Politica Economica Europea. a.a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Politica Economica Europea. a.a. 2014-15"

Transcript

1 Politica Economica Europea 10

2 Strategia di politica monetaria della BCE La strategia della politica monetaria dell'eurosistema è stata annunciata dal Consiglio Direttivo il13 ottobre 1998 e ribadita l 8 maggio Consiste in: 1. definizione degli obiettivi 2. descrizione della strategia 3. Descrizione degli strumenti utilizzati per raggiungere gli obiettivi (Bollettino Mensile BCE gennaio 1999 e Maggio 2003)

3 1. Obiettivi Definizione quantitativa dell'obiettivo primario della politica monetaria unica, la stabilità dei prezzi ü Per stabilità dei prezzi la BCE intende un aumento sui 12 mesi dell'indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo (IACP) per l'area dell'euro inferiore ma vicino al 2% all'anno; tale stabilità deve essere mantenuta in un orizzonte di medio termine. Nota: "un aumento...inferiore al 2%" indica che il tasso di variazione deve collocarsi nell'intervallo 0-2%, una prolungata deflazione non sarebbe compatibile con l'obiettivo.

4 Di seguito consideriamo tre aspetti critici riguardanti la scelta obiettivo: la stabilità dei prezzi implica anche stabilizzazione dell output? la stabilità dei prezzi implica anche la stabilità finanziaria? il livello del 2% è troppo basso?

5 a) Obiettivi della politica monetaria BCE vs FED 1. Mantenimento della stabilità dei prezzi tasso di inflazione attorno al 2% annuo 2. Fatta salva la stabilità dei prezzi, sostiene le politiche generali delle Unione è Graduatoria di obiettivi. Nota: nello Statuto della BCE tuttavia è citato solo l'obiettivo della stabilità; il secondo è considerato conseguire automaticamente dalla stabilità dei prezzi. 1. Stabilità dei prezzi 2. Crescita economica sostenibile 3. Piena occupazione è nessun graduatoria ma elenco di obie;vi: Sono esplici> gli obie;vi della crescita e dell'occupazione

6 Stabilità dei prezzi e stabilizzazione dell output Domanda aggregata Domanda e offerta aggregata Shock di domanda L intervento della BCE per la stabilità dei prezzi (aumento del tasso di interesse e riduzione della domanda aggregata) ha un effetto equilibrante anche sull output, che si riduce Shock di offerta L intervento della BCE per la stabilità dei prezzi ha un effetto destabilizzante sull output, che si riduce (come nel caso dello shock da domanda) determinando un ulteriore allontanamento dell output dall equilibrio. Per questo i fautori del inflation targeting sostengono la GRADUALITA della politica monetaria.

7 La strategia scelta stabilizza prezzi e output SOLO se lo shock è da domanda. In presenza di shock da offerta la strategia stabilizza i prezzi a discapito dell output à in questo senso diventa sostanziale la gerarchia di obiettivi, per altro ribadita dalla BCE. Nota: tuttavia la gradualità della risposta del tasso di interesse deciso dalla BCE (che infatti ha come obiettivo la stabilità dei prezzi nel medio periodo) è un modo per considerare anche la stabilizzazione dell output, evitando di generare politiche antinflazionistiche che siano troppo restrittive per la domanda aggregata.

8 Stabilità dei prezzi e stabilità finanziaria E sbagliato fissare come obiettivo prioritario la stabilità dei prezzi? La BCE dovrebbe considerare anche l obiettivo della stabilità finanziaria?

9 La risposta alle due domande è NO se: 1. La stabilità finanziaria si ritiene sia materia solo delle autorità di vigilanza e regolamentazione (es: Accordi di Basilea) ma non della BCE 2. L obiettivo della stabilità dei prezzi minimizza i rischi di instabilità finanziaria, cioè non esiste un trade-off tra i due obiettivi e la strategia per la stabilità dei prezzi è il meglio che la BCE può fare anche per la stabilità finanziaria

10 Esiste un trade-off tra stabilizzazione dei prezzi e stabilizzazione finanziaria? 1) Il caso delle bolle tecnologiche (bolla dot.com dei primi anni duemila) Nuova tecnologiaà ottimismo sulle future potenzialità della stessa à aumento dei corsi azionarià diminuisce il costo del capitale per le imprese e aumento degli investimenti. Due effetti: 1- aumento della produttività e quindi dell offerta aggregata 2- aumento della domanda aggregata grazie ai nuovi prodotti

11 Domanda e offerta aggregata in presenza di una bolla tecnologica P* P AD AD C AS D Y* Y** Y

12 Se la variazione dell offerta > variazione della domanda, al nuovo equilibrio Y** i prezzi sono minori rispetto al livello iniziale. Reazione della Banca Centrale: se vuole mantenere costante il livello dei prezzi, stimola la domanda aggregata à riduce il tasso di interesse e/o aumenta l offerta di monetaà aumenta la domanda aggregata (AD ) in modo da riportare i prezzi al livello precedente. Rischio di ulteriore aumento dei prezzi delle attività (effetto ricchezza) e aumento del rischio di una bollaà In questo caso ESISTE un trade off tra i due obiettivi di stabilizzazione!

13 Nota: il punto C non è di equilibrio; è insostenibile perché maggiore del livello di produzione di pieno utilizzo della capacità (output potenziale), è sostenuto da bassi tassi di interesse e dall effetto ricchezza di elevati prezzi delle attività. Scoppio della bolla e crollo della domanda al punto D (recessione) Nota: in D la politica monetaria espansiva non determinerà più un trade-off con la stabilità finanziaria perché l economia è effettivamente in recessione MA la politica monetaria sarà efficace? Problema della trappola della liquidità

14 Genesi di una bolla: Innovazione tecnologica che riduce i prezzi + politica monetaria accomodante (es: bolla informatica metà anni 90 e scoppio 2001 dot com)

15 2) Il caso della bolla del Non fu una bolla tecnologica. Probabilmente legata da eccesso di credito e di ottimismo (animal spirits) Supponiamo che l ottimismo generi aumento nei prezzi delle azioni à minore costo del capitale e aumento dell offerta aggregata. Contestualmente l aumento del valore delle attività aumenta la domanda aggregata (effetto ricchezza) consentito da un aumento del credito concesso dalle banche Nota: l aumento del credito è consentito sia dall aumento del valore delle garanzie sia dall aumento della potenzialità di credito delle banche che hanno migliorato il loro attivo grazie alla bolla Aumento dell offerta e della domanda (vedi grafico successivo)

16 Domanda e offerta aggregata in presenza di una bolla azionaria P AS AS P* AD Y Y* Y**

17 Nota: nel nuovo punto di equilibrio i prezzi sono costanti: è quindi meno preoccupante questa situazione rispetto alla precedente? NO, infatti il credito concesso è sulla base di valori delle garanzie gonfiati. Quando la bolla esplode il valore delle garanzie crolla e l indebitamento di imprese e famiglie porta ad un tracollo e recessione (AD e AS si spostano a sinistra)

18 Riassumendo Se la bolla è tecnologica, la politica monetaria espansiva di fatto alimenta la bolla, non riconoscendo che il nuovo livello di equilibrio dei prezzi è inferiore al livello precedente. Se la bolla è irrazionale la politica monetaria non fa nulla (se i prezzi rimangono stabili) ma così facendo consente una eccessiva creazione di credito. Conclusioni: a) Le BC non si sono accorte che la bolla speculativa scoppiata nel 2007 era sostenuta da una eccessiva creazione di credito (ruolo del settore bancario) b) Sarebbe auspicabile che le BC ampliassero gli obiettivi della politica monetaria e/o abbandonassero l ordinamento automatico delle priorità. MA, due problemi: come misurare la stabilità finanziaria? Quale strumento usare per la stabilità finanziaria?

19 Definire e misurare la stabilità finanziaria La stabilità finanziaria è un concetto multidimensionale. Ferguson (2002) definisce l instabilità finanziaria: a) prezzi di importanti sottoinsiemi di attività finanziarie deviano fortemente dai fondamentali; b) distorsioni della disponibilità di credito (a livello nazionale o internazionale) o del funzionamento del mercato; c) deviazioni della spesa aggregata dal livello della capacità produttiva.

20 Borio e Lowe (2002) definiscono l instabilità finanziaria come: una situazione di espansione del credito combinata con forti incrementi nei prezzi delle attività (sviluppo di bolle e crescita eccessiva del credito: indicatori gemelli) BCE: definizione più vaga Stabilità finanziaria: il sistema finanziario (intermediari, mercati e infrastrutture) è in grado di reggere all urto degli shock e di far fronte agli squilibri

21 Complessivamente: informazioni importanti possono ottenersi monitorando lo sviluppo dei corsi azionari e del credito. Prox slide: bolle e crolli coinciono con accelerazioni e decelerazioni dei prestiti bancari La crescita del credito bancario passa dal 4% (2003) al 12% (2006); contemporaneamente I indice azionario raddoppia

22 14% 12% Growth rate of total bank loans (left) and Stock price index(right) in euro area % change 10% 8% 6% index 4% 2% Loans Stock price Jan 2000Jan 2001Jan 2002Jan 2003Jan 2004Jan 2005Jan 2006Jan 2007Jan 2008Jan

23 Perché i banchieri centrali dell Europa e degli USA hanno attribuito scarso peso a questi indicatori di possibile instabilità finanziaria? Diversi fattori tra cui: Importanza di modelli teorici Dynamic Stochastic General Equilibrium Models (DSGE) che si basano sull assunto di agenti economici razionali e perfettamente informati: à bolle e crolli non sono previsti; à gli shock all equilibrio potenzialmente in grado di determinare gli effetti di instabilità sono irrealisticamente elevati per i modelli.

24 Una valutazione dell obiettivo del 2% L obiettivo del 2% è corretto? la misura del tasso di inflazione in genere sovrastima l inflazione effettiva la sovrastima è dell ordine dello 0.5%-1.5% La sovrastima dipende dal miglioramento qualitativo dei prodotti difficile da considerare precisamente nella misura Un po di inflazione è necessaria Facilita aggiustamenti verso il basso delle variabili reali L effetto Balassa Samuelson (inflazione maggiore dove maggiore è la crescita della produttività dei beni tradable ) aumenta le divergenza e il contenimento dell inflazione da parte della BCE potrebbe essere eccessivo: i paesi a bassa inflazione possono andare a zero Critiche e cambiamenti possibili: - È troppo basso (UK: 2.5%) - Non andrebbe fissato un massimo ma un range - Si veda a questo proposito quanto detto per la deflazione

25 2. Descrizione della strategia Due pilastri" complementari su cui la strategia poggia per conseguire questo obiettivo: ü un ruolo di primo piano per la moneta, come segnalato dall'annuncio di un valore di riferimento per la crescita di un aggregato monetario ampio; il ruolo dell analisi monetaria si riduce negli ultimi anni. Secondo la strategia del 2003 rappresenta il termine di riscontro (cross-checking) rispetto agli andamenti di breve periodo desunti dall analisi economica. L analisi monetaria è informativa sulle tendenze di lungo periodo dell inflazione ü una valutazione di ampio respiro delle prospettive per i prezzi nell'intera area dell'euro riguardante sia il loro andamento sia i rischi per la loro stabilità. Si tratta di un analisi economica, ovvero degli aspetti di breve termine che influiscono sulla determinazione dei prezzi.

26

27 Analisi economica I due pilastri informativi Analisi monetaria

28 Sul ruolo del pilastro monetario Ruolo via via meno importante per l obiettivo della stabilità dei prezzi (cambiamento formale nel 2003) Scostamento tra andamento M3 effettivo e annunciato (vedi prossima slide) Dubbi sulla relazione tra crescita monetaria e inflazione: davvero l inflazione è sempre un fenomeno monetario? (vedi prossime slide) L andamento di M3 è tuttavia informativo del credito complessivo nel sistema economicoà possibile spia di problemi di instabilità

29 Figure 9.15 Inflation and money growth (M3) in Eurozone Source: ECB Monthly Bulletin

30 Tasso medio di crescita M Tasso medio di inflazione Tasso medio di crescita produzione Crescita della velocità di circolazione

31 Prima della crisi: Tra il 1999 e il 2008 aggregato M3 è cresciuto mediamente del 7.4% e l inflazione del 2.2%. à M3 è aumentata ma senza influire sull inflazione. In parte questo è dovuto alla riduzione della velocità, mediamente diminuita del 3% Dopo la crisi: forze di deflazione che hanno fatto crollare M3 e ridotto l inflazione In generale il ruolo della moneta diventa inattendibile per l inflazione futura in presenza di bassa inflazione innovazioni finanziarie

32 200% Inflation and money growth ( ) (average yearly changes) 180% 160% 140% inflation 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% 0% 20% 40% 60% 80% 100% 120% 140% 160% money growth (M1)

33 6% Inflation and money growth ( ) (average yearly changes) Sottogruppo di paesi con tasso medio di inflazione del 5% o meno 5% 4% inflation 3% 2% 1% 0% 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% 14% money growth (M1)

34 La relazione tra crescita monetaria e inflazione è molto debole per i paesi a bassa inflazione. I differenziali di crescita monetaria non spiegano i differenziali di inflazione. In un sistema a bassa inflazione la gestione dell offerta di moneta da parte della banca centrale è meno rilevante rispetto a variazioni determinate da effetti di domanda (es: riduzione della velocità di circolazione, innovazioni finanziarie, shock). Il pilastro monetario ancora troppo rilevante?

35

36 Gli strumenti della politica monetaria

37 Gli strumenti convenzionali della politica monetaria 1. Operazioni di mercato aperto (su iniziativa della BCE), 2. Linee di credito (su iniziativa delle controparti) 3. Vincoli di riserva obbligatoria Operazioni di mercato aperto Operazioni svolte su iniziativa della BCE. Due modalità: 1. la BCE può direttamente comperare e vendere titoli sul mercato aperto 2. Può ricorre alla tecnica delle aste finanziando direttamente le banche altre istituzioni finanziarie autorizzate

38 Acquisto vendita diretta Non è lo strumento convenzionale, diversamente da FED e BoE MA Uso massiccio con la crisi economica (vedi oltre: strumenti non convenzionali)

39 Le più importanti operazioni convenzionali di mercato aperto sono le operazioni di rifinanziamento principali (operazioni temporanee, con garanzie= collaterali eligibili, frequenza settimanale, di durata settimanale, mediante aste standard: viene fissato un tasso di interesse minimo di offerta - il principale tasso di interesse ufficiale fissato dalla BCE-) Sono le operazioni di maggiore rilevanza; servono a: 1. Guidare/controllare i tassi prevalenti sul mercato 2. Gestire la liquidità dell eurosistema 3. Segnalare lo stato della politica monetaria Altre operazioni sono quelle di rifinanziamento a più lungo termine (scadenza fino a 6 mesi), operazione di 'fine tuning, operazioni strutturali

40 Operazioni attivate su iniziativa delle controparti 1. operazioni di rifinanziamento marginale. Si tratta di prestiti overnight della BCE contro garanzie; il tasso definisce il limite massimo al tasso di mercato overnight delle operazioni interbancarie. Il tasso di interesse prefissato dal Consiglio Direttivo è maggiore di quello di mercato e quindi si tratta di finanziamento usato dalle banche solo in ultima istanza. 2. operazioni di deposito. Deposito overnight ad un tasso determinato inferiore a quello di mercato. Questo tasso, fissato dalla BCE stabilisce il limite minimo ai tassi interbancari overnight. Si fa ricorso a queste operazioni solo se non si possono usare i fondi in altro modo.

41 Riserva minima o obbligatoria Sono soggetti a riserva i depositi e i titoli di debito a scadenza minore di due anni e i titoli di mercato monetario; l'aliquota è del 2% ma può essere modificata dalla BCE in qualsiasi momento. L'ammontare della riserva deve essere soddisfatto in media nel periodo di riferimento. La riserva è remunerata al tasso di mercato.

42 Complessivamente la BCE fissa: 1. il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principale 2. il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginale 3. il tasso sulle operazioni di deposito 4. l'aliquota di riserva minima

43

44

45

46

47

48 Le decisioni della BCE nel corso della crisi e le misure non convenzionali Grave crisi di liquidità di numerose banche europee a seguito del crollo della Lehman Brothers nel 2008 (alcune banche europee avevano acquistato coperture assicurative da Lehamn Brothers). Le banche reagiscono vendendo le proprie attività e ritirando i propri depositi nel mercato interbancario à crisi di liquidità (credit cruch). Interventi della BCE come prestatore di ultima istanza nel settore bancario: massicce iniezioni di liquidità anche con misure non convenzionali

49 Le misure convenzionali monetarie per fronteggiare la crisi Il 7 maggio 2009 il Consiglio direttivo della BCE abbassa ulteriormente il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali e quello sulle operazioni di rifinanziamento marginale, rispettivamente all 1 e 1,75 per cento, mentre mantiene invariato allo 0,25 per cento il tasso sui depositi presso la banca centrale. Pertanto, rispetto a ottobre 2008, il tasso sulle operazioni di rifinanziamento principali registra una diminuzione totale di 325 punti base

50 Le misure non convenzionali per il sostegno al credito nel periodo della crisi (si veda la Relazione del governatore 2008 e 2009) Ottobre 2008: il Consiglio direttivo aumentò la frequenza e l entità delle operazioni di rifinanziamento a più lungo termine (con scadenza fino a sei mesi) al tasso fisso dell 1% e con soddisfacimento totale della domanda. Dispose la conduzione di tutte le operazioni finalizzate a immettere liquidità attraverso una procedura d asta a tasso fisso con piena aggiudicazione dell importo. Decise un ampliamento della gamma di attività stanziabili a garanzia fino alla soglia minima di BBB- o a Baa3 Furono forniti fondi in dollari statunitensi e in franchi svizzeri attraverso operazioni di swap in valuta Obiettivo: fornire un sostegno finanziario all economia per il tramite delle banche (Ricorda: in Europa le fonti di finanziamento delle imprese sono per il 70% tramite le banche; in USA solo il 20% sono intermediate dalle banche!!) à decisioni di politica monetaria e misure di gestione della liquidità adottate dalla BCE finalizzate ad evitare a.a. una forte contrazione dei volumi di credito.

51 Maggio 2009: Rafforzamento delle misure non convenzionali Operazioni di rifinanziamento a più lungo termine furono finalizzate all immissione di liquidità con scadenza a 12 mesi, su base trimestrale, con tasso fisso 1% e soddisfacimento integrale della domanda. Acquisto di obbligazioni garantite (covered bond purchase program CBPP) denominate in euro ed emesse nell area. Tale misura è intesa ad accrescere la liquidità nel mercato dei titoli di debito del settore privato. Serve sostanzialmente a fronteggiare la liquidità bancaria la BEI verrà considerata controparte idonea nelle operazioni di politica monetaria dell Eurosistema a partire dall 8 luglio 2009 e alle medesime condizioni delle altre controparti. La BEI è particolarmente attiva nei prestiti alle piccole e medie imprese dell area.

52 Complessivamente, il piano di maggiore sostegno al credito della BCE consisteva delle seguenti misure: 1. offerta illimitata di liquidità a tasso fisso alle banche dell area in tutte le operazioni di rifinanziamento a fronte di garanzie adeguate; 2. allungamento della scadenza massima delle operazioni di rifinanziamento: dodici mesi invece dei tre del periodo precedente la crisi; 3. ampliamento dell elenco delle attività stanziabili in garanzia; 4. immissione di liquidità in valuta estera (in particolare US $); 5. acquisti definitivi di obbligazioni garantite (CBPP)

53 Primi effetti delle manovre L effetto congiunto delle misure di maggiore sostegno al credito e della decisa riduzione dei tassi di interesse di riferimento della BCE fra ottobre 2008 e maggio 2009 fu quello di diminuire significativamente i tassi di interesse del mercato monetario, i differenziali di interesse su questo mercato e i tassi applicati ai prestiti bancari (vedi grafico prossima slide). Il maggiore sostegno al credito ha portato a un notevole miglioramento della liquidità di mercato e contribuito ad attenuare i rischi del finanziamento. Come conseguenza del miglioramento delle condizioni del mercato finanziario nel corso del 2009, a inizio dicembre il Consiglio direttivo ha annunciato che avrebbe progressivamente revocato le misure non convenzionali non più necessarie. Tuttavia nei mesi a cavallo tra il 2009 e il 2010 sono andati via via crescendo i timori sullo stato delle finanze pubbliche in Grecia; le tensioni si sono fortemente aggravate in aprile, estendendosi ad altri paesi dell area

54 Primavera del 2010: Inizia la crisi dei debiti sovrani (vedi Relazione annuale 2010 e Bollettini mensili BCE) Tensioni in determinati segmenti dei mercati finanziari, in particolare in specifici mercati dei titoli di Stato dell area dell euro. I differenziali di rendimento tra i titoli di Stato a dieci anni di alcuni paesi dell area e i corrispondenti titoli tedeschi iniziò a crescere rapidamente (cfr. la figura). L andamento andava soprattutto ricondotto agli accresciuti timori degli operatori di mercato circa la sostenibilità dei conti pubblici di alcuni paesi dell area, dato l aumento del debito e dei disavanzi pubblici. L ampliamento dei differenziali si è accelerato ad aprile e agli inizi di maggio, raggiungendo livelli mai registrati dall avvio dell UEM il 6 e il 7 maggio La situazione ha portato i governi dell area ad annunciare, il 9 maggio 2010, il varo di un pacchetto organico di misure, fra cui la European Financial Stability Facility, un dispositivo europeo per la stabilità finanziaria

55

56 2010: Ulteriori misure non convenzionali della BCE Nell aprile del 2010 il Consiglio direttivo stabilì di mantenere a BBB- o a Baa3 la soglia minima di merito di credito delle attività stanziabili a garanzia nelle operazioni di rifinanziamento presso l Eurosistema. Alla fine di aprile le tensioni si aggravarono rapidamente estendendosi dal mercato dei titoli di Stato della Grecia a quelli dei titoli di altri paesi dell area e ad altri mercati finanziari. la liquidità si prosciugò. Il 3 maggio, dopo la decisione del Consiglio della UE di attivare il sostegno finanziario concordato dalla Grecia con Commissione europea, BCE e FMI, il Consiglio direttivo decise di: 1. sospendere l applicazione dei requisiti di rating minimo per la stanziabilità in garanzia ai titoli emessi o garantiti dallo Stato greco. 2. riattivare l offerta illimitata di liquidità nelle operazioni di rifinanziamento a più lungo termine 3. reintrodurre, di concerto con altre banche centrali, operazioni in dollari 4. avviare un programma di acquisti di titoli di debito pubblici e privati emessi nell area, a sostegno di segmenti del mercato particolarmente colpiti dalla crisi prevedendo la sterilizzazione degli acquisti mediante operazioni di riassorbimento della liquidità, al fine di evitare riflessi sull orientamento della politica monetaria (Securities Market Program SMP));

57 Ruolo del programma per i mercati dei titoli finanziari (Securities Market Program). Rilevanza del mercato dei titoli di Stato Ruolo fondamentale nel processo di trasmissione della politica monetaria, operando tramite i seguenti canali. 1. canale dei prezzi. I tassi di interesse sui titoli di Stato sono solitamente una delle determinanti principali dei tassi che le società finanziarie e non finanziarie devono offrire all emissione delle obbligazioni. In presenza di gravi turbative dei mercati obbligazionari, risulta compromessa almeno parzialmente la trasmissione dei tassi di interesse a breve termine della banca centrale ai tassi a più lungo termine, rilevanti per le decisioni di famiglie e imprese, e quindi per i prezzi. 2. canale di bilancio. La netta diminuzione dei prezzi delle obbligazioni connessa al forte aumento dei tassi di interesse a lungo termine, genera significative perdite di portafoglio nei settori finanziari e non finanziari; nel caso delle banche, ciò riduce la loro capacità di erogare prestiti all economia. 3. canale della liquidità. I livelli di liquidità eccezionalmente bassi nel comparto dei titoli di Stato condizionerebbero l uso di queste attività come garanzie stanziabili nelle operazioni di rifinanziamento, ostacolando quindi anche l erogazione di prestiti da parte delle banche.

58 Come evitare che questi acquisti di titoli compromettano l obiettivo della stabilità dei prezzi? In linea con le disposizioni del Trattato, gli acquisti di titoli di Stato da parte dell Eurosistema sono stati rigorosamente realizzati sul solo mercato secondario. L aumento della liquidità è interamente sterilizzato tramite specifiche operazioni di riassorbimento della liquidità. Il programma pertanto non incide sul livello di liquidità prevalente, né sui tassi del mercato monetario (in altre parole, sull orientamento di politica monetaria), e non comporta pertanto rischi inflazionistici. Tuttavia sono da molti (banchieri centrali e commentatori) osteggiati. Perché? (vedi discussione prossime lezioni)

59 Misure non convenzionali fino ad inizio 2011 Hanno tutte come obiettivo: sostenere l intermediazione finanziaria nell area dell euro, favorire il flusso di credito verso le famiglie e le imprese nell area e facilitare il meccanismo di trasmissione della politica monetaria. Come? mediante l allentamento delle condizioni di provvista delle banche, al fine di favorire l offerta di credito al settore privato, e il sostegno al funzionamento di particolari segmenti del mercato finanziario. Principali esempi di misure non convenzionali di politica monetaria adottate dalla BCE: 1. Il Programma per i mercati dei titoli finanziari privati e pubblici (Securities Market Program, SMP) e 2. l offerta di liquidità illimitata a varie scadenze e a tasso fisso in cambio di attività idonee. Sostanzialmente, tutte queste misure sono state concepite come aventi natura temporanea e unicamente per servire il mandato della BCE di mantenimento della stabilità dei prezzi nel medio periodo nell area dell euro nel suo complesso.

60 Agosto 2011: la situazione è peggiore rispetto a ottobre 2008 Nella seconda metà di luglio e nella prima settimana di agosto 2011 i differenziali di rendimento rispetto alla Germania dei titoli di Stato degli altri paesi dell'area dell'euro si sono considerevolmente accresciuti. Le tensioni che in precedenza erano perlopiù confinate a Grecia, Irlanda e Portogallo si sono via via estese a Italia e Spagna. I differenziali di rendimento per i titoli di Stato belgi e, in misura minore, francesi hanno anch'essi registrato incrementi significativi. Il 5 agosto i differenziali sui titoli decennali hanno raggiunto livelli record per gran parte dei paesi dell'area dell'euro. La volatilità del mercato obbligazionario nell'area è aumentata significativamente rispetto al periodo di calma relativa di novembre del 2010, superando il livello osservato a maggio del 2010, in occasione dello scoppio della crisi europea del debito sovrano. La volatilità ha di fatto raggiunto livelli non più osservati dall'indomani del tracollo di Lehman Brothers a settembre del Di conseguenza, le condizioni di liquidità nei mercati dei titoli di Stato di vari paesi dell'area dell'euro si sono drasticamente deteriorate. Durante l'estate la volatilità è cresciuta anche nel mercato dei titoli del Tesoro statunitensi, soprattutto per effetto delle tensioni politiche riguardo al tetto del debito federale e dei deludenti dati macroeconomici pubblicati.

61 Decisioni di politica monetaria: si prolungano le misure non convenzionali 4 agosto 2011 il Consiglio direttivo ha dichiarato che l'offerta di liquidità alle banche mediante piena aggiudicazione degli importi a tassi fissi sarebbe proseguita almeno fino agli inizi del Ha inoltre annunciato un'ulteriore operazione di rifinanziamento a più lungo termine con scadenza approssimativamente pari a sei mesi. Scopo di queste misure è sostenere la provvista bancaria, che dovrebbe a sua volta consentire alle banche di continuare a erogare credito alle famiglie e alle società non finanziarie. Si può ragionevolmente ipotizzare che, in assenza di siffatte misure, l'accesso delle banche al finanziamento sarebbe gravemente compromesso, con implicazioni negative per la crescita economica e la stabilità dei prezzi.

62 Ripartono i programmi di acquisto titoli e obbligazioni Il 7 agosto 2011 la BCE annuncia che avrebbe ricominciato a utilizzare attivamente il Il Securities Market Program (SMP). programma introdotto a maggio 2010 per favorire la trasmissione delle decisioni di politica monetaria in un contesto di disfunzione di vari segmenti dei mercati finanziari, allo scopo di assicurare la stabilità dei prezzi per l'area dell'euro nel suo complesso. Di fatto, dopo la fine di marzo del 2011 non era stato effettuato alcun acquisto nell'ambito del programma. Le modalità del SMP restano invariate. Gli acquisti di titoli di Stato da parte dell'eurosistema sono rigorosamente confinati ai mercati secondari. Inoltre, l'effetto di immissione di liquidità prodotto dagli acquisti effettuati nel contesto del SMP continua a essere completamente sterilizzato mediante specifiche operazioni di assorbimento della liquidità, considerato che il programma non è inteso a immettere liquidità addizionale nel sistema bancario. Infine, il SMP, come tutte le altre misure non convenzionali di politica monetaria attuate dalla BCE in questo periodo di acute tensioni dei mercati finanziari, ha natura temporanea. Il 6 ottobre 2011 il Consiglio direttivo decide di avviare un nuovo programma di acquisto di obbligazioni garantite, il CBPP2, allo scopo di allentare le condizioni di finanziamento delle banche e delle imprese e di incoraggiare gli istituti di credito a mantenere o espandere l attività di prestito alla clientela

63 Il rifinanziamento alle banche tramite operazioni a più lungo termine (LTRO) Altra novità: 8 dicembre 2011 il Consiglio Direttivo annuncia due ORLT (dicembre 2011 e febbraio 2012) della durata di tre anni 21/12/2011 la BCE distribuisce 489 mld euro a 523 banche (tasso 1%) 29/02/ mld di euro a 800 banche La liquidità aggiuntiva è però inferiore (520 mld secondo Draghi) perché contemporaneamente le banche hanno ridotto le richieste di liquidità a breve Inoltre, le banche simultaneamente detengono presso la BCE depositi per 785 mld. Le banche hanno usato parte di questa liquidità per acquistare titoli di stato, contribuendo a ridurre il tasso di interesse. Rischio tuttavia dovuto alla più elevata presenza di debito sovrano nell attivo bancario.

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Il Liquidity Coverage Ratio e gli strumenti di monitoraggio del rischio di liquidità Gennaio 2013 Il presente documento è stato redatto in lingua

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema internazionale per la misurazione, la regolamentazione e il monitoraggio del rischio di liquidità Dicembre 2010 Il presente documento è stato

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

La Banca nazionale in breve

La Banca nazionale in breve La Banca nazionale in breve La Banca nazionale in breve Indice 2 La Banca nazionale in breve Introduzione 5 1 Il mandato della Banca nazionale 6 2 La strategia di politica monetaria 9 3 L attuazione della

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Board of the International Organization of Securities Commissions Requisiti di margine per i derivati non compensati centralmente Settembre 2013 Il presente

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 12 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni

Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni ALLEGATO 5 Analisi e proiezioni finanziarie per i singoli Comuni Scenario di investimento minimo (progetti di prima priorità) Confronto tra la proiezione finanziaria dei singoli Comuni 2001-2009 e lo scenario

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità)

Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) Testo del Trattato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) Il nuovo fondo salva stati Testo TRATTATO CHE ISTITUISCE IL MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli

La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli La Crisi Bancaria Svedese degli inizi anni 90 Guido Ascari e Paola Elena Brignoli Siamo nel mezzo di una crisi finanziaria e reale tanto pervasiva e globale che sta coinvolgendo tutti i paesi, dai più

Dettagli