Più Mediterraneo per il futuro dell Europa *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Più Mediterraneo per il futuro dell Europa *"

Transcript

1 Più Mediterraneo per il futuro dell Europa * Giovanni Ferri ECONOMIA INTERNAZIONALE L integrazione fra le diverse economie e i diversi popoli del Mediterraneo rappresenta un opportunità da cogliere per superare la crisi economica e finanziaria Le Colonne d Ercole e la Κοινή mediterranea Il concetto delle colonne d Ercole ha permeato per più di un millennio la cultura e la percezione di sé dell epoca greco-romana e delle due che ne sono seguite. Infatti, tanto nella lunga fase medievale, in cui la civiltà si ritira dai decadenti inurbamenti entro le mura ristrette di castelli e conventi, quanto nella fase successiva, allorché il risveglio delle città innerva nuovi commerci internazionali e ridesta gli afflati universalistici propri dell Umanesimo e del Rinascimento, in corrispondenza allo Stretto di Gibilterra le mappe del mondo continuano a riportare un ammonimento Hic sunt leones. Oltre questa soglia ci sono i leoni, c è l ignoto, si rischia la vita. La percezione dei limiti della civiltà si incarna dunque negli estremi del Mediterraneo e ciò conferisce plasticamente al Mare Nostrum la capacità di identificare la comunità, nel senso del greco Κοινή, della quale erano (e si sentivano) parte i nostri avi. Dall appartenenza così prolungata a quella Κοινή derivano ancor oggi modi di fare, tradizioni e gusti comuni tra le genti che si affacciano su questo mare temperato. Superare le colonne d Ercole ha dato agli europei il senso di opportunità. La conquista del Nuovo Mondo e, gradualmente nei secoli seguenti, una colonizzazione estesa a tutti i continenti, il dominio della scienza, della tecnica e dell arte, la preponderanza militare hanno contribuito a creare una specie di senso di onnipotenza che ha distratto i popoli della sponda nord dalla loro intrinseca appartenenza mediterranea. Gli euromediterranei sono stati attratti in un Europa a trazione centro-nordica con il dominio degli imperi britannico, francese e tedesco trasformatosi poi con l affermarsi della leadership americana in una identità di Occidente dai toni anglofoni. 2. Arrivi e ritorni alla leadership mondiale Oggi l intero modello occidentale, su cui si è in vari modi basata l epoca atlantica, aperta appunto dall attraversamento delle colonne d Ercole, appare in crisi. La globalizzazione sta determinando un forte rimescolamento nell economia e nelle società a livello mondiale. È opportuno adottare un ottica di lunghissimo periodo per misurare la potenza economica delle varie aree del mondo. Questo è un esercizio che non serve a soddisfare una mera curiosità ma a mettere in evidenza un fatto la grande importanza dell Asia nella storia che è spesso poco noto nel resto del mondo. In altri termini, mettere la potenza economica dell Asia in una prospettiva storica aiuta a comprendere come la sua preminenza e specialmente per i sub-continenti della Cina e dell India non rappresenti un nuovo arrivo ma un ritorno. E la consapevolezza di ciò è importante per interpretare gli andamenti presenti. Se nel 1950, all indomani della Seconda Guerra Mondiale, gli USA contavano per il 27% e l Europa occidentale per il 26% del Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale e il peso dell Asia sintetizzato da Cina, Corea del Sud, Giappone, India più i dieci Paesi dell ASEAN (Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore, Tailandia, Brunei, Vietnam, Laos, Myanmar e Cambogia) toccava allora il minimo (19%), l Asia ha fortemente recuperato in seguito al 24% nel 1973 e al 36% nel 2006, mentre i pesi dell Europa occidentale e degli USA scendevano al 18% e al 20%. La Grande Crisi ha poi accelerato il processo portando nel 2010 l Asia al 42%, l Europa occidentale al 16% e gli USA al 18%. Come mostra la figura 1, si tratta di un ritorno dell Asia al centro dell economia mondiale.

2 Secondo le accreditate proiezioni di Mold (2010), l arretramento dei Paesi ricchi proseguirà fino a portarli al 30,6% del PIL mondiale nel 2030, quando la Cina da sola dovrebbe pesare il doppio degli USA e quasi tre volte l Europa occidentale. Figura 1. Quote percentuali del modello occidentale e orientale sul PIL mondiale 70,0 60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 ASEAN+3+India Western Europe + US 0,0 Fonte: mie elaborazioni su dati di Maddison (2007) fino al 2006, aggiornamenti del FMI per il 2010 e proiezioni di Mold (2010) per il Il centro dell economia mondiale cambia nei secoli. Come ha mostrato Maddison (2007), l Asia ha dominato per due millenni: in particolare, l India e la Cina erano le potenze economiche principali, rispettivamente, fino al 1500 e dal 1500 all inizio del Basti ricordare il ruolo cruciale della Via della Seta nel Medioevo e nell era moderna. L acquisizione della leadership economica mondiale da parte prima dell Europa Occidentale e poi degli USA si realizza a partire dalla rivoluzione industriale e si intensifica con il crollo del bimillenario impero cinese. Sempre dalla figura 1 si desume che nel 1820, alla vigilia della Rivoluzione Industriale, all ASEAN+3+India faceva capo oltre il 55% del PIL mondiale, quando il modello occidentale pesava appena per il 25%. Di seguito, l acquisizione della leadership tecnologica e militare e, per oltre un secolo, le politiche di colonizzazione avevano permesso all Occidente di accrescere il suo peso nell economia mondiale portandolo all auge prossima al 55% del Ma poi, come già detto, il vento è cambiato. Nel 2010 si era già registrato il contro-sorpasso del modello orientale. E, secondo Mold, il pendolo completerebbe il suo ritorno entro il Perciò Cina e India non sono new-entry ma ritorni. Ma cosa determina (l ascesa e) il declino degli imperi? Nella sua prospettiva storica di lungo periodo, Kennedy (1987) sostiene che gli imperi crollano quando per essi le spese militari superano le potenzialità economiche. Ciò determina squilibri fiscali che portano l impero al collasso. Possiamo dire che oggi ci troviamo in una situazione del genere? È forse troppo presto per dirlo, ma l aumento vertiginoso dell indebitamento esterno, prima, e poi, con i salvataggi, anche del debito pubblico degli USA sarebbe coerente con tale scenario. 3. Ambiente e sostenibilità nella globalizzazione imperfetta Difficile dire come se ne uscirà. L umanità si rende conto di essersi spinta vicino al baratro. Non vi è chi non veda che siamo vicini al baratro finanziario con una crisi che sprigiona dai Paesi ricchi e ne mette in discussione il modello di sviluppo, che si sfiora spesso il disastro nucleare, che il riscaldamento ambientale causa devastazioni, morte e impoverimento ad esempio, sta crescendo

3 vertiginosamente l intensità dei tornado (fig. 2) e si sta intensificando il fenomeno delle guerre per l acqua (fig. 3), che crescenti disuguaglianze generano società aride e riottose e potremmo continuare. Figura 2. Numero medio di tornado per anno 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 USA Europa Asia Sud America Africa Oceania Fonte: mie elaborazioni su dati tratti da Wikipedia. Occorre riflettere sul perché. Ci sono molte risposte. Ma tutte quante vertono sulla spregiudicatezza, l arroganza e il senso di autosufficienza ancora con una parola greca si potrebbe dire la ὕβρις della ragione di cui l uomo si è schermato nella convinzione di poter esercitare il proprio dominio incontrollato. Il baratro ci fa risvegliare dal sonno di tale convinzione, lo rivela fallace. Figura 3. Numero medio all'anno di guerre per l'acqua 14,00 12,00 10,00 8,00 6,00 4,00 2,00 0,00 Mondo Africa America Asia Europa Oceania Fonte: mie elaborazioni su dati tratti da Wikipedia

4 Ci troviamo impreparati, indifesi di fronte alla nostra ragione, che ci propone conoscenze segmentate e incapaci di cogliere la necessaria visione d assieme, di fronte a un organizzazione delle nostre società basata sull individualismo irresponsabile nei confronti delle comunità di appartenenza, degli altri uomini. Per sfuggire al baratro c è bisogno di un soprassalto di responsabilità, che scardini comportamenti consolidati, occorre superare l irresponsabilità dell erronea percezione di autosufficienza. In una parola sola, dobbiamo recuperare la sostenibilità. Il ritorno alla percezione di sé come soggetti del Mediterraneo, da esso uniti e non divisi, può svolgere un ruolo importante nella riacquisizione di modelli e comportamenti più sostenibili. La strada da fare è molto lunga e ce ne sfuggono ancora le coordinate precise. Ma, al tempo stesso, è utile articolare qualche altra considerazione su come un ritorno di attenzione verso il Mediterraneo offra prospettive interessanti perché l Europa non venga nuovamente marginalizzata dalla storia. 4. Le rivolte nella sponda sud del Mediterraneo: problemi e opportunità per l Europa Un aspetto assai concreto è quello degli andamenti demografici che, da sempre, costituiscono le leggi meno discutibili tra quelle che governano le dinamiche socio-economiche. Ebbene, è suggestivo osservare come la sponda nord e quella sud del Mediterraneo grosso modo si equivalgano oggi in termini di abitanti. La sponda nord che va dal Portogallo, alla Spagna, alla Francia, all Italia e alla Grecia conta circa 190 milioni di abitanti; quella sud che va dalla Turchia, alla Siria, al Libano, alla Giordania, a Israele, alla Palestina, all Egitto, alla Libia, alla Tunisia, all Algeria e al Marocco conta circa 200 milioni di abitanti. Tuttavia, dietro questa apparente similitudine, si nascondono differenze quanto mai profonde: la quota della popolazione sotto i 15 anni è circa il 30% nella sponda sud, il doppio che nella sponda nord. Vale a dire, la popolazione del sud Mediterraneo è assai giovane e in forte crescita, l esatto contrario della popolazione del nord Mediterraneo che è molto più anziana e sostanzialmente statica. La storia delle esperienze di sviluppo economico accelerato ci insegna come i Paesi per vivere queste fasi sono generalmente supportati da una sorta di dividendo demografico. Il fenomeno consiste nel fatto che l innesto di processi di sviluppo economico in quei contesti paese vi produce un fisiologico rallentamento delle dinamiche demografiche, presupposto per l intensificazione della crescita. E, naturalmente, lo sviluppo economico in un area produce effetti di spillover sulle aree limitrofe, specie se queste ultime sanno legarsi all area in crescita mediante crescenti rapporti commerciali.

5 I nstability in the Middle-East/ North-Africa ( MENA) - 1 The spread Figura 4. Mappa of instability delle rivolte at nel end Medio 2010 Oriente start e Nord 2011: Africa Millions inhabitants MENA_map.png70 40pixels Syria Libya Mar 2011 Tunisia Feb 2011 Jordan Dec 2010 Jan 2011 Jan Baharain Feb /05/ Jan 2011 Yemen Fonte: mie elaborazioni su dati tratti dai mezzi di informazione pubblici. Dunque, l Europa avrebbe da guadagnare massimamente se solo sapesse contribuire allo sviluppo economico nel Mediterraneo. Il dividendo demografico del sud Mediterraneo costituisce una risorsa preziosa per favorire la ripresa dello sviluppo anche in Europa. In effetti, nessun altra area limitrofa all Unione Europea in particolare quella dell Est Europa potrebbe offrire un simile dividendo demografico. Perciò, anche solo considerazioni di natura utilitaristica dovrebbero spingere l Unione Europea a tornare a guardare con attenzione allo sviluppo nel Mediterraneo. Del resto, se l Unione Europea non affronterà con decisione il problema di governare questi rapporti con la sponda sud del Mediterraneo, anziché opportunità potrebbero derivarne seri problemi. Preoccupa, infatti, la profonda fase di instabilità, peraltro tutt altro che conclusasi, apertasi nel 2010 e che ha interessato molti Paesi dell area, coinvolgendo nel complesso circa 130 milioni di abitanti (fig. 4). Pur avendo ciascuna crisi nazionale proprie determinanti specifiche, è indubbio che tale instabilità su così ampia scala avviene nel contesto di un indebolimento dell ombrello protettivo statunitense, laddove gli USA, anche per i crescenti vincoli di bilancio alla loro potenza militare, si sono trovati a rivolgere la loro attenzione principale ad altre aree del globo, come ad esempio il Pacifico, riducendo la loro presenza nel Mediterraneo. Pagina1di 1 Perciò, se l Unione Europea non si farà debito carico di governare i cambiamenti tuttora in atto nella sponda sud del Mediterraneo, anziché godere dei riflessi positivi cui si è fatto cenno per il dividendo demografico dello sviluppo nell area potrebbe trovarsi a subire i contraccolpi del perdurare e di un eventuale radicalizzazione di tali instabilità. Agli italiani basta ricordare le ripetute emergenze a Lampedusa in seguito alla rivolta in Tunisia e al conflitto in Libia. 5. La crisi dell Eurozona Ma vi sono anche altre considerazioni che ci aiutano a comprendere come sia una pessima idea per l Europa del centro-nord marginalizzare non solo la sponda sud ma anche quella nord del Mediterraneo. È evidente che la situazione attuale pare spingere in quella direzione. Come noto, la crisi dei debiti sovrani dell Eurozona partì sul finire del 2009 dalla Grecia, si estese nel 2010 a Irlanda e Portogallo e coinvolse dal 2011 la Spagna e l Italia (e poi anche Cipro). Questi Paesi sono stati definiti periferici oppure accomunati in sigla: i detrattori più corrosivi li hanno chiamati PIIGS laddove

6 pigs in inglese significa porci quelli più educati hanno usato l acronimo GIIPS. In ogni caso, pressoché tutti i Paesi protagonisti della crisi sono proprio quelli mediterranei. Sebbene un analisi delle cause della crisi vada al di là del focus di questo contributo, è necessario spendere qualche momento a riflettere su un elemento di fondo. In particolare, seppure le responsabilità proprie dei paesi colpiti non vadano sottovalutate, la crisi greca ha potuto espandersi così a dismisura solo per i gravissimi (imperdonabili?) errori commessi dall Unione Europea sotto l egemonia sempre più influente della Germania, accompagnata da pochi altri Paesi (dapprima, con la presidenza Sarkozy, si poteva parlare di un direttorio tedesco-francese, ma poi, con la presidenza Hollande, la Francia si è dissociata dalla linea tedesca). Come è noto, livelli elevati del deficit pubblico di un Paese determinano una fragilità immediata solo se lo squilibrio dei conti pubblici si accompagna a uno squilibrio dei conti con l estero. In altri termini, un elevato deficit pubblico (specie per Paesi che abbiano già un alto livello di debito pubblico) è preoccupante ed espone alla speculazione internazionale solo se vi è anche un contestuale ampio deficit delle partite correnti. Infatti, se un Paese ha un elevato debito pubblico (frutto del cumulo di persistenti deficit dei conti dello Stato) ma, al tempo stesso, ha un attivo netto patrimoniale nei confronti del resto del mondo (frutto del prevalere di surplus delle partite correnti) è come se tutto il debito pubblico fosse detenuto dai residenti del Paese e, alla bisogna, lo Stato può sempre tassare la ricchezza privata per stabilizzare il proprio debito pubblico. Figura 5. Surplus delle partite correnti delle varie aree Fonte: mie elaborazioni su dati tratti da FMI. Del resto, se così non fosse, non si potrebbe spiegare perché non sia sotto attacco speculativo il Giappone, il cui debito pubblico in rapporto al PIL sfiora il 240%. E la spiegazione di questo non attacco speculativo sta proprio nel fatto che il Giappone, con il suo persistente surplus delle partite correnti (fig. 5), è Paese creditore netto a livello internazionale, per cui il suo assai alto debito pubblico ha come corrispettivo una altrettanto ampia ricchezza privata dei residenti. Orbene, sappiamo che il debito pubblico in rapporto al PIL era introno all 80% per la media dell Eurozona prima che si avviasse la crisi dei debiti sovrani dei Paesi periferici e, sia pur peggiorato in seguito alla recessione degli anni successivi, il rapporto è ancora al di sotto del 90%. E, allora, per giustificare gli attacchi speculativi sui debiti sovrani europei, verrebbe da pensare che l Eurozona avesse al 2009 persistenti e significativi deficit delle partite correnti. Come rivela la figura 5, così non era (e non è neanche oggi): tra il 1999 e il 2009 l area dell euro ha avuto mediamente un lieve surplus, risultato

7 dell alternarsi di leggeri deficit nel 2000 e nel più che compensati da lievi surplus negli altri otto anni del periodo considerato. Ciò contrasta con i forti e tenaci deficit degli USA, Paese che peraltro, pur avendo avuto anche un peggioramento dei conti pubblici ben più preoccupante di quello dell Eurozona, non ha sinora subito contraccolpi speculativi, se non il contestato declassamento (da AAA a AA+) del debito sovrano statunitense operato ad agosto 2011 da S&P s. E, dunque, perché l Eurozona ha subito gli attacchi speculativi della finanza internazionale su diversi debiti sovrani dei suoi Paesi membri? La risposta sta nella seguente Figura 6, o meglio in un suo particolare. 14 Figura 6. Squilibri globali Figure dal Global 2008 Imbalances, Global Imbalances (percent of world GDP) US JPN Eur surplus CHN EMA OIL ROW Eur deficit Discrepancy Fonte: Note: Current Blanchard account e balances Milesi-Ferretti (in percent (2009) of world GDP). Source: World Economic Outlook. The composition of country groups is as follows: In essa Blanchard e Milesi-Ferretti (2009) dividono l Europa in due. Da un lato mettono i Paesi in EUR surplus: Austria, Belgium, Denmark, surplus delle partite correnti 1 Finland, Germany, Luxembourg, e dall altro quelli in deficit 2 Netherlands, Sweden, Switzerland. EUR deficit: Greece, Ireland, Italy, Portugal, Spain, United Kingdom, Bulgaria,. Come Czech è evidente Republic, i Estonia, GIIPS rientrano tutti e cinque Hungary, nel Latvia, gruppo Lithuania, dei Poland, Paesi Romania, europei Slovak in deficit. Republic, I Turkey, due autori, Ukraine. rispettivamente capo economista ed economista Emerging Asia: dell FMI, Hong Kong sviluppano S.A.R. of China, ragionamenti Indonesia, Korea, largamente Malaysia, condivisibili Philippines, Singapore, a proposito Taiwan dell opportunità di ridurre province gli of China, squilibri Thailand. globali, che tanta parte avevano avuto nel causare lo scoppio della crisi del (che, Oil exporters: non a Algeria, caso, sprigiona Angola, Azerbaijan, dagli USA, Bahrain, il Paese Republic con of più Congo, gravi Ecuador, squilibri Equatorial delle partite Guinea, correnti). Gabon, E, tuttavia, questa Iran, Kazakhstan, suddivisione Kuwait, che Libya, gli autori Nigeria, operano Norway, Oman, è discutibile Qatar, Russia, nel senso Saudi che Arabia, gli Sudan, aggiustamenti Syria, Trinidad degli squilibri dei and Tobago, United Arab Emirates, Venezuela, Yemen. conti con l estero presuppongono come strumento primario l uso del tasso di cambio e non è chiaro Rest of the world: remaining countries. come i Paesi dell Eurozona possano usare tale strumento se essi si trovano in parte dal lato del surplus e in parte dal lato del deficit, in quanto tali esigenze sarebbero di segno opposto con i Paesi in surplus (deficit) che vorrebbero una politica monetaria più restrittiva (espansiva) e/o una politica che portasse a * Questo articolo è stato recentemente pubblicato sul N della rivista Tempo Finanziario. Ringraziamo l autore e la direzione della rivista per la gentile concessione a ripubblicarlo. 1 Vale a dire: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svezia e Svizzera. 2 Vale a dire: Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo, Spagna, Regno Unito, Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Turchia, Ucraina e Ungheria. Anche Blanchard e Milesi-Ferretti (2010) adottano la stessa suddivisione fornendo informazioni e proiezioni più dettagliate.

8 un apprezzamento (deprezzamento) del tasso di cambio per cercare di eliminare il proprio surplus (deficit) delle partite correnti 3. Nel momento in cui l FMI stesso Blanchard, come detto, ne è il capo economista espone la frattura tra Paesi centro (quelli in surplus) e Paesi periferici (quelli in deficit) dell area euro, a molti speculatori ciò potrebbe essere parso un segnale che l Eurozona era un area instabile e che, se le cose non cambiavano, presto si sarebbe dovuti addivenire a un break-up dell area stessa. Non a caso, proprio da allora iniziano a circolare suggerimenti di esperti che preconizzano la spaccatura dell area in un euro del nord più forte e un euro del sud più debole (cfr., ad esempio, Zingales, 2010). E cosa fa, sotto la crescente egemonia tedesca, l Unione Europea per fugare questi timori da parte dei mercati internazionali? Verrebbe naturale pensare che da Bruxelles ci si sia sperticati a far notare come l Eurozona nel suo complesso è un area valutaria equilibrata nei conti con l estero, che non ha deficit delle partite correnti bensì un lieve surplus. E, di conseguenza, gli eurocrati avrebbero dovuto logicamente rassicurare i mercati che nessuna speculazione su nessun Paese membro dell euro sarebbe stata possibile perché a essa ci si sarebbe opposti con tutte le forze; che, perciò, non vi sarebbe stata alcuna perdita per gli investitori. E, invece, niente di tutto questo. Al contrario, si cominciano a fare le puntualizzazioni e i distinguo in un crescendo kafkiano che porta il duo c.d. Mer-kozy a enunciare nella primavera del 2010, nel bel mezzo della crescente speculazione sulla Grecia, che gli investitori i quali avevano comprato titoli del debito pubblico ellenici avrebbero dovuto sopportare delle perdite, per di più imprecisate. Fare questo in tali circostanze è come gridare al fuoco nel mezzo di un teatro gremitissimo: il risultato è quello di provocare una calca che cerca di guadagnare l uscita in maniera cieca e disordinata, con possibili morti e feriti. In modo non dissimile, la crisi greca si è avvitata su se stessa e il contagio si è esteso agli altri Paesi periferici. Esplicitare la distinzione tra Eur deficit ed Eur surplus aveva già aperto alla possibilità che quei surplus non sarebbero stati sommabili a quei deficit. E ora la politica e le istituzioni europee confermavano l interpretazione più pessimistica da dare all esercizio di per sé innocente di Blanchard e Milesi- Ferretti. Appena si sono accorti di ciò, gli avvoltoi della speculazione internazionale hanno immediatamente sentito l odore di carogna e si sono fiondati sull obiettivo. I vari piani di salvataggio che non mi dilungo a elencare, non ultimo per la loro spesso effimera vita, poco convinti, sempre in ritardo e spesso contraddetti il giorno dopo la loro formulazione, non potevano risolvere la crisi ma, casomai, contribuivano a ingarbugliarla ancora di più. Il mercato dei capitali persino quello bancario dell Eurozona si è avvitato ri-segmentandosi in base ai confini nazionali pre-euro. Con gli spread sui titoli di Stato dei vari Paesi che seguivano strade divergenti (in alto per i periferici, in basso per la Germania e gli altri non sotto attacco speculativo) la stessa politica attuata per tutti a Francoforte iniziava a essere più espansiva a Berlino, L Aia e negli altri Paesi in surplus e più restrittiva a Madrid, Roma e negli altri Paesi periferici. Per di più, il mantra dell austerità fiscale veniva somministrato a Paesi già in avvitamento deflazionistico, come se un medico irresponsabile prescrivesse a un soggetto obeso che ha appena avuto un infarto una terapia shock di abbattimento superveloce della sua obesità, imponendogli di non mangiare e di correre la maratona. Senza negare l esigenza concreta di procedere all aggiustamento dei debiti eccessivi di vari Paesi dell area euro, la scelta di negare politiche di aggiustamento graduale per appiattire l Eurozona su questa insensata politica dell austerità fiscale tutta e subito trasformava gravi recessioni in depressioni destabilizzanti 4. La mancanza di (abbastanza) solidarietà dei Paesi forti verso quelli periferici era sotto gli occhi di tutti. Perciò, mettendo i GIIPS con le mani legate a prendere schiaffi sia dalla speculazione internazionale che dall autoimposta, 3 È vero che l Europa considerata dagli autori si avvicina alla più ampia accezione geografica e non coincide con l Eurozona. Nondimeno, è chiaro che i Paesi membri dell euro sono determinanti sia dal lato del surplus che da quello del deficit. Così, trovandosi essi in parte dal lato del surplus e in parte dal lato del deficit, si tratta del classico esempio di paralisi della politica monetaria e del cambio in un unione monetaria in cui i Paesi membri sperimentano shocks asimmetrici (De Grawe, 2009). 4 È per tanti versi una terribile vendetta della storia che proprio la Germania da vittima di un simile scempio negli anni Venti del secolo scorso quando economicamente fragile venne costretta a pagare ingenti riparazioni di guerra e tali costi furono fattori non secondari nello scatenare l instabilità socio-economica che sfociò poi nell avvento del Nazismo (Keynes, 1920) si sia trasformata nel carnefice di oggi di un vento che soffia sul revanchismo nazionalista dei Paesi periferici.

9 improvvida austerità fiscale si era fatto di tutto perché il break-up dell euro diventasse una profezia autorealizzantesi. L evento rischiava di essere solo quesitone di tempo. Barlumi di saggezza sono però venuti dalla Banca Centrale Europea che, nel mezzo dell escalation dell estate 2011, è intervenuta acquistando sul mercato secondario i titoli dei Paesi periferici, in modo da tamponare la speculazione. Tale opera si è fatta più strutturata da quando Mario Draghi ha preso il timone della BCE, enucleando prima una mega concessione di liquidità alle banche all allettante tasso di interesse dell 1% per tre anni (Long Term Refinancing Operation) e arrivando, a luglio 2012, a dire a brutto muso alla City di Londra: We will do whatever needed to save the euro. And, believe me, it will be enough, per poi vincere le resistenze della Bundesbank e mettere in campo le Outright Monetary Transactions, operazioni sinora mai applicate ma la consapevolezza della cui esistenza è sufficiente a bloccare la speculazione più sfrenata con cui la BCE può comprare, in misura anche illimitata, sul mercato secondario titoli di Stato dei Paesi sotto attacco. È presto per dire se la tenzone è stata vinta. Da un lato, gli spread si sono notevolmente abbassati. Dall altro, però, non sono tornati ai livelli pre-crisi del 2009 e, inoltre, la goffa e sbagliata gestione della crisi cipriota ove gli eurocrati hanno messo addirittura a rischio i depositi bancari assicurati lascia temere che a Bruxelles (o a Berlino?) non si sia proprio capita la lezione del filotto di errori compiuti con la gestione delle crisi greca e degli altri periferici. 6. Più olio d oliva e meno burro Il risultato della gestione eurocratico-tedesca degli eventi è che l Eurozona non solo sta perdendo l opportunità di riaffermare il proprio ruolo a livello globale, in quanto latrice di un modello di sviluppo economico più sostenibile di quello anglo-americano, ma, pur essendo un area dai conti in equilibrio, si è addirittura trasformata nell epicentro della seconda ondata della crisi globale, quella dei debiti sovrani di Eurolandia. Gli errori commessi sono in gran parte conseguenza di un area euro divenuta sempre più a trazione nordica, in cui i Paesi mediterranei hanno perso di peso. Al tempo stesso, si è affermata la visione semplificatrice (la vulgata ) che i mediterranei sono cicale che vorrebbero vivere alle spalle delle formiche (gli europei del nord). Sebbene reputi grottesca tale caricatura sia degli uni che degli altri popoli, se accettiamo di prenderla sul serio, conviene andare alla ricerca anche di altri tratti caratteristici che contraddistinguono gli euromediterranei degli euro-nordici. Uno dei tratti più dirimenti si trova nel condimento usato per arricchire e cucinare il cibo. Gli euro-nordici usano il burro, gli euro-mediterranei l olio d oliva. In effetti, come non è sfuggito a Matvejevic (1998), l olivo e l olio che se ne deriva è una delle essenze profonde del Mediterraneo. Ebbene, conviene approfondirne due aspetti: le implicazioni per la salute e quelle in termini del sostrato di civilizzazione su cui le due culture si fondano. Dal primo punto di vista, in modo calcistico sbrigativo, potremmo dire tre a zero e palla al centro. La letteratura medica ha documentato scientificamente i vantaggi della dieta mediterranea, imperniata sull uso dell olio d oliva (nonché di verdura, frutta, cereali e loro derivati e del vino), su vari aspetti della salute e della longevità umana: ad esempio, per citare solo alcuni dei contributi, Willett et al. (1995) e Willett (2006) mostrano i vantaggi generali sulla condizione fisica; Trichopoulou e Vasilopoulou (2000) misurano il contributo della dieta mediterranea alla longevità; Pineo e Anderson (2008) documentano i benefici per l apparato circolatorio; Martínez-González et al. (2008) trovano che la dieta mediterranea riduce il rischio di diabete; Trovato et al. (2010) mostrano i vantaggi per la funzionalità renale e la minore incidenza dell ipertensione; ma vi sono anche studi che sottolineano la riduzione del rischio di importanti malattie come il cancro, il morbo di Parkinson e quello di Alzheimer (Sofi et al. 2008). Riguardo alle implicazioni in termini del sostrato di civilizzazione, è logico osservare che la contrapposizione tra l olio di oliva e il burro richiama quella tra la civiltà agricola e quella pastorale. Ebbene, rispetto a quella pastorale, la civiltà agricola fonda una società meno instabile e nomade, nonché dotata di maggiori interazioni tra gli individui e di maggior interesse dell uomo per la

10 salvaguardia del proprio ambiente di vita 5. Siccome l esistenza di tali interazioni è alla base del concetto stesso di solidarietà, viene da pensare che più olio d oliva cioè più stabilità e meno nomadismo e, di conseguenza, maggiore considerazione degli altri e dell ambiente avrebbe potuto aiutare l Eurozona a trovare al proprio interno la determinazione per i Paesi più forti di voler assistere quelli in crisi, nell idea del dono ma anche della reciprocità. 7. Conclusioni Oggi l Europa vive una doppia sfida. Infatti, la sfida di superare la fase dell attuale crisi, di dimensioni inimmaginabili fino a pochi anni or sono, si accompagna a quella di recuperare la voglia di crescere, tutelando la propria ricchezza e il contributo che il nostro continente ha dato e può ancora dare al benessere e alla libertà dell uomo. È chiaro che occorre sapersi reinventare, mettendo le istituzioni incaricate delle scelte politiche sul percorso della sostenibilità. Ma, tutte le varie dimensioni che si sono toccate in questo breve contributo inducono a concludere che l Europa attuale ha bisogno di più Mediterraneo. Per tornare da dove siamo partiti, oggi le colonne d Ercole da superare stanno dentro di noi. Bibliografia Blanchard, O.J. e G.M. Milesi-Ferretti (2009), Global Imbalances: Past, Present, and Future, mimeo, IMF. Blanchard, O.J. e G.M. Milesi-Ferretti (2010), Global Imbalances: In Midstream?, CEPR Discussion Papers De Grauwe, P. (2009), Economics of Monetary Union, Oxford Univ Press; 8 th edition. Kennedy, P. (1987), The Rise and Fall of the Great Powers, New York: Random House; trad. it. (1999), Ascesa e declino delle grandi potenze, terza ediz., Milano: Garzanti. Keynes, J.M. (1920), The Economic Consequences of the Peace, New York: Harcourt, Brace, and Howe; trad. it. (2007), Le conseguenze economiche della pace, Milano: Adelphi. Maddison, A. (2007), Contours of the World Economy : Essays in Macro-Economic History, Oxford University Press. Matvejevic, P. (1998), Mediterraneo. Un nuovo breviario, Milano: Garzanti. Mold, A. (2010), Maddison s forecasts revisited: What will the world look like in 2030?, disponibile su 24 ottobre. Martínez-González, M.Á., C. de la Fuente-Arrillaga, J.M. Nunez-Cordoba, F.J. Basterra-Gortari, J.J. Beunza, Z. Vazquez, S. Benito, A. Tortosa e M. Bes-Rastrollo (2008), Adherence to Mediterranean diet and risk of developing diabetes: prospective cohort study, BMJ 336 (7657): Pineo, C.E. e J.J.B. Anderson (2008), Cardiovascular Benefits of the Mediterranean Diet, Nutrition Today 43(3): Sofi F., F. Cesari, R. Abbate, G.F. Gensini e A. Casini (2008), Adherence to Mediterranean diet and health status: meta-analysis, BMJ 337: a1344. Szuchman, J. (2009; a cura di), Nomads, Tribes, and The State in the Ancient Near East. Cross-disciplinary Perspectives, Ann Arbor, Michigan: Edwards Brothers. Trichopoulou, A. e E. Vasilopoulou (2000), Mediterranean diet and longevity, British Journal of Nutrition 84(2): S205-S209. Trovato, G.M., C. Pirri, G.F. Martines, A. Tonzuso, F. Trovato, D. Catalano (2010), Lifestyle interventions, insulin resistance, and renal artery stiffness in essential hypertension, Clinical and Experimental Hypertension 32(5): Willett, W.C. (2006), The Mediterranean diet: science and practice, Public Health Nutrition, 9(1A): Willett, W.C., F. Sacks, A. Trichopoulou, G. Drescher, A. Ferro-Luzzi, E. Helsing e D. Trichopoulos (1995), Mediterranean diet pyramid: a cultural model for healthy eating, American Journal of Clinical Nutrition 61: 1402S-1406S. Zingales, L. (2010), Due euro sono meglio di uno?, Il sole-24 ore, 9 maggio. 5 Queste sono, ad esempio, le conclusioni cui giunge l imponente studio di Szuchman (2009).

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota *

Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina. Paese Visto richiesto/non richiesto Nota * Obbligo di visto per gli stranieri che entrano in Ucraina Paese /non richiesto Nota * 1. Austria Visto non richiesto per un soggiorno 2. Afghanistan DP titolari di passaporti diplomatici SP titolari di

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 27 Giugno 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no e dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

Dettagli

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia

dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia dati e statistiche sulla sicurezza stradale in italia Le dimensioni quantitative del problema In Italia, nel, gli stradali sono stati 230.871. Questi hanno determinato 5.131 e 325.850, con un costo sociale

Dettagli

prezzi industriali Di Mauro Novelli 25-9-2013

prezzi industriali Di Mauro Novelli 25-9-2013 Il PuntO n 277 UE 28. Capacità di spesa pro capite (PPS) e prezzi di benzina e gasolio. Una analisi comparata: A) Tra tutti i paesi UE. B) Tra i 5 maggiori paesi UE e C) Tra Lussemburgo e Italia Fonti:

Dettagli

Il Turismo nell area Euro-Adriatica

Il Turismo nell area Euro-Adriatica Forum delle Camere di Commercio dell Adriatico e dello Ionio Il Turismo nell area Euro-Adriatica In collaborazione con: 1 Il mercato del turismo europeo Fonte: WTO, 2006 2 I numeri dell Euroregione Adriatica

Dettagli

I numeri del commercio internazionale

I numeri del commercio internazionale Università di Teramo Aprile, 2008 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it I numeri del commercio internazionale Big traders Netherlands 4% United Kingdom 4% France 5% China 6% Italy 4% Japan 7% Korea,

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 3 I centri dell economia mondiale: una prospettiva storica La Globalizzazione: una prospettiva storica Benefici e canali di trasmissione della Globalizzazione

Dettagli

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT IAI927 DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE di Luca Laureti DRAFT Documento preparato nell ambito del programma di ricerca

Dettagli

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2012 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Espansione

Dettagli

CONVENZIONE REPlat Listino 2011

CONVENZIONE REPlat Listino 2011 CONVENZIONE REPlat 01. VISURE IMMOBILIARI VISURE IPOTECARIE TOTALE - 15% Visura Ipotecaria Light 26,00 22,10 Visura Ipotecaria Strong 48,00 40,80 Elenco Formalità 18,00 15,30 Visura Ipotecaria per Immobile

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo

La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Econpubblica - Centre for Research on the Public Sector La tassazione del lavoro: l Italia nel contesto europeo Giampaolo Arachi Università del Salento e Econpubblica Alberto Zanardi, Università di Bologna

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

Social Watch: Italia al 72 posto

Social Watch: Italia al 72 posto Social Watch: Italia al 72 posto E' dietro a Grecia, Slovenia, Cipro e Repubblica Dominicana secondo l Indice calcolato nell ultimo rapporto della rete internazionale. Anche i paesi poveri possono raggiungere

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014

EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE 2014 we are social EUROPEAN DIGITAL LANDSCAPE ANALISI DI WE ARE SOCIAL DEI PRINCIPALI DATI & STATISTICHE DELLO SCENARIO DIGITAL Wearesocial.it @wearesocialit 1 PAESI ANALIZZATI IN QUESTO REPORT 17 12 28 37

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Roma, 5 ottobre 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi Ufficio Lavori all Estero Relazioni Internazionali Le 38 imprese

Dettagli

sfasamento tra politiche UE e USA Giovanni Ferri Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) Roma g.ferri@lumsa.it

sfasamento tra politiche UE e USA Giovanni Ferri Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) Roma g.ferri@lumsa.it Scenari globali li (lungo periodo) e sfasamento tra politiche UE e USA Giovanni Ferri Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) Roma g.ferri@lumsa.it Discussione Risk Outlook Consob Roma, 24-2-2014 2

Dettagli

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA

Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Quarta Conferenza Nazionale sull efficienza energetica CARTE COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI RINNOVABILI TERMICHE ED EFFICIENZA L EFFICIENZA ENERGETICA: POTENZIALE RICCHEZZA PER L ITALIA Raffaele Scialdoni

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO.

AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. AMIANTO: LA SITUAZIONE INTERNAZIONALE NEL XXI SECOLO. Il problema amianto a livello globale è particolarmente rilevante, soprattutto per l'esigenza, per noi improrogabile, di bandirlo immediatamente da

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9

Indice. Unità 2. Unità 1. Unità 3. L Unione Europea 39. Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Unità 1 Gli stati, i popoli, le culture in europa 9 Itinerario 1 Il cammino degli Stati europei 10 Le origini dell Europa 10 Un continente diverso dagli altri 10 L Europa romana e medievale 12 L Impero

Dettagli

Dai banchi alle banche? ll LES come «facilitatore» per operare scelte (più) consapevoli. Anna Marra Senior Advisor e Docente ISPI

Dai banchi alle banche? ll LES come «facilitatore» per operare scelte (più) consapevoli. Anna Marra Senior Advisor e Docente ISPI Dai banchi alle banche? ll LES come «facilitatore» per operare scelte (più) consapevoli Anna Marra Senior Advisor e Docente ISPI Cisternino, 15 novembre 2012 La scuola è il nostro principale investimento

Dettagli

Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface. Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda

Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface. Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda Fabrizio Pediconi, Agente Generale Coface Analisi Rischio Paese e Assicurazione dei Crediti: il punto di Coface per Assolombarda 1 Coface- Rischio Paese 2011 Assolombarda 09/03/2011 La missione di Coface

Dettagli

La crisi dei debiti sovrani in Europa

La crisi dei debiti sovrani in Europa La crisi dei debiti sovrani in Europa Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia Una crisi che viene da lontano La crisi attuale è la conseguenza diretta dei provvedimenti di politica economica presi

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2013 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Crescita

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE D.M. 28 gennaio 2009 Attuazione disposizioni di cui al comma 9, dell'art. 38, della legge n. 289/2002, concernente la determinazione del livello di reddito equivalente per ciascun Paese straniero, al reddito

Dettagli

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012

LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 LISTA REFERENTI-PAESE PER LE BORSE DI STUDIO A STUDENTI STRANIERI & IRE. Aggiornamento del 4 giugno 2012 Uff. VII, DGSP, M.A.E. - Roma Tel. 06 3691 + Int. personale - Fax 06 3691 3790 dgsp7@esteri.it N.B.

Dettagli

contents: La calda estate dei mercati finanziari Effetti sulle economie emergenti

contents: La calda estate dei mercati finanziari Effetti sulle economie emergenti Anno II_ N 8_Settembre 27 contents: La crisi dei mutui subprime statunitensi di quest estate è stata generata da livelli troppo bassi di percezione del rischio nel mercato del credito e comporterà un ricorso

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il servizio

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999;

obbligazioni corporate e semi-government (tenute presso il corrispondente estero) emesse prima del 01/01/1999; SPAGNA: guida operativa di assistenza fiscale su strumenti finanziari obbligazionari corporate e semi-government (sub depositati presso il depositario del corrispondente estero) di diritto spagnolo non

Dettagli

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2015 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dieci anni

Dettagli

"SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero

SMS senza frontiere: la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero IP/08/1144 Bruxelles, 15 luglio 2008 "SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero Le cifre pubblicate oggi dalla Commissione europea

Dettagli

SERVIZI DIVERSI ESTERO

SERVIZI DIVERSI ESTERO Allegato PDF: Foglio N. 6.10.00 informativo Categoria Estero Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed

Dettagli

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI OPEN 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5 Il

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010

Legenda dei Paesi. Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Legenda dei Paesi Classifica dell ISU 2010 e variazioni 2005-2010 Afghanistan 155 h 1 Albania 64 i 1 Algeria 84 h 1 Andorra 30 h 2 Angola 146 h 2 Argentina 46 h 4 Armenia 76 Australia 2 Austria 25 i 1

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1%

UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% UNIONE EUROPEA Tredicesimo incremento consecutivo del mercato auto a settembre: +6,1% Il mercato delle autovetture registra a settembre 2014 un incremento del 6,1%, grazie alla chiusura positiva per tutti

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE

OFFERTA COMMERCIALE SERVIZI VOCE OFFERTA COMMERCIALE TISCALI BUSINESS SERVIZIO VOCE TISCALI AFFARI TRAFFIC 2004 Tiscali Business Tiscali S.p.A. Loc. Sa Illetta S.S. 195 Km 2,300 09122 Cagliari Italy www.tiscalibusiness.it PAGE 1 OF 5

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

FATTI& CIFRE. Homo faber fortunae suae. www.autopromotec.it. 25ª Biennale Internazionale delle Attrezzature e dell Aftermarket Automobilistico

FATTI& CIFRE. Homo faber fortunae suae. www.autopromotec.it. 25ª Biennale Internazionale delle Attrezzature e dell Aftermarket Automobilistico 25ª Biennale Internazionale delle Attrezzature e dell Aftermarket Automobilistico Prefazione All interno di Fatti&Cifre sono stati raccolti tutti i numeri della rassegna Autopromotec, che anche per questa

Dettagli

UBI Pramerica SGR. Investire nel mercato azionario americano oggi. Richard K. Mastain, Senior Vice President. Jennison Associates LLC.

UBI Pramerica SGR. Investire nel mercato azionario americano oggi. Richard K. Mastain, Senior Vice President. Jennison Associates LLC. UBI Pramerica SGR Investire nel mercato azionario americano oggi Richard K. Mastain, Senior Vice President Jennison Associates LLC Gestore delegato del fondo UBI Pramerica Azioni USA Aprile 2008 Avvertenze

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision

KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision KRESTON GV Italy Audit Srl The new brand, the new vision Chi siamo Kreston GV Italy Audit Srl è il membro italiano di Kreston International, network internazionale di servizi di revisione, di corporate

Dettagli

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio

IL DIRETTORE DECRETA. Art. 1 Finalità: mobilità per studio e tirocinio Decreto IMT Rep. 02400(222).V.6.04.07.14 Rep. Albo Online 02401(179).I.7.04.07.14 IL DIRETTORE VISTO lo Statuto di IMT Alti Studi, Lucca (nel seguito denominato IMT o Istituto ), emanato con Decreto Direttoriale

Dettagli

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a)

Tavola 1 - Quote di mercato sulle esportazioni mondiali per area e paese (a) Quote di mercato Nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una graduale erosione delle quote di mercato sulle esportazioni mondiali dell Unione europea, principalmente a vantaggio dei paesi dell Asia

Dettagli

micro¯o - mercati emergenti piccoli

micro&macro - mercati emergenti piccoli micro¯o - mercati emergenti Il vino è stato a lungo uno dei prodotti alimentari più scambiati al mondo. Dal 1980 il commercio internazionale del vino è risultato in continua e rapida espansione, nonostante

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online INFO ITALIA Il presente listino è valido dal Marzo 0. Le tariffe indicate si intendono al netto d IVA e inclusivi dei diritti di segreteria

Dettagli

Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita

Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita Lo Scenario Macroeconomico Rischi ed Opportunita City Wire Events September 2015 Professor Paolo Surico London Business School 1 Disclaimer 2 Previsioni in macroeconomia: Scienza Source: FMI WEO 2014 Previsioni

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI SINTESI DEI RISULTATI I dati relativi alle imprese di costruzioni che hanno preso parte all Indagine Ance 2013 sull internazionalizzazione confermano la dinamicità del settore, nonostante la crisi in atto.

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad.

Chiamate verso Italia e UE rete mobile. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. AFGHANISTAN 0,35 1,69 /min. 2,09 /min. 2,09 /min. 2,39 /min. 1,19 /min. 0,19 /cad. ALBANIA 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39 /min. 1,69 /min. 0,00 /min. 0,19 /cad. ALGERIA* 0,35 0,99 /min. 1,39 /min. 1,39

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 il caffè marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.:

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

Fondi pensione ed economia Italiana

Fondi pensione ed economia Italiana Fondi pensione ed economia Italiana Mauro Marè Università della Tuscia e Mefop Previdenza privata e crescita economica: idee e prospettive LUISS, Roma 14 dicembre 2015 Outline 1. L industria dei fondi

Dettagli

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio

Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Dipartimento di Economia, Management e Metodi Quantitativi Giovanni Ferrazzi Il ruolo della Sicurezza negli scenari a rischio Monza, 11 maggio 2014 Il problema della sicurezza alimentare La crisi mondiale

Dettagli

COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO

COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO COMUNICATO STAMPA Email: ufficio.stampa@sace.it Tel: +39 06 6736888 www.sace.it COUNTRY RISK MAP: 2013, UN ANNO AD ALTO RISCHIO SACE aggiorna i profili di rischio di 189 mercati e presenta le principali

Dettagli