I.C. Giovanni Paolo II Via Trapani C/da Ranna Marsala (TP) Tel.0923/ Fax 0923/ istruzione.it sito:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.C. Giovanni Paolo II Via Trapani C/da Ranna Marsala (TP) Tel.0923/745848 Fax 0923/996964 e-mail: tpic83200@ istruzione.it sito:"

Transcript

1 I.C. Giovanni Paolo II Via Trapani C/da Ranna Marsala (TP) Tel.0923/ Fax 0923/ istruzione.it sito: 1

2 ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II MARSALA Il DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Giuseppe Lucio Pellegrino Visto il D.P.R. 8 Marzo 1999 n.275, regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche; Visto il D. L.vo n. 59 del 2004; Tenuto conto delle esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, rappresentate dalle istituzioni operanti sul territorio, Vista la delibera del 22/11/2013, con la quale il Collegio dei Docenti ha approvato il Piano dell Offerta Formativa per l anno scolastico 2013/2014; Vista la delibera del 19/12/2013, con la quale il Consiglio d Istituto ha adottato il Piano dell Offerta Formativa per l anno scolastico 2013/2014. DECRETA IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA I.C. GIOVANNI PAOLO II MARSALA VALIDO PER L ANNO SCOLASTICO 2013/2014 2

3 Il P.O.F. è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale e progettuale della scuola, ed è anche sintesi della progettazione curricolare, extracurricolare, integrativa, educativa, e organizzativa della stessa. Ciò si evince dal: D.P.R. 275/99, art.3; Legge 53/03; D.L/vo 59/04 e successiva modifica; D.M. del 04 settembre 07 dell ex Ministro Fioroni e l introduzione delle Indicazioni Nazionali per il Curricolo ; Disposizioni in materia di Istruzione e università - D.L. 1 settembre 2008, n.137, approvato il 29 ottobre 2008, e dalla conversione del D.L. 25 Giugno 2008, in legge 6 agosto 2008, n.133; Aggiornamento delle Indicazioni Nazionali - C.M. n.31 del 18 Aprile 2012, prima bozza del 30 Maggio 2012 e seconda bozza del 25 Luglio

4 La Scuola è sicuramente da considerare il fulcro della società moderna e come tale dovrebbe essere tenuta nella giusta considerazione. Il sistema istruzione, pertanto, ha il dovere di guardare verso il futuro attenzionando le nuove tecnologie per la costruzione di una scuola migliore. Una scuola digitale, dunque, per la società della conoscenza. Tutto questo presuppone un continuo e costante aggiornamento da parte di tutto il Personale Docente e ATA che deve trovarsi pronto all innovazione. Le competenze digitali già acquisite devono essere consolidate e sviluppate facendo in modo che possano incidere sulla didattica e quindi sull apprendimento degli alunni. Bisogna superare la resistenza al cambiamento e aprirsi all innovazione tecnologica. Non posso non evidenziare la carenza di organico del Personale Collaboratore Scolastico, come del resto negli anni scolastici trascorsi e le condizioni di precarietà in cui versa la scuola. La riduzione, poi, del Fondo annuale d Istituto va ad intaccare il numero dei progetti extracurriculari riducendoli a poche unità, mentre i Progetti PON in rete e i Progetti PON interni rappresentano uno stimolo in più per l apprendimento dei nostri alunni. Vorrei, infine, evidenziare l aumento degli alunni per classe dovuto alla diminuzione degli organici del Personale Docente. OBIETTIVI GENERALI DA PERSEGUIRE Formare alla cittadinanza digitale Offrire un servizio formativo migliore agli studenti mediante la messa a loro disposizione di maggiori opportunità di conoscenze migliorando così il loro apprendimento. Promuovere processi di innovazione didattica e di riqualificazione culturale e formativa di tutto il Personale. Promuovere l Educazione motoria nella Scuola Primaria Realizzare il miglior servizio educativo e didattico rendendo consapevoli e responsabili tutti gli alunni e le loro famiglie sull uso delle tecnologie digitali. 4

5 Costruire una identità collettiva responsabile e seria connessa con le esigenze dell utenza e con le risorse disponibili. Coinvolgere le famiglie dei tre ordini scolastici nell azione educativa dell Istituto, sensibilizzandole ad una attiva partecipazione, mettendo a loro disposizione materiali e servizi per la loro crescita culturale e sociale. Marsala, 12 Settembre 2013 Il Dirigente Scolastico Prof. Giuseppe Lucio Pellegrino 5

6 L apprendimento scolastico è un processo dinamico e relazionale di costruzione di significati attraverso esperienze e conoscenze, finalizzato a progetti di crescita globale di persone libere e responsabili, capaci di elaborare una identità soggettiva e di partecipare in modo critico ed attivo alla vita sociale. L Istituto Comprensivo " Giovanni Paolo II " si propone di elevare il livello culturale degli utenti attraverso l offerta di un servizio di qualità, finalizzando la propria azione educativa alla promozione di comportamenti attivi, responsabili e culturalmente validi. In questa prospettiva il Collegio dei Docenti si impegna a perseguire una efficace azione di formazione e di istruzione seguendo le linee del presente Piano dell'offerta Formativa (P.O.F.). Il presente P.O.F. intende disegnare lo scenario culturale organizzativo e professionale nel quale si muoverà l Istituto Comprensivo "Giovanni Paolo II" nel corso del corrente anno scolastico; definisce i propri curricula dando una curvatura specifica all equilibrio delle diverse aree culturali, tra un pensiero dichiarativo espositivo ed uno operativo-collaborativo trasversale a tutte le discipline. Si basa sulla certezza che la conoscenza si costruisce in contesti diversi, interni ed esterni alla scuola, in tutto il percorso di crescita dei soggetti che apprendono. Pertanto si ritiene importante uscire da uno insegnamento centrato sulle discipline per orientarsi verso un insegnamento centrato sulle persone che apprendono. Il P.O.F., con la sua impostazione progettuale flessibile, costituisce uno strumento di azione che impegna tutti i partecipanti in quanto: 1. Individua le situazioni di ingresso ed i bisogni formativi, adeguando coerentemente l offerta educativa alle esigenze degli allievi e delle famiglie; 2. Formula le finalità educative e gli obiettivi specifici da perseguire; 3. Definisce le linee programmatiche di intervento intese come sostegno, recupero e potenziamento; 4. Stabilisce i metodi, gli strumenti di verifica e i criteri di valutazione; 5. Esplicita il contratto formativo agli alunni, alle famiglie e alle agenzie educative operanti sul territorio; 6. Delinea un percorso educativo il più possibile unitario tra la scuola dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado e un collegamento con gli istituti superiori; 7. Individua le risorse disponibili per lo svolgimento delle attività didattiche ; 8. Esplora le opportunità di collaborazione con le realtà sociali, culturali ed economiche esistenti sul territorio. Detto piano è improntato a criteri di massima flessibilità, per cui sarà soggetto ad integrazione, adattamento, arricchimento sulla base di eventuali modifiche dei condizionamenti interni ed esterni alla scuola, allo scopo di garantire un processo educativo più realistico ed incisivo per la crescita armonica dell alunno cittadino. 6

7 TERRITORIO RISORSE CONTESTO AMBIENTALE SCELTE EDUCATIVE INTEGRAZIONE PROGETTUALITA ORGANIZZAZIONE 7

8 C è un luogo...un luogo magico...al riparo dai venti freddi del Nord dove il cielo si tinge di forti colori che, al tramonto colpiscono col vigore del rosso, del turchino e dell oro Qui il vento porta calde folate d Africa e fini sabbie dei deserti, dove a sfidare venti e arsura, dominano gli oleandri, gli ulivi e ridenti giardini di aranci e limoni Qui sorge Marsala, l antica Lilybeo Terra dei Fenici, unica come in una tavolozza di un pittore dove i colori si diversificano e si mescolano in armonia. (Mariella Nicolosi) Luogo affascinante e peculiare nella memoria storica, ambiente naturale, un vero angolo di paradiso: Mothya, Santa Maria, Schola, Isola lunga, ove sorgono i diversi plessi scolastici dell Istituto Comprensivo Giovanni Paolo II. Laguna e Riserva Naturale Orientata delle Isole dello Stagnone, ricca di tesori archeologici, di saline millenarie ornate di mulini a vento che si ergono maestosi come vecchi guerrieri a guardia e a difesa del territorio in quanto testimoni fedeli di una storia antica che si perde nella notte dei tempi. Storia percepita così lontana e al contempo così vicina che sa ancora raccontarci eventi passati con la dolcezza e la profondità di un avo che non sa e non può dimenticare ma che sa guardare fiducioso al futuro, convinto che gli eredi di questa immensa ricchezza sono i giovani i quali devono continuare a custodire gelosamente questa meraviglia unica e senza pari. (Lucia Cerniglia) 8

9 Il prestigioso vino che prende nome dalla città Lilibetana ha una storia singolare, che ormai conta più di duecento anni. A Marsala l industria moderna del vino giunge sul finire del La bontà dei vigneti marsalesi e del loro prodotto era già nota in precedenza, ma soltanto l opera di abili commercianti imprenditori britannici cui si affiancano in seguito i Florio, coordina la produzione vitivinicola, elevando e caratterizzando la qualità del prodotto e imponendolo sui mercati internazionali. John Woodhouse, figlio di un facoltoso commerciante di Liverpool, nel 1773 inviò in patria col veliero Elizabeth una settantina di pipes (botti) di vino prodotto con uve del territorio Marsalese, vino che già egli aveva potuto apprezzare nel 1770, durante un viaggio commerciale in Sicilia. Woodhouse comprende che quel vino così robusto può stare alla pari con i più celebri prodotti di Spagna e Portogallo: Malaga, Sherry, Porto, Madeira, già assai apprezzati in Inghilterra. Intuisce, anche, come il vino, che si chiama Marsala, può diventare un eccellente prodotto di mare cioè trasportabile. Altri inglesi: Benjamin Ingham, Whithaker e Hopps videro nel vino una possibilità di sviluppo economico rilevante e divennero imprenditori di stabilimenti vinicoli. Agli inglesi si aggiunsero nel 1832 i Florio e via via sorsero stabilimenti gestiti da Marsalesi come Rallo, Pellegrino, Martinez ed altri. Gli inglesi di Marsala portarono in Sicilia lo spirito del paese che aveva concepito la prima grande rivoluzione industriale. L Ammiraglio Nelson, la cui flotta è stata approvvigionata nel 1800 con 500 pipes di Marsala, (forse di tipo S.O.M. e Vergine) ebbe quindi a riconoscere che quel vino è così buono che può figurare alla mensa di ogni Signore. Anche Giuseppe Garibaldi, nel 1862, visitando le cantine Florio, gradì assai la qualità superiore dolce, che da allora porta il suo nome. 9

10 Il museo, luogo magico, dedito alla conservazione della nostra memoria storica, luogo ove viene tracciata l evoluzione della nostra cultura, della nostra capacità di saperla rappresentare attraverso le espressioni più nobili. E la macchina del tempo che ci fa rivivere, da protagonisti, situazioni, avvenimenti eclatanti, momenti di vita quotidiana appartenenti ad un lontano passato, ma che è incredibilmente vivo davanti a noi: lo si può ammirare, studiare, analizzare e, sembra quasi impossibile che tanto tempo sia trascorso. Nella società contemporanea è anacronistico parlare di Museo come semplice luogo di conservazione di cimeli del Museo Educativo, possibile apprendere, in creare interesse e curiosità, comunicativa che sensoriali: visivo, tattile, passato: oggi si parla di ovvero, di una realtà ove è quanto stimolo efficace nel assolvendo una funzione coinvolge i vari livelli uditivo. 10

11 Pertanto, il museo non può più essere considerato un luogo asfittico dove reperti e tesori culturali e artistici sono messi a bella posta, in un silenzio cavalcato da secoli, ma un luogo dinamico, aperto alla ricerca, all innovazione, alla creatività. E con questo intento che l Istituto Comprensivo Giovanni Paolo II, privo di strutture atte ad esercitare tali funzioni, ha voluto adottare la Torre Culetta, per trasformarla in Museo, luogo di incontri e scambi culturali per docenti e alunni. In tale contesto, le esperienze degli alunni trovano degna allocazione e sistemazione in modo che il loro iter educativo non venga disperso ma rimanga patrimonio delle future generazioni. Torre Culetta-Puleo 11

12 Le contrade di utenza della scuola presentano una fisionomia socio-economico-culturale omogenea. Le famiglie svolgono prevalentemente attività agricole, artigianali, di piccolo commercio, impiegatizie e presentano generalmente un livello culturale medio-basso. Si rileva altresì la presenza, seppur in percentuali ridotte, di nuclei familiari caratterizzati da condizioni socio economiche disagiate. Tra i canali d informazione viene privilegiata la televisione, anche se non sempre viene fruita in modo attivo e critico. Nelle contrade sono presenti diversificati servizi sociali quali farmacie, uffici postali, banche, supermercati, piccoli negozi, un distaccamento dei Vigili Urbani, Stato civile, tabaccherie, bar, parrocchie. Autobus di linea collegano i centri periferici con il centro urbano con una certa regolarità. Il territorio circostante è povero di centri culturali, sportivi e ricreativi e, pertanto, la scuola, assieme alla parrocchia, rappresenta l unico e significativo centro di aggregazione culturale - umano e ludico - sportivo. In genere gli alunni appartengono ad un contesto familiare affettivamente positivo ma culturalmente modesto e, di conseguenza, non sempre vengono supportati adeguatamente nello studio e nella esecuzione dei compiti per casa. Frequentano le classi della scuola secondaria di primo grado anche alunni provenienti dal Convitto Regionale Audiofonolesi, e dal centro di accoglienza Oasi. Alcuni alunni, tra questi, presentano dinamiche familiari e socio-economiche particolari, e a volte si evidenziano problematiche che, in alcuni casi, si riflettono sul rendimento scolastico. Ne deriva, per alcuni alunni, la seguente situazione di partenza: Mancanza di stimoli sociali e culturali; Possesso di mediocri pre-requisiti strumentali, operativi, e, in qualche caso, disciplinari; Scarsa conoscenza delle risorse del territorio. Dall analisi della situazione di partenza degli alunni emergono i seguenti bisogni educativi: Valorizzare la cultura e la Scuola vista in funzione formativa e promozionale; Recuperare le motivazioni e gli interessi; Recuperare i livelli cognitivi, operativi, logici e linguistici di partenza: Educare alla comunicazione; Educare ai valori civili e morali: senso di responsabilità, tolleranza, solidarietà, legalità, libertà e pace Cittadinanza e Costituzione D.L. 1 settembre 2008, n.137- Art.1; Valorizzare e recuperare la ricchezza storico-architettonica del territorio. 12

13 L Istituto Comprensivo ex Ranna, a partire dal trascorso anno scolastico , ha una nuova denominazione: I.C."Giovanni Paolo II". La sua storia è alquanto articolata. Nasce come sezione staccata della S.M.S. L. Sturzo di Marsala; nell anno diventa Scuola Media Statale autonoma; nel corso dell anno 1995/96 viene aggregata la sezione staccata di S. Leonardo (in precedenza sezione staccata della S.M.S. M. Nuccio ) e, nello stesso anno, viene attivato il Tempo Prolungato nei corsi D ed E della sede centrale, tuttora in vigore. All inizio dell anno scolastico 2000/2001, per effetto del piano di dimensionamento, la S.M.S. RANNA diventa un ISTITUTO COMPRENSIVO al quale vengono annessi 5 plessi di scuola dell Infanzia: L. Capuana, S. Michele Rifugio, Bosco, S. Leonardo, Birgi Elymus e altrettanti di scuola primaria: L. Capuana, S. Michele Rifugio, Bosco, G. Verga, Birgi Elymus. Dal sopra citato prospetto risulta una utenza che gravita su una zona periferica della città di Marsala in C/da Ranna e zone limitrofe, corrispondenti alle contrade di: San Michele Rifugio, Bosco, San Leonardo, Cutusio, Birgi. In seguito a tali modifiche, la fisionomia delle scuole preesistenti, ha subito sostanziali cambiamenti, non solo sotto l aspetto organizzativo ma anche sotto il profilo didattico. Nell anno 2011/2012 il Plesso S. Michele Rifugio, a causa della mancanza di utenza, ha posto fine alle attività didattiche, pertanto, è stata inevitabile la chiusura del Plesso stesso. 13

14 Se perdiamo il senso della nostra storia, delle nostre radici, della nostra cultura, voleremo come farfalle impazzite senza meta, con il rischio di perderci.. Comprensivo Ranna 14

15 Conosco l importanza della scuola perché le mie penne e i miei libri mi sono stati tolti con la forza. Non riesco a dirvi quanto fossi triste. E stato il peggior momento della mia vita, ma le ragazze di Swat non hanno paura di nessuno i talebani avevano limitato l istruzione delle ragazze fino al quarto anno ma abbiamo deciso che saremmo andate a scuola con i nostri libri nascosti sotto i nostri veli e avremmo fatto finta di essere ancora al quarto anno. «Prendete i vostri libri e le vostre penne, sono la vostra arma più potente. Un bambino, un insegnante, una penna e un libro possono cambiare il mondo». Il 9 ottobre 2012, a Mingora, nello Swat in Pakistan, Malala, al ritorno a casa, sullo scuolabus è stata ferita alla testa e al collo, in un attentato talebano. Portata nel Regno Unito ha avuto modo di chiedere con forza l aiuto necessario per portare avanti la sua battaglia a favore dell istruzione, senza differenze di sesso. E stata ricevuta all ONU ed è stata candidata al Premio Internazionale Giovani per la Pace, dalla Desmond Tutu, e al premio Nobel per la Pace. E vincitrice del 1 Premio Giovani per la Pace in Pakistan e, il 20 Novembre 2013, del Premio Sakharov: Ai bambini servono libri, non ipad. 15

16 UNA BATTAGLIA A DIFESA DEI DIRITTI CIVILI A vincere il Nobel sono state Ellen Johnson Sirleaf, la prima donna a ricoprire una carica presidenziale in uno Stato africano: la Liberia; Leymah Gbowee, pacifista liberiana; Tawakkul Karman, yemenita attivista per i diritti civili. PARI OPPORTUNITA NEL RISPETTO DELLA FIGURA UMANA LOTTA CONTRO LE DISUGUAGLIANZE E CONQUISTA DEI DIRITTI DELLE DONNE CORAGGIO COME RISPOSTA ALLA PAURA TROVARE LA FORZA DI REAGIRE AI SOPRUSI, ALLA SOTTOMISSIONE, AL BULLISMO, DISTRUGGENDO OGNI TIPO DI VIOLENZA E COSTRUENDO UN MONDO ALL INSEGNA DELLA PACE 16

17 La Scuola di Atene Raffaello Sanzio Il maestro Aristotele nel 335 a.c., ad Atene, in un pubblico ginnasio, detto Liceo, perché sacro ad Apollo Licio, fonda una sua famosissima e celebrata scuola, chiamata Peripatos - passeggiata, dall'uso, da lui istituito, di insegnare passeggiando nel giardino che la circonda per trasmettere ai suoi discepoli l amore per il mondo. Le lezioni si svolgevano di mattina; di pomeriggio e di sera, invece, Aristotele teneva, sempre nella scuola, delle conferenze aperte al pubblico ove venivano trattati argomenti di politica e di retorica. 17

18 Giuseppe Lombardo Radice Egli ebbe l anima dell apostolo, il gusto dell educazione, e interesse umano vivissimo. Parlava e scriveva con tutta l anima interiorizzata nel mistero sublime dell educazione. Amava la scuola come un innamorato. E i suoi grandi amici non erano i colleghi di cattedra, ma i maestri elementari, quelli che facevano le loro umili e audaci esperienze in scuolette sconosciute, tesi ad umanizzare la disumana convivenza scolastica. Il Maestro deve andare a scuola per incontrarvi delle anime, e non per cercare orecchi; deve portare nella scuola la vita; quella che vi portano i fanciulli con la loro esperienza. Il Lombardo Radice voleva solo un tipo di scuola, la scuola serena. 18

19 L'insegnamento è spirito in atto, in cui non si possono fissare le fasi o prescrivere il metodo: «il metodo è il maestro», il quale non deve attenersi ad alcuna didattica programmata ma affrontare questo compito sulla scorta delle proprie risorse interiori. Programmare la didattica sarebbe come cristallizzare il fuoco creatore e diveniente dello spirito che è alla base Giovanni Gentile dell'educazione Il maestro incarna lo spirito stesso, l'allievo deve allora entrare in sintonia nell'ascolto col maestro, proprio per partecipare anche lui dell'attuarsi dello spirito, per farsi libero ed autonomo, e in questa relazione arriva ad autoeducarsi, facendo del tutto propri i grandi contenuti presentati. Questi concetti ispirano la riforma scolastica del 1923, attuata da Gentile ed elaborata assieme a Giuseppe Lombardo Radice. La concezione della scuola viene vista come parte fondamentale dello Stato, una scuola di tipo piramidale, cioè pensata e dedicata «ai migliori» per arrivare a tutti e rigidamente suddivisa a livello secondario in un ramo classicoumanistico per i dirigenti e in un ramo professionale per il popolo. 19

20 Gavino Ledda Io parlo, penso e sogno in sardo: Padre padrone lo tradussi mentalmente dal sardo, per me quel libro è solo una traduzione... Tutte le parole del dolore, della gioia, dell amore, dell astuzia, della pazienza, sono state concepite in sardo... e credo che quel libro sarà scritto davvero solo quando sarà uscito nella sua vera lingua, con traduzione a fronte». Gavino, espressione di una giovinezza che esplode contro tutto e tutti, e' il protagonista, caratterizzato da una forte volontà e da una continua "passione di studio soffocata", il "babbo sempre pronto a mettere in luce tutta la sua esperienza" che si richiama ai suoi anziani per giustificare di fronte a se stesso e agli altri l'asprezza brutale del suo atteggiamento di padrone. Il Figlio è mio"! - più di una volta il padre considera il figlio come fosse un oggetto. Il difficile percorso di riconquista dell' identita' umana si fonde nel protagonista con la necessita' di riappropriarsi della propria cultura e, nello stesso tempo, di lottare contro ogni potere che opprime. 20

21 Filippo Piccione IL BRACCIANTE DI BERBARO DI MARSALA La mia maestra disse che avrei potuto proseguire gli studi perché capace e meritevole ma che per i più poveri la strada era preclusa Era penetrata l idea che la scuola dovesse essere frequentata dai figli di coloro che avevano la proprietà La scuola per me era finita nelle aule delle elementari Noi di campagna i viddrani, i cittadini chiamati spillacchi All handicap della povertà si univa quello della distanza esclusione dalla vita sociale e culturale Mancanza di prospettive, Sogni e passioni quasi sempre delusi e repressi Ero stato deufradato di un pezzo importante della mia esistenza Mia madre mi raccomandava sempre: figghiu meo mi raccumannu di essiri giudiziusu La mia bisaccia vuota di cultura e di esperienza La lingua per noi del sud, privi di studi, era una limitazione oggettiva e soggettiva Piccione Filippo licenziato usai il posto del telefono pubblico per avvertire subito i miei che ce l avevo fatta La valigia dei pensieri, delle emozioni e dei sentimenti ma anche l aria, la luce e i profumi che non trovavo a Roma e di cui terribilmente sentivo il bisogno Scuola, lavoro, sindacato, partito, diploma, laurea concorso di gruppo "A" al ministero del Tesoro e poi da dirigente al ministero della Giustizia Incontrai Lea, che tre anni dopo sposai e divenne madre dei nostri figli e nonna di tre nipotini Questo sforzo creativo narra la vicenda personale di un uomo che a soli ventidue anni lascia il proprio paese in Sicilia per rispondere alla leva; un atto scrittorio che si tuffa nel passato e che sposta le lancette del tempo indietro di decenni descrivendo un' Italia che non c'è più, un Paese profondamente cambiato come la gente che lo popola. Pagine zeppe di reminiscenze 21

22 immortalate quasi come in una diapositiva a colori, ma di un quadro in bianco e nero. Filippo Piccione, pure se con una scrittura asciutta e spigliata, non lesina descrizioni vivide non unicamente paesaggistiche, ma anche umane. Spinto dal cuore e dalla penna affresca, ripescandoli nei suoi limpidi ricordi, personaggi e volti che hanno infarcito la propria esistenza, fa emergere per ognuno un profilo che non resta vincolato soltanto all'aspetto esteriore, ma che penetra fino nelle pieghe intime dell'anima. Tra le righe aleggia un odore di antico, uno di quei profumi che sembrano perduti nel vento, ma che di colpo, quasi per caso, entrano nel naso rievocando immagini e scenari, sogni e realtà. 22

23 IL BRACCIANTE DI BERBARO DI MARSALA FILIPPO PICCIONE Presentazione a cura di Mariella Nicolosi Una piazza, una chiesa, un bar e, in seguito, anche un cinema che si trasformava, all occorrenza, in luogo di ritrovo per i giovani Poi un bambino che diventa adulto troppo presto, dal viso candido, gli occhi aperti sullo stupore del mondo, avido di conoscere, di carpire il mistero che la vita cela e tesse attorno a lui. Poi la voce suadente di sua madre che raccomanda figghiu meu, sii giuriziusu e quella un po stridula della maestra che, l ultimo giorno di scuola, V anno delle Elementari, non pronuncia il suo nome tra quelli che, più fortunati, avrebbero avuto la possibilità di proseguire gli studi. La scuola, allora, doveva essere frequentata dai figli di coloro che avevano una proprietà, gli spillacchi, e non dai viddani, gente di campagna, condannati dalla povertà a ricalcare le orme dei padri. Questo il retroterra sociale e culturale su cui Filippo, trasformatosi da scolaro in piccolo bracciante di Berbaro, una delle tante contrade del territorio marsalese, viveva la sua adolescenza, lui, alunno meritevole, a cui è negata la possibilità di scegliere e crescere. Da una parte il nido caldo, fatto di quelle certezze che solo l affetto delle persone care ti possono dare, dall altra la percezione di trovarsi sulle sabbie mobili di un territorio minato da pregiudizi e tormentato per la mancanza di prospettive, dove le passioni e i sogni venivano quasi sempre delusi e repressi. Era l inizio dell erosione della felicità giovanile. Sullo sfondo l Italia degli anni 40, quando è ancora vivo il rumore dei bombardamenti angloamericani che colpiscono case e strade di Marsala; riecheggiano, ancora nelle orecchie, rombi sinistri sulle campagne e, nei ricoveri, la paura accomuna gli uomini, li rende più uniti, li fa sentire solidali. Anni difficili, quando la consapevolezza della gravità della situazione comincia a far breccia nell ormai cronico immobilismo che caratterizza la nostra terra. L Italia è un Paese profondamente ferito dalle distruzioni lasciate dai nazisti, stanco, sfiduciato, senza prospettive precise, incerto persino nella sua stessa unità. L economia è prostrata. La società, sostanzialmente la stessa di inizio secolo: agricola, arretrata, provinciale. In Sicilia, addormentata da anni di asservimento, i Paesi sono come Isole, dentro mari invalicabili e ciascun uomo è una disperata e chiusa isola in sé.(l. Sciascia). La tragedia per i Siciliani è nel vivere, non nel morire, nel vivere giorno per giorno pensando alla famiglia, alle bocche da sfamare, al lavoro nei campi, arretrato e faticoso Vivere nell occhio della gente, un immenso occhio vitreo senza la carità delle ciglia ( la Sicilia di Pirandello). 23

24 A fondamento della nostra sicilitudine ci sono valori e sentimenti profondi da difendere strenuamente: DIGNITA, ONORE, CASA, FAMIGLIA. La Sicilia è quella che i Siciliani hanno costruito, caratterizzata non da una ma da mille identità, una tavolozza di colori forti, come il rosso dei suoi tramonti e delle sue passioni, tenui e sfumati come le albe invernali, i sussurri della sera e le parole non dette e lasciate a metà.. le opere non finite. E l eterna incompiuta e, come tutte le cose non finite, racchiude il fascino del suo mistero. In questa terra amara e amata, vige un attaccamento viscerale e, staccarsi da essa, anche in quegli anni difficili, provoca una lacerazione anche nei più ardimentosi che sognano altrove un avvenire migliore. Perché nei Siciliani c è tutta la caparbietà dell ostrica che resta faticosamente attaccata alla roccia e il male più grande è il coltello del palombaro che vuole staccarla ( Verga- Fantasticheria ). Si può strappare un siciliano dalla Sicilia ma non può avvenire che la Sicilia sia strappata ad un siciliano. Prima di essere un luogo, essa è un idea, una concezione mentale, fatta di valori, pensieri, religioni comuni. La Sicilia è quella dei suoi abitanti disseminati per il mondo ma tenuti uniti dallo stesso sentimento ( Gianni Bonina). Il nostro protagonista vive a Marsala, in contrada Berbaro fino a 20 anni, quando il richiamo al servizio militare provoca quello strappo temuto e, nello stesso tempo, atteso; quando nei momenti più segreti, attratto da nuove prospettive, rubava una lettura fugace alle riviste della sorella Pina, dove si aprivano nuovi orizzonti all emancipazione giovanile ed egli sperimentava la possibilità di diventare attore. C è, forse, nella vita di ogni uomo, giovane o bambino, il punto di inizio della sua Hiroshima interiore, in cui si prende coscienza della propria realtà esistenziale dove si apre la maglia rotta nella rete e scopri l anello che non tiene (E.Montale). Un umiliazione subita, un dolore represso e non gridato, un adolescenza negata dalla necessità. Da lì inizia per Filippo la sofferta ambivalenza tra vita vissuta e sognata. Si ripete l antico conflitto dell uomo, eterno Abramo, posto di fronte al dissidio tra l obbedienza a Dio e l amore per il figlio. Possibilità che si, Possibilità che non come definisce KirKegaard la facoltà umana della scelta, di fronte alla quale l uomo resta paralizzato. Ma Filippo, ormai lontano da casa, costretto dal servizio di leva, riesce a superare lo sconforto e la nostalgia, si scopre diverso dai suoi compagni, più preparati, più colti e torna l umiliazione mai sopita di allora, di quando la maestra non pronunciò il suo nome. I ricordi sono moti dell anima che non si susseguono in segmenti spaziali, non puntini allineati uno dietro l altro, in fila come soldatini, ma mi piace pensarla come Bergson, il grande filosofo francese, che scopre il tempo di coscienza dove i moti dell anima vanno e vengono in un flusso ininterrotto, in cui i momenti successivi si fondono e si compenetrano e la vita diventa azione che continuamente si crea e si arricchisce. Filippo vuole conquistare quello che 24

25 aveva lasciato a metà, riprende le fila della sua vita e, con slancio inverosimile, decide e ottiene il diploma della licenza media, frequentando un corso serale durante la leva militare. Gli esercizi ginnici, le marce, il poligono, non sono una fatica, per il bracciante di Berbaro, dal fisico atletico, già provato dalla vita nei campi e dalle più svariate attività svolte a Marsala, allenato al nuoto, durante la sua esperienza di bagnino, prima al lido Signorino, meta estiva della Marsala- bene e, poi, al Delfino: costituirono valide palestre che gli permisero di adattarsi a qualsiasi ordine o disciplina che gli venisse impartita, tanto da considerare il tempo di servizio di leva un eterna vacanza rispetto al tempo trascorso a Marsala. La fatica più grande era lo studio a cui sacrificava ore di sonno, un esercizio mentale a cui, sicuramente, non era stato abituato, intensificato dal fatto che avrebbe dovuto recuperare tre anni in uno, affrontando un unico esame finale. Momenti di acuta difficoltà alternati a scatti di orgoglio, quando,a settembre,affronta gli esami di riparazione delle tre materie non superate a Giugno. Lui sa che è l ultima possibilità: andata male anche questa, sa che lì finirà la sua corsa. Il soldato studente ha ancora addosso la divisa da militare estiva che aveva indossato a Giugno, quando con fatica, aveva affrontato i primi esami Era la divisa del Coraggio che virtualmente indosserà nei giorni a venire, sa benissimo che non lo abbandonerà mai quando finalmente legge, a caratteri cubitali, il suo nome, con accanto scritto LICENZIATO. D ora in poi la sua vita sarà correlata da fatiche e successi che si alterneranno e si intrecceranno in un vorticoso susseguirsi, sempre animato dalla precisa determinazione di conseguire un obiettivo, muovendo, passo dopo passo, le fila della sua vita, ormai tra le sue mani, libero di approdare al successo fattorino, diplomato, laureato Dove prima tutto era rigido e immoto, ora tutto si trasforma in movimento, tutto da sperimentare, tutto da provare, spinto dal grandissimo impulso di conoscere. Ora il Prima e il Dopo si stagliano e si definiscono con colori netti e contrapposti Nero Bianco. Lì tutto era calmo e senza speranza, ora vedevo l orizzonte avvicinarsi, senza ricorrere alla solita immagine dell illusione e della delusione. La malinconia del Non Essere si vince col coraggio e con l azione. Se potessi ridare un nome a questa autobiografia la intitolerei DIGNITA E ORGOGLIO. Dignità che è sinonimo di rispettabilità, decoro. E la considerazione in cui l uomo tiene se stesso e si traduce in un comportamento responsabile, misurato, equilibrato. Dignità è quando la vita ti toglie tutto ma non ti ha ucciso l anima, quando non ti vendi, quando vai avanti a testa alta, senza rimproverarti nulla. Orgoglio non è solo l eccessiva stima di sé, sinonimo di poca intelligenza, non sempre è presunzione, nel suo senso più negativo, ma orgoglio è anche Fierezza di chi non si arrende facilmente,è quando l amor proprio ti rende soddisfatto per quello che hai saputo fare con fatica e ti 25

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TERESA ANNA DIANA Indirizzo QUARTU SANT ELENA Telefono 334/ 8529894 E-mail Nazionalità dianateresa@tiscali.it

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

La maestra Stefania G.

La maestra Stefania G. A 90 anni dalla fine della 1 guerra mondiale, mi è sembrato particolarmente importante ricordare con i miei alunni di classe 3 della Scuola Primaria di Liedolo i fatti senza retorica, ma in modo chiaro

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

UNA COMUNITA IN CRESCITA

UNA COMUNITA IN CRESCITA UNA COMUNITA IN CRESCITA Proposte di formazione per bambini, ragazzi, insegnanti e genitori 2008-2009 2009 La Bottega dei Ragazzi Cooperativa Sociale Onluss Via Tintoretto 41 35020 Albignasego (PD) Tel.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SS. TRINITA Anno scolastico 2012-2013 Presentazione Si riparte! L inizio di un nuovo anno scolastico è un momento impegnativo per i bambini e per i genitori che iniziano

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.)

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) Chi siamo? È questa la tua scuola? La nostra scuola c è dal 1870. Prima come Istituto Magistrale, poi

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40

QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40 QUESTIONARIO ALUNNI PRIMARIA (CLASSE II) 67/110 (Pitta 19 Padre Pio 72 Torelli 19) Collodi 24/40 Vieni volentieri a Scuola? Sì 76 In parte 8 No 5 Sì, perché? Imparo cose Faccio nuove Soddisfo la nuove

Dettagli

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO

PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO PROGETTO DI MUSICOTERAPIA ORCHESTRALE CENTRO LA NOTA IN PIU E UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI BERGAMO www.lanotainpiu.it CONDIVIDERE LA MUSICA, PERCHE?: Aderire al lavoro comune e alle sue prerogative:

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinchè vedessero chiaramente che cos era, disegnai l interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità.

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. L ALBERO DELLA VITA Presentazione: L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. Nella tradizione ebraica si narra che Dio mise nel giardino dell

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista

IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista IL SEGRETO PER FARE I SOLDI Scritto da Sharon di Giovanbattista Premessa Per lungo tempo ho cercato delle risposte, le ho cercate in tutte le persone che mi erano e mi sono vicine, ho guardato fissa nei

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli