Politica Economica Europea. a.a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politica Economica Europea. a.a. 2014-15"

Transcript

1 Politica Economica Europea 10

2 Strategia di politica monetaria della BCE La strategia della politica monetaria dell'eurosistema è stata annunciata dal Consiglio Direttivo il13 ottobre 1998 e ribadita l 8 maggio Consiste in: 1. definizione degli obiettivi 2. descrizione della strategia 3. Descrizione degli strumenti utilizzati per raggiungere gli obiettivi (Bollettino Mensile BCE gennaio 1999 e Maggio 2003)

3 1. Obiettivi Definizione quantitativa dell'obiettivo primario della politica monetaria unica, la stabilità dei prezzi ü Per stabilità dei prezzi la BCE intende un aumento sui 12 mesi dell'indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo (IACP) per l'area dell'euro inferiore ma vicino al 2% all'anno; tale stabilità deve essere mantenuta in un orizzonte di medio termine. Nota: "un aumento...inferiore al 2%" indica che il tasso di variazione deve collocarsi nell'intervallo 0-2%, una prolungata deflazione non sarebbe compatibile con l'obiettivo.

4 Di seguito consideriamo tre aspetti critici riguardanti la scelta obiettivo: la stabilità dei prezzi implica anche stabilizzazione dell output? la stabilità dei prezzi implica anche la stabilità finanziaria? il livello del 2% è troppo basso?

5 a) Obiettivi della politica monetaria BCE vs FED 1. Mantenimento della stabilità dei prezzi tasso di inflazione attorno al 2% annuo 2. Fatta salva la stabilità dei prezzi, sostiene le politiche generali delle Unione è Graduatoria di obiettivi. Nota: nello Statuto della BCE tuttavia è citato solo l'obiettivo della stabilità; il secondo è considerato conseguire automaticamente dalla stabilità dei prezzi. 1. Stabilità dei prezzi 2. Crescita economica sostenibile 3. Piena occupazione è nessun graduatoria ma elenco di obie;vi: Sono esplici> gli obie;vi della crescita e dell'occupazione

6 Stabilità dei prezzi e stabilizzazione dell output Domanda aggregata Domanda e offerta aggregata Shock di domanda L intervento della BCE per la stabilità dei prezzi (aumento del tasso di interesse e riduzione della domanda aggregata) ha un effetto equilibrante anche sull output, che si riduce Shock di offerta L intervento della BCE per la stabilità dei prezzi ha un effetto destabilizzante sull output, che si riduce (come nel caso dello shock da domanda) determinando un ulteriore allontanamento dell output dall equilibrio. Per questo i fautori del inflation targeting sostengono la GRADUALITA della politica monetaria.

7 La strategia scelta stabilizza prezzi e output SOLO se lo shock è da domanda. In presenza di shock da offerta la strategia stabilizza i prezzi a discapito dell output à in questo senso diventa sostanziale la gerarchia di obiettivi, per altro ribadita dalla BCE. Nota: tuttavia la gradualità della risposta del tasso di interesse deciso dalla BCE (che infatti ha come obiettivo la stabilità dei prezzi nel medio periodo) è un modo per considerare anche la stabilizzazione dell output, evitando di generare politiche antinflazionistiche che siano troppo restrittive per la domanda aggregata.

8 Stabilità dei prezzi e stabilità finanziaria E sbagliato fissare come obiettivo prioritario la stabilità dei prezzi? La BCE dovrebbe considerare anche l obiettivo della stabilità finanziaria?

9 La risposta alle due domande è NO se: 1. La stabilità finanziaria si ritiene sia materia solo delle autorità di vigilanza e regolamentazione (es: Accordi di Basilea) ma non della BCE 2. L obiettivo della stabilità dei prezzi minimizza i rischi di instabilità finanziaria, cioè non esiste un trade-off tra i due obiettivi e la strategia per la stabilità dei prezzi è il meglio che la BCE può fare anche per la stabilità finanziaria

10 Esiste un trade-off tra stabilizzazione dei prezzi e stabilizzazione finanziaria? 1) Il caso delle bolle tecnologiche (bolla dot.com dei primi anni duemila) Nuova tecnologiaà ottimismo sulle future potenzialità della stessa à aumento dei corsi azionarià diminuisce il costo del capitale per le imprese e aumento degli investimenti. Due effetti: 1- aumento della produttività e quindi dell offerta aggregata 2- aumento della domanda aggregata grazie ai nuovi prodotti

11 Domanda e offerta aggregata in presenza di una bolla tecnologica P* P AD AD C AS D Y* Y** Y

12 Se la variazione dell offerta > variazione della domanda, al nuovo equilibrio Y** i prezzi sono minori rispetto al livello iniziale. Reazione della Banca Centrale: se vuole mantenere costante il livello dei prezzi, stimola la domanda aggregata à riduce il tasso di interesse e/o aumenta l offerta di monetaà aumenta la domanda aggregata (AD ) in modo da riportare i prezzi al livello precedente. Rischio di ulteriore aumento dei prezzi delle attività (effetto ricchezza) e aumento del rischio di una bollaà In questo caso ESISTE un trade off tra i due obiettivi di stabilizzazione!

13 Nota: il punto C non è di equilibrio; è insostenibile perché maggiore del livello di produzione di pieno utilizzo della capacità (output potenziale), è sostenuto da bassi tassi di interesse e dall effetto ricchezza di elevati prezzi delle attività. Scoppio della bolla e crollo della domanda al punto D (recessione) Nota: in D la politica monetaria espansiva non determinerà più un trade-off con la stabilità finanziaria perché l economia è effettivamente in recessione MA la politica monetaria sarà efficace? Problema della trappola della liquidità

14 Genesi di una bolla: Innovazione tecnologica che riduce i prezzi + politica monetaria accomodante (es: bolla informatica metà anni 90 e scoppio 2001 dot com)

15 2) Il caso della bolla del Non fu una bolla tecnologica. Probabilmente legata da eccesso di credito e di ottimismo (animal spirits) Supponiamo che l ottimismo generi aumento nei prezzi delle azioni à minore costo del capitale e aumento dell offerta aggregata. Contestualmente l aumento del valore delle attività aumenta la domanda aggregata (effetto ricchezza) consentito da un aumento del credito concesso dalle banche Nota: l aumento del credito è consentito sia dall aumento del valore delle garanzie sia dall aumento della potenzialità di credito delle banche che hanno migliorato il loro attivo grazie alla bolla Aumento dell offerta e della domanda (vedi grafico successivo)

16 Domanda e offerta aggregata in presenza di una bolla azionaria P AS AS P* AD Y Y* Y**

17 Nota: nel nuovo punto di equilibrio i prezzi sono costanti: è quindi meno preoccupante questa situazione rispetto alla precedente? NO, infatti il credito concesso è sulla base di valori delle garanzie gonfiati. Quando la bolla esplode il valore delle garanzie crolla e l indebitamento di imprese e famiglie porta ad un tracollo e recessione (AD e AS si spostano a sinistra)

18 Riassumendo Se la bolla è tecnologica, la politica monetaria espansiva di fatto alimenta la bolla, non riconoscendo che il nuovo livello di equilibrio dei prezzi è inferiore al livello precedente. Se la bolla è irrazionale la politica monetaria non fa nulla (se i prezzi rimangono stabili) ma così facendo consente una eccessiva creazione di credito. Conclusioni: a) Le BC non si sono accorte che la bolla speculativa scoppiata nel 2007 era sostenuta da una eccessiva creazione di credito (ruolo del settore bancario) b) Sarebbe auspicabile che le BC ampliassero gli obiettivi della politica monetaria e/o abbandonassero l ordinamento automatico delle priorità. MA, due problemi: come misurare la stabilità finanziaria? Quale strumento usare per la stabilità finanziaria?

19 Definire e misurare la stabilità finanziaria La stabilità finanziaria è un concetto multidimensionale. Ferguson (2002) definisce l instabilità finanziaria: a) prezzi di importanti sottoinsiemi di attività finanziarie deviano fortemente dai fondamentali; b) distorsioni della disponibilità di credito (a livello nazionale o internazionale) o del funzionamento del mercato; c) deviazioni della spesa aggregata dal livello della capacità produttiva.

20 Borio e Lowe (2002) definiscono l instabilità finanziaria come: una situazione di espansione del credito combinata con forti incrementi nei prezzi delle attività (sviluppo di bolle e crescita eccessiva del credito: indicatori gemelli) BCE: definizione più vaga Stabilità finanziaria: il sistema finanziario (intermediari, mercati e infrastrutture) è in grado di reggere all urto degli shock e di far fronte agli squilibri

21 Complessivamente: informazioni importanti possono ottenersi monitorando lo sviluppo dei corsi azionari e del credito. Prox slide: bolle e crolli coinciono con accelerazioni e decelerazioni dei prestiti bancari La crescita del credito bancario passa dal 4% (2003) al 12% (2006); contemporaneamente I indice azionario raddoppia

22 14% 12% Growth rate of total bank loans (left) and Stock price index(right) in euro area % change 10% 8% 6% index 4% 2% Loans Stock price Jan 2000Jan 2001Jan 2002Jan 2003Jan 2004Jan 2005Jan 2006Jan 2007Jan 2008Jan

23 Perché i banchieri centrali dell Europa e degli USA hanno attribuito scarso peso a questi indicatori di possibile instabilità finanziaria? Diversi fattori tra cui: Importanza di modelli teorici Dynamic Stochastic General Equilibrium Models (DSGE) che si basano sull assunto di agenti economici razionali e perfettamente informati: à bolle e crolli non sono previsti; à gli shock all equilibrio potenzialmente in grado di determinare gli effetti di instabilità sono irrealisticamente elevati per i modelli.

24 Una valutazione dell obiettivo del 2% L obiettivo del 2% è corretto? la misura del tasso di inflazione in genere sovrastima l inflazione effettiva la sovrastima è dell ordine dello 0.5%-1.5% La sovrastima dipende dal miglioramento qualitativo dei prodotti difficile da considerare precisamente nella misura Un po di inflazione è necessaria Facilita aggiustamenti verso il basso delle variabili reali L effetto Balassa Samuelson (inflazione maggiore dove maggiore è la crescita della produttività dei beni tradable ) aumenta le divergenza e il contenimento dell inflazione da parte della BCE potrebbe essere eccessivo: i paesi a bassa inflazione possono andare a zero Critiche e cambiamenti possibili: - È troppo basso (UK: 2.5%) - Non andrebbe fissato un massimo ma un range - Si veda a questo proposito quanto detto per la deflazione

25 2. Descrizione della strategia Due pilastri" complementari su cui la strategia poggia per conseguire questo obiettivo: ü un ruolo di primo piano per la moneta, come segnalato dall'annuncio di un valore di riferimento per la crescita di un aggregato monetario ampio; il ruolo dell analisi monetaria si riduce negli ultimi anni. Secondo la strategia del 2003 rappresenta il termine di riscontro (cross-checking) rispetto agli andamenti di breve periodo desunti dall analisi economica. L analisi monetaria è informativa sulle tendenze di lungo periodo dell inflazione ü una valutazione di ampio respiro delle prospettive per i prezzi nell'intera area dell'euro riguardante sia il loro andamento sia i rischi per la loro stabilità. Si tratta di un analisi economica, ovvero degli aspetti di breve termine che influiscono sulla determinazione dei prezzi.

26

27 Analisi economica I due pilastri informativi Analisi monetaria

28 Sul ruolo del pilastro monetario Ruolo via via meno importante per l obiettivo della stabilità dei prezzi (cambiamento formale nel 2003) Scostamento tra andamento M3 effettivo e annunciato (vedi prossima slide) Dubbi sulla relazione tra crescita monetaria e inflazione: davvero l inflazione è sempre un fenomeno monetario? (vedi prossime slide) L andamento di M3 è tuttavia informativo del credito complessivo nel sistema economicoà possibile spia di problemi di instabilità

29 Figure 9.15 Inflation and money growth (M3) in Eurozone Source: ECB Monthly Bulletin

30 Tasso medio di crescita M Tasso medio di inflazione Tasso medio di crescita produzione Crescita della velocità di circolazione

31 Prima della crisi: Tra il 1999 e il 2008 aggregato M3 è cresciuto mediamente del 7.4% e l inflazione del 2.2%. à M3 è aumentata ma senza influire sull inflazione. In parte questo è dovuto alla riduzione della velocità, mediamente diminuita del 3% Dopo la crisi: forze di deflazione che hanno fatto crollare M3 e ridotto l inflazione In generale il ruolo della moneta diventa inattendibile per l inflazione futura in presenza di bassa inflazione innovazioni finanziarie

32 200% Inflation and money growth ( ) (average yearly changes) 180% 160% 140% inflation 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 120% 140% 160% money growth (M1)

33 6% Inflation and money growth ( ) (average yearly changes) Sottogruppo di paesi con tasso medio di inflazione del 5% o meno 5% 4% inflation 3% 2% 1% 0% 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% 14% money growth (M1)

34 La relazione tra crescita monetaria e inflazione è molto debole per i paesi a bassa inflazione. I differenziali di crescita monetaria non spiegano i differenziali di inflazione. In un sistema a bassa inflazione la gestione dell offerta di moneta da parte della banca centrale è meno rilevante rispetto a variazioni determinate da effetti di domanda (es: riduzione della velocità di circolazione, innovazioni finanziarie, shock). Il pilastro monetario ancora troppo rilevante?

35

36 Gli strumenti della politica monetaria

37 Gli strumenti convenzionali della politica monetaria 1. Operazioni di mercato aperto (su iniziativa della BCE), 2. Linee di credito (su iniziativa delle controparti) 3. Vincoli di riserva obbligatoria Operazioni di mercato aperto Operazioni svolte su iniziativa della BCE. Due modalità: 1. la BCE può direttamente comperare e vendere titoli sul mercato aperto 2. Può ricorre alla tecnica delle aste finanziando direttamente le banche altre istituzioni finanziarie autorizzate

38 Acquisto vendita diretta Non è lo strumento convenzionale, diversamente da FED e BoE MA Uso massiccio con la crisi economica (vedi oltre: strumenti non convenzionali)

39 Le più importanti operazioni convenzionali di mercato aperto sono le operazioni di rifinanziamento principali (operazioni temporanee, con garanzie= collaterali eligibili, frequenza settimanale, di durata settimanale, mediante aste standard: viene fissato un tasso di interesse minimo di offerta - il principale tasso di interesse ufficiale fissato dalla BCE-) Sono le operazioni di maggiore rilevanza; servono a: 1. Guidare/controllare i tassi prevalenti sul mercato 2. Gestire la liquidità dell eurosistema 3. Segnalare lo stato della politica monetaria Altre operazioni sono quelle di rifinanziamento a più lungo termine (scadenza fino a 6 mesi), operazione di 'fine tuning, operazioni strutturali

40 Operazioni attivate su iniziativa delle controparti 1. operazioni di rifinanziamento marginale. Si tratta di prestiti overnight della BCE contro garanzie; il tasso definisce il limite massimo al tasso di mercato overnight delle operazioni interbancarie. Il tasso di interesse prefissato dal Consiglio Direttivo è maggiore di quello di mercato e quindi si tratta di finanziamento usato dalle banche solo in ultima istanza. 2. operazioni di deposito. Deposito overnight ad un tasso determinato inferiore a quello di mercato. Questo tasso, fissato dalla BCE stabilisce il limite minimo ai tassi interbancari overnight. Si fa ricorso a queste operazioni solo se non si possono usare i fondi in altro modo.

41 Riserva minima o obbligatoria Sono soggetti a riserva i depositi e i titoli di debito a scadenza minore di due anni e i titoli di mercato monetario; l'aliquota è del 2% ma può essere modificata dalla BCE in qualsiasi momento. L'ammontare della riserva deve essere soddisfatto in media nel periodo di riferimento. La riserva è remunerata al tasso di mercato.

42 Complessivamente la BCE fissa: 1. il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principale 2. il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale 3. il tasso sulle operazioni di deposito 4. l'aliquota di riserva minima

43

44

45

46

47

48 Le decisioni della BCE nel corso della crisi e le misure non convenzionali Grave crisi di liquidità di numerose banche europee a seguito del crollo della Lehman Brothers nel 2008 (alcune banche europee avevano acquistato coperture assicurative da Lehamn Brothers). Le banche reagiscono vendendo le proprie attività e ritirando i propri depositi nel mercato interbancario à crisi di liquidità (credit cruch). Interventi della BCE come prestatore di ultima istanza nel settore bancario: massicce iniezioni di liquidità anche con misure non convenzionali

49 Le misure convenzionali monetarie per fronteggiare la crisi Il 7 maggio 2009 il Consiglio direttivo della BCE abbassa ulteriormente il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali e quello sulle operazioni di rifinanziamento marginale, rispettivamente all 1 e 1,75 per cento, mentre mantiene invariato allo 0,25 per cento il tasso sui depositi presso la banca centrale. Pertanto, rispetto a ottobre 2008, il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principali registra una diminuzione totale di 325 punti base

50 Le misure non convenzionali per il sostegno al credito nel periodo della crisi (si veda la Relazione del governatore 2008 e 2009) Ottobre 2008: il Consiglio direttivo aumentò la frequenza e l entità delle operazioni di rifinanziamento a più lungo termine (con scadenza fino a sei mesi) al tasso fisso dell 1% e con soddisfacimento totale della domanda. Dispose la conduzione di tutte le operazioni finalizzate a immettere liquidità attraverso una procedura d asta a tasso fisso con piena aggiudicazione dell importo. Decise un ampliamento della gamma di attività stanziabili a garanzia fino alla soglia minima di BBB- o a Baa3 Furono forniti fondi in dollari statunitensi e in franchi svizzeri attraverso operazioni di swap in valuta Obiettivo: fornire un sostegno finanziario all economia per il tramite delle banche (Ricorda: in Europa le fonti di finanziamento delle imprese sono per il 70% tramite le banche; in USA solo il 20% sono intermediate dalle banche!!) à decisioni di politica monetaria e misure di gestione della liquidità adottate dalla BCE finalizzate ad evitare a.a. una forte contrazione dei volumi di credito.

51 Maggio 2009: Rafforzamento delle misure non convenzionali Operazioni di rifinanziamento a più lungo termine furono finalizzate all immissione di liquidità con scadenza a 12 mesi, su base trimestrale, con tasso fisso 1% e soddisfacimento integrale della domanda. Acquisto di obbligazioni garantite (covered bond purchase program CBPP) denominate in euro ed emesse nell area. Tale misura è intesa ad accrescere la liquidità nel mercato dei titoli di debito del settore privato. Serve sostanzialmente a fronteggiare la liquidità bancaria la BEI verrà considerata controparte idonea nelle operazioni di politica monetaria dell Eurosistema a partire dall 8 luglio 2009 e alle medesime condizioni delle altre controparti. La BEI è particolarmente attiva nei prestiti alle piccole e medie imprese dell area.

52 Complessivamente, il piano di maggiore sostegno al credito della BCE consisteva delle seguenti misure: 1. offerta illimitata di liquidità a tasso fisso alle banche dell area in tutte le operazioni di rifinanziamento a fronte di garanzie adeguate; 2. allungamento della scadenza massima delle operazioni di rifinanziamento: dodici mesi invece dei tre del periodo precedente la crisi; 3. ampliamento dell elenco delle attività stanziabili in garanzia; 4. immissione di liquidità in valuta estera (in particolare US $); 5. acquisti definitivi di obbligazioni garantite (CBPP)

53 Primi effetti delle manovre L effetto congiunto delle misure di maggiore sostegno al credito e della decisa riduzione dei tassi di interesse di riferimento della BCE fra ottobre 2008 e maggio 2009 fu quello di diminuire significativamente i tassi di interesse del mercato monetario, i differenziali di interesse su questo mercato e i tassi applicati ai prestiti bancari (vedi grafico prossima slide). Il maggiore sostegno al credito ha portato a un notevole miglioramento della liquidità di mercato e contribuito ad attenuare i rischi del finanziamento. Come conseguenza del miglioramento delle condizioni del mercato finanziario nel corso del 2009, a inizio dicembre il Consiglio direttivo ha annunciato che avrebbe progressivamente revocato le misure non convenzionali non più necessarie. Tuttavia nei mesi a cavallo tra il 2009 e il 2010 sono andati via via crescendo i timori sullo stato delle finanze pubbliche in Grecia; le tensioni si sono fortemente aggravate in aprile, estendendosi ad altri paesi dell area

54 Primavera del 2010: Inizia la crisi dei debiti sovrani (vedi Relazione annuale 2010 e Bollettini mensili BCE) Tensioni in determinati segmenti dei mercati finanziari, in particolare in specifici mercati dei titoli di Stato dell area dell euro. I differenziali di rendimento tra i titoli di Stato a dieci anni di alcuni paesi dell area e i corrispondenti titoli tedeschi iniziò a crescere rapidamente (cfr. la figura). L andamento andava soprattutto ricondotto agli accresciuti timori degli operatori di mercato circa la sostenibilità dei conti pubblici di alcuni paesi dell area, dato l aumento del debito e dei disavanzi pubblici. L ampliamento dei differenziali si è accelerato ad aprile e agli inizi di maggio, raggiungendo livelli mai registrati dall avvio dell UEM il 6 e il 7 maggio La situazione ha portato i governi dell area ad annunciare, il 9 maggio 2010, il varo di un pacchetto organico di misure, fra cui la European Financial Stability Facility, un dispositivo europeo per la stabilità finanziaria

55

56 2010: Ulteriori misure non convenzionali della BCE Nell aprile del 2010 il Consiglio direttivo stabilì di mantenere a BBB- o a Baa3 la soglia minima di merito di credito delle attività stanziabili a garanzia nelle operazioni di rifinanziamento presso l Eurosistema. Alla fine di aprile le tensioni si aggravarono rapidamente estendendosi dal mercato dei titoli di Stato della Grecia a quelli dei titoli di altri paesi dell area e ad altri mercati finanziari. la liquidità si prosciugò. Il 3 maggio, dopo la decisione del Consiglio della UE di attivare il sostegno finanziario concordato dalla Grecia con Commissione europea, BCE e FMI, il Consiglio direttivo decise di: 1. sospendere l applicazione dei requisiti di rating minimo per la stanziabilità in garanzia ai titoli emessi o garantiti dallo Stato greco. 2. riattivare l offerta illimitata di liquidità nelle operazioni di rifinanziamento a più lungo termine 3. reintrodurre, di concerto con altre banche centrali, operazioni in dollari 4. avviare un programma di acquisti di titoli di debito pubblici e privati emessi nell area, a sostegno di segmenti del mercato particolarmente colpiti dalla crisi prevedendo la sterilizzazione degli acquisti mediante operazioni di riassorbimento della liquidità, al fine di evitare riflessi sull orientamento della politica monetaria (Securities Market Program SMP));

57 Ruolo del programma per i mercati dei titoli finanziari (Securities Market Program). Rilevanza del mercato dei titoli di Stato Ruolo fondamentale nel processo di trasmissione della politica monetaria, operando tramite i seguenti canali. 1. canale dei prezzi. I tassi di interesse sui titoli di Stato sono solitamente una delle determinanti principali dei tassi che le società finanziarie e non finanziarie devono offrire all emissione delle obbligazioni. In presenza di gravi turbative dei mercati obbligazionari, risulta compromessa almeno parzialmente la trasmissione dei tassi di interesse a breve termine della banca centrale ai tassi a più lungo termine, rilevanti per le decisioni di famiglie e imprese, e quindi per i prezzi. 2. canale di bilancio. La netta diminuzione dei prezzi delle obbligazioni connessa al forte aumento dei tassi di interesse a lungo termine, genera significative perdite di portafoglio nei settori finanziari e non finanziari; nel caso delle banche, ciò riduce la loro capacità di erogare prestiti all economia. 3. canale della liquidità. I livelli di liquidità eccezionalmente bassi nel comparto dei titoli di Stato condizionerebbero l uso di queste attività come garanzie stanziabili nelle operazioni di rifinanziamento, ostacolando quindi anche l erogazione di prestiti da parte delle banche.

58 Come evitare che questi acquisti di titoli compromettano l obiettivo della stabilità dei prezzi? In linea con le disposizioni del Trattato, gli acquisti di titoli di Stato da parte dell Eurosistema sono stati rigorosamente realizzati sul solo mercato secondario. L aumento della liquidità è interamente sterilizzato tramite specifiche operazioni di riassorbimento della liquidità. Il programma pertanto non incide sul livello di liquidità prevalente, né sui tassi del mercato monetario (in altre parole, sull orientamento di politica monetaria), e non comporta pertanto rischi inflazionistici. Tuttavia sono da molti (banchieri centrali e commentatori) osteggiati. Perché? (vedi discussione prossime lezioni)

59 Misure non convenzionali fino ad inizio 2011 Hanno tutte come obiettivo: sostenere l intermediazione finanziaria nell area dell euro, favorire il flusso di credito verso le famiglie e le imprese nell area e facilitare il meccanismo di trasmissione della politica monetaria. Come? mediante l allentamento delle condizioni di provvista delle banche, al fine di favorire l offerta di credito al settore privato, e il sostegno al funzionamento di particolari segmenti del mercato finanziario. Principali esempi di misure non convenzionali di politica monetaria adottate dalla BCE: 1. Il Programma per i mercati dei titoli finanziari privati e pubblici (Securities Market Program, SMP) e 2. l offerta di liquidità illimitata a varie scadenze e a tasso fisso in cambio di attività idonee. Sostanzialmente, tutte queste misure sono state concepite come aventi natura temporanea e unicamente per servire il mandato della BCE di mantenimento della stabilità dei prezzi nel medio periodo nell area dell euro nel suo complesso.

60 Agosto 2011: la situazione è peggiore rispetto a ottobre 2008 Nella seconda metà di luglio e nella prima settimana di agosto 2011 i differenziali di rendimento rispetto alla Germania dei titoli di Stato degli altri paesi dell'area dell'euro si sono considerevolmente accresciuti. Le tensioni che in precedenza erano perlopiù confinate a Grecia, Irlanda e Portogallo si sono via via estese a Italia e Spagna. I differenziali di rendimento per i titoli di Stato belgi e, in misura minore, francesi hanno anch'essi registrato incrementi significativi. Il 5 agosto i differenziali sui titoli decennali hanno raggiunto livelli record per gran parte dei paesi dell'area dell'euro. La volatilità del mercato obbligazionario nell'area è aumentata significativamente rispetto al periodo di calma relativa di novembre del 2010, superando il livello osservato a maggio del 2010, in occasione dello scoppio della crisi europea del debito sovrano. La volatilità ha di fatto raggiunto livelli non più osservati dall'indomani del tracollo di Lehman Brothers a settembre del Di conseguenza, le condizioni di liquidità nei mercati dei titoli di Stato di vari paesi dell'area dell'euro si sono drasticamente deteriorate. Durante l'estate la volatilità è cresciuta anche nel mercato dei titoli del Tesoro statunitensi, soprattutto per effetto delle tensioni politiche riguardo al tetto del debito federale e dei deludenti dati macroeconomici pubblicati.

61 Decisioni di politica monetaria: si prolungano le misure non convenzionali 4 agosto 2011 il Consiglio direttivo ha dichiarato che l'offerta di liquidità alle banche mediante piena aggiudicazione degli importi a tassi fissi sarebbe proseguita almeno fino agli inizi del Ha inoltre annunciato un'ulteriore operazione di rifinanziamento a più lungo termine con scadenza approssimativamente pari a sei mesi. Scopo di queste misure è sostenere la provvista bancaria, che dovrebbe a sua volta consentire alle banche di continuare a erogare credito alle famiglie e alle società non finanziarie. Si può ragionevolmente ipotizzare che, in assenza di siffatte misure, l'accesso delle banche al finanziamento sarebbe gravemente compromesso, con implicazioni negative per la crescita economica e la stabilità dei prezzi.

62 Ripartono i programmi di acquisto titoli e obbligazioni Il 7 agosto 2011 la BCE annuncia che avrebbe ricominciato a utilizzare attivamente il Il Securities Market Program (SMP). programma introdotto a maggio 2010 per favorire la trasmissione delle decisioni di politica monetaria in un contesto di disfunzione di vari segmenti dei mercati finanziari, allo scopo di assicurare la stabilità dei prezzi per l'area dell'euro nel suo complesso. Di fatto, dopo la fine di marzo del 2011 non era stato effettuato alcun acquisto nell'ambito del programma. Le modalità del SMP restano invariate. Gli acquisti di titoli di Stato da parte dell'eurosistema sono rigorosamente confinati ai mercati secondari. Inoltre, l'effetto di immissione di liquidità prodotto dagli acquisti effettuati nel contesto del SMP continua a essere completamente sterilizzato mediante specifiche operazioni di assorbimento della liquidità, considerato che il programma non è inteso a immettere liquidità addizionale nel sistema bancario. Infine, il SMP, come tutte le altre misure non convenzionali di politica monetaria attuate dalla BCE in questo periodo di acute tensioni dei mercati finanziari, ha natura temporanea. Il 6 ottobre 2011 il Consiglio direttivo decide di avviare un nuovo programma di acquisto di obbligazioni garantite, il CBPP2, allo scopo di allentare le condizioni di finanziamento delle banche e delle imprese e di incoraggiare gli istituti di credito a mantenere o espandere l attività di prestito alla clientela

63 Il rifinanziamento alle banche tramite operazioni a più lungo termine (LTRO) Altra novità: 8 dicembre 2011 il Consiglio Direttivo annuncia due ORLT (dicembre 2011 e febbraio 2012) della durata di tre anni 21/12/2011 la BCE distribuisce 489 mld euro a 523 banche (tasso 1%) 29/02/ mld di euro a 800 banche La liquidità aggiuntiva è però inferiore (520 mld secondo Draghi) perché contemporaneamente le banche hanno ridotto le richieste di liquidità a breve Inoltre, le banche simultaneamente detengono presso la BCE depositi per 785 mld. Le banche hanno usato parte di questa liquidità per acquistare titoli di stato, contribuendo a ridurre il tasso di interesse. Rischio tuttavia dovuto alla più elevata presenza di debito sovrano nell attivo bancario.

Politica Economica Europea

Politica Economica Europea Politica Economica Europea 14 La BCE come prestatore di ultima istanza durante la crisi finanziaria Grave crisi di liquidità in numerose banche europee a seguito del crollo della Lehman Brothers nel 2008

Dettagli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli

LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3. Mario Tirelli LA POLITICA MONETARIA dell EUROSISTEMA parte 3 Mario Tirelli Situazione congiunturale Le due fasi cicliche europee In Europa 2 fasi congiunturali: I) 2008 (IV trimestre) 2011 (III trimestre) II) 2011 (IV

Dettagli

Politica Economica Europea

Politica Economica Europea Politica Economica Europea 13 I problemi generati da una politica monetaria unica in presenza di shock asimmetrici e/o meccanismi di propagazione diversi tra i paesi membri Abbiamo visto che le scelte

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

La politica monetaria in Europa

La politica monetaria in Europa La politica monetaria in Europa Aspetti istituzionali Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC) è composto da: BCE + Banche Centrali Nazionali (BCN) dei paesi aderenti all'ue. Tuttavia, le BCN dei paesi

Dettagli

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO

BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO 866 BANCHE CENTRALI: LA RISPOSTA ALLA CRISI. BCE E FED A CONFRONTO a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Daniela Fantozzi e Claudio Vicarelli fantozzi@istat.it cvicarelli@istat.it Forum PA, Roma 28 Maggio 2015 Indice 1. Il monitoraggio

Dettagli

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca Titoli di Stato italiani indicizzati all inflazione TLTRO Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca 14 maggio 2015

Dettagli

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti alessandro.scopelliti@unirc.it La crisi del debito pubblico Il vincolo di bilancio del governo e il disavanzo pubblico L avanzo primario e la riduzione del debito pubblico Le determinanti

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Unione bancaria e Basilea 3 Risk e SuperVision 2015. Sessione parallela H Finanziamenti alle imprese

Unione bancaria e Basilea 3 Risk e SuperVision 2015. Sessione parallela H Finanziamenti alle imprese Unione bancaria e Basilea 3 Risk e SuperVision 2015 Sessione parallela H Finanziamenti alle imprese Roma, 24 giugno 2015 Unione bancaria e Basilea 3 Risk e SuperVision 2015 Interventi BCE: sono validi

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

Prestiti e rimborsi tra la Bce e le banche europee con operazioni Ltro. (mld di euro) Spagna Italia Francia Germania Irlanda Portogallo Belgio Altri

Prestiti e rimborsi tra la Bce e le banche europee con operazioni Ltro. (mld di euro) Spagna Italia Francia Germania Irlanda Portogallo Belgio Altri Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Gli strumenti della Banca Centrale Europea

Gli strumenti della Banca Centrale Europea Gli strumenti della Banca Centrale Europea Strumenti della BCE Operazioni di Politica Monetaria Tipologie di Transazioni Immissione di Liquidità Assorbimento di Liquidità Operazioni di Mercato Aperto Operazioni

Dettagli

Le riserve valutarie e le operazioni in valuta estera dell Eurosistema

Le riserve valutarie e le operazioni in valuta estera dell Eurosistema trasformazione dell area in una struttura maggiormente orientata al mercato. L integrazione dei mercati monetari nazionali in un unico mercato dell area dell euro per la liquidità a breve termine è proceduta

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell'unione europea e in particolare il primo trattino dell'articolo 127, paragrafo 2,

visto il trattato sul funzionamento dell'unione europea e in particolare il primo trattino dell'articolo 127, paragrafo 2, L 121/20 DECISIONE (UE) 2015/774 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 4 marzo 2015 su un programma di acquisto di attività del settore pubblico sui mercati secondari (BCE/2015/10) IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA

Dettagli

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Le origini della crisi nel mercato subprime 2. Il processo di amplificazione della crisi finanziaria

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 Gennaio 2012 CERCASI LIQUIDITÁ DISPERATAMENTE Mentre prosegue l azione di allentamento delle condizioni monetarie internazionali, il mercato interbancario italiano soffre

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

News > Italia > Economia - Martedì 20 Maggio 2014, 11:00

News > Italia > Economia - Martedì 20 Maggio 2014, 11:00 Cosa farà la BCE? Antonio Forte Nelle ultime settimane, da quando il Presidente della BCE (Banca Centrale Europea) Mario Draghi ha ventilato l ipotesi di attivare misure non convenzionali per evitare uno

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Monetario Il mercato monetario è relativo allo scambio intertemporale di ingenti quantità di liquidità con un orizzonte inferiore

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO

TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO Convegno AIAF, Roma 27 gennaio 2015 L'Italia fuori dalla crisi nel 2015? L'azione di governo, il contesto internazionale, la sfida delle imprese TASSI AI MINIMI STORICI: LUCI ED OMBRE SUL MERCATO Maria

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

La crisi dei debiti sovrani e il processo di integrazione europea

La crisi dei debiti sovrani e il processo di integrazione europea Istituto di Studi Federalisti Altiero Spinelli Seminario: Il federalismo in Europa e nel mondo Trentaduesima edizione La crisi dei debiti sovrani e il processo di integrazione europea Intervento del Governatore

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

La crisi finanziaria del 2007-2010

La crisi finanziaria del 2007-2010 La crisi finanziaria del 2007-2010 1 La cronologia Agosto 2007-Agosto 2008: il preludio alla crisi 31 luglio 2007: Bearn Sterns liquida due hedge funds (fondi speculativi) che investono in attività finanziarie

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi

Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria. Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Roma, 13 luglio 2011 La crisi e l euro Le prospettive di crescita e i mercati finanziari

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it

Alessandro Scopelliti. Università di Reggio Calabria e University of Warwick. alessandro.scopelliti@unirc.it Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1. Nozioni preliminari: la Trappola della Liquidità 2. Un caso del recente passato: la Stagnazione

Dettagli

i dossier UN MATRIMONIO DI INTERESSE Il lato oscuro del rapporto instauratosi tra la Bce e il sistema bancario italiano www.freefoundation.

i dossier UN MATRIMONIO DI INTERESSE Il lato oscuro del rapporto instauratosi tra la Bce e il sistema bancario italiano www.freefoundation. 54 i dossier www.freefoundation.com UN MATRIMONIO DI INTERESSE Il lato oscuro del rapporto instauratosi tra la Bce e il sistema bancario italiano 16 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 L euforia

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture

La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture TRENTENNALE CNCE La crisi economica globale: gli scenari ed il ruolo delle costruzioni e delle infrastrutture MICHELE BAGELLA Università di Roma Tor Vergata Roma, 29 Gennaio 2009 Indice Nella prima parte

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO ANNUALE RAPPORTO ANNUALE

BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO ANNUALE RAPPORTO ANNUALE IT BANCA CENTRALE EUROPEA RAPPORTO ANNUALE RAPPORTO ANNUALE Nel 2011 tutte le pubblicazioni della BCE saranno caratterizzate da un motivo tratto dalla banconota da 100 euro. RAPPORTO ANNUALE Banca Centrale

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011

L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà. Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 L Europae la Crisidel DebitoPubblico Cosa funzionerà e cosa non funzionerà Juergen von Hagen Festival dell Economia di Trento 3 giugno 2011 QuadroGenerale: Le PoliticheFiscali nell Eurozona Principi di

Dettagli

Economia degli Intermediari Finanziari

Economia degli Intermediari Finanziari Economia degli Intermediari Finanziari Finanziamento Indiretto Società A Emette L Obbligazione 1 ( Passività nel suo Bilancio A) Intermediario B Compral Obbligazione 1 di A (Attività nel suo Bilancio

Dettagli

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI

FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI FINANZA E ECONOMIA REALE LE RAGIONI DELLA CRISI E LE POSSIBILI SOLUZIONI PROF. MARCELLO MINENNA 1 UNIVERSITÀ BOCCONI DI MILANO Andamento tassi di interesse a 10 anni nel periodo 1993-2007 35% 30% Determinazione

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Edoardo Marullo Reedtz Responsabile Studi Finanziari, ANIA 12 marzo 2015 Università degli Studi di Parma, «Compagnie di Assicurazione e Banche

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 7

Economia Monetaria - Slide 7 1 Economia Monetaria - Slide 7 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013

Convegno CAREFIN. Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager. Milano - 31 Gennaio 2013 Struttura del funding delle banche e asset encumbrance: il punto di vista di un risk manager Convegno CAREFIN Milano - 31 Gennaio 2013 Davide Alfonsi Resp. Direzione Risk Management, Intesa Sanpaolo Agenda

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Crescita economica e finanziamento delle imprese

Crescita economica e finanziamento delle imprese Associazione Italiana degli Analisti e Consulenti Finanziari L Italia fuori dalla crisi nel 2015? Crescita economica e finanziamento delle imprese Intervento del Vice Direttore Generale della Banca d Italia

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona

Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona Giovanni Verga: La politica della BCE e la «frammentazione» nell Eurozona Le tre crisi del mercato monetario creditizio Euro interbank risk USA interbank Rirk Sovereign rates: PIIGS-Germ. TARGET2: saldi

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011

Anthilia Capital Partners SGR 05/14. Analisi di scenario Maggio. Maggio 2014 2011 05/14 Anthilia Capital Partners SGR Analisi di scenario Maggio Maggio 2014 2011 Maggio 2014 Analisi di scenario Mercati 22/05/2014 2 Analisi di scenario Il nuovo Conundrum Tra le principali sorprese del

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Domande frequenti relative al Liquidity Coverage Ratio di Basilea 3 del gennaio 2013 Aprile 2014 La presente pubblicazione è consultabile sul sito internet

Dettagli

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto

Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Seminario di confronto tra il settore bancario e l attività immobiliare Patrimonio e Meccanismi di Pricing. Le basi per un confronto Intervento di Andrea Ragaini Direttore Centrale GRUPPO BANCA CARIGE

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Economia e Politica Monetaria La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Obiettivi finali e intermedi Obiettivi finali:!stabilità dei prezzi, crescita reale, stabilità finanziaria!caratteristiche:

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

4. ALCUNI ASPETTI DEL POST 11 SETTEMBRE

4. ALCUNI ASPETTI DEL POST 11 SETTEMBRE 62 4. ALCUNI ASPETTI DEL POST 11 SETTEMBRE Gli avvenimenti dell 11 settembre hanno trasmesso una serie di shock all economia reale e ai mercati finanziari di dimensioni per ora non prevedibili. In questo

Dettagli

3.1 La consistenza del debito nel settore statale

3.1 La consistenza del debito nel settore statale 3 IL DEBITO DEL SETTORE STATALE 3.1 La consistenza del debito nel settore statale Al 30 settembre 2011 la consistenza del debito del settore statale è risultata pari a 1.752.934 milioni, con un incremento

Dettagli

Lo spettro del Credit Crunch

Lo spettro del Credit Crunch Lo spettro del Credit Crunch (se il credito va in apnea) A cura di Renato Brunetta Indice 2 Un conto salato per le imprese italiane Cosa si intende per Credit Crunch Le cause alla base di un pericolo reale

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Breaking news. Quattro chiare domande

Breaking news. Quattro chiare domande Breaking news La BCE mantiene invariato il suo supporto al sistema bancario in Grecia. L Eurogruppo esclude ulteriori negoziati con la Grecia fino al referendum. Il Primo Ministro greco Tsipras invia una

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli