GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI"

Transcript

1 GENERALITÁ Il tipo di trattamento detto a fanghi attivi che utilizza una flora batterica prevalentemente aerobica è quello più utilizzato per il trattamento dei reflui civili in quanto consente uno scarico finale con caratteristiche tali da poter nella grande maggioranza dei casi essere scaricato in acque superficiali senza ulteriori trattamenti. Nei trattamenti biologici, batteri e altri microrganismi rimuovono e metabolizzano le sostanze organiche solubili e colloidali di un acqua di scarico, riducendone, quindi il carico inquinante organico. I batteri aerobici richiedono che nell acqua sia presente dell ossigeno disciolto. In presenza di questo elemento, i batteri aerobici utilizzano le sostanze organiche sospese e disciolte per produrre altri batteri (fase di sintesi). Questo processo ha un andamento esponenziale perciò, in presenza di sostanza organica in abbondanza, il numero dei batteri cresce in modo vertiginoso. Se invece la quantità di materia organica disponibile è insufficiente rispetto al numero di batteri presenti, s instaura un processo di competizione e di auto-distruzione in cui i batteri utilizzano il loro stesso materiale cellulare per produrre le reazioni chimiche necessarie alla loro attività (fase di cannibalismo o di respirazione endogena). Nel trattamento biologico coesistono entrambi i processi e una fase prevale sull altra a seconda del rapporto tra sostanza organica disponibile e quantità di batteri, cioè tra carico organico e massa-batterica. Questo rapporto solitamente indicato come F/M è detto anche carico di fango. Il sistema a fanghi attivi è sostanzialmente costituito da una vasca aerata artificialmente (reattore biologico o bacino di ossidazione) seguita da una vasca di decantazione (sedimentatore secondario). I batteri che si sviluppano durante il processo, si riuniscono in colonie simili a fiocchi di fango (fango attivo). Se questo fango venisse scaricato insieme all acqua trattata, la concentrazione di batteri (biomassa) nel reattore biologico resterebbe molto bassa e non si verificherebbe alcun apprezzabile riduzione del carico inquinante in ingresso, come infatti avviene in fase di avviamento di un impianto. Se, invece, il fango attivo viene fatto decantare e riciclato nella vasca di aerazione, la popolazione batterica aumenta progressivamente sino ad ottenere una concentrazione in grado di demolire/adsorbire tutta la sostanza organica in ingresso. Raggiunto questo valore, continuando il processo, si genera del fango in eccesso (fango di supero) che deve essere allontanato dal sistema. Il trattamento ovviamente richiede un aerazione forzata che fornisca ossigeno nella quantità richiesta dal processo biologico assicurando nello stesso tempo la miscelazione dell acqua e contatto con il fango attivo. L aggiunta di sostanze nutritive, principalmente azoto e fosforo, è richiesta molto raramente nel caso di scarichi civili ma può essere necessaria per il trattamento di particolari scarichi poveri di questi elementi. I trattamenti biologici vengono differenziati in funzione del carico di fango cioè dal rapporto F/M dove F = kg giornalieri di BOD5 in ingresso all impianto e M = kg di solidi sospesi (fango attivo) presenti nell impianto. Un basso valore di F/M (ad es. inferiore a 0,1) favorisce il processo endogeno (cioè minor produzione di fango e un fango più digerito e mineralizzato) mentre un alto valore (ad es. superiore a 1) favorisce quello di sintesi (maggiore produzione di fango e un fango fresco con un elevato contenuto di sostanza organica). Il processo a fanghi attivi più utilizzato negli impianti di trattamento reflui civili di piccole e medie dimensioni è quello denominato ad ossidazione totale ed è caratterizzato da un basso carico di fango con valori di F/M uguali od inferiori a 0,1. La quantità di batteri quindi è circa 10 volte quella della sostanza organica contenuta nell effluente grezzo. In queste condizioni la formazione di fango di supero è limitata e il fango prodotto molto stabilizzato/mineralizzato. Inoltre si favorisce la trasformazione dell azoto ammoniacale e proteico in azoto nitrico (nitrificazione) processo operato dai batteri nitrificanti la cui crescita e attività sono particolarmente facilitate in condizioni di basso carico. Il fango del sedimentatore secondario viene nuovamente rinviato alla vasca di ossidazione. Il volume di fango riciclato alla vasca di aerazione viene generalmente espresso come percentuale del volume dell effluente grezzo in ingresso. Negli impianti ad ossidazione totale la percentuale di ricircolo è normalmente dell ordine del 100%. Per effetto del riciclo, la concentrazione di fango nella vasca di ossidazione aumenta progressivamente e, pertanto, è necessario effettuare delle operazioni periodiche di spurgo per mantenere il rapporto F/M sui valori di progetto. Nel caso di impianti ad ossidazione totale, caratterizzati da produzioni di fango di supero molto modeste, la frequenza di queste operazioni è piuttosto rara. 2

2 DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI 1. PREMESSA La presente relazione descrive le varie tipologie d impianto proposte dalla Società ANTERA per la depurazione delle acque di scarico di effluenti domestici o assimilabili. L impianto base è un depuratore biologico aerobico che opera in condizioni di ossidazione totale e consiste delle seguenti fasi: > linea acqua: ossidazione biologica con rimozione/degradazione delle materie organiche carbonacee (riduzione del BOD5) e nitrificazione (ossidazione dell azoto ammoniacale a nitrato), e sedimentazione secondaria > linea fango: ricircolo del fango sedimentato e spurgo del fango di supero. Le varie opzioni qui descritte sono esemplificative, infatti i vari trattamenti possono essere anche combinati tra loro anche con schemi e raggruppamenti diversi da quelli qui rappresentati. 2. PARAMETRI E VALORI USATI NEL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI Gli impianti vengono dimensionati sulla base degli utenti nei periodi di massima frequenza (abitanti serviti) o dell inquinamento equivalente (abitanti equivalenti) in modo da garantire un effluente finale con caratteristiche entro i limiti d accettabilità previsti dal DLgs 152/06. Carico inquinante: - BOD (i) 5 60 g per A.E. al giorno - TKN (ii) 8 g per A.E. al giorno Dotazione idrica: 250 l per A.E. al giorno Coefficiente di rigetto: 80% Volume totale reflui : m3/giorno (N x 250 x 0,8 : 1000) (i) (ii) BOD 5 = richiesta biochimica d ossigeno a 5 giorni TKN = Azoto totale Kjeldhal 3. VARIE TIPOLOGIE D IMPIANTO Gli impianti sono modulari realizzati con vasche monoblocco prefabbricate in calcestruzzo armato e variamente equipaggiate a seconda della loro funzione nel ciclo depurativo. L installazione tipica prevede che le vasche siano interrate ad un livello tale da consentire lo scarico per gravità nel corpo idrico ricettore o nella rete fognaria, rinfiancate una per una con gettate di cemento e rialzate al piano di calpestio con anelli e/o solai di calcestruzzo armato su cui sono ricavati dei vani d ispezione, coperti con apposite lamiere o lapidi in calcestruzzo armato, in modo da consentire una agevole ispezione e manutenzione dell impianto. Essendo realizzato con vasche monoblocco, l impianto offre la massima garanzia di tenuta idraulica, di stabilità strutturale e di resistenza nel tempo all azione corrosiva dei liquami. Inoltre, in quanto realizzato per moduli, l impianto può essere posizionato in modo da adattarsi all area esistente e, se necessario, anche facilmente ampliato in futuro. 3

3 3.1 IMPIANTO BASE È l impianto nella sua forma più essenziale grigliatura (opzionale): ossidazione (soffi ante e diffusori) sedimentazione (sedimentatore statico) ricircolo fango (pompa sommergibile o, negli impianti più piccoli, air-lift) GB: cestello o griglia a barre (opzionale) RD: rampa diffusori a membrana LEGENDA SCL: soffiante a canali laterali PRF: pompa ricircolo fango attivo Grigliatura L installazione di una griglia è opzionale e legata alle condizioni ed effettive esigenze del singolo impianto (ad esempio: canalizzazione aperta che può ricevere fogliame o altri materiali, lavorazioni o processi che generano residui, ecc,). In questi casi il liquame grezzo è sottoposto ad una grigliatura grossolana per la rimozione dei solidi grossolani (foglie, stracci, oggetti in plastica, ecc.) che potrebbero intasare le tubazioni e le pompe. I solidi trattenuti dalla griglia devono essere periodicamente rimossi mediante intervento manuale di un operatore. Griglie meccanizzate a pulizia automatica possono essere installate negli impianti di maggiore capacità. Vasca di ossidazione Il bacino di ossidazione è il componente dell impianto preposto alla rimozione delle sostanze organiche carbonacee (BOD e COD) e dell azoto ammoniacale presenti nel liquame che tramite ossidazione biologica vengono trasformati rispettivamente in anidride carbonica, acqua e sottoprodotti, e azoto nitrico. Al suo interno è equipaggiata con una rampa di distribuzione dell aria composta da diffusori a bolle fini a membrana micro-fessurata in gomma sintetica autopulente. I diffusori sono posti sul fondo della vasca ed alimentati dalla soffiante tramite tubazioni discendenti. I diffusori sono fissati alla linea di distribuzione dell aria con dei raccordi a tre pezzi per lo smontaggio anche a vasca piena per interventi di pulizia o sostituzione. La linea di distribuzione è dotata di valvole di intercettazione e regolazione della portata dell aria. Le soffianti sono del tipo a canale laterale specifiche per la loro alta efficienza e bassa rumorosità. Sulla mandata della soffiante su richiesta può essere installato un manometro a bagno di glicerina che indica la pressione di lavoro e consente una rapida valutazione dello stato di intasamento delle membrane dei diffusori. Nel caso di utilizzo di due soffianti (1 + 1 stand-by), queste funzionano alternativamente e, in caso di fuori-servizio di una macchina, il programma di funzionamento viene trasferito all altra. Per limitare il consumo d energia il funzionamento della soffiante è regolato da un timer programmabile che consente di modulare l aria e l ossigeno fornito secondo le necessità (ad es. giorno e notte) con cicli diversi di pausa e lavoro. Sedimentazione e riciclo fango biologico La sedimentazione secondaria è costituita da una zona di quiete (non miscelata) in cui si realizza la decantazione della miscela liquame/biomassa proveniente dal bacino di ossidazione con conseguente separazione del fango biologico dall acqua chiarificata che viene definitivamente scaricata. Il fango raccolto sul fondo del sedimentatore viene prelevato da una pompa sommergibile e nuovamente riciclato al bacino di ossidazione. 4

4 La portata della pompa viene regolata mediante valvola sulla mandata ed il suo funzionamento programmato a mezzo timer. La vasca ha il fondo inclinato a tramoggia ed è equipaggiata con i dispositivi tipici dei decantatori a flusso ascendente. Lo spurgo del fango di supero, cioè il fango in eccesso rispetto alla quantità richiesta per il processo biologico, verrà effettuato a mezzo di autobotti di ditte specializzate. La frequenza di questa operazione (circa una volta all anno) è molto bassa, infatti il processo ad ossidazione totale è quello che produce la minore quantità di fango di supero. La fase di sedimentazione è costituita da: > vano di sedimentazione; > tubazione di immissione del liquame, cilindro deflettore centrale, canale di raccolta chiarificato con sfioro a profilo Thompson, e condotto di scarico. > pompa sommergibile per acque con elevati solidi in sospensione; Quadro elettrico L impianto è completamente automatico: i tempi di pausa e lavoro della soffiante e della pompa di ricircolo fango sono regolati da timer programmabili. L estrazione del fango di supero viene effettuata con autobotte quando richiesto e il fango affidato a ditte specializzate. Le apparecchiature elettriche di comando e di controllo dell impianto sono assemblate secondo norme CEI in un armadio con protezione IP55. La soffiante e la pompa sono dotate di protezione magneto-termica e di spia di funzionamento e di allarme di guasto che possono essere anche utilizzati per il telecontrollo o controllo a distanza. 3.2 OPZIONE 1 (con controllo della portata in ingresso) In questo caso, in testa all impianto base viene installata una vasca di bilanciamento di opportuna capacità in grado di assorbire le punte di scarico allo scopo di creare un polmone che consenta di rinviare l effluente al trattamento biologico ad una portata stabilita e costante. L impianto è così formato: grigliatura (opzionale): bilanciamento/preareazione (miscelazione mediante soffi ante e diffusori) ossidazione biologica (soffi ante e diffusori) sedimentazione (sedimentatore statico) ricircolo fango (pompa sommergibile) GB: cestello o griglia a barre (opzionale) RD-1: rampa diffusori a membrana (vasca di bilanciamento) Lc: interruttore a galleggiante RD-2: rampa diffusori a membrana LEGENDA SCL-1: soffiante a canali laterali (aerazione/miscelazione vasca bilanciamento) PS: pompa di sollevamento SCL-2: soffiante a canali laterali (ossidazione biologica) PRF: pompa ricircolo fango attivo 5

5 Bilanciamento idraulico e rilancio dei liquami II bilanciamento idraulico ha la funzione di assorbire le punte di scarico e, quindi, di regolare la portata in ingresso al trattamento biologico. Il liquame viene mantenuto in agitazione mediante insufflazione d aria che evita, oltre alla sedimentazione dei solidi sospesi, anche l instaurarsi di condizioni anaerobiche con fenomeni putrefattivi e possibili cattivi odori. II sistema di miscelazione/aerazione è costituito da un compressore centrifugo (SCL-1) e diffusori (RD-1) per la distribuzione dell aria posti sul fondo della vasca. La pompa (PS) rilancia il liquame al successivo trattamento biologico. La pompa, del tipo sommergibile, è dotata di valvole by-pass per la regolazione della portata ed è azionata da un interruttore di livello a galleggiante (Lc). La portata della pompa è stabilita in fase di avviamento dell impianto regolando il by-pass. Il funzionamento della soffiante SCL-1 e i tempi di pausa e lavoro sono regolati da un timer programmabile. Questa tipologia d impianto è particolarmente adatta quando la produzione e lo scarico dei reflui sono concentrati in particolari momenti della giornata. I principali vantaggi sono: un carico in ingresso al biologico più uniforme e, quindi, un funzionamento più regolare dell impianto durante l intera giornata; la possibilità di installare un zona di sedimentazione più piccola in quanto dimensionata sulla portata media e non quella di punta. 3.3 OPZIONE 2 (con pre-sedimentazione del liquame grezzo) Dopo grigliatura (opzionale) l effluente viene inviato in una vasca di sedimentazione. In condizioni di quiete, gran parte dei solidi sedimentabili si depositano sul fondo della vasca dove subiscono un ulteriore trattamento di digestione anaerobica. Questa vasca può essere del tipo Imhoff o anche semplicemente una vasca con dei setti deflettori che regolano il flusso dell acqua. L impianto è così formato: grigliatura (opzionale): pre-sedimentazione ossidazione biologica (soffi ante e diffusori) sedimentazione (sedimentatore statico) ricircolo fango (pompa sommergibile) estrazione del fango di supero (pompa sommergibile) GB: cestello o griglia a barre (opzionale) RD: rampa diffusori a membrana PF: pompa estrazione fango di supero LEGENDA SCL: soffiante a canali laterali PRF: pompa ricircolo fango attivo 6

