il Patto di

Come funziona il Patto di Come funziona il Patto di Stabilità per i Comuni SOMMARIO 1. Il Patto di Stabilità esterno (Italia Vs Europa) 2. Il Patto di Stabilità interno (Stato Vs Autonomie Locali) 2.1. Come si calcola il saldo

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Con il decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (art. 9, co. 3-bis) sono state introdotte

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

LA QUESTIONE MERIDIONALE

LA QUESTIONE MERIDIONALE ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI Centro Linceo Interdisciplinare Beniamino Segre I LINCEI PER LA SCUOLA Lezioni Lincee di Economia Roma, 9 febbraio 2011 LA QUESTIONE MERIDIONALE Anna Giunta agiunta@uniroma3.it

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

2010 = piano di salvataggio di 110 miliardi di euro. Memorandum of Economic and Financial Policies e Memorandum of Undestranding of Specific Economic

2010 = piano di salvataggio di 110 miliardi di euro. Memorandum of Economic and Financial Policies e Memorandum of Undestranding of Specific Economic GRECIA Primo programma di assistenza finanziaria 2010 = 110 miliardi di euro. Secondo programma 2012 = 130 miliardi di euro. Terzo programma 2015 = 86 miliardi di euro del fondo salva Stati. Prestito ottenuto

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA DELLA VITTORIA

SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA DELLA VITTORIA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 867 SYRIZA ED IL CONTROVERSO PROGRAMMA 26 gennaio 2015 EXECUTIVE SUMMARY 2 Il trionfo

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA. Prof.ssa Stefania Manfrellotti SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti DEBITO PUBBLICO! Debito dello Stato nei confronti di altri soggetti, individui, imprese,

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO

IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 869 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL RAPPORTO ISTAT 2014. UN ITALIA ALLO STREMO 29 maggio 2014 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Lo scorso 28 maggio l Istat ha rilasciato

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info

La crisi del sistema. Dicembre 2008 www.quattrogatti.info La crisi del sistema Dicembre 2008 www.quattrogatti.info Credevo avessimo solo comprato una casa! Stiamo vivendo la più grande crisi finanziaria dopo quella degli anni 30 La crisi finanziaria si sta trasformando

Dettagli

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA

VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 1 VIII RAPPORTO SULL ECONOMIA ITALIANA 11 Giugno 2014 - ore 9,30-18,00 Roma, Via delle Coppelle 35 Palazzo Baldassini - Istituto Luigi Sturzo Sala Perin del Vaga II LE PREVISIONI EXECUTIVE SUMMARY 2 EXECUTIVE

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

DAILY REPORT 18 Agosto 2014

DAILY REPORT 18 Agosto 2014 DAILY REPORT 18 Agosto 2014 Ecco qua alcune tabelle per valutare il Sistema Italia, in un momento in cui vediamo i nostri Titoli di Stato comprati come non mai, quasi si intravedesse la luce in fondo al

Dettagli

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010

Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Lo Spunto Finanziario 27 Agosto 2010 Debiti sovrani PRIMA, Crescita o Recessione DOPO. L' incertezza Continua? 1) In scia ai timori di una ricaduta dell'economia globale sta proseguendo la "fuga dal rischio"

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re

Relazione Semestrale al 30.06.2012. Fondo Federico Re Relazione Semestrale al 30.06.2012 Fondo Federico Re Gesti-Re SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.500.000 i.v. Codice Fiscale, Partita

Dettagli

marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia

marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia marzo 2013 La Soluzione della crisi Finanziaria per l'italia Le manovre fiscali stanno sottraendo 200 miliardi all'economia. La repressione dell'evasione la deprime L'euro è troppo alto per l'italia e

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 12/5/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia

delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia I PARTNER DELLA RICERCA Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano, annovera tra i suoi consorziati le più importanti aziende di

Dettagli

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI?

FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 104 i dossier www.freefoundation.com FISCAL COMPACT: CHI ERA COSTUI? 10 luglio 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Il Fiscal Compact Lo stato dell arte in Europa Lo stato dell arte in Italia Le misure

Dettagli

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti

(15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti (15) Le nostre idee per un programma per l Europa. Leader, candidati e programma vincenti 61 I. L Europa che vogliamo II. III. IV. I valori del Partito popolare europeo L Europa delle libertà L Europa

Dettagli

i dossier ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it

i dossier ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 318 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali

La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali La gestione delle ristrutturazioni e delle crisi aziendali Ermanno Dalla Libera Istituto Poster www.performancemonitor.eu 1 Introduzione Che cos è la ristrutturazione? La ristrutturazione, nell ampia accezione

Dettagli

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO

L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO L ATTENDIBILITÀ DEL QUADRO PROGRAMMATICO DELLA LEGGE DI STABILITÀ SULLA RIDUZIONE DEL DEBITO Giuseppe Maria Pignataro * Nei programmi del governo (Legge di Stabilità e DEF), per fare scendere il debito

Dettagli

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011 Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicato stampa Data 3 settembre 29 Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 211 Nel corso della sua seduta odierna

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli