GRECIA. CONGIUNTURA ECONOMICA Aprile Istituto nazionale per il Commercio Estero Ufficio in Atene

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRECIA. CONGIUNTURA ECONOMICA Aprile 2011. Istituto nazionale per il Commercio Estero Ufficio in Atene"

Transcript

1 Istituto nazionale per il Commercio Estero Ufficio in Atene GRECIA CONGIUNTURA ECONOMICA Aprile 2011 Vass. Sofias, Atene Grecia Tel.: Fax: Web:

2 NOTA CONGIUNTURALE GRECIA Aprile 2011 Contenuti: INFORMAZIONI GENERALI... 3 SITUAZIONE ECONOMICA... 4 STRUTTURA ECONOMICA: RIPARTIZIONE SETTORIALE... 9 L AZIONE DEL GOVERNO... 9 RELAZIONI INTERNAZIONALI E RUOLO STRATEGICO DELLA GRECIA NEI BALCANI COMMERCIO ESTERO INVESTIMENTI ESTERI IN GRECIA PRESENZA ITALIANA IN GRECIA... 36

3 INFORMAZIONI GENERALI SUPERFICIE Kmq POPOLAZIONE (censimento del 2001) CITTA PRINCIPALI ATENE abitanti Salonicco abitanti Patrasso abitanti Heraklion abitanti Larissa abitanti CLIMA Mediterraneo LINGUA UFFICIALE FUSO ORARIO Greco È diffusa la conoscenza dell'inglese, soprattutto nelle attività economiche e commerciali, e in misura minore l'italiano e il francese + 1 rispetto all'italia RELIGIONE Greco-Ortodossa ORDINAMENTO DELLO STATO Repubblica parlamentare SUDDIVISIONE AMMINISTRATIVA Il Paese è suddiviso in 13 regioni e 52 prefetture

4 SITUAZIONE ECONOMICA Nel 2010 i principali indicatori macroeconomici hanno registrato andamenti negativi in conseguenza della grave crisi economica, iniziata negli ultimi mesi del 2008, che tuttora affligge il Paese. Nel periodo di riferimento, infatti, il Prodotto Interno Lordo, in termini reali, è diminuito del 4,5%, rispetto all anno precedente, i consumi privati, sono calati dell 1,8%, i consumi pubblici hanno registrato un record negativo del -9% e gli investimenti pubblici e privati sono diminuiti 17,4%; conseguentemente la domanda interna ha registrato una pesante flessione del 7,3%. Principali indicatori macroeconomici (*) 2012 (*) PIL nominale (miliardi di euro) 245,9 227,3 235,7 233,0 229,9 226,4 229,8 PIL reale (var.%) 4,3% 4,5% 1,3% -2,3% -4,5% -3,0% 1,1% Domanda interna (var.%) 5,2% 5,8% 1,6% -4,0% -7,3% -5,5% -0,6% Consumi privati (var.%) 3,4% 3,3% 3,2% -1,8% -4,1% -4,3% 0,5% Consumi pubblici (var. ) 2,1% 8,4% 1,0% 7,6% -9,0% -8,5% -6,0% Investimenti pubblici e privati (var.%) 9,1% 4,6% -7,6% -11,4% -17,4% -7,5% -2,6% Produzione industriale (var.%) 0,5% 2,3% -4,0% -9,4% -5,7% == == Tasso di inflazione (%) 3,3% 3,0% 4,2% 1,2% 4,7% 2,2% 0,3% Tasso di disoccupazione (%) 8,9% 8,3% 7,3% 9,0% 12,5% 14,6% 14,8% Tasso di produttività del lavoro (%) 2,2% 3,1% 1,6% -1,1% -1,0% 0,5% -0,1% Disavanzo di bilancio (% sul PIL) 2,5% -5,1% -9,4% -15,4% -9,4% -7,4% -6,5% Debito pubblico (% sul PIL) 95,3% 95,3% 110,3% 126,8% 144,0% 152,6% 156,3% Fonte: elaborazioni ICE su dati del Ministero dell Economia Ellenico (*) previsioni del Ministero dell'economia, UE, OCSE Il volume del commercio al dettaglio nel 2010 è diminuito nella misura del 6,9%, rispetto all anno precedente. Tale calo ha interessato tutti i settori merceologici le cui vendite si sono assottigliate più o meno marcatamente: mobili ed apparecchiature elettriche ed elettroniche per la casa (-12,8%); abbigliamento e calzature (-11,4%); prodotti alimentari, bevande e tabacco (-5,5%); libri, cancelleria e articoli da regalo (-4,3%). Il numero delle autovetture immatricolate nel 2010 in Grecia è ammontato a unità, di cui nuove e usate, circa il 37,1% in meno rispetto all anno precedente ( ) ed il 52% in meno rispetto al 2008 ( ). Di queste, circa il 51,1% sono state vendute nella prefettura dell Attica. Con riferimento alle autovetture nuove, i principali marchi venduti, sono risultati nell ordine: Toyota ( unità; quota 11,97%), Opel ( unità; quota 9,24%) e Volkswagen ( unità; quota 9,19%). Il FIAT Group Automobiles Hellas si è piazzata al quarto posto nella classifica dei principali fornitori avendo venduto, nel periodo di riferimento, autovetture, pari all 8,04% del totale.

5 PRINCIPALI MARCHI DI AUTOVETTURE VENDUTE IN GRECIA (Periodo Gennaio-Dicembre 2010) CITROEN 4,05% SUZUKI 4,55% NISSAN 4,79% SKODA 5,08% ALTRI 29,28% HYUNDAI 6,59% FORD 7,22% TOYOTA 11,97% FGA GROUP 8,04% OPEL 9,24% VOLKS WAGEN 9,19% La produzione industriale nel 2010 ha registrato una flessione del 5,7% rispetto all anno precedente. Il servizio statistico ha attribuito tale riduzione ad una diminuzione del 9,2% della produzione di energia elettrica, ad un calo del 6,6% della produzione dell industria mineraria ed estrattiva, ad un calo del 4,8% della produzione manifatturiera e ad un incremento dello 0,7% della produzione di acqua. Per quanto concerne i comparti, sempre con riferimento all intero 2010, l indice è diminuito in quasi tutti i settori: beni strumentali (-25,4%); beni di consumo durevoli (-13,4%); beni di consumo non durevoli (-6,7%); energia (-4,9%). In controtendenza l indice riferito ai beni intermedi che nel periodo di riferimento è incrementato dello 0,2%. VARIAZIONE % DELL'INDICE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE (PERIODO GENNAIO-DICEMBRE 2010) -5,7% -6,7% INDICE GENERALE BENI DI CONSUMO NON DUREVOLI -13,4% BENI DI CONSUMO DUREVOLI -25,4% BENI STRUMENTALI 0,2% BENI INTERMEDI -4,9% ENERGIA -30,0% -25,0% -20,0% -15,0% -10,0% -5,0% 0,0% 5,0% Il tasso d utilizzazione degli impianti, sempre con riferimento al 2010, si è portato, conseguentemente, al 68,5%, rispetto al 70,5% del In particolare l indice si è attestato al 70,8% nella categoria dei beni di consumo, al 66,4% in quella dei beni strumentali ed al 66,3% in quella dei beni intermedi. In merito ai principali comparti produttivi, il tasso di utilizzazione degli impianti si è attestato al 72,2% nel settore dei prodotti alimentari, bevande e tabacco, al 70,1% nel chimico, al 68,2% nei minerali non metallici, al 63,9% nella metallurgia di base e al 61,4% nel tessile.

6 L attività di costruzione in Grecia si è ridotta sensibilmente nel 2010: il numero delle licenze rilasciate dagli organi competenti per l esecuzione dei lavori è diminuito dell 11,1% rispetto all anno precedente ( unità), le superfici edificabili del 19,9% ( mq) ed il volume edificabile del 24,1% ( m3). I maggiori ribassi, in termini percentuali e di volumi, si sono registrati nell Attica (-35,5%), nella Grecia Centrale (-32,7%) e nell Epiro (- 30,4%). Le aree nelle quali si è registrato il maggior volume di costruzioni sono risultate nell ordine: l Attica ( m3), la Macedonia Centrale ( m3), Creta ( m3) e il Peloponneso ( m3) ATTIVITA' DI COSTRUZIONE IN GRECIA NEL 2010 (Volume espresso in migliaia di metri cubi) Il tasso d inflazione, inteso come indice dei prezzi al consumo, si è attestato nel 2010 al 4,7%. In linea generale, i prezzi dei beni sono incrementati del 5,62% e quelli dei servizi del 3,6%. In particolare, il rialzo dei prezzi ha interessato i combustibili (+36,2%), l energia (+28,9%), i trasporti (+16,2%), le abitazioni (+6,9%), l elettricità (+4,8%), le comunicazioni (+2,9%), la formazione (+2%), l abbigliamento e le calzature (+1,7%), la sanità (+1,5%), i beni di consumo durevoli (+1,3%), i prodotti alimentari e bevande (+0,1%), ad eccezione della frutta e ortaggi (-4,3%). Il tasso d inflazione, inteso come indice dei prezzi alla produzione, relativamente al mercato domestico, nel 2010 si è attestato al 6,1%. In particolare, il rialzo dei prezzi ha interessato i combustibili (+32,3%), l energia (+15,8%), i beni intermedi (+2,3%), i beni strumentali (+0,9%). In controtendenza i prezzi dei beni di consumo non durevoli che, nel periodo di riferimento, sono diminuiti dello 0,3%. Il tasso di disoccupazione in Grecia si è attestato al 12,5% (valore medio) nel 2010, con una punta massima del 14,8% raggiunta nel mese di dicembre, rispetto al 10,2% del pari mese 2009, quando il numero degli impiegati è ammontato a unità, quello dei disoccupati a e quello della popolazione non attiva a Sempre nel dicembre 2010, il numero degli impiegati è diminuito su base annua di persone (-5%) mentre quello dei disoccupati è incrementato di persone (+45,2%). La disoccupazione ha interessato maggiormente il sesso femminile (18,7% rispetto al 14,8% di dicembre 2009) ed in misura minore quello maschile (11,9% rispetto al 6,9% di dicembre 2010) e la fascia di età compresa tra i 15 e i 24 anni (39%). Nel mese di dicembre 2010, le regioni con maggior numero di persone in cerca di lavoro sono state nell ordine: le Isole dello Ionio (23,1%), la Macedonia Occidentale (17,7%) e la

7 Macedonia Centrale (16,5%); le regioni con meno disoccupati sono risultate: l Egeo settentrionale (10,6%), il Peloponneso (11,5%) e l Attica (14%). TASSO DI DISOCCUPAZIONE IN GRECIA (DICEMBRE ) 15,0% 14,8% 12,0% 9,0% 6,0% 3,0% 9,7% 9,3% 8,9% 8,9% 10,2% 0,0% Per quanto concerne i redditi da lavoro, relativi al 2010, lo stipendio mensile minimo percepito da un impiegato è ammontato a 739,56 euro (+1,7% rispetto all anno precedente); il salario giornaliero minimo è risultato di 33,04 euro (+1,7% rispetto al 2009). Il deficit di bilancio dello Stato nel 2010 e ammontato a -19,454 miliardi di euro, rispetto ai -30,872 miliardi di euro registrati nel corrispondente periodo dell anno precedente, evidenziando una diminuzione del deficit in valore di circa 11,4 miliardi di euro e in percentuale del 37%. La riduzione del deficit è conseguenza del consistente calo delle spese che, nel periodo di riferimento, sono diminuite del 9,1%, ancor più di quanto previsto nel bilancio di previsione (- 7,5%); in particolare, la spesa primaria si è ridotta del 10,9% rispetto alla stima iniziale del - 9% e il pagamento degli interessi ha evidenziato un incremento del 7,3% rispetto all obiettivo annuale del 7,6%.Le entrate nette di bilancio sono aumentate del 5,5% rispetto al 2009, percentuale di poco inferiore al target programmato (6%), soprattutto per effetto dell aumentato gettito dell IVA, verificatosi in particolare negli ultimi cinque mesi dell anno, e alle maggiori entrate derivanti dalla lotta all evasione fiscale. Le entrate per la realizzazione del Programma degli Investimenti Pubblici sono aumentate, nel periodo di riferimento, del 50,6% mentre le uscite sono diminuite dell 11,3%. Il debito pubblico nel 2010 e ammontato a 330,4 miliardi di euro; in particolare, il debito del Governo centrale ha raggiunto quota 357,343 miliardi di euro mentre il debito degli Enti Pubblici si e mantenuto su valori negativi (-26,943 miliardi di euro). Il rapporto debito pubblico/pil, conseguentemente, si è attestato a quota 144%, percentuale superiore a quella registrata l anno precedente (126,8%). Rischio Paese e Rating. L agenzia di rating Standard & Poor's nel corso del 2010 ha tagliato il rating della Grecia a livello ''junk'' (spazzatura), provvedimento che conferma il sentimento di sfiducia dei mercati nei confronti di quello che è visto come uno degli anelli più deboli dell Eurozona. Al momento della stesura del presente studio (aprile 2011), la S. & P. ha ulteriormente declassato il rating a lungo termine della Grecia a BB- da BB+ con outlook negativo. La bilancia dei pagamenti nel 2010 ha registrato un disavanzo delle Partite Correnti di circa 24 miliardi di euro, il 6,9% in meno rispetto all anno precedente. Tale disavanzo è attribuibile principalmente al deficit commerciale, che si e attestato a 28,3 miliardi di euro ed ai redditi da lavoro e da investimenti che sono diminuiti di 9,23 miliardi di euro.

8 Bilancia dei pagamenti (Valori espressi in milioni di euro) GENNAIO - DICEMBRE PARTITE CORRENTI , , ,3 BENI , , ,6 Importazioni , , ,0 Esportazioni , , ,5 SERVIZI , , ,1 Introiti, di cui: , , ,9 Turismo , , ,4 Trasporti , , ,4 Altri 3.242, , ,1 Pagamenti , , ,8 REDDITI (da lavoro e da investimenti) , , ,3 TRASFERIMENTI CORRENTI 2.758, ,6 230,4 MOVIMENTI IN CONTO CAPITALE 4.090, , ,5 CONTO FINANZIARIO , , ,4 Investimenti diretti 1.420,7 274,5 693,5 Investimenti portafoglio , , ,0 Altri investimenti , , ,9 Variazione riserve valuta -29,0-106,0 157,0 SALDO CONTABILE 792,7-594,1-9,6 Fonte: Elaborazione ICE su dati della Banca di Grecia Il surplus dei Servizi, pari a 13,23 miliardi di euro, superiore rispetto a quello registrato nel 2009 (12,64 miliardi di euro) e dei trasferimenti correnti (230,4 milioni di euro) hanno coperto solo parzialmente il deficit delle partite correnti. E opportuno considerare al riguardo, che le entrate nette da trasporti sono aumentate del 13,8% ed hanno totalizzato 15,42 miliardi euro mentre gli introiti netti derivanti dai flussi turistici (9,61 miliardi di euro) si sono ridotti del 7,6%, principalmente a causa dei forti sconti praticati dai titolari delle strutture ricettive e dal ridotto periodo di permanenza dei villeggianti. I Movimenti in Conto Capitale hanno evidenziato un eccedenza di 2,07 miliardi di euro, importo di circa il 2,7% superiore a quello registrato nel 2009 (2,02 miliardi di euro). Il Conto finanziario ha riportato un saldo positivo di quasi 22 miliardi di euro, circa 2,4 miliardi in meno rispetto all anno precedente (-9,9%). Gli investimenti diretti hanno registrato un afflusso netto di 693,5 milioni di euro, oltre il 152% in piu rispetto all anno precedente (274,5 milioni di euro). In particolare, le entrate nette per investimenti effettuati in Grecia da non residenti hanno raggiunto gli 1,65 miliardi di euro (a fronte di un afflusso netto di 1,75 miliardi nel 2009) ed hanno riguardato soprattutto la partecipazione straniera al capitale sociale della Banca Emporiki e della Geniki Bank mentre i deflussi netti per investimenti diretti all estero effettuati da residenti sono ammontati a 958,4 milioni di euro, rispetto agli 1,48 miliardi di euro registrati nel Gli investimenti di portafoglio si sono attestati su valori negativi (-20,86 miliardi di euro) per effetto di una diminuzione degli acquisti, da parte di non residenti, di buoni del tesoro greci (-33 miliardi di euro) e di quote azionarie di aziende elleniche (1,1 miliardi di euro); inoltre, e incrementato il numero di azioni estere detenute da residenti (-1,1 miliardi di euro). Questi esborsi sono stati parzialmente compensati da afflussi di 14,1 miliardi di euro e di 300 milioni di euro derivanti dalle vendite di titoli esteri e di strumenti finanziari derivati da parte di istituti di credito e investitori istituzionali residenti. Gli altri investimenti sono cresciuti notevolmente (quasi 42 miliardi contro i 3,6 miliardi di euro del 2009) soprattutto a causa dei prestiti attribuiti al Governo ellenico (30 miliardi di euro) ed, in misura minore, all aumento dei depositi e dei pronti contro termine detenuti da non residenti

9 (3,9 miliardi di euro). Inoltre, sono diminuiti i depositi e i pronti contro termine detenuti all estero da istituti di credito e investitori istituzionali residenti che hanno generato afflussi per 7,7 miliardi di euro. Nel periodo in esame le riserve valutarie sono aumentate di 157 milioni di euro e si sono attestate a 4,78 miliardi di euro. STRUTTURA ECONOMICA: RIPARTIZIONE SETTORIALE Come risulta dalla composizione del PIL, l economia della Grecia è caratterizzata da una netta prevalenza del terziario (79,1%) rispetto all industria (16,9%) ed all agricoltura (4%). Nel terziario i settori trainanti risultano i trasporti marittimi ed il turismo che, nei primi quattro mesi del 2010, hanno generato entrate rispettivamente di 4,95 miliardi di euro e di 806 milioni di euro. L attività produttiva del Paese è limitata all industria mineraria, energetica, manifatturiera e delle costruzioni. Nell industria manifatturiera, in particolare, i comparti principali risultano l agro-alimentare, i prodotti industriali per materie prime, i prodotti artigianali, i macchinari e sistemi di trasporto. Nel comparto relativo all agricoltura le produzioni più importanti riguardano l olio d oliva, l uva, il vino, i cereali ed il cotone. L AZIONE DEL GOVERNO Il 9 maggio 2010, il Parlamento greco ha approvato il pacchetto di misure per il sostegno dell economia greca da parte degli Stati membri dell eurozona e del Fondo Monetario Internazionale che prevede la concessione di un prestito di 110 miliardi di euro, dilazionato in diverse tranche e da concedere sulla base dell effettiva applicazione di una serie di misure correttive, di natura macroeconomica e strutturale, volte a rilanciare ed ammodernare l intero sistema economico del Paese. Successivamente all approvazione della legge, sono state realizzate alcune riforme strutturali che vengono di seguito sintetizzate. LE RIFORME STRUTTURALI Progetto Kallikratis (L.3852/2010). Mira a riformare in modo unitario e non frammentario l intera struttura dello Stato. Esso prevede che si passi dagli attuali comuni a circa 370. L accorpamento dei comuni punta a renderli più efficienti cercando al contempo di conferirgli maggiori poteri e la gestione di nuovi servizi. Le attuali 54 prefetture verranno accorpate in 13 amministrazioni regionali alla cui guida vi sarà un Prefetto, eletto. Mentre le 19 circoscrizioni regionali diverranno 7 nuove macro regioni che si porranno come il principale strumento di decentralizzazione e a cui verranno demandati importanti poteri tra cui la gestione della sanità e dell istruzione pubblica. A livello di consolidamento del bilancio, la riforma comporterà un risparmio di circa 1,5 miliardi di euro annui.

10 Introduzione di nuove modalità di gestione della finanza pubblica (L.3871/2010). Il progetto di legge prevede nuove regole per la redazione, l esecuzione ed il monitoraggio del bilancio statale che deve essere redatto con proiezione triennale. Istituisce i capitoli di spesa ed i tetti massimi delle stesse, impone l adozione di alcuni standard qualitativi, introduce un sistema di controllo sulle commesse, richiede la pubblicazione di un report mensile dei dati finanziari del Governo. La legge di bilancio 2011, approvata nel mese di dicembre 2010, è stata redatta secondo i nuovi principi. Istituzione dell Autorità per il pagamento degli stipendi pubblici. Prevede che tutti i pagamenti degli stipendi degli impiegati pubblici, a partire dal mese di febbraio 2011, dovranno essere erogati dalla nuova Autorità centrale, appositamente costituita. Riforma pensionistica (L.3863/2010). Contiene delle disposizioni innovative che puntano principalmente a semplificare e migliorare il sistema pensionistico, accrescendo la partecipazione della forza lavoro nazionale. Secondo le stime fatte dalla Commissione europea detta riforma permetterà una considerevole contrazione delle spese per le pensioni, che nel lungo termine (entro il 2060) scenderanno dal 12,5% del PIL al 2,5%. La modernizzazione del sistema pensionistico verrà attuata attraverso una serrata lotta agli sprechi e alle inefficienze, ispirandosi alla razionalizzazione e alla semplificazione dell enorme apparato pubblico. L innalzamento dell età pensionabile a 65 anni, l adeguamento del trattamento pensionistico tra uomini e donne e la fusione dei numerosi Fondi pensione in 3 grandi Fondi segneranno indubbiamente dei cambiamenti radicali all interno di un sistema che si era finora fatto carico di un onere assai superiore a quello sostenuto dai principali Paesi europei. Riforma del mercato del lavoro (L.3846/2010). Il Governo ha adottato una serie di misure per migliorare la competitività e garantire maggiore flessibilità del lavoro, mediante: a) la riduzione del livello generale delle indennità di licenziamento; b) l estensione ad 1 anno del periodo di prova per i nuovi assunti; c) introduzione di un sub-minimo ai livelli di minimi stipendiali per gruppi considerati a rischio, quali i giovani e i disoccupati a lungo termine; d) l accordo con le parti sociali per cui nel periodo gli incrementi stipendiali devono mantenersi sotto l 1%. Fondo di stabilità finanziaria (L.3864/2010). L'obiettivo del Fondo, la cui dotazione è pari a 10 miliardi di euro, è quello di salvaguardare la stabilità del sistema bancario greco in caso di restrizioni di capitali. Esso fornirà credito agli istituti di credito con l'acquisizione di azioni privilegiate e, a determinate condizioni, di azioni ordinarie delle rispettive banche. In caso di azioni privilegiate, lo schema richiede una remunerazione del 10% delle azioni e impone diverse restrizioni comportamentali come un dividendo e un divieto di cedola. Inoltre, in linea di massima, tutte le banche che beneficeranno del Fondo dovranno presentare un piano di ristrutturazione alla Commissione europea. Liberalizzazione dei servizi. E disciplinata dalla Legge 3844/2010 che ha recepito la Direttiva comunitaria 2006/123/EK che contiene direttive di carattere generale in merito alla libera prestazione dei servizi ed alla libera scelta del luogo di prestazione degli stessi. La norma prevede la semplificazione dell iter amministrativo-burocratico per il rilascio delle licenze. Tutela delle famiglie molto indebitate. La legge 3869/2010 tutela le persone fisiche che si trovano nell impossibilità di pagare i propri debiti. Viene data facoltà al debitore di presentare al Tribunale competente apposita domanda per l ottenimento di eventuali benefici; quest ultimo farà le sue valutazioni, basandosi anche sulla consistenza patrimoniale familiare del debitore e sui tentativi effettuati dallo stesso per onorare il debito durante i sei mesi precedenti, e deciderà se concedere o meno un esenzione parziale o totale del pagamento dovuto. Snellimento dell iter burocratico per la costituzione di imprese. Disciplinato dalla Legge 3853/2010 ha lo scopo di semplificare il procedimento per la costituzione di società commerciali, siano esse personali o di capitali, riducendone i tempi ed i costi. Per perseguire

11 l obiettivo è stato costituito il Registro Commerciale Generale che si occuperà dell espletamento dell iter burocratico; i molteplici costi e contributi sono stati ridotti ad un unica spesa. La legge prevede, inoltre, delle agevolazioni per le società che prendono in affitto dei beni immobili per esercitare la propria attività professionale, quale ad esempio la riduzione del costo di affitto Liberalizzazione del settore dei trasporti su strada (L.3887/2010). Prevede la liberalizzazione dell accesso alla professione, creando un sistema nuovo e moderno per l'approvazione delle licenze, l'introduzione d imprese di trasporto su strada, offrendo incentivi per nuovi investimenti e la creazione di un fondo a sostegno della sicurezza stradale e della tutela ambientale. La deregolamentazione del mercato avverrà in maniera graduale nel corso di tre anni, fino al 1 gennaio Fast track (L.3894/2010). La legge prevede che gli investimenti definiti strategici per l economia del Paese potranno usufruire di un percorso più veloce (fast track), rispetto all attuale.tali investimenti riguardano la costruzione, la ristrutturazione, l ampliamento o l ammodernamento nei settori delle infrastrutture e reti, industria, energia, turismo, assistenza medica, gestione rifiuti, opere di alta tecnologia e innovazione. Per usufruire della fast track gli investimenti devono rientrare in una delle seguenti casistiche: il costo globale deve essere superiore ai 200 milioni di euro; il costo globale deve essere superiore ai 75 milioni di euro e creare 200 nuovi posti lavoro; si prescinde dall importo se nell ambito dell investimento vengono dedicate risorse per almeno 3 milioni di euro per triennio in opere di alta tecnologia e innovazione; si prescinde dall importo se dall investimento scaturiscono 250 nuovi e duraturi posti di lavoro, oppure si favorisce la protezione ambientale della Grecia o si creano plusvalore nell ambito dell istruzione, della ricerca e della tecnologia. Per quanto riguarda la valutazione della strategicità degli investimenti, questa verrà stabilita dall agenzia governativa Invest in Greece S.A., che fa capo sia al Ministero dello Sviluppo Regionale e della Competitività che al Ministro di Stato Pamboukis, alla quale viene accordata anche la possibilità di controllo della realizzazione dei progetti, in raccordo con la Commissione Interministeriale per gli Investimenti Strategici (DESE), costituita dai principali Dicasteri del Governo. Gli investimenti possono essere realizzati da soggetti pubblici, privati, o in partnership pubblico/privato (legge 3389/2005). Riforma delle professioni chiuse. Tale riforma, approvata dal Parlamento ellenico il 16 febbraio 2011, prevede la piena apertura di circa 160 professioni chiuse, ma anche clausole speciali per le categorie principali degli avvocati, farmacisti, notai, architetti, ingegneri ed i ragionieri giurati. Esso prevede che entro 4 mesi dall approvazione della legge vengano abolite tutte le limitazioni all accesso attualmente previste per le professioni chiuse, ed in particolare il rilascio di una licenza amministrativa, le limitazioni numeriche, geografiche, di esclusività e di determinazione dei prezzi. I vari ministeri competenti sono chiamati ad individuare le professioni attualmente soggette a limitazioni, nel rispetto dello spirito e delle indicazioni della direttiva Bolkenstein del Parlamento europeo e del Consiglio dell'unione Europea relativa ai servizi nel mercato interno. LE PRIVATIZZAZIONI Programma generale (di durata triennale). Il Governo greco ha annunciato agli inizi del mese di giugno 2010 un ampio programma di privatizzazioni che genererà entrate dai 3 ai 7 miliardi di euro nel prossimo triennio. L obiettivo è di far leva sugli investimenti privati per contribuire alla ristrutturazione dell economia greca,

12 a salvaguardare il pubblico interesse e a contribuire allo sforzo di consolidamento fiscale in corso. Le misure includono vendite integrali agli investitori strategici, offerte pubbliche, nuove e piu ampie partnerships pubblico/private e la creazione di holding finanziarie private, destinate ad essere inserite eventualmente nel listino della Borsa Valori di Atene. Gli sforzi della privatizzazione lasceranno al Governo un azionariato che va da posizioni di minoranza di meno del 34% a posizioni di controllo del 51% o piu ; in qualche caso il Governo si priverà del tutto del suo pacchetto azionario. Di seguito, viene sintetizzato il programma delle privatizzazioni, diviso per settori: Trasporti (ferrovie, porti, aeroporti) Vendita del 49% della TRAINOSE, filiale dell OSE (rete ferroviaria statale). Stipula di contratti di concessione dei centri di logistica situati a Salonicco e a Thriaso, di proprietà dell OSE. Stipula di contratti di concessione di stazioni ferroviarie e immobili commerciali di proprietà dell OSE. Sviluppo dei servizi portuali ed investimenti in partnership con investitori strategici. Prolungamento del contratto di concessione all Athens International Airport (AIA) di cui lo Stato possiede il 55% delle azioni. Stipula di contratti di concessione degli aeroporti regionali a favore di investitori strategici. Stipula di contratti di concessione di 850 porti regionali a favore di investitori strategici. Municipalizzate Vendita del 10% dell azienda di servizio pubblico acque e acque di scarico di Atene (EYDAP), di cui lo Stato possiede il 61% della proprietà. Vendita del 23% dell azienda di servizio pubblico dell acqua di Salonicco (EYATH), di cui lo Stato possiede il 74% della proprietà. Energia e materie prime Separazione della DEPA dalla società di gestione reti e infrastrutture DESFA, la quale sarà detenuta dallo Stato per almeno il 51%. La Public Power Corporation (PPC) potrebbe esercitare l opzione per l acquisto del 30% del capitale della DEPA. Lo Stato manterrà il proprio capitale di maggioranza (51%) nella PPC. L Hellenic Petroleum (ELPE) manterrà l attuale assetto. Vendita di una percentuale, da definire, della LARCO, società attiva nel campo dell estrazione del nichel. Telecomunicazioni Vendita del 39% delle Poste Elleniche che permetterà allo Stato di mantenere una posizione di controllo (51%), possedendo attualmente il 90% delle quote societarie. L OTE manterrà l attuale assetto. Il Governo valuterà la possibilità di dare in concessione i diritti di utilizzo delle frequenze digitali. Lotterie e giochi Vendita totale dei casinò. Sviluppo e regolamentazione dell industria del gioco e delle scommesse via internet, rilascio di nuove licenze, estensione del monopolio alla società OPAP, di cui lo Stato possiede una quota di minoranza del 34%.

13 Utilizzo della liquidità generata da OPAP per espandere l attività di business verso nuovi prodotti. Gestione del patrimonio pubblico tramite holding company Lo Stato ha la facoltà di assoggettare alcune imprese pubbliche al controllo di una o piu holding con l obiettivo di avere un controllo diretto sulle aziende di interesse strategico, sulle entrate e sulla gestione delle stesse. Patrimonio immobiliare dello Stato Fusione di KED, ETA e OLYMPIC REAL ESTATE in un unica entità e successiva stipula di contratti di concessione. Vendita parziale o stipula di contratti di concessione per singoli o gruppi di alberghi della catena XENIA. Stipula di contratti di concessione ad aziende private del Tourism Real Estate. Contratti di concessione Creazione di un meccanismo per monitorare gli esistenti contratti di concessione, quali quelli stipulati con l autostrada Attiki Odos, l aeroporto internazionale di Atene, il ponte Rio- Andirio. Stipula di nuovi contratti di concessione che riguardano: a) l autostrada Egnatia-Odos; b) nuove autostrade dell Attica; c) asse stradale dell isola di Creta; d) centri logistici di proprietà dell OSE (Salonicco e Thriaso). Programma delle privatizzazioni nel 2011 Nel corso del 2011 il Governo intende adottare le seguenti iniziative che genereranno entrate per 1 miliardo di euro: Vendita di 4 aerei di tipo AIRBUS (1 trimestre). Vendita del 49% del "CASINO DI PARNITHA (2 trimestre). Vendita di quote, ancora non definite, della SISTEMI ELLENICI DI DIFESA (3 trimestre). Vendita di quote, ancora non definite, della DEPA alla PPC (3 trimestre). Vendita della società LARKO ad un investitore strategico (4 trimestre). Vendita di quote, ancora non definite, della TRANOISE (4 trimestre). Prolungamento del contratto di concessione dell AEROPORTO INTERNAZIONALE DI ATENE (2 trimestre). Stipula del contratto di concessione dell autostrada EGNATIA-ODOS (4 trimestre). Stipula del contratto di concessione della DIGITAL SIGNAL FREQUENCY (3 trimestre). ALTRI PROVVEDIMENTI A SOSTEGNO DELL ECONOMIA Piano di 24 miliardi a sostegno delle banche greche. Il Governo greco ha di recente predisposto un fondo di 24 miliardi di euro per garantire la stabilità del sistema finanziario e per incrementare la liquidità a disposizione delle banche. Tale fondo, che fa capo al Ministero delle Finanze, verrà ridistribuito dalla Banca Centrale alle banche locali sulla base delle rispettive quote di mercato e dei portafogli prestiti. Si stima che le banche più grandi del Paese, (NBG -National Bank of Greece, Alpha Bank, Piraeus Bank, Hellenik Bank) riceveranno circa 3-4 miliardi di euro ciascuna. Si ritiene che questi fondi permetteranno una maggiore flessibilità d azione. Ciononostante gli esponenti del mondo finanziario restano scettici sull efficacia di tale misura, ritenendo che il

14 Fondo possa attenuare il problema della liquidità solo nel breve termine. Infatti, spostando la prospettiva al medio e lungo termine le banche greche puntano a sganciarsi dal finanziamento agevolato operato in questi mesi dalla BCE e a ritornare presto a finanziarsi sul mercato secondario. D altronde, finora le banche greche sono state particolarmente esposte all andamento oscillante di questa economia, anche per il fatto che detengono circa miliardi di euro in titoli pubblici greci tra i propri assets. Alla luce di ciò e tenuto conto che secondo le stime ufficiali appare improbabile una ripresa prima del 2012, non manca chi, tra gli addetti ai lavori, stia esaminando possibili opzioni alternative per garantire la tenuta del sistema bancario. Una di queste potrebbe essere la vendita, totale o parziale, dei titoli di stato greci, che al momento non sono affatto remunerativi ma al contrario costituiscono un onere gravoso per le banche stesse. Tale ipotesi d emergenza potrebbe essere giustificata dalla situazione eccezionale e avrebbe il chiaro intento di ristabilire la fiducia degli investitori, che in fin dei conti resta il fattore decisivo per la ripresa. Linea strategica per le esportazioni. Nell intento di dare nuovo impulso all economia del Paese, sono state annunciate le linee strategiche del piano nazionale per il sostegno alle esportazioni greche, in grado di valorizzare le potenzialità del Paese e di sviluppare un attività economica che renderebbe la Grecia più attiva nei mercati internazionali e meno dipendente dall estero. La strategia nazionale per le esportazioni (denominata Go to Market, G2M) prevede la creazione di un fondo nazionale per lo sviluppo e la competitività (ETEAN), disponibile a partire dai primi mesi del 2011, pari a 70 milioni di euro, in grado di supportare il piano ed aumentare l attività imprenditoriale in questo settore. Altro strumento per il finanziamento delle attività di export sarà il programma di estroversione e competitività delle aziende, che prevede 30 milioni di euro, emesso tramite l ESPA (NSRF - National Strategic Reference Framework) senza intermediari; il programma punta a rinforzare le piccole e medie imprese per le attività che si collegano direttamente alle esportazioni. Si intende inoltre creare un sistema unificato per la gestione e il controllo della qualità delle esportazioni, attraverso un riassetto degli organismi pubblici che operano in questo settore, coordinando le azioni dell Organizzazione Nazionale Ellenica per il Turismo (EOT), l Organizzazione Ellenica per il Commercio Estero (OPE) e la compagnia Invest in Greece. Si sta inoltre lavorando per l adozione di un marchio comune da utilizzare per incentivare l immagine della Grecia nel mondo. Di grande importanza è la decisione di creare un organismo assicurativo del credito per l export (OAEP) e la formazione di un Consiglio Nazionale per lo Sviluppo e la Competitività, in grado tra l altro di coordinare le istituzioni periferiche, le imprese, gli istituti finanziari e le rappresentanze diplomatiche. Inoltre, verrà applicato un meccanismo di rapido rimborso dell IVA sulle esportazioni. È stata, infine, enunciata l intenzione di favorire la formazione di clusters sul territorio nazionale rivolti all export, vale a dire dei centri specializzati di gestione strategica e promozione rivolti a portare la Grecia a svolgere un ruolo attivo nei mercati internazionali. Riorganizzazione del sistema dei trasporti urbani. Il Ministro delle Infrastrutture, Trasporti e Comunicazioni, Dimitris Reppas, lo scorso 31 dicembre, ha annunciato in grandi linee il progetto del Governo per la riorganizzazione del sistema dei trasporti urbani. Il progetto prevede, tra l altro, la creazione di una Autorità Metropolitana di Trasporti Urbani (Metropolitan Urban Transport Authority) che sostituirà l attuale OASA (Athens Urban Transport Organization) e la fusione delle compagnie di trasporto pubblico attualmente in funzione da cinque a due: una per i mezzi di trasporto su strada ed un altra per il trasporto su rotaie. L obiettivo, ha sottolineato Reppas, è quello di migliorare la qualità e l efficienza del servizio, riducendo i costi operativi, migliorando la coordinazione dei trasporti e dei servizi e aumentando il numero dei passeggeri. Il Ministro ha assicurato che il carattere pubblico dei trasporti verrà mantenuto e che il diritto al lavoro degli impiegati verrà garantito, sottolineando però che è necessario assicurare l autosufficienza delle compagnie di trasporto. Programma degli investimenti pubblici. Prevede, nel 2011, interventi per 8,5 miliardi di euro (6,4 miliardi già strutturati e 2,1 miliardi da ristrutturare).

15 Programma degli appalti pubblici in Grecia per settori nel 2011 SETTORE IMPORTI QUOTA OPERE INFRASTRUTTURALI ,00 26,1% OPERE BANDITE DA PERIFERIE ,00 13,4% PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ,00 8,4% PREVIDENZA SOCIALE E LAVORO ,00 7,1% ISTRUZIONE/FORMAZIONE ,00 6,8% AMBIENTE/ ENERGIA ,00 4,9% AGRICOLTURA ,00 4,7% CULTURA E TURISMO ,00 1,4% PESCA ,00 1,1% SANITÀ ,00 0,9% ALTRI (da ristrutturare) ,00 25,2% TOTALE ,00 100,0% Fonte: Ministero ellenico dell economia Come si evince dalla tabella, oltre il 26% degli investimenti, pari a 2,2 miliardi di euro, riguardano la realizzazione di opere infrastrutturali, quali: la costruzione di grandi assi stradali; l ampliamento della metropolitana di Atene; l ammodernamento dell Ente delle Ferrovie Elleniche; la costruzione della Metropolitana di Salonicco; l ampliamento della ferrovia leggera (tram) di Atene, le opere portuali, aeroportuali e opere di viabilità in tutta la periferie del paese, opere di miglioramento delle reti fognarie e potabilizzazione. Circa il 13,4 dei fondi (1,14 miliardi di euro) sono destinati a finanziarie opere di ristrutturazione, riqualificazione ambientale ed altre presso le aree periferiche del Paese. La Pubblica Amministrazione, la previdenza Sociale e l Informazione sono destinatarie rispettivamente di 710 (8,4%), 605 (7,1%) e 580 milioni di euro (6,8%). Circa 420 milioni di euro (4,9%) prevedono interventi per la protezione e la tutela dell ambiente, lo sviluppo urbano, la tutela delle foreste e lo sviluppo delle energie alternative. Altri 400 milioni di euro (4,7%) serviranno a sostenere la realizzazione di programmi agricoli, a realizzare opere di bonifica a dotare le aree di confine di laboratori veterinari. Circa 122 milioni di euro, pari all 1,4% dell importo totale, viene destinato alla promozione turistica e culturale. Sono previsti, inoltre, 90 milioni di euro (1,1%) per sostenere il settore della pesca e 75 milioni di euro (0,9%) per la sanità. Circa 2,14 miliardi di euro (25,2%) devono ancora essere strutturati. LA LEGGE DI BILANCIO 2011 Il Parlamento greco lo scorso 22 dicembre ha approvato la legge di bilancio finalizzata a ridurre il deficit fiscale di 2 punti percentuali del PIL, passando dal 9,4% nel 2010 al 7,4% nel 2011, ovvero, in altri termini, a ridurre il deficit di circa 5 miliardi di euro (dagli attuali 22 miliardi di euro ai 17 miliardi a fine 2011).

16 La dimensione della manovra finanziaria richiesta è maggiore di quella inizialmente prevista nel programma di politica economica del Governo che, per perseguirla, dovrà adottare nuove e più stringenti misure fiscali rispetto a quelle attuate nel mese di maggio Tali misure prevedono interventi sulle imprese pubbliche, il controllo della spesa sanitaria, la riduzione delle spese militari, la lotta all evasione fiscale e la gestione attiva del patrimonio statale. Il Parlamento greco, al fine di sostenere la concreta realizzazione del bilancio e del programma di politica economica, ha recentemente adottato una serie di misure ed altre ne adotterà a breve, tra le quali menzioniamo: il consolidamento delle imprese di proprietà dello Stato per migliorare le loro performance finanziarie; le misure fiscali; ulteriori interventi sul mercato del lavoro; il controllo del volume e della dinamica dell'occupazione nella pubblica amministrazione; il consolidamento della banca ATE; le modifiche del sistema di tassazione; l accelerazione dell attuazione del programma delle privatizzazioni e delle sue proprietà immobiliari. Di seguito, si analizzano le singole misure. Imprese di proprietà dello Stato. Il Governo, con l obiettivo di migliorare la performance finanziaria delle imprese statali, ha messo in atto alcune misure, di seguito elencate, per assicurare la trasparenza e la responsabilità nella gestione finanziaria e per limitare la spesa salariale: la centralizzazione presso il Ministero delle Finanze della vigilanza finanziaria delle aziende di Stato; l obbligo di presentazione dei bilanci al Ministero delle Finanze con cadenza trimestrale, previo controllo dei revisori dei conti; il taglio orizzontale dei salari nella misura del 10%; la determinazione di un tetto massimo per i salari; la previsione di un massimale per i pagamenti extra (10% delle spese per le retribuzioni a livello aziendale). Misure fiscali. Sono stati adottati i seguenti provvedimenti: aumento del tasso dell IVA ridotta (dal 11% al 13%) e del tasso dell IVA ultra-ridotta (dal 5,5% al 6,5%); riduzione dell IVA sugli alberghi e sulle altre strutture ricettive per rafforzare la competitività del settore turistico; riduzione dell IVA sui prodotti farmaceutici; variazione delle accise sui tabacchi. Ulteriori interventi sul mercato del lavoro. Il Parlamento greco ha adottato una legislazione finalizzata a garantire una maggiore flessibilità del mercato del lavoro, mediante: l estensione ad un anno del periodo di prova per i nuovi posti di lavoro; la revisione del sistema di mediazione ed arbitrato per garantire il medesimo accesso a tutte le parti; la riduzione degli straordinari per i lavori part-time; l aumento dei limiti temporali per l'utilizzo temporaneo delle agenzie di lavoro.

17 Le risorse umane nelle amministrazioni pubbliche. Il governo controlla il volume e la dinamica dell'occupazione nelle amministrazioni pubbliche, mediante: l adozione della norma secondo la quale nel settore pubblico non si può assumere più di una persona ogni cinque che vanno in pensione; la regola 1 assunto ogni 5 in pensione si applica ai distacchi dalle amministrazioni pubbliche al governo centrale. la riduzione del 15% nel 2011, rispetto al 2010, dei contratti a tempo determinato. ATE Bank. Con l'obiettivo di salvaguardare la sostenibilità della banca, il Governo, in qualità di principale azionista della stessa, ha adottato alcune misure di risanamento, quali: il taglio orizzontale dei salari nella misura del 10% e la soppressione di alcune indennità; la cancellazione delle assunzioni programmate. Programma relativo al patrimonio immobiliare pubblico e privatizzazioni. Il Comitato interministeriale per la ristrutturazione del Patrimonio e delle Privatizzazioni (ICARP) in una riunione tenutasi lo scorso 15 dicembre 2010 ha deliberato: di nominare alcuni consulenti esperti che provvedano, entro il mese di giugno 2011, ad inventariare e stimare il valore di tutti gli immobili commerciali di proprietà dello Stato. di istituire la società Ellinikon SA con l obiettivo di amministrare i beni immobili e finanziari dell ex aeroporto di Atene "Elliniko" e favorirne lo sviluppo dell area; di selezionare e promuovere la privatizzazione dei più importanti asset immobiliari con il supporto di un team di esperti in grado di rimuovere gli ostacoli di natura amministrativa che ne impediscono la realizzazione; di istituire un Segretariato per la gestione pubblica degli immobili presso il Ministero delle Finanze e la creazione, in futuro, di una società che si occupi della cartolarizzazione del patrimonio immobiliare pubblico; in una seconda fase tale società verrà quotata nella borsa di Atene. Del programma relativo alle privatizzazioni si è gia ampiamente discusso in precedenza. CONCLUSIONI Nonostante l approvazione di numerose ed importanti riforme anche di carattere strutturale, l economia ellenica nel 2010 ha visto il perdurare di una congiuntura negativa che ha eroso sensibilmente i livelli di crescita degli scorsi anni e gli standard elevati raggiunti nel decennio precedente. Dopo l approvazione del pacchetto di aiuti internazionali da parte dell UE e del FMI si attendono i risultati dei provvedimenti intrapresi dal Governo di Atene, pur nella consapevolezza che il processo di risanamento economico richiederà ancora del tempo e ulteriori interventi e sacrifici. Nell insieme, il clima e sfavorevole, con la disoccupazione in aumento e sempre piu attività che chiudono. Se da una parte, infatti, le riforme strutturali in progetto potrebbero effettivamente avere un esito positivo sulla crescita del Paese a lungo termine, dall altra non si esclude che i tentativi di intervenire sul sistema di previdenza sociale e sulla flessibilità del mercato del lavoro portano con se costi economici e sociali sul breve termine. Si aggiunge a cio la preoccupazione per un possibile aumento della criminalità, delle rivolte sociali e della continua cessazione di imprese, che potrebbero spianare la strada ad ulteriori cambiamenti sul piano politico. Gli analisti sostengono che molto dipenderà dall accettazione della politica di lacrime e sangue da parte della società e dall abilità del settore privato di resistere alla recessione in atto. I piu ottimisti sostengono che la Grecia riuscirà a mantenersi nel corso, attenendosi al programma sancito con EU e FMI. Dall altro lato c e chi sostiene invece che malcontento e agitazioni popolari, assieme a sviluppi politici conseguenti, potrebbero contrastare i piani del