6 Pre-sedimentazione del liquame grezzo La pre-sedimentazione del liquame ha lo scopo di ridurre il carico organico (BOD e COD) in ingresso al biologico. La pre-sedimentazione o sedimentazione primaria di reflui civili grezzi consente un abbattimento del 20-25% del BOD iniziale. Il minor carico in ingresso comporta una semplificazione dell impianto biologico a valle e, in particolare, una minore richiesta di ossigeno e quindi minori consumi energetici. Questo sistema trova una giustificazione tecnico/economica per impianti di medio-alta capacità dove i maggiori costi di installazione vengono compensati da minori costi di gestione e può essere vantaggiosamente utilizzato per aumentare la capacità di un impianto senza dover apportare importanti modifiche alle opere esistenti. 3.4 OPZIONE 3 (con rimozione dell azoto nitrico) In opportune condizioni specifici batteri riducono l azoto nitrico in azoto gassoso poi disperso nell atmosfera (denitrificazione). Il processo avviene in condizioni strettamente anossiche, cioè in assenza di ossigeno disciolto, e viene effettuato in ingresso all impianto miscelando effluente trattato (mixed liquor) contenente i nitrati con l effluente grezzo che fornisce il carbonio necessario allo sviluppo dei batteri. L impianto è così formato: grigliatura (opzionale): denitrifi cazione ossidazione biologica e nitrifi cazione (soffi ante e diffusori) ricircolo mixed liquor (pompa sommergibile) sedimentazione (sedimentatore statico) ricircolo fango (pompa sommergibile) estrazione del fango di supero GB: cestello o griglia a barre (opzionale) SCL: soffiante a canali laterali PRL: pompa riciclo mixed liquor LEGENDA MX: agitatore meccanico (e.g. mixer sommergibile) RD: rampa diffusori a membrana PRF: pompa ricircolo fango attivo 7

7 Denitrificazione Negli impianti ad ossidazione totale l azoto ammoniacale (N-NH3) viene quantitativamente trasformato in azoto nitrico (N-NO3). Il limite dell azoto nitrico è 20 e 30 mg/l per lo scarico in acque superficiali e in pubblica fognatura rispettivamente. Pertanto il refluo in uscita dal trattamento a fanghi attivi generalmente rispetta i limiti per l azoto ammoniacale ma può superare quelli per l azoto nitrico. In questi casi è richiesto l installazione di un comparto supplementare di nitrificazione che, come si è detto, viene installato a monte dell impianto.. Alcune note sul processo di denitrificazione: > il processo avviene in assenza di ossigeno disciolto: è importante effettuare un alto riciclo di fanghi, dare un tempo di contatto sufficientemente lungo e effettuare una miscelazione con sistemi meccanici che non determino eccessive turbolenze. > essendo un sistema dinamico la portata di ricircolo del mixed liquor alla vasca di denitro va regolata in base al rapporto tra valore di TKN dell effluente grezzo e il limite dell azoto nitrico allo scarico. Il miscelatore MX e anche la pompa sommergibile PRL funzionano in modo continuo; il resto dell impianto opera in modo automatico con i programmi di pausa e lavoro visti precedente. Nel caso di reflui civili abbastanza diluiti un trattamento di denitrificazione non è richiesto in quanto il contenuto di TKN dell effluente grezzo consente il rispetto dei limiti allo scarico per l azoto nitrico. Questo ulteriore trattamento può essere necessario per scarichi civili più concentrati o di reflui assimilabili con un maggior contenuto d azoto e nel caso di scarico sul suolo dove è previsto un contenuto massimo di azoto inferiore a 15 mg/l come azoto totale. 3.5 OPZIONE 5 (con stoccaggio e digestione fango di supero) Questa opzione può essere utilizzata in combinazione con tutte le altre precedentemente viste. Le uniche differenze consistono nell istallazione di una seconda pompa sommergibile PF nella vasca di sedimentazione e di una vasca di stoccaggio/digestione anaerobica del fango. Il funzionamento della pompa PF è temporizzato con un timer programmabile. Il vantaggio di questa alternativa è quella di limitare il volume di fango di supero e quindi di ridurre i costi di trasporto e smaltimento finale. 8

8 3.6 OPZIONE 6 (con disinfezione finale) Questo ulteriore trattamento è richiesto solo nel caso si debbano rispettare allo scarico standard microbiologici. Ciò viene generalmente richiesto dalle Autorità Locali solo nel caso di attività particolari (ospedali, ospizi, ecc.) o di corpi ricettori particolarmente sensibili. Il comparto di clorazione viene installato in coda all impianto di trattamento dove si effettua la disinfezione dell acqua trattata tramite reazione con composti battericidi a base cloro (generalmente soluzione di ipoclorito di sodio). La reazione avviene in un bacino di contatto dove l effluente dal sedimentatore biologico viene trattato col prodotto battericida opportunamente dosato con pompe dosatrici. Il processo è di più facile conduzione nel caso descritto nell opzione 1 (impianto con regolazione/controllo della portata in ingresso) infatti in questo caso il dosaggio del prodotto può essere asservito al funzionamento della pompa di rilancio (la pompa dosatrice viene azionata dallo stesso interruttore a galleggiante Lc della pompa PS). Negli altri casi o viene inserito una piccola stazione di rilancio dopo la sedimentazione facendo funzionare il dosaggio come nel caso precedente o si deve installare un sistema di controllo (cloro-residuometro o altro). 4. PREROGATIVE DELL IMPIANTO Così conformato e dimensionato l impianto presente le prerogative di seguito descritte. Rispetto dei vincoli paesaggistici e ambientali L impianto è completamente interrato e non produce odori né rumori molesti. Inoltre, essendo strutturato con murature monoblocco (per di più rinfiancate) offre la massima garanzia di tenuta idraulica, di stabilità strutturale e di resistenza nel tempo all azione corrosiva dei liquami. Rispetto dei vincoli normativi Per la massima utenza prevista, l impianto attua un ciclo depurativo a fanghi attivi ad aerazione prolungata (ossidazione totale) con i seguenti risultati: riduzione del carico inquinante delle acque entro i limiti di accettabilità allo scarico previsti dalla Legge N 152/06. residuo di un fango biologico di supero largamente stabilizzato e quindi conferibile in discarica dopo idoneo trattamento finale di disidratazione. 9

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF 1 Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF La funzione dell impianto in oggetto è quella di purificare

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA In questa sede presentiamo i nostri depuratori biologici a biomassa sospesa progettati specificatamente per il trattamento di acque reflue

Dettagli

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF

SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF Materiale: vasche in monoblocco di polietilene lineare ad alta densità (LLDPE) collegate in serie. Tronchetti di entrata

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE)

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) popolazione servita (max.) ab.eq. 45.000,00 dotazione idrica l/ab/d 350,00 coeff. di afflusso 0,80 tipo di fognatura mista portata di

Dettagli

Acque. n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma

Acque. n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma Acque Impianti di depurazione autostradali: problematiche gestionali e soluzioni n di Andrea Capriati, Gennaro Schiano e Luca Di Cosimo, Golder Associates Srl, Roma Gli impianti di depurazione acque reflue

Dettagli

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle 141-368 committenza PAN SYSTEM SRL Via F. Meninni, 283 70024

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO La funzione dell impianto in oggetto

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 4 CARATTERISTICHE TECNICHE 9

INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 4 CARATTERISTICHE TECNICHE 9 INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 1.1 Origine e natura delle acque reflue 2 1.2 Liquame di progetto 3 1.3 Limiti di emissione 4 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 3.1 Criteri

Dettagli

Relazione tecnica del processo depurativo

Relazione tecnica del processo depurativo Relazione tecnica del processo depurativo La presente Relazione ha lo scopo di illustrare il processo depurativo, dell impianto di trattamento acque reflue civili, sito in Riva Ligure (IM). L impianto

Dettagli

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA

5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMENSIONAMENTO DELLA SEZIONE BIOLOGICA 5.3 FOGLI DI CALCOLO PER IL DIMESIOAMEO DELLA SEZIOE BIOLOGICA 5.3.1 CODIZIOI ESIE ( 20 C Dati di progetto Carichi idraulici Portata idraulica giornaliera m 3 /d 12 500 Portata idraulica oraria M24 m 3

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE PER AUTOLAVAGGI FANGI ATTIVI VASCE SETTICE VASCE BIOLOGICE TIPO IMOFF 81 1. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA 2. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN CORSO D ACQUA SUPERFICIALE

Dettagli

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA L'impianto descritto è composto da un reattore biologico a fanghi attivi accoppiato con sistema

Dettagli

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASC SETTIC SETTIC BICAMERALI TRICAMERALI A FANGI ATTIVI VASC SETTIC VASC BIOLOGIC TIPO IMOFF VASC SETTIC Divisione Depurazione 33 Degrassatore Tricamerali 1. SETTIC 2. BICAMERALI 3. TRICAMERALI 34 Divisione

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO PROGETTO NITRANT 2014 Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50.

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. 1 IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. UTENTI: 330 RELAZIONE TECNICA 1. Principi fondamentali del trattamento a

Dettagli

2. Descrizione dell impianto esistente

2. Descrizione dell impianto esistente 1. Premessa Il presente progetto riguarda l intervento di parziale revamping e di implementazione dell esistente impianto di depurazione a servizio della frazione di Torregrande del Comune di Oristano.

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONE 1 (Prof. Ing. Giordano Urbini; Ing. Cristiana Morosini) EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE (BASI TEORICHE ESEMPIO DI CALCOLO) 1. OBIETTIVI E CAMPI

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene Depurazione acque reflue Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene : sistemi prefabbricati in polietilene per la depurazione delle acque reflue ISEA è stata la prima azienda in Italia a progettare

Dettagli

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 4 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 5 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 6 5 REALIZZAZIONE DI

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Udine, OGGETTO: D.LGS. N. 152/06 CAFC SPA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO NEL FIUME TAGLIAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE

Dettagli

*********************************

********************************* FILTRO PERCOLATORE AEROBICO (FPAL N 9000 NR) USCITA BASSA SCARICO SU SUOLO/SUBIRRIGAZIONE ********************************* RELAZIONE, SCHEDA TECNICA E MANUALE D USO E MANUTENZIONE Voce di Capitolato Fornitura

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

Ristrutturazione potenziamento ed adeguamento depuratore di Lignano Sabbiadoro al D. Lgs 152/99 2 Intervento

Ristrutturazione potenziamento ed adeguamento depuratore di Lignano Sabbiadoro al D. Lgs 152/99 2 Intervento DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI Il progetto costituisce il secondo Intervento funzionale all interno di un piano di interventi complessivi per l adeguamento del depuratore di Lignano

Dettagli

Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS

Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS Upgrading di Depuratori Acque a Fanghi Attivi Denitro-Nitro tipo MBBR/IFAS (Integrated Fixed-Film Activated Sludge) MODELLO DI DIMENSIONAMENTO/VERIFICA DI PROCESSO Ing.G.Mappa Tecnologia MBBR (Moving Bed

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

DEPURATORI DELLE ACQUE DI SCARICO DELLE CANTINE

DEPURATORI DELLE ACQUE DI SCARICO DELLE CANTINE DEPURATORI DELLE ACQUE DI SCARICO DELLE CANTINE Il trattamento depurativo delle acque di scarico e di risulta dalle lavorazioni delle aziende vinicole e delle cantine è un problema difficile e complesso

Dettagli

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA 11 12 DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Premesse

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO.

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. Viene qui presentato il progetto generale dell impianto di trattamento del refluo liquido proveniente dall

Dettagli

Impianti di trattamento delle acque reflue

Impianti di trattamento delle acque reflue Impianti di trattamento delle acque reflue Generalità sugli impianti di depurazione Un impianto di depurazione è costituito da una serie di trattamenti, volti alla rimozione degli inquinanti presenti nelle

Dettagli

(*) Via Costa d Argento 13-06132 Perugia - Tel..336/760547 - Email: giovanni.scarano@hotmail.com

(*) Via Costa d Argento 13-06132 Perugia - Tel..336/760547 - Email: giovanni.scarano@hotmail.com DEPURATORII DELLE ACQUE REFLUE URBANE Depurattore comunalle a geomettriia compatttta IING.. GIOVANNII SCARANO (**) ( ) (*) Via Costa d Argento 13-06132 Perugia - Tel..336/760547 - Email: giovanni.scarano@hotmail.com

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane.

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane. PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 Matera OGGETTO:

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO

RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÁ DI SCIENZE MM. FF. NN. CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO TUTOR UNIVERSITARIO: Prof.

Dettagli

MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF

MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF Questo programma di calcolo per impianti di depurazione a fanghi attivi ad ossidazione totale, è stato realizzato per aiutare il tecnico a progettare velocemente impianti

Dettagli

Con il patrocinio di. Relatore: dr. Giorgio Serra, Gruppo Gestione Processi, PIAVE SERVIZI www.pianeta-acqua.com

Con il patrocinio di. Relatore: dr. Giorgio Serra, Gruppo Gestione Processi, PIAVE SERVIZI www.pianeta-acqua.com Con il patrocinio di Affidataria del Servizio Idrico Integrato dall A.A.T.O. VENETO ORIENTALE. Società interamente partecipata da 39 Enti Locali tra le Provincie di Venezia e Treviso, composta dalla fusione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

Alcune normative regionali per gli impianti igienico-sanitari con pozzetto autopulente. Segnaletica

Alcune normative regionali per gli impianti igienico-sanitari con pozzetto autopulente. Segnaletica QUADERNO TECNICO Indicazioni funzionali e geometriche per la progettazione dell area di pertinenza destinata in modo permanente al servizio dotato di impianto igienico-sanitario per ricevere le acque reflue

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME)

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) L impianto di depurazione a fanghi attivi di Mili, a servizio della fognatura del comune di Messina, sito in località Barone, ha attualmente una potenzialità

Dettagli

TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE

TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE TRATTAMENTO PRIMARIO Nei TRATTAMENTI PRIMARI sono predominanti le forze fisiche. Essi hanno lo scopo di pre-trattare il refluo e di rimuovere gli elementi grossolani

Dettagli

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO DELLE OPERE DI NORMALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA NERA, ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE E COSTRUZIONE DEL COLLETTORE EMISSARIO A SERVIZIO DELL AGGLOMERATO DI PORTO CESAREO - PROGETTO

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

Trattamento acque reflue RELAZIONE TECNICA. Impianti di depurazione biologica a fanghi attivi serie DVS-DOS

Trattamento acque reflue RELAZIONE TECNICA. Impianti di depurazione biologica a fanghi attivi serie DVS-DOS Trattamento acque reflue RELAZIONE TECNICA Impianti di depurazione biologica a fanghi attivi serie DVS-DOS S P E C I F I C A T E C N I C A I M P I A N T I D I D E P U R A Z I O N E B I O L O G I C A A

Dettagli

STUDIO PREFATTIBILITÀ AMBIENTALE IMPIANTO DEPURAZIONE

STUDIO PREFATTIBILITÀ AMBIENTALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI IMPATTI... 3 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 4 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 5 5 MODIFICAZIONI PAESAGGISTICHE

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Facoltà di Ingegneria Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale a.a. 2010/2011 Corso di Gestione dei Servizi e delle Tecnologie Ambientali 6 CFU Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Ing.

Dettagli

DEG DIS DEP IDE BIO IMH AMPP ICH. Degrassatori. Disoleatori. Depuratori. Impianti di Depurazione. Fosse. Biologiche. Fosse. Imhoff.

DEG DIS DEP IDE BIO IMH AMPP ICH. Degrassatori. Disoleatori. Depuratori. Impianti di Depurazione. Fosse. Biologiche. Fosse. Imhoff. DEG Degrassatori DIS Disoleatori DEP Depuratori IDE Impianti di Depurazione BIO Fosse Biologiche IMH Fosse Imhoff AMPP Impianti Prima Pioggia ICH Impianti Chiarificatori IMPIANTI PER IL TRATTAMENTO DELLE

Dettagli

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA ALLEGATO 1 alla Determinazione n. 145 del 24 Aprile 2010 Autorizzazione Integrata Ambientale dell impianto di depurazione reflui urbani ed industriali

Dettagli

IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per "CASALE il BARONETTO" dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm.

IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per CASALE il BARONETTO dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm. Tipologia depurativa IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per "CASALE il BARONETTO" dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm. La configurazione impiantistica prescelta è capace di ottenere il aggiungimento

Dettagli

IMPIANTI AUTOLAVAGGI

IMPIANTI AUTOLAVAGGI GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI AUTOLAVAGGI 2014 Impianto per autolavaggio 2 Rototec Impianti autolavaggi - 2014 Il crescente interesse verso la tutela e la salvaguardia dell ambiente si sta focalizzando sempre

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA AMBIENTALE. Ingg. Giovanni Scarano, Guido Scarano, Alessandro Scoccia

STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA AMBIENTALE. Ingg. Giovanni Scarano, Guido Scarano, Alessandro Scoccia STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA AMBIENTALE Ingg. Giovanni Scarano, Guido Scarano, Alessandro Scoccia DEPURATORE COMUNALE A GEOMETRIIA COMPATTA 1. Introduzione La presente nota tecnica descrive sinteticamente

Dettagli

CESARE MOSER 11-12-13 VASCHE IMHOFF. manufatti in cemento s.r.l PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

CESARE MOSER 11-12-13 VASCHE IMHOFF. manufatti in cemento s.r.l PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO allegato scheda n VASCHE IMHOFF 11-12-13 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le vasche Imhoff possono essere considerate come veri e propri impianti di depurazione per liquami di origine domestica caratterizzati

Dettagli

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane BIOSONATOR La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane Principio di funzionamento Il BIOSONATOR è un sistema di trattamento ad ultrasuoni in grado di produrre

Dettagli

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26)

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26) Figura 24: Zone di influenza dei pozzetti delle reti centrale, perimetrale e di controllo. Si può osservare che, per un maggiore controllo ambientale, i volumi di influenza delle reti perimetrale e quella

Dettagli

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE Paola Foladori, Gianni Andreottola Università degli Studi di Trento via Mesiano 77, Trento Giuseppe Bonacina ABB SpA,

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

Ruolo delle E.S.Co. e Certificati Bianchi nel Servizio Idrico Integrato

Ruolo delle E.S.Co. e Certificati Bianchi nel Servizio Idrico Integrato Ruolo delle E.S.Co. e Certificati Bianchi nel Servizio Idrico Integrato ing. Alessandro Zago Edilvi S.p.A. Divisione E.S.Co. zago@edilvi.it «Energia e Acqua» Milano, 09 ottobre 2015 Chi siamo Impresa di

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

Email: studioscsc@yahoo.it - Web: http//www.studioscsc.it

Email: studioscsc@yahoo.it - Web: http//www.studioscsc.it STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA AMBIENTALE Ingg. Guido Scarano, Alessandro Scoccia Via Gregorovius 40-06127 Perugia - Tel: 339/5201788 (Ing. Guido Scarano) 333/5254425 (Ing. Alessandro Scoccia) Email: studioscsc@yahoo.it

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI

DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI INTRODUZIONE La depurazione delle acque di scarico costituisce uno dei problemi ambientali più rilevanti. Gran parte dei rifiuti delle attività umane, siano esse domestiche

Dettagli

Fognatura e depurazione

Fognatura e depurazione Fognatura e depurazione LA TERZA UNIVERSITA DI ROMA ASSOCIAZIONE IDROTECNICA ing. Renato Drusiani ing. Marco Gatta SCHEMA DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche delle acque reflue La rete fognaria Gli impianti

Dettagli

AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO

AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO AERATORE/MISCELATORE SOMMERSO Cavo di sollevamento Motoriduttore Tubazione d aria Struttura di sostegno Flangia Corpo miscelatore a iperboloide Distributore dell aria ad anello Basamento HYPERDIVE La struttura

Dettagli

12 APPENDICE: MONOGRAFIE DEI PRINCIPALI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

12 APPENDICE: MONOGRAFIE DEI PRINCIPALI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Servizio di redazione delle indagini e degli studi finalizzati alla predisposizione del Piano d ambito per i comuni dell ATO 2 Marche Centro, Ancona - Programma degli interventi 12 APPENDICE: MONOGRAFIE

Dettagli

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta

Giornate zootecniche di Fossano APS. 5 Aprile 2008. Azoto e dieta Giornate zootecniche di Fossano APS 5 Aprile 2008 Tecnologie disponibili per il trattamento e la gestione degli effluenti zootecnici Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia, www.crpa.it

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità Roma, 8-9 Ottobre 2015 FORO ITALICO GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELL ACQUA IN PISCINA

Dettagli

Email: studioscsc@yahoo.it - Web: http//www.studioscsc.it

Email: studioscsc@yahoo.it - Web: http//www.studioscsc.it STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA AMBIENTALE Ingg. Guido Scarano, Alessandro Scoccia Via Gregorovius 40-06127 Perugia - Tel: 339/5201788 (Ing. Guido Scarano) - 333/5254425 (Ing. Alessandro Scoccia) Email:

Dettagli

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia

COMUNITA MONTANA MURGIA BARESE SUD-EST Centro pilota per la trasformazione e depurazione del siero dell industria casearia SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. DATI DI PROGETTO... 3 3. EFFICIENZA DEPURATIVA... 5 4. DESCRIZIONE E DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO... 5 4.1 LINEA LIQUAMI... 5 4.1.1 Sollevamento ed accumulo acque di prima

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

Scheda impianto di depurazione di Lesa ADEGUAMENTO ED AMPLIAMENTO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE CONSORTILE DI LESA (NO)

Scheda impianto di depurazione di Lesa ADEGUAMENTO ED AMPLIAMENTO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE CONSORTILE DI LESA (NO) Data prestazione: 2007. Committente: SERVIZI ECOLOGICI DEL VERGANTE - S.E.V. RETI s.r.l. SOLCIO DI LESA - NO Professionista incaricato: Ing. Roberto Dell Acqua Bellavitis, via De Togni 12 Costo dell opera

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione 44 Divisione Depurazione FILTRI PERCOLATORI ACCEORI DEOLIATORI TRATTAMENTI ECONDARI PINTI INDICAZIONI UB-IRRIGAZIONE VAOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA TAZIONI DI OLLEVAMENTO POZZETTI filtri

Dettagli

FILATURA E TESSITURA DI TOLLEGNO S.p.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DI UN IMPIANTO PER L ELIMINAZIONE DI RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLOSI

FILATURA E TESSITURA DI TOLLEGNO S.p.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DI UN IMPIANTO PER L ELIMINAZIONE DI RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLOSI COMUNE DI SEDEGLIANO PROVINCIA DI UDINE FILATURA E TESSITURA DI TOLLEGNO S.p.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DI UN IMPIANTO PER L ELIMINAZIONE DI RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLOSI SINTESI NON TECNICA

Dettagli

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori oario 41 Caratteristiche tecniche Il filtro percolatore è un reattore biologico all interno del quale i microrganismi, che svolgono la depurazione del refluo, si sviluppano sulla superficie di appositi

Dettagli

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI.

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. DEPURATORE di NAPOLI NORD - Rilievi Aggiornati al 2010. (Determinazione ENEA n. 267 / 2006/ D.G.) pag. 1/21 Indice Descrizione

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli