RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO"

Transcript

1 UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÁ DI SCIENZE MM. FF. NN. CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA ANALISI E GESTIONE AMBIENTALE RELAZIONE FINALE PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO TUTOR UNIVERSITARIO: Prof. P. Gianguzza TUTOR AZIENDALE: Dott.ssa Patrizia Scimecca STUDENTE Parello Emanuele, matr

2 Io sottoscritto Parello Emanuele ho svolto un totale di circa 180 ore di tirocinio per un totale di 5 CFU presso l azienda A.R.P.A Sicilia DAP (AG) dal 31/05/2010 al 12/7/2010 con un orario che si estendeva dalle ore 8 alle ore 14 sotto la guida del tutor aziendale Dott. Patrizia Scimecca nel settore riguardante la gestione e la depurazione delle acque di scarico urbane. PROGETTO FORMATIVO Il Decreto Legislativo 152/06, adesso Testo Unico sulle acque del 2006, oltre a trattare la gestione delle acque superficiali considera anche la gestione delle acque reflue e gli enti preposti al controllo della corretta attuazione dei limiti indicati nello stesso decreto, oltre a trattare le sanzioni amministrative e penali che conseguono alla cattiva gestione degli impianti di depurazione del refluo urbano. L art. 126 del capo 2 dello stesso decreto afferma che le regioni disciplinano le modalità di approvazione dei progetti degli impianti di trattamento delle acque reflue urbane. Tale disciplina deve tenere conto dei criteri di cui all'allegato 5 alla parte terza del presente decreto e della corrispondenza tra la capacità di trattamento dell'impianto e le esigenze delle aree asservite, nonché delle modalità della gestione che deve assicurare il rispetto dei valori limite degli scarichi. Le regioni disciplinano altresì le modalità di autorizzazione provvisoria necessaria all'avvio dell'impianto anche in caso di realizzazione per lotti funzionali. L art. 127 del capo 2 afferma che i fanghi derivanti dal trattamento delle acque reflue sono sottoposti alla disciplina dei rifiuti i fanghi devono essere riutilizzati ed è vietato il loro smaltimento nelle acque superficiali dolci e salmastre. L art. 128 dello stesso capo individua i soggetti tenuti al controllo, il 129 quelli addetti alle ispezioni. Il capo 1 invece individua le sanzioni amministrative con l art INTRODUZIONE La crescente urbanizzazione e l utilizzo sconsiderato di acqua ed apparecchiature domestiche aggravano ancora di più i problemi legati all inquinamento idrico, proprio per questo sorge il problema di costruire impianti singoli o consortili (collegati tra loro) di depurazione delle acque fognarie. Il mio studio è stato dunque rivolto alla natura di questi impianti e ho dunque rivolto la mia attenzione all indagine delle tecniche depurative che vengono maggiormente attuate negli impianti di depurazione dell agrigentino, e nel particolare ho studiato il funzionamento del depuratore di Sant Anna sito in Agrigento. Naturalmente verranno analizzate tutte le fasi necessarie affinchè il liquame in entrata venga adeguatamente depurato e destinato agli appositi corpi recettori; ma prima di addentrarci in questo studio è opportuno introdurre alcuni concetti fondamentali alla comprensione del processo depurativo: 1) B.O.D. (Biological Oxygen Demand) Per la sua misura sono disponibili in commercio numerosi kit d'analisi di semplice utilizzo e si misura in mg/l. indica la forza dei liquami, cioè rappresenta la richiesta biochimica di ossigeno (O2) da parte dei batteri aerobi responsabili della degradazione della sostanza organica degli stessi liquami e quindi fautori di parte del processo depurativo. assunto come misura indiretta del carico organico inquinante Generalmente ci si riferisce al B.O.D. della frazione carboniosa delle sostanze organiche che praticamente rappresenta il cibo dei batteri.

3 2) B.O.D.5 Praticamente rappresenta la quantità di O2 è richiesto dai batteri per biodegradare il carico organico presente nei liquami in 5 giorni. 3) C.O.D. (Chimical Oxygen Demand) Il suo valore, espresso in milligrammi di ossigeno per litro, rappresenta la quantità di ossigeno necessaria per la completa ossidazione dei composti organici ed inorganici presenti in un campione di acqua, nel nostro caso di liquame. Rappresenta quindi un indice che misura il grado di inquinamento dell'acqua da parte di sostanze ossidabili, principalmente organiche.

4 FASI DEL PROCESSO DEPURATIVO 1) GRIGLIATURA La grigliatura è il primo evento di separazione a cui il liquame in ingresso viene sottoposto, essa è utile ad evitare che corpi grossolani riescano ad intasare le apparecchiature che successivamente saranno impiegate nel trattamento dei fanghi. Esistono due tipi di grigliatura che differiscono per il grado di selezione che attuano: abbiamo una grigliatura fine compiuta da barre di acciaio distanziate da 1 a 2 cm ed una più grossolana con barre distanziate da 4 a 6 cm; la pulizia delle griglie è fatta a mano ed in caso di intasamento della griglia è sempre presente un canale d emergenza. Spesso insieme alla grigliatura è affiancata la triturazione dei corpi più grossolani, in questo caso è possibile eliminare dal ciclo la grigliatura fine poiché tutti i corpi sono ridotti a 4/8 mm ed immessi nel flusso del liquido. Naturalmente solo nei depuratori che trattano liquami misti viene attuati sistemi di sfioro delle acque di piena, anche definito stramazzo laterale, questa è una procedura utile ad evitare che la portata del liquame in entrata, a causa del contributo delle piogge, sia troppo elevato, così grazie ad una soglia stramazzante aperta, collocata ai lati del canale di adduzione, l acqua di sfioro che viene raccolta è convogliata in apposite vasche a pioggia mentre il liquame continuerà il suo processo depurativo. L inconveniente però è rappresentato dal fatto che tale stramazzo laterale risulta difficilmente regolabile, perciò si possono avere difficoltà nello sfiorare la portata che effettivamente ci interessa. L unico vantaggio di tale scaricatore di piena è che induce minime perdite di carico idraulico rispetto agli altri.

5 2) SOLLEVAMENTO Una volta che il liquame ha subito la grigliatura, grazie a delle pompe di sollevamento, esso è condotto a monte del processo; anche se, in alcuni impianti, sono usate pompe che permettono il sollevamento del liquame grezzo, non grigliato o triturato, queste comunque presentano dei rendimenti inferiori rispetto alle pompe di sollevamento per il liquame grigliato. Le pompe più usate sono centrifughe (2000 l/min) e presentano dei giranti molto ampi per permettere il passaggio del liquame grezzo senza rischiare di intasarsi; spesso sono pompe sommergibili ed in questo caso sarà lo stesso liquido a fungere da raffreddante. 3) DISSABBIATURA Questa fase è utile ad eliminare le così dette sabbie cioè metalli, vetro, pietrisco e noccioli della frutta, i quali, se non fossero eliminati andrebbero ad intasare l intero ciclo. In questo caso si parla di separazione differenziata dei solidi ed è un processo che si attua in impianti con potenzialità maggiori di 4000 abitanti.

6 4) DISOLEATURA È un procedimento fondamentale nel trattamento dei liquami, infatti mira ad eliminare oli e grassi provenienti da officine, ristoranti, hotel e strutture simili, poiché tali sostanze sarebbero mal tollerate dai microrganismi che attuano il processo depurativo. Generalmente negli impianti di depurazione sono presenti delle vasche di disoleatura, nelle quali sono collocati dei pacchi di lamelle metalliche che l acqua attraversa con moto laminare, ottimo per attuare la disolea tura, infatti mentre l olio resta in superficie il fango scende in profondità. Gli oli ed i grassi vegetali ed animali sono biodegradabili, al contrario quelli minerali verranno smaltiti fuori dall impianto in appositi centri di smaltimento. 5) SEDIMENTAZIONE PRIMARIA Rappresenta uno dei più importanti trattamenti delle acque reflue all interno di un impianto di depurazione; in questa fase del processo viene sfruttata la forza di gravità (Fg) con lo scopo di riuscire a separare le parti sedimentabili, raccoglibili come fango, dall acqua, tutto viene svolto in apposite vasche, nelle quali il liquido deve essere mantenuto per un tempo di detenzione sufficiente a permettere alle particelle fioccose di agglomerarsi e precipitare; inoltre la velocità ascensionale dell effluente non deve superare certi limiti, infatti, essa, deve essere minore della velocità di sedimentazione delle particelle di fango, altrimenti queste saranno trasportate dall effluente stesso. La portata in ingresso, nelle vasche di sedimentazione, è quasi costante e perciò l escursioni del livello sono lievissime; tutto questo per evitare che un maggiore afflusso possa sollevare i fanghi precedentemente depositatisi nell apposito recapito in fondo alla vasca. La sedimentazione primaria è anche detta chiarificazione, infatti proprio in questa fase le acque nere subiscono un forte abbattimento del BOD e dei solidi sospesi, totali e sedimentabili, dunque questo è un trattamento molto raccomandabile all interno degli impianti di depurazione.

7 Il fango accumulatosi al fondo delle vasche di sedimentazione è molto putrescibile e pericoloso poiché ricco di agenti patogeni che per questo non possono essere lasciati soggiornare a lungo, infatti il fango viene raccolto tutti i giorni. Tale fango è definito di supero e verrà stabilizzato grazie alla digestione anaerobica. Le vasche più usate per la sedimentazione sono quelle a flusso ascensionale meccanizzate, con limitata pendenza, quasi sempre circolari e con raschiatori meccanici del fondo, dove tutto il fango sedimentando si è accumulato. I raschiatori sono azionati da un albero centrale motorizzato, che li fa muovere di moto circolare grazie a delle ruote gommate poste ai bordi della vasca, in questo modo i raschiatori, spostano il sedimento (fango) verso la tramoggia di raccolta, con una velocità massima di traslazione degli stessi raschiatori pari a 2 mm/min. L acqua decantata viene raccolta alla superficie delle stesse vasche di sedimentazione grazie a degli stramazzi sfioranti dentellati, che riescono così a mantenere regolare il flusso dell acqua tracimante.

8 6) DISINFEZIONE È una procedura attuata alle acque decantate dalla sedimentazione primaria grazie all utilizzo di cloro (Cl) e di alcuni suoi derivati, poiché essi presentano un alto potere disinfettante e sono poco costosi. Il cloro infatti è un ottimo battericida, anche se per attuare il suo potere disinfettante richiede un adeguato tempo di contatto con l acqua (almeno 15 minuti). Normalmente viene utilizzato o cloro gassoso oppure ipoclorite di sodio al 12 /14% di cloro attivo, tali disinfettanti vengono posti in apposite vasche di contatto con l acqua decantata, al fine di miscelare il liquido da disinfettare con il disinfettante. 7) GLI IMPIANTI A FANGHI ATTIVI Gli impianti che presentano la depurazione biologica secondo il principio dei fanghi attivi sono i più diffusi nell ambito della depurazione delle acque reflue. Con l attuazione di tutte le fasi precedentemente descritte si attua il trattamento primario dei liquami, che si conclude proprio con la sedimentazione primaria; mentre la seconda fase di smaltimento del refluo è rappresentata dal trattamento biologico dello stesso. I liquami provenienti dalla sedimentazione primaria, sono privi della maggior parte delle sostanze sedimentabili ma carichi ancora di sostanze organiche disciolte e colloidali, così essi sono inviati alla fase ossidativa, dove avvengono trattamenti di intensa aerazione artificiale (da 1,5 a 6 ore), in apposite vasche, nelle quali si instaurano complessi fenomeni chimico-fisici e soprattutto biologici. Innanzitutto si sviluppa l ossigenazione chimica di sostanze riducenti come l idrogeno solforato, poi con fenomeni fisici e biologici, i microrganismi presenti in concentrazioni elevatissime nelle vasche di aerazione, si agglomerano in colonie costituendo i fiocchi di fango, cioè piccole masse gelatinose che, con effetto meccanico, agglomerano i solidi sedimentabili precedentemente sfuggiti e bloccano i colloidi non sedimentabili grazie all adsorbimento superficiale attuato dalla massa fioccosa in un tempo di circa 15 minuti. Inoltre, durante lo stazionamento del liquame nelle vasche di aerazione, i microrganismi, utilizzano per il loro sviluppo, parte delle sostanze organiche solubili presenti nel refluo, trasformandole in sostanze sedimentabili. Ciò che ne risulta è un netto incremento del numero dei microrganismi e quindi dei fiocchi nei quali sono agglomerati. A questo punto, passando il liquame alla fase di sedimentazione secondaria, sempre all interno di apposite vasche, i fiocchi fangosi precipiteranno al fondo, mentre il liquame purificato sfiorerà dalle canalette di raccolta delle stesse vasche al fine di subire ulteriori trattamenti di disinfezione ed essere immesso nel recapito finale. La seconda fase di sedimentazione è intimamente connessa alla fase di aerazione, infatti la seconda fase di sedimentazione serve a generare un effluente molto limpido ed una sorgente di fango di ricircolo il più possibile concentrato e vitale, in modo da ridurre i volumi della fase di aerazione. Il vantaggio che si ottiene dal trattamento biologico secondario è quello di rendere sedimentabili sostanze organiche prima disciolte (in un tempo di almeno 1 ora) o colloidali, che altrimenti non potrebbero essere bloccate ed allontanate dalla fase liquida; quindi ciò che si verifica è un netto bloccaggio del BOD totale. L ossigeno fornito ai microrganismi, con l uso di apposite turbine o immettendo nella massa liquida aria con appositi macchinari, è usato dai microrganismi per lo sviluppo dei loro processi di assimilazione e di degradazione della sostanza organica. La fase di aerazione dura fino a quando le sostanze organiche sono assimilate in fiocchi dai microrganismi, ma non oltre, dunque i fanghi accumulati nella sedimentazione secondaria sono

9 ulteriormente degradabili, assai instabili e facilmente putrescibili e che quindi dovranno subire altri trattamenti prima di poterli considerare smaltiti. Il vero segreto del processo depurativo a fanghi attivi è legato al continuo ricircolo del fango raccolto durante la sedimentazione secondaria, che viene condotto a miscelarsi con il liquame influente, così il fango misto è guidato a monte del processo, cioè alla sedimentazione primaria. Tutto ciò, fa si che, essendo i liquami in entrata mescolati con microrganismi perfettamente efficienti del fango di supero, le reazioni biologiche si innescheranno con più facilità e rapidità, inoltre saranno più sostanziali di quelle che si verificherebbero durante il semplice tempo di detenzione nelle vasche di aerazione. Naturalmente il continuo apporto di sostanze organiche ed inorganiche contenute nel liquame in arrivo, determinerà un accrescimento della massa microbica (fiocchi fangosi), che quindi deve subire il periodico allontanamento del così detto fango di supero che viene generalmente sollevato a monta della sedimentazione primaria, qui, mescolandosi con i fanghi primari, genererà un nuovo fango di supero che data la sua eleveta putrescibilità dovrà essere sottoposto a stabilizzazione aerobica o anaerobica prima di essere sottoposto a processi d ispessimento.

10 8) STABILIZZAZIONE, ISPESSIMENTO ED ACCUMULO Come già detto, in tutti gli impianti di depurazione, per evitare chela quantità di fango superi i valori accettabili, occorre prelevare, continuamente il fango di supero, il quale subirà appositi trattamenti. La prima fase a cui questo va incontro è l ispessimento, un fango si dice ispessito quando il suo tenore in acqua è notevolmente più basso di quello che ha quando è stato prodotto; pertanto un ispessitore è una vasca di sedimentazione nella quale è immesso non il liquame ma bensì il fango, così l effetto gravitazionale consente un maggiore addensamento delle particelle solide. In questo modo ci si libera dell acqua supernatante, che normalmente viene risollevata a monte dell impianto. Il vantaggio di questa procedura è la notevole riduzione del volume e del peso del fango. Affinchè questo sia un processo efficace si esige un soggiorno abbastanza prolungato del fango nell ispessitore, con lo scopo di evitare odori molesti e la risalita di gas in superficie che disturberebbe l ispessimento stesso; pertanto è necessario avviare all accumulo ed all ispessimento fanghi sufficiente stabilizzati. L accumulo invece, altro non è che la raccolta del fango entro un contenitore, in condizioni statiche, con esso dunque si può ottenere anche l ispessimento. La stabilizzazione è fondamentale nell economia dell intero impianto, in quanto consente di ottenere un fango non più putrescibile e facilmente manipolabile per le fasi successive: come si è già detto precedentemente, la depurazione consiste nell allontanamento delle sostanze inquinanti dalle acque, sostanze che sono presenti sotto forma di fango. I fanghi di supero, sono caratterizzati da un elevato grado di putrescibilità e sono quindi difficilmente manipolabili perciò è necessario stabilizzarli, tale procedura può avvenire per via biologica ed in questo caso si parla di digestione, o per via chimica. La digestione può essere anaerobica o aerobica, nel primo caso, le sostanze organiche presenti nel fango, in mancanza di ossigeno, diventano sede di processi riduttivi anaerobici, che portano ad una progressiva stabilizzazione, tutto ciò si svolge all interno di appositi digestori anaerobici, non a contatto con l atmosfera. Nei digestori, i microrganismi di tipo facoltativo o anaerobico, utilizzano l ossigeno occorrente ai loro processi di nutrizione prelevandolo dalla massa delle sostanze organiche, attuando un effettiva riduzione biologica; tutto ciò ad un ph pari a circa 6.2. Il risultato della stabilizzazione è la produzione del gas biologico (metano, anidride carbonica, ecc).

11 La digestione aerobica è utile a completare la degradazione delle sostanze biologiche presenti nel fango; questa procedura è attuata in vasche aperte, nelle quali abbiamo una costante insufflazione di aria, anche qui abbiamo l allontanamento del liquido supernatante ed il seguente ispessimento del fango. L utilizzo dei digestori anaerobici si è imposto a quello degli aerobici sia per il migliore rendimento che per la loro maggiore economicità nei costi di gestione. La stabilizzazione chimica del fango mira alla degradazione delle sostanze organiche non per via biologica ma tramite l utilizzo di reattivi chimici che rendono impossibile la vita dei microrganismi, ad esempio l impiego di calce, che viene aggiunta in elevate quantità al fango, fino a raggiungere valori di ph pari a 11, in modo da inibire la vita dei microrganismi, in questo modo è impossibile che si manifestino reazioni putrefattive. Un altro metodo di stabilizzazione chimico può essere effettuato attuando un trattamento ossidativo a mezzo di cloro gassoso, tale procedura porta una vera e propria ossidazione di parte della sostanza organica del fango.

12 9) SMALTIMENTO FINALE DEL FANGO Una volta isolate le sostanze inquinanti sotto forma di fango, questo dovrà essere smaltito e tale procedura è molto onerosa e delicata anche se spesso viene eseguita con superficialità. Una tecnica spesso adoperata è quella di attuare uno smaltimento controllato del fango precedentemente stabilizzato in un corso d acqua durante i periodi di piena, quando cioè la quantità d acqua presente è sufficiente ad assicurare una diluizione efficace; occorre però che il corso d acqua non sia posizionato a monte di un lago, poiché in questo caso tutto il fango accumulato andrebbe ivi ad accumularsi, causando gravi effetti di eutrofizzazione delle acque, tali condizioni però si presentano di rado ed in pochi periodi dell anno, in questi casi bisogna ricorrere a diversi sistemi di smaltimento. Per i centri posti lungo le coste, un ovvio sistema di smaltimento del fango stabilizzato, è quello di immetterlo nelle profondità delle acque, approfittando delle capacità di diluizione e depurazione del mare. Ove possibile, conviene cercare sempre di smaltire il fango allo stato liquido, per evitare seguenti trattamenti e quindi risparmiare in termini di denaro; in questo caso il migliore metodo di smaltimento è rappresentato dall utilizzo del fango liquido a scopo agricolo, date le buone capacità fertilizzanti delle sostanze contenute nel fango stesso come l azoto, il fosforo ed il potassio. Conviene sempre però attuare una procedura di disinfezione del fango liquido, in quanto, anche se la fase di digestione ha eliminato la maggior parte della carica batterica che vi era presente, alcune forme di microrganismi riescono sempre a sopravvivere.

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME)

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) L impianto di depurazione a fanghi attivi di Mili, a servizio della fognatura del comune di Messina, sito in località Barone, ha attualmente una potenzialità

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50.

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. 1 IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. UTENTI: 330 RELAZIONE TECNICA 1. Principi fondamentali del trattamento a

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Facoltà di Ingegneria Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale a.a. 2010/2011 Corso di Gestione dei Servizi e delle Tecnologie Ambientali 6 CFU Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Ing.

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Impianti di trattamento delle acque reflue

Impianti di trattamento delle acque reflue Impianti di trattamento delle acque reflue Generalità sugli impianti di depurazione Un impianto di depurazione è costituito da una serie di trattamenti, volti alla rimozione degli inquinanti presenti nelle

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque

Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque Microbiologia delle acque reflue & Depurazione delle acque 1 Acque reflue - acque di scolo di origine domestica o industriale che non possono essere smaltite in laghi o torrenti senza una preventiva depurazione

Dettagli

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti

Tecnologie innovative di trattamento di fanghi di depurazione per la produzione di ammendanti compostati misti PROGRAMMA DI MASSIMA DELL ATTIVITA DI DOTTORATO DI RICERCA IN TECNOLOGIE CHIMICHE ED ENERGETICHE INQUINAMENTO E DEPURAZIONE DELL AMBIENTE XXIII CICLO Dottoranda: Titolo dell attività di dottorato di ricerca:

Dettagli

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua

Ciao, il mio nome è Sheppy e aiuterò il professore nella sua lezione! Salve, io sono il prof KinderCovi e oggi vi accompagnerò nel mondo dellʼacqua L acqua è la sostanza che rende possibile la vita degli uomini, degli animali e delle piante sulla terra. Non a caso le prime forme di vita si sono sviluppate nell acqua. Anche se la terra è ricoperta

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI GENERALITÁ Il tipo di trattamento detto a fanghi attivi che utilizza una flora batterica prevalentemente aerobica è quello più utilizzato per il trattamento dei reflui civili in quanto consente uno scarico

Dettagli

Trattamenti acque reflue. Impianti Industriali 2-2009 1

Trattamenti acque reflue. Impianti Industriali 2-2009 1 Impianti Industriali 2-2009 1 Le acque di scarico inquinate devono essere sottoposte, prima del trattamento vero e proprio, ad un pretrattamento. Il pretrattamento consiste in una o più operazioni fisiche

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE)

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) popolazione servita (max.) ab.eq. 45.000,00 dotazione idrica l/ab/d 350,00 coeff. di afflusso 0,80 tipo di fognatura mista portata di

Dettagli

Caratteristiche delle acque naturali

Caratteristiche delle acque naturali Caratteristiche delle acque naturali Acque meteoriche: contengono in soluzione i gas costituenti l atmosfera; non contengono generalmente sostanze solide ed organiche; risorsa quantitativamente marginale

Dettagli

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle 141-368 committenza PAN SYSTEM SRL Via F. Meninni, 283 70024

Dettagli

CESARE MOSER 11-12-13 VASCHE IMHOFF. manufatti in cemento s.r.l PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

CESARE MOSER 11-12-13 VASCHE IMHOFF. manufatti in cemento s.r.l PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO allegato scheda n VASCHE IMHOFF 11-12-13 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le vasche Imhoff possono essere considerate come veri e propri impianti di depurazione per liquami di origine domestica caratterizzati

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASC SETTIC SETTIC BICAMERALI TRICAMERALI A FANGI ATTIVI VASC SETTIC VASC BIOLOGIC TIPO IMOFF VASC SETTIC Divisione Depurazione 33 Degrassatore Tricamerali 1. SETTIC 2. BICAMERALI 3. TRICAMERALI 34 Divisione

Dettagli

IMPIANTI AUTOLAVAGGI

IMPIANTI AUTOLAVAGGI GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI AUTOLAVAGGI 2014 Impianto per autolavaggio 2 Rototec Impianti autolavaggi - 2014 Il crescente interesse verso la tutela e la salvaguardia dell ambiente si sta focalizzando sempre

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO STUDIO SPERIMENTALE SUI

Dettagli

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA

DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi. Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Cap. I INTRODUZIONE ALLA TEORIA DELLA DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA 11 12 DEPURAZIONE BIOLOGICA AVANZATA Teoria e pratica dei processi Premesse

Dettagli

LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE. Impianto di biotrattamento delle acque reflue Perarolo di Vigonza (PD)

LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE. Impianto di biotrattamento delle acque reflue Perarolo di Vigonza (PD) LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Impianto di biotrattamento delle acque reflue Perarolo di Vigonza (PD) Dove finisce l acqua che usiamo Le acque di scarico provenienti dalle abitazioni o da altre utenze assimilabili

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Introduzione Introduzione Gli impianti di depurazione della Business Unit Ambiente di CURRENTA sono specifici per il trattamento

Dettagli

Fognatura e depurazione

Fognatura e depurazione Fognatura e depurazione LA TERZA UNIVERSITA DI ROMA ASSOCIAZIONE IDROTECNICA ing. Renato Drusiani ing. Marco Gatta SCHEMA DELLA PRESENTAZIONE Caratteristiche delle acque reflue La rete fognaria Gli impianti

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 REPUBBLICA Mod. ISTAT DEP SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 Codici dell impianto di depurazione

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) UFFICIO TECNICO COMUNALE OGGETTO: Servizio di gestione, conduzione e manutenzione dell impianto di depurazione acque reflue del centro urbano e delle

Dettagli

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26)

E buona norma prevedere un doppio anello per separare il gas in base alla sua qualità (Figura 26) Figura 24: Zone di influenza dei pozzetti delle reti centrale, perimetrale e di controllo. Si può osservare che, per un maggiore controllo ambientale, i volumi di influenza delle reti perimetrale e quella

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta)

Relazione Tecnica Centro di raccolta - Isola Ecologica Sava (Ta) -pag.1/6- Oggetto: Relazione Tecnica sui sistemi naturali sostenibili per la riduzione dell inquinamento diffuso delle acque di dilavamento in aree urbanizzate e riutilizzo delle acque meteoriche, per

Dettagli

SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF

SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF Materiale: vasche in monoblocco di polietilene lineare ad alta densità (LLDPE) collegate in serie. Tronchetti di entrata

Dettagli

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 4 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 5 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 6 5 REALIZZAZIONE DI

Dettagli

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA L'impianto descritto è composto da un reattore biologico a fanghi attivi accoppiato con sistema

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

Relazione tecnica del processo depurativo

Relazione tecnica del processo depurativo Relazione tecnica del processo depurativo La presente Relazione ha lo scopo di illustrare il processo depurativo, dell impianto di trattamento acque reflue civili, sito in Riva Ligure (IM). L impianto

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione 44 Divisione Depurazione FILTRI PERCOLATORI ACCEORI DEOLIATORI TRATTAMENTI ECONDARI PINTI INDICAZIONI UB-IRRIGAZIONE VAOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA TAZIONI DI OLLEVAMENTO POZZETTI filtri

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque.

SCHEDA TECNICA. Liquido Biologico per le Acque. SCHEDA TECNICA Liquido Biologico per le Acque. FASCICOLO TECNICO N 001 Gennaio 2014 1 R-Life E un prodotto di nuova concezione in forma liquida, costituito un pool di batteri eterotrofi, coltivati attraverso

Dettagli

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE

IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE IMPIANTI BIOGAS E DEPURAZIONE Viene utilizzata tecnologia New Generation con Know How esclusivo. L impianto si identifica nelle seguenti fasi: a) Impianto di depurazione finalizzato allo scarico in acque

Dettagli

CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE. Rösler Italiana srl. Maurizio Foppa Pedretti

CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE. Rösler Italiana srl. Maurizio Foppa Pedretti CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE Rösler Italiana srl Maurizio Foppa Pedretti Un po di storia : l uso delle centrifughe nella vibrofinitura

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo

Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Applicazioni Ambientali Università di Palermo Idraulica ed Università di Palermo Sistemi localizzati di riuso delle acque reflue e meteoriche in ambiente urbano G. Freni,, G. Mannina,, M. Torregrossa,, G. Viviani Sommario Introduzione alle problematiche

Dettagli

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori oario 41 Caratteristiche tecniche Il filtro percolatore è un reattore biologico all interno del quale i microrganismi, che svolgono la depurazione del refluo, si sviluppano sulla superficie di appositi

Dettagli

Università degli studi Federico II di Napoli

Università degli studi Federico II di Napoli Università degli studi Federico II di Napoli Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Corso di Laurea in INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

Dettagli

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate Francesca Pizza Processi e Controlli analitici Vettabbia S.c.a r.l. f.pizza@vettabbia.it Workshop «L acido peracetico nella disinfezione

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI

DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DEPURATORE BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI INTRODUZIONE La depurazione delle acque di scarico costituisce uno dei problemi ambientali più rilevanti. Gran parte dei rifiuti delle attività umane, siano esse domestiche

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane.

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane. PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 Matera OGGETTO:

Dettagli

Indice INTRODUZIONE...3

Indice INTRODUZIONE...3 Indice INTRODUZIONE...3 CAPITOLO 1 - Impianti di depurazione a biomassa sospesa per il trattamento delle acque reflue urbane...4 1.1 Premesse...4 1.2 Definizioni...5 1.3 Cenni normativi...6 1.4 Schemi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai

LiberaMenteEco! Seminario biomassa da rifiuti. Tecnologie per la produzione di biogas ed energia. prof. ing. Antonio Lallai Seminario biomassa da rifiuti Tecnologie per la produzione di biogas ed energia prof. ing. Antonio Lallai Dipartimento di Ingegneria Chimica e Materiali Università degli S tudi di Cagliari 1 Che cos è

Dettagli

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane

BIOSONATOR. La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane BIOSONATOR La tecnologia ad Ultrasuoni applicata agli impianti di trattamento delle acque reflue urbane Principio di funzionamento Il BIOSONATOR è un sistema di trattamento ad ultrasuoni in grado di produrre

Dettagli

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958

Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Provincia Regionale di Messina UFFICIO DIRIGENZIALE Ambiente e Politiche Energetiche Via Lucania 20-98100 Messina Tel. 0907761957 Fax 0907761958 Rapporto sui sistemi depurativi a servizio delle reti fognanti

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1

ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 marca ALLA PROVINCIA DI NOVARA da bollo P.ZA MATTEOTTI, 1 28100 NOVARA OGGETTO:D.LGS. N. 152/06, L.R. 48/93, L.R. 13/90 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE. Il sottoscritto nato

Dettagli

17. Il processo di inquinamento

17. Il processo di inquinamento 17. Il processo di inquinamento Gli inquinanti emessi da una sorgente vengono immessi nell'ambiente dove si propagano con velocità e per distanze che dipendono dal tipo d'inquinante e dal tipo di flusso,

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

TUTELA DELLE ACQUE. Disciplina degli scarichi. delle acque reflue domestiche e di reti fognarie

TUTELA DELLE ACQUE. Disciplina degli scarichi. delle acque reflue domestiche e di reti fognarie TUTELA DELLE ACQUE Disciplina degli scarichi delle acque reflue domestiche e di reti fognarie Ing. Zaffaroni Davide Provincia di Monza e Brianza - Servizio Risorse Idriche - Corso di formazione per GEV

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle lauree in Ingegneria Civile e Ambientale, Classe

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE danielemanni architetto COMMITTENZA: DOMUS VIVENS SRL RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE OGGETTO: PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E RICONVERSIONE DI ATTIVITA (D.P.R.

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Decantazione. Ne= f(re);

Decantazione. Ne= f(re); TUTTI I «PROCESSI» DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI SONO SUDDIVISIBILI IN «OPERAZIONI UNITARIE» DETTE OPERAZIONI RAPPRESENTANO I MATTONI E POSSONO ESSERE VALUTATE INDIPENDENTEMENTE DAL PROCESSO IN CUI SONO INSERITE

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010.

CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. CAPACITÀ PRESTAZIONALI DEI DEPURATORI OPERANTI NEL SISTEMA IDRICO DEI REGI LAGNI. Depuratore di Acerra - Rilievi Aggiornati al 2010. (Determinazione ENEA n. 267 / 2006/ D.G.) Ing. R. Pica, ENEA novembre

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione. Roma - 14 Giugno 2013

Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione. Roma - 14 Giugno 2013 Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione Roma - 14 Giugno 2013 L acqua: un bene prezioso! Il 3% dell acqua del pianeta è dolce Solo il 30,5% dell acqua

Dettagli

2. Descrizione dell impianto esistente

2. Descrizione dell impianto esistente 1. Premessa Il presente progetto riguarda l intervento di parziale revamping e di implementazione dell esistente impianto di depurazione a servizio della frazione di Torregrande del Comune di Oristano.

Dettagli

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE

OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE OSSIGENO DISCIOLTO ED EUTROFIZZAZIONE Un esempio di misure di ossigeno e ph in acque contenenti piante acquatiche (alla luce e al buio) Misura (con un ossimetro) dell ossigeno disciolto all inizio di un

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONE 1 (Prof. Ing. Giordano Urbini; Ing. Cristiana Morosini) EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE (BASI TEORICHE ESEMPIO DI CALCOLO) 1. OBIETTIVI E CAMPI

Dettagli

La conceria e l impatto ambientale

La conceria e l impatto ambientale La conceria e l impatto ambientale 1 Inquinamento da attività conciaria L industria conciaria, pur non essendo peggiore di molte altre attività industriale, è considerata altamente inquinante. Ciò è dovuto

Dettagli

IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI

IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI Dicomano, 5 giugno 2015 IO DIFFERENZIO, MA POI? LA FILIERA DEI RIFIUTI. QUALE È IL DESTINO DEI MATERIALI PROVENIENTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA? QUALE LA POSSIBILITÀ DI RIUTILIZZO E RIUSO LA GESTIONE DEL

Dettagli

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO

PROGETTO NITRANT 2014. Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO PROGETTO NITRANT 2014 Visita tecnica Cooperativa Agroenergie Bergamasche (Martinengo, BG) 3 dicembre 2015 FOCUS: IL CENTRO CONSORTILE DI TRATTAMENTO Pubblicazione realizzata da Veneto Agricoltura, Settore

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF 1 Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF La funzione dell impianto in oggetto è quella di purificare

Dettagli