18 Governo. Per il momento, pero, il Governo di Atene sembra non avere altra scelta che proseguire con il programma concordato con la trojka, al fine di ricevere le prossime tranches del prestito di 110 miliardi di euro. RELAZIONI INTERNAZIONALI E RUOLO STRATEGICO DELLA GRECIA NEI BALCANI La Grecia è paese membro dell Unione Europea dal 1981 ed ha aderito al Mercato Comune del Mar Nero (BSEC) con Turchia, Albania, Bulgaria, Russia, Moldova, Azerbajan, Armenia, Georgia ed Ucraina nonché ad altre iniziative finalizzate a conferire stabilità all area (SECI, Royaumont, Patto di Stabilità, iniziativa Adriatico-Ionica). Il mutamento del quadro politico/economico nei Balcani negli ultimi anni ha indubbiamente accresciuto il ruolo della Grecia in tale regione e di conseguenza l attenzione ad essa riservata, sia dal governo di Atene, sia dalle stesse aziende greche. In base ai dati attualmente disponibili, sono stati finora effettuati investimenti greci in vari Paesi Balcanici per un totale di 7,2 miliardi di dollari nell ultimo decennio, importo che rappresenta il 36% sul totale degli investimenti in tali Paesi. Viene quindi confermato il ruolo strategico della Grecia nella Regione Balcanica, che dal punto di vista delle aziende estere ed italiane in particolare puo essere sfruttato per la realizzazione di iniziative triangolari (joint venture, collaborazione industriale e commerciale, ecc.) con la partecipazione di partner ellenici e locali dei Paesi coinvolti.

19 COMMERCIO ESTERO Il grado d apertura della Grecia al commercio internazionale è piuttosto significativo, rappresentando circa un terzo del PIL. Nel 2010 l interscambio della Grecia con il resto del mondo si è attestato a quasi 64 miliardi di euro rispetto ai 64,5 miliardi registrati nel 2009 (- 0,8%). Interscambio della Grecia con il resto del mondo (milioni di euro) FLUSSI Var. % '09/' Var. % '10/'09 INTERSCAMBIO ,4% ,8% IMPORTAZIONI ,9% ,2% ESPORTAZIONI ,3% ,7% SALDO ,0% ,4% Fonte: elaborazioni ICE Atene su dati EL.STAT. In particolare, le importazioni, pari a 47,7 miliardi di euro, sono diminuite del 4,2% mentre le esportazioni (circa 16,25 miliardi di euro) sono aumentate del 10,7%; il saldo della bilancia commerciale, cronicamente negativo, si e ridotto di 10,4 punti percentuali ed è ammontato a 31,5 miliardi di euro (-35,1 miliardi di euro nel 2009). INTERSCAMBIO DELLA GRECIA CON IL RESTO DEL MONDO (Valori espressi in milioni di euro) INTERSCAMBIO IMPORTAZIONI ESPORTAZIONI SALDO Fonte: elaborazione ICE Atene su dati dell'ente Statistico Ellenico I Paesi dell Unione Europea sono stati nel periodo in esame i più importanti partners commerciali della Grecia, precedendo i Paesi dell Europa Centro Orientale, dell Asia e del Nord America. Sul versante delle importazioni, la Germania si e confermata il principale interlocutore della Grecia avendo esportato prodotti per un valore di 5,02 miliardi di euro, circa il 15,7% in meno rispetto al 2009; segue l Italia con 4,71 miliardi di euro, rispetto ai 5,57 miliardi di euro dell anno precedente (-15,4%).

20 Nel periodo gennaio-dicembre 2010, i due Paesi hanno ridotto le proprie quote di mercato rispettivamente dell 1,5% (dal 12% al 10,5%) e dell 1,3% (dall 11,2% al 9,9%). Al terzo posto si posiziona la Russia che, nel periodo di riferimento, ha visto crescere le proprie esportazioni del 57,7%, portandosi a 4,67 miliardi di euro, grazie al forte incremento delle vendite di petrolio, gas e derivati. Importazioni della Grecia dai principali partners commerciali (milioni di euro) PAESE DI ORIGINE Valore Quota Valore Quota Valore Quota Var. (%) '10/'09 TOTALE % % % -4,2% di cui: GERMANIA ,9% ,0% ,5% -15,7% ITALIA ,4% ,2% ,9% -15,4% RUSSIA ,3% ,9% ,8% 57,7% CINA ,5% ,1% ,0% -5,4% PAESI BASSI ,6% ,3% ,3% -4,0% FRANCIA ,1% ,3% ,9% -12,1% COREA DEL SUD ,4% ,0% ,8% -26,7% BELGIO ,5% ,8% ,4% -15,0% SPAGNA ,5% ,5% ,0% -18,3% REGNO UNITO ,2% ,3% ,0% -13,7% Fonte: elaborazioni ICE Atene su dati EL.STAT. Seguono nella graduatoria dei principali fornitori ellenici la Cina (2,88 miliardi di euro), i Paesi Bassi (2,52 miliardi di euro), la Francia (2,34 miliardi di euro), la Corea del Sud (1,83 miliardi di euro), il Belgio (1,63 miliardi di euro), la Spagna (1,44 miliardi di euro) ed il Regno Unito (1,43 miliardi di euro). PRINCIPALI FORNITORI GRECI (Periodo Gennaio-Ottobre 2010) SPAGNA 3,8% REGNO UNITO 3,7% STATI UNITI 3,2% BELGIO 4,3% RESTO DEL MONDO 34,4% COREA DEL SUD 5,0% Fonte: ICE Atene FRANCIA 6,1% PAESI BASSI 6,5% CINA 7,7% ITALIA 12,3% GERMANIA 13,1% La composizione merceologica delle importazioni greche dal mondo evidenzia la posizione prioritaria del comparto delle Macchine e attrezzature industriali, mezzi di trasporto

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli