Accade all UE. n 265. settimana dall 8 al 12 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l l 1 a l 5 a p r i l e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accade all UE. n 265. settimana dall 8 al 12 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l l 1 a l 5 a p r i l e 2 0 1 5"

Transcript

1 Accade all UE n 265 B o l l e t t i n o d i n f o r m a z i o n e s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e settimana dall 8 al 12 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l l 1 a l 5 a p r i l e

2 L Editoriale Entro venerdì la Commissione renderà nota la sua prima valutazione sul disegno di legge di stabilità italiano, ma ci si aspetta anche un intervento, per una volta, sui conti tedeschi che fa già molto rumore a Berlino. Del giudizio di Bruxelles sul testo del governo Letta sono già uscite alcune anticipazioni sulla stampa che parlano forse in modo eccessivamente ottimistico - di un parere "sostanzialmente positivo" sulla manovra, a condizione che si mantengano la traiettoria e i saldi di quanto mandato a Bruxelles, cioè del testo varato da Letta e Saccomanni. Naturalmente, in mezzo, ci sono i tremila e passa emendamenti ed è chiaro quindi che l esercizio è estremamente difficile perché dall Europa verrà un monito a chiudere la partita a saldi invariati, mentre non è certo che questa sia la linea delle forze politiche, specie nella fase convulsa che stiamo vivendo. Molto probabilmente, la Commissione metterà in rilievo l impegno del governo a tenere la barra del limite del 3% sul quale si è già espressa la scorsa settimana e farà capire che solo rispettando scrupolosamente le tabelle di marcia annunciate (cioè un deficit nel 2014 al 2,7%) può aprirsi concretamente la possibilità di attivare i meccanismi di flessibilità previsti dal sistema di governance europeo che ci consentirebbe di scorporare somme (due o tre miliardi per esempio) per investimenti senza intaccare i limiti stabiliti. E questo senza dubbio lo scenario al quale pensa Letta quando chiede che il suo governo sia giudicato "a fine 2014". Vedremo nelle prossime due/tre settimane se questo scenario sarà B a t t a g l i a c a m p a l e s u l T T I P a l P E Questa settimana il PE, riunito in sessione plenaria a Strasburgo, avrebbe dovuto votare sulla relazione del Presidente della Commissione per il Commercio internazionale in merito al negoziato tra Europa e Stati Uniti per dare vita al partenariato transatlantico in materia di commercio e investimenti (TTIP). Con il testo sottoposto all esame della plenaria, il PE avrebbe voluto mettere le mani avanti ed indicare - andando un po oltre i suoi poteri, ma forte del fatto di detenere, dopo il trattato di Lisbona, il diritto di ratifica sugli accordi internazionali alla stregua dei parlamenti nazionali - alla Commissione e agli Stati membri le linee rosse da non superare nella fase negoziale che possano pregiudicare, per l appunto, tale ratifica. Attorno a questo tema, evocato anche dai leaders del G7, che si sono impegnati ad un accelerazione del processo negoziale, si è scatenata un opposizione all idea stessa della conclusione di un accordo di queste proporzioni con gli Stati Uniti che ha contribuito molto a rendere incandescente il clima della vigilia parlamentare. Mentre nelle settimane scorse era stato raggiunto a fatica un compromesso fra i principali gruppi politici del PE su un testo che introduceva numerosi elementi nel canovaccio seguito sul tavolo negoziale, ma senza pregiudicarne l iter, le posizioni sono andate divaricandosi negli ultimi giorni ed una maggioranza del gruppo socialista si è apertamente schierata, in particolare, contro il famoso meccanismo di risoluzione delle controversie in materia di investimenti (ISDS), provocando una spaccatura, che avrebbe rischiato di riprodursi in aula. L esito del voto, quindi, è stato giudicato talmente incerto, anche perché il peso di quei deputati contrari, a prescindere, a qualsiasi ipotesi anche di un accordo a minima, rischiava, tra il voto degli emendamenti e la votazione finale, di creare il paradosso che il Parlamento non riuscisse in definitiva ad approvare nessun testo che, con una decisione dell ultimo minuto, il Presidente Schultz ha preferito rinviare il testo in Commissione. La partita, pertanto, per il momento resta aperta. 2

3 L Editoriale Entro venerdì la Commissione renderà nota la sua prima valutazione sul disegno di legge di stabilità italiano, ma ci si aspetta anche un intervento, per una volta, sui conti tedeschi che fa già molto rumore a Berlino. Del giudizio di Bruxelles sul testo del governo Letta sono già uscite alcune anticipazioni sulla stampa che parlano forse in modo eccessivamente ottimistico - di un parere "sostanzialmente positivo" sulla manovra, a condizione che si mantengano la traiettoria e i saldi di quanto mandato a Bruxelles, cioè del testo varato da Letta e Saccomanni. Naturalmente, in mezzo, ci sono i tremila e passa emendamenti ed è chiaro quindi che l esercizio è estremamente difficile perché dall Europa verrà un monito a chiudere la partita a saldi invariati, mentre non è certo che questa sia la linea delle forze politiche, specie nella fase convulsa che stiamo vivendo. Molto probabilmente, la Commissione metterà in rilievo l impegno del governo a tenere la barra del limite del 3% sul quale si è già espressa la scorsa settimana e farà capire che solo rispettando scrupolosamente le tabelle di marcia annunciate (cioè un deficit nel 2014 al 2,7%) può aprirsi concretamente la possibilità di attivare i meccanismi di flessibilità previsti dal sistema di governance europeo che ci consentirebbe di scorporare somme (due o tre miliardi per esempio) per investimenti senza intaccare i limiti stabiliti. E questo senza dubbio lo scenario al quale pensa Letta quando chiede che il suo governo sia G 7, G r e c i a, R u s s i a, T u r c h i a Settimana ricca di elementi importanti sulle politiche europee, innanzitutto gli esiti del G7, tornato forse ad essere un momento di confronto importante fra le due sponde dell Atlantico, anche per la sapiente regia della Cancelliera Merkel. Vedremo se sui vari aspetti della dichiarazione finale, dalla lotta ai cambiamenti climatici, alla posizione sulla Russia, al TTIP e più in generale alle misure per rilanciare la crescita, ci sarà un seguito concreto, ma l impressione trasmessa dal vertice è quella di aver ritrovato uno spirito più coeso che in passato. Ciò detto, ai toni muscolosi di Barack Obama sulla Russia, ha fatto da contrappunto una posizione europea meno oltranzista, con l Italia che si trova a dover sostenere una posizione comune che provoca pesanti reazioni nei comparti produttivi che più subiscono le conseguenze delle sanzioni, senza poi, almeno per ora, vedere la stessa solidarietà europea applicarsi, pur se in situazioni completamente diverse, a quanto accade sulla sponda sud in materia di immigrazione. La visita di Putin all EXPO, mercoledì 10 giugno, costituirà da questo punto di vista una scadenza importante. Sempre mercoledì si terrà a Bruxelles un ennesimo mini vertice del gruppo di leader europei che di fatto gestiscono la crisi greca con Alexīs Tsipras, per trovare una soluzione a quella che somiglia sempre più a una commedia degli equivoci che regolarmente sembra essere sul punto di trasformarsi in tragedia. Infine, è importante sottolineare, per i riflessi che avrà nella politica complessiva dell Unione europea nei confronti del Mediterraneo e del Medio Oriente, il mancato cappotto di Erdoğan nelle elezioni politiche di domenica scorsa e la necessità per il suo partito di trovare alleati per governare, dopo molti anni di esercizio solitario del potere. Nonostante una vigilia del voto particolarmente tesa e i timori latenti alle derive autoritarie del regime, l esito del voto turco ha costituito, da questo punto di vista, un bell esercizio di democrazia. G i a n f r a n c o D e l l A l b a 3

4 settimana dall 8 al 12 giugno novembre L a S e t t i m a n a Questa settimana al centro dell'attenzione ci sarà la plenaria di Strasburgo, dove la tensione maggiore, almeno politicamente, raggiungerà la discussione e la votazione del rapporto del socialista Lange sul partenariato transatlantico (cd TTIP). La pietra di inciampo è il meccanismo ISDS (sorta di giurisdizione privata per la risoluzione delle controversie) che il PPE è pronto ad accettare, ma il gruppo S&D no. La questione, che ha fatto saltare l'accordo raggiunto in commissione INTA, potrebbe addirittura portare alla bocciatura del testo. Dal punto di vista del Consiglio, l'8 giugno i Ministri dell'energia discuteranno la "Energy Union" sulla base del testo presentato nel febbraio dello scorso anno. Il 12 giugno, inoltre, si riunirà il Consiglio Telecomunicazioni: tra i punti all'odg, si segnalano l'accesso digitale alla pubblica amministrazione e una presentazione della strategia sul mercato unico digitale. M a t t e o B o r s a n i 4

5 settimana dall 8 al 12 giugno novembre 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO S E S S I O N E P L E N A R I A S T R A S B U R G O P l e n a r i a R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I A m b i e n t e 2. A C C ADE IN CO N SIGLIO C o n s i g l i o t e l e c o m u n i c a z i o n i C o n s i g l i o i n f o r m a l e C o e s i o n e C o n s i g l i o E n e r g i a 3. R I UNIONI ED EVENTI L a s t r a t e g i a e u r o p e a p e r i l M e r c a t o u n i c o d i g i t a l e 4. B ANDI E FINANZIAM ENTI P r o g r a m m i e b a n d i E v e n t i i n f o r m a t i v i Resoconto della settimana dall 1 al 5 giugno

6 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO S E S S I O N E P L E N A R I A D I S T R A S B U R G O P L E N A R I A Questa settimana il Parlamento europeo si riunisce in seduta plenaria a Strasburgo. Tra i lavori dell aula, si segnalano in particolare la relazione d iniziativa dell On. Mosca (S&D) sui diritti di proprietà intellettuale nei paesi terzi, prevista per lunedì 8 giugno e la relazione dell On.Lange (S&D,Germania) sui negoziati riguardanti il partenariato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP), mercoledì 10 giugno. Per scaricare l ordine del giorno cliccare qui. Per maggiori informazioni: Matteo Borsani R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I A M B I E N T E L 8 giugno i deputati della commissione Ambiente saranno aggiornati in merito agli esiti del negoziato interistituzionale sulla proposta di Direttiva per la Limitazione delle Emissioni degli Impianti di Combustione Medi. Per maggiori informazioni: Barbara Mariani 6

7 2. A C C ADE IN CONSIGLIO C O N S I G L I O T E L E C O M U N I C A Z I O N I Il 12 giugno, si riunirà a Lussemburgo il Consiglio Telecomunicazioni. I Ministri dovrebbero adottare un approccio generale su un programma di soluzioni di interoperabilità per la PA europea, le imprese e i cittadini (ISA), che dovrebbe sostituirsi all attuale programma, in scadenza alla fine del Il Consiglio sarà quindi chiamato ad adottare le conclusioni sul trasferimento delle funzioni di gestione della Internet Assigned Numbers Authority (IANA) verso una comunità multistakeholder. Queste conclusioni fanno seguito alle conclusioni del Consiglio sulla governance di Internet del 27 novembre I ministri faranno quindi il punto dei progressi compiuti sulla proposta di Direttiva volta a rendere i siti web degli enti pubblici più accessibili. I Ministri assisteranno infine a una presentazione da parte del Vice Presidente della Commissione europea Andrus Ansip della Strategia sul Mercato unico digitale, a cui seguirà uno scambio di opinioni. Si tratta di un esercizio inscritto in una più ampia discussione che ha coinvolto i Ministri dei Consigli Educazione, Cultura, Audiovisivi, Gioventù, Sport e Competitività, i cui risultati saranno sintetizzati in una Lettera della Presidenza allo stesso Esecutivo in vista del prossimo Consiglio Europeo. È previsto inoltre un aggiornamento sul dossier NIS e sullo stato dei negoziati sul TSM, in vista di un 4 e ultimo trilogo che potrebbe tenersi il 24 giugno. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido C O N S I G L I O I N F O R M A L E C O E S I O N E Il 9 e 10 giugno si terrà a Riga un incontro informale dei Ministri UE per la politica di Coesione e lo sviluppo territoriale. Nel corso della riunione del 9 giugno è prevista una discussione sull attuazione della politica di coesione riformata, su un uso più ampio degli strumenti finanziari della politica di coesione e sul rafforzamento della capacità amministrativa. 7

8 Il 10 giugno, i ministri avranno l opportunità di discutere per la prima volta a livello politico l Agenda urbana europea, raggiungendo un possibile primo accordo su alcuni principi di base. Scopo della riunione ministeriale informale è infatti di approvare la dichiarazione sull Agenda urbana dell'ue, elaborata dalla Presidenza lettone. In linea generale, la Dichiarazione individua gli elementi ed i principi che dovrebbero essere presi in considerazione in futuro nello sviluppo dell'agenda urbana dell UE da parte delle prossime presidenze di turno. La dichiarazione riconosce che le piccole e medie città hanno un ruolo importante nello sviluppo regionale nel suo complesso. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido C O N S I G L I O E N E R G I A L 8 giugno si terrà il Consiglio dei Ministri UE dell Energia. I Ministri adotteranno conclusioni politiche sul Pacchetto Energy Union presentato a febbraio 2014 dalla Commissione Europea. I Ministri discuteranno anche dell implementazione della strategia europea sulla sicurezza energetica e dei futuri sviluppi. Per maggiori informazioni: Barbara Mariani 8

9 3. R I UNIONI ED EVENTI S E M I N A R I O L A S T R A T E G I A E U R O P E A P E R I L M E R C A T O U N I C O D I G I T A L E Nel quadro dei Seminari sui temi europei, la Delegazione di Confindustria presso l UE propone un seminario di approfondimento dedicato ai temi digitali - La strategia europea per il Mercato unico digitale -, che si terrà il prossimo 19 giugno. Il seminario si aprirà con una presentazione generale della strategia europea per il Mercato unico digitale, dei tre pilastri e delle 16 azioni chiave in cui questa si articola. Si passerà quindi all analisi delle iniziative legislative più imminenti e che potrebbero avere un diretto impatto sul sistema industriale italiano, contenute nei tre pilastri della strategia. Si tratta delle iniziative legislative relative al commercio elettronico transfrontaliero e di quelle volte ad affrontare la questione del geo-blocking, nonché della revisione della regolamentazione europea in materia di telecomunicazioni. Con riferimento al terzo pilastro, invece, verrà trattato il tema della digitalizzazione dell industria. Nel pomeriggio verrà illustrato il punto di vista di BusinessEurope, con particolare riferimento alle opportunità e criticità che l industria europea ha rilevato nelle iniziative della Commissione. Infine, verrà illustrato il sostegno finanziario europeo per lo sviluppo di nuovi sistemi di produzione nell ambito del partenariato pubblico-privato Factories of the Future di Horizon 2020, e i risultati italiani nella partecipazione alle prime tornate dei bandi NMP nel Il seminario si chiuderà con un aggiornamento dell iter legislativo della proposta di Regolamento sulla protezione dei dati personali, con particolare riferimento agli esiti del Consiglio Giustizia e Affari interni del 15 e 16 giugno Cliccando qui si accede al programma preliminare, una nota descrittiva dei contenuti del seminario e la scheda di iscrizione. Per maggiori informazioni: Segretariato Delegazione Confindustria ) 9

10 4. B ANDI E FINANZIAM ENTI P R O G R A M M I E B A N D I Segnaliamo che il 4 Giugno 2015la Commissione europea ha aggiornato le liste dei beneficiari dello Strumento PMI del programma Horizon 2020 con i dati relativi alla Fase 2 della cut-off date del 18 Marzo Per questa scadenza, la Commissione europea ha ricevuto 614 proposte selezionando 42 piccole e medie imprese provenienti da 14 paesi per l'ultimo round dello strumento dedicato alle PMI del programma Horizon In particolare, 6 imprese italiane sono state selezionate come beneficiarie del finanziamento, seconde solo alla Spagna con 7 imprese selezionate. Le PMI selezionate dalla Commissione hanno ricevuto un finanziamento di oltre 12 milioni di euro. Dal lancio del programma, avvenuto il 1 Gennaio 2014, ben 214 piccole e medie imprese provenienti da 22 paesi sono state selezionate nell'ambito della fase 2 dello strumento per le PMI, accedendo ad un finanziamento complessivo che ha già raggiunto la quota di otre 294 milioni di euro. Per ulteriori informazioni sullo Strumento per le PMI si rimanda al sito dell Agenzia EASME ed al Participant Portal, oltre che alla pagina dedicata nell area riservata del sito web della Delegazione di Confindustria. Per maggiori informazioni: Leonardo Pinna e Ilaria Giannico 10

11 E V E N T I I N F O R M A T I V I Segnaliamo inoltre che questa settimana si terranno a Bruxelles i seguenti eventi informativi di maggior interesse per le imprese: EVENTO DATA E LUOGO TEMATICA SusChem Stakeholder Event Open Standards for ICT 8-9 giugno Sheraton Rogier Hotel, Brussels 12 giugno DG Connect, European Commission, Brussels La Piattaforma tecnologica europea per la chimica sostenibile (ETP-SusChem) organizza due giorni di eventi informativi dedicato agli stakeholder che avrà l obiettivo di presentare l agenda strategica della piattaforma, nonché di coinvolgere le PMI in un workshop interattivo. La DG Connect organizza un workshop per discutere di agenda digitale, tra normalizzazione delle tecnologie dell'informazione e appalti pubblici ICT, al fine di fornire indicazioni e aiutare le autorità pubbliche a utilizzare nuovi standard per promuovere l'efficienza e ridurre i lock-in. Per maggiori informazioni: Leonardo Pinna e Ilaria Giannico 11

12 Resoconto della settimana Dall 1 al 5 giugno 12

13 settimana dall 1 al 5 giugno ovembre 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I C o m m i s s i o n e s p e c i a l e a c c o r d i f i s c a l i 2. C OMITATO DELLE REGIONI a s e s s i o n e p l e n a r i a 3. B ANCA CENTRALE EURO PE A D e c i s i o n i d e l l a B C E d e l 3 g i u g n o R I UNIONI ED EVENTI E u r o p e a n D e v e l o p m e n t D a y s ( E D D ) : B r u x e l l e s, 3 e 4 g i u g n o

14 1. A C C ADE IN PARLAM E N TO R I U N I O N I D E L L E C O M M I S S I O N I P A R L A M E N T A R I C O M M I S S I O N E S P E C I A L E A C C O R D I F I S C A L I A U D I Z I O N E P U B B L I C A R E L A T I V A A L L A D I M E N S I O N E I N T E R N A Z I O N A L E D E I R U L I N G F I S C A L I E D I A L T R E M I S U R E Lunedì 1 giugno la commissione speciale sui tax rulings e altri provvedimenti simili in natura o effetto (TAXE) si è riunita per un audizione pubblica relativa alla dimensione internazionale dei ruling fiscali nella quale hanno sono intervenuti il Senatore Mario Monti, ex Commissario per la concorrenza ed ex Presidente del Consiglio italiano e Tove Maria Ryding, Tax Coordinator per l European Network on Debt and Development. Agli interventi è seguita una tavola rotonda a cui ha partecipato, tra gli altri, anche Antoine Deltour ex dipendente della KPMG che ha contribuito a creare, con le sue rivelazioni, il caso LuxLeaks. L ex Premier italiano Monti ha posto l accento sul fatto che all interno dell UE vi sia una situazione ancora bloccata a causa della regola dell unanimità necessaria per raggiungere decisioni in campo fiscale. Monti ha sottolineato, però, come molti Stati membri, rendendosi maggiormente disponibili ad una collaborazione, stanno mostrando sempre più interesse a discutere la creazione di vere e proprie regole condivise nelle materie fiscali. È poi intervenuto Antoine Deltour, ex dipendente della KPMG, il quale ha dichiarato che devono essere rafforzate le misure di protezione per chi rischia, nell interesse pubblico, di subire, come nel suo caso, processi penali per aver cercato di rendere più trasparente per i cittadini europei il sistema fiscale. Deltour ha ottenuto il supporto di molti deputati della commissione. In seguito all Audizione è intervenuto il Presidente della commissione TAXE Alain Lamassoure, il quale ha rilevato come le posizioni del Parlamento e le proposte della Commissione stiano iniziando a dare i loro frutti. In questo contesto Lamassoure ha citato l esempio di Amazon che si è detto disponibile a cambiare le sue pratiche fiscali. Le prossime due presidenze di turno - Lussemburgo e Olanda - potrebbero aiutarci nel continuare la nostra lotta contro l elusione e l evasione fiscale ha sostenuto Lamassoure - poiché entrambi sono due paesi direttamente interessati dalla questione dell elusione fiscale e degli accordi fiscali. 14

15 Su questi temi nelle scorse settimane la commissione parlamentare ha avuto un confronto con i parlamentari di Belgio, Olanda, Lussemburgo e Svizzera, e ne avrà uno anche con il Parlamento inglese. È stato in seguito trattato il tema della disclosure delle informazioni incluse negli accordi fiscali. Alcuni eurodeputati hanno sottolineato la necessità di aumentare la trasparenza all interno della proposta della Commissione sullo scambio automatico e obbligatorio di informazioni sugli accordi fiscali. La proposta della Commissione è parte del pacchetto trasparenza presentato lo scorso 18 marzo. La commissione TAXE ha, inoltre, formalmente richiesto che il suo mandato, la cui originale scadenza era prevista a luglio, venga esteso fino ad ottobre. Il prossimo incontro della commissione si terrà il 17 giugno, mentre gli eurodeputati incontreranno i ministri degli Affari economici al prossimo ECOFIN del 14 luglio che si terrà in Lussemburgo. Per maggiori informazioni: Pietro Mambriani 15

16 2. C OMITATO DELLE REGIONI 112A S E S S I O N E P L E N A R I A Il 3 e 4 giugno si è tenuta la sessione plenaria del Comitato delle Regioni, in occasione della quale sono stati discussi quattro pareri e adottate due risoluzioni. Di seguito l elenco completo dei pareri esaminati durante la plenaria: Orientamenti per le politiche degli Stati membri, relatore: Mauro D'Attis (Membro del Consiglio comunale di Brindisi, Italia / PPE) Una migliore protezione dell'ambiente marino, relatore Hermann Kuhn (membro del Parlamento del Land Brema, Germania / PSE) Una vita dignitosa per tutti, relatore Hans Janssen (sindaco di Oisterwijk, Olanda / PPE), Supporto locale e regionale per un commercio equo in Europa, relatrice: Barbara Duden (membro del Parlamento di Hamburg City, Germania / PSE) Il Presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker ha partecipato al secondo giorno della plenaria per discutere del ruolo degli enti locali e regionali nel nuovo piano di investimenti per l'europa. Sono state adottate anche due risoluzioni: Risoluzione sulle priorità del sesto mandato del CdR per il periodo Risoluzione su un approccio sostenibile dell'ue in materia di migrazione. Per maggiori informazioni: Cinzia Guido 16

17 3. BCE D E C I S I O N I D E L L A B C E D E L 3 G I U G N O 2015 Durante la riunione del 3 giugno 2015, il Consiglio direttivo della BCE ha deciso di mantenere invariati i tassi di riferimento per l Eurozona sulle operazioni di rifinanziamento principali (0,05%), sulle operazioni di rifinanziamento marginale (0,30%) e sui depositi presso la BCE (-0,20%). Nel corso della conferenza stampa che ha fatto seguito all incontro, il Presidente della BCE, Mario Draghi, ha sottolineato che le misure di politica monetaria della BCE, oltre a tradursi in una ripresa delle aspettative sui livelli di inflazione (prevista allo 0,3%, 1,5% e 1,8% rispettivamente nel 2015,2016 e nel 2017, in rialzo rispetto alle previsioni formulate nel mese di marzo), stanno generando un miglioramento della disponibilità e delle condizioni di accesso al credito per famiglie ed imprese. A tal proposito Draghi ha però evidenziato che, malgrado un parziale miglioramento dell'andamento dei prestiti (ad aprile si è registrato un tasso di variazione dei prestiti alle società non finanziarie dello -0,1% dopo il picco negativo del -3,2% toccato a febbraio), la dinamica dei prestiti alle società non finanziarie appare ancora deficitaria. Tale situazione dipende, secondo le parole del Presidente della BCE, sia da un aggiustamento ritardato del credito al ciclo economico, sia da fattori riguardanti il rischio e l offerta di credito. Contribuiscono alla dinamica anche gli aggiustamenti dei bilanci delle aziende operanti sia nei settori finanziari che in quelli non finanziari. Secondo le parole di Draghi, le misure di politica monetaria adottate dalla BCE avranno l ulteriore effetto di ridurre i costi di accesso al credito per le imprese e le famiglie e genereranno un incremento dei flussi di credito nel area euro. Sul tema del QE Draghi ha sottolineato che il programma avviato a marzo di quest anno dalla BCE sta producendo i suoi effetti e ribadito che l acquisto di titoli di Stato proseguirà al ritmo di 60 miliardi al mese fino a settembre 2016 ed ogni caso fino a che non sia stato imboccato un percorso che riporti i tassi d inflazione su livelli al di sotto ma vicini al 2% nel medio termine. Nel rispondere ai giornalisti il Presidente della BCE ha inoltre aperto alla possibilità di riconsiderare le dimensioni, il timing e le caratteristiche del QE qualora le circostanze dovessero richiederlo. Inoltre, in conferenza stampa molta attenzione è stata riservata all analisi della situazione della Grecia. Nel rispondere alle domande sulla questione greca ed esprimendosi sulle misure che la BCE intende intraprendere nel caso in cui il Governo di Atene decidesse di non accettare l accordo attualmente in fase di negoziazione, Mario Draghi si è limitato a segnalare che, nell ambito delle negoziazioni in corso, la volontà della BCE è quella che la Grecia rimanga all interno dell Eurozona. D altra parte, però, è necessario che l accordo tra il Governo di Atene ed i suoi creditori sia un 17

18 accordo forte, tanto in fase di costruzione quanto in fase di implementazione, e che risulti fondato sulla necessità di assicurare crescita, un quadro macroeconomico fiscalmente sostenibile, giustizia sociale e stabilità finanziaria. Alla domanda sulla congruità del surplus primario richiesto alla Grecia dalle Istituzioni, Draghi ha risposto che questo si basa sulle prospettive economiche della Grecia, attualmente in ribasso. Per quanto riguarda, invece, la possibilità di alzare il tetto di emissione di T- bills da parte della Grecia, Draghi ha sostenuto che un eventuale estensione potrebbe essere considerata ma al momento non vi sono le condizioni affinché ciò avvenga. In riferimento al valore dei titoli di stato Greci, utilizzati come collaterale dalle banche elleniche nelle operazioni di rifinanziamento presso la BCE, il Presidente ha riportato che il loro valore viene costantemente monitorato al fine di evitare ogni impatto sul bilancio della BCE. Infine, nel rispondere alle domande su una visione d insieme dello stato di salute dell economia greca e sulle possibilità che quest ultima possa effettivamente stabilizzarsi, Draghi ha evidenziato che esattamente al pari di ogni altra economia, l economia greca potrà essere rivitalizzata qualora vengano adottate le opportune politiche. Per maggiori informazioni: Viviana Padelli 18

19 4. R I UNIONI ED EVENTI E U R O P E A N D E V E L O P M E N T D A Y S ( E D D ) : B R U X E L L E S, 3 E 4 G I U G N O 2015 Il 3 e 4 luglio, la Commissione Europea ha organizzato le Giornate europee dello sviluppo (EDD15), evento simbolo dell Anno europeo per lo sviluppo (EYD2015) e primo forum in Europa incentrato sulla cooperazione globale. Ai lavori hanno preso parte oltre persone da 140 paesi, tra le quali leader politici, esperti di sviluppo, rappresentanti del settore privato e della società civile. Più di 400 i relatori, tra i quali Martin Schulz, Presidente del Parlamento Europeo, Sam Kutesa, Presidente della 69 sessione dell Assemblea Generale delle Nazioni Unite e Jean- Claude Juncker, Presidente della Commissione Europea, che ha aperto le EDD2015 definendole la Davos dello sviluppo. Tra i principali temi dibattuti rientrano le condizioni per creare una crescita sostenibile ed il modo in cui una maggiore cooperazione tra tutti gli attori - profit e non - possa contribuire a sradicare la povertà e a ridurre le diseguaglianze. Grande rilevanza è stata infatti data al ruolo del settore privato e delle imprese nella cooperazione allo sviluppo. Grazie alla potenzialità di generare una crescita inclusiva e sostenibile nei paesi in via di sviluppo, gli attori privati assumono infatti un ruolo sempre più cruciale, sia come finanziatori che come partner di governi, ONG e donatori. Sam Kutesa, ha sottolineato come la chiave per uno sviluppo durevole sia dare valore aggiunto alle materie prime. Esportare materie prime significa infatti esportare anche posti di lavoro: solo la crescita di un settore privato locale permette di creare vero sviluppo. Il ruolo della Cooperazione europea dovrebbe dunque essere quello di abbassare il rischio dell investimento privato per contribuire ad una crescita sostenibile nei paesi in via di sviluppo. Punto sostenuto anche da Ahmed Hamid, Commissario per il Commercio della Comunità degli Stati dell Africa Occidentale (ECOWAS), secondo il quale la Cooperazione europea dovrebbe puntare proprio a favorire l aumento degli investimenti in questi mercati di difficile accesso. Le imprese straniere possono infatti trasferire sapere e contribuire a sviluppare un tessuto imprenditoriale locale, cruciale per la creazione di posti di lavoro e la crescita economica di un Paese. Marie Gad, Coordinatore del Gruppo di lavoro sulla Cooperazione di BUSINESSEUROPE cui partecipa anche Confindustria ha sottolineato come le imprese bilancino 19

20 costantemente rischi ed opportunità, ma in molti mercati emergenti i rischi ed i costi siano troppo alti, soprattutto per le PMI. Il Commissario Europeo al Commercio, Cecilia Malmström, ha infatti ribadito come l azione esterna dell UE, debba dunque sempre più orientarsi verso la creazione di un migliore clima di business in questi mercati, al fine di contribuire allo sviluppo di un settore privato locale, ad incrementare i flussi bilaterali di beni e servizi ed a favorire gli investimenti. Il programma delle giornate, l elenco dei relatori e la documentazione discussa sono disponibili qui. Per maggiori informazioni:marica Nobile ( ) A C U R A D I M A T T E O B O R S A N I, G I U L I A N A P E N N I S I E L U I G I O G N I M È 20

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue

n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue ACCADE AL PE n. 52 settimana dal 14 all 18 giugno 2010 A cura della Delegazione di Confindustria presso l Ue SETTIMANA DAL 14 AL 18 GIUGNO Questa settimana hanno inviato i propri contributi: Anita, Assica

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

RASSEGNA STAMPA EUROPEA

RASSEGNA STAMPA EUROPEA RASSEGNA STAMPA EUROPEA n. 1/11 10 14 gennaio 2011 Al via Presidenza ungherese dell UE: coinvolgere enti locali e regionali È all'ungheria che spetterà il compito di sostenere e canalizzare lo slancio

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

EUROPA PER LE IMPRESE N E W S L E T T E R

EUROPA PER LE IMPRESE N E W S L E T T E R EUROPA PER LE IMPRESE N E W S L E T T E R L E D I T O R I A L E Riunione del Comitato Tecnico Europa a Bruxelles di Giorgio Squ inzi Presidente Comitato Tecnico per l Europa N.89 G I U G N O 2011 Il 14

Dettagli

Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea. 1 Luglio 31 Dicembre 2011. Programma

Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea. 1 Luglio 31 Dicembre 2011. Programma Presidenza polacca del Consiglio dell Unione Europea 1 Luglio 31 Dicembre 2011 Programma Roma, il 29 giugno 2011 1 Priorità della Presidenza Integrazione europea come fonte di crescita Europa sicura Europa

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Le Istituzioni dell UE

Le Istituzioni dell UE Le Istituzioni dell UE Il Parlamento europeo 754 Membri del Parlamento Potere legislativo condiviso con il Consiglio Potere di bilancio condiviso con il Consiglio Potere di controllo politico Il Consiglio

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona

Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona JOSÉ MANUEL DURÃO BARROSO HA STUDIATO LEGGE ALL UNIVERSITÀ DI LISBONA ED HA CONSEGUITO UN MASTER IN SCIENZE POLITICHE

Dettagli

Accade all UE. Bollettino d informazione sulle attività delle Istituzioni Comunitarie n. 179, dal 29 aprile al 10 maggio 2013

Accade all UE. Bollettino d informazione sulle attività delle Istituzioni Comunitarie n. 179, dal 29 aprile al 10 maggio 2013 Accade all UE Bollettino d informazione sulle attività delle Istituzioni Comunitarie n. 179, dal 29 aprile al 10 maggio 2013 EDITORIALE IL MESE DI PASSIONE DEL GOVERNO LETTA Appena insediato il governo

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Accade all UE. n 271. s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e

Accade all UE. n 271. s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e Accade all UE n 271 B o l l e t t i n o d i n f o r m a z i o n e s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e settimana dal 20 al 24 luglio 2015 r e s o c o n t o d

Dettagli

Roberta Maestri. Curriculum Vitae Roberta Maestri. Alta Professionalità Progettazione e sviluppo interventi per le piccole e medie imprese :

Roberta Maestri. Curriculum Vitae Roberta Maestri. Alta Professionalità Progettazione e sviluppo interventi per le piccole e medie imprese : INFORMAZIONI PERSONALI Roberta Maestri 071/8063598 (ufficio) Fax 071/8063058 Roberta.maestri@regione.marche.it (ufficio) Sesso F Data di nascita 01/09/1961 Nazionalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello

Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello Progetto HOPEurope Costruire cittadinanza, democrazia, pace e sostenibilità in un Europa unita e multilivello 6. Istituzioni dell'unione europea La Corte dei conti dell'ue e la Banca europea degli investimenti

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

Lavori Commissioni Parlamentari Parlamento europeo

Lavori Commissioni Parlamentari Parlamento europeo L Ungheria inaugura la sua presidenza È l economia il primo punto in agenda dell Ungheria per il suo semestre alla presidenza del Consiglio. Infatti, secondo il Primo Ministro ungherese, il forte livello

Dettagli

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO

DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO L 260/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 3.10.2009 DECISIONI ADOTTATE CONGIUNTAMENTE DAL PARLAMENTO EUROPEO E DAL CONSIGLIO DECISIONE N. 922/2009/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16

Dettagli

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea

Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE L Unione europea Giugno 2015 Contenuto 1. Grandi linee 2. Funzionamento 3. Trattati 4. Organi e istituzioni European Union,

Dettagli

UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni

UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni UNIONE EUROPEA Comitato delle Regioni Strumenti di comunicazione per i membri del CdR Edizione 2010 Strumenti di comunicazione per i membri del CdR Edizione 2010 Il team Comunicazione e stampa fornisce

Dettagli

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA

LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA LE ISTITUZIONI DELL UNIONE EUROPEA L UE è uno Stato, una confederazione, una federazione, un organizzazione internazionale? È un organizzazione internazionale dotata di ampi poteri che configurano cessioni

Dettagli

Accade all UE. n 275. s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e

Accade all UE. n 275. s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e Accade all UE n 275 B o l l e t t i n o d i n f o r m a z i o n e s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e settimana dal 28 settembre al 2 ottobre 2015 r e s o c

Dettagli

Risoluzione n. 1/2015

Risoluzione n. 1/2015 X Legislatura Risoluzione n. 1/2015 Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo europeo per gli investimenti strategici e che modifica i regolamenti (UE) nn. 1291/2013

Dettagli

Accade all UE. n 268. s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e

Accade all UE. n 268. s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e Accade all UE n 268 B o l l e t t i n o d i n f o r m a z i o n e s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e settimana dal 29 giugno al 3 luglio 2015 r e s o c o n

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

ABITARE IN EUROPA Settimana europea dell'alloggio sociale Parlamento europeo, Bruxelles, dal 10 al 14 ottobre 2005

ABITARE IN EUROPA Settimana europea dell'alloggio sociale Parlamento europeo, Bruxelles, dal 10 al 14 ottobre 2005 ABITARE IN EUROPA Settimana europea dell'alloggio sociale Parlamento europeo, Bruxelles, dal 10 al 14 ottobre 2005 Organizzato dal CECODHAS, il Comitato europeo di coordinamento per l'alloggio sociale

Dettagli

Accade all UE. n 264. settimana dall 1 al 5 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l 26 a l 29 g i u g n o 2 0 1 5

Accade all UE. n 264. settimana dall 1 al 5 giugno 2015 r e s o c o n t o d e l l a s e t t i m a n a d a l 26 a l 29 g i u g n o 2 0 1 5 Accade all UE n 264 B o l l e t t i n o d i n f o r m a z i o n e s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e settimana dall 1 al 5 giugno 2015 r e s o c o n t o d e

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. Come funziona l Unione. europea. Guida del cittadino alle istituzioni dell UE. Unione europea

LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA. Come funziona l Unione. europea. Guida del cittadino alle istituzioni dell UE. Unione europea LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Come funziona l Unione Guida del cittadino alle istituzioni dell UE europea Unione europea LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Questa pubblicazione fa parte di una serie che

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

Accade all UE. n 245. s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e

Accade all UE. n 245. s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e Accade all UE n 245 B o l l e t t i n o d i n f o r m a z i o n e s u l l e a t t i v i t à d e l l e I s t i t u z i o n i C o m u n i t a r i e settimana dal 19 al 23 gennaio 2015 r e s o c o n t o d

Dettagli

Breaking news. Quattro chiare domande

Breaking news. Quattro chiare domande Breaking news La BCE mantiene invariato il suo supporto al sistema bancario in Grecia. L Eurogruppo esclude ulteriori negoziati con la Grecia fino al referendum. Il Primo Ministro greco Tsipras invia una

Dettagli

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Introduzione L Europa dovrà affrontare delle sfide importanti nell immediato futuro: ripresa economica, politica monetaria,

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! La politica di comunicazione dell Unione europea 2007-2013 Tappe Principali Ottobre 2005 - Piano D (Dibattito, Dialogo e Democrazia) Novembre 2005 - Iniziativa

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 13.09.2005 COM(2005) 426 definitivo Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO concernente la firma, a nome della Comunità europea, della convenzione n. 198 del Consiglio

Dettagli

11. Scambio di opinioni con Elżbieta Bieńkowska, Commissario responsabile per il Mercato interno, l industria, l imprenditoria e le PMI

11. Scambio di opinioni con Elżbieta Bieńkowska, Commissario responsabile per il Mercato interno, l industria, l imprenditoria e le PMI TITOLO Riunione Commissione IMCO LUOGO E DATA 6 Maggio 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles Commissione per il Mercato Interno e la ORGANIZZATORE Protezione dei Consumatori (IMCO) RELAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Il trattato di Lisbona parte IV La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona

Il trattato di Lisbona parte IV La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona Il trattato di Lisbona parte IV La nuova architettura istituzionale europea prevista dal trattato di Lisbona Le nuove istituzioni europee Con l introduzione del trattato di Lisbona e la conseguente soppressione

Dettagli

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione In questa edizione: Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Consumatori: inaugurato un nuovo master

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

Newsletter Desk Europeo Settembre 2013. Nuovo Programma per l occupazione e l innovazione sociale

Newsletter Desk Europeo Settembre 2013. Nuovo Programma per l occupazione e l innovazione sociale Nuovo Programma per l occupazione e l innovazione sociale Il Parlamento europeo ed il Consiglio hanno raggiunto un accordo sul Programma per l occupazione e l innovazione sociale, che dovrà ora essere

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

La via italiana all emersione dei capitali

La via italiana all emersione dei capitali La via italiana all emersione dei capitali Marco Causi La Commissione finanze di Montecitorio ha approvato il testo di una legge che introduce una procedura per regolarizzare i capitali nascosti detenuti

Dettagli

Newsletter Desk Europeo Febbraio 2014 CRESCITA E OCCUPAZIONE DICHIARATE PRIORITA' NEL SEMESTRE DI PRESIDENZA GRECA

Newsletter Desk Europeo Febbraio 2014 CRESCITA E OCCUPAZIONE DICHIARATE PRIORITA' NEL SEMESTRE DI PRESIDENZA GRECA CRESCITA E OCCUPAZIONE DICHIARATE PRIORITA' NEL SEMESTRE DI PRESIDENZA GRECA L'8 gennaio la Grecia ha ufficialmente dato inizio al proprio turno di presidenza del Consiglio dell'unione europea: fino a

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

MACROREGIONE ALPINA. Attualmente esistono già due Macroregioni in Europa e sono : la macroregione dei Paesi Baltici e quella del Danubio.

MACROREGIONE ALPINA. Attualmente esistono già due Macroregioni in Europa e sono : la macroregione dei Paesi Baltici e quella del Danubio. MACROREGIONE ALPINA Con il Trattato di Lisbona (2009) la coesione territoriale all interno dell Unione europea è diventata un importante obiettivo per la comunità di Stati. L idea che ne nasce è quella

Dettagli

8. Possibile estensione della protezione dell indicazione geografica dell Unione Europea ai prodotti non-agricoli

8. Possibile estensione della protezione dell indicazione geografica dell Unione Europea ai prodotti non-agricoli TITOLO Riunione Commissione INTA LUOGO E DATA 6 maggio 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles Commissione per il Commercio ORGANIZZATORE Internazionale (INTA) RELAZIONE Il giorno 6 maggio

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

C. Affari Economici e Finanziari

C. Affari Economici e Finanziari C. Una Nuova Agenda di Politica Economica L attuale congiuntura richiede un profondo cambiamento nell agenda di politica economica dell UE, che vada nella direzione di una strategia politica più efficace

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO

Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.11.2012 COM(2012) 655 final Raccomandazione di DECISIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Commissione europea a partecipare, per conto dell Unione europea, ai negoziati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020

PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 PROGRAMMAZIONE DEI FONDI COMUNITARI 2014-2020 27 gennaio 2014 1 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI COMUNITARI SINTESI DEL PERCORSO E STATO DELL ARTE A. Negoziato Europeo Il 2 dicembre 2013 il Consiglio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico PRESIDENZA ITALIANA DEL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA 01 luglio 31 dicembre 2014 ILLUSTRAZIONE PROGRAMMA DI PRESIDENZA PER IL SETTORE ENERGIA Incontro con gli stakeholders

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA

IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA LE INNOVAZIONI INTRODOTTE DALLA RIFORMA DI LISBONA PROF.SSA MARIA TERESA STILE Indice 1 IL NUOVO ASSETTO ISTITUZIONALE DELL UNIONE EUROPEA ------------------------------------------ 3 2 INTEGRAZIONE EUROPEA

Dettagli

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire

La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire La Tigre Celtica dagli artigli spuntati continua a ruggire Lo strano caso della ripresa economica irlandese 27/04/2014 Centro di Sviluppo Politico e Sociale CSPS Relatore: Presidente del CSPS, Dott. Diego

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI

IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI Un piano di investimenti per l Europa IL FONDO EUROPEO PER GLI INVESTIMENTI STRATEGICI REG2015/1017 Audizione presso la XIV Commissione del Senato Politiche dell Unione europea Roma, 22 luglio 2015 Adozione

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 21.10.2015 COM(2015) 602 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA Una tabella di marcia verso una rappresentanza

Dettagli

LA BATTAGLIA SI SPOSTA IN BCE: BERLINO TENTERÀ DI CACCIARE LA GRECIA DALL EURO?

LA BATTAGLIA SI SPOSTA IN BCE: BERLINO TENTERÀ DI CACCIARE LA GRECIA DALL EURO? LA BATTAGLIA SI SPOSTA IN BCE: BERLINO TENTERÀ DI CACCIARE LA GRECIA DALL EURO? LORENZO DILENA 6 luglio 2015 La netta vittoria del No nel referendum che si è svolto ieri in Grecia dà un mandato chiaro

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Ottobre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Normativa di riferimento. 3. La società europea e la delega nazionale. 4. Le procedure

Dettagli

Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online. Lente sull UE n.

Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online. Lente sull UE n. Piano d'azione sul Copyright e proposta di Regolamento sulla portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online Lente sull UE n. 40 Dicembre 2015 Premessa Il 9 dicembre scorso, la Commissione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE LIBRO VERDE. sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2006 COM(2006) 316 definitivo LIBRO VERDE sul ruolo della società civile nella politica in materia di droga nell Unione europea (presentata dalla Commissione)

Dettagli

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea Marco Canton Politiche UE Programmi Assistenza Esterna Programmi Tematici Gestione centralizzata

Dettagli

Provincia Regionale di Messina Gabinetto del Presidente

Provincia Regionale di Messina Gabinetto del Presidente Provincia Regionale di Messina Gabinetto del Presidente EUROPANEWS Newsletter redatta a cura dell Ufficio Europa ed Interventi Comunitari 12 Dicembre 2014 Corso Cavour 98122 Messina - tel. 0907761827/830/832

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT

8394/15 rus,bla/paz/gl/s 1 DPG LIMITE IT Consiglio dell'unione europea Bruxelles, 22 giugno 2015 (OR. en) 8394/15 LIMITE CO EUR-PREP 20 NOTA Origine: Segretariato generale del Consiglio Destinatario: Consiglio Oggetto: Consiglio europeo (25 e

Dettagli

LUOGO E DATA 15 Ottobre 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE

LUOGO E DATA 15 Ottobre 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE TITOLO Riunione Commissione INTA LUOGO E DATA 15 Ottobre 2015 Parlamento Europeo Rue Wiertz, 60 1000 Bruxelles ORGANIZZATORE Commissione Commercio Internazionale RELAZIONE In data 15 ottobre 2015 si è

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

Sintesi attività: secondo semestre 2014

Sintesi attività: secondo semestre 2014 Ufficio del Consigliere Diplomatico Sintesi attività: secondo semestre 2014 R O M A, 1 6 G E N N A I O 2 0 1 5 Indice dei contenuti Il semestre di Presidenza UE Il contesto delle Nazioni Unite Altre attività

Dettagli

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE

TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE RELAZIONE TITOLO LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Infoday on Horizon 2020 - Research PPPs on Factories of the Future, Energy-efficient Buildings, Green Vehicles and Sustainable Process Industry 16-17 Dicembre 2013 Commissione

Dettagli

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna

RISOLUZIONE. L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Servizio Segreteria Assemblea Legislativa REGIONE EMILIA-ROMAGNA - ASSEMBLEA LEGISLATIVA ATTO DI INDIRIZZO RISOLUZIONE - Oggetto n. 512 - Risoluzione proposta dal Presidente della I Commissione, su mandato

Dettagli

La legge di riforma della cooperazione italiana

La legge di riforma della cooperazione italiana La legge di riforma della cooperazione italiana (L.125/2014) Giovanni Rocca Presidente Gruppo di Lavoro Cooperazione Internazionale CONFINDUSTRIA Gruppo di lavoro Cooperazione Internazionale Dalla legge

Dettagli

Il Fondo Monetario Internazionale

Il Fondo Monetario Internazionale Il Fondo Monetario Internazionale Introduzione Origine Obiettivi Funzioni Conferenza di Bretton Woods (1944). Oggi conta 184 paesi membri; Vuole dare vita, assieme alla Banca Mondiale e ad una terza organizzazione

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli