Accade all UE. n 265. settimana dall 8 al 12 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l l 1 a l 5 a p r i l e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accade all UE. n 265. settimana dall 8 al 12 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l l 1 a l 5 a p r i l e 2 0 1 5"

Transcript

1 Accade all UE n 265 B o l l e t t i n o d i n f o r m a z i o n e s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e settimana dall 8 al 12 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l l 1 a l 5 a p r i l e

2 L Editoriale Entro venerdì la Commissione renderà nota la sua prima valutazione sul disegno di legge di stabilità italiano, ma ci si aspetta anche un intervento, per una volta, sui conti tedeschi che fa già molto rumore a Berlino. Del giudizio di Bruxelles sul testo del governo Letta sono già uscite alcune anticipazioni sulla stampa che parlano forse in modo eccessivamente ottimistico - di un parere "sostanzialmente positivo" sulla manovra, a condizione che si mantengano la traiettoria e i saldi di quanto mandato a Bruxelles, cioè del testo varato da Letta e Saccomanni. Naturalmente, in mezzo, ci sono i tremila e passa emendamenti ed è chiaro quindi che l esercizio è estremamente difficile perché dall Europa verrà un monito a chiudere la partita a saldi invariati, mentre non è certo che questa sia la linea delle forze politiche, specie nella fase convulsa che stiamo vivendo. Molto probabilmente, la Commissione metterà in rilievo l impegno del governo a tenere la barra del limite del 3% sul quale si è già espressa la scorsa settimana e farà capire che solo rispettando scrupolosamente le tabelle di marcia annunciate (cioè un deficit nel 2014 al 2,7%) può aprirsi concretamente la possibilità di attivare i meccanismi di flessibilità previsti dal sistema di governance europeo che ci consentirebbe di scorporare somme (due o tre miliardi per esempio) per investimenti senza intaccare i limiti stabiliti. E questo senza dubbio lo scenario al quale pensa Letta quando chiede che il suo governo sia giudicato "a fine 2014". Vedremo nelle prossime due/tre settimane se questo scenario sarà B a t t a g l i a c a m p a l e s u l T T I P a l P E Questa settimana il PE, riunito in sessione plenaria a Strasburgo, avrebbe dovuto votare sulla relazione del Presidente della Commissione per il Commercio internazionale in merito al negoziato tra Europa e Stati Uniti per dare vita al partenariato transatlantico in materia di commercio e investimenti (TTIP). Con il testo sottoposto all esame della plenaria, il PE avrebbe voluto mettere le mani avanti ed indicare - andando un po oltre i suoi poteri, ma forte del fatto di detenere, dopo il trattato di Lisbona, il diritto di ratifica sugli accordi internazionali alla stregua dei parlamenti nazionali - alla Commissione e agli Stati membri le linee rosse da non superare nella fase negoziale che possano pregiudicare, per l appunto, tale ratifica. Attorno a questo tema, evocato anche dai leaders del G7, che si sono impegnati ad un accelerazione del processo negoziale, si è scatenata un opposizione all idea stessa della conclusione di un accordo di queste proporzioni con gli Stati Uniti che ha contribuito molto a rendere incandescente il clima della vigilia parlamentare. Mentre nelle settimane scorse era stato raggiunto a fatica un compromesso fra i principali gruppi politici del PE su un testo che introduceva numerosi elementi nel canovaccio seguito sul tavolo negoziale, ma senza pregiudicarne l iter, le posizioni sono andate divaricandosi negli ultimi giorni ed una maggioranza del gruppo socialista si è apertamente schierata, in particolare, contro il famoso meccanismo di risoluzione delle controversie in materia di investimenti (ISDS), provocando una spaccatura, che avrebbe rischiato di riprodursi in aula. L esito del voto, quindi, è stato giudicato talmente incerto, anche perché il peso di quei deputati contrari, a prescindere, a qualsiasi ipotesi anche di un accordo a minima, rischiava, tra il voto degli emendamenti e la votazione finale, di creare il paradosso che il Parlamento non riuscisse in definitiva ad approvare nessun testo che, con una decisione dell ultimo minuto, il Presidente Schultz ha preferito rinviare il testo in Commissione. La partita, pertanto, per il momento resta aperta. 2

3 L Editoriale Entro venerdì la Commissione renderà nota la sua prima valutazione sul disegno di legge di stabilità italiano, ma ci si aspetta anche un intervento, per una volta, sui conti tedeschi che fa già molto rumore a Berlino. Del giudizio di Bruxelles sul testo del governo Letta sono già uscite alcune anticipazioni sulla stampa che parlano forse in modo eccessivamente ottimistico - di un parere "sostanzialmente positivo" sulla manovra, a condizione che si mantengano la traiettoria e i saldi di quanto mandato a Bruxelles, cioè del testo varato da Letta e Saccomanni. Naturalmente, in mezzo, ci sono i tremila e passa emendamenti ed è chiaro quindi che l esercizio è estremamente difficile perché dall Europa verrà un monito a chiudere la partita a saldi invariati, mentre non è certo che questa sia la linea delle forze politiche, specie nella fase convulsa che stiamo vivendo. Molto probabilmente, la Commissione metterà in rilievo l impegno del governo a tenere la barra del limite del 3% sul quale si è già espressa la scorsa settimana e farà capire che solo rispettando scrupolosamente le tabelle di marcia annunciate (cioè un deficit nel 2014 al 2,7%) può aprirsi concretamente la possibilità di attivare i meccanismi di flessibilità previsti dal sistema di governance europeo che ci consentirebbe di scorporare somme (due o tre miliardi per esempio) per investimenti senza intaccare i limiti stabiliti. E questo senza dubbio lo scenario al quale pensa Letta quando chiede che il suo governo sia G 7, G r e c i a, R u s s i a, T u r c h i a Settimana ricca di elementi importanti sulle politiche europee, innanzitutto gli esiti del G7, tornato forse ad essere un momento di confronto importante fra le due sponde dell Atlantico, anche per la sapiente regia della Cancelliera Merkel. Vedremo se sui vari aspetti della dichiarazione finale, dalla lotta ai cambiamenti climatici, alla posizione sulla Russia, al TTIP e più in generale alle misure per rilanciare la crescita, ci sarà un seguito concreto, ma l impressione trasmessa dal vertice è quella di aver ritrovato uno spirito più coeso che in passato. Ciò detto, ai toni muscolosi di Barack Obama sulla Russia, ha fatto da contrappunto una posizione europea meno oltranzista, con l Italia che si trova a dover sostenere una posizione comune che provoca pesanti reazioni nei comparti produttivi che più subiscono le conseguenze delle sanzioni, senza poi, almeno per ora, vedere la stessa solidarietà europea applicarsi, pur se in situazioni completamente diverse, a quanto accade sulla sponda sud in materia di immigrazione. La visita di Putin all EXPO, mercoledì 10 giugno, costituirà da questo punto di vista una scadenza importante. Sempre mercoledì si terrà a Bruxelles un ennesimo mini vertice del gruppo di leader europei che di fatto gestiscono la crisi greca con Alexīs Tsipras, per trovare una soluzione a quella che somiglia sempre più a una commedia degli equivoci che regolarmente sembra essere sul punto di trasformarsi in tragedia. Infine, è importante sottolineare, per i riflessi che avrà nella politica complessiva dell Unione europea nei confronti del Mediterraneo e del Medio Oriente, il mancato cappotto di Erdoğan nelle elezioni politiche di domenica scorsa e la necessità per il suo partito di trovare alleati per governare, dopo molti anni di esercizio solitario del potere. Nonostante una vigilia del voto particolarmente tesa e i timori latenti alle derive autoritarie del regime, l esito del voto turco ha costituito, da questo punto di vista, un bell esercizio di democrazia. G i a n f r a n c o D e l l A l b a 3

4 settimana dall 8 al 12 giugno novembre L a S e t t i m a n a Questa settimana al centro dell'attenzione ci sarà la plenaria di Strasburgo, dove la tensione maggiore, almeno politicamente, raggiungerà la discussione e la votazione del rapporto del socialista Lange sul partenariato transatlantico (cd TTIP). La pietra di inciampo è il meccanismo ISDS (sorta di giurisdizione privata per la risoluzione delle controversie) che il PPE è pronto ad accettare, ma il gruppo S&D no. La questione, che ha fatto saltare l'accordo raggiunto in commissione INTA, potrebbe addirittura portare alla bocciatura del testo. Dal punto di vista del Consiglio, l'8 giugno i Ministri dell'energia discuteranno la "Energy Union" sulla base del testo presentato nel febbraio dello scorso anno. Il 12 giugno, inoltre, si riunirà il Consiglio Telecomunicazioni: tra i punti all'odg, si segnalano l'accesso digitale alla pubblica amministrazione e una presentazione della strategia sul mercato unico digitale. M a t t e o B o r s a n i 4

5 settimana dall 8 al 12 giugno novembre 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO S E S S I O N E P L E N A R I A S T R A S B U R G O P l e n a r i a R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I A m b i e n t e 2. A C C ADE IN CO N SIGLIO C o n s i g l i o t e l e c o m u n i c a z i o n i C o n s i g l i o i n f o r m a l e C o e s i o n e C o n s i g l i o E n e r g i a 3. R I UNIONI ED EVENTI L a s t r a t e g i a e u r o p e a p e r i l M e r c a t o u n i c o d i g i t a l e 4. B ANDI E FINANZIAM ENTI P r o g r a m m i e b a n d i E v e n t i i n f o r m a t i v i Resoconto della settimana dall 1 al 5 giugno

6 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO S E S S I O N E P L E N A R I A D I S T R A S B U R G O P L E N A R I A Questa settimana il Parlamento europeo si riunisce in seduta plenaria a Strasburgo. Tra i lavori dell aula, si segnalano in particolare la relazione d iniziativa dell On. Mosca (S&D) sui diritti di proprietà intellettuale nei paesi terzi, prevista per lunedì 8 giugno e la relazione dell On.Lange (S&D,Germania) sui negoziati riguardanti il partenariato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP), mercoledì 10 giugno. Per scaricare l ordine del giorno cliccare qui. Per maggiori informazioni: Matteo Borsani R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I A M B I E N T E L 8 giugno i deputati della commissione Ambiente saranno aggiornati in merito agli esiti del negoziato interistituzionale sulla proposta di Direttiva per la Limitazione delle Emissioni degli Impianti di Combustione Medi. Per maggiori informazioni: Barbara Mariani 6

7 2. A C C ADE IN CONSIGLIO C O N S I G L I O T E L E C O M U N I C A Z I O N I Il 12 giugno, si riunirà a Lussemburgo il Consiglio Telecomunicazioni. I Ministri dovrebbero adottare un approccio generale su un programma di soluzioni di interoperabilità per la PA europea, le imprese e i cittadini (ISA), che dovrebbe sostituirsi all attuale programma, in scadenza alla fine del Il Consiglio sarà quindi chiamato ad adottare le conclusioni sul trasferimento delle funzioni di gestione della Internet Assigned Numbers Authority (IANA) verso una comunità multistakeholder. Queste conclusioni fanno seguito alle conclusioni del Consiglio sulla governance di Internet del 27 novembre I ministri faranno quindi il punto dei progressi compiuti sulla proposta di Direttiva volta a rendere i siti web degli enti pubblici più accessibili. I Ministri assisteranno infine a una presentazione da parte del Vice Presidente della Commissione europea Andrus Ansip della Strategia sul Mercato unico digitale, a cui seguirà uno scambio di opinioni. Si tratta di un esercizio inscritto in una più ampia discussione che ha coinvolto i Ministri dei Consigli Educazione, Cultura, Audiovisivi, Gioventù, Sport e Competitività, i cui risultati saranno sintetizzati in una Lettera della Presidenza allo stesso Esecutivo in vista del prossimo Consiglio Europeo. È previsto inoltre un aggiornamento sul dossier NIS e sullo stato dei negoziati sul TSM, in vista di un 4 e ultimo trilogo che potrebbe tenersi il 24 giugno. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido C O N S I G L I O I N F O R M A L E C O E S I O N E Il 9 e 10 giugno si terrà a Riga un incontro informale dei Ministri UE per la politica di Coesione e lo sviluppo territoriale. Nel corso della riunione del 9 giugno è prevista una discussione sull attuazione della politica di coesione riformata, su un uso più ampio degli strumenti finanziari della politica di coesione e sul rafforzamento della capacità amministrativa. 7

8 Il 10 giugno, i ministri avranno l opportunità di discutere per la prima volta a livello politico l Agenda urbana europea, raggiungendo un possibile primo accordo su alcuni principi di base. Scopo della riunione ministeriale informale è infatti di approvare la dichiarazione sull Agenda urbana dell'ue, elaborata dalla Presidenza lettone. In linea generale, la Dichiarazione individua gli elementi ed i principi che dovrebbero essere presi in considerazione in futuro nello sviluppo dell'agenda urbana dell UE da parte delle prossime presidenze di turno. La dichiarazione riconosce che le piccole e medie città hanno un ruolo importante nello sviluppo regionale nel suo complesso. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido C O N S I G L I O E N E R G I A L 8 giugno si terrà il Consiglio dei Ministri UE dell Energia. I Ministri adotteranno conclusioni politiche sul Pacchetto Energy Union presentato a febbraio 2014 dalla Commissione Europea. I Ministri discuteranno anche dell implementazione della strategia europea sulla sicurezza energetica e dei futuri sviluppi. Per maggiori informazioni: Barbara Mariani 8

9 3. R I UNIONI ED EVENTI S E M I N A R I O L A S T R A T E G I A E U R O P E A P E R I L M E R C A T O U N I C O D I G I T A L E Nel quadro dei Seminari sui temi europei, la Delegazione di Confindustria presso l UE propone un seminario di approfondimento dedicato ai temi digitali - La strategia europea per il Mercato unico digitale -, che si terrà il prossimo 19 giugno. Il seminario si aprirà con una presentazione generale della strategia europea per il Mercato unico digitale, dei tre pilastri e delle 16 azioni chiave in cui questa si articola. Si passerà quindi all analisi delle iniziative legislative più imminenti e che potrebbero avere un diretto impatto sul sistema industriale italiano, contenute nei tre pilastri della strategia. Si tratta delle iniziative legislative relative al commercio elettronico transfrontaliero e di quelle volte ad affrontare la questione del geo-blocking, nonché della revisione della regolamentazione europea in materia di telecomunicazioni. Con riferimento al terzo pilastro, invece, verrà trattato il tema della digitalizzazione dell industria. Nel pomeriggio verrà illustrato il punto di vista di BusinessEurope, con particolare riferimento alle opportunità e criticità che l industria europea ha rilevato nelle iniziative della Commissione. Infine, verrà illustrato il sostegno finanziario europeo per lo sviluppo di nuovi sistemi di produzione nell ambito del partenariato pubblico-privato Factories of the Future di Horizon 2020, e i risultati italiani nella partecipazione alle prime tornate dei bandi NMP nel Il seminario si chiuderà con un aggiornamento dell iter legislativo della proposta di Regolamento sulla protezione dei dati personali, con particolare riferimento agli esiti del Consiglio Giustizia e Affari interni del 15 e 16 giugno Cliccando qui si accede al programma preliminare, una nota descrittiva dei contenuti del seminario e la scheda di iscrizione. Per maggiori informazioni: Segretariato Delegazione Confindustria ) 9

10 4. B ANDI E FINANZIAM ENTI P R O G R A M M I E B A N D I Segnaliamo che il 4 Giugno 2015la Commissione europea ha aggiornato le liste dei beneficiari dello Strumento PMI del programma Horizon 2020 con i dati relativi alla Fase 2 della cut-off date del 18 Marzo Per questa scadenza, la Commissione europea ha ricevuto 614 proposte selezionando 42 piccole e medie imprese provenienti da 14 paesi per l'ultimo round dello strumento dedicato alle PMI del programma Horizon In particolare, 6 imprese italiane sono state selezionate come beneficiarie del finanziamento, seconde solo alla Spagna con 7 imprese selezionate. Le PMI selezionate dalla Commissione hanno ricevuto un finanziamento di oltre 12 milioni di euro. Dal lancio del programma, avvenuto il 1 Gennaio 2014, ben 214 piccole e medie imprese provenienti da 22 paesi sono state selezionate nell'ambito della fase 2 dello strumento per le PMI, accedendo ad un finanziamento complessivo che ha già raggiunto la quota di otre 294 milioni di euro. Per ulteriori informazioni sullo Strumento per le PMI si rimanda al sito dell Agenzia EASME ed al Participant Portal, oltre che alla pagina dedicata nell area riservata del sito web della Delegazione di Confindustria. Per maggiori informazioni: Leonardo Pinna e Ilaria Giannico 10

11 E V E N T I I N F O R M A T I V I Segnaliamo inoltre che questa settimana si terranno a Bruxelles i seguenti eventi informativi di maggior interesse per le imprese: EVENTO DATA E LUOGO TEMATICA SusChem Stakeholder Event Open Standards for ICT 8-9 giugno Sheraton Rogier Hotel, Brussels 12 giugno DG Connect, European Commission, Brussels La Piattaforma tecnologica europea per la chimica sostenibile (ETP-SusChem) organizza due giorni di eventi informativi dedicato agli stakeholder che avrà l obiettivo di presentare l agenda strategica della piattaforma, nonché di coinvolgere le PMI in un workshop interattivo. La DG Connect organizza un workshop per discutere di agenda digitale, tra normalizzazione delle tecnologie dell'informazione e appalti pubblici ICT, al fine di fornire indicazioni e aiutare le autorità pubbliche a utilizzare nuovi standard per promuovere l'efficienza e ridurre i lock-in. Per maggiori informazioni: Leonardo Pinna e Ilaria Giannico 11

12 Resoconto della settimana Dall 1 al 5 giugno 12

13 settimana dall 1 al 5 giugno ovembre 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I C o m m i s s i o n e s p e c i a l e a c c o r d i f i s c a l i 2. C OMITATO DELLE REGIONI a s e s s i o n e p l e n a r i a 3. B ANCA CENTRALE EURO PE A D e c i s i o n i d e l l a B C E d e l 3 g i u g n o R I UNIONI ED EVENTI E u r o p e a n D e v e l o p m e n t D a y s ( E D D ) : B r u x e l l e s, 3 e 4 g i u g n o

14 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I C O M M I S S I O N E S P E C I A L E A C C O R D I F I S C A L I A U D I Z I O N E P U B B L I C A R E L A T I V A A L L A D I M E N S I O N E I N T E R N A Z I O N A L E D E I R U L I N G F I S C A L I E D I A L T R E M I S U R E Lunedì 1 giugno la commissione speciale sui tax rulings e altri provvedimenti simili in natura o effetto (TAXE) si è riunita per un audizione pubblica relativa alla dimensione internazionale dei ruling fiscali nella quale hanno sono intervenuti il Senatore Mario Monti, ex Commissario per la concorrenza ed ex Presidente del Consiglio italiano e Tove Maria Ryding, Tax Coordinator per l European Network on Debt and Development. Agli interventi è seguita una tavola rotonda a cui ha partecipato, tra gli altri, anche Antoine Deltour ex dipendente della KPMG che ha contribuito a creare, con le sue rivelazioni, il caso LuxLeaks. L ex Premier italiano Monti ha posto l accento sul fatto che all interno dell UE vi sia una situazione ancora bloccata a causa della regola dell unanimità necessaria per raggiungere decisioni in campo fiscale. Monti ha sottolineato, però, come molti Stati membri, rendendosi maggiormente disponibili ad una collaborazione, stanno mostrando sempre più interesse a discutere la creazione di vere e proprie regole condivise nelle materie fiscali. È poi intervenuto Antoine Deltour, ex dipendente della KPMG, il quale ha dichiarato che devono essere rafforzate le misure di protezione per chi rischia, nell interesse pubblico, di subire, come nel suo caso, processi penali per aver cercato di rendere più trasparente per i cittadini europei il sistema fiscale. Deltour ha ottenuto il supporto di molti deputati della commissione. In seguito all Audizione è intervenuto il Presidente della commissione TAXE Alain Lamassoure, il quale ha rilevato come le posizioni del Parlamento e le proposte della Commissione stiano iniziando a dare i loro frutti. In questo contesto Lamassoure ha citato l esempio di Amazon che si è detto disponibile a cambiare le sue pratiche fiscali. Le prossime due presidenze di turno - Lussemburgo e Olanda - potrebbero aiutarci nel continuare la nostra lotta contro l elusione e l evasione fiscale ha sostenuto Lamassoure - poiché entrambi sono due paesi direttamente interessati dalla questione dell elusione fiscale e degli accordi fiscali. 14

15 Su questi temi nelle scorse settimane la commissione parlamentare ha avuto un confronto con i parlamentari di Belgio, Olanda, Lussemburgo e Svizzera, e ne avrà uno anche con il Parlamento inglese. È stato in seguito trattato il tema della disclosure delle informazioni incluse negli accordi fiscali. Alcuni eurodeputati hanno sottolineato la necessità di aumentare la trasparenza all interno della proposta della Commissione sullo scambio automatico e obbligatorio di informazioni sugli accordi fiscali. La proposta della Commissione è parte del pacchetto trasparenza presentato lo scorso 18 marzo. La commissione TAXE ha, inoltre, formalmente richiesto che il suo mandato, la cui originale scadenza era prevista a luglio, venga esteso fino ad ottobre. Il prossimo incontro della commissione si terrà il 17 giugno, mentre gli eurodeputati incontreranno i ministri degli Affari economici al prossimo ECOFIN del 14 luglio che si terrà in Lussemburgo. Per maggiori informazioni: Pietro Mambriani 15

16 2. C OMITATO DELLE REGIONI 112A S E S S I O N E P L E N A R I A Il 3 e 4 giugno si è tenuta la sessione plenaria del Comitato delle Regioni, in occasione della quale sono stati discussi quattro pareri e adottate due risoluzioni. Di seguito l elenco completo dei pareri esaminati durante la plenaria: Orientamenti per le politiche degli Stati membri, relatore: Mauro D'Attis (Membro del Consiglio comunale di Brindisi, Italia / PPE) Una migliore protezione dell'ambiente marino, relatore Hermann Kuhn (membro del Parlamento del Land Brema, Germania / PSE) Una vita dignitosa per tutti, relatore Hans Janssen (sindaco di Oisterwijk, Olanda / PPE), Supporto locale e regionale per un commercio equo in Europa, relatrice: Barbara Duden (membro del Parlamento di Hamburg City, Germania / PSE) Il Presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker ha partecipato al secondo giorno della plenaria per discutere del ruolo degli enti locali e regionali nel nuovo piano di investimenti per l'europa. Sono state adottate anche due risoluzioni: Risoluzione sulle priorità del sesto mandato del CdR per il periodo Risoluzione su un approccio sostenibile dell'ue in materia di migrazione. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido 16

17 3. BCE D E C I S I O N I D E L L A B C E D E L 3 G I U G N O 2015 Durante la riunione del 3 giugno 2015, il Consiglio direttivo della BCE ha deciso di mantenere invariati i tassi di riferimento per l Eurozona sulle operazioni di rifinanziamento principali (0,05%), sulle operazioni di rifinanziamento marginale (0,30%) e sui depositi presso la BCE (-0,20%). Nel corso della conferenza stampa che ha fatto seguito all incontro, il Presidente della BCE, Mario Draghi, ha sottolineato che le misure di politica monetaria della BCE, oltre a tradursi in una ripresa delle aspettative sui livelli di inflazione (prevista allo 0,3%, 1,5% e 1,8% rispettivamente nel 2015,2016 e nel 2017, in rialzo rispetto alle previsioni formulate nel mese di marzo), stanno generando un miglioramento della disponibilità e delle condizioni di accesso al credito per famiglie ed imprese. A tal proposito Draghi ha però evidenziato che, malgrado un parziale miglioramento dell'andamento dei prestiti (ad aprile si è registrato un tasso di variazione dei prestiti alle società non finanziarie dello -0,1% dopo il picco negativo del -3,2% toccato a febbraio), la dinamica dei prestiti alle società non finanziarie appare ancora deficitaria. Tale situazione dipende, secondo le parole del Presidente della BCE, sia da un aggiustamento ritardato del credito al ciclo economico, sia da fattori riguardanti il rischio e l offerta di credito. Contribuiscono alla dinamica anche gli aggiustamenti dei bilanci delle aziende operanti sia nei settori finanziari che in quelli non finanziari. Secondo le parole di Draghi, le misure di politica monetaria adottate dalla BCE avranno l ulteriore effetto di ridurre i costi di accesso al credito per le imprese e le famiglie e genereranno un incremento dei flussi di credito nel area euro. Sul tema del QE Draghi ha sottolineato che il programma avviato a marzo di quest anno dalla BCE sta producendo i suoi effetti e ribadito che l acquisto di titoli di Stato proseguirà al ritmo di 60 miliardi al mese fino a settembre 2016 ed ogni caso fino a che non sia stato imboccato un percorso che riporti i tassi d inflazione su livelli al di sotto ma vicini al 2% nel medio termine. Nel rispondere ai giornalisti il Presidente della BCE ha inoltre aperto alla possibilità di riconsiderare le dimensioni, il timing e le caratteristiche del QE qualora le circostanze dovessero richiederlo. Inoltre, in conferenza stampa molta attenzione è stata riservata all analisi della situazione della Grecia. Nel rispondere alle domande sulla questione greca ed esprimendosi sulle misure che la BCE intende intraprendere nel caso in cui il Governo di Atene decidesse di non accettare l accordo attualmente in fase di negoziazione, Mario Draghi si è limitato a segnalare che, nell ambito delle negoziazioni in corso, la volontà della BCE è quella che la Grecia rimanga all interno dell Eurozona. D altra parte, però, è necessario che l accordo tra il Governo di Atene ed i suoi creditori sia un 17

18 accordo forte, tanto in fase di costruzione quanto in fase di implementazione, e che risulti fondato sulla necessità di assicurare crescita, un quadro macroeconomico fiscalmente sostenibile, giustizia sociale e stabilità finanziaria. Alla domanda sulla congruità del surplus primario richiesto alla Grecia dalle Istituzioni, Draghi ha risposto che questo si basa sulle prospettive economiche della Grecia, attualmente in ribasso. Per quanto riguarda, invece, la possibilità di alzare il tetto di emissione di T- bills da parte della Grecia, Draghi ha sostenuto che un eventuale estensione potrebbe essere considerata ma al momento non vi sono le condizioni affinché ciò avvenga. In riferimento al valore dei titoli di stato Greci, utilizzati come collaterale dalle banche elleniche nelle operazioni di rifinanziamento presso la BCE, il Presidente ha riportato che il loro valore viene costantemente monitorato al fine di evitare ogni impatto sul bilancio della BCE. Infine, nel rispondere alle domande su una visione d insieme dello stato di salute dell economia greca e sulle possibilità che quest ultima possa effettivamente stabilizzarsi, Draghi ha evidenziato che esattamente al pari di ogni altra economia, l economia greca potrà essere rivitalizzata qualora vengano adottate le opportune politiche. Per maggiori informazioni: Viviana Padelli 18

19 4. R I UNIONI ED EVENTI E U R O P E A N D E V E L O P M E N T D A Y S ( E D D ) : B R U X E L L E S, 3 E 4 G I U G N O 2015 Il 3 e 4 luglio, la Commissione Europea ha organizzato le Giornate europee dello sviluppo (EDD15), evento simbolo dell Anno europeo per lo sviluppo (EYD2015) e primo forum in Europa incentrato sulla cooperazione globale. Ai lavori hanno preso parte oltre persone da 140 paesi, tra le quali leader politici, esperti di sviluppo, rappresentanti del settore privato e della società civile. Più di 400 i relatori, tra i quali Martin Schulz, Presidente del Parlamento Europeo, Sam Kutesa, Presidente della 69 sessione dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite e Jean- Claude Juncker, Presidente della Commissione Europea, che ha aperto le EDD2015 definendole la Davos dello sviluppo. Tra i principali temi dibattuti rientrano le condizioni per creare una crescita sostenibile ed il modo in cui una maggiore cooperazione tra tutti gli attori - profit e non - possa contribuire a sradicare la povertà e a ridurre le diseguaglianze. Grande rilevanza è stata infatti data al ruolo del settore privato e delle imprese nella cooperazione allo sviluppo. Grazie alla potenzialità di generare una crescita inclusiva e sostenibile nei paesi in via di sviluppo, gli attori privati assumono infatti un ruolo sempre più cruciale, sia come finanziatori che come partner di governi, ONG e donatori. Sam Kutesa, ha sottolineato come la chiave per uno sviluppo durevole sia dare valore aggiunto alle materie prime. Esportare materie prime significa infatti esportare anche posti di lavoro: solo la crescita di un settore privato locale permette di creare vero sviluppo. Il ruolo della Cooperazione europea dovrebbe dunque essere quello di abbassare il rischio dell investimento privato per contribuire ad una crescita sostenibile nei paesi in via di sviluppo. Punto sostenuto anche da Ahmed Hamid, Commissario per il Commercio della Comunità degli Stati dell Africa Occidentale (ECOWAS), secondo il quale la Cooperazione europea dovrebbe puntare proprio a favorire l aumento degli investimenti in questi mercati di difficile accesso. Le imprese straniere possono infatti trasferire sapere e contribuire a sviluppare un tessuto imprenditoriale locale, cruciale per la creazione di posti di lavoro e la crescita economica di un Paese. Marie Gad, Coordinatore del Gruppo di lavoro sulla Cooperazione di BUSINESSEUROPE cui partecipa anche Confindustria ha sottolineato come le imprese bilancino 19

20 costantemente rischi ed opportunità, ma in molti mercati emergenti i rischi ed i costi siano troppo alti, soprattutto per le PMI. Il Commissario Europeo al Commercio, Cecilia Malmström, ha infatti ribadito come l azione esterna dell UE, debba dunque sempre più orientarsi verso la creazione di un migliore clima di business in questi mercati, al fine di contribuire allo sviluppo di un settore privato locale, ad incrementare i flussi bilaterali di beni e servizi ed a favorire gli investimenti. Il programma delle giornate, l elenco dei relatori e la documentazione discussa sono disponibili qui. Per maggiori informazioni:marica Nobile ( ) A C U R A D I M A T T E O B O R S A N I, G I U L I A N A P E N N I S I E L U I G I O G N I M È 20

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO

REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. COSÌ È NATO L EURO TEDESCO 943 REGOLAMENTI E PATTI TRUFFA. R. Brunetta per Il Giornale 5 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 2 Di imbrogli,

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209

Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209 Documentazione per le Commissioni ATTIVITÀ DELL'UNIONE EUROPEA Il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell unione economica e monetaria (c.d. fiscal compact) n. 209 7 marzo 2012

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea

EUROPA. un Nuovo Inizio. 2014 Presidenza Italiana del Consiglio dell Unione Europea EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza Italiana iglio dell unione Europea 2014 Presidenza Italiana iglio ne Europea 1 Luglio - 31 Dicembre 2014 EUROPA un Nuovo Inizio Programma della Presidenza

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 16.12.2014 COM(2014) 910 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Programma

Dettagli

Far sentire la propria voce nell UE Guida per le ONG

Far sentire la propria voce nell UE Guida per le ONG Far sentire la propria voce nell UE Guida per le ONG Gruppo di contatto della società civile Questa pubblicazione fa parte di un progetto finanziato con il sostegno della Charles Stewart MOTT Foundation

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012

Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 Prot. n. 55 Roma, 20 luglio 2012 A tutte le Strutture Filctem-Flaei-Uilcem Lor o Sedi Oggetto: Protocollo di Relazioni Industriali ENEL Nel pomeriggio del 17 luglio, in un incontro che, oltre le Segreterie

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA

DICHIARAZIONE DELLA FRANCIA Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 17 aprile 2015 (OR. fr) Fascicolo interistituzionale: 2013/0025 (COD) 7768/15 ADD 1 REV 1 NOTA PUNTO "I/A" Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

XVI legislatura. Il trattato sul fiscal compact

XVI legislatura. Il trattato sul fiscal compact XVI legislatura Il trattato sul fiscal compact 94/DN 16 aprile 2012 Senato della Repubblica Servizio affari internazionali Ufficio per i rapporti con le istituzioni dell Unione europea XVI legislatura

Dettagli

TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole

TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole TTIP: l aggressione nascosta alla democrazia e alle regole Come la cooperazione normativa minaccia la legittimità democratica degli Stati di darsi delle regole Ci sono buone ragioni per temere che i risultati

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione Superare la crisi Un patto globale per l occupazione adottato dalla Conferenza Internazionale del Lavoro alla sua novantottesima sessione Ginevra, 19 giugno 2009 ISBN 978-92-2-820672-2 (web pdf) Prima

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

INFORMAZIONI DI BASE SUL PROGETTO E LA CONFERENZA

INFORMAZIONI DI BASE SUL PROGETTO E LA CONFERENZA Sostenere l'integrazione dei giovani lavoratori nei settori europei della metallurgia, dei trasporti, dell'alimentazione, dei servizi, dell'edilizia e del legno (nel quadro dell agenda sociale dell UE)

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 130 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Bilancio

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK

IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK IL PROCESSO PER LA DEFINIZIONE DEL POST 2015 DEVELOPMENT FRAMEWORK I. IL FRAMEWORK IN AMBITO NAZIONI UNITE (a) Il framework sviluppo per il post-obiettivi di Sviluppo del Millennio(MDG) A partire, formalmente,

Dettagli